Sei sulla pagina 1di 3

CALCOLO COMBINATORIO I concetti

1. Le disposizioni semplici di n oggetti distinti di classe k sono tutti i raggruppamenti possibili che: o si formano considerando k degli n oggetti, senza ripetizioni; o sono diversi fra loro per almeno uno degli oggetti che li compongono oppure per lordine degli oggetti. Se indichiamo il loro numero con Dn,k:

Dn,k=n(n1)(n2)(nk+1),0<kn.
2. Le disposizioni con ripetizione di n oggetti distinti di classe k sono tutti i raggruppamenti possibili che: o si formano considerando k degli n oggetti, dei quali ognuno pu essere ripetuto; o sono diversi fra loro per almeno uno degli oggetti che li compongono oppure per lordine o per la ripetizione. Se indichiamo il loro numero con Dn,k:

Dn,k=nk,k>0.
3. Le permutazioni semplici di n oggetti distinti sono tutti i raggruppamenti possibili che si formano considerando tutti gli n oggetti in ordine diverso. Se indichiamo il loro numero con Pn:

Pn=n!|n fattoriale=n(n1)(n2)321.
4. Le permutazioni con ripetizione di n oggetti, di cui r1 sono uguali, r2 sono uguali, , rk sono uguali, sono tutti i raggruppamenti possibili diversi per lordine degli oggetti distinti e per la posizione degli oggetti che si ripetono. Se indichiamo il loro numero con Pn(r1,r2,,rk):

Pn(r1,r2,,rk)=n!r1!r2!rk!.
5. Le combinazioni semplici di n oggetti distinti di classe k sono tutti i raggruppamenti possibili che: o si formano considerando k degli n oggetti, senza ripetizioni; o sono diversi fra loro per almeno uno degli oggetti che li compongono. Se indichiamo con Cn,k il loro numero:

Cn,k(nk)coefficiente binomiale=n(n1)(n2)(nk+1)k!=Dn,kPk,k 0.
6. Le combinazioni con ripetizione di n oggetti distinti di classe k sono tutti i raggruppamenti possibili che: o si formano considerando k degli n oggetti, dei quali ognuno pu essere ripetuto; o sono diversi fra loro per almeno uno degli oggetti che li compongono o per la ripetizione. Se indichiamo con Cn,k il loro numero:

Cn,k=Cn+k1,k=(n+k1k),k>0.
7. (00)=(n0)=(nn)=1
o o o o

(nk)=n!k!(nk)! formula dei tre fattoriali (nk)=(nnk) formula delle classi complementari (nk+1)=(nk)nkk+1 formula di ricorrenza (nk)=(n1k1)+(n1k) formula di Stifel

8. Sviluppo della potenza di un binomio

(a+b)n=an+(n1)an1b+(n2)an2b2++(nn1)abn1+bn=i=0n(ni)anibi.
formula di Newton

ESEMPI

1. Calcoliamo quanti numeri diversi di tre cifre distinte si possono scrivere con le cifre 0, 2, 4, 6, 7, 8, 9. Quanti di essi iniziano con 8? 2. Verifichiamo lidentit:

k(nk)=n(n1k1), con n,kN{0} e nk.


3. Calcoliamo per quale valore di n si ha:

(n0)+(n1)+(n2)++(nn)=512.
1. Si devono formare numeri di tre cifre senza ripetizioni con i sette elementi 0, 2, 4, 6, 7, 8, 9. I numeri possono differire o per una cifra o per lordine, quindi calcoliamo le disposizioni semplici:

D7,3=765=210.
Tra i numeri ottenuti abbiamo per anche quelli la cui prima cifra zero, che vanno scartati perch sono numeri di due e non di tre cifre. Per calcolare quanti sono i numeri che cominciano per zero, supponiamo di togliere zero dallinsieme e calcoliamo le disposizioni dei sei elementi rimanenti a due a due, ossia:

D6,2=6,55=30.
Anteponendo lo zero a ciascuno dei 30 numeri di due cifre diverse troviamo tutti i numeri di tre cifre che iniziano per zero, i numeri cercati, di tre cifre tutte diverse, sono:

D7,3D6,2=21030=180.
I numeri che iniziano per 8 si possono calcolare allo stesso modo di quelli che iniziano per 0, quindi sono:

D6,2=65=30.
2. Verifichiamo lidentit:

k(mk)=n(n1k1),
ricordando la propriet dei tre fattoriali (mk)=n!k!(nk)! e ricordando che n!=n(n1)! Primo membro

k(nk)=n!k!(nk)!=kn!k(k1)!(nk)!=n!(k1)!(nk)!.
Secondo membro

n(n1k1)=n(n1)!(k1)!(n1k+1)!=n!(k1)!(nk).
Per il primo e secondo membro abbiamo ottenuto la stessa espressione quindi lidentit verificata. 3. Scriviamo la formula dello sviluppo della potenza di un binomio, evidenziando anche i termini che spesso si omettono in quanto fattori uguali a 1:

(a+b)n=(n0)anb0+(n1)an1b1++(nn)a0bn.
Se poniamo a=b=1, si ottiene:

2n=(n0)+(n1)++(nn).
Allora nel nostro caso :

2n=5122n=29n=9.