Sei sulla pagina 1di 2

Lettera agli Ebrei Cap.1 - Lode a Cristo Cap.

. 1 1 Dio, che molte volte e in diversi modi nei tempi antichi aveva parlato ai padri per mezzo dei profeti, 2ultimamente, in questi giorni, ha parlato a noi per mezzo del Figlio, che ha stabilito erede di tutte le cose e mediante il quale ha fatto anche il mondo. 3 Egli irradiazione della sua gloria e impronta della sua sostanza, e tutto sostiene con la sua parola potente. Dopo aver compiuto la purificazione dei peccati, sedette alla destra della maest nell'alto dei cieli, 4divenuto tanto superiore agli angeli quanto pi eccellente del loro il nome che ha ereditato. Lettera agli Ebrei Cap. 5 Umilt e Oddedienza Cristo non attribu a se stesso la gloria di sommo sacerdote, ma colui che gli disse: Tu sei mio figlio, oggi ti ho generato, gliela confer 6come detto in un altro passo: Tu sei sacerdote per sempre, secondo l'ordine di Melchsedek. 7 Nei giorni della sua vita terrena egli offr preghiere e suppliche, con forti grida e lacrime, a Dio che poteva salvarlo da morte e, per il suo pieno abbandono a lui, venne esaudito. 8Pur essendo Figlio, impar l'obbedienza da ci che pat 9e, reso perfetto, divenne causa di salvezza eterna per tutti coloro che gli obbediscono, 10essendo stato proclamato da Dio sommo sacerdote secondo l'ordine di Melchsedek. Lettera agli Ebrei Cap.12- Sopportare con Pazienza Anche noi dunque, circondati da tale moltitudine di testimoni, avendo deposto tutto ci che di peso e il peccato che ci assedia, corriamo con perseveranza nella corsa che ci sta davanti, 2tenendo fisso lo sguardo su Ges, colui che d origine alla fede e la porta a compimento. Egli, di fronte alla gioia che gli era posta dinanzi, si sottopose alla croce, disprezzando il disonore, e siede alla destra del trono di Dio. 3Pensate attentamente a colui che ha sopportato contro di s una cos grande ostilit dei peccatori, perch non vi stanchiate perdendovi d'animo. 4Non avete ancora resistito fino al sangue nella lotta contro il peccato 5e avete gi dimenticato l'esortazione a voi rivolta come a figli: Figlio mio, non disprezzare la correzione del Signore e non ti perdere d'animo quando sei ripreso da lui; 6 perch il Signore corregge colui che egli ama e percuote chiunque riconosce come figlio.
7 1

per la vostra correzione che voi soffrite! Dio vi tratta come figli; e qual il figlio che non viene corretto dal padre? 8Se invece non subite correzione, mentre tutti ne hanno avuto la loro parte, siete illegittimi, non figli! 9Del resto noi abbiamo avuto come educatori i nostri padri terreni e li abbiamo rispettati; non ci sottometteremo perci molto di pi al Padre celeste, per avere la vita? 10Costoro infatti ci correggevano per pochi giorni, come sembrava loro; Dio invece lo fa per il nostro bene, allo scopo di farci partecipi della sua santit. 11Certo, sul momento, ogni correzione non sembra causa di gioia, ma di tristezza; dopo, per, arreca un frutto di pace e di giustizia a quelli che per suo mezzo sono stati addestrati. 12 Perci, rinfrancate le mani inerti e le ginocchia fiacche 13e camminate diritti con i vostri piedi, perch il piede che zoppica non abbia a storpiarsi, ma piuttosto a guarire.