Sei sulla pagina 1di 25

Poste Italiane spa Sped. abb. postale DL 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n. 46) art.

1, DCB Forl Redazione: via del Seminario, 85 47521 Cesena tel. 0547 300258 fax 0547 328812

Gioved 26 settembre 2013


anno XLVI (nuova serie)

numero 35 euro 1,20 - contiene I.R.

35
15 Alto Savio
Valgianna piange il suo parroco don Alberto Freo
on i suoi 95 anni era il decano del clero ceseC nate. Proveniva da Piove di Sacco (Pd). Era ricoverato da alcuni mesi

OMAGGIO AI LETTORI
In allegato la Lettera pastorale del vescovo DOUGLAS Giovane cosa cerchi? Educare i giovani alla vita buona del Vangelo
(Anno pastorale 2013-2014)

Diocesi
Il messaggio del vescovo alla scuola
ivolto, a pochi giorni dallinizio della scuola, a R studenti, insegnanti, genitori: Prego perch sappiate dare il meglio di voi

Cesenatico
Antonino Zichichi arriva in citt venerd 27
l noto fisico invitato dalla parrocchia di San I Giacomo. La serata si tiene al palazzo del turismo (ore 21)

17

Editoriale Il giudizio della storia


di Francesco Zanotti

Cesena: conclusi i restauri di Palazzo Ghini

a famiglia, prima di tutto. Come cuore e motore della macchina del Paese. La famiglia fondata sul matrimonio di un uomo e di una donna, grembo della vita, cellula sorgiva di relazioni, primordiale scuola di umanit. Sono alcune delle parole pronunciate luned scorso dal cardinale Angelo Bagnasco allavvio dei lavori del Consiglio permanente della Conferenza episcopale italiana. Il porporato ha proseguito affermando che la famiglia, come patrimonio umano, un bene insostituibile e incomparabile che deve essere custodito, culturalmente valorizzato e politicamente sostenuto. Sostenuto e valorizzato perch nel noi della famiglia cresce lio di ogni individuo e si rafforza il noi sociale. Parole nette che si aggiungono a quanto gi detto a Torino durante la Settimana sociale dei cattolici italiani. I vescovi guardano allItalia e la scrutano con preoccupazione. Il virus dellindividualismo mina le fondamenta e fa diventare luomo di sabbia, una gura uida con una pesante sensazione di stanchezza. Diventa quindi necessario aiutare, magari attuando nalmente il fattore familiare, il microcosmo della famiglia senza il quale impossibile vivere nel macrocosmo della societ e del mondo. Non mancano i giovani dallo sguardo del cardinale-presidente. Dopo la straordinaria esperienza della Gmg, dicono i vescovi, anche le nuove generazioni intravedono una meta che desta fascino e nostalgia. Allora nasce quasi automatico lo stare con loro, con quello stile, introdotto con immensa forza da papa Francesco, che rispecchia la compagnia di Ges e fa dire ai presuli italiani che il grande raduno di Rio ha ammaestrato anche loro. Il cardinale Bagnasco ha rivolto poi la sua attenzione allo scenario internazionale. Non possiamo pi permetterci di girare gli occhi dallaltra parte. Si tratta di giustizia e di solidariet, ma anche di intelligenza, ha aggiunto il porporato. Le disparit tra nazioni, popoli e continenti ci arrivano alle porte di casa, ma troppo spesso rimaniamo indifferenti, come se gli eventi non ci riguardassero. Non potr pi essere cos e il nuovo atteggiamento da incarnare sar quello della condivisione. Inne il presidente della Cei ha parlato del Paese toccando il dolente tasto delloccupazione affrontato senza mezzi termini dal Papa a Cagliari, domenica scorsa. Rimane lobiettivo urgentissimo che esige straordinarie energie. Si deve agire insieme, perch insieme si pu e si deve, oltre il proprio tornaconto personale. Ogni atto irresponsabile passer al giudizio della storia.

Magnifica dimora

IL SALONE DI PALAZZO GHINI

Sono terminati i lavori di restauro di Palazzo Ghini, storica sede delle attivit pastorali della Diocesi e di tante associazioni e movimenti che nel corso degli anni si sono avvicendati. Linaugurazione in programma venerd 27 alle 17, a Cesena in corso Sozzi, alla presenza di numerose autorit. Nel Primo piano di questa settimana illustriamo lintervento, realizzato con il contributo della Fondazione della Cassa di Risparmio di Cesena, che ha coinvolto il ciclo pittorico, il salone e la loggia. Il direttore del Palazzo, monsignor Ernesto Giorgi, in unintervista racconta come evoluto nel tempo lutilizzo del Ghini e avanza le proposte per il futuro che sar sempre pi per finalit culturali e museali. Primo piano a pagina 5

Cesena 13 Continuano le feste nelle parrocchie Cesenatico 15 Impianto idrovoro a Tagliata: lavori per milioni di euro

Scuola 14 Intervista alla dirigente del Liceo scientifico Longiano 16 La rinnovata comunit dei frati si presentata

PARTENZE SPECIALI VIAGGI MANUZZI


EMIRATI ARABI - DUBAI Igv Club Al Hamra Fort Pensione completa con bevande Partenze di ottobre e novembre
Informazioni e prenotazioni

da 990 euro

CESENA - Gall. Almerici, 3 - Tel. 0547 618511 www.viaggimanuzzi.it

COSTA CROCIERE Costa Luminosa da Savona Spagna, Baleari, Corsica e Francia Partenze dell8, 15 e 24 ottobre

da 349 euro

CAPO VERDE - Isola di Sal Bravo Vila do Farol - all inclusive Partenze di ottobre da 591 euro CARAIBI - Santo Domingo - Bayahibe Veraclub Canoa - all inclusive Partenze di ottobre da 961 euro AFRICA CENTRALE - Zanzibar Bravo Kiwengwa - all inclusive Partenze di ottobre da 1.045 euro

Opinioni

Gioved 26 settembre 2013

Stare nel mondo con tenerezza


FOTO SIR

www.corrierecesenate.com/documenti/documenti-2013

Pochi giorni dopo il suono della campanella


La scuola il primo luogo in cui una comunit costruisce il suo futuro
n un sistema Paese in difficolt, la scuola non fa eccezione. I numeri sono impietosi e, anche se danno una lettura parziale e certamente da valutare con ponderazione maggiore rispetto a quanto non facciano alcune sigle sindacali, non sono da trascurare: dal 2008 a oggi sono stati eliminati circa 81mila posti di lavoro, a fronte di un aumento della popolazione scolastica di circa 90mila studenti. Qualcuno dir: si tenta di razionalizzare e di eliminare gli sprechi. Qualcun altro invece: si distrutto un sistema che gi andava male (almeno dai tempi del ministro DOnofrio, met anni Novanta). La verit probabilmente sta nel mezzo; e la verit che la scuola in profonda sofferenza. Ma, al di l dei problemi contingenti, mi pare che il vero problema, quello che determinata un effetto domino devastante, stia a monte: nemmeno lo Stato crede davvero nel ruolo strategico della scuola. Non si investe, piuttosto si tagliano risorse; e la sensazione sempre pi netta che, chiunque sia il Ministro di turno, di qualunque colore sia il governo di passaggio, la considerazione che gode la scuola sia sempre la stessa: e cio, al di l della retorica di facciata, quella che si pu nutrire verso una sorta di retaggio del passato, di cui non si pu fare a meno, ma che non che una tappa da sbrigare il pi in fretta possibile e subendo i minori danni possibili, visto che, al giorno doggi, non pi cos importante come una volta. Nessuna meraviglia, allora, che tale atteggiamento sia divenuto diffuso a ogni livello anche nel tessuto sociale. Non voglio insistere su questo. Piuttosto, vorrei sottolineare come i trend culturali della nostra epoca siano tutti contro la scuola; viviamo una evidente presentificazione, cio un fenomeno in cui tra lesperienza vissuta e il suo racconto non c iato, non c riflessione; c, piuttosto, un racconto immediato e irriflesso in una grande e smisurata proliferazione di non-luoghi (facebook ad esempio), in cui paradossalmente non

La fotograa

Il francobollo celebrativo che ricorda la storica visita di papa Francesco a Cagliari (foto Sir)

facciamo che recarci. Questa assenza di riflessione, questa assenza del necessario spazio affinch lesperienza vissuta diventi narrazione ragionata e consapevole, e quindi storia, determina nella nostra vita uno schiacciamento sul presente della dimensione spazio-tempo; potremmo dire che, nellera del 3D, viviamo una paradossale bidimensionalit in totale assenza di prospettiva. La scuola (quando riesce a rispondere al suo compito) invece un luogo; e un luogo che, nel dialogo del presente con il passato e il futuro, costruisce prospettive. Ecco perch la scuola non interessa: propone un modello di approccio alle cose che risulta in buona parte incomprensibile. Forse il grande interrogativo che dobbiamo porci questo: gli attuali trend culturali e sociologici (la presentificazione) sono un bene o un male? Se la risposta che sono un bene, possiamo preparare il funerale per il sistema scolastico, che in breve tempo diverr un fossile; se la risposta che sono un male, allora bisogna ricostruire a partire dalla consapevolezza che la scuola il primo e imprescindibile luogo in cui una comunit costruisce il suo futuro. Tiziano Mariani

Primo piano

Gioved 26 settembre 2013

Don Ernesto Giorgi racconta la storia e spiega le nuove funzioni dellantica sede

Il "Ghini", unistituzione per la citt di Cesena


"Quando si parla di Palazzo Ghini, occorre innanzitutto rendersi conto che stiamo parlando di una materia complessa". Lo dice monsignor Ernesto Giorgi, per un ventennio economo della Diocesi, alla vigilia dellinaugurazione dellultimo restauro (la riapertura del salone si terr venerd prossimo alle 17) costato oltre 400mila euro, suddivisi quasi a met fra Fondazione della Cassa di Risparmio di Cesena e propriet del Palazzo. Don Giorgi dal 1985 guida il "Ghini", unistituzione in citt, a Cesena, e per tutta la comunit ecclesiale. "Non si tratta di un blocco monolitico - prosegue il sacerdote - ma di un complesso di edifici che si nel tempo adattato alle diverse funzioni alle quali stato destinato. In ogni caso si tratta di un corpo vivo". Il Palazzo, di propriet dei Gesuiti, fu acquisito dalla Diocesi nel 1962 per farne il Centro delle Opere Cattoliche. "In esso - continua nel racconto don Ernesto - trovarono la loro sede lAzione Cattolica, allepoca unica grande struttura organizzata della pastorale, il Corriere Cesenate, gli scout del Cesena 1, il circolo ricreativo per giovani, il pensionato Onarmo per studenti delle superiori, lattivit dellOpera diocesana assistenza (Oda) per la gestione delle colonie e case estive, una attivit di "mensa per i poveri", un inizio di "casa del clero", lattivit liturgica feriale e festiva della frequentatissima cappella, Giovent Studentesca (trasformatasi poi in Cl), il Centro Sportivo Italiano, il Gruppo Studi Sociali, la libreria del Gruppo Studentesco San Paolo". Il grande salone fu utilizzato per una innumerevole serie di conferenze, convegni, manifestazioni, audizioni musicali e teatrali, mentre i cinque negozi su Corso Sozzi continuarono a garantire il reddito minimo per il mantenimento del Palazzo. "Nel corso degli anni tutte queste attivit si sono trasformate, evolute, trasferite - precisa monsignor Giorgi -. Alcune si sono estinte. Il primo a chiudere fu il circolo ricreativo, nel 1979". Tutte queste trasformazioni sono state precedute o seguite da unenorme mole di interventi di ristrutturazione, risanamento e trasformazione che si sono succeduti nel tempo. "Tra questi tantissimi lavori si possono citare - continua nel suo lungo racconto don Giorgi - il risanamento e ladattamento delle residenze sacerdoti, la trasformazione dei locali dellex pensionato studenti in attivit di affittacamere". Ora Palazzo Ghini si trova ad affrontare ulteriori trasformazioni. Linserimento di via Uberti nella zona a traffico limitato avviata nel 2000 ha reso quasi del tutto inaccessibile il Palazzo alle auto. Ci ha costretto a spostare in seminario, in zona Case Finali, la maggior parte delle attivit pastorali. "La riapertura della Chiesa di SantAgostino aggiunge don Ernesto - con una capienza di oltre quattrocento posti, ha dirottato in quella comoda sede le grandi assemblee, facendo venire meno lutilizzo del salone del Ghini che comunque ha per legge una capienza massima di cento persone. Il previsto trasferimento e lunificazione dei servizi diocesani nella nuova Curia faranno venire meno anche il Centro Pastorale. Questi nuovi scenari aprono alla domanda per nuovi utilizzi del Palazzo, che a mio parere vanno nella direzione di utilizzarne sempre pi gli spazi per finalit culturali e museali". "Rimane da restaurare lex falegnameria ( iniziato un lavoro di puntellatura e di rifacimento del tetto) - conclude don Giorgi - che potrebbe essere destinata a finalit culturali, archivistiche e museali facendo cos diventare il Palazzo il centro culturale della Diocesi. Loccasione della riapertura del salone meravigliosamente restaurato pu essere loccasione per un lavoro di studio e di confronto sulle prospettive di utilizzo di uno dei suoi gioielli architettonici".

Terminati i lavori di restauro della loggia e del salone di palazzo Ghini. Riportato allantico splendore il ciclo pittorico. Grande il contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Cesena

Una residenza torna a splendere


alazzo Ghini, una delle dimore storiche pi belle di Cesena, svela tutta la sua magnificenza dopo i restauri che hanno coinvolto la Loggia e, soprattutto, il Salone con limportante ciclo pittorico del bolognese Giacomo Bolognini: un grande cantiere finanziato dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Cesena (restauro dipinti) e dal Centro Opere Cattoliche Palazzo Ghini (restauro salone e loggia). La dimora, commissionata nel 1680 dai fratelli Giacomo Francesco (1658-1719) e Alessandro Bruno (16591743) allarchitetto cesenate Pietro Mattia Angeloni (1627-1701), appartenuta alla nobile famiglia cesenate (di origini senesi) dei Ghini (fra i molti suoi membri, da segnalare Giovanna Coronata Ghini, madre di papa Pio VII Chiaramonti), si caratterizza per lelegante controfacciata a tre ordini, con portico inferiore e loggia superiore con volte a crociera, sorretti da colonne in candida pietra dIstria, sotto ioniche e sopra doriche, binate nelle due arcate centrali sovrapposte. Nella loggia, statue di Francesco Calligari (17331801). Tra il 1719 e il 1721 Bolognini realizza quattordici dipinti ad olio su tela e una vasta pittura murale, sempre ad olio, che occupa quasi per intero una delle pareti lunghe della sala. Fu lo stesso artista ad illustrare al conte Ghini il significato a volte intricato e complesso delle allegorie dispiegate nelle vaste tele (di quel progetto iconografico rimasta traccia in una trascrizione che illumina nei minimi dettagli le immagini elaborate: caso rarissimo nella storia dellarte). Il

Palazzo Ghini: il grande affresco del salone

Sacrificio di Ifigenia gi al centro della volta, di cui non rimasta traccia, e la tela con La Pittura e la Poesia che fu rimossa nel 1775 per fare posto al busto in marmo del papa cesenate Pio VI Braschi allora eletto (quella tela si trova ora nelle Collezioni darte della Fondazione Cassa di Risparmio in Bologna). Da tempo i dodici dipinti e la vasta pittura murale attendevano un impegnativo intervento globale di recupero. Allentamenti delle tele, indebolimento dei telai, grevi ed estesi ritocchi di un grossolano intervento del 1939 e un cronico, avanzante degrado avrebbero messo a repentaglio la loro stessa sopravvivenza se non fosse intervenuta a promuoverne il restauro la Fondazione Cassa di Risparmio di Cesena, nellambito del recupero architettonico e

Venerd 27 alle 17 si terr la cerimonia di riapertura del salone


pennello di Giacomo Bolognini si avventura spericolatamente, con virtuosismi pittorici, in soggetti drammatici dai bagliori improvvisi con figure in controluce, come la Lotta tra Ercole e Apollo che lancia fulmini, la Caccia notturna di Diana che colpisce una mostruosa tigre ed Ercole che strangola lidra dalle sette teste; oppure illustra con filosofiche allegorie gli elementi della Terra, dellAria, del Fuoco e dellAcqua e delinea

poeticamente gli amori notturni di Diana per il giovane Endimione, pastore eternamente dormiente, e la stessa dea che, al freddo chiarore lunare, solca il cielo sul carro trascinato da una coppia di cavalli guidati da un putto, il Crepuscolo; tele "che ricevono di sotto in su il lume, dal pavimento piano della sala", precisa il pittore. E forse Giovan Pietro Zanotti (autore della Storia dellAccademia Clementina di Bologna, 1739) sispira ai dipinti di Palazzo Ghini quando scrive del Bolognini: "La sua maniera forte di chiaroscuro, e di colorito, e sopra un fondo oscuramente tinto fa strisciare certi lumi, con tanta vivezza, che agli occhi fanno quelleffetto, che fanno di notte tempo, qualora per nuvole il cielo pi oscuro, i lampi, che nescono ad ora ad ora".

Bolognini pittore di fertile immaginazione barocca e appassionata cultura letteraria, alimentata dalle fonti mitografiche, dai testi emblematici e sapienziali e dai repertori iconografici. Come mostra il ciclo di Palazzo Ghini, le sue invenzioni sono costruite con ricercati impianti scenografici e compongono unabile regia di luci che concorrono allesaltazione delle virt del committente, secondo uno sperimentato modello encomiastico. In queste tele, ad esempio, il luminismo notturno e la figura di Diana, dea della luna e signora della notte, rinviano allo stemma della famiglia cesenate, nel quale per tre volte ricorre la falce di luna. Le vicende storiche hanno portato alla dispersione di due dipinti: un grande

Apertura straordinaria sabato 28 e domenica 29 dalle 10 alle 12 e dalle 16 alle 19


strutturale del salone attuato dallEnte diocesano, proprietario del palazzo. Linaugurazione di venerd 27 settembre prossimo (ore 17) e lapertura straordinaria di sabato 28 e domenica 29 (ore 10-12 / 16-19) nellambito delle Giornate Europee del Patrimonio offrono alla citt lo spettacolo di una magnifica dimora: con quelle emozioni che soltanto larte e la cultura sanno offrire. Angelo Mazza Marino Mengozzi

Gioved 26 settembre 2013

Vita della Diocesi

NOTIZIARIO DIOCESANO

Riunione del Consiglio pastorale diocesano


Sabato 28 settembre alle 15 in Seminario a Cesena
Sar il vescovo Douglas ad aprire i lavori del Consiglio pastorale diocesano, sabato 28 settembre alle 15 in Seminario a Cesena. Monsignor Regattieri proporr la sua riflessioneIl grembo della Chiesa. Orientamenti pastorali per liniziazione cristiana dei bambini, fanciulli e ragazzi (linee guida operative). A seguire, la Commissione Giovani presenter indicazioni per lattuazione del Piano pastorale 203-2014 indicato nella Lettera pastorale del vescovo Douglas Giovane, cosa cerchi? Educare i giovani alla vita buona del Vangelo. Dopo i lavori in assemblea e i laboratori, William Casanova delegato vescovile della Commissione Gaudium et Spes presenter alcune comunicazioni sulla Settimana Sociale di Torino.

IL GIORNO DEL SIGNORE


Loda il Signore, anima mia
Domenica 29 settembre - Anno C Ventiseiesima Domenica T. O. Am 6,1a.4-7; Salmo 145; 1Tm 6,11-16; Lc 16,19-31
Tutti questi perch raccolgono limmenso dolore che c nel mondo; e il perch di Ges sulla croce raccoglie la sofferenza pi assurda e incomprensibile: quella innocente. Si pu rispondere a questa domanda oppure dobbiamo sospendere ogni tipo di risposta? Le letture danno una risposta che, di primo acchito, ci lascia perplessi, per non dire delusi. la risposta di Dio al profeta Abacuc: Soccombe colui che non ha lanimo retto, mentre il giusto vivr per la sua fede. E il Vangelo, a sua volta, insiste sulla fede: una fede capace di compiere miracoli che trascendono le leggi naturali. Ges risponde in modo enigmatico: se avessimo un minimo di fede, potremmo ordinare a un gelso di piantarsi nel fondo del mare. Che razza di risposta questa? In che senso la fede la soluzione al problema del male? Lesempio del gelso non veicola unidea magica della fede. La fede non una sorta di anestetico con il quale si diventa insensibili al dolore, e nemmeno un bonus che lenisce la sofferenza. La fede piuttosto la convinzione intima che il cammino della vita non solitario, ma accompagnato da un Padre che, nel Figlio, condivide tutta lesperienza umana. Alessandro Forte

La Parola di ogni giorno


luned 30 settembre san Girolamo Zc 8,1-8; Sal 101; Lc 9,46-5 marted 1 ottobre santa Teresa di Ges Bambino Zc 8,20-23; Sal 86; Lc 9,51-56 mercoled 2 santi angeli custodi Es 23,20-23a; Sal 90; Mt 18,1-5.10 gioved 3 san Gerardo abate Ne 8,1-4a.5-6.7b-12; Sal 18; Lc 10,1-12 venerd 4 san Francesco dAssisi, patrono dItalia Gal 6,14-18; Sal 15; Mt 11,25-30 sabato 5 san Francesco dAssisi Bar 4,5-12.27-29; Sal 68; Lc 10,17-24

Scuola diocesana di Teologia, al via i corsi


Iscrizioni marted 1 ottobre, in Seminario a Cesena
Ai nastri di partenza il corso triennale della Scuola di Teologia. Il corso triennale (300 ore complessive) rivolto a catechisti, lettori, accoliti, animatori della carit, educatori di ragazzi e giovani, membri di consigli e commissioni pastorali, animatori dellassemblea e del canto. Le lezioni si tengono il marted dalle 19,30 alle 22,30, in seminario a Cesena. Le iscrizioni si formalizzano marted 1 ottobre alle 20 nella sede della scuola (in seminario). Le lezioni inizieranno la sera stessa, alle 21. Per informazioni: segreteria della Scuola diocesana di Teologia: don Pier Giulio Diaco, tel. 0547 20548; Valeriano Biguzzi, tel. 0547 333395.

Catecumeni, riparte il cammino


Un percorso verso i sacramenti delliniziazione cristiana
Sabato 12 ottobre prossimo riparte il cammino catecumenale in diocesi. Un gruppetto di catecumeni passa al secondo anno del percorso verso i sacramenti delliniziazione cristiana. Un altro gruppetto si mette in cammino proprio da quel giorno per il biennio di formazione. Gli uni e gli altri, e i loro accompagnatori ed equipe formativa, desiderano di essere sostenuti dalla preghiera delle comunit e dal loro prezioso interessamento. Per informazioni: 338 5613897.

a domanda del profeta Abacuc, nella prima lettura, la pi seria che un credente possa rivolgere a Dio. E chiss quante volte anche noi labbiamo pensata: Perch mi fai vedere liniquit e resti spettatore delloppressione?. Forse non neppure una domanda, ma la domanda delle domande: perch Dio permette il male? Perch non interviene prima a fermare la violenza, lingiustizia, gli omicidi, le stragi del sabato sera e soprattutto il dolore innocente? Non a caso, il silenzio di Dio un argomento spesso impugnato dai non credenti per sostenere la sua inesistenza. Il problema del male nel mondo e dellimpassibilit di Dio attraversa molte pagine della Scrittura. Il profeta Geremia, ad esempio, dice al Signore: Perch le cose degli empi prosperano?. Giobbe, addirittura, arriva a criticare Dio: Perch vivono i malvagi?. Ma il perch pi pesante e, per certi versi pi drammatico, quello di Ges sulla croce quando, facendo sue le parole di un Salmo, grida: Dio mio, perch mi hai abbandonato?.

A MESSA DOVE
Roversano 8.45 San Giuseppe (corso U. Comandini) 9.00 Santo Stefano, San Bartolo, San Paolo, San Domenico, Diegaro, Pievesestina, Ponte Pietra, chiesa Benedettine, Santa Maria Nuova, Bulgaria, San Vittore, San Carlo, Ruffio, San Tomaso, Diolaguardia, Valleripa 9.15 San Martino in Fiume 9.30 Santuario dellAddolorata, Madonna delle Rose, Osservanza, Villachiaviche, SantEgidio, Bagnile, Casale, Montereale 9.45 Rio Marano, Bulgarn 10.00 Cattedrale, San Pietro, Case Finali, San Rocco, Cappella del cimitero, Santa Maria della Speranza, Torre del Moro, San Pio X, Cappuccini, Istituto Lugaresi, SantAndrea in Bagnolo, Carpineta 10.30 Santuario del Suffragio, Casalbono 10.45 Ronta, Capannaguzzo 11.00 Basilica del Monte, Addolorata, San Pietro, Santo Stefano, San Paolo, San Bartolo, SantEgidio, San Giovanni Bono, Villachiaviche, San Domenico, Calabrina, Calisese, Gattolino, Madonna del Fuoco, San Giorgio, Martorano, San Demetrio, Bulgaria, San Mauro in Valle, Pievesestina, Pioppa, Ponte Pietra, Santa Maria Nuova, San Martino in Fiume, Borello, San Carlo, San Vittore, Tipano, Macerone 11.10 Torre del Moro 11.15 Diegaro, Madonna delle Rose, Sorrivoli 11.30 Cattedrale, Osservanza, San Pio X 17.00 Cappella del Cimitero 18.00 Cattedrale, San Rocco, San Domenico 18.30 Cappuccini, San Pietro 19.00 Osservanza, San Bartolo, Villachiaviche 10,30 Cappuccini, San Giuseppe; 11 Sala; 11,15 Bagnarola, Gatteo a Mare, Santa Maria Goretti, San Giacomo, Boschetto; 17,30 Cappuccini; 18 Gatteo a Mare; 18,30 San Giuseppe, Zadina (Park Hotel), Valverde; 20,45 Gatteo a Mare; 21 San Giacomo, Boschetto Longiano Sabato:18.00 Santuario SS. Crocifisso; 19 Crocetta 20,30 Budrio Festivi: ore 7,30 Santuario SS. Crocifisso; 8 Budrio; 8.45 LongianoParrocchia; 9,30 Budrio, Santuario SS. Crocifisso; 10 Badia, Balignano; 10 Montilgallo; 11 Budrio, Longiano-Parrocchia, San Lorenzo in Scanno; 11.15 Crocetta; 18 Santuario Santissimo Crocifisso Gatteo ore 20 (sabato); 9 / 11.15 / 18 SantAngelo: 20 (sabato); 8, 45 Casa di riposo, 9,30 - 11. Istituto don Ghinelli: 18,30 (sabato), 7,30 Gambettola chiesa SantEgidio abate: 8,30 / 10 / 11,15 / 18. Consolata: 19 (sabato); 7,30 / 9,30 Montiano ore 20.30 (sabato); 9 / 11. Montenovo: ore 20,30 (sabato, chiesina del castello), 11 Mercato Saraceno 10.00; San Romano: prefestiva sabato, ore 18,30 (chiesa Mulino di Sotto); Taibo: 10; Pieve di San Damiano 11,30; Montejottone: 8.30; Montecastello: 11; Montepetra: 8.30; Linaro: 18 (sabato), 11; Piavola: 9,30 (chiesa parrocchiale); Ciola: 8,30 Sarsina Casa di Riposo: ore 16 (sabato). Concattedrale: 7 / 9 / 11 / 18; Tavolicci: 16 (sabato); Ranchio: 20,30 (sabato), 8 / 11; Sorbano: 9.30; Turrito: 17 (sabato), 10; San Martino: 9,30; Quarto: 10,30; Pieve di Rivoschio: 15,30; Romagnano: 11,15; Pagno: 16 (seconda domenica del mese, salvo variazioni); Corneto: 11; Pereto: 10 Civitella di Romagna Giaggiolo 16 (sabato), 9,30; Civorio 9,30 San Piero in Bagno chiesa parrocchiale ore 18 (sabato); 8,30 / 11 / 18. Chiesa San Francesco: 7 / 10 / 15,30 Bagno di Romagna ore 18,30 (sabato); 8/ 11.15 / 18,30; Selvapiana: 11,15 (18 sabato); Acquapartita: 16 (sabato) Alfero ore 18 (sabato); 11.15 / 17.30; Riofreddo: 10 Verghereto ore 16 (sabato), 9,15 (domenica); Balze (chiesa Apparizione): 8,15 / 11,15 / 18; Montecoronaro: 9,45; Villa di Montecoronaro (al sabato) 18; Trappola: 9,30; Capanne: 11

Messe feriali a Cesena


7.00 Cattedrale, Cappuccine, Cappella dellospedale; 7.30 Basilica del Monte; 7.45 Chiesa Benedettine; 8.00 Cattedrale, San Paolo, Villachiaviche, Santuario dellAddolorata; 8.30 Madonna delle Rose, San Domenico, San Rocco, Santo Stefano, Case Finali, Cappella cimitero 9.00 Suffragio, Addolorata 9.30 Osservanza 10.00 Cattedrale 17.00 Cappella del cimitero Cappella dellospedale (no al sabato) 17.30 Istituto Lugaresi 18.00 Cattedrale, Madonna delle Rose, San Domenico, San Paolo, San Rocco, Osservanza 18.30 San Pietro, Santa Maria della Speranza, Cappuccini, San Bartolo, SantEgidio 20.00 San Giovanni Bono (Ponte Abbadesse), San Pio X 20.30 Villachiaviche, Gattolino, Torre del Moro

Sabato e vigilie
15.30 Macerone (Casa Lieto Soggiorno) 16.00 Formignano 17.00 Cappella del cimitero 17.30 Santuario del Suffragio, Istituto Lugaresi 18.00 Cattedrale, Cappuccini, San Domenico, Santuario dellAddolorata, Santo Stefano, Diegaro, Madonna delle Rose, San Paolo, San Mauro in Valle, San Vittore, Torre del Moro, Borello 18.30 San Pietro, SantEgidio, Santa Maria della Speranza, Case Finali, San Rocco 19.00 Osservanza, San Giorgio 19.30 Bulgarn 20.00 Villachiaviche, Gattolino, Bulgaria, Calisese, Tipano, Ruffio, Pioppa, Ponte Pietra, Pievesestina 20.30 San Giovanni Bono, San Pio X

DIOCESI DI CESENA|SARSINA - SETTIMANALE DI INFORMAZIONE FONDATO NEL 1911

Messe festive
7.00 Cattedrale 7.30 Santuario dellAddolorata, Cappuccine, Cappella dellospedale Bufalini, Calabrina, Ponte Pietra, Villachiaviche 8.00 Basilica del Monte, San Pietro, Santa Maria della Speranza, San Mauro in Valle, San Giorgio, Gattolino, San Pio X, San Giovanni Bono, SantEgidio, Calisese, Torre del Moro, Macerone, Capannaguzzo, Ronta, Borello 8.30 Cattedrale, San Rocco, Case Finali, Martorano, Cappella del cimitero, Madonna del Fuoco, Tipano, San Cristoforo,

Comuni del comprensorio


Cesenatico Sabato: ore 16 Boschetto, Villamarina; 17,30 Conv. Cappuccini; 18 Gatteo a Mare; 18,30 San Giuseppe, Valverde; 19 Camping Cesenatico; 20,30 Santa Maria Goretti, Sala, Villalta; 21 San Giacomo, Boschetto Festivi: 8 San Giacomo, Bagnarola, Santa Maria Goretti, Gatteo a Mare; 8,30 Sala, Boschetto; 9 Cappuccini, San Giuseppe; 9,15 San Pietro; 9,45 Cannucceto; 10 San Giacomo, Villalta;

Direttore editoriale Piero Altieri Direttore responsabile Francesco Zanotti Vicedirettore Ernesto Diaco
Membro della Federazione Italiana Settimanali Cattolici Associato allUnione Stampa Periodica Italiana

Testata che fruisce di contributi di cui allart. 3 comma 3 della legge n. 250 del 7/8/1990 Giornale locale ROC (Registro degli operatori di comunicazione)

Redazione via del Seminario, 85, 47521 Cesena (Fc) tel. 0547 300258, fax 0547 328812, www.corrierecesenate.it Segreteria e Amministrazione corso Sozzi, 39, Palazzo Ghini, Cesena, tel. e fax 0547 27234. Orario: feriali ore 9-11,30. Conto corrente postale n. 14191472 E-mail: redazione@corrierecesenate.it Abbonamenti annuo ordinario euro 45; sostenitore 70 euro; di amicizia 100 euro; estero (via aerea) 80 euro. Settimanale dinformazione Autorizz. Trib. Forl n. 409, 20/2/68 Iscrizione al Registro nazionale della stampa n. 4.234 Editore e Propriet Diocesi di Cesena-Sarsina Stampa Galeati Industrie Grafiche srl www.galeati.it via Selice, 187/189 - 40026 Imola

Tiratura del numero 34 del 19 settembre 2013: 7.540 copie Questo numero del giornale stato chiuso in tipografia alle 19 di marted 24 settembre 2013

Vita della Diocesi


n allegato al Corriere Cesenate di questa I settimana i nostri lettori trovano la Lettera pastorale scritta del vescovo Douglas Giovane, esempio un Sinodo dei giovani che potrebbe costituire un momento forte e prolungato del convenire insieme di quei cosa cerchi? Educare i giovani alla vita buona del giovani che sentono la chiamata alla santit Vangelo. La Lettera stata presentata nel e partecipano alla vita ecclesiale. pomeriggio di domenica scorsa a Cesena, nella Sottolineando, poi, la vocazione ad extra chiesa di SantAgostino, in occasione della del cristiano, perch non pensare a una decima Assemblea degli operatori pastorali. Vi si Missione Giovani dove i nostri si fanno legge nellintroduzione: Queste linee pastorali missionari degli altri giovani? Ma questi rappresentano un tentativo della nostra Chiesa sono per ora solo pensiero o sogni che di mettersi in ascolto dei giovani per poi, in necessitano di una riessione paziente, futuro, individuare particolari iniziative. Per seria, comunitaria e condivisa anche a

Gioved 26 settembre 2013

Giovani ed educazione, la Lettera del vescovo

partire da dati concreti e precisi del mondo giovanile. In occasione dellAssemblea sono stati inoltre presentati gli Orientamenti pastorali per liniziazione cristiana dei bambini, dei fanciulli e dei ragazzi, dal titolo Il grembo materno della Chiesa Entrambi i testi sono disponibili sul sito www.corrierecesenate.it, nella sezione Parole di Vita (vescovo 2013). La versione cartacea disponibile presso il Centro Pastorale di Palazzo Ghini.

Prego perch sappiate dare il meglio di voi stessi


Dopo pochi giorni dallinizio dellanno scolastico, il vescovo Douglas si rivolge a studenti, insegnanti e genitori

In breve
Corso in preparazione al matrimonio
impegnarvi e di applicarvi. Prego perch sappiate dare il meglio di voi stessi. Vorrei rivolgermi anche ai dirigenti scolastici e ai docenti. Cari insegnanti, voi non avete bisogno che io vi convinca dellimportanza del vostro servizio nella scuola e quindi nella societ. Impegnati a favorire la crescita umana e culturale dei ragazzi, mi permetto sommessamente di ricordarvi che al centro di ogni servizio sociale va posta la persona, la persona del ragazzo da accompagnare e da amare. Agli insegnanti di religione ricordo che lanno pastorale 2013-14 avr come obiettivo comune quello di stare accanto ai giovani e condurli a incontrare Ges. I giovani sono speranza e futuro per la nostra societ. Voi occupate, a questo riguardo, una postazione privilegiata e speciale perch state in mezzo a loro e li ascoltate. Entrando nelle singole classi ogni mattina vi sostenga e vi animi una grande passione per il Signore e per il Vangelo affinch possiate aiutare i giovani a essere sempre pi protagonisti del loro futuro. Anche voi, genitori e famiglie, coinvolti - seppure dallesterno - nellesperienza scolastica dei vostri figli, partecipate attivamente alla vita della scuola. Le preoccupazioni e le gioie dei vostri figli sono anche le preoccupazioni e le gioie vostre. Che i vostri ragazzi sentano che siete loro accanto, che per loro trepidate e per loro gioite, sullesempio di Maria e di san Giuseppe che, nel pellegrinaggio a Gerusalemme, persero Ges. La vostra missione di genitori e di educatori risponde a quellatto generativo per il quale li avete messi al mondo, ma li accompagnate con discrezione e con fermezza nel cammino della vita, specialmente in questa fase cos delicata della loro adolescenza. A tutti assicuro la mia preghiera e su tutti invoco la benedizione del Signore. Douglas Regattieri vescovo di Cesena-Sarsina Nella Zona pastorale Cervese-Ravennate si terr un corso per danzati, preparazione al sacramento del matrimonio. Gli incontri si tengono presso la parrocchia di Martorano di Cesena, alle 21, nei marted 15, 22 e 29 ottobre e 5, 12, 19 e 26 novembre. Per info e iscrizioni: Terzo Foschi, 338 5697521, don Andrea 333 3399383.

Ilario Fioravanti al Duomo e al Monte


Venerd 27 settembre alle 21, nella sala Pio VII dellAbbazia del Monte, a Cesena, avr luogo lincontro Ilario Fioravanti al Duomo e al Monte. Nelloccasione verranno presentate in particolare le opere che impreziosiscono il Portale di San Giovanni al Duomo di Cesena e la raccolta di ex voto allAbbazia di Santa Maria del Monte, tutte opere dellarchitetto cesenate Ilario Fioravanti, morto a novantanni nel gennaio 2012. Allincontro parteciper monsignor Giancarlo Biguzzi e sar presente Adele Briani Fioravanti. Lappuntamento, aperto a tutti e a ingresso libero, promosso dallassociazione culturale Benigno Zaccagnini e Societ Amici del Monte di Cesena.

FOTO SICILIANI-GENNARI/SIR

a qualche giorno iniziato il nuovo anno scolastico. Chiedo a tutti la cortesia di accogliere questo messaggio. Vorrei idealmente entrare in ogni aula scolastica, in ogni segreteria e biblioteca, nelle sale insegnanti e in tutti quegli spazi dove tanti docenti e alunni, anche questanno, si raccoglieranno per trascorrere gran parte della loro giornata. Il mio pensiero corre subito a voi, ragazzi. Frequentare la scuola unesperienza che definirei impegnativa ed esaltante insieme. unoccasione preziosa di incontro e di confronto tra di voi. Vi invito a viverla fino in fondo. Senza dimenticare che a scuola si va per imparare e per studiare. E qui chiamata in causa la vostra capacit di

UNA DELLE FORMELLE CHE COMPONE LA COLLEZIONE DI EX VOTO OMAGGIATE AL MONTE, OPERA DELLO SCULTORE ILARIO FIORAVANTI

Santa Maria della Speranza


Celebrazioni del Cinquantesimo della parrocchia 4-5-6 ottobre 2013

Venerd 4 ottobre Giornata di spiritualit con indulgenza plenaria Sabato 5 ottobre Giornata di spiritualit con indulgenza plenaria Il pomeriggio riservato ai giovani

Domenica 6 ottobre Celebrazione del Cinquantesimo


ore 8 Santa Messa (sono sospese le Messe delle ore 10 e delle 11,30) ore 16,30 Santa Messa del Cinquantesimo concelebrata dal vescovo di Cesena-Sarsina monsignor Douglas Regattieri con i sacerdoti nativi della parrocchia, che hanno prestato il loro servizio sacerdotale a Santa Maria della Speranza o hanno collaborato in vari modi con la parrocchia Segue un rinfresco

ATTIVIT CULTURALI
4-5-6 ottobre
Mostra dei Cinquantanni

Domenica 10 novembre

Mostra degli studi dellingegner Francesco Aguzzoni per arrivare al progetto definitivo della chiesa Concerto con il Faith Gospel Choir di Carpi con il maestro Nehemiah H. Brown

SANTA MARIA DELLA SPERANZA

parrocchia via Tripoli, 185 - 47522 Cesena - tel. 0547 333179

Vita della Chiesa

Gioved 26 settembre 2013

PAPA IN SARDEGNA

Senza il lavoro viene a mancare anche la dignit


La visita a Cagliari, domenica 22 settembre, segnata dallincontro con i disoccupati e i giovani ai quali ha raccomandato di non lasciarsi rubare la speranza
FOTO AFP/SIR

degli emigranti in seguito alla crisi degli anni 30: Hanno perso tutto, non cera lavoro, e io ho sentito nella mia infanzia parlarne a casa, non lho visto, perch non ero ancora nato, ma ho sentito parlare di questa sofferenza. Papa Francesco ha criticato questo sistema economico globalizzato che ci fa tanto male perch mette al centro un idolo, il denaro, invece degli uomini e delle donne. E ha nuovamente contestato la cultura dello scarto, come labitudine di non curare gli anziani, una sorta di eutanasia nascosta. Un saluto in sardo. Allarrivo al santuario di Bonaria stato accolto da 4mila bambini, campane a festa, musiche sarde e perfino le sirene di una nave. Sul sagrato, 1.600 malati e persone disabili. Unomelia tutta centrata sullo sguardo materno di Maria, conclusa con un saluto in sardo: Nostra Segnora e Bonaria bos acumpanzet sempre in sa vida. Le vie scoscese del capoluogo sardo erano invase da una folla incredibile, mentre il Papa pranzava con i vescovi assaggiando i piatti tipici, come le fregole con le arselle e i culurgiones, ha confidato in serata monsignor Arrigo Miglio, arcivescovo di Cagliari. In cattedrale ha incontrato i suoi preferiti: i poveri della Caritas, le comunit rom, i detenuti delle carceri cagliaritane. Qui ha invitato a non fare beneficenza e usare Ges per vanit, ma seguirlo sulla via della carit. Perch la carit non assistenzialismo ma una scelta di vita, un modo di essere, di vivere. Al mondo della cultura, riunito nella facolt teologica regionale, ha poi chiesto di cercare e trovare vie di speranza in questo tempo di crisi. Con i giovani. Il cerchio della lunga giornata cagliaritana si chiuso in maniera festosa l dove era iniziato, di nuovo in Largo Carlo Felice, incontrando i giovani, che lo hanno accolto con i canti delle Gmg e linno creato per loccasione Getta le tue reti. Papa Francesco anche stavolta ha interloquito direttamente con i ragazzi, che dal palco gli hanno rivolto domande precise. E ha farcito il testo scritto di ricordi personali e appelli accorati. Ieri stato il 60esimo anniversario dal giorno in cui ho sentito la voce di Ges nel mio cuore, avevo 17 anni, ha detto: Da allora non mi sono mai pentito, perch anche nei momenti bui non mi sono mai sentito solo. Fidatevi di Ges!. Ma soprattutto, papa Francesco ha chiesto ai giovani di non lasciarsi vincere da pessimismo e sfiducia, non seguire la dea lamentela, e non vendere la giovent ai mercanti di morte. Patrizia Caiffa

Dal 27 al 29 settembre Festival Francescano A Rimini cento proposte per tutta la famiglia
piritualit, conferenze, spettacoli, mostre, workshop: da venerd 27 a domenica 29 S settembre Rimini ospiter la quinta edizione del Festival Francescano. Oltre cento gli appuntamenti (tutti gratuiti, a eccezione del concerto di Francesco De Gregori, la sera di sabato 28 settembre), con limmagine guida di San Francesco che cammina per i sentieri della Romagna, ottocento anni fa. Dallavvenimento, allinsegnamento: Francesco interpret lesortazione biblica di essere come stranieri e pellegrini in bisogno di comunione e di relazionalit che si traduce nella volont di essere per gli altri e di essere con gli altri. Questo ha ispirato lintero programma della manifestazione organizzata dal Movimento Francescano dellEmilia Romagna, in collaborazione con i francescani italiani e le istituzioni locali. Durante la tre giorni, presso il Tempietto di santAntonio saranno esposte le reliquie del Santo di Padova. Programma e info su www.festivalfrancescano.it

Catholica
di Stefano Salvi

na interminabile e intensa domenica sotto il sole, sulle salite e discese della bellissima citt di Cagliari. Circa 400mila persone da tutta la Sardegna (e 350 giornalisti) hanno seguito, scarpinando, papa Francesco e le sue parole forti, pronunciate con il cuore e con la determinazione che lo contraddistingue. Non ha perso tempo il Papa argentino, e appena arrivato di buon mattino, dal palco di Largo Carlo Felice, ha deciso di mettere da parte il testo scritto e parlare moltissimo a braccio, invitando i lavoratori e i disoccupati - il diritto al lavoro stato il tema forte della visita - a non lasciarsi rubare la speranza . Poi la messa sul sagrato del santuario di N.S. di Bonaria, con la sottostante piazza dei Centomila piena allinverosimile, fino al mare. Quindi il seminario regionale e lincontro in cattedrale con i poveri della Caritas, le comunit rom, i detenuti. Un altro discorso alla facolt teologica regionale per concludere, in grande ritardo sulla tabella di marcia, con la festa in piazza con i giovani. Qui ha ricordato il Pakistan, ferito ieri da un grave attentato dinamitardo in una chiesa, con oltre 70 vittime. Senza lavoro non c dignit. Io vi dico coraggio, ma non voglio che questa sia una parola vuota detta con un sorriso - ha detto il Papa, dopo aver ascoltato con grande attenzione i problemi e le richieste di un cassintegrato della Sardinia green island, di un imprenditore e di un pastore -. Non voglio fare limpiegato della Chiesa che dice parole vuote. La mancanza di lavoro - ha scandito - porta alla mancanza di dignit. Non lasciatevi rubare la speranza, non lasciatevi rubare la speranza. Il Papa ha parlato di s, tra la commozione dei fedeli: Sono figlio di un pap andato in Argentina pieno di speranza, che ha conosciuto la sofferenza e le speranze deluse

PROFUGHI SIRIANI E DIGIUNO PER LA PACE


La fondazione Oasis nella sua newsletter del 17 settembre ha riportato i seguenti dati: sono oltre 2 milioni i siriani fuggiti dal loro Paese, dei quali un milione solo negli ultimi sei mesi. Per met si tratta di bambini. E se il trend attuale dovesse continuare, a fine 2013 si potrebbe arrivare a sfondare il tetto dei 3 milioni. Ora circa 700mila sono in Libano, oltre 500mila in Giordania, 470mila in Turchia e 200mila in Iraq, secondo i dati ufficiali dellUnhcr, lagenzia dellOnu che si interessa dei profughi e dei rifugiati; ma a questi vanno aggiunte altre decine di migliaia di persone che, per ignoranza, difficolt di varia natura o per scelta, non si sono mai registrate. La stessa fonte ha raccontato che in occasione della giornata di digiuno indetta dal Papa per la pace in Siria nel campo profughi di Marj el- Khokh, che si trova nel sud del Libano, dove vivono circa mille persone di cui 450 bambini, molti dei quali non sono mai andati a scuola, oltre 150 profughi, bambini e adulti, uomini e donne, hanno partecipato al semplice gesto della preghiera per la pace. A presiederla il capo della locale comunit musulmana sunnita, Jahad al-Saadi, e don Gabriele Awike, parroco melkita di Marjeyoun. Un gesto essenziale: un ragazzo, il figlio dello shaykh locale, ha recitato la breve sura 93, che insegna a soccorrere quanti sono nel bisogno. Subito dopo una volontaria di Avsi ha letto il testo dellappello del Papa. In un breve momento di silenzio comune ciascuno ha pregato secondo la propria tradizione religiosa, per concludere con linvocazione Maria regina della pace prega per noi.

Il cardinale Angelo Bagnasco ha aperto i lavori del Il porporato si posto in ascolto Consiglio permanente della Cei, nel segno del messaggio proveniente dai giovani della Gmg: dellabbraccio di papa Francesco ai vescovi italiani la richiesta di stare con loro

Dalla parte dei giovani, con misericordia


na Chiesa italiana che in profonda sintonia, spirituale e pastorale, con il papa Francesco venuto quasi dalla fine del mondo. E non solo perch il pontefice il vescovo di Roma e primate dItalia, ma soprattutto perch il suo stile pastorale nuovo sta visibilmente facendo breccia tra vicini e lontani, come la folla oceanica sulla spiaggia di Rio de Janeiro, in Brasile, nel luglio scorso ha mostrato al mondo intero: questo il filo conduttore che si pu cogliere nella prolusione del cardinale Angelo Bagnasco ai lavori del consiglio permanente della Cei aperti la sera di luned 23 settembre a Roma. Un incontro, questo del parlamentino dei vescovi, che stato segnato sin dalle prime battute, dalle tre precise direttive che papa Francesco aveva consegnato alla Cei riunita in assemblea nel maggio scorso, quando abbracci tutti i vescovi, a uno a uno, nella basilica di San Pietro, tra lo stupore e lemozione generale per questa manifestazione di affetto del vescovo di Roma ai confratelli delle 226 diocesi italiane. Le richieste dal Papa alla Cei. Le indicazioni che la Chiesa italiana ha avuto dal pontefice in quel momento cos significativo - ha detto il cardinale - riguardano in particolare il dialogo con le istituzioni culturali, sociali e politiche che il Papa ha confermato essere compito di noi vescovi; poi, di come rendere forti le Conferenze Episcopali Regionali perch siano voci delle diverse realt; e infine del numero delle Diocesi italiane, tema sul quale ha lavorato unapposita Commissione episcopale, su richiesta della competente Congregazione per i vescovi. Sembrano tre punti piccoli, ma in realt significano un impegno di notevole revisione della vita interna della Cei, del suo stile pastorale, del modo stesso di porre discorsi e pronunciamenti ufficiali. Di sicuro, tutto ci lascer un segno nei percorsi e nelle decisioni future: basti pensare al tema delicatissimo della presenza nello spazio pubblico e ai rapporti con i mondi della cultura, della societ e della politica.

Famiglia e matrimonio. Di fronte al dramma della disoccupazione giovanile, col 37,3 per cento dei giovani in cerca di lavoro e spesso costretti a emigrare, il presidente della Cei ha richiamato lesigenza di sostenere in ogni modo la famiglia, a partire dallo strumento fiscale del fattore famiglia che permetterebbe la restituzione di quanto la famiglia stessa produce in termini di benessere generale. Il cardinale ha poi ribadito linsegnamento della Chiesa, riproposto anche da papa Francesco, sullunione uomo-donna come struttura di base del matrimonio e della famiglia. Pertanto, ha proseguito, il matrimonio (costituito da un maschio e una femmina) non la stessa cosa dellunione di due persone dello stesso sesso e pertanto distinguere non vuol dire discriminare. Allargando lo sguardo ha poi aggiunto: Nessuno, ad esempio, discute il crimine e lodiosit della violenza contro la persona, qualunque ne sia il motivo. In ogni caso - ha continuato - nessuno dovrebbe discriminare, n tanto meno incriminare in alcun modo, chi sostenga ad esempio che la famiglia solo quella tra un uomo e una donna fondata sul matrimonio, o che la dimensione sessuata un fatto di natura e non di cultura. I giovani nella Chiesa ci sono. Sui giovani e lannuncio del Vangelo, ha parlato in toni calorosi e commossi della Giornata Mondiale della Giovent di Rio, che ha mostrato come i giovani nella Chiesa ci sono, che Dio presente nel mondo, che lumanit ne sente il bisogno, che la Chiesa accompagna il cammino mettendosi in cammino con la gente. Ha sottolineato la richiesta formulata dai giovani alla Chiesa di stare con loro e ha rimarcato la necessit di fare spazio ai giovani che non vogliono essere esclusi dallavventura n della vita n della Chiesa e che vogliono imparare a vivere decentrati su Cristo, sine glossa, sul Vangelo senza letture ideologiche n di tipo pelagiano, n di tipo gnostico, di vivere la Chiesa senza storture funzionaliste e clericalismi.

TESTIMONIANZA DEI FRATI FRANCESCANI RIMASTI IN SIRIA


In Siria sono rimasti 11 frati francescani. Su AsiaNews del 21 settembre, padre Halim, ex provinciale della Custodia di Terra Santa ha raccontato che nel villaggio di Gassianeh, dove vivevano circa mille fra cattolici e ortodossi, i ribelli hanno cacciato quasi tutti i cristiani e hanno interdetto lingresso ai non islamici. In quello stesso villaggio il 23 giugno era stato ucciso padre Franois Murad. Il padre francescano ha detto: Anche i musulmani ci chiedono aiuto e consiglio. Noi cerchiamo di raccogliere fondi per sostenere la popolazione, siano essi cristiani o musulmani. In un anno abbiamo raccolto e speso oltre 350mila dollari. I frati seguono gli insegnamenti del Papa e condannano tutte le violenze, soprattutto quelle avvenute con le armi chimiche, ma dobbiamo pensare soprattutto al popolo. La nostra speranza che il conflitto si fermi, ma qui si vive alla giornata, nessuno pu sapere quando tutto ci avr fine.

Attualit
La vittoria elettorale della Merkel conferma quanto sia apprezzata la stabilit politica

Gioved 26 settembre 2013

11

Villaggio globale
di Ernesto Diaco

LE FAMIGLIE MENO SCHIAVE DELLA TV?


Si ironizzava, qualche settimana fa, sullo spazio conquistato dai telefoni cellulari fin sulla tavola da pranzo delle nostre case. Ora giunge un altro particolare su come cambiato il menu proprio il caso di dirlo degli italiani. Quello mediatico, naturalmente. Se c unimmagine che ha rappresentato per decenni il rapporto fra le famiglie e i mezzi di comunicazione quella del televisore acceso durante i pasti. Che fosse il telegiornale o il quiz serale, un telefilm o i cartoni animati preferiti dai bambini, lospite benvenuto alla nostra mensa giungeva attraverso i grandi network generalisti, pubblici e privati. Secondo unindagine recente, per, sembra che non sia pi cos. La scenetta delle voci che si spengono allaccensione del televisore, lasciando al telecomando il potere assoluto sulle dinamiche familiari, va consegnata al passato. O quanto meno aggiornata. Lo rivela la ricerca commissionata da Samsung allEurisko con lobiettivo di comprendere come sono cambiate le abitudini degli italiani davanti al piccolo schermo e preparare per loro la televisione del futuro. Gli intervistati ottocento persone fra i 30 e i 54 anni hanno decretato la fine dello zapping: la tv che vogliamo deve permettere di costruire palinsesti personalizzati, escludendo a priori ci che non rientra nei propri gusti e dunque liberandoci dalla necessit di saltare da un canale allaltro. Grazie allinterazione con computer, tablet e smartphone, permessa da internet, la televisione intelligente non sar in realt meno presente nella dieta giornaliera, ma la useremo in modo del tutto diverso. Gi ora, lo si diceva qui sopra, solo il 15 per cento del campione intervistato rivela di consumare i pasti di fronte ai programmi delle diverse reti. Guardare la tv sar unespressione obsoleta, definitivamente surclassata dai verbi della vita digitale approdata sul piccolo schermo diventato grande, piatto e a parete: navigare, chattare, giocare, condividere. Va da s che, con la tv in rete, salter del tutto lacquisto e il noleggio dei dvd, e le valutazioni espresse sui social network incideranno decisamente sullaudience. Diventeremo meno schiavi della tv: questa la promessa. Potendo controllare e scegliere molto pi di ora il menu della quotidiana dieta mediatica, non c dubbio che davanti allo schermo non saremo soltanto passivi spettatori. Ma perch le persone preferiscano guardarsi in faccia e dialogare fra il primo, il secondo e la frutta, non basta una nuova tv connessa a internet. Anzi.

Il voto i h c s e d e t i e d

Il successo di Angie a favore dellEuropa?


tabilit, ripresa, Europa. In questa triplice direzione potrebbe muoversi Angela Merkel, dopo la prevista, eppure sorprendente, vittoria della Cdu-Csu alle elezioni parlamentari del 22 settembre. Un successo previsto dai sondaggi, ma anche dagli umori che si respiravano alla vigilia del voto a Berlino come a Monaco, a Francoforte, Amburgo e Colonia; eppure un risultato sorprendente nei numeri, con un plebiscito a favore della cancelliera di ferro, che si avvia a guidare il Paese per la terza volta, con una longevit politica che lavvicina ai padri nobili del partito democristiano, Konrad Adenauer ed Helmut Kohl. Lesito delle urne conferma quanto si era immaginato: la stabilit politica che la Merkel ha assicurato dal 2005 in avanti ha permesso alla Germania di affrontare la pesante crisi, transitata anche a queste latitudini, con tenacia, senso di responsabilit e volont di riscatto. Soprattutto negli ultimi trequattro anni, la cancelliera ha messo in campo un mix di rigore, sacrifici, ma anche investimenti e competitivit, tanto da restituire al sistema economico una nuova fase di crescita che, per quanto moderata, ha creato posti di lavoro e rilanciato le imprese nazionali su scala globale. Ed la stessa ricetta che Berlino ha imposto allEuropa: lacrime e sangue - ne sanno qualcosa lavoratori, famiglie, consumatori, risparmiatori di diverse nazioni - per salvaguardare la moneta unica, lanciare salvagenti alle banche, evitare lo sfaldamento del mercato unico e, per questa dura strada in salita, preparare la ripresa che sembra intravvedersi in fondo al tunnel.

Le elezioni per il Bundestag lasciano sul campo feriti e dispersi. Gli alleati della Merkel, i liberali ultrarigoristi della Fdp, restano fuori dal parlamento; i socialdemocratici (Spd) recuperano qualche punto percentuale, ma sono ben distaccati dallaccoppiata democristiana Cdu-Csu; Verdi e Linke (sinistra) non risultano necessari per alcuna coalizione; mentre gli anti-euro dellAlleanza per la Germania (Afd) non superano lo sbarramento del 5 per cento e dunque risultano esclusi dal Bundestag. ora probabile che la Merkel sceglier una coalizione di governo che comprenda la Spd (Grosse Koalition), come aveva fatto durante il suo primo governo. E questa notizia potrebbe essere ben accolta in molte capitali europee: lintransigenza della Merkel verrebbe stemperata da una maggiore attenzione alle misure per la crescita e il welfare, e, non da ultimo, per quellEuropa che, da oggi, pende ancor pi dalle mosse di Berlino. In campagna elettorale Angie - come lacclamano i giovani democristiani aveva affermato: Solo con lEuropa e con leuro la Germania forte. Mentre uno degli uomini pi vicini alla cancelliera, lex presidente dellEuroparlamento Hans-Gert Poettering, appena visti i risultati ha esclamato: una vittoria dellEuropa. In effetti la solidit della Germania, una sicura guida politica nel cuore del continente, non dispiace a nessuno (antieuropeisti a parte, peraltro usciti con le ossa rotte dal voto tedesco), n in patria n nelle altre capitali europee. Di sicuro ad Atene e a Madrid ci si augura che la cocciutaggine con la quale proprio Angela Merkel ha imposto la linea allUnione europea e alla Bce dia

gli effetti promessi. Parigi, Roma e Varsavia guardano con altrettanta attenzione alle vicende tedesche, consapevoli che quanto avviene sulle sponde della Sprea ha ricadute su tutta lUe. Semmai dovr essere la stessa cancelliera, affiancata dagli alleati socialdemocratici, a dimostrare che non sono solo gli interessi tedeschi che la preoccupano, volgendo costantemente lo sguardo verso Bruxelles. Inoltre dalla Merkel lecito attendersi una maggiore presenza e capacit di azione nel campo della politica estera, essendo stata per troppi anni latitante: il mondo non finisce ai confini tedeschi e nemmeno alle frontiere dellUe: la situazione in Siria e in Medio Oriente, la primavera araba, la lotta al terrorismo, le rincorsa dei Brics come le sorti di innumerevoli Paesi poveri del pianeta non pu lasciare indifferente il gigante tedesco. Unultima considerazione sul voto in Germania. I due principali partiti, CduCsu e Spd, raccolgono insieme due terzi delle preferenze: si tratta di partiti europeisti, che hanno fortemente contrastato le derive nazionaliste, populiste e xenofobe che viaggiano per lEuropa, raccogliendo consensi crescenti in quasi tutti i Paesi. Ebbene, la Germania manda a dire che una buona politica - ancorch non esente da titubanze, errori e miopie - la migliore garanzia contro il successo dellantipolitica che invece stata premiata da un gran numero di elettori francesi e britannici, italiani e scandinavi, greci e dellEuropa dellest. Anche in questo senso Angela Merkel lascia il segno nellEuropa di oggi. Gianni Borsa

il Periscopio

di Zeta
CATANIA, LA CATTEDALE. DAL 19 AL 22 SETTEMBRE NELLA CITT ETNEA SI TENUTO IL XXII MASTER DI GIORNALISMO DELLA FISC INTITOLATO A MONSIGNOR ALFIO INSERRA

Oltre i luoghi comuni della mafia e della malavita, emerge una realt ricca di paesaggi, arte, storia e rapporti umani

Continuano le sorprese siciliane

on finisce di stupirmi. Ho perso il conto delle mie visite in Sicilia. Ho di certo superato la quarantina. Forse anche le cinquanta. In ogni occasione, tuttavia, trovo sempre un motivo nuovo per rimanere meravigliato da unisola che accoglie con calore e simpatia chiunque vi mette piede. Sar la presenza del vulcano o sar per la vicinanza con lAfrica, in ogni caso certo che il visitatore si sente subito a proprio agio, come fosse in famiglia. Catania una citt meravigliosa. La sua Cattedrale normanno-barocca imponente e incantevole. Saffaccia su piazza Duomo, un autentico salotto, dove trova posto anche il Municipio: qui i due poteri si incontrano e si aiutano in particolare nei giorni dal 3 al 5 febbraio quando si celebra la festa di SantAgata, la patrona venerata da tutti. Allora in migliaia scendono in strada per spingere la macchina su cui posto il fercolo che contiene le reliquie della santa. Una cerimonia maestosa, non subito ben comprensibile a chi viene dal continente, ma che coglie al volo chi tenta di calarsi nel clima di una realt unica. Poi c lEtna, il vulcano che svetta allorizzonte con i suoi 3300 metri di altitudine. Partire dai 30 gradi del centro cittadino e inerpicarsi prima in pullman, poi con la bidonvia e infine a bordo dei cosiddetti gipponi fino ai 2920 metri della Torre del filosofo unesperienza che consiglio a tutti. In

unora si passa dal litorale a uno scenario lunare dove si pu notare la neve perenne sotto i frammenti di lava. La gente arriva a frotte, mille al giorno dicono le guide alpine che spiegano come la montagna cambia con ogni nuova eruzione. Il vento gelido e pungente. Non bastano le

giacche a vento per ripararsi dai cinque gradi segnati dal termometro posto al termine della pista polverosa tracciata e ritracciata a vista tra le colline di magma solidificato. Ogni tanto si vede qualche soffione, piccole bocche attive che fanno comprendere allimprovvisato escursionista di trovarsi su una montagna bollente. La terra tiepida serve da scaldino per le mani, mentre lo sguardo si perde verso valle dove, fra le nuvole, si vede e quasi si tocca Catania con il suo mare. Uno spettacolo mozzafiato. Ma pi di tutti, ancora una volta, sono i siciliani a sorprendere. il loro affetto, il desiderio di riscatto, la voglia di uscire dai luoghi comuni che li tengono segregati in un ruolo non loro. Amo la Sicilia, inutile dirlo, ma la amo perch ho conosciuto e conosco persone che me la fanno amare. Una terra dalle mille risorse, nella quale si lascia sempre un po del proprio cuore. (809)

12

Gioved 26 settembre 2013

Cesena
Club House dello stadio Dino Manuzzi a Cesena e Teatro Garibaldi di San Piero sono state le locations che hanno accolto maestre e maestri della scuola dellinfanzia e primaria. Specialisti provenienti dal mondo sanitario si sono messi in gioco invertendo per un giorno i ruoli, trasformandosi in docenti, poich convinti che solo limpegno sociale, la collaborazione e la condivisione di obiettivi comuni possano apportare cambiamenti immediati e duraturi. L84% dei partecipanti ha ritenuto che il corso sia stato molto utile e che i docenti abbiamo scelto argomenti interessanti per la vita lavorativa, fermo restando che la modalit del convegno, caratterizzata da un ampio auditorio, non ha permesso un approfondimento dei dettagli n uno sviluppo individualizzato delle problematiche, punti che verranno sviluppati nelle attivit invernali con i singoli plessi. Ottima anche la valutazione dei docentispecialisti, di cui oltre il 97% dei presenti ha molto apprezzato la competenza.

Quasi 500 insegnanti al corso "BenEssere a scuola"


Liniziativa di aggiornamento si volta a Cesena e San Piero in Bagno
Sei circoli didattici, 481 insegnanti presenti, 6 comuni coinvolti, 5000 famiglie interessate: questi i numeri delliniziativa BenEssere a Scuola di Insieme per Crescere Aps, e in particolare del corso di formazione per insegnanti condotto dal 10 al 14 settembre a Cesena e a San Piero in Bagno.

Dai dati di Lorenzo Marani

Cesuola
Vuole vederci chiaro il Consiglio di quartiere Cesuola sulla realizzazione di un bacino irriguo, i cui lavori sono partiti la scorsa estate, in un terreno agricolo in via Falconara, lungo il percorso podistico dei gessi. "Come quartiere non siamo stati informati dellavvio dei lavori - premette il presidente del Consiglio di quartiere Amleto Gazza -. Pi che un bacino lopera ha le caratteristiche di un lago, con 3 metri di profondit e 100 metri di lunghezza. Il nostro timore che possa portare via lacqua necessaria allirrigazione del campo sportivo e che alimenta tutto il vecchio acquedotto, i pozzi artesiani che servono a irrigare gli orti e i giardini". Il bacino rientra nellarea di propriet della societ agricola Al.Ne. riconducibile al patron di Technogym Nerio Alessandri. "Riteniamo non sia credibile che lacqua del bacino, come scritto nella richiesta di autorizzazione, venga usata per lirrigazione del vigneto - sostiene Gazza -. O non solo. C la preoccupazione che in prospettiva il bacino possa essere trasformato in altro. Il forte timore, di tutti i consiglieri, che ci sia gi in atto una progettualit non ancora resa ufficiale, tesa a trasformare quellarea in un centro benessere con attrezzature varie, tipo albergo, campi da golf e altro, che pi che a servire ai residenti e alla citt serva alle esigenze di altri privati". E, continua Gazza: "questo contrasta con lidea che il nostro Consiglio di quartiere ha del parco benessere, uno spazio, attraversato dalla pista ciclabile, dove i cittadini possono godersi le passeggiate in armonia con lambiente e la fauna esistente". Per questi motivi il Consiglio di quartiere, allunanimit, ha espresso le proprie preoccupazioni al sindaco Paolo Lucchi e agli assessori competenti. Fs

Unestate nella norma Anzi, non troppo calda


nestate nella norma, quasi ridotta, con meno ondate di calore rispetto a quanto registrato negli ultimi anni. E il quadro che Lorenzo Marani, esperto meteorologo di Cesena, delinea analizzando il periodo che va da giugno ai primi di settembre. "In questi tre mesi - esordisce Marani - ci sono state solo tre ondate di calore contro le 5-6 degli ultimi anni. La prima ondata si avuta dal 15 al 22 giugno con una temperatura massima pari a 35 gradi. Poi la seconda a fine luglio con 37 gradi di massima e lultima dal primo al 9 agosto sempre con 37 gradi. Naturalmente si parla di temperatura allombra, registrate da un termometro professionale posto nella mia capannina meteo a Villachiaviche". Negli stessi periodi al mare la temperatura non ha mai superato i 31-34 gradi, segno che lazione mitigatrice dellAdriatico rende la costa sempre pi vivibile. "Di certo 37 gradi, in piena estate, possono essere facilmente sopportabili aggiunge Marani - ma va considerato che,

Solo tre ondate di calore contro le 5 della media. Pioggia concentrata in pochi eventi
abbinati allumidit, la temperatura percepita aumenta. Ad esempio, con il 60 per cento di umidit vanno considerati da 3 ai 5 gradi in pi percepiti dal nostro corpo. E lafa a rendere il clima ostile". Si parla di ondata di calore quando la temperatura media (misurata in capannina, non dai termometri posti fuori dalle banche o dalle aziende) supera di 5 gradi, e per tre giorni consecutivi, la media stagionale degli ultimi 30 anni. La temperatura massima mai registrata da Marani stata di 39,4 gradi nel 2003. Nello stesso anno la capannina meteo dellIstituto tecnico agrario ha toccato quota 39,9 gradi. Rispetto alle piogge, dal primo giugno a fine agosto ci si attende di solito una media di 200 millimetri dacqua. "Questanno ne sono caduti, in questi tre mesi, 188 millimetri, perci siamo nella regola. Solo che si concentrata in pochi eventi e quindi si trattato di piogge molto forti". A Cesena, nel corso dellanno solare, cadono in media 780 millimetri di pioggia e anche questanno pare che il dato sar rispettato, salvo che la natura non faccia qualche scherzo negli ultimi tre mesi. "Dallinizio dellanno a met settembre conclude lesperto - la pioggia caduta su Cesena stata pari a 560 millimetri, quindi in linea con le previsioni. Ottobre e novembre in genere sono, nel cesenate, i mesi pi piovosi". Cristiano Riciputi

23/09/1963 - 23/09/2013 Bulgarn

Nozze doro
UMBERTO BERNABINI GIGLIOLA ZAVAGLI
Festeggiare il vostro cinquantesimo anniversario per noi motivo di orgoglio e tanta stima. Che il vostro cammino sia ancora lungo, colmo di gioia e di serenit Congratulazioni Michela, Maurizio, Massimiliano, Caterina

29/09/1963 - 29/09/2013 Ruffio

Nozze doro
GIORGIO MAGNANI ALTEA BAIARDI
Per noi figli, e per le nostre famiglie, siete da sempre un esempio di armonia, di amore reciproco e dedizione al lavoro. E con immensa gratitudine che vi auguriamo tanti anni di gioia e serenit Stefano, Adele, Stefania

Arianna, Matteo, Alice

Cesena

Gioved 26 settembre 2013

13

A San Paolo incontro-testimonianza sulla Gmg di Rio de Janeiro


La pieve di San Vittore

Pievesestina
In occasione della festa della parrocchia che si terr dal 29 settembre al 6 ottobre i ragazzi di Pievesestina organizzano la "Fiaccolata della Fede" con partenza dal passo del Mandrioli e arrivo per la messa delle 11 a SantAndrea in Bagnolo. I ragazzi porteranno a valle il messaggio di pace dei frati di Camaldoli. Alla accolata parteciperanno i ragazzi della parrocchia di Pievesestina che si daranno il cambio per correre a coppie, durante tutta la notte, i circa 80 chilometri che compongono il percorso che si sviluppa dal Mandrioli no a Pievesestina passando da Bagno, Ranchio, Piavola, Borello. A sostenere i ragazzi non mancheranno i genitori, il supporto del quartiere Dismano e laiuto e la partecipazione della Polisportiva SantAndrea. La festa prosegue il 29 settembre alle 13 con il pranzo comunitario. Marted 1 ottobre, a Pievesestina alle 20,45, testimonianze sulla Gmg di Rio. Mercoled 2 ottobre alle 20,30 si terranno tornei di pallavolo, calcio e rugby. Sar attivo lo stand gastronomico. Gioved 3 ottobre alle 20 sar celebrata la messa seguita dalladorazione eucaristica guidata e animata dal gruppo Rinnovamento nello Spirito Santo. La Paella alla valenciana sar il piatto base della cena di venerd 4 ottobre alle 20,30 (prenotazioni entro il 29 al numero 329/4234061). Sar disponibile anche un men alternativo a base di piadina. Sabato 5 ottobre alle 20 la messa sar celebrata da don Marcello Palazzi. Allo stand gastronomico si potr cenare e alle 21 animazione con "Variet fat in ca". Domenica 6 ottobre la messa sar celebrata alle 9 e alle 11. Nel pomeriggio si svolgeranno i tornei di pallavolo e calcio. In serata spettacolo dei ballerini di Settecrociari. (Bb)

Appuntamenti nelle parrocchie


arrocchia di San Paolo: le celebrazioni del programma religioso avranno inizio il 27 settembre alle 21 con le testimonianze sulla Giornata Mondiale della Giovent e su alcune esperienze giovanili missionarie estive. Domenica 29 settembre alle 11 sar celebrata la messa con il sacramento della Unzione di anziani ed ammalati e alle 12,30 seguir il pranzo dei nonni. Nelle serate del 30 settembre, dell1 e del 4 di ottobre si volger il triduo con il tema sullanno della Fede anticipato dalla messa alle 18. Gioved 3 ottobre alle 17 si terr ladorazione eucaristica con messa alle 18. Alle 20,30 si svolger la processione con limmagine della Madonna. Partenza da via Volterra (lato parco per Fabio), via Empoli, via Pistoia, via Volterra, via Della Valle, via San Mauro, via Giardino e conclusione in chiesa. Domenica 6 ottobre festa parrocchiale in onore della Madonna del Popolo: le messe saranno come di consueto alle 9 e alle 11.Marted 8 alle 18 in programma la messa per tutti i defunti della parrocchia. Il programma ricreativo prevede il 4 ottobre alle 19 cena e alle 20,30 giochi organizzati dai gruppi giovanili della parrocchia. Sabato 5 ottobre alle 19 la cena sar preparata dal Laboratorio giovani e alle 21 si svolger il resoconto delle attivit estive seguito dal "Cantinsieme" gara musicale fra i gruppi parrocchiali. Domenica 6 ottobre alle 9,30 apriranno gli stand e alle 12,30 si terr il pranzo delle famiglie in parrocchia. A partire dalle 15,30 il pomeriggio sar animato dal gruppo musicale "Acustica Trifase" e alle 16 ci saranno i giochi organizzati

dai gruppi della parrocchia. Alle 21 la Compagnia di Arte e Spettacolo di San Paolo presenter "Summer Nights", musical alla "brillantina", e al termine estrazione della sottoscrizione a premi. (Bb)

suoneranno i gruppi giovanili E45 e Black Bishops. (Fzam)

SANTA MARIA DELLA SPERANZA


In occasione dei cinquantanni di dalla fondazione della chiesa di Santa Maria della Speranza, avvenuta nel 1963, il 4 e il 5 ottobre si terranno due giornate tutte dedicate alla spiritualit (sabato pomeriggio sar riservato ai giovani). Domenica 6 ottobre la messa al mattino sar solo alle 8 (sono sospese quelle delle 10 e delle 11,30). Alle 16,30 si terr la messa solenne di cinquantesimo concelebrata dal vescovo Douglas Regattieri con i sacerdoti che hanno prestato il loro servizio sacerdotale a Santa Maria della Speranza. Seguir un rinfresco per tutti gli intervenuti. Il 6 ottobre sar possibile visitare la mostra sui Cinquantanni della parrocchia. Il 10 novembre alle 18,30 si svolger il concerto di "Faith Gospel Choir" di Carpi con il maestro Nehemiah H. Brown. Sempre il 10 novembre ci sar la mostra degli studi dellingegnere Aguzzoni per arrivare al progetto definitivo della chiesa. (Bb)

SAN VITTORE
Fervono i preparativi per la Festa della famiglia e della parrocchia di San Vittore. Gi da luned nelle case sono iniziate le recite dei misteri del rosario, mentre il momento clou sar il grande musical "Il Cantico dei Cantici": lo spettacolo, a parole e musica, sar recitato a due voci direttamente dai due autori, Laura Gambarin e Gianluigi La Torre, e andr in scena sabato 28 settembre alle 20,45 presso il cineteatro Victor in via San Vittore 1680. Domenica 29 la Festa della famiglia inizier con la messa solenne delle 11, in cui saranno ricordati i grandi anniversari e festeggiate le giovani coppie. A seguire, grande pranzo comunitario, alle 12,30, presso lagriturismo "Villa Mami": indispensabile la prenotazione. La prossima settimana comincer la festa parrocchiale. Ecco gli appuntamenti: mercoled 2 ottobre alle 20,30 fiaccolata per Maria Regina della Pace verso la Fratta, venerd 4 ottobre alle 20,45 preghiera di adorazione parrocchiale, sabato 5 ottobre alle 14,30 fiorita alla Madonna, dalle 15 alle 18 le confessioni e alle 18 la Messa vespertina. La serata comincer alle 20,30 sul palcoscenico lAcr con il musical "Oltre larcobaleno". Domenica 6 le messe saranno alle 7, 9 e 11, mentre alle 15,30 inizier la processione solenne accompagnate dalla Banda di Borghi. Alle 18 sotto il tendone

Un ministro in citt
Eliminare gli sprechi nella sanit per reinvestire le risorse e mettere in efficacia il sistema. E la strada tracciata dal ministro della salute Beatrice Lorenzin, in visita sabato scorso a Cesena in occasione della ventesima Giornata mondiale dellAlzheimer. "Sono contraria ai tagli lineari, il mondo della salute ha gi dato ha affermato il ministro che in municipio ha incontrato le associazioni di familiari e malati di Alzheimer -. Daltro canto irrealistico pensare che lo Stato destini altre risorse al Sistema sanitario nazionale". Lunica alternativa allora "risolvere gli sprechi che sono presenti in tutte le regioni attraverso il confronto degli Enti preposti: questo pu portare molte risorse da reinvestire". Per chiudere le falle, secondo lesponente di Governo possibile ricorrere, tra gli altri, a una maggiore deospedalizzazione e alla centralizzazione degli acquisti, evitando cos difformit di costi nelle varie territori. Francesca Siroli

SAN MAURO IN VALLE


"La vita cristiana una provocazione che continua": cos si intitola lincontro con il missionario in Paraguay don Alberto Bertaccini che si terr gioved 3 ottobre alle 21 presso la sala del circolo parrocchiale di San Mauro in Valle. Lappuntamento sar loccasione per ascoltare la testimonianza di padre Bertaccini, impegnato per anni in diverse missioni dellAmerica Latina e per raccogliere fondi a sostegno delle sue opere in Paraguay.

Ponte Giorgi

Piatti tipici romagnoli, accompagnati da pizzichi di novit e voglia di scoprire sapori particolari. Pasta fatta in casa e dolci scrupolosamente secondo le ricette delle nostre nonne

Ristorante Albergo Bar


47020 Cella di Mercato Saraceno (Fc) Tel. 0547 96581-96563 - fax 0547 96636 pontegiorgi2004@libero.it Facebook: Pontegiorgi Risto

14

Gioved 26 settembre 2013

Cesena

Interviste ai presidi/2 Luniversit inglese ha accreditato il Liceo scientifico per la certificazione Igcse, attiva per lindirizzo internazionale. Ne parla la dirigente Dea Campana

"Righi": filo diretto con Cambridge


Barbara Baronio
l Righi di Cesena diventata scuola Cambridge. Il liceo scientifico cesenate che anche questanno si segnala come listituto con il maggior numero di studenti: 1100 a Cesena e 110 iscritti alla succursale di Bagno di Romagna, dal 2013 scuola Cambridge della Romagna. Nello specifico luniversit inglese ha riconosciuto il liceo Righi come centro accreditato per il conseguimento della certificazione Igcse (International general certificat of secondary education) che attesta il possesso di competenze disciplinari scientifiche veicolate dalla lingua inglese. Una grande rivoluzione quella attivata al Righi che interessa solo le matricole che hanno scelto il nuovo indirizzo internazionale. A margine di una riunione con i genitori abbiamo incontrato la dirigente del Righi Dea Campana (foto). La preside da 9 anni al timone dellistituto che conta, oltre al corposo numero di alunni, un collegio docenti di circa 100 professori e un gruppo da amministrativi e collaboratori scolastici che si aggira sulle 25 unit. Preside, in particolare, in cosa si traduce questa importante collaborazione con la Cambridge University? Attualmente per accedere alluniversit in molti casi, anche in Italia, chiesto agli studenti di essere in grado di sostenere esami in lingua inglese. Pertanto, sulla base di indicazioni di nostri ex studenti e anche su richiesta delle famiglie, abbiamo studiato un nuovo indirizzo internazionale per essere al passo coi tempi. I ragazzi possono contare su un potenziamento della lingua inglese di ben due ore settimanali e compresenza del docente madrelingua

(esaminato anche dalla Cambridge University) durante alcune ore di matematica, fisica e scienze. Inoltre durante il primo anno viene potenziato linsegnamento di scienze, mentre quello di fisica si avvarr di unora in pi nel secondo anno. Abbiamo predisposto il tutto seguendo gli esempi di licei come il Galvani di Bologna e lAzzarita di Roma e rimodulato i programmi in base anche agli obiettivi della Cambridge. In questo modo i nostri ragazzi gi a partire dal terzo anno potranno sostenere gli esami per il conseguimento degli attestati Igcse (International General Certificate Of Secondary Education) Ordinary Level rilasciato da University of Cambridge International Examinations. Si tratta di un ottimo biglietto da visita per gli studenti che poi sceglieranno di frequentare corsi universitari allestero e anche per coloro che opteranno per indirizzi scientifici negli atenei italiani dove lo studio di esami in lingua ormai una prassi consolidata.

Il nuovo indirizzo ha subito catalizzato molta attenzione? Questanno siamo riusciti a comporre 3 prime classi dellinternazionale con una media di 25 studenti luna. Questa la dimostrazione di come le famiglie stesse abbiano trovato una risposta a ci che desideravano per leducazione dei propri figli. Il riconoscimento della Cambridge ha reso il Righi punto di riferimento della Cambridge University nel territorio provinciale: Il liceo potr accogliere le richieste di studenti esterni che come privatisti desiderino sostenere gli esami per il conseguimento delle certificazioni. Oggi i ragazzi alla scuola media studiano due lingue e poi al liceo finiscono in molti casi per perderne una: come avete ovviato a questo gap dellofferta formativa ministeriale? Se da una parte abbiamo fornito un potenziamento dellinglese con lindirizzo internazionale, dallaltra abbiamo proseguito con lesperienza del bilinguismo.

Questo corso offre ai ragazzi lo studio di una seconda lingua (extracurriculare) di cui verr rilasciato un certificato di competenze acquisite alla fine di ogni anno. Per tutti gli alunni (escluse quelli delle classi terminali) che ne hanno fatto richiesta ci sar lopportunit di studiare la lingua spagnola per due ore a settimana. Da questo anno scolastico i genitori dei 105 studenti che hanno fatto questa scelta hanno versato una quota aggiuntiva di 20 euro annuali alla scuola, che ha integrato i costi con un investimento di 8mila euro su un totale di 10mila euro. Questanno avete mantenuto un buon trend di iscrizioni. Oltre alle 3 prime classi del nuovo corso abbiamo formato 3 classi del liceo scientifico ministeriale (il vecchio tradizionale) e 3 delle scienze applicate che non prevede lo studio del latino, ma un significativo potenziamento della metodologia laboratoriale nelle materie di chimica, fisica e informatica.

Anche il Righi si appresta ad iniziare il primo anno con il registro elettronico. Come vi siete organizzati? Lo scorso anno abbiamo compiuto unindagine sulla linea internet a servizio della scuola per tentare di capire dove e come migliorarla. Abbiamo provveduto ad acquistare i computer necessari per rendere attivo il registro elettronico nelle 43 classi di Cesena e nelle 5 di Bagno oltre a quelli per i laboratori e le aule speciali. In questo modo stato rinnovato anche tutto il laboratorio informatico. Attualmente siamo anche in attesa di assistere allinizio dei lavori per linstallazione della fibra ottica. I tre licei dellarea stazione il Righi, il Monti e il nuovo linguistico e lItg "Da Vinci" si sono messi insieme e hanno scelto di integrare con circa 4 mila euro a istituto la parte dei costi che ancora la Provincia non era riuscita a coprire con il suo finanziamento. La fibra ottica, che dovrebbe essere installata entro lanno, ci garantir una rete molto efficiente mirata a limitare le interruzioni della rete Adsl e a facilitare lutilizzo del registro elettronico. Un ulteriore impegno per la scuola? Non semplice portare delle novit, ma quando si lavora con persone motivate che mostrano coraggio possibile fare cose egregie. Noi del Righi non ci facciamo bloccare da questi limiti e grazie a docenti impegnati abbiamo dato il via a progetti come linternazionale. Anche per quanto concerne ledificio scolastico, durante lestate il Righi si rinnovato con lavori di tinteggiatura, sistemazioni delle inferriate, pulizia degli spazi esterni e sistemazione della cancellata, grazie alla laboriosit e la disponibilit dei collaboratori scolastici.

Scuola | Nuovi locali per il Sacro Cuore

Ronta | I cento anni della Cassa Rurale

Sabato scorso stata inaugurata in Seminario la nuova sede della scuola media della Fondazione del Sacro Cuore di Cesena alla presenza del vescovo Douglas Regattieri, del sindaco Paolo Lucchi, dellassessore allIstruzione Maria Elena Baredi e del dirigente del Miur Gabriele Boselli. Dopo un breve momento espressivo animato dal Coro dei ragazzi della scuola, i presenti hanno potuto visitare le nuove aule, tutte dotate di lavagna interattiva multimediale. (fotogallery sul sito www.corrierecesenate.it).

Tanta gente sabato e domenica per i festeggiamenti dei cento anni della Cassa Rurale e Artigiana di Ronta, confluita poi in Banca di Cesena. Gli eventi sono stati inaugurati venerd sera con una tavola rotonda durante la quale stata ripercorsa la storia dellistituto di credito. Sabato e domenica c stato spazio per la musica, la commedia dialettale, lo stand gastronomico. Momenti che hanno coinvolto tutto il paese (foto Mauro Armuzzi).

Cesenatico

Gioved 26 settembre 2013

15

Tagliata: in corso la procedura dappalto

Il sistema delle acque basse a monte della Statale Adriatica

Impianto idrovoro: lavori per 7 milioni di euro


Cristiano Riciputi
ntro poche settimane partiranno i lavori per il potenziamento dellimpianto idrovoro posto fra Cesenatico e Cervia in localit Tagliata. In queste settimane sono in corso le procedure dappalto. Il primo stralcio dei lavori ha un importo pari a 2,25 milioni di euro. Lo stralcio successivo, di importo pari a 4,75 milioni, sar finanziato in un secondo momento. "Attualmente limpianto idrovoro di Tagliata spiega Daniele Domenichini, ingegnere del Consorzio di bonifica della Romagna e responsabile unico del procedimento - ha una potenzialit di sollevamento pari a 9 metri cubi di acqua al secondo. Alla fine dei lavori, cio dopo il completamento anche del secondo stralcio di lavori, la capacit di sollevamento sar raddoppiata. Ci permetter di liberare pi in fretta i canali di acque basse che ricevono acqua da monte e che sono a un livello tale da non riuscire a scaricare in modo naturale in mare. Lo scopo dellimpianto proprio questo: innalzare e trasferire lacqua che si accumula nel sistema a

Sistema delle acque basse: le nuove pompe permetteranno di raddoppiare la portata: da 9 a 18 metri cubi di acqua al secondo

monte della statale verso i canali di scarico in mare". Sar realizzata una nuova struttura adiacente a quella attuale. Il terreno necessario per la costruzione della complessa opera in cemento armato che ospiter le pompe idrovore gi stato espropriato. Il bando della gara dappalto stato pubblicato e le imprese hanno gi presentato le richieste per essere invitate alla gara. Se tutto proceder secondo quanto previsto, limpresa aggiudicataria del lavoro si potrebbe avere entro novembre, in modo da poter dare il via allopera fra dicembre e gennaio. Negli ultimi mesi il Consorzio di Bonifica ha eseguito parecchi lavori nella zona di Cesenatico. Gi dallinizio dellanno il sistema di difesa di

Cesenatico "a monte" stato ultimato. Si tratta di due paratoie adagiate sul fondo del canale Vena, nei pressi del Ponte del Gatto, che possono essere alzate in caso di forti piene provenienti da monte. "Anche questa unopera strategica - afferma Domenichini - che permette al centro storico di Cesenatico di vivere pi tranquillo. Le paratoie non sono invasive e, quando non servono, neppure si vedono perch sono adagiate sul fondo. Quando vengono alzate restano inclinate di circa 60 gradi sbarrando il flusso dellacqua". A paratoie alzate, lacqua defluisce verso sinistra lungo il canale Fossatone che arriva fino a Tagliata. Il sistema idraulico che circonda Cesenatico molto delicato e basta poco per far saltare lequilibrio. Le inondazioni, anche in campagna, avvenute negli scorsi anni lo testimoniano.

Novit nel trasporto pubblico


Autobus, novit in vista: Cesenatico aumenter le corse su prenotazione. Il Consiglio Comunale di Cesenatico ha approvato una delibera riguardante il trasporto pubblico locale. La Regione infatti dispone delle risorse per i vari bacini di utenza e Cesenatico rientra in quello relativo a Forl-Cesena. Lapprovazione della deliber permetter di avere accesso ai fondi regionali. In particolare Cesenatico sfrutter i fondi per aumentare le corse su prenotazione; migliorare la programmazione delle corse seguendo i ritmi estate-inverno per evitare pullman vuoti o troppo pieni, aumentando o diminuendo le corse. Inoltre, con i nanziamenti si andr a migliorare la viabilit riguardante i pullman con corsie preferenziali e nuovi stalli per la fermata pi agevoli.

Il professor Zichichi in citt


"Credenti o creduloni?" il tema della serata di venerd 27 settembre, alle 21, presso il palazzo del turismo di Cesenatico. Ospite deccezione il professor Antonino Zichichi, presidente della Wfs, la federazione mondiale degli scienziati. Levento organizzato dalla parrocchia di San Giacomo con il patrocinio del Comune di Cesenatico e il sostegno della Bcc di Sala, del ristorante Capo del Molo e della tipograa Ad Novas. (foto Mauro Armuzzi)

La comunit di Sala si prepara alla festa parrocchiale


Luned 30 settembre solennit della dedicazione della chiesa: la messa sar celebrata alle 20
Partono il 27 settembre a Sala le iniziative per la festa parrocchiale coordinate dal parroco don Luca Baiardi. Alle 20, nellanniversario della morte di don Teo, durante la messa sar conferito il mandato ai catechisti. Luned 30 settembre alle 20 sar celebrata la messa ricordando

lanniversario della dedicazione della chiesa. Mercoled 2 ottobre sar presente in parrocchia il vescovo Douglas: monsignor Regattieri presiede la messa nel ricordo della morte della serva di Dio Angelina Pirini. Venerd 4 ottobre sar dedicato alla comunione eucaristica nelle case. Alle 20 in chiesa sar celebrata la messa a suffragio di tutti i parrocchiani defunti. A seguire si terr la cena comunitaria (prenotazione obbligatoria entro il 2 ottobre).

Sabato 5 ottobre alle 15 il vescovo Douglas amministrer il sacramento della cresima ai ragazzi. Alle 21 si terr lo spettacolo del gruppo di ballerini Cesena Danze e, in concomitanza, la festa della birra. Domenica 6 ottobre si celebrer la festa della Madonna del Rosario. La messa sar celebrata alle 8,30 e alle 11. Nel pomeriggio ci sar festa con i giochi, il truccabimbi e, alla sera, musica con Romagna Doc. Sar anche possibile rmare la campagna per il rispetto degli embrioni umani.

SAN GIORGIO (Cesena): in zona verde e tranquilla villetta a schiera centrale in pronta consegna con soggiorno, cucina abitabile, 3 camere da letto, 3 bagni, tavernetta, cantina, ampia mansarda, ripostigli, garage e giardino. 380.000 / Rif. 0986 A DUE PASSI DAL CENTRO STORICO (Cesena): in piccolo contesto di sole 4 unit, appartamento su due livelli recentemente ristrutturato composto da ampio soggiorno/pranzo, cucina abitabile, studio, 2 bagni, camera matrimoniale con cabina armadio, 2 camere singole, garage e corte esterna. Ottime finiture, riscaldamento a pavimento, aria condizionata e pannelli solari. Trattativa riservata / Rif. 1370 CASE FINALI - RIO MARANO: in posizione verde e tranquilla nuova costruzione di villette bifamiliari con ampio giardino, ecocompatibili e ad alto risparmio energetico. Possibilit vendita di singoli lotti. Info in ufficio / Rif. 1241 SANTEGIDIO (Cesena): in piccola palazzina al secondo e ultimo piano appartamento in parte ristrutturato composto da soggiorno, cucina abitabile, 3 camere da letto, 2 bagni, 2 balconi, cantina e garage. Impianti autonomi. 210.000 / Rif. 1254 SAN VITTORE (Cesena): in contesto residenziale del 2009 con ampi spazi verdi e dotato di ascensore, allultimo piano appartamento con ottime finiture composto da soggiorno con angolo cottura, 2 camere da letto, bagno, 2 terrazzi, ampio sottotetto ad uso ripostiglio, cantina, garage e posto auto riservato. Predisp. per aria condizionata, aspirazione centralizzata e canna fumaria. 227.000 / Rif. 1332 ZONA SEMINARIO/OSPEDALE (Cesena): in palazzina immersa nel verde e nella tranquillit, appartamento al piano rialzato composto da ampio soggiorno con angolo cottura, 3 camere da letto, 2 bagni, terrazzo, cantina e ampio garage. 230.000 / Rif. 1129 GAMBETTOLA: in palazzina di recente costruzione appartamenti con ottime finiture di diversa tipologia con possibilit di ingresso indipendente, corte esclusiva, sottotetto e garage. Pronta consegna. Informazioni in ufficio / Rif. 0178

CASE FINALI: in zona verde e tranquilla appartamenti di nuova costruzione di varie tipologie con giardino o sottotetto, ottime finiture con riscaldamento a pavimento, aspirazione centralizzata, predisposizione aria condizionata e allarme. PRONTA CONSEGNA. SAN MAURO IN VALLE: in zona esclusiva con affaccio sul parco in complesso residenziale realizzato con materiali ad alto risparmio energetico possibilit di bilocali e quadrilocali a piano terra con tavernetta e giardino o allultimo piano con ampio sottotetto. OTTIME FINITURE. Nessuna spesa di mediazione in quanto mandatari a titolo oneroso

16

Gioved 26 settembre 2013

Valle del Rubicone


SantAngelo
Festa in parrocchia
del Santissimo Crocifisso di Longiano, "luogo - ha detto fra Mirko Montaguti, nuovo Guardiano del convento - di incontro, collaborazione e condivisione del carisma francescano". Fra Mirko, nato a Faenza 37 anni fa, in comunit a Longiano dal 2006. stato ordinato sacerdote dal vescovo Antonio Lanfranchi nel 2007. Ha animato la pastorale giovanile e vocazionale, docente negli istituti superiori di scienze religiose a Pesaro e a Rimini, dottorando in teologia biblica alluniversit Gregoriana di Roma, dirige la "Corale longianese" e cura le attivit estive al "Villaggio san Francesco" di Badia Prataglia (Arezzo). Due sono i nuovi frati che hanno fatto il loro ingresso in comunit: fra Giuseppino Sabbioni e fra Carlos Galeano. Fra Giuseppino (45 anni) viene dal "Villaggio SantAntonio" di Noventa Padovana. Ha avuto una vocazione adulta ed alla sua seconda obbedienza. Fra Carlos (48 anni) viene dal Paraguay, ma in Italia dal 1993. Prima di Longiano stato a Mestre e a Padova, presso la Basilica del Santo. A completare il gruppo restano fra Jacobus Ginting (43 anni), che nel 2014 partir per unesperienza missionaria in Cile, il longianese fra Antonio Carigi (78 anni), decano del convento, e fra Valerio Folli (39 anni), novello segretario provinciale delle missioni. Matteo Venturi Festeggiamenti patronali in corso per la parrocchia di SantAngelo in Salute di Gatteo in preparazione al giorno di San Michele Arcangelo. La grande messa solenne si svolger sabato 28 settembre alle 18.30, seguita dai ringraziamenti per tutti i benefattori. Dopo le prove libere della scorsa settimana, alle 19.30 giunger alle fasi nali il Palio dei Barocci di San Michele, durante le quali

Al convento sono arrivati due nuovi religiosi. Ora sono sei

Per i frati di Longiano si apre un nuovocapitolo


iniziato domenica 22 settembre il cammino della nuova comunit dei frati minori conventuali di Longiano, a seguito del primo Capitolo ordinario della nuova "Provincia italiana di SantAntonio", nata dalla fusione delle comunit di Padova e di Bologna. Il Capitolo si tenuto lo scorso luglio a Camposampiero (Padova). La comunit di Longiano, il cui convento

adiacente al santuario del Santissimo Crocifisso, sar composta da sei frati, in carica per quattro anni. Tanta la gente che ha partecipato domenica scorsa alla messa delle 9,30 e al successivo momento di fraternit che si svolto nel chiostro del convento. Erano presenti i frati, le suore, i membri dellArciconfraternita, il TerzOrdine francescano, lassociazione di volontariato "Homo viator" e tutti gli amici del santuario

i vari rioni del paese si affronteranno in gara sui tradizionali "barocci". Alle 20 verranno aperti gli stand gastronomici e alle 20.45 la serata sar allietata dal gruppo musicale Santiago Sisters e dal loro repertorio di musica anni 70-80. Domenica 29 le messe saranno alle 8.45, 9.30, 11 e alle 15.30 il vescovo Douglas conferir il sacramento della Cresima. La serata si aprir alle 19.30 con la grande spaghettata comunitaria offerta dallAvis di Gatteo, a cui seguir lo spettacolo pirotecnico della Bcc Gatteo.

Savignano
Taglio del nastro per lala restaurata della Canonica di San Giovanni in Compito. Sono terminati nellestate i lavori di restauro realizzati grazie anche al nanziamento di 135 mila euro del Programma Operativo Regionale. La canonica della Pieve del Compito collocata a lato del museo al quale la pieve storicamente legata poich a partire dal 1930 don Franchini stata la prima persona a raccogliere materiali archeologici nei terreni intorno alla chiesa di San Giovanni, collocando la prima raccolta proprio nella canonica. C dunque un lo rosso conduttore che lega sia storicamente che geogracamente il museo alla canonica. Il restauro ha interessato la parte di canonica adiacente alla Pieve, che si trovava in forte stato di degrado, valorizzando due sale: una al primo piano, di ampie dimensioni, e una al pianterreno, pi piccola, dove sono state lasciate in vista due tombe rinvenute durante le opere di scavo archeologico preliminari ai lavori di recupero.

Presenti allinaugurazione anche Massimo Bulbi e alcuni giocatori del Cesena

Montiano, il parco Bagnolini-Matassoni


Sar sempre ricordato alla casa famiglia "Il Sorriso" di Montiano il giorno 19 settembre per linaugurazione del parco dedicato a Claudio Bagnolini e Filippo Matassoni, i figli, deceduti prematuramente, delle due famiglie che hanno realizzato il progetto. Il taglio del nastro avvenuto alla presenza del presidente della Provincia, Massimo Bulbi e dei giocatori del Cesena calcio, Alejandro Rodriguez, Gregoire Defrel e Massimo Volta, del manager Fiorenzo Treossi, dellassessore alla Cultura, Vincenzo Pollini. Hanno partecipato diverse famiglie con i bambini. La titolare della casa famiglia, Manuela Gianfanti, ha dichiarato di essere molto contenta, perch dopo tre anni di duro lavoro e grazie allaiuto della famiglia Matassoni stato realizzato il progetto a favore dei bimbi ospitati nella struttura". Il prossimo obiettivo della Gianfanti quello di poter disporre di una casa dove ospitare ragazze-madri. Giulia Magnani

ANNIVERSARIO

Inaugurazione mostra alla Fondazione Balestra

Borghi, giornata di commemorazione


Si celebrer il 28 settembre a San Giovanni in Galilea di Borghi la giornata della Commemorazione dei combattenti. Nelloccasione verr inaugurata una mostra al museo Renzi dal titolo Vecchi combattenti, giovani ricordi. Piccole storie romagnole nella grande storia Alla commemorazione, che si svolger durante la mattinata, seguiranno, nel pomeriggio, un convegno, una mostra di mezzi militari d'epoca e l'inaugurazione presso il Museo Renzi di San Giovanni in Galilea e una mostra di fotografie, cimeli e documenti di cittadini del Comune che hanno combattuto durante i due conflitti mondiali, con divise, oggetti militari, medaglie. Inoltre saranno consegnati i diplomi, le croci di guerra e i distintivi bellici dal Sindaco Mirella Mazza e dal Generale di Divisione Antonio De Vita, comandante del Comando Militare Esercito "Emilia Romagna". Cf

Longiano, "Nel disordine delle cose"


Nuova esposizione alla fondazione "Tito Balestra" di Longiano. Sar inaugurata sabato 28 settembre alle 18, alla presenza dellartista, la mostra "Giovanni Tamburelli. Nel disordine delle cose", a cura di Flaminio e Massimo Balestra. Saranno esposti sculture, tappeti e acquerelli di Giovanni Tamburelli, fabbro, poeta e artista contemporaneo (classe 1952) che vive e lavora a Saluggia (Vercelli). In mostra sar presente anche una sezione di fotografie scattate a Tamburelli nel suo atelier a opera del fotografo Daniele Ferroni di Villanova di Bagnacavallo (Ravenna). In concomitanza con linaugurazione della mostra sar presentato il libro fotografico "Il disordine delle cose" edito dalla "Fondazione Tito Balestra onlus" con testi di Michel Butor e Dato Magradze. "Si tratta - ha detto Flaminio Balestra, direttore della Fondazione - di una mostra stimolante, che ripercorrer, allesterno e allinterno del Castello malatestiano e nellex chiesa Madonna di Loreto, attraverso una selezione di opere recenti (2010-2013),

27 settembre 1997 27 settembre 2013

Zamagni Pio Alfredo


Nel 16esimo anniversario della morte i familiari lo ricordano con preghiere e immenso affetto

la poetica dellimmaginario dellartista". La mostra sar visitabile (tutti i giorni, escluso il luned, con orari 10-12 e 15-19) fino al prossimo 24 novembre. Mv

Valle del Savio

Gioved 26 settembre 2013

17

A Sorbano sar ricordato leccidio avvenuto durante la guerra

Valgianna
In ricordo di don Alberto Freo
Sabato 21 settembre, nel tardo pomeriggio, ha concluso la sua lunga giornata terrena don Alberto Freo, andando incontro al Buon Pastore che ha servito con tanto zelo nei decenni del suo ministero pastorale. Era ricoverato, per ragioni di salute, da diversi mesi presso la casa di riposo "Don Baronio" a Cesena. Don Freo nasce a Piove di Sacco, provincia di Padova, il 23 novembre 1918 in una famiglia di solide tradizioni di fede. Dalla stessa zona proveniva don Antonio Fornasiero che ha lasciato nel nostro presbiterio una eredit preziosa di una sequela evangelica vissuta con gioia e fedelt. Vive i primi anni di formazione nel seminario di Padova poi, nel 1936, passa al seminario di Sansepolcro. Viene ordinato sacerdote il 27 giugno 1943, in pieno tempo di guerra. Suo primo campo di apostolato la parrocchia di Monteromano Sansepolcro. Negli anni successivi cappellano a Santa Soa, venendo cos nella Romagna toscana. Nellautunno del 1949 viene trasferito nellAlta valle del Savio, parroco di Crocesanta cui si aggiunge la cura pastorale di Valgianna, intitolata a San Giuseppe artigiano. Ed era sempre festa grande, il primo maggio, per la festa del patrono. Per la costruzione della nuova chiesa si prodigato tanto. Quando nel 1976, per decisione della Santa Sede, le parrocchie dellAlto savio, appartenenti alla diocesi di Sansepolcro, sono aggregate alla costituenda diocesi di Cesena-Sarsina, don Alberto (e come non ricordare con lui don Natale De Vincenzi, parroco a San Silvestro, don Antonio Fornasiero parroco a San Piero e il parroco di Bagno monsignor Antonio Mosconi) da subito impegnato ad inserirsi nel presbiterio cesenate. Don Alberto sar ricordato come buon prete (e non sar di ostacolo qualche aspetto del suo carattere) generosamente dedito alla cura delle comunit affidate alla sua responsabilit. Ne hanno dato testimonianza riconoscente il vescovo Douglas con numerosi confratelli e tanti fedeli che hanno partecipato marted scorso alla liturgia funebre celebrata nella chiesa parrocchiale di San Piero in Bagno. Piero Altieri

Parrocchie
Linaro ha una storia molto antica che, dai documenti, risale almeno allanno Mille Nel 1971 fu demolito lantico oratorio, che era decorato da numerosi affreschi

Foto storica dei primi anni 80: il vescovo Luigi Amaducci in visita a Sorbano con la chiesa appena costruita (foto archivio Bosi)

Sorbano e Linaro: comunit in festa


orbano, ubicato alle porte della citt Plautina venendo da Cesena, una piccola frazione di 180 abitanti facente parte, dal 2000, della parrocchia della Cattedrale di Sarsina. Mantiene tuttavia una sua identit forte, con un comitato unito e collaborativo, grazie al quale la comunit, domenica 29 settembre, sar in festa per il patrono SantEgidio Abate, da sempre titolare della parrocchia. Sar ricordato anche il compatrono San Massimiliano Kolbe, al quale stata dedicata la nuova chiesa nel 1983. Alle 18 si terr la messa solenne, in occasione del trentesimo anniversario, alla quale seguir la cena nel salone. La chiesa di Sorbano anche tempio votivo dei 49 morti Domenica 29 settembre alle 11 la durante il periodo di guerra nel messa solenne e alle 16 il Rosario e la comune di Sarsina. Qui si verific la Benedizione, seguito da un momento rappresaglia del 28 settembre 1944 di festa. quando morirono dieci giovani, Il toponimo "Linaro" deriva da fucilati dai nazi-fascisti. Sabato 28 "Castrum Linarii", cio castello di settembre alle 10 sar celebrata la qualcuno che anticamente lavorava il messa di suffragio. lino, termine rintracciabile solo in unopera di Plauto. Nel 1021 abbiamo LINARO le prime notizie del castello, del Lantica parrocchia di Linaro quale ancora oggi le abitazioni (comune di Mercato Saraceno), da hanno mantenuto la conformazione. sempre sotto la diocesi sarsinate, La prima chiesa, millenaria, era posta festeggia la Madonna, com pi in basso sul fiume Borello, gi tradizione, lultima domenica di settembre. Sabato sera, 28 settembre, dedicata a San Giacomo. La parrocchia aveva sede presso la alle 20 si terr la messa con la chiesa del convento degli agostiniani, preghiera davanti alla statua della edificio ora adibito a casa privata che Madonna, seguita dal rinfresco.

mantiene ancora diverse tracce del luogo sacro. Visto lo stato di degrado dello stabile, nel 1842 la sede della parrocchia viene spostata nelloratorio del castello, costruito dai signori Aguselli proprietari del castello fino al 1586. Nel 1958 vengono fuse le due campane ottocentesche aumentandone il peso e formando 3 nuove campane della ditta Broili di Udine. Nel 1971 loratorio, ricco di affreschi, viene completamente demolito e viene ricostruita la moderna chiesa, acquistando una piccola parte di propriet privata per potervi costruire il transetto sinistro. Da ricordare la figura di don Luigi Giannessi, originario di Linaro, parroco dallordinazione sacerdotale del 1928 alla morte del 1984, che visse i momenti terribili del passaggio del fronte documentando dettagliatamente gli avvenimenti in un diario pubblicato nel 1992 a Cesena nei Quaderni del Corriere Cesenate. Daniele Bosi

Sarsina | Riprende la stagione della Polisportiva

Mercato Saraceno
Ginnastica dolce

La stagione della Polisportiva Il Circolo di Sarsina pronta a ripartire. Oltre a essere un notevole bacino di giovani tennisti, da qualche anno il sodalizio si sta mettendo in evidenza per i buoni risultati ottenuti nei campionato di calci a 5 del Csi. La Polisportiva sarsinate ha vinto il campionato dello scorso anno con il Real Circolo e piazzando il Circolo United e lAtletico nelle prime posizioni. IlToyota Cup (nella foto), torneo di calcio a 5 organizzato dalla Polisportiva col contributo della Bcc di Sarsina, chiude un anno intenso dal punto di vista sportivo, che ha visto la partecipazione di due squadre straniere composte da marocchini luna e argentini laltra.Vincitrice la squadra "Barca" di Ranchio.

Partir venerd 4 ottobre presso la palestra della scuola media di Mercato Saraceno un corso di ginnastica rilassante e riabilitativa. Liniziativa rivolta a tutti coloro che vogliono mantenersi in forma con esercizi riabilitativi rivolti in particolar modo alla terza et. Si svolgono due ore di ginnastica settimanali nei giorni di luned dalle 16 alle 17 e il venerd dalle 15 alle 16. Per informazioni 0547/27603.

La Banca di casa tua!

18

Gioved 26 settembre 2013

Solidariet
Cesena Le Misericordie in piazza
Il 28 e 29 settembre di fronte al Duomo
Le Misericordie Valle del Savio, Sarsina e Alfero scendono in piazza per sensibilizzare sui rischi del terremoto. Sabato 28 e domenica 29 settembre, in contemporanea con le altre piazze di tutta Italia, i volontari parteciperanno alla campagna informativa nazionale Terremoto io non rischio, giunta alla terza edizione, allestendo un punto informativo a Cesena, in piazza Papa Giovanni Paolo II, di fronte il duomo. Nei due giorni distribuiranno materiale informativo e risponderanno alle domande dei cittadini sulle possibile misure per ridurre il rischio sismico e sensibilizzarli a informarsi sul livello di pericolosit del proprio territorio. I volontari, formatisi durante lanno attraverso lincontro con esperti, sono protagonisti di un percorso di diffusione della cultura di protezione civile che coinvolge nelle diverse piazze proprio le associazioni di volontariato che operano ordinariamente sul territorio, promuovendo cos la cultura della prevenzione: volontari pi consapevoli e specializzati, cittadini pi attivi nella riduzione del rischio. Liniziativa promossa dal Dipartimento della protezione civile e dallAnpas-Associazione nazionale delle pubbliche assistenze, in collaborazione con lIngv-Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia e con ReLuis-Consorzio della rete dei laboratori universitari di ingegneria sismica e in accordo con le Regioni e i Comuni interessati. Per informazioni: www.iononrischio.it.

Sport Domenica 22 settembre una lunga carovana ha unito Mercato Saraceno al parco e solidariet Levante di Cesenatico. Seicento gli atleti che hanno percorso i 42 e i 30 chilometri

IntremilaallaMaratonaAlzheimer
na festa di sport e solidariet, per la seconda edizione della Maratona Alzheimer che domenica 22 settembre ha unito Mercato Saraceno a Cesenatico. stata soprattutto la massiccia adesione alla passeggiata che da Cesena conduceva a Cesenatico a decretare il successo della manifestazione, caratterizzata da una partecipazione che ha superato di gran lunga i numeri della prima edizione. Famiglie con bambini in bicicletta, gruppi aziendali, il pi svariato associazionismo, societ sportive e semplici amici hanno formato un fiume umano che per lunghi tratti ha costeggiato il Pisciatello, oggi pi Rubicone che mai. Dietro al sindaco di Cesena Paolo Lucchi, Giovanni Bissoni, presidente del Comitato dOnore della maratona e i camminatori di Cesena Cammina, 1.600 persone alle quali si sono aggiunti i 250 partecipanti delle passeggiate di Cesenatico e gli oltre 600 competitivi che si sono cimentati nei due percorsi di 30 e 42 chilometri. In tutto, oltre 3mila persone - oltre ai 400 volontari impegnati lungo il percorso e al parco di Levante - per una giornata di condivisione e sport. Folto anche il pubblico che al parco di Levante, perfetta cornice per una grande festa dello sport, ha abbracciato Giuseppe Del Priore (Surfing Shop) che si aggiudicato la seconda edizione, migliorando il tempo e

IL GRUPPO AMICI DELLA FATICA HA SCORTATO UN GRUPPO DI DISABILI

I progetti di Amici di Casa Insieme


La Maratona Alzheimer una delle iniziative promosse da Amici di Casa Insieme, associazione con sede a Mercato Saraceno. Quanto raccolto con iscrizioni e offerte andr a nanziare diversi progetti. In ottobre partiranno diverse iniziative per la terza et, nalizzate sia al prendersi cura dei malati di demenza e delle loro famiglie sia alla promozione di stili di vita sani in unottica di prevenzione. Per le persone con demenza, a Cesena venerd 11 ottobre partir un laboratorio di stimolazione sensoriale allinterno del quale saranno sollecitate in vario modo le capacit risparmiate dalla malattia e cos aumentare le possibilit di mantenerle nel tempo. A Mercato Saraceno partir una nuova sessione di trattamenti corporei, tramite il massaggio Joint Release, per dare benessere e sollievo a familiari, assistenti e a quelle persone, che, a causa della malattia, hanno ridotte possibilit motorie e limitate capacit di interazione verbale. Per informazioni: associazione Amici di Casa Insieme, 0547 691695; Mariagiovanna Bonasso (psicologa coordinatrice dei progetti) 320 6967089. fissando il nuovo record in 2 ore, 38 minuti e 30 secondi; secondo classificato Gianluca Rossi (Easy Runner), in 2:55:55 ed Emanuele Zavatta terzo in 2:58:34. La corsa femminile ha visto il dominio di Samantha Graffiedi (Seven), giunta al traguardo in 3:15:51. A 12 minuti di distanza la seconda Alberto Felloni, e sul terzo classificato Fabio Perazzini (Avis Castel San Pietro). Cesenate anche il podio femminile della 30 chilometri: Rita Gabellini degli Amici della Fatica di San Vittore sprima in 2:09:30 su Stefania Bernardelli (Atl. 85 Faenza) e sulla perugina Lorena Piastra. Tanta Romagna anche nei premi di categoria, che per la maratona donne sono andati a Federica Basenghi (Amici della Fatica), Aurora Placci (Atl. 85 Faenza), Teresa Lopilato (Pol. Porta Saragozza), Annamaria Lega (Atl. 85 Faenza), Adonella Moretti (Aspa Bastia), Giusepina Mingozzi e Cheli Patrizia (Sanrafael). Tra gli uomini si piazza Daniela Montanari sono segnalati Matteo Mercoli (Pol. Madonnina) che ha (Endas Cesena), Massimo fermato il cronometro dopo Poggiolini (Asd Tosco 3:28:31; chiude il podio Valeria Romagnola), Manolo Sortino (Atletica Borgate Montevecchi (Surfing Shop), Riunite) terza in 3:34:36. Lionello Gennari (Pod. Un brillantissimo Gianluca Ozzanese), Massimo Ludovici Borghesi (Atl. Imola Sacmi) si (Easy Runner), Rossano Altini aggiudicato la 30 km (Atletica Mameli), Eugenio Vichi Borello-Cesenatico in 1:42:42 (Locomotiva Ravenna), Araldo sul ferrarese di Trail Romagna Viroli (G.P. Cesenate).

Povert: la Cisl rimanda la proposta di Giovannini


Apprezzabile ma equivoca sotto laspetto del nanziamento, cos viene giudicata dalla Cisl la proposta del ministro Giovannini di creare un assegno per i pi poveri attingendo da altre tutele sociali esistenti. Inconcepibile, se si pensa di tagliare le pensioni al minimo e quelle di guerra. Da tempo il sindacato cislino ha chiesto che si adotti nel nostro Paese una misura che permetta alle famiglie povere di avere un sostegno per poter condurre una vita dignitosa. Liniziativa del ministro Giovannini elude o equivoca sul tema centrale per renderla effettiva: quello del nanziamento. Sono state riportate proposte di reperimento di risorse attraverso interventi di riduzioni delle pensioni di importo basso. Ci signicherebbe togliere ai poveri con una mano quello che si concede con laltra. La Cisl ritiene che, per un principio di equit, gli interventi sulla povert debbono essere a carico della scalit generale o dei risparmi sugli sprechi dovuti a un certo tipo di spesa pubblica anche legata ai costi della politica. "paradossale" voler rilanciare i consumi "togliendo ai poveri per dare ad altri poveri". "Proprio lopposto - conclude - di quello di cui abbiamo bisogno".

NOTIZIARIO PENSIONATI
Pensionati, Gigi Bonfanti, interviene sulla proposta del ministro Giovannini di creare un assegno per i pi poveri, il progetto Sostegno per linclusione attiva, presentato nei giorni scorsi. "Accogliamo certamente con favore la proposta di andare incontro ai bisogni dei pi indigenti, ma ci sembra del tutto insensato pensare di trovare le risorse necessarie attraverso una riforma degli assegni sociali e delle pensioni integrate al minimo. Ancora una volta - conclude il segretario generale Fnp Cisl - si pensa di continuare a gravare sui soliti noti, dimenticando che la solidariet una questione di civilt che dovrebbe riguardare lintero Paese, e quindi la scalit generale". Dopo ripetute richieste allAmministrazione comunale di adeguamento delle linee di trasporto pubblico, senza ottenere alcun risultato, la Fnp Cisl di Cesena ritorna pubblicamente sullargomento denunciando la mancanza di linee di trasporto pubbliche dalla zona dellOltre Savio in percorso diretto per lospedale, obbligando gli utenti a dover

a cura del Sindacato Pensionati FNP CISL (tel. 0547 644611 - 0547 22803) e per il Patronato INAS CISL (tel. 0547 612332) via R. Serra, 12 - Cesena

Il quartiere Oltre Savio da anni penalizzato sul trasporto pubblico


effettuare scambi di autobus, con un allungamento dei tempi di percorrenza e disagi, specie per gli anziani con difficolt motorie. Larea dellOltre Savio infatti attraversata da pi linee di trasporto pubblico - sottolineano dalla Fnp Cisl cesenate - e non sembra tanto complicato fare in modo che, almeno una di essa, sia diretta allospedale.

Fnp: ripartizione Fondo non autosufficienza


stato pubblicato nella Gazzetta ufficiale del 25 luglio il decreto di riparto, approvato il 20 marzo, dei 275 milioni di euro assegnati alle Regioni e alle Province autonome per lanno 2013 relative al Fondo per le non autosufficienze. Le risorse sono destinate alla realizzazione di prestazioni e interventi assistenziali nellambito dellofferta integrata di servizi socio-sanitari in favore di persone non autosufficienti. Le aree prioritarie di intervento sono: punti unici di accesso alle prestazioni e ai servizi negli ambiti territoriali, in modo da agevolare e semplicare

Bonfanti (Fnp): Inconcepibile prelievo su pensioni minime


"Ci pare del tutto inconcepibile il fatto che si pensi di voler trovare le risorse per contrastare la povert andando a incidere sulle pensioni minime e su quelle di guerra". con queste parole che il Segretario generale della Cisl

linformazione e laccesso ai servizi socio-sanitari. Modalit di presa in carico della persona non autosufficiente attraverso un piano personalizzato di assistenza, per prestazioni sociali e sanitari previa valutazione della non autosufficienza attraverso unit multiprofessionali. Supporto alla persona non autosufficiente e alla sua famiglia attraverso lincremento dellassistenza domiciliare. Anche con trasferimenti monetari nalizzati allacquisto di servizi di cura con interventi complementari allassistenza domiciliare, a partire dai ricoveri di sollievo in strutture sociosanitarie. Una quota non inferiore al 30 per cento della dotazione assegnata a ciascuna Regione o Provincia autonoma dovr essere destinata a interventi a favore di persone in condizione di disabilit gravissima. Le aree di intervento elencate nel decreto di riparto sono conformi alle esigenze di assistenza dei

cittadini e hanno tenuto conto delle richieste avanzate dalla nostra Federazione insieme agli altri sindacati di categoria. Tuttavia le risorse assegnate sono assolutamente insufficienti a garantire dei servizi efficienti sullintero territorio nazionale, tanto pi se le regioni decideranno di non attingere a fondi propri da dedicare sia allerogazione dei servizi sia agli assegni di cura. Le quote riservate allEmilia Romagna sono il 7,9 per cento dellintera somma nazionale per un totale di 21.725mila euro.

Invalidit civile e permesso di soggiorno


In materia di prestazioni economiche legate allinvalidit civile a favore dei cittadini stranieri, legalmente soggiornanti nello stato italiano, da tempo apprezzabile e in modo non episodico, la Corte Costituzionale

intervenuta con pi sentenze dichiarando lillegittimit costituzionale della norma nella parte in cui subordinava al requisito della titolarit del permesso di soggiorno CE (Comunit europea) per soggiornanti di lungo periodo (per il rilascio del quale occorre il godimento di un reddito minimo) la concessione di alcune prestazioni assistenziali come lindennit di accompagnamento, la pensione di inabilit, lassegno mensile di invalidit e lindennit mensile di frequenza. LInps, in ottemperanza a quanto statuito dalle numerose sentenze della Corte Costituzionale, ha previsto che le prestazioni predette dovranno essere concesse a tutti gli stranieri regolarmente soggiornanti, anche se privi di permesso di soggiorno CE di lungo periodo, alla sola condizione che siano titolari del requisito del permesso di soggiorno di almeno un anno.

Cultura&Spettacoli
A San Tomaso di Cesena opere di Vittorio Presepi e Antonella Bracci

Gioved 26 settembre 2013

19

Cinema
RUSH
di Ron Howard

di Filippo Cappelli

Al parco ArtexploraFiltri di lucein mostra D


all8 settembre sono esposte a Cesena, presso il parco Artexplora in via Comunale Santa Lucia 1894, Filtri di luce: opere dei due artisti cesenati Vittorio Presepi e Antonella Bracci. Vittorio Presepi si presenta con quindici sculture in carta o in plastica forex che lartista, con grande abilit, ha realizzato sulle orme dellorigami (arte giapponese di piegare la carta), andando in realt ben oltre questarte per ottenere vere e proprie sculture e architetture. Opere di grande suggestione dove abilit e precisione portano alla realizzazione di armoniose forme che si sviluppano dinamicamente nello spazio. Lartista crea un ordine di realt ideale e pure estremamente concreto, una magia impalpabile, difficilmente definibile ma sempre presente in queste composizioni, unitamente alla leggerezza, al candido colore e alleleganza delle linee che rendono affascinanti ed estremamente luminose le sue opere.

Multisala Eliseo Cesena Multisala Aladdin Cesena, Uci Savignano

Antonella Bracci espone una serie di grandi fotografie dove il soggetto essenzialmente formato dal mondo vegetale, fiori in particolare. Ne risultano opere di fine poesia per le sapienti e armoniose trasparenze che lartista ha saputo elaborare. Il soggetto, pur nella sua apparente fragilit, si carica di innumerevoli suggestioni ed echi sentimentali, come se un ricordo affiorasse - per incanto - dal profondo della memoria. Il senso pi vero di queste fotografie, sapientemente manipolate, nasce dalla sensibilit con cui lartista, a prescindere dalla grande capacit tecnica, sa riproporre con spontaneit e raffinatezza le vibrazioni dei soggetti e i sentimenti che hanno suscitato in lei. La mostra rimarr aperta fino al 6 ottobre con il seguente orario: dal luned al venerd dalle 15 alle 19; domenica dalle 10 alle 12 e dalle 15 alle 19. Enrico Guidi

Posta una targa sulla sua casa di Borgo San Giuliano (Rimini)

In ricordo di Amedeo Montemaggi, storico della Linea Gotica


abato 21 settembre, in occasione delle celebrazioni organizzate dal Comune di Rimini per il 69esimo anniversario della Liberazione della citt in ricordo di Amedeo Montemaggi (nella foto), nella sua casa natale, nel borgo di San Giuliano, stata scoperta una targa che lo ricorda ai suoi concittadini per la sua opera di storico che ha documentato le vicende belliche che si sono sviluppate a partire dallagosto 1944, lungo quella linea difensiva che i tedeschi avevano organizzato: la cosiddetta Linea Gotica dallAdriatico al Tirreno. Una storia che ha interessato tutta la Romagna, fino a concludersi nellaprile dellanno successivo sulle rive del Po. Fin dal 1975 Montemaggi si dedicato allo studio delle vicende belliche della Linea Gotica, riscuotendo con i suoi volumi consensi a livello internazionale. Con la sua ricostruzione storiografica ha documentato limportanza strategica, politico-militare, delloffensiva della Linea Gotica e della battaglia di Rimini, per i futuri assetti geopolitici del

continente europeo, prospettandosi cos, purtroppo, limminente guerra fredda e i presupposti della Chiesa del silenzio, nellest europeo, non essendo riusciti a fronteggiare lavanzamento della Armata Rossa, assecondando le mire imperialistiche di Stalin, complice le ingenuit politiche del presidente degli Usa F.D. Roosevelt. Dalla sua poderosa produzione citiamo due opere fondamentali: Linea Gotica 1944 - La battaglia di Rimini e lo sbarco in Grecia decisivi per lEuropa su-orientale e il Mediterraneo, e Linea Gotica 1944 Scontro di civilt, pubblicati dalla Editrice del Museo dellAviazione di Rimini nel 2002 e 2006. Il professore Montemaggi ha collaborato con don Armando Moretti per lorganizzazione a Monte Codruzzo (dove don Armando era stato parroco nelle tragiche giornate del passaggio del fronte, nellottobre del 1944), di incontri di pace, convenendovi soldati tedeschi e soldati indiani della VIII armata che sulle nostre colline si erano scontrati

con tanta violenza. Ha contribuito alla pubblicazione di alcuni Quaderni del Corriere Cesenate: il diario di don Leo Bagnoli (prima e seconda edizione); di don Luigi Giannessi parroco di Linaro (Valle del Borello); don Armando Moretti Giorni e notti di un antico borgo medievale: Montecodruzzo, e di don Aldo Casadei Dal Rubicone alla Moldava, contestualizzandoli puntualmente nelle vicende militari dellautunno del 1944. Combattimenti anche allarma bianca; tante le vittime anche tra la popolazione. Angosce e speranze per la ricostruzione di un mondo libero. Piero Altieri

Niki Lauda e James Hunt. Il computer e lo schianto. Due piloti, due amici e due filosofie di vita e di corsa. Da una parte Lauda, pilota che calcolava ogni cosa e non ammetteva ci potesse essere pi del 20 per cento di rischio ogni volta che affrontava una gara. Dallaltra il bello dedito allo slogan donne e motori, al volante per guardare la morte in faccia e ingannarla ogni volta. Una rivalit che pass alla storia, una storia che culmin nel mondiale del 1976. Quello del maledetto Nrburgring, circuito non a caso ribattezzato il cimitero. Grazie anche al certosino lavoro di Peter Morgan alla sceneggiatura, Rush si dimostra un film realizzato in maniera impeccabile. Per rendere le immagini con un gusto retr, la fotografia sceglie giustamente colori poco saturi e grana grossa. Ma non manca il meglio dello stile moderno: primi piani ravvicinatissimi, videocamere dentro il casco, immagini mosse durante le corse per rendere la velocit. Un difetto invece nello stile tipico di Ron Howard: ci che infatti rende il film molto buono e non eccezionale lirritante tendenza di Howard a prendere per mano lo spettatore, mostrargli ogni cosa, incatenare tutto in un manicheismo tagliato con laccetta, e insistere sul rendere i personaggi delle macchiette di se stessi. Lauda e Hunt, nelle intenzioni del film (che non ha interesse a raccontare la storia, ma solo a trasfigurarla nel mito) non sono uomini, sono Ragione e Sentimento, una dialettica logica prima che umana, e Howard sembra centrare ogni sua soluzione su questopposizione, con molta meno fantasia della sua sceneggiatura. Ma il film, nonostante la tendenza didascalica di Howard, vince. Contro se stesso e contro il suo stesso regista. Non forza la mano, impedisce di parteggiare per un pilota o per laltro, trasformando via via quella forte, sana contrapposizione in qualcosa di pi grande, un apparentemente inspiegabile senso di stima e rispetto reciproci che, a posteriori, donano al film e alla storia stessa una prospettiva nuova: non un film sullo sport, bens sullo spirito sportivo di due fuoriclasse, poco adatti a intendere la vita come due comuni mortali. Da dimenticare invece il dialogone finale. Ancora una volta il buon Howard non ci sta a far crescere il suo pubblico, e vuole spiegare tutto a parole: si tireranno le somme di tutto e si chiariranno intenti e volont dellopera, rileggendo (fuori tempo massimo) tutta la storia. Si tratta comunque di intrattenimento di alto livello, in cui lo sport riesce a diventare la metafora di scelte di vita diverse, ma in definitiva non contrapposte in modo banale. Un percorso in cui ognuno dei personaggi pi che cambiare finisce per conoscersi meglio e accettare ci che , riuscendo con ci a compiere la propria parabola di vita e di sport.

alla libreria cattolica SAN GIOVANNI via Isei 15, Cesena (tel. 0547 29654)
DIO SCRIVE DRITTO. LAVVENTURA UMANA E SPIRITUALE DI UN CARDINALE
Angelo Comastri con Saverio Gaeta Ed. San Paolo, 2012 (16 euro) La San Paolo ha pubblicato il libro Dio scrive dritto. Lavventura umana e spirituale di un cardinale, dove monsignor Angelo Comastri, vicario generale del Papa per la Citt del Vaticano, stimolato dalla curiosit di Saverio Gaeta, caporedattore del settimanale Famiglia Cristiana, ha raccontato la propria vita. Scrive nella prefazione il cardinale per spiegare il titolo: Nel concerto della vita io ho prodotto certamente tante stonature; ma Dio, con la sua paziente e sconfinata misericordia, riuscito a produrre larmonia. Quello che il cardinale mette in evidenza il suo rapporto con Dio, aiutato a crescere da persone veramente significative per la sua esperienza. Innanzitutto sua madre, che si alzava ogni mattina molto presto per andare a Messa; da bambino si era chiesto il perch di questo suo gesto, rispondendo: Ed elaborai la mia conclusione: Se la mamma dice che non pu vivere senza Dio, allora significa che Dio veramente importante. E se importante per la mia mamma, deve essere importante anche per me. stata questa la certezza che ha guidato tutta la mia esistenza e lo confesso ad alta voce stata la mia mamma, con la sua fede semplice e concreta, a far nascere dentro di me le prime domande religiose, che poi sono diventate la segnaletica del cammino di tutta la mia vita. Dellincontro a Roma con Madre Teresa di Calcutta, da lui ricercato nel 1969 quando era un giovane prete per una benedizione, scrive: Rivedo il volto di Madre Teresa, che improvvisamente diventa serio e poi con parole ferme mi dice: E tu credi che io potrei fare la carit, se non chiedessi ogni giorno a Ges di riempirmi il suo cuore? E tu credi che io potrei camminare per le strade e cercare i poveri, se Ges non mi mettesse dentro lanima il fuoco della sua carit?. Mi sentii tanto piccolo e guardai Madre Teresa con profonda ammirazione e con il desiderio sincero di entrare nel mistero della sua anima piena di Dio. Quasi sillabando le parole, ella aggiunse: Leggi bene il Vangelo e vedrai che Ges, per la preghiera, sacrificava anche la carit. E sai perch? Per insegnarci che, senza Dio, siamo troppo poveri per potere aiutare i poveri!. Anche nella sofferenza lamore per Dio non lha mai abbandonato, come testimonia questo piccolo brano della lettera che il 3 marzo 1994 ha scritto agli abitanti della diocesi di Massa MarittimaPiombino in occasione delle sue dimissioni da vescovo per gravi motivi di salute: Sono certo che saprete accogliere serenamente questa mia decisione e saprete capirla. Del resto, il pastore deve sempre sacrificarsi per il bene del suo gregge e deve ricordarsi che nessuno necessario: necessario solo il Signore, che la meta del nostro cammino e la lampada che illumina i nostri passi e, soprattutto, lAmore che salda con la sua vita la nostra povera vita. Come si vede dai brani riportati, la testimonianza contenuta in questo libro pu veramente essere utile a chiunque per affrontare con seriet la propria fatica quotidiana, con la certezza che Dio non abbandona mai nessuno.

20

Gioved 26 settembre 2013

Cesena & Comprensorio


Cesena
Coppa Francesco
"Siate veri atleti di Cristo! Giocate nella sua squadra!": questo lo slogan della Coppa Francesco, il torneo misto di calcio a 7, pallavolo, biliardino e ping pong che la parrocchia di Ronta e San Martino ha proposto a giovani e giovanissimi, in particolare ai partecipanti al Trofeo Benedetto. La Coppa Francesco inizier sabato 28 settembre alle 15,30 ed entro la giornata saranno disputate tutte le partite in

Cesena flash
Continua Macfrut
La era Macfrut continua no a venerd 27 presso gli spazi di Cesena Fiera a Pievesestina. In mostra tutto quanto concerte frutta e verdura. tanti i convegni di approfondimento.

Personale di Carlo Cola


La galleria comunale darte a Palazzo del Ridotto ospiter dal 28 settembre al 27 ottobre la mostra di Carlo Cola. Orari di visita: marted dalle 16,30 alle 19,30; mercoled e domenica dalle 10 alle 12,30 e dalle 16,30 alle 19,30; venerd e sabato dalle 10 alle 12,30 e dalle 16,30 alle 23.

programma ad eccezione della nale di calcio a 7 che si terr allinterno della festa parrocchiale di San Martino domenica 6 ottobre. Conclusi gli scontri in campo, i ragazzi ascolteranno la testimonianza sulla fede nello sport del giovane allenatore Marco Candalise. A seguire, cena insieme con serata di condivisione.

Cesena

Lezioni allUte

Al via il 26esimo anno accademico dellUniversit della terza et a cura della Fnp Cisl di Cesena. Venerd 27 alle 15,30 nella sala Fantini di via Renato Serra, lezione di don Dante Piraccini. Marted 1 ottobre alle 15,30 nella sala Fantini Giorgio Biondi tratter largomento "Quella italiana una scuola equa e inclusiva?".

Sogliano

Sagra de savor

Cesena

Festa del latte


La Centrale del Latte, sita in via Violone a Martorano, organizza per domenica 29 settembre la tradizionale festa. A partire dalle 15 musica tradizionale, degustazione di prodotti, giochi e spazio bambini. Il ricavato sar donato in benecenza.

Cesena

Puliamo il mondo
Il Quartiere al Mare di Cesena, in occasione del grande appuntamento di volontariato ambientale Puliamo il Mondo promosso da Legambiente, invita la cittadinanza a partecipare a un momento di pulizia insieme sabato 28 settembre al parco della Casa Rossa di Ponte Pietra alle 14. Materiale e guanti per la raccolta saranno messi a disposizione dal Quartiere stesso. Per informazioni: www.quartierealmare.it o iscriversi alla pagina facebook.

Natura e scienza
Al museo di Scienze naturali avr luogo una serie di conferenze e laboratori sul rapporto tra natura e scienza, promossa dallassociazione ViaTerrea. Gioved 26 settembre alle 21 Giancarlo Marconi presenter il libro "Flora della pianura padana e dellappennino settentrionale. Gioved 3 ottobre Fabio Semprini parler sul tema "I nostri ori di campo dal mare alla montagna".

Avr luogo a Montegelli la 25esima sagra de savor. Gioved 26 settembre alle 20 santa Messa e processione. Venerd 27 dalle 21 corrida per dilettanti. Sabato 28 serata danzante e fuochi darticio. Domenica 29 alle 10 e alle 16 santa Messa nella festa della Madonna del rosario. Si potranno degustare le specialit: savor, mastiaz, saba, marmellate.

Lezioni di archeologia
Maria Grazia Maioli, marted 1 ottobre alle 17 nella sala "Luigi Einaudi" della Banca popolare Emilia Romagna in corso Sozzi, tratter il tema "La citt e il territorio in epoca romana repubblicana".

Monumenti aperti grazie alle Giornate europee del patrimonio

Nel territorio tanti i tesori da visitare


Lultimo week end di settembre sono di scena le Giornate europee del patrimonio. Per loccasione a Cesena viene restituito al pubblico un notevole esempio di architettura e arte del XVIII secolo: il salone e la loggia di Palazzo Ghini. Orari: sabato e domenica 10-12 e 16-19. Il museo Musicalia di strumenti meccanici, allinterno di Villa Silvia, partecipa alle celebrazioni dellanno verdiano con un insolito concerto, sabato alle 21 (prenotazione obbligatoria, tel. 0547.323425). Il Corpo bandistico di Biassono, diretto dal maestro Graziano Sanvito, con le voci soliste di Maria Bellavia e Carlo Marchesini, si esibir in alcune delle pi famose arie verdiane e verr eseguito in anteprima assoluta il Valzer in Fa per organetto di Barberia e Banda, nella trascrizione e nellarrangiamento curati dallorganista Marco Giannotto. Sempre sabato si terr al museo la mostra-scambio degli strumenti musicali meccanici, grammofoni, radio e dischi 78, 33 e 45 giri (orari 9-12 e 15-19) con inaugurazione, alle 11, di uno strumento musicale meccanico (1815-1900) recentemente acquisito nelle collezioni museali e oggetto di un importante restauro. A Sarsina apertura straordinaria del museo archeologico (dalle 8.30 alle 18, sabato a ingresso gratuito) con visite guidate a cura di Tamara Bosi, Stefania Perini, Maria Teresa e Piergiorgio Pelliccioni (sabato alle 16.30, domenica alle 10 e 16.30) dal tema Sarsina: romanit di un municipium ancora oggi europeo. A Longiano sabato si inaugura la mostra Giovanni Tamburelli - nel disordine delle cose - sculture, tappeti, acquerelli. Lesposizione, aperta fino al 24 novembre e curata dalla Fondazione Tito Balestra, allestita allesterno e interno del castello malatestiano e nelladiacente ex chiesa Madonna di Loreto e ripercorre la poetica dellimmaginario dellartista. A Ponte Ospedaletto di Longiano nel pomeriggio di domenica (15-19) apre al pubblico il Museo italiano della ghisa con possibilit di visite guidate e alle 17.30 breve presentazione sul tema La ghisa nelle citt. A Bagno di Romagna lIdro Ecomuseo delle acque di Ridracoli organizza sabato Bramiti al tramonto: trekking notturno alla scoperta della fauna del Parco nazionale delle foreste casentinesi, dedicato allascolto dei suggestivi bramiti del re delle foreste, il cervo. Il percorso, della lunghezza di 12 chilometri, avr una durata di 6 ore, con ritrovo alle 18 (prenotazione obbligatoria, tel. 0543.917912). Fs

Mostra allex Pescheria


"Figure dal 2000 al 2013: le urla del silenzio" il titolo della mostra di Giuseppe Giannini alla galleria Pescheria da venerd 27 settembre al 13 ottobre.

Ad alta voce
Far tappa a Cesena, gioved 26 settembre, la rassegna "Ad alta voce" a cura di Coop Adriatica. Dopo gli incontri nella mattinata alla casa protetta "Nuovo Roverella" e poi alla Biblioteca malatestiana per gli studenti, al teatro Verdi alle 20,30 leggeranno Franco Costantini, Alberto Nerazzini, Giovanni Tizian. Parteciper Lella Costa. Musiche di Angela Baraldi e Massimo Zamboni.

Film e spettacolo
Al cineteatro Victor di San Vittore, gioved 26 e venerd 27 settembre alle 21 sar in visione il lm di Baz Luhrmann "Il grande Gatsby" e marted 1 ottobre sar proiettato "Tutti pazzi per Rose" di Regis Roinsard. Ingresso 3,50 euro.

Gatteo

Cantarelle in piazza
Protagonista lantico dolce romagnolo, la Cantarella, in piazza della Libert a Gatteo a Mare da venerd 27 a domenica 29 settembre con replica da venerd 4 a domenica 6 ottobre. Novit culinaria 2013 le rane in umido. Nel ricco programma sono previsti spettacoli comici, concerti, danza e animazione per i bambini. Lingresso libero.

Sarsina

Convegno plautino
Si svolger al centro studi plautini il convegno sulla commedia "Rudens", sabato 28 settembre dalle 11.Interverranno il sindaco Luigino Mengaccini, Rosario Lopez Gregoris dellUniversit di Madrid, Marianna Calabretta dellUniversit di Napoli, Renato Raffaelli e Isabella Valeri dellUniversit di Urbino. Il simposio a cura di Comune, Universit di Urbino, Centro plautino, Centro internazionale di studi plautini di Urbino, Rotary club e Bcc di Sarsina. Nella sala saranno esposte sculture dellartista cesenate Nives Guazzarini.

Sarsina

Rifugio di Castellaccio
Dopo la Messa delle 10 a Sorbano per le vittime delleccidio nazista del 1943 e la deposizione di una corona al cippo commemorativo, sabato 28 settembre alle 16 si svolger linaugurazione del rifugio/bivacco di Castellaccio a Montalto. Poi maccheronata a cura della Pro loco. Partenza alle 14,30 da piazza Plauto (5 km a piedi).

Bellezza e parole
Tre giorni di libri con incontri al Palazzo del Ridotto, alla Biblioteca malatestiana, alla Rocca e al centro San Biagio dalle 18,30 di venerd 27 nella sala ex palestra alle 18,30 di domenica 29 settembre.

Bagno di Romagna
Concerto
Il Konzert Trio formato da Maria Claudia Bergantin, soprano, Massimo Pauselli al clarinetto, Barbara Mazzolani al pianoforte e la schola cantorum con voci bianche "Santa Maria Nascente" terranno un concerto domenica 29 settembre alle 21 nella basilica di Santa Maria Assunta. Lingresso gratuito.

Cesena | A Santiago in mountain bike


A Santiago de Compostela in mountain bike. E lesperienza di due bikers cesenati, Maurizio e Lucia, membri del gruppo dei Lupi Tosti, frangia del Cai che predilige le uscite in bici. Hanno percorso, dal 23 agosto al 7 settembre, pi di 800 kilometri su due ruote, da St. Jean Pied de Port, in Francia a ridosso dei Pirenei, fino a Santiago spingendosi sino a Finisterre, sullOceano.Tanta soddisfazione per il traguardo raggiunto dopo tanta fatica e nonostante linconveniente del furto di una bici a Santo Domingo de la Calzada. Lucia ha rimediato affittando una bike lungo il percorso e riuscendo tenacemente, poich priva anche del proprio bagaglio, a concludere il Cammino.

Longiano
Pace e solidariet
Si svolger sabato 28 settembre la seconda edizione di "Longiano per la pace. Incontri tra popoli, religioni, culture". La manifestazione, organizzata dal Comune di Longiano con la collaborazione delle associazioni di volontariato del territorio, avr il suo centro nella "passeggiata pacica" da piazza Tre Martiri alla chiesa di San Lorenzo in Scanno (percorso di 4 chilometri a cura del Cai di Cesena) . La partenza dal capoluogo prevista per le 15,30 e larrivo a San Lorenzo per le 17. Nella frazione longianese ci sar un momento musicale. Alle 18 prevista la partenza per il rientro a Longiano. La giornata si chiuder alle 20 in piazza San Girolamo, dove si terr una "cena solidale" con specialit multietniche. Il ricavato della cena sar devoluto alle Caritas di Longiano, Crocetta e Budrio. In caso di maltempo sar annullata la sola camminata. Mv

Mostre prorogate
Chiuder domenica 29 settembre la mostra "Dal ferro allarte", opere di Roberto Giordani e Giovanni Martini esposte nel borgo e al Palazzo del Capitano. Visite gioved e venerd dalle 20,30 alle 22; sabato dalle 16 alle 18 e dalle 20,30 alle 22; domenica dalle 10 alle 12 e dalle 16 alle 18. Rester aperta no al 15 ottobre alloratorio del Carmine la mostra sulliconograa camaldolese, promossa dalla parrocchia, il mercoled, venerd e la domenica dalle 16,30 alle 18,30 e dalle 20,30 alle 22,30.

Sport

Gioved 26 settembre 2013

21

Il Cesena gioca in posticipo luned sera con il Pescara


aggiunto per centrare obiettivi prestigiosi. Lavversario di turno si chiama Pescara: la formazione biancazzurra reduce da una retrocessione che ancora brucia, ma vuole ripartire dalla B con tanta voglia di far bene, e perch no, con lambizione di tagliare traguardi importanti gi da questanno. Sul campo per, la serie B terreno duro per tutti, lequilibrio regna sovrano e tutti possono perdere o vincere contro chiunque. Ne sa qualcosa proprio la squadra abruzzese che durante le prime 5 giornate ha raccolto solo 5 punti facendosi battere in casa dal Bari sabato scorso. Un sabato che ha invece portato bene ai colori bianconeri di Romagna: un Cesena brillante ha avuto la meglio su una matricola come il Carpi per 4-1 grazie a un autogol, una rete di DAlessandro e una doppietta del ritrovato bomber Succi. Sterile la prestazione degli emiliani allenati da Stefano Vecchi, capaci solo di andare il gol all87 sul 3-0 romagnolo. La settima giornata di campionato contro il Pescara al Manuzzi, sar lantipasto di un altro match casalingo che vedr impegnato il Cesena il 5 ottobre contro il Siena. Pur giocando di fronte a due fresche retrocesse dalla serie A, loccasione ghiotta per i bianconeri per spiccare il volo di fronte al pubblico amico. Eric Malatesta

Sabato 28
Apre una scuola di mountain bike
Una scuola di ciclismo fuoristrada nelle colline del Cesenate. Liniziativa di Gabriele Pieri, che coordina le attivit di Villa Pieri, ed Erio Briccolani, istruttore di questa disciplina. Sabato 28 settembre, dalle 15, tutti i bambini e i ragazzini affascinati dal mondo delle mountain bike (mtb) potranno salire in via Garampa 4700, a Montecodruzzo (Roncofreddo), e cimentarsi nella prima lezione gratuita. "Grazie alla disponibilit di Villa Pieri spiega Briccolani - apriremo una

I giocatori esultano dopo la vittoria col Carpi (Pippofoto)

l campionato di serie B procede a ritmo incalzante per il Cesena. Dopo la vittoria di sabato scorso col Carpi e la trasferta di marted sera a Trapani, il cavalluccio marino si prepara ancora alle luci del "monday night". Come gi avvenuto in occasione della prima gara di questa stagione, il Cesena torna infatti a riaccendere il Manuzzi di luned sera: questa volta contro il Pescara il 30 settembre alle 20,30.

Vittoria netta col Carpi Cesena in buone acque I

Un test importante quello contro gli abruzzesi che dir parecchio sulle aspettative di questo Cesena. Un Cesena altalenante durante lavvio di campionato, che cerca ora conferme perch sa di potersela giocare anche nei piani alti della classifica. La squadra allenata da mister Bisoli un buon mix di giocatori esperti, giovani e di alcune scommesse, che in un torneo lungo come quello cadetto possono essere il valore

Al Panathlon parlando della Clinica mobile

I medici del motomondiale


Vi un mondo parallelo al motociclismo: oltre ai team vi sono medici che assistono i piloti nelle loro non rare cadute, spesso con conseguenze importanti. Di questo si parlato la scorsa settimana al ristorante Cerina in occasione della conviviale del Panathlon Club di Cesena. Ospiti della serata Michele Macchiagodena direttore medico della moto GP, Paolo Razzaboni medico della clinica mobile e Marcellino Lucchi ex pilota e collaudatore, originario di San Vittore. La clinica mobile costituita quasi 40 anni fa allinterno di una ambulanza, oggi formata da ampi e comodi camion che prestano servizio nelle diverse categorie. "Lultima nata la clinica mobile 5 - ha spiegato Razzaboni, dirigente di ortopedia al Morgagni di Forl -. Nel 1977 fu creata per salvare la vita ai piloti, mentre oggi serve anche per garantire lintegrit fisica degli atleti. I camion adibiti alla clinica sono dei veri ospedali viaggianti dotati di 6 lettini, una zona accettazione, una stanza di radiologia e una chirurgica. Il dottor Claudio Costa, fondatore della clinica mobile, la definisce ad oggi una clinica trasformata in un mondo sacro che viene utilizzata anche per fisioterapie o trattamenti". Macchiagodena, dirigente medico presso lunit operativa di ortopedia e traumatologia dellospedale Santa Maria della Scaletta di Imola, ha seguito fin dai tempi del liceo la clinica mobile. "Ogni circuito deve garantire un adeguato servizio di soccorso - ha detto costituito da almeno 100 persone e giocano un ruolo importante sia la figura del capo del servizio medico locale che quella del direttore medico che deve fare tesoro della propria esperienza per affrontare le varie situazioni sui circuiti. Ogni caduta viene controllata da una sala regia e codificata in base alla gravit delle conseguenze". Marcellino Lucchi, uno dei primi fruitori della clinica mobile ha concluso: "Sono molto grato a Costa perch durante la mia attivit ho usufruito della clinica mobile non solo per i danni fisici subti, ma anche per qualche parola buona e di incoraggiamento che in certi momenti serve pi di qualsiasi altra cura". Giusy Riciputi

succursale della nostra scuola Staff bike 2000. Lapproccio alla mtb indicato dai 6 anni in su, e non vi poi limite di et. A Montecodruzzo abbiamo allestito un doppio percorso: uno pi semplice dedicato ai bambini e uno pi impegnativo per i grandi". Imparare ad usare la mtb con criterio non immediato. Gli istruttori insegnano a usare il cambio, a come comportarsi in contropendenza, a come affrontare le curve in discesa, a come regolare luso dei freni. "E poi vi tutto il settore - aggiunge listruttore - delle tecniche di equilibrio. Saper rimanere in sella anche nei punti pi impegnativi fondamentale. Inoltre diamo le indicazioni su come affrontare le buche e gli ostacoli, eventi molto frequenti se si va in mtb negli sterrati e nei boschi". Sabato tutti gli interessati sono attesi con la propria bicicletta. Lorganizzazione pu fornire il caschetto protettivo e dare indicazioni su tutta lattrezzatura. Villa Pieri offrir ai partecipanti una merenda. Cr

Calcio serie D

Romagna Centro, vittoria corsara


Il Romagna Centro Martorano ha vinto fuoricasa contro il fanalino di coda Forcoli. Vittoria netta (0-2) grazie alle reti di Drudi (su rigore alla ne del primo tempo) e Roccati (alla ne del secondo tempo). I ragazzi di Filippo Medri hanno dominato la partita imponendo il proprio gioco. Prossima gara, domenica 29, a Formigine, squadra che ha gli stessi punti in classica (6).

22

Gioved 26 settembre 2013

Sport Csi

Pagina a cura del Centro Sportivo Italiano Comitato di Cesena

uarantacinque giovani atleti di livello marted 24 settembre sono stati nominati dal Coni ambasciatori dei valori dello sport tra i giovani. Sono ragazzi e ragazze, dai 15 ai 18 anni, che avranno il difficile e affascinante compito di spiegare ai loro coetanei i veri valori dello sport. Come sono stati scelti questi giovani? Tra tutti quelli che hanno partecipato nel 2013 al Festival della giovent europea invernale (Brasov) ed estivo

CSI NAZIONALE | I giovani gli ambasciatori dei valori sportivi


(Utrecht) indetti dal Cio sono stati scelti quelli che hanno conquistato una medaglia. A loro si chiede di essere campioni non solo sul campo, ma anche e soprattutto nella vita. Sia chiaro, non si tratta di un riconoscimento onorario, poich ciascuno di loro dovr incontrare nella propria citt coetanei delle scuole e degli oratori per spiegare loro cosa di buono lo sport pu regalare nella vita, al di l delle vittorie e delle sconfitte. Dietro unazione come questa ci sono la volont e la speranza di crescere generazioni di campioni di domani capaci di avere nel loro Dna il desiderio di essere esempio e modello positivo per tutti. I neo ambasciatori vivranno qualcosa di indimenticabile. Non nascondiamo due soddisfazioni particolari. La prima: dietro questa idea c lo zampino del Csi, che non ha fatto fatica a pensare a una novit del genere. La seconda: insieme ai ragazzi che hanno vinto a Brasov e Utrecht sono stati premiati come ambasciatori

anche i ragazzi e le ragazze del Csi che questestate sono stati ad Haiti, nellambito dellesperienza di condivisione internazionale promossa dal Centro Sportivo Italiano. Anche a loro sar chiesto di diventare ambasciatori dello sport tra i giovani perch lesperienza vissuta parla da sola. solo il primo passo. Nel 2014 ogni Federazione potrebbe scegliere tra i suoi atleti dai 15 ai 18 anni il proprio ambasciatore dello sport tra i giovani.

Iscrizioni ancora aperte per le varie categorie. Decine le squadre partecipanti

I tornei sono rivolti a ragazzi e ragazze nati tra il 1998 e il 2006

TORNEO CALCIO DILETTANTI


Con il mese di settembre ha avuto inizio il campionato di calcio riservato alla categoria dilettanti e giunto alla sua 44esima edizione edizione. Si tratta di una delle pi importanti competizioni calcistiche amatoriali della Romagna, visto il livello delle squadre partecipanti e la loro provenienza. Le 39 compagini iscritte hanno dato vita a tre raggruppamenti di 13 formazioni cadauno: nella serie Eccellenza, da cui uscir a ne stagione la societ vincitrice del titolo di campione provinciale, vede ai nastri di partenza la Pol. Sala, campione uscente, che ha dominato la scena nelle ultime quattro edizioni, Climagas Ponte Pietra, A.S. Badia Pizzeria Da Lillo, Pol. Sidermec, Pol. Boschetto, Rubicone Calisese, Pol.Cesuola, Diegaro Cantina Sociale, San Mauro in Valle Impresa Edile Benedettini, Us Capannaguzzo, Us Mercatese, Pol. Forza Vigne e San Cristoforo Nonsolobar. Per quanto concerne la serie A, che prevede al termine del campionato promozioni nella serie Eccellenza e retrocessioni in serie B, da registrare la presenza del Gs Pioppa, Ideal Sport Bulgaria, Valle 86, Pol. Bulgarn Unica Energia, Montaletto-Villa Inferno, Pol. Forza Vigne, Pol. 2000 Calcio, Refugium Corpol, Ac Fiumicinese, Pol. Il Compito, Asics Cannucceto, Cesena Over 35 e Real Pinarella Bar Times. Per quel che riguarda inne la serie B, che contempla a ne stagione solo promozioni in serie A, le squadre partecipanti sono Gs Cella, Real Budrio 2007, Acquapartita Calcio, Cosmoonda Quarto, Fg Piadina & Sangiovese, Pieve Cu29 Lattoneria, Pol. Sala, Real Cesena, Pol. San Carlo, Quartiere Cesare, Mastri Wollas San Piero, S.S. Body Art e Edilcasanova Montecastello.

Calcio, fischio dinizio dei campionati giovanili


urante la riunione dei dirigenti del 9 settembre sono state stabilite le seguenti norme per partecipare ai campionati di calcio giovanile indetti dal comitato cesenate del Csi. Per quanto concerne la competizione riservata alla categoria Primi calciUnder 8, ogni squadra potr scendere in campo con 5 giocatori (nati nel 2006/07) con la possibilit di giocare sino a 8, previ accordi tra i due dirigenti prima dellinizio della gara, da comunicare allarbitro. Larbitro autorizzato, qualora i dirigenti non siano daccordo, a disputare la gara con solo 5 giocatori; ciascuna gara sar di due tempi da 20 minuti cadauno, i cambi volanti (tipo calcio a 5) e non si attuer il fuorigioco. Per il momento risultano iscritte sei formazioni: lUsd San Marco, la Pol. Osservanza, il Ronta Fc, la Virtus Cesena, la Pol. Sala e la Pol. Forza Vigne. Per il campionato rivolto alla categoria Scuola calcio-Under 10 ogni societ schierer 8 giocatori (nati nel 2004/05,

con leventualit di inserire un fuoriquota in elenco, nato nel 2003) con la possibilit di giocare sino a 11 giocatori, previ accordi tra i due dirigenti, prima dellinizio della gara da comunicare allarbitro. Per le altre norme vale quanto stabilito per il campionato Under 8. Sino a ora hanno aderito 13 societ: il Bakia 2008, la Ccs Granata, lUsd San Marco, la Pol. Osservanza, il Ronta Fc, la Pol. Longianese, la Virtus Cesena, il Roncofreddo, la Pol. Sala, la Pol. Forza Vigne, il Rubicone Calisese, la Pol. 5 Cerchi e il Gs Ponte Pietra. Nella competizione riservata alla categoria Pulcini-Under 12 ciascuna compagine giocher con 8 giocatori (nati nel 2002/03, con leventualit di schierare due fuoriquota nati nel 2001) con la possibilit di giocare sino a 11 giocatori, previ accordi tra i due dirigenti. I tempi saranno due da 25 minuti cadauno, i cambi volanti e non si applicher la regola del fuorigioco. Per il momento risultano partecipare 12 compagini: Usd San Marco A e B, Pol. Osservanza, Ronta Fc, Pol.

Longianese, Virtus Cesena, Roncofreddo, Pol. Sala, Pol. Forza Vigne, Rubicone Calisese, Pol. Soglianese e Asd San Mauro Pascoli. Per quel che riguarda il campionato Esordienti-Under 14, prevista per ogni societ partecipante una formazione di 8 giocatori (nati nel 2000/01, con leventualit di schierare due fuoriquota nati nel 1999) con la possibilit di giocare sino a 11 giocatori. I due tempi avranno la durata di 30 minuti cadauno e le altre norme sono quelle previste nelle altre categorie. Luso dei parastinchi obbligatorio, pertanto latleta privo di tale equipaggiamento non potr prendere parte alla gara. Sino a ora sono iscritte 13 compagini: Ccs Granata, Usd San Marco, Pol. Osservanza, Ronta Fc, Virtus Cesena, Roncofreddo, Pol. Forza Vigne, Rubicone Calisese, Pol. 5 Cerchi, Borghigiana, Savignanese, Vallesavio e Asd San Mauro Pascoli. Nel campionato rivolto alla categoria Giovanissimi-Under 16 ogni societ far scendere in campo 7 giocatori (nati nel 1998/99, con leventualitdi

schierare due fuoriquota nati nel 1997), mentre per le altre norme si fa riferimento al campionato Esordienti. Per il momento hanno dato la loro adesione tre societ: Ccs Granata, Pol. Osservanza e Savignanese. Resta ancora da definire il discorso relativo a campionato riservato alla categoria Allievi, dove sono previste squadre con 7 giocatori nati nel 1998/99. Infine, in tutte le categorie stato deciso che possono partecipare, senza essere considerate fuori quota le atlete di sesso femminile con un anno in pi rispetto agli atleti di sesso maschile.

Csi story | Il Centro sportivo di ieri e di oggi

ANNIVERSARIO

La foto storica di questa settimana relativa alla formazione della Pol. Sala, che ha partecipato al campionato di calcio Dilettanti nella stagione sportiva 2004-2005.

In ricordo dellamico

GIOVANNI PIERI Franz


fondatore della Pol. Forza Vigne e consigliere provinciale Csi Cesena Sono passati 23 anni da quel 23 settembre troppo triste per noi. Siamo certi che vivi ancora pi che mai nel cuore di chi ti ha voluto bene. I familiari e gli amici

Pagina Aperta

Gioved 26 settembre 2013

23

Il direttore risponde
Date e vi sar dato laugurio rivolto ai sacerdoti del Preziosissimo Sangue ora in Valle Savio

LOcchio indiscreto

arissimo direttore, un fraterno saluto a lei e a tutti i lettori del Corriere Cesenate dalla citt eterna. da parecchio tempo che non vi scrivo, credo dai tempi in cui ero responsabile del progetto Radio Maria in Africa, ma nonostante questo lungo silenzio continuo a ricevere e a leggere con gioia il vostro giornale che mi mantiene sempre unito alla mia diocesi e al mio vescovo. Io sto molto bene e dopo essere rientrato definitivamente dalla Tanzania ora studio Teologia, in vista del sacerdozio, qui a Roma presso lUniversit Gregoriana come seminarista della Congregazione dei Missionari del Preziosissimo Sangue della provincia Italiana (che come ben sapete sono i missionari che a Cesena risiedono presso la chiesa dei Servi). Vorrei tramite questa lettera far arrivare il mio personale ringraziamento a don Gabriele Foschi e a tutti i parrocchiani di SantEgidio, mia parrocchia di origine, per la generosa e grande opera che hanno fatto per quasi un anno con i miei confratelli missionari provenienti dalla Tanzania. Grazie a tutti di cuore. stato ammirevole vedere come li

hanno accolti e accompagnati, introdotti e progressivamente responsabilizzati nel servizio pastorale. Dio solo sa i sacrifici che avete fatto e ve ne renda merito. Ho vissuto per tanti anni nella nostra missione in Tanzania e anche se ora essa autonoma dai missionari italiani, va ovviamente da s che tutti siamo sempre uniti nella grande famiglia di figli di San Gaspare del Bufalo per cui anchio vorrei augurare ai carissimi padre Adolph, padre Israel e padre Rafael un fecondo ministero in quel di Selvapiana-Acquapartita e Valgianna. Confido molto che possano trasmettere ai fedeli delle parrocchie a loro affidate quanto a SantEgidio hanno ricevuto e sperimentato, perch come ci ricorda Cristo: Date e vi sar dato (Lc. 6,38 ). Un devotissimo saluto anche a monsignor vescovo, nella viva speranza di potermi unire a voi tutti qui a Roma durante il pellegrinaggio che la Diocesi far alla cattedra di Pietro, il prossimo 19 ottobre. Sempre vicino nella preghiera e un cordiale saluto, o meglio, come si dice tra noi missionari del Prez.mo Sangue: Sempre uniti nel Sangue di Cristo, Alessandro Manzi seminario maggiore dei missionari del Preziosissimo Sangue, Roma Carissimo Alessandro, mille grazie per la sua appassionata lettera e per lattenzione che dedica alla lettura del Corriere Cesenate. Grazie per la sua testimonianza, per la vicinanza ai sacerdoti in prestito alla parrocchia di SantEgidio, a Cesena, ora inviati dal vescovo in Alta Valle del Savio. In bocca al lupo per i suoi studi e per la strada intrapresa con i Missionari del Preziosissimo Sangue, con laugurio di mettersi sempre alla ricerca del percorso che risponde appieno alla chiamata del Signore. Arrivederci al pellegrinaggio diocesano a Roma, sabato 19 ottobre. Cordialissimi saluti. Francesco Zanotti zanotti@corrierecesenate.it pubblico volentieri le vostre affettuose parole di sostegno a don Firmin. Non mi sembra il caso di aggiungere altro, se non che il gesto compiuto verso il vostro e nostro sacerdote non assolutamente qualificabile. Vogliamo pensare a una ragazzata o a poco di pi. In ogni caso, e ogni giorno, preghiamo anche per chi si rende protagonista, nelloscurit, di azioni che non meritano altro nostro spazio. Per il resto sono convinto che la porta della parrocchia sia sempre aperta a tutti. Speriamo bene. Fz

Aria nuova ai locali... allinsegna del Corriere Cesenate. Il Caff Cristina di via Manfredi (a Cesena, allangolo con le vie Padre Vicinio da Sarsina e Cavallotti) si prepara ad una nuova gestione. E, a quanto pare, i nuovi gestori devono essere fedeli abbonati del Corriere Cesenate: la vetrina del bar stata tappezzata di vecchie pagine del settimanale (ma non del numero corrente, che immaginiamo ben custodito dagli stessi).
cesenati lamore per la Patria e per la vita, e un significato per lesistenza. Da questo punto di vista riteniamo che monsignor Lino Mancini, per lunghi anni insegnante di religione al Liceo Classico Monti di Cesena, e di cui la citt ha ricordato lo scorso anno il decennale della morte, sia stato un grande educatore e testimone delle virt civili, culturali e religiose del nostro popolo. Per questo siamo convinti che il ricordo del suo insegnamento e della sua azione nella nostra citt vada ricordato attraverso l'intitolazione di una scuola nel comune di Cesena. A tal fine abbiamo presentato un ordine del giorno per il prossimo Consiglio Comunale, sul quale chiederemo l'appoggio di tutti i gruppi consiliari. Cordiali saluti Riccardo Cappelli capogruppo Pdl (Cesena) Egregio Cappelli, noto con piacere che lei d seguito alla lettera dellavvocato Spinelli sostenuta anche dalla senatrice Laura Bianconi - pubblicata sul Corriere Cesenate della scorsa settimana. Spinelli ha allargato lorizzonte e ha formulato unaltra proposta che si aggiunge a quella dellonorevole Lattuca che indicava Oddo Biasini, gi ministro e sottosegretario della Repubblica, quale personalit cui intitolare una scuola di Cesena. Don Lino Mancini ha educato generazioni di cesenati, sia come insegnante sia come sacerdote. Un autentico maestro riconosciuto da tutti. Le due proposte non sono in alternativa. Si integrano di certo. Il sindaco Lucchi, assieme allassessore Baredi, ha indicato il percorso per arrivare allintitolazione, precisando che di norma richiesto che siano trascorsi dieci anni dalla morte della personalit prescelta, a meno che non si tratti di personaggi illustri tali da ricevere una deroga alla legge. Ma poi aggiunge non abbiamo dubbi sul fatto che lonorevole Biasini appartenga a questa schiera. Ora tocca alle scuole la prima parola. Il dibattito ben avviato e le personalit di spessore, da indicare alle nuove leve, non mancano. Andiamo avanti col confronto. Cordialit. Fz

DA SINISTRA, DON RAFAEL, DON ADOLPH E DON ISRAEL, SACERDOTI TANZANIANI DEL PREZIOSISSIMO SANGUE, DA DOMENICA 22 SETTEMBRE A SERVIZIO DELLA COMUNIT DI SELVAPIANA-ACQUAPARTITA-VALGIANNA

Un gesto inqualificabile ai danni di don Firmin


Caro direttore, in relazione allatto vandalico avvenuto nei giorni scorsi, la comunit parrocchiale di San Domenico di Cesena desidera esprimere la sua vicinanza al parroco don Firmin, da tutti noi stimato e che da quasi due anni presta servizio con grande dedizione e impegno allinterno della nostra comunit. Persona sempre disponibile, capace di aprire il cuore delle persone con il sorriso della fede. Siamo profondamente dispiaciuti per il disagio che stai provando, ma sappi, Don, che non sei solo!. Il percorso di fede che insieme a te stiamo facendo ci fortifica, ci unisce e ci rende partecipi a questo tuo momento di sconforto. Una preghiera per linfausto accadimento. Un abbraccio da parte di tutti noi. La comunit parrocchiale San Domenico (Cesena) Carissimi amici della parrocchia di San Domenico,

Intitoliamo una scuola a don Lino Mancini


Caro direttore, oggi leducazione il principale strumento per dare vita ad una nuova generazione di uomini e donne in grado di operare per il bene comune nel nostro paese e nella nostra citt. Per questo riteniamo sia particolarmente utile ricordare i Maestri che hanno saputo insegnare a generazioni di giovani

Il diacono Consilio Pistocchi nei ricordi del parroco di Martorano di Cesena

Di casa in casa... con semplicit e discrezione


arted 8 ottobre, nei locali della parrocchia di Martorano alle 21, si terr un incontro per ricordare il diacono Consilio Pistocchi. Di seguito una testimonianza del parroco don Andrea Budelacci.

BRUNA E CONSILIO PISTOCCHI INSIEME A DUE DEI TANTI BAMBINI CHE HANNO ACCOLTO IN AFFIDO

Ci siamo ritrovati in un rapporto tutto particolare, quando, a fine settembre 2009, sono diventato parroco nella mia parrocchia di Martorano. Un diacono e sua moglie, una vera benedizione. Parlare di Consilio praticamente impossibile senza fare riferimento anche alla Bruna, che alla sua mitezza, alla bont e capacit di vedere sempre il positivo delle persone ha saputo dare intuizioni, progettazione, capacit profetica nella carit, che traevano forza dalla sua esperienza di fede provata dalla sofferenza e dalla malattia. Insieme come coppia hanno saputo camminare sulla via della carit, lasciandosi interrogare di volta in volta dalla realt e dando la loro risposta. Il Signore non ha concesso loro la benedizione dei figli, e la loro casa diventata aperta e accogliente. Si sono accostati allesperienza di Don Oreste Benzi e per molti anni diversi bambini e ragazzi, loro affidati, hanno trovato un babbo e una mamma, che li hanno circondati di affetto offrendo una guida sicura. Nella parrocchia ha sempre incarnato il volto della carit. Con la loro casa, divenuto punto di riferimento per tante realt di bisogno, hanno anticipato e mantenuto nel tempo, listituzione della caritas parrocchiale.

Lattenzione alla persona, vissuta con delicatezza e discrezione, lo ha portato piano piano ad essere di casa presso tutte le famiglie del paese. Una battuta per ricordare i vecchi tempi, con gli anziani, una parola di conforto per situazioni difficili, un semplice saluto a volte solo dalla porta. Immancabile lassicurazione del ricordo nella preghiera. Nella sua fede semplice la certezza di non portare se stesso, ma una presenza pi grande e il muoversi da un luogo allaltro come segno della provvidenza che ti guida. Il servizio come Diacono, penso sia stato una semplice continuazione, ma certamente la consacrazione ha avvolto lintera famiglia di un aiuto di grazia straordinario. Dallattenzione alla realt delle donne straniere immigrate per lavoro, che svolgevano insieme come servizio diocesano, certamente nata lintuizione che poi si potuta concretizzare in parrocchia della "Casa Betania" per accogliere queste signore, mamme, mogli, che si trovavano in difficolt per il lavoro e lalloggio. Ne sono stati per molti anni insieme i responsabili e lanima. Conoscevo gi Consilio e la Bruna, il loro impegno per la parrocchia e per la Caritas diocesana, impegno cresciuto nella fede, nella preghiera, nellamore particolare per la Parola; ma arrivando a Martorano nel ruolo di Parroco ho sentito il dono di poter attingere con una coscienza diversa alla loro esperienza. Consilio mi ha accompagnato e intro-

dotto nelle diverse realt parrocchiali con un rispetto e una consapevolezza del mio nuovo ruolo che mi ha lasciato veramente stupito. stato importante insieme a loro guardare al futuro della parrocchia, progettare la crescita delle diverse realt prendendo coscienza delle problematiche. Insieme abbiamo pensato e poi realizzato lampliamento della Casa Betania; insieme abbiamo pensato la realizzazione di una vera sede parrocchiale della Caritas; insieme "sotto il nevone", quando la malattia che aveva bussato anche alla sua vita, gli aveva dato un momento di tregua, abbiamo vissuto la visita alle famiglie per la benedizione pasquale. stato questultimo un momento di particolare grazia per entrambi. Una condivisione del ministero per me ancora pi intensa, che mi aveva fatto rivivere la gioia che io stesso avevo provato nellaffiancare il mio parroco per la prima volta molti anni fa; per Consilio, che gi aveva le porte aperte di tutte le case, stato un coronamento del suo ministero diaconale che gli ha permesso di essere ancora di pi una benedizione per tante famiglie del paese. Cos, di casa in casa con semplicit e discrezione. don Andrea Budelacci

SETTIMANALE DI INFORMAZIONE DELLA DIOCESI DI CESENA-SARSINA

IN OMAGGIO LA LETTERA PASTORALE DEL VESCOVO DOUGLAS


Bonifica: lavori per 7 milioni di euro
C.I.P . - Corso Sozzi 39 - Corriere Cesenate 2013