Sei sulla pagina 1di 1

user: laceno mail: maurizio.crivello@libero.it ip: 93.41.255.

42

Venerd 20 settembre 2013

Il Mattino

Primo piano Napoli 43

La sicurezza, il caso

Inabili al servizio, 120 vigili spediti in ufficio


Raffica di controlli sugli agenti inidonei, scatta la scure: non possono pi lavorare in strada
Luigi Roano
Un po perch si fanno di routine un po perch ha spinto forte il Comuneinquantola situazionenon pi gestibile, sono scattate le visite di controllo per gli inidonei e gli inidonei parziali della Polizia municipale. Si tratta degli agenti che possono stare in strada solo per 4 ore, le altre 4 le devono passare in ufficioconmansioniamministrative proprio perch non abilitati al centopercento,perragionidisalute. In totale gli inidonei sono 590, ebbeneperben 120listitutodimedicina del lavoro del Secondo Policlinico ha dichiarato la non inidoneit totale. E questo significa che su di loro pende la serissima e concreta possibilit che di qui a poco scatti la decadenza dalla funzione da vigile urbano. Insomma, tornerebbero a fare gli impiegati. Unaccelerazione dovuta alla situazione complessiva del corpo molto disagiata e che fa chiarezza. Il principio adottato dallIstituto di medicina del lavoro semplice: uno non pu essere inidoneo parzialmente sine die, perch la parzialit presuppone la guarigione, chi non guarisce nel giro di due-tre anni, non guarir pi. Resta da capire perch in tantissimiepertantiannihannogodutodiquestasperanzadiguarigionechetrovariscontrosolonellacie- Corpo in affanno Visite di controllo sugli agenti inidonei: in 120 non potranno pi lavorare in strada. ca fede nella medicina e poso, ovvero la pensiocome mai negli ultimi sei ne. In questo contesto mesicstataunainversiofermo restando che ciane di rotta cos repentina. scuno degli agenti fa Il comandante della Poliquel che pu con le forze zia municipale Attilio Aue i mezzi che ha disposiricchio ha forzato molto zione - si incastra la queperchchirilascialecertifistioneinidoneiconilnucazioni facesse chiarezza mero anche destinato a ed stato accontentato. crescere causa laltissiCerto ora si ritrova sul I nodi maetmedia.Essereinigroppone un altro proble- Et media chi li ha richiesti. Insomma i diritti Il retroscena doneisignificanonpotema non di poco conto: un vanno rispettati ma anche i doveri corpo dei vigili urbani an- del personale refareiserviziesterni,ovacuiciascunochiamatononposvero stare in strada. E socora pi leggero. Al mo- molto alta: sonoesseretrascurati.benechiaDieci domande ritirate prattutto si esenti dai mentositrattadi1970uni- ogni mese dopo che la vigilanza interna riresubitochenelcorpodellaPoliturni di notte o cosiddettallequali vanno sottratti dieci unit zia municipale di Napoli il 99 per ha avviato unindagine ti disagiati e i festivi. - se non si trovano nel fratcentodegli agenti faquello che deDettodegliinidoneicisotempo altro rimedi - ulte- vanno ve fare con alto senso del dovere, no ben 224 agenti che riori 120 agenti. Con pen- in pensione Almeno dieci richieste di permessi per, il vizietto di provarci, di senhanno fatto ricorso alla sionamenti che vanno al sindacali ricevute nel periodo di tirsi casta protetta, quell1 per cenlegge 104. Vale a dire che ritmo di pi o meno una Ferragosto.PoiritirateperchilCo- to ce lha ed duro a morire. Ed decina al mese: come dire che di o hanno necessit di curarsi in un mandodeivigiliurbanihasguinza- su questo che bisogna lavorare soqui a 3-4 anni via De Giaxa, sede determinatogiornooppurechedegliato gli agenti di polizia giudizia- do. del comando, potrebbe essere un vono assistere un familiare inabile. Del resto la sindacalizzazione ria interna al corpo che hanno coautentico deserto. Napoli, la terza Chi faricorso alla 104 esentato dai minciato a interrogarsi e a interro- del corpo, fermo restando che tutcitt dItalia, ha meno di 2000 vigili turni di notte e dai festivi. Infine ci gare: quali assemblee sindacali si toregolatoenormatodaleggiferurbani arruolati, a Milano ce ne so- sono i permessi studio 136, esenpossono fare nella settimana di ree, sotto gli occhi di tutti. Finita no il doppio e ben organizzati nel tati dai festivi. Tutti questi istituti Ferragosto? Quali attivit di quel addirittura sotto osservazione in senso che hanno le dotazioni e so- linidoneit,lalegge104eipermesgeneresipossonotenereinunacit- unaula di giustizia portata dallalno anche giovani. S, perch la me- si studi - bene chiarirlo sono gat deserta e con un vigile su tre al lora comandante Luigi Sementa. dia dellet chiara: meno di tre- rantitidaleggisacrosantedelloStamare? bastato questo, prima an- Che sostanzialmente non poteva cento sono i vigili urbani che si col- to. E sono lo specchio di un corpo cora che la nota ufficiale del co- fare i turni e fu attaccato per non locano tra la fascia di et 35-45; cir- logorochehanecessitrapidamenmando con la quale si chiariva che avere concesso uno di questi perca 1500 hanno tra i 55 e i 65 anni, il te di innesti giovani. nonsirilasciavanopermessisinda- messi. E anche per avere chiesto ai resto si sta avviando appunto al ricali, per fra fare marcia indietro a vigili sindacalisti di fare qualche RIPRODUZIONE RISERVATA

I vigili urbani a Napoli


Appartenenti al corpo dei vigili urbani

1.970
Unit operative

32
COMANDO agenti 723; 16 gli istituti di competenza

I PI SIGNIFICATIVI Reparti radiocomandati 160; Tuela edilizia 103; Tutela minori 55

REPARTO LEGALE 165

DATI ANAGRAFICI Oltre 700 vigili superano l'et di 55 anni; 224 usuifruiscono della legge 104; Non idonei 590, di cui 361 idonei solo a servizi interni

Permessi sindacali a Ferragosto boom di richieste, stop dal comando

I numeri Caschi bianchi, uno su quattro dirigente di unassociazione di categoria Il precedente con Sementa

turno. Causa vinta a beneficio dei napoletani e del Comune. Il paradosso fu che a portare Sementa in tribunale fu la Uil che si sent lesa dalle azioni di Sementa. Cos vengono fuori i numeri del corpo, grazie a questo procedimento giudiziario. Numeri che fanno una certa sensazione: un vigile su quattro un dirigente sindacale, sostanzialmente circa 480. Che fare? Il puntononmettereincroceilcorpodeivigiliurbani.Ilsuccessoredi Sementa, Attilio Auricchio, non ha cambiato opinione sulla questione della sindacalizzazione del corpo: Ecco, questo un problema reale e concreto che incide pesantementesuiservizi.Oltre400sindacalisti significa che prima di organizzare il lavoro occorre verificare chistainpermesso,dove,chedifficilmente si possono applicare a queste persone i turni di notte. Una cifra sovrastimata. Secondo me un eccesso. Fermo restando i diritti dei lavoratori e quelli sindacali, parole pronunciate a luglio quandolaquestionedellasindacalizzazione si ripropose con forza per le difficolt nel fare i turni. lu.ro.
RIPRODUZIONE RISERVATA

La Regione

Lavoro, nuova missione per Sviluppo Campania


Accorpamento con lEfi nasce un polo unico per il sostegno alle imprese
Livio Coppola
UnPolounicodellosviluppoalserviziodelleimpresecampane.Suquesta linea viaggia la delibera con cui la Regione ha modificato lo statuto di Sviluppo Campania, societ ereditata dalla costola campana di Sviluppo Italia e resa due anni fa di propriet completa di Palazzo Santa Lucia. Dopo un primo periodo di gestione delle attivit pregresse, ecco il nuovo pianocheprevedelallargamentodellecompetenzedellaziendaeunaprima fusione con lEfi, ente regionale per linnovazione messo in liquidazione nel 2008, cui seguiranno accorpamenticonaltrepartecipatepercreare ununica agenzia al servizio delle imprese. Adoggi, dopo latransizione da Invitalia (al tempo azionista di maggioranzadiSviluppoItaliaCampania)al-

Limpegno Lassessore Martusciello: Con la fusione un primo passo per ridurre le societ partecipate

la Regione, Sviluppo Campania si sta occupando di una serie di attivit avviatein passato, tra cui la gestione dei fondi per il microcredito (attinti dal Fondo Sociale Europeo) e degli incubatoridimpresadiMarcianise,SalernoePozzuoli,nonchlassistenzatecnicaallaRegionepericontrattidiprogramma sul manifatturiero. Ora, con ilnuovopianoindustrialeinviadiapprovazione, si punta a potenziare le competenze,riunendo sotto la societ i compiti di supporto alle aziende e al sistema economico oggi divisi tra pi realt pubbliche. Il primo accorpamentoriguardalEfi,EnteRegionale per lInnovazione che fino al 2008 ha gestito risorse per imprenditoria giovanile, femminile e internazionale. Poi scattata la messa in liquidazione,processo cheora si concluder incorporando ci che resta dellente proprio in Sviluppo Campania. Ma nonfiniscequi:Conladeliberaappena approvata compiamo un primo passo verso laccorpamento di tutte le societ partecipate dedite allo sviluppoeconomico - spiegalassessore

regionale alle attivit produttive Fulvio Martusciello La nostra intenzione di unire Sviluppo Campania anche con Isve e Campania Innovazione. In questo modo andiamo in direzione opposta a alla frammentazione degli anni passati e procediamo per realizzareunasocietpubblicaingrado di sostenere le impresee guidareil rilancio economico, partendo dalla creazione di opportunit per i giovani. In attesa che si completino gli accorpamenti, il nuovo statuto di Sviluppo Campania fa chiarezza sul campo di attivit che sar coperto dal nuovo soggetto. Si va dagli incentivi alla ricerca al sostegno delle start up aziendali, fino allassistenza sullaccesso al credito: La societ si legge neltesto-haloscopoesclusivodiconcorrere, sulla base degli indirizzi della Regione Campania, allattuazione di piani, programmi, progetti e strumenti finalizzati a favorire, promuovere e rafforzare la competitivit e lo sviluppodelsistematerritorialeregionale. Per il conseguimento dello scopo sociale la societ pu svolgere, nei confronti del pubblico, le attivit come la concessione di finanziamenti, lacquisizionedipartecipazioniinsociet gi costituite o la costituzione di nuove societ.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Composite IL_MATTINO - NAZIONALE - 43 - 20/09/13 ----

Time: 19/09/13

22:38