Sei sulla pagina 1di 8

Fotografia corso base

Educazione Permanente Treviso

Le pellicole

http://arcifotografiabase.wordpress.com

Federico Covre

la pellicola fotografica
La pellicola fotografica il supporto atto a conservare le immagini riprese a mezzo di una macchina fotografica analogica. costruita a strati, il supporto di base un sottile nastro di materiale plastico (di poliestere o triacetato di celluloide), a cui sovrapposto uno strato antialone per evitare riflessi interni. Gli strati successivi contengono una emulsione di alogenuro d'argento con cristalli di grandezza variabile. Il materiale fotosensibile legato con della gelatina, realizzata da materiali organici animali, all'alogenuro, prodotto combinando il nitrato d'argento con sali di alogenuri alchilici (cloro, bromo e iodio) variando la dimensione del cristallo. Nelle pellicole bianco e nero, presente un solo strato di emulsione fotosensibile, mentre nelle pellicole colore sono necessari tre diversi strati sensibili alle diverse frequenze di luce visibile per formare l'immagine finale, utilizzando la sintesi cromatica sottrattiva.

1.materiale plastico di poliestere o di triacetato di celluloide 2. strato adesivo 3. strato sensbile alla luce rossa 4. strato sensbile alla luce verde

5. filtro del giallo 6. strato sensbile alla luce blu 7. filtro UV 8. strato protettivo 9. luce visibile

la sintesi cromatica sottrattiva

Definendo come colore complementare quello che si ottiene sottraendo dal bianco il colore dato, si pu constatare che i rispettivi colori complementari di rosso, verde e blu, e cio ciano, magenta e giallo, costituiscono una base per la sintesi sottrattiva dei colori. Nella figura riportato uno schema di base per la sintesi sottrattiva; si noti come la somma dei tre colori di base generi il nero.

la sensibilit
La caratteristica fondamentale di una pellicola la sua sensibilit che indica quanta luce dovr essere assorbita per formare limmagine, questa viene espressa con un numero crescente in proporzione allaumentare della stessa. Viene misurata in ISO (International Standards Organization), ma fino a pochi anni fa veniva fornita in ASA (American Standard Association), ed in DIN (Deutsche Industrie Normen). La sensibilit di una pellicola determinata dalla grandezza dei cristalli di alogenuro dargento, pi sono grandi, maggiore la sensibilit; il loro insieme d vita ad una texture sottilissima definita grana che si inizia a notare sulle stampe pi grandi.

selettore della sensibilit

la scala degli ISO


pellicole lente pellicole veloci

64

80

100 125 160 200 250 320 400 500 640 800 1000 1250 1600 2000 2500 3200 4000 5000 6400

pellicole a bassa sensibilit

pellicole a media sensibilit

pellicole ad alta sensibilit

pellicole di bassa sensibilit pellicole di media sensibilit pellicole di alta sensibilit 400 ISO alta sensibilit

da 25 a 64 ISO da 100 a 200 ISO da 400 ISO in su

200 ISO media sensibilit

100 ISO media sensibilit

la grana
La grana data dall'insieme degli alogenuri d'argento presenti nella pellicola, chiaramente pi sono piccoli e maggiore risulter la nitidezza dell'immagine. La grana nella pellicola pi grossa ed evidente nelle pellicole pi sensibili, le pellicole pi lente sono caratterizzate da una grana pi piccola con una conseguente maggiore nitidezza dell'immagine.

pellicole a bassa sensibilit

pellicole a media sensibilit

pellicole ad alta sensibilit

qualit dellimmagine alta

qualit dellimmagine bassa

la scala degli ISO e la grana

sensibilit 200 ISO

sensibilit 1600 ISO

sensibilit 3200 ISO

sensibilit 6400 ISO

la latitudine di posa
la capacit della pellicola di dare buoni risultati anche con esposizioni leggermente maggiori o minori di quella ottimale, quindi di riuscire a compensare gli errori che possono verificarsi o per una cattiva lettura della luce o per una taratura sbagliata dell'apparecchio di ripresa. Questa capacit della pellicola tanto maggiore quanto pi elevata la sua sensibilit; quindi, pellicole di bassa sensibilit avranno una latitudine di posa molto bassa (e perci necessiteranno di un'esposizione accurata), mentre pellicole di sensibilit alta una latitudine pi estesa (e quindi maggiore capacit di compensare gli errori). Questa caratteristica, inoltre, far si che nelle situazioni in cui la scena da riprendere presenta grosse differenze di illuminazione, le pellicole con una latitudine di posa pi ampia riusciranno a rendere leggibili zone dell'immagine che altrimenti risulterebbero troppo chiare o scure.