Sei sulla pagina 1di 65

I Clinica Ortopedica Universit di Pisa

Direttore Prof. M. Lisanti

LARTROSI

P. PARCHI

Definizione
Lartrosi comprende un gruppo di distinte patologie sovrapposte,con diverse eziologie e simili apetti biologici, morfologici e clinici. La malattia colpisce la cartilagine articolare con degenerazione dellintera articolazione incluso losso sub condrale, legamenti , capsule articolari, membrana sinoviale e muscoli periarticolari. La cartilagine articolare degenera in fibrillazione, fissurazione, ulcerazione fino alla scomparsa dalla superfice articolare

Cos lartrosi?
una malattia degenerativa articolare progressiva
Alterazioni regressive della cartilagine articolare
Modificazione delle altre strutture che compongono larticolazione

Normale

Artrosi moderata

Artrosi grave

Epidemiologia
E la malattia reumatologica pi frequente Dopo i 55 anni pi dell80% hanno segni radiologici di artrosi Solo il 10-20% dei soggetti con segni radiologici manifestano segni e sintomi In Italia ci sono oltre 4 milioni di pz artrosici LArtrosi la principale causa di invalidit in pz oltre i 60 anni

Epidemiologia
Prevalenza dellArtrosi sintomatica in pz con et superiore ai 65 anni 30 % gonartrosi 15% artrosi della mano 8% coxartrosi
Mannoni A et al. Ann Rheum Dis. 2003

FATTORI DI RISCHIO
ETA (avanzata) SESSO (M > F sotto 45 aa - F > M sopra 55 aa FATTORI MECCANICI

Malformazioni, instabilit articolare Attivit professionali o sportive Traumi


EREDITARIETA OBESITA ENDOCRINOPATIE IMFIAMMAZIONE

CLASSIFICAZIONE
PRIMARIA Diffusa Localizzata (rizoartrosi, noduli di Heberden, noduli di Bouchard, artrosi erosiva) SECONDARIA Displasie, dismorfismi Traumi Sovraccarico funzionale Artriti Collagenopatie congenite ( S. Marfan, muscopolisaccaridosi) Condropatie primitive (condromatosi, osteocondrite dissecante) Condropatie endocrino-metaboliche (diabete, condrocalcinosi, ocronosi) Osteopatie ( M. di Paget, Osteonecrosi asettiche)

ARTROSI IDIOPATICA
LOCALIZZATA: Mani: noduli di Herbeden e Bouchard Interfalangea erosiva (Crain) rizoartrosi del I raggio Piedi: Alluce (valgo, rigido) Dita a martello Talo-navicolare Anca: (eccentrica, concentrica, diffusa) Spina: apofisaria, intervertebrale, DISH ecc. Varie: gleno-omerale; acromion-claveare; sacro-iliaca; tibiotalare; t.mandibolare GENERALIZZATA: tre o pi sedi precedentemente interessate

ARTROSI IDIOPATICA

ARTROSI SECONDARIA
Post-traumatica: da trauma cartilagineo acuto o cronico Congenita/evolutiva: Calv-Legg-Perthes, lussazione congenita, epifisiolisi, ipermobilit, asimmetrie Metabolica: Ocronosi; Emocromatosi, Wilson Gaucher Endocrina: acromegalia; iperparatiroidismo; diabete, obesit; ipotiroidismo Neuropatica: piede di Charcot Da malattia OA: localizzate (fratture; necrosi asett.; sepsi) Generalizzate (post-artrite; Paget; cristalli osteocondrite, osteopetrosi) Varie: Emoglobinopatie, congelamento, malattia di cassoni

Fisiopatologia della cartilagine artrosica


Perdita di integrit e quantit dei proteoglicani Frantumazione delle fibre collagene Minor resistenza meccanica

Deficit della struttura di protezione del condrocita

Sofferenza e necrosi del condrocita

Alterazioni nellartrosi
Cartilagine : ulcerazioni, Fissurazioni con espozione dellosso subcondrale, max nelle sedi di carico; perdita della levigatezza, assotigliamento (RIDUZIONE DI SPESSORE)

Alterazioni nellartrosi
Osso sub-condrale : SCLEROSI - ispessimento eburneizzazione nelle zone di carico

pseudocisti (GEODI) per irruzione del l.s.

Ossificazione encondrale delle aree cartilaginee periferiche OSTEOFITI

Alterazioni nellartrosi
M. sinoviale : edema e congestione; possibile infiltrato infiammatorio (sinovite e/o ipertrofia villosa) senza panno n erosioni ( DD con AR) Capsula articolare : ispessimento e fibrosi della capsula

SEGNI E SINTOMI
DOLORE MECCANICO
Durante il movimento e il carico Recede col riposo Rigidit di pochi min. ( 5-10) Limitazione funzionale progressiva ( fasi avanzate)

TUMEFAZIONE dura (OSTEOFITI) TUMEFAZIONE molle (VERSAMENTO ARTICOLARE) CREPITIO SCROSCI DEFORMITA

LABORATORIO
Indici di flogosi spenti Analisi del l.s.

POCO INFORMATIVO
Poche cellule (< 1000) Talora microcristalli

DD

Segni RX
RIDUZIONE DELLA RIMA
Perdita di tessuto cartilagineo

SCLEROSI OSSO SUBCONDRALE


Ispessimento riparativo dellosso

PSEUDOCISTI GEODI
Microfratture subcondrali e irruzione di LS

OSTEOFITI
Proliferazione ossea e cartilaginea

Segni RX
RIDUZIONE DELLA RIMA
Perdita di tessuto cartilagineo

Segni RX
SCLEROSI OSSO SUBCONDRALE
Ispessimento riparativo dellosso

Segni RX
PSEUDOCISTI GEODI
Microfratture subcondrali e irruzione di LS

Segni RX
OSTEOFITI
Proliferazione ossea e cartilaginea

TERAPIA
FANS E ANALGESICI ACIDO JALURONICO intrarticolare CONDROPROTETTORI (Glucosamina solfato, diacereina ) STEROIDI intra-articolari

TERAPIA non farmacologica


RIPOSO / MOVIMENTO (bilanciamento) TERAPIE FISICHE FANGOTERAPIA e terapia termale IDROCHINESITERAPIA

CHIRURGIA (correttiva e sostitutiva)

Coxartrosi

Anatomia dellanca

Movimenti dellanca (i gradi di libert dellarticolazione)


Lanca sostiene il peso corporeo e le forze di compressione durante il movimento delle gambe

Ammette tre gradi di libert:


a) Adduzione abduzione b) Flesso estensione c) Itra-extra rotazione

+50 - -50

30 - 130

+50 - -50

Coxartrosi
Processo degenerativo locale :invecchiamento ed usura della cartilagine

indipendente dalle infezioni dalle reazioni allergiche o dai disordini metabolici sistemici
Differente dalla Coxite infettiva Coxite infiammatoria

Eziologia
Coxartrosi primitiva : 50 % Coxartrosi secondaria
Post-traumatiche (fratture del collo, del cotile, lussazioni) Deformit acquisite (coxa plana, epifisiolisi, osteonecrosi)

Coxartrosi su malformazione lussante : 40 %


Displasia semplice
del cotile : copertura insufficente, obliquit del tetto insufficente del femore : coxa valga

Sublussazione Lussazione vera

Malformazione protrusiva

Riduzione della motilit


Flessione conservata a lungo Difetto della estensione (flesso) Abduzione ed adduzione limitate precocemente Perdita precoce dela Rotazione Interna

Come si fa diagnosi di coxartrosi?


1. I sintomi

Dolore locale

Come si fa diagnosi di coxartrosi?


1. I sintomi

Limitazione funzionale
Diminuiscono i gradi di libert dellanca

Come si fa diagnosi di coxartrosi?


2. Le radiografie

Anca normale

Anca artrosica

Atteggiamenti viziosi
Flesso (sollecitazioni lombari) Abduzione o Adduzione Rotazione esterna

Zoppie

Rigidit in flessione: flesso di saluto

Marcia con atteggiamento .

Analisi della marcia

Marcia equilibrata

Zoppia

Usura = Pinzamento dellinterlinea

Anca normale

Coxartrosi

Pinzamento, condensazione, geodi , osteofiti

Geodi

Geodi

Coxartrosi su coxa valga e displasia del cotile

Coxartrosi su coxa valga e displasia del cotile

Coxartrosi secondaria
Coxopatie artrogeniche Fratture Lussazioni traumatiche Sequele di L.C.A. Osteocondriti primitive Epifisiolisi Necrosi

Coxa valga + insufficenza del cotile

Coxartrosi con sublussazione

Coxa vara

Lussazione congenita

Epifisiolisi

Coxartrosi

Protesi danca

Gonartrosi

IL GINOCCHIO: approccio ai problemi


TUMEFAZIONE DOLORE BLOCCO SALTUARIO LIMITAZIONE FUNZIONALE

Globale o localizzato?

CARATTERISTICHE DEL DOLORE


MECCANICO

COMPARE CON IL CARICO SCOMPARE CON IL RIPOSO

SEMEIOTICA ARTICOLARE
OSSERVAZIONE PALPAZIONE MOBILIZZAZIONE ATTIVA E PASSIVA DEI CAPI OSSEI MANOVRE (per legamenti, menischi e tendini)

GONARTROSI quadro anatomo-patologico


ALTERAZIONI CARTILAGINEE OSTEOFITI MARGINALI CAVITA PSEUDOCISTICHE O GEODI ALTERAZIONI DELLA SINOVIA ALTERAZIONI DELLA CAPSULA

GONARTROSI quadro radiografico


RESTRINGIMENTO DELLA RIMA ARTICOLARE OSTEOFITOSI PSEUDOCISTI CAVITA GEODICHE ALTERAZIONI DELLA STRUTTURA OSSEA SUBCONDRALE

GONARTROSI Clinica
DOLORE IDRARTO RECIDIVANTE LIMITAZIONE FUNZIONALE

CONDIZIONI PREDISPONENTI

VIZI ASSIALI VIZI TORSIONALI

GINOCCHIO VARO
DEFORMITA IN CUI LANGOLO TRA LASSE FEMORALE E LASSE TIBIALE FORMANO UNA CONVESSITA ESTERNA SUL PIANO FRONTALE

GINOCCHIO VALGO
DEFORMITA IN CUI LANGOLO TRA LASSE FEMORALE E LASSE TIBIALE E MINORE DI 173 SUL PIANO FRONTALE

VALGO FISIOLOGICO 7

SINTOMATOLOGIA IN FASE INIZIALE


IPOTONOTROFIA MUSCOLARE RETRAZIONE MEDIALE LASSITA LATERALE DIMINUZIONE ARTICOLARITA (SPECIE LESTENSIONE)

SINTOMATOLOGIA IN FASE AVANZATA


SCROSCI ARTICOLARI VERSAMENTI RECIDIVANTI DOLORE IN EMIRIMA MEDIALE ZOPPIA

TRATTAMENTO GONARTROSI
FISICO RIABILITATIVO FANS SOSTITUZIONE PROTESICA

FISICO RIABILITATIVO
IONOFORESI ULTRASUONI CORRENTI ANTALGICHE RADAR TERAPIA CHINESI

Potrebbero piacerti anche