Sei sulla pagina 1di 28

Esorcismi compiuti da Ges Testimonianze di esorcismi

2 4 Possessione ed esorcismi 7 1. Cos' la possessione? 7 2. Come si manifesta una possessione? 7 3. Nella possessione il demonio s'impossessa anche dell'anima della persona? 8 4. Qual il modo pratico per sapere se una persona posseduta? 8 5. Demoni chiusi e demoniaperti 8 6. Che preghiera si deve recitare per sapere se una persona posseduta? 9 7. Quali sono le cause della possessione? 9 8. Perch il demonio possiede? 9 9. Perch Dio permette che il demonio possegga qualcuno? 10 10. Nell'Antico Testamento ci sono racconti di possessioni? 10 11. Che succede se un posseduto muore prima che il demonio lo abbandoni? 10 12. Un posseduto pu uccidere? 10 13. Che cos' l'esorcismo? 10 14. Durante l'esorcismo il sacerdote fa tutto da solo? 10 15. Prima dell'esorcismo obbligatorio far visitare il soggetto da uno psichiatra? 10 16. Si pu fare l'esorcismo se non c' un sacerdote? 11 17. Che cos' l'infestazione? 11 18. E' vero che il demonio si vendica degli esorcisti? 11 19. E' vero che durante l'esorcismo il demonio rivela i peccati dei presenti? 11 20. Un sacerdote non molto santo pu essere esorcista? 11 21. Gli esorcismi sono praticati solo nella Chiesa cattolica? 11 22. Perch alcuni esorcismi richiedono molto tempo? 12 23. Consigli pratici per l'esorcista 12 24. Colui che stato esorcizzato pu essere posseduto nuovamente? 12 25. Perch nonostante continui esorcismi un demone non abbandona un corpo? 12 26. E' vero che a volte Dio manda un angelo a scacciare il demonio? 12 27. Come si sa quando l'ultimo demone ha abbandonato il corpo? 13 Il rito dellesorcismo 13 Come Satana pu agire 17 I segni che possono rivelare lazione diabolica 17 Come si pu cadere nei disturbi straordinari del demonio? 18 Come ci si pu difendere da questi possibili mali? 19

La magia e Satana
Testimonianze Cosa centra la magia con Satana? Lopinione dellesorcista Don Gabriele Amorth Cosa dice la Chiesa cattolica sulla magia e sulla superstizione

19 19 21 22 23 23 23 24 25 25 27 27 28
1

E possibile comunicare con i defunti?


Testimonianze Che cos' lo Spiritismo Come, secondo gli spiritisti, si pu comunicare con i defunti Lopinione di due esorcisti cattolici La probabilit da parte dei vivi di comunicare con i defunti La possibilit da parte dei defunti di comunicare con i vivi Spiritismo: la posizione ufficiale della Chiesa cattolica

Esorcismi compiuti da Ges


Nei Vangeli
Ges guarisce un indemoniato nella sinagoga (Mc 1,21-28) (Lc 4,31-37) Lindemoniato geraseno (Mc 5,1-20) (Mt 8,28-34) (Lc 8,26-39) Ges esorcizza la figlia di una donna siro-fenicia (Mc 7,24-30) (Mt 15,21-28) Ges guarisce un epilettico indemoniato (Mc 9,14-29) (Mt 17,14-21) (Lc 9,37-43) Ges guarisce un muto indemoniato (Mt 9,32-34) Ges libera un indemoniato cieco e muto (Mt 12,22-32) (Lc 11,14-22) Ges guarisce una donna curva indemoniata (Lc 13,10-17) Notizie sommarie di esorcismi compiuti da Ges durante la sua predicazione (Mc 1,32-34; 1,39; 3,11) (Mt 4,24; 8,16) (Lc 4,41; 6,18)

1. Ges insegna a Cafarnao e guarisce un indemoniato


Andarono a Cafarnao e, entrato proprio di sabato nella sinagoga, Ges si mise ad insegnare. 22 Ed erano stupiti del suo insegnamento, perch insegnava loro come uno che ha autorit e non come gli scribi. 23 Allora un uomo che era nella sinagoga, posseduto da uno spirito immondo, si mise a gridare: 24 Che centri con noi, Ges Nazareno? Sei venuto a rovinarci! Io so chi tu sei: il santo di Dio. 25 E Ges lo sgrid: Taci! Esci da quelluomo. 26 E lo spirito immondo, straziandolo e gridando forte, usc da lui. 27 Tutti furono presi da timore, tanto che si chiedevano a vicenda: Che mai questo? Una dottrina nuova insegnata con autorit. Comanda persino agli spiriti immondi e gli obbediscono! . 28 La sua fama si diffuse subito dovunque nei dintorni della Galilea. (Marco 1,21ss)
21

2. Ges libera lindemoniato geraseno


Poi arrivarono sullaltra riva del lago di Galilea, nella regione dei Geraseni. Ges era appena sceso dalla barca, quando improvvisamente un uomo usc da un cimitero e gli venne incontro. Costui erta tormentato da uno spirito maligno e stava sempre in mezzo alle tombe dei morti. Nessuno riusciva pi a tenerlo legato, neppure con una catena: di fatto, avevano provato diverse volte a mettergli dei ferri ai piedi e delle catene alle mani, ma egli aveva sempre spezzato i ferri e rotto le catene. Nessuno era capace di domarlo. Se ne andava di qua e di l, in mezzo alle tombe e sui monti, di giorno e di notte, urlando e picchiandosi con le pietre. Quando vide Ges da lontano, si avvicin di corsa e si butt in ginocchio davanti a lui. Allora Ges cominci a dire allo spirito maligno di uscire da quelluomo; ma quello si mise a gridare forte: Che vuoi da me, Ges, Figlio del Dio Onnipotente? Ti scongiuro, per Dio, non tormentarmi! Allora Ges domand: Come ti chiami? E quello rispose: Il mio nome moltitudine, perch siamo in molti; e continuava poi a chiedergli di non cacciarli fuori da quella regione. In quel luogo cera un grosso branco di maiali che pascolava vicino alla montagna. Allora gli spiriti maligni chiesero con insistenza a Ges: Mandaci in quei maiali! Lascia che entriamo dentro di loro! Ges lo permise. Gli spiriti maligni uscirono da quelluomo ed entrarono nei maiali. Allora tutti quegli animali, erano circa duemila, si misero a correre gi per la discesa, si precipitarono nel lago e affogarono. I guardiani dei maiali fuggirono e andarono a raccontare il fatto in citt e in campagna. Perci la gente venne a vedere che cosa era accaduto. Quando arrivarono vicino a Ges, videro anche luomo nel quale, prima, cerano molti spiriti maligni: ora egli se ne stava seduto, era vestito e ragionava bene. Ed essi si spaventarono. Quelli che avevano visto il fatto raccontarono ancora agli altri ci che era successo allindemoniato e poi ai maiali. Infine la gente supplic Ges di andarsene via dal loro territorio. Ges sal sulla barca. Luomo guarito continuava a chiedergli di poter stare con lui, ma Ges non voleva. Torna a casa tua gli disse dalla tua famiglia, e racconta agli altri quanto ha fatto per te il Signore che ha avuto piet di te. Luomo allora se ne and via e cominci ad annunziare in tutta la regione delle Dieci Citt quel che Ges aveva fatto per lui; e tutti quelli che lo ascoltavano erano pieni di meraviglia. (Marco 5,1-20)

3. Ges guarisce un epilettico indemoniato


Intanto arrivarono l dove si trovavano gli altri discepoli e li videro circondati da molta gente mentre i maestri della legge stavano discutendo con loro. Quando la gente vide Ges, piena di meraviglia gli corse incontro per salutarlo. Ges domand ai discepoli: Di che cosa state discutendo? Un uomo in mezzo alla gente disse: Maestro, ti ho portato mio figlio perch tormentato da uno spirito maligno che
2

non lo lascia parlare. Quando lo prende, dovunque si trovi, lo getta a terra, e allora il ragazzo comincia a stringere i denti, gli viene la schiuma alla bocca e rimane rigido. Ho chiesto ai tuoi discepoli di scacciare questo spirito, ma non ci sono riusciti. Allora Ges replic: Gente senza fede! Fino a quando rester ancora con voi? Per quanto tempo dovr sopportarvi? Portatemi il ragazzo! Glielo portarono, ma quando lo spirito vide Ges, subito cominci a scuotere il ragazzo con violenza: il ragazzo cadde a terra e prese a rotolarsi mentre gli veniva la schiuma alla bocca. Ges domand al padre: Da quanto tempo cos? Fin da piccolo rispose il padre- anzi, pi di una volta lo spirito lha buttato nel fuoco e nellacqua per farlo morire. Ma se tu puoi fare qualcosa, abbi piet di noi e aiutaci! Ges gli disse. Se puoi?...Tutto possibile per chi ha fede! Subito il padre del ragazzo si mise a gridare: Io ho fede! Se non ho fede, aiutami! Vedendo che la folla aumentava, Ges minacci lo spirito maligno dicendo: Spirito che impedisci di parlare e di ascoltare, esci da questo ragazzo e non tornarci pi. Te lo ordino! Gridando e scuotendo con violenza il ragazzo lo spirito se ne usc. Il ragazzo rimase come morto, tanto che molti di quelli che erano l attorno dicevano: E morto! Ma Ges lo prese per mano, lo fece alzare, ed egli rimase in piedi. Poi Ges entr in una casa, e i suoi discepoli, soli con lui, gli chiesero: Perch noi non siamo stati capaci di scacciare quello spirito? Ges rispose: Questa razza di spiriti non si pu scacciare in nessun altro modo se non con la preghiera. (Marco 9, 14-29)

4. Ges libera una donna che non era posseduta ma che il demonio le aveva causato una infermit fisica
Una volta stava insegnando in una sinagoga il giorno di sabato. Cera l una donna che aveva da diciotto anni uno spirito che la teneva inferma; era curva e non poteva drizzarsi in nessun modo. Ges la vide, la chiam a s e le disse: Donna, sei libera dalla tua infermit, e le impose le mani. Subito quella si raddrizz e glorificava Dio. Ma il capo della sinagoga, sdegnato perch Ges aveva operato quella guarigione di sabato, rivolgendosi alla folla disse: Ci sono sei giorni in cui si deve lavorare; in quelli dunque venite a farvi curare e non in giorno di sabato. Il Signore replic: Ipocriti, non scioglie forse, di sabato, ciascuno di voi il bue o lasino dalla mangiatoia, per condurlo ad abbeverarsi? E questa figlia di Abramo, che satana ha tenuto legata diciottanni, non doveva essere sciolta da questo legame in giorno di sabato? . Quando egli diceva queste cose, tutti i suoi avversari si vergognavano, mentre la folla intera esultava per tutte le meraviglie da lui compiute. (Luca 13,10-17)

5. Ges compie guarigioni ed esorcismi


la sera, dopo il tramonto del sole, gli portavano tutti i malati e gli indemoniati. 33 Tutta la citt era riunita davanti alla porta. 34 Guar molti che erano afflitti da varie malattie e scacci molti demni; ma non permetteva ai demni di parlare, perch lo conoscevano. 35 Al mattino si alz quando ancora era buio e, uscito di casa, si ritir in un luogo deserto e l pregava. 36 Ma Simone e quelli che erano con lui si misero sulle sue tracce 37 e, trovatolo, gli dissero: Tutti ti cercano! . 38 Egli disse loro: Andiamocene altrove per i villaggi vicini, perch io predichi anche l; per questo infatti sono venuto! . 39 E and per tutta la Galilea, predicando nelle loro sinagoghe e scacciando i demni. (Marco 1,32ss)
32 Venuta

6. Ges d agli apostoli il potere di scacciare i demni


Sal poi sul monte, chiam a s quelli che egli volle ed essi andarono da lui. Ne costitu Dodici che stessero con lui e anche per mandarli a predicare e perch avessero il potere di scacciare i demni. Costitu dunque i Dodici: Simone, al quale impose il nome di Pietro; poi Giacomo di Zebedeo e Giovanni fratello di Giacomo, ai quali diede il nome di Boanrghes, cio figli del tuono; e Andrea, Filippo, Bartolomeo, Matteo, Tommaso, Giacomo di Alfeo, Taddeo, Simone il Cananeo e Giuda Iscariota, quello che poi lo trad. (Marco 3,13-19)

Testimonianze di esorcismi
Lesorcista Don Gabriele Amorth
E' nato a Modena nel 1925, laureato in giurisprudenza, sacerdote della Pia Societ San Paolo. Giornalista, scrittore e membro della Pontificia accademia mariana internazionale. Esorcista della diocesi di Roma, dal 1994 presidente dell'Associazione internazionale degli esorcisti. Ha pubblicato numerosi libri su Satana e gli esorcismi: G. Amorth, Un esorcista racconta, Bologna, EDB, 2000 G. Amorth, Nuovi racconti di un esorcista, EDB, 2000

1. Ragazza sofferente fa ricorso al mago


Un bambino manifesta segni strani; i genitori non approfondiscono, non ci danno importanza, pensano che crescendo tutto si metter a posto. Anche perch i sintomi, inizialmente, sono lievi. Poi, con l'aggravarsi dei fenomeni, i genitori incominciano a rivolgersi ai medici: ne provano uno, poi un altro, sempre senza risultati. E' venuta da me una ragazza di 17 anni che era gi stata visitata nelle principali cliniche d'Europa. Infine, dietro il consiglio di qualche amico o sapientone, nasce il sospetto che non si tratti di un male dovuto a cause naturali, e viene suggerito il ricorso a qualche mago. E da questo momento il danno iniziale viene duplicato. Solo per caso, in seguito a chiss quale suggerimento si ricorre all'esorcista. Ma intanto di anni ne sono passati parecchi e il male si sempre pi "radicato". (G. Amorth, Un esorcista racconta, Bologna, EDB, 2000, p. 52)

2. La guarigione di una ragazza attraverso la preghiera


Dietro appuntamento, entr da me Marcella, una ragazza biondissima di 19 anni, dall'aria spavalda. Soffriva per mali di stomaco lancinanti e per un comportamento che non riusciva a dominare, n in casa n sul lavoro: dava risposte offensive, acide, senza potersi frenare. Per i medici non aveva niente. Come le misi le mani sulle palpebre, all'inizio della benedizione, mostr gli occhi interamente bianchi, con le pupille appena percettibili in basso, e scoppi in una risata ironica. Ebbi appena il tempo di pensare che quello era Satana, che subito mi sentii dire: "Io sono Satana", con una nuova risata. Un po per volta Marcella intensific la vita di preghiera, divenne costante nella comunione e nel rosario quotidiano, nella confessione settimanale (la confessione pi forte di un esorcismo). Ebbe un progressivo miglioramento, salvo qualche passo indietro quando rallentava il ritmo di preghiera, e guar dopo soli due anni. (G. Amorth, Un esorcista racconta, Bologna, EDB, 2000, p. 100-101)

3. Un giovane curato senza successo dai medici


Ho esorcizzato Marco, colpito da una forte possessione. Era stato a lungo ricoverato e massacrato da cure psichiatriche, specie da elettrochoc, senza che desse mai la minima reazione. Quando gli fu ordinata la cura del sonno, gli hanno somministrato per una settimana dei sonniferi che avrebbero addormentato un elefante; lui non ha mai dormito, n di giorno n di notte. Camminava per la clinica con gli occhi sbarrati. Finalmente approd allesorcista e subito iniziarono i risultati positivi. (G. Amorth, Un esorcista racconta, Bologna, EDB, 2000, p. 79)

4. Una signora con problemi psicologici


Per alcune benedizioni venuta da me la sig.ra Marta, accompagnata dal marito. Venivano da lontano e con non poco sacrificio. Da molti anni Marta era in cura da neurologi, senza alcun vantaggio. Dopo alcune domande, vidi che potevo procedere allesorcismo, anche se era gi stata esorcizzata da altri, ma senza frutto. Allinizio cadde a terra e pareva priva di conoscenza. Procedendo nelle preghiere introduttive, ogni tanto si lamentava: Voglio un vero esorcismo, non queste cose! Allinizio del primo esorcismo, che incomincia con le parole Exorcizo te, si calm soddisfatta; queste parole chiaramente le erano rimaste impresse dagli esorcismi precedenti. Poi incominci a lamentarsi che le facevo male agli occhi. Tutti atteggiamenti non consoni ai posseduti. Quando ritorn le volte seguenti, non sapeva capire
4

se il mio esorcismo le aveva prodotto qualche effetto o no. Per pi sicurezza, prima di mandarla via definitivamente, la accompagnai una volta da Padre Candido: dopo averle messo la mano sul capo, egli mi disse subito che l il demonio non centrava. Era un caso per psichiatri, non per esorcisti. (G. Amorth, Un esorcista racconta, Bologna, EDB, 2000, p. 80-81)

5. Un ragazzo di 14 anni diventava improvvisamente pesantissimo


Pierluigi, di 14 anni, si presentava grande e grosso per la sua et. Non poteva studiare, era la disperazione degli insegnanti e dei compagni, con nessuno dei quali riusciva ad andare daccordo; non era per violento. Una sua caratteristica: quando si sedeva per terra, con le gambe incrociate, nessuno riusciva a sollevarlo, come se fosse diventato di piombo. Dopo varie cure mediche, prive di risultati, fu portato da Padre Candido che incominci a esorcizzarlo, riscontrando una vera possessione. Unaltra sua caratteristica: non era litigioso, ma con lui la gente diventava nervosa. Un giorno si era seduto a gambe incrociate sul pianerottolo della sua casa, al terzo piano. Gli altri inquilini andavano su e gi per le scale, lo scuotevano perch se ne andasse di l, ma lui non si muoveva. A un certo punto tutti gli inquilini del fabbricato si trovarono contemporaneamente per le scale, nei vari pianerottoli, e urlavano e gridavano contro Pierluigi. Qualcuno chiam la Polizia; i genitori del ragazzo chiamarono Padre Candido, che giunse quasi insieme ai poliziotti e si era gi messo a chiacchierare col ragazzo per convincerlo a entrare in casa. Ma i poliziotti, tre giovanottoni ben piantati, gli dissero: Si scansi reverendo, queste sono cose per noi. Quando cercarono di muovere Pierluigi, non lo spostarono di un millimetro. Stupiti e grondanti di sudore, non sapevano che cosa fare. Allora Padre Candido disse loro: Fate rientrare ognuno nel proprio appartamento; e in un attimo si fece silenzio completo. Poi aggiunse: Voi scendete ora una rampa di scale e state a guardare. Fu obbedito. Infine disse a Pierluigi: Sei stato bravo: non hai detto una parola e li hai tenuti a bada tutti. Ora rientra in casa con me. Lo prese per una mano e quello si alz e lo segu, tutto contento, dove lo aspettavano i genitori. Con gli esorcismi Pierluigi ebbe buoni miglioramenti, ma non la totale liberazione.(G.Amorth,, p.81-82)

6. Il demonio rivela a Padre Candido i peccati di un giovane


Era un bel giovanotto quello che Padre Candido stava benedicendo; aveva dentro di s un bestione pi grosso di lui. Fu proprio il demonio a cercare di scoraggiare lesorcista: Non vedi che perdi il tuo tempo con questo qui? E uno che non prega mai, uno che frequenta, uno che fa, e gi una lunga serie di peccatacci. Finito lesorcismo Padre Candido prov a convincere quel giovane, con le buoe maniere, a fare una confessione generale. Ma quello non ne voleva sapere. Fu necessario tirarlo quasi per forza in un confessionale; e l si affrett a dire che non aveva niente da accusare. Ma non hai fatto questa cosa il tale giorno?, incalz Padre Candido. E quello, sbalordito, dovette ammettere la sua colpa. E non hai fatto per caso anche questo?, e il malcapitato, sempre pi confuso, dovette ammettere uno per uno tutti i peccati che il Padre gli ricordava, valendosi delle dichiarazioni del demonio. Alla fine si arriv allassoluzione. E quel giovane and via sbalordito: Qui non capisco pi niente! Questi preti sanno tutto! (G. Amorth, Un esorcista racconta, Bologna, EDB, 2000, p. 112)

7. Un ragazzo capisce che la madre ha fatto benedire i suoi vestiti


Una mamma era affranta per le stranezze che notava in un suo figliolo: in certi momenti si arrabbiava con urla pazzesche, bestemmiava e poi, quando ritornava calmo, non ricordava nulla di questo suo comportamento. Non pregava e mai avrebbe accettato di farsi benedire da un sacerdote. Un giorno, mentre il figlio era al lavoro e, come al solito, era uscito indossando la sua tuta da meccanico, la madre fece benedire i vestiti con lapposita preghiera del Rituale. Di ritorno dal lavoro, il figlio si tolse la tuta sporca e si rivest senza nulla sospettare. Dopo pochi secondi si tolse i vestiti con furia, quasi se li strapp di dosso, e si rimise la tuta da lavoro senza dire nulla; non ci fu verso che indossasse pi quei vestiti benedetti, distinguendoli bene dagli altri del suo guardaroba, che non erano stati benedetti. Questo fatto dimostrava ulteriormente la necessit di esorcismi su quel giovanotto. (G. Amorth, Un esorcista racconta, Bologna, EDB, 2000, p. 83)

8. Una donna riesce a uscire da una setta satanica


Riporto un caso accaduto in Francia. Trascrivo nella sua freschezza la relazione che ne ha fatto la psichiatra Maria Domenica Fouqueray. Nominata medico-psichiatra in uno studio privato nellaprile 1986, collaboro da quattro anni con lesorcista diocesano, consenziente il nostro vescovo, mons. Ren Picandet. Richiesta della mia collaborazione, per la mia specifica competenza professionale di psichiatra, ho accettato volentieri e mi trovo in buona sintonia con lesorcista diocesano. Uno dei primi casi che abbiamo dovuto affrontare stato questo. Si trattato di una donna di quarantanni, sposata e madre di quattro figli, che lavorava come educatrice specializzata. La causa dei suoi mali era dovuta al fatto che per pi di dieci anni aveva frequentato una setta satanica. Quando si rivolse a noi, era la terza volta che tentava di uscire da questa setta. Contrariamente a quanto si poteva supporre, questa donna era molto vicina a sacerdoti; e fu un sacerdote a condurla a noi. Di fatto, conduceva una doppia vita: conosceva molti sacerdoti e, tutte le domeniche, suonava lorgano alle Messe, bench non si accostasse mai ai sacramenti; poi era la grande sacerdotessa di una setta chiamata Wicca, il cui capo Lucifero. Era stata iniziata progressivamente e, una volta entrata, sapeva che ne sarebbe uscita solo in seguito alla morte violenta a cui era destinata: il suicidio. Aveva tanta paura; voleva uscire da quella setta, ma conosceva i rischi che ci comportava. Quando labbiamo incontrata la prima volta, presentava i segni di una persona depressa, tormentata, dimagrita; dormiva male, ma non aveva precedenti psichiatrici. Lesorcista, dopo aver bene esaminato il caso, ha deciso di procedere agli esorcismi: prima quindicinali, poi settimanali. Come psichiatra, ho cercato di capire la porta daccesso, ossia i motivi che avevano spinto questa persona ad entrare in una setta satanica. La sua educazione cristiana era stata molto rigida, basata sullosservanza delle pratiche tradizionali; non aveva scoperto lamore di Dio. Per le scuole, frequent un collegio di suore in cui ebbe buona formazione intellettuale, ma nessun aiuto spirituale. Il matrimonio non le fu di aiuto. Il marito, che guadagnava bene, la obblig a lasciare il lavoro e ad occuparsi solo dei figli e della casa. Avrebbe voluto ogni tanto uscire, ma il marito era contrario. Anche le vacanze estive, trascorse in un piccolo villaggio di campagna, presso i genitori anziani, lannoiavano, mentre lei avrebbe voluto trovare distrazioni. In un giornale mondano lesse linvito a giornate di svago. Frequent questo ambiente, bench si accorgesse che era molto particolare, avviando sempre pi gli intervenuti alle bevande alcoliche, allofferta di droga, alliniziazione di una setta. Ma trov gente premurosa, che la compensava delle carenze di casa. E ne venne sempre pi coinvolta: rinneg il Battesimo e si sottopose al nuovo battesimo della setta, in cui le fu imposto un nuovo nome. Ricevette un marchio segreto sulla coscia e firm col suo sangue un patto con Satana, dopo aver incenerito latto di Battesimo cristiano. Fu iniziata alle messe nere e ad altre celebrazioni sataniche. Vide chiaramente che i riti cristiani venivano trasformati, diabolizzati. La messa nera una parodia della celebrazione eucaristica (cio la Messa), al momento della comunione, si trasforma in unorgia. Questa donna durante gli esorcismi, aveva gli occhi di una belva e respingeva con forza il crocifisso che le tenevamo davanti; alla fine vomitava (forse solo acqua) e la sua temperatura saliva fino a 41. Maddalena (diamole questo nome) aveva partecipato a un gran numero di messe nere. Tutto questo durato tre anni. In seguito Maddalena ha avuto solo qualche difficolt a partecipare alla Messa nelle chiese che frequentava prima; ma ha potuto pregare e comunicarsi. C voluto molto tempo per la guarigione della memoria, per la purificazione delle immagini: essa aveva molte visioni e molti incubi. Gli esorcismi sono stati sospesi quando Maddalena ha potuto condurre da sola la lotta spirituale, pregare, confessarsi e comunicarsi; ossia quando ha potuto utilizzare i mezzi ordinari di lotta contro Satana. Inoltre Maddalena non era mai stata cresimata; dopo adeguata preparazione essa stessa richiese questo sacramento che le fu impartito poco tempo dopo. (G. Amorth, Nuovi racconti di un esorcista, Bologna, EDB, 2000, p. 153-155)

Possessione ed esorcismi
1. Cos' la possessione? 2. Come si manifesta una possessione? 3. Nella possessione il demonio s'impossessa anche dell'anima della persona? 4. Qual il modo pratico per sapere se una persona posseduta? 5. Demoni chiusi e demoniaperti 6. Che preghiera si deve recitare per sapere se una persona posseduta? 7. Quali sono le cause della possessione? 8. Perch il demonio possiede? 9. Perch Dio permette che il demonio possegga qualcuno? 10. Nell'Antico Testamento ci sono racconti di possessioni? 11. Che succede se un posseduto muore prima che il demonio lo abbia abbandonato? 12. Un posseduto pu uccidere? 13. Che cos' l'esorcismo? 14. Durante l'esorcismo il sacerdote fa tutto da solo? 15. Prima dell'esorcismo obbligatorio far visitare il soggetto da uno psichiatra? 16. Si pu fare l'esorcismo se non c' un sacerdote? 17. Che cos' l'infestazione? 18. E' vero che il demonio si vendica degli esorcisti? 19. E' vero che durante l'esorcismo il demonio rivela i peccati dei presenti? 20. Un sacerdote non molto santo pu essere esorcista? 21. Gli esorcismi sono praticati solo nella Chiesa cattolica? 22. Perch alcuni esorcismi richiedono molto tempo? 23. Consigli pratici per l'esorcista 24. Colui che stato esorcizzato pu essere posseduto nuovamente? 25. Perch nonostante continui esorcismi un demone non abbandona un corpo? 26. E' vero che a volte Dio manda un angelo a scacciare il demonio? 27. Come si sa quando l'ultimo demone ha abbandonato il corpo?

1. Cos' la possessione?
E' il fenomeno per il quale uno spirito maligno risiede in un corpo e in determinati momenti pu parlare e muoversi attraverso di esso senza che la persona possa evitarlo. Il demone non prende l'anima del soggetto; questa in ogni momento libera.

2. Come si manifesta una possessione?


Di solito una possessione diabolica si manifesta nel seguente modo: 1. Ci che sacro o religioso gli provoca fastidio Dinanzi a ci che sacro o religioso il soggetto ha delle reazioni d'insofferenza che vanno dal fastidio, all'orrore, fino ad arrivare ad eccessi d'ira, bestemmie e insulti. 2. E' la preghiera che chiarir se si tratta o no di un posseduto. Se la persona posseduta, al benedirla inizier a irrigidire le mani, i muscoli facciali si contrarranno. Chiuder gli occhi e, se gli si alzasse le palpebre, il sacerdote vedrebbe che sono bianchi (il soggetto rovescia le pupille, in alto o in basso, lasciando gli occhi bianchi). Se si continua a pregare, il posseduto
7

comincer a gridare o a parlare con voce piena d'odio e di rabbia. In altri casi effettuer una risata cattiva o comincer a fremere. Altre volte il posseduto ha occhi completamente bianchi ma non si muove affatto (c' un demone muto). 3. Nelle crisi d'ira il posseduto perde conoscenza (trance) Negli episodi di esplosione d'ira, il posseduto perde conoscenza. 4. Viene fuori la presenza del demone che agisce e parla attraverso il corpo del soggetto In questi momenti di maggior furia il soggetto perde conoscenza (trance) e viene fuori la presenza di uno o pi demoni che prendono il controllo sulla condotta della persona e agiscono e parlano attraverso il suo corpo. Il demone si manifesta. Il soggetto non moralmente responsabile di ci che fa o dice durante la trance. 5. Finita la crisi torna normale Finita la crisi, la persona torna lentamente normale e quando ritorna in s non ricorda nulla. L'amnesia totale e assoluta. 6. La persona conduce una vita completamente normale Al di l delle crisi furiose, la persona conduce una vita completamente normale, senza che la possessione gli crei problemi sul lavoro o nelle relazioni sociali. Il soggetto appare come una persona perfettamente assennata. 7. A volte ha allucinazioni sensoriali In alcuni casi il soggetto parla di cose che sembrano allucinazioni sensoriali (dice di vedere ombre, di sentire strane sensazioni in una qualunque parte del corpo e fruscii). Ma al contrario non sente voci interne, n qualcosa che scorra sotto la pelle. Nella maggior parte dei casi i fenomeni di possessione si producono dopo aver preso parte a una seduta spiritica, ad un rito esoterico o satanico.

3. Nella possessione il demonio s'impossessa anche dell'anima della persona?


No, un fenomeno che riguarda solo il corpo. L'anima pu anche essere in grazia di Dio. Se un posseduto muore e si trova in grazia di Dio, l'anima andr in paradiso. Se un posseduto in grazia di Dio pu anche fare la comunione. In alcuni casi gli sar possibile, in altri non riuscir nemmeno ad entrare in chiesa.

4. Qual il modo pratico per sapere se una persona posseduta?


Parlare con una persona per capire se posseduta non basta, in quanto un malato mentale potrebbe essersi letto tutti i libri sul tema e imitare alla perfezione i sintomi di un posseduto. Il modo pratico per capire se una persona veramente posseduta la preghiera. Se la persona posseduta al benedirla inizier a irrigidire le mani, la tensione gli si rifletter sul viso. Chiuder gli occhi e, se gli alzasse le palpebre, il sacerdote vedrebbe che sono bianchi (il soggetto rovescia le pupille, in alto o in basso, lasciando gli occhi bianchi). Se si continua a pregare, il posseduto comincer a gridare o a parlare con voce piena di odio e rabbia. A volte emetter risate cattive o comincer a fremere. Ci sono casi nei quali non si vede la trance, ma il posseduto a un certo punto spalanca gli occhi e parla. La sua voce maligna e angosciata, e ordina che si smetta di pregare. Nonostante non si veda che il soggetto caduto in trance, al ritornare in s non ricorder nulla. In altri casi ci che non si vede il manifestarsi di una seconda volont. Lunica cosa che si percepisce dallesterno che la persona ha occhi completamente bianchi e non si muove. A volte, al massimo, pu muovere appena le mani o il corpo. Ci troviamo, in questi casi, di fronte a un demone muto (muto perch non parla).

5. Demoni chiusi e demoniaperti


Ci sono due tipi di demoni che causano due tipi distinti di possessione: 1. Se si tratta di un demone chiuso cercher di nascondersi, di non manifestarsi. Alcuni possono resistere senza manifestarsi anche per pi di due ore di esorcismo. Altri possono essere tanto a fondo nella persona che hanno bisogno di mesi di esorcismi perch finalmente si manifestino. Il demone chiuso quando alla fine non resiste oltre al potere della preghiera, fa entrare in trance il posseduto, il quale chiude gli occhi e sotto le
8

palpebre mostra occhi bianchi. Ma senza muoversi. Se il sacerdote smettesse di benedirlo tornerebbe immediatamente in s. Alcuni demoni chiusi dopo un po parlano (sempre con gli occhi chiusi), altri restano completamente muti, entrano in trance ma non dicono nulla. 2. I demoni aperti, invece, provocano una possessione in cui il soggetto entra in trance, tiene gli occhi aperti, guardandosi intorno con furia e odio (il demonio ha uno sguardo particolare, maligno) e parlando in modo folle. Sono dei demoni loquaci e violenti e bisogna che vengano tenuti fermi da diverse persone. Anche se sono tipi diversi di demoni il modo di procedere dellesorcismo rester lo stesso. Quando, finita la trance, il soggetto ritorner in s egli non ricorder nulla. Al termine della trance se il posseduto non ricorder nulla di ci che ha detto al sacerdote allora siamo sicuramente in presenza di una possessione. A volte il demonio cerca di convincere il sacerdote che il soggetto ha solo una malattia mentale. Il demonio certamente ha interesse a ingannare lesorcista facendogli credere che un soggetto non posseduto.

6. Che preghiera si deve recitare per sapere se una persona posseduta?


Basta che il sacerdote benedica la persona e preghi con orazioni gi scritte o improvvisate, non ha importanza. Si possono alternare anche frasi come: In nomine Iesu, exorcizo te. In nomine Iesu, dic nomen tuum. In nomine Iesu, sic es hic, manifesta te. Nel rivolgersi al demonio bisogna farlo con autorit. Al demonio non si chiede nulla, al demonio si comanda. Farlo in latino aiuta a far s che la persona non sappia in che momento ci stiamo rivolgendo al demonio e abbiamo smesso di benedirla. Se la persona non d segni di trance, n del fatto che emerga una seconda personalit (il demonio), allora non posseduta. In tutti i modi ci sono demoni che si nascondono molto. Per questo conviene insistere se si hanno dei dubbi. Il sacerdote deve concentrarsi molto nella preghiera. quanto pi si concentra, tanta pi forza avr la sua preghiera e tanto pi obbligher il demonio a manifestarsi. E opportuno che il sacerdote chiuda gli occhi durante la preghiera per non distrarsi guardando il soggetto. Conviene che insieme a lui ci sia qualcuno attento al posseduto, nelleventualit che questo si scagli contro il sacerdote che intanto sta con gli occhi chiusi, concentrato nellorazione. Ma, dopo un po, il sacerdote deve fare attenzione se gli occhi del posseduto si chiudono o no per capire se entra in trance.

7. Quali sono le cause della possessione?


I motivi per cui una persona pu essere vittima di una possessione diabolica sono: 1. il patto con il demonio; 2. aver assistito a sedute spiritiche, culti satanici o riti esoterici; 3. che un figlio sia stato offerto, dalla madre, a satana; 4. il maleficio. La possessione non si contagia mai. Vivere con un posseduto non suppone nessun pericolo di trasmissione. Viene posseduto colui che volontariamente apre la porta al demonio. I peccati non provocano la possessione: una cosa il peccato, unaltra la possessione. La possessione si produrr soltanto se Dio lo permette. Quanto pi si condurr una vita spirituale e di preghiera, pi saremo protetti da tutte le influenze del maligno. Che gente innocente e perfino in grazia di Dio venga posseduta stato dimostrato da diversi casi. Dio lo permette perch a volte i mali del corpo sono una fonte di benedizione molto grande per lanima. E dopo una possessione, la persona molto pi riconoscente a Dio e condurr una vita pi spirituale per il resto dei suoi giorni. Le persone che provocano malefici ad altri (chi chiede o chi invoca Satana) non sono solite vivere a lungo, dato che incontrano presto il castigo di Dio. Poche cose, infatti, attraggono tanto il castigo di Dio come lanciare malefici contro gli altri.

8. Perch il demonio possiede?


Se il demonio sa che possedere qualcuno comporta il rischio che alla fine questa possessione produca beni maggiori per lanima della persona, allora perch lo fa? Senza dubbio, sarebbe pi conveniente per lui non possedere nessuno. Ma possiede per ununica ragione: far soffrire. Egli cerca di far soffrire e nella possessione pu farlo in modo diretto. Inoltre il demonio spinto dalle sue proprie passioni. Anche se pu sembrare un controsenso, il demonio vittima delle sue passioni e dei suoi impulsi incontrollati.
9

9. Perch Dio permette che il demonio possegga qualcuno?


Che gente innocente e perfino in grazia di Dio venga posseduta stato dimostrato da diversi casi. Dio lo permette perch a volte i mali del corpo sono una fonte di benedizione molto grande per lanima. E dopo una possessione, la persona molto pi riconoscente a Dio e condurr una vita pi spirituale per il resto dei suoi giorni. Inoltre Dio lo permette perch si mostra la verit della religione cattolica. Infatti l'esorcismo anche una finestra aperta dalla quale possiamo scorgere qualcosa dell'aldil e di Dio. E il bene prodotto da tale visione, si riflette di norma sui presenti e sui familiari per il resto della loro vita.

10. Nell'Antico Testamento ci sono racconti di possessioni?


Nell'Antico Testamento c' solo un caso di possessione: Lo Spirito del Signore si era ritirato da Saul; e uno spirito cattivo, permesso dal Signore, lo turbava. I servitori di Saul gli dissero: "Ecco, uno spirito cattivo permesso da Dio ti turba". Or quando il cattivo spirito permesso da Dio veniva da Saul, Davide prendeva l'arpa e si metteva a suonare; Saul si calmava, stava meglio e il cattivo spirito andava via da lui. (1 Samuele 16,14.23) Questo testo sembra narrare un caso di possessione. Si parla di uno spirito maligno che lo turbava, che assaliva Saul, e, pi avanti lo dice, che addirittura si impossess di lui: un cattivo spirito, permesso da Dio, si impossess di Saul che era come fuori di s in mezzo alla casae Saul aveva in mano la sua lancia, pensando: inchioder Davide al muro. (1 Samuele 18,10) E' chiaro che all'epoca dell'Antico Testamento ci furono sicuramente altri casi di possessione nonostante non siano stati registrati nella Bibbia.

11.Che succede se un posseduto muore prima che il demonio lo abbia abbandonato?


Molti credono che se si muore posseduti si andr all'inferno. Questo un errore. Se la persona si trova in grazia di Dio, andr in paradiso. Infatti la possessione fa danni solo al corpo. Morta la persona, il demonio esce e non entra in un'altra.

12. Un posseduto pu uccidere?


Anche se alcuni posseduti in stato di trance possono mostrarsi aggressivi molto raro che facciano del male a qualcuno. L'esperienza dimostra che il posseduto pu gridare contro qualcuno, guardare con odio o atteggiare la mano ad artiglio. Ma molto raro che cerchi di colpire o di aggredire qualcuno. E nei casi in cui cerca di farlo, alla fine non succede niente perch come se una forza gli impedisse di realizzare il suo desiderio.

13. Che cos' l'esorcismo?


L'esorcismo un rito con il quale si ordina al demonio di uscire dal corpo di una persona. La parte pi importante dell'esorcismo lo scongiuro, vale a dire l'ordine dato al demonio, in nome di Ges, di abbandonare il corpo (la parola greca exorkizein significa appunto "compiere uno scongiuro"). La Chiesa cattolica ha un rito dell'esorcismo composto da varie parti. L'esorcismo una operazione pi facile rispetto a quella di valutare se la persona veramente posseduta. Per l'esorcismo basta seguire il rito prestabilito dalla Chiesa cattolica.

14. Durante l'esorcismo il sacerdote fa tutto da solo?


Nella Chiesa cattolica soltanto un sacerdote pu svolgere il ministero dell'esorcistato. Comunque l'ideale che l'esorcista abbia un gruppo di laici che lo aiutino durante l'esorcismo. Essi si occupano di tenere fermo il posseduto e pregano durante il rito. Meglio se sono una decina, perch la preghiera di molti pi potente della preghiera di uno solo. La preghiera di questo gruppo, mentre il sacerdote procede nell'esorcismo, di grande importanza.

15. Prima dell'esorcismo obbligatorio far visitare il soggetto da uno psichiatra?


1. Generalmente l'esorcista lavora sempre con un gruppo di laici tra i quali uno psichiatra. Quest'ultimo pu aiutare il sacerdote ha capire quando una persona ha problemi mentali. Come linea di principio non obbligatorio far visitare un soggetto da uno psichiatra prima di procedere ad un esorcismo. Se l'esorcista
10

sicuro che si tratti di un caso di possessione pu procedere direttamente con l'esorcismo. A volte succede anche che la malattia psichiatrica coesiste con la possessione. 2. La possessione ha qualche leggero aspetto in comune con la schizofrenia paranoide. Ma nei casi di possessione diabolica inadeguato parlare di schizofrenia, psicosi, e tanto pi di epilessia, perch i sintomi di una possessione diabolica sono diversi.

16. Si pu fare l'esorcismo se non c' un sacerdote?


Nella Chiesa cattolica soltanto un sacerdote pu svolgere il ministero dell'esorcistato. Nel caso eccezionale in cui non c' la possibilit concreta di far arrivare il soggetto da un sacerdote come comportarsi? In un caso del tutto eccezionale come nei territori di missione, i cristiani presenti debbono riunirsi e recitare una preghiera specifica in cui si chiede a Dio di scacciare il demonio. Preghiera che diversa dal rito dell'esorcismo che seguirebbe un sacerdote. Questa preghiera i cristiani devono ripeterla tutti i giorni, per pi volte. Se il demonio non si agita dopo la preghiera ripetuta, si deve recitare il rosario a voce alta. Se continua a non dare segni di agitazione, si pu recitare di nuovo il rosario. L'ideale continuare cos a lungo. La suddetta preghiera si pu usare, con qualche variazione, anche per i casi di infestazione.

17. Che cos' l'infestazione?


La possessione di animali, oggetti o luoghi si chiama infestazione. La possessione di un luogo un fenomeno abbastanza comune, ma quella di animali praticamente rarissima. L'infestazione di una casa avviene quando in essa si sono praticati in forma continuata riti esoterici, sedute spiritiche o riti satanici. L'infestazione di un oggetto accade soltanto quando questo sia stato usato in un maleficio (cio per fare del male ad un'altra persona). Possiamo renderci conto che un oggetto infestato, se l dove si trova provoca fenomeni demoniaci (si muovono oggetti, ci sono rumori inspiegabili, odori sgradevoli). L'oggetto infestato deve essere bruciato.

18. E' vero che il demonio si vendica degli esorcisti?


Considerare che l'esorcismo sia un atto pericoloso un grave errore. Se il sacerdote recita il rosario ogni giorno e chiede a Dio di proteggerlo dalle insidie del Maligno, non deve temere nulla. A diversi esorcisti non mai accaduto nulla. Padre Fortea riferisce solo di un caso in cui il demonio durante un esorcismo avrebbe avvertito l'esorcista che si sarebbe vendicato bruciandogli l'auto. Cosa che poi accaduta. Padre Fortea afferma che l'esperienza gli ha insegnato che spesso i laici che prendono parte a riti di esorcismo come aiutanti del sacerdote, nel cuore della notte vengono svegliati dal demonio. In qualche caso anche per due notti di seguito. Soltanto una volta il fenomeno andato oltre.

19. E' vero che durante l'esorcismo il demonio rivela i peccati dei presenti?
E' vero che i demoni "aperti" rivelano i peccati dei presenti. Tuttavia ci che dicono pura invenzione. In molti casi padre Fortea ha verificato che il demonio quando avrebbe potuto rivelare dei suoi peccati, non lo ha fatto perch Dio protegge la reputazione dei sacerdoti e non d loro il permesso di raccontarli.

20. Un sacerdote non molto santo pu essere esorcista?


La santit del sacerdote aiuta, ma non una condizione necessaria. Pi un sacerdote santo pi l'esorcismo sar efficace. Un sacerdote non molto edificante pu scacciare i demoni senza problemi. Solo avr bisogno di pi tempo. Perfino un sacerdote in peccato mortale pu scacciare il demonio. Questo perch nell'esorcismo si manifesta il potere della preghiera della Chiesa, il potere del sacramento sacerdotale e il potere del nome di Ges.

21. Gli esorcismi sono praticati solo nella Chiesa cattolica?


Non solo la Chiesa cattolica ad effettuare esorcismi. Ci sono veri e propri esorcismi anche tra i cristiani ortodossi e tra i cristiani protestanti pentecostali. Tra gli ortodossi gli esorcismi sono molto simili a quelli cattolici (li fanno i sacerdoti).

11

In ambito protestante pentecostale l'esorcismo di solito consiste in un gruppo di fedeli che si riuniscono per lodare Dio e, nel frattempo ordinano al demonio di uscire dal corpo in nome di Ges. Gli altri protestanti purtroppo hanno perso la tradizione dell'esorcismo e sono soliti indirizzare i casi alla Chiesa cattolica o ai pentecostali.

22. Perch alcuni esorcismi richiedono molto tempo?


Abbiamo detto che la santit del sacerdote aumenta il potere dell'esorcista. Ci sono alcuni demoni che ci vuole molto tempo e molte sedute per scacciarli: perch? Soprattutto perch i demoni non sono tutti uguali: alcuni sono pi potenti di altri. Pi il demone appartiene ad una gerarchia elevata pi ci vorr del tempo per scacciarlo. Satana e Lucifero sono i pi difficili da scacciare.

23. Consigli pratici per l'esorcista


1. L'esorcista deve cominciare con il rituale e una volta arrivato alla fine, deve continuare con ci che appare dare maggior tormento al demonio. 2. Il sacerdote si pu ritirare per compiere altre funzioni, mentre il gruppo di laici recita il rosario a voce alta per la liberazione della persona. 3. Il rituale degli esorcismi pu essere interrotto in qualsiasi momento per insistere con ci che pi sembra aver effetto. 4. Soltanto l'esorcista potr rivolgersi al demonio, e se questi si rivolger a un laico presente, quest'ultimo non dovr rispondere, n fare domande o insultarlo. Non perch ci sia qualche pericolo, ma perch permettere questo tipo di interventi significherebbe far cadere il rito nella confusione. 5. Il rosario ha un potere eccezionale per indebolire il demonio. Il demonio pu non obbedire affatto all'esorcista, ma al recitare il rosario egli arriver anche a baciare un crocifisso o qualsiasi altra cosa che l'esorcista gli ordiner. E se non obbedir dopo la recita di un rosario, lo far dopo una seconda, o dopo una terza. Anche se ci sono dei demoni che non soffrono alcuna conseguenza dalla recita del rosario in gruppo. 6. Quando il demonio inizia a dire cose come "assassini", "mi state uccidendo", "non ne poso pi", allora la sua uscita imminente. 7. Se gli si fanno domande il demonio spesso risponde. 8. A volte i demoni non rispondono e abbandonano il corpo. 9. Conviene camminare in circolo spargendo acqua benedetta nel luogo dove si far l'esorcismo per chiedere a Dio Padre di evitare che i demoni di dentro comunichino con quelli di fuori, o che li aiutino. Dato che durante l'esorcismo a volte i demoni ne invocano altri per chiederne l'aiuto. 10. E' molto utile dare da bere acqua benedetta al posseduto durante l'esorcismo. Ma deve farsi quando questi obbedisce. Al contrario, se lo si forzer, il demonio sputer l'acqua e non servir a nulla. 11. E' estremamente utile dare la Comunione al posseduto durante l'esorcismo. Ovviamente questi deve essere in grazia di Dio. Non lo si deve costringere a questo. Lo si faccia quando egli obbedisce. 12. La confessione un dono divino molto pi grande di quello dell'esorcismo.

24. Colui che stato esorcizzato pu essere posseduto nuovamente?


Se la persona vive nella grazia di Dio, prega, si confessa, va a Messa, non ha nulla da temere. Se la persona liberata torna di nuovo alla sua vita di peccati potrebbe essere posseduta nuovamente. E se succeder, i demoni saranno peggiori e in numero maggiore.

25. Perch nonostante continui esorcismi un demone non abbandona un corpo?


Se passano i mesi e diverse sedute di esorcismo ma non esce il demonio questo pu essere causato dal fatto che la persona posseduta non segue i consigli dell'esorcista. L'esorcista deve consigliargli di pregare, andare a Messa, confessarsi, osservare i dieci comandamenti. Ma se uno non cambia vita il sacerdote deve interrompere gli esorcismi fino a quando il posseduto non cambier vita.

26. E' vero che a volte Dio manda un angelo a scacciare il demonio?
I demoni pi potenti, quelli che appartengono alla gerarchia pi alta, anche se soffrono durante gli esorcismi, deve venire un angelo a scacciarli. Quando giunge il momento Dio invia un angelo. Ed allora che alla fine dell'esorcismo, d'improvviso, si produce come una lotta invisibile. Il posseduto guarda un punto concreto e cerca
12

come di graffiare e picchiare. A questo punto si producono le peggiori agitazioni e le urla pi acute. Alla fine il demone viene scacciato dall'angelo.

27. Come si sa quando l'ultimo demone ha abbandonato il corpo?


Dato che in un posseduto possono esserci pi demoni, sorge il problema di sapere quando l'ultimo ha abbandonato il posseduto. Ogni volta che un demone esce, il posseduto si sente in pace, riprende coscienza e apre gli occhi. Quindi il sistema per saperlo semplice, si tratta di pregare per la persona due o tre minuti ancora. Se rimasto ancora un altro demone, la persona entrer in trance o diventer nuovamente furiosa. Ma se la persona resta cosciente, bisogna chiedergli se sente qualcosa. Se risponde di no, allora il momento di ringraziare Dio. Consiglio che tutti si inginocchino verso il tabernacolo e ringrazino il Signore. Se la persona soffre ancora dei sintomi precedenti allora si dovr ricominciare a pregare.

Il rito dellesorcismo
Chi lesorcista
Esorcista un sacerdote della Chiesa cattolica che ha ricevuto dal suo vescovo lincarico di liberare, in nome di Dio, le persone dal demonio. Chi non un sacerdote non pu essere esorcista. Ministro del Rito dell'esorcismo esclusivamente un sacerdote che per la sua piet, scienza, prudenza e integrit di vita sia ritenuto dall'Ordinario [il vescovo] idoneo a tale ministero e da lui espressamente autorizzato ad esercitarlo. (dal Rito dellesorcismo) Il potere di scacciare i demoni (Mt 10,1) fa parte della missione affidata da Ges ai suoi apostoli. Per questo la preghiera per scacciare i demoni stata sempre presente nel rituale della Chiesa cattolica, cos come la figura dellesorcista. E ovvio che per chi non crede in un mondo soprannaturale pi facile pensare che il diavolo sia un retaggio del passato o che faccia parte dei soliti fantasmi creati dalla paura delluomo.

Il rito dell'esorcismo
Questa versione italiana del De exorcismis et supplicationibus quibusdam stata approvata secondo le delibere della Conferenza Episcopale Italiana e ha ricevuto la conferma della Congregazione per il Culto divino e la Disciplina dei Sacramenti il 21 settembre 2001. La presente edizione deve essere considerata tipica per la lingua italiana, ufficiale per l'uso liturgico. Questi nuovi testi del Rito degli esorcismi e preghiere per circostanze particolari diventeranno obbligatori dal 31 marzo 2002. Dal rito dellesorcismo: 1. Il discepolo di Cristo, alla luce del Vangelo e dell'insegnamento della Chiesa, crede che il Maligno e i demoni esistono e agiscono nella storia personale e comunitaria degli uomini. 2. Il Vangelo, infatti, descrive l'opera di Ges come una lotta contro Satana. Anche la vita dei suoi discepoli comporta una battaglia che non contro creature fatte di sangue e di carne, ma contro i Principati e le Potest, contro i dominatori di questo mondo di tenebra, contro gli spiriti del male (Ef 6, 12). 3. La vigilanza deve essere esercitata soprattutto nei confronti dell'azione ordinaria di Satana, con la quale egli continua a tentare gli uomini al male. Proprio la tentazione il pericolo pi grave e dannoso in quanto si oppone direttamente al disegno salvifico di Dio e all'edificazione del Regno. Satana riesce a impadronirsi davvero dell' uomo in ci che ha di pi intimo e prezioso quando questi, con atto libero e personale, si mette in suo potere con il peccato. Per questo il credente vigila per non essere ingannato e prega ogni giorno con le parole suggerite da Ges: Padre, non abbandonarci alla tentazione, ma liberaci dal Male (Mt 6, 13). 4. Invece i fenomeni diabolici straordinari della possessione, dell' ossessione, della vessazione e dell'infestazione sono possibili, ma di fatto, a parere degli esperti, sono rari. Provocano certo grandi sofferenze, ma di per s non allontanano da Dio e non hanno la gravit del peccato. Sarebbe quindi da stolti prestare tanta attenzione all' eventuale presenza del Maligno in alcuni fenomeni insoliti e non preoccuparsi affatto della realt quotidiana della tentazione e del peccato, in
13

cui Satana, omicida fin dal principio e padre della menzogna (Gv 8, 44), sicuramente all'opera. A questo riguardo necessario da parte dei pastori d'anime: richiamare, con sapienza e prudenza, i fedeli a non ricercare il sensazionale e ad evitare sia la stolta credulit che vede interventi diabolici in ogni anomalia e difficolt, sia il razionalismo preconcetto che esclude a priori qualsiasi ,forma di intervento del Maligno nel mondo; mettere in guardia i fedeli nei confronti di libri, programmi televisivi, informazioni dei mezzi di comunicazione che a scopo di lucro sfruttano il diffuso interesse per fenomeni insoliti o malsani; esortare i fedeli a non ricorrere mai a coloro che praticano la magia o si professano detentori di poteri occulti o medianici o presumono di aver ricevuto poteri particolari. Nel dubbio circa la presenza di un influsso diabolico necessario rivolgersi prima di tutto al discernimento dei sacerdoti esorcisti e ai sostegni di grazia offerti dalla Chiesa soprattutto nei Sacramenti; presentare il significato autentico del linguaggio usato dalla Sacra Scrittura e dalla Tradizione e far maturare nei cristiani un atteggiamento corretto riguardo alla presenza e all'azione di Satana nel mondo; ricordare nella catechesi e nella predicazione che la superstizione, la magia e, a maggior ragione, il satanismo sono contrari alla dignit e razionalit dell'uomo e alla fede in Dio.

Lo schema del rito

1. Riti d'inizio L'aspersione con l'acqua benedetta che richiama la purificazione battesimale. 2. Litanie dei Santi La prece litanica con cui si invoca sull'ossesso la misericordia divina per l'intercessione dei santi. 3. Recita di un Salmo La recita di uno o pi salmi con i quali s'implora la protezione dell'Altissimo. 4. Lettura del Vangelo La proclamazione del Vangelo, segno della Presenza di Cristo. 5. Imposizione delle mani L'imposizione delle mani con cui viene invocato lo Spirito Santo. 6. Professione di fede La recita del Simbolo o rinnovazione delle promesse battesimali.

7. Preghiera del Signore Il Padre nostro. 8. Il segno della Croce - Insufflazione Mostrando il crocifisso, l'esorcista fa il segno della croce sull'ossesso e, se si vuole, l'"exsufflatio". 9. Formule di esorcismo La recita della "formula deprecativa" con cui si prega Dio di liberare l'ossesso. A questa si pu far seguire la "formula imperativa" con cui in nome di Cristo si scongiura il diavolo di lasciare l'ossesso. Quest'ultima non si pu usare mai senza la prima. 10. Rendimento di grazie - Rito di conclusione Si conclude con la preghiera di ringraziamento e la benedizione.

14

RITO DELL' ESORCISMO


39. Prima di dare inizio al rito, l'esorcista si prepari convenientemente, secondo le circostanze dicendo in silenzio la seguente orazione: Signore Ges Cristo, Verbo di Dio Padre e Signore dell'universo, tu hai dato agli Apostoli il potere di scacciare i demoni nel tuo nome e di vincere ogni assalto del nemico; Dio santo, fra tutte le meraviglie che hai operato hai dato anche il comando di mettere in fuga i demoni; Dio forte, che nella tua potenza invincibile hai abbattuto Satana come folgore dal cielo: con timore e tremore ti supplico di infondere in me la tua forza perch, saldo nella fede, possa combattere lo spirito maligno che tormenta questa tua creatura, tu che verrai a giudicare i vivi e i morti e il mondo con il fuoco. Amen. RITI D'INIZIO SALUTO ASPERSIONE DELL' ACQUA BENEDETTA 44. A questo punto, l' esorcista asperge con l'acqua benedetta il fedele tormentato dal Maligno, i presenti e il luogo dove si svolge il rito dicendo: Ecco l'acqua benedetta: porti a tutti noi vita e salvezza, nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Tutti: Amen. LITANIE DEI SANTI RECITA DI UN SALMO LETTURA DEL VANGELO V. Manda il tuo Spirito creatore, e rinnova la faccia della terra. Tutti: Signore, piet. V. Salva, Signore, il tuo servo che in te spera. Tutti: Signore, piet. V. Signore, sii per lui fortezza inespugnabile di fronte all' assalto del nemico. Tutti: Signore, piet. V. Il nemico non prevalga su di lui, e il figlio dell 'iniquit non gli rechi alcun danno. Tutti: Signore, piet. V. Soccorrilo, Signore, dalla tua santa dimora, e da Sion vieni in sua difesa. Tutti: Signore, piet. PROFESSIONE DI FEDE RINUNZIA A SATANA PREGHIERA DEL SIGNORE (Padre Nostro)

IL SEGNO DELLA CROCE 58. L'esorcista mostra la croce e con essa benedice il fedele tormentato dal Maligno dicendo: Ecco la Croce del Signore: fuggite, spiriti del male!

INSUFFLAZIONE 59. Se lo ritiene opportuno, l'esorcista alita sul volto del fedele tormentato dal Maligno dicendo: Allontana, Signore, con il Soffio della tua bocca, gli spiriti maligni: comanda loro di andarsene, perch il tuo regno in mezzo a noi.

IMPOSIZIONE DELLE MANI 53. Letto il Vangelo, l' esorcista impone le mani sul capo del fedele tormentato dal Maligno dicendo: V. Sia sempre con noi, Signore, la tua misericordia: in te abbiamo sperato. Tutti: Signore, piet.

FORMULE DI ESORCISMO 60. Dopo ci, l'esorcista dice la formula invocativa dell'Esorcismo maggiore (n. 61). Se lo ritiene opportuno, aggiunga anche la formula imperativa (n. 62).

15

61. FORMULA INVOCATIVA Dio, creatore e difesa del genere umano, volgi il tuo sguardo su questo tuo servo N., che hai plasmato a tua immagine e chiamato a condividere la tua gloria: l'antico avversario lo tormenta crudelmente, lo opprime con aspra violenza e lo riempie di angoscia e di terrore. Manda su di lui il tuo Santo Spirito perch lo rafforzi nella lotta, gli insegni a pregare nella tribolazione e lo circondi con la sua efficace protezione. Ascolta, Padre santo, il gemito della tua Chiesa in preghiera: non permettere che questo tuo figlio sia posseduto dal padre della menzogna, n che questo tuo servo, redento dal sangue di Cristo, sia tenuto in schiavit dal diavolo. Non tollerare che il tempio del tuo Spirito sia dimora di uno spirito immondo. Ascolta, Dio misericordioso, la preghiera della beata Vergine Maria: il Figlio Ges, morendo sulla croce, ha schiacciato il capo dell'antico serpente e ha affidato alla Madre tutti gli uomini come figli. Risplenda in questo tuo servo la luce della tua verit e dimori in lui la gioia della tua pace. Lo Spirito di santit ne prenda possesso e con la sua presenza gli restituisca innocenza e serenit. Ascolta, o Padre, la preghiera dell' Arcangelo san Michele e di tutti gli Angeli, ministri della tua gloria. Tu che sei il Dio delle schiere celesti, respingi la violenza del diavolo. Dio di verit e di misericordia, rendi vane tutte le sue insidie. Dio di libert e di grazia, spezza le catene della sua malvagit. Tu che ami la salvezza dell'uomo, ascolta la voce degli apostoli Pietro e Paolo e di tutti i Santi, che, per tua grazia, hanno riportato vittoria sul Maligno. Libera questo tuo servo da ogni oppressione diabolica e custodiscilo indenne perch restituito alla serenit di figlio ti ami di tutto cuore,

ti serva operando il bene, ti renda onore e gloria, e tutta la sua vita sia un canto di lode a te. Per Cristo nostro Signore. Tutti: Amen. 62. FORMULA IMPERATIVA Ti ordino, Satana, nemico della salvezza dell'uomo: riconosci la giustizia e la bont di Dio che con giusto giudizio ha condannato la tua superbia e la tua invidia. Esci da N., servo di Dio, che il Signore ha creato a sua immagine, ha arricchito dei suoi doni, ha adottato come figlio della sua misericordia. Ti ordino, Satana, principe di questo mondo: riconosci il potere invincibile di Ges Cristo: egli ti ha sconfitto nel deserto, ha trionfato su di te nell'orto degli ulivi, ti ha disarmato sulla croce e, risorgendo dal sepolcro, ha portato i tuoi trofei nel regno della luce. Vattene da questa creatura, da N.: che il Salvatore, nascendo tra noi, ha reso suo fratello e morendo in croce ha redento con il suo sangue. Ti ordino, Satana, seduttore del genere umano: riconosci lo Spirito di verit e di grazia, lo Spirito che respinge le tue insidie e smaschera le tue menzogne. Esci da questa creatura, N., che Dio ha segnato con il suo sigillo. Abbandona quest'uomo: Dio l'ha reso suo tempio santo con l'unzione del suo Spirito. Vattene, dunque, Satana: vattene nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Allontanati per la fede e la preghiera della Chiesa. Fuggi per il segno della santa croce di Ges Cristo, Signore nostro. Egli vive e regna nei secoli dei secoli. Tutti: Amen. RENDIMENTO DI GRAZIE RITI DI CONCLUSIONE

16

Come Satana pu agire


C unazione ordinaria del demonio, che rivolta a tutti gli uomini: quella di tentarli al male. Qui ci occuperemo dellazione straordinaria di Satana, quella che Dio gli consente solo in determinati casi. Questa azione straordinaria pu essere classificata in sei forme diverse:

1. Le sofferenze fisiche causate da Satana esternamente.


Si tratta di quei fenomeni che leggiamo in tante vite di santi. Sappiamo come San Paolo della Croce, P.Pio e tanti altri siano stati percossi, flagellati, bastonati da demoni. In questi casi non c mai stata uninfluenza interna del demonio nelle persone colpite e mai c stato bisogno di esorcismi.

2. La possessione diabolica.
E il tormento pi grave e ha luogo quando il demonio si impossessa di un corpo (non di unanima) facendolo agire o parlare come lui vuole, senza che la vittima possa resistere e quindi senza che ne sia responsabile moralmente. E la forma di cui si parla nel film Lesorcista (parlare lingue nuove, dimostrare una forza eccezionale, rivelare cose occulte).

3. La vessazione diabolica
Ossia disturbi e malattie da molto gravi a poco gravi, che per non giungono alla possessione, a far perdere la conoscenza, a far compiere azioni o pronunciare parole di cui non si sia responsabili. La donna curva e il sordomuto guariti da Ges non avevano una possessione diabolica totale, ma la presenza di un demonio che provocava loro quei disturbi fisici. Le possessioni sono ancora oggi abbastanza rare; ma gli esorcisti incontrano in grande quantit persone colpite dal demonio nella salute, nei beni, nel lavoro, negli affetti, ecc.

4. Lossessione diabolica.
Si tratta di assalti improvvisi, talvolta continui, di pensieri ossessivi di cui la vittima non in grado di liberarsene. Per cui la persona colpita vive in un continuo stato di prostrazione, di disperazione, di tentazioni di suicidio. 5. Esistono anche le infestazioni diaboliche: su case, oggetti, animali. 6. La soggezione diabolica o dipendenza diabolica. Si cade in questo male quando volontariamente ci si sottomette alla servit del demonio. Le due forme pi usate sono: il patto di sangue col diavolo e la consacrazione a Satana.

I segni che possono rivelare lazione diabolica


Le possessioni diaboliche possono essere, tra loro, molto diverse. Di solito tre sono i segni che indicano lazione di Satana. Segni che possono essere anche non tutti presenti nella stessa persona posseduta.

1. La forza straordinaria
pu essere un segno di possessione diabolica. Un pazzo in manicomio pu essere tenuto fermo con la camicia di forza. Un indemoniato no; spezza tuto, anche catene di ferro. Padre Candido mi narr il caso di una ragazza magra e apparentemente debole; durante gli esorcismi, veniva a stento tenuta ferma da quattro uomini. Spacc ogni legame, anche larghe cinghie di cuoio, con cui tentarono di legarla. Una volta, legata con grosse funi ad una lettiera di ferro, in parte ne ruppe i ferri e in parte li pieg ad angolo retto.

2. La conoscenza improvvisa di lingue


fino allora sconosciute pu essere segno di una possessione diabolica. Un giorno Padre Candido esorcizzava una ragazza di 17 anni, contadina, abituata a parlare in dialetto, per cui sapeva male litaliano. Erano presenti altri due sacerdoti che, quando la presenza di Satana emerse fuori, non si stancavano di fare domande. Padre Candido, mentre continuava a recitare le formule in latino, vi mescol le parole in greco: Taci, smettila. Subito la ragazza si volt verso di lui: Perch comandi a me di tacere? Dillo piuttosto a questi due che continuano a interrogare.
17

3. Anche la conoscenza di eventi occulti (nascosti)


pu essere segno di una possessione diabolica. Un giorno Padre Candido aveva invitato ad assistere ai suoi esorcismi un sacerdote che si vantava di non crederci. Quel sacerdote andato e si comportava con un senso quasi di disprezzo, con le braccia incrociate, senza pregare (come debbono sempre fare i presenti) e con un sorriso ironico. Un bel momento il demonio si rivolto a lui: Tu dici che a me non credi. Ma ci credi alle femmine, a loro s che ci credi; e come ci credi! Quel malcapitato zitto zitto e camminando allindietro, ha raggiunto la porta e se l squagliata in tutta fretta.

Come si pu cadere nei disturbi straordinari del demonio?


Ci si pu cadere colpevolmente o incolpevolmente, a seconda dei casi. Possiamo riassumere i motivi in quattro cause:

1. Per permissione di Dio.


Per i cristiani nulla accade senza il permesso di Dio. E sia altrettanto chiaro che Dio non vuole mai il male, ma lo permette quando siamo noi a volerlo (avendoci creati liberi) e sa ricavare il bene anche dal male. Il primo caso che consideriamo ha la caratteristica che non interviene nessuna colpevolezza umana, ma c solo un intervento diabolico. Come Dio permette abitualmente lazione ordinaria di Satana (tentare tutti gli uomini), dando a ciascuno le grazie per resistere e ricavandone un bene, cos Dio pu anche permettere talvolta lazione straordinaria di Satana (possessione o disturbi malefici), per far esercitare alluomo lumilt, la pazienza, la mortificazione o per altri motivi. La vita di molti santi ci presenta esempi di questo tipo. Nel beato don Calabria e nella beata suor Maria di Ges Crocifisso, senza che ci fosse nessuna causa umana (n colpa da parte delle persone colpite, n malefici fatti da altri) ci sono stati periodi di vera e propria possessione diabolica, in cui i due beati hanno detto e fatto cose contrarie alla loro santit, senza averne nessuna responsabilit.

2. Quando si subisce un maleficio.


Anche in questo caso non c colpa da parte di chi vittima di questo male; ma c un concorso umano, ossia c una colpa umana da parte di chi fa o di chi ordina ad un mago un maleficio (maleficio=nuocere ad altri attraverso lintervento del demonio). Pu essere attuato in tanti modi diversi: legatura, malocchio, maledizione Ma il modo pi usato la fattura; essa la causa pi frequente che gli esorcisti riscontrano in coloro che sono colpiti dalla possessione o da altri disturbi malefici. Un esempio di questo tipo tratto dal libro di Don Amorth (pag 100): Giovanna, una signora sui trent'anni, madre di tre figli, mi fu indirizzata dal confessore. Accusava mal di testa, di stomaco, svenimenti. Per i medici era sanissima. Poco per volta venne fuori il male, ossia la presenza di tre demoni, ciascuno dei quali era entrato in lei in seguito a fatture, in tre ricorrenze diverse della sua vita. La fattura pi forte le era stata fatta da una ragazza che, prima del matrimonio di Giovanna, aspirava fortemente a sposare il fidanzato di Giovanna. La sua era una famiglia di intensa preghiera e cos gli esorcismi furono facilitati; due demoni uscirono abbastanza presto, mentre il terzo fu pi duro. Ci sono voluti quasi tre anni di esorcismi, col ritmo di uno per settimana.

3. Uno stato grave e indurito di peccato.


In effetti, il vero motivo la mancanza di fede. Parla Don Amorth: Nello stato attuale di sfascio delle famiglie, ho avuto casi in cui le persone colpite vivevano stati matrimoniali disordinati, con laggiunta di altre colpe. Mi sono capitate donne che pi volte avevano commesso il delitto daborto, oltre ad altre mancanze. Ho avuto casi di persone che, oltre a perversioni sessuali aberranti, commettevano colpe di violenza; e ho avuto vari casi di omosessuali che si drogavano e cadevano in altre colpe congiunte con la droga. In tutti questi casi la via della guarigione inizia soltanto attraverso una sincera conversione. Un caso: Giuseppe, di 28 anni, venne da me accompagnato dalla madre e dalla sorella. Vidi subito che era venuto solo per fare un piacere ai suoi cari. Puzzava fortemente di
18

fumo, si drogava, spacciava droga, bestemmiava. Cercai di disporlo alla meglio, perch accettasse la mia benedizione. Questa fu brevissima: il demonio si manifest subito in modo violento, e troncai immediatamente. Quando dissi a Giuseppe quello che aveva, mi rispose: Lo sapevo gi e sono contento cos; col demonio ci sto bene. Non lho pi rivisto.

4. Frequenza a luoghi o persone malefiche.


Con questa espressione si indica la pratica o lassistenza a sedute spiritiche, a magia, a culti satanici o stte sataniche, ecc. Un esempio: uno incomincia ad avvertire dolori fisici. Prova vari medici e medicine, ma il dolore aumenta. Va allora da un mago, o da un cartomante dedito alla magia e si sente dire: Lei ha una fattura. Se vuole gliela tolgo. Mi accontento di 500 euro. Quello paga. Dopo un po di giorni la persona si sente del tutto guarita. E il demonio che se n andato. Dopo un anno incominciano a riaffiorare i soliti disturbi. E il demonio che ritornato con altri sette peggiori di lui. Infatti i maghi, quelli veri non i ciarlatani, agiscono invocando Satana.

Come ci si pu difendere da questi possibili mali?


Gli esorcismi sono necessari solo per la possessione diabolica vera e propria. In realt gli esorcisti si occupano di tutti i casi in cui c uninfluenza malefica. Ma per gli altri casi, che non siano la possessione, dovrebbero bastare i mezzi comuni di grazia: 1. la preghiera e il ricorso costante al Signore, alla Madonna, ai santi, agli angeli 2. i sacramenti (soprattutto la Confessione e la Comunione frequente) 3. lelemosina, la vita cristiana, il perdono delle offese

Lesperto: Francesco Bamonte


Religioso dei Servi del Cuore Immacolato di Maria, fra Francesco Bamonte, dedica gran parte della sua attivit allaiuto delle persone cadute vittime dei maghi. Le sue denunce sono state raccolte e rilanciate da autorevoli mezzi di informazione tra cui Famiglia cristiana e la Radio Vaticana: o F. Bamonte, Cosa fare con questi maghi?, Come liberarsi dalla superstizione e difendersi dai truffatori, Ancora, Milano 2000

Testimonianze
1. Due genitori si rivolgono a un mago e a una cartomante
Alcuni anni fa, fortemente preoccupati del futuro di nostro figlio a causa di una ragazza con la quale si era fidanzato, andammo da un mago chiedendogli un rimedio perch nostro figlio lasciasse quella donna. Iniziammo a parlargli del problema, ma ben presto il mago ci disse: Gli stato fatto un grosso maleficio con il sangue delle mestruazioni. Gli hanno fatto mangiare pi di un cioccolatino sui quali sono stati fatti questi malefici. Ci vuole un potente talismano da tenere in casa. E un po costoso, il prezzo di sette milioni (di lire), ma potete pagarlo in due rate, mi date cinque milioni ora e due fra quindici giorni. Vi assicuro che entro questi quindici giorni vedrete dei cambiamenti formidabili in vostro figlio. Dopo quindici giorni tornammo per dire che gli attesi cambiamenti non serano visti. Allora il mago disse: Non vi preoccupate, in due si lavora meglio: parliamone anche con il mio collaboratore che quando va in trance molto bravo a individuare lorigine del male. Ci port in un altro luogo della casa, dal suo
19

collaboratore. Costui si presentava con un atteggiamento che ci dava un senso di soggezione, dinquietudine e di timore. Cominciammo a parlare del problema, ma dopo poche parole, mentre apriva un cassetto pieno di assorbenti macchiati di sangue, il collaboratore disse: So gi tutto. Tramite il sangue mestruale di questi assorbenti io, con i poteri che ho, sono in grado di legare e sciogliere i fidanzamenti. Poi chiuse gli occhi, battendo rapidamente, nel medesimo tempo, due volte di seguito le mani e cominci a parlare lentissimamente, poich fingeva di essere andato in trance. Disse: A vostro figlio chi gli ha fatto mangiare i cioccolatini maleficiati gli ha anche fatto una macuba molto potente: ha preso un cuore di una colomba trafitto da tanti spilli, lo ha ricoperto di polvere di ferro e lo ha avvolto in un pezzo di una sua maglietta bianca, legandolo con quarantasei giri di fili di lana rossa, e poi lo ha sotterrato ai piedi di un cipresso. A questo punto, battendo di nuovo di scatto due volte le mani, finse di uscire dal trance e di tornare normale. Noi per in quel momento credevamo a tutto quel che ci veniva detto ed eravamo spaventati. Ma lui aggiunse con voce normale: Non vi preoccupate. Io in quindici giorni sono in grado di sistemare tutto. Tranquillizzati, consegnammo la seconda rata di due milioni e salutammo. Ma nulla cambi, anzi nostro figlio in quei quindici giorni divenne anche molto agitato, nervoso, non mangiava quasi niente, dormiva poco. Andammo dal medico che gli fece fare delle analisi. Risult tutto a posto. Passarono i quindici giorni e il legame con la fidanzata continuava a sussistere. Decidemmo di lasciar perdere quei due maghi, ma pochi giorni dopo, guardando in televisione il programma di una cartomante, prendemmo nota del suo numero per telefonarle in privato. Gli spiegammo le cose e ci disse subito che il caso era grave, per lei in pochissimo tempo lo avrebbe risolto. Domand lindirizzo di casa nostra e ci disse che sarebbe venuta a visitarci. Il giorno dopo venne e dopo i saluti iniziali ci chiese di poter girare tutta la casa. Quando fin il giro ci disse: Gli hanno fatto davvero una macuba, questo ragazzo sarebbe morto, ma siamo arrivati in tempo. Io ve lo salvo dalla morte e nel giro di quarantotto ore vi risolvo anche laltro problema, per c da spendere dei soldi. Almeno sette milioni (di lire). Noi spaventatissimi prendemmo il libretto degli assegni e glieli demmo. Passarono le quarantotto ore, ma non era cambiato nulla. Telefonammo, e ci disse di richiamarla dopo mezzora perch era occupata. Lo stesso ci disse dopo mezzora. La richiamammo per la terza volta e ancora ci disse la stessa cosa. Riprovammo a telefonarle per la quarta volta e ci disse in maniera molto violenta che era occupata. Noi perdemmo la pazienza. Ci fu un alterco in cui le ricordammo di avergli dato sette milioni di lire due giorni prima e non poteva trattarci cos. La cartomante ci rispose con termini fortemente offensivi e, quando le dicemmo che lavremmo denunciata alle autorit competenti, ci minacci: se la denunciavamo, entro otto giorni avrebbe fatto fallire la nostra attivit commerciale. Chiudemmo la conversazione tesi al massimo, ma non mettemmo in atto la denuncia, soprattutto per la vergogna che avremmo provato se si fosse venuto a sapere in giro di questo tipo di truffa ai nostri danni. Finalmente dopo tutte queste esperienze negative ci pass per la testa di rivolgerci a un sacerdote. Dallincontro con lui iniziato un intenso cammino di vita spirituale che ci ha aiutato a ritrovare una grande serenit interiore. A differenza di prima, ora preghiamo per nostro figlio e affidiamo il suo futuro nelle mani di Dio. Nel febbraio 1999 la cartomante, dietro denuncia di vari clienti, fu arrestata insieme ai suoi quattro complici con laccusa di truffa e ricettazione dalla Guardia di Finanza di Siena. (F. Bamonte, Cosa fare con questi maghi?, Come liberarsi dalla superstizione e difendersi dai truffatori, Ancora, Milano 2000, p. 7-9)

2. Una cartomante imbrogliona


Una signora si rec da una donna che si spacciava per pranoterapeuta per quasi un anno, sia per portarle sua figlia che soffriva di problemi psichici, sia per dei dolori che lei stessa aveva alle gambe. Al primo incontro lesse i tarocchi alla figlia, poi su un figlio di carta disegn una croce e sotto alla croce incoll unimmagine di Ges e della Madonna, che trapass con uno spillo. Sotto queste due immagini sacre conficcate con quello spillo, incoll una foto della figlia che le aveva precedentemente chiesto di portare. Poi accese una candela e ripet la stessa cosa con la foto della signora. Mentre le leggeva i tarocchi, le disse che alcuni suoi parenti attiravano il male sulla sua famiglia e in particolare sulla figlia che le aveva presentato. La signora credette a quel che le diceva e cos cominci a provare rancore nei confronti di quei parenti. Prima di concludere lincontro la signora, che aveva informato la cartomante dei suoi dolori alle gambe, fu da lei massaggiata: a questo si riduceva la pranoterapia!
20

Nellincontro successivo, per liberare la figlia dal maleficio la cartomante la port davanti a uno specchio, le consegn un bigliettino sul quale erano riportate alcune frasi (scritte a mano e fotocopiate). Mentre la ragazza leggeva quel che era scritto, la cartomante le massaggiava la testa e bisbigliava parole incomprensibili. La ragazza ricorda solo che lultima frase del foglietto diceva: Che il buio della notte mi accompagni. La cartomante le consegnava di tanto in tanto delle candele di diverso colore che dovevano essere consumate a casa; una volta invece le consegn una medaglia placcata in oro e unancorina dargento, chiedendole 200.000 lire. La medaglia, sulla quale cerano dei segni incomprensibili, sarebbe servita a tenere lontano le cattiverie delle streghe dalla figlia, e lancorina dargento a sedurre gli uomini. Una volta videro sulla scrivania della cartomante, dentro un piatto, un fegato di animale ormai in fase di decomposizione e maleodorante. Spesso durante i consulti arrivavano telefonate in cui la cartomante rimproverava il suo interlocutore telefonico, bestemmiando anche il nome di Dio, della Madonna e dei santi, perch non aveva eseguito quel che le aveva detto. La signora, che si recava con sua figlia dalla cartomante due o tre volte la settimana, sborsava nellultimo incontro della settimana dalle 200 alle 300.000 lire. Intanto sia i problemi della figlia, sia i suoi dolori alle gambe non miglioravano, anzi peggioravano. Pens allora di abbandonare la cartomante e di cominciare a partecipare con la figlia, in maniera pi assidua e seria, alla Messa (cui fino a quel momento avevano partecipato in maniera molto saltuaria). La maga, informata di questa decisione, cerc di distoglierla, ma non ci riusc e perse le sue due clienti. Tutti gli oggetti che la cartomante le aveva dato furono consegnati a un sacerdote di Fiesole che provvide a distruggerli. La ragazza ha iniziato un cammino regolare di preghiera e di frequenza ai sacramenti che le ha molto giovato ed oggi molto pi serena. (F. Bamonte, Cosa fare con questi maghi?, Come liberarsi dalla superstizione e difendersi dai truffatori, Ancora, Milano 2000, p. 31-33)

Cosa centra la magia con Satana?


Gli effetti del ricorso ai maghi
Quanto al ricorso ai maghi e simili, presento un caso molto comune. Uno ha un male ribelle ad ogni cura, oppure vede che tutte le cose che intraprende gli vano storte; pensa di avere qualcosa di malefico che lo blocchi. Va da un cartomante o da un mago e si sente dire: "Lei ha una fattura". Fin qui la spesa poca e il danno nullo. Ma spesso viene il seguito: "Se vuole che gliela tolga, occorre un milione", o pi ancora. Nei molti casi che mi sono capitati ho saputo della cifra massima di 42 milioni [di vecchie lire]. Se la proposta accettata, il mago o il cartomante chiede qualcosa di personale: una foto, un indumento intimo, una ciocca di capelli, o qualche pelo, o un frammento d'unghia. A questo punto il male compiuto. Che cosa ci fa il mago con gli oggetti richiesti? E' chiaro: fa della magia nera. Ci tengo a fare una precisazione. Molti ci cascano perch sanno che certe donnette "sono sempre in chiesa"; o perch vedono lo studio dei maghi tappezzato di crocifissi, di Madonne, di ritratti di P. Pio. Per di pi si sentono dire: "Io faccio solo magia bianca; se venissi richiesto per magia nera, mi rifiuterei". Nell'uso corrente, per magia bianca s'intende togliere le fatture; la magia nera farle. Ma in realt, come non si stancava di ripetere Padre Candido Diamantini, non esiste magia bianca e magia nera: esiste solo la magia nera. Perch ogni forma di magia un ricorso al demonio. Cos il malcapitato, se prima aveva un piccolo disturbo malefico (ma facilmente non aveva nulla di questo tipo) se ne torna a casa con un vero e proprio maleficio. Spesso noi esorcisti dobbiamo affaticarci molto di pi a togliere l'opera nefasta dei maghi che a guarire il disturbo iniziale. (G. Amorth, Un esorcista racconta, EDB, Bologna 2000, p. 65-66)

Tre fatture su Giovanna


Giovanna, una signora sui 30 anni, madre di tre figli, mi fu indirizzata dal confessore. Accusava mali di testa , di stomaco, svenimenti. Per i medici era sanissima. Poco per volta venne fuori il male, ossia la presenza di tre demoni, ciascuno dei quali era entrato in lei in seguito a fatture, in tre ricorrenze diverse della sua vita. La fattura pi forte le era stata fatta da una ragazza che, prima del matrimonio di Giovanna, aspirava fortemente a sposare il fidanzato di Giovanna. Era una famiglia di intensa preghiera e cos gli esorcismi furono facilitati; due demoni uscirono abbastanza presto, mentre il terzo fu pi duro. Ci sono voluti quasi tre anni di benedizioni, col ritmo di una per settimana. (G. Amorth, Un esorcista racconta, EDB, Bologna 2000, p. 100-101)
21

Che cos' la magia


1. La maggior parte dei maghi sono degli imbroglioni Il campo delle fatture e degli altri malefici il paradiso degli imbroglioni. I casi veri sono una piccolissima percentuale rispetto alle falsit che regnano in tale settore. Questo terreno, oltre a prestarsi con grande facilit agli imbrogli, si presta anche moltissimo alle suggestioni, alle fisime delle menti deboli. Per cui importante che stia in guardia l'esorcista, ma che stiano in guardia anche tutte le persone di buon senso. 2. La magia invocare lazione di Satana La magia non soltanto una vana credenza, un qualcosa privo di ogni fondamento. E' un ricorso alle forze demoniache per influenzare il corso degli eventi e per influire sugli altri a proprio vantaggio. Il suo risultato che fa allontanare l'uomo da Dio e portarlo al peccato, alla morte interiore. Taumaturgo: E' colui che compie prodigi. Cartomante: E' colui che predice il futuro leggendo i tarocchi. Chiromante: E' colui che predice il futuro attraverso la lettura della mano. Talismani: Oggetti, formule, scritte che posseggono secondo la credenza popolare, virt attive tali da procurare il bene o da allontanare il male. Amuleti: Oggetti a cui la superstizione attribuisce potere difensivo di preservare da mali e pericoli. Medium: E' una persona che fa da tramite tra il mondo dei vivi e quello dei morti, che vengono evocati in sedute spiritiche. Occultismo: E' un insieme di pratiche misteriose che riguardano i rapporti con l'aldil e con gli spiriti. Esoterismo: Genericamente con questo termine si intende una dottrina o un complesso di dottrine di carattere segreto, riservate a una cerchia ristretta. Astrologia: Antica pratica che consiste nel predire il futuro in base alla posizione degli astri. Gli astrologi, infatti, ritengono che i corpi celesti influenzino la vita umana. Aruspicina: Le tecniche usate dagli aruspici, sacerdoti che presso gli etruschi e i romani predicevano il futuro esaminando le viscere degli animali sacrificati. (A. Fam, Uomini e profeti, Corso di religione cattolica per il biennio, Marietti, Torino 2001, p. 46-53)

Lopinione dellesorcista Don Gabriele Amorth


1. La fattura la causa pi frequente che noi riscontriamo in coloro che sono colpiti dalla possessione diabolica.
Il maleficio : nuocere ad altri attraverso l'intervento del demonio. Pu essere attuato in tanti modi diversi: legatura, malocchio, maledizione, ecc. Ma diciamo subito che il modo pi usato quello della fattura. La fattura la causa pi frequente che noi riscontriamo in coloro che sono colpiti dalla possessione diabolica o da altri disturbi malefici. Non so proprio come si possano giustificare quegli ecclesiastici [preti] che dicono di non credere alle fatture; e tanto meno posso spiegarmi come siano in grado di difendere i loro fedeli, se vengono colpiti da questi mali. Qualcuno si meraviglia come mai Iddio possa permettere queste cose. Dio ci ha creati liberi e non rinnega mai le sue creature, neppure le pi perverse; poi alla fine tira le somme e d a ciascuno quello che ha meritato, perch ognuno sar giudicato secondo le sue opere. Intanto possiamo usare bene della nostra libert e ne abbiamo merito; possiamo usarne male e ne abbiamo colpa. Possiamo aiutare gli altri e possiamo danneggiarli con tantissime forme di sopraffazione. Per citare una delle pi gravi: posso pagare un killer perch uccida una persona; Dio non tenuto ad impedirlo. Cos posso pagare un mago perch faccia un maleficio contro una persona; pure in questo caso Dio non tenuto ad impedirlo anche se, di fatto, molte volte lo impedisce. (G. Amorth, Un esorcista racconta, EDB, Bologna 2000, p. 62-63)

2. Chi vive in comunione con Dio non ha motivo di aver paura dei malefici (le fatture)
Anche se quanto ho scritto frutto di esperienza diretta, non bisogna credere facilmente ai malefici, in particolare a quelli fatti attraverso la fattura. Si tratta sempre di casi rari. Sarebbe un gravissimo errore vivere col timore di ricevere malefici. Mai la Bibbia ci dice di temere il demonio. Ci dice di resistergli, certi che lui fuggir da noi (Giacomo 4,7); ci dice di rimanere vigilanti contro i suoi assalti, stando saldi nella fede (1 Pietro 5,9).
22

Se viviamo in comunione con Dio, il demonio con tutto l'inferno a tremare di fronte a noi. (G. Amorth, Un esorcista racconta, EDB, Bologna 2000, p. 163-164)

Cosa dice la Chiesa cattolica sulla magia e sulla superstizione


1. Esiste un unico Dio onnipotente
Il primo comandamento Non avrai altro Dio fuori di me comporta ladorazione esclusiva dellunico vero Dio. Chi crede in Dio: ha una concezione di Dio come essere sommamente buono, che vuole il mio bene, che sa qual il meglio per me; ha una disposizione danimo, quindi, a fidarsi di Dio, a mettere la propria vita nelle Sue mani, ad accettarne la volont anche quando apparentemente sembra contraria al mio bene;

2.

Il satanismo e la superstizione sono contrarie al primo comandamento (Non avrai Dio fuori di me).

La superstizione una deviazione del culto dovuto al vero Dio. Perch un ricercare al di fuori di Dio delle forze occulte (i demoni) che luomo ritiene di poter comandare a suo piacimento. Tali pratiche sono ancor pi da condannare quando si accompagnano ad una intenzione di nuocere ad altri. Ricorrere alle forze occulte e pretendere di catturarle a proprio vantaggio significa ricadere nellantica tentazione di essere come Dio, cedere alla sete di potere ad ogni costo, in radicale antitesi con lumile e fiducioso abbandono del credente alla volont del Padre.

3. Esistono varie forme di superstizione.


Esse sono: la magia, gli oroscopi e lastrologia, lo spiritismo, il satanismo, le vane osservanze dei segni di fortuna.

4. Chi si reca da un mago commette peccato grave.


Perch va contro il comandamento Non avrai altro Dio fuori di me.

Lo Spiritismo

Testimonianze
1. Indagine su un presunto caso di psicofonia
Una famiglia colpita da un grave lutto consente al Cicap (Comitato Italiano per il Controllo delle Affermazioni sul Paranormale) di verificare "le voci dall'aldil" attribuite alla figlia scomparsa di due coniugi e di eseguire una utile sperimentazione. Roma, agosto 1996 L'appartamento in un ampio e silenzioso quartiere di nuova costruzione, alla periferia sud di Roma. E' un pomeriggio di sole, molte famiglie sono ancora in ferie. La stanza in cui il signor Aldo raccoglie i materiali una cameretta con due letti. In un angolo, su una piccola scrivania, un computer ed un gran numero di audiocassette, pi di centoventi, conservate e catalogate con cura. Il signor Aldo le ha ascoltate e riascoltate, ha trascritto tutto quello che riuscito a percepire. Tutto memorizzato nel computer e stampato su fogli racchiusi in tre raccoglitori su cui scritto: Maddalena. Egli ci racconta di come sua figlia se ne sia andata per sempre, a diciassette anni, a causa di un incidente stradale. Dopo il racconto non ci resta che ascoltare qualche nastro ( nella stanza ci sono almeno dieci registratori di vario tipo ma nessuno di alta qualit). Il signor Aldo accende un apparecchio e ci fa sentire un primo nastro.
23

Il volume al massimo. [] Talvolta il signor Aldo percepisce una parola o una frase, dove invece l'orecchio del tecnico sente un normale rumore. In effetti molte volte si tratta davvero di una voce: ma una persona che parla in lontananza (i coniugi Matano spesso, infatti, usano avviare il registratore e lasciarlo dentro una camera con la porta chiusa mentre loro continuano le faccende di casa). Ma mentre l'ascoltatore comune sente emergere dal forte frusco solo vaghe ed indistinguibili voci di persone in sottofondo, gli occhi del genitore, a due anni dal tragico evento, si illuminano: "Quella voce la sua. Ecco, questa Maddalena"! A quel punto la tentazione di ringraziare per la cordialit e di lasciar perdere tutto veramente forte. Non ci sono argomenti da opporre a due genitori che nei fruscii, nei rumori e nelle voci di fondo, sentono distintamente la voce della loro figlia che non c' pi. Nonostante tutto decidiamo di passare ad alcune sperimentazioni. Lo scopo quello di realizzare, in condizioni di controllo, una registrazione dove si spera che compaia una voce paranormale. Prepariamo uno dei registratori del signor Aldo, di non grande qualit. Ora per per eseguire un confronto lo avvieremo contemporaneamente ad un nostro apparecchio, di alta qualit questa volta. In questo modo gli apparecchi registreranno gli stessi suoni. Il nastro della microcassetta dura quindici minuti, durante i quali noi usciremo dalla stanza spostandoci su un ampio terrazzo mentre la registrazione procede. [] Al termine dell'esperimento si comincia ad ascoltare il nastro del signor Aldo. L'apparecchio riproduce un forte frusco (l'apparecchio non molto buono), in cui a volte si percepiscono rumori e deboli voci in sottofondo. Sono le nostre voci, provenienti dalla terrazza. Per diversi minuti non succede nulla, poi..ecco. Il Signor Aldo blocca il registratore, riavvolge ed ascolta nuovamente. Si sente qualcosa di diverso dal solitoDopo diverse ripetizioni il signor Aldo sicuro: "Questa lei, Maddalena!" Ma ora abbiamo la possibilit di controllare. Porto il mio nastro nella stessa posizione, ed ecco anche qui si ascolta lo stesso suono. Con una differenza per: grazie al mio apparecchio si pu ascoltarlo meglio. E cos la "voce" si rivela per quello che : il suono di una delle sedie del terrazzo, trascinata sul pavimento. Non ci sono dubbi. [] L'evidenza dei fatti disorienta non poco gli sfortunati genitori di Maddalena.[] Ma la prospettiva di una realt crudele, di un mondo dove Maddalena oramai non c' pi, insopportabile e dura solo un breve istante. "E' vero - mi dice il signor Aldo - questa volta mi sono sbagliato, ma non possibile che tutte le centinaia di altre voci siano solo errori di interpretazione. No, non proprio possibile!" (di Marco Morocutti, dal sito del CICAP www.cicap.org)

2. L'esperienza del gioco del bicchiere


"Alcuni anni or sono, ebbi l'esperienza del gioco del bicchiere, non sapendo che si trattasse di una forma di spiritismo. I messaggi avevano un linguaggio di pace e fratellanza. Dopo qualche tempo fui investito di strane facolt proprio a Lourdes, mentre svolgevo la mia missione. Avevo le stesse facolt che in parapsicologia vengono definite extrasensoriali e cio: chiaroveggenza, lettura del pensiero, diagnosi cliniche, lettura del cuore e della vita delle persone sia vive che defunte, ed altri poteri. Alcuni mesi pi tardi si aggiunse un'altra facolt: quella di annullare il dolore fisico con l'imposizione delle mani, alleviando o eliminando lo stato di sofferenza. Con tutti questi poteri non mi era difficile colloquiare con la gente; ma dopo gli incontri essa restava scioccata per quello che dicevo, e restava con un senso di profondo turbamento perch la condannavo per i peccati commessi, in quanto li vedevo nel loro animo. Per leggendo la parola di Dio mi rendevo conto che la mia vita non era per nulla cambiata. Continuavo ad essere facile all'ira, lento al perdono, facile al risentimento, suscettibile all'offesa. Avevo paura di prendere la mia croce, avevo paura dell'incognita del futuro e della morte. Dopo un lungo pellegrinare e tormentosi travagli, Ges mi ha indirizzato al Rinnovamento. Qui ho trovato alcuni fratelli che hanno pregato su di me, ed emerso che quello che m'era successo non era d'origine divina, ma frutto del maligno. [] Ho riconosciuto e confessato i miei peccati del passato, mi sono pentito, ho rinunciato ad ogni pratica occulta. Questi poteri sono cessati e sono stato perdonato da Dio; e per questo lo ringrazio." Erasmo (Bari) (G. Amorth, Un esorcista racconta, EDB Bologna, 2000, pag. 41-43)

Che cos' lo Spiritismo


Il termine Spiritismo viene genericamente usato per indicare:"prassi atta a comunicare con le anime dei defunti". I motivi per cui alcuni cercano di contattare sensibilmente le anime dei defunti possono essere: Per conoscere qualche verit; Per conoscere il futuro contingente, oppure fatti nascosti accaduti in passato;
24

Ci che sembra motivare maggiormente il desiderio di evocare e comunicare con il mondo dei trapassati, la speranza di ottenere una risposta alle domande che derivano dalla morte di una persona cara e del suo destino ultraterreno. La parola spiritismo compare per la prima volta nel volume di Allan Kardec, pubblicato a Parigi nel 1857 con il titolo Il libro degli Spiriti contenenti i principi della dottrina spiritica sull'immortalit dell'anima, la natura degli spiriti e i loro rapporti con gli uomini, le leggi morali, la vita presente, la vita futura e l'avvenire dell'umanit, secondo l'insegnamento dato dagli Spiriti superiori per mezzo di diversi medium. In realt, l'usanza di contattare le anime dei morti era conosciuta fin dall'antichit sotto il nome di necromanzia o negromanzia. (M. Fiori, Spiritismo, Citt Nuova, Roma 2001, p. 9; 17)

Come, secondo gli spiritisti, si pu comunicare con i defunti


Secondo la moderna prassi spiritica, si pensa che sia possibile comunicare con i defunti essenzialmente attraverso queste modalit:

1. La telepatia
La comunicazione con il defunto avverrebbe durante il sogno o per allucinazione telepatica. La telepatia sarebbe la lettura del pensiero o processo mediante il quale una persona viene a conoscenza di uno o pi contenuti mentali di un'altra persona, senza l'ausilio dei cinque sensi e di alcun altro mezzo di comunicazione noto.

2. Medium in trance
Temporanea presa di possesso del corpo di un vivente (medium) da parte di una presunta entit spirituale che intenda comunicare col nostro mondo. Medium si definisce un individuo dotato di particolare sensitivit per la quale sarebbe idoneo a fungere da tramite con l'aldil.

3. Per assorbimento di energia dal medium e dai presenti


Il presunto spirito assorbe energia dal medium e dai presenti e d origine a fenomeni che sembrano alterare e manipolare le pi stabili leggi del mondo fisico.

4. Attraverso magnetofoni, registratori e radio


Oltre alle modalit suddette vengono riferiti presunti casi in cui i defunti sarebbero stati evocati utilizzando magnetofoni, registratori o apparecchi radio. (M. Fiori, Spiritismo, Citt Nuova, Roma 2001, p. 40-42)

Lopinione di due esorcisti cattolici


L'esperto: Don Gabriele Amorth
E' nato a Modena nel 1925, laureato in giurisprudenza, sacerdote della Pia Societ San Paolo. Giornalista, scrittore e membro della Pontificia accademia mariana internazionale. Esorcista della diocesi di Roma, dal 1994 presidente dell'Associazione internazionale degli esorcisti. Ha pubblicato numerosi libri su Satana e gli esorcismi.

L'esperto: Moreno Fiori


Sacerdote dell'Ordine dei Predicatori (domenicano), ha preso la licenza in Teologia, specialista in demonologia, socio effettivo del Centro Studi Parapsicologici di Bologna e ha esercitato il ministero di esorcista nella diocesi di Fiesole (Firenze). Ha al suo attivo numerose pubblicazioni su argomenti quali lo spiritismo, le possessioni diaboliche, il satanismo e le sette religiose.

25

1. Non esistono "anime vaganti"


E' sbagliato affermare l'esistenza di altre forze o entit spirituali, ignorate dalla Bibbia e inventate dagli spiritisti, dai cultori delle scienze esotiche o occulte, dai seguaci della reincarnazione o dai sostenitori delle cosiddette "anime vaganti". Non esistono spiriti buoni al di fuori degli angeli; n esistono spiriti cattivi al di fuori dei demoni. Le anime dei defunti vanno subito o in paradiso o all'inferno o in purgatorio, come stato definito da due concili (Lione e Firenze). I defunti che si presentano nelle sedute spiritiche, o le anime di defunti presenti in esseri viventi, per tormentarli, non sono altro che demoni. Le rarissime eccezioni, permesse da Dio, sono eccezioni che confermano la regola. Anche se riconosciamo che in questo campo non stata detta l'ultima parola; un terreno ancora con problematiche aperte. (G. Amorth, Un esorcista racconta, EDB Bologna, 2000, pag. 27-28)

2. Spiriti che abitano antichi castelli?


Non ho mai incontrato luoghi invasati da spiriti, cos come sono descritti in certi romanzi o in certi film, specialmente in riferimento ad antichi castelli disabitati. In questi casi evidente lo scopo di far spettacolo, di presentare scene ad effetto, senza nessuna base di studio serio. [] Il pi delle volte i fenomeni che abbiamo descritto non dipendono da presenze malefiche nelle case, ma da presenze malefiche nelle persone. (G. Amorth, Un esorcista racconta, EDB Bologna, 2000, pag. 147;149)

3. La partecipazione a sedute spiritiche pu far incorrere in un maleficio


Come si pu cadere nei disturbi straordinari del demonio? Prescindendo dai disturbi ordinari, ossia dalle tentazioni che colpiscono tutti. Ci si pu cadere colpevolmente o incolpevolmente, a seconda dei casi. Una delle cause che possono provocare disturbi straordinari del demonio "la frequenza a luoghi o persone malefiche". Con questa espressione ho inteso comprendere la pratica o l'assistenza a sedute spiritiche, a magia, a culti satanici o stte sataniche, a pratiche di occultismoFrequentare maghi, stregoni; certi cartomanti. Sono tutte forme che espongono al pericolo di incorrere in un maleficio. (G. Amorth, Un esorcista racconta, EDB Bologna, 2000, pag. 61;65)

4. Il diavolo o altri demoni possono ingannare chi fa le sedute spiritiche


Anche studiosi non cattolici, non credenti o addirittura atei che si sono interessati alle esperienze in questione, direttamente e in prima persona, hanno riconosciuto, per alcuni tipi di esse, la probabilit (o la certezza) di interventi di presenze diaboliche o di esseri superiori e hanno avvertito della pericolosit per lequilibrio psicologico e per lintegrit spirituale delle persone che vi partecipassero. (V. Bo, Le sedute spiritiche e i contatti con i defunti, in AA. VV., Magia e sacro, Ed. San Paolo)

5. Solo Dio conosce il futuro contingente


La possibilit di conoscere il futuro contingente (cio gli eventi futuri che dipendono dalle libere scelte degli uomini) appartiene unicamente a Dio. Pertanto n gli angeli, tanto meno le anime separate dai loro corpi sono capaci di tale conoscenza, a meno che, come vedremo, Dio non lo permetta con una speciale illuminazione. Si deve perci ritenere assurda la credenza riguardo alla possibilit da parte degli spiriti di prevedere certi eventi che dipendono unicamente dalle libere scelte degli uomini. (M. Fiori, Spiritismo, Citt Nuova, Roma 2001, p. 59)

6. Le anime dei defunti non conoscono direttamente ci che avviene quaggi


Le anime separate dai loro corpi conoscono se stesse e le loro simili; conoscono Dio e gli angeli tramite le idee che Dio stesso infonde loro; allo stesso modo conoscono anche le altre realt inferiori. Le anime dei defunti non possono conoscere direttamente ci che avviene nel mondo dei viventi; le anime separate, infatti, per volont di Dio e per il loro caratteristico modo di essere, "sono segregate dal consorzio dei viventi e aggregate a quello delle sostanze spirituali separate dal corpo e quindi ignorano le vicende di quaggi" (S. Tommaso d'Aquino, Summa teologica, I, q. 89, a. 8, resp). Tuttavia, possibile che esse ne abbiano una conoscenza indiretta "sia per mezzo delle anime che giungono ad esse da questo mondo, sia per mezzo degli angeli o dei demoni, oppure per una rivelazione dello spirito di Dio" (S. Tommaso d'Aquino, Summa teologica, I, q. 89, a. 8, ad I). E' per da escludere, a meno che Dio non lo disponga, che tale conoscenza possa vertere sui segreti pensieri del cuore umano e gli avvenimenti liberi. (M. Fiori, Spiritismo, Citt Nuova, Roma 2001, p. 60-61) SantAgostino afferma: "Bisogna dunque concludere che i morti non sanno quel che si fa qui nel momento che avviene. In seguito, per, vengono a saperlo da quelli che passano dal nostro mondo al loro,
26

ma non tutto, solo quello che permesso loro di raccontare; e del resto essi possono ricordare solo quanto opportuno che sappiano gli spiriti a cui lo raccontano. Anche dagli angeli, che assistono alle cose di questo mondo, i morti possono sapere qualcosa, quel tanto che giudica dover essere noto a ciascuno di loro colui a cui tutto s'inchina. [] Ancora, gli spiriti dei morti possono sapere per rivelazione dello Spirito Santo le cose che avvengono qui - naturalmente quelli che necessario le sappiano - e non solo le cose passate e presenti, ma anche le future". (S. Agostino d'Ippona, La cura e il culto dei nostri morti, p. 25-26)

La probabilit da parte dei vivi di comunicare con i defunti


Lo spiritismo ritiene verosimile la probabilit che i viventi possano comunicare con le anime dei trapassati. 1. Nella morte del corpo l'anima perde assolutamente tutte le facolt corporee, non conservandole che in radice. Non compie dunque pi nessuna delle azioni, n prova alcuna delle sensazioni (vedere, sentire, ecc.) od emozioni (piacere, dolore sensibile, desideri materiali, ecc) che formano il tessuto della nostra vita. Ad essa non rimangono che le facolt spirituali: intelligenza e volont e le attivit corrispondenti. 2. Le anime dei defunti, quindi, a causa della mancanza del corpo materiale, non possono comunicare sensibilmente con il mondo dei vivi. 3. Questo tuttavia non esclude la possibilit di ricevere, per una speciale concessione divina, particolari conoscenze, che di per s sono proprie di Dio, come ad esempio lo stato d'oltretomba di un'anima. 4. Pertanto si deve ritenere inverosimile la probabilit da parte dell'uomo di poter contattare le anime dei defunti facendo ricorso ad espedienti o tecniche umane. (M. Fiori, Spiritismo, Citt Nuova, Roma 2001, p. 62-63)

La possibilit da parte dei defunti di comunicare con i vivi


1. La morte, com' noto, consiste nella separazione dell'anima, che continua a vivere, dal corpo, che si dissolve nei suoi elementi. La dottrina cattolica insegna che l'anima separata viene subito sottoposta al giudizio particolare, per cui o passer attraverso una purificazione, o entrer immediatamente nella beatitudine del cielo (paradiso), oppure si danner immediatamente per sempre (inferno). 2. Le anime dei defunti "per disposizione della divina provvidenza talvolta escono dalla loro dimora per apparire agli uomini". (S. Tommaso d'Aquino, Summa teologica, Suppl., q. 69, a. 3, resp)). 3. Possono apparire sia le anime che gi godono della visione beatifica, sia quelle che si trovano momentaneamente nel purgatorio, sia quelle dei dannati. Pur rimanendo valido il principio generale secondo il quale si deve pensare che le manifestazioni dei trapassati ai vivi non dipendano dalla loro volont, bisogna tuttavia distinguere fra le apparizioni dei beati, delle anime purganti e quelle dei dannati. 4. "Si pu ritenere che talvolta sia concesso anche ai dannati di apparire ai vivi per ammaestrarli o per spaventarli, oppure per chiedere preghiere, se si tratta di anime che si trovano in purgatorio. Ma c' una differenza fra i santi e i dannati, che i primi possono apparire quando vogliono, i secondi no." (S. Tommaso d'Aquino, Summa teologica, Suppl., q. 69, a. 3, resp). 5. San Tommaso, dunque, del parere che solo alle anime dei beati sia permesso di apparire per loro iniziativa. I beati infatti si conformano in tutto al divino volere, in modo che non loro permesso di fare se non quello che essi intuiscono conforme alle divine disposizioni. 6. Le apparizioni dei defunti possono essere mediate dall'intervento degli angeli sia buoni che cattivi. L'angelo, infatti, in grado di riprodurre le sembianze materiali di una persona sia viva che morta, e pu parlare ed agire in un corpo cos formato come lo fecero o l'avrebbero fatto le persone cos rappresentate. L'angelo, inoltre, pu arrivare a conoscere, in una certa misura, i pensieri dei defunti e in tal modo li pu comunicare ai viventi, agendo cos da mediatore tra gli esseri umani e le anime dei trapassati. L'angelo rappresenta cos l'anima del defunto, parla in suo nome e si presenta come fosse lo stesso defunto. 7. Le apparizioni dei defunti dovute all'intervento degli angeli buoni vanno per distinte da quelle mediate dagli angeli cattivi o demoni. Gli angeli buoni, infatti, sono amici di Dio e non agiscono mai nel mondo visibile se non per suo ordine. Gli angeli cattivi, invece, vivono in uno stato di continua ribellione contro Dio, e agiscono ordinariamente di loro iniziativa. 8. In conclusione, non sembra pertanto ragionevole pensare che i defunti si manifestino a loro piacimento n che esistano tecniche umane particolari con le quali sia possibile favorire tali manifestazioni. (M. Fiori, Spiritismo, Citt Nuova, Roma 2001, p. 64-66)

27

Spiritismo: la posizione ufficiale della Chiesa cattolica


La Chiesa si mostra estremamente prudente sia nei confronti delle apparizioni dei defunti che dei fenomeni ad esse collegati, e bench non escluda la loro realt, non si mai pronunciata a riguardo in maniera ufficiale. Viceversa, in diverse occasioni il Magistero della Chiesa ha preso espressamente posizione contro lo spiritismo, i cui insegnamenti sono inequivocabilmente in contrasto con la sana dottrina cattolica. Il Catechismo della Chiesa cattolica esorta i fedeli a rifuggire dalle pratiche divinatorie e spiritiche: "Tutte le forme di divinazione sono da respingere: ricorso a Satana o ai demoni, evocazione dei morti o altre pratiche che a torto si ritiene che svelino l'avvenire. La consultazione degli oroscopi, l'astrologia, la chiromanzia, l'interpretazione dei presagi e delle sorti, i fenomeni di veggenza, il ricorso ai medium occultano una volont di dominio sul tempo, sulla storia ed infine sugli uomini ed insieme un desiderio di rendersi propizie le potenze nascoste. Sono in contraddizione con l'onore e il rispetto, congiunto a timore amante, che dobbiamo a Dio solo. [] Lo spiritismo spesso implica pratiche divinatorie o magiche. Pure da esso la Chiesa mette in guardia i fedeli." (Catechismo della Chiesa cattolica n. 2116-2117) Sono due, per molti studiosi cattolici, i motivi per i quali la prassi dello spiritismo deve ritenersi immorale: 1. Il primo motivo consta nel fatto che l'interrogare i morti una pratica esplicitamente proibita da Dio (cfr. Dt 18,10-14; Es 22,17; Lv 19,31;20,6-27). Ora, la trasgressione di questo severo divieto l'espressione di una profonda sfiducia nei confronti di Dio e della sua Parola: 2. Il secondo motivo, per il quale la pratica dello spiritismo deve ritenersi immorale, la sua irrazionalit. Infatti, la presunta possibilit per i vivi di comunicare con i morti da ritenersi irragionevole perch il mondo dei trapassati veramente, nel senso stretto del termine, un altro mondo che sfugge alla nostra sensibilit. (M. Fiori, Spiritismo, Citt Nuova, Roma 2001, p. 73-74)

28