Sei sulla pagina 1di 1

Alba Maria Orselli Santi re e santi imperatori nellOccidente medievale

Il titolo, che del resto io stessa ho proposto per questa lettura, risulta insieme tautologico e paradossale. tautologico perch per i sovrani, re e imperatori, dei quali mi occupo professionalmente e di cui tratter qui e che si dispongono, con poche eccezioni, dal Tardoantico allAlto Medioevo (ci che significa, secondo una scansione cronologica ormai codificata, dal IV secolo al volgere del primo al secondo millennio), la santit non si configura come una conquista faticosa pi o meno dolorosamente sofferta, quanto piuttosto come una qualit necessaria che il sovrano possiede per/e nella sua essenza. Non ci sono in linea di principio re santi: perch il re cristiano del Tardoantico e dellAlto Medioevo ma meglio riferirsi senzaltro al re del Tardoantico e dellAlto Medioevo santo in quanto re, vale a dire per sua stessa definizione. Daltro canto, e in questo risiede il paradosso, le nostre fonti scritte, siano fonti agiografiche o pi latamente narrative, storie e cronache, o ideologico-politiche, e tra queste citerei soprattutto gli specula principum,1 fonti che sono nella loro quasi totalit di provenienza ecclesiastica, ci mettono in presenza di un ampio ventaglio

1 Gli specula principum costituiscono un genere letterario dei pi rilevanti nellottica che si indicata, della ideologia politica, e di lunghissima durata: per lOccidente umanistico e postriformato citer Erasmo e s. Roberto Bellarmino. A. Carile ne ha riconosciuto il tipo in testi antichi come il Tract. XVIII del Corpus Hermeticum e il De clementia senecano (Le cerimonie musicali alla corte bizantina, in Da Bisanzio a San Marco. Musica e liturgia, a cura di G. C ATTIN, Quaderni di Musica e Storia, 2, Bologna, 1997, pp. 43-60; Seneca e la regalit ellenistica, in AA.VV., Seneca nella coscienza dellEuropa , a cura di I. DIONIGI, Milano, 1999, pp. 58-80), mostrandone gli esiti culturali bizantini; per questultimo ambito, fondamentale il dibattito storiografico anche recente sulla Scheda regia del diacono Agapeto per limperatore Giustiniano. Nel Medioevo occidentale europeo significative cerniere appaiono rappresentate dalla produzione dellet carolingia, sulla quale cfr.da ultimo H. H. ANTON, Gesellschaftsspiegel und Gesellschaftstheorie in Westfranken/Frankreich. Spezifik, Kontinuitaeten und Wandlungen, in Specula principum, a cura di A. DE BENEDICTIS con la collaborazione di A. PISAPIA , Frankfurt a. Main, 1999 (Ius Commune, Sonderhefte 117), pp. 51-120; e C. MARGALHAN-FERRAT , Le concept de ministerium entre littrature spculaire et lgislation carolingienne, ibid., pp. 121-157, con bibliografia aggiornata; e dagli specula composti fra XII e XIII secolo in particolare con riferimento a s. Luigi IX di Francia, su cui J. LE GOFF, San Luigi, 1996, trad. it. Torino, 1996, pp. 328-353 e 702-705.