Sei sulla pagina 1di 6

Corso di Meteorologia

SPAZIOMETEO
Basi di Meteorologia

Sicuramente, sebbene di semplice comprensione, il primo dubbio da chiarire cosa


sia la Meteorologia. E soprattutto quale differenza ci sia, con quella che in modo analogo viene definita Climatologia. La meteorologia una parte della scienza dell'atmosfera che si occupa dell'osservazione e dello studio dei fenomeni atmosferici. A differenza della climatologia, che studia i fenomeni meteorologici medi in un arco di tempo (almeno 30 anni), e che quindi caratterizzano appunto il "clima", la meteorologia studia il tempo atmosferico in un arco temporale relativamente ristretto, comunque minore rispetto a quello climatico.

L'uomo,

fin dalla sua nascita, ha sempre scrutato il cielo; ancor pi quando si

verificavano alcuni fenomeni, come oggi potrebbe essere una banale pioggia. Col passare del tempo, quindi, si cercato di capire da cosa dipendessero tali eventi. Ebbene, dapprima solo con l'osservazione, poi intorno al '600, ad opera di diversi inventori, vengono creati i primi strumenti meteorologici quali l'Anemometro, l'Igrometro, il Barometro ed il Termometro, che si riveleranno essenziali. Tuttavia sar solo nell'800 che si crearono basi pi solide per lo studio meteorologico, con l'ausilio della matematica e della fisica. In ultimo, con la nascita dei primi calcolatori, che vennero utilizzati per la soluzione di equazioni e quindi elaborazione di modelli matematici, nacque quella che potrebbe definirsi meteorologia moderna.

La

meteorologia, come spiegato prima, si occupa dello studio dei fenomeni

atmosferici. Questi ultimi, si generano principalmente nella troposfera, una fascia che parte dalla terra e si estende verticalmente sino a circa 10-12 Km. Ma anche la troposfera, a sua volta, racchiudibile in un sistema gassoso che avvolge la terra, denominato Atmosfera. Per definizione, quindi, lAtmosfera linvolucro gassoso che avvolge la Terra . Questo spesso "manto" gassoso diviso in diversi livelli, ognuno dei quali merita una specifica spiegazione. Tra i gas presenti: Ossigeno, Azoto, Argon, il Vapore acqueo, ecc. Vediamo ora i diversi livelli che la compongono e la loro importanza in meteorologia: - TROPOSFERA: il primo strato dell'atmosfera. Verticalmente si estende dalla terra sino a circa 8 Km dai poli e fino a 15 Km dall'equatore; questo per il fatto che anche questa fascia risente della forma terrestre, schiacciata ai poli e non perfettamente sferica. Contiene la ~1~

Corso di Meteorologia

SPAZIOMETEO

maggior parte della massa gassosa, ed in meteorologia lo strato pi importante in quanto avvengono i fenomeni atmosferici. - STRATOSFERA: lo strato immediatamente successivo alla tropopausa, ossia una fascia che divide appunto la troposfera dalla stratosfera. La stratosfera presenta un forte aumento della temperatura, che dai -60C della troposfera passa intono allo zero. Questo perch presente uno strato di ozono (O3) che assorbe le radiazioni solari ultraviolette: quando i raggi ultravioletti emessi dal Sole vanno ad urtare contro le molecole di ozono, che sono formate da tre atomi di ossigeno, queste si dissolvono, ovvero i tre atomi che le compongono si dividono.

Il processo ha due effetti: la produzione di calore, tanto pi grande quanto maggiori


sono le dissociazioni, e l'arresto dei raggi ultravioletti che sono dannosi per la vita. In meteorologia particolarmente importante per lo studio del fenomeno chiamato Stratwarming, ossia riscaldamento stratosferico, spesso causa delle storiche onde di gelo che hanno interessato la nostra penisola ed in generale un po tutta lEuropa. - MESOSFERA: in questo strato non si subisce pi l'influsso della superficie della terra; motivo per cui l'aria calma. La temperatura torna a diminuire, addirittura fino a -80C. - IONOSFERA: in questo strato, come intuibile dal nome, i gas sono ionizzati. La temperatura, man mano che si sale, aumenta, toccando i 1700C circa. Tra la mesopausa (fascia di transizione tra mesosfera e ionosfera) e la ionosfera avvengono le aurore boreali, fenomeni suggestivi visibili nei pressi dei poli, dovuti anche al vento solare. La particolare importanza di questa fascia riposta nelle telecomunicazioni, in quanto riflettono le onde radio. - ESOSFERA: la parte estrema dell'atmosfera. La temperatura aumenta ulteriormente, toccando i 2000C. Questo quindi in breve quello che c' da sapere sulla nostra atmosfera.

~2~

Corso di Meteorologia

SPAZIOMETEO

Ritornando ai fenomeni meteorologici, questi si generano e variano a seconda delle


condizioni di alcuni parametri fisici essenziali in meteorologia. Questi sono La Temperatura, La Pressione, LUmidit ed il Vento. Alcuni sono principali (in particolare la Temperatura), altri in un certo senso derivati: Pressione e di conseguenza il Vento. Partiamo dalla Temperatura.

La temperatura, in modo molto elementare, pu definirsi come lo stato termico di un


corpo. Questo tipo di definizione, anche se decisamente semplice e ridotta, pu comunque bastare a dare l'idea di quello che potrebbe servire in meteorologia. Vediamo quindi gli aspetti salienti della sua applicazione nella previsione del tempo atmosferico. Innanzi tutto, in base alla temperatura possiamo descrivere una massa d'aria: avremo quindi fronte freddo o fronte caldo. In linea generale, una massa d'aria fredda pi densa (impropriamente "pi pesante") di una calda, motivo per cui avr valori di pressione maggiori e nello scontro tra le due masse, quella calda tende a scorrerle al di sopra.

Ancora

un'importantissima applicazione la si

trova nella fenomenologia prodotta: generalmente, con temperatura uguale o minore di 0C sia avr neve, altrimenti pioggia. Ecco quindi l'importanza che riveste anche ai fini "prognostici". Ma ancora, per il calcolo della quota dove la pioggia si trasforma in neve: sappiamo che la montagna molto pi fredda del mare, e che generalmente ad un aumento di altitudine corrisponde una diminuzione di temperatura (nella troposfera). Questo prende il nome di gradiente termico, ed esprime la variazione di temperatura alle varie quote: in particolare, ad ogni 1000m di aumento in verticale corrisponde una diminuzione di circa 6,5C.

Restando sempre in tema di "Parametri fisici" in


meteorologia, un ruolo fondamentale insieme temperatura svolto dalla Pressione Atmosferica. alla

~3~

Corso di Meteorologia

SPAZIOMETEO

Questa pu definirsi come il rapporto tra la forza che agisce su un'unit di superficie e la
superficie stessa. Vediamo quindi una breve parentesi storica e la sua applicazione ai fini della previsione. Ancorch invisibile ed impalpabile, anche l'aria possiede un "peso". Partendo da

questo, agli inizi del 1600, l'italiano Evangelista Torricelli realizz il primo barometro, con cui inoltre cap che la pressione variava. In campo meteorologico, come ripeto, insieme alla temperatura, l'elemento principale per l'elaborazione di previsioni. In particolare, quello che ci interessa maggiormente sono le zone di Alta e Bassa pressione, cos definitive rispettivamente per i loro valori di pressione elevati o bassi.

L'unit di misura in genere l'ettopascal (hPa) o il millibar (1 hPa = 1 mb). Innanzitutto,


fondamentale capire la rotazione delle correnti nei due centri di pressione: nelle alte pressioni, i venti ruotano in senso orario; l'opposto in quelle di bassa pressione. Inoltre, le masse d'aria si spostano dai centri di alta pressione verso quelli di bassa pressione (come mostra l'immagine); ultima aggiunta, per chi non lo sapesse, che in condizioni di alta pressione il tempo tende ad essere stabile, mentre quando si ha bassa pressione il tempo cattivo, spesso con maltempo e fenomeni associati.

Passo adesso ad un altro, non meno importante, parametro meteorologico.


LUMIDITA. Si definisce Umidit atmosferica il vapore acqueo contenuto nell'aria. Questa una definizione generale: esistono due tipi di umidit. Relativa ed assoluta. La prima ci da indicazioni circa i grammi di vapore acqueo presenti in un metro cubo di aria. Anche se di grande interesse, questo tipo di misurazione riveste "poca importanza" in meteorologia; risulta essere decisamente pi rilevante l'Umidit relativa.

~4~

Corso di Meteorologia

SPAZIOMETEO

Questa esprime il rapporto, in percentuale, tra la quantit di vapore acqueo presente


nell'aria e quella che sarebbe necessaria per raggiungere la saturazione . Ecco quindi un parametro di grande importanza meteorologica. Lo strumento per la misurazione l'igrometro, ed esprime una percentuale, con estremi lo 0 (assenza di umidit) ed il 100% (aria completamente satura). E' comprensibile quindi come sia importante conoscere l'umidit relativa, in quanto possibile pronosticare se vi sar o meno possibilit di precipitazioni o formazione di nebbie ecc. Inoltre, quando l'umidit raggiunge il 100% (saturazione) vi sar formazione di nubi. Un ultimo appunto: maggiore la temperatura dell'aria, pi umidit possibile "intrappolare", e viceversa. Motivo per cui a temperature particolarmente basse le precipitazioni divengono scarse o del tutto assenti.

Dopo

aver descritto Temperatura, Pressione ed Umidit, l'ultimo parametro che

rimane il Vento. Questo lo spostamento di masse d'aria causato da differenze di pressione. Avrete quindi capito che un "derivato" della pressione in quanto proprio la disomogeneit di questa che genera questi moti, chiamati appunto Vento. Brevemente c' da dire che esistono diversi tipi di venti, in base alla direzione di provenienza. Prima di descriverli, anticipo che in condizioni di bassa pressione i venti ruotano in senso antiorario; opposto nelle alte pressioni (comunque lo anzi mostrato, della Pressione molto chiaro). Vediamo ora i principali venti, e le loro caratteristiche, che spirano sull'Italia. - TRAMONTANA: un vento freddo proveniente da nord, che spira a velocit abbastanza elevate. Quando arriva, la zona interessata soggetta ad un calo termico considerevole. - MAESTRALE: proviene da nord-ovest, e generalmente spazza le nubi. E' un vento freddo e con raffiche molto violente, soprattutto sulla Sardegna, che risulta essere particolarmente esposta. - BORA: il vento gelido che proviene da nord-est, e che colpisce soprattutto Trieste con raffiche piuttosto "acute". In inverno apporta freddo sull'Appennino. - PONENTE: un vento molto umido che proviene da ovest. In genere soffia tra la primavera e l'estate. - LEVANTE: in inverno un vento freddo, in quanto si dirige da zone gelide del globo verso il mediterraneo (in particolare l'Adriatico). - LIBECCIO: vento molto caldo ed umido proveniente da nord-ovest, che colpisce le ~5~

Corso di Meteorologia

SPAZIOMETEO

regioni meridionali e la Sicilia. - SCIROCCO: un vento mite molto simile al libeccio, che proviene da sud-est. Anche questo colpisce le regioni meridionali, in particolare i settori ionici e adriatici che risultano pi esposti. - OSTRO: vento proveniente da sud, abbastanza mite ed umido, che in Italia porta spesso "ondate di calore". Comunque anche questi sono solo una parte dei venti esistenti nel pianeta, a cui si aggiungono altri fenomeni come Lo STAU ed il FOHN, di cui avr sicuramente modo di parlare in seguito.

Relatore lezione online: Dominique Citrigno Grafica e creazione dispense: Daniela Gozzi (dany) Supporto e collaborazione: Ivan Bellia (ivan), Franco Lanza (nextime), Aldo Pucciarelli (pucciarelli.a), Antonino Salvatore Cutr (jarod)

~6~