Sei sulla pagina 1di 406

I

I o

o i e d i
l r s e lecirculi

IC XPI S LV TORIS

COMES ROMANUS MISSALE LUNDENSE 1 Dominica I Aduentus Rom. 13,11-14 2 Feria quarta Jak. 5,7-10 3 Feria VI Zach. 9,9-14 4 Dominica secunda, Aduentus Rom. 15,4-13 5 Feria IIII Mal. 3,1-5 +4,1-6 6 Feria VI Es. 28,16-22 7 Dominica tertia 1. Kor. 4,1-5 8 Feria quarta in quattuor temporum Es. 2,2-5 Es. 7,10-15 9 Feria VI, quattuor temporum Es. 11,1-5 10 Sabbato, IV temporum Es. 19,20-22 Es. 35,1-7 Es. 40,9-11 Es. 45,1-8 Dan. 3,49-51 2. Thess. 2,1-8 11 Dominica quarta, Aduentus Fil. 4,4-7 12 Feria quarta

Es. 30,18-23 13 Feria VI Es. 30,27-30 14 In vigilia nativitatis domini Es. 62,1-4 Rom. 1,1-6 15 Missa in gallicantu Es. 9, 2 +6-7 Tit. 2,11-15 16 Missa in aurora Es. 61,1-3 + 62,11-12 Tit. 3,4-7 17 In die nativitatis domini Es. 52,6-10 Hebr. 1,1-12 18 In die sancti Stephani Ap.G. 6,8-10 + 7,54-60 19 In die sancti iohannis Sir. 15,1-6 20 In festo innocentum Johs.b. 14,1-5 21 In festo sancti Thome martyris Hebr. 5,1(-6) 22 Infra octauam nativitatis Gal. 4,1-7 23 In circumcisione Gal. 3,23-4,2 24 In vigilie epyphanie Rom. 3,19-26 25 In die Epyphanie Es. 60,1-6 26 Dominica infra octauam epyphanie

Rom. 12,1-5 27 Feria IIII Rom. 1,7-12 28 Feria VI Ef. 1,13-18 29 In octaua epyphanie Es. 25 + 35 + 41 30 Dominica I post octauam epyphanie Rom. 12,6-16 31 Feria quarta Kol. 1,23-28 32 Feria sexta Ef. 2,1-6 33 Dominica secunda / Dominica II post oc. epy. Rom. 12,16-21 34 Feria quarta 1. Tim. 1,15-17 35 Feria sexta Kol. 1,3-9 36 Dominica tertia / Dominica III post epy. Rom. 13,8-10 37 Feria IIII Rom. 5,18-21 38 Feria VI 1. Thess. 1,2-10 39 Dominica IIII / Dominica III post oc. epy. Kol. 3,12-17 40 Feria IIII 1. Kor. 1,26-31 41 Feria VI 1. Kor. 1,26-31 42 Dominica quinta / Dominica V post oc. epy.

Kol. 3,12-17 [som ML 39] 43 Feria quarta ingen anfrt 44 Feria VI ingen anfrt 45 Dominica in septuagesima 1. Kor. 9,24-10,4 46 Feria quarta Hebr. 4,11-16 47 Feria VI Jer. 3,11-14 48 Dominica in septuagesima officium 2. Kor. 11,19-12,9 49 Feria IIII Hebr. 12,3-9 50 Feria sexta Ez. 18,30-32 51 Dominica quinquagesime 1. Kor. 13,1-13 52 In capite ieiunii indictio (?) cinerum / feria IIII Joel 2,12-19 53 Feria V post cinerum Es. 38,1-6 54 Feria VI Es. 58,1-9 55 Sabbato post cineres Es. 58,9-14 56 Dominica in quadragesime 2. Kor. 6,1-10 57 Feria II post dom. I. XL. Ez. 34,10-16 58 Feria III post dom. I. XL.

Es. 55,6-11 59 Feria IIII 2. Mos. 24,12-18 1. Kong. 19,3-8 (?) 60 Feria quinta Ez. 18,1-9 61 Feria VI Ez. 18,20-28 62 Sabbato / Sabbato quattuor temporum XL 5. Mos. 26,15-19 5. Mos. 11,22-25 2. Makk. 1,23 +2-5 Sir. 36,1-10 Dan. 3,49-51 1. Thess. 5,14-23 63 Dominica II quadragesime 1. Thess. 4,1-7 64 Feria II Dan. 9,15-19 65 Feria III 1. Kong. 17,8-16 66 Feria IIII post dominicam II XL Est. 13,9-11 +15-17 67 Feria V post dominicam II, XL Jer. 17,5-10 68 Feria sexta post dominicam II, XL 1. Mos. 37,6-22 69 Sabbato post dominicam II, XL 1. Mos. 27,5-40 70 Dominica tertia XL Ef. 5,1-9 71 Feria II

2. Kong. 5,1-15 72 Feria III, ebdo. III, XL 2. Kong. 4,1-7 73 Feria IIII, ebdo. III, XL 2. Mos. 20,12-24 74 Feria V post dominicam III, XL Jer. 7,1-7 75 Feria VI post dominicam III, XL 4. Mos. 20,2-3 +5-13 76 Sabbato post dominicam III, XL Dan. 13,1-9 +15-17 +19-30 +33-62 77 Dominica in media quadragesia Gal. 4,22-31 78 Feria secunda post dominicam IIII, XL 1. Kong. 3,16-28 79 Feria III ebdo. IIII, XL 2. Mos. 32,7-14 80 Feria quarta, ebdo. IIII, XL Ez. 36,23-28 Es. 1,16-19 81 Feria quinta, ebdo. IIII, XL 2. Kong. 4,25-38 82 Feria sexta post dominicam IIII, XL 1. Kong. 17,17-24 83 Sabbato post dominicam IIII, XL Es. 49,8-15 Es. 55,1-11 84 Dominica passionis / Dominica in Passione Hebr. 9,11-15 85 Feria II, ebdo. passionis Jonas 3,1-10 86 Feria tertia Officium, post dominicam in passione

Dan. 14,27-42 87 Feria quarta post dominicam in passione 3. Mos. 19,1-2 +11-19 +25 [uprcist!] 88 Feria quinta post dominicam in passione Dan. 3,35-45 89 Feria VI post dominicam in passione Jer. 17,13-18 90 Sabbato palmarum Jer. 18,18-23 91 Dominica palmarum Ex. 15,27-16,10 92 Dominica palmarum, Officium Misse Fil. 2,5-11 93 Feria II, ebdo. palmarum Zak. 11,12-13,9 94 Feria III, ebdo. palmarum Jer. 11,18-20 Sap. 2,12-22 95 Feria IIII, ebdo. palmarum Es. 62,11-63,7 Es. 53,1-12 96 Feria quinta in cena domini 1. Kor. 11,20-32 97 In die parasceue Hos. 6,1-6 2. Mos. 12,1-11 98 In vigilia pasce (hora diei vi) / Sabbato sancto pasche 1. Mos. 1,1-2,2 2. Mos. 14,24-15,1 Es. 4,1-6 Es. 54,17-55,11 / [Benedictio fontis] Kol. 3,1-4

99 In die sancto pasche, Ad missam 1. Kor. 5,7-8 100 Feria secunda post pasche Ap.G. 10,37-43 101 Feria III post pasche Ap.G. 13,16 +26-33 102 Feria IIII post Pasche Ap.G. 3,13-15 +17-19 103 Feria V post Pasche Ap.G. 8,26-40 104 Feria VI post Pasche 1. Pet. 3,18-22 105 Sabbato post pasche 1. Pet. 2,1-10 106 In octaua pasche ad missam 1. Johs. 5,4-10 107 Feria IIII Hebr. 13,17-21 108 Feria VI Ap.G. 5,34-41 109 Dominica II post Pascha 1. Pet. 2,21-25 110 Feria IIII, ebdo. II Pasche 1. Pet. 1,18-25 111 Feria VI, eddo. II Pasche Ap.G. 15,7-12 112 Dominica III post Pascha 1. Pet. 2,11-19 113 Feria IIII, ebdo. III post Pascha 1. Johs. 2,1-8 114 Feria VI, ebdo. III post Pascha Ap.G. 3,12 +20-26

115 Dominica IIII post Pascha Jak. 1,17-21 116 Feria IIII, ebdo. IIII post oc. Pas. 1. Thess. 5,5-11 117 Feria VI, ebdo. IIII Pasche Ap.G. 15,23-29 118 Dominica V post Pascha Jak. 1,22-27 119 In diebus rogationum Jak. 5,16-20 120 In vigilia ascensionis Ap.G. 4,32-35 121 In die ascensionis Ap.G. 1,1-11 122 Feria VI post Ascensionem 1. Pet. 4,7-11 123 In vigilia penthecostes 1. Mos. 22,1-9 5. Mos. 31,22-30 Es. 4,1-6 Bar. 3,9-38 / [db] Ap.G. 19,1-8 124 In die penthecostes Ap.G. 2,1-11 125 Feria secunda post penthe. Ap.G. 10,42-48 126 Feria III post penthe. Ap.G. 8,14-17 127 Feria quartum post penthe. Ap.G. 2,14-21 Ap.G. 5,12-16 128 Feria V post penthe.

Ap.G. 8,5-8 129 Feria VI post penthe. Ap.G. 2,22-28 130 Sabbato post penthe. Joel 2,28-32 3. Mos. 23,9-11 +15-17 +21 5. Mos. 26,1-11 3. Mos. 26,3-12 Dan. 3,49-51 Ap.G. 13,44-52 131 Dominica in sancte trinitatis Rom. 11,33-36 132 In die corporis christi 1. Kor. 11,23-29 133 Dominica I post trinitatem 1. Johs. 4,8-21 134 Feria quarta, ebdo. I post trinitatem Kol. 3,5-11 135 Feria sexta, ebdo. I post trinitatem Rom. 5,6-11 136 Dominica secunda post trinitatem 1. Johs. 3,13-18 137 Feria IIII, ebdo. II post trinitatem 1. Kor. 15,12-22 138 Feria VI, ebdo. II post trinitatem 1. Pet. 4,3-6 139 Dominica tertia post trinitatem 1. Pet. 5,6-11 140 Feria IIII post trinitatem Kol. 3,17-24 141 Feria VI, ebdo. III post trinitatem 2. Pet. 1,10-17

142 Dominica IIII post trinitatem Rom. 8,18-23 143 Feria quarta, ebdo. IIII post trinitatem Ef. 1,16-21 144 Feria VI, ebdo. IIII post trinitatem 1. Johs. 2,24-3,3 145 Dominica V post trinitatem 1. Pet. 3,8-15 146 Feria IIII, ebdo. V post trinitatem 1. Tim. 2,1-7 147 Feria VI, ebdo. V post trinitatem 1. Johs. 5,1-5 148 Dominica sexta post trinitatem Rom. 6,3-11 149 Feria IIII, ebdo. VI post trinitatem Hebr. 12,28-13,8 150 Feria VI, ebdo. VI post trinitatem 1. Johs. 5,13-20 151 Dominica VII post trinitatem Rom. 6,19-23 152 Feria IIII, ebdo. VII post trinitatem Rom. 8,1-6 153 Feria VI, ebdo. VII post trinitatem Rom. 15,30-33 154 Dominica VIII post trinitatem Rom. 8,12-17 155 Feria IIII, ebdo. VIII post trinitatem Rom. 5,8-11 156 Feria VI, ebdo. VIII post trinitatem Sam. 12,20-24 157 Dominica IX post trinitatem 1. Kor. 10,6-13

158 Feria IIII, ebdo. IX post trinitatem Rom. 6,16-18 159 Feria VI, ebdo. IX post trinitatem Rom. 16,17-20 160 Dominica X post trinitatem 1. Kor. 12,2-11 161 Feria IIII, ebdo. X post trinitatem 1. Kor. 15,39-46 162 Feria VI, ebdo. X post trinitatem 1. Kor. 8,1-6 163 Dominica XI post trinitatem 1. Kor. 15,1-10 164 Feria IIII, ebdo. XI post trinitatem 1. Kor. 6,15-20 165 Feria VI, ebdo. XI post trinitatem Ordspr. 2,1-8 166 Dominica XII post trinitatem 2. Kor. 3,4-9 167 Feria IIII 2. Kor. 4,5-10 168 Feria VI Ordspr. 3,1-6 169 Dominica XIII post trinitatem Gal. 3,16-22 170 Feria IIII, ebdo. XIII post trinitatem 2. Kor. 5,1-11 171 Feria VI, ebdo. XIII post trinitatem 1. Thess. 2,2-8 172 Dominica XIIII post trinitatem Gal. 5,16-24 173 Feria IIII, ebdo. XIIII post trinitatem 2. Kor. 6,14-7,1

174 Feria VI, eddo. XIIII post trinitatem 1. Pet. 4,17-5,4 175 Dominica XV post trinitatem Gal. 5,25-6,10 176 Feria IIII post trinitatem Kol. 1,12-18 177 Feria VI, ebdo. XV post trinitatem Tob. 13,1-9 178 Dominica XVI post trinitatem Ef. 3,13-21 179 Feria IIII Kol. 2,8-13 180 Feria VI Tob. 13,19-23 181 Dominica XVII Ef. 4,1-6 182 Feria IIII quattuor temporum ieuuniii mensis septimi Amos 9,13-15 2. Ezra 8,1-10 183 Feria VI, quattuor temporum Hos. 14,2-10 184 Sabbato quattuor temporum 3. Mos. 23,26-32 3. Mos. 23,39-43 Mika 7,14 +16 +18-20 Zak. 8,14-19 Dan. 3,49-51 Hebr. 9,2-12 185 Dominica XVIII post trinitatem 1. Kor. 1,4-8 186 Feria quarta, ebdo. XVIII post trinitatem Kol. 3,5(-11) [jfr. ML 134]

ML 187 Feria VI, ebdo. XVIII post trinitatem Judit 188 Dominica XIX post trinitatem Ef. 4,23-28 189 Feria IIII 2. Thess. 2,15-3,5 190 Feria sexta 1. Kor. 16,1-6 191 Dominica vigesima post trinitatem Ef. 5,15-21 192 Feria quarta 2. Thess. 3,6-13 193 Feria sexta 2. Kor. 7,1-4 194 Dominica XXI post trinitatem Ef. 6,10-17 195 Feria IIII 1. Tim. 6,7-14 196 Feria sexta Gal. 5,10-16 197 Dominica vigesimasecunda post trinitatem Fil. 1,6-11 98 Feria IIII 1. Tim. 1,5-12 199 Feria VI Dan. 7,13-14 200 Dominica XXIII post trinitatem Fil. 3,17-21 201 Feria IIII 2. Tim. 1,8-13 202 Feria VI Kol. 3,12-17

203 Dominica vigesiaquarta Kol. 1,9-11 204 Feria quarta Rom. 11,25-36 205 Feria VI Ez. 20,42-44 206 Dominica ultima post trinitatem Jer. 23,5-8 207 Feria IIII 1. Thess. 1,2-6 208 Feria VI Es. 10,22-27

COMES ROMANUS WIRZIBURGENSIS 1 In natale Dni. ad sca. Maria Rom. 1,16 2 Ad sca. Maria: Tit. 2,1115 3 Ad sca. Anastassia : Tit. 3,47 4 Ad scm. Petrum [Juledag]: Hebr. 1,112 5 Ad sca. Maria [Juledag]: Es. 9,27 6 Ad sca. Anastassia : Es. 61,162,12 7 Ad scm. Petrum : Es. 52,610 8 In nat. sci. Stephani [Anden juledag]: Ap.G. 6,87,60 9 In nat. sci. Iohannis euag. : Sirak 15,16 10 In nat. sci. Iohannis euang.: Visd. 10,1014 11 In nat. sci. Iohann. euang.: Ef. 1,38 12 Unde supra: Ef. 2,1922 13 In nat. innocentum: b. 14,15 14 In nat. sci. Siluestri: Hebr. 7,2327

15 In nat. ubi supra: Hebr. 13,916 16 In nat. sacerdotum quorum supra: Sirak 4445 17 In nat. quorum supra: Sirak 31,811 18 In Theophania [Helligtrekonger]: Tit. 3,47 19 In Theophania [ Helligtrekonger]: Es. 60,16 20 Post Theophania [1. s. e. h3k.]: Rom. 12,15 21 Alia post Theophania [2. s. e. h3k.]: Rom. 12,616 22 Alia post Theophania [3. s. e. h3k.]: Rom. 12,1621 23 Alia post Theophania [4. s. e. h3k.]: Rom. 13,810 24 In nat. sci. Sebastiani : Hebr. 11,3339 25 In nat. ubi supra: Visd. 10,1720 26 Post. nat. Dni. dominica I [Julesndag]: Gal. 4,17 27 Post nat. Dni. dominica II [Sidste s. e. h3k.]: Kol. 1,2528 28 Post nat. Dni. dominica III: 1. Tim. 1,1517 29 Post nat. Dni. dominica IIII: Hebr. 3,16

30 In nat. scarum. Agnae et Agathae: 2. Kor. 10,1711,2 31 In nat. scarum. suprascriptarum: Sirak 24,1120 32 In nat. ubi supra: Sirak 51,112 33 In nat. scarum. unde supra: Sirak 51,1317. 34 In septuagissima ad scm. Laurentium [Sept.]: 1. Kor. 9,2410,4 35 In sexagissima ad scm. Paulum [Seksag.]: 2. Kor. 11,1912,9 36 In quinquagissima [Fastelavn]: 1. Kor. 13,113 37 Feria IIII ad sca. Sabina: Joel 2,1219 38 Feria VI ad scos. Iohannem et Paulum: Es. 58,19 39 Quadragissima ad Lateranis [1. s. i fasten]: 2. Kor. 6,110 40 Feria. II. ad Uincula: Ez. 34,1116 41 Feria. III. ad sca. Anastassia: Es. 55,611 42 Feria. IIII. ad sca. Maria mensi primi: 2. Mos. 24,1218 43 Feria. V. ad sca. Maria: 1. Kong. 19,38 44 Feria. VI. ad Apostolos: Ez. 18,2028

45 Sabbato ad scm. Petrum in XII. lect.: 5. Mos. 26,1519 46 Lectio II. Ubi supra: 5. Mos. 11,2225 47 Lectio III. Ubi supra: 2. Makk. 1,2327 48 Lectio IIII. Ubi supra: Sirak 36,110 49 In lec. XII. mens primo: 1. Thess. 5,1423 50 Item alia unde supra [2. s. i fasten]: 1. Thess. 4,17 51 Feria. II. ad scm. Clementem: Dan. 9,1519 52 Feria. III. ad sca. Balbina: 1. Kong. 17,816 53 Feria. IIII. ad sca. Cecilia: Est. 13,917 54 Feria. VI. ad scm. Uitalem: 1. Mos. 37,622 55 Sabbato ad scos. Marcellinum et Petrum: 1. Mos. 27,640 56 Ad scm. Laurentium in tricissima [3. s. i fasten]: Ef. 5,19 57 Feria. II. ad scm. Marcum: 2. Kong. 5,115 58 Feria. III. ad sca. Potentiana: 2. Kong. 4,17 59 Feria. IIII. ad scm. Syxtum: 2. Mos. 20,1224

60 Feria. VI. in scm. Laurentium in Lucine: 4. Mos. 20,113 61 Sabbato ad sca. Susanna: Dan. 13,162 62 Dominica ante XXma ad Hierusalem [Midfaste]: Gal. 4,2231 63 Feria. II. ad IIII. coronatos: 1. Kong. 3,1628 64 Feria. III. ad scm. Laurentium in Damasi: 2. Mos. 32,714 65 Feria. IIII. ad scm. Paulum in mediana: Ez. 36,2328 66 Secunda ubi supra: Es. 1,1619 67 Feria. VI. ad scm. Eusebium: 1. Kong. 17,1724 68 Die sabbatorum ad scm. Laurentium in mediana: Es. 49,815 69 Ad scm. Laurentium ubi supra: Es. 55,111 70 Dominica ad scm. Petrum in mediana: Hebr. 9,1115 71 Ad scm. Crisogonum: Jon. 3,110 72 Feria. III. ad scm. Cyriacum: Dan. 14,2742 73 Feria. IIII. ad scm. Marcellum: 3. Mos. 19,1119 74 Feria. VI. ad scm. Stephanum: Jer. 17,1318

75 Dominica indulgentia ad Lateranis: Fil. 2,511 76 Ad scos. Nereum et Achileum: Es. 50,510 77 Secunda ubi supra: Zak. 11,1213,9 78 Feria. III. ad sca. Prisca: Jer. 11,1820 79 Secunda ubi supra: Visd. 2,1222 80 Feria. IIII. ad sca. Maria: Es. 62,1163,7 81 Es. 53,112 82 Feria. V. ad Lateranis quando crisma conficitur: 1. Kor. 11,2032 83 Feria. VI. ad Hierusalem: Hos. 6,16 84 Feria. VI. ubi supra: 2. Mos. 12,111 85 Sabbato sco. ad Lateranis: Kol. 3,14 86 In dominico sco. ad sca. Maria [Pskedag]: 1. Kor. 5,78 87 Feria. II. ad scm. Petrum [2. pskedag]: Ap.G. 10,3743 88 Feria. III. ad scm. Paulum: Ap.G. 13,1633 89 Feria IIII. ad scm. Laurentium: Ap.G. 3,1219 90 Feria V. in Bassilica Apostolorum:

Ap.G. 8,2641 91 Feria. VI. ad sca. Maria Martyra: 1. Pet. 3,1822 92 Die sabbati in Lateranis: 1. Pet. 2,110 93 Dominica ad Lateranis [1. s. e. pske]: 1. Joh. 5,410 94 Dominica. I. post octabas Paschae [2. s. e. pske]: 1. Pet. 2,2125 95 Dominica. II. post octabas Paschae [3. s. e. pske]: 1. Pet. 2,1119 96 Dominica. III. post octobas Paschae [4. s. e. pske]: Jak. 1,1721 97 Domini. IIII. post octobas Pas. [5. s. e. pske]: Jak. 1,2227 98 Domi. V. post octabas Pashae [6. s. e. pske]: 1. Pet. 4,711 99 Domi. VI. post octabas Pas. [1. s. e. trin.]: 1. Joh. 4,1621 100 Domi. VII. post octabas Pas. [2. s. e. trin.]: 1. Joh. 3,1318 101 Domi. VIII. post octabas Pas. [3. s. e. trin.]: 1. Pet. 5,611 102 Domi. VIIII. post octabas Pas. [5. s. e. trin.]: 1. Pet. 3,815 103 In laetania maiore: Jak. 5,1620 104 In ascensa Dni.: Ap.G. 1,111 105 In sabbato Penticosten:

Ap.G. 19,18 106 In dominico Penticosten: Ap.G. 2,111 107 Feria. II. ad Uincula: Ap.G. 10,4248 108 Feria. III. ad sca. Anastassia: Ap.G. 8,1417 109 Feria. IIII. ad sca. Maria: Ap.G. 2,1421 110 Ubi supra: Ap.G. 5,1216 111 Feria V. ad Apostolos: Ap.G. 8,58 112 Feria. VI. ad scos. Iohannem et Paulum: Ap.G. 2,2228 113 Ad scm. Stephanum: Ap.G. 13,4452 114 Domi. in nat. scorum.: b. 7,912 115 Item unde supra: b. 7,1317 116 Feria. IIII. ad sca. Maria: Visd. 1,17 117 Ubi supra: Es. 44,13 118 Feria. VI. ad Apos.: Joel 2,2327 119 Sabbato ad scm. Petrum: Joel 2,2832 120 Ubi supra:

3. Mos. 23,1021 121 Ubi supra: 5. Mos. 26,111 122 Ubi supra: 3. Mos. 26,312 123 Ubi supra: Rom. 5,15 124 Ubi supra [4. s. e. trin.]: Rom. 8,1823 125 In nat. scorum.: Ordsp. 3,1320 126 In nat. scorum. Iohan. et Pauli: Rom. 8,2839 127 Unde supra: Sirak 44,1015 128 In uig. sci. Iohan. Bab.: Jer. 1,410 129 In nat. subi supra: Es. 49,17 130 In uigilias sci. Petri: Ap.G. 3,110 131 In nat. sci. Petri: Ap.G. 12,111 132 In uigilias sci. Pauli: Gal. 1,1120 133 In nat. sci. Pauli: Ap.G. 9,122 134 In nat. apos. Philippi et Iacobi: Ef. 4,713 135 In nat. ubi supra:

Visd. 5,15 136 In nat. sci. Syxti: 2. Kor. 1,37 137 In nat. ubi supra: Sirak 39,613 138 In uigilias sci. Laurenti: 2. Tim. 4,18 139 In uigilias ubi supra: Sirak 51,112 140 In nat. sci. Laurenti: 2. Kor. 9,610 141 In nat. ubi supra: Visd. 10,1014 142 Feria IIII ad sca. Maria: Am. 9,1315 143 Ubi supra: Neh. 8,110 144 Feria VI. ad Apostolos: Hos. 14,210 145 Sabbato ad scm. Petrum: 3. Mos. 23,2632 146 Ubi supra: Jer. 30,811 147 Ubi supra: 3. Mos. 23,3943 148 Ubi supra: Mika 7,1420 149 Ubi supra: Zak. 8,1419 150 Ubi supra:

2. Mos. 32,1114 151 Ubi supra : Hebr. 9,212 152 In nat. angeli: b. 1,15 153 Cuius supra: 1. Kor. 1,48 154 In dedicatione aecclesiae: 1. Kor. 3,815 155 In dedicatione aecclesiae: b. 21,25 156 In dedicatione oratori: b. 21,927 157 In uigilias sci. Andreae: Ef. 1,38 158 In uigilias suprascripta: Sirak 31,811 159 In nat. sci. Andreae: Rom. 10,1018 160 In nat. sci. Andreae: Sirak 44,2545,9 161 Feria IIII. ad sca. Maria: Es. 2,25 162 Ubi supra: Es. 7,1015 163 Feria VI. ad Apost.: Es. 11,15 164 Sabbato ad scm. Petrum: Es. 19,2022 165 Ubi supra:

Es. 35,17 166 Ubi supra: Es. 40,911 167 Ubi supra: Es. 42,19 168 Ubi supra: Es. 45,18 169 Ad scm. Petrum: 2. Thess. 2,18 170 De aduentu Dni. [1. s. i advent]: Rom. 13,1114 171 De aduentu Dni.: Jer. 23,58 172 De aduentu Dni [2. s. i advent]: Rom. 15,413 173 De aduentu Dni. [3. s. i advent]: 1. Kor. 4,15 174 De aduentu Dni. [4. s. i advent]: Fil. 4,47 175 In uigilias Dni.: Es. 62,14 176 In ordinatione diaconorum: 1. Tim. 3,813 177 In ordina. presbyterorum: Tit. 1,19 178 In ordina. episco.: Tit. 1,79 179 Item ut supra: 1. Tim. 3,17 180 In ieiunio de nat. papae:

Neh. 1,411 181 In nat. papae: Hebr. 5,16 182 In nat. papae: Sirak 4445 183 In nat. papae: Tob. 13,1219 184 Item in nat. papae: 5. Mos. 28,110 185 In nat. papae: 5. Mos. 28,912 186 In nat. papae: 2. Sam. 7,816 187 Ad sponsas uelandas: 1. Kor. 6,1520 188 Item ut supra: 1. Kor. 7,3235 189 In nat. scorum.: Sirak 14,2215,6 190 Unde supra: Visd. 3,19 191 Item ut supra: Visd. 5,1622 192 Item unde supra: Ordsp. 10,2811,11 193 Item ut supra in nat. scorum.: Ordsp. 15,29 194 In nat. scae. Sabinae: Ordsp. 31,1031 195 In laetania tempore belli:

Es. 37,17 196 Item ut supra: Es. 37,1535 197 Unde supra: Es. 38,16 198 Unde supra: Jer. 7,17 199 Item unde supra: Jer. 8,4? 200 Item unde supra: Jer. 9,49 201 In sterilitate pluiae: Jer. 17,510 202 Item ut supra: Jer. 18,16 203 Item ut supra: Jer. 14,1922 204 In die belli: Jer. 22,34 205 Item ut supra: Jer. 42,712 206 Item ut supra: Klages. 3,2257 [207209: Numrene findes ikke p listen] 210 Item ut supra: Dan. 6,1623 211 In agendis: 2. Makk. 12,4246 212 Item ut supra: Ez. 37,114

213 In dedicatione aecclesiae: 1. Kong. 8,1434 214 Rom. 5,611 215 Rom. 5,1821 216 [6. s. e. trin.] Rom. 6,311 217 [7. s. e. trin.] Rom. 6,1923 218 Rom. 8,16 219 [8. s. e. trin.] Rom. 8,1217 220 [9. s. e. trin.] 1. Kor. 10,613 221 [10. s. e. trin.] 1. Kor. 12,211 222 1. Kor. 15,3946 223 [12. s. e. trin.] 2. Kor. 3,411 224 2. Kor. 4,510 225 2. Kor. 5,111 226 2. Kor. 6,147,1 227 [13. s. e. trin.] Gal. 3,1622 228 [14. s. e. trin.] Gal. 5,1624 229 [15. s. e. trin.] Gal. 5,256,10 230 [16. s. e. trin.] Ef. 3,1321 231 [17. s. e. trin.] Ef. 4,16 232 [19. s. e. trin.] Ef. 4,2328 233 [20. s. e. trin.] Ef. 5,1521 234 [21. s. e. trin.] Ef. 6,1017 235 [22. s. e. trin.] Fil. 1,611 236 [23. s. e. trin.] Fil. 3,1721 237 [24. s. e. trin.] Kol. 1,914 238 Kol. 1,1218 239 Kol. 2,813

240 Kol. 3,511 241 Kol. 3,1217 242 1. Thess. 2,913 243 2. Thess. 2,143,5 244 2. Thess. 3,613 245 1. Tim. 1,314 246 In aduentu Iudicum: 1. Tim. 2,17 247 1. Tim. 6,714 248 2. Tim. 1,813 249 2. Tim. 2,223,15 250 Hebr. 1,132,3 251 Hebr. 10,3238 252 Hebr. 4,1116 253 Hebr. 12,39 254 Hebr. 12,1223 255 Hebr. 13,1721

Li ro ter o
Or io i e preci per le litvrie delle D he dvr te l o s cro c

i
ORATIO I Dio che hai preparato beni invisibili per coloro che ti amano, infondi nei nostri cuori un profondo amore per te, affinch amandoti in ogni cosa e sopra ogni cosa, possiamo conseguire i beni che ci hai promesso, che superano ogni desiderio.

O O s

ORATIO II Dio che abiti nei Santi e che non disprezzi i cuori devoti, liberaci dai desideri terreni e dalle cupidigie della carne, affinch non regnando in niente il peccato in noi, con mente libera possiamo servire solo te o Signore. SECRETA ii propizio o Signore alle nostre suppliche, e accogli benevolo queste oblazioni dei tuoi servi e delle tue serve, affinch lofferta di pochi per lonore del tuo nome, a tutti possa giovare per la salvezza. POSTCOMUNIONE oi o Signore che tu hai saziato con i Doni Celesti, te ne preghiamo, concedici di essere purificati dai peccati nascosti e di essere liberati dalle insidie dei nemici.

iI
ORATIO I Dio delle forze, dal quale vengono tutte le cose migliori, metti nei nostri cuori lamore per il tuo nome, e donaci, affinch possa crescere in noi la virt della religione, di nutrire le cose buone della nostra vita, e con vigile attenzione, di custodire ci che tu hai nutrito.

O D s

ORATIO II onaci, te ne preghiamo o Signore, affinch possiamo sempre confidare veramente nella tua grazia, di domandare ci che degno e di ottenere ci che abbiamo domandato. SECRETA ii propizio o Signore alle nostre suppliche, e accogli benevolo queste oblazioni del tuo popolo, e affinch in nulla sia irretito il voto e in nulla sia svuotata la preghiera, concedi di conseguire con efficacia ci che ti domandiamo con fede. POSTCOMUNIONE oi siamo stati ricolmati dei tuoi Doni o Signore, concedici, di essere purificati dalla loro efficacia e di essere protetti dal loro aiuto.

iII
ORATIO I Dio, la cui provvidenza, nelle sue disposizioni, mai fallisce, te invochiamo supplici: rimuovi tutto ci che ci danneggia, concedi tutto quello che ci avvantaggia.

O C

ORATIO II ustodisci Signore chi hai costituito nella tua obbedienza, e poich desideriamo che il nostro servizio sia sincero, elargisci con generosit ci che comandi. SECRETA Dio che ponesti fine alla molteplicit delle vittime della legge antica con la perfezione di un unico Sacrificio, ricevi questo Sacrificio dai tuoi servi devoti e santificalo con una benedizione pari a quella dei doni di Abele il giusto, affinch ci che ognuno ha offerto a onore della tua maest, giovi a tutti per la salvezza.

O P

POSTCOMUNIONE er la frequenza quotidiana nellaccostarsi al dono del tuo Sacramento o Signore, concedi ai tuoi fedeli di crescere sempre nella salvezza.

iIII
ORATIO I onaci sempre, ti preghiamo o Signore, lo spirito di pensare ci che retto e di compierlo con grande fervore, perch come non possiamo esistere senza di te, secondo te ti chiediamo di vivere.

D C

ORATIO II oncedici Dio onnipotente di evadere dalle catene dei peccati che ci derubano per camminare con mente devota per la tua via. SECRETA ccogli, ti preghiamo o Signore, i Doni che offriamo a te ricevendoli dalla tua generosit, perch per la potenza operante della tua grazia questi sacrosanti misteri ci santifichino nella condotta della via presente e ci conducano alle gioie eterne. POSTCOMUNIONE uesto Sacramento di vita celeste ci rinnovi, Signore, nellanima e nel corpo: perch sentiamo lefficacia del mistero che celebriamo.

V
ORATIO I oncedi, ti preghiamo Dio onnipotente e misericordioso che tra le caligini di questa vita non siamo n sommersi dallignoranza che ci fa fallire, n caduti per aver cercato la volont di peccare, ma poich ci concedi la fiduciosa speranza del perdono, donaci benigno il frutto della misericordia che cerchiamo.

C P

ORATIO II orgi, o Signore, alle nostre suppliche lorecchio della tua misericordia: e perch siano esauditi i nostri desideri, concedi a noi di chiedere ci che a te piace. SECRETA oncedici, ti preghiamo o Signore, di partecipare degnamente a questi Misteri, perch ogni volta che si celebra in memoriale questo Sacrificio, si compie lopera della nostra redenzione.

C L

POSTCOMUNIONE a comunione con te in questo Sacramento o Signore, te ne preghiamo, ci conceda la purificazione dai nostri peccati e ci raccolga nella unit della Santa Chiesa.

VI
ORATIO I Dio che manifesti la tua onnipotenza soprattutto perdonando e avendo misericordia, riversa incessantemente su di noi la tua grazia, affinch correndo verso le tue promesse tu ci renda partecipi dei beni celesti.

O G

ORATIO II uardaci o Dio nostro protettore, e coloro che umilmente implorano la tua misericordia, esaudiscili con la tua consueta clemenza. SECRETA te Signore siano consacrati questi sacrifici, che ci hai dato da offrire a onore del tuo nome, cos da farne anche rimedi per noi. POSTCOMUNIONE e ne preghiamo, Signore Dio nostro: coloro che non disprezzi di riparare con i Sacramenti divini, benevolo non destituire dai tuoi aiuti.

VII
ORATIO I Dio onnipotente ed eterno che con la tua Piet sovrabbondante oltrepassi i meriti e i desideri dei tuoi supplici, effondi su di noi la tua misericordia, cos da allontanare ci che la coscienza teme e aggiungere ci che la preghiera non osa neppure chiedere.

O O V

ORATIO II Dio onnipotente ed eterno da te solo vengono i santi desideri, i giusti consigli e le buone opere, dona ai tuoi servi quella pace che il mondo non pu dare, affinch i nostri cuori siano dediti ai tuoi comandamenti e i tempi siano tranquilli sotto la tua protezione. SECRETA olgi propizio lo sguardo o Signore verso il nostro servizio sacerdotale, affinch ci che noi ti offriamo sia a te un dono gradito e a noi un sostegno nella fragilit. POSTCOMUNIONE onaci di sperimentare, te ne preghiamo o Signore, nella partecipazione al tuo Sacramento, un sostegno per la mente e per il corpo, affinch salvati in entrambi, possiamo gloriarci della pienezza di un Celeste Rimedio.

VIiI
ORATIO I Dio onnipotente ed eterno per il quale hanno inizio le cose che non esistono e si manifestano le cose prima nascoste, monda la stoltezza del nostro cuore e purifica i vizi nascosti dentro di noi, per poterci presentare al tuo servizio con una mente pura.

O O V C

ORATIO II Dio onnipotente e misericordioso, poich per tua grazia che i tuoi fedeli possano servirti in modo degno e lodevole, concedi ti preghiamo, di correre senza ostacoli verso i beni da te promessi. SECRETA olgiti propizio, ti preghiamo o Signore, alle Vittime che presentiamo sui Santi Altari, e fa che accordandoci il perdono, diano onore al tuo nome. POSTCOMUNIONE i vivifichi, ti preghiamo o Signore, la santa partecipazione a questo Sacramento, e ci accordi insieme espiazione e protezione.

VIiII
ORATIO I Dio onnipotente ed eterno, donaci aumento di fede, speranza e carit e, perch possiamo conseguire ci che prometti, fa che amiamo ci che comandi.

O O C

ORATIO II Dio onnipotente ed eterno, fa che abbiamo sempre la volont a te consacrata e serviamo la tua maest con cuore sincero. SECRETA i purifichi o Signore lofferta consacrata al tuo nome, e di giorno in giorno ci faccia passare alla liturgia della vita celeste. POSTCOMUNIONE bbiamo ricevuto o Signore i Sacramenti Celesti: concedici di trame vantaggio per la redenzione eterna.

X
ORATIO I ustodisci, ti preghiamo o Signore, con perenne benevolenza la tua Chiesa, e poich senza di te per lumana caducit viene meno, dal tuo aiuto sia sempre strappata a ci che la danneggia e guidata a ci che la salva.

ORATIO II onaci o Dio misericordioso, affinch possiamo ricercare con menti decise la comunione con te, ricevendo il perdono dei peccati, di essere liberati dallincursione delle tentazioni.

D C L

SECRETA oncedici, ti preghiamo o Signore, che questa Vittima di Salvezza sia per noi purificazione dei nostri peccati e per te propiziazione della tua potest. POSTCOMUNIONE e Cose Sante che ti appartengono o Signore rinnovandoci ci vivifichino, e avendo ottenuto il tuo perdono ci preparino a ricevere la tua eterna misericordia.

XI
ORATIO I a tua incessante misericordia o Signore purifichi e fortifichi la tua Chiesa e poich senza di te non pu restare salva, dal tuo Dono sia sempre governata.

ORATIO II ona, te ne preghiamo o Signore una mente tale al tuo popolo, affinch dopo aver corso da te a chiedere pace a causa delle necessit che lo stringono, diventi invece sempre devoto, di sua propria volont, alla tua maest

D I

SECRETA tuoi Sacramenti ci custodiscano sempre o Signore, e contro gli assalti diabolici sempre ci siano di soccorso.

POSTCOMUNIONE ossieda le nostre menti e i nostri corpi, ti preghiamo o Signore, lazione del dono celeste perch in noi preceda sempre il suo effetto e non il nostro sentimento.

XiI
ORATIO I onaci o Signore di sottometterci a te con spontanea volont, e ridesta sempre in noi il desiderio di supplicarti.

d D

ORATIO II onaci Signore di obbedire sempre ai tuoi comandamenti, poich allora verranno su di noi prosperit e pace, quando seguiremo in tutto Colui che lautore stesso della Vita. SECRETA ondaci o Signore con il frutto di questi Sacrifici che presentiamo, e portali misericordioso a pienezza nel nostro intimo, affinch diventiamo partecipi di Colui che in essi si rende presente in mezzo a noi. POSTCOMUNIONE urifica o Signore benevolo le nostre menti e rinnovale con la partecipazione a questo Sacramento celeste, affinch possiamo riceverne un aiuto sia per il nostro corpo presente che per quello glorioso che ci attende.

XiiI
ORATIO I ona, te ne preghiamo, o Signore al tuo popolo di evitare ogni contagio diabolico, e di imitare te solo, Signore, con cuore indiviso.

d C S

ORATIO II ustodiscici o Dio onnipotente affinch sotto la guida della tua destra, non siamo schiacciati n dai nostri peccati n da quelli degli altri. SECRETA upplici invochiamo la tua maest o Signore, affinch i Santi Doni che ti presentiamo, ci liberino dai peccati passati e da quelli futuri. POSTCOMUNIONE onaci, te ne preghiamo o Dio onnipotente, per il divino potere dal quale siamo stati saziati, di essere rinnovati dai Sacri Misteri nella condotta della vita.

XiiiI
ORATIO I opera della tua misericordia, ti preghiamo o Signore, diriga i nostri cuori, poich senza di te in nulla possiamo piacerti.

l S

ORATIO II ii presente ai tuoi supplici, ti preghiamo o Signore, e tra le insidie delle perversit del mondo la nostra fragilit sia accompagnata dalla tua piet eterna. SECRETA io che per i venerabili scambi di questo Sacrificio ci hai reso partecipi dellunica e somma divinit, fa ti preghiamo, che come abbiamo conosciuto la tua verit, cos giungiamo a possederla con una mente e una vita degnamente vissuta.

POSTCOMUNIONE oi ti rendiamo grazie o Signore poich ci hai nutrito con i tuoi Santi Doni e invochiamo al tua misericordia affinch ci renda degni di partecipare ad essi

XV
ORATIO I io onnipotente e misericordioso, propizio allontana da noi tutto ci che ci avversa, perch sciolti da impedimenti sia nellanima che nel corpo, con animo libero compiamo ci che tuo.

D D

ORATIO II onaci, ti preghiamo, Dio onnipotente, di meritare il nostro perdono, cos da correggere i nostri eccessi, e confessando i nostri peccati ci conteniamo nellostinarci a rimanere nella loro cattiveria. SECRETA uesti Doni che offriamo agli occhi della tua maest, ti preghiamo o Signore, concedi che siano per noi sorgente di salvezza. POSTCOMUNIONE oi te ne preghiamo Dio onnipotente, fa che il Dono divino che abbiamo mangiato sia per noi di giovamento per portare frutti degni di salvezza.

XVI
ORATIO I largisci pacifico, te ne preghiamo o Signore, ai tuoi fedeli il perdono e la pace affinch siano purificati da ogni male e ti possano servire con mente tranquilla. ORATIO II ancella o Signore i nostri errori che ci dominano nelle avversit, e con la tua misericordia ovunque custodiscici.

SECRETA uesti Misteri che ti offriamo ci porgano o Signore la medicina celeste, e scaccino via i vizi dai nostri cuori. POSTCOMUNIONE i aiutino o Signore i Misteri dei quali ci siamo saziati, e ci rendano sempre pi fermi nella tua eterna protezione.

XVII

C S S

ORATIO I ustodisci, ti preghiamo o Signore, con una pace continua coloro ai quali hai dato di sperare in te.

ORATIO II tai con noi o Dio misericordioso, e concedi propizio in noi i doni della tua piet. SECRETA antifica i Doni a te dedicati, ti preghiamo o Signore, e per mezzo loro guardaci favorevolmente.

POSTCOMUNIONE uesti Santi Misteri o Signore appaghino il nostro Spirito con il nutrirlo, e sostengano il nostro corpo con l aiutarlo.

XVIIi
ORATIO I saudiscici o Dio clemente e misericordioso e concedici con favore i doni di una continenza salutare. ORATIO II onverti a te il cuore della tua gente o Dio, affinch continui a sussistere per il Dono della tua Grazia per mezzo della quale sempre elargisci i tuoi benefici.

C C

SECRETA i sia di giovamento o Signore questa Mistica Offerta, che ci scioglie dal legame con i nostri peccati, e ci conferma nella tua eterna salvezza. POSTCOMUNIONE ueste Cose Sante, ti preghiamo Signore, ci liberino dai peccati e ci confermino nel vigore della Vita celeste.

Xviiii
ORATIO I oi ti preghiamo Dio onnipotente: la tua gente ti serva con tutto il cuore, e meriti di ricevere in dono da te sempre pi abbondanti benefici e la pace. ORATIO II isericordia di noi o Dio ed elargisci con la tua potente bont su di noi il frutto della tua piet. SECRETA ccogli, ti preghiamo o Signore, la Vittima dellumana redenzione e pacificato opera in noi la salvezza della mente e del corpo. POSTCOMUNIONE a comunione con te in questo Sacramento o Signore, te ne preghiamo, ci conceda la purificazione dai nostri peccati e ci raccolga nella unit della Santa Chiesa.

Xx
ORATIO I uida favorevolmente, te ne preghiamo o Signore, la nostra volont affinch non rimanga avviluppata nelle proprie iniquit n sia schiacciata da quelle degli altri. ORATIO II ona ai tuoi servi o Signore il perdono dei peccati, la consolazione della vita e una guida eterna e servendoti con fedelt sia maggiormente degno di pervenire alla tua misericordia.

D I I

SECRETA tuoi Sacramenti o Dio, ci circondino nel loro abbraccio e ci rinnovino, e siano per noi un rimedio per la vita nel tempo e per quella nelleternit. POSTCOMUNIONE tuoi Santi Doni che abbiamo assunto, Dio onnipotente, ci porgano il tuo perdono e ci ripaghino con laiuto di una difesa perenne.

Xxi
ORATIO I chiaccia sempre, ti preghiamo o Signore, ogni incursione del peccato, e dona propizio un po di salutare quiete ai nostri tempi.

ORATIO II imuovi sempre da noi, o Signore, la malvagit, e convertici propizio alla tua giustizia.

SECRETA lla tua presenza o Signore, tali siano i Doni che ti offriamo, da poter essere validi nel placarti e da renderci belli ai tuoi occhi. POSTCOMUNIONE tuoi Santi Doni che abbiamo assunto, Dio onnipotente, ci porgano il tuo perdono e ci ripaghino con laiuto di una difesa perenne.

Xxii

D C

ORATIO I ifendici sempre, ti preghiamo o Signore, da tutte le avversit, e custodiscici con un presidio continuo.

ORATIO II onserva il tuo popolo, Dio, e rendilo devoto al tuo nome affinch celebrando nellobbedienza i Divini Misteri ne riceva virilmente il frutto nel tempo e nelleternit. SECRETA uesta nostra oblazione o Dio ci purifichi, ci rinnovi, ci guidi e ci protegga. POSTCOMUNIONE ssendoci deliziati dei tuoi Cibi celesti o Signore, ti preghiamo: fa che siamo sempre affamati di ci che ci fa vivere per davvero.

Rex

ORATIO I Dio onnipotente ed eterno, che hai voluto rinnovare tutte le cose nel diletto tuo figlio Re delluniverso, concedi benigno che tutte le nazioni del mondo, disgregate per la piaga del peccato si sottomettano al tuo dolcissimo regno.

ORATIO II on pregiudichi la nostra preghiera o Signore la nostra imperfetta obbedienza ma prevenendo i nostri meriti santifica, governa, salva e conserva fino alla fine la tua Chiesa e confermandola in una redenzione perpetua non cessi mai di esserti devota. SECRETA i presentiamo, Signore, la vittima della riconciliazione umana: e conceda a tutti i popoli i doni dellunit e della pace, Colui che immoliamo in questo sacrificio Ges Cristo, nostro Signore, tuo Figlio.

POSTCOMUNIONE noi, nutriti del sacramento di vita immortale, concedi, Signore, che ci gloriamo di militare nelle schiere di Cristo Re e possiamo regnare con lui nella patria celeste.

P
veramente cosa degna e giusta, nostro dovere e fonte di salvezza, rendere grazie sempre e dovunque a te, Santo Signore, Padre onnipotente, Dio eterno, per Cristo Signore nostro. u con olio di esultanza hai consacrato Sacerdote eterno e Re delluniverso il tuo unico Figlio, Ges Cristo nostro Signore: perch, sacrificando se stesso, immacolata vittima di pace sullaltare della Croce, operasse il mistero dellumana redenzione; e, assoggettate al suo potere tutte le creature, offrisse alla tua maest infinita il regno eterno ed universale: regno di verit e di vita, regno di santit e di grazia, regno di giustizia, di amore e di pace.

noi, uniti agli Angeli e agli Arcangeli ai Troni e alle Dominazioni e alla moltitudine delle milizie dellesercito celeste, cantiamo con voce incessante linno della tua gloria:

Vesto e ordi e de ess do e ic e ce e r ta d s cerdote e c ies p rrocc i e ell for se p ice seco dei s ti p dri c ies ro iese. Per prima cosa quando il Popolo si radunato il Sacerdote entra per servire ai Santi Misteri, arrivato davanti allAltare compie la prostrazione silenziosa mentre il Popolo in silenzio chiede perdono per i propri peccati e prega di essere degno di comparire alla Santa Presenza quindi si rialza e, sussurrando lorazione Aufer, sale allAltare e bacia sia lAltare che il Libro, quindi offre lincenso. Se c il Diacono questi precede il Sacerdote portando il Libro dei Vangeli e prima della prostrazione lo depone sullAltare altrimenti si lascia sullAltare prima dellingresso del Sacerdote. Finita lincensazione dellAltare il Sacerdote rivolto verso Oriente intona la Litania, dopo quando previsto intona la Grande Dossologia, nelle Domeniche Quaresimali invece canta con le braccia elevate le Preci, quindi saluta nel nome del Signore il popolo radunato ed invita alla preghiera dicendo lOremus e rivolto verso Oriente dice la prima Orazione. Nei giorni penitenziali allOre-

mus fa seguito il Flectamus genua e il Levate. Se presente il Diacono sono intonati da lui, tranne lOremus che sempre intonato dal Sacerdote. Tutti siedono e viene proclamato il Profeta con il suo Salmo, finito il quale tutti si alzano, il Sacerdote ritorna all Altare, invita alla preghiera e voltatosi verso Oriente dice la seconda Orazione. Tutti siedono nuovamente e si legge lApostolo, poi tutti si alzano e durante il canto dellAlleluia o del Tractus il Sacerdote va allAltare e si prostra e prega brevemente di essere degno di proclamare il Vangelo, poi si rialza e preso il Libro sale al luogo del Vangelo e lo incensa e lo proclama al Popolo. Il Diacono invece durante il canto si reca davanti al Sacerdote e in ginocchio chiede la benedizione, ricevutala si alza, prende il Libro dallAltare, sale al luogo del Vangelo, lo incenza e lo proclama, quindi lo riporta al Sacerdote per la Benedizione. Dopo la proclamazione del Vangelo il Sacerdote benedice il Popolo con il Libro e lo depone nuovamente sullAltare. Ha quindi luogo la predicazione; fatta la quale si dimettono i Catecumeni, i Penitenti e i Catechizandi con i Didascali e vanno ciascuno al suo luogo per listruzione. Quando sono usciti si rinnova la Professione di Fede, il Sacerdote sale allAltare e lo bacia, quindi rivolto verso il Popolo lo saluta e invita nuovamente alla preghiera; il Popolo offre i Doni allAltare per il Sacrificio e per i Poveri. Il Sacerdote fa oblazione elevandoli in silenzio e compiendo con essi un segno di Croce, prima di fare lo-

blazione del vino aggiunge lacqua al vino, quindi fa la prostrazione e dice sottovoce la preghiera In spiritu humilitatis rialzatosi traccia un segno di Croce sui Doni e li incensa e si lava le mani. Dopo essersi lavato le mani il Sacerdote dice la Preghiera sulle Oblate. Terminata la Preghiera sulle Oblate si prostra insieme al Popolo e prega in silenzio per domandare la grazia di entrare nel Santo dei Santi quindi si rialza e entra nel Canone proclamando il Prefazio, al termine tutti cantano la Santificazione. Fatto questo il Sacerdote entra da solo in silenzio nel Mistero mentre il Popolo prega in ginocchio. Al termine del Canone il Sacerdote eleva i Santi Sacramenti cantando la Dossologia alla quale il Popolo risponde con il grande Amen. Quindi il Sacerdote si volta verso il Popolo e lo benedice con i Santi Sacramenti poi li depone sullAltare e si prostra; fatto questo si rialza e spezza il Santo Corpo del Signore e lo depone sulla Patena. Fatto questo bacia lAltare e invita alla preghiera dicendo Oremus: praeceptis e canta da solo la Preghiera del Signore, il Popolo si unisce al Sed libera. Il Sacerdote continua con il Libera nos alla fine dellorazione spezza un Frammento del Santo Corpo e lo unisce al Santo Sangue nel seguente modo, mentre dice Pax Domini fa tre segni di Croce con il Frammento del Santo Corpo sopra il Calice, quindi lo immette nel Calice dicendo Haec commixtio sottovoce. Spezza il Corpo del Signore per il Popolo mentre questi canta la Litania dellAgnus Dei fino alla fine della frazione. Finito questo bacia lAltare dicendo Pax

tibi et cum spiritu tuo e invita il popolo a scambiarsi la Pace dicendo Afferte. Dopo lo scambio della pace il Sacerdote prega alquanto in silenzio profondamente inchinato o prostrato per prepararsi alla Santa Comunione. Finito di pregare prende un Frammento del Corpo del Signore e il Calice e lo tiene con la mano sopra il Calice mostrandolo al Popolo e dicendo: Ecce Agnus Dei. Il Popolo risponde per tre volte battendosi il petto Domine non sum dignus. Quindi il Sacerdote si volta verso lAltare e si comunica prima con il Santo Corpo facendo un segno di Croce con il Frammento e dicendo Corpus Domini nostri poi purifica la Patena sul Calice, quindi si comunica al Santo Sangue dicendo Sanguis Domini nostri. Poi comunica il Popolo. Finita la comunione del Popolo il Sacerdote purifica i Sacri Vasi, imponendo lacqua nel Calice dice lorazione Quod ore sumpsimus. Finita la purificazione il Sacerdote invita alla preghiera e dice la preghiera dopo la Comunione. Fatta la preghiera dimette il Popolo e quindi lo benedice imponendogli le mani, pregando lultima Orazione e tracciando un Segno di Croce su tutti. LODE A DIO

I Canti comuni previsti durante i Misteri sono i seguenti. 1. 2. 3. 4. 5. Litania del Kyrie. Dossologia Maggiore o Gloria Simbolo Santificazione o Sanctus Litania dellAgnus Dei.

Di seguito invece i Canti propri. 1. 2. 3. 4. 5. 6. Salmo allingresso del Sacerdote. Graduale. Alleluia o Tratto. Salmo allofferta dei Doni e alla loro oblazione. Salmo alla comunione del popolo. Antifona Mariana alla fine.

I Salmi e i vari canti preferibile, per non indulgere al gusto e al sentimento del mondo o del momento, che siano cantati, in lingua latina o volgare, con melodie semplici come la salmodia dellUfficio Divino, gregoriane o che comunque si ispirino al modello gregoriano.

c
oc est i pri is i troit lis fverit statvtis te pori s sive die s festis sev cotidi is, dei kyrie eleiso . Ite dicitvr ori in excelsis deo, si episcopvs fverit, t t odo die do i ico, sive dievs festis; pr s yteris avte i ie dicitvr isi solo in p sc . do vero l t i itvr e e ori i exce sis deo e e e i c itvr. Post od dicitvr or tio, dei de se itvr aposto . Ite r d e sev e i . Post od le itvr ev e i , dei de offertoriv et o tio e svper o t :

Pr

CON IL PREFAZIO INCOMINCIA IL CANON ACTIONIS

veramente cosa degna e giusta, nostro dovere e fonte di salvezza, rendere grazie sempre e dovunque a te, Santo Signore, Padre onnipotente, Dio eterno, per Cristo Signore nostro. er mezzo di Lui gli Angeli lodano la tua Maest, le Dominazioni la adorano, le Potenze la venerano con tremore. I Cieli e le Forze dei Cieli, con i Beati Serafini, uniti la celebrano con esultanza. Ti preghiamo dunque o Signore, con le loro voci accetta anche le nostre, mentre supplici confessiamo dicendo.

veramente cosa degna e giusta, nostro dovere e fonte di salvezza, rendere grazie sempre e dovunque a te, Santo Signore, Padre onnipotente, Dio eterno. ella tua bont hai creato luomo e, quando merit la giusta condanna, tu lhai redento nella tua misericordia, per Cristo nostro Signore. er mezzo di Lui gli Angeli lodano la tua Maest, le Dominazioni la adorano, le Potenze la venerano con tremore. I Cieli e le Forze dei Cieli, con i Beati Serafini, uniti la celebrano con esultanza. Ti preghiamo dunque o Signore, con le loro voci accetta anche le nostre, mentre supplici confessiamo dicendo.

Ii

veramente cosa degna e giusta, nostro dovere e fonte di salvezza, rendere grazie sempre e dovunque a te, Santo Signore, Padre onnipotente, Dio eterno, per Cristo Signore nostro. n lui hai voluto rinnovare luniverso, perch noi tutti fossimo partecipi della sua pienezza. Egli che era Dio annient se stesso, e col sangue versato sulla croce pacific il cielo e la terra. Perci fu innalzato sopra ogni creatura ed causa di salvezza eterna per coloro che ascoltano la sua parola.

er mezzo di Lui gli Angeli lodano la tua Maest, le Dominazioni la adorano, le Potenze la venerano con tremore. I Cieli e le Forze dei Cieli, con i Beati Serafini, uniti la celebrano con esultanza. Ti preghiamo dunque o Signore, con le loro voci accetta anche le nostre, mentre supplici confessiamo dicendo.

Iii

veramente cosa degna e giusta, nostro dovere e fonte di salvezza, rendere grazie sempre e dovunque a te, Santo Signore, Padre onnipotente, Dio eterno, per Cristo Signore nostro. irabile lopera da lui compiuta nel mistero pasquale: egli ci ha fatti passare dalla schiavit del peccato e della morte alla gloria di proclamarci stirpe eletta, regale sacerdozio, gente santa, popolo di sua conquista, per annunziare al mondo la tua potenza, o Padre, che dalle tenebre ci hai chiamati allo splendore della tua luce. er mezzo di Lui gli Angeli lodano la tua Maest, le Dominazioni la adorano, le Potenze la venerano con tremore. I Cieli e le Forze dei Cieli, con i Beati Serafini, uniti la celebrano con esultanza. Ti preghiamo dunque o Signore, con le loro voci accetta anche le nostre, mentre supplici confessiamo dicendo.

Iiii

veramente cosa degna e giusta, nostro dovere e fonte di salvezza, rendere grazie sempre e dovunque a te, Santo Signore, Padre onnipotente, Dio eterno. bbiamo riconosciuto il segno della tua immensa gloria quando hai mandato tuo Figlio a prendere su di s la nostra debolezza; in lui nuovo Adamo hai redento lumanit decaduta, e con la sua morte ci hai resi partecipi della vita immortale. er mezzo di Lui gli Angeli lodano la tua Maest, le Dominazioni la adorano, le Potenze la venerano con tremore. I Cieli e le Forze dei Cieli, con i Beati Serafini, uniti la celebrano con esultanza. Ti preghiamo dunque o Signore, con le loro voci accetta anche le nostre, mentre supplici confessiamo dicendo

veramente cosa degna e giusta, nostro dovere e fonte di salvezza, rendere grazie sempre e dovunque a te, Santo Signore, Padre onnipotente, Dio eterno. ella tua misericordia hai tanto amato gli uomini da mandare il tuo Figlio come Redentore a condividere in tutto, fuorch nel peccato, la nostra condizione umana. Cos hai amato in noi ci che tu amavi nel Figlio e in lui, servo obbediente, hai ricostituito lalleanza distrutta dalla disobbedienza del peccato. er mezzo di Lui gli Angeli lodano la tua Maest, le Dominazioni la adorano, le Potenze la venerano con tremore. I Cieli e le Forze dei Cieli, con i Beati Serafini, uniti la celebrano con esultanza. Ti preghiamo dunque o Signore, con le loro voci accetta anche le nostre, mentre supplici confessiamo dicendo

Vi

veramente cosa degna e giusta, nostro dovere e fonte di salvezza, rendere grazie sempre e dovunque a te, Santo Signore, Padre onnipotente, Dio eterno. u ti degnasti di dichiarare assolto dalla sua trasgressione, attraverso il fiore del grembo verginale, il genere umano condannato nella radice della sua stessa origine, perch luomo, che per mezzo tuo Verbo avevi creato, per mezzo dello stesso tuo Figlio, Dio e uomo, fosse ricreato; e il diavolo, che aveva vinto Adamo nella fragilit della carne, fosse vinto, nella giustizia osservata da Dio con lassunzione della carne, per Cristo, tuo dilettissimo Figlio.

er mezzo di Lui gli Angeli lodano la tua Maest, le Dominazioni la adorano, le Potenze la venerano con tremore. I Cieli e le Forze dei Cieli, con i Beati Serafini, uniti la celebrano con esultanza. Ti preghiamo dunque o Signore, con le loro voci accetta anche le nostre, mentre supplici confessiamo dicendo

Pr f

io d

veramente cosa degna e giusta, nostro dovere e fonte di salvezza, rendere grazie sempre e dovunque a te, Santo Signore, Padre onnipotente, Dio eterno. on il tuo unico Figlio e con lo Spirito Santo sei un solo Dio, un solo Signore, non nellUnit di una sola persona, ma nella Trinit di una sola sostanza.

uanto hai rivelato della tua gloria, noi lo crediamo, e con la stessa fede, senza differenze, lo affermiamo del tuo Figlio e dello Spirito Santo. nel proclamare te Dio vero ed eterno, noi adoriamo la Trinit delle Persone, lunit della natura, luguaglianza nella Maest Divina. a quale lodano gli Angeli e gli Arcangeli, i Cherubini e i Serafini, che non cessano di esclamare ad una voce ogni giorno dicendo:

P
veramente cosa degna e giusta, lodarti, celebrarti con inni, benedirti, adorarti, glorificarti, rendere grazie a te, lartefice di tutta la creazione visibile e invisibile, tesoro dei beni eterni, fonte della vita e dellimmortalit, Dio e Signore di tutte le cose. e celebrano con inni i cieli e i cieli dei cieli e tutte le loro potenze, il sole e la luna e tutto il coro degli astri, la terra, il mare e tutto ci che in essi, la Gerusalemme celeste, il raduno degli eletti, la Chiesa dei primogeniti scritti nei cieli, gli spiriti dei giusti e dei profeti, le anime dei martiri e degli apostoli, gli Angeli, gli Arcangeli, i Troni, le Dominazioni, i Principati e le Potest e le Virt tremende, i Cherubini dai molti occhi e i Serafini dalle sei ali, che gridano luno allaltro, con bocche che non cessano, con teologie che mai tacciono, linno trionfale della magnifica tua gloria, con voce chiara e dicendo.

Cost

veramente cosa degna e giusta, inneggiare a te, renderti grazie, adorarti in ogni luogo della tua sovranit. u infatti sei il Dio ineffabile, inconcepibile, invisibile, incomprensibile, che esisti sempre, che esisti allo stesso modo, tu e lunigenito tuo Figlio e lo Spirito tuo santo. Tu dal nulla ci conducesti allesistenza e, caduti, ci alzasti di nuovo, e nulla tralasciasti di fare per condurci al cielo e gratificarci del regno futuro. Per tutte queste cose rendiamo grazie a te, e allunigenito tuo Figlio e allo Spirito tuo santo, per tutti i tuoi benefici che conosciamo e che non conosciamo, quelli manifesti e quelli nascosti, che furono fatti in nostro favore.

i rendiamo grazie anche per questa liturgia che ti sei degnato di ricevere dalle nostre mani, sebbene ti stiano dinanzi migliaia di Arcangeli e miriadi di Angeli, i Cherubini e i Serafini dalle sei ali e dai molti occhi, sublimi, alati, i quali cantano linno della tua gloria:

veramente cosa degna e giusta, inneggiare a te e renderti grazie, Padre del Signore nostro Ges Cristo. i lodiamo, Padre invisibile, largitore di immortalit: tu sei la fonte della vita, la fonte della luce, la fonte di ogni grazia e di ogni verit, amante degli uomini e amante dei poveri, che con tutti ti riconcili e tutti attiri a te per mezzo della venuta del tuo Figlio diletto.

oi ti preghiamo: fa di noi uomini vivi; da a noi lo Spirito di luce, perch conosciamo te, il vero Dio, e colui che mandasti, Ges Cristo; da a noi lo Spirito santo, perch possiamo dire ed esporre i tuoi ineffabili misteri; predichi in noi il Signore Ges e il santo Spirito, e ti celebri con inni per mezzo di noi. inanzi a te stanno le moltitudini senza numero degli Angeli, degli Arcangeli, dei Troni, delle Dominazioni, dei Principati, delle Potest; dei Cherubini, dei Serafini e delle Forze dei Cieli, con essi ricevi anche la nostra santificazione, di noi che proclamiamo la tua gloria dicendo:

Pr

veramente cosa degna e giusta, nostro dovere e fonte di salvezza, rendere grazie sempre e dovunque a te, Santo Signore, Padre onnipotente, Dio eterno. u non cessi mai di ammaestrare la tua Chiesa come un Padre con pazienza i suoi figli, cos non ti stanchi mai di aiutarla affinch abbia la conoscenza del bene da compiere e la possibilit di raccoglierne il frutto, per Cristo tuo dilettissimo Figlio.

er mezzo di Lui gli Angeli lodano la tua Maest, le Dominazioni la adorano, le Potenze la venerano con tremore. I Cieli e le Forze dei Cieli, con i Beati Serafini, uniti la celebrano con esultanza. Ti preghiamo dunque o Signore, con le loro voci accetta anche le nostre, mentre supplici confessiamo dicendo.

Ii

veramente cosa degna e giusta, nostro dovere e fonte di salvezza, rendere grazie sempre e dovunque a te, Santo Signore, Padre onnipotente, Dio eterno. ra i mille pericoli del mondo che ci circondano solo da te non si allontana mai la felicit, e coloro che confidano nella tua misericordia, non saranno mai afflitti da nessuna avversit, perch ogni cosa tu stravolgi a vantaggio di coloro che ti amano, anche le sofferenze e i mali della vita, per Cristo tuo dilettissimo Figlio.

er mezzo di Lui gli Angeli lodano la tua Maest, le Dominazioni la adorano, le Potenze la venerano con tremore. I Cieli e le Forze dei Cieli, con i Beati Serafini, uniti la celebrano con esultanza. Ti preghiamo dunque o Signore, con le loro voci accetta anche le nostre, mentre supplici confessiamo dicendo.

Iii

veramente cosa degna e giusta, nostro dovere e fonte di salvezza, rendere grazie sempre e dovunque a te, Santo Signore, Padre onnipotente, Dio eterno. u ci sani attraverso i castighi, e rianimandoci benevolo ci insegni a vivere, perch tu non vuoi la morte del peccatore, ma che egli si converta e viva, per Cristo tuo dilettissimo Figlio.

er mezzo di Lui gli Angeli lodano la tua Maest, le Dominazioni la adorano, le Potenze la venerano con tremore. I Cieli e le Forze dei Cieli, con i Beati Serafini, uniti la celebrano con esultanza. Ti preghiamo dunque o Signore, con le loro voci accetta anche le nostre, mentre supplici confessiamo dicendo.

Iiii

veramente cosa degna e giusta, nostro dovere e fonte di salvezza, rendere grazie sempre e dovunque a te, Santo Signore, Padre onnipotente, Dio eterno. u con il perdono dei peccati, giustifichi le nostre anime, e giustificandoci le rendi capaci di diventare immortali per Cristo tuo dilettissimo Figlio.

er mezzo di Lui gli Angeli lodano la tua Maest, le Dominazioni la adorano, le Potenze la venerano con tremore. I Cieli e le Forze dei Cieli, con i Beati Serafini, uniti la celebrano con esultanza. Ti preghiamo dunque o Signore, con le loro voci accetta anche le nostre, mentre supplici confessiamo dicendo.

veramente cosa degna e giusta, nostro dovere e fonte di salvezza, rendere grazie sempre e dovunque a te, Santo Signore, Padre onnipotente, Dio eterno. oi non potremmo mai cessare di lodarti, perch solo tu ci presti aiuto in mezzo alle angosce dei problemi della vita, insegnandoci a renderti grazie nella prosperit, e invocarti fiduciosi nella prova, per Cristo tuo dilettissimo Figlio. er mezzo di Lui gli Angeli lodano la tua Maest, le Dominazioni la adorano, le Potenze la venerano con tremore. I Cieli e le Forze dei Cieli, con i Beati Serafini, uniti la celebrano con esultanza. Ti preghiamo dunque o Signore, con le loro voci accetta anche le nostre, mentre supplici confessiamo dicendo.

vi

veramente cosa degna e giusta, nostro dovere e fonte di salvezza, rendere grazie sempre e dovunque a te, Santo Signore, Padre onnipotente, Dio eterno. u non hai bisogno della nostra lode, ti tuttavia grata la devozione dei tuoi servi, i nostri canti non ti fanno pi grande, ma sono per noi un aiuto per la salvezza. Infatti come soffocare la fonte della vita per noi causa di morte, cos attingere continuamente ad essa, produce in noi il frutto di una vita senza fine: per Cristo tuo dilettissimo Figlio.

er mezzo di Lui gli Angeli lodano la tua Maest, le Dominazioni la adorano, le Potenze la venerano con tremore. I Cieli e le Forze dei Cieli, con i Beati Serafini, uniti la celebrano con esultanza. Ti preghiamo dunque o Signore, con le loro voci accetta anche le nostre, mentre supplici confessiamo dicendo.

vi

veramente cosa degna e giusta, nostro dovere e fonte di salvezza, rendere grazie sempre e dovunque a te, Santo Signore, Padre onnipotente, Dio eterno. u non hai bisogno della nostra lode, ma per un dono del tuo amore ci chiami a renderti grazie; i nostri inni di benedizione non accrescono la tua grandezza, ma ci ottengono la grazia che ci salva, per Cristo tuo dilettissimo Figlio.

er mezzo di Lui gli Angeli lodano la tua Maest, le Dominazioni la adorano, le Potenze la venerano con tremore. I Cieli e le Forze dei Cieli, con i Beati Serafini, uniti la celebrano con esultanza. Ti preghiamo dunque o Signore, con le loro voci accetta anche le nostre, mentre supplici confessiamo dicendo.

vii

veramente cosa degna e giusta, nostro dovere e fonte di salvezza, rendere grazie sempre e dovunque a te, Santo Signore, Padre onnipotente, Dio eterno. u guardi con misericordia la nostra fragilit, e doni alla nostra mente la forza di pregarti per distribuire con generosit i tuoi doni, frutto della nostra preghiera, per Cristo tuo dilettissimo Figlio.

er mezzo di Lui gli Angeli lodano la tua Maest, le Dominazioni la adorano, le Potenze la venerano con tremore. I Cieli e le Forze dei Cieli, con i Beati Serafini, uniti la celebrano con esultanza. Ti preghiamo dunque o Signore, con le loro voci accetta anche le nostre, mentre supplici confessiamo dicendo.

viii

veramente cosa degna e giusta, nostro dovere e fonte di salvezza, rendere grazie sempre e dovunque a te, Santo Signore, Padre onnipotente, Dio eterno. a te proviene ogni dono perfetto, a te porta per essere davvero completo, per questa certezza che abbiamo nel cuore, come ci dai la forza di pregarti con perseveranza, siamo sicuri che ci darai quanto ti chiediamo con fede: per Cristo tuo dilettissimo Figlio.

D P

er mezzo di Lui gli Angeli lodano la tua Maest, le Dominazioni la adorano, le Potenze la venerano con tremore. I Cieli e le Forze dei Cieli, con i Beati Serafini, uniti la celebrano con esultanza. Ti preghiamo dunque o Signore, con le loro voci accetta anche le nostre, mentre supplici confessiamo dicendo.

viiii

veramente cosa degna e giusta, nostro dovere e fonte di salvezza, rendere grazie sempre e dovunque a te, Santo Signore, Padre onnipotente, Dio eterno. oi predichiamo te o Padre senza mai smettere, e n le avversit ci fermano nel farlo, n le prosperit ce ne fanno scordare, per Cristo nostro Signore. er mezzo di Lui gli Angeli lodano la tua Maest, le Dominazioni la adorano, le Potenze la venerano con tremore. I Cieli e le Forze dei Cieli, con i Beati Serafini, uniti la celebrano con esultanza. Ti preghiamo dunque o Signore, con le loro voci accetta anche le nostre, mentre supplici confessiamo dicendo.

veramente cosa degna e giusta, nostro dovere e fonte di salvezza, rendere grazie sempre e dovunque a te, Santo Signore, Padre onnipotente, Dio eterno. oi per te che viviamo e nonostante la nostra natura ferita a causa del peccato proprio grazie a te che dalla terra siamo rigenerati per una rinascita celeste, per Cristo nostro Signore. er mezzo di Lui gli Angeli lodano la tua Maest, le Dominazioni la adorano, le Potenze la venerano con tremore. I Cieli e le Forze dei Cieli, con i Beati Serafini, uniti la celebrano con esultanza. Ti preghiamo dunque o Signore, con le loro voci accetta anche le nostre, mentre supplici confessiamo dicendo.

xi

veramente cosa degna e giusta, nostro dovere e fonte di salvezza, rendere grazie sempre e dovunque a te, Santo Signore, Padre onnipotente, Dio eterno. u con la tua beata passione, ripari noi che hai creato: conserva in lopera della tua misericordia, affinch possiamo sempre vivere, nella celebrazione di questo santo Mistero, per Cristo nostro Signore.

er mezzo di Lui gli Angeli lodano la tua Maest, le Dominazioni la adorano, le Potenze la venerano con tremore. I Cieli e le Forze dei Cieli, con i Beati Serafini, uniti la celebrano con esultanza. Ti preghiamo dunque o Signore, con le loro voci accetta anche le nostre, mentre supplici confessiamo dicendo.

xii

veramente cosa degna e giusta, nostro dovere e fonte di salvezza, rendere grazie sempre e dovunque a te, Santo Signore, Padre onnipotente, Dio eterno. on vi altri attraverso cui possiamo avere accesso a te, formulare la preghiera, offrirti il sacrificio, se non colui che tu stesso hai mandato a noi, Ges Cristo nostro Signore, Dio vero da Dio vero, uno con te nella gloria, vero Dio e vero Uomo, solo nome in cui c salvezza. er mezzo di Lui gli Angeli lodano la tua Maest, le Dominazioni la adorano, le Potenze la venerano con tremore. I Cieli e le Forze dei Cieli, con i Beati Serafini, uniti la celebrano con esultanza. Ti preghiamo dunque o Signore, con le loro voci accetta anche le nostre, mentre supplici confessiamo dicendo.

xiii

veramente cosa degna e giusta, nostro dovere e fonte di salvezza, rendere grazie sempre e dovunque a te, Santo Signore, Padre onnipotente, Dio eterno. u nellincomparabile ricchezza della tua bont, hai voluto che la luce rifulgesse nelle tenebre, mandando a noi Ges Cristo come salvatore delle nostre anime. Egli umiliando s stesso per la nostra salvezza, si abbass fino alla morte, per renderci suoi eredi nella vita divina.

er mezzo di Lui gli Angeli lodano la tua Maest, le Dominazioni la adorano, le Potenze la venerano con tremore. I Cieli e le Forze dei Cieli, con i Beati Serafini, uniti la celebrano con esultanza. Ti preghiamo dunque o Signore, con le loro voci accetta anche le nostre, mentre supplici confessiamo dicendo.

xIIII

veramente cosa degna e giusta, nostro dovere e fonte di salvezza, rendere grazie sempre e dovunque a te, Santo Signore, Padre onnipotente, Dio eterno. on il tuo Unigenito e lo Spirito Santo, sei Dio unico e immortale, Dio meraviglioso e bellissimo, Dio grande, onnipotente e misericordioso, unico autore di ogni dono perfetto, unica sorgente della nostra felicit, unica misericordia per i nostri errori. Te crediamo, te benediciamo, te adoriamo e lodiamo il tuo nome in eterno, per Cristo tuo dilettissimo Figlio.

er mezzo di Lui la Salvezza del mondo, per mezzo di Lui, la vita degli uomini, per mezzo di Lui, la resurrezione dei morti, per mezzo di Lui, il Canto degli Angeli, per mezzo di Lui la lode dei Santi e dei Defunti: Ti preghiamo dunque o Signore, con le loro voci accetta anche le nostre, che per mezzo di Lui supplici confessiamo dicendo.

P
veramente cosa degna e giusta, nostro dovere e fonte di salvezza, rendere grazie sempre e dovunque a te, Santo Signore, Padre onnipotente, Dio eterno. anti sono i doni con cui hai colmato la nostra vita, in principio tu ci hai creati, e questo ci sarebbe bastato, dopo il peccato sei venuto a cercarci, e questo ci sarebbe bastato, non contento hai chiamato i Padri, e questo ci sarebbe bastato, ci hai dato una nuova possibilit di salvezza e questo ci sarebbe bastato, e quanto i tempi furono maturi, hai mandato a noi tuo figlio Ges Cristo, superando ogni nostra attesa, spiazzando ogni nostra speranza, una grazia cos grande che non osavamo neppure chiedere.

er mezzo di Lui gli Angeli lodano la tua Maest, le Dominazioni la adorano, le Potenze la venerano con tremore. I Cieli e le Forze dei Cieli, con i Beati Serafini, uniti la celebrano con esultanza. Ti preghiamo dunque o Signore, con le loro voci accetta anche le nostre, mentre supplici confessiamo dicendo.

c
DOMINVS VOBISCVM : VERE DIGNVM : SANCTVS e dunque Padre clementissimo, noi supplichevoli ti preghiamo per Ges Cristo, tuo Figlio e nostro Signore, di voler accettare e benedire questi doni, queste offerte, questi santi e immacolati sacrifici. oi te li offriamo anzitutto per la tua Chiesa santa e cattolica, perch tu le dia pace e la protegga, la raccolga nellunit e la governi su tutta la terra con il tuo servo il nostro Papa Ill il nostro Vescovo Ill e tutti quelli che custodiscono la fede cattolica, trasmessa dagli Apostoli. icrdati, Signore, dei tuoi servi e delle tue serve (Ill. e Ill.) e di tutti quanti stanno qui intorno dei quali conosci la fede e ti nota la devozione; per loro ti offriamo e con noi anchessi ti offrono questo sacrificio di lode, per s e per i loro cari, per la redenzione delle loro anime, per la speranza della loro salvezza e incolumit, esprimendo a te i loro voti o Dio eterno, vivo e vero. niti in una stessa comunione veneriamo anzitutto la memoria della gloriosa e sempre vergine Maria, Madre del nostro Dio e Signore Ges Cristo, dei tuoi beati apostoli e martiri: Pietro e Paolo, Andrea, Giacomo, Giovanni, Tommaso, Giacomo, Filippo, Bartolomeo, Matteo, Simone e Taddeo, Lino, Cleto, Clemente, Sisto, Cornelio e Cipriano, Lorenzo, Crisogono, Giovanni e Paolo, Cosma e Damiano, Tommaso e Francesco e tutti i santi; per i loro meriti e le loro preghiere concedi sempre a noi aiuto e protezione. Congiunge le mani Per mezzo dello stesso Cristo Signore nostro. Amen. Stende le mani sulle Oblate

uesta offerta del nostro servizio e di tutta la tua famiglia, ti preghiamo, Signore, di accoglierla con benevolenza, di disporre nella tua pace i nostri giorni, di comandare che siamo salvati dalla dannazione eterna e connumerati nel gregge dei tuoi eletti. Congiunge le mani Per mezzo di Cristo Signore nostro. Amen. uesta offerta, ti preghiamo, o Dio, di volerla rendere del tutto benedetta, annoverata, ratificata, razionale e degna di essere accolta, perch diventi per noi il Corpo e il Sangue del dilettissimo tuo Figlio, congiunge le mani il Signore nostro Ges Cristo. a vigilia della sua passione, egli prese il pane nelle sue mani sante e venerabili, ed elevati gli occhi al cielo, a te Dio Padre suo onnipotente, ti rese grazie, lo benedisse, lo spezz, lo diede ai suoi discepoli, e disse: PRENDETE, E MANGIATENE TUTTI: QUESTO IL MIO CORPO. allo stesso modo, dopo aver cenato, prese questo glorioso Calice nelle sue mani sante e venerabili, ti rese grazie, lo benedisse, lo diede ai suoi discepoli, e disse: PRENDETE E BEVETENE TUTTI: QUESTO IL CALICE DEL MIO SANGUE PER LA NUOVA ED ETERNA ALLEANZA, MISTERO DELLA FEDE: VERSATO PER VOI E PER TUTTI IN REMISSIONE DEI PECCATI. OGNIQUALVOLTA FARETE QUESTO, LO FARETE IN MEMORIA DI ME. unque memori, Signore, noi tuoi servi e il tuo popolo santo della beatissima passione, di Cristo tuo Figlio nostro Signore, della risurrezione dagli inferi e della gloriosa ascensione ai cieli, offriamo alla tua maest divina, dai doni che ci hai dato, la Vittima pura, la Vittima santa, la Vittima immacolata, il pane santo della vita

eterna e calice delleterna salvezza. u questi degnati di guardare con volto propizio e sereno, e di gradirli, come ti degnasti di gradire i doni del tuo giusto servo Abele, il sacrificio del nostro patriarca Abramo e, quanto ti offr il tuo sommo sacerdote Melchisedech, quale sacrificio santo e vittima immacolata. oi supplichevoli ti preghiamo, Dio onnipotente: comanda che queste offerte, per le mani del tuo Angelo santo, siano portate lass sul tuo altare, alla presenza della tua divina maest, affinch quanti di noi, partecipando a questo altare, bacia lAltare avremo ricevuto il santo mistero del Corpo e Sangue del tuo Figlio, siamo riempiti dogni benedizione e grazia del cielo. Cong. Per mezzo dello stesso Cristo Signore nostro. icordati anche, o Signore, dei tuoi servi e delle tue serve ( Ill. e Ill. ) che ci hanno preceduto con il segno della fede e dormono il sonno della pace. Prega. Ad essi e quanti riposano in Cristo, ti preghiamo di concedere o Signore, un luogo di sollievo, di luce e di pace. Congiunge le mani. Per mezzo dello stesso Cristo Signore nostro. nche a noi peccatori e servi tuoi, che speriamo nella moltitudine delle tue misericordie, degnati di dare un posto nella comunit dei tuoi Santi apostoli e martiri: Giovanni, Stefano, Mattia, Barnaba, Ignazio, Alessandro, Marcellino e Pietro, Felicita, Perpetua, Agata, Lucia, Agnese, Cecilia, Anastasia, Teresina e tutti i Santi; ammettici ti preghiamo nella loro compagnia, non soppesando il merito, ma accordando con larghezza il perdono, congiunge le mani per Cristo nostro Signore, per mezzo del quale tu, o Dio, sempre crei e santifichi e vivifichi e benedici e doni a noi tutti questi beni.

c
e dunque Padre clementissimo, noi supplichevoli ti preghiamo per Ges Cristo, tuo Figlio e nostro Signore, di voler accettare e benedire questi doni, queste offerte, questi santi e immacolati sacrifici. oi te li offriamo anzitutto per la tua Chiesa santa e cattolica, perch tu le dia pace e la protegga, la raccolga nellunit e la governi su tutta la terra con il tuo servo il nostro Papa Ill il nostro Vescovo Ill e tutti quelli che custodiscono la fede cattolica, trasmessa dagli Apostoli. icrdati, Signore, dei tuoi servi e delle tue serve (Ill. e Ill.) e di tutti quanti stanno qui intorno dei quali conosci la fede e ti nota la devozione; per loro ti offriamo e con noi anchessi ti offrono questo sacrificio di lode, per s e per i loro cari, per la redenzione delle loro anime, per la speranza della loro salvezza e incolumit, esprimendo a te i loro voti o Dio eterno, vivo e vero. niti in una stessa comunione veneriamo anzitutto la memoria della gloriosa e sempre vergine Maria, Madre del nostro Dio e Signore Ges Cristo, dei tuoi beati apostoli e martiri: Pietro e Paolo, Andrea, Giacomo, Giovanni, Tommaso, Giacomo, Filippo, Bartolomeo, Matteo, Simone e Taddeo, Lino, Cleto, Clemente, Sisto, Cornelio e Cipriano, Lorenzo, Crisogono, Giovanni e Paolo, Cosma e Damiano, Tommaso e Francesco e tutti i santi; per i loro meriti e le loro preghiere concedi sempre a noi aiuto e protezione. Congiunge le mani Per mezzo dello stesso Cristo Signore nostro. Amen. Stende le mani sulle Oblate

uesta offerta del nostro servizio e di tutta la tua famiglia, ti preghiamo, Signore, di accoglierla con benevolenza, di disporre nella tua pace i nostri giorni, di comandare che siamo salvati dalla dannazione eterna e connumerati nel gregge dei tuoi eletti. Congiunge le mani Per mezzo di Cristo Signore nostro. Amen. antifica o Dio, questa offerta con la potenza della tua benedizione, e degnati di accettarla, a nostro favore, in sacrificio spirituale e perfetto, perch diventi per noi il Corpo e il Sangue del tuo amatissimo Figlio, Congiunge le mani il Signore nostro Ges Cristo. a vigilia della sua passione, egli prese il pane nelle sue mani sante e venerabili, e alzando gli occhi al cielo, a te Dio Padre suo onnipotente, ti rese grazie con la preghiera di benedizione, spezz il pane, lo diede ai suoi discepoli, e disse: PRENDETE, E MANGIATENE TUTTI: QUESTO E IL MIO CORPO OFFERTO IN SACRIFICIO PER VOI. dopo la cena, allo stesso modo prese questo glorioso Calice nelle sue mani sante e venerabili, ti rese grazie con la preghiera di benedizione, lo diede ai suoi discepoli, e disse: PRENDETE, E BEVETENE TUTTI: QUESTO E IL CALICE DEL MIO SANGUE PER LA NUOVA ED ETERNA ALLEANZA, VERSATO PER VOI E PER TUTTI IN REMISSIONE DEI PECCATI. FATE QUESTO IN MEMORIA DI ME. unque memori, Signore, noi tuoi servi e il tuo popolo santo della beatissima passione, di Cristo tuo Figlio nostro Signore, della risurrezione dagli inferi e della gloriosa ascensione ai cieli, offriamo alla tua maest divina, dai doni che ci hai dato, la Vittima pura, la Vittima santa, la Vittima immacolata, il pane santo della vita

S L

eterna e calice delleterna salvezza. u questi degnati di guardare con volto propizio e sereno, e di gradirli, come ti degnasti di gradire i doni del tuo giusto servo Abele, il sacrificio del nostro patriarca Abramo e, quanto ti offr il tuo sommo sacerdote Melchisedech, quale sacrificio santo e vittima immacolata. oi supplichevoli ti preghiamo, Dio onnipotente: comanda che queste offerte, per le mani del tuo Angelo santo, siano portate lass sul tuo altare, alla presenza della tua divina maest, affinch quanti di noi, partecipando a questo altare, bacia lAltare avremo ricevuto il santo mistero del Corpo e Sangue del tuo Figlio, siamo riempiti dogni benedizione e grazia del cielo. Cong. Per mezzo dello stesso Cristo Signore nostro. icordati anche, o Signore, dei tuoi servi e delle tue serve ( Ill. e Ill. ) che ci hanno preceduto con il segno della fede e dormono il sonno della pace. Prega. Ad essi e quanti riposano in Cristo, ti preghiamo di concedere o Signore, un luogo di sollievo, di luce e di pace. Congiunge le mani. Per mezzo dello stesso Cristo Signore nostro. nche a noi peccatori e servi tuoi, che speriamo nella moltitudine delle tue misericordie, degnati di dare un posto nella comunit dei tuoi Santi apostoli e martiri: Giovanni, Stefano, Mattia, Barnaba, Ignazio, Alessandro, Marcellino e Pietro, Felicita, Perpetua, Agata, Lucia, Agnese, Cecilia, Anastasia, Teresina e tutti i Santi; ammettici ti preghiamo nella loro compagnia, non soppesando il merito, ma accordando con larghezza il perdono, congiunge le mani per Cristo nostro Signore, per mezzo del quale tu, o Dio, sempre crei e santifichi e vivifichi e benedici e doni a noi tutti questi beni.

II

veramente cosa degna e giusta, nostro dovere e fonte di salvezza, rendere grazie sempre e dovunque a te, Padre Santo, per Ges Cristo tuo Figlio Diletto, che negli Ultimi Tempi hai inviato a noi come Salvatore e Redentore e Angelo della tua Volont. gli il tuo Verbo inseparabile, per mezzo di lui hai creato tutte le cose, e nel tuo compiacimento, lo hai mandato dal Cielo nel grembo di una Vergine nel quale si incarnato per opera dello Spirito Santo, e si manifestato a noi come tuo Figlio. er compiere la tua volont e acquistarti un popolo santo, Egli stese le braccia mentre pativa, per liberare con la sua sofferenza tutti quelli che in te avrebbero creduto. gli si consegn ad una volontaria passione, per sciogliere la morte e spezzare le catene del diavolo, per calpestare linferno e illuminare i giusti, per mettere un limite e manifestare la Risurrezione. erci insieme agli Angeli e agli Arcangeli, ai Troni e alle Dominazioni, e alle moltitudini delle milizie angeliche, cantiamo linno della tua gloria, senza fine dicendo: Santo, Santo, Santo, il Signore Dio Sabaoth. adre veramente santo, fonte di ogni santit, santifica questi doni con leffusione del tuo Spirito perch diventino per noi il Corpo e il Sangue di Ges Cristo nostro Signore. gli, offrendosi liberamente alla sua passione, prese il pane e rese grazie, lo spezzo, lo diede ai suoi di-

P P P

T 2C R R

scepoli, e disse: PRENDETE, E MANGIATENE TUTTI: QUESTO E IL MIO CORPO OFFERTO IN SACRIFICIO PER VOI. opo la cena, allo stesso modo, prese il calice e rese grazie, lo diede ai suoi discepoli, e disse: PRENDETE, E BEVETENE TUTTI: QUESTO E IL CALICE DEL MIO SANGUE PER LA NUOVA ED ETERNA ALLEANZA, VERSATO PER VOI E PER TUTTI IN REMISSIONE DEI PECCATI. FATE QUESTO IN MEMORIA DI ME. Mistero della Fede elebrando il memoriale della morte e risurrezione del tuo Figlio, ti offriamo, Padre, il pane della vita e il calice della salvezza, e ti rendiamo grazie per averci ammessi alla tua presenza a compiere il servizio sacerdotale. i preghiamo umilmente: per la comunione al corpo e al sangue di Cristo lo Spirito Santo ci riunisca in un solo corpo. icordati, Padre, della tua Chiesa diffusa su tutta la terra: rendila perfetta nellamore in unione con il nostro Papa Ill, il nostro Vescovo Ill e tutto lordine sacerdotale. icrdati dei nostri fratelli, che si sono addormentati nella speranza della risurrezione, di ill e di tutti i defunti che si affidano alla tua clemenza: ammettili a godere la luce del tuo volto. i noi tutti abbi misericordia: donaci di aver parte alla vita eterna, insieme con la beata Maria, Vergine e Madre di Dio, con San Michiele Arcangelo, San Giovanni Battista, con gli apostoli, i Santi Pietro e Paolo, San Tommaso, San Francesco, Santa Teresina e tutti i Santi, che in ogni tempo ti furono graditi: e in Ges Cristo tuo Figlio canteremo la tua gloria.

D C

Per Cristo, con Cristo e in Cristo, a te, Dio Padre onnipotente nellunit dello Spirito Santo ogni onore e gloria per tutti i secoli dei secoli. Amen. Si segna con la Patena, la bacia la sottomette allOstia, genuflette, si rialza e dice. reghiamo ammoniti da precetti di salvezza e formati da un insegnamento divino osiamo dire: Padre nostro. iberaci o Signore da tutti i mali, passati, presenti e futuri, e per lintercessione della Beata e Gloriosa sempre Vergine Maria Madre di Dio, con i tuoi Santi Apostoli Pietro e Paolo e Andrea e tutti i Santi concedi la pace ai nostri giorni e con laiuto della tua misericordia vivremo sempre liberi dal peccato e sicuri da ogni turbamento, nellattesa che si compia la beata speranza e venga il nostro Salvatore Ges Cristo.

p L

Frange lOstia, e posatala sulla Patena dice profondamente inchinato. ignore Ges Cristo, che hai detto ai tuoi apostoli: Vi lascio la pace, vi do la mia pace, non guardare ai nostri peccati, ma alla fede della tua Chiesa, e donale unita e pace secondo la tua volont. Frange il frammento per limmixtio. Tu che vivi e regni nei secoli dei secoli. Amen.

Col frammento fa tre segni di croce sul Calice dicendo: < La pace del Signore sia sempre con voi. > E con il tuo spirito.

IIi

eramente santo sei, Signore, e a ragione ti loda ogni creatura da te formata, poich per mezzo del tuo Figlio, il Signore nostro Ges Cristo, nella potenza operante dello Spirito Santo, fai vivere e santifichi luniverso, e continui a radunarti un popolo che dallOriente allOccidente offra al tuo Nome unofferta pura.

V E

ora ti supplichiamo umilmente, Signore: questi doni che ti abbiamo portato per essere consacrati, degnati di santificarli con lo stesso Spirito, perch diventino il corpo e il sangue del tuo Figlio, il Signore nostro Ges Cristo, che ci ha comandato di celebrare questi misteri. ella notte in cui fu tradito, egli prese il pane,ti rese grazie con la preghiera di benedizione, lo spezz, lo diede ai suoi discepoli, e disse: PRENDETE, E MANGIATENE TUTTI: QUESTO IL MIO CORPO OFFERTO IN SACRIFICIO PER VOI. opo la cena, allo stesso modo, prese il calice, ti rese grazie con la preghiera di benedizione, lo diede ai suoi discepoli, e disse: PRENDETE, E BEVETENE TUTTI: QUESTO IL CALICE DEL MIO SANGUE PER LA NUOVA ED ETERNA ALLEANZA, VERSATO PER VOI E PER TUTTI IN REMISSIONE DEI PECCATI. FATE QUESTO IN MEMORIA DI ME.

MISTERO DELLA FEDE

elebrando dunque, Signore, il memoriale della passione salvifica del medesimo tuo Figlio, della sua risurrezione mirabile e dellascensione in cielo, ma pure nellattesa della sua seconda venuta, ti offriamo in rendimento di grazie questo sacrificio vivo e santo. uarda, ti preghiamo, allofferta della tua Chiesa e, riconoscendovi la Vittima con la cui immolazione volesti essere placato, concedi a noi che ci nutriamo del corpo e sangue del tuo Figlio che, riempiti dallo Spirito santo, ci ritroviamo in Cristo un solo corpo e un solo spirito. o stesso suo santo Spirito faccia di noi un dono eterno a te, perch possiamo ottenere leredit con i tuoi eletti, anzitutto con la beatissima Maria, vergine e madre di Dio, con i tuoi beati apostoli, i Santi Pietro e Paolo, i gloriosi martiri, San Tommaso, San Francesco, Santa Teresina e con tutti i Santi, per lintercessione dei quali confidiamo sempre nel tuo aiuto. uesta Vittima della nostra riconciliazione, ti preghiamo, Signore, giovi alla pace e alla salvezza di tutto il mondo. Degnati di confermare nella fede e nella carit la tua Chiesa pellegrina sulla terra, insieme con il tuo servo e nostro papa Ill. il nostro vescovo Ill. lordine episcopale e tutto il clero, e lintero popolo che ti sei acquistato. * ii premuroso verso i desideri di questa famiglia, che hai convocato dinanzi a te; ricongiungi a te con piet, Padre clemente, tutti i tuoi figli ovunque dispersi. I nostri fratelli Defunti [Ill.] e tutti coloro che, graditi a te, sono passati da questo mondo, accogli benigno nel tuo regno, dove noi pure speriamo di entrare, per essere insieme a loro perennemente saziati della tua gloria, per XP Signore nostro, per mezzo del quale tu, Dio, sempre crei santifichi vivifichi benedici e doni a noi tutti questi beni.

G L

ii premuroso verso i desideri di questa famiglia, che hai convocato dinanzi a te; ricongiungi a te con piet, Padre clemente, tutti i tuoi figli ovunque dispersi. icordati del tuo servo Ill. che [oggi] hai chiamato a te da questo mondo. oncedi a lui, che per mezzo del battesimo fu unito alla morte di Cristo tuo Figlio, di essere anche unito alla sua risurrezione, quando far sorgere i morti dalla terra nella loro carne e trasformer il nostro corpo di miseria a immagine del suo corpo di gloria. icordati ancora dei nostri fratelli Defunti e di tutti coloro che graditi a te sono passati da questo mondo, accogli benigno nel tuo regno, dove noi pure speiamo di entrare per essere insieme a loro perennemente saziati dalla tua gloria, quando asciugherai ogni lacrima dai nostri occhi, perch vedendo te, nostro Dio, cos come sei, noi saremo simili a te per sempre e canteremo senza fine la tua lode, in Cristo nostro Signore per mezzo del quale tu, Dio, sempre crei santifichi vivifichi benedici e doni a noi tutti questi beni.

S R C R

IIII

veramente cosa degna renderti grazie, veramente cosa giusta glorificarti, Padre santo, poich tu sei lunico Dio, vivo e vero; tu sei prima del tempo e rimani in eterno, abitando una luce inaccessibile; ma anche perch tu, il solo buono e la fonte della vita, facesti ogni cosa, per portare a compimento con le benedizioni le tue creature e allietarne molte con il chiarore della tua luce. er questo stanno dinanzi a te schiere innumerevoli di Angeli, che giorno e notte ti servono e, contemplando la gloria del tuo volto, ti glorificano incessantemente. Insieme con loro anche noi e, attraverso la nostra voce, ogni creatura che sotto il cielo, confessiamo esultanti il tuo Nome, cantando: Santo, Santo, Santo. oi ti confessiamo, Padre santo, perch tu sei grande, e con sapienza e carit facesti ogni tua opera tu hai cos tanto amato il mondo da mandare a noi nella pienezza dei tempi il tuo unico Figlio come nostro Redentore. A tua immagine formasti luomo, e a lui affidasti la cura del mondo intero, perch, servendo te solo il Creatore, esercitasse il dominio su tutto il creato. E quando, per la sua disobbedienza egli perse la tua amicizia, tu non lo abbandonasti in dominio della morte. Infatti a tutti venisti misericordiosamente incontro, perch quelli che ti cercavano ti potessero trovare. Non solo, ma molte volte offristi alleanze agli uomini, e per mezzo dei profeti li educasti allattesa della salvezza. E a tal punto amasti il mondo, Padre santo, da mandare a noi, una volta compiuta la pienezza dei tempi, lUnigenito tuo come salvatore. Egli si

incarn per opera dello Spirito Santo e nacque da Maria vergine, prese parte alle vicende della nostra condizione umana in tutto, tranne il peccato; annunci il vangelo di salvezza ai poveri, il riscatto ai prigionieri, agli afflitti di cuore la gioia. Inoltre, Egli per portare a compimento la tua volont, consegn se stesso alla morte e, risorgendo dai morti, distrusse la morte e rinnov la vita. E perch non vivessimo pi per noi stessi, ma per lui, che era morto e risorto per noi, mand dalla tua dimora, Padre, lo Spirito Santo, primizia per i credenti, a perfezionare la sua opera nel mondo e compiere ogni santificazione. ora ti preghiamo, Signore, che il medesimo Spirito Santo si degni di santificare questi doni, perch diventino il corpo e il sangue del Signore nostro Ges Cristo, per celebrare questo grande mistero, che egli ci lasci come alleanza eterna. nfatti egli stesso, venuta lora di essere glorificato da te, Padre santo, avendo amato i suoi che erano nel mondo, li am sino alla fine e, mentre cenavano, prese il pane, lo benedisse, lo spezz e lo diede ai suoi discepoli, dicendo: PRENDETE, E MANGIATENE TUTTI: QUESTO IL MIO CORPO OFFERTO IN SACRIFICIO PER VOI.

E I

opo la cena, allo stesso modo, prendendo il calice pieno del frutto della vite, lo benedisse e lo diede ai suoi discepoli, dicendo: PRENDETE, E BEVETENE TUTTI: QUESTO IL CALICE DEL MIO SANGUE PER LA NUOVA ED ETERNA ALLEANZA, VERSATO PER VOI E PER TUTTI IN REMISSIONE DEI PECCATI. FATE QUESTO IN MEMORIA DI ME.

MISTERO DELLA FEDE

erci anche noi, Signore, celebrando ora il memoriale della nostra redenzione, proclamiamo la morte di Cristo e la sua discesa agli inferi, professiamo la sua risurrezione e ascensione alla tua destra e, aspettando la sua venuta nella gloria, ti offriamo il suo corpo e il suo sangue, sacrificio a te gradito per la salvezza di tutto il mondo. uarda, Signore, la Vittima che tu stesso hai preparato per la tua Chiesa, e concedi benigno a quanti parteciperanno a questunico pane e a questunico calice, che, radunati in un solo corpo dallo Spirito Santo, diventino in Cristo unofferta viva, a lode della tua gloria. icordati, Signore, di tutti quelli per i quali noi ti presentiamo questa offerta: anzitutto del tuo servo il nostro papa Ill., del nostro vescovo Ill., e di tutto lordine dei vescovi, ma anche di tutto il clero, degli offerenti, di quanti ci stanno intorno, e dellintero popolo tuo, e di tutti quelli che ti cercano con cuore sincero. icordati anche di coloro che sono morti nella pace del tuo Cristo, di Ill. e di tutti i Defunti dei quali tu solo hai conosciuto la fede. noi tutti, tuoi figli, concedi, o Padre clemente, di ottenere leredit celeste con la beata Maria, vergine e madre di Dio, con gli apostoli, i Santi Pietro e Paolo, San Tommaso, San Francesco, Santa Teresina e tutti i tuoi Santi, nel tuo regno, dove con tutte le creature, liberate dalla corruzione del peccato e della morte, ti glorificheremo per Cristo Signore nostro, per mezzo del quale tu doni al mondo ogni bene.

G R R

Or

iC

dopo la comunione per i giorni feriali oloro o Signore che hai saziato con un alimento celeste, siano custoditi dallintercessione degli Apostoli da ogni avversit. on gioia Signore riceviamo questi Sacramenti del cielo, e pregando per noi la beata, gloriosa e sempre vergine Madre di Dio Maria, ci conducano alla vita eterna. resca in noi, te ne preghiamo o Signore, lopera della tua forza affinch essendoci rifocillati con i tuoi Divini Sacramenti il tuo Dono di grazia ci prepari a raccogliere il frutto che in essi ci hai promesso. io onnipotente donaci di consacrare sempre con devozione la nostra volont a te e di servire alla tua maest con cuore sincero. Santi Misteri o Signore ci purifichino e con il Dono di grazia di cui sono depositari ci proteggano. largisci con tanta generosit o Signore i tuoi Misteri, ti preghiamo, tanto da disporci a essere veramente degni di ricevere il loro frutto. a tua Mensa o Dio ci sciolga da tutti i compiacimenti terreni e ci edifichi sempre sul fondamento di questi alimenti celesti. a comunione con te in questo Sacramento o Signore, te ne preghiamo, ci conceda la purificazione dai nostri peccati e ci raccolga nella unit della Santa Chiesa. tuoi Santi Doni, Dio onnipotente, ci porgano il tuo perdono e ci ripaghino con laiuto di una difesa perenne.

C C C

D I E L L I

opera della tua medicina, Signore, ci sciolga con clemenza dalle nostre cattiverie e ci faccia rimanere sempre legati i tuoi comandamenti. tuoi Sacramenti o Dio sempre ci purifichino e ci custodiscano e ci conducano a raggiungere il frutto della salvezza di eterna. i preghiamo Dio onnipotente: il Dono Divino che abbiamo assunto ci giovi al raggiungimento del frutto della salvezza.

l I T

iC
sul popolo alla fine della Messa anto Signore, Padre onnipotente, Dio eterno, dona con generosit, dona con sicurezza labbondanza delle tue misericordie ai tuoi servi e alle tue serve: affinch confermati nelle tue benedizioni abbondino in ogni azione di grazie e ti benedicano con una gioia eterna. uarda pacificato il tuo gregge o Buon Pastore e quell ovile che hai riscattato con prezioso sangue non permettere che sia lacerato da nessuna incursione diabolica. enedici o Signore questa tua famiglia con la tua benedizione celeste e ricolmala dei tuoi doni spirituali; concedi loro: carit, gioia, pace, pazienza, bont, mansuetudine, speranza, fede, continenza e riempiti dai tutti i doni della sobriet desiderandoti meritino di raggiungerti. enedica tutti voi, Dio, con ogni benedizione celeste e vi renda puri e santi alla sua presenza, sovrabbondino in voi le ricchezze della sua gloria, vi istruisca con la Parola della Verit e vi ammaestri con il Vangelo della Salvezza ricolmandovi della Carit di tutti i Santi. onverti sempre a te, ti preghiamo Signore, il cuore del tuo popolo, e poich lhai dotato dellappoggio di tanti protettori non rifiutarti di guidarli con i tuoi aiuti eterni. ii propizio al tuo popolo o Dio affinch reso libero dalle sue cattiverie ti serva con tutto il cuore e sotto la tua protezione si mantenga sempre. roteggi, ti preghiamo Signore, la tua famiglia e istruiscila con una disciplina spirituale.

C S P

a tua famiglia o Dio accorra con desiderio a celebrare i princpi della sua redenzione e conquisti con perseveranza i Doni che da essa scaturiscono. i preghiamo Signore, purifica i corpi e le menti dei tuoi fedeli, affinch compunti per lagire del tuo Spirito preferiscano evitare i compiacimenti dei peccati e non cedendo ai loro ammaliamenti si nutrano sempre della tua dolcezza. ii favorevole al tuo popolo o Signore e assolvilo da tutti i suoi peccati affinch ci che ci meritiamo per le nostre colpe sia allontanato dalla tua pazienza. ii presente o Signore ai tuoi supplici e non presumendo lappoggio della propria coscienza sostienilo con la tua ineffabile misericordia affinch la fiducia che non possiede nei propri meriti glielo offra la tua invincibile generosit nel Donare. ona, ti preghiamo Signore, al tuo popolo una mente costante nella devozione a te, unintelligenza che si sappia nutrire di cose giuste e la pace con te che fa crescere nelle cose migliori quanti piamente la desiderano. uarda lintimo del popolo che sta sotto il tuo nome o Signore e le tue continue consolazioni degnamente opera in essi con la tua Grazia celeste. a tua famiglia o Signore con la tua vigile protezione conservala e con i tuoi eterni presidii difendila affinch messo sempre fuori ogni disordine cammini continuamente nella tua provvidenza. uarda propizio o Signore la tua gente e obbediente a te con tutto il cuore, rinfrancala con i presidii della tua invitta piet.

L T S S

D L

postolo

veramente cosa degna e giusta, nostro dovere e fonte di salvezza, innalzare a te o Signore la nostra preghiera. oi ti supplichiamo, Pastore eterno, non abbandonare il tuo gregge, ma per mezzo dei tuoi Santi Apostoli custodiscilo e proteggilo sempre. Continui ad essere governato da quelli che tu stesso hai eletto vicari dellopera tua e hai costituito pastori. noi, uniti agli Angeli e agli Arcangeli ai Troni e alle Dominazioni e alla moltitudine delle milizie dellesercito celeste, cantiamo con voce incessante linno della tua gloria:

e dei Peccatori

eramente Santo sei tu o Padre, sorgente di ogni Santit, veramente Santo, veramente Benedetto il Signore nostro Ges Cristo, bacia lAltare tuo Unigenito, nostro Primogenito. Nelle Domeniche Primogenito nella Grazia, Unigenito nella Natura, Primogenito perch nessuno prima di lui, Unigenito, perch nessuno dopo di lui. Lui che pur essendo di natura Divina non consider un tesoro geloso lessere uguale a te, ma svuot se stesso, assumendo la natura del servo e divenendo uno di noi: perfetto nelle tue cose e vero nelle nostre. Nelle feste dei Santi eramente Santo sei tu o Padre, sorgente di ogni Santit, veramente Santo, veramente Benedetto veramente mirabile in mezzo ai suoi Santi il Signore nostro Ges Cristo, bacia lAltare egli dar vigore e forza al suo popolo, e lo coprir con il manto della sua pace, Egli che veramente benedetto nei suoi apostoli e nei suoi martiri, nei suoi angeli e in tutti i suoi santi che piacquero a lui fin dallinizio del mondo. Item Alia eramente Santo, veramente Benedetto, sei tu o Padre che nella fatica ci dai sollievo, nella fame ci nutri, nel dolore ci visiti, e ti sei degnato di mandare a noi tuo Figlio, bacia lAltare il quale non si vergogn di assumere un corpo della nostra umile natura umana. Questa la tua lode, la nostra confessione, questo il tuo Sacrificio, il nostro valore, questa la tua vittima, la nostra vita; ci che nellunit dello Spirito Santo, ci dicesti con il tuo Figlio, degnati ora di concederlo per mezzo del tuo stesso Figlio.

V V

proprio Lui il Grande Dono della tua misericordia, egli ci ha insegnato a celebrare questi Sacrifici: ora Padre Santo, Stente le mani sulle Oblate guarda lieto i doni posti sul tuo Altare, e adombrali tutti con la rugiada del tuo Spirito perch diventino per noi il Corpo e il Sangue di Ges Cristo nostro Signore, e quanto riceviamo da questa tua benedizione, sia da noi ottenuto come gloria nelleternit. gli, offrendosi liberamente alla sua passione, prese il pane e rese grazie, lo spezzo, lo diede ai suoi discepoli, e disse: PRENDETE, E MANGIATENE TUTTI: QUESTO E IL MIO CORPO OFFERTO IN SACRIFICIO PER VOI. opo la cena, allo stesso modo, prese il calice e rese grazie, lo diede ai suoi discepoli, e disse:

PRENDETE, E BEVETENE TUTTI: QUESTO E IL CALICE DEL MIO SANGUE PER LA NUOVA ED ETERNA ALLEANZA, VERSATO PER VOI E PER TUTTI IN REMISSIONE DEI PECCATI. FATE QUESTO IN MEMORIA DI ME. Mistero della Fede

acendo questo memoriale al tuo cospetto Padre santo, della Morte e Risurrezione del tuo Figlio, noi ti offriamo questo Pane e questo Calice Tipo e Sacramento del suo Corpo e del suo Sangue e annunciamo la sua morte che ci redime, fino alla sua venuta alla Fine dei Tempi, cos come egli stesso ci ha comandato di fare. [ Noi annunciamo che egli morto per noi, tu concedici di morire con lui, noi crediamo che egli risorto, tu accordaci di essere liberati dalle nostre cadute quotidiane noi crediamo ed annunciamo che verr a giudicare, tu donaci una condotta di vita per la quale non temiamo ma desideriamo il suo ritorno. ] upplici ti preghiamo di accettare e benedire anche questa offerta, come accettasti i doni del giusto Abele tuo servo, il sacrificio di Abramo tuo Patriarca e nostro Padre, e quelli che ti offr il tuo sommo sacerdote Melchisedek.

Profondamente inchinato con i preghiamo: le mani sullAltare discenda ora invisibile la tua benedizione, come un tempo discendeva visibile sui sacrifici dei Padri. Ascenda il profumo soave da questo sublime Altare, bacia lAltare per mano del tuo Angelo al cospetto della tua Maest divina, e sia portato dallalto il tuo Spirito Santo, sopra questo Sacrificio e sopra di noi, per santificare i Doni che ti offriamo e insieme a loro il tuo popolo che prega, partecipa ed offre.

os che quanti gustiamo di questo Corpo, possiamo riceverlo come cura per la nostra anima, e sani le ferite del cuore, e scacci i vani pensieri dalla mente, ed estirpi le radici degli odi e dei vizi, e pianti lamore che copre una moltitudine di peccati. os che questo Santo Sangue del tuo Figlio e nostro Signore, come una volta effuso ci ha redenti, ora ricevuto, ci lavi dalle noste colpe, e non solo di noi i viventi, ma anche di coloro che sono morti, di Ill, dei nostri fratelli e delle nostre sorelle: riposino nella Luce del tuo Volto e nella Pace dei Santi, dei quali anche facciamo memoria, della Vergine Maria, degli Angeli, dei Santi Ill. e di tutti i Santi che insieme a noi sono presenti intorno a questo Altare: fa che insieme a loro possiamo gioire davanti a te. er questo ora osiamo rivolgerti la nostra preghiera, sostenuti dallintercessione di questo Sacrificio e dallintercessione degli Spiriti Beati e dei Santi: Benedici e Santifica la tua Chiesa, radunala da tutta la terra nel tuo amore, richiama ad essa gli erranti, conservala nella Retta Fede, in comunione con il Papa Ill e il Vescovo Ill e con tutti quelli che custodiscono la Verit che libera e con tutto il popolo redento dal tuo Figlio. Concedi la Pace al mondo, la salute ai malati, laiuto desiderato a chi in difficolt e a noi quanto osiamo chiedere alla tua generosit: E questo che sui Doni tuo, noi che siamo su se stessi tuoi, loffriamo alzando le mani a te, in tutto e per tutti.

C C

P
veramente cosa degna e giusta, nostro dovere e fonte di salvezza con ogni solerte premura prostrarci sempre e glorificarti, Padre onnipotente che, con il tuo Verbo inattingibile e concreatore, hai tolto lostacolo della maledizione. gli, avendo fatto della Chiesa il suo popolo, ha reso coloro che credono in te sua eredit; nella natura tangibile, secondo il tuo disegno, per mezzo della Vergine, si compiaciuto di abitare tra noi e, quale divino architetto di unopera nuova, ha fatto di questa terra un cielo. olui infatti alla cui presenza non riuscivano a stare le moltitudini dei Vigilanti, atterriti dalla sfolgorante luce inaccessibile della tua divinit, divenuto uomo per la nostra salvezza ci ha concesso di danzare con gli abitanti del cielo e di cantare con i Serani e con i Cherubini, allunisono la tua triplice Santit e, gridando con coraggio, acclamiamo con essi a gran voce, linno della tua Gloria:

e degli

eramente Santo, veramente Santissimo tu sei e benedetto oltre ogni limite. E chi mai si vanter di poter contenere in parole le profusioni della tua immensa tenerezza verso di noi? Tu sin dal principio in vari modi ti sei preso cura delluomo caduto sotto il peso del peccato, consolandolo per mezzo dei Profeti, con il dono della Legge, con il Sacerdozio e per mezzo dellofferta pregurativa dei Sacrifici Antici. Al termine poi di quei giorni, stracciando la sentenza di condanna dei nostri delitti, ci hai dato il tuo Figlio Unigenito, debitore e debito, vittima e consacrato, agnello e pane del cielo, sacerdote e sacrificio. Egli infatti colui che distribuisce ed colui che sempre viene distribuito tra noi senza mai consumarsi. Egli, divenuto uomo in verit e non in apparenza, e con unione inconfusa incarnatosi dalla Madre di Dio e santa Vergine Maria, comp un viaggio attraverso le umane vicende, eccetto il peccato, venne volontariamente alla croce, che d vita al mondo ed causa della nostra salvezza.

ra ti preghiamo o Padre: discenda ora invisibile la tua benedizione, come un tempo discendeva visibile sui sacrifici dei Padri. Discenda lo Spirito Santo su questo pane e su questo vino perch diventino il Corpo e il Sangue del nostro Redentore.

gli, offrendosi liberamente alla sua passione, prese il pane e rese grazie

il tuo Figlio Unigenito, operatore di bene, ci trasmise lordine di fare ci in memoria di lui. Disceso nelle regioni inferiori della morte, con il corpo che aveva assunto dalla nostra razza, e avendo distrutto con forza le serrature degli inferi, si manifest a noi come il solo vero Dio, il Dio dei vivi e dei morti. ora noi, Signore, secondo tale precetto, presentando questo mistero del Corpo e Sangue del tuo Figlio, ricordiamo la sua Passione, la sua crocissione, la sepoltura, la beata risurrezione, la divina ascensione, lassidersi alla tua destra, o Padre; e la tremenda e gloriosa seconda venuta confessiamo e benediciamo. Chinato i prostriamo e preghiamo, e ti chiediamo, o Dio, operatore di bene; manda sopra di noi e sopra questi doni il tuo Spirito Santo, coeterno e coessenziale, afnch questo Sacrificio, sia a tutti noi che vi ci accostiamo, per lassoluzione, lespiazione e la remissione dei peccati. i lodiamo veramente, Signore Dio nostro, e ti ringraziamo incessantemente; trascurando la nostra indegnit, tu ci hai costituiti ministri di un mistero cos tremendo e inenarrabile; non per qualche nostra opera buona, di cui siamo assolutamente vuoti, e sempre, in ogni momento, ci troviamo mancanti; ma, in ogni tempo condando nella tua traboccante indulgenza, osiamo accostarci al Trono della tua Grazia, pregando per la tua Chiesa, per il Papa Ill, per il Vescovo Ill, per tutti i Sacerdoti, per tutto il tuo popolo, perch tu ci conserva sempre nella Verit della Fede, per i vivi e per i defunti, per Ill e tutti i nostri fratelli e sorelle morti in Cristo. Facendo memoria della Tuttasanta e Beata Vergine Maria e di tutti i Santi e gli Angeli del Cielo. E questo che tuo, noi che siamo tuoi, loffriamo a te, in tutto e per tutti.

C T

postoli

veramente cosa degna e giusta, nostro dovere e fonte di salvezza, degno di lode da tutte le nostre bocche, e di confessione da tutte le nostre lingue il Nome adorabile e lodabile del Padre e del Figlio e dello Spirito santo, che cre il mondo nella sua grazia, e i suoi abitanti nella sua piet e redense gli uomini nella sua clemenza, e fece una grande grazia ai mortali. La tua grandezza, Signore, adorano mille migliaia di Vigilanti e diecimila miriadi di Angeli, le schiere spirituali, ministri di fuoco e di spirito, insieme ai Cherubini e ai Serafini santi lodano il tuo Nome, vociferando e lodando incessantemente, e gridando luno allaltro e dicendo: SANTO SANTO SANTO

con queste potenze celesti ti confessiamo, Signore, anche noi tuoi servi deboli e infermi e miseri, perch facesti a noi una grande grazia che non si pu pagare: poich rivestisti la nostra umanit per vivificarci attraverso la tua divinit, ed elevasti la nostra oppressione, e rialzasti la nostra caduta, e risuscitasti la nostra mortalit, e rimettesti i nostri debiti, e giustificasti la nostra condizione di peccato, e illuminasti la nostra mente, e superasti, Signore nostro e Dio nostro, i nostri avversari, e facesti risplendere la debolezza della nostra natura inferma con le misericordie abbondanti della tua grazia. E per tutti i tuoi aiuti e le tue grazie verso di noi ti rendiamo lode e onore e confessione e adorazione, ora e in ogni tempo, e nei secoli eterni.

ra ti preghiamo umilmente, venga, Signore, lo Spirito tuo Santo, e riposi sopra questa oblazione dei tuoi servi, e la benedica e la santifichi, affinch diventi per noi il Corpo e il Sangue del tuo Unigenito Figlio. anche noi, Signore, tuoi servi deboli e infermi e miseri, che siamo radunati e stiamo dinanzi a te in questo momento, abbiamo ricevuto nella tradizione la figura che viene da te. gli, offrendosi liberamente alla sua passione, prese il pane e rese grazie, lo spezzo, lo diede ai suoi discepoli, e disse: PRENDETE, E MANGIATENE TUTTI : QUESTO E IL MIO CORPO OFFERTO IN SACRIFICIO PER VOI. opo la cena, allo stesso modo, prese il calice e rese grazie, lo diede ai suoi discepoli, e disse: PRENDETE, E BEVETENE TUTTI: QUESTO E IL CALICE DEL MIO SANGUE PER LA NUOVA ED ETERNA ALLEANZA, VERSATO PER VOI E PER TUTTI IN REMISSIONE DEI PECCATI. FATE QUESTO IN MEMORIA DI ME. Mistero della Fede er questo o Padre Santo noi ci allietiamo e lodiamo, ed esaltiamo e commemoriamo, e celebriamo e facciamo questo mistero grande e tremendo della passione e morte e risurrezione del Signore nostro Ges Cristo, e ti offriamo il suo Corpo e il suo Sangue. ti preghiamo, come hai mandato il tuo Spirito su questo Pane e su questo Vino, mandalo anche sopra di noi, affinch ci giovi per lespiazione dei debiti e per la remissione dei peccati, e per la grande speranza della risurrezione dai morti, e per la vita nuova nel regno dei cieli, con tutti coloro che furono graditi dinanzi a te.

D P

u, Signore, nelle tue molte misericordie di cui non riusciamo a parlare, ricordati nel bene di tutti i padri retti e giusti che furono graditi dinanzi a te nella commemorazione del Corpo e del Sangue del tuo Cristo, che ti offriamo sopra laltare puro e santo come tu ci insegnasti di Ill e di tutti i nostri fratelli defunti perch tu li accolga nel seno di Abramo. Concedi alla tua Chiesa, al Papa Ill, al nostro Vescovo Ill e a tutti noi la tua tranquillit e la tua pace per tutti i giorni del mondo, affinch conoscano tutti gli abitanti della terra che tu sei Dio, il solo vero Padre, e tu mandasti il Signore nostro Ges Cristo, Figlio tuo e diletto tuo; e lui stesso, Signore nostro e Dio nostro, ci insegn nel suo vangelo vivificante tutta la purit e santit della Beata sempre Vergine Maria, dei Santi Pietro e Paolo, dei profeti e degli apostoli, e dei martiri e dei confessori, di cui facciamo memoria, dei vescovi e dei presbiteri e dei ministri, e di tutti i figli della santa Chiesa cattolica, che furono segnati con il segno vivo del battesimo santo. per tutta la tua provvidenza mirabile verso di noi ti confessiamo e ti lodiamo incessantemente, nella tua Chiesa redenta nel sangue prezioso del tuo Cristo, con bocche aperte e a volti scoperti, rendendo lode e onore e confessione e adorazione al Nome tuo vivo e santo e vivificante, ora e in ogni tempo, e nei secoli eterni.

Per Cristo, con Cristo e in Cristo, a te, Dio Padre onnipotente nellunit dello Spirito Santo ogni onore e gloria per tutti i secoli dei secoli. Amen.

veramente cosa degna e giusta, nostro dovere e fonte di salvezza, rendere grazie sempre e dovunque a te Padre onnipotente, Santo Signore, Dio Eterno, per Cristo Signore nostro. er tutti i doni della tua grande misericordia noi non smetteremo mai di ringraziarti o Signore e di innalzare canti di lode al tuo nome, perch tu sei lunico che ci hai amati quando non lo meritavamo, lunico che ci hai cercati quando non ti conoscevamo, lunico che ci hai chiamati quando schiavi dei nostri inganni non desideravamo nemmeno essere salvati. vendo aperto per noi le porte del cielo, avendo reso questa terra un cielo in cui incontrarti nella celebrazione di questi meravigliosi misteri, unisci le nostri voci alle voci degli Angeli, essi sono qui presenti, insieme alla Beata Vergine Maria, insieme ai Santi, insieme ai Padri, tutti radunati intorno a questo Altare, tutti radunati intorno al Trono della tua Gloria, gli Angeli, gli Arcangeli, i Cherubini, i Serafini, i Vigilanti, i Cieli,

e tutte le schiere degli Spiriti Beati, i Patriarchi, i Profeti, gli Apostoli, i Martiri, i Confessori, le Vergini, i Padri e le Madri della nostra stirpe, cantano, lodano, benedicono, proclamano, confessano giorno e notte, senza mai cessare, la tua Carit senza limiti, misura della tua Gloria senza confini, unisci la nostra debolezza alla loro forza, e adesso in questo luogo il tempo e leternit, ad una sola voce proclamino la tua triplice Santit.

eramente Santo, veramente Benedetto, sei tu o nostro Padre, nella celebrazione di questo grande Mistero, che tuo Figlio ci ha lasciato come segno di perenne Alleanza.

on solo gli abitanti del cielo implorano con noi la tua misericordia, ma anche gli abitanti della terra che tu ti sei chiamati e nel nome del tuo Figlio hai fatto tuo popolo. utto il popolo della Nuova Alleanza misticamente presente a questi Misteri grida da tutta la terra non con la propria voce ma con la voce pi eloquente di quella di Abele, con la voce del tuo Figlio, quello Unico, quello che Ami, che hai preso e consegnato in Sacrificio per noi.

ra Padre, guarda il Volto del Figlio tuo, ascolta la sua voce, rispondi alla sua preghiera e manda il tuo Spirito sopra questi Santi Doni. Come un tempo adombravi con la tua presenza i Sacrifici dei Padri

ora adombra maggiormente con la presenza del Figlio tuo questo Sacrificio che lui stesso ci ha comandato di offrirti perch il Pane diventi il suo Corpo Glorioso e il Calice diventi il suo Sangue Prezioso. on siamo noi che presumiamo di venire a te, tuo Figlio che ce lo chiede, egli, avendo amato i suoi che erano nel mondo li am fino alla fine, nella notte in cui veniva consegnato per i nostri peccati, lui stesso, proprio lui prese nelle sue mani sante e venerabili questo Pane e alzati gli occhi a te Padre Santo, lo benedisse, lo spezz, lo diede ai suoi discepoli e disse: PRENDETE, E MANGIATENE TUTTI : QUESTO E IL MIO CORPO OFFERTO IN SACRIFICIO PER VOI. opo la cena, allo stesso modo, prese questo glorioso Calice, proprio lui, nelle sue mani sante e venerabili, e alzati gli occhi a te Padre Santo, lo benedisse, lo diede ai suoi discepoli e disse:

PRENDETE, E BEVETENE TUTTI: QUESTO E IL CALICE DEL MIO SANGUE PER LA NUOVA ED ETERNA ALLEANZA, VERSATO PER VOI E PER TUTTI IN REMISSIONE DEI PECCATI. FATE QUESTO IN MEMORIA DI ME

bbedendo umilmente al suo comando noi osiamo venire alla tua presenza, Padre Santo, celebrando il memoriale della sua Passione, della sua Morte, della sua Discesa agli Inferi, della sua Risurrezione, della sua Ascensione, della sua Venuta nella Gloria, ti offriamo quello che lui ci ha detto di offrirti, quello che tu hai messo nelle nostre mani, il Pane della Vita e il Calice della Salvezza, Figura e Sacramento del Corpo e del Sangue del tuo Unico Figlio e ti preghiamo ancora, come hai mandato il tuo Spirito su questi Doni ora mandalo anche su di noi, perch ci renda degni di essi, perch ci raduni dalle divisioni di Satana, perch ci costituisca tuo popolo.

ona Pace e Unit alla tua Chiesa, la tua Pace non quella del mondo, la tua Unit quella della Verit figlia della Carit, custodisci nella Retta Fede il Papa Ill. il Vescovo Ill. tutti coloro che hai chiamato a reggere il tuo popolo come vicari dellopera tua e tutti i credenti in Cristo che non hanno disprezzato la Fede ereditata dai Padri.

hiama ancora tutti gli erranti alla verit della fede, tutti gli ignoranti alla conoscenza della verit, perch un unico popolo, sotto un unico Padre, possa offrirti un unico Sacrificio.

omunicando alla memoria dei tuoi Santi, noi ti preghiamo o Signore di trovare un posto per noi insieme a loro, insieme alla Beata e sempre Vergine Maria, insieme agli Angeli, agli Apostoli, ai Martiri, ai Santi Pietro e Parolo, e a tutti i Santi, che ti furono graditi fin dalla fondazione del mondo.

C C

oncedi anche ai nostri Padri e alle nostre Madri, ai nostri Defunti, a Ill. e a tutti i giusti, di essere ammessi anche loro nella compagnia dei tuoi Santi, perch ununica famiglia, sulla terra e nel cielo, liberata dalle insidie del demonio e dagli inganni del mondo, possa celebrare la tua misericordia e cantare la tua lode, per Cristo nostro Signore, per mezzo del quale abbiao ricevuto questi Doni che riconoscenti a te consacriamo. Per Cristo, con Cristo e in Cristo, a te, Dio Padre onnipotente nellunit dello Spirito Santo ogni onore e gloria per tutti i secoli dei secoli. Amen.

ltre i

esse

per le Domeniche e le ferie durante lanno

ORATIO I Dio onnipotente ed eterno, che in nessuna occasione ci hai comandato di esporci, e per questo non vogliamo farlo, concedi, ti preghiamo, di non fingere mai davanti a nessuno e di non illuderci mai delle finzioni degli altri. ORATIO II Dio che hai rallegrato il genere umano radunandolo in una comunit sincera, donaci, ti preghiamo, di offrire a tutti liberamente la Carit, e di non preparare mai per il male che abbiamo ricevuto altro male. SECRETA uesta nostra oblazione che ti portiamo o Signore, affinch sia degna di stare alla tua presenza, ti preghiamo, per tuo dono tira fuori sincerit dalle nostre menti. POSTCOMUNIONE ifocillati dal Dono della nostra Redenzione o Signore, noi ti preghiamo: per questo nostro ausilio di salvezza sempre si diffonda la vera fede. SUL POPOLO alva, ti preghiamo o Signore, il tuo popolo ed effondi su di esso la clemenza della tua santa benedizione, affinch tra le fragilit della condizione umana e gli attacchi del demonio ingannatore, ci soccorra il continuo lavoro del tuo perdono.

O O

R S

iI
ORATIO I ii presente o Signore alle nostre suppliche, e affinch ti degni di liberarci dalla presa dei nostri nemici, purifica benigno quanto non ti piace nel nostro comportamento: perch senza alcun dubbio tu difendi quelli che guardi di radunare nei tuoi comandamenti. ORATIO II Dio che hai voluto mettere dentro i cuori dei tuoi fedeli una prudente e sincera concordia, donaci di avere la misura di un amore pulito affinch quanti dissentono giustamente da una pace pura, in noi non abbiano a trovare il motivo per dividersi ancora. SECRETA onaci, te ne preghiamo Signore, di disprezzare le cose terrestri e di amare le celesti: affinch questi Sacri Doni che riceviamo ci aiutino ad espiare un desiderio passeggero e iniziare desideri eterni. POSTCOMUNIONE ona a noi o Signore, di avvicinarci a ci che limpido e di allontanarsi da ci che torbido: affinch i Santi Doni che abbiamo ricevuto ci liberino dal giudizio che ci opprime e ci facciano avanzare pi oltre nella guarigione. SUL POPOLO igila, ti preghiamo o Signore, sopra i tuoi servi e liberi dagli errori terreni fa che avanzino verso i principi delle tue virt, cosicch favoriti dagli aiuti che ricevono nel tempo possano maggiormente godere di quelli eterni.

O D D V

iiI
ORATIO I mmetti placato alla tua presenza o Signore la voce della tua Chiesa, affinch ridotti a nulla tutti i suoi avversari, ti possa servire con una sicura libert. ORATIO II onaci, ti preghiamo o Signore, per appartenere a te con tutto il cuore, di respingere le ispirazioni che partono da una volont malata.

SECRETA ccogli le Vittime offerte dalla nostra devozione, o Signore e per questi gloriosi sacrifici purifica i cuori di quelli che ti appartengono. POSTCOMUNIONE nnuisci, ti preghiamo, o Signore Dio nostro, affinch per questo Sacramento della tua Sapienza viviamo in una vigile moderazione. SUL POPOLO ona alla tua Chiesa o Signore non la superbia della conoscenza, ma quellumilt che la fa camminare come piace a te, affinch respingendo larroganza e desiderando la maturit sia addestrata nella libert dellamore.

iiiI
ORATIO I ssolvi, ti preghiamo o Signore, le nostre iniquit e affinch diventiamo degni di ricevere i tuoi Doni, facci amare la giustizia. ORATIO II oncedici o Signore Dio nostro, di venerarti con una mente indivisa, e di amare ogni uomo con un amore che frutto dello Spirito.

C C S

SECRETA onsacra, ti preghiamo Signore, quanto dai frutti della terra ci hai comandato di dedicarti: affinch tu renda gradito a te il nostro ministero e doni a noi il Sacramento della salvezza eterna. POSTCOMUNIONE aziati dalla partecipazione al cielo noi ti rendiamo grazie Signore Dio nostro e ti preghiamo che ci sia data sempre questa possibilit. SUL POPOLO sulti sempre, il tuo popolo fedele, ti preghiamo o Signore, per i tuoi benefici: affinch sotto il tuo insegnamento ti piaccia nella conversione e nelle scelte e nei desideri che esprime sia assecondato in modo salutare.

V
ORATIO I Dio onnipotente ed eterno che resisti ai superbi e dai la Grazia agli umili, donaci, ti preghiamo, di non provocare la tua indignazione con la nostra arroganza ma mettendoci sotto di te di ricevere i doni della tua propiziazione. ORATIO II upplici ci rivolgiamo alla tua Maest o Signore: affinch n ci fai patire per le ingiuste lacerazioni terrene, n ci fai catturare dalle ingannevoli adulazioni, ma piuttosto donaci di amare la verit che ci rimprovera e non la falsit che ci accarezza. SECRETA i offriamo o Signore questo Dono, il quale come condanna il cuore doppio di coloro che lo ricevono ugualmente giustifichi la mente sincera che laccoglie.

O S

POSTCOMUNIONE icreati dal gusto del Sacro Dono, ti preghiamo Signore: non sia giudizio di condanna per quelli che lhanno assunto, ma giovi per il perdono di coloro che fedelmente lhanno accolto.

R L

SUL POPOLO a famiglia a te devota o Signore che confida nella tua protezione riceva quella tua benedizione che supplicandoti implora affinch sicura nella tua difesa non perdendo gli aiuti temporali sia rifornita dei beni eterni

Vi
ORATIO I Dio onnipotente ed eterno, ti preghiamo, facci stare tranquilli in mezzo alle bufere delle guerre poich verranno a noi tutte le cose buone, quando tu ci darai pace nella mente e nel corpo.

ORATIO II uardaci o Dio nostro protettore e difendici dalla paura dei nostri nemici: affinch allontanato ogni turbamento ti possiamo servire con mente tranquilla. SECRETA ccogli o Signore le offerte della tua famiglia e per loro mezzo sii pacificato sopra i nostri errori e operi in noi la santificazione della tua redenzione. POSTCOMUNIONE ifocillati dal sacrosanto Corpo e Sangue del Signore nostro Ges Cristo, supplici ti preghiamo o Dio, affinch questo unico e irripetibile rimedio ci purifichi dal contagio di tutti i peccati e ci difenda dallincursione di tutti i pericoli. SUL POPOLO bbi misericordia o Signore delle preghiere della tua Chiesa e vlgiti benigno a chi ha piegato il suo cuore davanti a te: e coloro che sono stati fatti partecipi delle cose divine non permettere che siano danneggiati dai peccati n che patiscano loppressione delle avversit.

Vii
ORATIO I bbi misericordia o Signore del tuo popolo e poich affaticato da continue tribolazioni, benevolo concedigli di respirare. ORATIO II alga allorecchio della tua piet, ti preghiamo o Signore, la voce e il grido della tua Chiesa: affinch avendo ricevuto il perdono dei peccati sia per la tua opera devota e per la tua protezione sicura.

S S

SECRETA antifica, ti preghiamo o Signore, i Doni dedicati al tuo nome: affinch il tuo Sacramento inizi e faccia avanzare in noi la vita eterna. POSTCOMUNIONE i vivifichi, ti preghiamo o Signore, la partecipazione ai tuoi Santi Misteri e insieme ci accordi perdono e protezione.

SUL POPOLO iuta la tua gente o Signore e, appartenendoti con tutto il cuore, donagli di raccoglierne il frutto: poich solo piacendo a te possiamo essere ricolmati di ogni bene.

Viii
ORATIO I ssolvici favorevolmente, ti preghiamo o Signore, da ogni peccato, ed espugnaci da tutti quelli che cercano di impugnarci. ORATIO II chiaccia, ti preghiamo Signore Dio, tutti quelli che parlano con cattiveria e confuta coloro che con le loro insinuazioni cercano di abbatterci.

S S

SECRETA ignore Dio nostro ti preghiamo: per questo santo commercio di vita celeste, spezzati i lacci delle falsit conducici alla tua verit per quella via e per quel sentiero che la tua divina volont ha stabilito. POSTCOMUNIONE uanti hai sfamati con il tuo Mistero Celeste o Signore, assolvili propizio dai propri peccati e da quelli degli altri, affinch purificati le loro menti possano pienamente godere del Dono Divino. SUL POPOLO orgi la tua destra, ti preghiamo o Signore, al tuo popolo che chiede misericordia per mezzo della quale si sottragga dai terrori umani, riceva i sollievi della vita mortale e conquisti le gioie eterne.

Viiii
ORATIO I iberaci, ti preghiamo o Signore, dai debiti dei nostri peccati, e, affinch siamo liberati dalla tua benevolenza dai mali che per essi ci vengono addosso, assolvi le nostre iniquit, per le quali siamo giustamente ripagati.

ORATIO II configgi, ti preghiamo o Signore, i nemici del tuo popolo e purificaci dai nostri peccati per merito dei quali siamo consegnati nelle loro mani: infondi nelle nostre menti quella purezza che a te piace e elargisci la pace.

SECRETA ccogli, ti preghiamo o Signore, questo singolare Sacrificio, che alla tua Maest sempre deve essere offerto e dovuto. POSTCOMUNIONE upplici ti preghiamo o Signore nostro Dio: avendo ricevuto la sostanza della Mensa Celeste fa che ci dirigiamo verso la vita eterna.

S S

SUL POPOLO ono tuoi o Signore i popoli che per il ministero della nostra voce sperano in te, preghiamo la tua clemenza: affinch i doni di salvezza che domandano, poich non si fidano della forza della loro preghiera, siano elargiti dalla tua Grazia, mai povera dei beni che ci abbisognano.

x
ORATIO I ii presente o Signore ai tuoi supplici e quelli che sperano nella tua misericordia benigno proteggili con l aiuto del Cielo.

ORATIO II uarda, ti preghiamo o Signore a quelli che chiedono l appoggio della tua piet. Dona il perdono a quelli che sbagliano e venga benevolmente anche su di noi che siamo nella tristezza. SECRETA pera in noi, pacificato o Signore, la tua Santificazione in questi Misteri, i quali ci purifichino dai vizi terreni e ci conducano ai doni celesti.

O S

POSTCOMUNIONE iamo stati ricolmati o Signore con la Grazia del Sacro Dono e come siamo stati afferrati dalla venerazione del dolce gusto del corpo fa che sentiamo ancor pi dolce il gusto della mente. SUL POPOLO isericordioso, o Signore, vlgiti alle preghiere della tua famiglia e sottomessa a te con tutto il cuore, falla avanzare, sostienila, circondala e abbracciala; affinch confidando in te che la guidi non rimanga impigliata in nessun male ma continui fino a raggiungere tutto il bene.

xi
ORATIO I Dio onnipotente ed eterno, la cui via di misericordia e di verit sempre aperta, dona, te ne preghiamo, che coloro che sono ristorati dalla tua clemenza crescano anche nella virt della religione.

ORATIO II uardaci o Dio nostro protettore e difendici dalla paura dei nostri nemici: affinch allontanato ogni turbamento ti possiamo servire con mente tranquilla. SECRETA onaci, ti preghiamo o Signore, di trattare degnamente i tuoi Misteri affinch corrispondiamo con lobbedienza efficacemente ai tuoi atti di misericordia e osiamo chiedere con maggiore fiducia ci che speriamo.

D T

POSTCOMUNIONE i preghiamo o Signore nostro Dio, coloro che hai nutrito con questi Sacramenti sostienili con i tuoi aiuti, e coloro che hai rianimato con i benefici temporali pascili con quelli divini. SUL POPOLO on una misericordia perpetua fa avanzare la tua Chiesa o Signore, tu che lhai posta in mezzo ai turbinii del mondo falla respirare con gioia nel presente e ricolmala di gloria nella beatitudine eterna.

xii
ORATIO I ii presente alle nostre suppliche o Signore e coloro che confidano nellintercessione degli Apostoli non siano perturbati n dalle minacce degli avversari n da nessuna incursione.

ORATIO II iuta o Signore i nostri tempi, affinch proteggendoci ovunque la tua destra sia restaurata e resa solida lintegrit della religione e la sicurezza della Chiesa Romana (del nome Romano) (della Nazione). SECRETA upplici ti preghiamo Signore: lonere che ti presentiamo del nostro esitante servizio, non tenga conto dei nostri meriti ma tenga presente quanto da te stato istituito per santificare con la tua giustizia gli offerenti

S L

POSTCOMUNIONE iberaci o Signore da tutti i mali e propizio concedi, per questo Sacramento della tua Carit dal quale siamo stati nutriti che ci per cui noi vogliamo essere perdonati lo perdoniamo anche al nostro prossimo. SUL POPOLO olgiti propizio o Signore a coloro che si piegano davanti alla tua Maest e poich sono stati rinvigoriti dal Dono Divino possano sempre essere muniti degli aiuti del Cielo.

xiii
ORATIO I onaci, ti preghiamo o Signore nostro Dio di godere sempre nella tua devozione perch verr a noi una duratura e piena felicit quando ci metteremo al servizio di Colui che lautore di ogni bene. ORATIO II i preghiamo Dio onnipotente, fa che non scadiamo nellavanzare per finta nelle occasioni di grazia che raccogliamo nel renderti culto ma piuttosto donaci di camminare sempre nella riconoscenza verso di te con maggiore disponibilit. SECRETA eniamo alla tua presenza per portarti la Vittima per l immolazione, fa che coloro ai quali hai voluto dare il segno della consolazione nel tempo non disperino nel conseguire le promesse nelleternit.

D T

V T L

POSTCOMUNIONE i preghiamo o Signore, celebrando con fedelt e costanza questi Misteri che ci hai comandato di rinnovare, fa che aderendo sempre di pi alla loro azione possiamo goderne in pienezza i frutti. SUL POPOLO a tua Chiesa Signore sia ricolmata e cresca nella Grazia celeste e liberata dai propri vizi riceva laumento della Redenzione eterna affinch come riconoscente nei suoi figli per il tempo abbondante che gli concedi per convertirsi allo stesso tempo approfitti nel cogliere la generosit con la quale tu spandi i tuoi doni spirituali.

xiiii
ORATIO I Dio onnipotente ed eterno, ti preghiamo, converti le nostre menti a quelle opere che ti piacciono affinch la tua correzione non sia ai negligenti causa di maggiori pene ma di saggezza per i tuoi ammonimenti paterni.

O O O O O

ORATIO II Dio che hai posto nellamore verso di te e verso il prossimo la perfezione di tutta la tua Santa Legge, concedici favorevole lefficacia di questi comandamenti poich impossibile trovare pi scuse per se stessi davanti a te sia per la brevit della sua espressione che per l equanimit del suo contenuto. SECRETA Dio onnipotente ed eterno, che provvedi tu stesso a donarci ci che ti dobbiamo offrire e ne ascrivi il merito alla nostra devozione di tuoi servi affezionati, preghiamo la tua clemenza, che quanto ci doni come sorgente di merito per noi, per tua misericordia ci giovi ad ottenerne il premio. POSTCOMUNIONE Dio, esaudisci la nostra preghiera, e i tuoi Santi Doni che abbiamo assunto, non siano per noi giudizio di condanna, ma rimedio per un immenso perdono. SUL POPOLO Signore, tranquillo guarda il tuo popolo, e poich l hai fatto erede dei tuoi Doni purificalo da tutti i mali dellanima e del corpo affinch cessando ogni turbamento del peccato sempre libero possa servirti con affetto.

xV
ORATIO I oncedici, ti preghiamo o Signore, la tua grazia per la quale possiamo essere buoni e donaci di conseguirla con passione e intelligenza.

ORATIO II Dio che noi sempre offendiamo con la nostra ingiustizia, donaci il frutto di una sincera conversione per il quale possiamo conseguire il perdono.

SECRETA uesta Santa Offerta o Signore, ti preghiamo, ci purifichi e ci faccia degni, sia di offrirla per il nostro ministero, sia di parteciparne. POSTCOMUNIONE l Sacramento della tua medicina celeste ci doni, ti preghiamo o Signore, la salute della mente e del corpo affinch vivificati dalla sua azione possiamo ricevere i sussidi sia per la vita presente che per quella futura.

SUL POPOLO vendo conseguito, ti preghiamo Signore, laiuto della tua benedizione che supplice la Chiesa ti implora, fa che essa riceva lindulgenza, sia ammaestrata nel fare il bene, respiri per la tua consolazione nelle necessit temporali, giunga alle gioie perenni ed assuma quelle eterne.

xVi
ORATIO I iutaci o Dio nostra salvezza, e dona a coloro che ti supplicano con affetto leffetto della tua benevolenza. ORATIO II Dio che sei lautore della Verit e della Misericordia e che con la tua sollecitudine ci spingi ad uscire dalla nostra pigrizia, donaci di ritrovare forza nel tuo nome, per vincere le incursioni della noia di vivere.

O P S

SECRETA agando con questi Santi Misteri il debito della nostra servit o Signore, supplici di preghiamo affinch quanto offriamo ad onore della tua Maest ci giovi per la nostra salvezza. POSTCOMUNIONE aziati dal tuo Dono di salvezza Signore preghiamo la tua misericordia affinch questo Sacramento che ci rinvigorisce nel tempo ci faccia partecipi della vita eterna. SUL POPOLO iuta i tuoi servi affezionati o Signore e sii benevolo con quelli che si fidano di te, affinch sfuggano sotto la tua protezione ai pericoli presenti e giungano sotto la tua guida ai godimenti futuri.

xVii
ORATIO I erdona, o Signore, perdona il tuo popolo e nonostante sia meritevole di essere castigato con flagelli concedigli di respirare nella tua misericordia.

ORATIO II sauidisci la tua gente Signore e quanto manca ai meriti di coloro che ti supplicano la tua Grazia che provvede a noi sempre ce lo elargisca con generosit.

E P T

SECRETA ortiamo ai tuoi Altari o Signore i Doni del nostro servizio: pacificato con noi ricevili per il gradimento della nostra devozione e per lefficacia del Sacramento della nostra redenzione. POSTCOMUNIONE i preghiamo Signore nostro Dio, quanti hai dato di gioire per la partecipazione alle cose divine non lasciare soggiacere ai pericoli delle cose umane. SUL POPOLO Dio onnipotente ed eterno, che hai costituito e guidi il popolo fedele, custodisci nei doni della tua Grazia questa famiglia che ti sei comprata con il Sangue del tuo Figlio, affinch per la tua azione possano ricevere i tuoi beni, per la tua protezione ti possano in essi servire e per la tua generosit possano riceverne sempre in abbondanza.

xViii
ORATIO I Dio onnipotente ed eterno donaci di conservare con una mente fedele la tua volont e di esprimerla con una pia conversione affinch la tua Chiesa, purificata dalle vanit profane non professi la parola di un altro diverso da te n si affatichi in opere che non siano le tue

O E

ORATIO II sauidiscici o Signore nostro Dio e fa discernimento nel cuore dei tuoi fedeli delle perversioni del mondo affinch coloro che pronunciano con la propria voce il nome del Signore non ricadano nella servit del diavolo. SECRETA ffinch ti sia gradita lofferta del tuo popolo o Signore, noi ti preghiamo, purificalo da ogni contagio del peccato, e non far soffrire a chi hai promesso di introdurre nei premi della tua verit, lasciandolo che si leghi a false gioie. POSTCOMUNIONE ii con noi o Dio misericordioso e onnipotente, e i Sacramenti che riceviamo, non permettere che siano violati n dai nostri eccessi n dai peccati degli altri.

SUL POPOLO uarda pacificato il tuo gregge o Buon Pastore e quell ovile che hai riscattato con prezioso sangue non permettere che sia lacerato da nessuna incursione diabolica.

xViiii
ORATIO I ccogli, ti preghiamo, o Signore, la nostra preghiera e difendi con benevolenza coloro che gridano a te i loro desideri con affetto. ORATIO II sauidisci o Signore, ti preghiamo, il gemito del tuo popolo, affinch non vinca davanti a te loffesa di coloro che sbagliano ma la misericordia che sempre concedi alle lacrime di chi ti supplica.

SECRETA uarda benevolmente o Signore il Sacrificio che celebriamo per te, esso ci purifichi dai vizi legati alla nostra condizione e ci renda accetti al tuo nome. POSTCOMUNIONE upplici invochiamo la tua Maest o Signore affinch come siamo nutriti dallalimento del tuo santissimo Corpo e Sangue, cos facci consorti della tua natura divina.

S S

SUL POPOLO iano difesi, ti preghiamo o Signore dai tuoi celesti aiuti, coloro che confidano nella tua protezione affinch possano gloriarsi sempre di averti come loro unico Capitano e di essere sostenuti dal tuo aiuto.

xX

ORATIO I saudisci o Signore le nostre preghiere e rallegraci con una veloce benevolenza.

ORATIO II uarda o Signore, ti preghiamo, le nostre suppliche, e donaci benigno il perdono dei peccati e la gioia. SECRETA ccogli pacificato o Signore le Vittime che ti offriamo e concedi che ci santifichino e ci salvino. POSTCOMUNIONE uello che abbiamo ricevuto con la bocca o Signore, ti preghiamo di accoglierlo con la mente e da dono che incontriamo nel tempo diventi per noi un rimedio per leternit. SUL POPOLO uarda dentro i tuoi servi e le tue serve o Signore e poich hai dato loro la gioia di sperare in te donagli anche di chiedere ci che a te piace e di ricevere quanto hanno chiesto.

xXI
ORATIO I oncedici o Signore il perdono dei peccati ed espugnaci dalla presa di chi si affanna per impugnarci, e costituiti sotto la tua difesa non ci danneggi nessuna frode del diavolo.

ORATIO II Dio protettore di coloro che sperano in te, esaudisci le nostre preghiere e abbi misericordia di noi, affinch vivificati nel corpo e nella mente rimaniamo sempre attaccati alle celebrazioni dei tuoi misteri.

O S

SECRETA upplici ti preghiamo o Dio, affinch i Doni che ti portiamo ci conferiscano e la Grazia della devozione e la salvezza. POSTCOMUNIONE vendoci nutriti dei Doni Celesti noi ti rendiamo grazie Padre Santo, Dio onnipotente ed eterno. SUL POPOLO roteggi o Signore i tuoi fedeli e coloro che ti sei degnato di vivificare con un Cibo spirituale degnati anche di accompagnarli con una salvezza perpetua.

xXiI
ORATIO I umenta la nostra fede in te, ti preghiamo o Signore misericordioso, perch non neghi la piet del tuo aiuto a coloro che credendo in te hai dato fermezza. ORATIO II oi ti preghiamo o Signore donaci di confidare con tutta la mente in te, perch come resisti sempre ai superbi per la presunzione della loro forza allo stesso tempo non abbandonare chi si gloria della tua misericordia. SECRETA oi ti preghiamo o Signore, affinch i Doni che ti offriamo ci ottengano la purificazione da tutti i peccati e la protezione da tutte le avversit. POSTCOMUNIONE onaci o Signore, dopo esserci saziati della forza della tua Mensa celeste di desiderare ci che buono e di ricevere ci che abbiamo desiderato.

D S

SUL POPOLO ii, ti preghiamo Signore, la difesa e il custode del tuo popolo, colui che ci sostiene e ci guida nella vita presente e colui che ci dona il premio della vita eterna.

xXiiI
ORATIO I roteggi, ti preghiamo Signore, i tuoi servi affezionati affinch astenendosi da tutti i peccati siano pronti a servirti con libert e volont.

ORATIO II Dio onnipotente ed eterno, per tuo dono che i tuoi fedeli di possono servire con dignit e lode, concedici di arrivare alla mta delle tue promesse cercando di non inciampare e di non cadere in nessuna offesa a te.

O T S I

SECRETA i sia gradita o Signore, noi ti preghiamo, lOblazione della tua gente per la quale tu santifichi le nostre anime e ci fai avere quanto chiediamo con devota preghiera. POSTCOMUNIONE tai con noi o Signore Dio nostro e come ci hai ricreati con i tuoi Misteri, difendici per sempre con tuoi aiuti.

SUL POPOLO llumina benigno la tua famiglia o Signore e confermala con le benedizioni della tua generosit affinch avendoti come guida in ogni cosa meriti di averti anche come custode.

xXiiiI
ORATIO I Dio onnipotente e misericordioso, alla cui beatitudine eterna ci fai salire non con la fragilit della carne ma con la velocit della mente, sotto la tua ispirazione facci sempre desiderare le aule della Citt Celeste ed entrare fiduciosi nella tua misericordia. ORATIO II ivestici o Signore, ti preghiamo, con la tua misericordia, e quanto ti chiediamo con i nostri desideri, fa che lo riceviamo con una sincera conversione. SECRETA Dio che non sei cos povero da essere bisognoso dei nostri doni, sei tu infatti che ce li dai con generosit, ora accogli propizio quanto tra i tuoi Doni ci hai comandato di offrirti, e fa che non siano per noi solo il frutto della nostra devozione ma anche la radice che ci fa entrare nel Regno dei Cieli. POSTCOMUNIONE oi ti rendiamo grazie o Signore e di lodiamo, poich ci hai rinvigoriti con la comunione al Corpo e al Sangue del tuo dilettissimo Figlio nostro Signore Ges Cristo, imploriamo la tua misericordia, affinch questo Sacramento non sia per noi giudizio per la condanna ma salvifica intercessione per il perdono. SUL POPOLO saudisci o Signore le nostre preghiere, affinch questo Santo Scambio che alla radice della nostra redenzione, ci dia un aiuto valido per la vita presente, e ci riunisca insieme nelle gioie eterne.

O R

xXv
Rendimento di Grazie ORATIO I ndiamo predicando Signore la tua magnificenza e supplici ti invochiamo: affinch come ci hai liberati dai pericoli che ci piombavano addosso, benigno tu ci assolva anche dai nostri peccanti e concedendoci benefici ancor pi grandi ci aiuti ad obbedire ai tuoi comandamenti. ORATIO II uarda con benevolenza, ti preghiamo Signore, lafflizione del tuo popolo e non prevalgano i peccati che ci fanno perdere ma vinca la tua abbondante misericordia, che sola ed unica pu salvarci. SECRETA ffriamo Doni al tuo nome o Signore con questa azione di grazie e a noi che ci hai liberati dai nemici che ci attaccavano per mezzo di questo Sacramento Pasquale donaci di accoglierlo in una mente tranquillizzata.

POSTCOMUNIONE on possiamo mai tacere le tue lodi o Signore poich ci hai dato di celebrare con gioia quei beni che ci hai dato al posto dei mali che meritavamo per i nostri peccati. SUL POPOLO ona, ti preghiamo o Signore, ai tuoi fedeli di persistere sempre in questa sacra azione affinch pur resi degni dalla tua misericordia siano resi ancor pi degni dalla celebrazione devota della Sacra Liturgia.

xXvI
ORATIO I on disprezzare, ti preghiamo o Signore, coloro che gridano a te nellafflizione ma soccorri benevolo con un veloce aiuto coloro che si affannano. ORATIO II uardaci o Dio onnipotente e misericordioso e propizio assolvici da ogni tribolazione. SECRETA anda ti preghiamo o Signore il tuo Spirito Santo, affinch questi Doni, alla nostra presenza, siano trasformati nel tuo Sacramento e purifichi i cuori di noi che li riceviamo. POSTCOMUNIONE uesto Celeste Mistero o Signore sia per noi guarigione della mente e del corpo e fa che come ne esprimiamo lazione allo stesso modo ne sentiamo leffetto. SUL POPOLO a tua gente, ti preghiamo o Signore, riceva il santo dono della tua benedizione per mezzo della quale eviti qualsiasi il peccato e trovi quanto ha desiderato.

xXviI
ORATIO I Dio onnipotente ed eterno che castigandoci ci guarisci e dimenticando i nostri errori ci custodisci, dona ai tuoi supplici per poter gioire della consolazione desiderata della tua tranquillit e di servirsi del frutto della conversione, tuo dono di pace.

ORATIO II scolta benevolo le nostre preghiere o Signore e poich di nulla possiamo vantarci davanti a te ci venga in aiuto il sostegno della tua provvidenza. SECRETA ccetta benevolo le nostre preghiere o Signore e liberandoci dal contagio delle cose terrene donaci di servirti nei Misteri celesti. POSTCOMUNIONE i preghiamo Signore Dio nostro, affinch tutti quelli che partecipano alla tua Santa Mensa assumiamo i tuoi Doni celesti, non per ricevere un giudizio di condanna ma un presidio eterno.

T L

SUL POPOLO a tua gente, ti preghiamo o Signore, guardala propizio e coloro che si sono posti sotto la tua misericordia siano ricolmati nel presente e nel futuro, del sostegno dei tuoi benefici.

D i
ORAZIONE I isveglia Signore la tua potenza e vieni, e ci che hai promesso alla tua Chiesa fino alla fine dei tempi, compilo con clemenza. ORAZIONE II anifesta la tua inenarrabile potenza o Dio delle forze e vieni incontro per mezzo della presenza del Figlio tuo nostro difensore al tuo popolo supplicante affinch per il suo aiuto possa pervenire ai Doni di grazia desiderati. SECRETA i plachino, te ne preghiamo o Signore, le preghiere e le vittime della nostra piccolezza e dove nulla possono i suffragi dei meriti, ci soccorra il presidio della tua indulgenza. POSTCOMUNIONE iempiti dal nutrimento del cibo spirituale supplici ti preghiamo Dio onnipotente: questa partecipazione ai misteri ci insegni a disprezzare le cose terrene e ad amare le celesti e espulsi tutti i legami della mortifera cupidigia diventiamo consorti del regno delleterna libert. SUL POPOLO egnati di purificare o Dio onnipotente, le menti e i corpi dei tuoi fedeli, affinch fermi nella tua benedizione siano sempre illuminati e protetti dal tuo Unigenito nostro Signore che attendiamo nella sua seconda venuta.

D ii
ORAZIONE I isveglia Signore, ti preghiamo, i nostri cuori a preparare le vie al tuo Unigenito, affinch per il suo Avvento siamo resi degni di servirti con menti purificate.

R T

ORAZIONE II i preghiamo Dio onnipotente, purifica ogni giorno la nostra coscienza con la tua visita, affinch venendo tuo Figlio nostro Signore, possa trovare in noi una dimora preparata per lui. SECRETA uarda benevolo o Signore il Sacrificio che celebriamo per te: il quale a noi ci purifichi dai vizi della nostra condizione umana e a te ci renda graditi al tuo nome. POSTCOMUNIONE opo aver ricevuto questi Doni ti preghiamo o Signore: per la frequentazione dei Divini Misteri cresca il frutto della nostra Salvezza.

D R

SUL POPOLO endi il tuo popolo o Signore Dio nostro vigile e sollecito nellattesa dellAvvento di Cristo tuo Figlio e nostro Signore, affinch quando verr e busser non ci trovi addormentati nei peccati, ma svegli nel celebrare le sue lodi.

D iii
ORAZIONE I isveglia Signore, ti preghiamo, la tua potenza e vieni, affinch nei pericoli che ci minacciano a causa dei nostri peccati, meritiamo di averti Protettore che ci libera e Redentore che ci salva. ORAZIONE II ii propizio o Signore Dio, alle nostre suppliche e concedi, ti preghiamo, ai tribolati il soccorso della tua piet, affinch consolati dalla presenza del Figlio tuo che si appressa a venire, non ci lasciamo contaminare da alcun contagio del passato. SECRETA uesto Sacrificio che ti offriamo o Signore ci purifichi con la potenza della sua azione e ci riconduca pi puri al suo principio. POSTCOMUNIONE ccogliamo, o Signore, la tua misericordia in mezzo al tuo tempio, affinch possiamo precorrere con lonore che loro dovuto, le solennit ormai vicine della nostra riparazione. SUL POPOLO Dio onnipotente, che ci imponi di passare attraverso la porta stretta della giustizia e di preparare la via a Cristo Signore, sii propizio al tuo popolo e concedigli di non essere tormentato da nessuna infermit mentre attende la presenza luminosa del medio celeste.

R S

D iiii
ORAZIONE I isveglia Signore la tua potenza e soccorrici con la tua grande forza affinch per laiuto della tua gloria ci che impediscono i nostri peccati, lindulgenza della tua propiziazione acceleri. ORAZIONE II Dio che hai reso manifesto a tutta la terra, annunziandolo con fulgidi segni il tuo Salvatore, concedi, ti preghiamo, a noi che aspettiamo in festa la sua nascita gloriosa di non cadere preda degli inganni del nemico.

O S I

SECRETA ia continuamente a te immolata, ti preghiamo o Signore, la Vittima della nostra devozione, e compia il rito di questo Santo Mistero e operi meravigliosamente in noi la tua Salvezza. POSTCOMUNIONE mploriamo la tua clemenza o Signore, affinch questi divini aiuti ci purifichino dai nostri vizi e ci preparino alle feste ormai vicine. SUL POPOLO ccogli Dio onnipotente le preghiere del tuo popolo e mentre la tua giustizia sfolgora dal cielo, ogni terra produca letizia, affinch, ti preghiamo, le nostre anime che attendono ansiose lAvvento del Figlio tuo Redentore del mondo, siano colmate di feconda benedizione.

io Di i

veramente cosa degna e giusta, nostro dovere e fonte di salvezza, rendere grazie sempre e dovunque a te, Santo Signore, Padre Onnipotente, Dio Eterno, il solo buono che rimane sempre lo stesso. ii propizio alle nostre suppliche e mostra alla tua Chiesa quella misericordia che ti riconosce manifestando al tuo popolo il sacramento mirabile del tuo Unigenito, affinch in tutte le nazioni sia portato a compimento quanto hai promesso per mezzo del Vangelo del tuo Verbo e abbia la pienezza delladozione chi porta la testimonianza della Verit, per Cristo Signore nostro.

er mezzo di Lui gli Angeli lodano la tua Maest, le Dominazioni la adorano, le Potenze la venerano con tremore. I Cieli e le Forze dei Cieli, con i Beati Serafini, uniti la celebrano con esultanza. Ti preghiamo dunque o Signore, con le loro voci accetta anche le nostre, mentre supplici confessiamo dicendo.

Di ii

veramente cosa degna e giusta, nostro dovere e fonte di salvezza, rendere grazie sempre e dovunque a te, Santo Signore, Padre Onnipotente, Dio Eterno, e confessare che grande il Mistero della Piet, Cristo tuo Figlio e nostro Signore. gli si manifest nella carne, fu giustificato nello Spirito, apparve agli angeli, fu annunziato ai pagani, fu creduto nel mondo, fu assunto nella gloria. er mezzo di Lui gli Angeli lodano la tua Maest, le Dominazioni la adorano, le Potenze la venerano con tremore. I Cieli e le Forze dei Cieli, con i Beati Serafini, uniti la celebrano con esultanza. Ti preghiamo dunque o Signore, con le loro voci accetta anche le nostre, mentre supplici confessiamo dicendo.

Di iii

veramente cosa degna e giusta, nostro dovere e fonte di salvezza, rendere grazie sempre e dovunque a te, Santo Signore, Padre onnipotente, Dio eterno. u ci hai manifestato la tua grazia, apportatrice di salvezza agli uomini, che ci insegna a rinnegare lempiet e i desideri mondani e a vivere con sobriet, giustizia e piet in questo mondo, nellattesa della beata speranza e della manifestazione della gloria del nostro grande Dio e salvatore Ges Cristo tuo Figlio e nostro Signore.

er mezzo di Lui gli Angeli lodano la tua Maest, le Dominazioni la adorano, le Potenze la venerano con tremore. I Cieli e le Forze dei Cieli, con i Beati Serafini, uniti la celebrano con esultanza. Ti preghiamo dunque o Signore, con le loro voci accetta anche le nostre, mentre supplici confessiamo dicendo.

Di iIii

veramente cosa degna e giusta, nostro dovere e fonte di salvezza, rendere grazie sempre e dovunque a te, Santo Signore, Padre onnipotente, Dio eterno, per Cristo Signore nostro. u Fedele e Misericordioso lo hai promesso come Salvatore al genere umano perduto; la sua verit istruisce gli erranti, la sua santit giustifica gli empi, la sua forza sostiene i deboli. Ora dunque mentre si avvicina, lavvento di Colui che stato mandato e risplende il giorno della nostra liberazione, esultiamo con casta letizia per la fedelt delle tue promesse.

noi, uniti agli Angeli e agli Arcangeli ai Troni e alle Dominazioni e alla moltitudine delle milizie dellesercito celeste, cantiamo con voce incessante linno della tua gloria:

Di v

veramente cosa degna e giusta, nostro dovere e fonte di salvezza, rendere grazie sempre e dovunque a te, Santo Signore, Padre onnipotente, Dio eterno, per Cristo Signore nostro. gli, al suo primo avvento: ha assunto lumilt della nostra carne, port a compimento la promessa antica, e ci riapr la via delleterna salvezza. Quando verr una seconda volta nella maest della sua gloria, finalmente riceveremo in piena luce i beni promessi che ora osiamo sperare vigilanti nellattesa. noi, uniti agli Angeli e agli Arcangeli ai Troni e alle Dominazioni e alla moltitudine delle milizie dellesercito celeste, cantiamo con voce incessante linno della tua gloria:

Di vi

veramente cosa degna e giusta, nostro dovere e fonte di salvezza, rendere grazie sempre e dovunque a te, Santo Signore, Padre onnipotente, Dio eterno, per Cristo Signore nostro. gli fu annunziato dai preconi di tutti i profeti, la Vergine Madre lattese con ineffabile amore, Giovanni proclam la sua venuta e lo indic presente nel mondo. Egli che ci dona di preparare nella gioia il mistero della sua Nativit, ci trovi vigilanti nella preghiera ed esultanti nelle sue lodi. noi, uniti agli Angeli e agli Arcangeli ai Troni e alle Dominazioni e alla moltitudine delle milizie dellesercito celeste, cantiamo con voce incessante linno della tua gloria:

elle ferie iiii


ORAZIONE I recingi, ti preghiamo o Signore Dio nostro, i fianchi della nostra mente con la tua forza divina, affinch venendo il nostro Signore Ges Cristo tuo Figlio, siamo trovati meritevoli di partecipare al convito eterno e degni di ricevere da lui i desideri delle celeste dignit.

ORAZIONE II iuta Signore la fragilit del tuo popolo, affinch guidato nel corpo si incammini al frutto desiderato di queste grandi festivit e devoto nella mente raggiunga la grazia che mai ha fine. SECRETA i siano grati i nostri Doni o Signore, nei quali celebriamo il mistero della nostra libert e della nostra vita.

T S L

POSTCOMUNIONE iano catturate dal desiderio di te le anime nostre o Dio onnipotente, affinch infiammati dal tuo Spirito come lampade saziate dal Dono divino possiamo risplendere di chiara luce al cospetto di Cristo tuo Figlio che viene. SUL POPOLO a tua Grazia prevenga e accompagni sempre il tuo popolo o Signore che devoto si piega alla tua presenza, affinch possa conseguire, per lAvvento del tuo Unigenito Figlio che desidera ardentemente con tutto il cuore, gli aiuti per la vita presente e per quella futura.

elle ferie Vi
ORAZIONE I ai presto, ti preghiamo, non tardare o Signore, e sovrastaci con i presidi della tua piet, affinch siano sollevati dalle opportune consolazioni coloro che hanno confidato nella tua misericordia. ORAZIONE II oncedi, ti preghiamo Dio onnipotente, questa grazia al tuo popolo che con grande vigilanza attende lavvento del tuo Unigenito: come ci ha insegnato lui stesso che lAutore della nostra salvezza, di preparare le nostre anime come lampade fulgenti allincontro con lui.

SECRETA uarda con benevolenza, ti preghiamo o Signore, i Sacrifici che ti presentiamo affinch ci siano di giovamento per la nostra devozione e per la nostra salvezza POSTCOMUNIONE ona, ti preghiamo Dio onnipotente, a tutta la tua famiglia la volont di andare incontro con opere giuste a Cristo tuo Figlio e nostro Signore che sta per venire cos che accolti alla sua destra possiamo prendere possesso del regno celeste. SUL POPOLO ccomoda, lorecchio della tua piet, ti preghiamo Signore, alla voce del tuo popolo che invoca la tua benedizione e illumina le tenebre del suo cuore con la luce della tua visita.

elle ferie p l del S


Per le Orazioni vedi sotto SECRETA alle antiche ombre delle vittime carnali o Sommo Padre, con la nostra supplice servit, ti offriamo la Vittima Spirituale che per un mirabile e ineffabile mistero sempre immolato e sempre offerto e parimenti Dono ricevuto ai devoti e Premio dato agli offerenti.

POSTCOMUNIONE scolta con clemenza, ti preghiamo o Signore, le preghiere del tuo popolo, affinch come ci rallegriamo della prima venuta secondo la carne del tuo Unigenito Figlio, allo stesso modo possiamo ricevere il premio della vita eterna, quando verr per la seconda volta nella Maest della sua Gloria. SUL POPOLO enedici, benedici il tuo popolo o Signore e visitalo con la tua immane misericordia e venendo nella Gloria il nostro Redentore ci rapisca con lui nellabbraccio del suo Amore.

Or

i Di

per le ferie immediatamente precedenti il Natale O Signore Dio nostro, luce vera, tu hai espresso dall intimo del tuo cuore la parola salvatrice: e come lhai fatta prodigiosamente scendere nel grembo incontaminato della beata Vergine MP concedi a noi tuoi servi di attendere nella gioia lavverarsi della sua gloriosa venuta. O Dio onnipotente ed eterno, vediamo avvicinarsi il giorno della Nativit secondo la carne di Cristo, tuo Figlio, noi ti preghiamo: abbia misericordia di noi suoi indegni servitori, e come per noi si degnato di entrare nel seno della Santa Vergine, il tuo Verbo si faccia carne e pianti la sua tenda anche in noi. O Dio, Creatore e Redentore del genere umano, tu hai voluto che il tuo Verbo divenisse carne nel seno di Maria, sempre Vergine: accogli le nostre preghiere; concedici, che celebrando la nativit del tuo unico Figlio, possiamo essere uniti anche alla divinit dello stesso Redentore. O Dio, nella tua bont hai operato per liberare il genere umano dalla schiavit dellantico peccato: a coloro che aspirano con devozione alla grazia della tua suprema bont, concedi loro di ottenere, come ricompensa, la vera libert. O Dio che hai voluto che tuo Figlio, accolto nel seno della Vergine Maria, si rivestisse della nostra carne, concedici, ti preghiamo, che la gioia di saperlo uomo fatto di carne come noi, ci conduca alla partecipazione dei doni del cielo.

iI

iIi

iIii V

O Dio, eterna maest, la Vergine immacolata ha accolto il tuo Verbo ineffabile portato dallangelo; diventata la casa di Dio, riempita della luce del Santo Spirito. Te lo chiediamo: possa lei stessa proteggere per le sue preghiere il popolo credente, lei che ebbe il privilegio di portare nel suo seno consacrato e casto Colui che insieme Dio e uomo. O Dio che ti sei degnato di rivelare, negli ultimi tempi, lo splendore della tua gloria attraverso il seno santo della Vergine, ora disperse le fitte tenebre dellerrore, la verit splenda di perpetuo splendore: concedi, ti preghiamo, che, umili servitori del mistero cosi grande dellIncarnazione, lo veneriamo con una fede integra e gli siamo sempre fedeli con una devota sequela. O Signore Dio nostro, Luce Vera, tu hai fatto uscire dallintimo del tuo cuore il Verbo che arreca salvezza, e come lhai fatto meravigliosamente scendere nel grembo incontaminato della beata Vergine Maria, concedi a noi tuoi servi di attendere nella gioia, lavverarsi della sua gloriosa nativit. O Dio il tuo Verbo eterno che ha ornato i cieli, ha reso fecondo con la gloria della sua carne il grembo della Vergine: appaia ormai lo splendore di questa nuova luce e il Salvatore delluomo proceda, con la redenzione del mondo, dalle caste viscere della Madre. O Dio, dentro il seno verginale, con mirabile arte, ti sei costruito una santa dimora nella carne: vieni o misericordioso, e riscatta la condizione delluomo, secondo lantica promessa: a te si innalzi la lode degna di tanta misericordia e noi possiamo giungere alleterna salvezza.

Vi

Vii

Viii

Viiii X

O Signore Dio, il talamo verginale ormai rivestito di tutta la sua bellezza, celebrate le nozze regali, ne esca lo Sposo, il pi bello dei figli delluomo, doni con larghezza la gioia e la pace a tutti i popoli e la sua presenza luminosa rischiari ormai la tenebra delle anime nostre. O Dio onnipotente ed eterno, creatore e riformatore della natura umana, che il tuo Unigenito ha assunto nel seno della perpetua verginit, guarda a noi propizio, affinch preparandoci ad accogliere degnamente lincarnazione del Figlio tuo meritiamo di essere annoverati tra le sue membra. O Dio che giaci nascosto nella debolezza di un corpo umano, e nello svelarti, lasci intatta la verginit della Madre, vieni avanti ormai, ti preghiamo o Salvatore del mondo e Redentore degli uomini: adoreremo la tua duplice natura che in te brilla luminosa e inneggeremo a te, con pura fede, come allunico Signore, tu che vivi e regni.

Xi

Xii

Xiii

L
O Dei

S
preci S

-estratto-

LE D RI

ESE IIIi
KAL 1 iiii 2 iii 3 Prid 4 Non 5 viii 6 vii 7 vi 8 v 9 iiii 10 iii 11 Prid 12 Idib 13 xviii 14 xvii 15 xvi xv xiiii xiii xii xi x viiii viii vii vi v iiii iii Prid 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30

Digiuno del IIII Mese

Vigilia di San Barnaba Apostolo Natale di San Barnaba Apostolo Commemorazione dei Santi Basilide, Cirino, Nabore e Nazario Commemorazione di SantAntonio Commemorazione dei Santi Vito, Modesto e Crescenzia Commemorazione dei Santi Marco e Marcelliano Commemorazione dei Santi Gervasio e Protasio Commemorazione dei Santi Giovanni e Tommaso Vigilia di San Giovanni Battista Nativit di San Giovanni Battista Commemorazione dei Santi Giovanni e Paolo Vigilia dei Santi Apostoli Pietro e Paolo Natale dei Santi Apostoli Pietro e Paolo

ESE v
KAL 1 vi 2 v 3 iiii 4 iii 5 Prid 6 Non 7 viii 8 vii 9 vi 10 v 11 iiii 12 iii 13 Prid 14 Idib 15 xvii 16 xvi 17 xv 18 xiiii 19 xiii 20 xii 21 xi 22 x 23 viiii 24 viii vii vi v iiii iii Prid 25 26 27 28 29 30 31

* Vigilia di San Tommaso Apostolo * Natale di San Tommaso Apostolo Commemorazione di Santa Maria Goretti

Commem. dei SS VII Fratelli, Rufina e Secunda. Natale del nostro Santo Padre Benedetto Commemorazione dei Santi Nabore e Felice Commemorazione di San Bonaventura Festa della Beata Vergine Maria del Monte Carmelo Commemorazione dei Santi Simforosa e Figli Commemorazione di San Vincenzo de Paoli Commemorazione di Santa Maria Maddalena Vigilia di San Giacomo Apostolo e Commemorazione di San Sharbel Natale di San Giacomo Apostolo Commemorazione dei Santi Anna e Gioacchino Commemorazione dei Santi Nazario e Celso Commemorazione di Santa Marta Commemorazione dei Santi Abdon e Sennen Commemorazione di SantIgnazio

ESE Vi
KAL 1 iiii 2 iii 3 Prid 4 Non 5 viii 6 vii 7 vi 8 v 9 iiii 10 iii 11 Prid 12 Idib 13 xviiii 14 xviii 15 xvii 16 xvi 17 xv 18 xiiii 19 xiii 20 xii 21 xi 22 x 23 viiii 24 viii 25 vii 26 vi 27 v 28 iiii 29 iii 30 Prid 31

Commemorazione di San Pietro in Vincoli Commemorazione dellInvenzione di Santo Stefano Commemorazione di San Domenico Trasfigurazione del Signore e Commemorazione di San Sisto e compagni Vigilia di San Lorenzo Natale di San Lorenzo

Vigilia dellAssunzione della Beata Vergine Maria Assunzione della Beata Vergine Maria

Commemorazione di San Pio X Vigilia di San Bartolomeo Apostolo Natale di San Bartolomeo Apostolo Commemorazione di Santa Monica Commemorazione di SantAgostino Decollazione di San Giovanni Battista Commemorazione dei Santi Felice e Adaucto

ESE VII
KAL 1 iiii 2 iii 3 Prid 4 Non 5 viii 6 vii 7 vi 8 v 9 iiii 10 iii 11 Prid 12 Idib 13 xviii 14 xvii 15 xvi 16 xv 17 xiiii 18 xiii 19 xii 20 xi 21 x 22 viiii 23 viii vii vi v iiii iii Prid 24 25 26 27 28 29 30

Digiuno del VII Mese Commemorazione di San Gregorio

Nativit della Beata Vergine Maria

Festa dellEsaltazione della Santa Croce Commemorazione dei Santi Cornelio e Cipriano Commemorazione di San Gennaro e compagni Vigilia di San Matteo Apostolo Natale di San Matteo Apostolo Commemorazione di San Lino e Commemorazione di San Padre Pio Commemorazione dei Santi Cipriano e Giustino Commemorazione dei Santi Cosma e Damiano Dedicazione di San Michele Arcangelo Commemorazione di San Girolamo

ESE Viii
KAL 1 vi v iiii iii Prid Non viii vii vi v iiii iii Prid Idib xvii xvi xv xiiii xiii xii xi x viiii viii vii vi v iiii iii Prid 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31

Commemorazione di San Remigio e Commemorazione di Santa Teresina Commemorazione dei Santi Angeli Natale di San Francesco Natale di San Bruno Festa Beata Vergine Maria del Santo Rosario Commem. dei Santi Dionigi, Rustico ed Eleuterio

Commemorazione di San Callisto Vigilia di San Luca Evangelista Natale di San Luca Evangelista Commemorazione di SantIlarione

Commemorazione dei Santi Crisante e Daria Vigilia dei Santi Simone e Giuda Apostoli Natale dei Santi Simone e Giuda Apostoli Vigilia di tutti i Santi

ESE Viiii
KAL 1 iiii 2 iii 3 Prid 4 Non 5 viii 6 vii 7 vi 8 v 9 iiii 10 iii Prid Idib xviii xvii xvi xv xiiii xiii xii xi x viiii viii vii vi v iiii iii Prid 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 Festa di tutti i Santi Commemorazione di tutti i fedeli Defunti Commemorazione di San Carlo

Dedicazione della Basilica del Santissimo Salvatore Commemorazione dei Santi Trifone, Respicio e Nimfa Natale di San Martino Commemorazione di San Martino

Dedicazione delle Basiliche dei Santi Apostoli Pietro e Paolo Commemorazione di San Ponziano Presentazione al Tempio della Beata Vergine Maria Commemorazione di Santa Cecilia Commemorazione di San Clemente Commemorazione di San Crisogono Commemorazione di Santa Caterina

Vigilia di SantAndrea Apostolo Natale di SantAndrea Apostolo

ESE X
KAL 1 iiii 2 iii 3 Prid 4 Non 5 viii 6 vii 7 vi 8 v 9 iiii 10 iii 11 Prid 12 Idib 13 xviiii 14 xviii 15 xvii 16 xvi 17 xv 18 xiiii 19 xiii 20 xii 21 xi 22 x 23 viiii 24 viii 25 vii 26 vi 27 v 28 iiii 29 iii 30 Prid 31

Digiuno del X Mese Commemorazione di Santa Bibiana Commemorazione di San Francesco Saverio Commemorazione di Santa Barbara Commemorazione di San Sabba Commemorazione di San Nicola Commemorazione di SantAmbrogio Festa dellImmacolata Concezione della Beata Vergine Maria Commemorazione di San Melchiade Commemorazione di San Damaso Natale di Santa Lucia Commemorazione di San Giovanni della Croce

* Vigilia di San Tommaso Apostolo * Natale di San Tommaso Apostolo Vigilia della Nativit del Signore Nativit del Signore Natale di Santo Stefano Protomartire Natale di San Giovanni Evangelista Natale dei Santi Innocenti Commemorazione di San Tommaso Commemorazione di San Silvestro

I giorni Natalizi si celebrano sempre, tranne la Domenica e la concorrenza con una festa mobile del Signore, della Beata Vergine Maria o dei Santi propri di un particolare luogo. In tal caso si commemora il giorno Natalizio nella seconda Orazione. Le Commemorazioni si celebrano con la seconda orazione della Messa dedicata al Santo, quanto concorrono pi commemorazioni si dicono pi orazioni, sempre per in numero dispari, premettendo se il caso la seconda Orazione del giorno a quella dei Santi che si commemorano. I giorni Natalizi hanno una liturgia propria, le commemorazioni solo la seconda Orazione, tranne alcune come la commemorazione di tutti i fedeli Defunti che ha una liturgia propria, per alcune commemorazioni pi importanti o pi sentite nella vita della comunit pu dirsi il Prefazio del Santo al posto di quello del giorno. I Digiuni del I, del IIII, del VII e del X mese devono sempre essere adempiuti nei mesi loro assegnati nelle ferie corrispondenti. Il Digiuno del I Mese si celebra nella prima settimana del I Mese, se la feria IIII coincide con linizio del Digiuno Quaresimale allora si trasferisce nella settmana successiva. Il Digiuno del IIII Mese si celebra sempre dopo la Pentecoste, nella settimana dellOttava, se essa cade nel IIII Mese, altrimen ti nella prima settimana del IIII Mese. Il Digiuno del VII Mese si celebra nella prima feria IIII dopo la Festa dellEsaltazione della Santa Croce. Il Digiuno del X Mese si celebra nella prima feria IIII dopo il Natale di Santa Lucia.

ORATIO I Dio che distruggendo con la forza del tuo Figlio e dello Spirito Santo la perfidia dellantico sterminatore, ci hai donato di vincere la nostra schiavit, concedi, ti preghiamo, a coloro che vogliono assalirci di essere abbattuti dalla potenza della tua destra. ORATIO II saudisci Signore le nostre preghiere e come hai scacciato le vuote nebbie del mondo con la luce dello Spirito Santo, cos espugna gli avversari del nome Romano e i nemici della professione di fede Cattolica. SECRETA ccogli, te ne preghiamo o Signore, il Dono che ti abbiamo offerto, e degnati di operare affinch quanto agiamo in questi santi Misteri lo possiamo celebrare portando frutti di devozione. POSTCOMUNIONE Dio dal cui Mistero siamo purificati e nutriti, concedicelo: come lo abbiamo celebrato nel tempo donaci di poterlo sperimentare nelleternit.

O E

O S

SUL POPOLO ii presente o Signore ai tuoi servi devoti e dona con generosit la tua opera a coloro che la chiedono affinch in coloro che si gloriano di averti come loro Creatore e Guida sia restaurato ci che hai creato e sia conservato ci che hai restaurato.

P
veramente cosa degna e giusta, nostro dovere e fonte di salvezza, rendere grazie sempre e dovunque a te, Santo Signore, Padre onnipotente, Dio eterno. oi imploriamo supplici la tua clemenza, affinch come ci hai fatto entrare nelleterna sicurezza per mezzo della Passione del Signore Ges Cristo e dellilluminazione dello Spirito Santo, cos donaci la tranquillit per la vita presente, e per la partecipazione a tutti questi doni la nostra devozione avanzi tranquilla, e respinta la negligenza e lerrore, ci sia dato accrescimento per la nostra fede, per Cristo Signore nostro. er mezzo di Lui gli Angeli lodano la tua Maest, le Dominazioni la adorano, le Potenze la venerano con tremore. I Cieli e le Forze dei Cieli, con i Beati Serafini, uniti la celebrano con esultanza. Ti preghiamo dunque o Signore, con le loro voci accetta anche le nostre, mentre supplici confessiamo dicendo.

ii di P

ORATIO I Dio che hai dato ai tuoi Apostoli lo Spirito Santo, concedi al tuo popolo ci che piamente chiede, elargendo il dono della pace a quelli che chiamasti alla fede.

O C S

ORATIO II oncedici, o Dio onnipotente e misericordioso, che lo Spirito Santo, venendo in noi, si degni di renderci, con la sua dimora, tempio della sua gloria. SECRETA antifica, propizio, o Signore, questi Doni, ed accolta l Offerta della Vittima spirituale, fa che noi stessi ti siamo eterna oblazione. POSTCOMUNIONE ssisti, te ne preghiamo o Signore, il tuo popolo, e come lo hai nutrito dei celesti misteri, difendilo dal furore dei nemici. SUL POPOLO ii presente o Signore ai tuoi servi devoti e dona con generosit la tua opera a coloro che la chiedono affinch in coloro che si gloriano di averti come loro Creatore e Guida sia restaurato ci che hai creato e sia conservato ci che hai restaurato.

iii di P

ORATIO I enga in nostro aiuto o Signore la forza dello Spirito Santo per purificare benignamente i nostri cuori e difenderci da ogni avversit.

V C C L

ORATIO II oncedici, o Dio onnipotente e misericordioso, che lo Spirito Santo, venendo in noi, si degni di renderci, con la sua dimora, tempio della sua gloria. SECRETA i purifichi o Signore lofferta di questo Dono e ci renda degni di parteciparvi santamente.

POSTCOMUNIONE o Spirito Santo, o Signore, rinnovi le nostre anime con questo divino Sacramento, perch egli stesso la remissione di tutti i peccati. SUL POPOLO ii presente o Signore ai tuoi servi devoti e dona con generosit la tua opera a coloro che la chiedono affinch in coloro che si gloriano di averti come loro Creatore e Guida sia restaurato ci che hai creato e sia conservato ci che hai restaurato.

del IIII iiii

ese

ORATIO I l Consolatore che da te procede o Signore, illumini le nostre menti e le conduca alla piena verit, come promise il tuo Ungenito Figlio, che Dio.

ORATIO II oncedici, o Dio onnipotente e misericordioso, che lo Spirito Santo, venendo in noi, si degni di renderci, con la sua dimora, tempio della sua gloria.

SECRETA ccogli, te ne preghiamo o Signore, il Dono che ti abbiamo offerto, e degnati di operare affinch quanto agiamo in questi santi Misteri lo possiamo celebrare portando frutti di devozione. POSTCOMUNIONE Dio dal cui Mistero siamo purificati e nutriti, concedicelo: come lo abbiamo celebrato nel tempo donaci di poterlo sperimentare nelleternit.

O S

SUL POPOLO ii presente o Signore ai tuoi servi devoti e dona con generosit la tua opera a coloro che la chiedono affinch in coloro che si gloriano di averti come loro Creatore e Guida sia restaurato ci che hai creato e sia conservato ci che hai restaurato.

P
veramente cosa degna e giusta, nostro dovere e fonte di salvezza, rendere grazie sempre e dovunque a te, Santo Signore, Padre onnipotente, Dio eterno. opo i giorni da noi trascorsi in santa letizia, onorando il Signore risorto dai morti ed asceso nei cieli, dopo aver ricevuto il dono dello Spirito Santo, utile e necessario provvedere a questi santi digiuni, perch vivendo con una pura condotta conserviamo con laiuto del cielo, quanto stato donato alla Chiesa, per Cristo Signore nostro.

er mezzo di Lui gli Angeli lodano la tua Maest, le Dominazioni la adorano, le Potenze la venerano con tremore. I Cieli e le Forze dei Cieli, con i Beati Serafini, uniti la celebrano con esultanza. Ti preghiamo dunque o Signore, con le loro voci accetta anche le nostre, mentre supplici confessiamo dicendo.

V di P

ORATIO I Dio che hai ammaestrato i cuoi dei fedeli con la luce dello Spirito Santo, concedici di gustare in lui quanto retto e di godere sempre della sua consolazione.

O C S L

ORATIO II oncedici, o Dio onnipotente e misericordioso, che lo Spirito Santo, venendo in noi, si degni di renderci, con la sua dimora, tempio della sua gloria. SECRETA antifica, te ne preghiamo, o Signore, i Doni che ti abbiamo offerto e purifica i nostri cuori con la luce dello Spirito Santo. POSTCOMUNIONE o Spirito Santo che ci hai donato purifichi i nostri cuori o Signore e li fecondi con la rugiada penetrante delle sue grazie. SUL POPOLO ii presente o Signore ai tuoi servi devoti e dona con generosit la tua opera a coloro che la chiedono affinch in coloro che si gloriano di averti come loro Creatore e Guida sia restaurato ci che hai creato e sia conservato ci che hai restaurato.

del IIII Vi

ese

ORATIO I Dio misericordioso concedi alla tua Chiesa che radunata dallo Spirito Santo, non sia mai turbata dagli assalti del nemico.

O C I

ORATIO II oncedici, o Dio onnipotente e misericordioso, che lo Spirito Santo, venendo in noi, si degni di renderci, con la sua dimora, tempio della sua gloria. SECRETA Sacrifici offerti alla tua presenza o Signore, siano consumati da quel fuoco divino che, per lazione dello Spirito Santo, infiamm i cuori dei discepoli di Cristo tuo Figlio. POSTCOMUNIONE icevuti o Signore i Doni dei tuoi Santi Misteri, ti preghiamo umilmente che quanto ci hai comandato di fare in tua memoria, venga in soccorso della nostra debolezza. SUL POPOLO ii presente o Signore ai tuoi servi devoti e dona con generosit la tua opera a coloro che la chiedono affinch in coloro che si gloriano di averti come loro Creatore e Guida sia restaurato ci che hai creato e sia conservato ci che hai restaurato.

R S

del IIII S to

ese

Non si dice n Il Signore sia con voi n Inginocchiamoci. ORATIO I nfondi benigno o Signore, nelle nostre anime, lo Spirito Santo, che ci ha creati con la sua sapienza e ci governa con la sua provvidenza. ORATIO II o Spirito Santo ci infiammi, te ne preghiamo o Signore, di quel fuoco che Ges Cristo nostro Signore port sulla terra e volle ardentemente acceso. Egli.

ORATIO III Dio che, a medicina delle anime, hai cmandato di castigare il corpo con la pia pratica del digiuno, concedici propizio di consacrarci sempre a te nellanima e nel corpo. ORATIO IIII a o Dio onnipotente, che formati dalla salutare disciplina del digiuno, astenendoci da tutti i vizi, otteniamo pi facilmente il tuo perdono. ORATIO V oncedi, te ne preghiamo, o Dio onnipotente, di praticare in modo tale il digiuno da astenerci nello stesso tempo dalle passioni irruenti.

O F

Qui si dice il Gloria e poi Il Signore sia con voi.

ORATIO VI Dio che hai temperato per i tre giovani le fiamme della fornace, concedi benigno a noi tuoi servi di non essere arsi dalla fiamma delle passioni.

SECRETA ffinch i nostri digiuni ti siano graditi, concedici, o Signore, di poterti offrire, in grazia di questo Sacramento che ci hai donato, un cuore purificato. POSTCOMUNIONE tuoi Sacri Misteri, o Signore, suscitino in noi un fervore divino per cui possiamo gustarne nello stesso tempo la celebrazione ed il frutto.

SUL POPOLO ii presente o Signore ai tuoi servi devoti e dona con generosit la tua opera a coloro che la chiedono affinch in coloro che si gloriano di averti come loro Creatore e Guida sia restaurato ci che hai creato e sia conservato ci che hai restaurato.

ORATIO I Dio che hai posto le fondamenta della Chiesa sui tuoi Santi Monti, donale di non essere piegata dalle incursioni degli errori n squassata dai turbamenti del mondo, ma godendo dellintercessione di San Barnaba, sia sempre ferma sul fondamento degli Apostoli e sicura nel loro intervento in suo favore. ORATIO II Dio che ci rallegri con i meriti e lintercessione del tuo Santo Apostolo Barnaba, concedici benigno di ottenere per il dono della tua grazia quanto ti chiediamo per mezzo di lui. SECRETA antifica o Signore, lofferta dei tuoi Doni e per lintercessione del tuo Santo Apostolo Barnaba, purificaci per loro mezzo dalle macchie dei nostri peccati.

O O S

POSTCOMUNIONE i supplichiamo Dio onnipotente, concedi a noi, rinnovati dai tuoi Sacramenti, per lintercessione del tuo Santo Apostolo Barnaba, di poterti degnamente servire anche nella santit della vita. SUL POPOLO ii a noi presente o Dio onnipotente e il tuo popolo che pone la sua difesa nella confessione della fede apostolica non sia toccato da nessun pericolo n della mente n del corpo.

T S

Dei Santi Basilide, Cirino, Nabore e Nazario, Martiri. ifulga per noi o Signore, il giorno della nascita alla vita eterna dei tuoi Santi Martiri Basilide, Cirino, Nabore e Nazario, e si accresca coi frutti della nostra devozione la gloria che leternit ha loro conferito.

Di SantAntonio da Padova Confessore e Dottore. Dio che hai posto la felicit della vita sul fondamento della verit della fede, concedici di aderire sempre pi strettamente agli insegnamenti perenni e costanti della tua Chiesa e per intercessione di SantAntonio fa che togliamo via dalla nostra mente tutti gli errori e gli inganni del diavolo.

Dei Santi Vito, Modesto e Crescenzia, Martiri.

oncedi alla tua Chiesa o Signore, per lintercessione dei tuoi Santi Martiri Vito, Modesto e Crescenzia, di non aver sentimenti di superbia ma di progredire nellumilt a te gradita, affinch, disprezzando il male, essa compia ci che retto con la libert dellamore.


Dei Santi Marco e Marcelliano, Martiri.

oncedi o Dio onnipotente, che celebando la nascita alla vita eterna dei tuoi Santi Martiri Marco e Marcelliano, siamo liberati per loro intercessione da tutti i mali che ci minacciano.

Dei Santi Gervasio e Protasio, fratelli e Martiri.

Dio che ci di la gioia di festeggiare ogni anno i tuoi Santi Martiri Gervasio e Protasio, concedi propizio che mentre godiamo per i loro meriti, siamo infiammati dai loro esempi.

Dei Santi Giovanni Fisher e Tommaso Moro, Martiri. Dio che ci di la gioia di festeggiare ogni anno i tuoi Santi Martiri Giovanni e Tommaso, concedi propizio che mentre godiamo per i loro meriti, siamo infiammati dai loro esempi

Di s

ORATIO I Dio onnipotente ed eterno, che nei giorni del tuo santo servo Giovanni hai portato a compimento le istituzioni della Legge e gli Annunci dei Santi Profeti, concedi ti preghiamo, che cessando le figure e i simboli, parli a noi, con la sua manifestazione, la Verit stessa da esse significata: Ges Cristo nostro Signore. ORATIO II Dio onnipotente ed eterno, dona ai nostri cuori di camminare per quella Via Retta che San Giovanni Battista, voce che grida nel deserto, ci ha insegnato.

O O C C I

SECRETA orriamo festanti ad offrirti questi Doni o Signore, e supplici ti imploriamo affinch venerando la gloria di Colui che annuncia possiamo ricevere la Grazia di Colui che annunciato. POSTCOMUNIONE i accompagni o Signore la preghiera gloriosa di San Giovanni Battista e ci ottenga che pacifichi con noi Colui che ha annunciato venturo nel mondo: Ges Cristo nostro Signore che vive e regna. SUL POPOLO l tuo beato servo Giovanni o Signore, con la sua preghiera la sua testimonianza ci faccia degni di accogliere il Mistero di Colui al quale ha preparato la via.

P
veramente cosa degna e giusta, nostro dovere e fonte di salvezza, rendere grazie sempre e dovunque a te, Santo Signore, Padre onnipotente, Dio eterno. utti i secoli sono pieni della tua misericordia, ma sopratutti questi ultimi tempi, in cui vengono ricapitolati la Legge e i Profeti, con lIncarnazione del tuo Unigenito Figlio. Davanti a lui mandasti il tuo Angelo Giovanni, con la forza e lo spirito di Elia, per ricondurre i cuori dei padri verso i figli, i ribelli alla saggezza dei giusti, e preparare un popolo ben disposto, al tuo Figlio Ges Cristo nostro Signore, Messaggero della tua Volont, che veniva nel mondo per schiacciare la morte, e riscattare luomo che avevi creato, con la forza della sua Croce apportatrice di Vita.

noi, uniti agli Angeli e agli Arcangeli ai Troni e alle Dominazioni e alla moltitudine delle milizie dellesercito celeste, cantiamo con voce incessante linno della tua gloria:

Di s

ORATIO I Dio che hai reso venerando questo giorno per la nascita di San Giovanni, concedi al tuo popolo la grazia delle gioie spirituali, e guida le anime di tutti i fedeli sulla via della salvezza e della pace. ORATIO II Dio onnipotente ed eterno, che hai dato ai tuoi fedeli di venerare la memoria del glorioso precursore del tuo Unigenito Figlio che tra i nati di donna nessuno pi grande, accompagnaci con il dono della tua provvidenza affinch ci che ci stato mostrato dalla testimonianza di colui che annuncia possa essere adempiuto dalla presenza di Colui che annunciato: Ges Cristo nostro Signore che.

O O

SECRETA alle antiche ombre delle vittime carnali o Sommo Padre, con la nostra supplice servit, ti offriamo la Vittima Spirituale che per un mirabile e ineffabile mistero sempre immolato e sempre offerto e parimenti Dono ricevuto ai devoti e Premio dato agli offerenti. POSTCOMUNIONE i riempia di gioia la tua Chiesa o Dio per la nascita di San Giovanni Battista, che le fece conoscere lautore della sua rinascita: Ges Cristo nostro Signore che. SUL POPOLO l tuo beato servo Giovanni o Signore, con la sua preghiera la sua testimonianza ci faccia degni di accogliere il Mistero di Colui al quale ha preparato la via.

D S I

P
veramente cosa degna e giusta, nostro dovere e fonte di salvezza, benedire te, Signore, Dio dei nostri Padri, poich hai visitato e operato, la redenzione del tuo popolo. er le viscere della tua misericordia, ci ha visitati dallAlto Colui che chiamato lOriente, Ges Cristo Signore nostro, per illuminare coloro che siedono nelloscurit e nellombra della morte, e per dirigere i nostri passi su una via di pace.

P T

u hai voluto che il Sole di Giustizia fosse annunciato dallAurora del Precursore, Angelo radioso mandato a noi su questa misera terra, egli gi bambino Profeta dellAltissimo, per andare davanti a lui e preparargli il cammino e dare al suo popolo la conoscenza della salvezza nella remissione dei peccati. noi, uniti agli Angeli e agli Arcangeli ai Troni e alle Dominazioni e alla moltitudine delle milizie dellesercito celeste, cantiamo con voce incessante linno della tua gloria:


Dei Santi Giovanni e Paolo, fratelli e Martiri.

i pervada, o Dio onnipotente, la doppia letizia per la festa di oggi, la quale proviene dalla glorificazione dei Santi Giovanni e Paolo che una medesima fede ed un medesimo martirito resero veramente fratelli.

le Dei

ORATIO I Dio onnipotente ed eterno, che per un ineffabile Sacramento hai posto lorigine e la pienezza dellautorit apostolica nel nome di Roma, dalla quale la Verit Evangelica deve essere predicata a tutte le nazioni della terra, concedi che ovunque nel mondo giunto leco della loro predicazione sia seguita da tutti con cristiana devozione. ORATIO II ona alla tua Chiesa, ti preghiamo o Signore, di godere degnamente dei Principi degli Apostoli, e di custodire con perseveranza la loro regola di fede, che dividendo il vero dal falso, rende possibile al tuo amato gregge di attingere ai misteri della salvezza. SECRETA a gloriosa Passione dei tuoi Apostoli o Signore raccomandi a te loblazione del tuo popolo e poich noi siamo poveri di meriti da presentarti, ti siano gradite le preghiere dei giusti. POSTCOMUNIONE vendo ricevuti i Sacramenti, con cuore a te sottomesso o Signore ti preghiamo e ti chiediamo, che per l intervento dei tuoi santi Apostoli, ci che noi celebriamo per la loro gloria ci sia di giovamento per il perdono. SUL POPOLO uarda benevolo o Buon Pastore il tuo gregge e per mezzo dei tuoi Apostoli custodiscilo con vigile protezione affinch dalla loro guida siano governati e di coloro che hai costituito vicari dellopera tua.

O D L


ORATIO I Dio che hai santificato questo giorno con il martirio dei tuoi beati Apostoli Pietro e Paolo, concedi alla tua Chiesa diffusa su tutta la terra, dai quali ha ricevuto linizio della Religione, di essere sempre governata da loro magistero. ORATIO II i preghiamo, Dio onnipotente, non permettere che siamo turbati da nessuna tempesta, noi che tu hai fondato saldamente sulla pietra della confessione di fede apostolica. SECRETA e preghiere degli Apostoli accompagnino o Signore le offerte che consacriamo al tuo nome e la loro intercessione ci ottenga di essere purificati e difesi.

O T L

POSTCOMUNIONE i hai nutriti o Signore con lalimento celeste: preservaci da ogni avversit per intercessione dei tuoi Santi Apostoli. SUL POPOLO scolta il tuo popolo o Signore che si mette sotto di te con tutto il cuore, e donagli una continua protezione nella mente e nel corpo per la preghiera dei tuoi Santi e Gloriosi Apostoli.

P
veramente cosa degna e giusta, nostro dovere e fonte di salvezza, rendere grazie sempre e dovunque a te, Santo Signore, Padre onnipotente, Dio eterno. alla tua provvidenza come dono abbiamo ricevuto di celebrare il giorno venerato in tutto il mondo del nobile trionfo dei Santi Pietro e Paolo. Il primo e lultimo nellordine degli Apostoli, partecipi della stessa grazia e alla stessa passione. Uno il Principe che confessa la fede, laltro colui che con intelligenza la annuncia. Uno divinamente ispirato confess Cristo Figlio del Dio vivente, laltro, fatto Vaso di elezione aggiunse che lo stesso Verbo Sapienza e Forza di Dio. Uno, Primizia di Israele istitu la Chiesa dei Padri, laltro Maestro e Dottore dei Pagani li chiam alla fede. Pur nella diversit delle provenienze, li radunarono nellunica Famiglia di Cristo, e pur divisi nel tempo sono uniti in eterno in un unico giorno e sotto ununica corona, per Cristo Signore nostro.

noi, uniti agli Angeli e agli Arcangeli ai Troni e alle Dominazioni e alla moltitudine delle milizie dellesercito celeste, cantiamo con voce incessante linno della tua gloria:

Degli

ORATIO I Dio onnipotente ed eterno, dona al tuo popolo di celebrare con devozione il giorno natalizio dei Principi degli Apostoli affinch quello stesso mondo, che per il loro insegnamento ha confessato la fede nellunico Dio possa essere radunato e conservato dal loro suffraggio. ORATIO II Dio onnipotente e sempiterno che hai dato un sostegno alla nostra fragilit colla consolazione e la vicinanza dei tuoi Santi, dona a noi che hai costituito sotto il la protezione di tali Patroni, di essere armati di una continua sicurezza e di godere di una gioia perfetta. ORATIO III Dio che hai posto le fondamenta della Chiesa sui tuoi Santi Monti, donale di non essere piegata dalle incursioni degli errori n squassata dai turbamenti del mondo, ma sia sempre ferma sul fondamento degli Apostoli e sicura nel loro intervento in suo favore. ORATIO IIII saudiscici o Dio nostra salvezza, e proteggi con i presidi dei tuoi Santi Apostoli, coloro ai quali hai dato di rimanere fedeli ai loro insegnamenti. ORATIO V er tuo dono o Signore risplende per noi il giorno natalizio dei tuoi Santi Apostoli Pietro e Paolo, concedi, ti preghiamo che la gloriosa passione di questo giorno, come ha dato ad essi unimperitura grandezza possa operare in noi unimperitura difesa.

O O O E P

P
veramente cosa degna e giusta, nostro dovere e fonte di salvezza, rendere grazie sempre e dovunque a te, Santo Signore, Padre onnipotente, Dio eterno. u, secondo la legge inviolabbile della tua promessa, concedi con la dignit suprema della confessione apostolica, che nessuna legge della falsit che conduce alla morte, possa prevalere su ci che hai reso saldo sul fondamento della tua verit. E per quanto grande la moltitudine degli erranti, essi saranno figli della tua redenzione essi saranno numerati nella tua Chiesa, se non differiscono dalla tradizione originaria dei tuoi eletti, ricevuta dagli Apostoli e stabilita da Cristo Signore nostro.

er mezzo di Lui gli Angeli lodano la tua Maest, le Dominazioni la adorano, le Potenze la venerano con tremore. I Cieli e le Forze dei Cieli, con i Beati Serafini, uniti la celebrano con esultanza. Ti preghiamo dunque o Signore, con le loro voci accetta anche le nostre, mentre supplici confessiamo dicendo.

P
veramente cosa degna e giusta, nostro dovere e fonte di salvezza, rendere grazie sempre e dovunque a te, Santo Signore, Padre onnipotente, Dio eterno. ggi celebriamo uniti nella fede, il trofeo conquistato dai tuoi Santi Apostoli, che nella Citt Eterna hanno testimoniato con il Sangue il Salvatore e il Redentore del Mondo. Sono questi infatti gli uomini, che hanno fatto rispendere su Roma la luce del Vangelo di Cristo, e colei che in origine era la maestra nellerrore, oggi diventata la Figlia della Verit, e per quanto furono tenaci i vincoli con cui il demonio laveva legata, tanto pi magnifica fu la sua liberazione, operata da Cristo nostro Signore

er mezzo di Lui gli Angeli lodano la tua Maest, le Dominazioni la adorano, le Potenze la venerano con tremore. I Cieli e le Forze dei Cieli, con i Beati Serafini, uniti la celebrano con esultanza. Ti preghiamo dunque o Signore, con le loro voci accetta anche le nostre, mentre supplici confessiamo dicendo.

ILI D

LO

ORATIO I onaci ti preghiamo o Dio onnipotente, che la veneranda solennit del tuo beato Apostolo Ill. alla quale ci prepariamo, faccia crescere in noi la devozione e la salute. ORATIO II ifendici o Signore, sotto il patrocinio apostolico del beato Ill. e come ci ha dato la grazia di celebrare la sua festa, donaci di stare sempre sicuri avendolo come nostro custode. SECRETA ome culmine della nostra devozione apostolica ti offriamo o Signore questi Sacri Misteri e ti preghiamo: per i suffragi del beato Apostolo Ill. al cui giorno natalizio ci prepariamo, il tuo popolo possa sempre attingere ai suoi voti e ricevere quanto desidera.

D D C P

POSTCOMUNIONE lacato dalla supplica del tuo Santo Apostolo Ill. o Signore, ti preghiamo, donaci il perdono dei nostri peccati e concedici i rimedi sempiterni. SUL POPOLO uarda pacificato il tuo gregge o Buon Pastore e quell ovile che hai riscattato con prezioso sangue, per lintercessione dei tuoi gloriosi Apostoli, non permettere che sia lacerato da nessuna incursione diabolica.

Di s

ORATIO I onaci, ti preghiamo o Signore, di gloriarci delle solennit del Beato Apostolo Tommaso, affinch possiamo sempre risollevarci per il suo Patrocinio e crescere nella devozione per la sua fede.

D T

ORATIO II i preghiamo, Dio onnipotente, non permettere che siamo turbati da nessuna tempesta, noi che tu hai fondato saldamente sulla pietra della confessione di fede apostolica. SECRETA on supplice invocazione o Signore ti rendiamo il debito del nostro servizio, affinch per i suffragi del Beato Apostolo Tommaso siamo difesi dai tuoi Doni, noi che lo onoriamo immolando le vittime della tua confessione di lode.

C C

POSTCOMUNIONE onserva o Signore il tuo popolo, e coloro che non hai desinato di aiutare con la vigile protezione dei tuoi Santi, concedigli di godere sempre dei rimedi eterni. SUL POPOLO uarda pacificato il tuo gregge o Buon Pastore e quell ovile che hai riscattato con prezioso sangue, per lintercessione dei tuoi gloriosi Apostoli, non permettere che sia lacerato da nessuna incursione diabolica.


Di Santa Maria Goretti, Vergine e Martire.

Dio, fonte dinnocenza e amante della purezza, che donasti alla fanciulla Maria Goretti, la grazia del martirio in tenera et ti preghiamo: per sua intercessione, concedi a noi la costanza nellobbedire ai tuoi comandamenti, come hai dato la corona alla vergine vittoriosa.

Dei Santi sette Fratelli Martiri, Rufina e Secunda, Vergini e Martiri. a te ne preghiamo o Dio onnipotente, che come veneriamo i gloriosi Martiri intrepidi nella confessione della fede cos li sentiamo ferventi nellintercedere in nostro favore presso di te.

Di s

ORATIO I Dio, che hai scelto san Benedetto abate e lo hai costituito maestro di coloro che dedicano la vita al tuo servizio, concedi anche a noi di non anteporre nulla allamore di Cristo e di correre con cuore libero e ardente nella via dei tuoi precetti. ORATIO II intercessione del beato Abate Benedetto, Padre dei Monaci dOccidente, ci sia dappoggio presso di te o Signore, affinch per il suo patrocinio otteniamo ci che non possiamo conseguire con i nostri meriti.

O l

SECRETA Signore il Santo Abate Benedetto interceda affinch giovino alla nostra salvezza queste vittime deposte sopra i tuoi Santi Altari. POSTCOMUNIONE Signore ci protegga insieme al Sacramento che abbiamo ricevuto lintercessione del Beato Abate Benedetto, Padre dei monaci dellOccidente, in modo che possiamo trarre profitto dagli ammirevoli esempi della sua vita e sentiamo lefficaca della sua intercessione.

O O L

SUL POPOLO a tua famiglia o Signore con la tua vigile protezione conservala e con i tuoi eterni presidii difendila affinch messo sempre fuori ogni disordine cammini continuamente nella tua provvidenza.


Dei Santi Nabore e Felice, Martiri.

a o Signore che lintercessione dei tuoi Santi Martiri Nabore e Felice non venga mai meno a noi che ne celbriamo la nascita alla fita eterna.

Di San Bonaventura, Confessore e Dottore.

ORATIO Dio che hai dato al tuo popolo quale ministro di eterna salvezza, il Beato Bonaventura, fa che possiamo avere intercessore in cielo chi ci fu maestro di vita in terra.

ORATIO I Dio, che hai onorato lordine del Carmelo col nome glorioso della Beatissima Maria sempre Vergine e Madre tua, concedi propizio che, difesi da Colei di cui oggi celebriamo la commemorazione, meritiamo di giungere alle gioie eterne. Tu che sei Dio. ORATIO II istendi verso di noi la tua destra o Signore e per lintercessione della Beata e Gloriosa sempre Vergine Madre di Dio Maria vienici incontro con laiuto della tua superna potenza. SECRETA antifica, te ne preghiamo, o Signore il Sacrificio che ti offerto, e per la benefica intercessione della Beata Madee di Dio Maria, sia per noi sorgente di salvezza.

O D S

POSTCOMUNIONE i aiuti o Signore la santa intercessione della tua gloriosa Madre e sempre Vergine Maria, affinch dopo averci colmato di continui benefici, liberi da ogni pericolo ci renda per sua bont concordi. Tu che vivi. SUL POPOLO Dio onnipotente con la potenza della tua destra proteggi da tutti i pericoli i tuoi servi, e per le preghiere della Beata Vergine Maria fa che godano la prosperit nella vita presente e in quella futura.


Dei Santi Simforosa e Figli, Martiri.

Dio che ci concedi di celebrare la nascita alla vita eterna dei tuoi Santi Martiri Simforosa e dei suoi figli, degnati di associarci a loro nelleternit beata.

Di San Vincenzo de Paoli.

Dio che per evangelizzare i poveri e promuovere il decoro dellordine ecclesiastico hai munito di ardore apostolico il beato Vincenzo, fa che onorando i meriti della sua vita di carit possiamo trarre profitto dallesempio delle sue virt.

Di SantArsenio

Dio onnipotente e mitissimo, che hai fatto scaturire dalla roccia una fonte dacqua viva per il popolo assetato, strappa dalla durezza del nostro cuore lacrime di compunzione: affinch possiamo piangere i nostri peccati e meritare, per la tua misericordia, la loro remissione.


Di Santa Maria Maddalena.

i aiuti, te ne preghiamo o Signore, lintercessione della beata Maria Maddalena, per le cui preghiere tu risuscitasti dai morti il fratello Lazaro gi da quattro giorni nella tomba. Tu che sei Dio.

Di San Sharbel

Dio, che hai chiamato san Charbel (Makhlf) al singolare combattimento della vita eremitica e lo hai colmato di ogni dono di piet, fa che, associati alla passione del Signore, possiamo aver parte con lui nel regno dei cieli.

Di s

ORATIO I ii o Signore il santificatore e il custode del tuo popolo, affinch sotto la protezione del tuo Apostolo Giacomo sia a te gradito per la sua condotta e ti serva con animo sereno.

ORATIO II i preghiamo, Dio onnipotente, non permettere che siamo turbati da nessuna tempesta, noi che tu hai fondato saldamente sulla pietra della confessione di fede apostolica.

T I

SECRETA l glorioso Martirio del beato Giacomo Apostolo ti renda gradite le offerte del tuo popolo o Signore e poich non sono degne di te per i nostri meriti, ti siano accette per la sua preghiera. POSTCOMUNIONE iutaci o Signore per intercessione del tuo beato Apostolo Giacomo nella cui festa abbiamo ricevuto con gioia i tuoi Santi Doni. SUL POPOLO uarda pacificato il tuo gregge o Buon Pastore e quell ovile che hai riscattato con prezioso sangue, per lintercessione dei tuoi gloriosi Apostoli, non permettere che sia lacerato da nessuna incursione diabolica.


Dei Santi Anna e Gioacchino.

Dio dei nostri padri, che ai santi Gioacchino e Anna hai dato il privilegio di avere come figlia Maria, madre del Signore, per loro intercessione concedi ai tuoi fedeli di godere i beni della salvezza eterna.

Dei Santi Nazario, Celso, Vittore e Innocenzo

a gloriosa professione di fede dei tuoi Santi Nazario, Celso, Vittore e Innocenzo ci fortifichi o Signore, ed ottenga soccorso alla nostra fragilit.

Di Santa Marta.

Dio onnipotente ed eterno, il tuo Figlio fu accolto come ospite a Betania nella casa di santa Marta, concedi anche a noi di esser pronti a servire Ges nei fratelli, perch al termine della vita siamo accolti nella tua dimora.


Dei Santi Abdon e Sennen

Dio che hai accordato ai tuoi Santi Abdon e Sennen una grazia sovrabbondante er giungere a tanta gloria, perdona i peccati dei tuoi servi, perch grazie ai meriti dei tuoi Santi possano essere liberati da ogni avversit.

Di SantIgnazio

Dio che per la maggior gloria del tuo nome hai procurato alla Chiesa militante, per mezzo del beato Ignazio, lappoggio di nuove forze, concedi che combattendo in terra col suo aiuto ed a sua imitazione, meritiamo di essere coronati con lui in cielo.

Dei Santi Maccabei in San Pietro in Vincoli ORATIO I Dio che hai fatto andare illeso il beato Pietro Apostolo legato in catene, te ne preghiamo, sciogli i legami dei nostri peccati, e propizio slega da noi ogni male. ORATIO II i rallegri o Signore la fraterna corona dei tuoi Martiri, essa procuri alla nostra fede un aumento di virt e ci dia il conforto di pi nuerosi intercessori.

O C


Di San Domenico

Dio che ti sei degnato illuminare la tua Chiesa con i meriti e la dottrina del beato Domenico tuo Confessore, concedi che per sua intercessione non sia mai priva di aiuti temporali e sempre progredisca con spirituali conquiste.

ORATIO I Dio, che nella gloriosa Trasfigurazione del tuo Unigenito hai confermato i sacramenti della fede con la testimonianza dei Padri ed hai mirabilmente annunciato, con la voce dalla nube luminosa, la perfetta adozione a figli, rendici, nella tua bont, coeredi del Re della gloria e concedici di essere partecipi della sua stessa gloria. ORATIO II isveglia Signore, ti preghiamo, la tua potenza e vieni, affinch nei pericoli che ci minacciano a causa dei nostri peccati, meritiamo di averti Protettore che ci libera e Redentore che ci salva. SECRETA antifica, o Signore, queste offerte con la gloriosa Trasfigurazione del tuo Unigenito, e per gli splendori della sua luce purificaci dalle macchie dei peccati.

O R S

POSTCOMUNIONE oncedici, te ne preghiamo, o Dio onnipotente, di penetrare con lintelligenza di unanima purificata i sacri misteri della Trasfigurazione del tuo Figliolo, che solennemente celebriamo. SUL POPOLO enedici o Signore questa tua famiglia con la tua benedizione celeste e ricolmala dei tuoi doni spirituali; concedi loro: carit, gioia, pace, pazienza, bont, mansuetudine, speranza, fede, continenza e riempiti dai tutti i doni della sobriet desiderandoti meritino di raggiungerti.

Di s

ORATIO I scolta o Signore le nostre suppliche e per intercessione del tuo beato Martire Lorenzo, alla cui festa ci prepariamo, effondi benigno sopra di noi unincessante misericordia. ORATIO II sulti il tuo popolo o Signore, te ne preghiamo, nella commemorazione di San Lorenzo e come si rallegra nella celebrazione di questi sacri riti, sia munito del suffraggio che da essi scaturisce. SECRETA ccogli propizio o Signore il Sacrificio che ti offriamo e per intercessione del tuo beato Martire Lorenzo, sciogli i legami dei nostri peccati.

POSTCOMUNIONE a te ne preghiamo o Signore Dio nostro che come ci rallegra quaggi festeggiare il ricordo del tuo beato Martire Lorenzo, cos ci allieti per leternit la sua visione. SUL POPOLO enedica tutti voi, Dio, con ogni benedizione celeste e vi renda puri e santi alla sua presenza, sovrabbondino in voi le ricchezze della sua gloria, vi istruisca con la Parola della Verit e vi ammaestri con il Vangelo della Salvezza ricolmandovi della Carit di tutti i Santi.

Di s

ORATIO I ccordaci, Dio onnipotente di poter estinguere le fiamme dei nostri vizi, tu che hai dato al beato Lorenzo la forza di superare le fiamme del suo tormento. ORATIO II sulti il tuo popolo o Signore, te ne preghiamo, nella commemorazione di San Lorenzo e come si rallegra nella celebrazione di questi sacri riti, sia munito del suffraggio che da essi scaturisce. SECRETA ccogli benignamente o Signore le nostre offerte e per i meriti del beato Lorenzo fa che siano un aiuto per la nostra salvezza.

POSTCOMUNIONE aziati dal Sacro Dono, ti supplichiamo o Signore, che celebrando questo sacrificio, espressione del debito della nostra servit, per intercessione del tuo beato Lorenzo, ne otteniamo sempre maggiori frutti di salvezza.

SUL POPOLO enedica tutti voi, Dio, con ogni benedizione celeste e vi renda puri e santi alla sua presenza, sovrabbondino in voi le ricchezze della sua gloria, vi istruisca con la Parola della Verit e vi ammaestri con il Vangelo della Salvezza ricolmandovi della Carit di tutti i Santi.

ORATIO I Dio che ti sei degnato di scegliere per tua dimora il seno verginale della beata Maria, fa, te ne preghiamo, che difesi dalla sua protezione possiamo prendere parte con gioia alla ceebrazione della sua festa. ORATIO II istendi verso di noi la tua destra o Signore e per lintercessione della Beata e Gloriosa sempre Vergine Madre di Dio Maria vienici incontro con laiuto della tua superna potenza. SECRETA e nostre offerte o Signore, siano presentate alla tua clemenza dalla preghiera della Madre di Dio che hai tolto da questo mondo appunto perch interceda fiduciosamente presso di te per il perdono dei nostri peccati.

O D L

POSTCOMUNIONE oncedi o Dio misericordioso un aiuto alla nostra debolezza, affinch, prevenendo la festa della santa Madre di Dio, sostenuti dalla sua intercessione ci risolleviamo dalle nostre colpe. SUL POPOLO Dio onnipotente con la potenza della tua destra proteggi da tutti i pericoli i tuoi servi, e per le preghiere della Beata Vergine Maria fa che godano la prosperit nella vita presente e in quella futura.

eD

ORATIO I Dio onnipotente ed eterno, che hai assunto in corpo ed anima alla gloria celeste lImmacolata Vergine Maria, Madre del tuo Figlio; concedi a noi che ricercando sempre le cose del cielo, diventiamo partecipi della sua gloria. ORATIO II istendi verso di noi la tua destra o Signore e per lintercessione della Beata e Gloriosa sempre Vergine Madre di Dio Maria vienici incontro con laiuto della tua superna potenza. SECRETA alga a te, o Signore, lofferta della nostra devozione: e per lintercessione della beatissima Vergine Maria, assunta in cielo, i nostri cuori, accesi dal fuoco dellamore, aspirino continuamente a te. POSTCOMUNIONE oi che abbiamo ricevuto il sacramento della salvezza concedi o Signore, per i meriti e lintercessione della beata vergine Maria assunta in cielo, di giungere alla gloria della risurrezione. SUL POPOLO Dio onnipotente con la potenza della tua destra proteggi da tutti i pericoli i tuoi servi, e per le preghiere della Beata Vergine Maria fa che godano la prosperit nella vita presente e in quella futura.

O D S

P
veramente cosa degna e giusta, nostro dovere e fonte di salvezza, rendere grazie sempre e dovunque a te, Santo Signore, Padre onnipotente, Dio eterno. oi ti lodiamo, ti benediciamo, ti glorifichiamo nellAssunzione della beata sempre Vergine Maria. Per opera dello Spirito Santo, ha concepito il tuo unico Figlio; e sempre intatta nella sua gloria verginale, ha irradiato sul mondo la luce eterna, Ges Cristo nostro Signore. er mezzo di Lui gli Angeli lodano la tua Maest, le Dominazioni la adorano, le Potenze la venerano con tremore. I Cieli e le Forze dei Cieli, con i Beati Serafini, uniti la celebrano con esultanza. Ti preghiamo dunque o Signore, con le loro voci accetta anche le nostre, mentre supplici confessiamo dicendo.

Di s o o eo

ORATIO I Dio onnipotente ed eterno che ci hai dato la santa e devota gioia di questo giorno dedicato al tuo beato Apostolo Bartolomeo, concedi alla tua Chiesa, te ne preghiamo, di amare ci che egli ha creduto e di predicare ci che ha insegnato. ORATIO II i preghiamo, Dio onnipotente, non permettere che siamo turbati da nessuna tempesta, noi che tu hai fondato saldamente sulla pietra della confessione di fede apostolica. SECRETA elebrando la festa del tuo beato Apostolo Bartolomeo ti preghiamo o Signore, di accogliere i tuoi benefici con laiuto di colui, in onore del quale immoliamo a te il Sacrificio di Lode. POSTCOMUNIONE l patto deterna redenzione che abbiamo ricevuto o Signore, per intercessione del tuo beato Apostolo Bartolomeo, ci sia di aiuto per la vita presente non meno che per quella futura. SUL POPOLO uarda pacificato il tuo gregge o Buon Pastore e quell ovile che hai riscattato con prezioso sangue, per lintercessione dei tuoi gloriosi Apostoli, non permettere che sia lacerato da nessuna incursione diabolica.

O T

C I

co

e or
Di Santa Monica

io e

Dio consolatore degli afflitti e speranza di chi spera in te, che hai misericordiosamente accolto le lacrime della beata Monica per la conversione del figlio Agostino concedici, per lintercessione di entrambi, di piangere i nostri peccati e di ottenere il perdono della tua grazia.

Di SanAgostino

scolta le nostre suppliche, o Dio onnipotente, ed a coloro cui permetti di aver fiducia nella tua bont, per intercessione del tuo beato Confessore e Vescovo Agostino, accorda benigno i consueti effetti della tua misericordia.

Di s

ORATIO I Dio onnipotente ed eterno, che hai dato ai tuoi fedeli di venerare il martirio del precursore del tuo Unigenito Figlio, accompagnaci con il dono della tua provvidenza affinch ci che ci stato mostrato dalla testimonianza di colui che annuncia possa essere adempiuto dalla presenza di Colui che annunciato: Ges Cristo nostro Signore che. ORATIO II per Santa Sabina Dio che tra gli altri prodigi della tua potenza, hai accordato anche a deboli donne la vittoria del martirio, concedi propizio che celebrando la nascita alla vita eterna della tua beata Martire Sabina veniamo a te seguendo i suoi esempi. SECRETA e offerte, o Signore, che ti presentiamo in onore della passione del Santo Martire tuo Giovanni Battista, per sua intercessione giovino, te ne preghiamo, alla nostra salvezza. POSTCOMUNIONE a solennit di San Giovanni Battista faccia s, o Signore, che dei magnifici sacramenti di cui ci siamo cibati non solo ne veneriamo i significati ma di pi ne godiamo leffetto in noi realmente prodotto SUL POPOLO l tuo beato servo Giovanni o Signore, con la sua preghiera e la sua testimonianza ci faccia degni di accogliere il Mistero di Colui al quale ha preparato la via.

O O L L I

P
veramente cosa degna e giusta, nostro dovere e fonte di salvezza, benedire te, Signore, Dio dei nostri Padri, poich hai visitato e operato, la redenzione del tuo popolo. er le viscere della tua misericordia, ci ha visitati dallAlto Colui che chiamato lOriente, Ges Cristo Signore nostro, per illuminare coloro che siedono nelloscurit e nellombra della morte, e per dirigere i nostri passi su una via di pace.

P T

u hai voluto che il Sole di Giustizia fosse annunciato dallAurora del Precursore, Angelo radioso mandato a noi su questa misera terra, non solo con la nascita ma anche con la morte, perch colui che prepar il popolo al mistero dellincarnazione fosse lo stesso che preannunciava ai discepoli, il mistero della redenzione. noi, uniti agli Angeli e agli Arcangeli ai Troni e alle Dominazioni e alla moltitudine delle milizie dellesercito celeste, cantiamo con voce incessante linno della tua gloria:


Dei Santi Felice e Adaucto

mploriamo supplichevoli la tua maest o Signore, affinch, come ci allieti perennemente con il ricordo dei tuoi Santi, cos tu ci difenda con la loro intercessione.

Di San Gregorio

Dio che hai accordato allanima del beato Gregorio il premio delleterna felicit, concedici, te ne preghiamo, che oppressi dal peso dei nostri peccati, ne siamo sollevati per le sue preghiere presso di te.

del VII iiii

ese

Oremus Flectamus genua Levate ORATIO I Signore la nostra debolezza sia sostenuta dal tuo aiuto misericordioso, affinch, mentre vien meno per sua natura, sia risollevata dalla tua clemenza. Dominus vobiscum ORATIO II oncedi, o Signore, alla tua famiglia in preghiera che, mentre col digiuno si astiene dal cibo, si astenga con lanima anche dai vizi. ORATIO III uardaci o Dio nostro protettore e difendici dalla paura dei nostri nemici: affinch allontanato ogni turbamento ti possiamo servire con mente tranquilla. SECRETA uesta offerta o Signore ci purifichi dai nostri peccati e per celebrare degnamente il sacrificio santifichi il corpo e lanima dei tuoi servi affezionati. POSTCOMUNIONE el ricevere o Signore i Doni celesti, ti supplichiamo umilmente, affinch col tuo aiuto possiamo pienamente accogliere ci che per tua grazia compiamo con assiduo servizio. SUL POPOLO ii presente o Signore ai tuoi servi devoti e dona con generosit la tua opera a coloro che la chiedono affinch in coloro che si gloriano di averti come loro Creatore e Guida sia restaurato ci che hai creato e sia conservato ci che hai restaurato.

o C

P
veramente cosa degna e giusta, nostro dovere e fonte di salvezza, rendere grazie sempre e dovunque a te, Santo Signore, Padre onnipotente, Dio eterno. u Creatore e Redentore del genere umano vuoi che procediamo verso le promesse di vita eterna, percorrendo i sentieri della giustizia. Ma ben sapendo che non sarebbero mancate le tentazioni ci hai premunito con numerosi mezzi di difesa per abbattere ogni tranello del demonio. Tra questi mezzi che hai dato ai tuoi servi, il pi utile da usare come arma contro le tutte le astuzie del nemico, la forza della continenza, le opere della misericordia e il digiuno dai nostri vizi, per Cristo Signore nostro.

er mezzo di Lui gli Angeli lodano la tua Maest, le Dominazioni la adorano, le Potenze la venerano con tremore. I Cieli e le Forze dei Cieli, con i Beati Serafini, uniti la celebrano con esultanza. Ti preghiamo dunque o Signore, con le loro voci accetta anche le nostre, mentre supplici confessiamo dicendo.

del VII Vi

ese

ORATIO I oncedi, te ne preghiamo, o Dio onnipotente, che celebrando ogni anno con devozione la sacra osservanza di questo digiuno, possiamo esserti graditi sia nel corpo che nella mente.

C C T T S

ORATIO II oncedici, o Dio onnipotente e misericordioso, che lo Spirito Santo, venendo in noi, si degni di renderci, con la sua dimora, tempio della sua gloria. SECRETA i siano graditi o Signore i Doni che uniamo al nostro digiuno; purificandoci, ci rendano degni della tua grazia e ci conducano ai beni eterni da te promessi. POSTCOMUNIONE i preghiamo o Dio onnipotente, che mentre ti ringraziao dei Doni ricevuti, ne traiamo benefici andora maggiori. SUL POPOLO ii presente o Signore ai tuoi servi devoti e dona con generosit la tua opera a coloro che la chiedono affinch in coloro che si gloriano di averti come loro Creatore e Guida sia restaurato ci che hai creato e sia conservato ci che hai restaurato.

D S

del VII

ese

Oremus Flectamus genua Levate ORATIO I io onnipotente ed eterno che per mezzo di una salutare astinenza guarisci i corpi e le menti, noi supplici invochiamo umilmente la tua maest, affinch, placato dalla devota preghiera di quelli che digiunano tu ci conceda aiuto per il presente e per lavvenire Oremus Flectamus genua Levate ORATIO II oncedici o Dio onnipotente, che digiunando siamo saziati dalla tua grazia, e praticando lastinenza siamo resi pi forti di tutti i nostri nemici. Oremus Flectamus genua Levate ORATIO III roteggi o Signore la tua famiglia, affinch cercando per tua ispirazione i rimedi della salvezza eterna, possiamo ottenerli dalla tua liberalit. Oremus Flectamus genua Levate ORATIO IIII oncedi o Signore di praticare in tal modo il digiuno da astenerci nello stesso tempo dalle passioni irruenti. Oremus Flectamus genua Levate ORATIO V Signore che ci concedi di offrirti questo solenne digiuno, accordaci pure il soccorso del tuo perdono.

D C P

C O O

Domunus vobiscum ORATIO VI Dio che hai temperato per i tre giovani le fiamme della fornace, concedi benigno a noi tuoi servi di non essere arsi dalla fiamma delle passioni.

ORATIO VII uardaci o Dio nostro protettore e difendici dalla paura dei nostri nemici: affinch allontanato ogni turbamento ti possiamo servire con mente tranquilla. SECRETA oncedi, te ne preghiao, Dio onnipotente, che lofferta presentata allo sguardo della tua maest ci ottenga la grazia di un vero dono di noi stessi e ci assicuri leternit beata. POSTCOMUNIONE l tuo Sacramento o Signore, realizzi in noi ci che contiene, affinch riceviamo nella realt, quanto ora celebriamo sotto il velo del simbolo.

C I

SUL POPOLO ii presente o Signore ai tuoi servi devoti e dona con generosit la tua opera a coloro che la chiedono affinch in coloro che si gloriano di averti come loro Creatore e Guida sia restaurato ci che hai creato e sia conservato ci che hai restaurato.

tivit D

ORATIO I largisci, o Signore ai tuoi servi il dono della grazia celeste e fa che la solennit della Nativit della Madre di Dio accresca la pace di quanti ebbero nel parto verginale linizio della loro salvezza. ORATIO II istendi verso di noi la tua destra o Signore e per lintercessione della Beata e Gloriosa sempre Vergine Madre di Dio Maria vienici incontro con laiuto della tua superna potenza. SECRETA enga in nostro soccorso o Signore lumanit del tuo unigenito, affinch Colui che, nascendo dalla Vergine, non sminu ma consacr lintegrit della Madre, nella festa della sua Nativit, liberandoci dalle nostre colpe, renda a te gradita la nostra offerta, Ges Cristo nostro Signore che Dio. POSTCOMUNIONE bbiamo ricevuto o Signore i Santi Misteri in questa festa annuale: fa che siano per noi rimedio sia per la vita presente che per quella futura. SUL POPOLO Dio onnipotente con la potenza della tua destra proteggi da tutti i pericoli i tuoi servi, e per le preghiere della Beata Vergine Maria fa che godano la prosperit nella vita presente e in quella futura.

D V


ORATIO I Dio che con la Croce di Cristo nostro Signore, ci hai liberato dalla morte, eredit dellantico peccato, trasmessa per naturale discendenza a tutto il genere umano; concedi che resi conformi a lui, come abbiamo portato in noi, in forza della nostra nascita, limmagine dell uomo terreno, cos per lazione santificante della grazia, portiamo limmagine delluomo celeste. ORATIO II Dio, da cui Giuda ha ricevuto la pena del suo delitto e il buon ladrone il premio della sua fede, applica a noi lopera della tua riconciliazione e come da Ges Cristo, nostro Signore nella sua Croce fu data a quelli, secondo i meriti, diversa ricompensa, cos, distrutto in noi lerrore del peccato ci sia data la grazia della sua risurrezione. Lui che Dio. SECRETA rima di ricevere in nutrimento il Corpo e il Sangue di Ges Cristo, nostro Signore, dal quale stato santificato il vessillo della Croce, ti preghiamo o Signore Dio nostro, che come siamo stati ammessi ad adorarlo, otteniamo per esso la salvezza e la gloria eterna. POSTCOM ssistici o Signore Dio nostro, e quelli che allieti con il trionfo della Santa Croce difendili pure con il suo perenne aiuto. SUL POPOLO ediante il segno della Santa Croce difendi o Signore il tuo popolo dalle insidie di tutti i nemici, affinch ti possiamo rendere lomaggio gradito della nostra sottomissione e il nostro servizio ti sia accetto.

O O P

P
veramente cosa degna e giusta, nostro dovere e fonte di salvezza, rendere grazie sempre e dovunque a te, Santo Signore, Padre onnipotente, Dio eterno. ellalbero della Croce, tu hai stabilito la salvezza del genere umano, perch donde sorgeva la morte di la risorgesse la vita, e chi dallalbero traeva vittoria, dallalbero venisse sconfitto, per Cristo Signore nostro. er mezzo di Lui gli Angeli lodano la tua Maest, le Dominazioni la adorano, le Potenze la venerano con tremore. I Cieli e le Forze dei Cieli, con i Beati Serafini, uniti la celebrano con esultanza. Ti preghiamo dunque o Signore, con le loro voci accetta anche le nostre, mentre supplici confessiamo dicendo.


Dei Sette Dolori della Beata Vergine Maria

ORATIO I Dio nella cui passione, secondo la profezia di Simeone, la spada del dolore trafisse la dolcissima anima della gloriosa Vergine e Madre Maria, concedi propizio che celebrando con pia devozione i suoi dolori, conseguiamo il felice frutto della tua stessa passione. Tu che sei Dio. ORATIO II ntervenga in nostro favore presso la tua clemenza o Signore Ges Cristo, adesso e nellora della nostra morte, la beata Vergine Maria Madre tua, la cui anima fu trafitta nel momento della tua passione dalla spada del dolore. Tu che sei Dio. SECRETA i presentiamo o Signore Ges Cristo, preghiere e offerte mentre andiamo meditando lo strazio del cuore dolcissimo della tua Santa Madre Maria; per la continua e accresciuta intercessione di lei e dei Santi che le erano accanto ai piedi della Croce, rendici partecipi della comunit dei Beati in virt della tua morte, tu che sei Dio. POSTCOMUNIONE il Sacrificio cui abbiamo partecipato celebrando lo strazio della Vergine tua Madre, o Signore Ges Cristo, ci ottenga dalla tua clemenza il pieno effetto della salvezza. Tu. SUL POPOLO er il segno della Santa Croce difendi o Signore il tuo popolo dalle insidie di tutti i nemici, affinch possiamo rendere lomaggio gradito del nostro affetto filiale per Colei che ai tuoi piedi stata nostra intrepida Madre.

O I

T I


Dei Santi Cornelio e Cipriano

onaci o Signore la gioia dellesaudimento delle nostre preghiere: affinch, celebrando devotamente ogni anno il giorno del martirio dei Santi Cornelio e Cipriano, ne imitiamo pure la costranza nella fede.

Dellimpressione delle Stimmate di San Francesco ignore Ges Cristo, che in un mondo in cui la carit si raffreddava per infiammare i nostri cuori col fuoco del tuo amore hai rinnovato nel corpo del beatissimo Francesco le sacre piaghe della tua passione, concedici propizio, per i suoi meriti e le sue preghiere, di portare costantemente la croce e di compiere opere di vera penitenza. Tu.

Di s

ORATIO I onaci ti preghiamo o Dio onnipotente, che la veneranda solennit del tuo beato Apostolo ed Evangelista Matteo alla quale ci prepariamo, faccia crescere in noi la devozione e la salute. ORATIO II ifendici o Signore, sotto il patrocinio apostolico del beato Evangelista Matteo e come ci ha dato la grazia di celebrare la sua festa, donaci di stare sempre sicuri avendolo come nostro custode. SECRETA ome culmine della nostra devozione apostolica ti offriamo o Signore questi Sacri Misteri e ti preghiamo: per i suffragi del beato Apostolo ed Evangelista Matteo al cui giorno natalizio ci prepariamo, il tuo popolo possa sempre attingere ai suoi voti e ricevere quanto desidera.

D D C P

POSTCOMUNIONE lacato dalla supplica del tuo Santo Apostolo ed Evangelista Matteo o Signore, ti preghiamo, donaci il perdono dei nostri peccati e concedici i rimedi sempiterni. SUL POPOLO uarda pacificato il tuo gregge o Buon Pastore e quell ovile che hai riscattato con prezioso sangue, per lintercessione dei tuoi gloriosi Apostoli, non permettere che sia lacerato da nessuna incursione diabolica.

Di s

ORATIO I a o Signore che siamo aiutati dai meriti del beato Apostolo ed Evangelista Matteo, affinch quanto non possiamo ottenere da soli, ci sia accordato per la sua intercessione. ORATIO II i preghiamo, Dio onnipotente, non permettere che siamo turbati da nessuna tempesta, noi che tu hai fondato saldamente sulla pietra della confessione di fede apostolica. SECRETA Signore, le preghiere del santo Apostolo ed Evangelista Matteo, raccomandino a te lofferta della tua Chiesa, ammaestrata dai suoi mirabili integnamenti. POSTCOMUNIONE bbiamo ricevuto il tuo insegnamento Signore e ti preghiamo, per lintercessione del tuo santo Apostolo ed Evangelista Matteo, che giovi per la nostra salvezza ci che abbiamo celebrato in suo onore. SUL POPOLO uarda pacificato il tuo gregge o Buon Pastore e quell ovile che hai riscattato con prezioso sangue, per lintercessione dei tuoi gloriosi Apostoli, non permettere che sia lacerato da nessuna incursione diabolica.


Di San Pio da Pietrelcina

io onnipotente ed eterno, con grazia singolare hai concesso al sacerdote san Pio di partecipare alla croce del tuo Figlio e per mezzo del suo mistero hai rinnovato le meraviglie della tua misericordia; concedi a noi per la sua intercessione, che uniti costantemente alla passione di Cristo possiamo giungere felicemente alla gloria della resurrezione.

Dei Santi Cosma e Damiano

a te ne preghiamo o Dio onnipotente, che celebrando la nascita alla vita eterna dei tuoi Santi Martiri Cosma e Daiano, siamo liberati per la loro intercessione da tutti i mali che ci minacciano.

Di San Nilo

intercessione del tuo santo servo Nilo o Signore giovi alla nostra salvezza e ci che non possiamo ottenere per la mancanza dei nostri meriti ci sia concesso per la santit della sua vita.

Dei

ORATIO I Dio che disponi con ordine mirabile i diversi compiti degli angeli e degli uomini: concedi che la nostra vita sia protetta sulla terra da quelli che in cielo stanno sempre alla tua presenza per servirti. ORATIO II oncedici o Dio onnpitotente di rendere sempre maggiore onore al beato Arcangelo Michele, affinch possiamo essere aiutati dalla sua preghiera celeste noi che in terra ne predichiamo la gloria. SECRETA er intercessione degli Angeli, ti offriamo o Signore, il sacrificio di lode e ti supplichiamo di accettarlo benigno e di renderlo utile alla nostra salvezza.

O C P S

POSTCOMUNIONE ostenuti dalla intercessione del tuo beato Arcangelo Michele, ti supplichiamo o Signore: quello che riceviamo con la bocca concedici di gustarlo con la mente. SUL POPOLO isita te ne preghiamo o Signore, questa santa dimora e allontana da essa tutte le insidie del nemico, abitino in lei i tuoi Santi Angeli i quali ci custodiscano nella pace, e la tua benedizione sia sempre su di noi.


Di San Girolamo

Dio che nel beato presbitero Girolamo tuo confessore ti sei degnato di provvedere alla tua Chiesa il pi grande Dottore nellinterpretazione delle Sacre Scritture, fa te ne preghiamo, che in grazia dei suoi meriti possiamo essere in grado di praticare quanto egli insegn con la parola e con le opere.

Di s TERES

ORATIO I ignore, tu che hai detto: se non diventerete come bambini non entrerete nel Regno dei Cieli, concedici, te ne preghiamo, di seguire in umilt e semplicit di cuore le orme della Santa Vergine Teresa, in modo da ottenere le eterne ricompense. ORATIO II Dio che tra gli altri prodigi della tua potenza hai vinto la forza del mondo con la fragilit di una donna, concedi propizio che celebrando la nascita alleterna vita della beata Teresina tua Vergine, veniamo a te seguendo i suoi esempi e sostenuti dalle sue preghiere. SECRETA a preghiera della tua Santa Vergine Teresina appoggi presso di te o Signore il nostro Sacrificio, in modo che ti sia gradito per i meriti della Santa in cui onore solennemente offerto. POSTCOMUNIONE uesto celeste mistero o Signore accenda in noi quel fuoco damore per il quale la tua Santa Vergine Teresina si offr a te quale Vittima di Carit per gli uomini.

O L

SUL POPOLO i preghiamo Signore, purifica i corpi e le menti dei tuoi fedeli, affinch compunti per lagire del tuo Spirito preferiscano evitare i compiacimenti dei peccati e non cedendo ai loro ammaliamenti si nutrano sempre della tua dolcezza.

Dei

ORATIO I Dio, che con ineffabile provvidenza ti degni di affidare ai Santi Angeli la nostra custodia, concedici, te ne preghiamo, di essere sempre difesi per la loro protezione e di godere per sempre della loro amicizia. ORATIO II Dio che disponi con ordine mirabile i diversi compiti degli angeli e degli uomini: concedi che la nostra vita sia protetta sulla terra da quelli che in cielo stanno sempre alla tua presenza per servirti. SECRETA ccogli o Signore i doni che ti presentiamo in onore dei tuoi Santi Angeli, e concedici propizio di essere liberati, per la loro perenne protezione, dai pericoli della vita presente e di pervenire alla vita eterna. POSTCOMUNIONE bbiamo ricevuto o Signore i Divini e Tremendi Misteri, nella letizia per la festa dei tuoi Santi Angeli; ti preghiamo di essere sempre liberati, per la loro protezione, dalle insidie dei nemici e di essere difesi contro ogni avversit. SUL POPOLO isita te ne preghiamo o Signore, questa santa dimora e allontana da essa tutte le insidie del nemico, abitino in lei i tuoi Santi Angeli i quali ci custodiscano nella pace, e la tua benedizione sia sempre su di noi.

O O

Di s

ORATIO I Dio che per i meriti del beato Francesco hai arricchito la tua Chiesa di una nuova famiglia, concedici di disprezzare, a sua imitazione, i beni terreni e di trovare la nostra perenne gioia nella partecipazione ai Doni Celesti.

O O S L

ORATIO II Dio Onnipotente, eterno, giusto e misericordioso, concedi a noi miseri di fare, per tua grazia, ci che sappiamo che tu vuoi, e di volere sempre ci che ti piace, affinch purificati nellanima, interiormente illuminati e accesi dal fuoco dello Spirito Santo, possiamo seguire le orme del Figlio tuo, il Signore nostro Ges Cristo, e a Te, o Altissimo, giungere con l'aiuto della tua sola grazia. SECRETA antifica, o Signore i Doni che ti sono consacrati e, per intercessione del beato Francesco, purificaci da ogni macchia di peccato. POSTCOMUNIONE a grazia celeste o Signore dilati la tua Chiesa che hai voluto far risplendere per i gloriosi meriti e gli esempi del beato Francesco tuo confessore. SUL POPOLO apisca, ti preghiamo, Signore, lardente e dolce forza del tuo amore la mente dei tuoi fedeli da tutte le cose che sono sotto il cielo, per imparare a morire per amore dellamor tuo, come tu ti sei degnato morire per amore dellamor nostro.

Di s

ORATIO I i aiuti, te ne preghiamo o Signore, lintercessione del tuo Santo Confessore Bruno, affinch noi, che peccando abbiamo offeso la tua maest, per i suoi meriti e le sue preghiere otteniamo il perdono delle nostre colpe.

ORATIO II Dio onnipotente ed eterno nelle cui mani risiedono tutte le forze e i diritti delle nazioni, volgiti in aiuto dei cristiani, affinch tutti coloro che fanno affidamento sulla loro ferocia siano piegati dalla tua potenza.

O T T

SECRETA i offriamo o Signore in memoria dei tuoi Santi, questo sacrificio di lode per il quale confidiamo di essere liberati dai mali presenti e futuri. POSTCOMUNIONE i preghiamo o Dio onnipotente, che in virt dellalimento celeste che abbiamo ricevuto, per intercessione del tuo beato confessore Bruno siamo protetti contro ogni forza avversa. SUL POPOLO Dio tu correggi ci che sbagliato, raduni ci che disperso, conservi quanto hai adunato; effondi benevolmente sul popolo cristino la grazia dellunione in te, affinch, eliminata ogni divisione, esso possa degnamente servirti come a te piace.

ORATIO I Dio il cui unigenito Figlio con la sua vita, morte e risurrezione ci ha procurato il beneficio delleterna salvezza, concedici che meditando questi misteri del Santissimo Rosario della beata Vergine Maria, imitiamo ci che essi contengono e otteniamo cil che promettono. ORATIO II istendi verso di noi la tua destra o Signore e per lintercessione della Beata e Gloriosa sempre Vergine Madre di Dio Maria vienici incontro con laiuto della tua superna potenza. SECRETA a o Signore che le nostre anime possano offrirti degnamente questi Doni e che per mezzo dei misteri del Santissimo Rosario meditiamo in tal modo la vita, la passione e la gloria del tuo Unigenito da divenire degni delle sue promesse. Egli Dio. POSTCOMUNIONE i aiutino o Signore le preghiere della tua santissima Madre, di cui celebriamo il Rosario, affinch sentiamo lefficacia dei misteri che onoriamo e otteniamo leffetto del Sacramento che riceviamo. Tu che sei Dio.

O D F

SUL POPOLO Dio onnipotente con la potenza della tua destra proteggi da tutti i pericoli i tuoi servi, e per le preghiere della Beata Vergine Maria fa che godano la prosperit nella vita presente e in quella futura.

Alla Madonna di Pompei Augusta Regina delle vittorie, o Vergine sovrana del Paradiso, al cui nome potente si rallegrano i cieli e tremano per terrore gli abissi, o Regina gloriosa del Santissimo Rosario, noi tutti, avventurati figli vostri, che la bont vostra ha prescelti in questo secolo ad innalzarvi un Tempio in Pompei, qui prostrati ai vostri piedi, in questo giorno solennissimo della festa dei novelli vostri trionfi sulla terra deglidoli e dei demoni, effondiamo con lacrime gli affetti del nostro cuore, e con la confidenza di figli vi esponiamo le nostre miserie.

eh! da quel trono di clemenza ove sedete Regina, volgete, o Maria, lo sguardo vostro pietoso verso di noi, su tutte le nostre famiglie, sullItalia, sullEuropa, su tutta la Chiesa; e vi prenda compassione degli affanni in cui volgiamo e dei travagli che ne amareggiano la vita. Vedete, o Madre, quanti pericoli nellanima e nel corpo ne circondano: quante calamit e afflizioni ne costringono! O Madre, trattenete il braccio della giustizia del vostro Figliuolo sdegnato e vincete colla clemenza il cuore dei peccatori: sono pur nostri fratelli e figli vostri, che costarono sangue al dolce Ges, e trafitture di coltello al vostro sensibilissimo Cuore. Oggi mostratevi a tutti, qual siete, Regina di pace e di perdono.

Salve Regina.

vero, vero che noi per primi, bench vostri figliuoli, coi peccati torniamo a crocifiggere in cuor nostro Ges, e trafiggiamo novellamente il vostro Cuore. S, lo confessiamo, siamo meritevoli dei pi aspri flagelli. Ma Voi ricordatevi che sulla vetta del Golgota raccoglieste le ultime stille di quel sangue divino e lultimo testamento del Redentore moribondo. E quel testamento di un Dio, suggellato col sangue di un Uomo-Dio, vi dichiarava Madre nostra, Madre dei peccatori. Voi, dunque, come nostra Madre, siete la nostra Avvocata, la nostra Speranza. E noi gementi stendiamo a Voi le mani supplichevoli, gridando: Misericordia!

iet vi prenda, o Madre buona, piet di noi, delle anime nostre, delle nostre famiglie, dei nostri parenti, dei nostri amici, dei nostri fratelli estinti, e soprattutto dei nostri nemici, e di tanti che si dicono cristiani, e pur dilacerano il Cuore amabile del vostro Figliuolo. Piet, deh! piet oggi imploriamo per le nazioni traviate, per tutta l Europa, per tutto il mondo, che torni pentito al cuor vostro. Misericordia per tutti, o Madre di Misericordia.

Salve Regina. he vi costa, o Maria, lesaudirci? Che vi costa il salvarci? Non ha Ges riposto nelle vostre mani tutti i tesori delle sue grazie e delle sue misericordie? Voi sedete coronata Regina alla destra del vostro Figliuolo, circondata di gloria immortale su tutti i cori degli Angeli. Voi distendete il vostro dominio per quanto son distesi i cieli, e a Voi la terra e le creature tutte che in essa abitano sono soggette. Il vostro dominio si estende fino allinfer-

no, e Voi sola ci strappate dalle mani di Satana, o Maria. Voi siete lOnnipotente per grazia. Voi dunque potete salvarci. Che se dite di non volerci aiutare, perch figli ingrati ed immeritevoli della vostra protezione, diteci almeno a chi altri mai dobbiamo ricorrere per essere liberati da tanti flagelli. h, no! Il vostro Cuore di Madre non patir di veder noi, vostri figli, perduti. Il Bambino che noi vediamo sulle vostre ginocchia, e la mistica corona che miriamo nella vostra mano, cispirano fiducia che noi saremo esauditi. E noi confidiamo pienamente in Voi, ci gettiamo ai vostri piedi, ci abbandoniamo come deboli figli tra le braccia della pi tenera fra le madri, ed oggi stesso, s, oggi da Voi aspettiamo le sospirate grazie. Salve Regina. Chiediamo la benedizione a Maria. nultima grazia noi ora vi chiediamo, o Regina, che non potete negarci in questo giorno solennissimo. Concedete a tutti noi lamore vostro costante, e in modo speciale la vostra materna benedizione. No, non ci leveremo dai vostri piedi, non ci staccheremo dalle vostre ginocchia, finch non ci avrete benedetti.

enedite, o Maria, in questo momento, il Sommo Pontefice. Ai prischi allori della vostra Corona, agli antichi trionfi del vostro Rosario, onde siete chiamata Regina delle vittorie, deh! aggiungete ancor questo, o Madre: concedete il trionfo alla Religione e la pace alla umana

societ. Benedite il nostro Vescovo, i Sacerdoti e particolarmente tutti coloro che zelano lonore del vostro Santuario. enedite infine tutti gli Associati al vostro novello Tempio di Pompei, e quanti coltivano e promuovono la divozione al vostro Santo Rosario. Rosario benedetto di Maria; Catena dolce che ci rannodi a Dio; Vincolo di amore che ci unisci agli Angeli; Torre di salvezza negli assalti dinferno; Porto sicuro nel comune naufragio, noi non ti lasceremo mai pi. Tu ci sarai conforto nellora di agonia; a te lultimo bacio della vita che si spegne. E lultimo accento delle smorte labbra sar il nome vostro soave, Regina del Rosario della Valle di Pompei, o Madre nostra cara, o unico Rifugio dei peccatori, o sovrana Consolatrice dei mesti. Siate ovunque benedetta, oggi e sempre, in terra e in cielo. Cos sia.

Salve Regina.


Dei Santi Dionigi, Rustico ed Eleuterio

Dio che in questo giorno con la virt della costanza hai reso forte nei tormenti il beato Dionigi, Martire tuo e Vescovo, e ti sei degnato di associargli Rustico ed Eleuterio per annunciare la tua gloria ai pagani, accordaci di disprezzare, per amor tuo, a loro esempio, i successi del mondo e di non temerne alcuna ostilit.

Di San Callisto

Dio che vedi come veniamo meno a causa della nostra debolezza, ravvivaci misericordiosamente nellamore per te con lesempio dei tuoi Santi.

Di s

ORATIO I ntervenga in nostro favore o Signore, il tuo beato Evangelista Luca, il quale, per lonore del tuo nome, port senza posa nel suo corpo la mortificazione della Croce.

ORATIO II i preghiamo, Dio onnipotente, non permettere che siamo turbati da nessuna tempesta, noi che tu hai fondato saldamente sulla pietra della confessione di fede apostolica. SECRETA on questi doni celesti concedici o Signore di servirti con libert di spirito, affinch i doni che ti offriamo per intercessione del tuo beato Evangelista Luca, ci procurino la salute e la gloria. POSTCOMUNIONE a, te ne preghiamo o Dio onnipotente, che quanto abbiamo ricevuto dal tuo Santo Altare, per le preghiere del tuo beato Evangelista Luca, santifichi le nostre anime e ci ottengano di essere sempre da lui protetti.

C F

SUL POPOLO uarda pacificato il tuo gregge o Buon Pastore e quell ovile che hai riscattato con prezioso sangue, per lintercessione dei tuoi gloriosi Apostoli, non permettere che sia lacerato da nessuna incursione diabolica.


Di SantIlarione

Dio onnipotente ed eterno tu sai che senza di te non possiamo resistere nemmeno un momento, per lintercessione e lesempio del tuo santo servo Ilarione, concedici, te ne preghiamo, di entrare nel combattimento della fede e di vivere sempre nellattesa del tuo giusto giudizio sostenuti dallaiuto della tua misericordia.

Dei Santi Crisante e Daria

i assista la preghiera dei tuoi beati Martiri Crisante e Daria, o Signore, affinch onorandoli col nostro ossequio ne sperimentiamo costantemente il benevolo aiuto.

ILI D

ORATIO I onaci ti preghiamo o Dio onnipotente, che la veneranda solennit dei tui beati Apostoli Simone e Giuda alla quale ci prepariamo, prepari noi, con laiuto dei tuoi benefici, a comparire davanti alla tua divina maest. ORATIO II ifendici o Signore, sotto il patrocinio apostolico del beati Apostoli Simone e Giuda e come ci ha dato la grazia di celebrare la loro festa, donaci di stare sempre sicuri avendoli come nostri custodi. SECRETA i prepariamo con questi Santi Doni alla festa dei tuoi santi Apostoli Simone e Giuda pregandoti umilmente: quegli ostacoli per i quali la nostra coscienza legata, possano essere con gratitudine sciolti dai loro meriti.

D D C

POSTCOMUNIONE vendo assunto o Signore il Sacramento, supplici ti preghiamo, affinch, intercedendo per noi i tuoi santi Apostoli, ci che compiamo nel tempo, ci sia di giovamento per ricevere la vita eterna. SUL POPOLO uarda pacificato il tuo gregge o Buon Pastore e quell ovile che hai riscattato con prezioso sangue, per lintercessione dei tuoi gloriosi Apostoli, non permettere che sia lacerato da nessuna incursione diabolica.

ORATIO I Dio che per opera dei tuoi Santi Apostoli Simone e Giuda ci hai dato di giungere alla conoscenza del tuo nome, concedici di celebrare, crescendo, la loro gloria eterna, e celebrando di crescere ancora.

O T

ORATIO II i preghiamo, Dio onnipotente, non permettere che siamo turbati da nessuna tempesta, noi che tu hai fondato saldamente sulla pietra della confessione di fede apostolica. SECRETA enerando la gloria eterna dei tuoi Santi Apostoli Simore e Giuda, fa, o Signore, te ne preghiamo, che purificati dai Sacri Misteri, possiamo pi degnamente celebrarla. POSTCOMUNIONE icevuto, o Signore, questo Sacramento, ti supplichiamo, per intercessione dei tuoi beati Apostoli Simone e Giuda, che il Sacrificio offerto in onore del loro venerando martirio sia a noi di rimedio. SUL POPOLO uarda pacificato il tuo gregge o Buon Pastore e quell ovile che hai riscattato con prezioso sangue, per lintercessione dei tuoi gloriosi Apostoli, non permettere che sia lacerato da nessuna incursione diabolica.

V R

ILI D

ORATIO I ignore Dio nostro, moltiplica sopra di noi la tua grazia, e coloro dei quali ci prepariamo alla celebrazione della gloriosa solennit, donaci di seguirli nella professione di una santa letizia. ORATIO II ccetta placato, te ne preghiamo o Signore, le suppliche della tua Chiesa, affinch distrutti tutti gli errori e tutte le avversit, possa servirti in una sicura libert.

SECRETA iempiamo il tuo Altare, Signore Dio, con i nostri Doni che ti offriamo, dona, te ne preghiamo, che giovino alla nostra salvezza insieme alle preghiere di tutti i Santi, dei quali ci prepariamo a celebrare la festa ormai vicina.

POSTCOMUNIONE ssendo ormai giunti alla conclusione di questi Divini Sacramenti che hanno portato la gioia nella nostra vita, ti preghiamo ancora o Signore, fa che siamo aiutati dalla preghiera di coloro dei quali abbiamo celebrato nella fede il ricordo. SUL POPOLO Dio che hai ammaestrato il cuore dei tuoi fedeli con lo splendore dello Spirito Santo, dona al tuo popolo la tua benedizione, perch avendo gusto del bene, possa sempre godere della sua consolazione.

ORATIO I io onnipotente ed eterno, che ci hai dato di celebrare con ununica solennit i meriti di tutti i tuoi Santi, ti preghiamo di accordarci, per laiuto di cos tanti intercessori, la desiderata larghezza della tua misericordia.

ORATIO II ccetta placato, te ne preghiamo o Signore, le suppliche della tua Chiesa, affinch distrutti tutti gli errori e tutte le avversit, possa servirti in una sicura libert. SECRETA i offriamo o Signore questi Doni in segno della nostra devozione; siano essi a te graditi per lonore dei tuoi Santi, e per tua misericordia, diventino per noi fonte di salvezza.

POSTCOMUNIONE oncedi o Signore ai popoli che credono in te di allietarsi sempre nel culto di tutti i Santi e di esser protetti dalla loro costante intercessione. SUL POPOLO Dio che hai ammaestrato il cuore dei tuoi fedeli con lo splendore dello Spirito Santo, dona al tuo popolo la tua benedizione, perch avendo gusto del bene, possa sempre godere della sua consolazione.


INTROITO eterno riposo dona loro o Signore, e splenda ad essi la luce perpetua. In Sion o Signore ti si addice la lode, in Gerusalemme a te si compia il voto, ascolta la preghiera del tuo servo, perche ogni carne deve venire davanti a te. Eterno riposo dona loro o Signore, e splenda ad essi la luce perpetua.

Di

l O

ORATIO I Dio, creatore e redentore di tutti i fedeli: concedi alle anime dei tuoi servi e delle tue serve luniversale remissione dei peccati; affinch, per queste nostre pie suppliche, ottengano lindulgenza che hanno sempre desiderato: Tu che sei Dio ORATIO II Dio, Signore di misericordia, concedi alle anime dei tuoi servi e delle tue serve, la dimora della pace, il riposo della beatitudine e lo splendore della luce. ORATIO III Dio, elargitore di perdono e desideroso della salvezza degli uomini, imploriamo la tua clemenza: per intercessione della beata Maria sempre Vergine e di tutti i tuoi Santi, concedi alle anime dei tuoi servi e delle tue serve la grazia di partecipare alla beatitudine eterna.

O O

OFFERTORIO ignore Ges Cristo, Re della gloria, libera tutti i fedeli defunti dalle pene dellinferno e dal profondo abisso. Salvali dalla bocca del leone; non li afferri il tartaro e non spariscano nelle tenebre. Ma il tuo vessillifero, larcangelo San Michele li conduca alla santa luce. * Che tu un giorno hai promesso ad Abramo e alla sua discendenza. oi ti offriamo o Signore, sacrifici e preghiere di lode: accettali per le anime di coloro di cui oggi facciamo memoria. Fa che passino, o Signore, dalla morte alla vita * Che tu un giorno hai promesso ad Abramo e alla sua discendenza. SECRETA I olgi propizio lo sguardo o Signore al Sacrificio che ti offriamo per le anime dei tuoi servi e delle tue serve affinch, dopo aver dato loro il merito della fede cristiana tu ne accordi pure la ricompensa. SECRETA II ii propizio o Signore alle nostre suppliche in favore delle anime dei tuoi servi e delle tue serve, per le quali ti offriamo questo sacrificio di lode, affinch tu le accolga nella compagnia dei tuoi Santi.

V S

SECRETA III io la cui misericordia infinita, accogli propizio le nostre umili preghiere e in grazia di questo Sacramento della nostra salvezza, concedi la remissione di ogni peccato ai tutti i fedeli defunti a cui hai accordato di dar testimonianza al tuo nome.

D
S l

COMUNIONE plenda ad essi la luce perpetua. * insieme ai tuoi santi, in eterno, o Signore, perch tu sei buono. eterno riposo dona loro, Signore, splenda ad essi la luce perpetua. * insieme ai tuoi santi, in eterno, o Signore, perch tu sei buono. POSTCOMUNIONE I e nostre preghiere supplichevoli vengano in aiuto o Signore, alle anime dei tuoi servi e delle tue serve, affinch tu le liberi da ogni colpa e le renda partecipi della tua redenzione. POSTCOMUNIONE II a te ne preghiamo Signore che le anime dei tuoi servi e delle tue serve, purificate da questo sacrificio, ottengano insieme il perdono e il riposo eterno. POSTCOMUNIONE III a o Dio onnipotente e misericordioso che le anime dei tuoi servi e delle tue serve, per le quali abbiamo offerto alla tua maest questo sacrificio di lode, purificate da tutti i peccati per lefficacia di questo Sacramento, ricevano per la tua misericordia la felicit delleterna luce.

F F

P
veramente cosa degna e giusta, nostro dovere e fonte di salvezza, rendere grazie sempre e dovunque a te, Santo Signore, Padre onnipotente, Dio eterno, per Cristo Signore nostro. n lui rifulse per noi la speranza della beata risurrezione, di modo che coloro che sono rattristati dalla condizione di una morte certa, proprio loro siano consolati dalla promessa di una immortalit futura. Ai tuoi fedeli, o Signore, la vita trasformata ma non tolta, e dissolto il corpo, involucro del nostro pellegrinaggio terrestre, si acquista unabitazione eterna in cielo.

noi, uniti agli Angeli e agli Arcangeli, ai Troni e alle Dominazioni e alla moltitudine delle milizie dellesercito celeste, cantiamo con voce incessante linno della tua gloria:


< > < Venite, santi di Dio, accorrete, angeli del Signore. Accogliete la sua anima e presentatela al trono dellAltissimo. Ti accolga Cristo, che ti ha chiamato, e gli angeli ti conducano con Abramo in paradiso. Accogliete la sua anima e presentatela al trono dellAltissimo. Leterno riposo donagli, o Signore, e splenda a lui la luce perpetua. Accogliete la sua anima e presentatela al trono dellAltissimo.

> < >

on entrare in giudizio o Signore contro queste anime fedeli, perch nessuno si pu dichiarare senza colpa davanti a te, se tu stesso non gli concedi il perdono dei peccati. Perci ti supplichiamo di non gravare con severa sentenza queste anime che la sincera implorazione della fede cristiana a te raccomanda. Ma col soccorso della tua clemenza libera da un giudizio di condanna chi in questa vita terrena fu contrassegnato col sigillo della Santissima Trinit. Per Cristo nostro Singore. Amen.

<

> < > <

Liberami Signore dalla morte eterna, in quel giorno tremendo, quando cielo e terra saranno sconvolti: quando verrai a giudicare il mondo col fuoco. Kyrie eleison. Timore e spaventano mi afferrano per il terribile giudizio: quando cielo e terra saranno sconvolti. Kyrie eleison. Giorno dira sar quello, giorno di calamit e miseria, giorno grande e amarissimo: quando verrai a giudicare il mondo col fuoco. Kyrie eleison.

>

Dio, che sei la misericordia e il perdono, ti supplichiamo per le anime fedeli che sono sepolte in questo santo luogo, non consegnarle nelle mani del nemico, non dimenticarle nella morte: ma comanda ai tuoi santi Angeli di accoglierle e di condurle nella patria del paradiso e poich in te hanno sperato e creduto, non soffrano le pene dellinferno ma posseggano la gioia eterna. Per.

O O

Dio per la cui misericordia riposano le anime dei fedeli, benedici queste tombe e affidale alla custodia del tuo Angelo santo; e concedi che mentre i corpi in esse riposano, le anime, sciolte da ogni vingolo di peccato, in ti si allietino di una gioia perenne insieme ai tuoi Santi.


INTROITO eterno riposo dona loro o Signore, e splenda ad essi la luce perpetua. In Sion o Signore ti si addice la lode, in Gerusalemme a te si compia il voto, ascolta la preghiera del tuo servo, perche ogni carne deve venire davanti a te. Eterno riposo dona loro o Signore, e splenda ad essi la luce perpetua.

l l T

ORATIO I u soltanto o Dio, sempre usi misericordia ed elargisci perdono: noi umilmente ti preghiamo per lanima del tuo servo Ill. cui oggi hai fatto lasciare qusto mondo: non consegnarla nelle mani del nemico, non dimenticarla nella morte: ma comanda ai tuoi santi Angeli di accoglierla e di condurla nella patria del paradiso e poich in te ha sperato e creduto, non soffra le pene dellinferno ma possegga la gioia eterna. Per. NEL SETTIMO ona Signore allanima del tuo servo Ill. del quale commemoriamo il giorno settima della sua deposizione, la compagnia dei tuoi Santi e dei tuoi eletti e spandi su di lei la perenne rugiada della tua misericordia. ORATIO II Dio, creatore e redentore di tutti i fedeli: concedi alle anime dei tuoi servi e delle tue serve luniversale remissione dei peccati; affinch, per queste nostre pie suppliche, ottengano lindulgenza che hanno sempre desiderato: Tu che sei Dio

OFFERTORIO ignore Ges Cristo, Re della gloria, libera tutti i fedeli defunti dalle pene dellinferno e dal profondo abisso. Salvali dalla bocca del leone; non li afferri il tartaro e non spariscano nelle tenebre. Ma il tuo vessillifero, larcangelo San Michele li conduca alla santa luce. * Che tu un giorno hai promesso ad Abramo e alla sua discendenza. oi ti offriamo o Signore, sacrifici e preghiere di lode: accettali per le anime di coloro di cui oggi facciamo memoria. Fa che passino, o Signore, dalla morte alla vita * Che tu un giorno hai promesso ad Abramo e alla sua discendenza.

SECRETA ii propizio o Signore allanima del tuo servo Ill. per la quale ti offiramo il sacrificio di lode, umilmente pregando affinch questo rito di pacificazione le meriti di giungere al riposo eterno. NEL SETTIMO osa benignamente lo sguardo o Signore sui Doni che ti offriamo per lanima del tuo servo Ill.: purificata da queste celesti medicine, riposi nella tua bont.

COMUNIONE plenda ad essi la luce perpetua. * insieme ai tuoi santi, in eterno, o Signore, perch tu sei buono. eterno riposo dona loro, Signore, splenda ad essi la luce perpetua. * insieme ai tuoi santi, in eterno, o Signore, perch tu sei buono.

S l

POSTCOMUNIONE oncedi o Dio onnipotente che lanima del tuo servo Ill. che ha lasciato questo mondo, purificata da questo sacrificio, riceva il perdono e il riposo eterno. NEL SETTIMO radisci o Signore le nostre preghiere per lanima del tuo servo Ill. e se le rimasta traccia di contatto col mondo, venga cancellata dal tuo perdono misericordioso.


yrie eleison. Christe eleison. Kyrie eleison.

Dio, Signore di misericordia, concedi allanima del tuo servo Ill., di entrare nella dimora della pace, nel riposo della beatitudine e nello splendore della luce.

O
< > <

Asperge il corpo del defunto in silenzio, poi entrando in Chiesa dice. Venite, santi di Dio, accorrete, angeli del Signore. Accogliete la sua anima e presentatela al trono dellAltissimo. Ti accolga Cristo, che ti ha chiamato, e gli angeli ti conducano con Abramo in paradiso. Accogliete la sua anima Leterno riposo donagli, o Signore, e splenda a lui la luce perpetua. Accogliete la sua anima

> < >

ratelli carissimi, noi siamo stati creati per il cielo e non per la terra, preghiamo dunque Dio Padre onnipotente, per noi, affinch sia fortificata la nostra fede nella risurrezione dei morti, e per il nostro fratello Ill. nel suo ultimo viaggio verso il cielo, affinch redento dalla morte, assolto da ogni colpa, riconciliato con il Padre e recato sulle spalle da Cristo buon Pastore, partecipi alla gloria eterna nel regno dei cieli.

Il Sacerdote asperge e incenza il corpo del defunto mentre dice. < > < Venite, santi di Dio, accorrete, angeli del Signore. Accogliete la sua anima e presentatela al trono dellAltissimo. Ti accolga Cristo, che ti ha chiamato, e gli angeli ti conducano con Abramo in paradiso. Accogliete la sua anima Leterno riposo donagli, o Signore, e splenda a lui la luce perpetua. Accogliete la sua anima

> < >

< < <

Liberami Signore dalla morte eterna, in quel giorno tremendo, quando cielo e terra saranno sconvolti: quando verrai a giudicare il mondo col fuoco. Kyrie. Timore e spaventano mi afferrano per il terribile giudizio: quando cielo e terra saranno sconvolti. Christe. Giorno dira sar quello, giorno di calamit e miseria, giorno grande e amarissimo: quando verrai a giudicare il mondo col fuoco. Kyrie. Signore ascolta la mia preghiera. E il mio grido giunga fino a te. Il Signore sia con voi. E con il tuo spirito.

< > < >

Preghiamo olvere siamo e polvere ritorneremo, poveri di giorni e sazi di inquietudini, ecco cosa siamo noi davanti a te o Signore, eppure tu rivolgi benevolo il tuo sguardo su di noi e ci ami con un amore che vince la morte: per quest amore che ci hai dato nel tuo Figlio Ges Cristo, accogli fra le tue braccia Ill. nostro fratello e perdonati tutti i suoi peccati fallo sedere con te nella gloria. Per lo stesso.

P
< < <

In Paradiso ti accompagnino gli angeli, al tuo arrivo ti accolgano i martiri, e ti conducano nella santa Gerusalemme. Ti accolga il coro degli angeli, e con Lazzaro povero in terra tu possa godere il riposo eterno nel cielo. Io sono la risurrezione e la vita, dice il Signore. Chi crede in me anche se muore vivr; e chiunque vive e crede in me, non morr in eterno.

ORATIO I Dio che ogni anno ci fai rivivere il giorno della consacrazione di questo tuo santo tempio e ci concedi di assistere sani e salvi ai sacri misteri, esaudisci le preghiere del tuo popolo e fa che chiunque entra in questo tempio per domandare grazia abbia la gioia di ottenerla. ORATIO II Dio in cui sussistono invisibilmente tutte le cose e che tuttavia, per la salvezza degli uomini, fai vedere i segni visibili della tua potenza, illustra questo tempio con la maest della tua presenza, e fa che quanti verranno qui per pregare, per qualsiasi angustia si rivolgano a te ottenendo il benedicio della tua consolazione. SECR ccondiscendi, o Signore, alle nostre preghiere, affinch presentandoti questi doni nel tempo presente, col tuo aiuto, giungiamo alla ricompensa eterna. POSTCOMUNIONE Dio che prepari alla tua maest uneterna dimora di pietre vive ed elette, vieni in aiuto al tuo popolo supplice, affinch come la tua Chiesa si estende materialmente con i suoi templi, si dilati per spirituali incrementi. SUL POPOLO Dio che sei la sorgente di ogni dono perfetto, effondi sopra questa casa di preghiera e sopra il tuo popolo la tua benedizione, affinch quanti invocheranno il tuo nome, sentano laiuto della tua protezione.

O O

O O

Di s

ORATIO I Dio tu che vedi la nostra impotenza a sostenerci con le proprie forze, concedi propizio, che per intercessione del tuo beato Confessore e Vescovo Martino, siamo difesi contro ogni avversit. ORATIO II per la Pace Dio dominatore di tutti i regni e di tutti i re, tu che ci risani col castigo e ci conservi col perdono, effondi su noi la tua misericordia, affinch ci serviamo della tranquillit della pace conservata dalla tua forza come rimedio per correggerci. SECRETA antifica o Signore Dio, te ne preghiamo, questi Doni che ti offriamo nella festa del tuo santo Vescovo Martino, affinch per mezzo loro la nostra vita tra le prospere e le avverse cose, ovunque si mantenga diritta.

O O S

POSTCOMUNIONE a, te ne preghiamo o Signore Dio nostro, che questi misteri celebrati nella festa dei tuoi Santi siano a noi salutari per la loro intercessione.

SUL POPOLO onverti sempre a te, ti preghiamo Signore, il cuore del tuo popolo, e poich lhai dotato dellappoggio di tanti protettori non rifiutarti di guidarli con i tuoi aiuti eterni.

ORATIO I Dio che ogni anno ci fai rivivere il giorno della consacrazione di questo tuo santo tempio e ci concedi di assistere sani e salvi ai sacri misteri, esaudisci le preghiere del tuo popolo e fa che chiunque entra in questo tempio per domandare grazia abbia la gioia di ottenerla. ORATIO II Dio in cui sussistono invisibilmente tutte le cose e che tuttavia, per la salvezza degli uomini, fai vedere i segni visibili della tua potenza, illustra questo tempio con la maest della tua presenza, e fa che quanti verranno qui per pregare, per qualsiasi angustia si rivolgano a te ottenendo il benedicio della tua consolazione. SECR ccondiscendi, o Signore, alle nostre preghiere, affinch presentandoti questi doni nel tempo presente, col tuo aiuto, giungiamo alla ricompensa eterna. POSTCOMUNIONE Dio che prepari alla tua maest uneterna dimora di pietre vive ed elette, vieni in aiuto al tuo popolo supplice, affinch come la tua Chiesa si estende materialmente con i suoi templi, si dilati per spirituali incrementi. SUL POPOLO Dio che sei la sorgente di ogni dono perfetto, effondi sopra questa casa di preghiera e sopra il tuo popolo la tua benedizione, affinch quanti invocheranno il tuo nome, sentano laiuto della tua protezione.

O O

O O


Di San Carlo

Signore custodisci la tua Chiesa con la costante protezione di San Carlo, tuo Confessore e Vescovo, affinch come la sollecitudine pastorale lo rese glorioso, cos la sua intercessione ci renda sempre ferventi nel tuo amore.

Dei Santi Trifone, Respicio e Nimfa

a o Signore che celebrano fedelmente la festa dei tuoi Santi Martiri Trifone, Respicio e Nimfa, sentiamo per le loro preghiere i benefici della tua protezione.

Di San Ponziano

Dio che liberi dalla minaccia delle potenze infernali la tua Chiesa, fondata sulla solidit della Roccia Apostolica, concedi, te ne preghiamo, che per intercessione del beato Ponziano tuo Martire e Sommo Pontefice, perseverando nella tua Verit sia munita di una costante sicurezza.

Della Presentazione al Tempio della Beata Vergine Maria Dio che hai voluto che la Beata Maria sempre Vergine, dimora dello Spirito Santo, fosse in questo giorno presentata al Tempio, fa che per sua intercessione meritiamo di essere presentati nel Tempio dove risiede la tua Gloria. Per il nostronellunit del medesimo Spirito.

Di Santa Cecilia

Dio che ci concedi la gioia di festeggiare ogni anno la tua beata Vergine e Martire Cecilia, fa che mentre la onoriamo con il nostro culto, la seguiamo con lesempio di una vita santa.

Di San Clemente

Dio che liberi dalla minaccia delle potenze infernali la tua Chiesa, fondata sulla solidit della Roccia Apostolica, concedi, te ne preghiamo, che per intercessione del beato Clemente tuo Martire e Sommo Pontefice, perseverando nella tua Verit sia munita di una costante sicurezza.

Lo stesso giorno


Di Santa Felcita

a te ne preghiamo o Dio onnipotente che celebrando la festa della tua beata Martire Felicita. Siamo protetti dai suoi meriti e dalle sue preghiere.

Di San Crisogono

orgi orecchio o Signore alle nostre suppliche, affinch riconoscendoci colpevoli a causa dei nostri peccati, siamo liberati per lintercessione del tuo beato martire Crisogono.

Di Santa Caterina

Dio che hai dato la Legge a Mos sul monte Sinai e nel medesimo luogo hai fatto miracolosamente trasportare dai tuoi Santi Angeli il corpo della beata Vergine e Martire Caterina, fa, te ne preghiamo, che per i suoi meriti e per la sua intercessione possiamo giungere a quel monte che Cristo. Egli Dio.

ILI DI s

ORATIO I e ne preghiamo Dio onnipotente, il beato Apostolo Andrea, del quale ci prepariamo a celebrare la festa, implori egli stesso per noi il tuo aiuto, affinch sciolti dai vincoli dei nostri peccati possiamo essere liberati anche da tutti i pericoli. ORATIO II per San Saturnino Dio che ci concedi di giovarci del giorno natalizio del beato Saturnino tuo Martire, concedici anche di essere aiutati dai suoi meriti. SECRETA i offriamo o Signore questi Doni che consacriamo al tuo Nome: celebrando la festa del tuo beato Apostolo Andrea, imploriamo la purificazione delle nostre menti.

O T

POSTCOMUNIONE omunicando ai tuoi Sacramenti o Signore, supplici ti preghiamo, affinch intercedendo per noi il tuo beato Apostolo Andrea del quale celebriamo la passione, essa ci sia di giovamento per la guarigione del cuore.

SUL POPOLO uarda pacificato il tuo gregge o Buon Pastore e quell ovile che hai riscattato con prezioso sangue, per lintercessione dei tuoi gloriosi Apostoli, non permettere che sia lacerato da nessuna incursione diabolica.

DI s

ORATIO I upplici imploriamo la tua maest o Signore affinch, come il beato Apostolo Andrea fu della tua Chisa predicatore e pastore, cos presso di te sia per noi perpetuo intercessore.

ORATIO II i preghiamo, Dio onnipotente, non permettere che siamo turbati da nessuna tempesta, noi che tu hai fondato saldamente sulla pietra della confessione di fede apostolica.

T L L

SECRETA a santa preghiera del beato Apostolo Andrea appoggi o Signore presso di te il nostro sacrificio, affinch, come ti solennemente offerto in suo onore, per i suoi meriti ti riesca gradito. POSTCOMUNIONE ieti per la festa del beato Andrea abbiamo ricevuto, o Signore, i Divini Misteri; fa che siano per noi sorgente di perdono, come furono per i tuoi Santi sorgente di gloria. SUL POPOLO uarda pacificato il tuo gregge o Buon Pastore e quell ovile che hai riscattato con prezioso sangue, per lintercessione dei tuoi gloriosi Apostoli, non permettere che sia lacerato da nessuna incursione diabolica.

del X iiii

ese

Oremus Flectamus genua Levate ORATIO I Dio onnipotente, te ne preghiamo, fa che la prossima solennit della nostra redenzione ci apporti il soccorso per la vita presente e ci doni la ricompensa della beatitudine eterna. Dominus vobiscum ORATIO II ffrettati o Signore, te ne preghiamo, non tardare, ed accordaci laiuto della tua divina potenza, affinch quanti confidano nella tua misericordia siano sollevati dalle consolazioni della tua venuta. Tu che vivi. ORATIO III uardaci o Dio nostro protettore e difendici dalla paura dei nostri nemici: affinch allontanato ogni turbamento ti possiamo servire con mente tranquilla. SECRETA uesti nostri digiuni ti siano graditi, Signore, te ne preghiamo: espiando i nostri peccati, ci rendano degni della tua grazia e ci conducano alle promesse eterne. POSTCOMUNIONE aziati dal tuo Dono di salvezza, o Signore, noi ti preghiamo supplichevoli affinch siamo rinnovati dallefficacia di quel mistero che ci allieta con la sua dolcezza. SUL POPOLO egnati di purificare o Dio onnipotente, le menti e i corpi dei tuoi fedeli, affinch fermi nella tua benedizione siano sempre da te illuminati e protetti.

P
veramente cosa degna e giusta, nostro dovere e fonte di salvezza, rendere grazie sempre e dovunque a te, Santo Signore, Padre onnipotente, Dio eterno. nica causa del nostro rinnovamento, solo la tua misericordia o Dio, che noi non potremmo amare, se non ci amavi tu per primo, fugando le tenebre della nostra ignoranza, con la luce della tua verit, Cristo Signore nostro.

U P

er mezzo di Lui gli Angeli lodano la tua Maest, le Dominazioni la adorano, le Potenze la venerano con tremore. I Cieli e le Forze dei Cieli, con i Beati Serafini, uniti la celebrano con esultanza. Ti preghiamo dunque o Signore, con le loro voci accetta anche le nostre, mentre supplici confessiamo dicendo.

del X Vi

ese

ORATIO I piega o Signore la tua potenza, te ne preghiamo e vieni, affinch quanti confidano nella tua piet, siano al pi presto liberati da ogni avversit.

ORATIO II uardaci o Dio nostro protettore e difendici dalla paura dei nostri nemici: affinch allontanato ogni turbamento ti possiamo servire con mente tranquilla. SECRETA icevute o Signore le nostre offerte e le nostre preghiere, purificaci, ti supplichiamo, con i celesti Misteri e benignamente esaudiscici.

POSTCOMUNIONE i rinnovi o Signore la partecipazione del tuo Sacramento e, cancellata lantica colpa, ci metta a parte del mistero di salvezza.

SUL POPOLO egnati di purificare o Dio onnipotente, le menti e i corpi dei tuoi fedeli, affinch fermi nella tua benedizione siano sempre da te illuminati e protetti.

D S

del X

ese

Oremus Flectamus genua Levate ORATIO I io che vedi come siamo afflitti per le nostre colpe, concedici potizio di essere consolati dalla tua venuta. Oremus Flectamus genua Levate ORATIO II oncedici, te ne preghiamo, o Dio onnipotente, che oppressi per lantica schiavit sotto il giogo del peccato veniamo liberati dalla desiderata nuova nascita del tuo Figlio unigenito. Oremus Flectamus genua Levate ORATIO III i preghiamo o Signore, allieta con la nascita del tuo unigenito Figlio, noi tuoi servi indegni, rattristati dalle nostre colpevoli azioni. Oremus Flectamus genua Levate ORATIO IIII Dio onnipotente, te ne preghiamo, fa che la prossima solennit del tuo Figlio ci porti aiuto per la vita presente e ci conceda le eterne ricomplense. Oremus Flectamus genua Levate ORATIO V i preghiamo o Signore, custodisci benignamente le preghiere del tuo popolo, affinch noi che siamo giustamente afflitti per i nostri peccati, siamo consolati dall avvento della tua misericordia.

D C T T

Domunus vobiscum ORATIO VI Dio che hai temperato per i tre giovani le fiamme della fornace, concedi benigno a noi tuoi servi di non essere arsi dalla fiamma delle passioni.

ORATIO VII uardaci o Dio nostro protettore e difendici dalla paura dei nostri nemici: affinch allontanato ogni turbamento ti possiamo servire con mente tranquilla. SECRETA egnati o Signore di riguardare benigno queste offerte, sicch giovino a farci crescere nella devozione e ad ottenerci la salvezza.

d T

POSTCOMUNIONE i preghiamo o Signore Dio nostro, affinch i Sacrosanti Misteri che ci hai concesso a difesa della nostra redenzione, ci siano di aiuto nel presente e nel futuro. SUL POPOLO egnati di purificare o Dio onnipotente, le menti e i corpi dei tuoi fedeli, affinch fermi nella tua benedizione siano sempre da te illuminati e protetti.


Di Santa Bibiana

Dio donatore di ogni bene, che nella tua serva Bibiana hai unito la palma del martirio al fiore della verginit, per sua intercessione unisci a te con la carit le nostre menti, affich, allontanato ogni pericolo, possiamo ottenere le eterne ricompense.

Di San Francesco Saverio

Dio che con la predicazione ed i miracoli del beato Francesco hai voluto unire alla tua Chiesa i popoli delle Indie, concedici che, mentre ne veneriamo i meriti gloriosi, ne imitiamo pure gli esempi di virt.

Di San Saba

Signore che in San Saba hai testimoniato la preminenza della vita dello spirito sulla vita del tempo, ascolta le preghiere che ti rivolgiamo affinch nel combattimento contro gli spiriti del male possiamo giovarci del suo insegnamento e della sua preghiera.


Di San Nicola

Dio che hai illustrato con innumerevoli miracoli il beato Vescovo Nicola, concedici, te ne preghiamo, di essere liberati, per i suoi meriti e le sue preghiere, dalle fiamme dellinferno.

Di SantAmbrogio

Dio che hai dato al tuo popolo, quale ministro di eterna salvezza il beato Ambrogio, fa che meritiamo di avere intercessore in cielo chi in terra ci fu maestro di vita.

ORATIO I Dio che per mezzo dellImmacolata Concezione della Vergine preparasti al tuo Figlio una degna dimora, ti preghiamo che, come in previsione della morte dello stesso tuo Figlio, lhai preservata da ogni macchia di peccato, cos per sua intercessione concedi a noi di giungere a te purificati da ogni colpa. ORATIO II istendi verso di noi la tua destra o Signore e per lintercessione della Beata e Gloriosa sempre Vergine Madre di Dio Maria vienici incontro con laiuto della tua superna potenza. SECRETA ccogli o Signore il Sacrificio di salvezza che ti offriamo nella solennit dellImmacolata Concezione della Beata Vergine Maria, e fa che, come noi la proclamiamo immune da ogni macchia perch prevenuta dalla tua grazia, cos per sua intercessione siamo liberati da ogni peccato. POSTCOMUNIONE l Sacramento che abbiamo ricevuto risani in noi le ferite di quella colpa dalla quale, per una grazia unica, hai preservato la Beata Vergine Maria nella sua Immacolata Concezione. SUL POPOLO Dio onnipotente con la potenza della tua destra proteggi da tutti i pericoli i tuoi servi, e per le preghiere della Beata Vergine Maria fa che godano la prosperit nella vita presente e in quella futura.

O D

P
veramente cosa degna e giusta, nostro dovere e fonte di salvezza, rendere grazie sempre e dovunque a te, Santo Signore, Padre onnipotente, Dio eterno, per Cristo Signore nostro. u hai preservato la Vergine Maria da ogni macchia di peccato originale, perch, piena di grazia, diventasse degna Madre del tuo Figlio. In lei hai segnato linizio della Chiesa, sposa di Cristo senza macchia e senza ruga, splendente di bellezza. Da lei, vergine purissima, doveva nascere il Figlio, agnello innocente che toglie le nostre colpe; e tu sopra ogni altra creatura la predestinavi per il tuo popolo avvocata di grazia e modello di santit.

noi, uniti agli Angeli e agli Arcangeli, ai Troni e alle Dominazioni e alla moltitudine delle milizie dellesercito celeste, cantiamo con voce incessante linno della tua gloria:

Di s

ORATIO I saudiscici o Dio nostra salvezza, affinch, come ci rallegriamo per la festa della beata Lucia Vergine e Martire tua, cos siamo ammaestrati dal sentimento di una vera piet. ORATIO II Dio che tra gli altri prodigi della tua potenza hai accordato anche a deboli donne la vittoria del martirio, concedi propizio che celebrando la nascita alleterna vita della beata Lucia tua Vergine e Martire, veniamo a te seguendo i suoi esempi. SECRETA alga a te gradita o Signore lofferta che il tuo popolo sacro di presenta in onore dei tuoi Santi; esso sa di essere debitore ai loro meriti dellaiuto sperimentato nella prova. POSTCOMUNIONE uesto celeste mistero o Signore accenda in noi quel fuoco damore per il quale la tua Santa Vergine e Martire Lucia si offr a te quale Vittima di Carit per gli uomini.

O S

SUL POPOLO i preghiamo Signore, purifica i corpi e le menti dei tuoi fedeli, affinch compunti per lagire del tuo Spirito preferiscano evitare i compiacimenti dei peccati e non cedendo ai loro ammaliamenti si nutrano sempre della tua dolcezza.


< > < > < > <

Che nome date al vostro bambino. Ill. Ill. che cosa vieni a chiedere alla Chiesa di Dio? La fede. La fede cosa ti porta? La vita eterna. Ill. se davvero vuoi entrare nella vita, osserva i comandamenti: ama il Signore Dio tuo con tutto il tuo cuore, con tutta la tua anima, con tutta la tua mente e il prossimo tuo come te stesso. Carissimi Genitori siete consapevoli del dono e della responsabilit del Santo Battesimo che venite a chiedere alla Chiesa di Cristo a nome di questo bambino impegnandovi a educarlo nella fede cattolica ricevuta dai nostri padri? Si. E tu padrino e madrina siete disposti ad aiutare i genitori in questo compito cos importante? Si. Ill. con grande gioia la nostra Chiesa ti accoglie. In suo nome io ti segno con il segno della croce, accogli la fede e i divini precetti, e vivi in modo da poter essere sempre tempio di Dio e imitatore del Signore Ges Cristo. E dopo di me anche voi, genitori e padrino e madrina, farete sul vostro bambino il segno di Cristo Salvatore.

<

> < > <

Preghiamo ccogli, o Dio, con benevolenza, la nostra preghiera, e con la tua costante protezione custodisci Ill. che hai chiamato al Battesimo, sul quale abbiamo impresso il segno della croce del Signore. Conservi questo inizio della tua grande gloria, e con losservanza dei tuoi comandamenti, meriti di giungere alla gloria della rigenerazione. Per Cristo nostro Signore. > Amen. Dal Vangelo secondo Marco. n quel tempo Ges venne da Nazaret di Galilea e si fece battezzare nel Giordano da Giovanni. E subito, nell uscire dallacqua, vide aprirsi i cieli e lo Spirito in forma di colomba che discendeva su di lui. E si sent una voce dal cielo: Tu sei il mio Figlio diletto, in te mi sono compiaciuto. Parola del Signore.

Preghiera universale anto Signore, Padre onnipotente. Dio eterno, imploriamo la tua piet, incessante e perfetta, su Ill. tua creatura; tu, fonte di luce e di verit, degnati di illuminarlo con la luce della tua conoscenza; rendilo puro e santo; donagli la vera scienza, perch reso degno della grazia del tuo Battesimo, conservi salda la speranza, retto il consiglio, pura la dottrina. Per Cristo nostro Signore.

Muovendosi processionalmente verso il Fonte si cantano le Litanie dei Santi alle quali si aggiungono il Santo Titolare del Bambino e eventuali altri Santi ai quali la famiglia legata.

< Kyrie eleison. < Christe eleison. < Kyrie eleison. Santa Maria, Madre di Dio. prega per noi. Santa Maria, Regina delle Grazie. San Michele Arcangelo. San Giovanni Battista. San Giuseppe. Santi Pietro e Paolo. San Tommaso dAquino. San Francesco di Paola. Santa Teresina di Ges Bambino. Santi e Sante tutti di Dio. pregate per noi. Arrivati al Fonte c lOrazione di Esorcismo con la I Unzione Orazione di Esorcismo io onnipotente ed eterno, tu hai mandato nel mondo il tuo Figlio per distruggere il potere di Satana, spirito del male, e trasferire luomo dalle tenebre nel tuo regno di luce infinita; umilmente ti preghiamo: libera questo bambino dal peccato originale e consacralo tempio della tua gloria, dimora dello Spirito Santo. Per Cristo.

Unzione prebattesimale Ti ungo con lolio segno di salvezza: ti fortifichi con la sua potenza Cristo Salvatore, che vive e regna nei secoli dei secoli. Amen. Quindi in silenzio unge il petto

Benedizione delle Acque Battesimali ratelli carissimi, preghiamo Dio Padre onnipotente perch nel nome di Ges Cristo nostro Signore mandi dal cielo il suo Santo Spirito e infonda la sua arcana potenza su questacqua preparata per la rinascita spirituale degli uomini e questo bambino destinato al cielo, concepito da una tale santificazione, riemerga dal seno immacolato di questo fonte divino rinato a nuova creatura e la Grazia, madre comune, faccia nascere tutti ad una nuova e unica vita.

< > < >

Signore ascolta la mia preghiera. E il mio grido giunga fino a te. Il Signore sia con voi. E con il tuo Spirito.

Preghiamo Dio onnipotente ed eterno, sii presente ai grandi misteri del tuo amore, sii presente a questi riti sacramentali; effondi lo spirito di adozione per crearti nuovi popoli, generati dal fonte battesimale; e ci che noi nella nostra insufficienza celebriamo con questo ministero, raggiunga la sua piena efficacia per il tuo intervento. Per.

Preghiera sulle Acque < > < > Il Signore sia con voi. E con il tuo Spirito. In alto i nostri cuori. Sono rivolti al Signore.

< >

Rendiamo grazie al Signore nostro Dio. E cosa buona e giusta.

veramente cosa degna e giusta, nostro dovere e fonte di salvezza, rendere grazie sempre e dovunque a te, Santo Signore, Padre onnipotente, Dio eterno, tu con invisibile potenza, mirabilmente rendi efficaci i tuoi sacramenti: e bench noi siamo indegni di compiere cos grandi misteri, tuttavia, non privandoci dei doni della tua grazia, tu alle nostre preghiere porgi lorecchio del tuo amore. er questo effondiamo la nostra preghiera verso di te o Signore, Creatore eterno di tutte le cose, Dio onnipotente, il cui Spirito si portava sulle acque, i cui occhi dalle altezze celesti si sono posati sopra questo fiume Giordano dove Giovanni battezzava coloro che facendo penitenza confessavano i propri peccati.

ra invochiamo la tua Santa Gloria, affinch sia nascosta la tua mano in queste acque, per pulire e purificare linteriorit degli uomini che in esse saranno battezzati e per farli rinascere dal peccato che conduce alla morte e rivivificarli trasformandoli in un uomini nuovi, nuove creature in Ges Cristo che con te e lo Spirito Santo, vive e regna nei secoli dei secoli. Amen.

Preghiamo. Immergendo la mano destra nellacqua dice anto Signore, Padre onnipotente Dio eterno, che santifichi le acque con il tuo Spirito, ti supplichiamo di guardare al nostro umile ministero: manda il tuo Angelo

santo su questacqua, destinata a lavare e purificare gli uomini, perch i rigenerati lavino i loro peccati, cancellino ogni colpa della vita passata, e divengano abitazione degna dello Spirito Santo. Per Cristo. [ Soffia sulle acque tre volte secondo questa figura ] Rinuncia a Satana ari genitori, padrino e madrina, il bambino che voi presentate sta per ricevere il Battesimo. Nel suo amore Dio gli dar una vita nuova e rinascer dallacqua e dallo Spirito Santo. A voi il compito di educarlo nella fede, perch la vita divina che riceve in dono sia preservata dal peccato e cresca di giorno in giorno. Se dunque, in forza della vostra fede, siete pronti ad assumervi questo impegno, memori delle promesse del vostro Battesimo, rinunciate al peccato, e fate la vostra professione di fede in Cristo Ges: la fede della Chiesa nella quale il vostro figlio viene battezzato.

Rinunciate a Satana? E a tutte le sue opere? E a tutte le sue seduzioni?

Rinuncio. Rinuncio. Rinuncio.

Credete in Dio, Padre onnipotente, creatore del cielo e della terra? Credo. Credete in Ges Cristo, suo unico Figlio, nostro Signore, che nacque da Maria vergine, mor e fu sepolto, risuscitato dai morti e siede alla destra del Padre? Credo. Credete nello Spirito Santo, la santa Chiesa cattolica, la comunione dei Santi, la remissione dei peccati, la risurrezione della carne e la vita eterna? Credo.

n solo corpo, un solo spirito, come unica la speranza alla quale siamo stati chiamati; un solo Signore, una sola fede, un solo battesimo; un unico Dio e padre di tutti, che sopra a tutti e per tutti in tutti. Questa la nostra fede, questa la fede che vince il mondo, questa la fede della Chiesa. E noi ci gloriamo di professarla, in Cristo Ges nostro Signore che vive e regna nei secoli dei secoli. Amen.

Battesimo Volete dunque che Ill. riceva il Battesimo nella fede della Chiesa che tutti insieme abbiamo professato? S, lo vogliamo. Ill. io ti battezzo nel nome del Padre Prima immersione o infusione e del Figlio Seconda immersione o infusione e dello Spirito Santo. Terza immersione o infusione. Unzione con il Sacro Crisma io onnipotente, Padre del nostro Signore Ges Cristo, ti ha liberato dal peccato e ti ha fatto rinascere dallacqua e dallo Spirito Santo, unendoti al suo popolo; egli stesso ti consacra con il Crisma di salvezza, perch inserito in Cristo, sacerdote, re e profeta, sia sempre membra del suo corpo per la vita eterna.

Quindi, senza proferire parola, fa lunzione con il Sacro Crisma sul capo del battezzato.

Consegna della Veste Bianca Ricevi la veste candida: e portala senza macchia dinanzi al tribunale di Ges Cristo nostro Signore per avere la vita eterna. Consegna della Candela Ricevete la luce di Cristo. A voi, genitori, e a voi, padrino e madrina, affidato questo segno pasquale, fiamma che sempre dovete alimentare. Abbiate cura che il vostro bambino, illuminato da Cristo, viva sempre come figlio della luce; e perseverando nella fede, vada incontro al Signore che viene, con tutti i santi, nel regno dei cieli. Rito dellEffeta Il Signore Ges, che fece udire i sordi e parlare i muti, ti conceda di ascoltare presto la sua parola, e di professare la tua fede, a lode e gloria di Dio Padre. Amen. Congedo Ill. va in pace e il Signore sia con te. Amen. Padre nostro AllAltare Il Signore nostro e Salvatore Ges Cristo, il giorno in cui i suoi discepoli gli domandarono come dovevano pregare, fra altri salutari precetti, insegn loro quella forma di preghiera che ora per la prima volta questo bambino per la bocca dei suoi genitori e dei suoi padrini pregher rivolgendosi al Padre. Il Maestro divino ci ammonisce a chiudere il nostro cuore ai cattivi pensieri con una mistica chiave e, chiuse le labbra, parlare a Dio nella purezza

della nostra anima. Dio non ascolta il mormorio delle parole, ma la nostra fede. Il nostro cuore sia dunque chiuso alle insidie del nemico con la chiave della fede e sia solo aperto a Dio, di cui sappiamo essere il tempio; e il Signore abitando cos nei nostri cuori sar propizio alle nostre preghiere. Il Verbo, la Sapienza di Dio, Cristo Signore, ci ha dunque insegnato a pregare in questo modo: Padre nostro. Benedizione Dio onnipotente, che per mezzo del suo Figlio, nato dalla vergine Maria, ha dato alle madri cristiane la lieta speranza della vita eterna per i loro figli, benedica la mamma qui presente; e come ora riconoscente per il dono della maternit, cos con il suo figlio viva sempre in rendimento di grazie: in Cristo Ges nostro Signore. Amen. Dio onnipotente, che dona la vita nel tempo e nelleternit, benedica il pap di questo bambino; insieme con la sua sposa sia per il figlio il primo testimone della fede, con la parola e con lesempio: in Cristo Ges nostro Signore. Amen. Dio onnipotente, che ci ha fatto rinascere a vita nuova da acqua e da Spirito Santo, benedica voi tutti; perch, sempre e dovunque, siate membra vive del suo popolo: in Cristo Ges nostro Signore. Amen. E vi doni la sua pace Dio onnipotente, Padre e Figlio e Spirito Santo. Amen.

RI
COLLETTE

Dio, che in questo grande sacramento hai consacrato il patto coniugale, per rivelare nellunione degli sposi il mistero di Cristo e della Chiesa, concedi a Ill. e Ill. di esprimere nella vita il dono che ricevono nella fede. Dio, che fin dagli inizi della creazione hai voluto l unit fra luomo e la donna, congiungi con il vincolo di un solo amore questi tuoi figli, che oggi si uniscono in Matrimonio, e fa' che siano testimoni di quella carit che hai loro donato. scolta, Signore, la nostra preghiera ed effondi con bont la tua grazia su Ill. e Ill. perch, unendosi davanti al tuo altare, siano confermati nel reciproco amore. Dio onnipotente, concedi a Ill. e Ill. che oggi consacrano il loro amore, di crescere insieme nella fede che professano davanti a te, e di arricchire con i loro figli la tua Chiesa. scolta, o Signore, la nostra preghiera e sostieni con il tuo amore il vincolo del Matrimonio che tu stesso hai istituito per la crescita del genere umano, perch lunione che da te ha origine, da te sia custodita. Dio, che dallinizio del mondo benedici luomo e la donna con la grazia della fecondit, accogli la nostra preghiera: scenda la tua benedizione su Ill. e Ill. tuoi figli, perch, nel loro Matrimonio, siano uniti nel reciproco amore, nellunico progetto di vita, nel comune cammino di santit.

O O O O

SECRETE ccogli Signore, i doni che consacrano lalleanza nuziale: guida e custodisci questa nuova famiglia che tu stesso hai costituito nel tuo sacramento. Dio, Padre di bont, accogli il pane e il vino, che la tua famiglia ti offre con intima gioia e custodisci nel tuo amore che hai unito con il sacramento nuziale.

ccogli, Signore, i doni e le preghiere che ti presentiamo per Ill. e Ill., uniti nel vincolo santo: questo mistero che esprime la pienezza della tua carit custodisca per sempre il loro amore.

P
veramente cosa degna e giusta, nostro dovere e fonte di salvezza, rendere grazie sempre e dovunque a te, Santo Signore, Padre onnipotente, Dio eterno, per Cristo Signore nostro. u hai dato alla comunit coniugale la dolce legge dellamore e il vincolo indissolubile della pace, perch lunione casta e feconda degli sposi accresca il numero dei tuoi figli. Con disegno mirabile, hai disposto che la nascita di nuove creature allieti lumana famiglia, e la loro rinascita in Cristo edifichi la tua Chiesa.

noi, uniti agli Angeli e agli Arcangeli, ai Troni e alle Dominazioni e alla moltitudine delle milizie dellesercito celeste, cantiamo con voce incessante linno della tua gloria:

P
veramente cosa degna e giusta, nostro dovere e fonte di salvezza, rendere grazie sempre e dovunque a te, Santo Signore, Padre onnipotente, Dio eterno, per Cristo Signore nostro. u hai stabilito con il tuo popolo un patto nuovo, perch in Cristo, morto per la nostra redenzione e gloriosamente risorto, lumanit diventi partecipe della tua vita mortale e coerede nella gloria dei cieli. Nellalleanza tra luomo e la donna ci hai dato limmagine vive dellamore di Cristo per la sua Chiesa, e nel sacramento nuziale riveli il mistero ineffabile del tuo amore.

noi, uniti agli Angeli e agli Arcangeli, ai Troni e alle Dominazioni e alla moltitudine delle milizie dellesercito celeste, cantiamo con voce incessante linno della tua gloria:

P
veramente cosa degna e giusta, nostro dovere e fonte di salvezza, rendere grazie sempre e dovunque a te, Santo Signore, Padre onnipotente, Dio eterno, per Cristo Signore nostro. u Tu hai dato alluomo il dono dellesistenza e lo hai innalzato a una dignit incomparabile; nellunione tra luomo e la donna hai impresso unimmagine del tuo amore. Cos la tua immensa bont, che in principio ha formato lumana famiglia, incessantemente la sospinge a una vocazione damore, verso la gioia di una comunione senza fine. E in questo disegno stupendo il sacramento che consacra lamore umano ci dona un segno e una primizia della tua carit: per Cristo nostro Signore.

noi, uniti agli Angeli e agli Arcangeli, ai Troni e alle Dominazioni e alla moltitudine delle milizie dellesercito celeste, cantiamo con voce incessante linno della tua gloria:

ii propizio Signore alle nostre preghiere e guarda benigno a questa tua istituzione del matrimonio che hai disposto per la propagazione del genere umano: questa unione, che per tua opera si compie, si conservi per il tuo aiuto. Per. Impone silenziosamente le mani sul capo degli sposi, quindi con le braccia alzate dice la benedizione: Dio, con la tua onnipotenza hai fatto dal nulla tutte le cose e dopo aver disposto con mirabile ordine luniverso hai creato luomo a tua immagine e somiglianza, e gli desti come compagna inseparabile la donna. Traendo il corpo di lei dal corpo delluomo, hai voluto insegnarci che non mai lecito separare quello che per tua disposizione, ha avuto un unico principio. Dio, in un mistero cos grande hai consacrato lunione degli sposi e hai reso il patto coniugale sacramento di Cristo e della Chiesa. Dio, in te, la donna e luomo si uniscono, e la prima comunit umana, la famiglia, riceve in dono quella benedizione che nulla pot cancellare, n il peccato originale n le acque del diluvio. ra volgi lo sguardo con bont o Signore, su questa sposa, che al momento di unire la sua vita alla vita del marito chiede laiuto della tua benedizione. Sia questa per lei un unione di amore e di pace; essa sia una sposa cristiana fedele e casta, e sappia imitare lesempio delle spose sante, di cui parlano le Sacre Scritture. Sia cara al marito, come Rachele; sia saggia, come Rebecca; sia fedele, come Sara. Il demonio, autore del peccato, non estenda il proprio dominio su nessuna delle sue azioni; si

O O O O

mantenga salta nella fede e nella pratica della vita cristiana; fedele ad un solo amore, fugga il male, fortifichi la propria debolezza con una forte regola di vita. La sua modestia le acquisti stima; il suo pudore rispetto; sia istruita nelle dottrine della fede. Sia allietata da figli, sia virtuosa e pura; e giunga alla pace del Santi nel Regno dei cieli. a questoggi questi sposi sorgano o Signore con la forza del Cielo, con i raggi del sole, con la luminosit della luna, il bagliore del fuoco, la velocit del lampo, la rapidit del vento, la profondit del mare, la stabilit della terra e la solidit della roccia. a potenza di Dio li conforti, la saggezza di Dio li guidi, locchio di Dio vigili su di loro, lorecchio di Dio li ascolti, la parola di Dio parli per essi, la mano di Dio li conduca, le vie di Dio siano innanzi a loro, lo scudo di Dio li protegga, le schiere celesti li salvino dai lacci del diavolo, dalle tentazioni a peccare, da tutti quelli che vogliono il loro male, vicini e lontani, quando sono soli e con gli altri. ossa Cristo proteggerli oggi e sempre cos che adempiano alla loro missione e diano frutto in abbondanza. Cristo dietro e innanzi a loro, Cristo sotto e sopra, Cristo con loro ed in loro, Cristo vicino a loro e unito a loro, Cristo alla destra e alla sinistra, Cristo quando vanno a dormire la sera, Cristo quando si alzano al mattino, Cristo nel cuore di ogni uomo che li pensa, Cristo sulla bocca di tutti quelli che parlano di loro, Cristo in ogni occhio che li vede, Cristo in ogni orecchio che li ascolta. uesti sposi, o Signore, possano vedere i figli dei loro figli, fino alla terza e alla quarta generazione, e possano giungere ad una serena vecchiaia. Per il nostro Signore Ges Cristo tuo Figlio che Dio e vive e regna. Amen.

D L

POSTCOMUNIONE ignore, per questo sacrificio di salvezza, accompagna con la tua provvidenza la nuova famiglia che hai istituito: fa che Ill. e Ill. uniti nel vincolo santo [ e nutriti con lunico pane e lunico calice], vivano concordi nel tuo amore.

Padre, che ci hai accolti alla tua mensa, concedi a questa nuova famiglia, consacrata dalla tua benedizione, di essere sempre fedele a te e di testimoniare il tuo amore nella comunit dei fratelli.

O O

Signore, la grazia del sacramento nuziale cresca di giorno in giorno nella vita di questi sposi, e lEucaristia che abbiamo offerto e ricevuto ci edifichi tutti nel tuo amore.


antum ergo Sacramentum Veneremur cernui: Et antiquum documentum Novo cedat ritui: Praestet fides supplementum Sensuum defectui. enitori, Genitoque Laus et jubilatio, Salus, honor, virtus quoque Sit et benedictio: Procedenti ab utroque Compar sit laudatio. Amen

< >

Panem de caelis praestitisti eis. Omne delectamentum in se habentem.

Oremus: Deus, qui nobis sub sacramento mirabili, passionis tuae memoriam reliquisti: tribue, quaesumus, ita nos corporis et sanguinis tui sacra mysteria venerari ut redemptionis tuae fructum in nobis iugiter sentiamus. Qui. < > Hai dato loro un pane disceso dal cielo. Che porta con s ogni dolcezza.

Preghiamo: O Dio che sotto questo meraviglioso Sacramento ci hai lasciato il memoriale della tua passione, donaci, te ne preghiamo, di venerare i Sacri Misteri del tuo Corpo e del tuo Sangue cos da sentire sempre in noi il frutto della tua redenzione. Tu che vivi e regni.

BENEDIZIONI Dio sia benedetto Benedetto il Suo santo Nome. Benedetto Ges Cristo, vero Dio e vero Uomo. Benedetto il Nome di Ges. Benedetto il Suo sacratissimo Cuore. Benedetto il Suo preziosissimo Sangue. Benedetto Ges nel SS. Sacramento dellaltare. Benedetto lo Spirito Santo Paraclito. Benedetta la gran Madre di Dio, Maria Santissima. Benedetta la Sua santa e Immacolata Concezione. Benedetta la Sua gloriosa Assunzione. Benedetto il Nome di Maria, Vergine e Madre. Benedetto S. Giuseppe, Suo castissimo Sposo. Benedetto Dio nei Suoi Angeli e nei Suoi Santi

A Caraffa Giuseppe Colosimo 348-05.21.451

Rito di Ingresso nel PreCatechismo MANDATO DEI CATECHISTI E BENEDIZIONE DEI BAMBINI
Festa di Santa Teresina
Dopo lOmelia, nel momento del Credo, i Catechisti si pongono davanti allAltare e ricevono il mandato della Chiesa per mano del suo Ministro che introduce la professione di fede dei Catechisti con le seguenti parole: < Figli diletti, la Chiesa Madre e Maestra nella Vita ha ricevuto dal parte del suo Sposo e Signore, il nostro Redentore Ges Cristo, il Sacro Deposito della Fede, la ferma Speranza nella Vita Eterna e la solida Roccia dellAmore che vince la Morte. A Voi dato, in seno a questa Santa Assemblea, il compito e la missione, da parte del Signore e da parte di questa comunit di introdurre i nostri figli e le nostre figlie alla conoscenza della Fede e alla pratica delle Virt, per questo ricevendo la benedizione di Dio rinnovate solennemente davanti allAltare del Signore la Fede ricevuta nel giorno del vostro Battesimo.

Il Sacerdote grida: Volgetevi a Occidente. I Catechisti si volgono verso le Porte spalancate della Chiesa, quindi il Sacerdote domanda: Rinunciate a Satana? Rinuncio. E a tutte le sue opere? Rinuncio. E a tutte le sue seduzioni? Rinuncio.

Quindi di nuovo grida: Volgetevi a Oriente. Si volgono verso lAltare, il Sacerdote continua: Credete in Dio, Padre onnipotente, creatore del cielo e della terra? Credo. Credete in Ges Cristo, suo unico Figlio, nostro Signore, che nacque da Maria Vergine, mor e fu sepolto, risuscitato dai morti e siede alla destra del Padre? Credo. Credete nello Spirito Santo, la Santa Chiesa cattolica, la comunione dei santi, la remissione dei peccati, la risurrezione della carne e la vita eterna? Credo. Il Sacerdote dice: Inginocchiatevi. I Catechisti si inginocchiano e il Sacerdote stese le mani verso di loro conclude con la seguente benedizione. Dio onnipotente ed eterno che ha iniziato in voi la sua opera di Salvezza la porti a compimento e vi confermi in questo santo proposito, nel nome del Padre + e del Figlio + e dello Spirito Santo +. Amen. I Catechisti si rialzano e dopo aver baciato il Libro dei Vangeli dalle mani del Presbitero ritornano al loro posto, la Messa continua come al solito dai riti di offertorio. Alla fine della Messa dopo il Postcommunio e prima della Benedizione del Popolo vengono portati tutti i bambini del precate-

chismo, anche quelli che gi hanno ricevuto la benedizione lan no precedente e il Sacerdote li benedice dicendo: < > < > < Il Signore sia con voi. E con il tuo Spirito. Rendiamo grazie al Signore nostro Dio. E cosa buona e giusta. veramente cosa degna e giusta, nostro dovere e fonte di salvezza rendere grazie sempre e in ogni luogo a te Santo Signore, Padre Onnipotente, Dio Eterno, per Cristo nostro Maestro e Redentore. Egli per mezzo del Santo Vangelo e con linsegnamento di Santa Teresina di Ges Bambino ci ha insegnato che chi vuole entrare nel Regno dei Cieli deve farsi piccolo come un bambino e chi accoglie i piccoli nel suo nome accoglie lui stesso, per questo ti preghiamo, per i meriti e la passione del nostro Redentore, per i meriti e lintercessione della B. e S.V. Maria, di Santa Teresina di Ges Bambino e di tutti i Santi, benedici questi tuoi figli, proteggili come la pupilla dei tuoi occhi, custodiscili sotto le tue ali paterne, fa che ti possano conoscere, incontrare, accogliere e dona a ciascuno di loro e alle loro famiglie la grazia della Fede che conduce alla Vita. Te lo chiediamo per il nostro Signore e Redentore Ges Cristo, che vive e regna glorioso con te e lo Spirito Santo, per tutti i secoli dei secoli. Amen.

Rito di Ingresso nel Catechismo ISCRIZIONE DEL NOME E SEGNAZIONE


ISCRIZIONE DEL NOME
Alle porte della Chiesa, si scrivono i nomi dei bambini su una pagina della Bibbia, quando tutti i nomi sono stati scritti il Presbitero dice la seguente orazione. < > < > < Signore ascolta la mia preghiera. E il mio grido giunga fino a te. Il Signore sia con voi. E con il tuo spirito. Preghiamo. Santo Signore, Padre onnipotente, Dio eterno, che nel giorno del battesimo hai scritto questi nomi nel Libro della Vita e che, per la tua misericordia, attraverso questo cammino, hai chiamato questi fratelli, a riscoprire il tuo amore per loro, a te li presentiamo oggi affinch i loro nomi non siano mai cancellati dal tuo libro N; N e N ti supplichiamo di concedere a questi tuoi figli di rallegrarsi solo di una cosa: che i loro nomi sono scritti nel cielo. Per Cristo nostro Signore. Amen.

>

DIALOGO SULLA FEDE E LA VITA ETERNA


Quindi si sistemano i bambini luno accanto allaltro con i geni tori o un membro della famiglia dietro di loro, poi il Presbitero li chiama per nome e domanda: < > < > < N; N e N cosa sei venuto a chiedere alla Chiesa di Dio? La Fede. La Fede cosa ti dona? La Vita Eterna. Se davvero vuoi entrare nella Vita, custodisci i comandamenti: amerai il Signore tuo Dio con tutto il tuo cuore, con tutta la tua anima, con tutta la tua mente e il prossimo tuo come te stesso.

IMPEGNO DEI GENITORI E DEI CATECHISTI


Quindi rivolto verso i genitori dice: < > Voi Genitori, volete accompagnare insieme alla Comunit Cristiana e ai Catechisti di questa Santa Chiesa di Dio i vostri figli in questo cammino? Si lo vogliamo.

Poi si rivolge ai catechisti: < > < > E voi Catechisti volete guidare questi figli di Dio alla scoperta della Vita Nuova in Cristo che stata trapiantata in loro con la Grazia Battesimale? Si lo vogliamo. Il nostro Maestro e Redentore, il Signore Ges Cristo porti a compimento lopera che ha iniziato in voi. Rendiamo grazie a Dio.

Conclude dicendo la seguente Orazione: < > < Il Signore sia con voi. E con il tuo spirito. Preghiamo. O Dio, tu che non solo hai creato gli uomini, ma li hai rinnovati per mezzo del Santi Sacramenti, iniziandoli ad una Nuova Vita, sii propizio ai tuoi figli di adozione, che hanno rinnovato la prima parte del proprio Battesimo, e benedici il loro santo proposito, e quanto non possono conseguire per natura, abbiano la gioia di riceverlo per Grazia. Per Cristo nostro Signore. Amen.

>

I riti seguenti si fanno tutti di seguito su ciascun bambino. Prima soffia, poi segna e infine introduce, quindi passa al bambino successivo.

ESORCISMO E SEGNAZIONE DELLA CROCE


Il Presbitero soffia sul capo dicendo: Fuggi lontano o Spirito Immondo e cedi il posto allo Spirito Santo. Segna la fronte: Accogli la Fede e i Divini precetti: sii Tempio di Dio e imitatore del Signore Ges Cristo. Lo introduce nella Chiesa: Entra nel Tempio di Dio e abbi parte con Cristo alla vita eterna. I bambini entrano accompagnati dai genitori e si dispongono su due file allingresso della Chiesa, una volta che sono entrati tutti

entrano i Catechisti e il Presbitero e sulla porta della Chiesa rivolto verso lAltare dice la seguente orazione. < > < > < Signore ascolta la mia preghiera. E il mio grido giunga fino a te. Il Signore sia con voi. E con il tuo spirito. Preghiamo. Santo Signore, Padre onnipotente, Dio eterno, imploriamo la tua piet, incessante e perfetta, su questi tuoi figli che abbiamo segnato con la Santa Croce; tu, fonte di luce e di verit, degnati di illuminarli con la luce della tua conoscenza; rendili puri e santi; dona loro la vera scienza, perch resi degni di riscoprire la grazia del tuo Battesimo, conservino salda la speranza, retto il consiglio, pura la dottrina. Per Cristo nostro Signore.

I bambini vengono accompagnati al loro posto mentre si esegue lIntroito, il Presbitero sale allAltare lo bacia e lo incensa quindi con il Segno della Croce inizia la Santa Messa. Nel Canone si menzionano i nomi dei bambini nel Memento dei vivi. Se il caso si celebra la Messa della Santissima Trinit.

Prima Consegna TRADITIO DEL DECALOGO


Dopo lOmelia c la consegna del Decalogo, i bambini si dispongono davanti allAltare, il Presbitero introduce il rito con le seguenti parole: < Dilettissimi figli, il Regno di Dio non di questo mondo, cos come il giogo della Legge di Cristo che lamore, ri ceverete oggi le Dieci Parole che prima di essere dei comandamenti ai quali obbedire sono atti di amore vissuti dal Signore Ges Cristo verso ciascuno di voi: aprite bene le orecchie e ricevete le Parole della Vita:

Tutta lAssemblea, tranne i bambini dicono: Ascolta Israele! il Signore il tuo Dio, il Signore uno solo, amerai il Signore tuo Dio, con tutto il tuo cuore, con tutta la tua anima, con tutta la tua mente, con tutte le tue forze, amerai il prossimo tuo come te stesso. Io sono il Signore tuo Dio, che ti ha fatto uscire dal Paese dEgitto, Non avrai altro Dio allinfuori di me. Non nominare il nome di Dio invano. Ricordati di santificare le feste. Onora tuo padre e tua madre. Non uccidere.

Non commettere atti impuri. Non rubare. Non dire falsa testimonianza. Non desiderare la donna daltri. Non desiderare la roba daltri. Il Presbitero da solo conclude: Custodite nel vostro cuore mettendole in pratica queste Parole di Vita, imparatele a memoria, ripetetele quando vi alzate la mattina, ricordatele quando andate a letto la sera, rammentatele quando camminate per strada, siano una luce che vi illumina il cammino, esse vi daranno forza nei momenti di combattimento, vi aiuteranno a vincere le tentazioni del demonio, vi fortificheranno nel fare il bene, custoditele ed esse vi custodiranno. I Bambini rispondono. Rendiamo grazie a Dio I Bambini ritornano a posto, la Messa continua con la Professione di Fede.

Seconda Consegna TRADITIO DEI VANGELI


Prima della Messa, i ragazzi vengono posti su due file davanti allAltare, l uno di fronte allaltro, mentre si esegue lIntroito il Sacerdote entra, accede allAltare, lo bacia e lincensa, rivolto al popolo dice la seguente orazione: < > < > < Signore ascolta la mia preghiera. E il mio grido giunga fino a te. Il Signore sia con voi. E con il tuo spirito. Preghiamo. Santo Signore, Padre Onnipotente, Dio Eterno, mostra la Via della Verit e della tua Conoscenza, a questi tuoi figli N e N che hanno ricevuto la Grazia del Battesimo, fa che non vaghino incerti e dubbiosi nella notte di questo mondo, ma aperti gli orecchi del loro cuore possano riconoscerti ed accoglierti, e sia in questa vita che in quella futura, possano raccogliere il frutto della loro fede. Per Cristo nostro Signore.

Vengono portati uno ad uno i ragazzi davanti al Sacerdote il quale impone la Croce sugli orecchi dicendo: Effet. Quindi ritornano tutti al loro posto e inizia la Santa Messa, come al solito fino al Vangelo, prima di accedere allAltare per pren dere il libro dei Vangeli, mentre i ragazzi vengono disposti dai

Catechisti davanti allAltare, il Sacerdote introduce la Traditio con le seguenti parole. < Giunto il momento di aprire davanti a voi i Vangeli, cio la storia delle opere di Dio, dobbiamo anzitutto, figli carissimi, farvi conoscere che cosa sono, che origine hanno, di chi sono le parole che vi si leggono, perch sono quattro, e chi li ha scritti. Se non vi spiegassimo tutti questi dettagli, le vostre anime rimarrebbero sorprese; ma siccome oggi siete qui venuti perch si aprano le vostre orecchie, non vogliamo trattenere i vostri spiriti nellimpossibilit di capire. Vangelo propriamente significa buona novella perch il messaggio di nostro Signore Ges Cristo; e proviene da lui, per annunciare e dimostrare che colui che parlava nei Profeti apparso nella carne, si fatto uomo ed venuto a salvarci perch ci amava. Quindi la persona del Salvatore il Vero Vangelo della nostra Salvezza, quattro sono poi le forme in cui lUnico Messaggio del Signore ci pervenuto, come quattro sono i fiumi nati dallunica sorgente del Paradiso e quattro sono i cardini del mondo a cui questa parola deve essere annunciata: ed ecco i loro nomi: Matteo, Marco, Luca e Giovanni. Ora figli carissimi, non intendiamo tenervi oltre sospesi; fate silenzio e ascoltate risuonare con le orecchie del corpo e dellanima la Divina Parola della nostra Redenzione.

Inizia il canto dellAlleluia, mentre il Sacerdote dette le preghiere di preparazione sale allAltare e prende lEvangeliario come al solito e proclama il Vangelo assegnato alla seconda Domenica di Avvento. Terminata la lettura del Vangelo il Sacerdote benedice il popolo e dopo la benedizione tutti siedono, compresi i ragazzi, e ha inizio lOmelia. Alla fine della Messa si donano ai ragazzi e alle loro famiglie un Vangelo.

RITO DEL SALE


Prima dellinizio della Messa i bambini si dispongono davanti allAltare su due file, luno di fronte allaltro, si canta lIntroito mentre il Presbitero accede allAltare lo bacia e lo incensa, quindi fatto il Segno della Croce e il Saluto del Signore introduce il rito con la seguente orazione: < > < > < Signore ascolta la mia preghiera. E il mio grido giunga fino a te. Il Signore sia con voi. E con il tuo spirito. Preghiamo. Dio onnipotente ed eterno, Padre di nostro Signore Ges Cristo, degnati di volgere il tuo sguardo sopra questi tuoi figli N e N che ti sei degnato di istruire ai rudimenti della fede e che hai ammesso al Sacramento dellEucarestia, togli da loro ogni cecit del cuore, spezza ogni catena di Satana, apri per loro o Signore la Porta della tua Piet. Intimamente penetrati dal Sale segno della tua Sapienza, scompaia da loro il marciume delle passioni, e attratti dal buon profumo dei tuoi comandamenti siano felici di servirti nella Santa Chiesa e di crescere di giorno in giorno nella la Grazia Battesimale ricevuta come Medicina alla morte, alla paura e al peccato. Per Cristo nostro Signore. Amen.

Quindi viene portato il Sale, il Presbitero lo benedice dicendo: Ti esorcizzo, sale, creatura di Dio, nel nome di Dio + Padre onnipotente,

nellamore di Ges + Cristo nostro Signore, e nella forza dello Spirito + Santo. Ti esorcizzo per il Dio + vivo, per il Dio + vero, per il Dio + santo, per il Dio + che ti ha creato a difesa delluomo, e ha ordinato ai suoi ministri di benedirti a vantaggio di coloro che sono chiamati alla fede, perch nel nome della santa Trinit tu divenga un segno di salvezza che tiene lontano il nemico. Perci ti preghiamo, Signore Dio nostro: con la tua santit + santifica e con la tua benedizione + benedici questo sale, tua creatura: a tutti quelli che lo ricevono sia vero spirituale rimedio nel nome di Ges Cristo nostro Signore che verr a giudicare i vivi e i morti, e il mondo, col fuoco, ora e nei secoli dei secoli. Amen. Dona un granellino di Sale al bambino dicendo: Ricevi il Sale della Sapienza, ti sia utile per la vita eterna. Amen. Ricevuto il Sale il bambino ritorna al suo posto, quando tutti hanno ricevuto il Sale si sistemano ai banchi mentre il Sacerdote continua la Messa con lAtto penitenziale.

Quarta Consegna TRADITIO DEL SIMBOLO


Dopo lOmelia tutti si alzano in piedi, i ragazzi vengono sis temati di fronte allAltare, il Sacerdote introduce la Traditio con le seguenti parole < Nel giorno in cui avete ricevuto il Sacramento del Battesimo siete divenuti una nuova creatura nello Spirito Santo, e gi da allora insieme alla Grazia della Rigenerazione avete ricevuto la Fede che produce la Vita Eterna, ora dovete in questo momento, figli carissimi, concepire consapevolmente nel vostro cuore quella fede che vi ha giustificato: bisogna che, mutati ormai i vostri spiriti con labitudine della verit, vi accostiate a Dio luce delle vostre anime. Ricevete dunque il segreto del Simbolo evangelico ispirato dal Signore e composto dagli Apostoli. Sono poche parole, ma i misteri che contengono sono grandi; perch lo Spirito Santo che dett queste formule ai primi maestri della Chiesa ha espresso in esse con la massima precisione di termini, la fede che ci salva, affinch le verit che dovrete sempre credere e meditare siano apprese dalla vostra intelligenza e facilmente ritenute dalla vostra memoria. Procurate dunque di imparare bene questo Simbolo, e ci che a voi tramandiamo cos come lo ricevemmo, scrivetelo, non sopra una materia corruttibile, ma sulle pagine del vostro cuore. Orbene, la confessione della fede che avete ricevuto comincia cos

Il popolo prega il Simbolo degli Apostoli, il Sacerdote conclude dicendo: < Questo il compendio della nostra fede, figli carissimi, e

queste sono le parole del Simbolo, disposte non secondo il pensiero della sapienza umana, ma secondo un criterio divino. Non c nessuno che non le possa comprendere e ritenere. Spogliatevi dunque delluomo vecchio miei carissimi figli per essere riformati secondo quello nuovo: da carnali, cominciate a divenire spirituali; da terrestri, celesti. Credete con una fede ferma e costante, che la risurrezione compiutasi in Cristo si compir anche in voi e che il prodigio che si oper nel nostro Capo si riprodurr in ognuno delle membra del suo corpo. Il sacramento del Battesimo che avete ricevuto ci offre una espressione visibile di questa speranza. Esso si manifesta a noi come una morte ed una risurrezione; si lascia luomo vecchio e si prende quello nuovo; il peccatore entra nellacqua e ne esce giustificato. cacciato via chi ci aveva condotto alla morte, e si riceve colui che ci ha guidato alla vita, e che, per la grazia che vi dona, vi fa figli di Dio, non per la carne, ma per la virt dello Spirito Santo. Dovete dunque conservare nei vostri cuori questa breve formula, in modo che possiate fare uso in ogni occorrenza della Confessione chessa contiene, come di un rimedio. La potenza di questarma invincibile contro tutte le insidie del nemico; perci devessere familiare ai veri soldati di Cristo. Che il demonio, il quale non cessa mai di tentare luomo, vi trovi sempre armati di questo Simbolo. Trionfate dellavversario al quale avete rinunciato; conservate, con laiuto del Signore, fino alla fine, incorruttibile ed immacolata la grazia che sta per farvi nella Cresima: affinch colui nel quale avete ricevuto la remissione dei peccati vi procuri il Dono dello Spirito Santo. Cos dunque, carissimi figli, voi conoscete ora il Simbolo della fede cattolica; imparatelo accuratamente, senza cambiare una sola parola. La misericordia di Dio potente; ch essa vi conduca alla fede della Cresima alla quale aspirate; e faccia s che anche noi, che oggi vi riveliamo i misteri possiamo giungere con voi nel regno dei cieli, per il medesimo Ges Cristo Nostro Signore, che vive e regna nei

secoli dei secoli. Amen. A questo punto i Catechisti distribuiscono il Simbolo in forma scritta ai ragazzi, tutti ritornano a posto e si continua con la Preghiera Universale.

Rito di Apertura dellAnno della Fede PORTA FIDEI


Tutti, se le condizioni del tempo lo permettono, si radunano davanti alle porte chiuse della Chiesa, davanti alle quali rivolta verso il popolo c la croce portata dal ministro e le candele con lincenso e il libro, il Sacerdote introduce il rito con le seguenti parole: < Fratelli carissimi, il Santo Padre Benedetto XVI ha indetto lAnno della Fede, un anno nel quale approfondire la nostra fede cristiana e la nostra testimonianza nella carit. Con questo rito dingresso vo-gliamo anche noi entrare, in semplicit e umilt, in questo tempo di Grazia indetto dal Romano Pontefice per riscoprire le radici battesi-mali della nostra fede cristiana e rinnovare la nostra vita davanti al Signore. Ascoltiamo le parole del Papa.

Un lettore legge linizio della Lettera Apostolica Porta Fidei: < Lettera Apostolica in forma di Motu Proprio Porta Fidei del Som-mo Pontefice Benedetto XVI con la quale si indice lanno della fede

1. La porta della fede (cfr At 14,27) che introduce alla vita di comunione con Dio e permette lingresso nella sua Chiesa sempre aperta per noi. E possibile oltrepassare quella soglia quando la Parola di Dio viene annunciata e il cuore si lascia plasmare dalla grazia che tras-forma. Attraversare quella porta comporta immettersi in un cammino che dura tutta la vita. Esso inizia con il Battesimo (cfr Rm 6, 4), mediante il quale possiamo chiamare Dio con il nome di Padre, e si con-clude con il passaggio attraverso la morte alla vita eterna, frutto della risurrezione del Signore Ges

che, con il dono dello Spirito Santo, ha voluto coinvolgere nella sua stessa gloria quanti credono in Lui (cfr Gv 17,22). Professare la fede nella Trinit Padre, Figlio e Spirito Santo equivale a credere in un solo Dio che Amore (cfr 1Gv 4,8): il Padre, che nella pienezza del tempo ha inviato suo Figlio per la nostra salvezza; Ges Cristo, che nel mistero della sua morte e risur-rezione ha redento il mondo; lo Spirito Santo, che conduce la Chiesa attraverso i secoli nellattesa del ritorno glorioso del Signore. Il Sacerdote prende la Croce processionale e con lestremit colpisce la parte bassa delle porte della Chiesa per tre volte, quindi le porte vengono aperte, il Sacerdote allora domanda al popolo: < > < > < Cosa siete venuti a chiedere alla Chiesa di Dio? La Fede. La Fede cosa vi dona? La Vita Eterna. Dilettissimi figli, voi avete gi attraversato le Porte della Vita nel giorno in cui avete ricevuto il Santo Battesimo e siete stati aggregati alla Chiesa di Cristo. In quel giorno siete stati segnati con il Sigillo della Croce e da quel giorno appartenete a Dio e non pi a voi stessi. Se volete dunque rinnovare davanti a Dio e alla sua Chiesa i Voti del vostro Battesimo e riscoprire le sorgenti della vostra fede, entrando fatevi il Segno della Croce, il Segno della nostra Redenzione e dell Amore con cui il Padre ci ha amato.

Il Sacerdote asperge tutti con lacqua benedetta dicendo: Accogliete la Fede e i Divini precetti: siate Tempio di Dio e imitatori del Signore Ges Cristo. Poi invita ad entrare Entra nel Tempio di Dio e abbi parte con Cristo alla vita eterna.

In Christi nomine. Anni circuli liber Comitis incipit, auctus a Theotincho indigno presbytero, rogatu viri venerabilis Hechiardi comitis Ambianensis, ita tamen ut sancta Evangelistarum dicta necnon et Apostolorum ac Prophetarum immota atque inconcussa servarentur, et diebus quibus deerant propriae sanctae lectiones adhiberentur, sicut a sanctis patribus sunt coadunata. (0488C) Aut si alicui aut in feriis aut in festivitatibus sanctorum aliquid minus esse videtur, recurrat ad hebdomadam quam voluerit, et reperiet semper super octo aut unam aut duas aut eo amplius feriam, quam legere poterit, aut sibi nihil desit. (Propter frequens vero temporis incursum fuit in quibusdam epistolis apponere hoc , quod significat finem, et rursus propter principium alterius epistolae.) In vigilia natalis Domini VIII kal. Ianuar. ad sanctam Mariam de nona a sanctis patribus. Lectio epistolae beati Pauli apostoli ad Romanos. Fratres, Paulus servus Christi Iesu, usque et vos vocati Iesu Christi Domini nostri. Item ubi supra. . . Lectio Esaiae prophetae. Haec dicit Dominus, Propter Sion non tacebo, usque complacuit Deo in te. Evangelium secundum Matthaeum. In illo tempore, cum esset desponsata mater Iesu, Maria, usque salvum faciet populum suum a peccatis eorum. Item ad sanctam Mariam de nocte. Lectio epistolae beati Pauli apostoli ad Titum. Charissimi, apparuit gratia Salvatoris nostri Dei, usque in Christo Iesu Domino nostro. (0489B) Item ubi supra. Lectio Esaiae prophetae. Haec dicit Dominus, populus gentium, usque in sempiternum. Evangelium secundum Lucam cap. III, Exiit edictum a Caesare, usque pax hominibus bonae voluntatis. Item ad sanctam Anastasiam mane. Lectio Epistolae beati Pauli apostoli ad Titum. Charissimi, apparuit benignitas et humanitas, usque in Christo Iesu Domino nostro. Item ubi supra. Lectio Esaiae prophetae. Haec dicit Dominus. Spiritus Domini super me, usque redempti a Domino Deo. Evangelium secundum Lucam cap. III, Pastores loquebantur, usque

dictum est ad illos. Item ad sanctum Petrum in die. (0489C) Lectio epistolae beati Pauli apostoli ad Hebraeos. Fratres, multifarie multisque modis, usque anni tui non deficient. Item ubi supra. Lectio Esaiae prophetae. Haec dicit Dominus. Propter hoc sciet populus meus, usque et videbunt omnes fines terrae salutare Dei nostri. Initium sancti Evangelii secundum Ioannem. In principio erat Verbum, usque et veritatis. In natali sancti Stephani, id est, VII kalend. Ianuarii. Lectio actuum Apostolorum. In diebus illis Stephanus plenus gratia, usque obdormivit in Domino. Evangelium secundum Matthaeum cap. CCXL. Dicebat Iesus turbis Iudaeorum, usque benedictus qui venit in nomine Domini. In natali sancti Ioannis evangelistae, id est, VI kal. Ianuarii. Lectio libri Sapientiae. (0489D) Qui timet Deum, faciet bona, usque in nomine aeterno haereditabit illum Dominus Deus noster. Evangelium secundum Ioannem cap. CCXXXI. Dixit Iesus Petro, Sequere me, usque quia verum est testimonium eius. In natali Innocentum, id est, V kal. Ianuarii. Lectio libri Apocalypsis Ioannis apostoli. In diebus illis vidi super montem Sion agnum stantem, usque ante thronum Dei. Evangelium secundum Matthaeum cap. VI, Ecce angelus Domini apparuit in somnis Ioseph, usque quoniam Nazaraeus vocabitur. Kal. Ianuarii, si in Dominica contigerit, istae lectiones ex libri Comitis legantur. Epistola Pauli apostoli ad Galatas, Fratres, quanto tempore haeres parvulus est, usque et haeres per Deum. (0490A) Evangelium secundum Lucam cap. II, Erat Ioseph et Maria mater Iesu, usque gratia Dei erat in illo. Sin alias est, istae. Lectio libri Geneseos. In diebus illis formavit igitur Dominus hominem de limo, usque fluvius quartus ipse est Euphrates. Evangelium secundum Matthaeum cap. XIII, Venit Iesus a Galilaea in Iordane, usque in quo mihi complacuit. Id. III kal. Ianuarii. Lectio libri Geneseos. In diebus illis tulit Dominus Deus hominem, usque ipsum est nomen eius. Evangelium secundum

Matthaeum c. XVIII, Cum audisset Iesus quod Ioannes traditus esset, usque appropinquabit enim regnum coelorum. Pridie kal. Ianuarii. Natale sancti Silvestri. Lectio Epistolae beati Pauli apostoli ad Hebraeos. (0490B) Fratres, plures facti sunt sacerdotes secundum legem, usque se offerendo Dominus noster Iesus Christus. Evangelium secundum Matthaeum c. CCLXIII, Dixit Iesus discipulis suis, Vigilate qua nescitis, usque super omnia bona sua constituet eum. Kal. Ianuarii. Octabas Domini. Ipsa lectio legatur quae est in vigilia Domini de nocte. Evangelium secundum Lucam (cap. III) , Postquam consummati sunt dies octo, usque gloria plebi tuae Israel. IV non. Ianuarii. Lectio libri Geneseos. In diebus illis Adam non inveniebatur adiutorium simile ei, usque et aperti sunt oculi amborum. Evangelium secundum Matthaeum cap. XXIII, Circuibat Iesus totam Galilaeam, usque de trans Iordanem. III non. Ianuarii. Natale sanctae Genovefae virginis. Lectio libri Sapientiae. (0490C) Pulchra est casta generatio, usque in refrigerio erit. Evangelium secundum Matthaeum cap. XXXVII, Audistis quia dictum est antiquis, Non moechaberis, usque volenti a te mutuari ne avertaris. Prid. non. Ianuarii. Lectio Daniel prophetae. In diebus illis venit Nabuchodonosor rex Babylonis in Hierusalem, et obsedit eam: usque qui vescebantur cibo regio. Evangelium secundum Matthaeum c. LXVII, Cum venisset Iesus in domum Simonis Petri, usque sepelire mortuos suos. Non. Ianuarii. Lectio libri Geneseos. In diebus illis. Cum autem cognovissent se esse nudos, Adam scilicet et uxor eius, usque in pulverem reverteris. Evangelium secundum Matthaeum c. (0490D) CXXXIII, Locutus est Iesus ad turbam et discipulos suos dicens, Videntes non vident, et audientes non audiunt, usque et aures vestrae quae audiunt. Item eodem die, in vigilia Theophaniae, Lectio Epistolae beati Pauli apostoli ad Titum. Charissime, apparuit benignitas et humanitas, usque in Christo Iesu Domino nostro. Evangelium secundum Matthaeum cap. VI, Defuncto Herode, ecce apparuit angelus Domini in somnis Ioseph, usque Nazaraeus vocabitur. VIII idus Ianuarii, in Theophania. Lectio Esaiae prophetae. Surge,

illuminare Hierusalem, usque et laudem Domino annuntiantes. Evangelium secundum Matthaeum cap. (0491A) IV, Cum natus esset Iesus in Bethlehem Iudae, usque per aliam viam reversi sunt in regionem suam. VII id. Ianuarii. Lectio Esaiae prophetae. In diebus illis locutus est Esaias propheta dicens. Anno quo mortuus est rex Ozias, vidi Dominum sedentem super solium excelsum, usque et peccatum tuum mundabitur. Evangelium secundum Matthaeum cap. CXXXIX, Factum est cum consummasset Iesus sermones istos, usque qui potest capere capiat. VI id. Ianuarii. Belloacus natale sancti Luciani martyris. Lectio libri Sapientiae. Audite, reges, et intelligite, usque invenient quid respondeant. Evangelium secundum Matthaeum cap. CCLVI, Dixit Iesus discipulis suis, Sicut fulgur exit ab oriente, usque terminos eorum. (0491B) V idus Ianuarii. Lectio Esaiae prophetae. In diebus illis dixit Dominus ad Esaiam, Egredere in occursum Achaz, usque si non credideritis, non permanebitis. Evangelium secundum Marcum, Dixit Iesus discipulis suis, Simile est regnum Dei, quemadmodum si homo iaciat sementem in terra, usque sine parabola non loquebatur eis. IV idus Ianuarii. Lectio Esaiae prophetae. In diebus illis locutus est Dominus ad Esaiam prophetam dicens, Pro eo quod adiecit populus iste aquas Siloe, usque quia nobiscum Deus. Evangelium secundum Marcum cap. LXII, Dixit Iesus discipulis suis, Venite seorsum, eamus in desertum locum, usque concurrerunt illuc. III idus Ianuarii. Lectio Esaiae prophetae. (0491C) In diebus illis dixit Esaias, Haec enim ait Dominus ad me, sicut in forti manu erudivit me, usque a Domino exercituum qui habitat in monte Sion. Evangelium secundum Marcum cap. XC. Veniens Iesus ad discipulos suos, vidit turbam magnam, usque inter vos conquiritis. Pridie idus Ianuarii. Lectio Isaiae prophetae. In diebus illis locutus est Esaias propheta dicens, Si fuerit populus tuus Israel quasi arena maris, reliquiae convertentur, usque super montem filiae Sion. Evangelium secundum Marcum cap. XCVII, Respondit Iesu Ioannes dicens, Magister, vidimus quemdam, usque qui non est adversum vos, pro vobis est. Idibus Ianuarii. Octabas Theophaniae. Lectio Esaiae prophetae. (0491D)

Domine Deus meus, honorificabo te, usque annuntiate haec in universa terra. Evangelium secundum Ioannem. Vidit Ioannes Iesum venientem ad se, usque quia hic est Filius Dei. Dominica I post Theophania. Lectio epistolae beati Pauli apostoli ad Romanos: Fratres, obsecro vos per misericordiam Dei, usque in Christo Iesu Domino nostro. Evangelium secundum Lucam cap. III, Cum factus esset Iesus annorum XII, usque apud Deum et homines. XIX kal. Februarii. Natale sancti Felicis confessoris in Pincis. Lectio libri Geneseos. In diebus illis fecit Dominus Deus Adae et uxori eius tunicas pelliceas, usque ad custodiendam viam ligni vitae. Evangelium secundum Marcum cap. (0492A) CXII. Erant turbae in via ascendentes cum Iesu Hierosolymam, usque tertia die resurget. XVIII kal. Februarii. Lectio libri Geneseos. In diebus illis factum est ut offerret Cain Domino Deo de fructibus terrae, usque qui occiderit eum, septuplum punietur. Evangelium secundum Marcum. cap. CXVI, Venit Iesus Hierico, usque sequebatur eum in via. XVII kalend. Februarii. Natale sancti Marcelli confessoris. Lectio libri Geneseos. In diebus illis Lamech accepit uxores duas, usque omne tempus quo vixit Adam anni nongenti triginta. Evangelium secundum Marcum cap. CXXXV, Dixit Iesus discipulis suis, Cavete a scribis qui volunt in stolis ambulare, usque hic accipiunt prolixius iudicium. (0492B) XVI kal. Februarii. Natale sancti Sulpicii. Lectio libri Sapientiae. Super salutem et speciem dilexi sapientiam, usque propter disciplinae dona commendati. Evangelium secundum Marcum cap. CXLII, Dixit Iesus discipulis suis, Cum videritis abominationem desolationis, usque propter electos quos elegit, breviabit dies. XV kal. Februarii. Natale sanctae Priscae. Lectio libri Sapientiae. Omnium artifex docuit me sapientia, usque et super omnem stellarum dispositionem. Require Evangelium secundum Matthaeum cap. CXL. Simile est regnum coelorum thesauro abscondito, usque nova. XIV kal. Februarii. In natali Mariae et Marthae. Lectio libri Geneseos. (0492C) In diebus illis aedificavit Noe altare Domino, usque diluvium dissipans terram. Evangelium secundum Marcum cap. XVIII, Venit ad Iesum leprosus deprecans eum, usque quae praecepit Moyses in

testimonium illis. XIII kal. Februarii. In natali Fabiani et Sebastiani. Lectio libri Sapientiae. Sapientia vincit malitiam, usque quibus utilius nihil est in vita hominibus. Evangelium secundum Matthaeum cap. CCLXIII, Dixit Iesus discipulis suis, Vigilate, quia nescitis diem, usque constituet eum. XII kal. Februarii. In natali sanctae Agnes. Lectio libri Sapientiae. Cum tentarentur iusti, usque in finem eventus mirati sunt. Evangelium secundum Matthaeum cap. (0492D) CCLXVIII, Dixit Iesus discipulis suis, Simile est regnum coelorum decem virginibus, usque nescitis diem neque horam. XI kal. Februarii. In natale sancti Vincenti. Lectio libri Sapientiae. Misereris omnium, Domine, quia omnia potes, usque credant in te, Domine. Evangelium secundum Ioannem cap. XIV. Dixit Iesus discipulis suis, Nisi granum frumenti cadens in terra, usque Pater meus qui in coelis est. Dominica II post Theophaniam. Lectio Epistolae beati Pauli apostoli ad Romanos. Fratres, habentes donationes secundum gratiam, usque humilibus consentientes. Evangelium secundum Ioannem cap. XVIII, Nuptiae factae sunt, usque crediderunt in eum discipuli eius. X kal. Februarii. (0493A) In natali sanctorum Macharii, Emerentiani. Lectio libri Sapientiae. Cum sis ergo iustus, Domine, usque speremus misericordiam. Evangelium secundum Lucam cap. CLVI, Elevatis oculis Iesus in discipulos suos, usque merces vestra multa est in coelo. IX kal. Februarii. In natali sancti Proiecti. Lectio libri Sapientiae. Domine Deus noster, suavis et verus es, usque radix est immortalitatis. Evangelium secundum Lucam cap. LXIV, Dixit Iesus discipulis suis, Omnis qui venit ad me, usque supra petra. VIII kal. Februarii. Lectio libri Geneseos. In diebus illis dixit Dominus ad Noe, et ad filios eius, Hoc signum foederis quod do inter me et vos, usque universae carnis quae super terram. Evangelium secundum Marcum cap. (0493B) I, Egressus Iesus venit in patriam suam, usque impositis manibus curavit eum. VII kal. Februarii. Lectio libri Geneseos. In diebus illis erat terra labii

unius, et sermonum eorumdem, usque super faciem cunctarum regionum. Evangelium secundum Lucam cap. XXVI, Surgens Iesus de synagoga, usque oportet me evangelizare regnum Dei. VI kal. Februarii. In natali sanctae Agnes de nativitate. Lectio libri Geneseos. In diebus illis tulit Thare Abraham filium suum, usque ab oriente Hai. Evangelium secundum Marcum cap. XXI, Introivit Iesus in synagoga, usque restituta est manus illius. V kal. Februarii. Lectio libri Sapientiae. Iustitia perpetua est, usque calore illius aggravata. (0493C) Evangelium secundum Matthaeum cap. CXL, Dixit Iesus discipulis suis, Simile est regnum coelorum thesauro abscondito in agro, usque nova et vetera. Dominica III post Theophaniam. Lectio Epistolae beati Pauli apostoli ad Romanos. Fratres, nolite esse prudentes, usque vince in bono malum. Evangelium secundum Matthaeum cap. LXIII, Cum descendisset Iesus de monte, usque sanatus est puer in illa hora. IV kal. Februarii. Lectio libri Geneseos. In diebus illis descendit Abraham in Aegyptum, usque accipe eam, et vade. Evangelium secundum Lucam cap. XXXIII, Cum esset Iesus in civitate, usque ab infirmitatibus suis. III kal. Februarii. Lectio libri Geneseos. (0493D) In diebus illis ascendit Abraham de Aegypto, usque venientibus ad Segor. Evangelium secundum Marcum cap. XXXVI, Coepit Iesus docere ad mare, usque qui habet aures audiendi audiat. Pridie kal. Februarii. Lectio libri Geneseos. In diebus illis dixit Dominus ad Abraham postquam divisus est, usque aedificavit ibi altare Domino. Evangelium secundum Matthaeum cap. LXXIV, Loquente Iesu ad turbas, usque in universam terram illam. Kal. Februarii. In natali sanctae Brigidae virginis. Lectio libri Sapientiae. Creatura tibi factori deserviens, usque Magna enim sunt iudicia tua, Domine, et inenarrabilia opera tua. Evangelium secundum Lucam cap. LXXIX, Dixit Iesus discipulis suis, Nemo accendens lucernam, usque auferetur ab illo. (0494A) IV nonas Februarii. In purificatione beatae Mariae virginis. Lectio libri Sapientiae. In omnibus requiem quaesivi, usque dedit suavitatem odoris.

Evangelium secundum Lucam cap. III, Accepit Simeon Iesum in ulnas suas, usque gratia Dei erat in illo. Item aliud Evangelium secundum Lucam, Postquam dies purgationis eius, usque gloriam plebis tuae Israel. III non. Februarii. Lectio libri Geneseos. In diebus illis Melchisedech rex Salem occurrit Abrahamo a caede regum revertenti, panem proferens, panem et vinum, usque reputatum est illi ad iustitiam. Evangelium secundum Marcum cap. XLI, Dixit Iesus discipulis suis et turbis, usque disserebat omnia. (0494B) Pridie non. Februarii. Lectio libri Geneseos. In diebus illis, postquam nonaginta annorum esse coeperat Abraham, usque pariter circumcisi sunt. Evangelium secundum Lucam cap. LXXVIII, Dicebat Iesus parabolam intendens, usque panem in regno Dei. Non. Februarii. In natali sanctae Agathae. Lectio Epistolae beati Pauli apostoli ad Corinthios. Fratres, qui gloriatur, in Domino glorietur, usque exhibere Christo. Evangelium secundum Matthaeum cap. CCLXVIII, Dixit Iesus discipulis suis parabolam hanc, simile est regnum coelorum decem virginibus, usque neque hora. Dominica IV post Theophaniam. Lectio Epistolae beati Pauli apostoli ad Romanos. (0494C) Fratres, nemini quidquam debeatis, usque plenitudo ergo legis est dilectio. Evangelium secundum Matthaeum cap. LXIX, Ascendente Iesu in navicula, usque obediunt ei. VIII idus Februarii. Lectio libri Geneseos. In diebus illis apparuit Dominus Abraham in convalle Mambre, usque, sed resisti. Evangelium secundum Marcum cap. XLVII, Venit Iesus trans fretum in regione Gerasenorum, usque et misertus est tui. VII idus Februarii. Lectio libri Geneseos. In diebus illis dixit Dominus ad Abraham, Num celare potero tibi quae gesturus sum, usque et ille reversus est in locum suum. Evangelium secundum Lucam cap. LXVII, Factum est deinceps, ibat Iesus in civitatem quae vocatur Naim, usque plebem suam. (0494D) VI idus Februarii. In natali S. Thomae apostoli. Lectio Epistolae beati Pauli apostoli ad Ephesios, Iam non estis hospites et advenae, usque habitaculum Dei in Spiritu sancto. Evangelium secundum Ioannem cap. CXXXIV, Hoc est praeceptum meum, usque oderunt me gratis.

V idus Februarii. Lectio libri Geneseos. In diebus illis venerunt duo angeli Sodomam, usque Loth ingressus est Segor. Evangelium secundum Lucam cap. LXXIX, cogebat Iesum quidam Pharisaeus, usque dilexit multum. IV idus Februarii. In natali sanctorum Zotici, Erenei, Iacincti, Amanti, et Soteris. Lectio libri Sapientiae. (0495A) Omnis creatura ab initio ad suum genus refigurabatur, usque assistens eis. Evangelium secundum Lucam cap. CIV, Factum est autem dum complerentur dies assumptionis Iesu, usque abierunt in aliud castellum. III idus Februarii. Lectio libri Geneseos. In diebus illis profectus est Abraham in terram australem, usque cum filio meo Isaac. Evangelium secundum Marcum cap. LXIII, Exiens Iesus de navi, usque abiit in montem orare. Pridie idus Februarii. Lectio libri Geneseos. In diebus illis deprecatus est Isaac Dominum pro uxore sua, usque parvipendens quod primogenita vendidisset. Evangelium secundum Matthaeum cap. XLVII, Vespere autem facto, usque quinque millia hominum. (0495B) Dominica V post Theophaniam. Lectio Epistolae beati Pauli apostoli ad Thessalonicenses. Fratres, induite vos sicut Dei electi, usque per Iesum Christum Dominum nostrum. Evangelium secundum Matthaeum cap. CV, Respiciens Iesus dixit, Confiteor tibi, Pater, Domine coeli, usque onus meum leve. Idus Februarii. Lectio libri Geneseos. In diebus illis orta autem fame super terram, usque donec magnus vehementer effectus est. Evangelium secundum Matthaeum cap. CLIV, Accesserunt ad Iesum ab Hierosolymis, usque non coinquinat hominem. XVI kal. Martii. In natali sanctorum Valentini, Vitalis, Feliculae, et Zenonis. Lectio libri Sapientiae. (0495C) Metuentes Dominum, sustinete misericordiam eius, usque sic et misericordia eius cum eo. Evangelium secundum Lucam cap. XCVI, Dicebat Iesus discipulis suis, Si quis vult post me venire, usque donec veniat regnum Dei. XV kal. Martii. Lectio libri Geneseos. In diebus illis egressus Iacob de Bersabee, usque decimas offeram tibi. Evangelium secundum Lucam cap. LXXXIII, Factum est in una dierum, usque quanta illis Iesus fecisset.

XIV kal. Martii. Natale sanctorum Onesimi et Iulianae virginis. Lectio libri Sapientiae. Filii sapientiae ecclesia iustorum, usque iustitia aedificabitur tibi. Evangelium secundum Matthaeum cap. (0495D) CXL. Dixit Iesus discipulis suis parabolam hanc: Simile est regnum coelorum thesauro abscondito, usque nova et vetera. XIII kal. Martii. In natali sancti Policioni episcopi. Lectio libri Geneseos. In diebus illis profectus est Iacob, venit ad terram orientalem, usque serviens apud eum septem annis. Evangelium secundum Marcum cap. LXXII, Surgens Iesus abiit in fines Tyri, usque daemonium exisse ab eo. XII kal. Martii. Lectio libri Geneseos. In diebus illis videns Dominus quod despiceret Iacob Liam, usque appellavit eum Asser. Evangelium secundum Lucam cap. CXVIII, Exsultavit Iesus in spiritu sancto, usque audire quae audistis et non audierunt. XI kal. Martii. Lectio libri Geneseos. (0496A) In diebus illis egressus Ruben tempore messis tritici, usque separatis inter se gregibus. Evangelium secundum Lucam cap. CXXXIV, Dixit Iesus discipulis suis, Lucerna corporis tui est oculus tuus, usque lucerna fulgoris illuminabit te. Dominica in Septuagesima. Lectio Epistolae beati Pauli apostoli ad Corinthios. Fratres, nescitis quod hi qui in stadio currunt, usque petra autem erat Christus. Evangelium secundum Matthaeum cap. CC, Dixit Iesus discipulis suis, Simile est regnum coelorum homini patrifamilias, usque pauci electi. X kal. Martii. Lectio libri Geneseos. In diebus illis, quando primo tempore ascendebant oves, usque pergens ad Isaac patrem suum in terra Chanaan. Evangelium secundum Lucam cap. (0496B) CXLIX, Ait Iesu quidam de turba: Magister, dic fratri meo, usque qui sibi thesaurizat, non est dives, in Deum. IX kal. Martii. Lectio libri Geneseos. In diebus illis, tempore quo Laban ierat ad tondendas oves, usque reversus est in locum suum. Evangelium secundum Lucam cap. CLIX, Servus qui cognovit voluntatem domini sui, usque et nurus in socrum suam. VIII kal. Martii. In cathedra sancti Petri. Lectio libri Sapientiae. Fili, in mansuetudine perfice opera tua, usque exaudiet autem eum qui fecit illum. Evangelium secundam Lucam cap. CLXVII, Dicebat Iesus, Cui est

simile regnum Dei, usque stridor dentium. VII kal. Martii. Lectio libri Geneseos. In diebus illis abiit Iacob itinere quo coeperat, usque quanto magis contra homines praevalebit. (0496C) Evangelium secundum Lucam cap. CLXXII, Dixit Iesus turbis, Cum videritis Abraham, usque non capit propheta perire extra Hierusalem. VI kal. Martii. Lectio libri Geneseos. In diebus illis interrogavit Iacob angelum qui luctabatur cum eo, usque urbe Sicimorum quae est in terra Chanaan. Evangelium secundum Lucam cap. LXXX, Dicebat Iesus ei qui se invitaverat, usque beatus qui manducat panem in regno Dei. V kal. Martii. Lectio libri Geneseos. In diebus illis postquam regressus est Iacob de Mesopotamia Syriae, usque numquid ut scorto abuti debuere sorore nostra. Evangelium secundum Lucam cap. CXCII, Audiebant omnia haec pharisaei quae Iesus loquebatur, usque qui dimissam a viro ducit, moechatur. (0496D) IV kal. Martii. Lectio libri Geneseos. In diebus illis locutus est Dominus ad Iacob dicens, Surge et ascende Bethel, usque hic titulus monumenti Rachel, usque in praesentem diem. Evangelium secundum (Lucam) cap. CXCVII, Dixit Iesus discipulis suis, Impossibile est, ut non veniant scandala, usque obediret vobis. III kal. Martii. Lectio libri Geneseos. In diebus illis erant filii Iacob XII, usque sepelierunt eum Iacob filii sui. Evangelium secundum Lucam cap. CCI. Dixit Iesus discipulis suis, Quis vestrum habens servum arantem, usque quod debuimus facere fecimus. (0497A) Dominica in Sexagesima. Lectio Epistolae beati Pauli apostoli ad Corinthios. Fratres, libenter suffertis insipientes, usque ut inhabitet in me virtus Christi. Evangelium secundum Lucam cap. LXXVI, Cum turba plurima conveniret, usque fructum afferet in patientia. Pridie kal. Martii. Lectio libri Geneseos. In diebus illis ductus est Ioseph in Aegypto, usque Dominus erat cum illo, et omnia opera eius dirigebat. Evangelium secundum Lucam cap. CCII, Interrogatus Iesus a pharisaeis quando venit regnum Dei, usque in die sua. Kal. Martii. Lectio libri Geneseos. In diebus illis accidit ut peccarent duo eunuchi, usque oblitus est interpretis sui. (0497B) Evangelium secundum

Lucam cap. CCVIII, Dixit Iesus discipulis suis, Sicut factum est in diebus Noe, usque memores estote uxoris Loth. VI non. Martii. Lectio libri Geneseos. In diebus illis dixit Pharao somnium, usque consilium placuit Pharaoni et cunctis ministris eius. Evangelium secundum Lucam cap. CCXII, Dixit Iesus discipulis suis, Dico vobis in illa nocte erunt duo in lecto uno, usque inveniet fidem in terra. V (non.) Martii. Lectio libri Geneseos. In diebus illis dixit Pharao ad Ioseph, usque malum inopiae temperaremus. Evangelium secundum Lucam cap. CCLII, Dixit Iesus discipulis suis, Cum videritis circumdari ab exercitu Hierusalem, usque donec impleantur tempora nationum. (0497C) IV non. Martii. Lectio libri Geneseos. In diebus illis, Audiens autem Iacob quod alimenta venderentur in Aegyptum, usque moriamini. Evangelium secundum Lucam cap. CCLIX, Dixit Iesus discipulis suis, Attendite autem vobis, ne forte gravarentur corda vestra, usque in templo audire eum. III non. Martii. Lectio libri Geneseos. In diebus illis fecerunt fratres Ioseph in Aegypto, ut illis ipse praeceperat, et locuti sunt ad invicem, usque absque liberis ero. Evangelium secundum Lucam cap. CCXLI, Dixit Iesus discipulis suis, Ecce ego mitto promissum Patris mei in vos, usque benedicentes Deum. II non. Martii. Lectio libri Geneseos. (0497D) In diebus illis tulerunt filii Israel munera et pecuniam duplicem, usque ad patrem vestrum. Evangelium secundum Matthaeum cap. XXXIII, Dixit Iesus discipulis suis, Nolite putare quia veni solvere legem, usque hic magnus vocabitur in regno coelorum. Non. Martii. In natali sanctarum virginum Perpetuae et Felicitatis. Lectio libri Sapientiae. Congregationi pauperum affabilem te facito, usque verbum in tempus salutis. Evangelium secundum Ioannem cap. XXV, Venit Iesus et discipuli eius in Iudaeam terram, usque missus est ante illum. Dominica in Quinquagesima. Lectio Epistolae beati Pauli apostoli ad Corinthios. Et si linguis hominum loquar et angelorum, usque maior

autem his est charitas. Evangelium secundum Lucam cap. (0498A) CCXXII, Assumpsit Iesus duodecim discipulos suos, usque dedit laudem Deo. VIII idus Martii. Lectio libri Geneseos. In diebus illis accedens Iudas propius confidenter ad Ioseph ait, usque festinate et adducite eum ad me. Evangelium secundum Ioannem cap. LI, Factum est cum descenderent discipuli Iesu ad mare, usque ad terram qua ibant. VII idus Martii. Lectio libri Geneseos. In diebus illis auditum est et celebri sermone vulgatum in aula regis, venerunt fratres Ioseph, usque Ioseph ponet manus suas super oculos tuos. Evangelium secundum Marcum cap. CXX, Cum intrasset Iesus Hierosolymam in templum, usque quodcumque dixerit fiat, fiet ei. (0498B) FERIA IV. Capite ieiunii. Ad sanctam Savinam. Lectio Iohel prophetae. Haec dicit Dominus Deus, Convertimini ad me in toto corde vestro, usque non dabo vos ultra opprobrium gentibus, dicit Dominus omnipotens. Evangelium secundum Matthaeum cap. XLV, Dixit Iesus discipulis suis, Cum ieiunatis, nolite fieri sicut hypocritae tristes, usque ibi est cor tuum. Feria V. Lectio Esaiae prophetae. In diebus illis aegrotavit Ezechias usque ad mortem, usque protegam eam, Dicit Dominus omnipotens. Evangelium secundum Matthaeum cap. LXIV, Cum introisset Iesus Capharnaum, usque sanatus est ex illa hora. Feria VI. Lectio Esaiae prophetae. (0498C) Haec dicit Dominus Deus, Clama, ne cesses, usque quia misericors sum Dominus Deus tuus. Evangelium secundum Matthaeum cap. XXXIX, Dixit Iesus discipulis suis, Audistis quia dictum est, Diliges proximum tuum, et odies inimicum, usque reddet tibi. Sabbato. Lectio Esaiae prophetae. Haec dicit Dominus, Si abstuleris de medio tui catenam, usque Os enim Domini locutum est haec. Evangelium secundum Marcum cap. (LXVI), Cum sero esset factum, erat navis in medio mari, usque salvi fiebant. Dominica initium Quadragesimae. Lectio Epistolae beati Pauli apostoli ad Corinthios, Fratres, hortamur vos, usque omnia possidentes. Evangelium secundum Matthaeum cap. XV, Ductus est Iesus in desertum, usque angeli ministrabant ei. (0498D)

Hinc plenarius sequitur ordo sicut in libro Comiti continentur, usque octabas Paschae. Feria II. Lectio Ezechiel prophetae. Haec dicit Dominus Deus, Ecce ego ipse requiram oves meas, usque in iudicio et iustitiam dicit Dominus omnipotens. Evangelium secundum Matthaeum cap. CCLXXII, Cum venerit Filius Hominis in maiestate sua, usque iusti autem in vitam aeternam. Feria III. Lectio Esaiae prophetae. In diebus illis locutus est Esaias propheta dicens, usque ait Dominus omnipotens. Evangelium secundum Matthaeum cap. CCX, Cum intrasset Iesus Hierosolymam, usque docebat eos de regno Dei. Feria IV. Lectio libri Exodi. In diebus illis dixit Dominus ad Moysen, usque et quadraginta noctibus. (0499A) Evangelium secundum Matthaeum cap. CXXVII, Accesserunt ad Iesum scribae et pharisaei dicentes, usque ipse meus frater et soror et mater est. Feria V. Lectio Ezechiel prophetae. In diebus illis factus est sermo Domini ad me dicens, usque ait Dominus omnipotens. Evangelium secundum Ioannem cap. CLVII, In illo tempore dicebat Iesus ad eos qui crediderunt ex Iudaeis, usque qui est ex Deo, verba Dei audit. Feria VI. Lectio Ezechiel prophetae. Haec dicit Dominus Deus, Anima quae peccaverit, ipsa morietur, usque vita vivet, et non morietur, dicit Dominus omnipotens. Evangelium secundum Ioannem cap. XXXVII, In illo tempore erat dies festus Iudaeorum, usque esset qui fecit eum sanum. (0499B) Sabbato in duodecim lectionibus. Ad sanctum Petrum. Lectio libri Deuteronomii. In diebus illis locutus est Moyses ad Dominum dicens, Respice, Domine, de sanctuario tuo, usque sicut locutus est tibi. Item lectio libri Deuteronomii. In diebus illis dixit Moyses filiis Israel, usque sicut locutus est vobis Dominus Deus vester. Item lectio libri Machabaeorum. In diebus illis orationem faciebant sacerdotes, usque nec vos deserat in tempore Dominus Deus vester. Item lectio libri Sapientiae. Miserere nostri Deus omnium, usque

mirabilia tua, Domine Deus noster. Item lectio Danihel prophetae. Angelus Domini descendit cum Azaria et sociis eius, usque et superexaltatus in saecula. (0499C) Item benedictione. Item lectio Epistolae beati Pauli apostoli ad Thessalonicenses. Fratres, rogamus vos, corripite inquietos, usque in adventum Domini nostri Iesu Christi servetur. Evangelium secundum Matthaeum cap. CLXXII, In illo tempore assumpsit Iesus Petrum et Iacobum et Ioannem fratrem eius, usque a mortuis resurget. Dominica prima infra Quadragesimam. Lectio Epistolae beati Pauli apostoli ad Thessalonicenses. Fratres, rogamus vos, et obsecramus in Domino Iesu, usque sed in santificatione in Christo Iesu Domino nostro. Evangelium secundum Matthaeum cap. LVII, Egressus inde Iesus secessit in partes Tyri, usque ex illa hora. (0499D) Feria II. Lectio Danihel prophetae. In diebus illis oravit Danihel dicens, usque et super populum tuum, Domine Deus noster. Evangelium secundum Ioannem cap. LXXXIX, Dixit Iesus turbis Iudaeorum, Ego vado, et quaeritis me, usque placita sunt ei facio semper. Feria III. Lectio libri Regum. In diebus illis factus est sermo Domini ad Eliam, usque quod locutus est in manu Eliae. Evangelium secundum Matthaeum c. CCXXVII, Locutus est Iesus ad turbas et ad discipulos suos dicens, usque exaltabitur. Feria IV. Lectio libri Hester. In diebus illis oravit Hester ad Dominum dicens, usque hora canentium, Domine Deus noster. (0500A) Evangelium secundum Matthaeum cap. CCI, Ascendens Iesus Hierosolymam, usque redemptionem pro multis. Feria V. Lectio Hieremiae prophetae. Haec dicit Dominus Deus: Maledictus homo qui confidit in homine, usque adinventionum suarum dicit Dominus omnipotens. Evangelium secundum Ioannem cap. (XLI), Dixit Iesus turbis Iudaeorum, Non possum ego a me ipso facere quidquam, usque quomodo verbis meis creditis. Feria VI. Lectio libri Geneseos. In diebus illis dixit Ioseph fratribus suis,

usque volens eripere eum de manibus eorum et reddere patri suo. Evangelium secundum Matthaeum cap. CCXIX, Dixit Iesus discipulis suis, Homo erat paterfamilias, usque quoniam sicut prophetam eum habebant. (0500B) Sabbato. Lectio libri Geneseos. In diebus illis dixit Rebecca filio suo Iacob, usque desuper erit benedictio tua. Evangelium secundum Lucam cap. CXC, Dixit Iesus discipulis suis, Homo quidam habebat duos filios, usque perierat et inventus est. Dominica II. XXXa. Lectio Epistolae beati Pauli apostoli ad Ephesios. Estote imitatores Dei sicut filii charissimi, usque iustitia et veritate. Evangelium secundum Lucam cap. CXXVI, Erat Iesus eiiciens daemonium, usque et custodiunt illud. Feria II. Lectio libri Regum. In diebus illis Naaman princeps militiae regis Syriae, usque nisi tantum Dominus Deus Israel. Evangelium secundum Lucam cap. (0500C) XX, Dixerunt pharisaei ad Iesum, Quanta audivimus facta Capharnaum, usque transiens per medium illorum ibat. Feria III. Lectio libri Regum. In diebus illis mulier quaedam clamabat ad Helisaeum prophetam, dicens, usque tu et filii tui vivite de reliquo. Evangelium secundum Matthaeum cap. CLXXXIII, Respiciens Iesus discipulos suos, dixit Simoni Petro, usque septuagies septies. Feria IV. Lectio libri Exodi. Haec dicit Dominus Deus, Honora patrem tuum et matrem tuam, usque nominis mei. Evangelium secundum Matthaeum cap. CLIV, Accesserunt ad Iesum ab Hierosolymis scribae et pharisaei dicentes, usque non coinquinant hominem. Feria V. Lectio Hieremiae prophetae. (0500D) In diebus illis factum est verbum Domini ad me dicens, Sta in porta domus Domini, usque in saeculum dicit Dominus omnipotens. Evangelium secundum Ioannem cap. (LII), Operamini non cibum qui perit, usque qui credit in me non sitiet umquam. Feria VI. Lectio libri Numeri. In diebus illis convenerunt filii Israel ad Moysen et Aaron, usque et sanctificatus est in eis. Evangelium secundum Ioannem cap. XXXIII, Iesus fatigatus est ex itinere, sedebat sic super fontem, usque quia hic est vere Salvator mundi.

Sabbato. Lectio Danihel prophetae. In diebus illis erat vir in Babylone, nomen eius Ioachim, usque in die illa. Evangelium secundum Ioannem cap. (0501A) LXXVI, Perrexit Iesus in montem Oliveti, usque et amplius iam noli peccare. Dominica XX. Lectio Epistolae beati Pauli apostoli ad Galatas. Fratres, scriptum est quoniam Abraham duos filios habuit, usque Christus nos liberavit. Evangelium secundum Ioannem cap. XLVI, Abiit Iesus trans mare Galilaeae, quod est Tiberiadis, usque qui venturus est in mundum. Feria II. Lectio libri Regum. In diebus illis venerunt duae mulieres meretrices ad regem Salomon, usque ad faciendum iudicium. Evangelium secundum Ioannem cap. XX, Prope erat Pascha Iudaeorum, et ascendit Hierosolymam Iesus, usque ipse enim sciebat quid esset in homine. Feria III. Lectio libri Exodi. (0501B) In diebus illis locutus est populo suo Dominus Deus noster. Evangelium secundum Ioannem cap. LXXV, Iam die festo mediante ascendit Iesus in templum et docebat, usque de turba multi crediderunt in eum. Feria IV. Lectio Ezechiel prophetae. Haec dicit Dominus Deus, Sanctificabo nomem meum magnum, usque et ego ero vobis in Deum, dicit Dominus omnipotens. Evangelium secundum Ioannem cap. LXXXIX, Praeteriens Iesus vidit hominem caecum a nativitate, usque et procidens adoravit eum. Feria V. Lectio libri Regum. In diebus illis venit mulier Sunamites ad Elisaeum in montem, usque reversus est in Galgala. Evangelium secundum Ioannem cap. (0501C) XL, Dixit Iesus turbis Iudaeorum, Pater meus usque modo operatur, et ego operor, usque in resurrectionem iudicii. Feria VI. Lectio libri Regum. In diebus illis aegrotavit filius mulieris matris familiae, usque et verbum Domini in ore tuo verum est. Evangelium secundum Ioannem cap. XCIV, Erat quidam languens Lazarus, usque crediderunt in eum. Sabbato. Lectio Esaiae prophetae. Haec dixit Dominus, In tempore placito exaudivi te, usque non obliviscar ea, dixit Dominus omnipotens. Alia. Lectio Esaiae prophetae. Haec dicit Dominus Deus, Omnes sitientes venite ad aquas, usque quod egredietur de ore meo, dixit Dominus

omnipotens. Evangelium secundum Ioannem cap. LXXXVI, Dixit Iesus turbis Iudaeorum, Ego sum lux mundi, usque quia necdum venerat hora eius. (0501D) Dominica V in Quadragesima. Lectio Epistolae beati Pauli apostoli ad Hebraeos. Fratres, Christus assistens Pontifex, usque aeternae haereditatis in Christo Iesu Domino nostro. Evangelium secundum Ioannem cap. LXXXIX, Dicebat Iesus turbis Iudaeorum et principibus sacerdotum, Quis ex vobis arguet me de peccato, usque et exivit de templo. Feria II. Lectio Ionae prophetae. In diebus illis factum est verbum Domini ad Ionam, usque et misertus est populo suo Dominus Deus noster. Evangelium secundum Ioannem cap. LXXIX, Miserunt principes et pharisaei ministros, usque credentes in eum. Feria III. Lectio Danihel prophetae. (0502A) In diebus illis congregati sunt Babylonii ad regem, usque de lacu leonum. Evangelium secundum Ioannem cap. LXXV, Ambulans Iesus in Galilaea, usque propter metum Iudaeorum. Feria IV. Lectio libri Levitici. In diebus illis locutus est Dominus ad Moysem dicens, Ego Dominus Deus vester, Non facietis furtum, usque ego enim sum Dominus Deus vester. Evangelium secundum Ioannem cap. XCII, Facta sunt encaenia in Hierosolymis, usque et ego in patre. Feria V. Lectio Danihel prophetae. In diebus illis oravit Danihel dicens, usque super omnem terram, usque unusquisque in domum suam. (Evangelium) secundum Lucam cap. LXXIV, In illo tempore rogabat Iesum, usque dilexit multum. Feria VI. Lectio Hieremiae prophetae. (0502B) In diebus illis dixit Hieremias, Domine, omnes qui te derelinquunt confundentur, usque contere eos, Domine Deus noster. Evangelium secundum Ioannem cap. XCIV, Collegerunt pontifices et pharisaei concilium, usque cum discipulis suis. Sabbato. Eleemosyna datur. Lectio Hieremiae prophetae. In diebus illis dixerunt impii Iudaei ad invicem, usque in tempore furoris tui, Domine Deus meus. Evangelium secundum Ioannem cap. (0502C) LXVI, Dixit Iesus discipulis suis, Amen, amen dico vobis, Nisi manducaveritis carnem filii hominis, usque traditurus eum cum (esset) unus ex duodecim.

Dominica in palmas. (Lectio epistolae beati Pauli apostoli ad Philippenses.) Fratres, Hoc enim sentite in vobis quod et in Christo Iesu, usque quia Dominus Iesus Christus in gloria est Dei Patris. Passio Domini nostri Iesu Christi secundum Matthaeum cap. CCLXXIV, Dixit Iesus discipulis suis, Scitis quia post biduum Pascha fiet, et filius hominis, usque signantes lapidem cum custodibus. Feria II. Lectio Esaiae prophetae. In diebus illis dixit Esaias, Dominus Deus aperuit mihi aurem, usque et imitantur in Domino Deo suo. Evangelium secundum Ioannem cap. XCVIII, Ante sex dies Paschae venit Iesus Bethaniam, ubi Lazarus fuerat mortuus, usque ut clarificetur filius hominis. Feria III. Lectio Hieremiae prophetae. In diebus illis dixit Hieremias, Domine, demonstrasti mihi, et cognovi, usque tibi enim revela causam meam, Domine Deus meus. Item Alia. Lectio libri Sapientiae. (0502D) In diebus illis dixerunt impii Iudaei apud semetipsos, usque animarum suarum dicit Dominus omnipotens. Evangelium secundum Ioannem cap. CIV, Dixit Iesus discipulis suis, Amen, amen dico vobis, Nisi granum frumenti cadens in terra, usque dilexerunt enim gloriam hominum magis quam gloriam Dei. Feria IV. Lectio Esaiae prophetae. Haec dicit Dominus Deus, Dicite filiae Sion, Ecce Salvator tuus venit, usque super omnia quae reddidit nobis Dominus Deus noster. Item Lectio Esaiae prophetae. In diebus illis, dixit Esaias, Domine, quis credidit auditui nostro, usque ut non perirent, dicit Dominus omnipotens. Passio Domini nostri Iesu Christi secundum Lucam cap. (0503A) CCLX, Appropinquabat autem dies festus azymorum qui dicitur Pascha, usque nondum quisquam positus fuerat. Feria V. Cena Domini. Lectio Epistolae beati Pauli apostoli ad Corinthios. Fratres, venientibus vobis in unum, usque ut non cum hoc mundo damnemini. Evangelium secundum Ioannem cap. CXII, In illo tempore ante diem festum Paschae, usque continuo clarificabit eum. Feria VI. Ad Hierusalem. Lectio Oseae prophetae. Haec dicit Dominus Deus in tribulatione sua, usque plusquam holocaustum. Ubi supra. Lectio libri Exodi. In diebus illis dixit Dominus ad Moysen et Aaron in terra Aegypti, usque est enim phase, id est, transitus Domini. Passio secundum Ioannem cap. (0503B) CLVI, In illo tempore egressus est Iesus trans torrentem Cedron, usque quia iuxta erat monumentum ubi posuerunt

Iesum. Incipiunt lectiones de vigilia Paschae. I. Lectio libri Geneseos. In principio creavit Deus coelum et terram, usque et requievit die septimo ab universo opere suo quod patrarat. II. Ubi supra. Lectio libri Geneseos. Noe vero cum quingentorum esset annorum, usque odoratus est Dominus odorem suavitatis. III. Ubi supra. Lectio libri Geneseos. In diebus illis tentavit Deus Abraham, et dixit ad eum, usque abieruntque Bersabee simul et habitavit ibi. IV. Lectio libri Exodi. In diebus illis factum est in vigilia matutina, usque carmen hoc Domino. CANT. Cantemus Domino. (0503C) V. Lectio Esaiae prophetae. Haec est servorum Domini, usque quod egredietur de ore meo, dicit Dominus omnipotens. VI. Lectio Hieremiae prophetae. Audi Israhel mandata vitae, usque et cum hominibus conversatus est. VII. Lectio Ezechiel prophetae. Facta est super me manus Domini, usque et requiescere vos faciam, dicit Dominus omnipotens. VIII. Lectio Esaiae prophetae. In diebus illis apprehenderunt septem mulieres, usque a turbine et a pluvia. CANT. Vinea facta est. IX. Lectio libri Exodi. In diebus illis dixit quoque Dominus ad Moysen et Aaron in terra Aegypti, Mensis iste, usque id est, transitus Domini. X. Lectio Ionae prophetae. (0503D) In diebus illis factum est verbum Domini ad Ionam prophetam secundo dicens, usque et misertus est populo suo Dominus Deus noster. XI. Lectio libri Deuter. In diebus illis scripsit Moyses canticum, usque et ad finem usque complevit. CANT. Attendet coelum. XII. Lectio Danihel prophetae. In diebus illis Nabuchodonosor rex fecit statuam auream, usque laudantes et benedicentes Dominum. CANT. Sicut

cervus. Sabbato sancto. Lectio epistolae B. Pauli apostoli ad Colossenses. Fratres, si consurrexistis cum Christo, usque cum ipso in gloria. Evangelium secundum Matth. cap. CCCLII, Vespere autem sabbati, usque ibi eum videbitis, ecce dixi vobis. (0504A) Dominica sancta. Ad sanctam Mariam. Lectio epist. B. Pauli apostoli ad Corinthios. Fratres, expurgate vetus fermentum, usque et veritatis. Evangelium secundum Marc. c. XXX, Maria Magdalene et Maria Iacobi et Salome, usque ibi eum videbitis sicut dixit vobis. Feria II. Lectio Actuum apostolorum. In diebus illis stans Petrus in medio plebis dixit, Viri fratres, vos scitis quod factum est, usque qui credunt in eum. Evangelium secundum Lucam (cap. CCCXXXIX) , Exeuntes duo ex discipulis Iesus ibant ipsa die in castellum, usque cognoverunt eum in fractione panis. Feria III. Lectio Actuum apostolorum. In diebus illis surgens Paulus et manu silentium indicens ait, usque resuscitans Iesum Christum. (0504B) Evangelium secundum Lucam cap. CCCXL, Stetit Iesus in medio discipulorum suorum et dixit eis, Pax vobis, usque et remissionem peccatorum in omnes gentes. Feria IV. (Lectio Actuum apostolorum.) In diebus illis aperiens Petrus os suum dixit, Viri Israhelitae et qui timetis Deum, audite, usque deleantur vestra peccata. Evangelium secundum Ioannem cap. CCXIX, Manifestavit se Iesus ad mare Tyberiadis, usque cum resurrexisset a mortuis. Feria V. Lectio Actuum apostolorum. In diebus illis angelus Domini locutus est ad Philippum dicens, Surge, vade contra meridianum, usque evangelizabat civitatibus cunctis nomen Domini nostri Iesu Christi. Evangelium secundum Ioannem cap. (0504C) CCXI, Maria autem stabat ad monumentum foris plorans, usque quia vidi Dominum et haec dixit mihi. Feria VI. Lectio Epistolae beati Petri apostoli. Charissimi, Christus semel pro peccatis mortuus est, iustus pro iniustis, usque per resurrectionem Iesu Christi, qui est in dextera Dei. Evangelium secundum Matthaeum cap. CCCLV, Undecim autem discipuli abierunt in Galilaeam, usque ad

consummationem saeculi. Sabbato. Lectio Epistolae beati Petri apostoli. Fratres, deponentes omnem malitiam et omnem dolum, usque nunc autem misericordiam consecuti. Evangelium secundum Ioannem cap. (0504D) CCXII, Cum esset sero die illo una sabbatorum et fores essent clausae ubi erant discipuli congregati propter metum Iudaeorum, usque et quorum retinueritis retenta sunt. VIII kal. Aprilis. In Conceptione sanctae Mariae. Lectio Esaiae prophetae. In diebus illis locutus est Dominus ad Achaz dicens, Pete tibi signum a Domino Deo tuo, usque ut sciat reprobare malum et eligere bonum. Evangelium secundum Lucam cap. (III), Missus est angelus Gabriel a Deo, usque fiat mihi secundum verbum tuum. Dominica octab. Paschae. Lectio Epistolae beati Ioannis apostoli. Charissimi, omne quod natum est vincit mundum, usque qui credidit in Filium Dei habet testimonium Dei in se. Evangelium secundum Ioannem cap. (CCXVI), Thomas autem unus ex duodecim, usque unam habeatis in nomine eius. (0505A) Fer. II post octabas Paschae. Lectio Actuum apostolorum. In diebus illis Philippus descendens in civitatem Samariae praedicabat illis Christum, usque accipiebant Spiritum sanctum. Evangelium secundum Matth. cap. CVIII, Coepit Iesus exprobrare civitatibus in quibus factae sunt plurimae virtutes, usque dico vobis quia terrae Sodomorum remissius erit in die iudicii quam tibi. Feria III post octabas Paschae. Lect. Actuum apostolorum. In diebus illis cum complerentur dies multi, consilium fecerunt Iudaei ut interficerent Paulum, usque statim receptum est vas in coelum. Evangelium secundum Ioannem cap. CXI, Dixit Iesus discipulis suis, Qui credit in me, non in me credit, sed in eum qui me misit, usque sicut dixit mihi Pater, sic loquor. (0505B) Feria IV post octabas Paschae. Lectio epistolae beati Pauli apostoli ad Hebraeos. Fratres, obedite praepositis vestris, usque per Iesum Christum, cui gloria est in saecula saeculorum. Evangelium secundum Ioannem cap. (CLIII), Respiciens Iesus discipulis suis dixit, Pater sancte, serva eos, usque sed ut serves eos ex malo. Feria V post octabas Paschae. Lectio Actuum apostolorum. In diebus illis

dum intra se haesitaret Petrus, quidnam est visio, usque qui timet eum et operatur iustitiam acceptus est illi. Evangelium secundum Lucam cap. CXCVI, Dixit Iesus discipulis suis parabolam hanc, Homo quidam erat dives, et induebatur purpura et bysso, usque neque si quis ex mortuis resurrexerit credent. (0505C) III idus Aprilis. In natali S. Leonis papae. Lectio libri Sapientiae. Ecce sacerdos magnus, usque in odorem suavitatis. Evangelium secundum Matth. cap. CCLXVIIII, Dixit Iesus discipulis suis parabolam hanc, Homo quidam peregre proficiscens, usque intra in gaudium domini tui. XVIII kal. Maii. In natali sanctorum Tiburtii et Valeriani et Maximi. Lectio libri Sapientiae. Lingua sapientium ornat scientiam, usque qui sequitur iustitiam diligitur a Domino. Evangelium secundum Matthaeum cap. XXIV, usque merces vestra copiosa est in coelis. Feria VI post octabas Paschae. Lectio Actuum apostolorum. (0505D) In diebus illis audierunt apostoli et fratres qui erant in Iudaea, usque gentibus Deus poenitentiam et vitam dedit. Evangelium secundum Matth. cap. CCCLIV, Exierunt mulieres cito de monumento, usque in hodiernum diem. Sabbato post octab. Paschae. Lectio Actuum apostolorum. In diebus illis illi qui dispersi fuerant a tribulatione, usque per manus Barnabae et Pauli. Evangelium secundum Luc. cap. CXXXV, Cum loqueretur Iesus, rogavit illum quidam pharisaeus ut pranderet apud se, usque vos autem aedificatis eorum sepulcra. Dominica prima post octabas Paschae. Lectio epistolae beati Petri apostoli. Charissimi, Christus passus est pro nobis, usque animarum vestrarum. Evangelium secundum Ioannem cap. (0506A) LXXXIX, Dixit Iesus discipulis suis, Ego sum pastor bonus, usque fiet unum ovile et unus pastor. VIII kal. Maii. In natali S. Georgii martyris. Lectio libri Sapientiae. Honor et gloria in sermone sensati, usque secundum illum erit actus illius. Evangelium secundum Matth. c. XCV, Dixit Iesus discipulis suis, Nihil opertum quod non reveletur, usque coram Patre meo qui in coelis est. Feria II hebdomadae post Pascha. Lectio Actuum apostolorum. In diebus illis enarravit Petrus quomodo eduxisset eum Dominus de carcere, usque

admirans super doctrina Domini. Evang. secundum Lucam cap. CCXLII, Quaerebant principes sacerdotum et scribae mittere in Iesum manus, usque mirati sunt in responsis eius. (0506B) V kal. Maii. In natali S. Richarii confessoris in Centulo. Lectio libri Sapientiae. Fili, a iuventute tua excipe doctrinam, usque et coronam gratulationis superpones tibi. Evang. (secundum) Ioan. cap. LII, Altera die turba quae stabat trans mare, usque credatis in eum quem misit ille. Feria III hebdomadae primae post octab. Paschae. Lectio Actuum apostolorum. In diebus illis quidam vir illustris infirmis pedibus, usque morati sunt autem tempus non modicum cum discipulis suis. Evang. secundum Ioan. cap. CXXXII, Dixit Iesus discipulis suis, Ego sum vitis vera, usque gaudium vestrum impleatur. Feria IV hebdomadae quae supra. Lectio epistolae B. Petri apostoli. (0506C) Charissimi, scientes quod non corruptibilibus argento vel auro redempti estis, usque verbum autem Domini manet in aeternum. Evang. secundum Luc. cap. CCCXXXVI, Una autem sabbati valde diluculo, usque et abiit secum mirans quod factum fuerat. Fer. V hebdomadae quae supra. Lectio Actuum apostolorum. In diebus illis quidam descendentes de Iudaea, usque in synagogis ubi per omne sabbatum legitur. Require Evangelium quod fuit in Dominica. Feria VI hebdomadae quae supra. Lectio Actuum apostolorum, In diebus illis placuit apostolis et senioribus, usque loqui verbum Dei in Asia. Evang. secundum Matth. cap. LXXIII, Accesserunt disciput ad Iesum, Ioannes, usque et ambo conservantur. Sabbato hebdomadae quae supra. (0506D) III kal. Maii. Natale sanctae Theodorae virginis et sancti Vitalis. Lectio libri Sapientiae. Honora Deum ex tota anima tua, usque non enim potuerunt diligere nisi quae ipsis placent. Evangelium secundum Matthaeum cap. CXL, Dixit Iesus discipulis suis, Simile est regnum coelorum thesauro abscondito, usque nova et vetera. Dominica II post octabas Paschae. Lectio epistolae beati Petri apostoli. Charissimi, obsecro tamquam advenas et peregrinos, usque haec est enim gratia in Christo Iesu Domino nostro. Evangelium secundum Ioannem

(cap.) CXLVIII, Dixit Iesus discipulis suis, Modicum et non videbitis me, usque gaudium vestrum nemo tollet a vobis. (0507A) In pascha annotina. Evangelium secundum Ioannem cap. XXIV, Erat homo ex pharisaeis nomine, usque sed habeat vitam aeternam. Kal. Maii. Natale sanctorum Philippi et Iacobi. Ambianis Accii et Accioli. Lectio libri Sapientiae. Stabunt iusti in magna constantia, usque inter sanctos sors illorum est. Evangelium secundum Ioannem cap. CXXVII, Dixit Iesus discipulis suis, Non turbetur cor vestrum, creditis in Deum, usque in nomine meo haec faciam. Lectio libri Sapientiae. Viri iusti sint tibi convivae, usque honoratorum et pauperum. Evang. secundum Lucam cap. CXLVIII, Dixit Iesus discipulis suis, Cum audieritis praelia, usque in patientia vestra animas vestras. (0507B) Feria II hebdomadae quae supra. Lectio Actuum apostolorum. In diebus illis cum venissent apostoli in Mysiam, usque salvus eris tu et domus tua. Evangelium quod fuit in Dominica proxima. V. non. Maii. Inventio sanctae crucis. Lectio Epistolae beati Pauli apostoli ad Galatas. Fratres, confido de vobis in Domino quod nihil aliud sapietis, usque mihi mundus crucifixus est, et ego mundo. Evangelium quod legitur in Pascha annotina. Feria IV hebdomadae quae supra. Lectio Actuum apostolorum. In diebus illis locuti sunt apostoli custodi carceris verbum Domini cum omnibus qui erant in domo eius, usque mulieres nobiles non paucae. Evangelium quod in Dominica. Feria V hebdomadae quae supra. (0507C) Lectio Actuum apostolorum. In diebus illis zelantes Iudaei apostolos, assumentesque de vulgo viros, usque aut dicere aut audire aliquid novi. Evangelium secundum Ioannem cap. CXXV. Dixit Iesus discipulis suis, Filioli, adhuc modicum vobiscum sum, usque sequeris autem postea. Feria VI hebdomadae quae supra. Lectio Actuum apostolorum. Stans autem Paulus in medio Areopagi ait, usque docens in eis verbum Dei. Evangelium quod in Dominica.

Sabbato hebdomadae quae supra. Lectio Actuum apostolorum. In diebus illis insurrexerunt uno animo Iudaei in Paulum, usque spiritu nequam egrediebatur. Evangelium quod in Dominica. (0507D) Dominica (III) post octabas Paschae. Lectio Epistolae beati Iacobi apostoli. Charissimi, omne datum optimum, usque quod potest salvare animas vestras. Evangelium secundum Ioannem cap. CXLVII, Dixit Iesus discipulis suis, Vado ad eum qui me misit, usque annuntiabit vobis. II non. Maii. Natale sancti Matthaei apostoli. Lectio libri Sapientiae. Benedictio Dei in mercedem iusti festinat, usque ditiori te socius fueris. Evangelium secundum Ioannem cap. CXXXV, Dixit Iesus discipulis suis, Hoc est praeceptum meum ut diligatis invicem, usque in nomine meo det vobis. Non. Maii. Natale sanctorum Alexandri, Eventi, et Theodoli. Lectio libri Sapientiae. Beatus vir qui non est lapsus verbo, usque honorabitur in ipso. (0508A) Evangelium secundum Matthaeum cap. LXXXVI. Dixit Iesus discipulis suis, Ecce ego mitto vos, usque hic salvus erit. Feria IV hebdomadae quae supra. Lectio Epistolae beati Pauli apostoli ad Thessalonicenses. Fratres, omnes enim vos filii lucis et filii diei estis, usque et aedificate alterutrum in Christo Iesu Domino nostro. Evangelium secundum Marcum c. CCXXXIII, Surgens autem Iesus mane prima sabbati, usque nuntiaverunt caeteris. Feria V hebdomadae quae supra. Lectio Actuum apostolorum. In diebus illis facta est turbatio non minima de via, usque cum haec dixisset, dimisit Ecclesiam. Evangelium quod in Dominica. Romae natale sancti Gordiani. Lectio libri Sapientiae. (0508B) Omne sacramentum erroris odit Deus, usque in veritate nuntio scientiam eius in iudicio. Evangelium secundum Matthaeum cap. XCV, Dixit Iesus discipulis suis, Nolite arbitrare quia veni pacem mittere, usque non perdet mercedem suam. Sabbato hebdomadae quae supra. Lectio Actuum apostolorum. In diebus illis, postquam autem cessavit tumultus, usque deducebant eum ad navem. Evangelium secundum Ioannem cap. XLVI, Abiit Iesus trans mare Galilaeae, usque ibi sedebat cum discipulis suis.

Dominica IV post octabas Paschae. Lectio Epistolae beati Iacobi apostoli. Charissimi, estote factores verbi, usque se custodire ab hoc saeculo. Evangelium secundum Ioannem cap. (0508C) CL, Dixit Iesus discipulis suis, Amen, amen dico vobis, si quid petieritis Patrem, usque in hoc credimus quia a Deo existi. Letania maiore. Lectio Epistolae beati Iacobi apostoli. Confitemini alterutrum peccata vestra, usque et operit multitudinem peccatorum. Evangelium secundum Lucam cap. CXXIV, Dixit Iesus discipulis suis, Quis vestrum habet amicum, usque petentibus se. In vigilia Ascensa Domini. Lectio Actuum apostolorum. In diebus illis, multitudinis autem credentium, usque prout cuique opus erat. Evangelium secundum Ioannem cap. CLIV, Sublevatis Iesus oculis in coelum, usque et ego ad te vado. In Ascensionis Domini. Lectio Actuum apostolorum. (0508D) Primum quidem sermonem feci, usque euntem in coelum. Evangelium secundum Marcum cap. CCXXXIII, Recumbentibus undecim discipulis suis, usque sequentibus signis. Dominica post Ascensa Domini. Lectio epistolae beati Petri apostoli. Charissimi, estote prudentes, usque honorificetur Deus per Iesum Christum Dominum. Evangelium secundum Ioannem cap. CXLV, Dixit Iesus discipulis suis, Cum autem venerit Paraclytus, usque reminiscamini quia ego dixi vobis. IV idus Maii. Romae natalae sanctorum Nerei et Achilei, Pancratii martyris, et Soteris virginis, cum aliis DCIII. Lectio libri Sapientiae. Anima hominis vitalis, usque misericordia autem Dei circa omnem carnem. Evangelium secundum Matthaeum cap. (0509A) CLXXXIX, Accesserunt ad Iesum pharisaei, usque sed quibus datum est. III idus Maii. Triiecto depositio sancti Servatii episcopi et confessoris. Lectio libri Sapientiae. Qui misericordiam habet, docet et erudit, usque et in illa timere Deum. Evangelium secundum Ioannem cap. CXXXVIII, Dixit Iesus discipulis suis, Haec mando vobis, usque qui oderunt me gratis. II idus Maii. Natale sancti Cyriaci martyris et CCCIV, qui cum eo passi sunt Mediolani. Lectio libri Sapientiae. In omni sapientia dispositio legis,

usque prudens placabitur magnatis. Evangelium secundum Ioannem cap. CXXXVIII, Dixit Iesus discipulis suis, Haec mando vobis, usque oderunt me gratis. Feria V hebdomadae quae supra. (0509B) Lectio Actuum apostolorum. In diebus illis cum moraremur in diebus aliquot, usque allocutus est Hebraea lingua. Evangelium secundum Ioannem cap. XXV, Abiit Iesus cum discipulis suis, usque gaudium meum impletum est. Feria VI hebdomadae quae supra. Lectio Actuum apostolorum. In diebus illis locutus est Paulus apostolus dicens, Viri fratres et patres, audite, usque Paulum statuit inter illos. Evangelium secundum Ioannem cap. CXXXIV, Dixit Iesus discipulis suis, Si manseritis in me, usque gaudium vestrum impletum est. Sabbato hebdomadae quae supra. Lectio Actuum apostolorum. In diebus illis, Intendens autem concilium Paulus, usque ut dicant apud te. Evangelium secundum Ioannem cap. (0509C) XLVI, Abiit Iesus trans mare Galilaeae, usque et ibi sedebat cum discipulis suis. In vigilia Pentecosten. Lectio libri Geneseos. In diebus illis tentavit Deus Abraham. Secunda lectio libri Deuteronomii. In diebus illis scripsit Moyses. Tertia lectio libri Esaiae prophetae. In diebus illis apprehendentur septem mulieres. Quarta lectio Hieremiae prophetae. Audi, Israel, mandata vitae. Ad Missam in eodem sabbato. Lectio Actuum apostolorum. In diebus illis cum Apollo esset Corinthi, usque suadens de regno Dei. Evangelium secundum Ioanem cap. CXXVIII, Dixit Iesus discipulis suis, Si diligitis me, usque et manifestabo ei me ipsum. Dominica Pentecosten. Lectio Actuum apostolorum. (0509D) In diebus illis cum complerentur dies Pentecostes, usque magnalia Dei. Evangelium secundum Ioannem cap. CXXX, Dixit Iesus discipulis suis, Si quis diligit me, usque sicut mandatum dedit mihi Pater, sic facio. Feria II. Ad vincula, hebdomadae quae supra. Lectio Actuum apostolorum. In diebus illis aperiens Petrus os suum dixit, usque in nomine Domini nostri Iesu Christi. Evangelium secundum Ioannem cap. XXIV, Dixit Iesus discipulis suis, Sic enim dilexit Deus mundum, usque opera quae in Deo sunt facta.

Feria III. Ad sanctam Anastasiam. Lectio Actuum apostolorum. In diebus illis cum audissent apostoli qui erant Hierosolymis, usque accipiebant Spiritum sanctum. Evangelium secundum Ioannem cap. (0510A) LXXXIX, Dixit Iesus discipulis suis, Amen, amen dico vobis, Qui non intrat per ostium, usque abundantius habeant. Feria IV. Ad sanctam Mariam. Lectio Actuum apostolorum. In diebus illis stans Petrus cum undecim, usque quicumque invocaverit nomen Domini salvus erit. Evangelium secundum Ioannem cap. LX. Dixit Iesus discipulis suis, Nemo potest venire ad me, usque pro mundi vita. Feria V. Ad apostolos. Lectio Actuum apostolorum. In diebus illis Philippus descendens in civitatem Samariae, usque gaudium in illa civitate. Evangelium secundum Lucam cap. LXXXVI, Convocatis Iesus duodecim discipulis suis, usque curantes ubique. Feria VI. Lectio Actuum apostolorum. (0510B) In diebus illis aperiens Petrus os suum dixit, Viri Israhelitae, audite verba haec, usque replebis me iocunditate cum facie tua. Evangelium secundum Lucam cap. XXXVI, Factum est in una dierum, usque quia vidimus mirabilia hodie. Sabbato. Ad sanctum Stephanum. Lectio Actuum apostolorum. In diebus illis convenit universa civitate, usque replebantur gaudio et Spiritu sancto. Evangelium secundum Lucam cap. XXVI, Surgens Iesus de synagoga, usque oportet me evangelizare regnum Dei. Dominica octab. Pentecosten. Lectio libri Apocalypsis Ioannis apostoli. In diebus illis vidi ostium apertum in coelum, usque adorabunt viventem in saecula saeculorum. Amen. Evangel. secundum Ioan. (0510C) c. XXIV, Erat homo ex pharisaeis Nichodemus, usque sed habeat vitam aeternam. XIV kal. Iun. Natale sanctae Pudentianae. Lectio libri Sapientiae. Confitebor tibi, Domine Rex, usque libera eos de manu odientium, Domine Deus noster. Evangel. secundum Matth. cap. CXL. Dixit Iesus discipulis suis parabolam hanc, Simile est regnum coelorum thesauro abscondito, usque nova et vetera. XIII kal. Iun. Romae natale sanctorum Gervasii et Protasii. Lectio libri Sapientiae. Spectatio iustorum laetitia, usque exaltabitur civitas. Evangel. secundum Matth. cap. CLXXXIX. Accesserunt ad Iesum Pharisaei, usque non omnes capiunt verbum istud, sed quibus datum est. (0510D)

Feria IV hebdomadae primae post Pentecosten. Lectio Epistolae beati Pauli apostoli ad Corinthios. Fratres, si autem praedicatur Christus quod resurrexit a mortuis, usque in suo ordine per Iesum Christum Dominum nostrum. Evangel. secundum Luc. cap. CCXLIII, Accesserunt ad Iesum quidam Sadducaeorum, usque non audebant eum quidquam interrogare. XI kal. Iunii. In Corsica passio sanctae Iulianae virginis. Lectio libri Sapientiae. Domine, Deus meus, exaltasti super terram habitationem meam, usque et benedicam nomen tuum, Domine Deus noster. Evangel. secundum Matth. cap. CCLXVIII, Dixit Iesus discipulis suis. (0511A) Simile est regnum coelorum decem virginibus, usque vigilate itaque, quia nescitis diem neque horam. Feria VI hebdomadae quae supra. Lectio Actuum apostolorum. In diebus illis milites secundum praeceptum sibi, usque ad Caesarem ibis. Evang. secundum Luc. cap. CXLVIII. Dixit Iesus discipulis suis, Cum autem inducent vos in synagogas, usque sic est, qui sibi thesaurizat, non est in Deo dives. Sabbato hebdomadae quae supra. Lectio Actuum apostolorum. In diebus illis, cum dies aliquot transacti essent, usque lumen annuntiaturus est populo et gentibus. Evang. secundum Luc. c. XCIII, Accedentes discipuli ad Ioannem ( Iesum), usque et saturati sunt. Hebdomada II post Pentecosten. (0511B) Lectio Epistolae beati Ioannis apostoli. Charissimi, Deus charitas est, usque diligat et fratrem suum. Evang. secundum Lucam cap. CXCIII, Homo quidam erat dives, et induebatur. VIII kal. Iun. Natale sancti Urbani episcopi et confessoris. Lectio libri Sapientiae. Dedit Dominus confessionem sancto suo, usque inter benedictos benedicetur. Evang. secundum Matth. cap. CCLXIII, Dixit Iesus discipulis suis, Vigilate ergo, usque super omnia bona sua constituet eum. Feria III hebdomadae quae supra. Lectio Actuum apostolorum. In diebus illis loquente Paulo apostolo, et oratione reddente, usque et passi sunt eam excidere. Evang. secundum Ioan. cap. (0511C) CLIII, Respiciens Iesus discipulos suos dixit, usque sed ut serves eos a malo. Feria IV hebdomadae quae supra. Lectio Epistolae beati Pauli apostoli ad

Colossenses, Fratres, mortificate membra vestra quae sunt super terram, usque et in omnibus Christus. Evang. secundum Matth. c. XXIII, Dixit Iesus discipulis suis, Nolite putare quoniam veni solvere legem, usque hic magnus vocabitur in regno coelorum. V kal. Iun. Parisiis, depositio sancti Germani episcopi et confessoris, et translatio corporis sancti Gentiani martyris Ambianensium. Lectio libri Sapientiae. Qui custodit iustitiam, continebit sensum eius, usque in praeceptis Dei permanet semper. Evang. secundum Ioan. c. (0511D) CXXXIX, Dixit Iesus discipulis suis, Hoc est praeceptum meum, usque quodcumque petieritis patrem in nomine meo det vobis. IV kal. Iun. Treveris depositio sancti Maximi episcopi. Lectio libri Sapientiae. Domine, pater et dominator vitae meae, usque intuentes in absconditas partes. Evang. secundum Matth. c. CCLXIII, Dixit Iesus discipulis suis, Vigilate ergo, usque super omnia bona sua constituet eum. III kal. Iun. Natale sanctae Petronillae. Lectio libri Sapientiae. Domini autem Deo antequam crearentur omnia sunt agnita, usque et in electis meis mitte radices. Evangelium secundum Matthaeum cap. CXL, Dixit Iesus discipulis suis, Simile est regnum coelorum thesauro abscondito, usque nova et vetera. Hebdomada III post Pentecosten. (0512A) Lectio Epistolae beati Ioannis apostoli. Charissimi, nolite mirari si odit vos mundus, usque sed opere et veritate. Evang. secundum Matth. c. XXXV, Dixit Iesus discipulis suis, Nisi abundaverit iustitia vestra, usque et tunc veniens offeres munus tuum. Feria II hebdomadae quae supra. Lectio Actuum apostolorum. In diebus illis cum lux inciperet fieri, usque imposuerunt quae necessaria erant. Evang. secundum Lucam c. XCVI, Dixit Iesus discipulis suis, Homo quidam erat dives, et induebatur purpura, usque neque si quis ex mortuis resurrexerit, credent. Feria III hebdomadae quae supra. Lectio Actuum apostolorum. (0512B) In diebus illis, post menses autem transnavigamus in navi Alexandrina, usque hic est Iesus Christus filius Dei, per quem incipiet totus mundus iudicari. Evangel. secundum Lucam cap. CXCVII, Dixit Iesus discipulis suis, impossibile est ut non veniant scandala, usque quod debuimus facere fecimus.

IV non. Iun. Romae natale sancti Marcellini et Petri exorcistae cum aliis XLII. Lectio libri Sapientiae. Iustorum animae in manu Dei sunt, usque regnabit Dominus illorum in perpetuum. Evang. secundum Lucam c. CCXLVIII, Dixit Iesus discipulis suis: Cum audieritis praelia, usque in patientia vestra possidebitis animas vestras. III non. Iun. Aurelianis depositio sancti Liphardi presbyteri. (0512C) Lectio Epistolae beati Pauli apostoli ad Hebraeos, Fratres, plures facti sunt sacerdotes, usque semel se offerendo Dominus noster Iesus Christus. Evangel. secundum Matth. cap. CCLXIX, Dixit Iesus discipulis suis parabolam hanc, Homo quidam peregre proficiscens, usque intra in gaudium domini tui. Feria VI hebdomadae quae supra. Lectio libri Apocalypsis Ioannis apostoli. In diebus illis locutus est Ioannes apostolus dicens, Beatus qui legit, et qui audit verba huius prophetiae, usque facta Nicolaitarum, quae et ego odi. Qui habet aurem, usque in paradiso Domino Dei mei. Evangel. secundum Lucam cap. CLXXXI, Dixit Iesus similitudinem hanc. Homo quidam fecit coenam magnam, usque gustabunt coenam meam. Sabbato hebdomadae quae supra. (0512D) Lectio libri Apocalypsis Ioannis apostoli. In diebus illis, ait Dominus, angelo Smyrnae Ecclesiae scribe, usque coram Patre meo et coram angelis eius, usque qui habet aurem audiat quid Spiritus dicat Ecclesiis. Evang. secundum Matth. c. CCV, Egrediente Iesu ab Hierico, usque secuti sunt eum. Hebdomada IV post Pentecosten. Lectio Epistolae beati Pauli apostoli. Charissimi, humiliamini sub potenti manu Dei, usque ipsi gloria et imperium in saecula saeculorum. Evang. secundum Lucam cap. CLXXXVI, Erant appropinquantes ad Iesum publicani, usque poenitentiam agente. Feria II hebdomadae quae supra. Lectio libri Apocalypsis Ioannis apostoli. (0513A) In diebus illis, ait Dominus, angelo Philadelphiae Ecclesiae scribe, usque sedi cum patre meo in throno eius, et reliqua. Evangelium quod fuit in Dominica eiusdem hebdomadae. Feria III hebdomadae quae supra. Lectio libri Apocalypsis Ioannis apostoli. In diebus illis quatuor animalia mittentes coronas suas ante thronum dicentes, Dignus es, Domine, usque quis poterit stare. Evangelium quod in Dominica eiusdem hebdomadae.

Incipiunt lect. mensis IV. Feria IV. Ad sanctam Mariam. Lectio libri Sapientiae. Diligite iustitiam qui iudicatis, usque hoc quod continet omnia scientiam habet vocis. Item alia. Lectio Esaiae prophetae. Haec dicit Dominus, Audi, Iacob, serve meus, super generationem tuam, usque dicit Dominus omnipotens. Evang. (0513B) secundum Luc. c. XCIII, Accedentes discipuli ad Iesum, usque saturati sunt. Feria V hebdomadae quae supra. Lectio libri Apocalypsis Ioannis apostoli. In diebus illis vidi quatuor angelos stantes super angulos terrae, usque exterget. Deus omnem lacrymam ex oculis eorum. Evangelium quod in Dominica eiusdem hebdomadae. Feria VI. Lectio Iohel prophetae. Haec dixit Dominus Deus, Exsultate, filii Sion, usque populus meus in aeternum, ait Dominus omnipotens. Evang. secundum Lucam cap. CLXXXVI. . . . . . . . . Sabbato in XII lectionibus. Ad sanctum Petrum. Lectio Iohel prophetae. (0513C) Haec dicit Dominus Deus, Effunde de spiritu meo super omnem carnem, usque omnis qui invocaverit nomen Domini salvus erit. Item ubi supra. Lectio libri Levitici. In diebus illis locutus est Dominus ad Moysen dicens, Loquere ad filios Israel, et dices ad eos, Cum ingressi fueritis terram, usque in cunctis habitaculis et generationibus vestris, ait Dominus omnipotens. Item ubi supra. Lectio libri Deuteronomii, In diebus illis dixit Moyses, Audi, Israel, quae ego praecipio tibi hodie, usque Dominus Deus tuus dederit tibi. Item ubi supra. Lectio libri Levitici. In diebus illis dixit Dominus ad Moysen, Si in praeceptis meis ambulaveritis, usque eritis populus meus, dicit Dominus omnipotens. Item ubi supra. Hic legitur Daniel propheta. Lectio Epistolae beati Pauli apostoli ad Romanos. (0513D) Fratres, iustificati ex fide, pacem habeamus ad Deum, usque per Spiritum sanctum qui datus est nobis. Evang. secundum Matth. c. CCV, Egrediente Iesu ab Iericho, usque secuti sunt eum.

Hebdomada V post Pentecosten. Lectio Epistolae beati Pauli apostoli ad Romanos. Fratres, existimo enim quod non sunt condignae passiones, usque exspectantes redemptionem corporis nostri in Christo Iesu Domino nostro. Evang. secundum Lucam c. LVI, Dixit Iesus discipulis suis, Estote ergo misericordes, usque festucam de oculo fratris tui. V idus Iun. Natale sanctorum Primi et Feliciani. Lectio libri Sapientiae. (0514A) Transite ad me, omnes qui concupistis me, usque fidei autem initium agglutinatum est ei. Evangel. secundum Ioan. c. CXXXIV, Hoc est praeceptum meum, usque in nomine meo det vobis. IX kal. Iul. Vigilia sancti Ioannis Baptistae. Lectio Hieremiae prophetae. In diebus illis factum est verbum Domini ad me dicens, usque aedifices, et plantes, ait Dominus omnipotens. Evangel. secundum Luc. c. I, Fuit in diebus Herodis regis Iudaeae, usque plebem perfectam. Item in die VIII kal. Iul. Lectio Isaiae prophetae. Haec dicit Dominus, Audite, insulae, usque et sanctum Israel qui elegit te. Evangel. secundum Lucam cap. (III), In illo tempore, Elisabeth autem impletum est tempus pariendi, usque redemptionem plebis tuae. (0514B) Feria III hebdomadae quae supra. Lectio libri Apocalypsis Ioannis apostoli. In diebus illis, cum aperuisset sigillum septimum, usque neque a furtis suis. Evangel. secundum Matth. cap. (XXXVI), Dixit Iesus discipulis suis, esto consentiens adversario tuo, usque quia totum corpus tuum eat in gehennam. VII kal. Iul. Vigilia Ioannis et Pauli. Item in die. Require epistolam et Evangelium quod est in aliis sanctorum. Feria IV hebdomadae quae supra. Lectio libri Apocalypsis Ioannis apostoli. In diebus illis vidi alium angelum fortem descendentem de coelo, usque dederunt gloriam Deo coeli. Evangel. secundum Lucam cap. CLXXXVI, Erant appropinquantes ad Iesum publicani et peccatores, usque poenitentiam agente. (0514C) II idus Iul. In natali sancti Basilidis, Naboris, et Nazari. Lectio libri Sapientiae. Timor Domini initium dilectionis, usque species in ornamentum domus illius. Evang. secundum Ioan. cap. XXIV, Erat homo ex pharisaeis, usque habeat vitam aeternam.

Feria VI hebdomadae quae supra. Lectio Epistolae beati Apostoli ad Colossenses. Fratres, omne quodcumque facitis in verbo aut in opere, usque retributionem haereditatis per Iesum Christum Dominum nostrum. Evangel. secundum Marc. c. CXX, Cum intrasset Iesus Hierosolymam in templum, usque quodcumque dixerit fiat, fiet ei. Sabbato hebdomadae supra, XVIII kal. Iul. In natali sanctae Feliculae. Lectio libri Sapientiae. (0514D) Lucerna splendens super candelabrum sanctum, usque qui laqueum alio tendit, peribit in illo. Evang. secundum Matth. c. CXL, Dixit Iesus discipulis suis parabolam hanc, Simile, est regnum coelorum thesauro abscondito, usque nova et vetera. Hebdomada VI post Pentecosten. Lectio epistolae beati Petri apostoli. Charissimi, omnes unanimes in oratione estote, usque Dominum autem Christum sanctificate in cordibus vestris. Evang. secundum Luc. cap. XXIX, Cum turbae intuerent ad Iesum, usque relictis omnibus, secuti sunt illum. XIV kal. Iul. Natale sanctorum Marci et Marcelliani et sanctae Marinae virginis, Lectio libri Sapientiae. Lingua sapientium ornat sceintiam, usque qui sequitur iustitiam diligitur a Domino. Evangel. secundum. (0515A) Ioan. c. CXXXIV. Dixit Iesus discipulis suis, Hoc est praeceptum meum, usque in nomine meo det vobis. XIII kal. Iul. Natale sanctorum Gervasi et Protasi, Nazari et Celsi, pueri. Lectio libri Sapientiae. Qui timent Dominum, non erunt incredibiles, usque ad respectionem illius Dominus Deus noster. Evangelium secundum Lucam c. (CLIV), Dixit Iesus discipulis suis, sint lumbi vestri praecincti, usque super omnia quae possidet, constituet illum. IV kal. Iul. Vigilia apostolorum Petri et Pauli. Lectio Actuum apostolorum. In diebus illis Petrus et Ioannes ascendebant in templum, usque in eo quod contigerat illi. Evangel. secundum Ioan. cap. (0515B) CCXXVII, In illo tempore dixit Iesus Petro: Simon Ioannis diligis me, usque clarificaturus esse Deum. Item in die III kal. Iul. Lectio Actuum apostolorum. In diebus illis misit Herodes rex manus, usque plebis Iudaeorum. Evangel. secundum Matth. cap. (CLXVI), Venit Iesus in partes Caesareae Philippi, usque erit solutum in coelis.

Ipso die vigilia sancti Pauli. Lectio Epistolae beati Pauli apostoli ad Galatas. Fratres, notum vobis facio Evangelium. Evangel. quod in vigilia sancti Petri. Item in die. Lectio Actuum apostolorum, in diebus illis Saulus adhuc spirans minarum, usque affirmans quoniam hic est Christus. Evang. secundum Matth. c. (0515C) CXCV, Dixit Simon Petrus ad Iesum, Ecce nos reliquimus omnia, et secuti sumus te, usque vitam aeternam possidebit. Feria IV hebdomadae quae supra. Lectio Epistolae beati Pauli apostoli ad Colossenses. Fratres, induite vos sicut electi Dei, usque gratias agentes Deo et Patri per Iesum Christum Dominum nostrum. Evangel. secundum Lucam cap. XCIII, Accedentes discipuli ad Iesum dixerunt illi, usque saturati sunt. In XII lec. requir. Feria V hebdomadae quae supra. Lectio libri Apocalypsis Ioannis apostoli, In diebus illis septimus angelus tuba cecinit, usque hic est patientia et finis sanctorum. Evangelium secundum Lucam cap. CLXXXVI, Erant appropinquantes ad Iesum publicani, usque poenitentiam agente. (0515D) Feria VI hebdomadae quae supra. Lectio libri Apocalypsis Ioannis apostoli. In diebus illis vidi bestiam ascendentem de terra, usque opera enim illorum sequentur illos. Evangelium secundum Lucam cap. CLXXXV, Venit ad Iesum vir cui nomen Iahirus, usque fides tua te salvum fecit, vade in pace. Require XII lec. in sabbato mensis Iunii. Sabbato hebdomadae quae supra. Lectio libri Apocalypsis Ioannis apostoli. In diebus illis vidi nubem candidam, et super nubem, usque vera et iusta iudicia tua. Evangelium secundum Matthaeum cap. CXCIII, Accedens quidam ad Iesum ait illi, usque veni, sequere me. Dominica post natale apostolorum. (0516A) Evangelium secundum Matthaeum cap. (LVI), Attendite a falsis prophetis, usque intrabit in regnum coelorum.

Idibus Iulii. Natale sancti Cyriaci. Lectio libri Sapientiae. Vigilia honestatis tabefaciet carnes, usque enarrabit Ecclesia sanctorum. Evangelium secundum Lucam cap. CCLXX, Facta est inter discipulos contentio, usque tribus Israhel. XV kal. Agusti. Metis, depositio sancti Arnulfi confessoris. Lectio libri Sapientiae. Audi me, fili, et ne spernas me, usque ne premas illum et repetendo. Evangelium secundum Marcum c. CXXXVII, Egrediente Iesu de templo, usque in finem hic salvus erit. Feria IV hebdomadae quae supra. Lectio Apocalypsis Ioannis apostoli. (0516B) In diebus illis quartus angelus effudit phialam suam in solem, usque abstulit me in desertum in spiritu. Evangelium secundum Lucam cap. LXXXIII, Cum egressus esset Iesus de navi, usque quantam illi fecisset Deus. XII kal. Agusti. Natale sanctae Praxedis. Lectio libri Sapientiae. Rectorem te posuerunt, noli extolli, usque insectationibus arguetur. Evangelium secundum Matthaeum cap. CXL, Dixit Iesus discipulis suis parabolam hanc, Simile est regnum coelorum thesauro abscondito in agro, usque nova et vetera. Feria VI hebdomadae quae supra. Lectio Apocalypsis Ioannis apostoli. In diebus illis vidi mulierem sedentem super bestiam coctineam, usque quae habet regnum super reges terrae. Evangelium secundum Lucam cap. (0516C) CXCVI, Dixit Iesus discipulis suis parabolam hanc, Homo quidam erat dives, usque neque si quis ex mortuis resurrexerit, credent. X kal. Agusti. Natale sancti Apollinaris. Lectio libri Sapientiae. Fili, sine consilio nihil facies, usque et ex terra unde creatus est Adam. Evangelium secundum (Lucam) cap. CCLXX, Facta est contentio inter discipulos, usque tribus Israhel. Dominica IV post natale apostolorum. Lectio Epistolae beati Pauli apostoli ad Romanos. Fratres, nihil nunc damnationis est his qui sunt in Christo Iesu, usque vita et pax in Christo Iesu Domino nostro. Evangelium secundum Lucam cap. CXC, Dixit Iesus discipulis suis parabolam hanc, Homo quidam erat dives, qui habebat villicum, usque interna tabernacula. (0516D) VIII kal. Agusti. Natale sanctorum Iacobi apostoli, Christophori martyris.

Et Ambianis translatio sancti Firmini. Lectio libri Sapientiae. Illusio et improperium superborum, usque qui interierunt per linguam suam. Evangelium secundum Lucam cap. CLIV, Dixit Iesus discipulis suis, Sint lumbi vestri praecincti, usque filius hominis venit. IV kal. Agusti. Natale sanctorum Felicis, Simplicii, Faustini, et Beatricis. Tricas, depositio sancti Lupi episcopi et confessoris. Lectio libri Sapientiae. Beatus qui tectus est a lingua nequam, usque et proderit tibi magis quam aurum. Evangelium secundum Lucam cap. CCXLIX, Cum audieritis praelia, usque possidebitis animas vestras. (0517A) Feria IV hebdomadae quae supra. Lectio libri Apocalypsis Ioannis apostoli. In diebus illis vidi alium angelum descendentem de coelo, habentem potestatem magnam, usque iudicavit Deus iudicium vestrum. Evangelium quod in Dominica ipsius hebdomadae. III kal. Agusti. Natale sanctorum Abdon et Sennes. Lectio libri Sapientiae. Qui diligit filium suum, assiduat illi flagella, usque vita hominis thesaurus non deficiet sanctitatis. Evangelium secundum Ioannem cap. CXXXIV, Hoc est praeceptum meum, usque oderunt me gratis. Feria VI hebdomadae quae supra. Lectio libri Apocalypsis Ioannis apostoli. (0517B) In diebus illis sustulit unus angelus fortis lapidem, usque testimonium enim Iesu est spiritus prophetiae. Evangelium secundum Lucam cap. CLXVI, Respondens autem archisynagogus indignans, usque quae gloriose fiebant ab eo. Sabbato hebdomadae quae supra. Lectio libri Apocalypsis Ioannis apostoli. In diebus illis vidi coelum apertum, et ecce equus albus, usque saturatae sunt carnibus eorum. Evangelium secundum Matth. c. CXLVII, Vespere autem facto accesserunt ad Iesum discipuli eius, usque quasi quinque millia hominum. Dominica V post natale apostolorum. Lectio Epistolae beati Pauli apostoli ad Romanos. Fratres, debitores sumus non carni, usque cohaeredes autem Christi. Evangelium secundum Lucam cap. CXXI, Quidam legis peritus surrexit, usque et tu fac similiter. (0517C) Kalendis Agusti. Passio Machabaeorum septem fratrum et sanctae Felicitatis sub Antic. Lectio libri Sapientiae. In multitudine disciplinae

Domini, usque distribue haereditatem tuam. Item lectio libri Sapientiae. Mulierem fortem quis inveniet procul, usque et laudent eam in portis opera eius. Evangelium secundum Matth. cap. CXLVIII, Iussit Iesus discipulos suos ascendere in naviculam, usque vere filius Dei es. IV non. Agusti. Romae natale sancti Stephani pontificis. Lectio libri Sapientiae. Spiritus timentium Dominum quaeritur, usque depositio pro peccatis recedere ab iniustitia. Evangel. secundum Lucam cap. (0517D) CCXXVIII. Dixit Iesus discipulis suis parabolam hanc, Homo quidam nobilis abiit in regionem longinquam, usque omni habenti dabitur, et abundabit. Feria V hebdomadae quae supra. Lectio libri Apocalypsis Ioannis apostoli. In diebus illis vidi angelum descendentem de coelo habentem clavem, usque die ac nocte in saecula saeculorum. Evangel. secundum Lucam cap. XCIX, Descendente Iesu de monte cum discipulis suis, usque reddidit illum matri suae. Feria VI hebdomadae quae supra. Lectio libri Apocalypsis Ioannis apostoli. In diebus illis venit unus ex septem angelis habentibus phialas, usque et regnabunt in saecula saeculorum. Evangelium quod in Dominica ipsius hebdomadae. VIII idus Agusti. (0518A) Romae natale sancti Xristi, Felicissimi et Acapiti. Lectio libri Sapientiae. Retribuit gratiam qui offert similaginem, usque oblectabit iustos misericordia sua. Evangelium secundum (Matthaeum) cap. LXXXVI, Dixit Iesus discipulis suis, Ecce ego mitto vos, usque in finem hic salvus erit. Dominica . . . . (Lectio Epistolae beati Pauli apostoli ad Corinthios.) Fratres, non omnis caro eadem caro, usque deinde quod spiritale. Evangel. secundum Lucam cap. CCXIV, Dixit Iesus ad quosdam qui in se confidebant, usque qui se humiliat exaltabitur. VI idus Agusti. Romae natale sancti Cyriaci. Lectio libri Sapientiae. Speciosa misericordia Dei in tempore tribulationis, usque et haereditabis eos sicut ab initio. Evangel. secundum Matthaeum cap. CXCII, Dixit Iesus discipulis suis. (0518B) Nihil opertum quod non reveletur, usque coram Patre meo qui in coelis est. V idus Agusti. Vigilia sancti Laurentii. Lectio libri Sapientiae. Confitebor

tibi, Domine, Rex, usque de manibus angustiae. Evangel. secundum Matthaeum cap. CLX. Dixit Iesus discipulis suis, Si quis vult post me venire, usque in regno suo. Item in die, IV idus Agusti. Lectio Epistolae beati Pauli apostoli ad Corinthios. Fratres, qui parce seminat, usque frugum iustitiae vestrae. Evangelium secundum Ioan. cap. CIV. Dixit Iesus discipulis suis. Nisi granum frumenti, usque Pater meus qui in coelis est. III idus Agusti. Romae natale sanctorum Tiburtii, Valeriani, Cetiliae, Susannae, Cassiani. Et Camaraco depositio sancti Gaugerici. (0518C) Lectio libri Apocalypsis Ioannis apostoli. In diebus illis vidi ostium apertum in coelo, usque fortitudo Deo nostro in saecula saeculorum. Amen. Item lectio libri Sapientiae. Stabunt iusti in magna constantia, usque inter sanctos sors illorum est. Item lectio libri Sapientiae. Reddet Deus mercedem, usque laudaverunt pariter, Domine Deus noster. Evang. secundum Ioan. cap. CXXXIV, Dixit Iesus discipulis suis, Hoc est praeceptum meum, usque in nomine meo det vobis. Item Evangelium secundum Matthaeum cap. CXL, Dixit Iesus discipulis suis parabolam hanc, Simile est regnum coelorum thesauro abscondito, usque nova et vetera. (0518D) II idus Agusti. Natale sancti Eupoli. In diebus illis. Lectio libri Sapientiae. Miserere plebis tuae super quem invocatum est, usque adiutorium qui secundum illum est, et columna ut requies. Evang. secundum Ioan. cap. CXLIX, Dixit Iesus discipulis, Amen, amen dico vobis quia plorabitis, usque et gaudium vestrum nemo tollet a vobis. Dominica II post sancti Laurentii. Lectio Epistolae beati Pauli apostoli ad Corinthios. Fratres, scimus enim quoniam si terrestris, usque manifestos nos esse per Iesum Christum Dominum nostrum. Evang. secundum Marcum cap. LXXIV, Exiens Iesus de finibus Tyri, usque et mutos loqui. Idibus Agusti. Natale sancti Ypoliti. (0519A) Lectio libri Sapientiae. Omnis amicus dicet, et amicitiam copulavi, usque animae suae suavis est.

Evang. secundum Lucam cap. CXLIV, Dixit Iesus discipulis suis, Attendite a fermento, usque coram angelis Dei. XIX kalend. Septembris. Natale sancti Eusebii. Lectio libri Sapientiae. Qui sophistice loquitur, usque pax enim Dei super faciem terrae. Evangelium secundum Matthaeum cap. CCLXIII, Dixit Iesus discipulis suis, Vigilate quia nescitis, usque constituet eum. XVIII kal. Septembr. Assumptio sanctae Mariae matris Domini. Lectio libri Sapientiae. Fili, in tua infirmitate, usque et consolare illum in exitum spiritus sui. Evangelium secundum Lucam cap. CXXIV, Intravit Iesus in quoddam castellum, usque non auferetur ab eo. (0519B) XVII kal. Sept. Natale sancti Leudegarii. Lectio libri Sapientiae. Sapientiam scribe in tempore, usque conquirentes in lege Altissimi. Evang. secundum Luc. cap. CLIV. Dixit Iesus discipulis suis, Sint lumbi vestri praedicti, usque filius hominis venit. Feria VI. Lectio libri Apocalypsis Ioannis apostoli. In diebus illis dixit mihi angelus: Haec verba fidelissima et vera sunt, usque qui vult accipiat aquam vitae gratis. Evang. secundum Lucam cap. LXXIV, Rogabat Iesum quidam pharisaeus, usque quoniam dilexit multum. Sabbato. Lectio libri Regum. In diebus illis consuluit David Dominum, usque deserti in Gabaon. Evangelium quod in Dominica eiusdem hebdomadae. (0519C) Dominica III post sancti Laurentii . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . Evang. secundum Lucam cap. CXX, Dixit Iesus discipulis suis, Beati oculi qui vident, usque tu fac similiter. XV kalend. Septemb. Natale sancti Agapiti. Lectio libri Sapientiae. Sapientiam omnium antiquorum, usque benedicite Dominum in operibus suis. Evangelium quod in sanctorum. XIV kal. Sept. Apparitio sanctae crucis. Et natale sancti Andreae magistri militum. Lectio libri Sapientiae. Date nomini Domini magnificentiam, usque laudate et benedicite nomen Domini. Evangel. secundum Ioan. cap. XXIV, Erat homo ex pharisaeis, usque vitam aeternam. XIII kal. Sept. In Getimauca natale sancti Philiberti. (0519D) Lectio libri

Sapientiae. Occupatio magna creata est, usque super omnem gloriam operuerunt illum. Evangel. secundum Lucam cap. CLXXXII, Dixit Iesus discipulis suis, Si quis venit ad me, usque qui habet aures audiendi audiat. Feria V hebdomadae quae supra. Lectio Epistolae beati Pauli apostoli ad Hebraeos. Fratres, abundantius oportet observare nos, usque eis qui tentantur auxiliari. Evangel. secundum Luc. cap. XXVI, Surgens Iesus de synagoga, usque evangelizare regnum Dei. XI kal. Sep. Natale sancti Timothei. Lectio libri Sapientiae. Fili, in tempore vitae tuae ne indigeas, usque bonum autem nomen permanebit in aevo. Evang. secundum Lucam cap. (0520A) LXXXII, Dixit Iesus discipulis suis, Si quis venit ad me, usque qui habet aures audiendi audiat. Sabbato hebdomadae quae supra. Lectio Epistolae beati Pauli apostoli ad Hebraeos. Fratres, sancti vocatione coelestis participes, usque si introibunt in requiem meam. Evang. secundum Matth. cap. CXVII, Abeuntes pharisaei consilium faciebant, usque in nomine eius sperabunt. Dominica IV post sancti Laurentii. Lectio Epistolae beati Pauli apostoli ad Galatas. Fratres. . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . Evang. secundum Lucam cap. CCI, Dum iret Iesus in Hierusalem, usque fides tua te salvum fecit. IX kal. Sept. In India natale sancti Bartholomaei apostoli. Reme sanctae Aureae virginis. (0520B) Et depositio sancti Audoeni episcopi et confessoris. Lectio libri Sapientiae. Disciplina in pace conservate, usque in conspectu omnium virorum. Evang. secundum Lucam cap. CLXVI [Al. CXVI]. Qui vos audit, usque scripta sunt in coelis. VIII kalend. Septemb. Arelato natale sancti Genesi martyris. Lectio libri Sapientiae. Filia patris abscondita est, usque videns gloriam eius. Evangel. secundum Marcum cap. CXXXVIII, Dixit Iesus discipulis suis, Videte ne quis vos seducat, usque hic salvus erit. Feria IV hebdomadae quae supra. Lectio Epistolae beati Pauli apostoli ad Hebraeos. Fratres, operibus ab institutione mundi perfectis, usque imbecilles facti estis ad audiendum. Evangel. (0520C) secundum Lucam cap. CLXVIIII, Dum iret Iesus per civitates et castella, usque accumbent in regno Dei. Feria V hebdomadae quae supra. Lectio Epistolae beati Pauli apostoli ad

Hebraeos. Fratres, cum deberetis magistri esse propter tempus, usque interiora velaminis. Evangel. secundum Lucam cap. CXLIX, Ait ad Iesum quidam de turba, usque et Deus pascit illos. V kal. Febr. Romae natale sancti Hermetis. Africa depositio sancti Agustini. Lectio libri Sapientiae. Altitudinis firmamentum pulchritudo eius, usque emittere iudicii. Evang. secundum Luc. cap. XLV, Descendens Iesus de monte stetit in loco, usque copiosa est in coelis. IV kalend. Septemb. (0520D) In Campania natale sanctae Sabinae virginis. Et passio sancti Ioannis Baptistae. Lectio libri sapientiae. Aperti sunt thesauri, usque pie agentibus dedit sapientiam. Evangelium secundum Matthaeum cap. (CXL), Dixit Iesus discipulis suis parabolam hanc: Simile est regnum coelorum thesauro abscondito, usque nova et vetera. III. kal. Item in sancti Ioannis. Lectio Epistolae beati Pauli apostoli ad Hebraeos. Sancti ludibria et verbera experti, usque probati inventi sunt in Christo Iesu Domino nostro. Evangel. secundum Matthaeum cap. LIX, Misit Herodes, usque et posuerunt illud in monumentum. Dominica V post sancti Laurentii. Lectio Epistolae beati Pauli apostoli ad Galatas. (0521A) Fratres, spiritu ambulate, usque concupiscentiis. Evangelium secundum Matth. cap. XLVIII, Dixit Iesus discipulis suis, Nemo potest duobus dominis servire, usque adiicientur vobis. Feria II hebdomadae quae supra. Lectio Epistolae beati Pauli ad Hebraeos. Fratres, praecursor pro nobis introiit Iesus in interiora velaminis secundum ordinem Melchisedech, usque de qua nullus ad altare praesto fuit. Evangelium quod in ipsa Dominica. Feria III hebdomadae quae supra. Lectio Epistolae beati Pauli apostoli ad Hebraeos. Fratres, manifestum est quod ex Iuda ortus sit Dominus noster, usque quod fixit Dominus et non homo. Evangelium quod in ipsa Dominica. (0521B) Kal. Septembris. Ambianis depositio sancti Firmini, episcopi et confessoris. Lectio libri Sapientiae. Laudemus viros gloriosos, usque diluvio omnis caro. Evangelium secundum Matth. , c. CCLXXIII, dixit Iesus discipulis suis, Vigilate ergo, usque constituet eum.

Feria V hebdomadae quae supra. Lectio Epistolae beati Pauli apostoli ad Hebraeos. Fratres, omnis pontifex ad offerenda munera, usque sanctum saeculare. Evangelium secundum Matth. , cap. XVIII, Venit ad Iesum leprosus, usque conveniebant ad eum undique. Feria VI hebdomadae quae supra. Lectio Epistolae beati Pauli apostoli ad Hebraeos. (0521C) Fratres, tabernaculum factum est primum, usque aeterna redemptione inventa. Evangelium secundum Lucam, cap. CCXXVIII, Dixit Iesus discipulis suis similitudinem hanc, Homo quidam nobilis, usque ascendens in Hierusalem. Sabbato hebdomadae quae supra. Lectio Epistolae beati Pauli apostoli ad Hebraeos. Fratres, si enim sanguis hircorum, usque melioribus hostiis quam istis. Evangelium secundum Matth. , cap. CCXXXII, Dixit Iesus turbis Iudaeorum et principibus sacerdotum, Vae vobis, scribae et pharisaei, usque illa non omittere. Dominica mensis VI. Lectio Epistolae beati Pauli apostoli. Fratres, si vivimus spiritu, usque domesticos fidei. Evangelium secundum Lucam, cap. LXVII, Ibat Iesus in civitatem, usque plebem suam. (0521D) Non. Septembris. In Gallia, civitate Vesuntio, natale sanctorum Ferioli et Ferutioni cum sociis eorum. Lectio libri Sapientiae. Abraham magnus pater multitudinis, usque elegit illum de omni carne. Evangelium secundum Lucam, cap. XLV, Descendens Iesus de monte, usque copiosa est in coelis. Feria III hebdomadae quae supra. Lectio Epistolae beati Pauli apostoli ad Hebraeos. Fratres, non enim in manufactis sanctis, usque sedet in dextera Dei. Evangelium secundum Matth. , cap. XXXIX, Dixit Iesus discipulis suis, Audistis quia dictum est, Diliges proximum tuum, usque in absconso reddet tibi. Feria IV hebdomadae quae supra. (0522A) Lectio Epistolae beati Pauli apostoli ad Hebraeos, Fratres, de caetero exspectat Dominus Iesus donec ponantur inimici eius, usque horrendum est incidere in manus Dei viventis. Evangelium quod in Dominica. VI idus Septembris. Nativitas sanctae Mariae Dei genitricis. Et natale sancti Adriani martyris. Lectio libri Sapientiae. Audivit Moyses Dominum et vocem ipsius, usque unxi eum oleo sancto. Evangelium

secundum Lucam, cap. III, Exsurgens Maria abiit in montana, usque in Deo salutari meo. Item lectio libri Sapientiae. Factum est sancto in testamentum aeternum, usque in gentem eorum aeternam fecit. Evangelium secundum Ioannem, cap. CXXXII, Dixit Iesus discipulis suis, Ego sum vitis vera, usque gaudium vestrum impleat. V idus Septembris. (0522B) Depositio sancti Audomari episcopi et confessoris. Lectio libri Sapientiae. Fortis in bello Iesu Nave, usque nomen eorum permanet in aeternum. Evangelium secundum Lucam, cap. CLIV, Dixit Iesus discipulis suis, Sint lumbi vestri praecincti, usque Filius hominis venit. IV idus Septembris. Depositio sancti Hilarii episcopi. Lectio libri Sapientiae. Dilectus a Deo suo Samuhel, usque exsultatione Goliae. Evangelium secundum Marcum, cap. CXXXVIII, Dixit Iesus discipulis suis, Videte ne quis vos seducat, usque hic salvus erit. III idus Septembris. Natale sanctorum Proti et Iacincti. Lectio libri Sapientiae. Invocavit David Dominum omnipotentem, usque potentiam inimicorum. Evangelium secundum Matth. , cap. (0522C) LXXXIX, Dixit Iesus discipulis suis, Cum persequentur vos in civitate ista, usque coram Patre meo qui est in coelis. Dominica mensis VIII. Lectio Epistolae beati Pauli apostoli ad Ephesios. Fratres, obsecro vos vinctus in Domino, usque in omnibus nobis. Evangelium secundum Lucam, cap. CLXVI, Cum intraret Iesus in domum cuiusdam, usque exaltabitur. Feria II hebdomadae supra. Lectio Epistolae beati Pauli apostoli ad Hebraeos. Fratres, rememoramini autem pristinos dies, usque super illam defunctus adhuc loquitur. Evangelium secundum Lucam, cap. CCXL, Docente Iesu populum in templo, usque in qua potestate haec facio. Idibus Septembris. (0522D) Duronis depositio sancti Lidoris episcopi. Et Andigavis, depositio Aureliani [Lege Maurilii] episcopi. Lectio libri Sapientiae. Salomon impetravit in diebus pacis, usque liberavit eos. Evangelium secundum Matth. , cap. LXXXIX, Dixit Iesus discipulis suis, Cum persequentur vos in civitate ista, usque coram Patre meo qui est in coelis.

XVIII kal. Octobris. Natale sancti Cornelii pontificis et sancti Cypriani, atque exaltatio sanctae Crucis. Lectio libri Sapientiae. Surrexit Elias propheta quasi ignis, usque atque evenirent. Evangelium secundum Lucam, cap. CXL, Dicebat Iesus turbis pharisaeorum et principibus, usque ut accusarent eum. Item de cruce. (0523A) Lectio Epistolae beati Pauli apostoli ad Philippenses. Fratres, hoc enim sentite in vobis, usque in gloria est Dei Patris. Evangelium secundum Ioannem, cap. XXIV, Erat homo ex pharisaeis, usque vitam aeternam. XVII kal. Octobris. Natale sancti Nicomedis. Lectio libri Sapientiae. In compositione odoris, usque in originem Adam. Evangelium secundum Lucam, cap. XCVI, Dixit Iesus discipulis suis, Si quis vult post me venire, usque videant regnum Dei. XVI kal. Octobris. Natale sanctarum virginum Luciae et Eufemiae. Lectio libri Sapientiae. Ego quasi vitis fructificavi, usque vitam aeternam habebunt. Evangelium secundum Matthaeum, cap. CXL, Dixit Iesus discipulis suis, Simile est regnum coelorum thesauro abscondito, usque nova et vetera. (0523B) XV kal. Octobris. In Ledio, depositio sancti Landiberti episcopi. Lectio libri Sapientiae. Simon Oniae filius sacerdos magnus, usque consummatione virtutis. Evangelium secundum Lucam, cap. XCVI, Dixit Iesus discipulis suis, Si quis vult post me venire, usque videant regnum Dei. Dominica mensis VII. Lectio Epistolae beati Pauli apostoli ad Corinthios. Fratres, gratias ago Deo meo, usque adventus Domini nostri Iesu Christi. Evangelium secundum Matthaeum, cap. CCXXIII, Accedentes ad Iesum Sadducaei, usque mirabantur in doctrina eius. Feria II hebdomadae quae supra. Lectio Epistolae beati Pauli apostoli ad Hebraeos. Fratres, fide Enoch translatus est, usque hospites super terram. (0523C) Evangelium secundum Lucam, cap. XXXVIII, Vidit Iesus publicanum nomine Levi, usque peccatores in poenitentiam. Feria III hebdomadae quae supra. Lectio Epistolae beati Pauli apostoli ad Hebraeos. Fratres, qui seducunt peregrinos et hospites super terram, significant se, usque circuitu dierum septem. Evangelium quod ipsa

Dominica. Feria IV in ieiunio hebdomadae quae supra. Lectio Amos prophetae. Haec dicit Dominus, Ecce dies venient, et comprehendet arator, usque de terra sua quam dedi eis, dicit Dominus omnipotens. Evangelium secundum Marcum, cap. XCI, Respondens unus de turba dixit, usque in oratione et ieiunio. Feria V hebdomadae quae supra. (0523D) Lectio Epistolae beati Pauli apostoli ad Hebraeos. Fratres, fide Raab meretrix, usque in dextera sedis Dei sedet. Evangelium quod in Dominica ipsius. Feria VI hebdomadae quae supra. Lectio Oseae prophetae. Haec dicit Dominus, Convertere ad Dominum Deum tuum, usque iusti ambulabunt in eis. Evangelium secundum Lucam, cap. XXXVI, Sedebat Iesus docens, usque vidimus mirabilia hodie. Sabbato in XII lectionibus. Lectio libri Levitici. In diebus illis locutus est Dominus ad Moysen dicens, Decimo mensis septimi, usque sabbata vestra, dicit Dominus omnipotens. Item alia lectio libri Levitici. (0524A) In diebus illis locutus est Dominus ad Moysen dicens, Quintodecimo die mensis septimi, usque ego Dominus Deus vester. Item lectio Michae prophetae, Domine Deus noster, pasce populum, usque a diebus antiquis, Domine Deus noster. Item lectio Zachariae prophetae. In diebus illis factum est verbum Domini ad me dicens, usque pacem diligite, dicit Dominus omnipotens exercituum. Item lectio libri Exodi. In diebus illis oravit Moyses ad Dominum Deum suum dicens, Cur, Domine, irascitur furor tuus, usque adversus populum sanctum, Domine Deus noster. Lectio Epistolae beati Pauli apostoli ad Hebraeos. (0524B) Fratres, tabernaculum factum est primum, usque aeterna redemptione inventa. Evangelium secundum Lucam, cap. CLXIV, Erat Iesus docens in synagogis, usque gloriose fiebant ab eo.

Dominica mensis VII. Lectio Epistolae beati Pauli apostoli ad Ephesios. Fratres, renovamini spiritu mentis vestrae, usque necessitatem patientibus. Evangelium secundum Matthaeum, cap. LXX, Ascendens Iesus in navicula, usque potestatem talem hominibus. XII kal. Octobris. Natale sanctorum Dorondoni, Dorothaei, Privati, Felicis, Constantiae, qui passi sunt sub Nerone. Lectio libri Sapientiae. In ascensu altaris sancti, usque secundum suam misericordiam. Evangelium secundum Matthaeum, c. (0524C) CCLXIII, Dixit Iesus discipulis suis, Vigilate quia nescitis diem, usque constituet eum. XI kal. Octobris. In Persida, natale sancti Matthaei apostoli et evangelistae. Et sancti Lucae evangelistae. Lectio libri Apocalypsis Ioannis apostoli. In diebus illis vidi ostium apertum in coelo, usque adorabunt viventem in saecula saeculorum. Evangelium secundum Lucam, cap. XXXVIII, Vidit Iesus publicanum nomine Levi, usque peccatores in poenitentiam. X kal. Octobris. Agauno, natale sanctorum Maurici, Exsuperi, Candidi, cum aliis quinque millia DCLXXXV. Lectio libri Sapientiae. Det nobis Deus iocunditatem cordis, usque quia lux Dei vestigium eius est. Evangelium secundum Ioann. , cap. (0524D) CXXXVIII, Dixit Iesus discipulis suis, Haec mando vobis, ut diligatis invicem, ( usque ) oderunt me gratis. IX kal. Octob. Natale S. Teclae virginis, et S. Marci evangelistae. Lectio libri Sapientiae. Confitebor tibi, Domine Rex, usque benedicam nomen tuum, Domine Deus meus. Evangelium secundum Matth. , cap. CCXLVIII, Dixit Iesus discipulis suis, Videte ne quis vos seducat, usque hic salvus erit. VIII kal. Octob. Natale S. Ioan. Baptistae, et sanctorum Iuliani, Christophori. Lectio libri Sapientiae. Dedit mihi Dominus linguam mercedem meam, usque vestram in tempore suo. Evangelium secundum Marc. , cap. CXXXIX, Videte ne quis vos seducat, usque hic salvus erit. VII kal. Oct. (0525A) In Gallia, Ambianis, natale S. Firmini martyris. Lectio Epistolae beati Pauli apostoli ad Hebraeos. Fratres, recogitate Dominum, qui tale sustinuit, usque exercitatis per eam reddet iustitiae. Evang. secundum Matth. , cap. CCLXIII, Dixit Iesus discipulis suis, Vigilate, usque constituet eum.

Dominica III post S. Cypriani. Lectio B. Pauli apostoli ad Ephesios. Fratres, videte quomodo caute ambulatis, usque invicem in timore Christi. Evang. secundum Matth. , cap. CCLXXXVIII. Dixit Iesus discipulis suis parabolam hanc, Simile est regnum coelorum homini Regi, qui voluit rationem, usque de cordibus vestris. Feria II hebdomadae quae supra. Lectio Epistolae B. Pauli apostoli ad Hebraeos. (0525B) Fratres, remissas manus et soluta genua, usque melius loquentem quam Abel. Evang. secundum Marcum, cap. CXXI, Interrogavit Iesum unus de scribis, usque non est longe a regno Dei. Desunt hic multa. Evangelium secundum Marcum, cap. CXVII, cum egressus esset Iesus in via, usque Veni, sequere me. Feria VI. Lectio Epistolae B. Pauli apostoli ad Ephesios. Fratres, unicuique autem nostrum data est gratia, usque sicut est veritas in Christo Iesu Domino nostro. Evangelium secundum Marc. , cap. LXXVII. Exierunt pharisaei et coeperunt, usque dimisit illum in domum suam. VI idus Nov. (0525C) Natale sanctorum quatuor coronatorum, et S. Ragnulfi martyris. Lectio libri Sapientiae. Exspectatio iustorum laetitia, usque exaltabitur civitas. Evang. secundum Luc. (cap.) XLV, Descendens Iesus de monte, usque copiosa est in coelis. Hebdomada II. Lectio Epistolae B. Pauli apostoli ad Corinthios. Fratres, sic nos existimet homo, usque tunc laus est unicuique a Deo. Evang. secundum Ioannem, cap. IX, Miserunt Iudaei ab Hierusalem, usque ubi erat Ioannes baptizans. V idus Nov. Passio S. Theodori martyris. Lectio libri Sapientiae. Beatus homo qui invenit sapientiam, usque nubes rore concrescunt. Evang. secundum Ioann. , cap. CXXXIV, Hoc est praeceptum meum, ut diligatis invicem, usque oderunt me gratis. IV idus Nov. (0525D) Romae depositio S. Leonis episcopi, et S. Mennae. Lectio libri Sapientiae. Lingua sapientium, usque diligetur a Domino. Evang. secundum Lucam, cap. CCLXX, Facta est contentio a discipulis, usque tribus Israhel.

III idus Novemb. Turonis, depositio S. Martim episcopi et confessoris. In vigilia. Lectio libri Sapientiae. Iustum deduxit Dominus, usque claritatem aeternam Dominus Deus noster. Evangelium secundum Lucam, cap. CLIV, Dixit Iesus discipulis suis, Sint lumbi vestri praecincti, usque Filius hominis venit. Item in die. Lectio libri Sapientiae. Ecce sacerdos magnus, usque suavitatis. Evangelium secundum Matthaeum, cap. (0526A) CCLXIX, Dixit Iesus discipulis suis parabolam hanc, Homo quidam peregre, usque in gaudium domini tui. Feria II. Lectio Epistolae B. Pauli apostoli ad Ephesios. Fratres, omnis sermo malus, usque in odorem suavitatis. Evangelium secundum Lucam, cap. CCXL, Docente Iesu in templo, usque potestate haec facio. Idibus Nov. Natale S. Bricii. Lectio libri Sapientiae. Benedictio Domini super caput iusti, usque corona gloriae. Evangelium secundum Lucam, cap. CCXXVIII, Dixit Iesus discipulis suis parabolam hanc, Homo quidam nobilis abiit, usque abundabit. Feria III. Lectio Epistolae B. Pauli apostoli ad Ephesios. Fratres, nolite communicare operibus infructuosis, usque quae sit voluntas Domini. (0526B) Evangelium secundum Lucam cap. LXXIV, Rogabat Iesum quidam pharisaeus, usque dilexit multum. Item feria IV. Lectio Esaiae prophetae. In diebus illis dixit Esaias propheta, Erit in novissimis diebus, usque in lumine Domini Dei nostri. Item ubi supra. Lectio Esaiae prophetae. In diebus illis locutus est Dominus ad Achaz dicens, usque eligere bonum. Evangelium secundum Lucam, cap. III. Missus est Gabriel angelus a Deo, usque fiat mihi secundum verbum tuum. Feria VI. Lectio Esaiae prophetae. Haec dicit Dominus Deus, Egredietur virga, usque fides cinctorium renum eius. Evangelium secundum Lucam, cap. III, exsurgens Maria, usque in Deo salutari meo. (0526C) Sabbato in XII lectionibus. Lectio Esaiae prophetae. In diebus illis clamabunt ad Dominum a facie tribulantis, usque sanabit eos Dominus Deus noster.

Item ubi supra. Lectio Esaiae prophetae. Haec dicit Dominus Deus, Laetabitur deserta, usque fontes aquarum Dominus Deus noster. Item ubi supra. Lectio Esaiae prophetae. Haec dicit Dominus Deus, Super montem excelsum ascende tu, usque in sinu suo levabit eos Dominus Deus noster. Item lectio Esaiae prophetae. Haec dicit Dominus Deus christo meo Cyro, usque ego Dominus creavi eum. Item lectio Danihel prophetae. (0526D) In diebus illis angelas descendit, usque superexaltatus in saecula. Item ad Missam. Lectio Epistolae beati Pauli apostoli ad Colossenses. Fratres, rogamus vos per adventum Domini nostri Iesu Christi, usque et destruet illustrationem adventus sui Deo suo. Evangelium secundum Lucam, cap. III, Anno XV, usque et videbit omnis caro salutare Dei. Hebdomada I ante natale Domini. Lectio Epistolae beati Pauli apostoli ad Philippenses. Fratres, gaudete in Domino semper, usque intelligentias vestras in Christo Iesu Domino nostro. Evangelium secundum Ioannem cap. IX, Miserunt ab Hierosolymis, usque ubi erat Ioannes baptizans. Item ubi supra. (0527A) Lectio Epistolae B. Pauli apostoli ad Hebraeos. Fratres, nolite amittere confidentiam, usque in acquisitionem animae. Item lectio ubi supra. Lectio Hieremiae prophetae. Ecce dies veniunt, dicit Dominus, usque in terram suam, dicit Dominus omnipotens. In vigilia (natalis) Domini. Ad nonam. Lectio Esaiae prophetae. Haec dicit Dominus, Propter Sion non tacebo, usque quia complacuit Domino in te. Evangelium secundum Matthaeum, cap. III, Cum esset desponsata mater Iesu, usque a peccatis eorum. XVI kal. Decemb. Gallia, depositio S. Eucherii episcopi. Lectio libri Sapientiae. Beatus homo qui invenit sapientiam, usque nubes rore concrescunt. Evangelium secundum Matthaeum, cap. (0527B) CCLXIII, Vigilate, usque constituet eum. XV kal. Decembr. Depositio S. Aniani, episcopi et confessoris, Aurelianis. Lectio libri Sapientiae. Iustum deduxit Dominus, usque

claritatem aeternam Dominus Deus noster. Evangelium secundum Matthaeum, cap. CCXLIII, Sedente Iesu supra montem Oliveti, usque salvus erit. X kal. Dec. Natale S. Caeciliae virginis, Valeriani, Tiburcii, et Maximi martyrum. Lectio libri Sapientiae. Domine Deus meus, exaltasti super terram, usque nomen tuum, Domine Deus noster. Evangelium secundum Matth. , cap. CCLXVIII, Dixit Iesus discipulis suis parabolam hanc, Simile est regnum coelorum decem virginibus, usque neque hora. IX kal. Decemb. (0527C) Natale S. Clementis, et S. Felicitatis, et S. Columbani. Lectio libri Sapientiae. Beatus vir qui in sapientia morabitur, usque haereditabit illum Dominus Deus noster. Evangelium secundum Matthaeum, cap. CCLXIX, Dixit Iesus discipulis suis parabolam hanc, Homo quidam peregre proficiscens, usque in gaudium domini tui. Item lectio libri Sapientiae. Mulierem fortem, usque in portis opera eius. Evangelium secundum Matthaeum, cap. CXXX, Loquente Iesu ad turbas, usque soror et mater est. VIII kal. Decemb. Natale S. Crysogoni. Lectio libri Sapientiae. Iustus cor suum tradidit ad vigilandum, usque requireretur a generatione in generationem. Evangelium secundum Lucam, cap. (0527D) CCXLIX, Dixit Iesus discipulis suis, Cum audieritis praelia, usque animas vestras. III kal. Decemb. Natale S. Saturnini. Lectio libri Sapientiae. Beatus vir qui inventus est sine macula, usque omnis ecclesia sanctorum. Evangelium secundum Matthaeum, cap. CXXXIX, Dixit Iesus discipulis suis. Videte ne quis vos seducat, usque hic salvus erit. II kal. Decemb. Natale S. Andreae. In vigilia. Lectio Epistolae beati Pauli apostoli ad Ephesios. Fratres, benedictus Deus et Pater Domini nostri Iesu Christi qui benedixit nos, usque superabundavit in nobis. Evangelium secundum Ioannem, cap. XVI, Stabat Ioannes et ex discipulis eius duo, usque super Filium hominis. (0528A) In die. Lectio Epistolae beati Pauli apostoli ad Romanos. Corde enim creditur ad iustitiam, usque verba eorum. Evangelium secundum Matth. , cap. XX, Ambulans Iesus iuxta mare Galilaeae, usque secuti sunt eum. Et eodem die S. Ambrosii.

Kal. Decemb. Depositio S. Elegi. Lectio libri Sapientiae. Beatus homo qui invenit sapientiam, usque nubes rore crescunt. Evangelium secundum Lucam, cap. CLIV, Dixit Iesus discipulis suis, Sint lumbi vestri praecincti, usque Filius hominis venit. IV idus Decemb. Romae depositio sancti Damasi papae. Lectio libri Sapientiae. Beatus vir qui inventus est sine macula, usque omnis ecclesia sanctorum. Evangelium secundum Ioannem, cap. (0528B) CXXXVIII, Dixit Iesus discipulis suis, Haec mando vobis, ut diligatis invicem, usque qui oderunt me gratis. III idus Decemb. Natalis sanctae Eulaliae virginis et sanctorum martyrum Victoris, Fusciani, et Gentiani. Lectio Epistolae beati Pauli apostoli ad Corinthios. Fratres, qui gloriatur, in Domino glorietur, usque exhibere Christo. Evangelium secundum Matth. , cap. CCLXVIII. Dixit Iesus discipulis suis parabolam hanc, Simile est regnum coelorum decem virginibus, usque neque horam. Item lectio Epistolae beati Pauli apostoli ad Romanos. Fratres, scimus, diligentibus Deum omnia cooperantur in bonum, usque tradidit illum. Evangelium secundum Ioann. , cap. (0528C) CXXXVIII, Dixit Iesus discipulis suis, Haec mando vobis, ut diligatis invicem, usque qui oderunt me gratis. II idus Decemb. Depositio S. Walerici confessoris. Lectio libri Sapientiae. Iustum deduxit Dominus, usque claritatem aeternam Dominus Deus noster. Evangelium secundum Matth. , cap. CCLXIX, Dixit Iesus discipulis suis, Homo quidam peregre, usque in gaudium domini tui. Idibus Decemb. Depositio S. Autberti episcopi Camaracum. Et S. Luciae virginis. Lectio libri Sapientiae. Sapientia vincit malitiam, usque disciplinae Dei. Evangelium secundum Lucam, cap. CCLI, Dixit Iesus discipulis suis, Ponite in cordibus vestris, usque animas vestras. XV kal. Ianuarii. Natale S. Afrae virginis. Lectio libri Malachiae prophetae. (0528D) Haec dicit Dominus Deus, Ecce ego mittam angelum meum, usque anni antiqui, dicit Dominus omnipotens. Evang. secundum Matthaeum, cap. CXL, Dixit Iesus discipulis suis parabolam hanc, Simile est regnum coelorum thesauro abscondito, usque nova et vetera. XII kal. Ianuarii. Romae depositio S. Innocentii episcopi. Lectio Epistolae

beati Pauli apostoli ad Romanos. Fratres, quis nos separabit a charitate Dei, quae est in Christo Iesu Domino nostro? Evangelium secundum Lucam, cap. XLV, Descendens Iesus de monte, usque copiosa est in coelis. XI kal. Ianuarii. Romae inter duos lauros natale sanctorum triginta martyrum. Lectio libri Sapientiae. (0529A) Iusti in perpetuum vivent, usque deducet illo Dominus Deus noster. Evang. secundum Matthaeum, cap. CCLXIII, Dixit Iesus discipulis suis, Vigilate, usque constituet eum. X kal. Ianuarii. In Nicomedia natale sanctorum DCCCLX martyrum. Lectio libri Sapientiae. Iustorum animae, usque pacem electis Dei. Evangelium secundum Marcum, cap. CXXXVIII, Dixit Iesus discipulis suis, Videte ne quis vos seducat, usque hic salvus erit. XI kal. Ianuarii. Cappadocia, natale quadraginta virginum. Lectio Epistolae beati Pauli apostoli ad Corinthios. Fratres, qui gloriatur, in Domino glorietur, usque exhibere Christo. Evangelium secundum Matthaeum, cap. (0529B) XL, Dixit Iesus discipulis suis parabolam hanc, Simile est regnum coelorum thesauro abscondito in agro, usque nova et vetera. Pro ubertate pluviae, sive temperantia aeris. Lectio Iohel prophetae. Haec dicit Dominus, Noli timere terra, usque quod fecit vobiscum mirabilia. Evang. secundum Luc. , cap. LXXXIII, Factum est in una dierum, usque obediunt ei. Pro insterilitate pluviae. Lectio Hieremiae prophetae. Haec dicit Dominus Deus, Numquid proiiciens abiecisti Iuda, usque haec omnia, Domine Deus noster. Evangelium secundum Matth. , cap. CLX, Dixit Iesus discipulis suis, Misereor super turba, usque discipulis eius cum eo. In die belli. Lectio Esaiae prophetae. In diebus illis aegrotavit Ezechias, usque protegam eum, ait Dominus omnipotens. Evangelium secundum Lucam, cap. (0529C) CL, Dixit Iesus discipulis suis, Nolite solliciti esse, usque adiicientur vobis. De natali papae. Lectio Epistolae beati Pauli apostoli ad Hebraeos. Fratres, omnis Pontifex, usque ordinem Melchisedech. Evangelium secundum Luc. , cap. CCLXX, Facta est contentio inter discipulos, usque tribus Israhel.

In ordinatione diaconorum. Lectio Epistolae beati Pauli apostoli ad Timotheum. Charissime, diaconos constitue pudicos, usque in fide quae est in Christo Iesu Domino nostro. Evangelium secundum Ioannem, cap. CIV, Dixit Iesus discipulis suis, Amen, amen dico vobis, nisi granum frumenti, usque qui est in coelis. In ordinatione presbyteri. (0529D) Lectio epistolae beati Pauli apostoli ad Titum. Charissime, Paulus servus Christi, apostolus autem, usque doctrina sana per Iesum Christum Dominum nostrum. Evangelium secundum Matthaeum, cap. CCLXIII, Dixit Iesus discipulis suis, Vigilate ergo, usque constituet eum. In ordinatione episcopi. Lectio Epistolae beati Pauli apostoli ad Timotheum. Charissime, fidelis sermo, si quis episcopatum, usque Dei nostri in omnibus. Evangelium secundum Matthaeum, cap. CLXV, Dixit Iesus discipulis suis, Quis putas est fidelis servus? Evangelium secundum Matthaeum, cap. CLXVI. Venit Iesus in partes Caesareae Philippi, usque solutum et in coelis. In dedicatione basilicae sive oratorii. (0530A) Lectio Apocalypsis Ioannis apostoli. In diebus illis vidi civitatem sanctam Hierusalem, usque nova facio omnia. Evangelium secundum Lucam cap. LX, Dixit Iesus discipulis suis, Non est arbor bona quae facit fructum malum, usque fundata erat super petram. Item Evangelium secundum Lucam, cap. CCXXV, Egressus Iesus, usque salus domui facta est. Ad sponsas bendicendas. Lectio Epistolae beati Pauli apostoli ad Corinthios. Fratres, nescitis quoniam corpora vestra, usque portate Deum in corpore vestro. Evang. secundum Matth. , cap. CCXXI, Loquebatur Iesus cum discipulis suis, usque pauci autem electi. Item Evangelium secundum Matthaeum, cap. (0530B) CLXXXIX, Venit Iesus in fines Iudaeae, usque quod Deus coniunxit, homo non separet. In adventu iudicum. Lectio Epistolae beati Pauli apostoli ad Timotheum. Fratres, obsecro vos primo omnium, usque in fide et veritate. Evang. secundum Lucam, cap. CCXXVIII, Dixit Iesus discipulis suis parabolam hanc, Homo quidam nobilis erat, hic habuit, usque dabitur, et abundabit. In tribulatione sive commotione. Lectio Hieremiae prophetae. Haec dicit Dominus Deus, Numquid cadit, usque verbum autem Domini manet in

aeternum et in saeculum saeculi. Item eiusdem. Haec dicit Dominus Deus, Facite iudicium et iustitiam, usque servi et populi eorum, ait Dominus Deus. Item eiusdem. (0530C) Si iniquitates nostrae contenderint, usque ne derelinquas nos, Domine Deus noster. Evangelium secundum Lucam, cap. CCXXV, Egressus Iesus perambulabat Hiericho, usque salvum facere quod perierat. In natali sacerdotum. Lectio libri Malachiae prophetae. Haec dicit Dominus, Scietis quia nisi ad vos mandatum, usque quia angelus Domini exercituum est. Evangelium secundum Marcum cap. LII, Circuibat Iesus in circuitu, usque aegrotos, et sanabuntur. Missa qua sacerdos pro se canet. Lectio Epistolae beati Pauli apostoli ad Romanos. Fratres, scimus quod lex spiritualis est, usque huius gratia Dei per Iesum Christum Dominum nostrum. Evangelium secundum Matthaeum cap. LXXVI, Circuibat Iesus omnes civitates, usque omnem infirmitatem. (0530D) Missa votiva. Lectio Esaiae prophetae. Haec dicit Dominus, In die illa differtur munus Domino, usque haereditas mea Israel, dicit Dominus omnipotens. Pro infirmis. Lectio Epistolae beati Pauli [Lege Iacobi] apostoli. Fratres, tristatur aliquis vestrum, usque ora pro invicem, ut salvemini. Pro iter agentibus. Lectio libri Geneseos. In diebus illis locutus est Abraham dicens, Dominus coeli, qui tulit me de domo, usque ipse mittet angelum suum coram te. In agenda mortuorum. Lectio libri Machabaeorum. In diebus illis vir fortissimus Iuda, usque ut a peccatis solvantur. (0531A) Item lectio Epistolae beati Pauli apostoli ad Thessalonicenses, Fratres, nolumus vos ignorare de dormientibus, usque itaque consolamini invicem in verbis in Christo Iesu Domino nostro. Item lectio Esaiae prophetae. Haec dicit Dominus Deus, Orietur in tenebris lux tua, usque quia os Domini locutum est. Evangelium

secundum Ioannem, cap. XCIV, Dixit Martha ad Iesum, usque qui in hunc mundum venisti. Item Evangelium secundum Ioannem cap. XXXIX, Dixit Iesus discipulis suis et turbis Iudaeorum, Sicut enim Pater suscitat mortuos, usque de morte in vitam. Item secundum Ioannem, cap. LVI, Dixit Iesus turbis Iudaeorum, Omne quod dat mihi, usque in novissimo die. Item secundum Ioannem, cap. (0531B) LXV, Dixit Iesus discipulis suis et turbis Iudaeorum. Ego sum panis vivus, usque in novissimo die. LECTIONES DEFUNCTORUM. I. Parce mihi, Domine, nihil enim sunt dies mei, usque non subsistam. II. Taedet animae meae vitae meae, usque possum eruere. III. Manus tuae, usque custodivit spiritum meum. IV. Responde mihi, quantas habeo iniquitates? usque vestimentum quod comeditur a tinea. V. Homo natus de muliere, brevi vivens tempore, usque donec optata veniat. VI. Quis mihi hoc tribuat, ut in infernum protegas me, usque sed parce peccatis meis. VII. Spiritus meus attenuabitur, dies mei breviabuntur, usque patientia mea tu es, Domine Deus meus. (0532B) VIII. Pelli meae consumptis carnibus, usque sculpantur in silice. IX. Scio enim quod Redemptor meus vivit, usque haec spes mea in sinu meo.

Frangitur et communicat Agnus Dei: frangitur et non dividitur, semper non consumeris et comedi, sed sanctificat participantibus E SPEZZATO E CONDIVISO LAGNELLO DI DIO E SPEZZATO MA NON DIVISO E MANGIATO MA NON CONSUMATO MA SANTIFICA CHI NE PARTECIPA! E SPEZZATO E COMUNICATO LAGNELLO DI DIO E SPEZZATO MA NON DIVISO E MANGIATO MA MAI CONSUMATO MA SANTIFICA CHI NE PARTECIPA!

Potrebbero piacerti anche