Sei sulla pagina 1di 78

Corso di Tecnologia Meccanica

Modulo 4.1 Lavorazioni per asportazione di truciolo


LIUC - Ingegneria Gestionale 1

Il principio del taglio dei metalli

LIUC - Ingegneria Gestionale

Lasportazione di truciolo
Le operazioni di asportazione di truciolo sono utilizzate per lavorare a freddo grezzi di fonderia e semilavorati di varia provenienza (fucinatura, profilati, estrusi, ) Vengono utilizzate allo scopo delle macchine utensili, dal nome dellattrezzo utilizzato nella lavorazione (utensile)

LIUC - Ingegneria Gestionale 3

Metodo di analisi e studio


Campo di utilizzo della lavorazione Caratteristiche delloperazione Parametri di taglio da utilizzare Macchine ed utensili Determinazione della forza e della potenza di taglio

LIUC - Ingegneria Gestionale

Campo utilizzo

Al fine di saper individuare, di fronte ad un risultato da ottenere, quale operazione realizzare e quale pi confacente allo scopo in termini di:
Qualit

del risultato finale Tempi di preparazione e lavorazione Costo della lavorazione e dunque del pezzo

Diventa importante anche saper individuare possibilit alternative in caso di carenza di mezzi a disposizione
LIUC - Ingegneria Gestionale 5

Caratteristiche delloperazione

indispensabile conoscere le condizioni di lavorazione in termini di:


Moti

caratteristici:

Del pezzo Dellutensile


Modalit

di creazione del truciolo Diverse possibilit di impostazione Vantaggi/svantaggi


6

LIUC - Ingegneria Gestionale

Parametri di taglio

Sono deducibili da apposite tabelle in funzione del materiale, del tipo di lavorazione, del livello qualitativo, della macchina utensile utilizzata..:
Velocit

di taglio Velocit di avanzamento Profondit di passata Velocit di appostamento ..

LIUC - Ingegneria Gestionale

Macchine ed utensili

Macchine
Caratteristiche

Utensili
Classificazione Tipi Tabelle

tecniche Componenti Stato dellarte Costruttori Varianti CN ..

di riferimento Costruttori Angoli caratteristici Taglienti Usura .

LIUC - Ingegneria Gestionale

Macchine utensili utensili Macchine Moto di di taglio taglio rotatorio rotatorio Moto tornio tornio trapano trapano fresatrice fresatrice alesatrice alesatrice rettificatrice rettificatrice Moto di di taglio taglio alternativo alternativo Moto piallatrice piallatrice limatrice limatrice stozzatrice stozzatrice brocciatrice brocciatrice segatrice segatrice

LIUC - Ingegneria Gestionale

Forza e potenza di taglio


Condizioni di taglio migliori Geometria dellutensile pi idonea Verifica della compatibilit della potenza con la macchina disponibile Valutazione della deformazione del pezzo e dunque gli errori dimensionali Conoscere le sollecitazioni cui la amacchina sottoposta Scegliere la macchina pi idonea

LIUC - Ingegneria Gestionale

10

Tornitura

LIUC - Ingegneria Gestionale

11

Tornitura

La tornitura ha lo scopo di ottenere:


superfici

di rivoluzione esterne ed interne filettature esterne ed interne superfici piane (dette di sfacciatura) superfici zigrinate

unoperazione economica realizzata su una macchina semplice denominata tornio, oggi ampiamente diffuso in versione CN
12

LIUC - Ingegneria Gestionale

Moti di tornitura

Moto di taglio

Rotatorio continuo del pezzo Misurato con la velocit di taglio v in m/min

Moto di alimentazione
Rettilineo o curvilineo dellutensile, in un piano passante per lasse di tornitura la combinazione di due moti, parallelo e perpendicolare rispetto allasse di tornitura Misurato con lavanzamento a in mm/giro

Moto di appostamento

Rettilineo dellutensile Misurato con la profondit di passata p in mm Elicoidale risultante dal moto di taglio e di alimentazione
LIUC - Ingegneria Gestionale 13

Moto di lavoro

LIUC - Ingegneria Gestionale

14

Tornitura cilindrica esterna


Utensile con moto di alimentazione parallelo allasse di tornitura Velocit di taglio:

v = (D n)/1000

(m/min)

D = diametro della superficie lavorata (mm) n = velocit angolare del pezzo (giri/min)

LIUC - Ingegneria Gestionale

15

LIUC - Ingegneria Gestionale

16

Tornitura piana esterna (sfacciatura)

Permette di ottenere superfici piane perpendicolari allasse di tornitura con un moto dellutensile perpendicolare a tale asse Affinch la qualit della finitura superficiale rimanga la stessa in ogni punto necessario che la velocit di taglio rimanga costante Ci e possibile solo sui moderni torni a CN E possibile sfacciare anche superfici non circolari in tal caso occorre scegliere un tagliente molto duro a causa degli urti dovuti al taglio interrotto

LIUC - Ingegneria Gestionale

17

LIUC - Ingegneria Gestionale

18

Tornitura interna

realizzata sfruttando dei fori gia presenti nel greggio in lavorazione La scelta del profilo di rivoluzione connesso alluso di macchine CN e di inserti taglienti con angoli opportuni Lo stelo dellutensile deve essere scelto opportunamente per il suo ingombro e la sufficiente rigidezza specie per cavit con basso rapporto diametro/lunghezza
LIUC - Ingegneria Gestionale 19

LIUC - Ingegneria Gestionale

20

Filettature interne ed esterne

Al fine di procedere con le filettature necessario prevedere un moto di alimentazione parallelo allasse di tornitura,ed avanzamento pari al passo della filettatura La profondit di passata dipende dalla profondit del filetto e dalla possibilit di realizzarlo in una o pi passate Sono al momento disponibili inserti a carburi sinterizzati in grado di eseguire nella stessa passata la filettatura e la finitura delle creste dei filetti In taluni casi non pi necessario provvedere prima alla tornitura cilindrica e anche per quanto riguarda la lucidatura fine possibile farne a meno
LIUC - Ingegneria Gestionale 21

LIUC - Ingegneria Gestionale

22

LIUC - Ingegneria Gestionale

23

LIUC - Ingegneria Gestionale

24

Esecuzione di gole e troncature

Per lesecuzione di gole di vario genere (sede di seeger, o-ring, etc,,,,) necessario procedere con moto di appostamento e posizionare lutensile longitudinalmente alla posizione della gola Si procede dunque con utensili di sagoma opportuna e con moto radiale alla realizzazione della gola Il moto dellutensile fino allasse di tornitura comporta la troncatura completa della barra Per operazioni di troncatura la larghezza max dellutensile deve essere tra 3 e 6 mm

LIUC - Ingegneria Gestionale

25

LIUC - Ingegneria Gestionale

26

Allargamento di fori e zigrinatura

Lallargamento di fori pu avvenire in direzione parallela allasse di tornitura in coincidenza di fori gi esistenti con avanzamento longitudinale allasse stesso La zigrinatura ottenibile per deformazione plastica a freddo mediante lapplicazione di un doppio rullo con zigrinatura inclinata in senso opposto premuto contro la superficie

LIUC - Ingegneria Gestionale

27

LIUC - Ingegneria Gestionale

28

Tornitura esterna di superfici di forma complessa

Combinando opportunamente i moti di avanzamento parallelo e perpendicolare allasse di tornitura possibile ottenere profili di rivoluzione di profilo complesso e comunque inclinato rispetto allasse di tornitura Tale possibilit risulta molto connessa alluso di torni CN ed alla scelta di opportuni angoli di lavoro degli inserti taglienti

LIUC - Ingegneria Gestionale

29

Parametri di taglio

Occorre considerare i tre elementi chiave che caratterizzano il funzionamento delle macchine utensili In ogni caso i costruttori forniscono tavole di riferimento che riportano i valori pi comuni di:
Velocit di taglio (v) che deve essere ridotta del 50% in caso di filettature, creazione di gole e troncature Avanzamento (a) che, nel caso di gole e troncature, deve essere compreso tra 0,05 e 0,15 mm/giro Profondit di passata (p) che deve essere:

Tra 1 e 10 mm nel caso di operazioni di sgrossatura Tra 0,1 e 1 mm nel caso di operazioni di finitura

La scelta dei parametri dipende anche dalle condizioni di bloccaggio del pezzo sulla macchina
LIUC - Ingegneria Gestionale 30

LIUC - Ingegneria Gestionale

31

LIUC - Ingegneria Gestionale

32

Parametri di taglio derivati

Numero di giri da applicare al pezzo per ottenere la velocit di taglio desiderata Velocit di avanzamento dellutensile Sezione di truciolo

1000 v n= giri/min D

va = a n mm/min

s = a p mm

LIUC - Ingegneria Gestionale

33

Utensili

Parti caratteristiche:
Stelo:

parte di fissaggio alla macchina Testa: parte che porta i taglienti fissi o riportati Superficie di appoggio: parte inferiore dello stelo Petto: superficie attiva su cui scorre il truciolo Fianchi: superfici adiacenti al petto (fianco principale e fianco secondario) Taglienti: spigoli di intersezione del petto con i fianchi (tagliente principale e tagliente secondario Punta: intersezione di due taglienti

LIUC - Ingegneria Gestionale

34

LIUC - Ingegneria Gestionale

35

Tipi di tagliente

Con placchetta saldata: quando la placchetta tuttuno con lo stelo Con inserto fissato meccanicamente: quando la placchetta intercambiabile e fissata sullo stelo con una vite A taglio destro o sinistro: a seconda di come si presenta rispetto allosservatore A taglio frontale: quando il tagliente principale perpendicolare allasse dello stelo Simmetrico: quando il tagliente principale pu essere indifferentemente quello di destra o di sinistra .
LIUC - Ingegneria Gestionale 36

LIUC - Ingegneria Gestionale

37

LIUC - Ingegneria Gestionale

38

Tipi di inserti

LIUC - Ingegneria Gestionale

39

Angoli caratteristici

Sistema di riferimento:
Piano

parallelo alla superficie di appoggio Retta parallela allasse dello stelo passante per la punta

Angoli:
Del

tagliente principale (): formato dalla proiezione del tagliente principale sul piano di riferimento con la retta di riferimento Del tagliente secondario (s) : formato dalla proiezione del tagliente secondario sul piano di riferimento con la retta di riferimento Di punta (): formato dalle proiezioni dei taglienti sul piano di riferimento
LIUC - Ingegneria Gestionale 40

Sistema di riferimento

LIUC - Ingegneria Gestionale

41

LIUC - Ingegneria Gestionale

42

Altri angoli caratteristici


Di inclinazione: formato dal tagliente con il piano di riferimento () Angolo di spoglia superiore del tagliente principale () Angolo di spoglia inferiore del tagliente principale () Angolo di taglio () Vale la relazione: + + = 90
LIUC - Ingegneria Gestionale 43

Angoli dellutensile

LIUC - Ingegneria Gestionale

44

Altri angoli
Angolo di spoglia inferiore del tagliente secondario (s) Si possono poi definire, in funzione della posizione dellutensile rispetto al pezzo

Angolo

() Angolo di registrazione del tagliente secondario (s)


LIUC - Ingegneria Gestionale

di registrazione del tagliente principale

45

Influenza degli angoli sul taglio

Langolo del tagliente principale definisce la sezione del truciolo.


Varia

tra 30 e 45 Tanto pi grande tanto maggiore la durata dellutensile Lo spessore del truciolo non deve essere troppo basso per evitare difficolt di incuneamento e dunque strisciamento
LIUC - Ingegneria Gestionale 46

Angolo del tagliente principale

LIUC - Ingegneria Gestionale

47

Influenza degli angoli sul taglio

Langolo del tagliente secondario influenza la rugosit del pezzo.


Deve

essere inferiore a 90 per non strisciare sulla superficie gi lavorata Tanto pi grande tanto minore la rugosit della superficie del pezzo Influenza altres la sezione del truciolo

LIUC - Ingegneria Gestionale

48

Angolo del tagliente secondario

LIUC - Ingegneria Gestionale

49

Influenza degli angoli sul taglio

Langolo di spoglia inferiore del tagliente principale deve ridurre al minimo lo strisciamento del fianco principale con la superficie lavorata a causa del ritorno elastico di questultima.
Tanto

pi grande tanto minore lo strisciamento sul

pezzo Tanto pi grande tanto minore la sezione resistente dellutensile


LIUC - Ingegneria Gestionale 50

LIUC - Ingegneria Gestionale

51

LIUC - Ingegneria Gestionale

52

Influenza degli angoli sul taglio

Langolo di spoglia superiore del tagliente principale determina la deformazione plastica di scorrimento del truciolo.
Tanto

pi grande tanto minore la forza necessaria per il taglio in quanto minore la pressione trucioloutensile:

Minore la sollecitazione di attrito Minore la temperatura sullinterfaccia truciolo-pezzo

Tanto

pi grande tanto minore la sezione resistente dellutensile. In taluni casi pu essere utile la presenza di uno smusso

LIUC - Ingegneria Gestionale

53

LIUC - Ingegneria Gestionale

54

LIUC - Ingegneria Gestionale

55

LIUC - Ingegneria Gestionale

56

Influenza degli angoli sul taglio

Langolo di inclinazione si comporta come langolo di spoglia superiore del tagliente principale in quanto ha influenza:
Sulla

direzione dello sforzo di taglio e di direzione del truciolo. Valori positivi comportano lallontanamento del truciolo dalla superficie lavorata evitando:

Potenziale danneggiamento della superficie stessa o dellutensile Pericolo per loperatore Problemi nellevacuazione del truciolo

Sulla

sezione resistente dellutensile


LIUC - Ingegneria Gestionale 57

LIUC - Ingegneria Gestionale

58

Influenza del raggio di punta

Il raggio di punta tra i taglienti essenziale al fine di:


Eliminare

un pericoloso spigolo vivo Dare robustezza allutensile Ridurre la rugosit del pezzo lavorato

Non deve essere troppo elevato per la possibile difficolt di incuneamento dellutensile nel pezzo
LIUC - Ingegneria Gestionale 59

LIUC - Ingegneria Gestionale

60

Utensili con inserto


Gli inserti possono essere di forme disparate e consentono una rapida sostituzione in caso di usura salvaguardando il resto dellutensile Presentano un rompitruciolo necessario specie per materiali tenaci Esistono diversi tipi di bloccaggio (a staffa, a cuneo, a leva, )

LIUC - Ingegneria Gestionale 61

LIUC - Ingegneria Gestionale

62

Designazione degli inserti

Gli inserti vengono designati in base alla codifica UNI-ISO 1832 composta da 9 simboli +1
4

lettere a definire: forma, angolo di spoglia inferiore, tolleranze dimensionali, tipo 2 cifre a definire la lunghezza e lo spessore del tagliente 1 cifra/lettera a definire la punta dellinserto 1/2 lettere ad indicare il tipo di tagliente ed il verso di taglio
63

LIUC - Ingegneria Gestionale

ISO 1832

LIUC - Ingegneria Gestionale

64

Tornitura esterna

LIUC - Ingegneria Gestionale

65

Tornitura interna

LIUC - Ingegneria Gestionale

66

Utensili per tornitura esterna

LIUC - Ingegneria Gestionale

67

Utensili per tornitura interna

LIUC - Ingegneria Gestionale

68

Forza di taglio

Componenti della forza:


Nella direzione della velocit di taglio (F1) Nella direzione della velocit di avanzamento (F2) Nella direzione perpendicolare al piano individuato dalle due precedenti (F3)

Si pu verificare facilmente che lunica componente significativa ai fini dellindividuazione della potenza necessaria la componente F1: assumeremo dunque che F=F1 Si definisce per comodit: F = Ks.s
Ove:

la grandezza Ks definita pressione di taglio s la sezione di truciolo

LIUC - Ingegneria Gestionale

69

LIUC - Ingegneria Gestionale

70

Pressione di taglio

La pressione di taglio ks cos come definita influenzata da pi fattori quali:


La

sezione del truciolo s. In particolare ks diminuisce allaumentare della sezione s secondo la relazione:
ks = k

(N/mm 2 )

ove k la pressione specifica di taglio per sezione unitaria di truciolo w un valore sperimentale che dipende dal materiale in lavorazione
LIUC - Ingegneria Gestionale 71

Pressione specifica di taglio

LIUC - Ingegneria Gestionale

72

Pressione di taglio
Langolo

di spoglia superiore dellutensile. In particolare ks diminuisce allaumentare dellangolo di spoglia superiore

LIUC - Ingegneria Gestionale

73

Pressione di taglio
La

profondit di passata p e lavanzamento a. In particolare ks aumenta al diminuire della profondit di passata (p) e dellavanzamento (a):

ks =

a p
x

ove, per gli acciai x = 0,17 y =1

LIUC - Ingegneria Gestionale

74

Pressione di taglio
La

velocit di taglio v e limpiego di un fluido da taglio. In particolare al diminuire di v la pressione di taglio aumenta per via del formarsi del tagliente di riporto. Luso di un fluido da taglio pu ridurre sensibilmente la pressione di taglio Langolo del tagliente principale che pu modificare indirettamente la sezione s del truciolo
LIUC - Ingegneria Gestionale 75

Pressione di taglio

La pressione di taglio ks cos come definita influenzata da pi fattori quali:


Langolo di spoglia superiore dellutensile. In particolare ks diminuisce allaumentare dellangolo di spoglia superiore La profondit di passata p e lavanzamento a. In particolare ks aumenta al diminuire della profondit di passata p e dellavanzamento a La velocit di taglio v e limpiego di un fluido da taglio. In particolare al diminuire di v la pressione di taglio aumenta per via del formarsi del tagliente di riporto. Luso di un fluido da taglio pu ridurre sensibilmente la pressione di taglio Langolo del tagliente principale che pu modificare indirettamente la sezione s del truciolo

LIUC - Ingegneria Gestionale

76

Potenza di taglio

Nota la pressione di taglio e la sezione del truciolo possibile calcolare la forza di taglio F e dunque la potenza di taglio secondo la relazione:

F v in kW W= 60 1000 da cui la potenza della macchina utensile Wm = W ove il rendimento della macchina da cui, detto t il tempo di lavorazione si ha l' energia richiesta, pari a Wm t E= in kWh 60

LIUC - Ingegneria Gestionale

77

LIUC - Ingegneria Gestionale

78