Sei sulla pagina 1di 1

Prato

DOMENICA 11 AGOSTO 2013 IL TIRRENO

III

I CONTI IN TASCA
Consiglieri, seicentomila euro di gettoni
SPESE DELLA POLITICA

E quanto ha speso il Comune in 18 mesi di attivit. Il Paperone Ponzuoli mentre il fanalino di coda Ilaria Santi
di Barbara Burzi

il costo del consiglio comunale

PRATO

Quasi quattrocentocinquantamila euro dallinizio del 2012 a


oggi. Tanto sono costati i gettoni di presenza dei trentanove
consiglieri comunali (non conteggiato lex presidente del consiglio Maurizio Bettazzi che si
dimesso anche da consigliere)
solo per le riunioni delle commissioni. A questa cifra va aggiunta la spesa per le sedute del
consiglio comunale che sono
state 30 nel 2012 e 19 nei primi
sette mesi del 2013.Totale 49 e
che sono costate complessivamente 193mila euro. Dunque
da gennaio 2012 e fino al luglio
2013 (18 mesi, escludendo il
mese di agosto 2012 dove non
c stata attivit) i gettoni di
presenza -90 euro lordi sia per
le presenze in consiglio sia per
quelle in commissione - ammontano a 632.560 euro totali.
Da qualche anno i costi della
pubblica amministrazione per
il funzionamento del consiglio
sono aumentati. Basti considerare che la differenza di spesa
tra la fine del 2001 e il 2009 era
di 173mila euro. La lievitazione
dei costi dovuta allaumento
sia del numero delle commissioni, che del numero dei membri che le compongono. Lo sfaldamento della maggioranza ha
senzaltro contribuito a creare
questa situazione, in quanto
per ogni forza politica devessere necessariamente garantita la
visibilit allinterno delle commissioni.
Facendo un calcolo approssimativo, risulta che in media gli
impegni istituzionali per gli incarichi di commissione siano
costati alle casse comunali circa 24mila euro al mese assorbendo cos molte risorse di budget destinate al funzionamento del consiglio articolato in sei
commissioni consiliari: Affari
generali, personale, sistema informativo e comunicazione (I);

Totale sedute
consiglio
2012-13
Enrico Albini
46
Andrea Amerini
49
Giancarlo Auzzi
49
Roberto Baldi
46
Gianluca Banchelli
45
Piero Bardazzi
43
Emanuele Berselli
47
Tatiana Bettarini
38
Gianni Bianchi
38
Matteo Biffoni
33
Riccardo Bini
49
Maurizio Calussi
49
Massimo carlesi
49
Paola Castellani
49
Maria Grazia Ciambellotti
44
Andrea Colzi
47
Aurelio Donzella
47
Simone Frosini
35
Luciano Gestri
49
Enrivo Giardi
49
Alessandro Giugni
49
Francesco Innaco
47
Mirko Lafranceschina
39
Vittorio Lana
48
Carlo La Vigna
48
Antonio Longo
47
Federico Lorusso
44
Simone Mangani
49
Roberto Mennini
46
Nicola Oliva
44
Emilio Paradiso
48
Fulvio Ponzuoli
41
Ilaria Santi
38
Cristina Sanz
47
Stefano Scali
49
Leonardo Soldi
47
Federico Tosoni
49
Lia Vanni
45
Luca Vannucci
46
Maria Luigia Stancari
14
Adamo Guerriero
4
Consiglieri comunali

Il consiglio comunale di Prato

Fulvio Ponzuoli

Ilaria Santi

Sviluppo economico, finanze


patrimonio, politiche comunitarie (II); Sicurezza urbana, politiche dellimmigrazione, politiche giovanili, lavori pubblici,
mobilit e trasporti (III); Urbanistica, ambiente e protezione
civile (IV); Politiche sociali,
istruzione, cultura e sporto (V);
Commisisone controllo e garanzia (VI).

Detentore del record di presenze il consigliere del Popolo delle Libert, Fulvio Ponzuoli. Con 237 riunioni accumulate dal 2012 a oggi, quasi un incontro ogni tre giorni, Ponzuoli
il Paperon dei paperoni dei
consiglieri pratesi: se il gettone
di presenza corrisponde al valore di 90 euro, il consigliere del
Pdl ha racimolato in un anno e

mezzo, soltanto grazie alle


commissioni, un totale di
21.330 lordi, vale a dire 1100 euro al mese che equivalgono pi
o meno allo stipendio mensile
di un impiegato. Dopo di lui seguono Andrea Amerini del Pdl
(5 e 2) e Federico Tosoni (3 e
4)del gruppo misto, rispettivamente con 228 e 218 presenze:
entrambi nellultimo anno e

Alla Lega negate le commissioni

Totale
gettoni
4140
4410
4410
4140
4050
3870
4230
3420
3600
2970
4410
4410
4410
4410
3960
4230
4230
3150
4410
4410
4410
4230
3510
4320
4320
4230
3960
4410
4140
3960
4320
3690
3420
4230
4410
4230
4410
4050
1260
360

Commissioni
presenza
2012-2013
104
228
151
128
90
104
150
50
108
98
117
106
129
115
169
137
162
147
111
93
173
171
98
92
172
180
79
82
82
120
44
237
39
92
169
180
218
108
128
25

Totale
gettoni
9360
20520
13590
11520
8100
9360
13.500
4500
9720
8820
15930
9540
11610
10350
15210
12330
14580
13230
9990
8370
15570
15390
8820
8280
15480
16200
7110
7380
7380
10800
3960
21330
3510
8280
15210
16200
19620
9720
11520
2250

mezzo hanno guadagnato dalle riunioni istituzionali di commissione tra i 20.520 euro e i
19.620. Numeri, quest, ai quali
vanno aggiunti i genntoi del
consiglio 369a euro a Punzuoli,
4410 ad Amerini e 4410 a Tosoni.
Cifre giustificate in parte dal
fatto che i consiglieri che percepiscono i compensi pi alti so-

no anche quelli che bissano le


commissioni. Sulla soglia dei
15mila euro si ferma la consigliera Pd Maria Grazia Ciambellotti (commissioni 1 e 4) con
169 presenze, seguita a ruota
da Aurelio Donzella dellIdv
(presente nella 4 e nella 6 ,162
volte)Giancarlo Auzzi del gruppo misto (presente nella 4 e nella 6, 151 volte), Emanuele Berselli del Pdl con 150 presenze
registrate nella 4 e Massimo
Carlesi (4) capogruppo del Pd,
che con 129 presenze ha guadagnato circa 11mila euro in 18
mesi.
Fanalino di coda tra i consiglieri risultano Emilio Paradiso, che rimasto escluso da tutte le commissioni fermandosi a
44 presenze; Ilaria Santi del Pd
con 39 nella commissione 5 e
Maria Luigia Stancari con 25
riunioni nella 1 (la consigliera
Stancari ha fatto il suo ingresso
in cosiglio nel marzo di
questanno prendendo il posto
del Pd Matteo Biffoni eletto alla
camere alle ultime politiche).
Non si pu certo dire che questi ultimi si arricchiscano grazie ai gettoni: nessuno dei tre
arriva ai 4 mila euro che raddoppiano o quasi per Santi e
Paradiso con le presenze in
consiglio mentre per Stancari
restano con numeri irrisori
(360 euro per 14 sedute del consiglio).
Nel 2012, la commissione
che in assoluto si riunita pi
volte con oltre 80 incontri la
numero tre, dove si discute di
sicurezza urbana e politiche di
immigrazione. Il tema ancora
caldo se si considera che a met 2013 si sono gi superate le
50 sedute. In pole position per
il record di riunioni svolte nel
corso di un anno consentendo
cos a chi vi partecipa di guadagnare anche il doppio di qualcun altro c la commissione 5
che si occupa di politiche sociali con 74 riunioni nel 2012 e 55
nel 2013.

viabilit nuovo ospedale

Il Pd critica le modifiche:
Paradiso, ultimo rappresentante del partito: Sono rimasto col cerino in mano Una decisione arrogante
PRATO

Nellultimo anno e mezzo Emilio Paradiso, consigliere comunale leghista, ha accumulato


soltanto 44 presenze in commissione. Non un assenteista,
bens lunico membro del consiglio rimasto fuori da tutte le
commissioni consiliari.
Ci sono consiglieri che partecipano a due commissioni,
mentre lei non compare pi in
nessuna delle sei. Cos successo?
Inizialmente alla Lega furono assegnate tre commissioni
(Soldi alla 1, Tosoni presidente
della 3 e me alla 4), ma ci balzato subito agli occhi che molti
consiglieri avevano doppie
commissioni e i loro partiti erano rappresentati in tutte. Ci siamo chiesti perch, dato che eravamo la seconda forza politica
della coalizione, non fossimo
rappresentati in tutte le commissioni, in particolare nella 5,
quella che si occupa delle politiche sociali, un tema verso cui il

Emilio Paradiso

nostro elettorato molto sensibile. Ci stato risposto che per


mantenere "equilibri politici" e
di "correnti interne" non si poteva fare diversamente, altrimenti si sarebbe corso il rischio
di provocare una crisi gi all'indomani dell'insediamento del-

la nuova amministrazione.
Poi, cosa accaduto?
Nel frattempo, il quadro politico nazionale iniziava a mutare portando cambiamenti anche all'interno dell'amministrazione pratese. Ne un esempio
la fuoriuscita di tre consiglieri
Pdl (anche dalla maggioranza)
e la nascita del gruppo Fli. Questo ha comportato cambiamenti in quasi tutte le commissioni,
che devono comunque garantire il 60% di rappresentanza alla
maggioranza e il 40% all'opposizione. In questa operazione abbiamo tentato di riequilibrare
la nostra presenza all'interno
delle commissioni mancanti,
ma il tentativo riuscito solo a
met portando Soldi nella commissione bilancio finch anche
lui non uscito dal partito. Alla
Lega Nord, diventata nel frattempo Lega Toscana, restavano
la commissione sicurezza e
quella sullurbanistica.
Avete proseguito con le vostre richieste?
La maggioranza, pur dando

ragione alle nostre legittime richieste, non mai riuscita a trovare una via d'uscita, se non
quella di ampliare il numero
dei componenti delle commissioni, cosa che ha incontrato da
subito la nostra ferma opposizione. Chi aveva la doppia commissione avrebbe dovuto lasciarci il posto, ma nessuno lha
mai fatto.
Di fatto, per, la Lega oggi
fuori dai processi decisionali
che riguardano i vari ambiti
delle commissioni.
A un certo punto anche Tosoni ha lasciato la Lega attratto
dal canto dei grilli. Sono nati
gli Indipendenti per Prato, c
chi si dimesso e chi se n andato a Roma fino alle recenti dimissioni del presidente del consiglio. Ogni volta c stato bisogno di rimettere mano alle commissioni. Alla fine mi sono arreso: sono l'unico consigliere leghista rimasto con il cerino in
mano, ma per far luce sulle
commissioni.
(b.b.)
RIPRODUZIONE RISERVATA

PRATO

Viabilit dellospedale nuovo: insorge il Pd contro le modifiche,


mai comunicate, allassetto. E il
presidente del gruppo in consiglio Massimo Carlesi ad affermare che la decisione di non realizzare la parallela a via Foscolo
sconcertante e arrogante. In
questi quattro anni - continua la giunta Cenni sulla viabilit del
Nuovo Ospedale non stata capace di programmare in tempo
finanziamenti e lavori e ha brillato per mancanza di trasparenza
visto che il colleghi del gruppo
in pi di un occasione hanno
presentato interrogazioni e domande di attualit e della modifica al progetto non mai stata
data notizia. Carlesi nei prossimi giorni far richiesta per convocare d'urgenza la commissione Urbanistica. La consigliera
Cristina Sanz rincara: Non accetto - scrive in una nota - che
l'assessore Caverni affermi che
la soluzione di variare il progetto
permette di completare in tem-

La rotonda ovale in via Foscolo

po i lavori perch sono trascorsi


anni di totale noncuranza. Una
sola cosa doveva garantire l'amministrazione: l'accesso all'
ospedale ai cittadini pratesi e
salvaguardare gli abitanti di galciana dal traffico e ad oggi il risultato sotto i occhi di tutti.