Sei sulla pagina 1di 0

Letteratura italiana Einaudi

Sonetti e Canzoni
di Guittone dArezzo
Letteratura italiana Einaudi
Edizione di riferimento:
Guittone, Canzoniere, a cura di Lino Leonardi,
Einaudi, Torino 1994
Letteratura italiana Einaudi
1 Amor ma priso e incarnato tutto 1
2 Amor, mercede, intende seo ragione 1
3 Spietata donna e fera, ora te prenda 2
4 Deo!, che non posso or disamar s forte 2
5 Ai!, con mi dol vedere omo valente 3
6 Deo!, como pote adimorar piacere 3
7 Ai!, bona donna, or se, tutto cheo sia 4
8 Piet, per Deo, di me vi prenda, amore 5
9 Se Deo maiuti, amor, peccato fate 5
10 Amor, per Deo, merc, merc, mercede 6
11 Deo!, com bel poder quel di mercede 6
12 Fero dolore e crudel pena e dura 7
13 da la donna mia comandamento 7
14 Deo!, che ben aggia il cor meo, che s bello 8
15 Poi pur di servo star ferm l volere 9
16 Miri che dico onni om che servidore 9
17 Qualunche bona donna vamadore 10
18 Ben l en podere e la ten canoscenza 10
19 S como ciascun, quasi enfingitore 11
20 E poi lo meo penser fu s fermato 11
21 En tale guisa son rimaso amante 12
22 Amor, se cosa che n signoria 13
23 Eo non son quel che cerca esser amato 13
24 Ai Deo!, chi vidde mai tal malatia 14
25 Ben saccio de vert che l meo trovare 14
26 Amor, merc, cor m mister che stia 15
27 Amore, certo assai meravigliare 15
28 Mastro Bandino, amico, el meo preghero 16
29 Leal Guittone, nome non verteri 17
30 Mastro Bandin, vostre e dAmor mercede 17
Sommario
iv
Letteratura italiana Einaudi
31 Tuttor cheo dir Gioi, gioiva cosa 18
32 Oim lasso, comeo moro pensando 18
33 Gioi amorosa, amor, grazi e mercede 19
34 Piagente donna, voi cheo Gioi apello 19
35 Gioiosa Gioi, sovronni gioi gioiva 20
36 Ai dolce Gioia, amara ad opo meo 21
37 Dett de dir: dir, Gioia gioiosa 21
38 Eo taggio inteso, e te responderaggio 22
39 Grazi e merc voi, gentil donna orrata 22
40 Eo non tegno gi quel per bon fedele 23
41 Lo dolor e la gioi del meo coraggio 23
42 Deo!, con dimandi ci chett donato 24
43 Oim, che dite, amor? Merc, per Deo 25
44 Consiglioti che parti; e se l podere 25
45 Lasso!, non sete l doveo tormento 26
46 Per fermo se ben om che gravemente 26
47 Ai! come m crudel, forte e noiosa 27
48 Me pesa assai, se s grav l tuo stato 27
49 Donque mi parto, lasso, almen de dire 28
50 Gioia gioiosa, a me noi e dolore, 29
51 Viso non m cheo mai potesse Gioia 29
52 Legiadra Noia e aprufica altera, 30
53 Ai mala Noia, mal vo doni Deo 30
54 Deo! che mal aggia mia fede mi amore 31
55 Certo, Noia, non so cheo faccia o dica 31
56 Lasso!, en che mal punto ed en che fella 32
57 Ai lasso, como mai trovar poria 33
58 Altro che morte ormai non veggio sia 33
59 Certo, Guitton, de lo mal tuo mi pesa 34
60 Gioia donne gioioso movimento 34
Sommario
v
Letteratura italiana Einaudi
61 Gioia gioiosa pi che non p dire 35
62 Ben aggia ormai la fede e lamor meo 35
63 Voi che penate di saver lo core 36
64 Amore e gioia, bella Gioia, sento 37
65 Ai! como ben del meo stato mi pare 37
66 Non sia dottoso alcun om, per cheo guardi 38
67 Comeo pi dico, pi talent dire 38
68 De tutte cose e cagione e momento 39
69 Ben meraviglio como om conoscente 39
70 Gioi amorosa, amor, vostro lignaggio 40
71 In fede mia, che n amor grande aiuto 41
72 Con pi lallungo, pi m prossimana 41
73 Gioi amorosa, amor, senpre lontano 42
74 Ai dolze cosa, perfetta Speranza 42
75 Lontano son de Gioi e Gioi de mene 43
76 Gioi amorosa, amor, pensando quanto 43
77 Deporto e gioia nel meo core pporta 44
78 De coralmente amar mai non dimagra 45
79 Gi lungiamente sono stato punto 45
80 Del valoroso valor coronata 46
81 Villana donna, non mi ti disdire 46
82 Non mi disdico, villan parladore 47
83 Certo, mala donna, malo accatto 47
84 Cos ti doni Dio mala ventura 48
85 Ai Deo, chi vidde donna vizata 48
86 Or son maestra di villan parlare 49
Sommario
1
Amor ma priso e incarnato tutto,
e a lo core di s fa posanza,
e di ciascuno menbro tragge frutto,
dapoi che priso tanto di possanza. 4
Doglia, onta, danno me condutto
e del mal meo mi fa ver disanza,
e del ben di lei spietato m n tutto:
s meve e ciascun cama n disdegnanza; 8
Spessamente il chiame dico: Amore,
chi t dato di me tal signoraggio,
chi conquiso meo senno e meo valore? 11
Eo prego che.tti facci meo messaggio
e che vadi davante l tuo signore
e desto convenente lo fa saggio. 14
2
Amor, mercede, intende seo ragione
chero davante la tua signoria,
ch fr mai miso di mia possessione,
e messo in quella de la donna mia, 4
e senpre mi conbatti onne stagione.
Perch lo fai, poi cheo so n tua bailia?
Ch non fier quella che contra te pone
suo senno e suo talento, e te guerria? 8
Mostri che non se comune signore,
sellei riguardi e me vuoi far morire,
overo che non i tanto valore: 11
1 Letteratura italiana Einaudi
Guittone dArezzo - Canzoniere
ben credo la vorresti al tuo servire,
ma se non pi, di me, tuo servidore,
or non te piaccia chio deggia perire. 14
3
Spietata donna e fera, ora te prenda
di me cordoglio, poi morir mi vidi:
che tanta pet di te discenda,
che n alcuna misura meve fidi; 4
che lo tuo fero orgoglio no mofenda,
seo ti riguardo, che con el maucidi!
E la tua cera allegra me si renda
sol una fiata, e molto mi providi 8
en guiderdon di tutto l meo servire,
ch lo tu isguardo in guerigion mi pone,
e lo pur disdegnar mi fa perire. 11
Or mira qual te par pi reprensione:
o desdegnar, per fare me morire
o guardar, percheo torni in guerigione. 14
4
Deo!, che non posso or disamar s forte
como fortamo voi, donna orgogliosa!
Che, poi che per amar? modiate a morte,
per disamar mi sereste amorosa, 4
ch altress per bono dritto sorte
chelluno como laltro esser osa:
poi de lo nganno, chme n vostra corte
fatto, me vengerea dalcuna cosa. 8
2 Letteratura italiana Einaudi
Torto ben tal, non vidi ancor pare:
non osarme piacer ci ch piacente
ed essere odiato per amare! 11
Mal grado vostro e mio, son benvogliente
e ser, che non posso unque altro fare,
e fa mister che pur vegna vincente. 14
5
Ai!, con mi dol vedere omo valente
star misagiato e povero davere,
e lo malvagio e vile esser manente,
regnare a benenanza e a piacere; 4
e donna pro, cortese e canoscente
ch laida s che vive in dispiacere,
e quella ch belt dolce e piacente
villana e orgogliosa fr savere. 8
Ma lo dolor di voi, donna, mamorta,
ch bella e fella assai pi caltra sete
e pi di voi mi ten prode e dannaggio. 11
O!, che mal aggia il die che voi fu porta
s gran belt, caltrui ne confondete,
tanto duro e fellon vostro coraggio! 14
6
Deo!, como pote adimorar piacere
o amistate alcuna, a bon talento,
en me verso di quella, che parere
mortalmente nemica me la sento? 4
Guittone dArezzo - Canzoniere
3 Letteratura italiana Einaudi
Guittone dArezzo - Canzoniere
Cheo l servita a tutto l me podere,
e n chererli merc gi no alento
che solamente deggia sostenere
senne orgoglio, e facciami contento. 8
E non mi val; undeo tormento e doglio
di tale guisa, se l vedesse pnto
chi modia a morte, s ndavria cordoglio; 11
E tutto ci non cangia in lei talento,
ma senpre sinavanza il fero orgoglio:
ed eo di lei amar per non pento. 14
7
Ai!, bona donna, or se, tutto cheo sia
nemico voi, com vostra credenza,
gi venprometto esta nemist mia
cortesemente e con umil parvenza, 4
e voi, me lasso!, pur con villania
e con orgogli? mostrate malvoglienza.
Ma certo en nimist val cortesia,
e li sta bene als co n benvoglienza, 8
cusando cortesia p lom dar morte;
e render vita assai villanamente:
or siate donque me nemica forte 11
e maucidete, amor, cortesemente;
e piacemi non men, che se mi sorte
vita da amist desconoscente. 14
4 Letteratura italiana Einaudi
8
Piet, per Deo, di me vi prenda, amore,
poi s mavete forte innaverato,
da me parte la vita a gran dolore,
se per tenpo da voi non so agiutato; 4
chaltri de me guerir non valore,
como quello che l tiro nvenenato,
ch in esso lo veneno e lo dolciore,
e n voi chamore or sia ver me mostrato; 8
che tanto de dolzor meve donate
chamorti lo venen, s non mauzida,
per cheo mi renda in vostra podestate. 11
E la merc, cognor per me si grida,
de dolze e di pietosa umilitate,
piacciavi lorgoglio vostro conquida. 14
9
Se Deo maiuti, amor, peccato fate
se vallegrate de lo male meo:
comeo pi cher merc, pi mi sdegnate,
e non trovate, amor, perch, per Deo, 4
fr cheo de mia amorosa fedeltate
la maiestate vostra, amor, recheo;
non creo che per ragione abbiate
che maucidiate, amor, cor de giudeo. 8
Non veo, amor, che cosa vi mancasse,
se n voi degnasse fior valer mercede;
ma ci decede orgogli?, che vi sta bene. 11
Guittone dArezzo - Canzoniere
5 Letteratura italiana Einaudi
Guittone dArezzo - Canzoniere
Tene me tanto cheo merc trovasse,
che mai non fasse pi per me, de fede,
che dir: Mercede, amor, merc, mercene!. 14
10
Amor, per Deo, merc, merc, mercede
del gran torto, ch pi vamo che mene.
Lasso!, morte perdona om per mercede
a om che di morir servito bene; 4
e no cor crudel? s, che mercede
non faccia umil, tal che piet retene;
e vence Deo per sua vert mercede,
e cosaltra che voi non lei se tene. 8
Ma certo non pur porete orgogliando
montar tanto, che pi senpre eo non sia,
con mercede cherere, umilando. 11
Epur conven che lalta umilt mia
vada forza il vostrorgoglio abassando,
e facciavi dumana signoria. 14
11
Deo!, com bel poder quel di mercede
e como pi dogni altro grazoso!
Ch merc vince orgoglio e lo decede,
e merc fa crudel core pietoso. 4
Ragione e forzo veggio che decrede,
com non p lei contradir n star oso:
per vert fa pi talor, ci si vede,
che tutto l mondo per forzo orgoglioso. 8
6 Letteratura italiana Einaudi
Ed eo lo provo per la donna mia,
ch fatta ben pi dogni altra pietosa
de pi crudele che mai fusse ni sia: 11
Deo fece esta merc s grazosa
en defension de picciola bailia
e in guerenza de crudele cosa. 14
12
Fero dolore e crudel pena e dura,
ched eo soffersi en coralmente amare,
menmi assai sovente in dismisura
e mi fece de voi, donna, sparlare. 4
Or che meo senno regna n sua natura,
s che dal vero so la menzogna strare,
conosco che non mentom ni pergiura
pi cheo feci onni fiata n voi biasmare. 8
Ch non vive alcun om che tanto vaglia,
dicesse che n voi manchi alcuna cosa,
cheo vincer no nde l credesse in battaglia. 11
Non fo natura in voi far poderosa,
ma Deo pensatamente, u non faglia,
vi fe, com fece Adamo e sa sposa. 14
13
da la donna mia comandamento
cheo reconforti onni om bon servidore
ched disconfortato ed tormento,
perch sua dona ver lui fer core; 4
Guittone dArezzo - Canzoniere
7 Letteratura italiana Einaudi
Guittone dArezzo - Canzoniere
e vol che dica lui calcun spavento
non aggia, chesser dia pur vincitore,
come li mostro, pria chellespermento:
cavia pi caltro amaro, or dolciore. 8
E contra amor e servir e mercede
e umilt e preghero e sofrenza
chi pu piaccia tener? Nullo, e f fede. 11
Tanto sottile e grande lor potenza
che vencen Deo; donque perch decrede
alcun om de sua donna, o na temenza? 14
14
Deo!, che ben aggia il cor meo, che s bello
saputo logar suo intendimento!
Ch core ben tanto nescienze e fello
che n donna laida o vil mette talento 4
O sconoscente, ma no l meo quello:
ch tal che saggia, belle cara sento
pi che altra del mondo, l voler dello,
per che amo seguir suo piacimento, 8
s che lo sforzo meo senpre l savere
in lei servire oper senza enfenta,
fr guiderdone o merto alcun chedre. 11
Sia pur de me chellei pi atalenta,
ch n loco ov conoscenze podere
non credo mai com de servir si penta. 14
8 Letteratura italiana Einaudi
15
Poi pur di servo star ferm l volere,
vorrea per lei me fosse comandato;
ma servigio non chesto pi n piacere
a chi l riceve, e l servo pi laudato; 4
e sta a servente mal farsi cherere,
e lo signor de chesta affannato;
e al signore tocca in dispiacere
similemente merto adimandato. 8
Chadimandare affanna e falla il servo
e lo signore anoia e par forzato,
s che non guaire de mertar onore. 11
A non cheder ni far cheder maservo:
seraggio tal, non credo esser blasmato,
e la mia donna en s spero migliore. 14
16
Miri che dico onni om che servidore
talenta star per avanzar suo stato.
Due cose son che vole aver signore,
acci che l servo suo sia meritato: 4
conoscenze poder sono, n fre
dess e no i dia mertesser isperato.
Con merta, se non p, conoscidore,
n, sconoscente, ricco oltre su grato? 8
Per cha signore meo tal donna prisa
che conoscenza tiella in suo podere,
e ched ricca a tutta mia devisa; 11
Guittone dArezzo - Canzoniere
9 Letteratura italiana Einaudi
Guittone dArezzo - Canzoniere
cheo non diso daricchir davere,
ma de gioia, ch n lei de s gran guisa,
n la vorria pensar pi ni volere. 14
17
Qualunche bona donna vamadore
che metta opera e fede in lei sevire
lealemente, a tutto el suo valore,
e non demanda ci che vole avere, 4
e i face como bono servidore
(ch servo no gi bailia n cherere,
ma de servir ed estar speradore
che li proveggia che dia provedere), 8
s fa reo fallo, se lo fa sperare
in atendere ci chelli in desire:
e tale servo dea la donna amare! 11
Ma quello ch povero di servire
e poderoso di merc chiamare,
a nulla bona donna dia gradire. 14
18
Ben l en podere e la ten canoscenza,
comeo gi dissi, la madonna mia,
che, senza chederli eo, ci che magenza
mve donato e miso me en bailia. 4
Ch de mercede certo, a mia parvenza,
trovar bon servo in bona signoria:
che n me ni n lei no stata fallenza
de cosa alcuna cavenevel sia. 8
10 Letteratura italiana Einaudi
Per chio son prova cha bono signore
n a bona donna non p lom servire
quanto li merta e faceli donore. 11
Donque, chi vol damore senpre gioire
conven che ntenda in donna de valore,
ch n pover loco om non p aricchire. 14
19
S como ciascun, quasi enfingitore,
e ora maggiormente assai camante,
so stato ver di lei, di belt fiore;
e tanto giuto ei so dietro e davante 4
con prego e con merc e con clamore,
faccendo di perfetto amor senbrante,
che me promise loco en su dolzore,
adesso che lei fusse benestante. 8
Eo, pensando la mia gran malvaga,
e la gran f di lei dolce pietosa,
s piansi di piet, per fede mia; 11
e fermai me di lei non prender cosa
alcuna mai, senza mertarla pria,
avendo forte ben lalmamorosa. 14
20
E poi lo meo penser fu s fermato,
certo li feci tutto el convenente:
s come disleale erali stato
e como mi promise esserme gente; 4
Guittone dArezzo - Canzoniere
11 Letteratura italiana Einaudi
Guittone dArezzo - Canzoniere
reconnoscente foi del meo peccato,
e fermai me di lei non prender nente,
se no l mertava pria, s conorato
fusse l prender e l dar conpiutamente. 8
E pregai che, per Deo, non si ndegnasse,
ma desseme di s piena fidanza
di ntender me, fin cheo di cor lamasse. 11
Ed ella disse me che n mia possanza
sera s misa, che, sormai vetasse
lo meo piacer, li torneria n pesanza. 14
21
En tale guisa son rimaso amante
e disoso di volere amare,
s che lo core meo tutto e l senblante
aggio locato in ci dir senpre e fare; 4
e lo savere meo mi mette avante
che deggia la mia alma inamorare
di lei, che amo pi che tutte quante
laltre del mondo, e pi mi piace e pare. 8
Ma tuttavia lamor quasi neente
ver quel cheo so chad amare convene,
che prender e donar vol giustamente. 11
Ma, como in ferro pi che n cera tene
e vale ntaglia, varr similmente
amore, che n me pi che n altro servne. 14
12 Letteratura italiana Einaudi
22
Amor, se cosa che n signoria
aggi, como si dice, alcuno amante,
ricevemi a tuo servo in cortesia,
ch ragion ni, segondo l meo senblante, 4
poi che non prendo da la donna mia,
se fedelt non te nde faccio avante
en amarla s ben, cheo degno sia
de prendere en lei gioia s grante. 8
Or dir lom cheo son fol, se non prendo
poi caver posso, e che perde diritto
prima che falla. E prender me defendo: 11
che n me non potrebbe aver deletto
ben de lei, savanteo di lei non prendo
en cortesia; donque f ben saspetto. 14
23
Eo non son quel che cerca esser amato
cus comamo ben, comaltri face;
ma pur chero damar s di bon grato
ess coralemente ess verace, 4
como madonna mama, e fora ondrato
e pago en tutto ci copo me face.
E no pi del? suo voler gravato
alcun, cheo so del meo: s mi desplace, 8
che m dolor mortal vedere amare
plagentomo talor donna non bella,
e non amer lui, ma lodia, pare; 11
Guittone dArezzo - Canzoniere
13 Letteratura italiana Einaudi
Guittone dArezzo - Canzoniere
e trovomi che non guairamo quella
che mama forte e che piacente pare
in tutte cose ove Belt sapella. 14
24
Ai Deo!, chi vidde mai tal malatia
di quella che sorpreso me lo core?
Ch la cosa caltrui par venen sia
sola medicina al meo dolore: 4
ci lamor, cogni om chel signoria
guaimenta e dice che per lui si more,
e pur se pena di trovare via
como de s islocar possa lo core. 8
Ed eo pur peno di condurlo a mene
e di venir de sua corte servente,
perch diso ci pi caltro bene. 11
Ma pur languisco, lasso, e mor sovente,
dapoi chello di me cura non tene:
adonque guarrea me laltrui nocente. 14
25
Ben saccio de vert che l meo trovare
val poco, e ragion de men valere,
poi cheo non posso in quel loco intrare
chadorna lom de gioia e de savere, 4
e non departo da la porta stare
pregando che, per Deo, mi deggia aprere:
allora alcuna voce audir me pare
dicendome cheo sia di bon sofrere. 8
14 Letteratura italiana Einaudi
Ed eo soffert tanto lungiamente,
che devisa de me tutto piacere
e tutto ci ched era in me valente: 11
per cheo rechiamo e chero lo savere
di ciascun om ch prode e canoscente
a laiuto del meo grande spiacere. 14
26
Amor, merc, cor m mister che stia,
ch senza ci non oso ormai sperare.
Pur mi conven che dentro u di fr sia,
ci de perder tutto, o daccattare 4
e voi, en me, e la madonna mia;
e, d voi lei en me, merc fare!
Donque vi prego, Amor, per cortesia,
che me vi piaccia in voi pur dacquistare. 8
Ma, se perder v bel, perch perdeo
e la madonna mia? Tal no usaggio
dalcun giusto signor, Amor, par Deo; 11
ma eo per ver voi non dico oltraggio,
ma sofferrmi in pace il dolor meo,
e viver fr voi quanto par aggio. 14
27
Amore, certo assai meravigliare
me fa de voi ci che nadiven mee,
che lungiamente con merc clamare
v richesto a signor, certa gran fee; 4
Guittone dArezzo - Canzoniere
15 Letteratura italiana Einaudi
Guittone dArezzo - Canzoniere
ma, quanteo pi recheo, lora men pare
cheo presso sia di voi trovar mercee,
e veggiovo a fedel? desiderare
tal che non vol, e che vodia e descree. 8
Donque deritto n, seo meraviglio,
ch voglio e deggio e posso esser servente
eccomeo sia mi ngegno e masottiglio; 11
e tutto ci non vale a me neente.
Or no me biasmo gi n me repiglio,
ma prego che miriate l convenente. 14
28
Mastro Bandino, amico, el meo preghero
Vi che ntendiate, s cha onor vo sia.
Amare voglio, e facemi mistero,
che non son degno, e n gran ben naverria, 4
ch, senza ci, aver onor no spero;
e pur dennamorar no bailia.
Unde sovente vivo nde in pensero,
ch meraviglia senbrame che sia, 8
vedendo manti stanno innamorati
(s che tuttaltro poneno inn-obbria)
en tale loco, u son senpre isdegnati. 11
Per vo prego massenniate via
cacci mi guidi, a guisa de li amati,
ch credo bene aggiatene bailia. 14
16 Letteratura italiana Einaudi
29
Leal Guittone, nome non verteri,
degno de laude se magior, che taccio;
leanza senbra el consil che mi cheri
como tu vogli amar, che l cor fa ghiaccio. 4
Amico caro, eo te l d volonteri,
avegna che grandardimento faccio,
ch n questo fatto gran senno recheri;
ma pur dir: gioi , se n ci te piaccio. 8
Ormai sta solo e in loco celato
e sol bellezza pensa e canoscenza
de la tua donna, e daltro non pensare. 11
Damor ragiona, se se aconpagnato;
a le tu, o sta con ella, gioi n ntenza
tutto cela: cos porai amare. 14
30
Mastro Bandin, vostre e dAmor mercede,
or aggio ci che tant disato;
s che lo core mo non se crede
esser de gioia mai apareggiato, 4
pensando quanto n lui dAmore fede
e quanto preso el suo servire in grato,
e qual quella donna en cui el crede,
e com pregio l suo ben acquistato; 8
per cal mondo, de ci, meo par non regna,
considerando ben ci che paraggio;
e pare mevi bene cosa degna. 11
Guittone dArezzo - Canzoniere
17 Letteratura italiana Einaudi
Guittone dArezzo - Canzoniere
Donque, se lo cor meo tantallegraggio
pare non crede, veritate assegna;
ch bene, ed esser dea per bon usaggio. 14
31
Tuttor cheo dir Gioi, gioiva cosa,
intenderete che di voi favello,
che gioia sete di belt gioiosa
e gioia di piacer gioioso e bello, 4
e gioia in cui gioioso avenir posa,
gioi dadornezze e gioi di cor asnello,
gioia in cui viso gioi tantamorosa
ched gioiosa gioi mirare in ello. 8
Gioi di volere e gioi di pensamento,
e gioi di dire e gioi di far gioioso
e gioi donni gioioso movimento: 11
per cheo, gioiosa Gioi, s disoso
di voi mi trovo, che mai gioi non sento
se n vostra gioi il meo cor non riposo. 14
32
Oim lasso, comeo moro pensando,
Gioia, di voi ver me fatta noiosa!
Per cheo non so veder como n quando
eo vaffendesse fior dalcuna cosa. 4
Cal comenzar, gioiosa Gioi, camando
ve demostrai de me fedamorosa,
voi foste dolce ver di me, senbrando
de darmi gioi in voi senpre gioiosa. 8
18 Letteratura italiana Einaudi
Or non degnate pur de farvi loco
unde vo veggia, crudel morte mia,
che fate me pregiar la vita poco, 11
e dire: Morte, per pietate, sia
guerenz a me di s cocente foco,
che maucide vivendo mille via!. 14
33
Gioi amorosa, amor, grazi e mercede
cos coma mia donna e a mio signore;
cora venite assai l do ve vede
lo viso meo, ver me de bel colore; 4
per che n voi lalma mia salvar si crede
e l corpo viver mai senpre a onore,
como no gi s fermo n sua fede,
non fallisse anteo ver vostro amore. 8
E sonne pago s, mai pi non bramo
che direvi comeo coralemente
starvi senpre fedel desio e amo. 11
Or piacciavi, per Deo, donna plagente,
de daremi, poi pi non cher ni chiamo,
loche stagion de dir tal convenente. 14
34
Piagente donna, voi cheo Gioi apello,
acci chel vostro nome dir non oso,
perch de tanto parevele chello
me poterebbe, a dir, tornar noioso 4
Guittone dArezzo - Canzoniere
19 Letteratura italiana Einaudi
Guittone dArezzo - Canzoniere
(che meve non par propo ni bello,
segondo el fare de voi amoroso;
per soffrite cheo dicave quello
che v diritto nome, ed nascoso), 8
loche stagion donate me sovente
ove posso dir ben ci copo me,
ma pur non dico gi, s son temente; 11
e non dispregio me, chAmor me l fae;
or, poi s sete in tutte cose gente,
datemi n ci ardimento e segurtae. 14
35
Gioiosa Gioi, sovronni gioi gioiva,
onni altra gioi ver voi noia mi menbra,
per cheo n tanto lanima pensiva,
che mai de cosa nullaltra mi sembra 4
che a vedere como porto o riva
prender potesse intra le vostre menbra,
poi, senza ci, non mi sa bon cheo viva,
tanta lo cor vostra belt mimenbra. 8
Ma no al mondo signor s crudele
che, men dottando, li offrisse morte;
a voi lo core meo senpre fedele 11
per dimora intra crudele sorte
che tacer mi fa l cor? pi amar che fele,
e n dir Voglio! la pena dobbra forte. 14
20 Letteratura italiana Einaudi
36
Ai dolce Gioia, amara ad opo meo,
perch, taupino, eo voi tant dottare?
Corso non sete ni leon, par Deo,
ma cosa che n p ni sa mal fare. 4
Or se fuste un dragon, che non penseo,
che vi ferebbe un angelo tornare
lo cor benigno e la gran fede cheo
collocata e mis n voi amare! 8
Non che vi sento e vi conosco tale,
se fussevi mortalmente nemico,
voi me non osereste voler male. 11
Tant lo vostro cor cortese, amico,
damor dolce, pietoso e naturale,
per cheo mi riconforto e di dir dico. 14
37
Dett de dir: dir, Gioia gioiosa,
e credo piaccia voi darmi odenza;
per como mentir e dir ver osa,
fr prova, non abbiate in me credenza. 4
Dico che vamo s, cognaltra cosa
odio ver voi di coral malvoglienza,
e no pena tanto dolorosa
cheo non sofrisse in far vostra piagenza. 8
E me e l mio ecci chi posse vaglio
dono voi, cui fedel star pi mi piace
chesser de tutto esto mondo amiraglio. 11
Guittone dArezzo - Canzoniere
21 Letteratura italiana Einaudi
Guittone dArezzo - Canzoniere
De voi voglieo sol che sofriate n pace:
ch, ci pensando sia, tutto mi squaglio
del gran dolzor chentra lo cor mi face. 14
38
Eo taggio inteso, e te responderaggio
(per che volenter non son villana),
e non, comaltre gi fan, per oltraggio,
ma solo per ragion cortese e piana. 4
Dici che mami forte a bon coraggio:
or mira ben? se la parola sana,
ch per amor, amor ti renderaggio,
e, del contrar?, ci ch ragion certana. 8
E te e l tuo voli me fedel dare:
or mira como cresce signoraggio
tale fedel, qual tu voli me stare! 11
Consigliame, comom leale e saggio,
cheo deggia ver del tuo dimando fare,
ch de leal consiglio non partraggio. 14
39
Grazi e merc voi, gentil donna orrata,
delludenza e del responso gente;
che non audi che mai donna altra fiata
parlasse tanto dibonaremente; 4
ch non s dite per parola ornata,
che gi non mosa quasi esser spiacente,
e s, che tale gioia in cor m data,
che mai non credo siame noi nocente. 8
22 Letteratura italiana Einaudi
Amo sol quel che pro v ed orranza;
fedel son dubidir vostro comando:
tal fede chero e tal amor mavanza. 11
Consigliovo che tosto, e non dottando,
de mi amar e de mia f fidanza
prendiate, como sia vostro comando. 14
40
Eo non tegno gi quel per bon fedele,
che falso consel dona a so segnore,
e voleli donar tosco per mle
e far parer la sua vergogna onore; 4
ma tegnol deservente assai crudele,
ch gran senbrante n s de traditore.
Reo per lo pastor, ch senza fele,
lupo che p dagnel prender colore. 8
Ma non te pi ver me s colorare
che ben non te conosca apertamente,
avegna cheo per non voi lassare 11
ched eo non te receva a benvogliente,
secondo el modo de lo tuo parlare,
ad entenderlo pur sinpilcimente. 14
41
Lo dolor e la gioi del meo coraggio
non vo poria, bona donna, contare:
ch dolor , che m donni altro maggio,
che voi pur reo voletemi pensare. 4
Guittone dArezzo - Canzoniere
23 Letteratura italiana Einaudi
Guittone dArezzo - Canzoniere
Gioi di ci che mi amor e mi omaggio
vi piace, al modo de lo meo parlare;
ma non mi torna guaire inn-allegraggio,
se voi perfin non mi posso aprovare. 8
Per vo prego, per merc, che agio
e loco date me du pienamente
demostrive seo son bon u malvagio: 11
e, seo son bon, piacciavo pienamente,
e, seo so reo, sofrir pena e mesagio
voglio tutto, s con voi ser gente. 14
42
Deo!, con dimandi ci chett donato,
e che n possibel t senpre davere?
Non i tu loco e agio, e ascoltato
diligentemente il tuo volere? 4
E, folle o saggio cheo taggia trovato,
resposto taggio senpre a pian parere.
Dimostra se ragion i daltro lato,
ed eo son presta prenderlo in piacere. 8
Ma, se dimandi alcun loco nascoso,
prov che la ragion tua no bella;
per che n mo n mai dar non te loso. 11
Ora te parte ormai desta novella,
poi conosciuto i ben del mio resposo
che troppo m al cor noiose fella. 14
24 Letteratura italiana Einaudi
43
Oim, che dite, amor? Merc, per Deo,
cheo no oso vietar vostro comando,
n no l posso ubidir, mentre che veo
vostro piacer, s m distretto amando. 4
Adonque, lasso me, che fare do?
No lo posso veder, moro pensando.
Per cortesia e per merc recheo
sovra ci el vostro consiglio e l demando. 8
Bene veggio che di partir potenza
darmi potete, sa voi piace bene,
sol con disabellir vostra piagenza 11
e dir e far ci ca spiacer pertene;
ma se potete e no l fate parvenza
che vo piace cheo mora in vostra spene. 14
44
Consiglioti che parti; e se l podere
di che nolli, creder nolloso fiore:
cheo so chamor non t troppo a tenere,
anzi se falso amante e nfingitore, 4
e dicimi cheo peni a dispiacere
sol per parer dinnamorato core;
e opo non t: non son de tal piacere,
chee far potesse de me amadore. 8
Parteti e, samar voli, ama corale
ched pi bella troppo ed tua pare;
non me, che laida son, n non te vale. 11
Guittone dArezzo - Canzoniere
25 Letteratura italiana Einaudi
Guittone dArezzo - Canzoniere
E sappeti che, seo dovesse amare,
eo non ameria te (non labbi a male),
tutto sie tu dassai nobie affare. 14
45
Lasso!, non sete l doveo tormento
piangendo e sospirando, amor, per voi,
che bene vi parrea pi, per un cento,
cheo non vo dico, innamorato poi. 4
Ma non voi mi crediate fr sper?mento;
e, se ben fino amante eo sono e foi,
aconcesi ver me vostro talento;
e, se non son, lor dite: Amate altroi. 8
E, se bella non sete, ed eo vi tegno
pi bella caltra assai: per ci provate
camor mi stringe pi cheo non vasegno. 11
Eo non cher gi, come par me amiate,
ma con re ama bassom de suregno:
acci non credo me sdegnar deggiate. 14
46
Per fermo se ben om che gravemente
ti si defenderia de follegiare
neuna donna non guaire saccente,
s sottilmente altrui sai sermonare. 4
Or non voi dire cheo sia saggia nente,
ma, quale son, tu non me pi ngegnare,
ch n fu, n ser tal convenente
in mio piacer giamai, per nullaffare. 8
26 Letteratura italiana Einaudi
E poi che s conosci il voler meo,
no me far curucciar, parteti ormai!
Cheo ti farea parer lo stallo reo, 11
tutto sie tu, dei tre, lun camo assai
pi che cosaltra mai, f che deo a Deo!:
ma non de quello amor che penser i. 14
47
Ai! come m crudel, forte e noiosa
ciascuna parte, e l partit e lo stare!
Partire con posseo damar voi, cosa
sola sete n potermi gioi donare? 4
E siete s piacente e amorosa,
che vi fareste a uno enpero amare.
?nstar con posso, poi voi piacer no osa,
ma s noioso, me dite, vo pare? 8
E vostra noi move noiosamente,
che vorrea mille fiate anti morire
che dire o far ver voi cosa spiacente. 11
Ma se vi spiaccio, lasso, per servire,
ser per deservir, forse, piacente?
Megliamo certo morte sofferire. 14
48
Me pesa assai, se s grav l tuo stato;
e seo dovesse dar ci che mi cheri
con tu prender lo dia, vacci acordato
fora per la mia parte e volontieri. 4
Guittone dArezzo - Canzoniere
27 Letteratura italiana Einaudi
Guittone dArezzo - Canzoniere
Ma, perch dar no l deggio, aggiol vietato,
pregando che ne parti el tuo penseri;
e s consigli me Deo in ogne lato,
comeo fattaggio te n esto misteri. 8
Donque te parte; e se di che non pi
mutar la volont del tuo coraggio,
come mutar donque credi laltrui? 11
Or pensa di tener altro vaggio:
certo sii chesta volta la poi
che desto fatto ormai te parleraggio. 14
49
Donque mi parto, lasso, almen de dire
o de farne n senbrante alcun parvente;
e guardermi, al meo poder, de gire
loco ove veder possavi nente. 4
E piacciavo, per Deo, di non soffrire
cheo mai vauda ni veggia al meo vivente;
ch morto m lo dilettoso audire
e lo sguardar vostra fazzon piacente. 8
Ma, seo non audo, ni veggio, ni menbro
lo gran piacer piacente, amor, de voi,
changel di Deo senbrate in ciascun menbro, 11
forse mo parto e ntender in altroi,
che maver per s fin comeo senbro:
e, se mi val, pensataggio gi coi. 14
28 Letteratura italiana Einaudi
50
Gioia gioiosa, a me noi e dolore,
Deo!, perch s vagrada lo mal meo?
Ch rechesta e pregata voi mantore
che non vo piaccia cho sia, per Deo, 4
l du vauda ni veggia, acci che fre
vegna damare voi, poi che vi creo;
e non mi val la mia rechesta fiore,
ma ditemi che pur bisogna cheo 8
vi veggia e vauda, e non vami n serva:
altro non c, fr cheo mora, vi piace!
E ben morria, ma star forzoma vita, 11
poi servir me desval, perche deserva:
e forse me varr, ch si conface
loconde conoscenza dipartita. 14
51
Viso non m cheo mai potesse Gioia
pi giustamente voi, donn, apellare,
che posso agual, vostra mercede, Noia,
ch noioso l vostro dire e l fare, 4
poi, de cortese, assai villana e croia
vi la lauda mia fatta tornare;
ch la grande belt dAlena en Troia
non fu pregiata pi, s como pare, 8
che la beltate e lonor e l piacere
de voi aggio de fin pregio pregiato.
Ma, poi vi sete data en dispiacere 11
Guittone dArezzo - Canzoniere
29 Letteratura italiana Einaudi
Guittone dArezzo - Canzoniere
con dir noioso e con villan pensato,
eo vi dispregio e metto a non-calere,
e spiace me ci che piacer m stato. 14
52
Legiadra Noia e aprufica altera,
or gi mi noce il meo cortesegiare,
ch me navete a vil, tanto giudera
v fatta devenir lo meo laudare. 4
Or non pensate voi che s leggera
fussemi villana dire o fare?
S fora ben, ma non m piagentera,
non gi per voi, ma per me non biasmare. 8
Ma de dire o de far pi cortesia
a voi e a ciascun de vostra gente,
me guarderaggio ben, per fede mia. 11
E, se vi fusse stato unque piagente,
tener mi potavate in vita mia
sol con bone parole, a bon servente. 14
53
Ai mala Noia, mal vo doni Deo,
ch maldicente a forza me fate;
unde ciascun per cortesia recheo
che me l perdon, poi ch fr volontate. 4
Malvagia donna, poi lo fatto meo
vi spiace, perch amor mi dimostrate?
Bon l senbrante, e lo parlar reo:
misteri che lun sia de falsitate. 8
30 Letteratura italiana Einaudi
Or no or s mostratemi sovente;
partir n star no oso in vostro amore;
ni mor n vivo, tale l convenente. 11
Deo!, mala donna, siatene signore
a dir o no o s ben fermamente,
cheo parta en tutto, o ve stia servidore! 14
54
Deo! che mal aggia mia fede mi amore
e la ma gioventa e l mio piacere,
e mal aggia mia forza e mio valore
e mi arte e mio ngegno e mio savere; 4
e mal aggia mia cortesia e mi onore
e mi detto e mi fatto e mio podere,
e mia canzon mal aggia e mio clamore
e mio servire e mio merc cherere, 8
poi cal magior mister cavesse mai,
o credaver, no mn valuto fiore.
Ai!, con mal, lasso, en lor mi confidai, 11
ch n fidanza de lor debel valore
vincente senza fallo esser pensai
de ci cheo son venciuto a desinore! 14
55
Certo, Noia, non so cheo faccia o dica
s trovo en voi diversa opinone:
cortese e dolce e amorosa amica
veggio senpre ver me vostra fazzone; 4
Guittone dArezzo - Canzoniere
31 Letteratura italiana Einaudi
Guittone dArezzo - Canzoniere
e la lingua villana ed enemica
senpre ver me pi tutta stagione,
comeo pi damar voi prendo fatica
e la fazzon pi de dolcezza pone. 8
Ed stagion, che l senbrante non bello,
ed altra, che la lengua non villana;
per che non moso allegrar ni star fello, 11
conne parte mi fere e mi resana:
s son ?smarruto, cheo non veggio quello
che far? deggia enver ragion s strana. 14
56
Lasso!, en che mal punto ed en che fella
e n crudel parte misi intendimento!
Ch me e l mio disamo, e amo quella
che nel mal mio poder mette talento, 4
e pi che cosa alcuna altra li abella
lo doloroso meo grave tormento:
ben senbrante, oim lasso, ched ella
fu fatta sol per meo distrugimento. 8
Adonque che fer? Pur sofriraggio?
Non gi, ma parter contra de core:
se me non vinco, altrui mal vinceraggio. 11
E metter lo meo corale amore
en loco tal, che sia cortese e saggio,
non che maucida, seo son servidore. 14
32 Letteratura italiana Einaudi
57
Ai lasso, como mai trovar poria
cortese donna, poi che m villana
la pi cortese ca sto mondo sia?
Che per ragion tanto cortese e piana 4
rechest che mi don sua signoria,
corso o dragone, o qual fer pi strana,
s nd averea mercede e cortesia
e fora ver di me dolce ed umana. 8
Deo!, como pu sua dolce bocca dire
parola amara s crudelemente
che fammi crudel morte sofferire? 11
Ai!, con mal viddi sua belt piagente
e l suo chiar viso e suo dolce avenire
e l dire e l far? di lei, pi caltro gente! 14
58
Altro che morte ormai non veggio sia
de lo dolore meo trapassamento,
cheo biasmo e laudo, e vogli e non vorria
che damar lei partisse el me talento; 4
ch pur contendo co la voglia mia,
onde mi trovo, lasso, ognora vnto,
e, poi che veggio che scanpar non dia
giammai, non faccio alcun difendimento. 8
Poi morir deggio, dir che mamorta
quella conore e valor e piacere
e beltate sovra tuttaltre porta, 11
Guittone dArezzo - Canzoniere
33 Letteratura italiana Einaudi
Guittone dArezzo - Canzoniere
e crudeltate e fierezza e volere
de darmi morte: s che non mapporta
amor servire n piet cherere. 14
59
Certo, Guitton, de lo mal tuo mi pesa
e dolmi assai, ch me ne ncolpi tanto.
Saltri il suo ti difende, or fatti offesa
saver no l da gi tanto ni quanto? 4
Se peragion sonmi de te defesa,
donque perch di me fai tal conpianto?
Ver che la ragion tua non ntesa,
como cheresti me in privato canto. 8
Ma vene tale parte e n tal stagione,
e pensa di cherer securamente
ci che credi che sia di tua ragione, 11
cheo te l convento dar ben dobbramente;
ma non cherer, n sia la tua ntenzione,
ci che l chieder e l dar fusse spiacente. 14
60
Gioia donne gioioso movimento,
non mi repento se villan so stato
n curucciato voi; ch per sento
a me l talento vostro umilato. 4
Chn ci fui dato solo a ntendimento
del valimento quale n me tornato;
e parlato contra sapimento,
ch piacimento sol en voi trovato. 8
34 Letteratura italiana Einaudi
E, se gravato mavete sovente,
s dolcemente mve trapagato
lo vostro orrato dir, che son gaudente. 11
L du piagente v, verr di grato,
e siame dato ci che pi v gente,
che pi cherente non ser trovato. 14
61
Gioia gioiosa pi che non p dire
la lingua mia n devisar lo core,
che bellezze adornezze e gran plagire
de donna avete, e donne altra migliore, 4
ma cortesia, valor, senne savire
avete dom de conpiuto valore:
sommaramente, quanto p ciausire
de tutto ben om bon conoscidore, 8
, bella donna, en voi, da cui eo tegno
core, corpo, podere ecci che aggio;
e sonne ben, vostra mercede, degno. 11
Ch tutto ci che brama el me coraggio
donatemi con s gioioso segno,
che temo di morir sol dallegraggio. 14
62
Ben aggia ormai la fede e lamor meo
e tutto ci che mal dissi cavesse,
ched ragione certo, al parer meo,
chal lor valor non mai par credo stesse; 4
Guittone dArezzo - Canzoniere
35 Letteratura italiana Einaudi
Guittone dArezzo - Canzoniere
ch dolce e petosa inver me veo,
pi calcuna cheo giorno anco vedesse,
ch fatta quella, in cui fierezza creo
che pi donni altra assai senpre potesse. 8
Sccome a Lanzelotto omo simiglia
un prode cavaler, simil se face
allei di fera donna a meraviglia. 11
Manti baron dalto valor verace
lno saggiata assai; ma s lor piglia
che mai tornar ver ci non no face. 14
63
Voi che penate di saver lo core
di quei che servon lamorosa fede,
partitevo da ci, per vostro onore,
conne peccato , nver de quel, mercede: 4
chun om ennudo e dello senno fre
or miri quel che fa, om che lo fde!
Ch tal quei, cui ben distringe amore,
che docchi n di cor punto non vede. 8
Enudo sta n non se pu covrire
de demostrar la sua gran malatia
allei che pote di ci lui guerire. 11
Donque, chi l vede, in s celar lo dia
e contastar a chi l vollesse dire,
per star cortese e fuggir villania. 14
36 Letteratura italiana Einaudi
64
Amore e gioia, bella Gioia, sento
tanta lo cor, che de dolzor maucide,
e sentirene ben pi, per un cento,
sennon che de me stesso aggio mercide, 4
ch temo di morir: no li consento,
ma f s che de me l troppo devide,
ch spessamente m gioia s vnto
ca forza canpo, s non mi conquide. 8
Per che damor meo par esser non osa,
ch, se contve de contessa amanza,
o re de reina, ci picciol cosa; 11
ed grande, quandom basso amistanza
ve dunalta donna, e grazosa,
comeo da voi, donn, , senza mancanza. 14
65
Ai! como ben del meo stato mi pare,
mercede mia, che no nd folle a paro!
Cheo mostro amor in parte, che me spare,
e l dovamo quasi odioso paro. 4
Ed mmi grave ci; ma pur canpare
voi dai noiosi e da lor noi mi paro,
a onor de lei, che n beltate pare
no li fo Elena che amao Paro. 8
Or non so per cheo mai cosa apparasse,
seo non apparo a covrir (s non para)
ci che maucideria quando paresse. 11
Guittone dArezzo - Canzoniere
37 Letteratura italiana Einaudi
Guittone dArezzo - Canzoniere
Ma l cavaler, che ad armi sapparasse,
como faccio en ci, senpre canpara
senza cosa che nente li sparesse. 14
66
Non sia dottoso alcun om, per cheo guardi
a donna, unde li tegna gelosia,
ch vista f che di ciascuna enbardi,
ma non per che la volesse a mia. 4
Ch lei che m feruto coi soi dardi
non guardo mai s che parevel sia;
e, solo perch dessa om non se guardi,
en tante parte amar f semelia. 8
Or dir lom: Non ben setti guardato:
credendoti covrir, mostrati via
comomo apprenda el tuo segreto stato. 11
Per cheo dir gi ben certo follia:
cheo mi sento ver ci tanto sennato,
che qual pi p, pi me nocente sia. 14
67
Comeo pi dico, pi talent dire,
Gioia, de voi, de tutto onor gioiosa:
e non tanto per che de servire
senpre lalma mia desiderosa, 4
quanto per vostralto valor, che gire
veggi a monte, montandogni altra cosa.
Che donna coronata a voi tenire
38 Letteratura italiana Einaudi
non se p par, che per ragion non osa, 8
poi reina de tutto alto valore
e de belt conpiuta en pregio degno
e de ci tutto che dimanda onore 11
sete s ben, comaltra de suo regno;
e chi val molto a poco de riccore,
che varrebbe ad assai mostra ben segno. 14
68
De tutte cose e cagione e momento,
che omo vole o dice o face, gioia;
ch onore e prode e piacere n talento
lom solamente per venire a gioia. 4
Chi tutto l mondo avesse a suo, non sento
chel intendesse cosaltra che gioia;
adonque par per ver sperimento
che quello ricco pi, cve pi gioia. 8
Perci mapprovo al pi ricco om che sia,
poi di Gioi aggio onor conpiutamente
ci che lo core meo vole chessia; 11
e, seo mostrar losasse intra la gente
com ci ver, chi pi saggi diria
cheo vero dico assai ben giustamente. 14
69
Ben meraviglio como om conoscente,
over omo che ami per amore,
Guittone dArezzo - Canzoniere
39 Letteratura italiana Einaudi
Guittone dArezzo - Canzoniere
p ver chi ama istar croi e spiacente
e farli a suo poder noi e dolore, 4
perch moglieri o sorore o parente
li sia la donna cama lamadore:
poi sa checci li aven forzatamente,
perch n altrui bailia lalme lo core. 8
Donque faria mercede e cortesia
e ben suo grande e de la donna maggio,
covrirli e darli a stagione agio e via; 11
ch, sello pur guardar vl lo passaggio
e lom de gir soffrir non p, follia
li cresce s che i monta ont e dannaggio. 14
70
Gioi amorosa, amor, vostro lignaggio
so ben ched dassai nobil altezza,
e so che de valor n de corraggio
n de piacer n dornata bellezza 4
n de far n de dir cortese e saggio
altra no de tantalta grandezza.
Donqueo, che bassom son, ragion non aggio,
segondo ci, daver vostra contezza; 8
ma segondo gran fede e bono amore
che n voi , stando pi vostro che meo,
son degno ben daver tanto donore. 11
Ch, se verace s fusseo ver Deo
con son ver voi, vivo, senza tinore
ne girea loco ov santo Mateo. 14
40 Letteratura italiana Einaudi
71
In fede mia, che n amor grande aiuto
mi fora cheo fossorbo, tale fiada,
e tal che fusse sordo e tal che muto!
E dico como adesso a cui agrada. 4
Orbo, per che megli? che laveduto
per escur loco meo penser che vada;
e sordo perch, quando alcun omuto
sento l stando, ov el meo cor? pi bada, 8
temendo chaltro sia, prendo paura
e perdaver solazzo e angosci aggio,
che gauderia, se fusse sordo allura; 11
e muto perch, quando il suo coraggio
demostrame madonna per figura,
de la ntenzone desse eo fusse saggio. 14
72
Con pi lallungo, pi m prossimana
la fazzon dolce de la donna mia,
che maucide sovente e mi risana
e mve miso in tal forsennaria, 4
che, n parte cheo dimor in terra strana,
me par visibil cheo con ella sia,
e or credo tale speranza vana
ed altra mi ritorno en la follia. 8
Cos como guid i magi la stella,
guida me sua fazzon gendome avante,
che visibel mi par e incarnatella. 11
Guittone dArezzo - Canzoniere
41 Letteratura italiana Einaudi
Guittone dArezzo - Canzoniere
Per vivo gioioso e benistante,
ch certo senza ci crudele e fella
morte mauciderea immantenante. 14
73
Gioi amorosa, amor, senpre lontano
son da voi, lasso! Mal vaggio veduta,
e male fui crudel tante villano:
contra l vostro voler feci partuta, 4
aggire, oim dulente!, in terra strano,
ovallegrezza e gioi aggio perduta;
ch ntra pianti essospir mn posto appiano
e mn ormai vita quasi tolluta. 8
Lasso, perch vagheo dargento o doro,
avendo voi, s prezoso avere,
che non pareggiavi altro tesoro? 11
Or non procaccio, acci che l meo servere
aggio perduto, en voi amando, e moro,
poi voi, nid altro ben, non posso avere. 14
74
Ai dolze cosa, perfetta Speranza,
amica di ciascun omo, e pi mia,
ch tu paghi pi a lom sua disanza
non fa quello ch tene in signoria. 4
Gi quale pi podere e benenanza
senza laiuto tuo non viveria;
dunqua, chi vive annoia e a pesanza,
settu no laiutassi, or che feria? 8
42 Letteratura italiana Einaudi
Mal; ed eo peggio, che tra strana gente
ed en strano paese e n crudel soe,
sconfortato da mia donna e damico 11
e donni cosa, fr di te, ch gente:
mi conforto tuttor che mister ne
[-ico] 14
75
Lontano son de Gioi e Gioi de mene
e de Gioi son pi cheo non fui giammai;
di perditaquistato aggio gran bene
e de procaccio male e danno assai 4
Quel cheo non maiuta e mi mantene,
et quelo c maffende e dona smai;
gioia e gran dolzor sento di pene,
e de gioi pene tormenti e guai. 8
Ora sono l vio non fui gi nente:
chi.mmi serve, me piace effa dannaggio,
e bene e dispiacer lo diservente. 11
Messer Gherardo, di non saver saggio
lo chiar escur? ben meo convenente:
de!, quel ?sguardate che non guard, om saggio! 14
76
Gioi amorosa, amor, pensando quanto
fu l fallo meo crudel e villan forte,
certeo mauciderea volenter manto,
sellom ragion avesse en darse morte. 4
Guittone dArezzo - Canzoniere
43 Letteratura italiana Einaudi
Guittone dArezzo - Canzoniere
Esseo trovar credesse enn-alcun canto
chedde ci fusse giugiamento o corte,
eo me li acuseria n tal guisa tanto,
chedde morte verria sovra me sorte. 8
Ma poi me reconforto, amor, pensando
che pi che nn-altra n voi regna pietanza,
ecci mi fa midir, merz clamando; 11
caltra guisa vivrebbi in desperanza,
tanto ontoso son, considerando
comio poteva ver voi pensar fallanza. 14
77
Deporto e gioia nel meo core pporta,
emmi desporta al mal caggio portato,
che de porto saisina aggio, ed aporta
che ntra la porta, ove fr gi, aportato. 4
F porto tal de lei, che non trasporta
ma me conporta oveo son trasportato,
con porto me non fa pi, semmaporta
ella du porta su estar diportato! 8
Conportat de mal tanto cheo porti,
deporti opo me fanno a trasportare
deportar? mortoveo sommi portara. 11
Non conportara caltri mi conporti
n i porti, sei sia qual vole a portare;
ch, del portar? me lei, ma desportara. 14
44 Letteratura italiana Einaudi
78
De coralmente amar mai non dimagra
la voglia mia, n di servir sarretra,
lei, ver cui de bellezza ognaltr magra,
per che ciascun ver me sementa n petra: 4
cAmor di gioia mi corona e sagra
und di ben pi caltrom, pi che metra;
dunqu ragion de servir lei madagra,
poi son damore a maggior don cha metra. 8
Ch manto n, pur chi vol naggia invilia,
emme nde sia ciascun noioso encontra
chal mie voler non faccia feste vilia, 11
merz di lei cogni su nemico ontra,
ver cui bastarda fu Sarna Subilia,
per che tutto ben? meo dessa macontra. 14
79
Gi lungiamente sono stato punto,
s punto mve la noiosa gente,
dicendo de savere uve mi punto;
s tal punto mi fa quasi piangente. 4
Poi, semmi miro, non credone punto,
s punto so, ve n stando onor v gente,
poi lo mo voler de gioi punto,
che punto verso, s face piangente. 8
Fer como lo bono arcero face:
face fa de fedire in tale parte,
sparte di ci, u non par badi, fede. 11
Guittone dArezzo - Canzoniere
45 Letteratura italiana Einaudi
Guittone dArezzo - Canzoniere
A tutti amanti s de farse face:
?sface ci de penser laversa parte,
parte che vive inn-error de su fede. 14
80
Del valoroso valor coronata
meglio, madonna mia, caltra de regno,
en cui lo cor e l corpo e lalm data
perfettamente senzalcun retegno, 4
addonque, poi di me sete lungiata,
perdut e la mia vita e l suo sostegno;
per che morire, oim lasso, magrata,
chesseo pi vivormai, matto devegno. 8
Ma voi, amor, per Deo, vi confortate,
che picciol per mia morte dannaggio,
e per la vostra onor tuttabassate. 11
E, per vostro conforto, el meo coraggio
se reconforta, e forsanche l tornate,
per la vostra allegranza, enn-allegraggio. 14
81
Villana donna, non mi ti disdire,
volendomi sprovar fin amadore:
cheo fin non son, ver s talento dire,
nd essere vorrea, tanti ladore. 4
Ca, per averti a tutto meo desire,
non tameria un giorno per amore;
ma chesta t volendoti covrire,
ch pi volere terriami disnore. 8
46 Letteratura italiana Einaudi
Ch tu se laida n senblanti e villana,
e croia n dir e n far tutta stagione,
esse leggiadra ed altizzosa e strana, 11
ch n te noiosa noia per ragione,
donna laida, chellegiadra se e vana
e croia, ch daltera oppinone. 14
82
Non mi disdico, villan parladore,
a quello intendimento che ditti.
Or come crederia che n te valore
di fine amante amor fusse giamai? 4
Cognaltra fina cosa di te fre,
e lo incontra per te regna assai.
Ma disdicomi acci chemm dolore
crudel di morte il dimando che fai, 8
cio chio tami: or, come amar poria
cosa che di tutto dispiagente
con tusse? Mode ragion ti dia 11
odiar: amor ne disfo coralmente;
tu per mi dispregi, e villania
mi dice assai la tua bocca che mente. 14
83
Certo, mala donna, malo accatto
farebbe lom a star teco a tencione,
tanti villan parlar, accorte adatto
e tanto pien di tutta rea ragione. 4
Guittone dArezzo - Canzoniere
47 Letteratura italiana Einaudi
Guittone dArezzo - Canzoniere
Per chio mi credo che sovente i fatto
danne disnor a me con tuo sermone,
e manti omini messo in mal baratto,
e daltro non par caggi oppinone. 8
Se vuoi chi dica l ver, s come l saccia,
perch disditta se, diraggiol bene:
ch tu, pensando ci laida la faccia 11
esse croi e villana, allor te tene
paura forte che gabbo non faccia;
perci disdici, e far ci ti convene. 14
84
Cos ti doni Dio mala ventura,
con tu menzogna di ad iscente,
credendo chi marrenda per paura
di tua malvagia lingua mesdicente. 4
Ma io sofferea prima ogni bruttura
e morte, ched i te dessimi nente,
cheo fora degna di soffrir arsura
come quella ca bestia si consente. 8
Esse ci , che me non tegna mente
bona n bella, te qual credi tegna?
Pur lo piggior di tutti e l pi spiacente. 11
E gran fastidio m, son ti disdegna
per dispiagenza, e tu ti tien s gente,
che, tal penser i, credi che divegna. 14
85
Ai Deo, chi vidde donna vizata
48 Letteratura italiana Einaudi
di reo parlar?, ritratto da malarte,
come tu che se meco a ragion stata?
E veggio che del gioco non i par te. 4
Per parto vinciuto; e s magrata,
poi sia vincente dogna mala parte,
non canpi perci tu a malusata,
chi non vorria di malvaga ritrarte. 8
Che Dio male ti dia, come se degna,
e tollati la vitaci che danno
non fusse pi di tua malvagia nsegna: 11
ch tutto vizio ro e inganno
di te nato, e tuo penser non regna
inn-altro, che n criar, vergogne danno. 14
86
Or son maestra di villan parlare
perch saccio di te dir villania,
ch villan dire e dispiacevel fare
s ritrova in te ciascuna dia, 4
cun piccol fanciul ne porria ritrare
pi che fatto non aggio n vita mia,
ch quello che ditt gi nente pare
inverso de la tua gran malatia. 8
Ma io vorrebbi, lassa, esser morta
quando con omo, chi l disdegnato,
come tu se, tale tencion fattaggio. 11
Ben puoi tener ormai la linguacorta
e dir ci che ti piace star fidato,
che nn-alcun modo non responderaggio. 14
Guittone dArezzo - Canzoniere
49 Letteratura italiana Einaudi