Sei sulla pagina 1di 4

Salve premetto che non sono bravo nel redigere articoli quindi mi scuso se in esso troverete errori.

Lo scopo di questo articolo sollevare delle domande sulle prestazioni assolute e compararle con le prestazioni Master. Vorrei partire da una ipotesi: se una nazione ha una tradizione, quindi una scuola, una cultura in una determinata disciplina, questa cultura la dovremmo ritrovare nel tempo e nelle categorie. Analizzare quindi i dati e trovare analogie e discrepanze. Lobbiettivo principale non rispondere a delle domande, ma fa nascere dei quesiti. Innanzi tutto volevo circoscrivere la mia analisi (sia per il poco tempo, sia per un fatto prettamente di reperibilit), allandamento del ranking mondiale sui 400 metri maschili. Se analizzo per nazioni i primi 40 Atleti al mondo nel 2013 mi escono queste cifre (fonte sito IAAF):
Nazione BAH BEL BRA CUB CZE DOM GBR GRN ITA JAM KSA RSA TRI USA atleti 4 2 2 1 1 2 3 1 1 4 1 1 2 15

In giallo sottolineo la nazioni che possono vantare pi di due atleti. Questo potrebbe far supporre una certa cultura nella disciplina (caso singolare il Belgio con i due gemelli Borle). Ora Facciamo una fotografia di 14 anni fa e vediamo se in questi anni cambiato lo scenario: ovvero il Ranking mondiale nel 1999 (fonte sito IAAF):
Nazione BAH BRA ESP FRA GBR GER JAM KEN MEX NGR POL RSA SEN SRI TRI UGA USA ZIM Atleti 2 1 1 1 2 1 5 1 1 1 2 2 1 1 1 1 15 1

Osservazioni: Si nota una costanza nelle nazioni che storicamente sviluppano buoni 400metristi ovvero Usa, Giamaica, Gran Bretagna, Bahamas; gli esponenti europei sono pressoch invariati ( 7 contro 6) calano gli atleti africani (da 5 a 2). Il tutto credo in un ottica di variabilit aspettata. Ora voglio confrontare i dati sopra esposti con il Ranking mondiale delle categorie M35 e M40, ovvero la categoria Master che assorbe ancora gli atleti assoluti longevi e la prima vera categoria Master, anche perch coloro che avevano 26-28 anni nel 1999, in pieno periodo di punta, oggi hanno pi di 40 anni. Parto quindi dal presupposto che se esiste una certa scuola e quindi una certa cultura, magari con percentuali e quantitativi differenti dovremmo trovare lo stesso trend. Non troveremo magari gli stessi nomi del 1999 ma comunque la prova di una storicit, di una tradizione. Ed escono le seguenti tabelle: Ranking 400 m M35 (fonte Masters Athletics Track and Field Statistics) I primi 40 atleti:
Nazione ARG AUS BEL BRA CZE ESP FRA GBR GER GRN ITA JPN LTU MOR NED NGR NOR RSA RUS TRI USA Atleti 1 2 1 1 2 1 6 4 1 1 4 1 2 2 1 1 1 1 1 1 5

Ranking 400 m M40 (fonte Masters Athletics Track and Field Statistics) I primi 40 atleti
Nazione AUS AUT BRA CAN CRO ESP FRA GBR GER ITA JPN NED SWE USA Atleti 1 1 2 2 1 3 3 4 3 7 3 1 3 6

Analisi:

1. 2. 3. 4.

in primis spariscono gli atleti caraibici e africani. permane una presenza della Gran Bretagna e degli Stati Uniti aumenta in modo considerevole la presenza degli atleti europei (24 contro 7) credo che si possa parlare di anomalia italiana (?)

Riassumo le tabelle:
ranking mondiale 400 metri M35 M40 1999 rk 2013 rk2012 rk 2012 1 2 1 1 2 4 2 1 1 2 1 2 2 1 1 1 2 2 1 1 3 1 6 3 2 3 4 4 1 1 3 1 1 1 4 7 5 4 1 3 1 1 2 1 2 1 1 1 1 1 2 2 1 1 1 1 1 3 1 2 1 1 15 15 5 6 1

naz ARG AUS AUT BAH BEL BRA CAN CRO CUB CZE DOM ESP FRA GBR GER GRN ITA JAM JPN KEN KSA LTU MEX MOR NED NGR NOR POL RSA RUS SEN SRI SWE TRI UGA USA ZIM

Vorrei parlare di anomalia italiana perch oltre ad essere presente nella categoria M35 (come Francia e Spagna), diviene la nazione con pi atleti nella categoria M40, uno in pi degli Usa. Secondo la mia supposizione, ovvero che questi numeri dovrebbero rispecchiare una certa cultura della disciplina, lItalia un caso anomalo, non dovrebbe avere una tale rappresentanza nella categoria M40.

Conclusioni: Con questa analisi, fortemente limitata ad una sola specialit, vorrei proporre le seguenti motivazioni: 1. probabilmente i paesi europei godendo di un benessere maggiore rispetto ad altre nazioni, pu consentire una certa disponibilit di tempo e risorse per gli atleti over 35. 2. nelle nazioni europee pi sentita la presenza dei master. 3. possibile che ci sia qualcosa di strutturale nel caso Italia, nel senso e mi riallaccio ad altri articoli letti, non che soffriamo di semiprofessionismo? Rispetto a nazioni come Usa e GBR? E che quindi una volta passata la fase professionistica e lavorando con le stesse risorse si denota che in Italia ci sarebbero le potenzialit di un atletica al vertice? 4. Potrebbe essere un fattore genetico presente nelle popolazioni latine del mediterraneo che limita il decadimento prestazionale presente con lavanzare dellet e quindi una volta comparati con le altre nazioni risultiamo pi forti? 5. Oppure gli atleti italiani sono dei debosciati quando sono giovani e mettono giudizio, allenandosi correttamente in et matura? 6. oppure gli atleti assoluti sono allenati male , mentre abbiamo un buon metodo per i master? 7. oppure, con pesi variabili possono essere presenti tutti questi fattori. Mi piacerebbe che qualcuno mi illuminasse, valutazione. magari indicando un mio eventuale errore di Simone Zarantonello