Sei sulla pagina 1di 34

Collana Corsi & Percorsi

MEDICINA

Studiare

DALLAULA ALLA CARRIERA GUIDA PRATICA ALLA SCELTA DEL CORSO DI LAUREA A.A. 2013-2014
Offerta formativa Struttura dei corsi Sbocchi occupazionali e carriere Percorsi di specializzazione Modalit di accesso Suggerimenti su esami di ammissione e orientamento

Prefazione
Nessuno decide alcun ne, ma i passi che conducono al ne (Aristotele)

Saper scegliere
Ci siamo, arrivato il momento della scelta! Iscriversi alluniversit, infatti, signica scegliere cosa fare da grandi: una bella responsabilit da assumersi a diciotto anni! Tra sogni nel cassetto, attitudini personali, richieste del mercato del lavoro e desiderio di non deludere le attese di chi ci sta accanto, non sempre facile operare una scelta. Bench sia possibile tornare sui tuoi passi e reinventarti, qualora ti accorga di aver fatto la scelta sbagliata, potresti trovarti in una situazione di svantaggio rispetto a chi, consapevole dei propri obiettivi e dei propri strumenti, ha imboccato il giusto percorso con un anno di anticipo. Senza contare la perdita di autostima e di ducia nelle tue capacit che potrebbe derivarne. Facendo un passo avanti, scopri poi che tutte le procedure legate alliscrizione sono piuttosto complesse: tra esami di ammissione, test di orientamento, prove di valutazione delle conoscenze minime etc., soltanto una buona dose di determinazione unita ad una forte motivazione possono costituire la chiave della tua riuscita. Ecco allora limportanza dellorientamento alla scelta del corso di laurea, un percorso articolato, costituito da tanti tasselli che, posti uno accanto allaltro, delineano la scelta! Lintero processo decisionale pu essere ricondotto a due aree fondamentali: Area psicoattitudinale Include fattori come le capacit, le attitudini di cui ogni individuo dotato e che lo rendono naturalmente incline ad una professione anzich ad unaltra, ma anche lautostima, intesa come ducia nelle proprie capacit e la motivazione. Si tratta di aspetti fondamentali per la scelta, in grado di fare la differenza tra chi abbandoner gli studi alle prime difcolt e chi si rimboccher le maniche per superare gli ostacoli. Lindagine psicoattitudinale un aspetto preliminare ed imprescindibile del percorso di orientamento perch consente di fare chiarezza in se stessi e ssare, in modo denitivo, i propri obiettivi. Area informativa Una volta capito chi sei, cosa vuoi e cosa puoi effettivamente realizzare occorre fare i conti con la realt: cosa offrono le Universit? come si traduce in lavoro ci che oggetto del tuo studio? quali sono gli sbocchi occupazionali del percorso che hai scelto? Ma anche, in cosa consiste esattamente il corso che vorresti scegliere? quali sono i piani di studio? E ancora, si tratta di un corso ad accesso libero o a numero programmato? in cosa consiste lesame di ammissione? cosa devi studiare per superarlo? Questa solo una parte delle domande a cui occorre trovare una risposta per operare quella che viene solitamente chiamata scelta consapevole e che non unespressione vuota, priva di signicato, ma richiama la consapevolezza di imboccare una strada sapendo dove ci condurr. La vera sda al termine della scuola superiore e lobiettivo ultimo delle attivit di orientamento quella di raggiungere un equilibrio tra queste due dimensioni: linterna (ci che vorrei) e lesterna (ci che la realt offre/richiede) ed utilizzare questa consapevolezza per operare una scelta che ti gratichi e ti soddis. Questo il nostro intento ed insieme il nostro augurio.

Copyright EdiSES 2013

iv

STUDIARE MEDICINA

Rimandando a speciche pubblicazioni lanalisi psicoattitudinale1, lo scopo della collana Corsi & Percorsi quello di offrire le informazioni necessarie per operare una scelta oculata. Ciascun volume presenta in maniera dettagliata la struttura e larticolazione dei corsi, le materie di base e caratterizzanti, gli obiettivi di apprendimento attesi. I corsi sono rapportati alle professioni cui consentono di accedere ed agli sbocchi occupazionali che si presentano ai giovani laureati. Vengono inne illustrate le modalit di accesso al corso di laurea, le caratteristiche dellesame di ammissione o di orientamento e le modalit di svolgimento della prova.

Da questanno sul nostro sito (area Ammissioni) disponibile una sezione interamente dedicata allorientamento, con test della personalit e per corso di laurea, simulazioni gratuite delle prove dingresso e uno spazio che consente di scaricare gratuitamente le guide ai corsi di laurea aggiornate. Per accedere allarea, occorre digitare lurl: edises.it/orientamento.

Copyright EdiSES 2013

Sommario
Parte I: Studiare Medicina
1. 2. 3. 4. 5. Diventare medico Il corso di studi in Medicina e Chirurgia Obiettivi formativi qualicanti del corso Obiettivi formativi specici del corso e descrizione del percorso formativo Lofferta formativa 1 1 6 7 8

Parte II: Sbocchi occupazionali per i laureati


1. 2. 3. 4. Labilitazione professionale I Medici di base Le specializzazioni La professione del medico 4.1. Condizione occupazionale dei laureati 9 9 9 11 13

Parte III: Consigli pratici


1. 2. 3. 4. 5. 6. Lammissione al corso di laurea Caratteristiche della prova di ammissione Valutazione della prova e formazione delle graduatorie Modalit di svolgimento della prova Come rispondere alle domande importante sapere che 15 16 17 17 18 19

Conclusione

25

Copyright EdiSES 2013

Parte I: Studiare Medicina


Consapevole dellimportanza e della solennit dellatto che compio e dellimpegno che assumo, giuro: di esercitare la medicina in libert e indipendenza di giudizio e di comportamento; di perseguire come scopi esclusivi la difesa della vita, la tutela della salute sica e psichica delluomo e il sollievo della sofferenza, cui ispirer con responsabilit e costante impegno scientico, culturale e sociale, ogni mio atto professionale ()1

1. Diventare medico
Ricercatore di laboratorio, medico ospedaliero o specialista libero professionista, medico di famiglia, funzionario o manager: un medico oggi pu essere tutte queste cose. E, comunque, deve affrontare sde e problemi sconosciuti ai suoi predecessori, dagli importanti risvolti sociali, economici, psicologici. Esercitare la professione medica il sogno di moltissimi studenti: sono gli stessi dati a parlare. Nel 2012, infatti, quasi centomila studenti hanno tentato il test di ammissione per un totale di circa 11.000 posti in tutta Italia. Vista lesiguit del numero dei posti, solo i pi preparati ce la fanno, coloro i quali hanno ben chiari i propri obiettivi e le proprie potenzialit e sono consapevoli delle risorse necessarie per realizzare i primi e valorizzare le seconde. Dalloggettiva difcolt delle prove di ammissione (solo uno studente su nove, in media, supera i test daccesso), alla lunga durata dellintero percorso, diventare medico non certo cosa facile ma, a compensare impegno e sacrici arriva poi la certezza della graticazione sul piano professionale. I dati prodotti dal Consorzio interuniversitario AlmaLaurea, nellambito dellindagine sulla condizione occupazionale dei laureati in Italia (XIII indagine 2011), ci informano, infatti, della controtendenza del mercato del lavoro (per tutti gli altri in profonda crisi) rispetto allassorbimento dei laureati in Medicina: il 98,6% dei medici a tre anni dalla laurea si sta specializzando ed retribuito, ma il 36,5% dei dottori, quasi tutti quelli che hanno concluso il corso di medicina generale e sono tornati alluniversit per una specializzazione, in media gi assunto a tempo indeterminato. Tutti questi dati saranno approfonditi nel corso della II parte di questa guida, consentendo di tracciare, insieme a tutte le altre informazioni inerenti il corso di studi, un percorso ideale ma verosimile che ha come punto di partenza una forte motivazione e come punto di arrivo la realizzazione di un sogno.

2. Il corso di studi in Medicina e Chirurgia


Il corso di studi in Medicina e Chirurgia ha una durata di sei anni e prevede lacquisizione di 360 crediti formativi suddivisi tra attivit formative di base, attivit formative caratterizzanti, attivit

Giuramento di Ippocrate, testo moderno.

Copyright EdiSES 2013

STUDIARE MEDICINA

afni o integrative. Dei 360 CFU complessivi, almeno 60 devono essere acquisiti in attivit formative volte alla maturazione di speciche capacit professionali. Il corso organizzato in 12 semestri e 36 corsi integrati; a questi sono assegnati specici CFU dal Consiglio della struttura didattica in osservanza di quanto previsto nella tabella delle attivit formative indispensabili. Ad ogni CFU corrisponde un impegno-studente di 25 ore, di cui di norma non pi di 12 ore di lezione frontale, oppure 20 ore di studio assistito allinterno della struttura didattica. Ad ogni CFU professionalizzante corrispondono 25 ore di lavoro per studente, di cui 20 ore di attivit professionalizzante con guida del docente su piccoli gruppi allinterno della struttura didattica e del territorio e 5 ore di rielaborazione individuale delle attivit apprese. Il Consiglio della struttura didattica determina nel Manifesto degli studi e riporta nella Guida dello Studente larticolazione dei corsi integrati nei semestri, i relativi CFU, il core curriculum e gli obiettivi dellapprendimento specici di ogni corso integrato, nonch la tipologia delle veriche di protto. Le veriche di protto, in numero non superiore a 36 (un massimo di 6 esami per anno), sono programmate nei periodi di interruzione delle attivit didattiche frontali.
ATTIVIT FORMATIVE DI BASE Ambiti disciplinari Discipline generali per la formazione del medico BIO/13 FIS/07 MPSI/01 MED/01 MED/03 Struttura, funzione e metabolismo delle moleco- BIO/10 le dinteresse biologico BIO/11 Morfologia umana BIO/16 BIO/17 Settori scientico-disciplinari Biologia applicata Fisica applicata (a beni culturali, ambientali, biologia e medicina) Psicologia generale Statistica medica Genetica medica Biochimica Biologia molecolare Anatomia umana Istologia Fisiologia Bioingegneria industriale Sistemi di elaborazione delle informazioni Bioingegneria elettronica e informatica

Funzioni biologiche integrate di organi, sistemi BIO/09 e apparati umani INGIND/34 INGINF/05 INGINF/06

ATTIVIT CARATTERIZZANTI Ambiti disciplinari Patologia generale e molecolare, immunopatolo- MED/04 gia, siopatologia generale, microbiologia e pa- MED/07 rassitologia Fisiopatologia, metodologia clinica, propedeuti- BIO/14 ca clinica e sistematica medicochirurgica MPSI/08 MED/06 MED/08 MED/09 MED/10 Settori scientico-disciplinari Patologia generale Microbiologia e microbiologia clinica Farmacologia Psicologia clinica Oncologia medica Anatomia patologica Medicina interna Malattie dellapparato respiratorio

Copyright EdiSES 2013

Guida pratica alla scelta del corso di laurea. Anno Accademico 2013-2014

ATTIVIT CARATTERIZZANTI continua Ambiti disciplinari MED/11 MED/12 MED/13 MED/14 MED/15 MED/16 MED/17 MED/18 MED/24 MED/42 Medicina di laboratorio e diagnostica integrata BIO/12 MED/05 MED/07 MED/08 MED/36 VET/06 Clinica psichiatrica e discipline del comporta- BIO/14 mento MPSI/08 MED/25 MED/39 Discipline neurologiche MED/26 MED/27 MED/34 MED/37 BIO/14 MPSI/08 MED/03 MED/06 MED/08 MED/10 MED/11 MED/12 MED/13 MED/14 MED/15 MED/16 MED/17 MED/19 MED/21 MED/22 MED/23 MED/24 MED/29 MED/35 Settori scientico-disciplinari Malattie dellapparato cardiovascolare Gastroenterologia Endocrinologia Nefrologia Malattie del sangue Reumatologia Malattie infettive Chirurgia generale Urologia Igiene generale e applicata Biochimica clinica e biologia molecolare clinica Patologia clinica Microbiologia e microbiologia clinica Anatomia patologica Diagnostica per immagini e radioterapia Parassitologia e malattie parassitarie degli animali Farmacologia Psicologia clinica Psichiatria Neuropsichiatria infantile Neurologia Neurochirurgia Medicina sica e riabilitativa Neuroradiologia Farmacologia Psicologia clinica Genetica medica Oncologia medica Anatomia patologica Malattie dellapparato respiratorio Malattie dellapparato cardiovascolare Gastroenterologia Endocrinologia Nefrologia Malattie del sangue Reumatologia Malattie infettive Chirurgia plastica Chirurgia toracica Chirurgia vascolare Chirurgia cardiaca Urologia Chirurgia maxillo-facciale Malattie cutanee e veneree

Clinica delle specialit medico-chirurgiche

Copyright EdiSES 2013

STUDIARE MEDICINA

ATTIVIT CARATTERIZZANTI continua Ambiti disciplinari Clinica medico-chirurgica degli organi di senso MED/28 MED/30 MED/31 MED/32 Clinica medicochirurgica dellapparato locomo- MED/33 tore MED/34 Clinica generale medica e chirurgica MED/09 MED/18 Settori scientico-disciplinari Malattie odontostomatologiche Malattie apparato visivo Otorinolaringoiatria Audiologia Malattie apparato locomotore Medicina sica e riabilitativa Medicina interna Chirurgia generale Farmacologia Medicina interna Psichiatria Genetica medica Chirurgia pediatrica e infantile Pediatria generale e specialistica Neuropsichiatria infantile Genetica medica Patologia clinica Endocrinologia Urologia Ginecologia e ostetricia Anatomia patologica Medicina interna Chirurgia generale Oncologia medica Medicina interna Chirurgia generale Diagnostica per immagini e radioterapia Neuroradiologia Farmacologia Medicina interna Malattie dellapparato cardiovascolare Chirurgia generale Chirurgia vascolare Chirurgia cardiaca Psichiatria Malattie apparato locomotore Anestesiologia Igiene generale e applicata Medicina legale Medicina del lavoro Medicina interna Malattie infettive Medicina sica e riabilitativa Pediatria generale e specialistica Igiene generale e applicata

Farmacologia, tossicologia e principi di terapia BIO/14 medica MED/09 MED/25 Discipline pediatriche MED/03 MED/20 MED/38 MED/39

Discipline ostetrico-ginecologiche, medicina del- MED/03 la riproduzione e sessuologia medica MED/05 MED/13 MED/24 MED/40 Discipline anatomo-patologiche e correlazioni MED/08 anatomocliniche MED/09 MED/18 Discipline radiologiche e radioterapiche MED/0 6 MED/09 MED/18 MED/36 MED/37 BIO/14 MED/09 MED/11 MED/18 MED/22 MED/23 MED/25 MED/33 MED/41

Emergenze medico-chirurgiche

Medicina e sanit pubblica e degli ambienti di MED/42 lavoro e scienze medico-legali MED/43 MED/44 Medicina di comunit MED/09 MED/17 MED/34 MED/38 MED/42

Copyright EdiSES 2013

Guida pratica alla scelta del corso di laurea. Anno Accademico 2013-2014

ATTIVIT CARATTERIZZANTI continua Ambiti disciplinari Medicina delle attivit motorie e del benessere MED/09 MED/10 MED/11 MED/13 MEDF/01 MEDF/02 MED/50 Settori scientico-disciplinari Medicina interna Malattie dellapparato respiratorio Malattie dellapparato cardiovascolare Endocrinologia Metodi e didattiche delle attivit motorie Metodi e didattiche delle attivit sportive Scienze tecniche mediche applicate Fisiologia Farmacologia Anatomia umana Istologia Genetica medica Patologia generale Patologia clinica Oncologia medica Microbiologia e microbiologia clinica Anatomia patologica Medicina interna Malattie dellapparato respiratorio Malattie dellapparato cardiovascolare Gastroenterologia Endocrinologia Nefrologia Malattie del sangue Reumatologia Malattie infettive Chirurgia generale Chirurgia plastica Chirurgia pediatrica e infantile Chirurgia toracica Chirurgia vascolare Chirurgia cardiaca Urologia Psichiatria Neurologia Neurochirurgia Malattie odontostomatologiche Chirurgia maxillo-facciale Malattie apparato visivo Otorinolaringoiatria Audiologia Malattie apparato locomotore Medicina sica e riabilitativa Malattie cutanee e veneree Diagnostica per immagini e radioterapia Neuroradiologia Pediatria generale e specialistica Neuropsichiatria infantile

Formazione clinica interdisciplinare e medicina BIO/09 basata sulle evidenze BIO/14 BIO/16 BIO/17 MED/03 MED/04 MED/05 MED/06 MED/07 MED/08 MED/09 MED/10 MED/11 MED/12 MED/13 MED/14 MED/15 MED/16 MED/17 MED/18 MED/19 MED/20 MED/21 MED/22 MED/23 MED/24 MED/25 MED/26 MED/27 MED/28 MED/29 MED/30 MED/31 MED/32 MED/33 MED/3 4 MED/35 MED/36 MED/37 MED/38 MED/39

Copyright EdiSES 2013

STUDIARE MEDICINA

ATTIVIT CARATTERIZZANTI continua Ambiti disciplinari MED/40 MED/41 MED/42 MED/43 MED/44 MED/45 MED/46 MED/47 MED/48 MED/49 MED/50 Scienze umane, politiche della salute e manage- BIO/08 ment sanitario IUS/09 MDEA/01 MPSI/05 MED/02 MED/42 SEC SP/06 SECSP/07 SECSP/10 SPS/07 Inglese scientico e abilit linguistiche, informatiche e relazionali, pedagogia medica, tecnologie avanzate e a distanza di informazione e comunicazione INF/01 LLIN/12 MPED/01 MPED/03 MED/01 MED/02 Settori scientico-disciplinari Ginecologia e ostetricia Anestesiologia Igiene generale e applicata Medicina legale Medicina del lavoro Scienze infermieristiche generali, cliniche e pediatriche Scienze tecniche di medicina e di laboratorio Scienze infermieristiche ostetricoginecologiche Scienze infermieristiche e tecniche neuro psichiatriche e riabilitative Scienze tecniche dietetiche applicate Scienze tecniche mediche applicate Antropologia Istituzioni di diritto pubblico Discipline demoetnoantropologiche Psicologia sociale Storia della medicina Igiene generale e applicata Economia applicata Economia aziendale Organizzazione aziendale Sociologia generale Informatica Lingua e traduzione lingua inglese Pedagogia generale e sociale Didattica e pedagogia speciale Statistica medica Storia della medicina

3. Obiettivi formativi qualificanti del corso


Sulla base di quanto previsto dal D.M. 270/04 e dal successivo decreto 16 Marzo 2007 (Determinazione delle classi di laurea magistrale) i laureati in Medicina e Chirurgia dovranno raggiungere una serie di obiettivi formativi qualicanti. In particolare essi dovranno essere dotati: delle basi scientiche e della preparazione teorico-pratica necessarie, ai sensi della direttiva 75/363/CEE2, allesercizio della professione medica e della metodologia e cultura necessarie per la pratica della formazione permanente, nonch di un livello di autonomia professionale,
2

La direttiva menzionata disciplina il riconoscimento reciproco dei titoli di studio e lesercizio della professione di medico in ambito europeo e comporta misure destinate ad agevolare lesercizio effettivo del diritto di stabilimento e di libera prestazione dei servizi.

Copyright EdiSES 2013

Guida pratica alla scelta del corso di laurea. Anno Accademico 2013-2014

decisionale ed operativa derivante da un percorso formativo caratterizzato da un approccio olistico ai problemi di salute, delle persone sane o malate anche in relazione allambiente chimico-sico, biologico e sociale che le circonda; delle conoscenze teoriche essenziali che derivano dalle scienze di base, nella prospettiva della loro successiva applicazione professionale; della capacit di rilevare e valutare criticamente da un punto di vista clinico, ed in una visione unitaria, estesa anche alla dimensione socioculturale e di genere, i dati relativi allo stato di salute e di malattia del singolo individuo, interpretandoli alla luce delle conoscenze scientiche di base, della siopatologia e delle patologie di organo e di apparato; delle abilit e dellesperienza, unite alla capacit di autovalutazione, per affrontare e risolvere responsabilmente i problemi sanitari prioritari dal punto di vista preventivo, diagnostico, prognostico, terapeutico e riabilitativo; della conoscenza delle dimensioni storiche, epistemologiche ed etiche della medicina; della capacit di comunicare con chiarezza con il paziente e con i familiari; della capacit di collaborare con le diverse gure professionali nelle diverse attivit sanitarie di gruppo; della capacit di applicare, nelle decisioni mediche, anche i principi delleconomia sanitaria, riconoscendo i problemi sanitari della comunit e intervenendo in modo competente.

4. Obiettivi formativi specifici del corso e descrizione del percorso formativo


La missione del Corso di Laurea Magistrale a ciclo unico si identica con la formazione di un medico a livello professionale iniziale con una cultura biomedico-psico-sociale, che possieda una visione multidisciplinare ed integrata dei problemi pi comuni della salute e della malattia, con una educazione orientata alla comunit, al territorio e fondamentalmente alla prevenzione della malattia ed alla promozione della salute, e con una cultura umanistica nei suoi risvolti di interesse medico; tale missione specica risponde in maniera pi adeguata alle nuove esigenze di cura e salute, in quanto centrata non soltanto sulla malattia, ma soprattutto sulluomo ammalato, considerato nella sua globalit di soma e psiche ed inserito nel contesto sociale. La formazione medica cos orientata inoltre vista come il primo segmento di uneducazione che deve durare nel tempo, ed in questottica sono state calibrate le conoscenze che lo studente deve acquisire in questa fase, dando giusta importanza allautoapprendimento, alle esperienze non solo in Ospedale ma anche nel territorio, allepidemiologia, per lo sviluppo del ragionamento clinico e della cultura della prevenzione. Le caratteristiche qualicanti del medico che si intende formare comprendono: 1) buona capacit al contatto umano (communication skills); 2) capacit di autoapprendimento e di autovalutazione (continuing education); 3) abilit ad analizzare e risolvere in piena autonomia i problemi connessi con la pratica medica insieme ad una buona pratica clinica basata sulle evidenze scientiche (evidence-based medicine); 4) abitudine allaggiornamento costante delle conoscenze e delle abilit, ed il possesso delle basi metodologiche e culturali atte allacquisizione autonoma ed alla valutazione critica delle nuove conoscenze ed abilit (continuing professional development); 5) buona pratica di lavoro interdisciplinare ed interprofessionale (interprofessional education); 6) conoscenza approfondita dei fondamenti metodologici necessari per un corretto approccio alla ricerca scientica in campo medico, insieme alluso autonomo delle tecnologie informatiche indispensabili nella pratica clinica.
Copyright EdiSES 2013

STUDIARE MEDICINA

Il metodo di insegnamento
Il metodo didattico adottato devessere basato su una solida base culturale e metodologica conseguita nello studio delle discipline pre-cliniche e in seguito prevalentemente centrato sulla capacit di affrontare problemi (problem oriented learning), il contatto precoce con il paziente, una buona acquisizione dellabilit clinica insieme ad una buona acquisizione dellabilit al contatto umano. dunque necessario pianicare unorganizzazione didattica fortemente integrata, essibile e modicabile, vero e proprio laboratorio di sperimentazione scientica, con lintenzione di promuovere negli studenti la capacit di acquisire conoscenze non in modo frammentario bens integrato, e di mantenerle vive non solo a breve ma anche a pi lungo termine. Una solida base di conoscenza clinica inoltre assicurata allo studente attraverso lorganizzazione di tirocini certicati basati sulla didattica tutoriale, insieme con una forte comprensione del metodo medico-scientico e delle scienze umane. Poich una vera competenza professionale si raggiunge solo dopo una lunga consuetudine al contatto col paziente, questo viene promosso sin dal primo anno di corso attraverso un ampio utilizzo delle attivit tutoriali.

Il nuovo corso di laurea dovrebbe assicurare il giusto equilibrio tra:


1) scienze di base: che debbono essere ampie e prevedere la conoscenza della biologia evoluzionistica e della complessit biologica nalizzata alla conoscenza della struttura e funzione dellorganismo umano in condizioni normali, ai ni del mantenimento delle condizioni di salute; 2) pratica medica clinica e metodologica: che deve essere particolarmente solida, attraverso un ampio utilizzo della didattica tutoriale capace di trasformare la conoscenza teorica in vissuto personale e di costruire la propria scala di valori e interessi; 3) scienze umane: che debbono costituire un bagaglio utile a raggiungere la consapevolezza dellessere medico.

5. Lofferta formativa
I corsi di laurea magistrale in Medicina e Chirurgia sono disciplinati dalla legge n. 264 del 1999 che ne stabilisce il numero programmato a livello nazionale. Ogni anno con Decreto ministeriale vengono determinati i posti disponibili per ciascuna sede sulla base del fabbisogno regionale e nazionale. Per una panoramica sullofferta formativa degli atenei italiani comprendente tutti i corsi di laurea in Medicina e Chirurgia nellanno accademico 2013-2014 si rimanda al sito http://offf.miur. it/pubblico.php/ricerca/show_form/p/miur. Invece, per informazioni dettagliate sia sulla presenza del numero programmato e dellutenza sostenibile per singolo ateneo e corso di laurea sia sui dati relativi al rapporto tra candidati e posti disponibili si rimanda al nostro Manuale di Teoria per la preparazione al test di ammissione in Medicina, Odontoiatria e Veterinaria.

Copyright EdiSES 2013

Parte II: Sbocchi occupazionali per i laureati


I laureati in medicina e chirurgia svolgono lattivit di medico-chirurgo nei vari ruoli ed ambiti professionali clinici, sanitari e bio-medici. Tuttavia, ai ni dellesercizio dellattivit professionale, oltre al diploma di laurea in medicina e chirurgia necessario essere in possesso dellabilitazione allesercizio della professione che si acquisisce dopo il superamento di un apposito esame di Stato.

1. Labilitazione professionale
Attualmente lesame di Stato abilitante allesercizio della professione di medico-chirurgo consiste in un tirocinio pratico ed una prova scritta. Il tirocinio consiste in una prova pratica a carattere continuativo della durata di tre mesi da svolgersi dopo il conseguimento della laurea presso Policlinici universitari, aziende ospedaliere, presidi ospedalieri di aziende ASL, nonch presso lambulatorio di un medico di medicina generale (in particolare: un mese presso un reparto di medicina, un mese presso un reparto di chirurgia, un mese presso un medico generico convenzionato con il Sistema Sanitario Nazionale). La prova scritta consiste nella soluzione di due questionari composti da 90 domande a risposta multipla con 5 soluzioni di cui una sola corretta. Tali questionari mirano a vericare le conoscenze acquisite nel corso degli studi e sono rispettivamente volti alla valutazione delle nozioni scientiche di base (area pre-clinica) e delle nozioni professionalizzanti (area clinica). Attualmente lesame si svolge con cadenza biennale. Il Ministero predispone un database di 5000 quiz per ciascuna delle due aree (clinica e pre-clinica) da cui vengono estratte le prove desame.

2. I Medici di base
Dopo aver superato lesame di Stato ed ottenuto labilitazione allesercizio della professione di medico-chirurgo, il giovane laureato pu aspirare a svolgere la professione di Medico di base. In base alla normativa vigente, laccesso alle convenzioni con il sistema sanitario nazionale in qualit di medico di medicina generale subordinato al conseguimento del diploma di formazione specica in medicina generale. Tale diploma pu essere conseguito esclusivamente mediante il superamento del corso triennale di formazione specica in medicina generale che consente liscrizione alla graduatoria unica regionale di medicina generale. Lammissione al corso avviene a seguito di concorso. Lesame di ammissione consta di ununica prova scritta consistente nella soluzione di 100 quesiti a risposta multipla composti da cinque alternative di cui una sola corretta. In base al punteggio conseguito da ciascun candidato viene formata una graduatoria regionale secondo il cui ordine vengono chiamati i medici ammessi no ad esaurimento dei posti disponibili.

3. Le specializzazioni
Dopo aver ottenuto labilitazione professionale, i giovani laureati in Medicina e Chirurgia possono scegliere di proseguire gli studi conseguendo una specializzazione in un determinato ambito accedendo alle Scuole di Specializzazione universitaria di tipologia e durata conformi alle norme dellUnione europea (la durata varia dai 5 ai 6 anni a seconda della specializzazione). Tali scuole
Copyright EdiSES 2013

10

STUDIARE MEDICINA

sono a numero chiuso, vi si accede pertanto mediante il superamento di un concorso per titoli ed esami. Il numero di posti disponibili per ciascuna sede determinato ogni anno con decreto ministeriale. Le prove di ammissione si svolgono a livello locale presso le singole Universit, in una medesima data per ogni singola tipologia. Le prove desame constano di una prova scritta e di una successiva prova pratica. La prova scritta consiste nella soluzione di sessanta quesiti a risposta multipla di cui 40 su argomenti caratterizzanti il corso di laurea di medicina e chirurgia e 20 su argomenti caratterizzanti la tipologia della scuola. Tali quesiti vengono estratti da un archivio nazionale predisposto dal Ministero ed aggiornato annualmente. La prova pratica consiste nella valutazione da parte del candidato di un referto o di un dato clinico, diagnostico, analitico, da effettuarsi mediante risposta scritta a tre quesiti attinenti loggetto della prova predisposta dalla commissione. Riportiamo di seguito lelenco delle scuole di specializzazione attivate dagli atenei italiani in conformit con la normativa vigente.
AREA MEDICA E DELLE SPECIALIT MEDICHE malattie dellapparato respiratorio medicina interna allergologia ed immunologia clinica cardiologia dermatologia e venereologia ematologia endocrinologia e malattie del ricambio gastroenterologia malattie infettive medicina del lavoro medicina dello sport neurosiopatologia medicina tropicale nefrologia oncologia reumatologia geriatria neurologia psichiatria neuropsichiatria infantile medicina sica e riabilitazione pediatria malattie dellapparato cardiovascolare medicina di emergenza-urgenza medicina di comunit

AREA CHIRURGICA E DELLE SPECIALIT CHIRURGICHE chirurgia generale oftalmologia otorinolaringoiatria urologia chirurgia apparato digerente chirurgia maxillo-facciale chirurgia pediatrica chirurgia plastica e ricostruttiva ed estetica chirurgia toracica chirurgia vascolare cardiochirurgia neurochirurgia ginecologia e ostetricia ortopedia e traumatologia

AREA DELLA MEDICINA DIAGNOSTICA E DEI SERVIZI anatomia patologica anestesia e rianimazione e terapia intensiva biochimica clinica farmacologia genetica medica igiene e medicina preventiva medicina nucleare medicina legale microbiologia e virologia patologia clinica radiodiagnostica radioterapia scienze dellalimentazione tossicologia medica audiologia e foniatria medicina termale statistica sanitaria e biometria

Copyright EdiSES 2013

Guida pratica alla scelta del corso di laurea. Anno Accademico 2013-2014

11

4. La professione del medico


La professione di medico chirurgo pu essere esercitata previa iscrizione ad apposito albo, controllato e gestito dallordine professionale, sotto la vigilanza dello Stato. In Italia, lattivit di medico chirurgo pu essere svolta in tre forme diverse: libera professione, sia individuale che in forma associata, sulla base della specializzazione in possesso del professionista; rapporto di lavoro dipendente, pubblico o privato; rapporto di lavoro autonomo coordinato e continuativo. La libera professione pu aver luogo negli studi medici, ambulatori e poliambulatori, laboratori privati di analisi, strutture di terapia sica e di riabilitazione, di radiodagnostica e radioterapia, sia individualmente che in forma associata. Il lavoro dipendente pu essere svolto: nellambito del Servizio Sanitario Nazionale, cio nelle strutture pubbliche delle Aziende Sanitarie Locali; nelle strutture pubbliche e a funzione pubblica non appartenenti alle ASL da: medici universitari, medici degli istituti di ricovero e cura a carattere scientico, medici degli ospedali classicati, medici del Ministero della Sanit, medici militari, degli enti previdenziali, dellamministrazione penitenziaria, dellEnte Ferrovie dello Stato, della Polizia di Stato, della Croce Rossa; in strutture sanitarie, aziende e altre organizzazioni private.

Compiti Il compito fondamentale del medico chirurgo quello di guidare il paziente, attraverso la malattia, verso la guarigione. Come facile intuire, le attivit speciche di questa gura professionale variano a seconda dellambito lavorativo e del tipo di specializzazione, cos come variano le modalit di esercizio, del singolo medico o dellquipe; ci nonostante possibile individuare alcuni compiti fondamentali e comuni a tutti i medici con riferimento alle tre principali aree di attivit: prevenzione, cura e assistenza. Prevenzione: il medico informa il singolo paziente sui fattori di rischio e sugli strumenti e modalit per la loro rimozione; in tale campo un ruolo fondamentale riveste il medico di famiglia insieme agli altri operatori delle strutture territoriali; partecipa inoltre alle attivit di informazione sui fattori di rischio a scopo di prevenzione rivolte alla collettivit, attraverso campagne di educazione sanitaria, svolte ad esempio in ambienti di lavoro o scolastici. Inne il medico somministra vaccini contro le malattie infettive (es. antipolio, antitetano, ecc.). Cura: le principali attivit che il medico deve svolgere per giungere a denire la migliore cura possono essere cos, sinteticamente, delineate: raccolta anamnestica: raccogliere, attraverso lascolto diretto del paziente, tutti i dati che possono aiutare nella denizione di una corretta diagnosi (sintomi, malattie pregresse, ecc.); esame obiettivo: visita del paziente per verica di eventuali patologie; esami di laboratorio e strumentali; diagnosi della malattia; cura, che pu essere di tipo medico utilizzo di farmaci e presidi terapeutici oppure includere interventi chirurgici. Assistenza: il medico deve effettuare: la valutazione del decorso della malattia;
Copyright EdiSES 2013

12

STUDIARE MEDICINA

la verica dellefcacia della terapia; ladeguamento della stessa a condizioni sopravvenute; i controlli periodici atti a prevenire lo sviluppo di complicanze delle malattie (nel caso ad esempio di malattie croniche).

Requisiti Primo requisito per un medico il possesso di competenze scientico-tecniche, che richiedono la conoscenza approfondita del corpo umano, delle cause, sintomi e manifestazioni delle patologie, degli strumenti terapeutici. Oltre alle conoscenze scientiche, un ruolo fondamentale assume la capacit di instaurare un buon rapporto medico-paziente unito a quello con gli altri medici ed altri operatori sanitari e socio-sanitari. Spirito di collaborazione e disponibilit a comunicare sono dunque qualit fondamentali per questa professione. In particolare, comunicare con il paziente implica sia la capacit di ascoltarlo ed eventualmente interrogarlo al ne di acquisire tutti gli elementi conoscitivi rilevanti per la denizione della malattia e del migliore percorso di cura, sia la capacit di trasmettere al paziente le informazioni necessarie. Al medico chirurgo inoltre richiesta determinazione per operare le scelte di intervento terapeutico pi adatte e chiarezza per dare precise indicazioni agli operatori con cui collabora (assistenti, infermieri, vigilatrici dinfanzia e cos via). In generale al medico si richiede di operare con prudenza, perizia e diligenza. Questa gura deve cio prevedere e prevenire i pericoli che si possono vericare come conseguenza del suo comportamento, deve agire avvalendosi non solo delle conoscenze scientiche ma anche della propria esperienza (sapere e saper fare). Formazione Per lesercizio della professione di medico chirurgo richiesta la laurea in Medicina e Chirurgia e liscrizione allAlbo dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri. Pi in particolare, la qualicazione del medico chirurgo comprende una formazione di base (corso di laurea, esame di Stato) e una formazione specialistica, attraverso i corsi post-laurea presso le Scuole di specializzazione riconosciute. Per accedere al corso di laurea necessario possedere il diploma di scuola secondaria di durata quinquennale e superare un esame di ammissione costituito da test con domande a risposta multipla3. Lordinamento didattico prevede: la frequenza obbligatoria; la nalizzazione del corso alla preparazione del medico di base; il piano di studi personalizzato (orientamento scientico, medico, chirurgico, ecc.), per creare un curriculum che rispecchi le singole inclinazioni.
Dopo i sei anni del corso di laurea, per sostenere lesame di abilitazione allesercizio professionale indispensabile il tirocinio da svolgersi presso strutture universitarie o del Servizio Sanitario Nazionale ed una prova scritta. Per accedere alle scuole di specializzazione a numero chiuso oltre allabilitazione, necessario superare un esame.

Carriera Nel settore pubblico il medico pu arrivare alla dirigenza o alla titolarit di cattedra per concorso, mentre nel settore privato i meccanismi di crescita dipendono dalla tipologia della struttura e/o dal numero di clienti/pazienti acquisiti, oltre che dallesperienza maturata. Situazione di lavoro Il medico pu esercitare come libero professionista, dipendente pubblico o privato, o pu avere, in alcuni casi, un rapporto di lavoro autonomo coordinato e continu3

Per approfondimenti circa le caratteristiche e le modalit di svolgimento della prova di ammissione si rimanda alla parte III del presente volume.

Copyright EdiSES 2013

Guida pratica alla scelta del corso di laurea. Anno Accademico 2013-2014

13

ativo. I medici ospedalieri hanno la possibilit di scegliere ogni anno se operare esclusivamente per il SSN, ivi compresa lattivit privata intramoenia (tra le mura dellospedale), oppure se svolgere lattivit privata extramoenia (in strutture private). Lesclusivit per il servizio pubblico viene remunerata con unindennit. Da uno studio condotto dal Centro Studi della FIMMG4 emerge un dato interessante, e cio che negli ultimi anni la professione di medico di base (o di famiglia) svolta prevalentemente da donne5. Questo dato trova conferma anche nelle indagini condotte dalle sezioni provinciali della Federazione e dei bilanci Enpam (Ente Nazionale di Previdenza ed Assistenza dei Medici e degli Odontoiatri). Il graduale ma costante aumento si evidenziato gi tra i medici nati dal 64 in poi, di cui le donne rappresentano il 52%. La tendenza diventa ancora pi signicativa tra gli iscritti ai corsi di formazione dove la popolazione femminile supera la quota del 70%. Il rapido rinnovamento dei medici di medicina generale, con il massiccio ingresso dei giovani e la femminilizzazione della categoria, richiede un necessario rinnovamento dei meccanismi organizzativi della professione, spiega Tommasa Maio, coordinatrice nazionale del progetto Giovani e responsabile della formazione manageriale della Scuola Quadri FIMMG. La FIMMG sta iniziando a interrogarsi sulle dinamiche demograche con lobiettivo di trovare meccanismi pi adeguati ai bisogni della nuova generazione di medici. In particolare il sorpasso delle donne sugli uomini richiede lintroduzione di modelli organizzativi del lavoro che tengano conto anche del ruolo svolto dalle donne nella societ e una costante attenzione alle tutele per la maternit e la pensione.

4.1 Condizione occupazionale dei laureati

Figura 1
Fonte dati AlmaLaurea, rilevazione 2010, XIII indagine 2011

4 5

Federazione Italiana Medici di Medicina Generale. http://www.quotidianosanita.it/lavoro-e-professioni/articolo.php?articolo_id=5541

Copyright EdiSES 2013

14

STUDIARE MEDICINA

Dal graco riportato in Figura 1 si evince, in maniera chiara, una condizione occupazionale estremamente favorevole per chi decide di laurearsi in Medicina e Chirurgia: sono, infatti, messi a confronto i tassi di occupazione e disoccupazione ad un anno dalla laurea per la facolt di Medicina e per le altre facolt scientiche che, normalmente, presentano tassi di occupazione sensibilmente superiori alla media; inoltre, sono riportati i valori medi rilevati sui laureati di tutte le facolt. Gli indici occupazionali dei neo-medici italiani presentano valori decisamente incoraggianti: un tasso di occupazione del 78,2% offre ben altre garanzie rispetto al valore medio che sora appena il 50%; altrettanto eloquenti sono i dati relativi alla disoccupazione che interessa i laureati in Medicina in maniera decisamente poco signicativa (tasso di disoccupazione = 7,2%), mentre costituisce, per tutta la categoria dei laureati italiani, un pesante ostacolo alla realizzazione professionale (tasso di disoccupazione medio = 20,3%). Anche confrontati con gli indici dei laureati nelle facolt scientiche, i tassi di occupazione e disoccupazione dei laureati in Medicina denotano migliori prospettive di ingresso nel mercato del lavoro. Inne, i dati (Figura 2) sullefcacia attribuita alla laurea per la realizzazione delle ambizioni professionali sono altamente indicativi: su questa variabile, infatti, i laureati in Medicina, nel 98% dei casi, ritengono che il titolo conseguito sia stato condizione necessaria allaccesso nel mercato del lavoro. Percentuali assai meno signicative (che non raggiungono il 50%) di laureati in altre facolt attribuiscono al proprio titolo di studio il medesimo valore.

Figura 2
Fonte dati AlmaLaurea, rilevazione 2010, XIII indagine 2011

Copyright EdiSES 2013

Parte III: Consigli pratici

1. Lammissione al corso di laurea


I corsi di laurea magistrale in Medicina e Chirurgia sono disciplinati dalla legge n. 264 del 1999 che ne stabilisce il numero programmato. Il numero di posti disponibili stabilito ogni anno con decreto ministeriale e lammissione subordinata al superamento di un esame composto da quiz a risposta multipla. Ci si pu iscrivere al test anche in pi Universit, ma si pu sostenere la prova in uno solo degli atenei prescelti, dal momento che la data di svolgimento del test la stessa in tutta Italia (a meno che non si concorra presso ununiversit privata, che solitamente effettua la prova in un giorno diverso). Per la.a. 2013-2014 la prova stata ssata al 9 settembre. Nel 2013 stata messa in atto, in via sperimentale, la graduatoria unica nazionale, alla quale sono ammessi i candidati che abbiano ottenuto nel test un punteggio minimo pari a venti (20) punti. Per la formazione della graduatoria si tiene conto della valutazione del test (per un massimo di 90 punti) e della valutazione del percorso scolastico (per un massimo di 10 punti). La procedura prevede che lo studente richieda di partecipare alla prova di ammissione in uno degli atenei italiani indicando le eventuali altre sedi in ordine di preferenza. La formazione della graduatoria avviene sulla base del seguente criterio: i candidati vengono assegnati in ordine di punteggio alla sede indicata come prima scelta utile. Tutti i volumi Editest per la preparazione agli esami di ammissione permettono di scaricare gratuitamente un software di simulazione che consente di effettuare infinite prove desame con le stesse modalit delle prove reali (stessa struttura, stessa composizione, stesso tempo a disposizione, stessi criteri di attribuzione del punteggio). Il nostro consiglio dunque quello di cimentarvi nelle prove desame con il simulatore e confrontare il punteggio ottenuto con le medie di ammissione delle varie sedi per scoprire in quale aggregazione di Atenei avreste maggiori possibilit di essere ammessi ed effettuare cos una scelta consapevole.

2. Caratteristiche della prova di ammissione


Le modalit e i contenuti delle prove di ammissione sono deniti ogni anno con decreto ministeriale. Per la.a. 2013-2014 il decreto stato emanato il 12 giugno. Esso stabilisce gli argomenti desame 6, il numero di quesiti, i programmi relativi a ciascun argomento, la data e lora in cui si svolgeranno le prove, nonch i criteri per la loro valutazione. I programmi desame e la composi-

Si veda lAllegato Programmi relativi ai quesiti delle prove di ammissione ai corsi di laurea specialistica/magistrale in Medicina e Chirurgia, in Odontoiatria e Protesi Dentaria, in Medicina Veterinaria e ai corsi di laurea delle Professioni Sanitarie.

Copyright EdiSES 2013

16

STUDIARE MEDICINA

zione delle prove sono identici per lammissione ai corsi di laurea in Medicina, Odontoiatria e Veterinaria; tuttavia la data di svolgimento e naturalmente la prova desame diversa per Veterinaria. Il Ministero ha provveduto per la.a. 2013-2014, attraverso il Cambridge Assessment ESOL, a denire i quesiti che costituiranno le tre prove desame. Lesame di ammissione viene svolto contemporaneamente in tutti gli atenei statali e prevede ununica prova nazionale costituita da 60 quesiti a risposta multipla, di cui una sola risposta esatta tra le cinque indicate, sulle seguenti materie: Logica e Cultura Generale (30 quiz) Biologia (14 quiz) Chimica (8 quiz) Matematica e Fisica (8 quiz) Il tempo che viene concesso per terminare la prova di 1 ora e 40 minuti. Inne, dalla.a. 2011/2012, nellambito dei posti disponibili per le immatricolazioni, sono ammessi ai corsi solo i candidati che abbiano ottenuto un punteggio minimo di 20.

3. Valutazione della prova e formazione delle graduatorie


Il punteggio conseguito da ciascun candidato alla prova di ammissione viene calcolato in base ai seguenti criteri: 1,5 punto per ogni risposta esatta 0,4 punti per ogni risposta sbagliata 0 punti per ogni risposta non data In caso di parit di voti, prevale in ordine decrescente il punteggio ottenuto dal candidato nella soluzione rispettivamente dei quesiti relativi agli argomenti di Cultura generale e ragionamento logico, Biologia, Chimica, Fisica e Matematica; in caso di ulteriore parit prevale lo studene anagracamente pi giovane.

4. Modalit di svolgimento della prova


Esistono tecniche (o metodi) in grado di aiutare il candidato a massimizzare la propria prestazione senza cadere nelle insidie tipiche dei test a risposta multipla. Nei Manuali di Teoria Editest presente una serie di consigli utili per chi si accinge ad affrontare la prova di ammissione e suggerimenti pratici su come affrontare i quiz a risposta multipla in termini di gestione razionale del tempo, individuazione ed eliminazione di distrattori, individuazione della risposta corretta anche in assenza di certezza etc. Rimandiamo al Manuale di Teoria 1 Medicina, Odontoiatria e Veterinaria per questi suggerimenti operativi.

Copyright EdiSES 2013

Guida pratica alla scelta del corso di laurea. Anno Accademico 2013-2014

17

In questa sede ci interessa tuttavia illustrare quantomeno le modalit di svolgimento della prova al ne di minimizzare, per quanto possibile, la tensione emotiva derivante dallesame. Ogni anno infatti, un numero non trascurabile di prove desame viene annullato a causa di vizi di forma: per questo motivo pu essere utile conoscere in anticipo cosa dovrete aspettarvi in sede desame in modo da non commettere errori banali suscettibili di compromettere la vostra performance. Prima di iniziare a ciascun candidato verr fornito un plico contenente: un foglio di istruzioni un modulo su cui trascrivere i propri dati anagraci: su tale modulo apposto un codice a barre identicativo la prova desame due copie del modulo delle risposte su cui apposto lo stesso codice a barre del foglio di anagraca una busta con nestra trasparente in cui va inserito il solo modulo delle risposte ritenuto valido. Non appena la commissione dar il permesso, sar possibile aprire il plico ed iniziare a leggere i testi delle domande. ATTENZIONE! Ricordate che ogni questionario univoco. Quella che per voi la domanda n. 1 con risposta esatta A per il vostro vicino potrebbe essere la domanda n. 15 con risposta esatta E. Pur avendo lo stesso contenuto le prove sono tutte diverse, non perdete dunque tempo a cercare di comunicare con gli altri! Le schede delle risposte che vi verranno fornite sono due; la seconda copia potr essere utilizzata nel caso in cui si commettano errori di compilazione o si danneggi la prima copia. Al termine dellesame entrambe le copie dovranno essere consegnate alla commissione. importante ricordare che la correzione delle prove di ammissione viene effettuata mediante lettore ottico; risulta pertanto necessario seguire scrupolosamente le modalit indicate per la compilazione del foglio delle risposte, pena vedersi attribuire un punteggio inferiore a quanto si sarebbe potuto ottenere prestando maggiore attenzione.

Copyright EdiSES 2013

18
Ministero dellIstruzione, dellUniversit e della Ricerca

STUDIARE MEDICINA

Modulo risposte
Cultura generale e Ragionamento logico Biologia Chimica

A B C D E 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40

A B C D E 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58

A B C D E 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69

A B C D E

Fac - Si mil e
A B C D E A B C D E A B C D E 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80

A B C D E A B C D E

Fisica e Matematica

La scheda destinata alla correzione non deve assolutamente essere piegata perch qualsiasi ombra potrebbe alterare la correzione da parte del lettore ottico. Per la compilazione inoltre necessario utilizzare esclusivamente una penna a sfera nera. La scheda delle risposte non utilizzata o compilata in maniera errata dovr essere annullata e consegnata alla commissione separatamente dalla busta in cui stata riposta la scheda corretta.

A B C D E

5. Come rispondere alle domande


Risposta alle domande Ogni domanda ammette una e una sola risposta esatta. Si risponde barrando la relativa casella, ad esempio con una crocetta ben marcata, avendo cura di rimanere entro i bordi della casella stessa. In questo caso la risposta che il lettore rilever come corretta la A.

Copyright EdiSES 2013

Guida pratica alla scelta del corso di laurea. Anno Accademico 2013-2014

19

Per non rispondere ad una domanda Se si vuole annullare una risposta data o si desidera non rispondere ad una domanda va barrata la casella circolare posta allesterno delle 5 caselle corrispondenti. Questo equivale a non dare alcuna risposta e determina lattribuzione di un punteggio pari a zero. Tale indicazione, una volta apposta, non pi modicabile. Correzione di una risposta errata Per correggere una risposta errata necessario annerire completamente la casella e barrare quella corretta. Nellesempio la risposta A stata cancellata ed il lettore ottico riterr valida la risposta E. ATTENZIONE! Per ogni domanda ammessa una sola correzione.

6. importante sapere che


importante non scambiare mai i moduli con altro partecipante perch i codici di identicazione sono diversi e le risposte fornite fanno riferimento allordine dei quesiti assegnati al singolo studente. Ogni questionario presenta domande poste in ordine casuale e diverso per ogni partecipante. Linserimento nella busta del modulo anagraca costituisce elemento di annullamento della prova. Allatto della consegna, il candidato dovr inserire il solo modulo di risposte non piegato nella busta vuota provvista di nestra trasparente, avendo cura di chiuderla al momento della consegna. Pena la nullit della prova, la busta non dovr essere rmata n dal candidato, n da alcun componente della Commissione. importante consegnare alla Commissione: 1) il modulo delle risposte non utilizzato sul quale stata apposta una barra di annullamento 2) i quesiti oggetto della prova 3) il modulo anagraca compilato e sottoscritto consentito lasciare laula solo trenta minuti prima della conclusione della prova. La determinazione del punteggio conseguito dagli elaborati sar svolta in forma anonima, a cura del CINECA, ente di cui si avvale il Ministero dellIstruzione, dellUniversit e della Ricerca anche per la predisposizione dei plichi contenenti le prove di ammissione. Le schede delle risposte corrette saranno consultabili su un sito internet predisposto dal Ministero.

Copyright EdiSES 2013

20

STUDIARE MEDICINA

POSTI DISPONIBILI PER LACCESSO AL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN MEDICINA E CHIRURGIA ANNO ACCADEMICO 2013-2014 Comunitari e non comunitari residenti in Italia di cui alla legge 30 luglio 2002 n. 189, art. 26 296 21 400 209 198 316 240 212 75 218 330 75 250 140 215 370 40 135 100 36 270 30 131 413 440 8 420 400 Copyright EdiSES 2013 Non comunitari non soggiornanti 4 9 40 16 7 4 24 10 5 2 20 5 25 20 10 8 20 7 0 36 0 22 7 9 0 22 22 5

Universit

Bari Bari (Lingua inglese) Bologna Brescia Cagliari Catania Catanzaro Magna Graecia Chieti G. D'Annunzio del Molise Ferrara Firenze Foggia Genova LAquila Messina Milano Milano (Lingua inglese) Milano Bicocca Milano Vita Salute San Raffaele Milano Vita Salute San Raffaele (lingua inglese) Milano Cattolica S. Cuore Milano Cattolica S. Cuore (lingua inglese) Modena e Reggio Emilia Napoli Federico II Napoli Seconda Universit Napoli Seconda Universit (Lingua inglese) Padova Palermo

Guida pratica alla scelta del corso di laurea. Anno Accademico 2013-2014

21
20 10 30 17 8 10 48 10 2 6 12 5 2 5 13 4 0 6 13 2 1 5 3 591 IL MINISTRO f.to Maria Chiara Carrozza

Parma Pavia Pavia (Lingua inglese) Perugia Pisa Politecnica delle Marche Roma La Sapienza Policlinico Roma La Sapienza Policlinico (Lingua inglese) Roma La Sapienza Polo Pontino Roma La Sapienza SantAndrea Roma Tor Vergata Roma Tor Vergata (Lingua inglese) Roma Campus Bio-Medico Salerno Sassari Siena Torino Torino L. Gonzaga Trieste Udine Varese Insubria Vercelli Avogadro Verona Totale

242 200 70 223 280 160 552 35 121 200 220 20 120 195 120 231 389 120 134 106 159 95 177 10.157

Copyright EdiSES 2013

Allegati

Allegato A
Programmi relativi ai quesiti delle prove di ammissione ai corsi di laurea magistrale in Medicina e Chirurgia, in Odontoiatria e Protesi Dentaria, in Medicina Veterinaria e ai corsi di laurea delle professioni sanitarie Per lammissione ai corsi richiesto il possesso di una cultura generale, con particolari attinenze allambito letterario, storico-losoco, sociale ed istituzionale, nonch della capacit di analisi su testi scritti di vario genere e da attitudini al ragionamento logico-matematico. Peraltro, le conoscenze e le abilit richieste fanno comunque riferimento alla preparazione promossa dalle istituzioni scolastiche che organizzano attivit educative e didattiche coerenti con i Programmi Ministeriali, soprattutto in vista degli Esami di Stato e che si riferiscono anche alle discipline scientiche della Biologia, della Chimica, della Fisica e della Matematica.

Cultura generale e ragionamento logico Accertamento delle capacit di usare correttamente la lingua italiana e di completare logicamente un ragionamento, in modo coerente con le premesse, che vengono enunciate in forma simbolica o verbale attraverso quesiti a scelta multipla formulati anche con brevi proposizioni, scartando le conclusioni errate, arbitrarie o meno probabili. I quesiti verteranno su testi di saggistica scientica o narrativa di autori classici o contemporanei, oppure su testi di attualit comparsi su quotidiani o su riviste generalistiche o specialistiche; verteranno altres su casi o problemi, anche di natura astratta, la cui soluzione richiede ladozione di forme diverse di ragionamento logico. Quesiti relativi alle conoscenze di cultura generale, affrontati nel corso degli studi, completano questo ambito valutativo.

Biologia La Chimica dei viventi. I bioelementi. Limportanza biologica delle interazioni deboli. Le propriet dellacqua. Le molecole organiche presenti negli organismi viventi e rispettive funzioni. Il ruolo degli enzimi. La cellula come base della vita. Teoria cellulare. Dimensioni cellulari. La cellula procariote ed eucariote. La membrana cellulare e sue funzioni. Le strutture cellulari e loro speciche funzioni. Riproduzione cellulare: mitosi e meiosi. Corredo cromosomico. I tessuti animali. Bioenergetica. La valuta energetica delle cellule: ATP. I trasportatori di energia: NAD, FAD. Reazioni di ossido-riduzione nei viventi. Fotosintesi. Glicolisi. Respirazione aerobica. Fermentazione. Riproduzione ed Ereditariet. Cicli vitali. Riproduzione sessuata ed asessuata. Genetica Mendeliana. Leggi fondamentali e applicazioni. Genetica classica: teoria cromosomica dellereditariet; cromosomi sessuali; mappe cromosomiche. Genetica molecolare: DNA e geni; codice genetico e sua traduzione; sintesi proteica. Il DNA dei procarioti. Il cromosoma degli eucarioti. Regolazione dellespressione genica. Copyright EdiSES 2013

Guida pratica alla scelta del corso di laurea. Anno Accademico 2013-2014 Genetica umana: trasmissione dei caratteri mono e polifattoriali; malattie ereditarie. Le nuove frontiere della genetica: DNA ricombinante e sue possibili applicazioni biotecnologiche. Ereditariet e ambiente. Mutazioni. Selezione naturale e articiale. Le teorie evolutive. Le basi genetiche dellevoluzione. Anatomia e Fisiologia degli animali e delluomo. Anatomia dei principali apparati e rispettive funzioni e interazioni. Omeostasi. Regolazione ormonale. Limpulso nervoso. Trasmissione ed elaborazione delle informazioni. La risposta immunitaria.

23

Chimica La costituzione della materia: gli stati di aggregazione della materia; sistemi eterogenei e sistemi omogenei; composti ed elementi. La struttura dellatomo: particelle elementari; numero atomico e numero di massa, isotopi, struttura elettronica degli atomi dei vari elementi. Il sistema periodico degli elementi: gruppi e periodi; elementi di transizione; propriet periodiche degli elementi: raggio atomico, potenziale di ionizzazione, afnit elettronica; metalli e non metalli; relazioni tra struttura elettronica, posizione nel sistema periodico e propriet. Il legame chimico: legame ionico, legame covalente; polarit dei legami; elettronegativit. Fondamenti di chimica inorganica: nomenclatura e propriet principali dei composti inorganici: ossidi, idrossidi, acidi, sali; posizione nel sistema periodico. Le reazioni chimiche e la stechiometria: peso atomico e molecolare, numero di Avogadro, concetto di mole, conversione da grammi a moli e viceversa, calcoli stechiometrici elementari, bilanciamento di semplici reazioni, vari tipi di reazioni chimiche. Le soluzioni: propriet solventi dellacqua; solubilit; principali modi di esprimere la concentrazione delle soluzioni. Ossidazione e riduzione: numero di ossidazione, concetto di ossidante e riducente. Acidi e basi: concetti di acido e di base; acidit, neutralit, basicit delle soluzioni acquose; il pH. Fondamenti di chimica organica: legami tra atomi di carbonio; formule grezze, di struttura e razionali; concetto di isomeria; idrocarburi alifatici, aliciclici e aromatici; gruppi funzionali: alcooli, eteri, ammine, aldeidi, chetoni, acidi carbossilici, esteri, ammidi.

Fisica Le misure: misure dirette e indirette, grandezze fondamentali e derivate, dimensioni siche delle grandezze, conoscenza del sistema metrico decimale e dei Sistemi di Unit di Misura CGS, Tecnico (o Pratico) (ST) e Internazionale (SI), delle unit di misura (nomi e relazioni tra unit fondamentali e derivate), multipli e sottomultipli (nomi e valori).

Copyright EdiSES 2013

24

STUDIARE MEDICINA

Cinematica: grandezze cinematiche, moti vari con particolare riguardo a moto rettilineo uniforme e uniformemente accelerato; moto circolare uniforme; moto armonico (per tutti i moti: denizione e relazioni tra le grandezze cinematiche connesse). Dinamica: vettori e operazioni sui vettori. Forze, momenti delle forze rispetto a un punto. Composizione vettoriale delle forze. Denizioni di massa e peso. Accelerazione di gravit. Densit e peso specico. Legge di gravitazione universale, 1, 2 e 3 principio della dinamica. Lavoro, energia cinetica, energie potenziali. Principio di conservazione dellenergia. Meccanica dei uidi: pressione, e sue unit di misura (non solo nel sistema SI). Principio di Archimede. Principio di Pascal. Legge di Stevino. Termologia, termodinamica: termometria e calorimetria. Calore specico, capacit termica. Meccanismi di propagazione del calore. Cambiamenti di stato e calori latenti. Leggi dei gas perfetti. Primo e secondo principio della termodinamica. Elettrostatica e elettrodinamica: legge di Coulomb. Campo e potenziale elettrico. Costante dielettrica. Condensatori. Condensatori in serie e in parallelo. Corrente continua. Legge di Ohm. Resistenza elettrica e resistivit, resistenze elettriche in serie e in parallelo. Lavoro, Potenza, effetto Joule. Generatori. Induzione elettromagnetica e correnti alternate. Effetti delle correnti elettriche (termici, chimici e magnetici).

Matematica Insiemi numerici e algebra: numeri naturali, interi, razionali, reali. Ordinamento e confronto; ordine di grandezza e notazione scientica. Operazioni e loro propriet. Proporzioni e percentuali. Potenze con esponente intero, razionale) e loro propriet. Radicali e loro propriet. Logaritmi (in base 10 e in base e) e loro propriet. Cenni di calcolo combinatorio. Espressioni algebriche, polinomi. Prodotti notevoli, potenza n-esima di un binomio, scomposizione in fattori dei polinomi. Frazioni algebriche. Equazioni e disequazioni algebriche di primo e secondo grado. Sistemi di equazioni. Funzioni: nozioni fondamentali sulle funzioni e loro rappresentazioni grache (dominio, codominio, segno, massimi e minimi, crescenza e decrescenza, ecc.). Funzioni elementari: algebriche intere e fratte, esponenziali, logaritmiche, goniometriche. Funzioni composte e funzioni inverse. Equazioni e disequazioni goniometriche. Geometria: poligoni e loro propriet. Circonferenza e cerchio. Misure di lunghezze, superci e volumi. Isometrie, similitudini ed equivalenze nel piano. Luoghi geometrici. Misura degli angoli in gradi e radianti. Seno, coseno, tangente di un angolo e loro valori notevoli. Formule goniometriche. Risoluzione dei triangoli. Sistema di riferimento cartesiano nel piano. Distanza di due punti e punto medio di un segmento. Equazione della retta. Condizioni di parallelismo e perpendicolarit. Distanza di un punto da una retta. Equazione della circonferenza, della parabola, delliperbole, dellellisse e loro rappresentazione nel piano cartesiano. Teorema di Pitagora. Probabilit e statistica: distribuzioni delle frequenze a seconda del tipo di carattere e principali rappresentazioni grache. Nozione di esperimento casuale e di evento. Probabilit e frequenza. IL MINISTRO f.to Maria Chiara Carrozza

Copyright EdiSES 2013

Guida pratica alla scelta del corso di laurea. Anno Accademico 2013-2014

25

Allegato B
Programmi relativi alla prova di ammissione ai corsi di laurea e di laurea specialistica/magistrale a ciclo unico, direttamente finalizzati alla formazione di architetto Per lammissione ai corsi richiesta una sufciente cultura generale, con particolari attinenze allambito storico, sociale e istituzionale, afancata da capacit di lavoro su testi scritti di vario genere (artistico, letterario, storico, sociologico, losoco, ecc.) e da attitudini al ragionamento logico-astratto sia in ambito matematico che linguistico.

Cultura generale e ragionamento logico Accertamento della capacit di completare logicamente un ragionamento, in modo coerente con le premesse, che vengono enunciate in forma simbolica o verbale attraverso quesiti a scelta multipla. I quesiti verteranno su testi di saggistica scientica o narrativa di autori classici o contemporanei, oppure su testi di attualit comparsi su quotidiani o su riviste generalistiche o specialistiche; verteranno altres su casi o problemi, anche di natura astratta, la cui soluzione richiede ladozione di forme diverse di ragionamento logico. Quesiti relativi alle conoscenze di cultura generale completano questo ambito valutativo.

Storia La prova mirata ad accertare coerenti criteri generali di orientamento cronologico rispetto a protagonisti e fenomeni di rilievo storico (dellEt antica, dellalto e basso medioevo, dellet moderna, dellet contemporanea). Tali orientamenti storico-cronologici generali saranno vericati anche attraverso laccertamento di conoscenze intrecciate alle speciche vicende artistico-architettoniche (opere di architettura o correnti artistiche).

Disegno e Rappresentazione La prova mirata allaccertamento della capacit di analizzare graci, disegni, e rappresentazioni iconiche o termini di corrispondenza rispetto alloggetto rappresentato della padronanza di nozioni elementari relative alla rappresentazione (piante, prospetti, assonometrie)

Matematica e Fisica La prova mirata allaccertamento della padronanza di: insiemi numerici e calcolo aritmetico (numeri naturali, relativi, razionali, reali; ordinamento e confronto di numeri; ordine di grandezza; operazioni, potenze, radicali, logaritmi), calcolo algebrico, geometria euclidea (poligoni, circonferenza e cerchio, misure di lunghezze, superci e volumi, isometria, similitudini e equivalenze, luoghi geometrici), geometria analitica (fondamenti), probabilit e statistica (fondamenti) nozioni elementari sui principi della Meccanica: denizione delle grandezze siche fondamentali (spostamento, velocit, accelerazione, massa, quantit di moto, forza, peso, lavoro e potenza); legge dinerzia, legge di Newton e principio di azione e reazione) nozioni elementari sui principi della Termodinamica (concetti generali di temperatura, calore, calore specico, dilatazione dei corpi) IL MINISTRO f.to Maria Chiara Carrozza

Copyright EdiSES 2013

Conclusione
A questo punto dovreste essere in possesso di tutte le informazioni necessarie per effettuare una scelta oculata. Se studiare Medicina davvero ci che desiderate, mettetevi subito al lavoro: consultate i programmi desame riportati in allegato ed accertatevi di possedere le conoscenze richieste per sostenere lesame di ammissione. Scaricate le prove desame degli anni passati (disponibili sul sito del MIUR) e vericate il vostro livello di preparazione. Se avrete bisogno di ulteriore aiuto per la preparazione allesame, potrete contare su EdiSES che, con una gamma completa di manuali di teoria, eserciziari commentati, software di simulazione, raccolte di quiz e monograe di approfondimento, in grado di afancarvi nello studio proponendovi il prodotto pi adatto alle vostre esigenze di apprendimento, di ripasso o di esercitazione. Per i dettagli, consultate il nostro sito www.edises.it nella sezione Ammissioni selezionando larea di vostro interesse.

Per la preparazione ai test di accesso alluniversit afdati a

editest

manuali eserciziari commentati raccolte di quiz guide alla scelta del corso di laurea corsi multimediali

nuove edizioni

2013

in versione mista scaricabile


da oggi in tutti i volumi codice per
scaricare la versione e-book
per tablet e pc, un libro che non pesa da leggere, sottolineare, annotare

accedere ai servizi riservati


test per materia, simulazioni desame, aggiornamenti e contenuti extra

Copyright EdiSES 2013

editest

Nuove

Edizioni

Libri misti scaricabili

2013

EdiSES on-line
servizi riservati
s Versione e-book del testo
Per tablet e pc, un libro che non pesa da leggere, sottolineare, annotare

servizi oltre che prodotti


www.edises.it
Entra nellarea materiale didattico con il codice contenuto nei volumi per accedere ai servizi riservati

s Innite esercitazioni
Scegli se esercitarti su singole materie o simulare una prova desame con le stesse regole della prova ufciale in termini di composizione, struttura, tempo a disposizione, criteri di attribuzione del punteggio

sUlteriori materiali di interesse


Contenuti extra, test attitudinali, prospettive e sblocchi occupazionali ed altro ancora

facebook.com/editest - twitter.com/ammissioni - youtube.com/ammissionetv


Per essere sempre aggiornato su Universit e test di ammissione

www.ammissione.org
Le principali news su Universit, test di ammissione, decreti, bandi e materiali di interesse disponibili sul nostro blog

Potrebbero piacerti anche