Sei sulla pagina 1di 3

HESITANTBALLAD

BIO :
Gli Hesitant Ballad sono una band con pi di 250.000 ascolti su MySpace; hanno al loro attivo una tourne olandese, airplay in varie radio europee ed australiane (Now Live Radio tra le altre), ed un ottimo seguito di fans sia sul web che nei live. La Band nasce nel 2006 per dar voce al filone cantautoriale di Stefano Esposito, ispirato da influenze inglesi ed americane. Durante il primo periodo del progetto Stefano si propone da solo, facendo live acustici con soltanto chitarra e voce. In seguito l'esigenza di creare una band vera e propria attorno alle canzoni forte e chiara. E' cos che il progetto Hesitant Ballad diventa una vera e propria band, oggi formata da 4 elementi. Negli anni che vanno dal 2007 al 2010, la band svolge un'intensa attivit di live e preproduzioni per il loro disco. Sono molti i live in territorio italiano, e la band arriva anche ad organizzare, ad aprile 2010, una tourne in Olanda, dove riceve ampi consensi. Nel frattempo arrangia, autoproduce ed incide SEASONS, un debut album di grande impatto melodico e sonoro, masterizzato a Londra dal leggendario Dick Beetham, che ha collaborato con grossi nomi internazionali tra i quali spiccano gli Stereophonics e Jeff Beck. SEASONS oggi disponibile in tutti i portali digitali del mondo. LINEUP 2010: Stefano Esposito - Voce e Chitarra Valerio "Fluido" Celentano - Basso e Cori Angiolo Pierantoni - Chitarra e Cori Tony Eboli - Batteria IL DISCO: Prodotto da Stefano Esposito Arrangiato da Stefano Esposito e gli Hesitant Ballad Registrato e mixato da Mario Grimaldi e Fabrizio Piccolo al Trail Music Lab di Napoli Masterizzato da Dick Beetham (Stereophonics e Jeff Beck tra gli altri) al 360 Mastering di Londra LINEUP DI SEASONS: Voci e Cori: Stefano Esposito, Valerio "Fluido" Celentano Chitarre: Stefano Esposito Basso: Valerio "Fluido" Celentano Batteria: Alessio Sica COLLABORAZIONI SU SEASONS:

Archi: Quartetto Flegreo (collaborano con Edoardo Bennato) CONTATTI: Cell: +39 340 22 41 674 (Stefano) Email: hesitantballad@gmail.com Website: www.hesitantballad.com My[_____]: http://www.myspace.com/hesitantballad Facebook: http://www.facebook.com/pages/HESITANT-BALLAD/45959410238?v=wall Reverbnation: http://www.reverbnation.com/hesitantballad

RASSEGNA STAMPA DEL PROMO (dal 2007 al 2009): Ecco un vero e proprio fenomeno da MySpace: gli Hesitant Ballad. Seppur non ancora conosciuti a livello nazionale, il gruppo napoletano riuscito ad attirare l'attenzione di diverse testate indipendenti, anche straniere, che non hanno perso tempo nel recensirli. Che sia l'inizio di un vero e proprio boom? Lo speriamo. Intanto, gustatevi i loro brani "indecisi tra pop e rock" tutti rigorosamente in Inglese. [Nicola Carotenuto e Vincenzo Pernice www.dream-magazine.it] [...] Chitarra acustica in primo piano, suonata in modo molto buono, qualche colpo soft di batteria qua e l ed una gentile carezzevole voce maschile, rilassante e leggera. Ecco ci che siamo invitati ad ascoltare: il lavoro di un cantautore assorto che con candore melodico ci propone brani prevalentemente poppeggianti, ma con sperimentazioni pi rock in alcune tracce ( Australia e Brush eyes), senza tralasciare delle piacevoli ballate unplugged dallatmosfera nostalgica e dilatata, come Walk away. Brano preferito dalla sottoscritta per Seasons, che potrebbe benissimo essere la colonna sonora di un film romantico o fiction adolescenziale, magari ambientata in qualche umida laguna sospesa nel tempo e nello spazio (...Dawsons Creek?!). [...] [Gioia Molinari, genovatune.net] E la decima volta che sto ascoltando questo promo degli HESITANT BALLAD..stupefatto perch non avevo mai sentito un disco Alternative-Rock cos maturo e curato nei minimi particolari. Stefano Esposito lanima della band: la sua voce trasporta in atmosfere trasognanti e nostalgiche come Seasons, passando per la delicata ballad unplugged Walk Away e la struggente incantevole Seal On My Soul A volte mi sento come se fossi prigioniero del cielo..mi sembra di essere pronto per la mia corsa...mi sveglio e ti aspetto..Sarai il sigillo sulla mia anima-. Together la loro opera darte: la Fender di Vince Carpentieri(Alma Megretta) si miscela magicamente con larpeggio di Stefano e alla voce penetrante. Le ritmiche di Alessio e Valerio sono efficaci e mai scontate, dimostrando esperienza e preparazione. Altri due brani gioielli sono Australia e Happy. La band emoziona con arrangiamenti geniali, cori passionali e testi ottimi. Sono in cerca di una produzione, quindi fatevi avanti! [Phyxius (phyxiuscrow[AT]libero.it) - Beautiful Freaks www.beautifulfreaks.org] [...] Chi Hesitant Ballad? E uno di noi, un cantore della luna destate. E uno che scrive canzoni che vanno dal power pop alla Brendan Benson a ballate semiacustiche di alto impatto radiofonico come le cantava il Bon Jovi di Midnight in Chelsea.Fermatevi ad ascoltare la ballata esitante che ci scorre dentro e che la societ delle mancate opportunit mai canceller. Questa non la recensione di un semplice EP. Questo il racconto di un ritorno. [...] Questo promo spaccato a met come il giorno. La parte di

luce del mattino e del pomeriggio in ballate dal mood sognante e romantico con una spiccata attitudine allinciso pop melodico di stampo americano come Seasons, Brush eyes, Walk Away, Happy e Lack of Love e la cover di Happy days. La forma canzone pop esaltata alla perfezione e non ha remore verso salti melodici complessi da interpretare, soprattutto per un chitarrista che sta diventando cantante come si pu notare nellepisodio italiano di Se ci sei (Walk away in italiano).Quindi arriva la sera attraverso i colori intensi di un tramonto in brani come Seal on my Soul e la perfetta impetuosa Australia. A mezzanotte con una originalissima elettro-acustic Smells Like Teen Zoombies (cover di Smells Like Teen Spirits, riarrangiata con lausilio di Vincent Carpentieri) si affoga in un mare di sana angoscia senza fine. Hesitant Ballad sta crescendo il myspace scoppia di contattila gioia di cantare esitanti ballads dellanima solo allinizio. [Vladimiro Vacca, Lost Highways] [Su "Walk Away", traccia n 2 della Bulbart Indie Compilation] Quattro sono le ballate presenti nel cd, la prima, ad opera degli Hesitant Ballad (nomen omen) una di quelle che potrebbero essere state scritte dai maestri del mainstream rock americano, ricamata di archi e mandolino elettrico, molto caratteristico il passaggio a fine ritornello. [...] [Giovanni Papa, RockLab.it] [...] The oxymoronic Hesitant Ballad has succeeded in putting together an album that verges on "a kaleidoscopic game" and the end result is one that shows that Esposito cares about his music and is trying very hard to shape his songs with an interesting freedom of expression. [...] Hesitant Ballad is an interesting and absorbing project and it'll be cool to see how Stefano Esposito moves forward with it. [Toxic Pete, toxicpete.co.uk] [...] Taking you back to that classic pop/rock sound, where the music and vocals outshined the most and you could hear the rawness of it all without even lifting your head to see who was singing. [...] The melodic harmonies are quite beautiful and hit you instantly. [...] I think there is plenty here for all kinds of people to enjoy. Stefano has a beautiful voice, one you don't mind sitting down and listening to. I hope he continues making music as I think the sounds will only get better and better! [Kizzy H., Infused Zine] [...] dalle struggenti note dell'opener "Walk Away", delicata e dotata di un refrain che resta in mente al primo ascolto, si passa ad atmosfere pi spensierate con i due brani successivi, fino alla composizione migliore del lotto, la quarta "Lack of Love". A fare da filo conduttore attraverso il demo c' la chitarra di Stefano, che disegna melodie piacevoli e mai scontate. Un senso recondito di malinconia ravvisabile anche nei momenti pi allegri, e questa una caratteristica che rende la musica degli Hesitant Ballad piuttosto intrigante. [...] [Redazione, cryptanivis.tk]