Sei sulla pagina 1di 2

Fedele Lampertico

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera. Fedele Lampertico (Vicenza, 13 giugno 1833 Vicenza, 6 aprile 1906) stato un economista, scrittore e politico italiano. grande agrario paternalista, leader indiscusso dell'oligarchia moderata, discreto ma onnipotente dominatore della vita pubblica locale[1] Indice 1 Biografia 2 Le opere 3 Onorificenze 4 Note 5 Bibliografia Biografia Statua di Fedele Lampertico, dello scultore Carlo Spazzi (1924), in piazza Matteotti a Vicenza Palazzo Lampertico, in corso Palladio, dove nacque e visse lo statista Frequent il Liceo nella citt natale ed ebbe come maestro l'abate Giacomo Zanella al quale rimase legato da profonda amicizia. Rimangono numerosi i carteggi Fedele Lampertico Giacomo Zanella donati alla Biblioteca Bertoliana di Vicenza dallo stesso Lampertico. Studi giurisprudenza a Padova dove si laure nel 1855 con una tesi di statistica. Nel 1866 le autorit austriache lo costrinsero a lasciare Vicenza, assieme a Paolo Lioy. Si trasfer a Milano, presso Emilio Treves. Nel novembre dello stesso anno, subito dopo l'annessione del Veneto all'Italia, venne eletto come rappresentante del collegio di Vicenza alla Camera dei deputati del Regno d'Italia, fu rieletto per un secondo mandato nel marzo 1867 e rest in carica fino al 1870. Il 6 novembre 1873 fu nominato senatore. Sedette nel Consiglio comunale di Vicenza ininterrottamente dal 1866 al 1905. Fu inoltre presidente del Consiglio provinciale dal 1870 al 1905. Antonio Fogazzaro, la cui moglie Margherita di Valmarana era nipote del Lampertico, si ispir alla sua figura nel romanzo Piccolo mondo moderno. Mor a Vicenza nel 1906. Gli furono intitolati in citt un Istituto comunale per l'infanzia e, nel 1960, l'Istituto professionale statale per l'industria e l'artigianato[2]. Gli dedicata anche una strada del centro storico, l'antica contr della calonega, lato nord della cattedrale. Le opere Studioso di statistica, di giurisprudenza e di economia, scrisse trattati di diritto pubblico e privato e di statistica. Si ricorda nel campo della statistica l'opera Sulla statistica teorica in generale e su Melchiorre Gioia in particolare (1870-1871) e nel campo dell'economia l'opera fondamentale rimasta incompiuta: Trattato sull'economia politica dei popoli e degli stati (5 volumi 1874-1884). Si interess anche di storia, soprattutto di storia veneta[3].

Onorificenze Cavaliere dell'Ordine Civile di Savoia Grand'Ufficiale dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro Grand'Ufficiale dell'Ordine della Corona d'Italia Note ^ S.Lanaro, Neo-liberalismo e tradizionalismo sociale. Fedele Lampertico, in ID, Societ e ideologie nel Veneto rurale (1866-1898), Roma 1976, p. 108 ^ Storia IPSIA Lampertico ^ Fedele Lampertico, I podest di Vicenza. Anni 1200-1311, in Scritti storici e letterari, II, Firenze, 1883. Bibliografia Emilio Franzina, Il poeta e gli artigiani. Etica del lavoro e mutualismo nel Veneto di met '800, Padova, 1988..