Sei sulla pagina 1di 5

Gruppo confederale della Sinistra unitaria al Parlamento europeo (GUE-NGL) SCHEDA A cura di: Francesco Maringi

Il GUE/NGL il Gruppo confederale al Parlamento Europeo della Sinistra unitaria europea/Sinistra verde nordica. Raggruppa 35 deputati provenienti da 13 stati membri europei e 17 partiti politici, ed strutturato su base confederale per rispettare e preservare la diversit delle identit e delle opinioni dei differenti partiti membri. La data di fondazione il 5 gennaio 1995, ma le sue origini risalgono ad alcuni anni prima. Fino alle elezioni europee del 1989 cera sempre stato un gruppo unico dei comunisti, assieme alle forze della sinistra dalternativa, come per esempio il Partito Socialista Popolare di Danimarca o il Partito dei Lavoratori dIrlanda. Le cose cambiano nel 1989 quando il nuovo PCI di Achille Occhetto annuncia la propria uscita dal gruppo comunista, con lintento di collocare il partito in una posizione intermedia e transitoria tra il gruppo comunista europeo e quello socialdemocratico, al quale aderir pochi anni dopo il Pds. Il PCI di Occhetto si fa promotore quindi di una rottura del gruppo unitario di tutti i comunisti e della sinistra dalternativa per dare vita al gruppo della Sinistra Unitaria Europea (che operer nella stagione 1989-1993) a cui aderiscono, non senza travagli e forti discussione interne, i deputati di Izquierda Unida spagnola, il Partito Socialista Popolare Danese ed uno dei quattro eurodeputati del Synaspismos (che allepoca una coalizione di cui fa parte ancora il Kke). I partiti restanti (i comunisti francesi, portoghesi, greci ed il Partito dei Lavoratori dIrlanda) daranno invece vita ad un nuovo gruppo europeo, che assumer la denominazione di Coalizione delle Sinistre e che operer dal 1989 al 1994. Questa divisione allinterno del campo dei comunisti e della sinistra alternativa dEuropa spinger negli anni successivi alliniziativa per una ricomposizione unitaria nella quale i partiti comunisti avranno un ruolo determinante. Il primo atto di questo processo lincontro di Lisbona del maggio 1991, promosso dal P C portoghese, cui prendono parte: PC francese, PC spagnolo, PC greco, Rifondazione Comunista (come osservatrice) e Akel di Cipro. Ad esso seguiranno analoghi incontri in altri Paesi, ai quali prende parte anche la PDS tedesca. in questi incontri che si pongono le basi di un processo di riavvicinamento e di ricomposizione unitaria e che porter poi, anche con l'adesione di Svezia e Finlandia, alla nascita del GUE/NGL. Il gruppo fa riferimento a quei partiti che si oppongo all'attuale struttura dell'Unione Europea, considerata burocratica e lontana dai cittadini e propongono una nuova Europa, completamente democratica, abolendo il Trattato di Maastricht, cambiando le politiche economiche troppo liberiste e monetariste ed uscendo dalla NATO. Si legge infatti nella Dichiarazione di costituzione: Il GUE/NGL fermamente impegnato a favore dell'integrazione europea, ma in forma diversa dal modello attuale. Vogliamo un'integrazione basata su istituzioni pienamente democratiche, con un impegno prioritario a garantire un nuovo modello di sviluppo destinato a risolvere i problemi pi gravi che abbiamo dinnanzi. ()Vogliamo un'Europa diversa, senza il deficit democratico che il Trattato di Maastricht ha introdotto. () Al fine di approfondire i legami di amicizia, solidariet e cooperazione con gli altri paesi d'Europa, l'Unione dovrebbe cercare di rafforzare l'OSCE, i cui strumenti devono essere sviluppati per essere in grado di affrontare i problemi di sicurezza comune, mentre si rende necessario lo scioglimento di strutture come la NATO. () indispensabile che l'Unione Europea correggere il suo approccio eurocentrico ed il suo attuale modello di sviluppo (che servir solo ad aumentare le disparit e si traduce in gravi rischi ambientali, sociali e politici) e sviluppare una politica in tutte le sedi internazionali per riformare tutte quelle istituzioni finanziarie internazionali e politiche che sono state fondate nel 1950 e oggi sono diventate insufficienti.

Alle elezioni europee del 2009 per la prima volta non ottengono seggi i comunisti italiani, poich la Lista Comunista ed Anticapitalista non riesce a superare la soglia di sbarramento fissata al 4%. Ciononostante il partito della Rifondazione Comunista ed il Partito dei Comunisti Italiani mantengono stretti legami di collaborazione con il GUE/NGL, e con essi anche altre formazioni che non hanno membri nel parlamento europeo, per diverse ragioni, come: la Vas (Finlandia), il Partito della Sinistra Socialista (Norvegia), il Partito del Lavoro (Svizzera) e La Sinistra (Lussemburgo), Sinistra unitaria europea/Sinistra verde nordica - Partiti Membri

Sinistra unitaria europea/Sinistra verde nordica - Partiti Membri Partito Stato MPE
Partito Progressista del Popolo Lavoratore Cipro Alleanza Rosso-Verde Danimarca Partito Comunista Francese Francia Partito della Sinistra Francia Partito Comunista Isola de la Reunion Francia indipendente eletto nel Front de Gauche Francia La Sinistra Germania Partito comunista di Grecia Grecia Coalizione della Sinistra, dei Movimenti e dell'Ecologia[6] Grecia Partito Socialista Irlanda Partito Socialista di Lettonia Lettonia Noi stessi Nord Irlanda Partito Socialista Paesi Bassi Blocco di Sinistra Portogallo Partito Comunista Portoghese Portogallo Partito Comunista di Boemia e Moravia Repubblica Ceca Partito Comunista di Spagna Spagna
Sito internet http://www.guengl.org/showPage.jsp?ID=1 Logo http://www.guengl.org/images/newSite/bannerRightEn.jpg Capogruppo Gabi Zimmer, esponente del Die Linke (Germania)

2 1 2 1 1 1 8 2 1 1 1 1 2 3 2 4 1

Partito della Sinistre Europea (PSE) SCHEDA


A cura di: Francesco Maringi
Il Partito della Sinistra Europea nasce a Roma, l'8 e 9 maggio 2004, con un congresso di fondazione che vede la partecipazione di oltre 300 delegati in rappresentanza di 15 formazioni politiche di sinistra, comuniste, socialiste e rosso-verdi dEuropa. Ma il lavoro preparatorio inizia alcuni anni prima, a partire dal coordinamento tra diversi partiti che, riuniti durante le sessioni del NELF (New European Left Forum) di Copenhagen e Parigi del 2002, lanciano lidea di costruire un partito di tutte le forze di sinistra in Europa. sulla base di questa esigenza che il Synaspismos greco ha rilanciato questo progetto dando impulso a nuovi incontri che si svolgeranno poi per tutto il 2003 tra i partiti promotori della Sinistra Europea, con lo scopo di elaborare una bozza di programma politico e di statuto, base di partenza del processo fondativo. Si giunge cos a gennaio del 2004 dove, in concomitanza con uniniziativa di commemorazione di Rosa Luxemburg a Berlino (10 e 11 gennaio) organizzata dalla PDS, viene lanciato un appello per chiedere limpegno dei partiti presenti a prendere parte al processo di costruzione di questo nuovo soggetto politico europeo. Linvito stato accolto da undici partiti che hanno cos firmato una dichiarazione comune. Il congresso di Roma rappresenta quindi il culmine di due anni di incontri preparatori per costruire lo statuto ed il manifesto politico e programmatico e segna la fine di questa fase preparatoria. Visto il ruolo primario svolto dal Partito della Rifondazione Comunista in tutto il processo, Fausto Bertinotti (allepoca segretario nazionale del Prc) viene eletto allunanimit presidente del PSE. Ovviamente la proposta di costruzione di un soggetto politico europeo non manca di suscitare animate discussioni e differenziazioni tra i diversi partiti ed allinterno dei partiti stessi. Il primo congresso dopo quello di costituzione, si celebrato ad Atene, dal 29 al 30 ottobre 2005, con una crescita dei partiti coinvolti a 17 membri effettivi e 7 partiti osservatori. A seguito dellelezione di Bertinotti a presidente della Camera dei Deputati, il ruolo di presidente del PSE passato al tedesco Lothar Bisky (Die Linke), anche se la formalizzazione avvenuta solo al 2 Congresso del PSE, che si celebrata a Praga dal 22 al 25 novembre 2007. Nel 2009 si registrata luscita del Munkaspart ungherese, tra i fondatori della SE, sostanzialmente per contrasti con il profilo politico ideologico con il PSE. Accanto a questo si registrato invece lingresso di altre cinque formazioni: l'Alleanza di sinistra finlandese, il Partito Comunista di Finlandia (che passa da osservatore a membro a pieno titolo), il Partito dei Lavoratori 2006 dUngheria, Nuovo Partito di Cipro (che diventa osservatore) e il Partito della sinistra unita bielorussa. Ad oggi il dibattito allinterno della Sinistra Europea continua sulle forme ed i contenuti di inclusione di nuovi soggetti e che saranno il cuore della discussione del prossimo congresso che si terr questanno a cavallo tra novembre e dicembre. La Sinistra Europea ha un'organizzazione a rete, attraverso gruppi di lavoro orizzontali sui vari temi di comune interesse politico, coordinati dall'Esecutivo. Per la lista dei partiti aderenti ed osservatori, guardare lo schema in fondo alla scheda. Di particolare interesse la nascita di Transform che cura gli aspetti analitici e di ricerca politica per conto della SE stessa. Trasform una rete di ONG europee, fondazioni, istituti, e persone che si occupano di formazione politica e di analisi critica della societ. Fondata al Forum Sociale Mondiale di Porto Alegre, Transform ora comprende 16 organizzazioni membri, tra cui il nodo italiano di Transform Italia. Per maggiori informazioni potete visitare il sito web www.transform-network.org. Come scritto nel preambolo dello statuto e nello stesso manifesto, la Sinistra Europea unisce tutte quelle forze che si battono, in Europa, per un modello di societ differente da quello neoliberista, che sono impegnate contro la guerra ed il riarmo e per la costruzione dell'Europa sociale. Si sente parte del movimento dei movimenti ed antiglobalizzazione. L'idea di un'altra Europa alla base delle prime

campagne del PSE, come quella per il "No" al Trattato costituzionale europeo e quella contro la direttiva Bolkestein. Il Partito della Sinistra europea crede nell'integrazione europea, ma convinta della necessit di un'integrazione politica che veda invertite le priorit, dal totem assolutizzante del mercato all'Europa dei diritti e dello stato sociale, della pace e della cooperazione. E per questo, come si legge nel programma: il PSE chiede un'altra Europa, un'Europa che dice no alla guerra ed alla militarizzazione () che difende lo stato sociale, ridistribuisce ricchezza, potere e sovranit. Ed inoltre la Sinistra europea rifiuta il revisionismo storico, perch in grado di fare i conti con la propria storia in modo critico e rispettoso. () La Sinistra europea anti-capitalista e mira a una trasformazione della societ fuori dalle regole del capitalismo, fondando un'Europa democratica. Partiti Membri
Austria Partito Comunista Austriaco Bielorussia Partito della Sinistra Unita Bielorussa Belgio Partito Comunista (Vallonia) Belgio Partito Comunista (Fiandre) Rep. Ceca Partito del Socialismo Democratico Estonia Partito della Sinistra Unita Estone Finlandia Partito Comunista di Finlandia Finlandia Alleanza di Sinistra Francia Partito Comunista Francese Germania La Sinistra (Die Linke) Coalizione della Sinistra, dei Movimenti, Ecologia (Synaspismos) Grecia Italia Partito della Rifondazione Comunista Lussemburgo La Sinistra Partito Comunista della Repubblica di Moldavia Moldavia Portogallo Blocco di Sinistra Romania Partito dell'Alleanza Socialista San Marino Rifondazione Comunista di San Marino Spagna Partito Comunista di Spagna Spagna Sinistra Unita Spagna Sinistra Unita ed Alternativa (Catalogna) Svizzera Partito del Lavoro di Svizzera Turchia Partito della Libert e Solidariet Ungheria Partito dei Lavoratori di Ungheria 2006 www.kpoe.at www.particommuniste.be www.kp-online.be www.sds.cz www.vasak.ee www.skp.fi www.vasemmisto.fi www.pcf.fr www.die-linke.de www.syn.gr www.rifondazione.it www.dei-lenk.lu www.pcrm.md www.esquerda.net www.pasro.ro www.sxun.org www.pce.es www.izquierda-unida.es www.euia.cat www.pdl.ch www.odp.org.tr www.munkaspart-2006.hu

Partiti Osservatori
Belgio Cipro Cipro Rep. Ceca Danimarca Germania Grecia Italia Italia Polonia Slovacchia Sinistra Alternativa Partito Progressista del Popolo Lavoratore (Akel) Nuovo Partito Cipriota Partito Comunista di Boemia a Moravia Alleanza Rosso Verde Partito Comunista Tedesco ACOA Rinnovati Comunisti e Sinistra Ambientalista Partito dei Comunisti Italiani Sinistra Europea Giovani Socialisti Partito Socialista di Slovacchia www.uneautregauche.be www.akel.org.cy www.ykp.org.cy www.kscm.cz www.enhedslisten.dk www.dkp.de www.akoa.gr www.comunisti-italiani.it www.sinistraeuropea.it www.mlodzisocjalisci.pl www.kss.sk

NB:schede preparate per Su la Testa, rivista teorica del Prc