Sei sulla pagina 1di 6

SETTEMBRE: PROVE D’INGRESSO PER L’ACCERTAMENTO DELLE PRECONOSCENZE

FUNZIONE LINGUISTICA PRIVILEGIATA:

LA REGOLAZIONE

OBIETTIVI FORMATIVI (Itinerari n.1 – n.2 – n.3)

A. Orientarsi nell’osservazione e nella comprensione di “testi” orali e scritti caratterizzati da una


pluralità di scopi comunicativi e di usi funzionali
B. Interagire con interlocutori dimostrando apertura al dialogo, alla collaborazione, alle critiche
C. Leggere le informazioni confrontando opinioni e punti di vista diversi e comprendere
l’intenzionalità comunicativa.
D. Riconoscere e condividere regole in contesti diversi.
E. Scrivere una varietà di forme testuali per scopi diversi, utili in circostanze e situazioni note.
F. Orientarsi sul funzionamento della lingua riconoscendo la funzione delle singole parole, le
principali strutture della frase ed i vari generi testuali
ITINERARIO n. 1: “I COMANDI ED I DIVIETI IN CLASSE, IN FAMIGLIA”

Tempi di attuazione: FINE OTTOBRE – GENNAIO

Discipline ed Educazioni coinvolte: LINGUA ITALIANA – EDUCAZIONE ALLA CITTADINANZA (CONVIVENZA CIVILE),
EDUCAZIONE ALL’AFFETTIVITA’

OBIETTIVI ATTIVITA’ EDUCATIVE DIDATTICA SOLUZIONI MODALITA’ DI


APPRENDIMENTO E DIDATTICHE LABORATORIALE ORGANIZZATIVE* VERIFICA *
METODI ATTIVI,
INTERATTIVI,
COOPERATIVI *
Ascoltare – Parlare - Individuazione del problema tramite conversazione - Esplorazione della - Organizzazione di - Forme di
collettiva sui comportamenti dei ragazzi in lingua viva nello ambienti di autovalutazione
determinati momenti della giornata scolastica spazio apprendimento e valutazione
sociolinguistico in cui (operativi e riflessivi), formativa
- I COMANDI E I DIVIETI IN CLASSE –
vive il bambino individuali, collettivi,
- Problematizzazione per piccoli gruppi, a - Osservazione
A.B.C. 1 - Fase della discussione coppia, secondo criteri dei processi
• Raccolta del materiale linguistico fatta dagli alunni
Partecipare a scambi collettiva differenziati: biografia di
in situazione
comunicativi cogliendo (negoziazione di scaffolding/tutoraggi apprendimento,
l’argomento principale - DALLA PARTE DEI RAGAZZI – significati e o operazioni di feed-
del discorso altrui • Lettura di alcuni comandi e divieti raccolti e risoluzione di cooperazione tra pari, back sul lavoro
problemi) piccoli gruppi per svolto da parte
conversazione collettiva sulle motivazioni
- Rielaborazione compito, interesse / degli alunni e degli
A.B.C. 2 - AD OGNUNO IL SUO - personale eterogenei, omogenei, insegnanti.
• Trascrizione individuale di uno o più comandi - Sintesi-sistemazione etc.
Prestare attenzione a
delle azioni compiute - interventi - Osservazione
situazioni comunicative utilizzando la tecnica del fumetto ed espressione
- METACOGNIZIONE differenziati nei dei prodotti
scritta della propria opinione
diverse • Conversazioni finalizzate all’individuazione delle Momenti di auto- singoli gruppi  Utilizzo
caratteristiche tonali e fisico-emotive dell’insegnante riflessione finalizzati alla corretto degli
mentre “comanda” presa di coscienza di ciò strumenti di
che si sta facendo lavoro
• Separazione tra COMANDI e DIVIETI:
A.B.C.D. 3 l’importanza del “non” (la negazione)  Scrittura
autonoma di
Partecipare a -COMANDI E DIVIETI IN FAMIGLIA – testi
discussioni di gruppo
• Raccolta dei comandi e divieti “acchiappati” in  Lettura di testi
cogliendo la posizione
famiglia e relativa
espressa dai compagni
comprensione
ed esprimere la propria • Socializzazione delle esperienze attraverso orale e scritta
opinione conversazione collettiva e scelta di alcuni comandi- mediante
sull’argomento divieti più simpatici domande
rispettando il turno
• Si comincia a descrivere oralmente il contesto ed a aperte o a
d’intervento
scelta multipla
chiarire la situazione comunicativa “Chi? Quando?
B. 4 - Esprimere  Comprensione
Perché? Che cosa? Come?”
attraverso il parlato del genere
spontaneo o testuale
parzialmente (regolativo
pianificato pensieri, narrativo
opinioni, stati d’animo, descrittivo
rispettando l’ordine poetico) e
causale e temporale della struttura
A.B. 5 (in particolare:
coerenza, coesione,
Usare registri linguistici pianificazione)
in base al contesto - Prove per la
A.B. 6 correttezza
ortografica
Produrre brevi testi orali - Attività di
di tipo narrativo spelling a
descrittivo squadre
- Giochi
metalinguistici
- Riconoscimento
dei nomi,
aggettivi, verbi,
• Lettura di testi personali per il piacere di leggere pronomi,
connettivi logici
• Il” laboratorio di lettura” e la riflessione linguistica
all’interno di
Leggere Gioco:”La tombola delle parole sconosciute”. Il brevi “pezzi”
D. 1 Utilizzare gioco è collegato al campionato di spelling tratti dai testi
tecniche di lettura • L’immaginario classico: celebri ordini in celebri d’appoggio
silenziosa e ad alta voce fiabe: reperimento in memoria, scambio di - Schede
con scopi mirati di conoscenze e lettura di testi di genere : strutturate
appoggio e - Individuazione
comprensione - “Le orecchie dello Zar” della frase
D. 2 Avvalersi di tutte - “La sirenetta” minima
le anticipazioni del testo - Individuazione
- “Hansel e Gretel”
per orientarsi nella dell’errore
comprensione - “I tre porcellini”
D. 3 Utilizzare forme - “Cappuccetto Rosso”
di lettura diverse
funzionali allo scopo: • Lettura di testi per ricercare le informazioni
per ricevere necessarie
informazioni, per • Analisi dei comandi nel testo in relazione ai
piacere, per studio
personaggi, al contesto, ipotesi di scopo
D. 4 Leggere testi
narrativi e descrittivi ed • Lettura delle immagini, della didascalia, del titolo
avviarsi al presente in un testo dato
riconoscimento di alcuni
• Lettura di brani della fiaba “Cenerentola” (testi di
elementi essenziali del
racconto (personaggi, edizioni diverse)
ambiente, sequenze di • Individuazione di somiglianze e differenze nelle
sviluppo) informazioni
Scrivere - RACCONTO I COMANDI E I DIVIETI
ACCHIAPPATI IN FAMIGLIA –
E. 1 Produrre testi
scritti coesi e coerenti in • Trascrizione di comandi e divieti acchiappati in
forma adeguata allo famiglia mediante discorso diretto
scopo • Lettura di alcuni comandi scelti, chiarificazione ed
ampliamento del testo e riscrittura corretta completa
del “dove, chi, che cosa, quando, perché”
• Il discorso indiretto: la trasformazione dei comandi
“acchiappati”
• Scrittura di brevi esperienze personali relative ai
E. 2 Produrre testi divieti più pesanti con espressione del punto di vista
narrativi e descrittivi per - RIELABORAZIONE PERSONALE-
comunicare esperienze,
• La scrittura personale:
idee emozioni
- il diario
- la lettera
• Codice – emittente – ricevente – destinatario
• Registro e contesti

E. 3 Manipolare testi in - Scelta di un comando e/o divieto della fiaba


base ad un vincolo dato “Cenerentola” e conclusione personale con finale
diverso.

Riflettere sulla lingua


F. 1 Riconoscere gli
elementi della • Chi, che cosa, quando
comunicazione
intersoggettiva e sociale

F. 2 Riflettere sul
significato delle parole, • “Laboratorio di lettura”
sulle relazioni tra di esse • Relazioni di somiglianza, differenza, polisemia
ed operare modifiche. • L’importanza del contesto in cui la parola è inserita
• Uso del vocabolario
F. 3 Riconoscere le
parti principali e gli • Derivazione, composizione, alterazione
elementi basilari di una
frase. • Funzione del soggetto e del predicato
• Riconoscere la funzione logica del pronome
F. 4 Usare e distinguere
i modi ed i tempi
verbali.
• Il modo indicativo
F. 5 Riconoscere e • Il modo imperativo
raccogliere per categorie
• Nomi
• Aggettivi (i gradi dell’aggettivo)
• Verbi

* La “Didattica laboratoriale…, Le soluzioni organizzative, Le modalità di verifica” sono riferite ai tre


Itinerari programmati