Sei sulla pagina 1di 2

CHI E COSTUI ...

Luca 5:17-26

17 Un giorno Ges stava insegnando; e c'erano, l seduti, dei farisei e dei dottori della legge, venuti da tutti i villaggi della Galilea, della Giudea e da Gerusalemme; e la potenza del Signore era con lui per compiere guarigioni. 18 Ed ecco degli uomini che portavano sopra un letto un paralitico, e cercavano di farlo entrare e di metterlo davanti a lui. 19 Non trovando modo d'introdurlo a causa della folla, salirono sul tetto e, fatta un'apertura fra le tegole, lo calarono gi con il suo lettuccio, in mezzo alla gente, davanti a Ges. 20 Ed egli, veduta la loro fede, disse: Uomo, i tuoi peccati ti sono perdonati. 21 Allora gli scribi e i farisei cominciarono a ragionare, dicendo: Chi costui che bestemmia? Chi pu perdonare i peccati se non Dio solo? 22 Ma Ges, conosciuti i loro pensieri, disse loro: Che cosa pensate nei vostri cuori? 23 Che cosa pi facile, dire: "I tuoi peccati ti sono perdonati", oppure dire: "Alzati e cammina?" 24 Ora, affinch sappiate che il Figlio dell'uomo ha sulla terra il potere di perdonare i peccati, "Io ti dico", disse al paralitico, "alzati, prendi il tuo lettuccio, e va' a casa tua". 25 E subito il paralitico si alz in presenza loro, prese il suo giaciglio e se ne and a casa sua, glorificando Dio. 26 Tutti furono presi da stupore e glorificavano Dio; e, pieni di spavento, dicevano: Oggi abbiamo visto cose straordinarie. Nella storia citata dal testo, a differenza di altre storie che la Bibbia ci racconta di Ges, questa spicca per il fatto che questo paralitico non va da solo a Lui, bens quattro suoi amici, sospinti dalla fede, portano lamico ai piedi di Ges superando ogni difficolt di ordine pratico, infatti, dice il racconto: Non trovando modo d'introdurlo a causa della folla, salirono sul tetto e, fatta un'apertura fra le tegole, lo calarono gi con il suo lettuccio, in mezzo alla gente, davanti a Ges. Gli scribi e i farisei, allazione e alle parole di Ges, si fecero una domanda che anche noi vogliami porci Chi costui. GES, IL MAESTRO La prima cosa che possiamo fare risaltare di Ges che Lui il maestro, infatti nei vangeli, troviamo come si dilettava e a sua volta dilettava gli ascoltanti, dando i giusti insegnamenti ed esprimendo quella sapienza che andava oltre ad ogni sapienza umana. Le sue parole stupivano gli uomini facendo vibrare lanima e scendendo fino al cuore. Coloro che prima erano considerati insegnanti e maestri ora erano costretti ad ascoltare e tacere di fronte a tanta sapienza che non comprendevano e li sconvolgeva. Perci i Giudei si meravigliavano e dicevano: Come mai conosce cos bene le Scritture senza aver fatto studi? Giovanni 7:15 Le guardie dunque tornarono dai capi dei sacerdoti e dai farisei, i quali dissero loro: Perch non l'avete portato? Le guardie risposero: Nessuno parl mai come quest'uomo! Giovanni 7:45-46 Quando Ges ebbe finito questi discorsi, la folla si stupiva del suo insegnamento, perch egli insegnava loro come uno che ha autorit e non come i loro scribi. Matteo 7:28-29 GES, COLUI CHE S Un altro aspetto di Ges da fare risaltare il fatto che a Lui non si pu nascondere nulla, perch conosce ogni cosa, egli conosce perfettamente il cuore delluomo e vede in esso come attraverso una superficie trasparente. Non illudiamoci, Ges conosce ogni nostro pensiero, buono o cattivo che sia perch Egli il Conoscitore per eccellenza, lOnniveggente. Al suo occhio attento non sfuggi la fede degli amici Ed egli, veduta la loro fede ., come non sfuggirono i pensieri degli scribi e farisei Allora gli scribi e i farisei cominciarono a ragionare, dicendo: Chi costui che bestemmia?, rendiamoci conto che agli occhi suoi siamo dei libri aperti. Il fariseo che lo aveva invitato, veduto ci, disse fra s: Costui, se fosse profeta, saprebbe che donna questa che lo tocca; perch una peccatrice. Luca 7:39 Ges le disse: Va' a chiamar tuo marito e vieni qua. La donna gli rispose: Non ho marito. E Ges: Hai detto bene: "Non ho marito"; perch hai avuto cinque mariti; e quello che hai ora, non tuo marito; in questo hai detto la verit. Giovanni 4:16 -18 Ges vide Natanaele che gli veniva incontro e disse di lui: Ecco un vero Israelita in cui non c' frode. Natanaele gli chiese: Da che cosa mi conosci? Ges gli rispose: Prima che Filippo ti chiamasse, quando eri sotto il fico, io ti ho visto Giovanni 1:47-48

GES, COLUI CHE CI PERDONA Uomo, i tuoi peccati ti sono perdonati. Questa meravigliosa frase, deve farci riflettere sulle priorit di Ges, infatti di fronte ad unevidente grande bisogno fisico, Ges antepone prima il bisogno spirituale, la guarigione spirituale ben pi importante della guarigione fisica, la priorit di Ges per noi di portare luomo dalla morte alla vita,anche se sappiamo che dopo non trascura i bisogni materiali. bello mettere in risalto le verit contenute nella frase Uomo, i tuoi peccati ti sono perdonati: UOMO Ges mette laccento sul peccato delluomo e ogni uomo peccatore I TUOI PECCATI quali peccati Ges perdon, tutti i suoi peccati grande o piccoli che siano. TI SONO PERDONATI Il perdono di Ges assoluto e incondizionato in quanto ogni debito stato pagato a caro prezzo sulla croce. GES, COLUI CHE CI GURISCE Dopo che si preso cura del bisogno spirituale delluomo, ora pu prendersi cura del bisogno materiale "alzati, prendi il tuo lettuccio, e va' a casa tua", bello sapere che lopera di Ges un impegno completo, Egli vuole per noi il meglio e Lui sa cosa il meglio per ognuno di noi, possiamo andare con fiducia ai suoi piedi sa prendersi cura di noi. bello, anche in questo caso,mettere in risalto le verit contenute nella frase "alzati, prendi il tuo lettuccio, e va' a casa tua" ALZATI Il tuo problema stato risolto, non c pi motivo di stare sdraiato sul tuo lettuccio. PRENDI IL TUO LETTUCCIO - Il tuo problema stato risolto, il lettuccio che prima era chiaro esempio della tua malattia, ora non ti tiene pi prigioniero. VA A CASA TUA - Il tuo problema stato risolto, ora puoi riprendere una vita normale, non c pi bisogno che qualcuno ti porti, ora puoi camminare con i tuoi piedi. GES, COLUI CHE CI SBALOSDISCE Oggi abbiamo visto cose straordinarie. Luomo guarito si alza dal letto, e non solo, al comando di Ges prende il letto su cui giaceva inerte poco prima e trova le forze per caricarselo addosso e portarlo via. Ce potenza nelle parole di Ges, Egli sbalordisce tutti presenti. Ricordiamoci che alla presenza di Ges lo straordinario diventa possibile, Egli pu e vuole sbalordirci ancora oggi perch lopero dello S. Santo ancora oggi attiva sulla terra e vuole fare del bene alluomo bisognoso. Ed egli disse loro: Perch avete paura, o gente di poca fede? Allora, alzatosi, sgrid i venti e il mare, e si fece gran bonaccia. E quegli uomini si meravigliarono e dicevano: Che uomo mai questo che anche i venti e il mare gli ubbidiscono? Matteo 8:26-27 E, vedendo un fico sulla strada, gli si accost, ma non vi trov altro che foglie; e gli disse: Mai pi nasca frutto da te, in eterno. E subito il fico si secc. I discepoli, veduto ci, si meravigliarono, dicendo: Come mai il fico diventato secco in un attimo? Matteo 21:19-20 Detto questo, grid ad alta voce: Lazzaro, vieni fuori! Il morto usc, con i piedi e le mani avvolti da fasce, e il viso coperto da un sudario. Ges disse loro: Scioglietelo e lasciatelo andare Giovanni 11:43-44

CONCLUSIONE CHI E COSTUI ... si domandarono gli scribi e i farisei, e pur vedendo le grandi opere che Egli compii, non compresero e non vollero comprendere che Ges era il Messia tanto atteso. Non cadiamo nello stesso errore in cui caddero gli scribi e i farisei, riconosciamo le sue grandi qualit, ma ancor di pi che Egli il Salvatore di tutti noi. Or a colui che pu, mediante la potenza che opera in noi, fare infinitamente di pi di quel che domandiamo o pensiamo, a lui sia la gloria nella chiesa, e in Cristo Ges, per tutte le et, nei secoli dei secoli. Amen. Efesini 3:20-21 GIACOMO ACETO