Sei sulla pagina 1di 21

Prefazione

Lespressione un campo libero dove ognuno pu tracciare la propria enfasi creativa. Cos Marina Liberati. In questa raccolta, ella accosta la poesia ad immagini che possano veicolare nel lettore dei suoi versi quelle stesse emozioni che ne hanno animato la loro nemesi. Ora, Marina, sovrascrive le immagini con i suoi versi tanto che questi diventano parte integrante di uno scatto fotografico o un elaborato pittorico, come fosse condimento atto a dare gusto alle immagini stesse. Ma inevitabilmente viene a crearsi un anello espressivo in cui limmagine diventa veicolo visivo allo stesso verso, il quale acquista il suo armonico corpo. La fotografia come la pittura poesia che si vede, questo ci lasci scritto Leonardo che oltre alla sua natura razionale, aveva ben sviluppato il senso dellarmonia spirituale, animica, secondo i canoni rinascimentali in cui limmagine vale solo se collegata alla sfera spirituale. E i versi di Marina Liberati cosa

sono se non lo svelare quella sfera intima personale che abita nella fascia di nessuno, incontrollata e incontrollabile, schiacciata tra esperienze personali e aspirazioni spirituali universali che nellimmagine trovano ampio respiro espressivo.

Antonio Dal Muto

POESIE

Quelle come me Come nuvola E Mani Sogno Eco Respiro Sola Smarrita Silenzio Nellignoto intimo Il mio grido Voglia dessere Sola di notte Respiro Invano Qual silenzio Mani Ogni volta Visioni Riflessioni

Dietro la finestra mentre le luci della notte mi passano davanti e i sospiri del mio silenzio appannano il vetro della mia anima, mi viene in mente una poesia, una dolce poesia. Mi vieni in mente tu... l'hai scritta tu. Tue sono le parole d'amore che ripeto e ripeto, tuo il dolce volto che m'appare. Sento freddo amore mio,lasciami riscaldare avvinta alla tua anima e dammi la forza e la volont di rinascere.

Eccoci qua a guadare le nuvole su un tappeto di fragole come si fa a spiegarti se mi agito e mi rendo ridicolo tu parlami, stringimi oppure fingi di amarmi.

Ciao, semplicemente ciao. Difficile trovare parole molto serie, tenter di disegnare, come un pittore, far in modo di arrivare fino al cuore con la forza del colore.

Quando tendo la mia mano stringo solo il vuoto...

Come una bambina che attende ansiosamente una sorpresa con gli occhi chiusi, ho sempre vissuto le mie giornate in attesa che la felicit mi colpisse in testa per annunciarmi il suo arrivo. Mi svegliavo ogni mattina e controllavo... Sono gi felice? Un dolorino al cuore mi rispondeva:... No..non ancora... ricontrolla pi tardi. E cos trascorrevo le mie giornate, fermandomi di tanto in tanto, come per cogliermi di sorpresa e penso ... Ok, e se me lo chiedesse adesso? Mi sento felice ora? Naturalmente la risposta era sempre, No!. Ed ora eccomi qui da sola, in attesa che la felicit annunciasse il suo arrivo nella mia vita. Solo adesso comprendo che se continuo a vivere nell'attesa aspetterei per sempre. La felicit non devo aspettare che entri in me dall'esterno, devo semplicemente crearla io dall'interno, e solo allora sar in grado di rispondere: Si... sono felice.

Si pu ritrovare il tempo perduto? Nei ricordi certamente, ma a me non bastano ci sto sguazzando dentro.

IL TEMPO PORTA CON SE RAGGI DI SOLE COME FREDDI TEMPORALI, MA E SEMPRE FONTE DI SOPRESE CHE NELLATTESA DIVENTANO GOCCIE DI SPERANZA.

adm

Interessi correlati