Sei sulla pagina 1di 6

LA NORMATIVA SUL RICAMBIO DELLARIA NELLE SALE FUMATORI

Aermec S.p.A.

I locali e la legge antifumo

La normativa sul ricambio dellaria nei locali fumatori


Disposizioni normative ed esempio di applicazione

Introduzione
La legge n3 del 16 gennaio 2003, meglio conosciuta come legge Sirchia, tra le altre cose, stabilisce e regolamenta i requisiti tecnici minimi dei locali riservati ai fumatori e dei relativi impianti di ventilazione e ricambio daria. Gli impianti destinati a questo compito devono quindi essere in grado di: a) migliorare il comfort ambientale; b) evitare che il fumo possa migrare nei locali limitrofi; c) limitare la concentrazione ambientale delle sostanze inquinanti. E proprio questultimo il parametro che maggiormente deve essere tenuto sotto controllo per garantire la salute degli occupanti.

Disposizioni normative
I punti fondamentali di tale legge possono essere cos riassunti: 1. I locali riservati ai fumatori devono essere contrassegnati come tali e realizzati in modo da risultare adeguatamente separati da altri ambienti limitrofi, dove e' vietato fumare. A tal fine i locali per fumatori devono rispettare i seguenti requisiti strutturali: a) essere delimitati da pareti a tutta altezza su quattro lati; b) essere dotati di ingresso con porta a chiusura automatica, abitualmente in posizione di chiusura; c) essere forniti di adeguata segnaletica; d) non rappresentare un locale obbligato di passaggio per i non fumatori. 2. I locali per fumatori, inoltre, devono essere dotati di idonei mezzi meccanici di ventilazione forzata, in modo da garantire una portata d'aria filtrata di ricambio supplementare esterna o immessa per trasferimento da altri ambienti limitrofi dove e' vietato fumare. La portata daria supplementare da aggiungere alla portata di ventilazione richiesta dalla stessa area in assenza di fumatori pari a 30 litri/secondo per ogni persona che pu essere ospitata nei locali; in conformit della normativa vigente, sulla base di un indice di affollamento pari allo 0,7 persone/mq. All'ingresso dei locali e' indicato il numero massimo di persone ammissibili, in base alla portata dell'impianto. 3. Gli stessi locali devono, poi, essere mantenuti in depressione non inferiore a 5 Pa (Pascal) rispetto alle zone circostanti. 4. La superficie destinata ai fumatori negli esercizi di ristorazione, ai sensi dell'art. 51 della legge 16 gennaio 2003, n.3, deve comunque essere inferiore alla meta' della superficie complessiva di somministrazione dell'esercizio. 5. L'aria proveniente dai locali per fumatori non riciclabile, ma deve essere espulsa all'esterno attraverso idonei impianti e funzionali aperture, secondo quanto previsto dalla vigente normativa in tema di emissioni in atmosfera esterna, nonch dai regolamenti comunali di igiene ed edilizi. 6. Nei locali in cui e' vietato fumare sono collocati appositi cartelli, adeguatamente visibili, che evidenziano tale divieto. Ai fini della omogeneita' sul territorio nazionale, tecnicamente opportuna, tali cartelli devono recare la scritta VIETATO FUMARE, integrata dalle indicazioni della relativa prescrizione di legge, delle sanzioni applicabili ai contravventori e dei soggetti cui spetta vigilare sull'osservanza del divieto e cui compete accertare le infrazioni. 7. Nelle strutture con piu' locali, oltre al modello di cartello riportato al punto 6, da situare nei luoghi di accesso o comunque di particolare evidenza, sono adottabili cartelli con la sola scritta 2

Aermec S.p.A.

I locali e la legge antifumo

VIETATO FUMARE. Altri cartelli ad accensione automatica in caso di guasto dellimpianto devono recare scritto: VIETATO FUMARE PER GUASTO ALL'IMPIANTO DI VENTILAZIONE, determinando la contestuale esclusione della scritta indicativa dell'area riservata. Queste norme, seppur semplici, non sono di facile applicazione, tant che ancora ben pochi locali risultano attrezzati per ospitare i fumatori.

Esempio di calcolo
Si veda, a titolo desempio, cosa comporta lapplicazione delle norme ad un normale locale che si voglia attrezzare. Innanzitutto si riepilogano i punti essenziali della norma ai fini della scelta delle macchine necessarie alla realizzazione dellimpianto: 1. 30 l/s di aria supplementare per ogni persona (se il numero di occupanti della zona fumatori noto altrimenti si ipotizzano 0,7 persone/m2); 2. zona fumatori isolata e in depressione di 5 Pa rispetto alle aree circostanti; 3. zona fumatori di superficie inferiore alla met della estensione totale dellesercizio; 4. aria di espulsione non riciclabile; 5. macchinari conformi alle norme di sicurezza e risparmio energetico. Il locale scelto come esempio (figura 1) un tipico bar che richiede, come da norma prEN 13779, 39,6 m3/h di aria di ricambio per persona a garanzia di un corretto mantenimento delle condizioni igieniche. A questi vanno aggiunti, per quanto suddetto, 30 l/s di aria suppletiva, pari a 108 m3/h, per ogni occupante; il totale dellaria di rinnovo corrispondente a circa 148 m3/h per persona. Supponendo quindi una sala fumatori di 7x6 m e 3,2 m di altezza con un afflusso di 18 persone (dedotte dal numero dei posti a sedere) per il rispetto della norma, allambiente da trattare necessitano 2664 m3/h daria.

Figura 1: Pianta sala fumatori.

Aermec S.p.A.

I locali e la legge antifumo

Altro punto importante della legge antifumo la necessit di mantenere i locali trattati in leggera depressione rispetto a quelli adiacenti, in maniera tale da confinarne il fumo ed evitare che questo si infiltri nei locali attigui arrecando fastidi agli occupanti. Per fare ci necessario convogliare una maggiore portata daria in estrazione piuttosto che in immissione. Con la differenza di pressione aumenta, per, anche il trafilamento di aria allinterno del locale attraverso le fessure delle porte e delle finestre. La portata di aria di trafilamento attraverso le porte chiuse pu essere valutata con la seguente formula empirica:
Q1 = 3600 C F S F 2 g p

[m3/(hm)]

Q1 = portata daria per metro di perimetro di porta [m3/(hm)]; CF = coefficiente di flusso pari a 0,675; SF = superficie delle fessure per metro lineare di perimetro di porta [m2/m]; g = accelerazione di gravit pari a 9,81 m/s2; p = pressione differenziale in mm di c.a.; = densit dellaria. Le perdite per trafilamento attraverso i muri, pur essendo basse, costituiscono una parte non irrilevante; esse sono stimabili con una formula analoga alla precedente:
Q2 = 3600 C F S M 2 g p

[m3/(hm)]

dove: Q2 = portata daria per metro quadro di parete [m3/(hm2)]; CF = coefficiente di flusso pari a 0,675; SM = superficie delle microfessure per metro quadro di parete [m2/m2]; g = accelerazione di gravit pari a 9,81 m/s2; p = pressione differenziale in mm di c.a.; = densit dellaria. Per ottenere quindi i 5 Pa (0,5 mm c.a.) richiesti dalla normativa supponendo che luce sulle porte corrisponda, in via del tutto conservativa, a 3 mm si ottiene un fattore SF = 0,003 e quindi essendo il locale dotato di una unica porta 180 x 210 cm, una portata di 16,25 m3/h. Allo stesso modo si calcola la portata di ventilazione offerta dalle due finestre da 100 x 120 cm, pari a circa 15 m3/h e da quella pi grande da 300 x 250 cm, pari a 20,84 m3/h. A questi si deve aggiungere il contributo di trafilamento attraverso i muri, corrispondente, nel nostro caso, a 11.25 m3/h, considerando che per un normale muro in commercio il valore di un fattore SM si aggira intorno a 10-5. La sala fumatori in questione lascer entrare circa 66 m3/h corrispondenti a 0,5 Vol/h. Questultimo valore seppur molto preciso risulta piccolo rispetto alle rientrate daria dovute alle aperture della porta di passaggio da parte degli avventori del locale. La quantit di aria che pu rientrare da un ambiente a pressione pi elevata molto difficile da calcolare, non solo per il calcolo delleffettiva quantit daria che passa con la luce della porta tutta aperta, ma soprattutto per il numero di volte e per quanto tempo tale porta possa essere aperta. A fronte di questo rientro daria, che risulta molto elevato, si pu adottare una doppia porta che, oltre a limitare le rientrate ne rende pi agevole lapertura (si ricorda infatti che la forza da applicare almeno pari a F=pA =51,82,1=18,9 N). Pertanto dai dati in letteratura si ritiene di considerare poco meno di 1 Vol/h daria di differenza tra estrazione ed immissione per ogni Pascal di depressione. Per 5 Pa saranno necessari circa 4 Vol/h pari a 540 m3/h. 4

Aermec S.p.A.

I locali e la legge antifumo

Il ventilatore di immissione, quindi dovr realizzare una portata di circa 2700 m3/h mentre quello di estrazione dovr realizzare circa 3200 m3/h. Pertanto il ventilatore destrazione della sala fumatori dovr essere in grado di trattare 3200 m3/h pi quelli necessari a coprire le rientrate attraverso le luci su porte e finestre e dai muri. Visto le ingenti portate di aria esterna da introdurre si comprende lesigenza di effettuare un recupero di calore, soprattutto nel funzionamento invernale, quando le temperature esterne non consentono lintroduzione diretta dellaria di rinnovo. A tal proposito il DPR 412 attuativo della legge 10/91 prende una posizione ben precisa, prescrivendo cio ladozione di apparecchiature per il recupero di calore, disperso per il rinnovo dellaria, ogni qual volta la portata totale dellaria di ricambio ed il numero di ore annue di funzionamento siano superiori a determinati valori limite, variabili a seconda del numero di gradi giorno della zona di competenza (come mostrato nella tabella 1).
Tabella 1

CURVE LIMITE PER L'UTILIZZO DEL RECUPERATORE


4500
Funzionamento annuo [h]

4000 3500 3000 2500 2000 1500 1000 500 0 0 10000 20000 30000 40000 50000 60000 70000
Portata di ventilazione [mc/h]

zone E ed F zona D

Il riferimento alle zone denominate con le lettere D, E ed F tipico delle zone climatiche del nord Italia e il loro significato, come si evince dalla tabella seguente, deriva dal numero di gradi giorno stimati per quella determinata localit.
Tabella 2 zona A zona B zona C zona D zona E zona F Gradi giorno <600 601 - 900 901 - 1400 1401 - 2100 2101 - 3000 >3000

Aermec S.p.A.

I locali e la legge antifumo

A questo punto ci si trova di fronte a diverse possibilit, di seguito elencate Introdurre aria pretrattata tramite recuperatore a piastre e successivamente portarla in condizioni di immissione in ambiente sfruttando una batteria calda/fredda a seconda delle dispersioni o delle rientrate di calore. Ovviamente la necessit di acqua calda e fredda pu richiedere linstallazione di un refrigeratore, quasi sempre accoppiato ad una caldaia a gas oppure ladeguamento di un eventuale impianto ad acqua preesistente. In alternativa si potrebbe pensare di abbinare ad una produzione di aria primaria tramite un recuperatore un impianto secondario dedicato allabbattimento delle dispersioni e delle rientrate termiche. Ci consente un controllo pi rigoroso delle condizioni climatiche interne ai locali, ed pertanto condizione auspicabile allorquando si voglia rendere migliore il comfort degli occupanti. Naturalmente le diverse tipologie devono sempre affiancarsi alle esigenze climatiche di ogni singolo locale e alla presenza di altri impianti ad acqua od ad aria. Spesso, per le soluzione su proposte comportano svantaggi non indifferenti. A meno che non ci si stia occupando di locali di nuova concezione, spesso si parla di adeguamento degli impianti. Gli spazi tecnici non sempre possono essere ampliati per consentire il posizionamento di nuove macchine e non sempre la committenza disposta ad investimenti elevati per avere controlli rigorosi delle condizioni climatiche interne. Con questa situazione bene si sposa luso di ununica unit capace di recuperare e trattare laria simultaneamente, evitando magari linstallazione di una unit motocondensante allesterno. Accettando piccoli limiti sulla regolazione interna, tale soluzione consente di abbattere al massimo i costi di impianto e di limitare il pi possibile la richiesta di spazi tecnici appropriati. Inoltre la presenza di un circuito frigorifero in pompa di calore pu sopperire, o al limite coadiuvare, la richiesta di carichi termici in inverno o le rientrate di calore in estate. In figura 2 viene schematicamente rappresentato il recuperatore Aermec con circuito frigorifero URCF. La macchina raggruppa, in ununit monoblocco, oltre alle sezioni di ventilazione, filtrazione, recupero di calore, un circuito frigorifero in pompa di calore. Tale pompa di calore trae un enorme vantaggio in termini di rendimento, essendo posta allinterno del recuperatore, si pensi infatti alle zone del nord Italia in cui le condizioni climatiche invernali sono tali da non favorire un elevato rendimento delle pompe di calore, a causa del continuo intervento del ciclo di sbrinamento. La macchina invece scavalca questo problema utilizzando, come sorgente fredda per levaporatore, laria estratta dal locale e preraffreddata dal recupero (quindi a temperatura molto pi elevata, intorno ai 10C). Tutto questo consente quindi di avere una macchina completa, dal funzionamento autonomo in ogni stagione e in grado di coniugare il necessario rinnovo dellaria per i locali con un efficiente recupero di calore.

Figura 2: Condizionatore autonomo con recuperatore di calore per installazione a controsoffitto