Sei sulla pagina 1di 4

Forma delle molecole

05.07.09 11:49

Forma e polarit delle molecole


1 2 3

Visualizzazioni
Metano Ammoniaca Acqua Trifluoruro di boro Propene
The University of Sheffield

Forma delle molecole


La forma di molte molecole pu essere spiegata da una teoria indicata con la sigla VSEPR (dalle iniziali delle parole inglesi ValenceShell Electron-Pair Repulsion che significa: "repulsione delle coppie di elettroni del guscio di valenza ") . Tale teoria si basa sul principio che gli elettroni che fanno parte dellultimo strato - sia le coppie di elettroni dei legami covalenti, sia eventualmente quelle di elettroni non condivisi - tendono a respingersi (a causa della loro carica negativa) e si posizionano alla massima distanza possibile fra loro, formando angoli di legame i pi ampi possibile . Nel metano (CH 4 ), attorno all'atomo centrale di carbonio, ci sono - nello strato di valenza - quattro coppie di elettroni condivisi con quattro atomi di idrogeno:

Approfondimenti
La teoria VSEPR
Istituto Tecnico Rondani Parma

Valence Shell Electron Pair Repulsion


The Chemogenesis web book

Molecole interattive
Why is water such a good solvent?
Edinformatics.com

Il massimo angolo di legame che si pu realizzare tra le quattro coppie di elettroni - in modo che tutti gli angoli siano uguali - di 109,5. Per questo gli atomi di idrogeno si dispongono come ai vertici di un ideale tetraedro, al centro del quale sta l'atomo di carbonio:

http://www.scienzaoggi.it/chim/chim1/7IntPart/2Form_e_pol/2-forma_molecole.php

Pagina 1 di 4

Forma delle molecole

05.07.09 11:49

Consideriamo adesso la molecola dellammoniaca (NH 3 ). Attorno allatomo di azoto ci sono tre coppie di elettroni di legame e una coppia di elettroni non condivisa:

Se confrontiamo questa struttura con quella precedente del metano, vediamo che in entrambe le molecole c' un atomo centrale circondato da quattro coppie di elettroni. Ma c' una differenza: una coppia di elettroni che prima era condivisa (tra il carbonio e l'idrogeno) ora appartiene solo all'atomo centrale (l'azoto). La coppia di elettroni non condivisa dell'azoto - essendo pi vicina all'atomo di azoto di quanto non fosse la coppia di elettroni condivisa tra carbonio e idrogeno nella molecola del metano - esercita una pi forte azione di repulsione sulle coppie di elettroni di legame: ne consegue che l'angolo di legame diventa di 107,3, cio leggermente inferiore a quello di 109,5 del metano, e la molecola assume una struttura di tipo piramidale (struttura tetraedrica distorta se consideriamo anche la coppia di elettroni non condivisa):

http://www.scienzaoggi.it/chim/chim1/7IntPart/2Form_e_pol/2-forma_molecole.php

Pagina 2 di 4

Forma delle molecole

05.07.09 11:49

Nella molecola dacqua le coppie non condivise sono due:

Le considerazioni da fare sono analoghe a quelle fatte precedentemente. Rispetto alla molecola dell'ammoniaca c' una coppia di elettroni non condivisa in pi che - essendo pi vicina all'atomo di ossigeno di quanto non fosse la coppia di elettroni condivisa tra azoto e idrogeno nella molecola dell'ammoniaca - esercita una pi forte azione di repulsione sulle coppie di elettroni di legame: ne consegue che l'angolo di legame diventa di 105, cio leggermente inferiore a quello di 107,3 dell'ammoniaca, e la molecola assume una struttura detta a V o angolata (struttura tetraedrica distorta se consideriamo anche le coppie di elettroni non condivise):

Una diversa geometria riscontriamo invece in molecole come BF3 e C2H4 (etilene). Il boro forma 3 legami covalenti ma non ha nellultimo livello elettroni non condivisi: di conseguenza la geometria che comporta la massima distanza tra i legami e trigonale planare con angoli di 120. In C2H4 il carbonio forma sempre 4 legami ma con 3 atomi , 2 con atomi di idrogeno e uno doppio con un altro atomo di carbonio: da prevedere quindi una geometria planare con angoli di 120. Le misure sperimentali indicano un angolo tra gli atomi di idrogeno leggermente pi piccolo (117) : ci potrebbe essere interpretato attribuendo al doppio legame una azione repulsiva maggiore rispetto al legame semplice. Nellanidride carbonica (CO2) c' invece un angolo di 180 .
http://www.scienzaoggi.it/chim/chim1/7IntPart/2Form_e_pol/2-forma_molecole.php Pagina 3 di 4

Forma delle molecole

05.07.09 11:49

Anche in questo caso la teoria VSEPR spiega la geometria della molecola.

Il carbonio forma due doppi legami covalenti con due atomi di ossigeno e gli elettroni di questi legami staranno alla massima distanza possibile fra loro, formando appunto un angolo di legame di 180. La stessa geometria la ritroviamo nel cloruro di berillio (BeCl2) (molecola in cui si riscontra una eccezione alla regola dellottetto):

Il berillio forma due legami covalenti con il cloro utilizzando i due soli elettroni posseduti nellultimo livello. 1
Materiali collegati
Legame covalente

Risorse
Dizionario di Chimica e di Chimica Industriale
Minerva - Cultura Scientifica per il Cittadino Storia, Epistemologia e Didattica della Chimica

Portale:Chimica
Wikipedia L'enciclopedia libera.

Commenti, suggerimenti, link non funzionanti? scrivetemi!


Questa pagina stata aggiornata il 30 novembre 2007 dal prof. Rocco Cangialosi, ITIS "Vitt.Em. III" - Palermo, per SChiTIC Copyleft 2007, SChiTIC

Questo sito pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.

http://www.scienzaoggi.it/chim/chim1/7IntPart/2Form_e_pol/2-forma_molecole.php

Pagina 4 di 4