Sei sulla pagina 1di 2

TRATT.

ECONOMICO

DAL RICONOSCIMENTO DISCENDONO UNA SERIE DI PRESTAZIONI CHE LE AMMINISTRAZIONI SONO TENUTE AD EROGARE AI PROPRI DIPENDENTI. DAL TRATTAMENTO ECONOMICO ALLA PENSIONE PRIVILEGIATA, DALLE CURE TERMALI ALLEQUO INDENNIZZO.
La domanda di riconoscimento della dipendenza di una infermit da causa di servizio , normalmente, finalizzata ad ottenere benefici economici e/o previdenziali. Il nuovo Regolamento sulla causa di servizio, introdotto dal D.P.R. n. 461 del 2001, stabilisce che ai fini della concessione dei benefici previsti da disposizioni vigenti, fatta eccezione aggiungiamo noi, per la pensione privilegiata, la domanda di riconoscimento della causa di servizio deve essere presentata entro sei mesi dalla data in cui si verificato l evento, oppure dal momento in cui l interessato venuto a conoscenza della propria infermit. E importante sottolineare che il superamento di questa scadenza fa decadere il diritto al riconoscimento. Il rispetto del termine, da considerarsi, la redazione

LE PRESTAZIONI CONNESSE

ALLA CAUSA
DI SERVIZIO
perentorio, presupposto imprescindibile per vedersi attribuite tutte le provvidenze economiche che possono spettare. E opportuno, prima di passare ad esaminarle una per una, elencare tutte le prestazioni che possono derivare dal riconoscimento della causa di servizio, esse si identificano: - trattamento economico completo nellintero periodo di assenza; - cure termali; - rimborso spese di cura; - esenzione dal ticket su prestazioni mediche e medicinali; - benefici economici; - maggiorazione dell anzianit di servizio; - equo indennizzo; - pensione privilegiata. CURE TERMALI Al personale mutilato o invalido di guerra o per servizio, riconosciuto il diritto alle cure termali, elioterapiche, climatiche e psammometriche, anche se hanno superato il congedo straordinario e l aspettativa per infermit. L interessato pu fruire delle assenze per malattia. Lo stesso diritto riconosciuto agli appartenenti alle forze di Polizia ed alle Forze Armate, per solo per coloro che sono gi riconosciuti invalidi per servizio e che sono destinatari dell equo indennizzo. La concessione pu essere differita per motivate esigenze di servizio solo se la patologia permette di effettuare le cure in altra data. Il periodo complessivo fruibile per le cure non pu superare i 15 giorni annui da computarsi nel tetto massimo dei 45 giorni di congedo straordinario spettanti nellanno solare. RIMBORSO SPESE DI CURA La finanziaria introdotta con legge n. 266 del 31 dicembre 2005 ha sostituito l ottavo comma dell articolo 68 del D.P.R. n. 3 del 1957 che poneva a carico delle amministrazioni le spese di cura, comprese quelle per ricoveri in istituti sanitari e per protesi, in caso di infermit riconosciuta dipendente da causa di servizio. La disciplina modificata lascia a carico dell amministrazione solo l equo indennizzo anche se il rimborso spese di cura fosse stato previsto nei contratti collettivi nazionali o nei provvedimenti di recepimento degli accordi sindacale. Questa rinno-

42

TRATT. ECONOMICO

vata disciplina interessa anche le Forze di Polizia a ordinamento civile e militare. La finanziaria n. 296 del 27 dicembre 2006 introduce una modifica a favore, per solo del Corpo nazionale di vigili del fuoco, delle Forze Armate e di polizia qualora il personale, nellespletamento delle funzioni di servizio, comprese le fasi addestrative, abbia subito ferite o lesioni. Dalle suddette prestazioni sanitarie rimangono escluse le cure balneo-termali, idroponiche ed inalatorie. Occorre, infine, ricordare che le disposizioni di cui al citato articolo 68 rimangono vigenti per il personale delle forze armate o appartenente ai corpi di polizia che abbiano contratto malattia o infermit nel corso di una missione fuori dal territorio nazionale. ESENZIONE DAL TICKET I dipendenti pubblici, con patologie riconosciute dipendenti da causa di servizio, hanno diritto allesenzione totale o parziale, secondo le disposizioni delle singole Regioni, dai ticket delle spese mediche e sanitarie. In base alla percentuale dinvalidit, sono identificate delle classi di difficolt cui corrispondono diversi livelli desenzione. BENEFICI ECONOMICI Fino al 31 dicembre 2008 al personale invalido per servizio riconosciuto un particolare beneficio consistente in un incremento percentuale della base stipendiale del 2,5% per le invalidit ascritte alle prime sei categorie, o dell 1,25% per infermit classificate alle ultime due categorie, la settima e lottava, di cui alla tabella A del DPR n. 834 del 1981. Il calcolo si effettua sul trattamento fondamentale, comprensivo della RIA, goduto al momento della presentazione della domanda. Il beneficio economico pu essere corrisposto una sola volta, se spettante nella misura massima o, se alla prima

- se il beneficio deriva da norme contrattuali, la decorrenza fissata dalla data della domanda, purch sia presentata in costanza di rapporto di lavoro. MAGGIORAZIONE DELL ANZIANIT DI SERVIZIO Con la legge finanziaria del 2001, articolo 80 comma 3, legge n. 388 del 2000 sono state previste in materia previdenziale disposizioni a favore dei lavoratori sordomuti nonch di quelli a cui stata riconosciuta, per qualsiasi causa, una invalidit superiore al 74%, ovvero ascritta alle prime quattro categorie della tabella A allegata al DPR. n.. 834 del 1981. Tra i beneficiari rientrano anche gli invalidi per servizio con infermit ascritta alle indicate categorie. Per questi a decorrere dal 1 gennaio 2002 riconosciuto, a domanda, per ogni anno di servizio, il beneficio di due mesi di contribuzione figurativa fino al limite massimo di 60 mesi e, comunque, entro lanzianit contributiva massima. Sia lINPDAP che lINPS hanno, con una circolare, limitato lapplicazione della norma ai trattamenti pensionistici calcolati interamente o in parte con il sistema retributivo. Il dispositivo di legge ha efficacia retroattiva dovendosi attribuire i benefici, in costanza di lavoro al 1 gennaio 2002, per periodi precedenti coperti dal requisito. Il beneficio viene attribuito al momento della liquidazione della pensione. Mentre per il personale civile la liquidazione del trattamento viene effettuata dall INPDAP, per il personale militare saranno le rispettive amministrazioni a verificare i presupposti e ad attribuire le maggiorazioni in sede di liquidazione della pensione. In un prossimo elaborato affronteremo gli altri benefici che possono essere attribuiti a seguito del riconoscimento di una malattia come derivante da causa di servizio: lEquo Indennizzo, lindennit speciale Una tantum e la Pensione Privilegiata.

applicazione spettava l 1,25%, pu essere attribuito un ulteriore 1,25% in caso di aggravamento. La norma introduttiva d tali benefici risale al 1950 legge n. 539, che ha esteso anche ai mutilati e invalidi del servizio i benefici concessi dal R.D. 1290 del 1922 a favore dei mutilati ed invalidi di guerra. Il beneficio stato riconosciuto anche al personale che ha presentato domanda dopo il congedo, a condizione che laccertamento della causa di servizio sia avvenuto in servizio. Quanto alla decorrenza del beneficio occorre distinguere: - se trattasi di provvidenza derivante da previsioni di legge, il beneficio concesso dufficio e decorre dalla data di emanazione del verbale di accertamento dellinfermit riconosciuta dipendente da causa di servizio. E opportuno dire che, restando listituto della prescrizione quinquennale, opportuno che il dipendente inoltri la domanda al fine di interrompere i termini prescrizionali;

43