Sei sulla pagina 1di 4

LAltra Faccia

SETTEMBRE 2013

IL NUOVO VOLTO DELLINFORMAZIONE

Anno II, N 9

Registro Tumori
la Redazione

LA REGIONE ABBANDONA I COMUNI Il Sindaco Lanza: La Regione ha chiuso le porte non ai Sindaci, ma ai cittadini

In Sicilia negli ultimi venti anni


vi stato un aumento esponenziale dei casi di tumore a cui non corrisponde unadeguata opera di controllo. Molti sono i comuni, ma anche le province siciliane sprovviste dei Registri Tumori. I Registri Tumori sono strutture impegnate nella raccolta di informazioni sui malati di cancro residenti in un determinato territorio che possono essere istituiti da una singola citt o unintera regione, da una provincia o da una ASL. I Registri Tumori raccolgono le informazioni sia dalle strutture ospedaliere sia dai medici di famiglia, sia dalle ASL, sia dalle Regioni o dalle loro Agenzie sanitarie e le archiviano in maniera continuativa e sistematica, rendendole disponibili per studi o ricerche. Tutti i Registri Tumori italiani aderiscono allAssociazione Italiana Registri Tumori (AIRTUM), che fornisce assistenza tecnica, promuove luso di tecniche uniformi di registrazione e valuta la qualit e la completezza dei dati dei Registri. Quello che chiediamo alla nostra amministrazione comunale di istituire anche a Caltavuturo un Registro Tumori che ci permetterebbe un migliore monitoraggio, dato che anche il nostro paese negli ultimi anni ha seguito il trend siciliano e nazionale che ha visto unimpennata dei malati oncologici. Questo rappresenterebbe di sicuro unimportante novit per la nostra comunit e un grande passo avanti affinch ci sia un Registro Tumori in ogni comune dItalia.

Giorno 26 settembre 2013 a Palermo si svolta la manifestazione regionale dei Comuni siciliani, indetta dal Consiglio Regionale dellAnci Sicilia per ribadire e per mettere in risalto la drammatica situazione economico e finanziaria in cui versano gli Enti locali. Alla manifestazione hanno partecipato numerosi Sindaci del comprensorio madonita e anche il Sindaco di Caltavuturo Calogero Lanza. Purtroppo per, latteso confronto con il Governo e con i rappresentanti dell Assemblea Regionale non c stato; Sindaci e amministratori non hanno ricevuto una degna accoglienza, si sono visti sbattere le porte di Palazzo dei Normanni letteralmente in faccia. Si assistito ad una scena davvero surreale, mentre i primi cittadini, organi locali dello Stato rivendicavano un incontro con i rappresentanti regionali, venivano bloccati dalle forze dellordine disposti davanti al Palazzo. E pensare che larticolo 118 della Costituzione Italiana disciplina e tutela i rapporti Stato, Regioni ed Enti Locali richiamando il principio di sussidiariet. Il Sindaco Lanza presente alla manifestazione dichiara: Il rammarico pi forte che esprimo sta nel fatto che hanno trovato chiuse le porte dell istituzione regionale non i Sindaci, ma tutti i cittadini siciliani. Io fino a quando ricoprir questo ruolo nonostante le difficolt quotidiane non chiuder mai le porte ai cittadini caltavuturesi. Uno dei principali motivi della protesta, davanti ai palazzi palermitani, stato il taglio dei trasferi-

menti regionali previsto per il 2013. Il primo cittadino Lanza afferma: Le incertezze sui trasferimenti agli Enti Locali non consentono di programmare le attivit e non permettono unefficiente erogazione di servizi importanti (scuolabus, refezioni scolastiche, servizi a domanda individuale che per legge debbono trovare una copertura rispetto al costo pari al 36%). Se consideriamo pi in dettaglio i tagli sui trasferimenti la situazione appare ancora pi tragica e difficile. La riduzione del contributo regionale (Fondo Autonomie) prevista per il 2013 pari al 56% rispetto al trasferimento del 2012 che era di circa 1.046.000 euro - dice il Sindaco - inoltre il trasferimento in meno relativo al 2013 includerebbe circa 45 mila euro dellaccisa sullelettricit e 93 mila euro prevista dalla Legge Formica, per un totale di 720.000 euro circa. Vero che la Giunta Regionale ha approvato una variazione di bilancio per i trasferimenti, variazione che per non porter alla copertura dei trasferimenti dellanno precedente. Tutto ci ha comportato e comporter un vero e proprio stallo sui lavori delle amministrazioni comunali, il Sindaco continua dicendo: A causa dei tagli sui trasferimenti mi ritrover costretto a dover rinunciare alla realizzazione di iniziative, per garantire gli equilibri di bilancio. In questi 3 anni, 3 mesi e 26 giorni (!) ho dovuto faticare tantissimo per far quadrare i conti. Se qualcuno si Continua a pag. 2

Segue da pag. 1 sentisse pi bravo e pi capace, si accomodi, mi presenti una pianificazione o un programma che tende a garantire gli stessi servizi. A quel punto ne prender atto e mi dimetter immediatamente, non prima per di aver informato la comunit di tutte le cose buone fatte e di tutto limpegno quotidiano che ho profuso per il bene di Caltavuturo. Alla domanda, su un eventuale prossimo incontro con il Governo Regionale il Sindaco dichiara: E stato programmato per il 1 Ottobre un incontro con il Governatore Crocetta, i capigruppo dell ARS e i Sindaci dei Comuni siciliani. Questa volta siccome non stato programmato il raggiungimento del capoluogo con gli scuolabus, penso di farmi accompagnare dal Corpo dei Vigili Urbani in modo tale che qualcuno possa, ancora una volta, criticare e dire la sua verit attraverso quei canali (facebook) che io ho sempre rifiutato di utilizzare. Mi auguro per che le difficolt che stiamo attraversando siano comprese dai cittadini e soprattutto da chi gestisce la cosa pubblica. La tragicit e le enormi problematiche che i cittadini italiani, siciliani e caltavuturesi stanno vivendo, vengono ancora una volta acuiti da un atteggiamento ignobile, tutto tranne che onorevole della politica nazionale e regionale. La fine del Governo farsa PDL PD(menoL) mette in evidenza ancora una volta la distanza abissale tra la politica e i cittadini. A mio avviso sono due gli aspetti che fanno pi paura: linarrestabile e infinita meschinit della casta, ma soprattutto linarrestabile quanto preoccupante indifferenza e inerzia del popolo italiano. Non possiamo e non dobbiamo pi lasciare un Paese ormai agonizzante nelle mani di gente che continua a scherzare con le nostre vite e si prende gioco del nostro futuro Dum Romae consulitur, Saguntum expugnatur. dI Antonino Tripi

LUNIPA alla ricerca di una maggiore efficienza


Dal 1 Gennaio 2014 si prevedono cambiamenti organizzativi allUniversit degli Studi di Palermo che sono stati presentati come una vera e propria rivoluzione dell intero ateneo palermitano. Anche con queste modifiche non si risolveranno i problemi strutturali che persistono all interno delle singole facolt ma comunque un punto di partenza verso un adeguamento al livello degli altri atenei italiani. Una delle innovazioni quella degli statini elettronici che andranno a sostituire (gi dagli appelli di Settembre 2013) i fastidiosi pezzi di carta che devono essere presentati per sostenere un esame e che devono essere firmati dai professori per convalidarlo. Tali documenti stanno qualche giorno nei cassetti dei professori e dopo vengono portati in segreteria dove in base alla celerit e all efficienza degli addetti vengono caricati nei piani di studio online. Questa procedura verr eliminata e gli esami sostenuti verranno direttamente caricati online tramite l utilizzo della firma digitale dei professori ed inoltre l esito verr comunicato in pochi minuti con l invio di un sms allo studente. Se tale procedura verr messa in atto e se si svolger efficientemente (allUNIPA non si pu mai dare niente per scontato), si avr un sensibile miglioramento dell integrazione tra le facolt e le segreterie senza quei fastidiosi passaggi burocratici. Ci sono faranno i tanti studenti che hanno problemi con il portale, che sperano di avere un parallelo miglioramento del servizio informatico. Un altro cambiamento fondamentale rappresentato dal raggruppamento di tutte le facolt in 5 Scuole: 1 Medicina e Chirurgia; 2 Politecnica nella quale confluiranno i Dipartimenti di Ingegneria e Architettura; 3 Area Scientifica che include Scienze matematiche, fisiche e naturali, Farmacia e Agraria; 4 Scienze economicogiuridiche e sociali che raccoglie Giurisprudenza, Economia e Scienze Politiche; 5 Scienze Umane con le facolt di Lettere, Scienze della formazione e Psicologia. Questi cambiamenti dovrebbero portare a un migliore livello di efficienza. Finalmente allinterno dell UNIPA si assiste ad un inversione di tendenza, infatti le risorse adesso si trovano tagliando i reali sprechi anzich aumentando le tasse universitarie che gi sono troppo onerose.

per degli svantaggi da tale procedura, infatti non sar pi possibile inviare una e-mail al professore per farsi inserire nell elenco di prenotazione ad un esame qualora per qualsiasi motivo non ci si riesca a prenotare tramite il portale studenti. Ad oggi ancora non si sa come

di Antonino Vitale

CI PIACE

NON CI PIACE

Il gruppo folk I Malavoglia il 9 Settembre ha aperto il concerto di Mario Incudine a Caltavuturo e il 13 Settembre ha vinto il TerminiFolkFestival a Termini Imerese.
Pagina 2

I 12 lavoratori ex Lsu Ata, assegnati alle pulizie dellIstituto G. Oddo, al rientro da tre mesi di cassa integrazione non hanno potuto riprendere a lavorare nella sede di destinazione.
LAltra Faccia IL NUOVO VOLTO DELLINFORMAZIONE

Bilancio di previsione 2013 al 30 Novembre


Il termine per lapprovazione da parte degli Enti locali del Bilancio di Previsione per lesercizio finanziario 2013 stato pi volte modificato, infatti inizialmente era stato differito al 30 Giugno, poi stato spostato al 30 Settembre e da ultimo il D.L. 31 Agosto 2013 N 102 ha fissato questa scadenza per il 30 Novembre. Quindi entro il 30 Novembre anche il Comune di Caltavuturo chiamato ad approvare il Bilancio di Previsione che questanno per porter con s due importanti novit. Una meramente tecnica, infatti si tratta del Patto di Stabilit che, a partire da questanno vincoler anche i Comuni con pi di 1000 abitanti e che provocher pesanti restrizioni nellattivit di programmazione dellEnte. Laltra invece politica, vale a dire le annunciate dimissioni del Presidente del Consiglio Comunale Vincenzo Meli (confermate anche dalle pagine del nostro giornale) e che verranno ufficialmente rassegnate dopo lapprovazione del bilancio. Quello del 30 Novembre diventa cos uno snodo fondamentale nella vita politica di Caltavuturo. Il bilancio di previsione dovrebbe essere approvato dal Consiglio Comunale prima dell'inizio dell'anno a cui si riferisce, molto spesso per la sua approvazione viene prorogata dal Ministero dell'Economia e della Finanza, come in questo caso, e viene approvato ad esercizio gi iniziato. Il Bilancio di Previsione influisce per molti aspetti sulla vita del cittadino. In esso vengono determinati quanti soldi servono per far funzionare la macchina comunale, quali servizi sociali il comune intende erogare, quanti soldi verranno utilizzati tariffe dei servizi che vengono erogati. Da questanno anche Caltavuturo nella redazione del bilancio deve tener conto dei vincoli legati al Patto di Stabilit. Ormai tutti, da tempo, ci sentiamo dire che i Comuni non possono spendere pi i loro soldi a causa del Patto di Stabilit, ma cosa significa realmente e tecnicamente rispettare il Patto di Stabilit ? Il Comune per gli anni dal 2013 al 2016 dovr conseguire un saldo finanziario di competenza mista non inferiore alla spesa corrente media sostenuta nel triennio 2007-2009, moltiplicata per una percentuale che per i Comuni al di sotto dei 5000 abitanti del 12% per il solo 2013 e del 14,8% per gli altri anni, in questo modo i Comuni contribuiscono ad abbassare il debito pubblico (vincolo impostoci dallEuropa). Non sappiamo se sar pi difficile far quadrare i conti per rientrare nel Patto di Stabilit o cercare di ricompattare la maggioranza, certo per che si prefigura un autunno caldo per lamministrazione comunale caltavuturese alle prese con queste novit.

per finanziare la pubblica istruzione, lo sport, il commercio e lo sviluppo economico, la cultura, la viabilit e i trasporti, la gestione del territorio e dell'ambiente. Nel bilancio viene anche definito il modo in cui tutte queste spese verranno finanziate, vengono quindi decisi anche i livelli di tassazione, le aliquote delle imposte e le

di Giuseppe Calanni Macchio

Indennit amministratori: atto ultimo


Per chiudere la soap sulle indennit degli amministratori comunali di Caltavuturo iniziata dalle pagine del nostro giornale mesi or sono, riportiamo la tabella delle indennit di carica ufficiale pubblicata il 13 Settembre sul sito del Comune di Caltavuturo. Questa volta si tratta di cifre nette, quindi possiamo dire con tranquillit che quelle riportate in tabella sono le reali somme andate in tasca ai nostri amministratori dallinizio del loro mandato. Da notare che Assessori e Presidente del Consiglio da Agosto e Settemb re 2013 hanno rinunciato alla loro indennit di carica, cos come hanno fatto i consiglieri comunali di maggioranza e opposizion e con il loro esiguo gettone di presenza.

SETTEMBRE 2013

Pagina 3

Nella seduta del 28 Settembre il Consiglio Comunale di Caltavuturo ha nominato il nuovo Revisore dei Conti per il triennio 2013-2016. Il Revisore Contabile Unico scelto tra gli iscritti: al Registro dei Revisori Contabili, allAlbo dei Dottori Commercialisti, allAlbo dei Ragionieri. Tra le varie domande pervenute il Consiglio ha riconfermato Revisore dei Conti del Comune di Caltavuturo la dottoressa Carolina Giardina. Iniziati i lavori per la realizzazione di una Elisuperficie in c/da Malpasso nellambito del programma regionale di rete delle infrastrutture eliportuali. Limporto del progetto di 400.000 euro di cui 277.462,69 euro per lavori a base dasta soggetti a ribasso, 11.611,61 euro per oneri di sicurezza non soggetti a ribasso e 110.925,70 euro per somme a disposizione dellamministrazione. La durata dei lavori, aggiudicati alla ditta V&V Costruzioni srl di Alcamo, sar di circa 3 mesi. LAssessore alla Cultura, Sport, Spettacolo, Politiche giovanili e di integrazione sociale Massimiliano Cerra, con una lettera, ha rimesso nelle mani del Sindaco di Caltavuturo alcune delle sue deleghe ricevute ad inizio mandato. Si attende adesso la decisione del Sindaco per capire se accetter o rifiuter questa rinuncia alle deleghe e per capire se si tratta di un preludio alle dimissioni o di un semplice braccio di ferro politico.

laltrafaccia100.blogspot.com

L ALTRA FACCIA
Il nuovo volto dellinformazione

laltrafaccia100

SI RINGRAZIANO TUTTI I PRIVATI CITTADINI CHE HANNO LIBERAMENTE CONTRIBUITO E GLI SPONSOR

REDAZIONE : Antonino Tripi, Giuseppe Calanni Macchio, Giuseppe Brucato, Nicola Rizzitello, Marco Polizzi, Antonino Vitale - VIGNETTISTA : Domenico Chiappone