Sei sulla pagina 1di 1

10

Cronache

Venerd 20 settembre 2013

>AI:BED

Intervista Il direttore della Civilt Cattolica ha raccolto le confidenze di Francesco

Il medico

Aborto e gay, la misericordia del Papa


Quello di cui c pi bisogno oggi riscaldare i cuori dei fedeli
Andrea Acali a.acali@iltempo.it s Non una novit assoluta ma riuscirea intervistare il Papa sempre un gran colpo. Lo ha messo a segno il direttore della Civilt Cattolica, padre Antonio Spadaro, gesuitacome Francesco. Ieri apparsa sulla prestigiosa rivista e su altri 16 periodici della Compagnia. Trenta pagine frutto di tre incontri datreore ciascunonelmesedi agosto. Con un episodio che la dice lunga sullo stile del Papa raccontato dallo stesso padre Spadaro: Quando abbiamo rivisto il testo dell'intervista lo abbiamo letto insieme a voce alta. A turno, data la lunghezza. Ad un certo punto il Pontefice deve essersi accorto che avevo la voce impastata. La domanda spiazzante: Che cosa preferisci? Un succo di albicocca o una limonata?. Prontamente, alla risposta dell'intervistatore, il Papa si alzato e mi ha servito il succo. Francescosiraccontato sulpiano personale e ha affrontato molti temi in quello che pu essere definito una sorta di manifesto programmatico. A cominciare dalla sua visione della Chiesa: Io vedo con chiarezza che la cosa di cui la Chiesa ha pi bisogno oggi la capacit di curare le ferite e di riscal-

Serve aiuto concreto per le donne

INFO

Antonio Spadaro Gesuita, nato a Messina il 16 luglio 1966. Laureato in filosofia direttore della Civilt Cattolica dal 1 ottobre 2011. La sua attivit molto legata a Internet e al mondo della multimedialit

Programma Dalle risposte del Papa una sorta di manifesto del pontificato dare il cuore dei fedeli, la vicinanza, la prossimit. Io vedo la Chiesa come un ospedale da campo dopo una battaglia. inutile chiedere a un ferito grave se ha il colesterolo e gli zuccheri alti! Si devono curare le sue ferite. Poi potremo parlare di tutto il resto. I ministri devono essere misericordiosi, farsi carico delle persone (...) Le riforme organizzative e strutturali sono secondarie, cio vengono dopo. E in questo contesto tornato a parlare di temi etici: Una volta una persona, in maniera provocatoria, mi chieseseapprovavo lomosessualit. Io allora le risposi con unaltra domanda: Dimmi: Dio, quando guarda a una persona omosessuale, ne approvalesistenza con affetto o la respinge condannandola?. Bisognasempreconsiderare lapersona. E ancora: Il confessionale non una sala di tortura, ma il luogo della misericordia nel quale il Signore ci stimola a fare meglio

Chiesa La vedo come un ospedale da campo dopo una battaglia

Il confessionale Non una sala di torture ma il luogo dove Dio ci stimola a fare meglio

che possiamo. Penso anche alla situazione di una donna che ha avuto alle spalle un matrimonio fallito nelquale ha pure abortito. Poiquesta donna si risposata e adesso serena con cinque figli. Laborto le pesa enormemente ed sinceramente pentita. Vorrebbe andare avanti nella vita cristiana. Che cosa fa il confessore?. Non possiamo insistere solo sulle questioni legate ad aborto, matrimonio omosessualeeusodeimetodicontraccettivi. Questo non possibile. Io non ho parlato molto di queste cose, e questo mi stato rimproverato. Ma quando se ne parla, bisogna parlarne in un contesto. Il parere della Chiesa, del resto, lo si conosce, e io sono figlio della Chiesa, ma non necessario parlarne in continuazione. Piuttosto, il Papa ponelaccento sullanecessit di ripartiredallannunciodella salvezza. Le conseguenze morali sono necessariamente successive. Francesco mette invece in guardia dal rischio di invertire lordine. in fondo quello che aveva detto nellultima udienza generale, in linea con linsegnamento di Benedetto XVI: i comandamenti non sono un pacco di no ma vanno letti in positivo. La Chiesa madre, non matrigna. Francescoha parlatoanche di sinodalit, curia, autoritarismo (il mio modo autoritario e rapido di prendere decisioni mi ha portato ad avere seri problemi e ad essere accusatodiessereultraconservatore. Non sono stato certo come la BeataImelda,manon sonomai statodi destra),santit,Concilio,preghiera... Un ministero petrino che promette di stupire ancora.

LOTTO
19 SETTEMBRE 2013
Bari Cagliari Firenze Genova Milano Napoli Palermo Roma Torino Venezia Nazionale 40 60 13 26 38 1 64 62 12 22 74 24 50 72 86 49 72 76 21 37 7 36 61 24 89 68 25 28 52 89 38 50 28 65 47 43 10 86 69 54 79 11 19 33 27 13 22 36 79 34 87 65 90 85 78

Festa Celebrazioni nel cuore di Roma ma polemica su una mostra con oggetti del frate

Non si pu strumentalizzare Padre Pio


s Padre Pio, il santo della sofferenza e della speranza. Migliaia i devoti in tutto il mondo che si preparano a vivere la festa del cappuccino con le stimmate, il prossimo 23 settembre. Una festa che a Roma vede il suo fulcro nella centralissima chiesa di S. Salvatore in Lauro, a due passi da piazza Navona, dove sono custodite diverse reliquie del santo. Una festa che inizier gi oggi proprio con il ricordo del dono delle stimmate, il 20 settembre 1918, e culminer luned nella processione e nella messa solenne celebrata dal vescovo ausiliare di Roma centro mons. Zuppi. Il parroco, mons. Pietro Bongiovanni,anchecoordinatoreregionale dei gruppi di preghiera di Padre Pio. Ieri, nella Sala delle Bandiere del Campidoglio, ha presentato il programma delle manifestazioni, insiemea MirkoCoratti, presidentedellAssemblea capitolina che da 10 anni collabora alliniziativa, a mons. Giers, del Pontificio consiglio per gli operatori sanitari, e al direttore della Protezione civile di Roma capitale Vallorosi. La Festa di Padre Pio importante perchriesce amuovereun veropopolo, una moltitudine che non ha una connotazione di quartiere o di censo, perch Padre Pio il Santo del popolo capace di suscitare quel sentimento cos fondamentale nella vita delluomo che la speranza ha detto mons. Bongiovanni. Ma siccome Padre Pio ancheilsantodella sofferenza,nonpoteva mancare una contrariet. Gi, perch negli stessi giorni (da domani) annunciata una mostra a S. Lorenzo in Lucina con alcuni oggetti che sarebbero appartenuti al santo organizzata dal nipote di Giorgio Festa, il medico romano che visit il cappuccino. In una citt come Roma c spazio per S. Salvatore in Lauro La chiesa ospita alcune reliquie di Padre Pio ed al centro delle celebrazioni che culmineranno luned nella processione e nella messa solenne

SUPERENALOTTO
COMBINAZIONE VINCENTE

15-21-28-75-81-86 Numero jolly 38 Superstar 82


QUOTE
punti

6 5+1 5 4 3

Nessun vincitore Nessun vincitore ai 4 vincitori ai 613 vincitori ai 24.627 vincitori

60.597,13 405,17 19,92

QUOTE SUPERSTAR
punti

6 Nessun vincitore 5+1 Nessun vincitore 5 Nessun vincitore 4 Nessun vincitore 3 ai 98 vincitori 2 ai 1.742 vincitori 1 agli 11.650 vincitori 0 ai 25.645 vincitori Prossimo jackpot

1.992,00 100,00 10,00 5,00 13.200.000,00

tutti - ha detto mons. Bongiovanni Macomeeducatore di fedemi domando a cosa serve mostrare un guanto, un fazzoletto, una siringa, una pietra, un osso... Penso che si tratti di una spettacolarizzazione e di una strumentalizzazione grave che non fa altro che confondere le idee alla gente. Noi cerchiamo di educare le persone a sviluppare quello diceva Padre Pio: un cammino di fede. Non il guanto che salva... Certe cose sono inutili se non dannose. Mons. Bongiovanni ha anche raccontato lesperienza vissuta nel 2002:

Il card. Bergoglio ci invit in Argentina, era linizio della grande crisi. Poich Padre Pio il santo della speranza, ci disse che "portarlo" laggi avrebbe dato conforto al suo popolo perch era povero con i poveri ma non rassegnato. Il Papa che conosciamo oggi lostesso cardinale che abbiamo conosciuto allora. Andrea Acali ha collaborato Laura Candeloro

s Le parole del Papa sullaborto non mi sconvolgonoaffatto.GianluigiGigli,medico cattolico, membro del direttivo del Movimento per la Vita, docente allUniversit di Udine e noto per essersi battuto a lungo contro leutanasia di Eluana Englaro, ha accolto cosle dichiarazionidi Francesco sui cosiddetti temi etici nellintervista a La Civilt Cattolica. una posizione chiara. Fermo restando il peccato, c la massima comprensione per il peccatore. Il prof. Gigli, deputato di Sceltacivicae reducedallalunga battaglia in aula sulla legge contro lomofobia, sottolinea un aspetto delle parole del Papa: Mi sembra molto importante aver posto laccento sul contesto.Nonsipu semplicemente dire no allaborto, bisogna mettere in atto una seriedi azionisul pianoeducativoesociale che contribuiscano aprevenirlo. E questo anche il compito del Movimento per la vita. Affrontare la questione in questitermini ritengosiailmodo migliore. Non si pu combattere la piaga dellaborto soloper via legislativa. Sonoindispensabili unopera educativa per una visione positiva della vita e un sostegno concreto perrimuoverelecauseche portano la donna ad abortire. Come Movimento vi occupate anche di donne che hanno vissuto sulla loro pelle questo trauma. Il Papa ha parlato di quante si sono sinceramente pentite di questa terribile esperienza e ha detto che il confessionale non una sala di tortura ma il luogo della misericordia. Sono daccordo - afferma lonorevole Gigli - Il confessionale un vero luogo di guarigione interiore. C una vera e propria sindrome post aborto e come le donne vanno aiutate sul piano fisico e psicologico, il sacramento della riconciliazione non serve a condannare ma ad aiutare a ricostruire. Dunque ritiene giusto lapproccio di Papa Francesco che vuole riportare in primo piano lannuncio della salvezza rispettoagli obblighi moraliereligiosi. Penso proprio di s conclude il professor Gigli Penso che il Pontefice ci riserver ancora molte sorprese perch sta trovando un modo innovativo di riproporre principi sempre validi. An. Ac.

NECROLOGIE E PARTECIPAZIONI
ACCETTAZIONE SERVIZIO TELEFONICO
Il servizio operativo tutti i giorni, compresi i festivi dalle ore 10 alle 20. Operatori telefonici qualificati saranno a disposizione degli utenti per la dettatura dei testi da pubblicare. Il pagamento pu essere effettuato telefonicamente tramite carte di credito Visa, MasterCard CartaS
Si pregano i signori utenti del servizio telefonico di tenere pronto un documento di identificazione ed il proprio codice fiscale per poterne dettare gli estremi alloperatore (art. 119 T.U.L.P.S.)

1 22 40 62

7 24 49 64

12 26 50 72

13 37 60 76

21 38 61 86

Mons. Bongiovanni un santo del popolo Lesperienza vissuta con Bergoglio in Argentina

800.700.800