Sei sulla pagina 1di 19

M Y T H O S

UNIVERSIT DEGLI STUDI DI PALERMO DIPARTIMENTO DI BENI CULTURALI SEZIONE DI STORIA ANTICA

M Y THOS

3
n. s.
2009

S A LVAT O R E S C I A S C I A E D I T O R E

Rivista di Storia delle Religioni


3
n. s. 2009 (16 serie continua)

ISSN 1972-2516

In copertina: Orphe chez les Thraces, anfora attica - Gela disegno tratto da C. Daremberg - E. Saglio - E. Pottier, Dictionnaire des Antiquits grecques et romaines IV 1 - Paris 1877-1919, p. 243, fig. 5430

S A LVAT O R E S C I A S C I A E D I T O R E

Salvatore Sciascia Editore s.a.s. Caltanissetta e-mail: sciasciaeditore@virgilio.it http://www.sciasciaeditore.it Sede: Universit degli Studi di Palermo Dipartimento di Beni Culturali Storico Archeologici Socio-Antropologici e Geografici Tel. + 39 091 6560301 - 302 - 303 Sezione di Storia Antica - Viale delle Scienze 90128 Palermo - Tel. e Fax + 39 091 421737
Direttore responsabile Nicola Cusumano remocl@libero.it Segretaria di redazione Daniela Bonanno daniela_bonanno@hotmail.com Comitato scientifico Nicole Belayche (cole Pratique des Hautes tudes Section des sciences religieuses) Corinne Bonnet (Universit de Toulouse - UTM) David Bouvier (Universit de Lausanne) Antonino Buttitta (Universit di Palermo) Claude Calame (cole des Hautes tudes en Sciences Sociales - Centre L. Gernet) Giorgio Camassa (Universit di Udine) Ileana Chirassi Colombo (Universit di Trieste) Riccardo Di Donato (Universit di Pisa) Franoise Frontisi-Ducroux (Collge de France Centre L. Gernet) Cristiano Grottanelli (Universit di Firenze) Cornelia Isler-Kernyi (Universitt Zrich) Franois Lissarrague (cole des Hautes tudes en Sciences Sociales - Centre L. Gernet) Vinciane Pirenne-Delforge (FNRS - Universit de Lige) Franois de Polignac (cole Pratique des Hautes tudes Section des sciences religieuses) Sergio Ribichini (CNR - Istituto di Studi sulle Civilt Italiche e del Mediterraneo Antico) John Scheid (Collge de France - Centres Gernet-Glotz) Giulia Sfameni Gasparro (Universit di Messina) Dirk Steuernagel (Universitt Frankfurt) Paolo Xella (CNR - Istituto di Studi sulle Civilt Italiche e del Mediterraneo Antico - Universit di Pisa) Comitato di redazione Daniela Bonanno (Universit di Palermo) Corinne Bonnet (Universit de Toulouse - UTM) Marcello Carastro (cole des Hautes tudes en Sciences Sociales - Centre L. Gernet) Maria Vittoria Cerutti (Universit Cattolica - Milano) Nicola Cusumano (Universit di Palermo) Ted Kaizer (Durham University) Gabriella Pironti (Universit di Napoli Federico II) Francesca Prescendi (Universit de Genve)

Volume pubblicato con il contributo del Dipartimento di Beni Culturali Storico-Archeologici Socio-Antropologici e Geografici (es. fin. 2009) redazionemythos@unipa.it www.testlettere.unipa.it/?id_pagina=617&id_menu_pre=611 Registrazione Tribunale Autorizzazione n. 28 del 18 dicembre 2009

IMPAGINAZIONE

Fotocomp - Palermo

ISSN 1972-2516 ISBN 978-88-8241-339-2


Prezzo del volume: Distribuzione: Italia Estero privati privati 20,00 30,00 enti enti

30,00 40,00

Salvatore Sciascia Editore s.a.s. - Corso Umberto I n. 111 - 93100 Caltanissetta

Universit degli Studi di Palermo DIPARTIMENTO DI BENI CULTURALI Sezione di Storia Antica

MYTHOS
numero 3 - 2009 nuova serie (16 serie continua)

Rivista di Storia delle Religioni

S A LVAT O R E S C I A S C I A E D I T O R E

I N D I C E
Dossier Orfeo e Orfismo. Iconografia e culto 9 13 33 55 A. Bellia, Introduzione C. Isler-Kernyi, Orfeo nella ceramografia greca M. de Cesare, Orfeo o Tamiri? Cantori traci in Sicilia T. Seebass, ber das Prinzip des Guten und Schnen in der griechischen antiken Ritualmusik: Wirklichkeit und bildliche Darstellung Varia 67 G. Camassa, Scrittura e mutamento delle leggi in quattro culture del mondo antico (Mesopotamia, Anatolia ittita, Israele biblico, Grecia) 93 E. Calcaterra, Ecate Signora dei limina. Una rilettura delle fonti pi antiche 117 E. Cavallini, Patroclo capro espiatorio: osservazioni sul libro XVI dellIliade 131 L. Bricault, Un trne pour deux Tra passato e presente. Metodologia e storia degli studi 145 F. Prescendi, La vittima non unostia. Riflessioni storiche e linguistiche su un termine di uso corrente 157 E. Montanari, Il concetto di mistero in Raffaele Pettazzoni Recensioni e schede di lettura 171 C. Bonnet - S. Ribichini - D. Steuernagel (a cura di), Religioni in contatto nel Mediterraneo Antico. Modalit di diffusione e processi di interferenza, Pisa - Roma 2008 - Trivium 4 (2009) (D. Bonanno) 177 A.M.G. Capomacchia (a cura di), Animali tra mito e simbolo, Roma 2009 (D. Bonanno) 180 X. Dupr Raventos - S. Ribichini - S. Verger (a cura di), Saturnia Tellus. Definizioni dello spazio consacrato in ambiente etrusco, italico, fenicio-punico, iberico e celtico, Roma 2008. (G. Sfameni Gasparro) 184 F. Frontisi-Ducroux, Ouvrages de dames. Ariane, Hlne, Pnlope, Paris 2009 (V. And) 186 G. Pedrucci, Cibele frigia e la Sicilia. I santuari rupestri nel culto della dea, Roma 2009 (N. Cusumano) 188 G. Schrner - D. Sterbenc Erker (Hrsgg.), Medien religiser Kommunikation im Imperium Romanum, Stuttgart 2008 (F. Van Haeperen) 189 M.-C. Villanueva-Puig, Mnades. Recherches sur la gense iconographique du thiase fminin de Dionysos des origines la fin de la priode archaque, Paris 2009 (N. Bonansea) 195 Lavori in corso (a cura di D. Bonanno) 205 Gli autori 207 Pubblicazioni ricevute 208 Istruzioni per gli autori

C O N T E N T S
Dossier Orpheus and Orphism. Iconography and Cult 9 13 33 55 A. Bellia, Introduction C. Isler-Kernyi, Orpheus in Greek Vase-Painting M. de Cesare, Orpheus or Tamyris? Thracian Singers in Sicily T. Seebass, The Good and the Beautiful as Governing Principles in Ancient Greek Ritual Music: Reality and Pictorial Representation Varia 67 G. Camassa, Writing and Laws Change in Four Ancient Cultures (Mesopotamia, Hittite Anatolia, Biblical Israel and Greece) 93 E. Calcaterra, Hekate as Mistress of Limina. A New Reading of Ancient Sources 117 E. Cavallini, Patroclus as a Scapegoat: Some Remarks on Iliad XVI 131 L. Bricault, A Throne for Two Between Past and Present. Methodology and Modern Historiography 145 F. Prescendi, The Victim is not a Host: Historical and Linguistic Reflections upon a Common Term 157 E. Montanari, The Concept of Mistery in Raffaele Pettazzoni Reviews 171 C. Bonnet - S. Ribichini - D. Steuernagel (a cura di), Religioni in contatto nel Mediterraneo Antico. Modalit di diffusione e processi di interferenza, Pisa - Roma 2008 Trivium 4 (2009) (D. Bonanno) 177 A.M.G. Capomacchia (a cura di), Animali tra mito e simbolo, Roma 2009 (D. Bonanno) 180 X. Dupr Raventos - S. Ribichini - S. Verger (a cura di), Saturnia Tellus. Definizioni dello spazio consacrato in ambiente etrusco, italico, fenicio-punico, iberico e celtico, Roma 2008. (G. Sfameni Gasparro) 184 F. Frontisi-Ducroux, Ouvrages de dames. Ariane, Hlne, Pnlope, Paris 2009 (V. And) 186 G. Pedrucci, Cibele frigia e la Sicilia. I santuari rupestri nel culto della dea, Roma 2009 (N. Cusumano) 188 G. Schrner - D. Sterbenc Erker (Hrsgg.), Medien religiser Kommunikation im Imperium Romanum, Stuttgart 2008 (F. Van Haeperen) 189 M.-C. Villanueva-Puig, Mnades. Recherches sur la gense iconographique du thiase fminin de Dionysos des origines la fin de la priode archaque, Paris 2009 (N. Bonansea) 195 Work in Progress (a cura di D. Bonanno) 205 Contributors 207 Publications Received 208 Instructions for Contributors

La vittima non unostia. Riflessioni storiche e linguistiche su un termine di uso corrente


Francesca Prescendi
Riassunto In latino i termini hostia e victima hanno il significato di offerte sacrificali con la differenza che lhostia un termine generico, mentre victima indica un animale pi prestigioso. Levoluzione linguistica allontana per questi termini: luno si specializza per indicare il pane azzimo usato durante il rito delleucarestia, mentre laltro si emancipa dal contesto religioso per diventare un termine di uso profano. La pi grande differenza tra il significato originario e religioso da una parte e quello profano dallaltra lidea che la vittima di un sacrificio accetta senza nessuna opposizione la morte perch voluta dalle divinit, mentre la vittima di una catastrofe si basa proprio sul senso dingiustizia subita per chiedere un indennizzo. Il termine vittima in quanto essere sofferente per uningiustizia subita ha una grande fortuna soprattutto dopo la rivoluzione francese in societ che diventano sempre pi democratiche. Oggi questo concetto ha raggiunto lapice del suo successo. Abstract In Latin the terms hostia and victima take the meaning of sacrificial offers, the difference being that hostia is a generic term, whereas victima indicates a more prestigious animal. Within the linguistic evolution, however, these two terms split: the former becomes a specialized term to indicate the consecrated unleavened bread in the Eucharistic rite; the latter emancipates itself from the religious context and becomes a profane term. The most important difference between the original religious meaning on the one hand and the profane on the other hand is that the victim of a sacrifice accepts death without any opposition, since it is the gods will. On the contrary, we define the victim of a catastrophe (i.e. the profane victim) as someone whose sufferings are unjust and who, on that base, may be entitled to an indemnity. The term victim as someone who suffers from an injustice met with great success, particularly after the French revolution, in societies which become more and more democratic. These days, this concept seems to have reached the peak of its success.

Parole chiave Vittima ostia Keywords Victim Host

sacrificio sacrifice

religione Religion

consenso Consent

R
1 2

ipercorrere la storia della parola vittima permette di riflettere non solo su un termine, ma anche su un concetto-chiave della nostra cultura1. Scorrendo i giornali o ascoltando il telegiornale non si fa pi caso ormai alla quantit e alla variet di occorrenze di questo termine: vittime del terremoto, di incidenti, ma anche di mobbing, di ingiustizie sociali, e cos via. La nostra societ definita dal sociologo Guillaume Erner una Socit des victimes2.
Questo testo stato presentato in occasione della 9th Conference Religion in the History of European Culture, tenutasi a Messina nel settembre del 2009. Ringrazio per i preziosi consigli e informazioni: Maria Aprosio, Philippe Borgeaud, Lavinia Galli Milic, Daniele Morresi e Aurore Schwab. ERNER 2006.

MYTHOS

NUMERO 3,

n.s. 2009, 145-156

145

Francesca Prescendi, La vittima non unostia. Riflessioni storiche e linguistiche su un termine di uso corrente

Oggi il termine vittima usato per lo pi in modo profano e la sua antica origine religiosa non che un vago ricordo, come lo anche la sinonimia che esso aveva con ostia. Nessuno parlerebbe delle ostie di un terremoto, n della vittima che singerisce allaltare durante la messa al momento delleucarestia. La possibile assimilazione semantica tra i due termini viene in mente solo a chi pratica la lingua latina e sa che nellantichit entrambi designavano lofferta sacrificale. La divaricazione di significato tra i due vocaboli il risultato di un processo lento di cui ripercorreremo le tappe concentrando la nostra attenzione soprattutto sulle attestazioni pi antiche. In latino, victima e hostia sono dei sostantivi femminili propri del lessico religioso e nelluso corrente risultano spesso interscambiabili, come mostra un resoconto epigrafico dei Fratelli arvali in cui gli stessi animali di un sacrificio sono indicati ora come victimae, ora qualche rigo sotto come hostiae3. Tuttavia la sinonimia non totale e i due termini non sono perfettamente sovrapponibili. Esistono infatti alcune sfumature di significato. Se hostia indica genericamente tutti gli animali del sacrificio4, victima un termine specializzato che si riferisce, come vedremo, agli animali di un certo prestigio con dimensioni superiori a quelle degli altri5. Prenderemo dunque le mosse da hostia, la cui origine etimologica pi facilmente rintracciabile. Secondo alcuni linguisti, hostia deriva da una radice indoeuropea a cui si collega anche hostis, il nemico6. Il concetto di ostilit si ritrova cos ad essere etimologicamente imparentato con la cialda che si ingerisce allaltare per ricevere il corpo di Cristo. Questassociazione sorprendente merita di essere spiegata. Prima che queste parole assumessero i loro significati attuali, esse gravitavano tutte intorno ad un medesimo concetto, cio al modo in cui, nella pi profonda antichit, si regolavano i rapporti con lAltro. Si pensi, per esempio, alle pratiche che una societ arcaica metteva in atto quando entrava in contatto con popoli stranieri. Sembra che il termine da cui deriva il nostro aggettivo ostile, cio il latino hostis, abbia assunto il significato di nemico solamente in un secondo momento. Nella lingua pi arcaica hostis indicava semplicemente lo straniero, considerato su un piano di uguaglianza e al quale erano riconosciuti gli stessi diritti dei cittadini romani7. Si tratta dunque di tutti quegli stranieri con cui si potevano stabilire accordi che impegnavano reciprocamente le parti8. Solamente in seguito, nel latino classico, il termine, confondendosi con inimicus, ha assunto il significato di nemico, determinando quel mutamento di senso da straniero a nemico che la dice lunga sulla profondit delle radici della xenofobia. Ma torniamo a quando la parola hostis aveva ancora prevalentemente il significato di straniero. Gli hostes erano allora degli ospiti, valore ancora attestato, per esempio, nelle parole hte (francese), Gast (tedesco) e guest (inglese) derivanti dalla stessa radice. Con gli hostes si condivideva la stessa tavola e si consumava un animale ucciso, secondo delle precise regole religiose, che prendeva, per lappunto, il nome di hostia. Questo animale serviva
3 4 5 6 7 8

Cfr. SCHEID 1998 n 12c, linee 11 hostiae e 18 victimae, 29-30. Cfr. PRESCENDI 2007, 215 ss. Cfr. Hor. Carm. 2, 17, 30-32 (reddere victimas / aedemque votivam memento:/ nos humilem feriemus agnam) contrappone la victima prestigiosa a unagnella modesta. Cfr. per queste spiegazioni BENVENISTE 1969, vol. I, 87-101. BENVENISTE 1969, vol. 1, 92 ss., cfr. anche Cic. Off. 1, 37: hostis enim apud maiores nostros is dicebatur, quem nunc peregrinum dicimus (I nostri antenati chiamavano hostis colui che noi oggi diciamo peregrinus). I giuristi romani definivano hostes quelli contro i quali si poteva combattere un bellum iustum, cio una guerra dichiarata secondo le regoli abituali. Gli hostes sono distinti dai latrones e dai praedones, cfr. Pomp. Dig. 50, 16, 118; Gaius Dig. 50, 16, 234; Ulpian. Dig. 49, 15, 24.

146

MYTHOS

NUMERO 3,

n.s. 2009, 145-156

Tra passato e presente. Metodologia e storia degli studi

da mezzo per pareggiare i conti con gli stranieri con cui si volevano intrattenere buone relazioni. Il verbo hostire significa aequare, come dice Festo (270L.), indica lazione di pareggio dei doni tra chi accoglie e chi accolto9. Festo (334L.) spiega ancora che il composto red-hostire significa referre gratiam, cio rendere un beneficio per un beneficio ottenuto. Lhostia era dunque il mezzo che permetteva lo scambio, la buona relazione. Il senso di pareggiare presente anche in altri termini rari, comunque attestati nelle opere pi antiche della letteratura latina. Nelle commedie arcaiche, ad esempio, si usa hostire con il significato di fare un servizio reciproco10. Hostimentum spiegato da una glossa come beneficii pensatio cio compenso11 o come aequamentum, cio rendere uguali12. Varrone tramanda il nome di unaltrimenti ignota dea Hostilina la cui funzione era quella di livellare laltezza delle spighe di grano13. Questo , per sommi capi, il contesto etimologico della parola, ma nelluso comune del latino classico, hostia venuta a significare semplicemente lanimale ucciso in onore degli dei, per stabilire un buon rapporto con loro. Servio, il commentatore di Virgilio, afferma che attraverso lhostia si rendono gli dei aequi e propitii, termini che tradurrei con appagati e favorevoli14. Nello stesso modo con cui si regolavano i rapporti con gli hostes, si regolava dunque anche il rapporto con gli dei: simmagina che condividessero lo spazio urbano con gli uomini e che intrattenessero con essi relazioni di scambio reciproco15. In questo scambio, lhostia, offerta agli dei e mangiata dagli uomini, aveva il ruolo di rinsaldare il legame di coabitazione tra mortali e immortali. Ma come si passa da questa epoca arcaica di pranzi in comune e di animali uccisi allostia delleucaristia cristiana? Il passaggio da questepoca in cui lhostia suggellava una relazione di reciprocit tra uomini o tra divino e umano allostia delleucaristia cristana avviene per tappe successive. Lasciamo dunque il mondo della religione romana tradizionale per volgerci verso il cristianesimo delle origini. Ai primi Cristiani che riflettevano sui termini latini da usare durante il loro rito religioso, il termine hostia si probabilmente imposto nella sua accezione comune di offerta destinata a Dio. Lofferta di vino e di pane allaltare portata dai fedeli chiamata in origine hostia o hostia oblata16. Nella fase pi antica, dunque, lhostia non designava la cialda, ma lofferta nel suo insieme, cio il pane e il vino. Non possibile stabilire a quale periodo risalga la specializzazione del termine per indicare solamente la cialda. Nel XII secolo, Honorius Augustodunensis (Onorio dAutun) precisa che hostia sia il pane che il vino e nomina il pane
DEVOTO 1964. Plaut. Asin. 377: hostire contra ut merueris; cfr. anche Fest. 334L.: hostire pro aequare posuerunt e 416L. Paul.-Fest. 91L. Plaut. Asin. 172: par pari datum hostimentumst, opera pro pecunia. Varro ap. August. civ. 4, 8: cum segetes novis aristis aequantur, quia veteres aequare hostire dixerunt, deam Hostilinam [praefecerunt]. Su queste dee con funzioni specifiche si veda PERFIGLI 2004. 14 Serv. (Danielinus) Aen. 2, 156: hostia vero victima et dicta quod dii per illam hostiantur, id est aequi et propitii reddantur, unde hostimentum aequationem. 15 SCHEID 1985. 16 Nel Canone Romano composto probabilmente verso la met del IV sec., e nel De sacramentiis di Ambrogio scritto intorno al 378 lofferta viene indicata come hostia, (cfr. RIGHETTI 1949, 269; 289; 332). Lespressione hostia oblata difficilmente traducibile senza scadere in imbarazzanti giochi di parole: il termine hostia significa contemporaneamente vittima e offerta, e il participio oblata pu essere tradotto con i participi portata o offerta. Lambivalenza dei termini riflette la complessita di questo concetto.
9 10 11 12 13

MYTHOS

NUMERO 3,

n.s. 2009, 145-156

147

Francesca Prescendi, La vittima non unostia. Riflessioni storiche e linguistiche su un termine di uso corrente

pi spesso oblata17. Tuttavia, sembra che con luso di confezionare cialde rotonde per la comunione, il termine abbia assunto poco a poco laccezione attuale18. A fissarne luso deve aver contribuito la grande popolarit che lostia ha ottenuto tra il XII e il XIII secolo. Bench solo con il Concilio lateranense IV del 121519 si sia stabilito definitivamente che lostia, al momento della consacrazione, incarna la vera presenza di Cristo, il dibattito teologico sulla questione era iniziato gi alcuni secoli prima20. Nel XII secolo si sviluppa un grande fervore per la contemplazione dellostia che era considerata una sorta di teofania: osservare lostia era lunico vero scopo dellandare a messa. Il rito dellelevazione dellostia ha origine proprio in questo periodo: a volte il sacerdote veniva addirittura incitato a prolungare questo momento della liturgia dal pubblico in visibilio21. Il termine hostia si specializza cos, passando da vocabolo che definisce genericamente unofferta volta a stabilire una relazione di scambio con gli dei a termine tecnico indicante un certo tipo di cialda utilizzata durante la comunione cristiana. Il senso originario, per, di pareggiare

17 Honorius Augustodunensis (XII sec.), spiega che il pane lostia pura, il vino lostia santa e entrambi sono

18

19 20

21

detti ostia immacolata (Migne, 172, Sacramentarium, 793D: hostiam puram panis, hostiam sanctam calicis, hostiam immaculatam utrumque simul). Proprio questo stesso autore attesta per la prima volta la fabbricazione delle oblatae rotonde come un soldo. Egli spiega che lostia ha la forma di un soldo perch Cristo era stato venduto per 30 denari (Migne, 172, Sacramentarium, 794B: oblata est in modum denarii rotunda). Si sa che nel rito pi antico i cristiani portavano un pezzo di pane in chiesa tagliandolo da quello che consumavano quotidianamente. In seguito per venne stabilito dalle autorit ecclesiastiche che il pane presentato allaltare non doveva essere tagliato. Si dovevano confezionare dei pani pi piccoli apposta per questo scopo. Cfr. per esempio il Sinodo di Toledo del 693 citato in WHREN 2004, 13. I primi pani venivano detti corona consacrata ed erano probabilmente delle corone distribuite dai preti al popolo, come sembra che sia stato ordinato dal papa Zephyrinus vissuto allinizio del III sec. (Liber pontificalis 16, Zephyrinus, cfr. anche Greg. Magn. Dial. 4, 55: panis benedictus in modum coronae, seu forma rotunda confectus cfr. anche DLGER 1974, 37-38, che fa notare che questa corona oltre che nei testi si trova anche nei mosaici ravennati di San Vitale). Si diffuse anche luso di pani a forma di brezel. Ma lostia rotonda di pane azzimo sembra che abbia avuto ancor pi successo perch quando veniva spezzata non si sbriciolava (sul perch lostia sia di pane azzimo cfr. FABRE-VASSAS 1991). La Chiesa preferiva infatti evitare che ci fossero delle briciole per evitare al tempo stesso che fossero recuperate e portate a casa dai fedeli. Inoltre lostia rotonda di pane azzimo sembrava perfetta e incorporea e si adattava meglio alla rappresentazione del corpo di Cristo (WHREN 2004, 19). Non si sa per quando si sia diffuso luso di fare le ostie con i ferri, secondo il Dictionnaire darchologie chrtienne, questi apparecchi sono attestati dal VI sec.; secondo il sito internet del Muse National du Moyen Age de Cluny, Paris (http://www.museemoyenage.fr/pages/page_id18385_u1l2.htm) e il Lexikon fr Theologie i pi antichi risalgono al IX secolo; WHREN 2004 invece lascia intendere che l uso risale al XII sec. Per il momento sono daccordo con il Whren perch gli esemplari che ho avuto modo di vedere non risalgono a prima del XII sec. Secondo il Lexikon fr Theologie (s.v. Hostie) la parola prende il significato attuale nel IX secolo. Come ho gi detto sopra, secondo questo stesso Lexikon i primi ferri per fare le ostie risalgono a questo stesso periodo (cfr. art. Hostieneisen). Cfr. il testo del concilio nella prima rubrica De fide catholica. Oltre che su questioni concernenti la presenza della divinit nellostia, si discuteva su dettagli di ordine rituale, per esempio su quanto dovesse essere sollevata lostia dal celebrante e in che momento, cfr. DUMOUTET 1926, 37 ss.; in particolare alla pagina 54 cita un messale domenicano: sacerdos autem quam cito hostia fuerit consacrata, non super altare procumbens, sed aliquantulum inclinaris, cum ambibus manibus ipsam elevet ita quod possit stantibus apparere. BROWE 1967 28 ss. ed in particolare 33, n. 34 cita un passo dei libri miraculorum composti tra il 1225 e il 1237 in cui sono usate le espressioni hostia exaltare e in elevatione hostiae Cfr. anche RIGHETTI 1949, 326 ss.; IMORDE 2004. Nelle lingue nazionali si afferma luso di ostia, cfr. per esempio un passo di Felix Fabri (Abhandlungen von der Stadt Ulm, 98) redatto verso il 1500, dove si dice che a Ulm c una grande produzione di ostie (Hostien; cfr. WHREN 2004, 19). RIGHETTI 1949, 328.

148

MYTHOS

NUMERO 3,

n.s. 2009, 145-156

Tra passato e presente. Metodologia e storia degli studi

i conti, sembra restare implicitamente presente nelleucaristia cristiana: pane e vino sono unofferta sacrificale indirizzata dai partecipanti alla mensa di Dio. Essa lo gratifica perch Ges ha esplicitamente richiesto che questo fosse fatto in memoria di lui22. Nel passaggio dalla religione romana tradizionale a quella cristiana lhostia conserva dunque la funzione di dono tramite il quale gli uomini esplicitano la loro pietas verso il mondo divino. Passiamo ora allanalisi del termine: victima. La sua formazione grammaticale non chiara, ma si pu supporre che sia un antico aggettivo al grado superlativo. Da un radicale *vic-, sul cui significato ritorner, si formata vic-tima secondo lo schema di altri aggettivi al superlativo come mari-timus, leg-i-timus (con -i- analogica). Tutti questi aggettivi non hanno un comparativo ed hanno perso il loro valore grammaticale di superlativo. Maritimus, infatti, bench superlativo, si traduce come attinente al mare, legitimus come attinente alle leggi23. Nel caso di victima la traduzione sar possibile solo dopo aver discusso del significato del radicale. Ma per ci che riguarda la forma e in particolare il fatto che sia tramandato solo al femminile, si pu supporre che questo superlativo fosse originariamente usato come apposizione di hostia24. stata ipotizzata unespressione originaria hostia victima (lofferta di scambio pi eccellente o pi prestigiosa)25. Questo superlativo avrebbe in seguito cessato di essere usato come apposizione e sarebbe diventato un aggettivo sostantivato. Il significato della radice indoeuropea *vic- che pu essere intesa in diversi modi26: 1. vic- (*ueiq-)27 stato collegato alla parola tedesca weihen (consacrare) e al sanscrito vina-k-ti che significa sceglie. In questo caso la victima sarebbe la sceltissima. 2. vic- (*ueiq-)28 da mettere in relazione con vigor, vigere (aver vigore) e vincere29 che riconducono, evidentemente, alla nozione di colpo e di forza. La victima sarebbe in questo caso in senso attivo la fortissima oppure in senso passivo colei che colpita al massimo grado. 3. vic- (*ueik-, ueig-)30 il radicale di un nominativo *vix non attestato, di cui invece sussistono il genitivo vicis e laccusativo vicem che significano cambio periodico, ricambio. Da questa radice deriverebbero anche i termini tedeschi Wechsel e Woche. Appare laccezione di ricambiare in modo equivalente. In questo caso la victima sarebbe quella che pareggia per eccellenza. Scegliere tra queste varianti etimologiche arduo e ogni linguista ha optato per soluzioni differenti. Il latino attesta che victima generalmente connesso a unidea di eccellenza. In una commedia di Plauto si legge per esempio la frase di un personaggio che atteggiandosi come un dio

Cfr. Mc 22, 15: Fate questo in memoria di me e 1Co 11, 24-25. DEVOTO 1964. CORSSEN 1863, DEVOTO 1964. DEVOTO 1964. DEVOTO 1964. Cfr. anche WALDE-POKORNY 1930, 232-233 : *weiq- con il significato di aussondern (mettere a parte). Cfr. anche WALDE-POKORNY 1930, 232-233 : *weiq- con il significato di energische, bes. feindselige Kraftasserung (espressione di forza energica, specialmente ostile). 29 Cfr. anche CORSSEN 1863. La relazione etimologica di victima-vigor-vincere era gi nota in antichit, cfr. Fest. p.508L. : Aelius Stilo ait esse vitulum ob eius vigorem e i passi discussi di seguito nel testo. Ho gi studiato la maniera in cui gli antichi concepivano queste relazioni etimologiche in PRESCENDI 2007, 215 ss. 30 Cfr. anche WALDE-POKORNY 1930, 232-233 : *weik-, *weig- wechseln (cambiare).
22 23 24 25 26 27 28

MYTHOS

NUMERO 3,

n.s. 2009, 145-156

149

Francesca Prescendi, La vittima non unostia. Riflessioni storiche e linguistiche su un termine di uso corrente

afferma: non voglio vittime, voglio che mi si plachi con delle viscere dagnello31. Il senso della frase che il personaggio in questione non pretende degli animali prestigiosi (victimae) ma si accontenta di unofferta pi modesta, cio lagnello che non ha lo stesso valore di un animale adulto, n tantomeno di un bovino. Per precisare il valore di victima, gli autori latini la mettono a confronto con hostia. Frontone, per esempio, spiegando la differenza tra le due parole, afferma: victima maior, hostia minor32. La victima dunque pi grande: il dono pi prestigioso. Ancora una volta si deve far ricorso a una delle spiegazioni semplici ma pertinenti di Servio, secondo il quale le victimae si differenziano dalle hostiae perch queste ultime sono gli animali immolati prima di una battaglia, mentre le victimae sono quelli immolati dopo una vittoria33. Se le hostiae sono considerate come una specie di promessa, le victimae, in quanto pi prestigiose, sono pi adatte a ringraziare. Il legame con lidea di vittoria attestato anche in un altro testo anteriore a quello di Servio, in un distico dei Fasti di Ovidio: Si chiama victima lanimale che cade colpito da una mano vittoriosa; hostia prende il suo nome dai nemici vinti34. Ovidio basa la sua spiegazione sulla relazione tra victima-vincere e hostia-hostis. Ma il legame tra la vittima e la vittoria ha una sfumatura differente rispetto a quella presente in Servio. Il poeta sottolinea che una mano vittoriosa quella che simpone sui nemici umani. Questa mano vittoriosa quando si alza sul nemico sconfitto, ma anche imperiosa quando si alza sullanimale sottomesso35. In questo gioco di rinvii lanimale occupa lo stesso posto del nemico. Ovidio mette in evidenza non tanto laspetto attivo della vittima, ma quello passivo. Se ritorniamo al radicale vic- nella seconda accezione proposta, che mette in relazione victima con il verbo vincere, la sua traduzione sarebbe la vinta, la sottomessa per eccellenza. Anche se non si pu essere sicuri che questa sia la corretta derivazione etimologica, certo che essa quella che permette di spiegare perch vittima abbia potuto assumere il significato di essere che subisce, essere sofferente. Infatti, passando attraverso un uso metaforico del sacrificio come momento in cui si decide della vita e della morte della vittima senza che essa abbia da dire la sua, si arriva poco a poco al senso profano di vittima come essere sofferente per uningiustizia subita, poco attestato in antichit ma tuttavia presente. Un esempio si trova in una Controversia (2, 3, 19), in cui Seneca il Retore tratta dei rapporti tra padre e figlio36. La situazione descritta la seguente: un figlio ha commesso una colpa; il padre, che ha su di lui la patria potestas, cio il diritto di vita e di morte, deve rivelare se gli concede o no il perdono. Prima di venire a conoscenza del giudizio del padre, si prepara lesecuzione. Il boia aspetta che

31 Plaut. Pseud. 329: nolo victumas: agninis me extis placari volo. Cfr. anche Horat. Carm. 2, 17, 28 gi citato alla 32 Front. Diff. voc. 532 K. 33 Serv. Aen. 1, 334 : Sono chiamate hostiae le offerte dei sacrifici compiuti da quelli che si recano contro i nemici,

nota 4.

mentre victimae sono le offerte date dopo la vittoria (hostiae dicuntur sacrificia quae ab his fiunt qui in hostem pergunt, victimae vero sacrificia quae post victoriam fiunt). 34 Ov. Fast. 1, 335-336: victima quae dextra cecidit victrice vocatur; / hostibus a domitis hostia nomen habet. 35 Cfr. SCHEID 1998 e PRESCENDI 2007, 220 ss. 36 A proposito delle storie descritte nelle Controversiae di Seneca e dei loro rapporti con il mito cfr. BEARD 1993.

150

MYTHOS

NUMERO 3,

n.s. 2009, 145-156

Tra passato e presente. Metodologia e storia degli studi

il padre dia lordine. A questo punto interviene Asinio Pollione, commentando sarcasticamente: In questo caso dunque, il figlio tenderebbe il collo, il boia alzerebbe il braccio per sferrare il colpo, poi giratosi verso il padre chiederebbe devo colpire? come si fa di solito per le vittime37. Il termine usato da Seneca victimae. Questo passo, che paragona lesecuzione capitale al sacrificio, illustra come sia avvenuto la trasformazione del significato del termine vittima. La Controversia gioca sullambivalenza della vittima: offerta prestigiosa del sacrificio, ma al tempo stesso essere che non decide della propria sorte; proprio come il figlio della famiglia romana sottomesso non alle autorit cittadine, a cui potrebbe eventualmente appellarsi, ma al padre, che attua su di lui un giudizio definitivo. Lidea di essere sottomesso a un potere che non dipende dalla propria volont e il suo uso metaforico sono allorigine dellaccezione con cui gi in latino si usava e ancora oggi nelle lingue derivate si usa la parola vittima in contesto profano. Cicerone (Flac. 95), difendendo Lucio Flacco, domanda al tribunale se i Romani vogliano fare di lui una vittima offerta in sacrificio espiatorio a Publio Cornelio Lentulo, un complice di Catilina, che era gi stato giustiziato. La terminologia sacrificale (mactare victimam) evidentemente utilizzata metaforicamente, perch non si tratta di un sacrificio reale. Ancora pi distante dal contesto religioso lutilizzo di questo termine da parte di Tertulliano38 che chiama le prostitute victimae dei piaceri pubblici. La trasformazione pi significativa che attraversa il concetto di vittima nel passaggio dalla sfera religiosa a quella profana riguarda il consenso del sacrificando verso la propria messa a morte. Nella concezione religiosa antica lanimale offerto agli dei deve essere consenziente. Nel sacrificio greco si sa che lanimale deve scuotere la testa quando viene asperso con l acqua, perch questo significa che accetta di essere sacrificato. A Roma, se gli animali fuggono dopo essere stati cosparsi di mola salsa, cio dopo essere stati consacrati, non possono pi essere sacrificati e, una volta ritrovati, devono essere uccisi39. La loro fuga indica che non sono consenzienti al sacrificio. Lapprovazione della vittima, bench sia una finzione teologica come ben rivelano gli anelli che si trovavano infissi sugli altari allo scopo di impedire la fuga degli animali40, era un topos diffuso. Minucio Felice, quando parla dei sacrifici umani a Cartagine, immagina che le madri pagane che portavano i loro figli per essere sacrificati, coprissero loro gli occhi perch non si mettessero a piangere prima di essere uccisi. Minucio Felice precisa che unofferta in lacrime non gradita agli dei41.
37 Sen. Contr. 2, 3, 19 : filius, inquit, cervicem porrigat, carnifex manum tollat, deinde respiciat ad patrem et dicat : 38 Tert. Cult femin. 12, 1 : aud quid minus habent infelicissimae illae publicarum libidinum victimae ? (O allora che 39 Serv. Aen. 2, 104: ideo autem dicit mercentur, quia sacrorum est, ut fugiens victima ubicumque inventa sit, occidatur,

agon? (quod fieri solet victimis).

coshanno di meno queste sfortunate vittime dei piaceri pubblici?).

ne piaculum committatur. Cfr. anche Macr. Sat. 3, 5, 8 : observatum est a sacrificantibus ut, si hostia quae ad aras duceretur fuisset vehementius reluctata ostendissetque se invitam altaribus admoveri, amoveretur, quia invito deo offerri eam putabant. Quae autem stetisset oblata, hanc volenti numini dari aestimabant (I sacrificanti osservano che se la vittima condotta allaltare si dibatte in modo violento e fa vedere che vi condotta contro il suo volere, lallontanano perch ritengono che la divinit non gradir lofferta. Al contrario, se quando offerta sta immobile, si ritiene che la divinit gradisca lofferta). 40 La vittima era legata per essere condotta allaltare. Festo spiega il termine victima basandosi su questo dettaglio (Fest. 508 L.: alii aut quae vincta adducatur ad altare). Sulla vittima legata cfr. anche Plut. Lucull. 24, 5. Prescendi 2007 passim. 41 Min. Fel. Oct. 30 : ne flebilis hostia immolaretur.

MYTHOS

NUMERO 3,

n.s. 2009, 145-156

151

Francesca Prescendi, La vittima non unostia. Riflessioni storiche e linguistiche su un termine di uso corrente

Mi permetto un excursus nelle tragedie di Euripide, in cui il consenso della vittima costituisce un motivo narrativo ricorrente. NellIfigenia in Aulide, Ifigenia, la figlia del re Agamennone, deve essere sacrificata a Artemide che ostacola la partenza dei Greci per Troia. Il padre si rassegna alla volont della dea e fa venire sua figlia sulla costa dove si trova lesercito che aspetta invano che le onde si calmino per potersi imbarcare. La scusa con cui stata attirata Ifigenia un matrimonio sontuoso con Achille, il pi famoso dei soldati greci. Poco prima dellarrivo di sua figlia, Agamennone rimpiange la sua decisione e tenta di rimediare, senza riuscirvi. Il sacrificio si deve fare contro la sua volont e contro quella di sua moglie, Clitennestra. Il sentimento dIfigenia oscilla, passando dal rifiuto al consenso al sacrificio. Allinizio, infatti, quando scopre che suo padre lha ingannata, si dispera. Lei, che sempre stata una figlia esemplare e affettuosa, si sente abbandonata e piange per la sua sventura, ma quando si rende conto che tutti i soldati, eccetto Achille, desiderano la sua morte per proseguire la loro impresa, il suo atteggiamento cambia. Rimprovera alla madre, ancora contraria al sacrificio, di aver generato una figlia per il suo bene personale pi che per quello di tutta la Grecia. Con grande slancio dorgoglio dichiara di voler andare al sacrificio di sua propria volont. Spiega che la nobilt danimo pi apprezzabile della vilt. Sente di essere al centro dellattenzione di tutta la Grecia: la sua morte consentir allesercito di partire per sottomettere i nemici. Questo gesto le permette di conquistarsi una gloria paragonabile a quella di un guerriero valoroso che si fa uccidere in combattimento per assicurare la vittoria alla patria42. Lo stesso tema si ritrova altrove in Euripide. La giovane Macaria negli Eraclidi afferma: Portatemi dove il mio corpo deve morire, copritelo delle bende rituali, procedete al sacrificio come vostro compito, e trionfate sugli avversari: ecco la mia vita che si offre volentieri, senza rimpianto43. Nelle Fenicie, un ragazzo, Meneceo, figlio di Creonte, a morire per salvare la patria. Mentre suo padre lo incita a lasciare la citt per rifugiarsi nel santuario di Dodona e mettersi sotto la protezione di Zeus, Meneceo decide invece di affrontare il suo destino perch, come afferma, non si possa dire di lui che un vile44. La tragedia intitolata Eretteo, di cui ci sono pervenuti solo alcuni frammenti, conserva anchessa la traccia di un sacrificio umano. Una ragazza, di cui non si conosce n il nome n la disposizione danimo, si uccide per la patria. Si pu ipotizzare che abbia la stessa attitudine dei giovani di cui abbiamo discusso finora, ma lo stato frammentario del testo non permette di affermarlo. Si sa per che sua madre, Prassitea ha una reazione molto diversa da quella di Clitennnestra. Mentre questultima resta fino alla fine contraria al sacrificio della figlia, Prassitea lo approva e si distanzia dal padre che ha delle esitazioni. Secondo lei bisogna agire senza indugio: Offrir mia figlia in sacrificio per il mio paese, esclama. Nelle tragedie euripidee, mentre il padre e talora la madre, si ribellano allidea di dare la propria figlia in sacrificio, la vittima al contrario assume il proprio ruolo con determinazione e accetta la sua sorte perch la sua morte, voluta dagli dei, offrir alla patria una via di salvezza. Lidea dellaccettazione del sacrificio permette di aprire unaltra pagina della storia del concetto di vittima, cio quella che riguarda la morte di Cristo e dei martiri che muoiono imitandolo. Ges e i martiri, infatti, come le vittime dei sacrifici tradizionali (almeno quelle del discorso idealizzato dellantichit), non rifiutano a priori di sottomettersi allesecuzione, che anzi af42 Cfr. BRUIT-ZAIDMAN 1996 (soprattutto il paragrafo Le sacrifice des jeunes filles ). 43 Eur. Heracl. 528-531. 44 Eur. Phoen. 1004-1005.

152

MYTHOS

NUMERO 3,

n.s. 2009, 145-156

Tra passato e presente. Metodologia e storia degli studi

frontano con coraggio. Il carattere passivo della vittima, costretta a piegarsi a un destino che non ha scelto, non equivale a un rifiuto del sacrificio. Ges, la vittima per eccellenza, non fa niente per impedire la sua esecuzione, e la sua passivit ha dato luogo a un acceso dibattito gi nellantichit. Basti pensare al Vangelo di Giuda, in cui Ges afferma che non era lui a essere morto sulla croce. Gli eretici a tendenza docetista affermano che Ges non poteva essere colui che era stato inchiodato sulla croce perch il suo potere gli avrebbe consentito di evitare una tale umiliazione, incompatibile con la sua dignit. Ma, a differenza delle opinioni diffuse in queste sette, la dottrina corrente adottata dalla Chiesa accettava che Ges, pur essendo capace di risuscitare i morti, non avesse fatto nulla per evitare la propria morte. A parte i casi di autodenuncia volontaria, anche per gli altri martiri si pu affermare che essi subiscono la loro sorte senza opporre resistenza45. Un caso celebre quello descritto nella Passione di Perpetua. Perpetua, una donna di 22 anni, di nobile famiglia africana e madre di un neonato, arrestata su delazione, viene suppliziata con altri cristiani nellanno 203. Suo padre, un personaggio influente, avrebbe potuto farla liberare, se lei avesse accettato di collaborare. Fino al momento del processo, il padre tenta di convincerla a compiere un sacrificio in onore dellimperatore adducendo diversi motivi, non ultimo il fatto che suo figlio sarebbe rimasto orfano. Perpetua non sente ragioni e resta ostinatamente devota alla propria fede. Nemmeno al momento del supplizio nellanfiteatro, Perpetua perde coraggio e fermezza. Alla fine del racconto della passione si legge: Quando la mano del gladiatore novizio esitava, la guid lei stessa verso il suo collo. Una donna cos [] non avrebbe mai potuto essere uccisa se non fosse stata lei stessa a volerlo. Nel racconto del martirio di Romano, Prudenzio (Hym. 10, 8, 791-793) narra del supplizio dei bambini cristiani presi dalle braccia delle loro madri, le quali cercano di consolarli parlando loro della ricompensa divina: queste nobili parole colmavano il bambino di gioia. I piccoli si facevano beffe ormai delle frustate che risuonavano e del dolore dei colpi. Queste testimonianze religiose (greche, romane e cristiane) non lasciano dubbi sullimportanza del consenso delle vittime al sacrificio in ambito religioso. Questa concezione si presenta completamente ribaltata nelluso profano di vittima, quale essere sofferente per una sventura subita suo malgrado. infatti proprio facendo leva sull ingiustizia subita che essa pu chiedere un risarcimento. Il geografo Strabone (12, 2, 8 = C535) racconta, ad esempio, dello straripamento di un fiume in seguito al quale gli abitanti che avevano subito dei danni domandavano un indennizzo. Il termine greco per definire la loro condizione adiketheis, participio passivo del verbo adikeo che significa essere offeso, aver subito uningiustizia e si riferisce a individui che hanno subito un danno ingiustamente: vittime per lappunto, anche se il participio non rende tutte le sfumature di significato del termine. Gli adiketheis del passo di Strabone rappresentano dunque delle vittime convinte di aver subito una sorte ingiusta e contraria alla loro volont. appunto lidea di sottomissione involontaria a un destino ingiusto a far s che la vittima abbia un particolare successo nella nostra cultura sensibile alla sofferenza altrui pi che in passato. Oggi sembra verificarsi la profezia biblica secondo la quale gli ultimi saranno i primi46. in nome delle vittime che si combattono le battaglie contro i pedofili, ed ancora in nome di presunte vittime che si giustifica lintervento delle forze armate in Iraq. Un tempo dimenticate dalla storia, le vittime sono oggi diventate una categoria venerata dagli uni, strumentalizzata
45 Cfr. BOWERSOCK 1995 passim. 46 ERNER 2006, 13

MYTHOS

NUMERO 3,

n.s. 2009, 145-156

153

Francesca Prescendi, La vittima non unostia. Riflessioni storiche e linguistiche su un termine di uso corrente

dagli altri47. Sono le vere protagoniste del nostro quotidiano e soprattutto di come esso ci presentato dai media, i quali insinuano che se oggi toccato ad altri, domani forse toccher a noi. E il nostro senso di compassione e di empatia si rinforza. Ed esattamente questa sensazione che permette di definire la categoria delle vittime nella lingua quotidiana. La vittima esiste solamente quando si riesce a mettersi nei suoi panni. JeanJacques Rousseau scriveva: Non si compiangono negli altri che quei mali di cui non ci si ritiene esenti [] Perch i re sono senza piet verso i loro sudditi? Perch non pensano di diventare mai degli uomini come gli altri48. Se il sentimento di empatia generato dal fatto di potersi mettere nei panni della vittima, esso dunque non poteva nascere nei confronti di esseri considerati inferiori o colpevoli della loro sorte. Linchiesta condotta da Michela Marzano49 nel libro La mort spectacle ne d un chiaro esempio. La studiosa tratta del delicato tema degli spettacoli di morte diffusi su Internet (gli snuff movies), difficilmente accessibili, ma nonostante tutto disponibili per chi possegga una certa abilit a navigare in rete. Si tratta di video nei quali si possono vedere delle vere esecuzioni. M. Marzano ha constatato che nei forum di discussione di questi siti una parte del pubblico mostra di provare un sentimento di disprezzo verso il condannato a morte. Questi considerato inferiore agli spettatori perch colpevole o perch appartenente a una cultura differente e denigrata. Lidea dinferiorit genera dunque distacco e non empatia. Il passo di Rousseau citato sopra mette laccento sul fatto che il concetto di vittima pensabile solo in una socit democratica: al monarca il concetto di vittima incomprensibile. Sociologi e storici hanno rilevato che la nascita dellattenzione nei confronti della vittima va di pari passo con la democratizzazione della societ50. Una ricerca condotta sui titoli dei libri presenti nella biblioteca nazionale francese mostra che solo a partire dallepoca della rivoluzione francese che questo termine ha cominciato ad essere usato pi frequentemente e non ha mai cessato fino ad oggi di incrementare il suo successo. Una breve indagine sui dizionari francesi fino allottocento mi ha permesso di confermare che la voce vittima non aveva in passato la stessa importanza che ha oggi. Se, come abbiamo detto, il successo del concetto di vittima intrinsecamente connesso alla democratizzazione della societ, chiaro che con gli ideali illuministi si opera un grande cambiamento nella storia della sensibilit europea. In nome delluguaglianza, della fraternit e della libert, e nello smantellamento della gerarchia sociale tradizionale, il sentimento di compassione e di empatia trova pi spazio e diffusione. Il successo del concetto di vittima si riflette anche nei costumi dellepoca. Negli anni successivi alla rivoluzione francese viene creato a Parigi il ballo delle vittime (o il suo mito)51: un incontro mondano, a cui sembra che avessero accesso solo coloro che avevano perso un parente durante il periodo del terrore. A questo ballo, sembra che ci si salutasse con un cenno della testa alla vittima, cio imitando il movimento della testa quando veniva ghigliottinata. Gio47 Cfr ancora ERNER 2006. 48 J.-J. Rousseau, Emile ou De lducation, Garnier-Flammarion, Paris, 1966, p. 286: On ne plaint jamais dans

autrui que les maux dont on ne se croit pas exempt soi-mme [] Pourquoi les rois sont-ils sans piti pour leurs sujets ? Cest quils comptent de ntre jamais hommes . Il passo citato anche da ERNER 2006, 55. 49 MARZANO 2007. 50 LAMARRE 2000. 51 Alcuni ritengono che incontri di questo tipo non abbiano mai avuto luogo, cfr. le ricerche in corso di M. Kolakowski.

154

MYTHOS

NUMERO 3,

n.s. 2009, 145-156

Tra passato e presente. Metodologia e storia degli studi

vani donne e uomini portavano une coiffure la victime, cio dei capelli tagliati corti dietro la nuca come le persone pronte per la ghigliottina. Il mio collaboratore Marc Kolakowski sta studiando questi costumi, a cui si pu affiancare anche una curiosit culinaria, ovvero la cotoletta alla vittima. Si tratta di una cotoletta fatta cuocere sulla brace tra altre due, che sono in seguito gettate, dunque sacrificate per quella centrale. A parte questi usi ed abusi del termine, la rivoluzione francese resta un punto fisso per la nostra concezione moderna di vittima, concezione a cui hanno contribuito senza dubbio anche altri momenti chiave della nostra storia pi recente, come la diffusione degli ideali marxisti, di quelli del 68, le rivendicazioni femministe e senza dubbio la rivalutazione del dramma della Shoah. Nellevoluzione della nostra sensibilit verso le vittime bisogna iscrivere anche la considerazione di cui godono gli animali. Un libro interessante da questo punto di vista quello di Charles Patterson Eternal Treblinka52. Lautore si riallaccia a un movimento di cui uno dei primi promotori stato il filosofo australiano Peter Singer, che ha pubblicato nel 1975 il libro Animal Liberation53. Riprendendo le problematiche di Singer, Patterson sviluppa il suo discorso sul posto che gli animali occupano nella nostra societ. Egli constata che questa posizione pu essere assimilata a quella degli schiavi. Fin dallantichit, luomo ha considerato lanimale come un essere senza ragione, dunque inferiore, e lha addomesticato per procurarsi nutrimento e per farlo lavorare al suo posto. Con la nascita dellindustria alimentare sono state create le macellazioni di massa. Durante la prima met del XIX secolo negli Stati Uniti la macellazione a catena degli animali ha ridotto il loro statuto a quello di merce. Loriginalit del libro di Patterson consiste nella constatazione che questo modo di abbattere gli animali pu essere servito come presupposto importante per la concezione dei campi di sterminio della seconda guerra mondiale. Non di mia competenza discutere la connessione tra i macelli e i campi di concentramento, connessione scioccante, ma forse anche positivamente provocatoria. Quello che minteressa qui la presa di coscienza dello statuto dellanimale. Lo scopo di Patterson di sensibilizzare lopinione pubblica, affinch gli animali vengano trattati con maggior rispetto e, liberati dalla loro condizione di schiavit, siano finalmente considerati come esseri certo diversi, ma senza che questa loro diversit costituisca una giustificazione per sottometterli. Ormai i racconti dei nostri genitori che hanno assistito, durante la festa del paese, alluccisione del maiale sulla piazza diventano lontani ricordi in contrasto con la tendenza dei nostri giorni a ridare dignit a tutti gli oppressi delle nostre societ, animali compresi.
Francesca Prescendi Facult des lettres Universit de Genve rue de Candolle 3, CH-1211 Genve Francesca.Prescendi@unige.ch

52 PATTERSON 2002. 53 SINGER 1995.

MYTHOS

NUMERO 3,

n.s. 2009, 145-156

155

Francesca Prescendi, La vittima non unostia. Riflessioni storiche e linguistiche su un termine di uso corrente

Bibliografia
BASLEZ 2007 M.-F. Baslez, Les perscutions dans lAntiquit. Victimes, hros, martyrs, Paris, 2007. BEARD 1993 M. Beard, Looking (harder) for Roman myth: Dumzil, declamation and the problems of definition, in Mythos in mythenloser Gesellschaft. Das Paradigma Roms, Colloquium Rauricum 3, a cura di F. Graf, Stuttgart, Leipzig, 1993, 44-64 [versione francese : Sur la piste du mythe romain , in : Europe, 904-905 (2004), 191218]. BENVENISTE 1969 E. Benveniste, Le vocabulaire des institutions indoeuropennes, 2 vol., Paris 1969. BOWERSOCK 1995 G.W. Bowersock, Martyrdom and Rome, Cambridge, 1995. BROWE 1967 P. Browe, Die Verehrung der Eucharistie im Mittelalter, Rom 1967. BRUIT-ZAIDMAN 1996 L. Bruit-Zaidman, Le temps des jeunes filles dans la cit grecque : Nausicaa, Phrasikleia, Timareta et les autres, in CLIO. Histoire, femmes et socits [En ligne], 4, 1996 URL: http://clio.revues.org/index431.html, 2-13. Dictionnaire darchologie chrtienne et de liturgie a cura di F. Chabrol, Paris, 1907-1953, (s.v. Fer hosties, a cura di H. Leclercq) vol. 5, 1366-1368. DLGER 1974 F. J. Dlger, Antike und Christentum. Kultur- und religionsgeschichtliche Studien, vol. 1, 2a ed., Mnster 1974 (= 1929). DUMOUTET 1927 E. Dumoutet, Le dsir de voir lhostie et les origines de la dvotion au Saint-Sacrament, Paris 1927. ERNER 2006 G. Erner, La socit des victimes, Paris, 2006. FABRE-VASSAS 1991 C. Fabre-Vassas, Lazyme des juifs et lhostie des chrtiens, in Le ferment divin, a cura di D. Fournier, S. DOnofrio, Paris 1991, 189-206. IMORDE 2004 J. Imorde, Fest und Verehrung der Eucharistie, in Panis angelorum. Das Brot der Engel, Schwabenverlag, Ostfildern 2004, 79-88. LAMARRE 2000 Ch. Lamarre, Victime, victimes, essai sur les usages dun mot, in Les victimes, des oublis de lhistoire ? Actes du colloque de Dijon, 7 et 8 octobre 1999, a cura di B. Garnot, Rennes 2000. Lexikon fr Theologie und Kirche a cura di M. Buchberger, Freiburg 1993-2001, (s.v. Hostieneisen a cura di J. A. Jungmann) vol. 5, 290. MARZANO 2007 M. Marzano, La mort spectacle, Paris 2007. PATTERSON 2002 Ch. Patterson, Eternal Treblinka, New York 2002. PERFIGLI 2004 M. Perfigli, Indigitamenta. Divinit funzionali e funzionalit divina nella religione romana, Pisa 2004. PRESCENDI 2007 F. Prescendi, Dcrire et comprendre le sacrifice. Les rflexions des Romains sur leur propre religion partir de la littrature antiquaire, Potsdamer altertumswissenschaftliche Beitrge, Stuttgart 2007. RIGHETTI 1949 M. Righetti, Manuale di storia liturgica, vol. III, LEucarestia, Sacrificio (Messa) e Sacramento, Milano 1949. SCHEID 1985 J. Scheid, Numa et Jupiter ou les dieux citoyens de Rome, in Archives des Sciences Sociales des Religions 59 / 1 (1985), 41-53. SCHEID 1998 J. Scheid, Lanimal mis mort. Une interprtation romaine du sacrifice, in tudes rurales 147-148 (1998), 15-26. SCHEID 1998 J. Scheid, Commentarii fratrum Arvalium qui supersunt. Les copies pigraphiques des protocoles annuels de la confrrie arvale (21 av. - 304 ap. J.-C.), coll. Roma Antica vol. 4, Rome 1998. SINGER 1995 P. Singer, Animal Liberation, London 1995 (1a ed. New-York 1975). WHREN 2004 M. Whren, Zur Geschichte der Hostienbckerei, in Panis angelorum. Das Brot der Engel, Ostfildern 2004, 11-22.

156

MYTHOS

NUMERO 3,

n.s. 2009, 145-156

Gli autori
Angela Bellia dottore di ricerca in Musicologia e Beni musicali presso lUniversit di Bologna, ha svolto attivit di studio e di ricerca presso lArchologisches Institut di Zurigo nellambito del Programma Marco Polo per la formazione allestero dei giovani ricercatori dellUniversit di Bologna. Il suo principale interesse di ricerca verte sulliconografia della musica antica e, in particolare, sulla coroplastica con raffigurazioni musicali in Sicilia, in Magna Grecia e nel Mediterraneo di et greca, e sulla relazione tra musica e rito nel mondo antico. Si occupa inoltre dello studio degli strumenti musicali e degli oggetti sonori in Sicilia e nellItalia meridionale (IX-III sec. a.C.). vincitrice del Premio di studio Giuseppe Nenci istituito dalla Scuola Normale Superiore di Pisa per la migliore tesi di dottorato dedicata a problematiche storico-archeologiche della Sicilia (2007). Fra le sue pubblicazioni: Immagini della musica ad Akragas (2003), Gli strumenti musicali nei reperti del Museo Archeologico Regionale A. Salinas di Palermo (2009), Coroplastica con raffigurazioni musicali nella Sicilia greca (2009). Attualmente insegna Iconografia della Musica antica presso lUniversit di Palermo. Laurent Bricault professore di Storia Romana allUniversit de Toulouse ed autore di opere relative ai culti isiaci: Atlas de la diffusion des cultes isiaques, Paris 2001; Recueil des Inscriptions concernant les Cultes Isiaques (hors dgypte), Paris 2005; Sylloge Nummorum Religionis Isiacae et Sarapiacae, Paris 2008. fondatore della collana Bibliotheca Isiaca, Ausonius Bordeaux, e organizzatore e curatore dei convegni internazionali sui culti isiaci. Gli atti del IV convegno, dal titolo LEgypte en Egypte, saranno pubblicati nel corso del 2010. Emanuela Calcaterra dottoranda in Tradizioni e Istituzioni religiose di ambiente circum-mediterraneo: Storia, Letteratura, Diritto presso lUniversit degli Studi di Messina. Ha pubblicato, per la Miscellanea di Studi Storici dellUniversit della Calabria un articolo dal titolo Per cena alle divinit. Note sul culto privato di Ecate nella Grecia Antica ed coautrice con il Prof. Sergio Ribichini di un contributo su Anna Perenna in corso di pubblicazione. Eleonora Cavallini professore ordinario di Lingua e Letteratura Greca presso la Facolt di Conservazione dei Beni Culturali dellUniversit di Bologna. Si occupata soprattutto di lirica greca, ma ha trattato anche alcuni aspetti della storia, della filosofia e del diritto di et ellenistico-romana. Attualmente si dedica allo studio della storia della mitologia classica, con particolare riferimento alla persistenza di temi mitologici nella civilt moderna e contemporanea. Tra le sue pubblicazioni: Saffo. Frammenti, Parma 1986; Luciano. Questioni damore, con introduzione di Enzo Degani Venezia 1991; Ibico. Nel Giardino delle Vergini, Lecce 1997; Il fiore del desiderio. Afrodite e il suo corteggio fra mito e letteratura, Lecce 2000. Di recente, ha curato ledizione del volume miscellaneo Omero mediatico. Aspetti della ricezione omerica nella civilt contemporanea, comprendente il suo saggio Cesare Pavese e la ricerca di Omero perduto: dai Dialoghi con Leuc alla traduzione dellIliade, Bologna 2007. responsabile della collana Nemo: confrontarsi con lantico. Giorgio Camassa professore ordinario di Storia greca presso la Facolt di Lettere e Filosofia dellUniversit di Udine. Si interessato della vita politico-religiosa e in genere della cultura del mondo greco. Tra le sue ultime pubblicazioni: La lontananza dei Greci, Roma 2004; La Sibilla giudaica di Alessandria. Ricerche di storia delle religioni, Firenze 2005; Atene. La costruzione della democrazia, Roma 2007; Forme della vita politica dei Greci in et arcaica e classica, Bologna 2008. Insieme con altri autori ha curato Idea e realt del viaggio. Il viaggio nel mondo antico, Genova 1991; Paesaggi di potere. Problemi e prospettive, Roma 2000. Ha collaborato, fra laltro, a I Greci e alla Storia dEuropa (Einaudi); nella Storia del Mezzogiorno apparso un suo saggio sui culti delle poleis magno-greche. Fa parte del Comitato Scientifico di tre riviste: Hespera, Mythos, Seminari Romani di Cultura Greca. Inoltre, uno dei membri del Comitato Scientifico Internazionale di storia. Monica de Cesare professore associato di Archeologia classica presso il Dipartimento di Beni Culturali della Facolt di Lettere

MYTHOS

NUMERO 3,

n.s. 2009

205

Gli autori

dellUniversit di Palermo. Ha condotto ricerche di archeologia e storia dellarte greca, con particolare riguardo a problematiche di pittura vascolare; ricerche archeologiche e topografiche in Magna Grecia e Sicilia (Hipponion, Entella, Segesta); ricerche di storia dellarcheologia classica (aspetti della ricerca archeologica e del collezionismo in Magna Grecia e Sicilia tra Ottocento e Novecento). Ha pubblicato due volumi del Corpus Vasorum Antiquorum (Vibo Valentia 1, 1991; Agrigento 2, 2005) ed una monografia dal titolo Le statue in immagine. Studi sulle raffigurazioni di statue nella pittura vascolare greca, Roma 1997. Tra le sue ultime pubblicazioni Ceramica figurata e mercenariato in Sicilia, in Atti delle quinte Giornate Internazionali di Studi sullarea elima (2006) e Crateri-cinerari figurati in Sicilia: immagini, rito e credenze religiose, in Sicilia antiqua (2007). Cornelia Isler-Kernyi Ha insegnato in diverse Universit in Svizzera e in Italia e partecipato a campagne di scavo in Sicilia e in Grecia. Il suo campo principale di ricerca linterpretazione delle testimonianze figurative nellarte antica e la loro connessione con il mondo religioso. Ha recentemente pubblicato Dionysos nella Grecia arcaica: il contributo delle immagini, Roma-Pisa 2001 (trad. ingl. 2007), Civilizing Violence, Fribourg-Gttingen 2004 sulliconografia dei Satiri. Dottore honoris causa dellUniversit di Pcs (Ungheria) e membro corrispondente dellIstituto archeologico germanico (DAI). Dal 1993 al 2007 stata membro della commissione UNESCO Svizzera impegnandosi contro il traffico illecito di opere darte dellantichit. Enrico Montanari professore ordinario di Storia delle Religioni allUniversit La Sapienza di Roma. Collabora allannuale Seminario Internazionale di studi storici Da Roma alla Terza Roma e per le riviste Storia, Antropologia e Scienze del Linguaggio, Storiografia, Historia Religionum. An International Journal,

Iura Orientalia, Diritto e Storia, etc. Dirige, per i tipi di Bulzoni Editore, la collana Mos maiorum, di studi sulla Tradizione romana. Filoni privilegiati di ricerca sono lo studio della religione romana arcaica e della mistica comparata. Tra i suoi saggi: Categorie e forme nella storia delle religioni, Milano 2001; La fatica del cuore. Saggio sullascesi esicasta, Milano, 2003; E. Montanari, Fumosae imagines. Identit e memoria nellaristocrazia repubblicana, Roma 2009. Francesca Prescendi professore associato di Histoire des religions, Sciences de lAntiquit presso lUniversit de Genve. Dopo gli studi di filologia classica e antropologia alluniversit di Siena, ha conseguito un dottorato in latino allUniversit di Freiburg i.B. e uno in storia delle religioni allUniversit di Ginevra e allcole Pratique des Hautes tudes de Paris. Di recente pubblicazione: Dcrire et comprendre le sacrifice. Les rflexions des Romains sur leur propre religion partir de la littrature antiquaire, Stuttgart 2007 e insieme a Philippe Borgeaud, Religions antiques. Une introduction compare, Genve 2008. Il suo campo di ricerca comprende le religioni antiche (soprattutto quelle del mondo greco e romano) e la storia della disciplina. Tilman Seebass Dal 1977-1993 stato professore presso la Duke University (Durham, NC USA) e fino al 2007 ordinario allInstitut fr Musikwissenschaft dellUniversit di Innsbruck. I suoi interessi scientifici si concentrano sulla relazione tra musica e arti figurative, sullIndonesia e su tematiche di comparazione culturale. Le sue recenti pubblicazioni si muovono allinterno di questi ambiti. Al momento lavora a un manuale di iconografia musicale e al catalogo dei manoscritti musicali precoloniali su foglie di palma a Bali. presidente della Societ internazionale di musicologia.

206

MYTHOS

NUMERO 3,

n.s. 2009