Sei sulla pagina 1di 17

23/09/13

ciellino

Condividi

Altro

Blog successivo

Crea blog

Entra

profile (e presentazione) mail: ucciellino@ gmail.com feed: atom RSS visite:

Cambiato indirizzo: www.ucciellino.blogspot.com


Il nuovo indirizzo di questo blog www.ucciellino.blogspot.com Attenzione: Blogspot ha cambiato l'indirizzo (link) di ognuna delle pagine di questo blog, per cui i link che avete creato fino a tutto il 2009 quasi certamente non funzioneranno.
(24.06.10)

Come entrare in seminario archivio


maggio 2007 giugno 2007 ottobre 2007 novembre 2007 febbraio 2008 aprile 2008 maggio 2008 giugno 2008 agosto 2008 ottobre 2008 novembre 2008 gennaio 2009 febbraio 2009 marzo 2009 Ad un amico che mi chiedeva delicatamente[1] quali fossero le procedure per entrare in seminario[2] e diventare prete Se uno crede di essere chiamato al sacerdozio, la cosa pi ovvia chiedere a qualche sacerdote di fare un cammino di verifica[3] poich non si diventa preti col solo desiderarlo, non si diventa preti acquistando un qualche kit pretesco al supermercato sotto casa. Fin dall'inizio si tratta infatti non di una faccenda burocratica ma una rete di rapporti di fiducia[4]. Un prete (se convinto di riconoscere una vocazione[5]) sponsorizza[6] un aspirante presso il proprio vescovo (in caso di diocesani[7]) oppure presso il proprio superiore (in caso di religiosi[8]) e dopo un po' di colloqui[9] ed un periodo di prova[10] (tipicamente un anno, consistente in incontri e tempi passati in strutture simil-seminario) lo presentano[11] a un rettore di seminario per il periodo di seminario maggiore (cio il ciclo[12] di formazione[13], che dura cinque o sei anni[14]). Certo, lo sappiamo tutti che quando uno avverte di essere chiamato alla vita sacerdotale, quasi quasi vorrebbe
1/17

ciellino.blogspot.it/2007/05/come-entrare-in-seminario_25.html

23/09/13

ciellino

aprile 2009 maggio 2009 giugno 2009 luglio 2009 agosto 2009 settembre 2009 ottobre 2009 novembre 2009 dicembre 2009 gennaio 2010 febbraio 2010

diventar prete subito, perfettamente normale. Ma come per tutte le cose serie, come per tutto ci che impegna il resto della propria vita, bene andarci cauti[15] e seguire i tempi tecnici che la Chiesa, con la sua lunghissima esperienza, ha stabilito[16]. La vita in seminario vita di preghiera (Messa[17], liturgia delle ore[18], ecc.[19]; dunque non solo questione di superare esami) e di studio (filosofia e teologia, livello quasi universitario[20], dipende dalle facolt teologiche, esami ogni semestre), e ovviamente vita comunitaria (inclusi turni di lavapiatti[21], ecc.); inoltre, nel periodo estivo (e nei fine settimana di tutto l'anno, pi i periodi festivi di Pasqua, Natale, ecc.) si fa servizio pastorale (orrendo termine che significa attivit caritativa e liturgica presso qualche parrocchia o istituto religioso, sempre scelto dai superiori ogni anno). poi il vescovo (o il superiore religioso), a seconda dei risultati conseguiti (pi nella vita comunitaria di seminario che nello studio, anche se per diventare prete occorre bene o male superare tutti gli esami[22]) a far avanzare di carriera (ammissione tra i candidati agli ordini sacri, lettorato, accolitato[23]) il seminarista[24]. Al termine del seminario, c' il periodo di verifica per l'ordinazione diaconale (in genere un annetto, spesso anche assai meno, dipende dai posti e dai vescovi), dopodich, dopo qualche mese dall'ordinazione diaconale, se ancora andato tutto bene[25], c' l'ordinazione sacerdotale (e si pu celebrare Messa; per confessare seguir, dopo qualche settimana, il permesso esplicito del vescovo[26]); il vescovo, poi, provvede a inserire[27] in qualche parrocchia il neo-sacerdote (per gli ordini religiosi, in qualche casa[28] dell'ordine). La prassi leggermente diversa da posto a posto, e raramente cambia qualcosa l'essere gi laureati o l'essere avanti negli anni[29]. La costante fondamentale la fiducia del vescovo (mancando la quale, il seminarista non andr avanti) o del superiore religioso[30]. In qualche caso la famiglia del seminarista (o la sua parrocchia di origine) deve pagargli le spese del
2/17

recentissimi
Comunismo, nazismo e cristianesimo Il buio Medioevo Se l'angelo avesse avuto tempo da perdere A proposito delle "connivenze" tra la Chiesa e i n... Ciellino

categorie
movimento

ciellino.blogspot.it/2007/05/come-entrare-in-seminario_25.html

23/09/13

ciellino

musica volare Giappone racconti mangiare parrocchia morosa tecnologia libri animali

seminario[31] o una percentuale delle stesse (fino a diverse migliaia di euro[32] all'anno); comunque, nessuno rimane mai a terra perch senza soldi[33]. I seminari diocesani non sono tutti rose e fiori, poich capita (purtroppo) che ci finisca dentro gente che ha un'idea un po' curiosa[34] della vocazione. Inoltre lo studio reso complicato dalle mille attivit di seminario (dev'essere una bella rogna tentare di studiare e per una settimana intera ritrovarsi addetto alle pulizie, cerimoniere alla Messa solenne perch il cardinale viene a far visita, festa di compleanno del rettore, incontrino sulla pace e altre perdite di tempo[35] voci maliziose dicono che di ogni anno di seminario che comincia in genere a fine settembre fino a Natale non si riesce a studiare niente). In caso di vocazione, bene andarci estremamente cauti: farlo sapere solo al proprio direttore spirituale e confessore, non parlarne con nessuno, neppure con gli amici pi fidati, neppure con l'amico (o amica) del cuore, neppure ai propri genitori (non sto scherzando). Discrezione! Vivere normalmente[36], e confrontarsi sulla questione esclusivamente con il proprio direttore spirituale[37] e con il proprio confessore (generalmente sono la stessa persona). Quando i tempi saranno maturi[38] (cio, per esempio, dopo che il vescovo ha stabilito la data di ingresso in seminario) sar il direttore spirituale ad importi, per obbedienza, di parlare della tua vocazione ad amici e parenti. La discrezione elimina infatti un sacco di imprevedibilissimi e fastidiosissimi problemi. Mi spiego meglio: il parlarne con una persona che magari riteniamo importante per un qualsiasi motivo, finisce sistematicamente per distrarci, poich s'insinua il virus del ma cosa ne penser[39] lui/lei/tizio/caio/sempronio di quello che intendo vivere? Si finisce, pi o meno involontariamente, nel considerare la propria vocazione in base alle impressioni altrui[40], proprio nel periodo pi delicato![41] La discrezione non impossibile: io stesso ci sono riuscito per oltre quattro anni. Non si tratta di

ciellino.blogspot.it/2007/05/come-entrare-in-seminario_25.html

3/17

23/09/13

ciellino

giocare agli agente 007 o ai carbonari; si tratta piuttosto di difendere il proprio cammino vocazionale nel periodo in cui pi debole e pi soggetto ad influenze esterne. Prendono delle belle cantonate proprio quelli che si illudevano di avere un carattere forte, superiore a certe cose, impermeabile ad influenze esterne, ecc.[42] Il direttore spirituale tenuto al segreto[43], ed ovviamente chieder di venire allo scoperto[44] solo quando si tratta di cominciare pubblicamente il cammino di formazione (per esempio quando sia prossima la data per entrare in seminario[45]). Ovviamente bene andarci assai prudenti anche con lo sponsor, che se cambia idea sulla presunta vocazione son brutte rogne (nel senso che uno non va a scegliersi il prete volubile che non vede l'ora di dire di s anche ad un mulo[46], salvo poi cambiare idea con la stessa facilit un po' di anni dopo): ho presente purtroppo qualche caso del genere[47]. Coraggio, coraggio! Il cammino non facile, ma non neppure difficile. Per rendertelo difficile, per rincitrullirti all'ennesima potenza, basta commettere uno di questi colossali errori (ne cito solo qualcuno, ma la lista sarebbe lunghissima): 1. trascurare (o peggio non avere) il direttore spirituale, non seguirne le indicazioni, ecc. 2. trascurare la frequenza ai sacramenti (anzitutto confessione e comunione); 3. trasformare la possibile vocazione in qualcos'altro (argomento di discussione con gli amici, metodo per ottenere stima dai parenti, strumento per l'autostima o riempitivo del tempo libero, ecc.) 4. esagerare con le attivit di parrocchia[48] per qualsiasi motivo (dalla vanit all'attivismo, dalla sindrome da crocerossina[49] ai ritmi da maratoneta delle preghiere, dall'onnipresenza maniacale in ogni cosa che riguardi la parrocchia, al mestiere alternativo in caso di problemi con l'universit o col lavoro) Tutto quanto detto sopra vale, praticamente senza modifiche, anche per le vocazioni femminili[50]. Sostituite vescovo con superiora, sostituite seminario con convento o monastero, sostituite i dettagli (accolitato, diaconato, sacramento dell'ordine, ecc.) con probandato, noviziato, professione temporanea, voti solenni, ecc., e in linea di massima avrete ugualmente
ciellino.blogspot.it/2007/05/come-entrare-in-seminario_25.html 4/17

23/09/13

ciellino

indicazioni concrete[51]. Anche per le ragazze importante che il direttore spirituale sia un sacerdote[52], poich salvo casi veramente rari, una donna, anche se suora o monaca, non pu avere la stessa intelligenza nel capire i problemi, nell'andare al fondo delle questioni, nel saperne parlare ad una ragazza (diciamoci la verit: le questioni di cui si pu parlare solo tra donna e donna[53] sono veramente poche[54]).

1)

Questa pagina con tutte le sue note era apparsa sul blog Astiterunt Reges Terrae prima che fosse chiuso a marzo

2007 .
2)

C' anche il sito V ocazione.org, v eramente ben fatto e curato da persone serie. Sconsiglio tutti gli altri siti che

riguardano anche lontamente le v ocazioni, poich spesso mescolano cose serie e cose molto poco serie, e non v ale la pena rov istare nella spazzatura per la sola ebbrezza di trov are di tanto in tanto qualcosa di decente.
3)

Cammino di verifica significa che potrebbe anche verificarsi qualcosa di diverso. Uno pu partire per div entar prete,

e poi scoprire di essere chiamato piuttosto a div entare monaco (e magari di clausura). Ho qui il caso di un amico che stav a per entrare in un seminario diocesano ma durante il periodo di prov a ha capito di esser fatto piuttosto per i francescani (ed oggi l da loro). Ho qui il caso di un carmelitano e di un salesiano che sono poi passati alla diocesi. Ho qui diversi casi di gente che entra in pompa magna in seminario e e poi dopo qualche anno lascia tutto per i motiv i pi div ersi (perch preferisce sposarsi, perch ha un esaurimento nerv oso, perch stanco della v ita di seminario, eccetera). Chi parte in fretta, parte certamente col piede sbagliato.
4)

Rapporto di fiducia, esatto. Il v escov o (o il superiore religioso) ha tutto il diritto di dirti che non sei adatto al

sacerdozio, ha tutto il diritto di mandarti v ia perch non ha pi fiducia in te, anche se sei ancora conv into di av ere la v ocazione, anche se il direttore spirituale conv into che hai la v ocazione. E in questi casi non puoi protestare, non puoi portarlo in tribunale, perch a decidere della v ocazione lui. Infatti il v escov o (o il superiore religioso) a dov er stabilire se hai almeno i germi della v ocazione e se la v ocazione idonea all'ambiente in cui stai per entrare (in termini pi esatti, la v ocazione sacerdotale si realizza con l'ordinazione). Alcuni, di animo guerrafondaio, credono che la questione del sacerdozio sia risolv ibile in tribunale ecclesiastico, come se il riconoscere una v ocazione non partisse da una questione di fiducia reciproca ma di applicazione di regolamenti e leggi cos come av v iene nella giurisprudenza
ciellino.blogspot.it/2007/05/come-entrare-in-seminario_25.html 5/17

23/09/13

ciellino

civ ile. E inv ece no: si tratta di fiducia, per cui ogni v escov o ha il suo metro di giudizio, ogni rettore di seminario ha il suo metro di giudizio, e se smettono di fidarsi di te non puoi ricreare la fiducia a colpi di regole e regolamenti, magari scav alcando i loro superiori e facendo ricorso sempre pi in alto, fino al Papa
5)

Non sei tu che dev i conv incere lui, ma lui a dov er decidere; lui a dov er capire se ci sono indizi di una v ocazione o

se una infatuazione passeggera .


6)

Il termine sponsorizza descriv e bene la cosa proprio perch si tratta di rapporti di fiducia. Un v escov o si fida dei

suoi preti, un superiore di una comunit religiosa si fida dei suoi religiosi: non ci si pu mica presentare di punto in bianco a un v escov o (o a un superiore religioso) per dirgli ho la v ocazione e pretendere che lui si fidi ciecamente. L'ordine sacro per l'appunto un sacramento, non un incarico distribuibile a chiunque ne faccia richiesta, e nessuno mai morto per la mancanza dell'ordine sacro. Un v escov o pu ordinare sacerdote uno che abbia ai suoi occhi anche i soli requisiti minimi indispensabili, e pu non ordinare uno che abbia ai suoi occhi tutti i migliori requisiti tranne uno secondario che per lui ritiene necessario
7)

Attenzione alla terminologia. I preti in serv izio nelle parrocchie e dipendenti direttamente dal v escov o locale sono

quelli diocesani. Tutti gli altri sono inv ece detti religiosi (ordini religiosi come i francescani, i benedettini, i salesiani, i pallottini, carmelitani, ecc.) e fanno capo al proprio superiore religioso (ogni comunit ha un suo superiore, questi ultimi sono a loro v olta retti da un superiore maggiore, ecc.) Spesso cpita che una parrocchia sia affidata ad un ordine religioso, ma in quel caso si soggetti sia al v escov o locale che al superiore religioso. Altra importante differenza che i preti diocesani possono essere spostati dal v escov o ad altra parrocchia nell'ambito della stessa diocesi (un prete della diocesi di Milano non v iene certo spostato alla diocesi di Como), mentre i religiosi possono essere assegnati a case religiose anche molto lontane anche dall'altra parte del mondo, anche quando non si tratti di comunit esplicitamente missionarie. per questo che qui si scherza sempre sul fatto che i diocesani stanno sotto casa loro e i religiosi prima o poi v engono spediti altrov e.
8)

La formazione di un sacerdote diocesano raramente av v iene assai lontano dalla diocesi; la formazione di un religioso

av v iene inv ece laddov e i religiosi hanno il proprio studentato o seminario o casa di formazione. Div ersi ordini religiosi prev edono che almeno nell'anno di nov iziato non si possa neppure tornare a casa dai genitori. ov v io che l'entrare in diocesi o l'entrare in un ordine religioso av v iene solo dopo av er raggiunto una consistente e ragionevole certezza per il futuro: io non entro certo in un ordine missionario se non sono gi di tutto cuore disposto ad andare in qualsiasi momento nel posto in cui il superiore mi v uole, sia che si tratti della parrocchia sotto casa mia, sia che si
ciellino.blogspot.it/2007/05/come-entrare-in-seminario_25.html 6/17

23/09/13

ciellino

tratti della comunit pi remota del pianeta e pi pov era e perseguitata A parole facile dirsi pronti, ma quando si sta da anni in un posto e il superiore decide che c' bisogno di te dall'altro capo del mondo, come la metti? Se quando av rai ottant'anni un tuo superiore con la met dei tuoi anni ti chiedesse per obbedienza di andare dall'altra parte del continente, come la metti? (v ero che superati i trenta-quarant'anni, div enta difficile perfino l'obbedienza del trasferirsi duecento metri pi in l).
9)

I colloqui serv ono per conoscersi. Non una procedura formale, non sono i colloqui che si fanno per essere assunti

in un'azienda nei quali occorre dimostrare di sapere chiss cosa (e del resto, dopo anni di formazione, l'entusiasmo esplosiv o iniziale non c' pi).
1 0)

Questo periodo di formazione prima dell'entrare in seminario maggiore serv e anche per v erificare la capacit di v ita

comune: v iv ere almeno sei giorni su sette nella comunit di un seminario non una cosa che pu affrontare di punto in bianco una persona abituata a lav orare, a stare in famiglia, a trov are il letto rifatto, i calzini lav ati e stirati, l'armadio in ordine, il piatto in tav ola e il caff gi pronto, ecc. (figurarsi poi in quelle comunit religiose dov e si potr tornare a casa solo una settimana all'anno). Sar il v escov o (o il superiore religioso) a decidere se necessario, ed a stabilire modi e tempi.
11)

I rettori delle case di formazione si fidano ov v iamente solo dei candidati che v engono loro presentati da un v escov o

o dal superiore di una comunit religiosa. I rettori e i formatori possono anche non accettarne, per un qualsiasi motiv o (ricordo un caso in cui non si poterono accettare nuov i seminaristi perch nel seminario in questione non c'era pi posto).
1 2)

Il termine burocratico formazione dice troppo poco di quel che la v ita di seminario, che v ita comunitaria, v ita

di preghiera, v ita di studio, direzione spirituale, ecc.


1 3)

Beh, se la v ocazione c' dav v ero, dov er aspettare quattro o dieci anni non fa gran differenza: per esempio, se uno

v uole dav v ero div entare sacerdote tra i salesiani, non si sentir affatto a disagio nel sentirsi dire che la formazione l dura nov e anni. Il fatto che ad alcuni la formazione potrebbe essere stabilita in modo pi comodo della tua, potrebbe prima o poi farti rodere il fegato dall'inv idia Ho conosciuto personalmente un sacerdote cinese sistematicamente ostacolato dal regime. stato finalmente ordinato sacerdote dopo ventisei anni di seminario! Pi precisamente, ogni anno di seminario la burocrazia comunista lo bloccav a per due, tre, quattro anni, ogni v olta che ricominciav a gli inv entav ano ostacoli per farlo desistere Poi ti racconter pi in dettaglio.
ciellino.blogspot.it/2007/05/come-entrare-in-seminario_25.html 7/17

23/09/13
1 4)

ciellino

Il Codice di diritto canonico richiede almeno quattro anni, ma i v escov i e le conferenze episcopali possono decidere

tempi pi lunghi (cos come generalmente av v iene in Italia). Inutile precisare che a totale discrezione del v escov o (e dei sacerdoti a cui affida la tua formazione): ho presente un caso in cui tutti i seminaristi di un seminario sono andati a sindacare dal v escov o per il fatto che uno dei seminaristi era stato trasferito in un seminario dov e av rebbe risparmiato un anno di cammino (protesta inutile, ov v iamente). Pov eri idioti l'inv idia una brutta bestia.
1 5)

La cautela un equilibrio, e pertanto non la si impara leggendo un libro. Questo uno dei tanti motiv i per cui

indispensabile farsi seguire da un buon sacerdote (direzione spirituale).


1 6)

L'inv enzione dei seminari alquanto tardiv a: fu san Pio V , quasi cinque secoli fa, a stabilirli come obbligatori per la

formazione sacerdotale. Lo scopo ov v iamente quello di garantire che ogni sacerdote abbia tutta la formazione e la cura necessaria.
17 )

Oltre alla Messa quotidiana, ogni giorno c' la celebrazione comunitaria della liturgia delle ore, cio delle Lodi al

mattino, dell'Ora Media v erso mezzogiorno, dei V espri v erso sera, pi altri incontri di preghiera (Rosario, Adorazione eucaristica, Angelus, Compieta, V isita al Santissimo, ecc., a seconda dei casi e dei posti) pi ov v iamente le preghiere che ognuno recita personalmente secondo il proprio stile (preghiera del mattino, preghiere della sera, ecc.) Per esempio, da noi, il Rosario ognuno lo recitav a per conto suo perch non era prev isto dalla regola di preghiera del seminario (certo, molti non lo recitav ano, ma questo non m'interessa); per di pi, la liturgia delle Ore era qualcosa di snerv ante, perch molti trascinav ano la recita e il canto in una maniera che ho sempre detestato.
1 8)

Accade spesso che il primo impatto del seminario questa sbornia di preghiere, per cui gente che abitualmente

pregav a poco si sente a disagio gi dopo i primi giorni. Specialmente quelli che pensav ano beh, entrando in seminario mi abituer, poi v edr, sapr trov are un modo. L'Ufficio div ino e la Liturgia delle Ore sono tipici dei preti e delle persone consacrate (monache, frati, suore, ecc.) e sono obbligatori per tutti i diaconi, preti e v escov i (a partire dal diaconato ci si assume l'impegno, v ita natural durante, a recitare l'Ufficio e la Liturgia delle Ore quotidiani). Sono costretto a precisarlo poich molti, anche v entenni, credono erroneamente che fare il prete consista nel fare prediche, gestire le cose di parrocchia e se di tanto in tanto av anza tempo perfino pregare un pochino Se v ero che alcuni preti pregano pochissimo, ricordati che normalmente un prete non ama farsi v edere mentre prega, e pertanto tanta gente pensa che tutti i preti preghino poco e niente.
1 9)

C' anche il caso estremo opposto: di tanto in tanto cpita qualcuno maniacalmente infoiato che fa delle maratone
8/17

ciellino.blogspot.it/2007/05/come-entrare-in-seminario_25.html

23/09/13

ciellino

di preghiera, e che tentato di pretendere che tutti gli altri facciano altrettanto, magari anche scandalizzandosi per il fatto che qualche prete preghi meno (e meno sentitamente) di lui. Questo v ale a v olte anche per l'aspetto morale (per esempio certuni di un'eccessiv a ascetica e fanatici dei digiuni e delle preghiere) o per certi signorini baronetti (incapaci di accettare l'idea che il v icino di camera mentre dorme possa anche russare, e banalit del genere). Tutte queste cose sono facilmente catalogabili nel moralismo. Questa gente, che dopo il primo impatto col seminario si sente pi forte di Superman (e magari arrogandosi il diritto di giudicare sev eramente tutti gli altri), col passare del tempo si sgonfia da sola: il cristianesimo (e quindi la formazione al sacerdozio e alla v ita consacrata) non banalmente riducibile ad un elenco di regole da osserv are e di comportamenti da misurare. Sei tu che dev i adeguarti ai ritmi del seminario, non il seminario che dev e adeguarsi a ci che oggi ti v a a genio.
20)

Certamente il baccalaureato in filosofia e teologia molto pi semplice da conseguire di una normale laurea in

filosofia all'univ ersit, anche per uno che non prov enga da studi classici. Inutile dirlo, occorre studiare, ed occorre adattarsi a una terminologia e a un metodo che non sono quelli degli istituti tecnici e delle scuole alberghiere. Comicamente, alcuni commilitoni prov enienti dagli studi classici non av ev ano problemi col greco e col latino, ma facev ano fatica con la filosofia (pi di quelli che v eniv ano dall'alberghiero) perch av endola gi studiata in precedenza finiv ano per sottov alutarla.
21 )

Un po' di lavoro manuale indispensabile perch altrimenti si perde il contatto con la realt. Chi v iv e

esclusiv amente di prediche, di libri e di discorsi, col passare degli anni finisce per div entare stralunato anche non v olendolo.
22)

A chi non completamente negato per gli studi, spesso il v escov o chiede di arriv are alla cosiddetta licenza, cio

un biennio di studi in pi dopo il baccalaureato filosofico-teologico. Quest'ultimo infatti equiv ale ad un diploma univ ersitario (laurea brev e), anche se gli anni di studio erano cinque o sei; inv ece, dopo av er fatto anche il biennio di specializzazione e pubblicata la tesi di licenza, si ha (finalmente) l'equiv alente di una laurea. A v oler studiare teologia ce n' per tutti i gusti, tra specializzazioni e licenze; di solito il v escov o pu chiedere qualcosa che sar utile per un futuro incarico in diocesi (per esempio ad A., che av ev a conseguito una laurea in giurisprudenza prima di entrare in seminario, fu chiesta la specializzazione in Diritto Canonico, in modo che dopo l'ordinazione sacerdotale potesse lav orare nella Curia diocesana oltre che nella parrocchia).
23)

Generalmente si v iene ammessi tra i candidati agli ordini sacri dopo il secondo anno di seminario maggiore; l'anno

successiv o si v iene istituiti lettori, e l'anno successiv o si v iene istituiti accoliti. Chiaramente non si tratta di diritti ma di
ciellino.blogspot.it/2007/05/come-entrare-in-seminario_25.html 9/17

23/09/13

ciellino

decisioni del v escov o; ho qui presente un caso di un seminarista che dopo av er terminato il seminario e gli studi era ancora indietro con la carriera (era cio ancora lettore, ancora non istituito accolito, perch il v escov o non giudicav a ancora completa la sua formazione).
24)

Quanto all'uso del clergyman (l'abito da prete, quello con giacca e colletto) o della veste talare (impropriamente

detta sottana o tonaca), bene precisare subito che ci si potr v estire cos solo dopo l'ordinazione sacerdotale (anche se nelle celebrazioni liturgiche dei seminari si richiede in genere che i seminaristi utilizzino la talare e la cotta, fin dal primo anno). La situazione v aria da posto a posto; i v escov i italiani generalmente non gradiscono che un seminarista v esta la talare; alcuni v escov i ammettono l'uso della talare o del clergy negli ambienti chiusi (nell'ambito della parrocchia, del seminario, o a casa propria) a partire da dopo il rito di ammissione agli ordini sacri. Purtroppo capitato molto spesso che i fanatici del trav estirsi da prete, una v olta ordinati preti, hanno dimenticato tutto quel ferv ore e v anno in giro smandrappti e stravaccti, magari con la scusa che v estire la talare sarebbe da bigotti (oppure sarebbe scomoda, o ancora fa sudare, ecc.) Per di pi, l'uso della talare fa spesso ricev ere accuse di tradizionalismo lefebv riano e robe del genere. Div erso il discorso per gli ordini religiosi, che generalmente hanno un proprio abito, che in alcuni casi obbligatorio gi dopo pochi anni dall'inizio del cammino di formazione. Il rito della vestizione ormai sparito quasi del tutto.
25)

Sono costretto a questa precisazione perch ho presenti div ersi casi di gente che dopo l'ordinazione diaconale o ha

combinato grossi pasticci o per altri motiv i ha chiesto di (o stata costretta a) rinv iare a lungo termine l'ordinazione sacerdotale.
26)

Esatto: qualsiasi sacerdote, per confessare, a meno che non si tratti di un penitente in pericolo di v ita o di morte,

dev e av er necessariamente il permesso del v escov o, che nel darlo pu anche limitarlo in v ari modi (di tempi, di persone, ecc.) Nella maggioranza dei casi il v escov o, entro poche settimane dall'ordinazione, d la facolt di confessare senza particolari limitazioni (se non per i casi grav issimi riserv ati al v escov o stesso o alla Santa Sede). Fra parentesi: pensa che perfino un sacerdote scomunicato pu in articulo mortis (nell'imminenza di pericolo di morte) dare v alidamente l'assoluzione sacramentale. L'ordinazione, come il matrimonio, non una cosa che si pu togliere; al pi, in alcuni casi, se ne pu riconoscere la nullit. Ma un sacerdote scomunicato (e che anche abbia cessato tutte le attiv it sacerdotali da decenni), in articulo mortis pu ancora v alidamente dare l'assoluzione.
27 )

Dopo l'ordinazione sacerdotale, in Italia, c' lo stipendio del prete ricav ato dai soldi dell'otto per mille (esatto, i

quasi cinquantamila sacerdoti italiani due terzi dei quali diocesani, gli altri religiosi v engono stipendiati
ciellino.blogspot.it/2007/05/come-entrare-in-seminario_25.html 10/17

23/09/13

ciellino

grazie a una larga fetta dei ricav i dell'otto per mille). Quanto pi grande la parrocchia, tanto pi lo stipendio piccolo, poich si presume che in una parrocchia grande le offerte per i sacramenti siano pi consistenti. Le offerte fatte alla parrocchia (quelle per i ceri dav anti alle statue, quelle che si raccolgono durante la Messa, ecc.) v anno direttamente per le spese della parrocchia (bollette, pulizia chiesa, attiv it della parrocchia, manutenzione impianti, ecc.) Al prete, dunque, restano solo lo stipendio e le offerte per i sacramenti. Tra tutti i preti che conosco, l'aspetto economico v aria dal furbone (che riesce a usare anche dei soldi della parrocchia) all'eccessiv amente generoso (che anticipa di tasca sua e spesso a fondo perduto le spese della parrocchia). Con mia grande sorpresa, i furboni sono pochi e quelli eccessiv amente generosi sono in tanti. L'ultimo che mi capitato, uno che ha anticipato di tasca sua migliaia di euro per le spese dell'oratorio parrocchiale, ben sapendo che non li av rebbe mai pi riv isti (e ben sapendo che nell'arco di pochi anni sarebbe stato trasferito ad altra parrocchia). L'equilibrio, e cio pagare le spese della parrocchia con le offerte dei fedeli, e lasciando al sacerdote solo quel piccolo stipendio e le offerte per i sacramenti, un caso frequente ma non di maggioranza. Tra i generosi dobbiamo riconoscere particolare merito a quelli che non si lamentano. Il fatto che la categoria dei generosi sia la maggioranza indice della tendenza dei preti a div entare col passare del tempo un tutt'uno con la propria parrocchia
28)

Negli ordini religiosi generalmente tutte le spese sono a carico della casa (sulla base delle offerte dei fedeli e delle

rendite dell'ordine), ma il v oto di pov ert impedisce che qualcuno possa arricchirsi di cose che non c'entrano con la v ita religiosa. Infatti per i religiosi gi un gran bel lusso poter av ere una propria piccola biblioteca (ti parlo di suor C. e dei suoi tre scaffali di libri) che, in quanto materiale di studio, non in conflitto col v oto di pov ert. La Fiat Brav a del don C. era necessaria poich in quanto delegato alla pastorale giov anile per tutta l'ispettoria, dov ev a macinare non meno di 50-60mila chilometri l'anno (cosa non proprio praticissima con una Fiat Uno): anche in tal caso non lusso ma pov ert (pov ert nel senso esatto del termine: utilizza uno strumento adatto al compito che chiamato a sv olgere).
29)

Conosco molti che hanno pensato ingenuamente di pretendere sconti sulla durata e sulle attiv it di seminario in

base al fatto che av ev ano molto pi di v enticinque anni e magari erano anche laureati. Assai raramente hanno ottenuto qualcosa. Inv ece, quasi sempre la laurea in filosofia (costata magari colossali fatiche all'univ ersit) v alsa uno sconto di numerosi esami del ciclo di studi filosofico-teologici (anche se gli anni di seminario sono rimasti gli stessi). Ho qui presente il caso di un laureato che entra in seminario e padre O., uno dei sacerdoti formatori, gli dice con indifferenza: beh, ma tu sei laureato non possiamo mica metterti a lav are le stov iglie come gli altri! ed il seminarista laureato ha av uto la prontezza di rispondere: se le lav ano gli altri seminaristi, non v edo perch non possa lav arle anch'io. Certamente padre O. non av r scritto sulla relazione che il tal seminarista laureato un aristocratico
ciellino.blogspot.it/2007/05/come-entrare-in-seminario_25.html 11/17

23/09/13

ciellino

scansafatiche
30)

Come gi detto, spetta all'Ordinario decidere insindacabilmente l'idoneit di un candidato al sacerdozio. Negli ordini religiosi ci accade raramente. A suo tempo, la dote che un aspirante religioso o religiosa portav a alla

31 )

comunit era una forma di contributo alle spese (chi ti d da mangiare? chi ha pagato la costruzione o la ristrutturazione del conv ento? chi paga le bollette? ecc.) Il don A., che av ev a accumulato un po' di soldi lav orando prima di entrare in seminario, li ha usati per comprarsi libri di studio, libri liturgici, e soprattutto quel bellissimo calice dorato e quei paramenti da Messa talmente ricchi da far indignare i suoi v ecchi amici del liceo, esperti di taccagneria, pronti ad accusare la ricchezza dei chierici, pronti a stracciarsi le v esti e a essere peggio di Giuda Iscariota quando disse: ma quel v asetto di profumo, trecento denari, li potev amo dare ai pov eri Ci che si spende per Cristo non mai uno spreco. Lo sanno bene i francescani, da quando san Francesco d'Assisi comand loro grandissima pov ert ma di non impoverire mai gli arredi sacri, non risparmiare mai sulle cose della liturgia .
32)

Solo chi non ha gusto fa coincidere la bellezza con lo sfarzo. Il calice non dev e sembrare un bicchiere, ov v iamente;

ma all'opposto non necessario che sia tempestato di diamanti. La tradizione ha un suo stile per i calici, perch discostarsene? Pauperismo o inutile sfarzo non serv ono ad abbellire, ma solo ad abbruttire. La bellezza esprime significato (ed anzitutto per questo che cos necessaria nelle chiese e nella liturgia), e pertanto siamo pronti a spendere anche migliaia di euro per un calice riconoscibile come tale da chi partecipa alla liturgia. Sontuoso non significa lussuoso.
33)

A v olte il parroco che sponsorizza la v ocazione pagando di tasca sua o con le offerte dei fedeli le spese di

seminario. In altri casi il v escov o a far fronte alle spese (conosco personalmente un v escov o che ha pagato le spese di seminario di tutto il quinquennio a tutti i suoi seminaristi, ed ho notizia che si tratta di un caso molto comune). Secondo alcuni, il non far pagare nulla delle spese del seminario d al v escov o il diritto di mandare v ia in qualsiasi momento il seminarista che non gli v ada a genio (questo diritto gi ce l'ha, ma se il seminario gratis allora tale diritto div enta ancora pi ev idente). Secondo altri, il far pagare parte delle spese del seminario serv e per tener lontane quelle finte v ocazioni parcheggiate per qualche anno in seminario a perdere tempo (solo chi dav v ero conv into disposto ad affrontare sacrifici economici pur di andare av anti). De gustibus. Se toccasse a me, preferirei non far pagare nulla e contemporaneamente v erificare di persona le singole v ocazioni.
34)

Questo problema nasce dal fatto che la selezione oggi molto meno dura di trenta-quarant'anni fa: dato che le
12/17

ciellino.blogspot.it/2007/05/come-entrare-in-seminario_25.html

23/09/13

ciellino

v ocazioni scarseggiano, allora si tende talv olta ad essere meno sev eri. Meno sev eri significa che i formatori dicono: beh, migliorer, beh, col passar del tempo, beh, v edremo E cos accade che certi soggetti effeminati, sfaticati, v anitosi, esauriti, o tutte queste cose insieme, arriv ano alle soglie dell'ordinazione sacerdotale. Come sempre, a guardare un cesto di mele, quella marcia spicca sempre di pi. Quando v edi un pessimo prete, sta' pur sicuro che con una probabilit dell'80% stato pessimo anche durante il periodo del seminario.
35)

Il numero di attiv it dei seminari v aria da elev ato a molto elev ato, con punte di elev atissimo. Sta' pur

tranquillo che la v ita di seminario, ov unque tu v ada, non sar mai una pacchia (anche se di tanto in tanto capiter qualche giornata con nient'altro da fare che mangiare e pregare). E puoi essere assolutamente certo che almeno una discreta percentuale di quegli incontri e attiv it di seminario ti sembrer inutile (inutile a te, ma non necessariamente per tutti i seminaristi, e cos ti toccher ugualmente sorbirti quella sbobba): pazienza!
36)

Sono conv into che solo chi ha un lavoro stabile pu pensare seriamente al sacerdozio. Av ere un lav oro stabile,

v olenti o nolenti, significa av ere orari da rispettare, responsabilit, senso del dov ere. Le peggiori v ocazioni v engono per gran parte dai super-attivisti delle parrocchie: se uno arriv a a v enticinque anni senza titoli di studio, senza lav oro, senza fidanzata, e cio senz'av er fatto altro nella v ita che tante attiv it di parrocchia, in nome delle quali chiede di entrare in seminario, ebbene, sono convinto che un pessim o punto di partenza. Il sacerdozio non un mestiere per gente che non sa fare nient'altro che attiv it parrocchiali, non un incarico per gente v issuta sempre all'ombra della sacrestia e accudito da mamm e finanziato da pap e zi e nonn e soprattutto non un'attiv it per chi non riesce a fidanzarsi come gli garberebbe.
37 )

Se uno studente univ ersitario, gli si chiede generalmente di completare il ciclo di studi (non v ale la pena lasciare

l'univ ersit quando hai una buona media e sei gi a met degli studi: la laurea pu serv irti anche da sacerdote nel peggiore dei casi come apertura mentale). In ogni caso, anche i pi sicuri della propria v ocazione, dev ono sempre av ere i piedi per terra (titolo di studio, capacit di lav orare), almeno per la condizione minima indispensabile del non essere mai tentati di pensare: far il prete, cio far tante prediche.
38)

Uno degli equiv oci pi frequenti quello di chi v orrebbe accorciare i tempi di v erifica perch si sente gi sicuro.

ov v io che se il marted ti v iene il pallino di div entar prete e il giov ed pretendi dal padre spirituale di entrare in seminario, c' qualcosa nella tua testa che non funziona bene. perfettamente normale un periodo di v erifica di (almeno) parecchi mesi, con un confronto col direttore spirituale settimanale, bisettimanale, mensile. Le infatuazioni v anno e v engono, e le infatuazioni religiose possono anche durare parecchio
ciellino.blogspot.it/2007/05/come-entrare-in-seminario_25.html 13/17

23/09/13
39)

ciellino

Il modo migliore per cadere di fronte a questo genere di tentazioni il ripetersi: no, a me non capiter, sapr stare

attento, non sono mica cos scemo.


40)

Dov rei raccontarti pi accuratamente di quel pov ero idiota che a giugno era fidanzato, a luglio scopre di av ere la

v ocazione e ne parla con tutta la famiglia e lascia il lav oro e l'univ ersit, ad agosto fa alcuni colloqui passando qualche giorno presso la comunit religiosa dov e era conv into di essere chiamato, e a settembre a settembre torna a casa con la coda tra le gambe perch stato aiutato a capire che quella non era la sua strada (ma guarda un po' cosa succede a trascurare il direttore spirituale). Certo, nei panni della morosa, lo av rei spernacchiato abbondantemente (pare per che lei, infuriata per la storia, abbia nel frattempo prov v eduto a fidanzarsi con un altro; per il lav oro non c' stato niente da fare, e dunque il tizio ha ricominciato stancamente con l'univ ersit). Non ho mai creduto alle storiette eroiche dei seminaristi che dicono di av er eroicamente lasciato la morosa per entrare in seminario. Uno che ha sofferto nel lasciarla, non v a in giro a raccontarlo, tanto meno a raccontarlo a dei seminaristi, ancor meno a raccontarlo a gente che considera la morosa un oggetto usa e getta. E comunque c' sempre in agguato l'equiv oco della delusione amorosa: sta' pur certo che chiunque decide di donarsi a Cristo, non appena la cosa div enta pubblica, subito v ien fuori la gente pi insospettabile a chiederti: ma hai av uto una delusione d'amore? (quante v olte, anche a me, m' toccato di rispondere con pazienza a boiate come questa).
41 )

Talv olta alcuni direttori spirituali suggeriscono troppo presto di parlarne in pubblico. Sono fermamente conv into

che questa una pericolosa leggerezza; del resto, tutti i sacerdoti pi seri che conosco, sono conv inti come me che la discrezione sia essenziale. E per di pi costoro (e tutte le persone che conosco come v ocazioni serie alla v ita consacrata) sono stati tutti discreti fino al momento giusto.
42)

Ci sono riuscito per anni, e nel frattempo ho conosciuto altre persone che hanno scoperto troppo presto le loro

carte, ed ho v isto con i miei occhi come hanno cominciato a rincitrullirsi tra le opinioni di tizio e quelle di caio, tra l'amichetta del cuore e il v icino di casa odioso, tra il chiacchiericcio di sacrestia e le opinioni di quelli del gruppo in parrocchia Che strazio, che strazio! Una cosa tua, della tua v ita, tua personale, una cosa seria ridotta ad essere oggetto di stanche argomentazioni da bar. Che strazio!
43)

Tra i primissimi motiv i di questa segretezza c' la possibilit che il direttore spirituale v eda qualcosa che l'aspirante

prete non ha v isto. Il direttore spirituale potrebbe consigliare di entrare in diocesi anzich in un ordine religioso missionario, o v icev ersa. Potrebbe sapere meglio di te che per il tuo carattere, per la tua attitudine allo studio, per le tue capacit, il tuo stile di v ita, ecc., v iv resti pi realizzato e felice in quella tale comunit religiosa che in diocesi, o
ciellino.blogspot.it/2007/05/come-entrare-in-seminario_25.html 14/17

23/09/13

ciellino

v icev ersa. Chi disobbedisce, sta sicuramente sacrificando qualcosa; chi inv ece obbedisce, anche se fatica a capire, non sta trascurando niente. Con la grazia si collabora, ed il direttore spirituale uno strumento a tua disposizione per farti anzitutto capire la forma della tua v ocazione. Un equiv oco, dov uto all'ingenuit, considerare pi la forma (sacerdozio presso la diocesi, v oglio div entare parroco) che la sostanza (v ocazione al sacerdozio o a qualcos'altro?) con i soliti rischi di prendere grosse cantonate (nel caso in cui ci si muov a autonomamente).
44)

Tieni presente che nel caso in cui tu e il tuo direttore spirituale v i accorgeste che la tua v ita per il matrimonio, la

discrezione av uta fino a quel momento ti garantir un proseguimento tranquillo. Non bello essere guardati come i v igliacchi e i deboli. Non per niente piacev ole essere additati come il mezzo-prete che ci ha ripensato, quello che per un po' di mesi pensav a di farsi prete, quella che non trov ando un moroso av ev a tentato di farsi suora, quello a cui erano v enute le crisi religiose e gli son passate tutte non appena ha incontrato una femmina abbastanza disinibita, ecc.
45)

Le v ocazioni prov enienti dai cosiddetti mov imenti sono ancora pi delicate; il direttore spirituale dev e

assolutamente tener conto non solo del temperamento e delle capacit dell'aspirante prete, ma anche delle difficolt che incontrer nell'ambiente (religioso o diocesano) dov e andr a finire. Ho purtroppo presente div ersi casi di preti che hanno sempre ubbidito al proprio v escov o o al proprio superiore, v enendone ugualmente e ingiustamente perseguitati; ed ancor pi ho presente casi di preti che pensando che il proprio cammino sia l'unico giusto di tutto l'univ erso, disobbediscono sistematicamente al v escov o o al superiore trascurando i propri incarichi per darsi soltanto alle comunit del cammino cui appartengono. Naturalmente, ad uno che v iene da un mov imento non si pu dire dev i cancellare la tua esperienza, dev i ripartire da zero come se fosse un computer da riprogrammare. Per neppure si pu autorizzarlo a professare corbellerie (liturgiche e dottrinali) di moda presso certi ambientacci sedicenti cattolici.
46)

Come ti ho gi detto, c'era la storiaccia di quel prete di mezza et che si crucciav a perch ancora non era riuscito a

procurare una v ocazione alla santa Chiesa. E pertanto, quando gli capitato il primo mulo con la v aga apparenza di v ocazione, lo ha subito spedito dal v escov o Solo dopo un certo numero di guai si ricreduto sulla presunta v ocazione.
47 )

Casi del genere (preti che cambiano idea su un aspirante al sacerdozio) sono dov uti generalmente alla pigrizia, ed al

fatto che se non si v eramente conv inti di una cosa, col passare degli anni si finisce spesso per cambiare idea.

ciellino.blogspot.it/2007/05/come-entrare-in-seminario_25.html

15/17

23/09/13
48)

ciellino

In tutta sincerit, a chi ritiene di av ere almeno gli indizi di una possibile v ocazione alla v ita consacrata, consiglierei

caldamente di ridurre al minimo (o eliminare del tutto) le attiv it di parrocchia. In parrocchia tutti siamo utili e nessuno indispensabile: la parrocchia non un'azienda che v a in fallimento qualora v adano v ia gli elementi migliori. La parrocchia finalizzata anzitutto a garantire i sacramenti, l'insegnamento della dottrina della fede, ecc.: dunque non sei tu il responsabile (o la responsabile) del suo funzionamento. Accollarsi il peso delle attivit di parrocchia, pur minime, non un aiuto ma un peso nel momento in cui si comincia a v erificare l'ipotesi di donarsi interamente a Cristo. Non sto scherzando. L'entusiasmo gioca brutti scherzi. Solo dopo, quando il cammino di v erifica sar cominciato stabilmente, saranno i tuoi formatori (le tue formatrici, in caso di v ocazioni femminili) a indicarti cosa fare come attiv it caritativ a, e difficilmente ti chiederanno di fare ci che ritieni pi comodo o ci che ritieni pi v icino alla tua sensibilit e capacit. Un po' di digiun o di attivismo parrocchiale nel periodo pi delicato del tuo cammino assolutamente indispensabile.
49)

Se non lo faccio io, chi lo far mai? Questa frase generalmente una tentazione. Insisto molto su questo punto

perch c' gente che pensa che la v ocazione sia proporzionale alle attiv it sv olte in parrocchia. ERRORE! Qualsiasi v ocazione alla v ita consacrata esclusiv amente vivere per Cristo, e tutto il resto funzionale a questo, conseguenza di questo. Del resto, questo genere di iper-attiv isti, prima o poi fa il botto perch non riesce pi a star dietro a tutte quelle robe che si era autoinflitto prima (attiv it di parrocchia, preghiera personale, ecc.) quando erroneamente pensav a che sia importante la quantit anzich la qualit.
50)

Incredibilmente, nell'arco di v enti secoli di storia della Chiesa le v ocazioni femminili sono state sempre tra il doppio

ed il triplo delle v ocazioni maschili. Questo significa che quanto alla fede la sensibilit di una donna statisticamente il triplo di quella di un uomo. San Giov anni Bosco dicev a che qualche germe di v ocazione alla consacrazione ce l'ha un giov ane su tre (per ricordiamoci che molti sono i chiamati, ma pochi sono gli eletti). In sintesi, niente paura! La v ita consacrata non solo per i cristiani speciali, anzi!
51 )

Non entro nei dettagli per quanto riguarda le v ocazioni femminili, perch altrimenti questa pagina div enta cento

v olte pi grande. La suor M. mi raccontav a che erano anni che meditav a di donarsi a Cristo; av ev a in mente determinate cose, ed ha tentato di entrare in un'ordine su misura di quelle cose e dopo un anno andata v ia perch non ne potev a pi. Poi, per grazia di Dio, ha trov ato un altro ordine, decisamente div erso da quello, con suore di carattere come il suo, e dopo un po' di mesi che le ha frequentate ha chiesto di cominciare un periodo di v erifica. Ed oggi suora presso di loro. La v ocazione alla v ita consacrata non si decide in base alle proprie idee. Nel negozio di scarpe, cosa fai? Compri quelle che ti piacciono (anche se non sono della tua misura e pertanto quando le indossi ti
ciellino.blogspot.it/2007/05/come-entrare-in-seminario_25.html 16/17

23/09/13

ciellino

daranno un male terribile ai piedi) oppure compri quelle che sono della tua misura (e magari neanche tanto brutte come ti sembrav ano mentre le guardav i attrav erso la v etrina)? Allo stesso modo per la v ocazione: raramente quella che ti piace dav v ero quella che fa per te. Ecco perch c' bisogno di un confronto serrato e sincero (e nei tempi lunghi, non in una sola serata) con il direttore spirituale.
52)

Come detto sopra, direttore spirituale e confessore possono essere la stessa persona. Per le questioni riguardanti l'anima, ricordiamoci della grazia di stato dei sacerdoti. Questa mia brev e paginetta non ha certo la pretesa di essere una guida esaustiv a, tanto meno la pretesa di sostituire

53)

54)

il lav oro di formazione che si fa col padre spirituale (se v uoi aiuto puoi anche scriv ermi una email, ma non credo di poter efficacemente sostituire il tuo sacerdote di fiducia che puoi incontrare personalmente tutti i giorni). Mi piacerebbe scriv ere prima o poi un intero libro ed intitolarlo: tutto quello che avreste voluto sapere sulla vocazione e sull'entrare in sem inario e che non avete m ai osato chiedere , solo che nel trattare le tante v ariet di stile dei v escov i, dei direttori spirituali, degli ordini religiosi, ecc., finirei per scriv ere un'enciclopedia intera e ancora non riuscire a coprire tutti i possibili casi. Se questa pagina ti stata utile, puoi v antartene dal tuo sacerdote di fiducia dicendogli: tutto quello che avresti dovuto dirmi tu, l'ho trovato nell'internet .
Etichette: parrocchia
(25.5.07)

Totus Tuus Banner Exchange

ciellino.blogspot.it/2007/05/come-entrare-in-seminario_25.html

17/17