Sei sulla pagina 1di 112

1

I Facolt di Ingegneria
Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Civile
Anno accademico 2011 / 2012

Corso di
Teoria e Progetto delle Costruzioni in Calcestruzzo Armato
e Calcestruzzo Armato Precompresso

ESERCITAZIONE

Docente: prof. Bosco Crescentino

Allievi:
Aina Stefano
Antoniotti Matteo
Ceria Federico
Gavio Luca
Imela Giorgio

2

Indice
1. Introduzione e documentazione .............................................................................................................. 5
2. Dati di progetto ........................................................................................................................................ 5
3. Scelta dei materiali ................................................................................................................................... 6
3.1. Calcestruzzo ...................................................................................................................................... 6
3.2. Acciaio .............................................................................................................................................. 9
3.3. Copriferri ........................................................................................................................................ 10
3.4 Lunghezze di ancoraggio ...................................................................................................................... 12
3.4.1 NTC 2008 ....................................................................................................................................... 12
3.4.2 EC2 ................................................................................................................................................. 12
3.4.3 Confronto e scelta finale................................................................................................................ 15
3.4.4 Piego .............................................................................................................................................. 16
4. Resistenze............................................................................................................................................... 17
4.1. Calcestruzzo .................................................................................................................................... 17
4.1.1 Resistenza caratteristica a compressione, provini cubici ............................................................... 17
4.1.2 Resistenza caratteristica a compressione, provini cilindrici ........................................................... 17
4.1.3 Resistenza media a compressione ................................................................................................. 17
4.1.4 Resistenza di calcolo a compressione ............................................................................................ 17
4.1.5 Resistenza caratteristica a trazione ............................................................................................... 17
4.1.6 Resistenza di calcolo a trazione ..................................................................................................... 18
4.2. Acciaio ............................................................................................................................................ 18
4.2.1 Resistenza di calcolo ...................................................................................................................... 18
4.3. Tensione di aderenza acciaio-calcestruzzo ..................................................................................... 18
4.4. Legami costitutivi ............................................................................................................................ 19
4.5 Riepilogo delle resistenze ..................................................................................................................... 21
5. Azioni sulla costruzione .......................................................................................................................... 22
5.1 Azione della neve ................................................................................................................................. 22
5.1.1 Valore caratteristico del carico neve al suolo q
s
............................................................................ 23
5.1.2 Coefficiente di esposizione C
E
........................................................................................................ 23
5.1.3 Coefficiente termico Ct .................................................................................................................. 23
5.1.4 Coefficiente di forma per le coperture
i
...................................................................................... 24
5.1.5 Valore finale del carico neve.......................................................................................................... 24
5.2 Azione del vento ................................................................................................................................... 25
5.2.1 Velocit di riferimento v
b
............................................................................................................... 25
3

5.2.2 Pressione cinetica di riferimento q
b
............................................................................................... 26
5.2.3 Coefficiente dinamico Cd ............................................................................................................... 27
5.2.4 Coefficiente di topografia Ct .......................................................................................................... 27
5.2.5 Coefficiente di esposizione ............................................................................................................ 27
5.2.6 Coefficiente di forma Cp ................................................................................................................ 30
5.2.7 Valori effettivi della pressione del vento p .................................................................................... 33
5.3 Azione dei carichi permanenti .............................................................................................................. 35
5.3.1 Peso proprio solaio ........................................................................................................................ 35
5.3.2 Peso proprio tramezzature ........................................................................................................... 37
5.3.3 Peso proprio muri perimetrali ....................................................................................................... 38
5.3.4 Peso proprio copertura .................................................................................................................. 40
5.3.5 Riepilogo carichi permanenti ......................................................................................................... 42
5.4 Azioni accidentali .................................................................................................................................. 43
5.5 Azioni sismiche ..................................................................................................................................... 44
5.6 Azioni derivanti da imperfezioni geometriche ...................................................................................... 47
5.7 Azioni della temperatura ...................................................................................................................... 50
6 Schema di risoluzione delle travi continue .................................................................................................. 50
6.1 Caso generale - trave continua a pi appoggi ....................................................................................... 50
6.2 Caso particolare presenza di sbalzi .................................................................................................... 53
6.3 Caso particolare incastri alle estremit.............................................................................................. 54
7 Principi generali della progettazione ........................................................................................................... 55
8 Predimensionamento solai .......................................................................................................................... 57
8.1 Analisi dei carichi .................................................................................................................................. 57
8.2 Schema dei solai ................................................................................................................................... 58
8.3 Verifica delle inflessioni ........................................................................................................................ 58
8.4 Determinazione della sezione reagente effettiva ................................................................................. 60
8.5 Combinazioni di carico.......................................................................................................................... 63
8.6 Armatura minima ................................................................................................................................. 66
8.7 Calcolo dellarmatura ........................................................................................................................... 66
8.7.1 Premesse e relazioni adimensionali ............................................................................................... 67
8.7.2 Scelta di ...................................................................................................................................... 68
8.7.3 Progetto ......................................................................................................................................... 69
9 Predimensionamento travi .......................................................................................................................... 76
9.1 Analisi dei carichi .................................................................................................................................. 76
9.1.1 Dimensioni sezione e peso proprio travi ....................................................................................... 76
4

9.1.2 Peso dellintonaco ......................................................................................................................... 77
9.1.3 Peso muri perimetrali .................................................................................................................... 77
9.1.4 Carichi totali e combinazioni ......................................................................................................... 78
9.2 Schema delle travi ................................................................................................................................ 79
9.3 Verifica delle inflessioni ........................................................................................................................ 79
9.4 Vincoli per le armature ......................................................................................................................... 81
9.5 Calcolo dellarmatura ........................................................................................................................... 82
9.5.1 Premesse ....................................................................................................................................... 82
9.5.2 Progetto ......................................................................................................................................... 82
10 Predimensionamento pilastri .................................................................................................................... 94
10.1 Analisi dei carichi ................................................................................................................................ 94
10.1.1 Reazioni delle travi ...................................................................................................................... 94
10.1.2 Carico della copertura ................................................................................................................. 94
10.1.3 Peso proprio ................................................................................................................................ 95
10.2 Dimensioni sezione ............................................................................................................................. 96
10.3 Prescrizioni di armatura ...................................................................................................................... 99
10.4 Dimensionamento a flessione e sforzo normale................................................................................. 99
10.5 Tabelle riepilogative ......................................................................................................................... 100
10.6 Armatura trasversale ........................................................................................................................ 101
Predimensionamento controventi ............................................................................................................... 102
Controventi .................................................................................................................................................. 102
Ripartizione azione orizzontali ................................................................................................................. 104









5



1. Introduzione e documentazione
Viene richiesta la progettazione di un edificio in calcestruzzo armato ordinario, a partire da alcuni dati
riportati di seguito nella sezione Dati di Progetto. La progettazione comprende il dimensionamento di
tutte le parti della struttura e la verifica di esse seguendo la normativa di riferimento:
- legge 1086/1971 e DPR 380/2001, che disciplinano liter della progettazione;

- DM 14/01/2008, Nuove Norme Tecniche per le Costruzioni, che disciplina le procedure di calcolo
e verifica degli elementi strutturali;

- Eurocodici (EN1990, EC2) e EN 206-1, che chiariscono e approfondiscono alcuni aspetti relativi ai
dimensionamenti e alla messa in opera.
I testi normativi nel loro insieme, oltre a fornire indicazioni inerenti le procedure di calcolo e di verifica delle
strutture, le regole di progettazione ed esecuzione delle opere, individuano anche i principi fondamentali
per la valutazione della sicurezza, definendo gli Stati Limite Ultimi (SLU) e gli Stati Limite di Esercizio (SLE)
per i quali devono essere effettuate le opportune verifiche.


2. Dati di progetto

- Destinazione duso: edificio di civile abitazione (sovraccarico accidentale 2 kN/m
2
)
- Superficie in pianta: > 350 m
2

- Luci dei solai (ordine di grandezza): 4,50 m
- Luci delle travi (ordine di grandezza): 4,50 m
- Tipologia di solaio: tradizionale
- Numero di piani: 1 piano interrato + 8 piani fuori terra + copertura
- Comune dove verr realizzato ledificio: Torino (TO)
- Zona sismica n 4

6

3. Scelta dei materiali
3.1. Calcestruzzo
Il calcestruzzo si distingue prima di tutto in base alla classe di resistenza, che viene indicata con C xx/yy,
dove:

resistenza caratteristica cilindrica a compressione


resistenza caratteristica cubica a compressione


La classe minima da scegliere la C 16/20. Scegliamo la classe C 25/30, che rappresenta una consuetudine
assodata per quanto riguarda gli edifici comuni.

La consistenza del calcestruzzo, e quindi la sua lavorabilit, valutata in funzione dei risultati della prova
del cono di Abrams (Slump Test), cio degli abbassamenti dovuti al peso proprio del calcestruzzo costipato
allinterno del relativo cono. Le classi sono riportate nella tabella 3 della norma EN 206-1:

La normativa italiana ha poi successivamente definito le classi, a partire dalla S1, come umida, plastica,
semifluida, fluida e superfluida.
In particolare si richiede una classe S5 per le fondazioni (dove si vuole che il calcestruzzo fluisca
notevolmente in modo da riempire tutti gli spazi), S4 per le strutture di elevazione (buona fluidit ma non
eccessiva per non pregiudicare le caratteristiche meccaniche rischio di segregazione) e S3 per la copertura
(dove si vuole una fluidit pi bassa per evitare che linclinazione della copertura incida negativamente sulla
deposizione del calcestruzzo gettato).

Viene poi definita la classe di esposizione nel prospetto 4.1 dellEC2 :
7



In particolare per il presente progetto assumiamo una classe XC2. Dalla scelta della classe di esposizione, la
tabella F.1 della EN 206-1 di seguito riportata mostra la classe di calcestruzzo da adoperare, il rapporto
acqua/cemento massimo e la minima quantit in peso di cemento per metro cubo di calcestruzzo.
8



Per la classe di esposizione XC2 ricaviamo quindi:
- classe C25/30 (quindi la nostra scelta precedente accettabile);
- rapporto a/c massimo = 0,60;
- minimo contenuto di cemento = 280 kg / m
3
di cls.













9

3.2. Acciaio

Le NTC 2008 distinguono gli acciai da cemento armato in 2 tipi:
- B450A, con diametri delle barre da 5 a 10 mm;
- B450C, con diametri delle barre da 6 a 60 mm.
Scegliamo di usare lacciaio B450C, che deve soddisfare i requisiti riportati nella Tabella 11.3.Ib:


Per il quale sono presentati i seguenti valori:

Valore nominale (caratteristico) della tensione di snervamento;

Valore nominale (caratteristico) della tensione di rottura.



10

3.3. Copriferri
Il paragrafo 4.4.1 dellEC2 definisce il copriferro nominale come distanza tra la superficie esterna
dellarmatura (inclusi collegamenti,staffe e rinforzi superficiali) pi prossima alla superficie del calcestruzzo
e la superficie del calcestruzzo stessa.
In particolare viene indicata la relazione 4.1:


Dove c
min
il copriferro minimo richiesto e Ac la tolleranza di lavorazione, il cui valore raccomandato
pari a 10 mm. Il valore del copriferro minimo invece fornito dallEquazione 4.2:


dove

= copriferro minimo dovuto al requisito di aderenza, per far s che le forze di aderenza siano
trasmesse adeguatamente, e che il calcestruzzo sia sufcientemente compatto. Tale valore si pu dedurre
dal prospetto 4.2 dellEC2:

= copriferro minimo dovuto alle condizioni ambientali (quindi legato alla classe di esposizione). Il
valore si ricava dal prospetto 4.4.N:

= margine di sicurezza; ogni stato raccomanda un valore predefinito, nel nostro caso pari a 0 mm.

= riduzione del copriferro minimo quando si utilizza acciaio inossidabile; ogni stato
raccomanda un valore predefinito, nel nostro caso pari a 0 mm.

= riduzione del copriferro minimo quando si ricorre a protezione aggiuntiva; ogni stato
raccomanda un valore predefinito, nel nostro caso pari a 0 mm.
11

Assumendo una disposizione a barre isolate, avendo gi assunto una classe di esposizione XC2 e
considerando una classe strutturale S4 (corrispondente ad una vita utile della costruzione di 50 anni)
otteniamo dai prospetti riportati i seguenti valori:


Quindi, sia per larmatura trasversale che per quella longitudinale, otteniamo:


In quanto non prevediamo di utilizzare barre, n per le staffe n per larmatura longitudinale con diametro
maggiore di 25 mm.
Dunque otteniamo:


































12

3.4 Lunghezze di ancoraggio
In questo paragrafo sono state invece calcolate le lunghezze di ancoraggio delle armature, necessarie per
evitare lo sfilamento dei tondini, che vengono quindi allungati di tali lunghezze.
Per calcolare le lunghezze di ancoraggio si pu far riferimento:

- alla normativa italiana (NTC 2008);
- allEC2.


3.4.1 NTC 2008
La normativa italiana (NTC 2008, 4.1.6.1.4) indica come valore della lunghezza di ancoraggio:




dove il diametro del tondino.


Quindi si ottiene:

diametri
tondini
20 * | lbd
[mm] [mm] [mm]
8 160 160
10 200 200
12 240 240
14 280 280
16 320 320
18 360 360
20 400 400
22 440 440
24 480 480


3.4.2 EC2
Leurocodice 2 invece (ai punti 8.4.3 e 8.4.4) definisce:

- lunghezza di ancoraggio di base;
- lunghezza di ancoraggio di progetto.


La lunghezza di ancoraggio di base definita come almeno:



dove f
bd
la tensione di aderenza acciaio calcestruzzo, calcolata nel successivo punto 4.3, e pari a:


13


e dove

la tensione di progetto dellarmatura, calcolata come:




Il rapporto tra area di armatura richiesta e area di armatura disposta al massimo pari a 1, altrimenti
minore, per poter soddisfare le verifiche. Per il calcolo della lunghezza di ancoraggio assumiamo, a favore di
sicurezza, che tale rapporto sia pari a 1, quindi la lunghezza di ancoraggio di base diventa:






La lunghezza di ancoraggio di progetto invece:



dove:




e dove i vari o sono dei coefficienti che tengono conto di:

o1: forma delle barre;
o2: effetto del copriferro;
o3: effetto del confinamento dellarmatura trasversale;
o4: influenza di una o pi barre trasversali saldate;
o5: effetto della pressione trasversale al piano di spacco.


I valori sono desunti dal prospetto 8.2 delleurocodice. In particolare si sono assunti come valori:



In trazione Note
In
compressione
1 1 ancoraggio dritto 1
2
dipende dal
diametro
ricoprimento di calcestruzzo dritto 1
3 1
si approssimata l'area trasversale
minima richiesta con quella adoperata,
quindi il termine sottratto nullo
1
4 0,7 - 0,7
5 1
in mancanza di informazioni, si
trascurata la pressione trasversale
1
14


E quindi per la precisione:


o1 o2 o3 o4 o5
[mm]
In
trazi
one
In
compre
ssione
In
trazio
ne
In
compress
ione
In
trazio
ne
In
compress
ione
In
trazio
ne
In
compress
ione
In
trazio
ne
In
compress
ione
8 1 1 0,493 1 1 1 0,7 0,7 1 1
10 1 1 0,625 1 1 1 0,7 0,7 1 1
12 1 1 0,712 1 1 1 0,7 0,7 1 1
14 1 1 0,775 1 1 1 0,7 0,7 1 1
16 1 1 0,821 1 1 1 0,7 0,7 1 1
18 1 1 0,858 1 1 1 0,7 0,7 1 1
20 1 1 0,887 1 1 1 0,7 0,7 1 1
22 1 1 0,911 1 1 1 0,7 0,7 1 1
24 1 1 0,931 1 1 1 0,7 0,7 1 1



Le lunghezze di ancoraggio minime sono:


diametri
tondini
lb,rqd
lunghezza di ancoraggio minima
0,3 *
lb,rqd
0,6 *
lb,rqd
10 * f
100
mm
lb,min
(in
trazione)
lb,min (in
compressione)
[mm] [mm] [mm] [mm] [mm] [mm] [mm] [mm]
8 291 87 175 80 100 100 175
10 364 109 219 100 100 109 219
12 437 131 262 120 100 131 262
14 510 153 306 140 100 153 306
16 583 175 350 160 100 175 350
18 656 197 393 180 100 197 393
20 728 219 437 200 100 219 437
22 801 240 481 220 100 240 481
24 874 262 524 240 100 262 524










15

Mentre quelle di progetto sono:


In trazione In compressione
diametri
tondini
lb,min
lbd
calcolata
lbd
effettiva
lb,min
lbd
calcolata
lbd
effettiva
[mm] [mm] [mm] [mm] [mm] [mm] [mm]
8 100 101 101 175 204 204
10 109 159 159 219 255 255
12 131 218 218 262 306 306
14 153 277 277 306 357 357
16 175 335 335 350 408 408
18 197 394 394 393 459 459
20 219 453 453 437 510 510
22 240 511 511 481 561 561
24 262 570 570 524 612 612



3.4.3 Confronto e scelta finale
Nella seguente tabella sono riportati i valori di lunghezza di ancoraggio, per ogni diametro, calcolati con le
due norme attraverso le procedure descritte nelle pagine precedenti.


NTC2008
EC2

In trazione
In
compressione
diametri
tondini
lbd lbd lbd
[mm] [mm] [mm] [mm]
8 200 101 204
10 200 159 255
12 240 218 306
14 280 277 357
16 320 335 408
18 360 394 459
20 400 453 510
22 440 511 561
24 480 570 612


Si nota che i valori di lunghezza nelle zone compresse sono sempre pi alti per quanto riguarda lEC2,
mentre i valori massimi sono variabili per le zone tese (le NTC2008 non fanno distinzione tra zone tese e
compresse). A titolo cautelativo si sono considerati sempre i valori massimi, quindi si sono ottenute le
lunghezze di ancoraggio finali:



16

diametri tondini lbd [mm]
[mm] In trazione In compressione
8 200 204
10 200 255
12 240 306
14 280 357
16 335 408
18 394 459
20 453 510
22 511 561
24 570 612




3.4.4 Piego

Per quanto riguarda il piego invece si adottata la regola descritta graficamente nel punto 8.4.1 dellEC2.
Essendo le piegature realizzate con angoli di 90, si calcolata la lunghezza di piego come:



quindi si ottenuto:

lunghezza di piego armatura [mm]
diametri tondini o
8 40
10 50
12 60
14 70
16 80
18 90
20 100
22 110
24 120







17

4. Resistenze
Le NTC 2008 definiscono, al capitolo 4 e al capitolo 11, le resistenze dei materiali da costruzione. Nel nostro
caso ricaviamo i valori di interesse per il calcestruzzo e per lacciaio.

4.1. Calcestruzzo
4.1.1 Resistenza caratteristica a compressione, provini cubici
Nella pratica la resistenza a compressione viene valutata su provini cubici. Avendo scelto la classe di
resistenza C 25/30, tale resistenza (valore caratteristico, frattile 5%) vale:


4.1.2 Resistenza caratteristica a compressione, provini cilindrici
La relazione tra resistenza di provini cubici e cilindrici , come riportato dalle NTC 2008:


quindi:



4.1.3 Resistenza media a compressione



4.1.4 Resistenza di calcolo a compressione


dove

= coefficiente di sicurezza per il materiale

= coefficiente di sicurezza per le resistenze di lunga durata


NB: nel caso di elementi piani (solette, ecc.) con spessore < 50 mm, la resistenza di calcolo

va ridotta
applicando un ulteriore coefficiente moltiplicativo pari a 0,8.
Quindi:



4.1.5 Resistenza caratteristica a trazione


dove f
ctm
la resistenza media a trazione, che per classi di resistenza inferiori a C 50/60 (nostro caso) vale:


18

quindi:



4.1.6 Resistenza di calcolo a trazione


quindi:




4.2. Acciaio
4.2.1 Resistenza di calcolo


dove

= tensione caratteristica di snervamento dellacciaio (in quanto abbiamo scelto un acciaio


B450C)

= coefficiente di sicurezza del materiale


Quindi:


NB: nel caso di azioni eccezionali, che hanno una probabilit molto scarsa di avvenire, si possono
ammettere coefficienti di sicurezza pi bassi, in particolare si assume

.

4.3. Tensione di aderenza acciaio-calcestruzzo
definita inoltre la resistenza tangenziale di aderenza, che si oppone allo scorrimento:


dove


dove in quanto si prevede di utilizzare barre di armatura di diametro inferiore a 32 mm.
Quindi:
19


Nei casi di ancoraggi in zona tesa o in zone con armature molto addensate, tale valore si corregge
ulteriormente dividendo per un fattore 1,5, ottenendo:




4.4. Legami costitutivi

Per i materiali facciamo prima di tutto le seguenti ipotesi, riportate dalla norma:
- conservazione delle sezioni piane;
- perfetta aderenza tra acciaio e calcestruzzo;
- resistenza a trazione del calcestruzzo nulla;
- rottura del calcestruzzo determinata dal raggiungimento della sua capacit deformativa ultima a
compressione;
- rottura dellarmatura tesa determinata dal raggiungimento della sua capacit deformativa ultima;
- deformazione iniziale dellarmatura di precompressione considerata nelle relazioni di congruenza
della sezione.
Per il calcestruzzo consideriamo un diagramma parabola rettangolo del tipo:

Dove, per classi di resistenza inferiori a C50/60 (nostro caso), vale:



20

Per lacciaio invece adottiamo una legge di materiale elastico perfettamente plastico:


Secondo tale legge in teoria il tratto incrudente (orizzontale) va allinfinito, ma in considerazione del
comportamento reale del materiale consigliabile assumere un valore limite di deformazione pari a:


dove

per lacciaio B450C. Quindi:



I moduli elastici dei due materiali li assumiamo come (indicazione della norma):
Calcestruzzo:


Acciaio:




















21

4.5 Riepilogo delle resistenze
Si riporta di seguito un riepilogo delle caratteristiche meccaniche di calcestruzzo ed acciaio calcolate
secondo le prescrizioni delle NTC2008.

Riepilogo
Caratteristiche
Meccaniche CLS

Riepilogo
Caratteristiche
Meccaniche Acciaio
Rck
[MPa]
30

fyk [MPa]
450
fck [MPa]
24.9

fyd [MPa]
391.3
fcm
[MPa]
32.9

fbk [MPa]
4.029
fcd
[MPa]
14.11

fbd [MPa]
2.686
fctm
[MPa]
2.558

fbd
(armature
addensate)
[MPa]
1.791
fctk
[MPa]
1.791

Es [GPa]
200
fctd
[MPa]
1.194

Ec [GPa] 31,447












22

5. Azioni sulla costruzione
Le azioni agenti sulle costruzioni sono definite dalle normative tecniche, ed in particolaree le NTC 2008 le
dividono in:
1. Carichi su opere civili ed industriali: dipendono dalla destinazione duso della struttura.
- Peso proprio dei materiali strutturali (G1)
- Carichi permanenti non strutturali (G2)
- Carichi variabili (Qk)

2. Azioni sismiche: valutate in base alla pericolosit sismica del sito della costruzione.

3. Azione della neve

4. Azione del vento

5. Azioni della temperatura

6. Azioni eccezionali: dovute ad eventi eccezionali quali incendi, urti, esplosioni, ecc.

7. Azioni derivanti da imperfezioni geometriche

Di seguito sono trattate le azioni di interesse per la presente progettazione.

5.1 Azione della neve
L'azione della neve generalmente dipende dalle condizioni locali di clima e di esposizione. Le NTC 2008, al
capitolo 3.4, definiscono il carico neve qs in proiezione orizzontale su una copertura:


dove:
q
s
il carico neve sulla copertura;

i
il coefficiente di forma della copertura;
q
sk
il valore caratteristico di riferimento del carico neve al suolo per un periodo di ritorno di 50 anni;
C
E
il coefficiente di esposizione;
C
t
il coefficiente termico.

23

5.1.1 Valore caratteristico del carico neve al suolo q
s
Il carico neve al suolo dipende dalle condizioni locali di clima e di esposizione, considerata la variabilit delle
precipitazioni nella zona considerata. Il valore viene infatti determinato considerando la zona nella quale si
trova l'oggetto della progettazione.
Nel caso trattato, Torino si trova nella Zona I Alpina:

pertanto la relazione che permette di ricavare il valore caratteristico della neve al suolo risulta:


trovandosi Torino ad unaltitudine a
s
= 239 m slm. Quindi il valore finale risulta:



5.1.2 Coefficiente di esposizione C
E

Il coefficiente di esposizione C
E
pu essere utilizzato per modificare il valore del carico neve in copertura in
funzione delle caratteristiche specifiche dellarea in cui sorge lopera.
Nel caso considerato adottiamo un generico coefficiente di valore unitario considerando la zona come
normale, come riportato dalla tabella delle norme:

Quindi C
E
= 1.

5.1.3 Coefficiente termico Ct
Il coefficiente termico pu essere utilizzato per tener conto della riduzione del carico neve a causa dello
scioglimento della stessa, causata dalla perdita di calore della costruzione. Tale coefficiente tiene conto
delle propriet di isolamento termico del materiale utilizzato in copertura. In assenza di uno specifico e
documentato studio, la norma impone Ct = 1.

24

5.1.4 Coefficiente di forma per le coperture
i

Il coefficiente di forma di cui si tiene conto nell'analisi del carico neve utilizzato per considerare l'effetto,
pi o meno favorevole che produce la pendenza sulla quantit di neve trattenuta.
Scegliamo il valore in relazione all'angolo della copertura, come indicato dalla tabella riportata dalle norme:

Nel nostro caso, avendo la copertura una pendenza del 35%, quindi un angolo di circa 19, quindi un valore
compreso tra 0 e 30, assumiamo il valore i = 0,8.

5.1.5 Valore finale del carico neve
Il valore del carico neve in proiezione orizzontale sulla copertura vale quindi:


















25

5.2 Azione del vento
L'azione del vento esercita sulle costruzioni azioni che provocano in generale degli effetti dinamici. Per le
costruzioni usuali, e quindi anche per il fabbricato da progettare, l'azione del vento si suppone agire in
modo statico e diretta secondo i due assi principali della struttura. L'azione dinamica viene quindi
considerata in realt come un'azione statica, pi semplice da trattare. Questa azione statica costituita
dall'insieme delle pressioni e delle depressioni agenti normalmente alle superfici, sia esterne che interne,
degli elementi che compongono la costruzione.
Lazione del vento sul singolo elemento viene determinata considerando la combinazione pi gravosa della
pressione agente sulla superficie esterna e della pressione agente sulla superficie interna dellelemento.
Lazione dinsieme esercitata dal vento su una costruzione data dalla risultante delle azioni sui singoli
elementi, considerando come direzione del vento, quella corrispondente ad uno degli assi principali della
pianta della costruzione.

La pressione del vento data dalla seguente formula riportata dalla normativa di riferimento:
d p e b
c c c q = p
dove:
q
b
la pressione cinetica di riferimento, funzione della velocit del vento v
b
;
c
e
il coefficiente di esposizione;
c
p
il coefficiente di forma (o coefficiente aerodinamico), funzione della tipologia e della geometria della
costruzione e del suo orientamento rispetto alla direzione del vento. Il suo valore pu essere ricavato da
dati suffragati da opportuna documentazione o da prove sperimentali in galleria del vento;
c
d
il coefficiente dinamico, con cui si tiene conto degli effetti riduttivi associati alla non contemporaneit
delle massime pressioni locali e degli effetti amplificativi dovuti alle vibrazioni strutturali.

5.2.1 Velocit di riferimento v
b

La velocit di riferimento il valore caratteristico della velocit del vento a 10 m dal suolo, mediata su 10
minuti e riferita ad un periodo di ritorno di 50 anni. Tale velocit data dall'espressione:
v
b
=v
b,0
per a
s
a
0

v
b
=v
b,0
+k
a
(a
s
a
0
) per a
0
<a
s
1500m

I valori dei coefficienti sono riportati nella tabella 3.3.I delle norme tecniche; il comune di Torino situato
nella zona 1.
26


Dato che Torino presenta unaltitudine di 239 m slm, si ha:


quindi


quindi
v
b
=v
b,0
=25
m
s


5.2.2 Pressione cinetica di riferimento q
b

La pressione cinetica di riferimento definita dall'espressione:
2
2
1
b b
v = q
dove
v
b
la velocit di riferimento del vento, determinata sopra;
la densit dell'aria assunta convenzionalmente costante e pari a 1,25 kg/m
3
.
Dunque:
( )
2
2 2
390,625 25 1,25
2
1
2
1
m
N
= = v = q
b b

27


5.2.3 Coefficiente dinamico Cd
Il coefficiente dinamico tiene in conto degli effetti riduttivi associati alla non contemporaneit delle
massime pressioni locali e degli effetti amplificativi dovuti alla risposta dinamica della struttura. Esso pu
essere assunto cautelativamente pari ad 1 nelle costruzioni di tipologia ricorrente, quali gli edifici di forma
regolare non eccedenti 80 m di altezza, oppure pu essere determinato mediante analisi specifiche o
facendo riferimento a dati di comprovata affidabilit.
Pertanto si considera:



5.2.4 Coefficiente di topografia Ct
Il coefficiente di topografia, in assenza di analisi pi approfondite e considerando la zona dell'intervento
una zona senza particolari condizioni topografiche che influiscano sull'azione del vento, si considera, per
quanto stabilito dalla norma che prevede in questo caso per zone pianeggianti ondulate, collinose e
montane, il valore:



5.2.5 Coefficiente di esposizione
Il coefficiente di esposizione dipende dall'altezza z sul suolo del punto considerato, dalla topografia del
terreno e dalla categoria di esposizione del sito. In assenza di analisi specifiche che tengano in conto la
direzione di provenienza del vento, l'effettiva scabrezza e topografia del terreno che circonda la
costruzione, per altezze sul suolo non maggiori di 200 m, il coefficiente di esposizione dato dalla formula:
c
e
( z)=c
e
( z) per z<z
min

( )
min t t r e
z perz
z
z
c +
z
z
c k = z c >
(

|
|
.
|

\
|

|
|
.
|

\
|

0 0
2
ln 7 ln
dove:
k
r
, z
0
, z
min
sono assegnati dalla tabella 3.3.II delle NTC 2008, in funzione della categoria di esposizione del
sito ove sorge la costruzione;
c
t
il coefficiente di topografia.
28


Si individua la classe di rugosit A dalla Tab. 3.3.III delle norme e la categoria di esposizione V dalla Fig.
3.3.2 delle norme, essendo il fabbricato situato a una distanza superiore a 30 km dalla costa, a un'altitudine
di 239 m slm e essendo in zona 1.

29



Si ricavano quindi i seguenti dati:
0,23 = k
r
0,70
0
= z m = z
min
12
La struttura presenta un'altezza totale pari a

quindi si ha


per cui il coefficiente di esposizione varia secondo la formula:
( )
(

|
|
.
|

\
|

|
|
.
|

\
|

0 0
2
ln 7 ln
z
z
c +
z
z
c k = z c
t t r e

che corrisponde allandamento grafico seguente:
30


5.2.6 Coefficiente di forma Cp
In assenza di valutazioni pi precise, suffragate da opportuna documentazione o prove sperimentali in
galleria del vento, per il coefficiente di forma si assumono i valori riportati nella circolare esplicativa
considerando positive le pressioni dirette verso linterno delle costruzioni.

Per la valutazione della pressione esterna si assume:

- per elementi sopravvento (cio direttamente investiti dal vento), con inclinazione sullorizzontale
60


- per elementi sopravvento, con inclinazione sullorizzontale 20 < < 60


- per elementi sopravvento, con inclinazione sullorizzontale 0 20 e per elementi sottovento
(intendendo come tali quelli non direttamente investiti dal vento o quelli investiti da vento
radente)


Per la valutazione della pressione interna si assume:
- per costruzioni che hanno (o possono anche avere in condizioni eccezionali) una parete con
aperture di superficie minore di 1/3 di quella totale


- per costruzioni che hanno (o possono anche avere in condizioni eccezionali) una parete con
aperture di superficie non minore di 1/3 di quella totale
31

quando la parete aperta sopravvento

quando la parete aperta sottovento o parallela al vento;


- per costruzioni che presentano su due pareti opposte, normali alla direzione del vento, aperture di
superficie non minore di 1/3 di quella totale

per gli elementi normali alla direzione del vento

per i rimanenti elementi.



Tra le possibilit risultanti si dovr prendere in considerazione quella con condizioni maggiormente
sfavorevoli.
Pressione esterna
sulla parete direttamente investita dal vento, essendo questa verticale, si ha



Avendo la copertura una pendenza del 35%, che corrisponde ad uninclinazione , sulla copertura
direttamente investita dal vento si ha



Mentre sulla copertura e sulla parete non direttamente investite si ha


cio
32

0,8
-0,4 -0,4
-0,4
Direzione
vento


Pressione interna
Su tutte le pareti si hanno i valori




Quindi i valori del coefficiente totale sono:
Caso 1
1
-0,2
Direzione
vento
-0,2
-0,2

Caso 2
0,6
-0,6
Direzione
vento
-0,6
-0,6



33

5.2.7 Valori effettivi della pressione del vento p
Come gi riportato, la pressione del vento vale:
d p e b
c c c q = p
Con riferimento al coefficiente di forma Cp, si considera il caso pi sfavorevole. In particolare, per le pareti,
le componenti sopra e sottovento si sommano per via del comportamento diaframmatico del solaio, e si
considera un coefficiente di forma totale pari a:

Caso 1: 1-(-0,2) = 1,2
Caso 2: 0,6-(-0,6) = 1,2

quindi pari in ogni caso a Cp = 1,2.

Invece, per il coefficiente di esposizione, fino ad unaltezza pari a z
min
= 12 m si ha:

Ce = 1,5

mentre invece al di sopra di 12 m si ha un andamento variabile come riportato in precedenza.

Fino a 12 m quindi il valore effettivo della pressione del vento :


Pertanto lazione risultante agente sui solai singoli, dato un certo valore di interpiano, sar data da:



I lati delledificio, che ha pianta rettangolare, risultano pari a:
L
1
= 33,115 m
L
2
= 12,40 m
Quindi si calcola lazione risultante agente sul singolo solaio.
Il procedimento si effettua tenendo conto delle due direzioni principali delledificio: indichiamo con R
1
e R
2

le risultanti ottenute (per ogni solaio) nelle due direzioni L
1
e L
2
.

Successivamente, al di sopra di 12 m, si procede nel seguente modo: per ogni solaio si definisce la zona di
competenza, si calcola il valore superiore di c
e
(con la formula) e la risultante R dellazione del vento si
considera come il prodotto della pressione calcolata con tale valore di c
e
e larea di competenza del solaio
(interpiano x lunghezza delledificio).





34


Ko n piano z qb Cp Cd Ce p R1 R2
0,23 - [m] [N/m2] - - - [N/m2] [kN] [kN]
Zo 1 3,04 390,625 1,2 1 1,50 703,13 70,783 26,505
0,7 2 6,08 390,625 1,2 1 1,50 703,13 70,783 26,505
Ct 3 9,12 390,625 1,2 1 1,50 703,13 70,783 26,505
1 4 12,16 390,625 1,2 1 1,50 703,13 70,783 26,505
L1 [m] 5 15,2 390,625 1,2 1 1,64 769,19 77,434 28,995
33,115 6 18,24 390,625 1,2 1 1,77 829,49 83,505 31,269
L2 [m] 7 21,28 390,625 1,2 1 1,88 881,76 88,767 33,239
12,4 copertura 24,32 390,625 1,2 1 1,98 928,00 93,421 34,982




































35

5.3 Azione dei carichi permanenti
Si valutano ora le azioni dei carichi permanenti, che sono quelle legate ai pesi propri degli elementi che
compongono la costruzione.

5.3.1 Peso proprio solaio
Il peso del solaio un carico permanente, che in particolare :
- strutturale per quanto riguarda la soletta, che ha funzione portante;
- non strutturale per la sovrastruttura, che non ha funzione portante.

Si sceglie, come tipologia di solaio, un solaio tradizionale gettato in opera, avente spessore 20+4 cm,
realizzato con un getto di calcestruzzo che va ad inglobare dei blocchi di alleggerimento in laterizio
(pignatte). Il getto va quindi a costituire dei travetti, aventi sezione a T. Tali travetti sono formati da
unanima contenuta tra due blocchi di laterizio e da unala posta al di sopra. Le NTC 2008 richiedono che lo
spessore dellala, cio lo spessore del getto di calcestruzzo al di sopra dei blocchi, sia di almeno 4 cm.

In figura si pu osservare la sezione trasversale (striscia di 1 metro di larghezza) della tipologia di solaio che
verr utilizzata.




Dove:

1- Indica la pavimentazione di spessore 2 cm;
2- Indica il sottofondo in calcestruzzo alleggerito di spessore 6 cm;
3- Indica il getto di calcestruzzo armato che va a costituire i travetti, di altezza (20+4) cm;
4- Indica i blocchi di laterizio (pignatte), aventi funzione di alleggerimento del solaio, di altezza pari a
20 cm;
5- Indica lo strato di intonaco avente spessore uguale a 2 cm.

Laltezza totale del solaio 34 cm.




36

5.3.1.1 Peso proprio soletta
Il peso proprio della soletta si ricava attraverso lanalisi dei pesi specifici della stratigrafia di larghezza
unitaria riportata in precedenza. Tali pesi specifici vengono moltiplicati per le dimensioni geometriche
(spessore e larghezza) degli elementi, e vengono rapportati alla striscia unitaria (cio vengono divisi per 1
metro).
Si hanno:

Peso del getto di calcestruzzo armato



Peso dei blocchi



Quindi il peso della parte strutturale, riferito ad un metro quadrato di solaio, 2,96 kN/m
2
.


5.3.1.2 Peso proprio sovrastruttura solaio
Questa parte di solaio non dimensionata, ma legata al progetto architettonico. Com gi stato
descritto in precedenza, al di sopra del solaio strutturale viene posizionata una caldana avente spessore
pari a 6 cm e una pavimentazione di spessore 2 cm.
Per il sottofondo, realizzato in calcestruzzo, si considera il peso specifico di conglomerato cementizio
alleggerito (16 kN/m
3
). Anche in questo caso il peso specifico stato moltiplicato per le dimensioni
geometriche (spessore e larghezza), e poi rapportato alla striscia unitaria.



Il peso del sottofondo, riferito ad un metro quadrato di solaio, circa 1 kN/m
2
.

Dopo aver determinato il peso del sottofondo, si determinato quello riferito ad una pavimentazione
generica, la quale potr essere sostituita nel tempo e di conseguenza potrebbe assumere un peso maggiore
o minore di quello precedente.
Per la pavimentazione, dello spessore di 2 cm, si assunto un peso, riferito ad un metro quadrato di solaio,
pari a 0,4 kN/m
2
.
Successivamente si considerato anche il peso dello strato di intonaco posto al di sotto del solaio
strutturale, dello spessore di 2 cm. Il peso specifico dellintonaco assunto pari a 20 kN/m
3
, e
moltiplicandolo per lo spessore dello strato di intonaco si ottiene il peso dello strato considerato.



Il peso dello strato di intonaco, riferito ad un metro quadrato di solaio, quindi pari a 0,4 kN/m
2
.
I pesi, relativi ad un metro quadrato di solaio, dello strato di intonaco, della pavimentazione e del
sottofondo formano il peso proprio della sovrastruttura del solaio.



Il peso proprio della sovrastruttura del solaio quindi assunto pari a g
1
= 1,8 kN/m
2
.
37

5.3.2 Peso proprio tramezzature
Gli elementi divisori (tramezze) non hanno alcuna funzione strutturale ma incrementano il peso che grava
sui solai. In figura si pu vedere la sezione verticale di una tramezza e osservare gli elementi di cui
composta.

Dove:
1- Indica lo strato di intonaco sinistro, avente una spessore pari a 2 cm;
2- Indica lo strato di mattoni forati, dello spessore di 6 cm;
3- Indica lo strato di intonaco destro, avente una spessore pari a 2 cm.

Per quanto riguarda lintonaco si considera, come in precedenza, un peso specifico pari a 20 kN/m
3
, e lo si
moltiplica per 2, perch ci sono due strati in una singola tramezza, e poi per lo spessore e per laltezza della
tramezza.



Mentre per quanto riguarda lo strato di mattoni forati, si considera il loro peso specifico pari a 11 kN/m
3
, e
lo si moltiplica per lo spessore dello strato e per laltezza della tramezza.



In totale quindi il peso della tramezza di 4 kN/m.

Per lanalisi dei carichi agenti sulla struttura interessano i pesi riferiti ad un metro quadrato di superficie,
quindi c la necessit di trasformare il peso delle tramezze da un carico lineare (espresso in kN/m)

ad un
carico di superficie (espresso in kN/m
2
). Per effettuare questo passaggio si utilizzano le direttive imposte
dalle NTC 2008, par. 3.1.3.1.

Indichiamo il peso lineare della tramezza con

,e dalla Figura 6.3 si pu osservare che il


corrispondente valore riferito ad un metro quadrato di superficie

.

38





5.3.3 Peso proprio muri perimetrali
Per quanto riguarda i muri perimetrali, essi esercitano un carico, rappresentato dal proprio peso, che agisce
linearmente sulle travi di bordo delledificio. Non quindi di interesse, come per la muratura interna,
calcolare un equivalente carico areale in quanto tale peso non grava sui travetti dei solai ma, come appena
detto, solo sulle travi di bordo.
Analogamente al punto precedente si analizza comunque la stratigrafia del muro perimetrale e si
attribuiscono i relativi pesi per unit di volume:
1 2 3 4 5 6
2 20 3 6 12 2
45

1- Strato di intonaco esterno, spessore 2 cm;
2- Strato di mattoni forati, spessore 20 cm;
3- Strato di camera daria, spessore 3 cm;
4- Strato di isolante in pannelli di poliuretano, spessore 6 cm;
5- Strato di mattoni forati, spessore 12 cm;
6- Strato di intonaco interno, spessore 2 cm.

Si trascura il peso dellaria, mentre i pesi per unit di volume di intonaco e mattoni sono, come gi riportato
nel punto precedente, rispettivamente di 20 e 11 kN/m
3
.
Il peso dei pannelli isolanti invece risulta di 0,4 kN/m
3
.

Conoscendo gli spessori, indicati peraltro in figura, si calcola il peso a metro quadro del muro perimetrale:

39



Essendo la lunghezza complessiva dei muri perimetrali (perimetro delledificio) di:



Con unaltezza dellinterpiano di 2,70 m, si ha quindi:

Superficie lorda di muratura = 91,03 * 2,70 = 245,78 m
2


La superficie delle aperture invece pari a:

Finestre =



Porte-finestre =



Totale =



Quindi lincidenza delle aperture sulla superficie :



Quindi si ha una riduzione del 18 % del peso calcolato. Si ottiene quindi:


























40

5.3.4 Peso proprio copertura
La copertura realizzata con una soletta disposta a formare una copertura piana. Il peso di tale soletta va a
costituire il peso proprio della copertura delledificio.

Il peso della copertura, analogamente a quello dei solai, un carico permanente, che in particolare :
- strutturale per quanto riguarda la soletta, che ha funzione portante;
- non strutturale per la sovrastruttura, che non ha funzione portante.

Come per i solai, la parte strutturale costituita da un solaio tradizionale gettato in opera, avente spessore
20+4 cm, realizzato con un getto di calcestruzzo che va ad inglobare dei blocchi di alleggerimento in
laterizio (pignatte). Il getto va quindi a costituire dei travetti, aventi sezione a T.

La stratigrafia, per quanto riguarda la sovrastruttura, diversa dai solai intermedi in quanto la copertura
deve garantire isolamento e impermeabilizzazione nei confronti dellambiente esterno. In figura si pu
osservare la sezione trasversale (striscia di 1 metro di larghezza) della stratigrafia:


Dove:

1- Strato di ghiaietto di protezione, spessore 2 cm;
2- Strato di impermeabilizzazione, spessore 1 cm;
3- Sottofondo in calcestruzzo alleggerito, spessore 4 cm;
4- Isolante in pannelli di poliuretano, spessore 6 cm;
5- Barriera al vapore, spessore 1 cm;
6- Getto di calcestruzzo armato che va a costituire i travetti, di altezza (20+4) cm;
7- Blocchi di laterizio (pignatte), aventi funzione di alleggerimento del solaio, di altezza pari a 20
cm;
8- Strato di intonaco, spessore 2 cm.


Laltezza totale del solaio di copertura 40 cm.




41

5.3.4.1 Peso proprio soletta copertura
Essendo la soletta strutturale analoga a quella dei solai, tale peso, gi calcolato, pari a:

2,96 kN/m
2
.


5.3.4.2 Peso proprio sovrastruttura copertura
Come per i solai, questa parte non ha funzione strutturale e dipende dagli strati disposti al di sopra della
soletta. Si sono calcolati quindi nellordine:

Intonaco
Il peso dello strato di intonaco, riferito ad un metro quadrato di solaio, pari a 0,4 kN/m
2
.

Barriera al vapore
Per la barriera al vapore si considera un peso proprio di circa 200 g/m
2
, pari quindi a circa 0,002 kN/m
2
.

Isolante
Il peso dei pannelli isolanti, come gi visto, risulta di 0,4 kN/m
3
. Quindi:



Sottofondo
Per il sottofondo, realizzato in calcestruzzo, si considera il peso specifico di conglomerato cementizio
alleggerito (16 kN/m
3
). Quindi:




Impermeabilizzazione
Per limpermeabilizzazione si considera un peso proprio di circa 200 g/m
2
, pari quindi a circa 0,002 kN/m
2
.


Ghiaietto
Per lo strato di ghiaietto si considera un peso di 15 kN/m
3
, quindi si ottiene:




Quindi il peso proprio totale della sovrastruttura del solaio di copertura pari a:




Si noti che sulla copertura non gravano i carichi dovuti alle tramezzature, quindi il carico permanente non
strutturale semplicemente quello appena calcolato.


42

5.3.5 Riepilogo carichi permanenti

-

: rappresenta il peso proprio degli elementi strutturali (travetti in C.A.,soletta di 4 cm


e pignatte in mattoni forati). E un carico permanente strutturale.

-

: rappresenta il peso proprio degli elementi non strutturali (strato di intonaco,


pavimentazione, sottofondo e tramezzatura). un carico permanente non strutturale.

-

: rappresenta il peso proprio degli elementi non strutturali della copertura (strato di
intonaco, barriera al vapore, isolante, sottofondo, impermeabilizzazione, ghiaietto). Anchesso un
carico permanente non strutturale.


-

rappresenta il peso proprio dei muri perimetrali, espresso come carico lineare,
agente sulle travi di bordo delledificio.

































43

5.4 Azioni accidentali
Le azioni accidentali sono rappresentate dai carichi che non sempre sono esercitati sugli elementi
costruttivi (persone, veicoli, ecc.). il carico variabile accidentale fornito dalle norme; in particolare stato
assunto facendo riferimento alla tabella 3.1.II contenuta nelle NTC 2008 e riportata di seguito.



Essendo ledificio di tipo residenziale, il carico accidentale quindi:



Per i balconi invece il carico accidentale pari a:



44

5.5 Azioni sismiche
Gli orizzontamenti possono essere considerati infinitamente rigidi nel loro piano, a condizione che siano
realizzati in cemento armato, oppure in latero-cemento con soletta in c.a. di almeno 40 mm di spessore, o
in struttura mista con soletta in cemento armato di almeno 50 mm di spessore collegata da connettori a
taglio opportunamente dimensionati agli elementi strutturali in acciaio o in legno e purch le aperture
presenti non ne riducano significativamente la rigidezza.
Per rappresentare la rigidezza degli elementi strutturali si possono adottare modelli lineari, che trascurano
le non linearit di materiale e geometriche, e modelli non lineari, che le considerano; in ambo i casi si deve
tener conto della fessurazione dei materiali fragili. In caso non siano effettuate analisi specifiche, la
rigidezza flessionale e a taglio di elementi in muratura, cemento armato, acciaio-calcestruzzo, pu essere
ridotta sino al 50% della rigidezza dei corrispondenti elementi non fessurati, tenendo debitamente conto
dellinfluenza della sollecitazione assiale permanente.
Le azioni conseguenti al moto sismico sono modellate sia direttamente, attraverso forze statiche
equivalenti o spettri di risposta, sia indirettamente, attraverso accelerogrammi. Nel nostro caso lanalisi
far riferimento a forze statiche equivalenti. Per quanto riguarda la direzione delle azioni si far riferimento
solo a quelle traslazionali X e Y mentre lazione lungo la verticale Z trascurata visto che siamo in zona
4(3.2.1NTC).
Per le sole costruzioni la cui risposta sismica, in ogni direzione principale, non dipenda significativamente
dai modi di vibrare superiori, possibile utilizzare, sia su sistemi dissipativi, sia su sistemi non dissipativi, il
metodo delle forze laterali o analisi lineare statica (7.3.3.2NTC).. Essa consiste nellapplicazione di forze
equivalenti alle forze di inerzia indotte dallazione sismica e pu essere effettuata, a condizione che il
periodo del modo di vibrare principale nella direzione in esame (T1) non superi 2,5 TC e che la costruzione
sia regolare in altezza.
Per costruzioni civili o industriali che non superino i 40 m di altezza e la cui massa sia approssimativamente
uniformemente distribuita lungo laltezza, T1 pu essere stimato, in assenza di calcoli pi dettagliati,
utilizzando la formula seguente:



dove:
- H laltezza della costruzione, in metri, dal piano di fondazione ;

- C1 vale 0,085 per costruzioni con struttura a telaio in acciaio, 0,075 per costruzioni con struttura a telaio
in calcestruzzo armato e 0,050 per costruzioni con qualsiasi altro tipo di struttura.

Quindi:

stato assunto facendo riferimento al diagramma C3.2.1c dellannesso alle NTC2008 per un tempo di
ritorno di 50 anni. La prima verifica soddisfatta.

Lentit delle forze si ottiene dallordinata dello spettro di progetto corrispondente al periodo T1 e la loro
distribuzione sulla struttura segue la forma del modo di vibrare principale nella direzione in esame, valutata
in modo approssimato.

Relativamente allazione sismica

, da prendersi in conto in unapposita situazione di progetto sismica,


essa viene schematizzata applicando, non contemporaneamente, in due direzioni ortogonali un sistema di
forze orizzontali sismiche di intensit proporzionale alle masse presenti sui vari piani delledificio.
Si considerano le masse associate ai seguenti carichi gravitazionali:



45

Dove

il coefficiente di combinazione dellazione variabile

, che tiene conto della ridotta probabilit


che tutti i carichi variabili siano presenti sullintera struttura in occasione del sisma.



Ad ogni piano ( essendo il numero totale di piani) la forza orizzontale

da applicare a
ciascuna massa della costruzione definita dalla seguente espressione (Ordinanza P.C.M n.3274):

(*)

dove:

la forza da applicare al piano ;


il peso delle masse al piano ;


il peso delle masse al piano ;


il peso complessivo della costruzione, pari alla somma dei pesi presenti, ossia

laltezza del piano rispetto alle fondazioni;


laltezza del piano rispetto alle fondazioni;


lordinata dello spettro di risposta di progetto (SLU): per la zona 4 pari a ;


un coefficiente pari a se ledificio ha almeno tre piani e se

, pari a in tutti gli


altri casi;
laccelerazione di gravit.


Le relative verifiche di sicurezza vanno effettuate in modo indipendente nelle due direzioni, allo stato limite
ultimo.


Il peso

per ogni solaio cos calcolato:



piano G
1
kN/m
2
G
2
kN/m
2

qk kN/m
2

neve kN/m
2

balconi scale interni
1 2.96 3.40 4 4 2 1.232
2 2.96 3.40 4 4 2 1.232
3 2.96 3.40 4 4 2 1.232
4 2.96 3.40 4 4 2 1.232
46

5 2.96 3.40 4 4 2 1.232
6 2.96 3.40 4 4 2 1.232
7 2.96 3.40 4 4 2 1.232
copertura 2.96 1.37 0 0 0.5 1.232


Moltiplicando gli appositi elementi per i coefficienti di combinazione

si ottiene la seguente tabella (non


sono presenti i balconi al primo piano):

piano G
1
kN/m
2
G
2
kN/m
2

q kN/m
2
neve
kN/m
2

balconi scale interni
1 2.96 3.4 0 1.2 0.600 0
2 2.96 3.4 2.4 1.2 0.6 0
3 2.96 3.4 2.4 1.2 0.6 0
4 2.96 3.4 2.4 1.2 0.6 0
5 2.96 3.4 2.4 1.2 0.6 0
6 2.96 3.4 2.4 1.2 0.6 0
7 2.96 3.4 2.4 1.2 0.6 0
copertura 2.96 1.37 0 0 0.15 0


Muri esterni kN/m Lunghezza

Area tetto 410.63
[m
2
]
9.61 91.03

Area piano 410.63
[m
2
]


Area balconi 34.62
[m
2
]


Area scale 31.5
[m
2
]


Larea del piano misurata fino al perimetro esterno delle murature esterne.

La risultante dellazione sismica si presuppone che agisca nella mezzeria dei solai, pertanto laltezza di tali
punti dalle fondazioni sar:

- Per il piano generico:



- Per la copertura:




dove:
hc 0.4 [m] Spessore copertura
hs 0.34 [m] Spessore solaio
hp 2.7 [m] Altezza di un piano
z0 3 [m] Quota fondazioni


Piano W
piano
(kN) F
h
(kN) z
i
(m) W*z
i
(kN*m) F
i
(kN)
47

1 3751.68 1698.03 2.87 10767.33 50.15
2 3834.77 1698.03 5.91 22663.50 105.56
3 3834.77 1698.03 8.95 34321.20 159.86
4 3834.77 1698.03 11.99 45978.91 214.16
5 3834.77 1698.03 15.03 57636.61 268.46
6 3834.77 1698.03 18.07 69294.31 322.76
7 3834.77 1698.03 21.11 80952.02 377.06
copertura 1778.03 1698.03 24.15 42939.37 200.00

Totale 28538.3376 13584.2487 364553.25 1698.03


Si riporta un diagramma rappresentativo dellandamento delle forze sismiche:



5.6 Azioni derivanti da imperfezioni geometriche
Secondo l'EC2 allo stato limite ultimo nelle situazioni di progetto persistenti ed accidentali si deve sempre
tener conto degli effetti di possibili imperfezioni non intenzionali della geometria della struttura non
caricata. Non necessario prendere in considerazione le imperfezioni agli stati limite di esercizio. Le
disposizioni seguenti si applicano a elementi sottoposti a compressione monoassiale e a strutture
sottoposte a carichi verticali, principalmente edifici. L'influenza delle imperfezioni geometriche pu essere
presa in conto assumendo che la struttura sia inclinata di un angolo , in radianti, rispetto alla verticale
pari a:



dove

-

linclinazione di base il cui valore raccomandato ;



-

un fattore di riduzione funzione della lunghezza L in metri della colonna, se si tratta di


elementi isolati, o dellaltezza delledificio se gli elementi colonna fanno parte di un telaio;

in
ogni caso compreso fra i limiti

. Verr assunto pari a 0,66 in quanto

;

-

il coefficiente di riduzione relativo al numero di elementi, pari a :


0
5
10
15
20
25
30
0.00 100.00 200.00 300.00 400.00 500.00
d
i
s
t
a
n
z
a

z
i

d
a
l
l
e

f
o
n
d
a
z
i
o
n
i

(
m
)

Fi [kN]
Andamento forze sismiche
48



essendo m il numero di elementi verticali.

La forza equivalente totale applicata a livello delli-esimo piano una forza orizzontale e vale:



Dove

il peso totale dei carichi gravitazionali sulli-esimo piano allo stato limite
ultimo, con

forze longitudinali che contribuiscono ad

. Nel nostro caso si assunto

pari al
carico gravante sulla tesa di ogni pilastro come verr anche riportato nel predimensionamento di questi
elementi. I carichi utilizzati sono i seguenti:


Pilastro
V piano
[kN]
Vcopertura
[kN]
1 149.44 52.50
2 362.67 92.65
3 168.50 85.03
4 154.22 80.04
5 342.67 93.55
6 342.67 93.55
7 154.22 80.04
8 168.50 85.03
9 362.67 92.65
10 149.44 52.50
11 119.68 84.75
12 265.70 147.94
13 238.31 135.92
14 220.23 128.06
15 255.92 149.36
16 255.92 149.36
17 220.23 128.06
18 238.31 135.92
19 265.70 147.94
20 119.68 84.75
21 113.28 76.51
22 255.56 133.77
23 209.79 122.88
24 187.10 115.76
25 235.92 135.05
26 235.92 135.05
27 187.10 115.76
28 209.79 122.88
29 255.56 133.77
30 113.28 76.51
49

31 72.30 44.25
32 160.54 78.48
33 168.50 71.99
34 210.82 67.75
35 318.21 79.25
36 318.21 79.25
37 210.82 67.75
38 168.50 71.99
39 160.54 78.48
40 72.30 44.25
Somma 8418.71 3951.02


Le forze orizzontali dovute alle imperfezioni geometriche agiscono sia lungo la direzione pi lunga
delledificio che lungo quella ad essa perpendicolare. Si calcolano tali forze considerando ogni
piano come costituito da tanti telai piani tra loro paralleli e paralleli alla forza stessa generata dalla
loro imperfezione geometrica, prima in una direzione e poi nellaltra. Limperfezione si sviluppa
lungo la direzione del telaio stesso: allaumentare del numero degli elementi verticali la situazione
meno gravosa. Per determinare la forza verticale gravante su ogni singolo telaio piano basta
sommare i carichi gravanti su ogni singolo pilastro costituente il telaio stesso.
Infine, per ottenere la forza orizzontale su ciascun piano si sommano tutte le forze orizzontali
gravanti su ogni singolo telaio piano ed in modo analogo per la direzione opposta.
A titolo esemplificativo si riporta nel seguito il calcolo della forza orizzontale del secondo piano
lungo la direzione pi lunga delledificio, direzione .



secondo piano


N_pilastro
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10
F[kN]
149.44 362.67 168.50 154.22 342.67 342.67 154.22 168.50 362.67 149.44
N_pilastro
11 12 13 14 15 16 17 18 19 20
F[kN]
119.68 265.70 238.31 220.23 255.92 255.92 220.23 238.31 265.70 119.68
N_pilastro
21 22 23 24 25 26 27 28 29 30
F[kN]
113.28 255.56 209.79 187.10 235.92 235.92 187.10 209.79 255.56 113.28
N_pilastro
31 32 33 34 35 36 37 38 39 40
F[kN]
72.30 160.54 168.50 210.82 318.21 318.21 210.82 168.50 160.54 72.30


num elementi
m
h [kN]
10 0.74 0.66 5.76
10 0.74 0.66 5.38
10 0.74 0.66 4.90
10 0.74 0.66 4.55
Fx [kN] 20.60

50

La forza orizzontale totale sar di 20,60 kN.
Nel seguito riportata la tabella in cui sono riportate le forze orizzontali per ogni piano in entrambe
le direzioni.

Piano Fx [kN] Fy[kN]
1 20.60 19.98
2 20.60 19.98
3 20.60 19.98
4 20.60 19.98
5 20.60 19.98
6 20.60 19.98
7 20.60 19.98
8 20.60 19.98
copertura 9.87 10.21




5.7 Azioni della temperatura
Tali azioni tengono conto del fatto che le variazioni termiche inducono nella struttura delle coazioni interne
che si manifestano in assenza, parziale o totale, di libert di dilatazione termica degli elementi strutturali.
Predisponendo dei giunti di dilatazione ogni 30 metri di lunghezza (che consentano quindi una dilatazione
sufficiente da non generare coazioni), il calcolo di tali azioni pu essere evitato.





6 Schema di risoluzione delle travi continue
Una volta definite tutte le azioni gravanti sulla struttura, necessario calcolare le caratteristiche della
sollecitazione che si generano sugli elementi strutturali. In particolare per quanto riguarda gli elementi
strutturali orizzontali, cio solai e travi, essi si considerano come travi continue su pi appoggi.

La risoluzione avviene con lutilizzo di un foglio elettronico basato sullimplementazione del metodo che
utilizza la cosiddetta equazione dei 3 momenti (valida per travi continue a 2 campate) ed estesa
opportunamente a un numero qualsiasi di campate.



6.1 Caso generale - trave continua a pi appoggi


Schema generico di trave continua
51



Estraiamo da tale schema le due campate i-esime:




Rotazioni dovute alle reazioni:



Dalla scienza delle costruzioni si ricava:





Rotazioni dovute ai carichi esterni:
52



Dalla scienza delle costruzioni si ricava:




Per congruenza deve valere:



cio, ordinando rispetto ai momenti:


definendo:




si pu scrivere la cosiddetta equazione dei 3 momenti come:



che pu essere estesa e scritta in forma matriciale come:


53



cio:



da cui si possono ricavare i momenti agenti sulla trave continua:




Trovati i momenti, si possono considerare le singole travi:

e si possono quindi calcolare le reazioni agli appoggi e il valore di taglio e momento nella generica sezione
di coordinata z:







6.2 Caso particolare presenza di sbalzi
Tale caso si riscontra quando sono presenti balconi.

Schema di trave continua con sbalzi alle estremit
54



I carichi sugli sbalzi provocano dei momenti noti:



quindi lequazione dei 3 momenti diventa del tipo:

Appoggio 1



dove

un termine noto, quindi si pu scrivere:



ripetendo il passaggio per tutti gli appoggi, si ottiene alla fine:




cio a cambiare solo il vettore dei termini noti, che si modifica a causa dei momenti (noti) alle estremit.












6.3 Caso particolare incastri alle estremit
Schema di trave continua con incastri alle estremit
55




Tale caso va valutato per quanto riguarda i solai, in quanto, alle estremit, i travetti non risultano
appoggiati ma la loro condizione pi prossima a quella di essere incastrati. Lequazione dei 3 momenti
viene adattata, scrivendo le equazioni di equilibrio, oltre che per gli appoggi, anche per gli incastri.
Il sistema in definitiva diventa:





























7 Principi generali della progettazione
La progettazione degli elementi strutturali delledificio si basa sulla definizione dellunit fondamentale
delledificio stesso: tale unit formata da 4 pilastri, 2 travi (ordite in una certa direzione) e 1 solaio (ordito
nella direzione perpendicolare a quella delle travi).

56



Tale unit si ripete nello spazio formando lintera struttura, a meno della presenza aggiuntiva di elementi
quali vani scala, vani ascensore, collegamenti, giunti, ecc.

La progettazione odierna degli edifici si basa sullutilizzo di codici di calcolo che risolvono la struttura una
volta noti i carichi e le dimensioni geometriche degli elementi strutturali. Tali dimensioni per sono
incognite, quindi necessario un predimensionamento, ovvero un dimensionamento di massima che poi
sar affinato e reso definitivo dal codice di calcolo.

La struttura schematicamente rappresentata quindi in questo modo.

In pianta si notano i pilastri, le travi e i solai, con le rispettive orditure:


I solai, o pi precisamente i travetti dei solai, sono schematizzabili come travi continue su pi appoggi (gli
appoggi sono le travi), con appoggi anche alle estremit. Nel caso siano presenti balconi, alle estremit ci
saranno degli sbalzi.

Travi e pilastri formano i telai, che in sezione sono schematizzabili come di seguito (esempio):

57





I telai sono soggetti a dei carichi verticali che sono le reazioni vincolari dei travetti. Anche le travi dei telai
sono considerate come travi continue su pi appoggi (gli appoggi sono i pilastri). Le reazioni iperstatiche
agli appoggi derivanti dalla loro risoluzione costituiscono poi i carichi da applicare ai pilastri.

In particolare, per i pilastri, possiamo dire che quelli centrali siano sollecitati solo a compressione, mentre
per quelli di bordo la sollecitazione flessionale non trascurabile. Quindi, nel calcolo delle travi, le
consideriamo come travi continue a pi appoggi con incastri alle estremit, in modo da ottenere dei
momenti di incastro che si useranno nel predimensionamento dei pilastri oltre agli sforzi di compressione
(reazioni iperstatiche).








8 Predimensionamento solai

8.1 Analisi dei carichi
I carichi che sono stati considerati nel calcolo delle sollecitazioni agenti sul solaio sono:

- peso proprio degli elementi strutturali:

;
58

- peso proprio degli elementi non strutturali:

;
- carico accidentale:

per i balconi);
- carico della neve (per i balconi):



8.2 Schema dei solai
Viene riportata in figura una sezione orizzontale della struttura, nella quale possibile individuare la
presenza delle diverse tipologie di solaio.



Le parti campite sono quelle corrispondenti a scala, pianerottolo (da realizzarsi come soletta piena armata)
e ascensore. Si notano i balconi.
In direzione x vengono ordite le travi, mentre in direzione y vengono orditi i travetti in c.a. che
compongono il solaio. Di conseguenza si hanno i diversi solai, che vengono schematizzati come di seguito
riportato:

- solai S1, S2, S8, S9: trave continua su 4 appoggi, con sbalzo ad un estremo;
- solai S3, S7: trave continua su 3 appoggi (uno degli appoggi la soletta piena costituente il pianerottolo);
- solai S4, S5, S6: trave continua su 4 appoggi, con sbalzi agli estremi;

Di fatto, per quanto riguarda lo schema statico, i tipi di solai diversi sono quindi 3, riconducibili ai solai S1,
S3 e S4.
Oltre allo schema statico, a differenziare i vari solai sono le luci dei travetti, che corrispondono alle distanze
tra un appoggio e un altro.
8.3 Verifica delle inflessioni
La normativa (NTC 2008, 4.1.2.2.2) impone che linflessione dei solai sia:



59

(in presenza di pareti divisorie)



Ma queste condizioni sono automaticamente soddisfatte se il rapporto luce/altezza utile (L/d) dei travetti
inferiore ai valori seguenti (metodo semplificato, prospetto 7.4N dellEC2):


Per i solai si considera la colonna relativa al calcestruzzo poco sollecitato; in particolare tali valori sono stati
determinati sperimentalmente assumendo una tensione di esercizio dellacciaio di 310 MPa,
corrispondente ad una tensione

.

Occorre ridurre i valori limite, moltiplicandoli per due fattori:

- un fattore legato al materiale, corrispondente al fatto che la tensione di snervamento dellacciaio
utilizzato diversa rispetto a quella usata per le prove sperimentali:



- un fattore legato al fatto che la sezione dei travetti a T, con rapporto tra larghezza della piattabanda e
larghezza dellanima superiore a 3 (50 / 10 = 5), pari a 0,8.

Si ottengono quindi i limiti reali da rispettare. Quindi, note le luci e le altezze utili dei solai, si calcolato il
rapporto L/d per ogni campata, verificando la condizione.

La verifica stata fatta per i solai dal S1 al S4, in quanto il solaio S5 uguale al solaio S4 e i solai S6 S9
sono simmetrici rispetto ai solai S1 S4.








L [m] L/d Limite
Limite
ridotto
Solaio S1
Balcone 1,75 8,5 26 18,72
Campata 1 4,15 20,2 30 21,6
Campata 2 3,85 18,8 30 21,6
Campata 3 3,59 17,5 26 18,72
Solaio S2 Balcone 1,75 8,5 26 18,72
60

Campata 1 4,15 20,2 30 21,6
Campata 2 3,85 18,8 30 21,6
Campata 3 3,59 17,5 26 18,72
Solaio S3
Campata 2 1,55 7,6 26 18,72
Campata 3 3,59 17,5 26 18,72
Solaio S4
Balcone 1,75 8,5 26 18,72
Campata 1 4,15 20,2 30 21,6
Campata 2 3,85 18,8 30 21,6
Campata 3 3,59 17,5 30 21,6
Balcone 1,75 8,5 26 18,72






























8.4 Determinazione della sezione reagente effettiva
Occorre considerare che la sezione del travetto che effettivamente reagisce minore di quella geometrica:
per determinarla si usato il modello proposto dall'eurocodice 2 al paragrafo 5.3.2 relativo alle sezioni
flangiate (a T); in particolare si determinata la larghezza dellala effettiva b
eff
, che quella dove la
distribuzione delle tensioni si pu considerare uniforme e dove si pu considerare valida lipotesi di
conservazione delle sezioni piane.
In figura si riporta la sezione geometrica e la sezione reagente del travetto.
61


Note le dimensioni b
1
, b
w
, b, b
2
, si determinata, per ogni solaio, la larghezza efficace b
eff
come:



con

min

min



Dove l
0
rappresenta la distanza dei punti di momento nullo, ed calcolata secondo quanto proposto
dallEC2, e in particolare nel nostro caso si sono applicati i seguenti schemi e trovati i seguenti valori (per i 3
tipi diversi di solaio, ai quali si possono poi ricondurre gli altri):

Schema solaio S1





Schema solaio S3
b beff
bw b1 b2 beff1 beff2 bw
62



Schema solaio S4






Solaio S1

Balcone +
appoggio T1
Campata
T1-T10
Appoggio
T10
Campata
T10-T19
Appoggio
T19
Campata
T19-T28
L1 1,75
b 0,5 0,5 0,5 0,5 0,5 0,5 L2 4,15
bw 0,1 0,1 0,1 0,1 0,1 0,1 L3 3,85
b1 0,2 0,2 0,2 0,2 0,2 0,2 L4 3,59
b2 0,2 0,2 0,2 0,2 0,2 0,2

lo 2,37 2,91 1,20 2,70 1,12 3,05

0,2 bi + 0,1 lo 0,28 0,33 0,16 0,31 0,15 0,35

0,2 lo 0,47 0,58 0,24 0,54 0,22 0,61

beff,1 0,20 0,20 0,16 0,20 0,15 0,20

beff,2 0,20 0,20 0,16 0,20 0,15 0,20

beff 0,50 0,50 0,42 0,50 0,40 0,50














Solaio S3
63


Campata Sol.-T21 Appoggio T21 Campata T21-T30 L1 1,55
b 0,5 0,5 0,5 L2 3,59
bw 0,1 0,1 0,1

b1 0,2 0,2 0,2

b2 0,2 0,2 0,2

lo 1,32 0,77 3,05

0,2 bi + 0,1 lo 0,17 0,12 0,35

0,2 lo 0,26 0,15 0,61

beff,1 0,17 0,12 0,20

beff,2 0,17 0,12 0,20

beff 0,44 0,33 0,50








Solaio S4

Balcone +
appoggio
T4
Campata
T4-T13
Appoggio
T13
Campata
T13-T22
Appoggio
T22
Campata
T22-T31
Appoggio
T31 +
balcone
L1 1,75
b 0,5 0,5 0,5 0,5 0,5 0,5 0,5 L2 4,15
bw 0,1 0,1 0,1 0,1 0,1 0,1 0,1 L3 3,85
b1 0,2 0,2 0,2 0,2 0,2 0,2 0,2 L4 3,59
b2 0,2 0,2 0,2 0,2 0,2 0,2 0,2 L5 1,75
lo 2,37 2,91 1,20 2,70 1,12 2,51 2,29

0,2 bi + 0,1 lo 0,28 0,33 0,16 0,31 0,15 0,29 0,27

0,2 lo 0,47 0,58 0,24 0,54 0,22 0,50 0,46

beff,1 0,20 0,20 0,16 0,20 0,15 0,20 0,20

beff,2 0,20 0,20 0,16 0,20 0,15 0,20 0,20

beff 0,50 0,50 0,42 0,50 0,40 0,50 0,50














8.5 Combinazioni di carico
Per la determinazione delle sollecitazioni agenti sui solai, si dovuto procedere alla definizione di tutte le
combinazioni di carico possibili sui travetti. Le combinazioni rappresentano le possibili disposizioni, sulle
64

campate, dei carichi q
min
e q
max
, che sono i carichi al metro lineare minimo e massimo che possono essere
presenti sulla struttura. Tali carichi sono definiti come di seguito.

La combinazione fondamentale a SLU la seguente:



Nei solai interni, essendoci solo un carico variabile, non c la parte relativa ai carichi in combinazione.
Nei balconi invece, essendoci sia il sovraccarico accidentale che il carico della neve, bisogna tenere in conto
tale parte.

I coefficienti parziali di sicurezza valgono (tabelle 2.5.I e 2.6.I delle NTC 2008):



Per i soIai interni, i carichi q
min
e q
max
sono quelli ricavati applicando la combinazione SLU, rispettivamente
con i coefficienti favorevoli e sfavorevoli. Essi sono quindi pari a:



Per i balconi, essendo il sovraccarico accidentale diverso ed essendo presente anche la neve (quindi i
carichi variabili in combinazione), il q
max
pari al valore massimo tra:

Sovraccarico come carico principale:

Neve come carico principale:

Quindi per i balconi:


Le combinazioni di carico sono predisposte al fine di massimizzare i momenti massimi e minimi nelle travi
continue. Ad interessare sono infatti i valori massimi di momento positivo e di momento negativo.
In generale nelle campate presente solo momento positivo, mentre agli appoggi presente solo
momento negativo. Pu per capitare che qualcuna delle combinazioni dia come risultati dei momenti
65

negativi in qualche campata o positivi in qualche appoggio; in tal caso per il dimensionamento si dovr
tenere conto di ci disponendo larmatura sia superiormente che inferiormente. In pratica sono di interesse
gli inviluppi delle sollecitazioni, costruiti a partire dagli andamenti dei diagrammi di momento di tutte le
combinazioni.

Per ogni trave continua, quindi per ogni solaio, si sono quindi calcolate, come descritto nel capitolo 6, le
sollecitazioni, e ai fini delle verifiche si sono considerati i valori di momento (positivo e negativo) massimo e
di taglio massimo.



Esempio solaio S5 (alcune combinazioni)

















Si riportano quindi le tabelle riassuntive con i valori massimi di momento positivo, momento negativo e
taglio per i solai tipo. Si nota che in nessun tratto si verificata linversione del segno del momento.


66


solaio 1 mensola app1 cam 1-2 app2 cam 2-3 app3
camp 3-
4
app4
Mmax (+) [kNm] 0 0 17,1 0 13,55 0 14,94 0
Mmax (-) [kNm] -24,44 -24,44 0 -20,8 0 -18,59 0 -12,8323
Vmax [kN] 0 28,521 0 28,706 0 26,626 0 16,263



solaio 3 app1 cam 1-2 app2 cam 2-3 app3
Mmax (+) [kNm] 0 7,13 0 12,67 0
Mmax (-) [kNm] -2,40755 0 -14,52 0 -12,8323
Vmax [kN] 0,05 0 25,492 0 17,401



solaio 4 mensola app1 cam 1-2 app2 cam 2-3 app3
camp 3-
4
app4 mensola
Mmax (+) [kNm] 0 0 16,96 0 15,94 0 13,13 0 0
Mmax (-) [kNm] -24,44 -24,44 0 -21,08 0 -17,42 0 -24,44 -24,44
Vmax [kN] 0 28,453 0 28,774 0 25,295 0 27,853 0







8.6 Armatura minima
La normativa richiede, per una generica sezione di calcestruzzo armato, la disposizione di unarmatura
minima a flessione, sia superiormente che inferiormente. Una quantit minima di armatura necessaria
per garantire una certa duttilit; inoltre, per le strutture armate specificamente a taglio (travi e pilastri) ha
la funzione di reggistaffe. Non essendo prevista una condizione specifica per i solai, si adotta quella del
decreto precedente (DM 09/01/1996):



quindi, essendo laltezza dei travetti , si ottiene:







8.7 Calcolo dellarmatura

67

8.7.1 Premesse e relazioni adimensionali
Per le sezioni in calcestruzzo armato lobiettivo sfruttare al massimo i materiali che si hanno a
disposizione; inoltre si vuole una rottura duttile degli elementi strutturali. Con riferimento ad una generica
sezione di calcestruzzo armato soggetta a momento flettente positivo, con armatura disposta
inferiormente (Af), si pu individuare la giacitura minima accettabile, individuata dalle deformazioni:

o massima deformazione accettabile del calcestruzzo (per classi inferiori a C50/60)


minima deformazione accettabile dellacciaio = deformazione di snervamento dellacciaio







Risultante forze di compressione:



Risultante forze di trazione:



Si pu scrivere una proporzione tra triangoli simili, tenendo conto che la deformazione dellacciaio c
s
non
ancora nota:



Per equilibrio C = T, quindi, sostituendo x:

equazione di equilibrio alla traslazione



Il momento resistente che la sezione riesce ad offrire :



per classi inferiori alla C50/60, |2 = 0,42; sostituendo x si ha:



68

sostituendo C infine:

equazione di equilibrio alla rotazione



Infine si pu adimensionalizzare e si ottengono i valori adimensionali:




8.7.2 Scelta di
La normativa fissa in pi parti dei valori limite massimi e minimi per il valore di .

1) NTC 2008, paragrafo 4.1.6.1.1; si ricava




essendo il calcestruzzo di classe C25/30 e lacciaio di tipo B450C, conoscendo i valori delle resistenze
calcolati nella prima parte, si ottiene:



Inoltre si ricava:




conoscendo i materiali usati e i valori, come prima, si determina:





2) Per garantire una rottura sufficientemente duttile (in campo 3), il valore massimo da assumere per :





3) NTC 2008, paragrafo 7.4.6.2.1 (progettazione tenendo conto dellazione sismica)



quindi:


69


Inoltre:





cio:





4) EC2, paragrafo 5.6 (per analisi strutturali di tipo plastico)




Mettendo assieme tutti i limiti, va scelto in un intervallo:



Si approssima il limite superiore a 0,25 anche se nel presente progetto non prevista unanalisi di tipo
plastico.

Lideale scegliere un valore pi alto possibile di , in modo che sia pi alto possibile; ci permette di
avere larmatura massima possibile, in modo da poter realizzare delle sezioni di calcestruzzo pi piccole.

In definitiva il valore scelto quindi:




Da tale valore si ricavano i valori limite dei rapporti adimensionali:














8.7.3 Progetto
Il progetto dellarmatura si basa quindi sul valore appena scelto ( ); le formule di progetto sono
quelle ricavate in precedenza e sono finalizzate a calcolare i valori adimensionali:
70




Per ogni tratto di ogni solaio quindi si calcolato prima di tutto il valore di :



dove M il momento agente nel tratto.


8.7.3.1 Se


In questo caso sufficiente disporre unarmatura singola, nella zona dove presente momento
(superiormente o inferiormente). Si calcola:



e poi:



quindi larmatura da disporre :



Se tale armatura minore di quella minima, si dispone questultima (168 mm
2
).

Per ragioni di duttilit si dispone comunque larmatura minima anche dove non necessaria.

8.7.3.2 Se


In questo caso necessario disporre unarmatura doppia (a prescindere dalla presenza del momento
superiormente e/o inferiormente e dal fatto di dover disporre armatura doppia ai fini della duttilit).

Indichiamo con As larmatura da disporre nella zona dove presente momento (superiore o inferiore a
seconda del segno) e con As larmatura da disporre dallaltra parte, indipendentemente dal fatto che sia
superiore o inferiore (molti testi indicano con As sempre larmatura superiore).

Si calcola la differenza di momento resistente (adimensionale) da dover fornire alla sezione:


Larmatura (adimensionale) da disporre nella zona dove vi momento si considera snervata e vale:


71


dove:




con




Larmatura aggiuntiva invece non detto che sia snervata; assumendo

, si calcola la deformazione
dellarmatura aggiuntiva:



Se

, allora larmatura aggiuntiva non snervata e quindi si calcola il coefficiente:




Se invece la deformazione dellarmatura aggiuntiva superiore a quella di snervamento, allora tale
coefficiente si pone k = 1.


Larmatura (adimensionale) aggiuntiva vale quindi:





Le armature vere valgono quindi:




Se tali armature sono minori di quella minima, si dispone questultima (168 mm
2
).





72

8.7.3.3 Verifica a taglio
I solai sono degli elementi non armati specificatamente a taglio, per cui gli sforzi di taglio agente devono
essere assorbiti dall'armatura longitudinale e dal calcestruzzo. In particolare la verifica si effettua con la
condizione (NTC 2008, 4.1.2.1.3.1):



dove il taglio resistente espresso come:



e il taglio agente ricavato dallanalisi delle sollecitazioni.

Significato dei termini:



Dove Asl larea di armatura longitudinale che si estende, oltre la sezione di verifica, per un tratto pari a
(d+l
bd
), dove l
bd
la lunghezza di ancoraggio.
Secondo il modello questa area larea di armatura inferiore (allappoggio) che lunica che contribuisce
favorevolmente alla resistenza a taglio.
La tensione

invece la tensione media di compressione dovuta a sforzi normali; non essendo presenti
n sforzi normali n sforzi di precompressione, posta nulla.

Dato che il taglio tende ad annullarsi in campata, la verifica a taglio stata effettuata per gli appoggi, dove
quindi nella fase di progetto delle armature sono state scelte delle armature anche inferiormente, anche se
non risultanti dal dimensionamento a flessione, per poter cos soddisfare la verifica a taglio.

A causa dellazione del taglio inoltre, agli appoggi il diagramma di momento risulta traslato di una distanza
d.
Quindi la lunghezza dei ferri va aumentata di conseguenza di una distanza d, a sinistra e a destra
dellappoggio. Inoltre la lunghezza, come gi detto, va aumentata della lunghezza di ancoraggio l
bd
.


73

8.7.3.4 Tabelle con i valori di armatura scelti



solaio 1 mensola app1
cam 1-
2
app2
cam 2-
3
app3
camp 3-
4
app4


Med [kNm] -24,44 -24,44 17,1 -20,8 13,55 -18,59 14,94 -12,8323


Ved [kN] 0 28,521 0 28,706 0 26,626 0 16,263


beff [mm] 500 100 500 100 500 100 500 100

Flessione
0 0,415399 0,0581 0,353531 0,0461 0,315968 0,05079 0,218106

, 0 0,0741 0,0583 0,06447
< lim
e 0 0,06 0,0472 0,05219

e
0
0,2 0,2 0,2 0,2
> lim
A 0,235399 0,173531 0,135968 0,038106
c's 1,109756 1,109756 1,109756 1,109756
Ae 0,283863 0,209258 0,163962 0,045951
e 0,483863 0,409258 0,363962 0,245951
e' 0,500451 0,368922 0,289065 0,081012

As 0 354,8909 219,95 300,1714 173,12 266,9488 191,378 180,3934

A's 0 439,9451 0 343,9473 0 280,0603 0 100,9797

Taglio
k 1,98773 1,98773 1,98773 1,98773

pl 0,022057 0,027571 0,022057 0,011028

Vrd [kN] 30,073 30,073 27,917 22,158

Scelta
armature
n 4 4 2 3 2 3 2 2

fi 12 12 12 12 12 12 12 12

As 452,16 452,16 226,08 339,12 226,08 339,12 226,08 226,08 superiore

inferiore
n 2 5 2 5 2 4 2 2

fi 12 12 12 12 12 12 12 12

A's 226,08 565,2 226,08 565,2 226,08 452,16 226,08 226,08

















74


solaio 3 app1 cam 1-2 app2 cam 2-3 app3


Med [kNm]
-
2,4075
-7,13 -14,52 12,67
-
12,832


Ved [kN] 0,05 25,292 17,401


beff [mm] 100 440 100 500 100

Flessione
0,0409 0,027542 0,2468 0,04307 0,2181

, 0,0517 0,03452 0,054438
< lim
e 0,0418 0,027944 0,044068

e
0
0,2 0,2
> lim
A 0,0668 0,0381
c's 1,1098 1,1098
Ae 0,0805 0,046
e 0,2805 0,246
e' 0,142 0,081

As 30,672 90,17945 205,77 161,6073 180,39

A's 0,1278 0 168,78 0 103,89

Taglio
k 1,9877 1,9877 1,9877

pl 0,011 0,0165 0,011

Vrd [kN] 22,158 25,365 22,158

Scelta
armature
n 2 2 2 2 2

fi 12 12 12 12 12

As 226,08 226,08 226,08 226,08 226,08 superiore

inferiore
n 2 2 3 2 2

fi 12 12 12 12 12

A's 226,08 226,08 339,12 226,08 226,08




















75


solaio
4
mensola app1
cam 1-
2
app2
cam 2-
3
app3
camp 3-
4
app4 mensola


Med
[kNm]
0 -24,44 16,96 -21,08 15,94 -17,42 13,13 -24,44 0


Ved
[kN]
0 28,453 0 28,774 0 25,295 0 27,853 0


beff
[mm]
500 100 500 100 500 100 500 100 500

F
l
e
s
s
i
o
n
e

0 0,415399 0,0577 0,35829 0,0542 0,296082 0,04463 0,415399 0

, 0 0,0735 0,0689 0,05646 0
< lim
e 0 0,0595 0,0558 0,04571 0


e
0
0,2 0,2 0,2 0,2
> lim
A 0,235399 0,17829 0,116082 0,235399
c's 1,109756 1,109756 1,109756 1,109756
Ae 0,283863 0,214997 0,139982 0,283863
e 0,483863 0,414997 0,339982 0,483863
e' 0,500451 0,37904 0,246787 0,500451


As 0 354,8909 218,09 304,3806 204,58 249,3604 167,619 354,8909 0

A's 0 439,7714 0 351,5419 0 245,6504 0 438,238 0

T
a
g
l
i
o

k 1,98773 1,98773 1,98773 1,98773

pl 0,022057 0,027571 0,016542 0,022057

Vrd
[kN]
30,073 30,073 25,365 27,917

S
c
e
l
t
a

a
r
m
a
t
u
r
e

n 4 4 2 3 2 3 2 4 4

fi 12 12 12 12 12 12 12 12 12

As 452,16 452,16 226,08 339,12 226,08 339,12 226,08 452,16 452,16 superiore


inferiore
n 2 5 2 5 2 3 2 4 2

fi 12 12 12 12 12 12 12 12 12

A's 226,08 565,2 226,08 565,2 226,08 339,12 226,08 452,16 226,08












76

9 Predimensionamento travi
9.1 Analisi dei carichi
I carichi che sono stati considerati nel calcolo delle sollecitazioni agenti sulle travi sono in primis le reazioni
dei solai, calcolati precedentemente, che vanno quindi a sollecitare le travi. In particolare si considerano le
reazioni:

- Ra, min [kN/m]
- Ra, max [kN/m]

che sono quelle minima e massima ricavate dal calcolo delle sollecitazioni sui solai attraverso le diverse
combinazioni di carico. Ovviamente per ogni trave si considerano i travetti che poggiano su di essa per la
determinazione delle reazioni.

Alle reazioni dei solai vanno sommati i seguenti carichi:

- peso proprio delle travi;
- peso dellintonaco che ricopre la parte di trave che fuoriesce dal solaio;
- peso dei muri perimetrali (solo per le travi di bordo).

9.1.1 Dimensioni sezione e peso proprio travi
Alle reazioni dei solai va sommato il carico riguardante il peso proprio delle travi, la cui sezione per
ancora incognita ( lobiettivo del progetto). Dato che i travetti dei solai hanno unaltezza pari a 24 cm, si
ipotizzato inizialmente di fare delle travi in spessore, con unaltezza cio pari a:



Tuttavia si riscontrato che con tale altezza le verifiche di stato limite di esercizio riguardanti le inflessioni
non sarebbero state soddisfatte. Perci si deciso di realizzare delle travi fuori spessore, ed in particolare
aventi unaltezza di



Le NTC 2008 (7.4.6.1.1) fissano, per le verifiche sismiche, una larghezza della trave b con le seguenti
condizioni:

1)

2)

3)

4)



dove l
p
la larghezza dei pilastri su cui appoggiata la trave; nel nostro caso i pilastri del piano tipo sono
quadrati hanno tutti lato di 35 cm.
Quindi nel presente progetto la larghezza delle travi deve essere compresa nellintervallo:



77

Si assume quindi, anche per semplicit costruttiva, una larghezza . Il peso proprio quindi pari
a:





9.1.2 Peso dellintonaco
Le travi essendo fuori spessore di solaio avranno uno strato di intonaco specifico per il loro ricoprimento,
come nella seguente figura:




Si considera, come in precedenza, un peso specifico pari a 20 kN/m
3
, e lo si moltiplica per le dimensioni
relative al ricoprimento della parte di trave che fuoriesce dal solaio:





9.1.3 Peso muri perimetrali
Solo le travi di bordo sono soggette a questo carico, perch i muri perimetrali si trovano solo in
corrispondenza di tali travi. Il carico, gi calcolato in precedenza, pari a:










78

9.1.4 Carichi totali e combinazioni
Si noti che:

- peso proprio trave = un carico permanente strutturale;
- peso intonaco = un carico permanente non strutturale;
- peso muri perimetrali = un carico permanente non strutturale.

A questi carichi vanno applicati quindi i relativi coefficienti di sicurezza parziali, sfavorevoli e favorevoli,
ottenendo i carichi definitivi che vanno a caricare le travi nellanalisi delle sollecitazioni.

Per il peso proprio trave e il peso dei muri perimetrali si adottano i coefficienti parziali per carichi
strutturali; in particolare, pur non essendo i muri perimetrali delle strutture portanti, non essendo prevista
la loro rimozione nella vita utile dellopera (non avrebbe senso), si adottano comunque i coefficienti per
carichi strutturali (possibilit prevista dalle norme al punto 2.6.I).

Cio:



Per il peso dellintonaco invece si adottano i coefficienti parziali per carichi non strutturali:



In generale la somma dei carichi agenti sulla generica trave :



con le seguenti precisazioni:

1) Per le travi non di bordo non c il carico dei muri perimetrali:



2) Per le travi di bordo nella direzione ortogonale ai travetti (travi portanti) non c il carico
dellintonaco, poich le travi sono racchiuse nella muratura:



3) Per le travi di bordo nella direzione parallela ai travetti (travi collaboranti) non c il carico
dellintonaco e non c neanche il carico della reazione dei solai, perch essi sono nello stesso senso
di tali travi e non vi appoggiano:


79

Come per i solai, una volta noti esattamente i carichi agenti sulle travi, si predispongono le combinazioni di
carico, al fine di massimizzare i momenti massimi e minimi nelle travi continue. Ad interessare sono infatti i
valori massimi di momento positivo e di momento negativo.
In generale nelle campate presente solo momento positivo, mentre agli appoggi presente solo
momento negativo. Pu per capitare che qualcuna delle combinazioni dia come risultati dei momenti
negativi in qualche campata o positivi in qualche appoggio; in tal caso per il dimensionamento si dovr
tenere conto di ci disponendo larmatura sia superiormente che inferiormente. In pratica sono di interesse
gli inviluppi delle sollecitazioni, costruiti a partire dagli andamenti dei diagrammi di momento di tutte le
combinazioni.

Per la disposizione si rimanda agli esempi riguardanti i solai.


9.2 Schema delle travi
Con riferimento allo schema strutturale gi riportato nel punto 8.2, si individuano le travi. Come gi detto al
punto 7, dato che per i pilastri di bordo la sollecitazione flessionale non trascurabile, nel calcolo delle
travi, esse sono considerate travi continue a pi appoggi con incastri alle estremit, in modo da ottenere in
corrispondenza di essi dei momenti che poi verranno usati nel predimensionamento dei pilastri.

Si noti che le travi indicate come Tp dello schema non sono poste allo stesso piano, ma sono sfalsate in
quanto sono poste in corrispondenza del pianerottolo della scala. Questo determina quindi uninterruzione
della trave continua del bordo superiore dello schema. Si ha quindi:

- trave continua a 2 campate (T1, T2) con incastri alle estremit (a);
- trave doppiamente incastrata Tp (b);
- trave continua a 3 campate (T3, T4, T5) con incastri alle estremit (c);
- trave doppiamente incastrata Tp;
- trave continua a 2 campate (T6, T7) con incastri alle estremit;
- trave continua a 9 campate (dalla T8 alla T16) con incastri alle estremit (d);
- trave continua a 9 campate (dalla T17 alla T25) con incastri alle estremit (e);
- trave continua a 9 campate (dalla T26 alla T34) con incastri alle estremit (f);
- trave continua a 3 campate (T35, T36, T37) con incastri alle estremit (g);
- trave continua a 3 campate (T38, T39, T40) con incastri alle estremit.

Di fatto, per quanto riguarda lo schema statico e le lunghezze, i tipi di trave sono 7, riconducibili alle travi
indicate con a, b, c, d, e, f, g.
Oltre allo schema statico e alle luci, a differenziare le travi sono i carichi gravanti, diversi in funzione dei tipi
di trave (come riportato nel punto precedente) e dei solai relativi.


9.3 Verifica delle inflessioni
La normativa (NTC 2008, 4.1.2.2.2) impone che linflessione delle travi sia:

(in presenza di pareti divisorie)



Ma queste condizioni sono automaticamente soddisfatte se il rapporto luce/altezza utile (L/d) delle travi
inferiore ai valori seguenti (metodo semplificato, prospetto 7.4N dellEC2):
80



Per le travi si considera la colonna relativa al calcestruzzo molto sollecitato; in particolare tali valori sono
stati determinati sperimentalmente assumendo una tensione di esercizio dellacciaio di 310 MPa,
corrispondente ad una tensione

.

Occorre ridurre i valori limite, moltiplicandoli per il fattore legato al materiale, corrispondente al fatto che
la tensione di snervamento dellacciaio utilizzato diversa rispetto a quella usata per le prove sperimentali:



A differenza dei solai, invece, essendo la sezione delle travi rettangolare (e non a T), non vi un ulteriore
coefficiente riduttivo dovuto alla sezione.

Si ottengono quindi i limiti reali da rispettare. Quindi, note le luci e le altezze delle travi, si calcolato il
rapporto L/d per ogni campata, verificando la condizione.

La verifica stata fatta per le travi a, b, c, d, individuate come rappresentative per tutte le altre.


L [m] L/d Limite Limite ridotto
Trave a
T1 3,61 9,9 18 16,2
T2 4,07 11,2 18 16,2
Trave b T3 2,93 8,0 14 12,6
Trave c
T4 3,63 9,9 18 16,2
T5 4,14 11,3 20 18
T6 3,63 9,9 18 16,2
Trave d
T10 3,61 9,9 18 16,2
T11 4,07 11,2 20 18
T12 2,93 8,0 20 18
T13 3,63 9,9 20 18
T14 4,14 11,3 20 18
T15 3,63 9,9 20 18
T16 2,93 8,0 20 18
T17 4,07 11,2 20 18
T18 3,61 9,9 18 16,2

81

9.4 Vincoli per le armature
Per quanto riguarda le travi le NTC 2008 definiscono le seguenti condizioni:

Paragrafo 4.1.6.1.1
Definisce il valore minimo di armatura come massimo tra i seguenti:



Tale vincolo vale per le zone tese (ovvero dove c momento).


Paragrafo 7.4.6.2.1
Per la progettazione sismica valgono le seguenti condizioni:

1) Per tutta la lunghezza della trave vanno disposte, superiormente e inferiormente, almeno 2 barre di
diametro non inferiore a 14 mm; quindi larmatura minima, per tutte le zone delle travi, vale 2 | 14.

2) Deve valere la seguente condizione:


dove:

rapporto geometrico dellarmatura tesa;

rapporto geometrico dellarmatura compressa;



Ed in ogni caso deve valere la regola:



(nelle zone critiche della trave; non essendo ben specificate, applichiamo tale regola dappertutto).















82

9.5 Calcolo dellarmatura

9.5.1 Premesse
Valgono le stesse regole viste per i solai per quanto riguarda le giaciture; il valore va scelto in un
intervallo:



Si approssima il limite superiore a 0,25 anche se nel presente progetto non prevista unanalisi di tipo
plastico.

In definitiva il valore scelto quindi:




Da tale valore si ricavano i valori limite dei rapporti adimensionali:






9.5.2 Progetto
Il progetto dellarmatura si basa quindi sul valore appena scelto ( ); le formule di progetto sono
quelle ricavate in precedenza e sono finalizzate a calcolare i valori adimensionali:



Per ogni tratto di ogni solaio quindi si calcolato prima di tutto il valore di :



dove M il momento agente nel tratto.







83

9.5.2.1 Se


In questo caso sufficiente disporre unarmatura singola, nella zona dove presente momento
(superiormente o inferiormente). Si calcola:



e poi:



quindi larmatura da disporre :



In realt valgono le condizioni, riportate al paragrafo precedente, riguardanti i rapporti e i minimi di
armatura. Perci si disporr comunque, sia superiormente che inferiormente unarmatura di 2 | 14, e le
armature saranno disposte in modo che la percentuale geometrica di armatura in zona compressa sia
almeno la met di quella in zona tesa.


9.5.2.2 Se


In questo caso necessario disporre unarmatura doppia (a prescindere dalla presenza del momento
superiormente e/o inferiormente e dal fatto di dover disporre armatura doppia ai fini della duttilit).

Indichiamo con As larmatura da disporre nella zona dove presente momento (superiore o inferiore a
seconda del segno) e con As larmatura da disporre dallaltra parte, indipendentemente dal fatto che sia
superiore o inferiore (molti testi indicano con As sempre larmatura superiore).

Si calcola la differenza di momento resistente (adimensionale) da dover fornire alla sezione:



Larmatura (adimensionale) da disporre nella zona dove vi momento si considera snervata e vale:



dove:




con




84

Larmatura aggiuntiva invece non detto che sia snervata; assumendo

, si calcola la deformazione
dellarmatura aggiuntiva:



Se

, allora larmatura aggiuntiva non snervata e quindi si calcola il coefficiente:




Se invece la deformazione dellarmatura aggiuntiva superiore a quella di snervamento, allora tale
coefficiente si pone k = 1.


Larmatura (adimensionale) aggiuntiva vale quindi:





Le armature vere valgono quindi:




Come sempre devono essere rispettate le condizioni riguardanti i rapporti e i minimi di armatura. Perci si
disporr comunque, sia superiormente che inferiormente unarmatura di 2 f 14, e le armature saranno
disposte in modo che la percentuale geometrica di armatura in zona compressa sia almeno la met di
quella in zona tesa.

















85

9.5.2.3 Verifica a taglio
Le travi sono degli elementi armati specificatamente a taglio, per cui gli sforzi di taglio agente sono assorbiti
da unarmatura specifica disposta trasversalmente, formata da staffe, che si ancorano allarmatura
longitudinale predisposta per la verifica a flessione.

Il metodo di verifica basato sulla teoria del traliccio di Morsch. Questa teoria si basa sul fatto che il
meccanismo resistente non limitato alla singola sezione, ma si estende ad un tratto di trave.
Questo comportamento reale influenzato da differenti fattori:

- disposizione delle armature longitudinali e trasversali;
- aderenza acciaio-cls;
- forma della sezione;
- tipo e posizione dei carichi e appoggi.

In presenza di armature trasversali specifiche, il meccanismo resistente schematizzato con un traliccio
isostatico costituito da un corrente compresso, un corrente teso (armatura longitudinale inferiore), bielle
compresse (il calcestruzzo) e bielle tese (armatura trasversale).



dove

: angolo di inclinazione delle bielle di calcestruzzo (cio le fessurazioni derivanti dal posizionamento
dell'armatura trasversale)
: angolo di inclinazione delle armature trasversali
s : passo tra le armature trasversali
z : braccio della coppia interna


La verifica a taglio per strutture armate specificatamente disciplinata dalle NTC 2008 al paragrafo
4.1.2.1.3.2. Il valore dellinclinazione delle bielle di calcestruzzo deve essere compreso nei limiti:



cio


86

La norma definisce due azioni di taglio resistenti:

1) Resistenza del calcestruzzo danima (puntone)



dove

coefficiente relativo alla presenza di sforzo normale; nel nostro caso pari a 1
braccio della coppia di leva

larghezza (base) della trave

coefficiente di riduzione, per la norma assunto pari a 0,5


in quanto le staffe si dispongono usualmente in posizione verticale e quindi

Il valore massimo si ha per . Quindi tale resistenza viene calcolata ponendo e quindi
.


2) Resistenza dellarmatura trasversale (biella tesa)



dove

area dellarmatura trasversale


s interasse (passo) tra due armature trasversali consecutive

essendo, come detto prima, , la formula diventa:



Il valore massimo si ha per , ma essendoci la limitazione relativa allinclinazione delle bielle di
calcestruzzo il valore massimo possibile quello per .


Progetto
Per il progetto dellarmatura trasversale, si calcola il valore effettivo di , uguagliando le due
resistenze appena viste:



sostituendo i valori notevoli di alcuni coefficienti si ha:





dalla quale si pu ricavare :

87




Tale valore, che deve rispettare la condizione riportata allinizio, dipende, essendo gi definite la sezione e
le classi di calcestruzzo e acciaio, dal rapporto

tra area di armatura trasversale e relativo interasse


(passo). Quindi si sceglie larmatura trasversale da impiegare e il relativo passo.


Verifica
Scelti i valori di armatura e passo, si verifica la condizione relativa allinclinazione delle bielle compresse:

ovvero

Una volta soddisfatta tale condizione, si calcolano dunque i valori delle resistenze definite in precedenza:

(con )

(con )

Per garantire un collasso duttile, la resistenza dellarmatura deve essere minore di quella del calcestruzzo,
cio deve valere:



A questo punto si possono avere 3 casi (essendo il taglio agente indicato con

):

1)



2)



3)



Nei primi due casi la verifica non soddisfatta; necessario cambiare la sezione o la classe del calcestruzzo
e porre il taglio agente uguale alle due resistenze, ottenendo un sistema le cui incognite sono

(minimo)
e , al fine di ricadere nella situazione 3.

Nel terzo caso soddisfatta sia la verifica di resistenza (taglio agente minore di quelli resistenti) sia la
verifica di duttilit. Nel nostro caso si verificata questa condizione per ogni sezione.


88

9.5.2.4 Allungamento delle armature longitudinali
Agli appoggi, a causa della presenza del taglio, le armature longitudinali devono essere allungate di una
distanza pari a:



Essendo per ogni trave sempre (si vedano le tabelle di progetto riportate di seguito) e
, tutte le armature longitudinali sono allungate di:



Cio, approssimando:





































89

9.5.2.5 Tabelle con i valori di armatura scelti




90




91




92




93





























94

10 Predimensionamento pilastri

10.1 Analisi dei carichi
Per effettuare il predimensionamento dei pilastri si sono considerati i seguenti carichi:

- le reazioni delle travi agli appoggi, determinate durante il predimensionamento delle stesse;

- il carico agente sulla copertura delledificio e le relative reazioni;

- il peso proprio del pilastro.

Una tesa la parte di pilastro compresa tra due piani. Essendo i piani 8 + un piano interrato, ogni pilastro
composto da 9 tese.

10.1.1 Reazioni delle travi
Le reazioni delle travi sono determinate attraverso la procedura di calcolo basata sul metodo descritto nel
capitolo 6. Ogni tesa di pilastro soggetta alla reazione della trave relativa in corrispondenza dellappoggio,
costituito proprio dalla tesa stessa.

10.1.2 Carico della copertura
Il carico della copertura stato calcolato nel punto 5.3.4 ed composto dalle seguenti azioni:

-

: peso proprio della struttura portante, carico permanente strutturale.



-

: peso proprio degli elementi non strutturali, un carico permanente non


strutturale.

Inoltre vi il carico della neve, calcolato nel punto 5.1, pari a:




Questi carichi vanno a sollecitare la copertura. La combinazione sfavorevole, che d il carico massimo
agente, la seguente:




La reazione della generica trave del solaio di copertura quindi uguale a:



Dove

sono le aree di influenza di solaio e travi che si appoggiano poi sul relativo pilastro, e
dove

il carico della trave, definito come (con la combinazione sfavorevole):




95

Il primo addendo si riferisce al peso per unit di superficie delle travi, mentre gli altri due sono i carichi della
sovrastruttura e della neve, che agiscono sulle travi di copertura oltre che sulle solette di copertura.

10.1.3 Peso proprio
Il peso proprio dei pilastri inizialmente incognito in quanto incognite sono le dimensioni della sezione.
Esso vale:



Dove H laltezza della tesa. Tutte le tese hanno la stessa altezza, pari a:



mentre b e h sono incognite e sono state determinate con il procedimento descritto di seguito.



































96

10.2 Dimensioni sezione
Per il progetto si scelto di utilizzare pilastri con sezione quadrata b=h, come si pu osservare in figura:


Per determinare la sezione dei pilastri si considerato inizialmente la presenza di solo sforzo normale, ed
stata utilizzata la relazione dello sforzo normale ridotto:

per i pilastri di bordo:



per i pilastri intermedi:



Il denominatore della relazione (

) rappresenta la massima forza di compressione che pu


sopportare il pilastro, di conseguenza imponendo la relazione minore o uguale a 0,7 si permette al pilastro
di lavorare al massimo allo 0,7 dello sforzo normale massimo sopportabile (cautelativo per i pilastri di
bordo), mentre imponendola minore o uguale a 1 si pu utilizzare tutta la resistenza a compressione del
pilastro.

Si progetta il pilastro partendo dalla prima tesa in alto, considerando che procedendo verso il basso la
sezione del pilastro sar maggiore a causa dellaumento dello sforzo normale agente sulle tese.

Infatti la tesa pi in alto sar soggetta solo alla reazione dovuta alla copertura e al proprio peso, mentre
andando verso il basso, ogni tesa sar soggetta al proprio peso, alla reazione delle travi del relativo piano e
ai pesi propri delle tese superiori e alle reazioni delle travi superiori.

Ad esempio, per quanto riguarda la prima tesa del pilastro P1, per determinare lo sforzo normale agente
N
sd
, si considera il peso proprio della tesa e la reazione dovuta alla copertura R
c
:



Dove H
1
rappresenta laltezza della prima tesa del pilastro (interpiano). Come gi detto tutte le tese hanno
la stessa altezza, pari a:



Sostituendo nella relazione dello sforzo normale ridotto e sviluppando si ottiene (pilastri di bordo):


97







Quindi:

pilastri di bordo:




pilastri intermedi:




Per le tese successive, come gi detto, ci saranno in aggiunta le reazioni dei piani successivi e i pesi propri
delle tese successive.

Con tale metodo sono state quindi calcolate le dimensioni della sezione di tutte le tese di tutti i pilastri
delledificio e si sono poi scelte le dimensioni effettive, tenendo presente che da normativa (NTC 2008), le
dimensioni minime del pilastro sono:



Si riportano di seguito le dimensioni dei pilastri scelte con questo metodo di predimensionamento.





98


























99

10.3 Prescrizioni di armatura
La normativa (NTC 2008) al punto 7.4.6.2.2 impone, per larmatura longitudinale dei pilastri:



cio



Ogni tesa quindi, a seconda delle dimensioni, avr unarmatura minima ed una massima.

Inoltre linterasse delle barre longitudinali deve essere . Il copriferro, come calcolato allinizio,
dovr essere invece di 35 mm.

10.4 Dimensionamento a flessione e sforzo normale
Con i valori delle dimensioni della sezione scelti in precedenza si sono calcolati i pesi propri effettivi, e
conoscendo le reazioni delle travi scaricate sui pilastri si sono ricalcolati gli sforzi normali agenti Nsd. Inoltre
in questa fase del dimensionamento si sono considerati i momenti di incastro delle travi continue, che
erano state schematizzate come travi continue a pi appoggi ma incastrate alle estremit, per tenere conto
degli effetti flessionali non trascurabili per i pilastri di bordo.

Per tali pilastri quindi si utilizzato il metodo del diagramma di interazione. in sostanza, conoscendo lo
sforzo normale Nsd e il momento flettente Msd agenti, si utilizzato un diagramma a rosetta come quello
indicato nella seguente figura:

Il diagramma di interazione definito in base alla geometria del pilastro e allarmatura disposta;
inizialmente quindi si sono considerate le dimensioni di sezione ricavate dal predimensionamento (punto
10.2) e una certa quantit di armatura di ipotesi (4 fi 22).
In base alla sezione e allarmatura ipotizzate si possono calcolare le forze resistenti:

C = forza resistente di compressione (relativa al calcestruzzo);
S = forza resistente dellarmatura inferiore;
S = forza resistente dellarmatura superiore.

Con queste forze si possono calcolare lo sforzo normale resistente Nrd e il momento resistente Mrd, che
definiscono il dominio indicato in figura. Quindi si effettua la verifica riportando sugli assi i valori degli sforzi
agenti e verificando di essere allinterno del dominio di resistenza.
Il procedimento stato iterativo, ossia si sono costruiti vari diagrammi di interazione derivanti da
determinate dimensioni della sezione e armature scelte, fino a soddisfare la verifica.
-1E+08
0
100000000
200000000
300000000
400000000
500000000
600000000
700000000
-6000000 -4000000 -2000000 0 2000000
M

N
100

10.5 Tabelle riepilogative
Vengono riportati i risultati ottenuti, mostrando le dimensioni definitive della sezione e il quantitativo di
armatura longitudinale inserito in ogni pilastro.













101






10.6 Armatura trasversale
Le indicazioni progettuali per il dimensionamento dellarmatura trasversale, secondo le NTC 2008, sono le
seguenti:

- le armature trasversali devono essere poste ad interasse non maggiore di 12 volte il diametro
minimo delle barre impiegate per larmatura longitudinale (massimo 250 mm);

- il diametro delle staffe non deve essere minore di 6 mm e di del diametro massimo delle barre
longitudinali.

Non essendo il pilastro progettato per resistere ad azioni taglianti, in quanto le azioni orizzontali agenti
sulledificio sono tutte assorbite dai controventi, non stato effettuato un calcolo per larmatura
trasversale, ma stata inserita unarmatura che soddisfasse il requisito minimo (NTC 2008, 7.4.6.2.2):



quindi



Si sono scelte 2 staffe di diametro 8 mm, con passo pari a 150 mm.

Quindi



condizione verificata in quanto








102

Predimensionamento controventi
Controventi
Le strutture sono classificate come:
- controventate;
- non controventate.
il controvento deve avere le seguenti caratteristiche:
- elevata rigidezza flessionale e di taglio;
- deve essere incastrato a fondazioni adeguate;
- deve essere capace di assorbire tutte le forze orizzontali.
Per lanalisi si considera la struttura a nodi fissi per cui nellanalisi globale gli effetti del II ordine sono
trascurabili.
In particolare gli effetti del secondo ordine negli edifici possono essere trascurati se


Dove:

il carico verticale totale delledificio allo SLU (su elementi controventati e di controvento);

il numero di piani;

un coefficiente numerico (valore raccomandato 0,31). Pu essere sostituito con

(valore
raccomandato 0,62) se gli elementi di controvento non sono fessurati allo stato limite ultimo. Si
utilizzer k1 per la verifica;

il valore di progetto del modulo di elasticit del calcestruzzo;


laltezza totale delledificio al di sopra del vincolo flessionale;

il momento di inerzia dellarea (riferita alla sezione di calcestruzzo non fessurata)


dellelementi/degli elementi di controvento.
Si riportano di seguito i valori utilizzati:
Fv,Ed [kN] 62881.99
ns 8
L [m] 24.38
Ecd [kPa] 31447161
k1 0.31
k2 0.62
fcd (C25/30) [MPa] 14.167
fck [MPa] 24.9

Lespressione valida se tutte le seguenti condizioni sono soddisfatte:
103

Linstabilit torsionale non rilevante, cio la struttura ragionevolmente simmetrica;
Le deformazioni globali dovute al taglio sono trascurabili (es. in un sistema di controvento costituito
prevalentemente da muri di taglio senza grandi aperture);
Gli elementi di controvento sono fissati rigidamente alla base, cio le rotazioni sono trascurabili;
La rigidezza degli elementi di controvento ragionevolmente costante lungo laltezza;
Il carico verticale totale aumenta approssimativamente della stessa quantit per ogni piano.
stata eseguita una prima verifica della resistenza dei controventi introdotti (due vani ascensore) di cui
stata calcolata linerzia secondo il seguente schema.

Sistema
locale
Ascensore
Elemento 1 Elemento 2
b [m] 0.25 1.5
h [m] 2 0.25
A [m
2
] 0.5 0.375
Sx [m
4
] 1.0469
Yg [m] 0.7614
Xg [m] 1

La verifica non soddisfatta per cui necessario introdurre opportuni setti di controvento di dimensioni, e
quindi inerzie idonee a garantire la stabilit. Si riportano di seguito i risultati, mentre dalla tavola della
carpenteria si pu osservare la disposizione dei controventi. In particolare i setti in direzione y, sono stati
inseriti nei muri laterali del vano scala.

104

Controventi
ascensore 1 (dx)
I'
x1
[m
4
] 0.1951
direzione x 65457.13693 verificato
I''
x1
[m
4
] 0.1538
I'''
x1
[m
4
] 0.1951
I'
y1
[m
4
] 0.3854
I''
y1
[m
4
] 0.0703
I'''
y1
[m
4
] 0.4141
ascensore 2 (sx)
I'
x2
[m
4
] 0.1951
direzione y 66967.71219 verificato
I''
x2
[m
4
] 0.1538
I'''
x2
[m
4
] 0.1951
I'
y2
[m
4
] 0.3854
I''
y2
[m
4
] 0.0703
I'''
y2
[m
4
] 0.4141 Lunghezza Base
Setti verticali (lungo i
lati corti)
I
x3
[m
4
] 0.9145
3.8 0.2

I
y3
[m
4
] 0.0025
I
x4
[m
4
] 0.9145
I
y4
[m
4
] 0.0025
I
x5
[m
4
] 0.9145
I
y5
[m
4
] 0.0025
I
x6
[m
4
] 0.9145
I
y6
[m
4
] 0.0025
Setti orizzontali (lungo i
lati lunghi)
I
x7
[m
4
] 0.0107
3 0.35

I
y7
[m
4
] 0.7875
I
x8
[m
4
] 0.0107
I
y8
[m
4
] 0.7875
I
x9
[m
4
] 0.0107
I
y9
[m
4
] 0.7875
I
x10
[m
4
] 0.0107
I
y10
[m
4
] 0.7875


Ripartizione azione orizzontali
Fissato il criterio di predimensionamento dei controventi, che si basa sulla necessit di avere una struttura
a nodi fissi, si pone ora il problema di determinare le sollecitazioni interne nei controventi. A questo
proposito, la filosofia adottata dallEC2 di progettare elementi di controvento capaci di assorbire e
trasmettere al terreno la totalit delle azioni orizzontali agenti sulla struttura. All'interno dell'organismo
strutturale si possono individuare due sistemi strutturali:
105

- quello costituito da travi e pilastri (telai piani) che ha il compito di trasferire al terreno di
fondazione le azioni gravitazionali agenti sugli impalcati;
- il sistema di controvento che ha il compito di assorbire le azioni orizzontali, oltre alle azioni
gravitazionali di competenza.
In realt non esiste una netta distinzione di ruoli tra i due sistemi strutturali: ci pu essere messo in
evidenza seguendo il "percorso" delle azioni orizzontali dalla struttura di elevazione alla struttura di
fondazione.
In generale, pertanto, gli elementi resistenti alle azioni orizzontali possono schematicamente classificarsi in
tre gruppi in base al tipo di risposta strutturale:
- telai piani (pilastri + travi), con rigidezza flessionale relativamente limitata nel loro piano e
trascurabile in direzione normale al loro piano, privi di apprezzabile rigidezza torsionale;
- muri strutturali singoli o accoppiati (vani ascensore e vani scale), incastrati alla base, con
trascurabili caratteristiche di rigidezza torsionale e flessionale nel piano di minore inerzia, ma
relativamente elevate nel piano di maggiore inerzia, intendendo per accoppiati quei muri con una o
pi file di aperture;
nuclei incastrati alla base con sezione sottile chiusa, dotati di elevata rigidezza torsionale ed elevata
rigidezza flessionale in qualsiasi piano.
Il problema della ripartizione delle azioni orizzontali su tutti gli elementi resistenti si pu quindi presentare
molto complesso e laborioso, per cui a seconda del grado dimportanza della struttura e delle incertezze del
modello strutturale compito del progettista decidere se sia sufficiente unanalisi semplificata oppure se
sia necessario un esame pi approfondito del problema.
In prima approssimazione comune assumere che le azioni orizzontali siano interamente assorbite dalla
struttura di controvento, ossia dai muri strutturali e dai nuclei aperti e chiusi, trascurando il contributo
offerto dai pilastri. Tale metodologia anche quella prevista dallEC2 per edifici controventati. Inoltre, in
zona sismica 4, per ripartire le forze orizzontali tra gli elementi della struttura di controvento
generalmente sufficiente adottare un metodo approssimato che consiste nel:
considerare solo l'impalcato del 1 livello;
applicare ad esso la risultante delle forze esterne nel rispettivo centro delle forze;
calcolare le reazioni opposte dai vari vincoli (queste per il principio di azione - reazione
sono uguali e contrarie alla quota di forza esterna sopportata dagli elementi resistenti alla
base dell'edificio);
ammettere che ai vari piani le forze orizzontali si ripartiscano proporzionalmente alle forze ripartite alla
base dell'edificio.
Distribuzione dovuta ai carichi del vento e delle imperfezioni geometriche
Sfruttiamo il metodo del centro di torsione

. Secondo le ipotesi fatte esso coincide con il


baricentro dei momenti dinerzia dei controventi introdotti, per cui:
106



Con dove il numero di controventi. Si ottiene dunque:


Centro di taglio Inerzie Momenti statici
Controvento x y I
x
I
y
I
x
*x I
y
*y
ASX 9.82 4.7 0.5441 0.8698 5.343 4.088
ADX 23.14 4.7 0.5441 0.8698 12.590 4.088
Setti verticali
ST3 7.855 9.99 0.9145 0.0025 7.184 0.025
ST4 10.785 9.99 0.9145 0.0025 9.863 0.025
ST5 22.17 9.99 0.9145 0.0025 20.275 0.025
ST6 25.1 9.99 0.9145 0.0025 22.955 0.025
Setti
orizzontali
ST7 5.82 0.175 0.0107 0.7875 0.062 0.138
ST8 27.135 0.175 0.0107 0.7875 0.291 0.138
ST9 5.82 12.065 0.0107 0.7875 0.062 9.501
ST10 27.135 12.065 0.0107 0.7875 0.291 9.501


SIx SIy SIx*x SIy*y


4.7892 4.8997 78.917 27.555


X
0
Y
0

16.48 5.62

Le forze agenti sono applicate nel baricentro della sezione di coordinate . La differenza tra la
posizione del baricentro delle masse e quello inerziale (centro di taglio) provoca un effetto torcente di
momento

.
La forza assorbita dal singolo controvento dovuta alle forze orizzontali pari a:


Visto che i carichi del vento e delle imperfezioni geometriche variano ai diversi livelli del telaio, si riportano
inizialmente i carichi relativi ai primi 4 piani, caratterizzati da carico del vento costante.
Vento KN
F
x
70.783
F
y
26.505
Imperfezioni KN
F
x
20.6
F
y
19.98


107

Forze assorbite dal controvento
Controvento Sx Sy
ASX 16.22 5.28
ADX 16.22 5.28
ST3 0.05 8.88
ST4 0.05 8.88
ST5 0.05 8.88
ST6 0.05 8.88
ST7 14.69 0.10
ST8 14.69 0.10
ST9 14.69 0.10
ST10 14.69 0.10

SSx SSy
91.38 46.49

Mentre la distribuzione dei carichi dovuta al momento agente in


Dove


Mo [kN*m] 56.37
A [m
6
] 362.18

Forze assorbite dovute a M0
Controvento Sx Sy
ASX 0.64 0.83
ADX 0.64 1.96
ST3 0.00 1.12
ST4 0.00 1.54
ST5 0.00 3.16
ST6 0.00 3.57
ST7 0.02 0.01
ST8 0.02 0.05
ST9 1.48 0.01
ST10 1.48 0.05

SSx(M0) SSy(M0)
4.29 12.28

Le azioni agenti totali, dovute ai carichi del vento e alle imperfezioni geometriche e date dalla somma dei
calcoli appena mostrati, sono:
Forze totali assorbite
Controvento Sxtot Sytot
ASX 16.86 6.11
108

ADX 16.86 7.24
ST3 0.05 9.99
ST4 0.05 10.41
ST5 0.05 12.03
ST6 0.05 12.45
ST7 14.71 0.11
ST8 14.71 0.15
ST9 16.17 0.11
ST10 16.17 0.15

SSxtot SSytot
95.67 58.77

Si riportano i risultati ottenuti per i restanti piani.
Solaio 5
Forze agenti e punto di applicazione
Vento KN y x
F
x
77.434 6.2 16.56
F
y
28.995 6.2 16.56
Imperfezioni KN y x
F
x
20.6 6.2 16.56
F
y
19.98 6.2 16.56
Momento (centro di taglio-baricentro) [KN*m]
Mo 60.40
A 362.18

Forze assorbite
dal controvento
Forze assorbite
dovute a M0
Forze totali
assorbite
Sx Sy Sx Sy Sxtot Sytot
17.40 5.63 0.68 0.89 18.08 6.53
17.40 5.63 0.68 2.10 18.08 7.73
0.05 9.47 0.00 1.20 0.05 10.67
0.05 9.47 0.00 1.64 0.05 11.12
0.05 9.47 0.00 3.38 0.05 12.85
0.05 9.47 0.00 3.83 0.05 13.30
15.76 0.11 0.02 0.01 15.78 0.12
15.76 0.11 0.02 0.05 15.78 0.16
15.76 0.11 1.58 0.01 17.34 0.12
15.76 0.11 1.58 0.05 17.34 0.16
SSx SSy SSx(M0) SSy(M0) SSxtot SSytot
98.03 49.60 4.60 13.16 102.63 62.76


109

Solaio 6
Forze agenti e punto di applicazione
Vento KN y x
F
x
83.505 6.2 16.56
F
y
31.269 6.2 16.56
Imperfezioni KN y x
F
x
20.6 6.2 16.56
F
y
19.98 6.2 16.56
Momento (centro di taglio-baricentro) [KN*m]
Mo 64.08
A 362.18

Forze assorbite
dal controvento
Forze assorbite
dovute a M0
Forze totali
assorbite
Sx Sy Sx Sy Sxtot Sytot
18.48 5.82 0.72 0.95 19.20 6.77
18.48 5.82 0.72 2.23 19.20 8.05
0.05 9.79 0.00 1.27 0.06 11.06
0.05 9.79 0.00 1.75 0.06 11.53
0.05 9.79 0.00 3.59 0.06 13.37
0.05 9.79 0.00 4.06 0.06 13.85
16.73 0.11 0.02 0.01 16.76 0.13
16.73 0.11 0.02 0.05 16.76 0.17
16.73 0.11 1.68 0.01 18.41 0.13
16.73 0.11 1.68 0.05 18.41 0.17
SSx SSy SSx(M0) SSy(M0) SSxtot SSytot
104.11 51.25 4.88 13.96 108.98 65.21

Solaio 7
Forze agenti e punto di applicazione
Vento KN y x
F
x
88.767 6.2 16.56
F
y
33.239 6.2 16.56
Imperfezioni KN y x
F
x
20.6 6.2 16.56
F
y
19.98 6.2 16.56
Momento (centro di taglio-baricentro) [KN*m]
Mo 67.27
A 362.18



110

Forze assorbite
dal controvento
Forze assorbite
dovute a M0
Forze totali
assorbite
Sx Sy Sx Sy Sxtot Sytot
19.41 6.05 0.76 0.99 20.17 7.04
19.41 6.05 0.76 2.34 20.17 8.38
0.06 10.16 0.00 1.33 0.06 11.50
0.06 10.16 0.00 1.83 0.06 11.99
0.06 10.16 0.00 3.77 0.06 13.93
0.06 10.16 0.00 4.26 0.06 14.43
17.58 0.12 0.03 0.01 17.60 0.13
17.58 0.12 0.03 0.05 17.60 0.17
17.58 0.12 1.76 0.01 19.34 0.13
17.58 0.12 1.76 0.05 19.34 0.17
SSx SSy SSx(M0) SSy(M0) SSxtot SSytot
109.37 53.22 5.12 14.66 114.48 67.88

Copertura
Forze agenti e punto di applicazione
Vento KN y x
F
x
93.421 6.2 16.56
F
y
34.982 6.2 16.56
Imperfezioni KN y x
F
x
9.87 6.2 16.56
F
y
10.21 6.2 16.56
Momento (centro di taglio-baricentro) [KN*m]
Mo 63.12
A 362.18

Forze assorbite
dal controvento
Forze assorbite
dovute a M0
Forze totali
assorbite
Sx Sy Sx Sy Sxtot Sytot
18.34 5.13 0.71 0.93 19.05 6.07
18.34 5.13 0.71 2.19 19.05 7.33
0.05 8.63 0.00 1.25 0.06 9.88
0.05 8.63 0.00 1.72 0.06 10.35
0.05 8.63 0.00 3.53 0.06 12.16
0.05 8.63 0.00 4.00 0.06 12.63
16.60 0.10 0.02 0.01 16.63 0.11
16.60 0.10 0.02 0.05 16.63 0.15
16.60 0.10 1.66 0.01 18.26 0.11
16.60 0.10 1.66 0.05 18.26 0.15
SSx SSy SSx(M0) SSy(M0) SSxtot SSytot
103.29 45.19 4.80 13.75 108.09 58.95


111

Distribuzione dei carichi sismici
Le forze orizzontali relative ai carichi sismici sono state calcolate in precedenza e si riportano qui di seguito.
Piano W
piano
(kN) F
h
(kN) z
i
(m) W*z
i
(kN*m) F
i
(kN)
1 3751.68 1698.03 2.87 10767.33 50.15
2 3834.77 1698.03 5.91 22663.50 105.56
3 3834.77 1698.03 8.95 34321.20 159.86
4 3834.77 1698.03 11.99 45978.91 214.16
5 3834.77 1698.03 15.03 57636.61 268.46
6 3834.77 1698.03 18.07 69294.31 322.76
7 3834.77 1698.03 21.11 80952.02 377.06
copertura 1778.03 1698.03 24.15 42939.37 200.00
Totale 28538.3376 13584.2487 364553.25 1698.03

Per gli edifici, se le rigidezza laterali e le masse sono distribuite simmetricamente in pianta, gli effetti
torsionali accidentali di cui al par.7.2.6 possono essere considerati amplificando le sollecitazioni su ogni
momento resistente, calcolate con la distribuzione fornita dalla formula (*), attraverso il fattore
risultante dalla seguente espressione:


dove:
- la distanza dellelemento resistente verticale dal baricentro geometrico di piano, misurata
perpendicolarmente alla direzione dellazione sismica considerata;
-

la distanza tra i due elementi resistenti pi lontani, misurata allo stesso modo.
Si riportano di seguito i dati ed i risultati conseguiti.
Forza sismica assorbita dai controventi

direzione x
Le [m] Controvento y Sx 1 Sx 2 Sx 3 Sx 4 Sx 5 Sx 6 Sx 7 Sx copertura
11.89 ASX 1.50 1.08 53.95 113.55 171.96 230.37 288.78 347.19 405.60 53.95
ADX 1.50 1.08 53.95 113.55 171.96 230.37 288.78 347.19 405.60 53.95
Setti
verticali
ST3 3.79 1.19 59.74 125.75 190.44 255.12 319.81 384.49 449.18 59.74
ST4 3.79 1.19 59.74 125.75 190.44 255.12 319.81 384.49 449.18 59.74
ST5 3.79 1.19 59.74 125.75 190.44 255.12 319.81 384.49 449.18 59.74
ST6 3.79 1.19 59.74 125.75 190.44 255.12 319.81 384.49 449.18 59.74
Setti
orizzontali
ST7 6.03 1.30 65.40 137.66 208.47 279.28 350.08 420.89 491.70 65.40
ST8 6.03 1.30 65.40 137.66 208.47 279.28 350.08 420.89 491.70 65.40
ST9 5.87 1.30 65.00 136.81 207.18 277.55 347.92 418.29 488.66 65.00
ST10 5.87 1.30 65.00 136.81 207.18 277.55 347.92 418.29 488.66 65.00
SSx 607.67 1279.04 1936.96 2594.88 3252.80 3910.71 4568.63 607.67

direzione y
Le [m] Controvento x Sy 1 Sy 2 Sy 3 Sy 4 Sy 5 Sy 6 Sy 7 Sy copertura
21.315 ASX 6.74 1.34 67.21 141.46 214.22 286.98 359.74 432.51 505.27 67.21
ADX 6.58 1.33 66.81 140.63 212.96 285.30 357.63 429.97 502.30 66.81
Setti
verticali
ST3 8.70 1.44 72.18 151.92 230.07 308.22 386.36 464.51 542.66 72.18
ST4 5.77 1.29 64.76 136.32 206.43 276.55 346.67 416.79 486.91 64.76
ST5 5.61 1.28 64.36 135.46 205.14 274.81 344.49 414.17 483.84 64.36
ST6 8.54 1.43 71.77 151.07 228.77 306.48 384.18 461.89 539.59 71.77
Setti
orizzontali
ST7 10.74 1.54 77.33 162.76 246.49 330.21 413.93 497.66 581.38 77.33
ST8 10.58 1.53 76.92 161.91 245.19 328.47 411.75 495.03 578.32 76.92
ST9 10.74 1.54 77.33 162.76 246.49 330.21 413.93 497.66 581.38 77.33
ST10 10.58 1.53 76.92 161.91 245.19 328.47 411.75 495.03 578.32 76.92

SSy
715.58 1506.19 2280.94 3055.70 3830.45 4605.21 5379.96 715.58

112

A titolo di esempio si riportano i carichi agenti sul setto 3. Va considerato che i carichi sismici sono
oscillatori quindi agiscono in entrambe le direzioni.
Con carichi sismici concordi a quelli del vento e delle imperfezioni si ha:
Forze orizzontali ai vari livelli assorbite setto 3

imperfezioni e
vento
sisma
SSx SSy SSx SSy SSxtot SSytot
[kN] [kN] [kN] [kN] [kN] [kN]
1 95.67 58.77 59.74 72.18 155.42 130.95
2 95.67 58.77 125.75 151.92 221.42 210.69
3 95.67 58.77 190.44 230.07 286.11 288.84
4 95.67 58.77 255.12 308.22 350.79 366.98
5 102.63 62.76 319.81 386.36 422.44 449.12
6 108.98 65.21 384.49 464.51 493.47 529.72
7 114.48 67.88 449.18 542.66 563.66 610.53
copertura 108.09 58.95 59.74 72.18 167.84 131.12

Mentre nel caso di versi discordi.
Forze orizzontali ai vari livelli assorbite setto 3

imperfezioni e
vento
sisma
SSx SSy SSx SSy SSxtot SSytot
[kN] [kN] [kN] [kN] [kN] [kN]
1 95.67 58.76685 59.74434 72.17828 35.93 -13.41
2 95.67 58.76685 125.7522 151.9237 -30.08 -93.16
3 95.67 58.76685 190.4369 230.0705 -94.77
-
171.30
4 95.67 58.76685 255.1217 308.2174
-
159.45
-
249.45
5 102.62 62.75519 319.8064 386.3642
-
217.18
-
323.61
6 108.98 65.21095 384.4911 464.5111
-
275.51
-
399.30
7 114.48 67.87585 449.1759 542.658
-
334.69
-
474.78
copertura 108.09 58.94626 59.74434 72.17828 48.35 -13.23