Sei sulla pagina 1di 15

Unioni Civili

Informazioni per lAssemblea Plenaria

Spokesman: Paolo Garberoglio

I termini
LUnione Civile il riconoscimento istituzionale della coppia di fatto. Per coppie di fatto si intendono tutte quelle forme di convivenza fra due persone (di sesso diverso o dello stesso sesso), legate da vincoli affettivi ed economici, che non accedono volontariamente al matrimonio, o che sono impossibilitate a contrarlo. Negli ultimi venti anni al Parlamento italiano sono state presentate molte proposte di legge, nessuna della quali per mai stata approvata. Per una visione pi ampia della stato attuale, vediamo prima la situazione in Europa:
Spokesman: Paolo Garberoglio

Spokesman: Paolo Garberoglio

Lo stato attuale
E convinzione comune che le coppie di fatto in Italia non abbiano diritti e doveri. In realt non cos: il problema che non sono omogenei, non derivano cio da una normativa unitaria ed organica come nel caso del matrimonio, ma sono frammentari. Allo stato attuale per le coppie di fatto valgono i diritti: - previsti da leggi speciche - derivanti dalla giurisprudenza (cio da sentenze che costituiscono precedenti) - derivanti da autonomia contrattuale (contratti fra i conviventi, che creano cio diritti e doveri solo fra i contraenti come in qualsiasi contratto)
Spokesman: Paolo Garberoglio

Diritti da leggi speciche


- La prima legge italiana che contiene riferimenti ai conviventi del 1918 e prevede che la convivente (e non solo quindi la vedova) possa chiedere ed ottenere la pensione di guerra. - L'ordinamento penitenziario prevede espressamente che gli incontri con i detenuti possano essere chiesti sia dai familiari del recluso sia dal convivente di questo. - L'art. 342 bis del Codice civile prevede che, quando la condotta del coniuge o di altro convivente sia causa di grave pregiudizio all'integrit sica o morale ovvero alla libert dell'altro coniuge o convivente, il giudice possa allontanarlo dalla casa familiare. - La Legge n. 40 del 2004 consente espressamente non solo ai coniugi, ma anche ai conviventi di ricorrere a tecniche di procreazione assistita. ( comunque specicato che la possibilit concessa a "coppie di maggiorenni di sesso diverso, coniugate o conviventi) - Nel 2009 il Garante della Privacy ha riconosciuto il diritto del convivente a richiedere copia della cartella clinica del/la compagno/a deceduto/a, nonostante l'opposizione degli eredi.
Spokesman: Paolo Garberoglio

Diritti da Giurisprudenza

Ci sono diverse sentenze che garantiscono diritti alla coppia di fatto, fra i pi noti: - La Corte costituzionale con sentenza n. 404 del1988, ha stabilito che, in caso di decesso del titolare di un contratto di locazione, il convivente ha il diritto a succedere nel contratto. - La Cassazione, sentenza n. 8976 del 2005 e 12278 del 2011, stabilisce che l'altro convivente possa avanzare sempre la domanda di risarcimento del danno da fatto illecito subito dal partner, esattamente come accade per la famiglia legittima.
Spokesman: Paolo Garberoglio

Fatto incredibile
Nellordinamento italiano esistono delle eccezioni per alcune categorie di persone: - i giornalisti: nella coppia di fatto il partner pu usufruire della Cassa Mutua sanitaria in uso per la categoria professionale; - gli onorevoli: usufruiscono dello stesso diritto dei giornalisti, ma in pi possono trasmettere la pensione di reversibilit al partner sopravvissuto.

Spokesman: Paolo Garberoglio

I Registri delle Unioni Civili nei Comuni Italiani

Per manifestare un segnale di rispetto pubblico, dai primi anni 90 molti Comuni italiani hanno deciso di istituire dei registri anagraci delle coppie di fatto - dei semplici elenchi pubblici - per elevare questo fenomeno sociale allo status pi dignitoso di Unione Civile. Il primo Comune a dotarsi di un Registro (o Elenco) delle Unioni Civili stato quello di Empoli nellottobre 1993. (il secondo stato quello di Cogoleto nel gennaio 1994)

Spokesman: Paolo Garberoglio

I 92 Comuni italiani che hanno istituito le Unioni Civili

Empoli - Cogoleto - Pisa - Firenze - Voghera - Arezzo - Scandicci - Ivrea Campi - Spello - Sepolcro - Inzago - Cervignano del Friuli -Tarquinia - San Giovanni Valdarno - Rosignano Marittima - Livorno - Montebruno - Trezzo Sull'Adda - Terni - Gallarate - Bagheria - Rivoli -Perugia - Rovereto Casalgrande - Bolzano - Pizzo Calabro - Piombino - Calenzano - Cannara Cecina - Pistoia - Castelnovo ne' Monti - Arco -Foligno - Isola Dovarese - San Marcello Pistoiese - Bastia Umbra - Atzara - Viareggio - Assago - Trento Zumaglia - Sovicille - Macerata - Cavriago - Viadana - Pegognaga - Ancona Porto Torres - Colle di Val dElsa - Sarzana - Massa Carrara - Tortol Follonica - Formia - Castel Maggiore - San Polo dei Cavalieri - Ariccia - San Vincenzo - Pescara -Brugherio - Corsico - Ravenna - Cossato - Piossasco Sesto Fiorentino -Cesena - Copparo - Cavallermaggiore - Livorno - Mele Siena - Pesaro - Montepulciano - Palermo - Cascina - Tissi - Napoli - Berra Cassino -Banari - Trepuzzi - Cagliari - Bottidda - Cava - Milano - Bassano Romano - San Ferdinando di Puglia - Scala - Torregrotta
Spokesman: Paolo Garberoglio

Tipologie dei Regolamenti

Gli Elenchi delle Unioni Civili devono per accompagnarsi anche a pochi e precisi criteri pratici per le persone che vorranno iscriversi: Regolamenti delle Unioni Civili Essendo stati redatti autonomamente, ovviamente ognuno di questi Comuni ha approvato stesure diverse fra loro. Si possono per individuare due tendenze di massima: gli Elenchi con valore puramente simbolico e - nei limiti delle loro competenze legali, territoriali ed amministrative quelli che allElenco hanno aggiunto anche diritti reali (ad esempio, accesso agli alloggi popolari).
Spokesman: Paolo Garberoglio

La proposta per Genova

Entriamo ora nel merito della deliberazione che i nostri consiglieri dovranno votare. Lassessore Elena Fiorini proporr un Elenco delle Unioni Civili sul modello di quello del Comune di Firenze. Vediamo quindi quali sono i passaggi chiave* della delibera del Comune Fiorentino:

*: i testi originali sono comunque sempre disponibili sul sito www.genova5stelle.it)


Spokesman: Paolo Garberoglio

Articolo 1
1. Il Comune di Firenze, nell'ambito della propria autonomia e potest amministrativa, tutela la piena dignit dell'Unione Civile e ne promuove il pubblico rispetto. 2. Ai ni del presente regolamento considerata Unione Civile il rapporto tra due persone maggiorenni, di sesso diverso o dello stesso sesso, che ne abbiano chiesto la registrazione amministrativa ai sensi dei successivi articoli. 3. Nell'ambito delle proprie competenze, il Comune si impegna ad assicurare alle coppie unite civilmente l'accesso ai procedimenti, beneci e opportunit amministrative di varia natura: alle medesime condizioni riconosciute dall'ordinamento alle coppie sposate e assimilate. 4. Il Comune adotta tutte le iniziative per stimolare il recepimento nella legislazione statale delle Unioni Civili al ne di garantire i principi di libert individuale ed assicurare in ogni circostanza la parit di condizione dei cittadini.
Spokesman: Paolo Garberoglio

Articolo 3

1. Sino alla riforma del diritto di famiglia e dello stato civile, la disciplina comunale delle unioni civili ha rilevanza esclusivamente amministrativa per i ni di cui allart. 1 comma 3. Essa pertanto non interferisce con il vigente regolamento dell'anagrafe e dello stato civile, con il diritto di famiglia e con ogni altra normativa di tipo civilistico e comunque riservata allo Stato, cos come con le competenze amministrative di qualsiasi altra Pubblica Amministrazione.

Spokesman: Paolo Garberoglio

I criteri per limpostazione del Registro


a) l'iscrizione nell'elenco pu essere chiesta da: l. due persone non legate da vincoli di matrimonio, parentela, afnit, adozione, tutela, ma da vincoli affettivi, coabitanti da almeno un anno ed aventi residenza nel Comune di Firenze; . 2. due persone coabitanti da almeno un anno per motivi di reciproca assistenza morale e/o materiale ed aventi residenza nel Comune di Firenze; b) le iscrizioni nell'elenco avvengono solamente sulla base di una domanda presentata congiuntamente dagli interessati all'ufcio comunale competente e corredata della documentazione relativa alla sussistenza dei requisiti sopra indicati ai numeri l e 2; c) il venir meno della situazione di coabitazione e di residenza nel Comune di Firenze o della reciproca assistenza morale e/o materiale produce la cancellazione d'ufcio dall'elenco, la quale viene altres dietro richiesta di uno e di entrambe le persone interessate; d) per ni non in contrasto con le vigenti disposizioni di legge, a richiesta degli interessati l'ufcio comunale competente attesta l'iscrizione nell'elenco.
Spokesman: Paolo Garberoglio

Tempistiche

La delibera verr discussa e messa ai voti il... dicembre

Spokesman: Paolo Garberoglio