Sei sulla pagina 1di 22

Pressione atmosferica Origine del vento Misura del vento Classificazione del vento

Vento

Pressione atmosferica
La Terra esercita una forza di attrazione gravitazionale su tutti gli elementi che sono su di essa o che la circondano, atmosfera compresa.

La pressione atmosferica il rapporto fra la forza e larea della superficie sulla quale si esercita: P = F/S. Lunit di misura della pressione nel sistema internazionale (S.I) il Pascal o Pa che il rapporto N/m2
Alle nostre latitudini, al livello del mare e alla temperatura di 0 C, la pressione media corrisponde al peso di una colonna di mercurio di 1 cm2 di superficie e di ~760 mm di altezza (1013 hPa = 1013 millibar = 1,013 bar = 1 atm) Per passare da hPa a mmHg, si moltiplica per 0,75 e per linverso di deve moltiplicare per circa 1,333.

Pressione atmosferica Origine del vento Misura del vento Classificazione del vento

Vento

Pressione atmosferica
Ogni variazione della pressione, in un qualsiasi punto dell'atmosfera, dovuta ad una variazione della massa d'aria contenuta nella sezione unitaria sovrastante quel punto (temperatura e contenuto di umidit). La pressione atmosferica diminuisce con l'altitudine : circa 1 mbar ogni 8,5 metri Le variazioni orizzontali sono importanti in quanto dirette responsabili dello spostamento delle masse d'aria.

Pressione atmosferica Origine del vento Misura del vento Classificazione del vento

Vento

Gradiente barico orizzontale


Rapporto tra la differenza di pressione tra due punti (posti a livello del mare) e la loro distanza Differenza di pressione espressa in hPa sulla distanza di 1 di latitudine cio pari a 111 km Es. fra due punti distanti 222 km, cio due unit di lunghezza di 111 km, la differenza di pressione 4 hPa (1010-1006), il valore numerico del gradiente sar: 4:2 = 2

Pressione atmosferica Origine del vento Misura del vento Classificazione del vento

Vento

Origine del vento


L'aria tende a muoversi da una zona ad alta pressione a una di bassa quindi ogni movimento dell'atmosfera determinato dall'instaurarsi di un gradiente barico fra due masse d'aria genera vento. Un gradiente normale di solito inferiore a 2 Gradienti che superano il valore di 4 o 5 determinano venti molto violenti -> velocit di oltre 100 km h-1

Pressione atmosferica Origine del vento Misura del vento Classificazione del vento

Vento

Linee isobariche
La pressione atmosferica non uniforme sulla superficie terrestre. Sulle carte meteorologiche i punti alla medesima pressione sono uniti da linee dette isobare. Le isobare si chiudono a cerchio attorno ai nuclei di alta e bassa pressione. Isobare ravvicinate indicano condizioni di instabilit e di forti venti.

Pressione atmosferica Origine del vento Misura del vento Classificazione del vento

Vento

Misura del vento


Per definire il vento si indica la direzione di provenienza, la velocit, il vento filato. La velocit del vento viene generalmente espressa in metri al secondo, in chilometri all'ora (1 m sec-1 = 3,6 km ora-1) o in nodi (1 nodo = 1 miglio nautico all'ora; 1 miglio nautico = 1852 metri). Lo strumento che misura la velocit del vento detto anemometro. Vento filato nelle 24 ore: rappresenta lo spazio percorso da una ipotetica massa d'aria; si calcola moltiplicando il valore della velocit media giornaliera del vento per 24 se questa espressa in km ora-1 o per 86.400 (60 secondi per 60 minuti per 24 ore) se espressa in m sec-1.

Pressione atmosferica Origine del vento Misura del vento Classificazione del vento

Vento

Scala di Beaufort
Grado o forza
0
1 2 3 4 5 6 7

Termine
Calma
Bava di vento Brezza leggera Brezza tesa Vento moderato Vento teso Vento fresco Vento forte

Velocit (km.h-1)*
<1
1-5 6-11 12-19 20-28 29-38 39-49 50-61

Effetto visivo
Calma di vento, il fumo sale verticalmente
Fumo piegato dal vento, banderuole ferme Il vento si sente sul volto, foglie e banderuole in movimento Foglie e ramoscelli in costante movimento Polvere e pezzi di carta sollevati dal vento, rametti agitati Gli arbusti cominciano a ondeggiare, le acque si increspano Grossi rami agitati, ombrelli usati con difficolt, i fili delle linee elettriche sibilano Alberi agitati, difficile camminare controvento Rami spezzati, praticamente impossibile procedere controvento Danni leggeri agli edifici, asportazione di comignoli e tegole Alberi sradicati, danni considerevoli agli edifici

8
9 10

Burrasca
Burrasca forte Tempesta

62-74
75-88 89-102

*I valori si riferiscono ad una altezza di 10 metri e a terreno piatto e scoperto

Pressione atmosferica Origine del vento Misura del vento Classificazione del vento

Vento

Classificazione del vento


I venti si classificano in costanti, periodici, locali e ciclonici.

Venti costanti
Soffiano tutto l'anno sempre nella stessa direzione e nello stesso senso. Sono: alisei, che si generano nelle zone anticicloniche tropicali e convergono verso quelle equatoriali; venti extratropicali, che spirano nelle fasce equatoriali dove, per effetto del riscaldamento, si formano masse ascendenti di aria calda e umida; venti occidentali, che spirano tra i 35 e i 60 e da sud-ovest a nord-est nell'emisfero boreale e da nord-ovest a sud-est in quello australe.

Pressione atmosferica Origine del vento Misura del vento Classificazione del vento

Vento

Classificazione del vento


Venti costanti

Pressione atmosferica Origine del vento Misura del vento Classificazione del vento

Vento

Classificazione del vento


Venti periodici
Invertono periodicamente il loro senso. Sono i monsoni, gli etesi e le brezze. Il periodo stagionale per i monsoni e gli etesi e diurno per le brezze.

Pressione atmosferica Origine del vento Misura del vento Classificazione del vento

Vento

Classificazione del vento


Monsoni
Durante il periodo estivo i continenti si riscaldano maggiormente rispetto agli oceani circostanti. Si sviluppano in questo modo aree continentali di bassa pressione verso le quali convergono i venti (monsoni estivi) che portano piogge perch provengono dal mare. D'inverno avviene il contrario: gli oceani si raffreddano meno dei continenti e diventano zone di bassa pressione verso le quali spirano i monsoni invernali, provenienti dalla terra e quindi portatori di aria secca.
Gennaio

Luglio

Pressione atmosferica Origine del vento Misura del vento Classificazione del vento

Vento

Classificazione del vento


Etesi (dal greco tos, anno) spirano, durante lestate, dal Mare
Egeo allEgitto, e in senso opposto durante linverno

Brezze
Si dividono in brezze di mare e di terra e in brezze di valle e di monte

Pressione atmosferica Origine del vento Misura del vento Classificazione del vento

Vento

Classificazione del vento


Brezze di mare e di terra
Le brezze seguono con un certo ritardo l'andamento giornaliero della temperatura dell'aria sulla terra e sul mare.La brezza di mare comincia a spirare verso le 10 del mattino, aumenta progressivamente di intensit fino alle1314 e poi si attenua fino ad estinguersi intorno alle 20. Segue un periodo di calma di vento di circa 2 ore e poi, intorno alle 22, comincia a spirare la brezza di terra, che si protrae fino alle 8 del mattino successivo con punte massime intorno alle 4-6.

Pressione atmosferica Origine del vento Misura del vento Classificazione del vento

Vento

Classificazione del vento


Brezze di mare e di terra Alle nostre latitudini la velocit massima della brezza di mare si aggira intorno ai 15-25 km ora-1 e quella della brezza di terra intorno ai 10-12 km ora-1. Ampiezza: 30-40 km dalla costa per la brezza di mare e di 1012 km per quella di terra.

Pressione atmosferica Origine del vento Misura del vento Classificazione del vento

Vento

Classificazione del vento


Brezze di valle e di monte Si originano per la diversa temperatura dell'aria della pianura e dei rilievi. Lo strato di aria che circonda i rilievi si riscalda e si raffredda pi intensamente dellaria che sovrasta la pianura, per cui si genera un gradiente termo-barico diretto verso la montagna che a sua volta provoca uno spostamento d'aria nella stessa direzione; durante la notte il gradiente si inverte e pertanto anche le correnti locali mutano direzione.

Pressione atmosferica Origine del vento Misura del vento Classificazione del vento

Vento

Classificazione del vento


Venti irregolari (o ciclonici o cicloni)
Venti irregolari, violentissimi e distruttivi, dotati di movimento vorticoso; essi prendono nomi diversi secondo le localit: uragani (dallamerindio huracanes), nelle Antille e sulle coste americane dellAtlantico; tifoni (dal cinese tai fung, vento violento), nel Mar Giallo e nelle Filippine; tornados (dallo spagnolo tornado, derivato da torno, giro,vortice), nelle grandi pianure degli USA e nellAustralia.

Pressione atmosferica Origine del vento Misura del vento Classificazione del vento

Vento

Classificazione del vento


Venti locali (o variabili) Sono tipici delle zone temperate dove soffiano irregolarmente quando si vengono a creare zone cicloniche e anticicloniche. Sono moltissimi e spesso legati alla nomenclatura locale, a seconda delle zone in cui si generano (es. scirocco, mistral, fohn, ghibli).

Pressione atmosferica Origine del vento Misura del vento Classificazione del vento

Vento

Classificazione del vento


Venti locali

Influenza del vento sulle colture


Il vento ha influenza sulle colture per i seguenti motivi: -aumenta lET poich laria, mossa dal vento, meno umida; -favorisce lessiccazione del suolo; -favorisce lessiccazione delle produzioni; -determina la % dimpollinazione delle piante; -influenza la diffusione dei semi di piante infestanti a disseminazione anemofila; -pu causare alterazioni delle gemme dei rami e dei fusti; -pu provocare allettamenti delle colture erbacce; -pu provocare stroncamento o sradicamento di alberi e arbusti; -pu determinare trasporto di sali e sostanze inquinanti presenti nellacqua del mare; -pu determinare erosione eolica; -pu influenzare lo stato sanitario della piante

Difesa dal vento


La difesa agronomica contro i venti pericolosi si attua tramite frangivento (morti o vivi). Il frangivento agisce sia riducendo lenergia cineteca della massa daria in movimento sia deviandola dalle colture. I frangivento morti sono solitamente costituiti da cannicciate ma possono essere anche reti di polietilene fissate al suolo con appositi pali. I frangivento vivi sono rappresentati da alberi o arbusti di discreta taglia disposti perpendicolarmente alla direzione del vento dominante. Lazione di difesa del frangivento inizia sopravento, circa 1-3 volte laltezza delle piante, e continua sottovento per una distanza pari a circa 10-15 volte laltezza delle piante che costituiscono la barriera. Una barriera frangivento alta 10 metri avr quindi una protezione sopravento di circa 10-30 m e sottovento di circa 100-150 m .

Difesa dal vento


Lefficacia del frangivento non dipende tanto dalla sua impermeabilit allaria ma quanto dalla sua giusta permeabilit che deve essere di circa il 50 %.

Molto importante per lefficacia del frangivento il profilo della sua sezione trasversale. In relazione a ci il frangivento deve essere costituito nella parte sopravento, da file di alberi o arbusti progressivamente crescenti in altezza e nella parte sottovento da file di alberi o arbusti progressivamente decrescenti.

Difesa dal vento


I frangivento, oltre ad essere una difesa meccanica dal vento, un ostacolo al trasporto della salsedine e di sostanze inquinanti sono, cosa molto importante, un mezzo per incrementare la produzione di biomassa della coltura poich riducono la perdita di acqua dal suolo per evaporazione. Accanto a questi vantaggi ci sono degli svantaggi rappresentati da: sottrazione di superficie coltivabile e ombreggiamento colture che risulta massima se i filari sono orientati in direzione E-O ; competizione con le colture verso acqua ed elementi nutritivi; possibilit di essere ospiti di parassiti delle colture: aumento del pericolo di brinate primaverili nella zona immediatamente sottovento perch laria, poco rinnovata, pi ricca di umidit. Una cosa da non sottovalutare nella costituzione dei frangivento che le specie arboree da utilizzare devono avere legno di buona qualit in quanto la barriera a fine carriera agronomica e il legname pu rappresentare un reddito non indifferente per lAzienda.