Sei sulla pagina 1di 1

10 I N A P O L I METROPOLI giovedì 26 gennaio 2006 GdN

QUARTO. LA DECISIONE È MATURATA DOPO LA RICHIESTA FATTA DA 17 CONSIGLIERI: «SONO STATO COLPITO DA UNA PARTE DELLA MIA STESSA MAGGIORANZA»

Il presidente del Consiglio Apa sfiduciato, si dimette


QUARTO. Il presidente del Consiglio comu- di presentare una mozione di sfiducia dei lavori per una riunione di maggioran- maggioranza, nel richiedere le dimissioni questa farsa pubblica recitata da pessimi
nale Leonardo Apa (Forza Italia), ha ras- contro il presidente Leonardo Apa, difeso za, al rientro in Aula il sindaco Pasquale del presidente Apa, ho ritenuto che era attori». Questo duro intervento del sinda-
segnato le proprie irrevocabili dimissioni da Giuseppe Di Roberto (An), Castrese Al- Salatiello ha inviato una comunicazione nel pieno diritto dei consiglieri cambiare co ha scatenato non poche polemiche, ma
dalla carica, nel corso della seduta di ieri fiero e Salvatore Carandente Tartaglia (Vi- che è stata letta da Leonardo Apa. «La idea e non rinnovare la fiducia ad Apa. dopo oltre 7 ore di discussione, Leonardo
del civico consesso, dopo la sfiducia ri- va Quarto) – i quali hanno detto che non confusione dei ruoli che ancora oggi è sta- Quello che, però, non posso tollerare è il Apa ha chiesto la parola ed ha pronuncia-
chiesta da 17 consiglieri. La seduta è co- avrebbero partecipato alla votazione non ta creata ad arte in quest’aula è la rappre- voto congiunto di parte della maggioranza to un lungo discorso. «Sono stato colpito
minciata poco dopo le 10.30 di ieri matti- condividendo i metodi utilizzati anche da sentazione della malafede politica e per- con l’opposizione su punti politici e pro- al cuore da una parte della mia stessa
na e nel corso della stessa si sono registra- una parte della maggioranza – Antonio sonale che alberga negli animi e nelle grammatici. Il problema non è più istitu- maggioranza – ha detto tra le altre cose
ti gli interventi dei consiglieri comunali Contini (Nuovo Psi) e dagli altri 10 consi- menti di troppi consiglieri – ha scritto il zionale ma diventa politico, perché in Leonardo Apa – In politica, certo, bisogna
Dino Apa e Giovanni Marino (Udeur), glieri di maggioranza che non avevano sindaco nella sua comunicazione – Si so- quest’aula avviene un cambio di maggio- anche saper perdere, ma la cosa che più
Giovanni Santoro (Margherita), Antonio aderito alla raccolta delle firme. Momenti no coagulate le ragioni più diverse e di- ranza, che certamente non è la mia. Se in mi ha ferito è stata la raccolta delle firme
Carandente Perreca (Forza Quarto), Gio- di tensione in Aula, con richieste di chia- sparate, nonché contraddittorie fra di lo- questo Consiglio comunale c’è chi ritiene contro di me da parte dei consiglieri del
vanni De Vivo (Ds), Gennaro Principe (Mi- rimento all’interno della stessa maggio- ro. Pur non condividendo il metodo utiliz- già conclusa questa esperienza agisca di centrodestra».
sto) che hanno motivato la loro decisione ranza di centrodestra e dopo una pausa zato da parte dei consiglieri comunali di conseguenza e si dimetta, mettendo fine a TOMMASO MANNA

CASORIA. SARÀ LA COOPERATIVA COGEDIL AD EFFETTUARE I LAVORI DI ESTRAZIONE DELL’AMIANTO DALL’EX-POLO INDUSTRIALE

Ex Tubi Bonna, parte la bonfica


È tra le aree dismesse più grandi della città, avviato il cantiere
FRANCESCO MONTAGNA
CASORIA. Da vent’anni è una tra le cinque più grandi
aree dismesse della città. Dopo decine di studi per
il risanamento ambientale, recupero e riqualifica-
zione ai fini produttivi, l’ultimo non più di quattro
anni fa eseguito da importanti associazioni tempo-
ranee professionali, partono i lavori per la bonifica
della Tubi Bonna di via Padula. Resia, Rhodiatoce,
Ads, Perlite e Tubi Bonna appunto, negli anni ottanta
erano il fiore dell’industria del mezzogiorno. Azien-
de che hanno dato lustro alla città di Casoria candi-
dandola come alternativa più che valida ai poli in-
dustriali del nord. Con il declino delle grandi società ga il sovrintendente comunale alla pianificazione del
proprietarie degli insediamenti casoriani, si è arrivati territorio, l’ingegner Giovanni Angelo Romeo – Tut-
all’attuale condizione di dismissione e totale ab- ta l’operazione sarà infatti privata, ma la Commis-
bandono, dei siti industriali. Molte aree sono state se- sione Straordinaria di Casoria ha deciso di vigilare
questrate dalle forze dell’ordine a causa dell’im- bene sul progetto Tubi Bonna, che tra le aree dimes-
pressionante quantità di asbesto ritrovato, amianto se, rappresenta un vero bubbone interno alla citta-
sedimentato nei degradati capannoni coibentati, fi- dina». Sarà la Cogedil, una cooperativa incaricata
bre che si sono liberate nell’aria e che hanno innal- dalla famiglia Palladino proprietara dell’area di- CASORIA. LO STABILIMENTO EX TUBI BONNA DA BONIFICARE _____________________________________________________________________________________
zato, nel corso degli anni, il tasso di mortalità per tu- messa, ad effettuare i lavori di bonifica dall’amian-
mori. E se dopo la Rhodiatoce (quattro volte più gran- to nell’azienda dimsessa produttrice negli anni ot- ni fa, non furono proprio “regolari” ed innescarono fiderà al suo organo di vigilanza interno le attività di
de della Tubi Bonna e piena zeppa di amianto) che tanta di tubazioni e manufatti in cemento Isp (Inve- tensioni e paure tra i residenti della zona di via Eu- controllo delle procedure, mentre il monitoraggio
ha allontanato da Casoria il progetto culturale “Città stimenti Speciali Produttivi). Per l’amianto di Acer- ropa e dintorni. «Dal piano di caratterizzazione del- dell’ambiente sarà affidato a giorni all’Università di
del Libro” proprio per i lunghi tempo di bonifica, il ra, si sono utilizzati mezzi sigillati per il trasporto, l’area – continua Romeo – è emerso che l’unico ma- Napoli». Qualche giorno fa, inoltre, è arrivato il dis-
proprietario della Tubi Bonna spera in quattro-cin- camere di decompressione per l’incapsulamento, teriale inquinante è l’amianto. In base alla legge 257 sequestro provvisorio della mega area di 43mila e
que mesi di lavori per lanciare il suo progetto com- metodi aspirazione per isolare il micidiale materia- del 1992 relativa alla cessazione dell’impiego del- 500 metri. A conclusione della bonifica, il proprie-
merciale. «I lavori di bonifica sono iniziati ieri ad le e misure precauzionali a protezione delle aree li- l’amianto, saranno prese tutte le precauzioni a ri- tario potrà chiedere il dissequestro definitivo del-
opera di una azienda incaricata dal proprietario, in mitrofe. Per quello della Rhodiatoce di Casoria, in- guardo. I cittadini non hanno di che preoccuparsi. l’area e cominciare il progetto commerciale fermo al
questi primi giorni verrà allestito il cantiere – spie- vece, i primi interventi di bonifica di circa due an- Inoltre l’Asl ha approvato il piano di bonifica ed af- Comune ormai da anni.

CARDITO. IL PRIMO CITTADINO HA VARATO L’ESECUTIVO. TRE “NEW ENTRY”, LAGO È VICESINDACO
FRATTAMAGGIORE

Comune, ecco la nuova Giunta


CARDITO. Chiusa la crisi e nominato
Scuola, al via gli appalti per la manutenzione
Novità nel settore della pubblica istruzione. Sono state espletate
le gare d’appalto per i lavori di manutenzione straordinaria de-
gli immobili che ospitano le scuole comunali. E circa 200 mila
euro sono stati impegnati, e in parte già appaltati, per la forni-
il nuovo esecutivo. Sono stati uffi- tura di arredi scolastici alle scuole frattesi. La somma in que-
cializzati ieri i nomi della nuova stione è coperta da risorse del bilancio comunale e da un mutuo
squadra di governo guidata dal sin- con la Cassa Depositi e Prestiti, stipulato per la ristrutturazione
daco Giuseppe Barra. Tre i volti dell’edificio della “Guglielmo Marconi”. «Alla meta di novem-
nuovi che sono Raucci Nunziante, bre in un incontro avuto con i dirigenti scolastici delle scuole
impiegato 25 enne e studente uni- frattesi li avevo rassicurati - afferma l’assessore alla Pubblica
versitario, Eugenio Lago 47enne pe- Istruzione Pasquale Del Prete -, mi impegnavo a far fronte a
rito elettronico che ricoprirà la ca- quelle che erano le loro le esigenze, soprattutto di carattere
rica di vicesindaco e Vittorio To- strutturale. A tal proposito nei prossimi giorni convocherò un
raldo 40 enne geometra. Conferma- incontro con loro, per decidere i tempi e i modi degli interventi
ti gli altri assessori, che sono: Fran- da eseguire». Mosso il primo passo anche per la costruzione
cesco Pisano (prima vicesindaco), FRANCESCO PISANO _________________________ NUNZIANTE RAUCCI _________________________ GIUSEPPE RENDINE _________________________ dell’asilo nido. Nel programma triennale delle opere pubbliche,
Gabriele Affinito, Vincenzo Pez- approvato in una recente seduta di giunta, per la prima annua-
zella e Giuseppe Redine. lità è stata disposta la costruzione di una struttura destinata ad
Al momento, causa anche un gra- ospitare i neonati di Frattamaggiore. «Altra notizia di queste
ve lutto che ha colpito qualche gior- ore è che siamo tra i pochi paesi a nord di Napoli a ricevere un
no fa la famiglia del Sindaco, non contributo integrativo, seppur minimo, dalla Regione Campa-
sono state ancora affidate le varie nia per il settore della pubblica istruzione».
deleghe, cosa che, assicura il Sin-
daco stesso, sarà fatta nel giro di
qualche giorno. «Intendiamo ripar- BACOLI
tire da questo esecutivo - affermano
in Municipio - per arrivare alla fine Ritorna il Focus Group Cuma-Fusaro
della consiliatura consci che questa
squadra può affrontare e vincere an- GABRIELE AFFINITO__________________________ VINCENZO PEZZELLA _________________________ GIUSEPPE BARRA ___________________________ Ritorna dopo circa un mese il Focus Group Cuma-Fusaro, la
che le prossime elezioni e, con il seconda assise destinata ad informare, coinvolgere ed aiutare i
sindaco Barra al timone, completa- Sindaco ha voluto tributare il giu- gativi e imporsi delle pause, è un marci in modo maturo e consape- residenti e gli operatori socio-economici delle zone interessate
re tutto quanto di buono si sta fa- sto encomio per l’ottimo lavoro modo per palesare il grande senso vole, attori principali del futuro al Progetto Integrato Grande Attrattore Culturale Campi Fle-
cendo per migliorare un paese ere- svolto durante il loro assessorato. I di responsabilità che proviamo di prossimo ed anteriore dello scena- grei . Questo secondo incontro si svolgerà oggi alle ore 16,30
ditato in pessime condizioni e por- partiti che attualmente sostengono fronte alla fiducia accordataci dai rio politico locale. La scuola, lo svi- presso la sala Ostrichina della Casina Vanvitelliana del Fusaro
tato con sacrificio e competenza in l’amministrazione Barra sono: lo cittadini e che sentiamo di ricam- luppo culturale, economico, socia- col fine di promuovere le agevolazioni finanziarie previste dal-
invidiabili condizioni. Certo, c’è Sdi, l’Udeur, la Margherita, oltre al biare, affrontando, come sempre, le, il lavoro, la sicurezza, un’atten- la regione Campania al sistema imprenditoriale locale, tenden-
ancora tanto da fare e da lavorare, Movimento Ecologista, la Marghe- tutte le questioni di ordine pubbli- ta gestione delle problematiche te ad avviare lo sviluppo turistico–ricettivo e produttivo del-
ed è con questo spirito che ci ac- rita per Rutelli e consiglieri indi- co, con serietà e coscienza. Oggi, a ambientali, il completamento delle l’intera area flegrea in connessione con il grande patrimonio
cingiamo ad affrontare questo altro pendenti. poco più di un anno dalle prossime tante opere pubbliche in cantiere, la storico culturale esistente.
anno e mezzo di governo del pae- Il sindaco Barra ha dichiarato: «Il elezioni, per rendere ancora più for- continuità sul disegno urbanistico Introdurrà il responsabile regionale del progetto: architetto
se». Dalla riunione dell’altra sera, grande successo elettorale del 2002 te la nostra esperienza amministra- della nostra città, il piano commer- Francesco Escalona.
che ha di fatto chiuso la crisi, è conseguito dall’attuale coalizione tiva ed evitare pericolose nostalgie cio ed un corretto e trasparente fun- Nel corso dell’incontro sarà presentato il Progetto Integrato
emersa la chiara volontà, da parte di rappresentò una svolta nella storia di un passato, che ha generato pe- zionamento della macchina ammi- Grande Attrattore Culturale Campi Flegrei con relativo stato
tutti, di avviare già dai prossimi me- della nostra politica e portò alla ri- renni conflitti, politici e non, urge nistrativa e burocratica, dovranno di attuazione e prospettive. Inoltre saranno discusse le princi-
si incontri e confronti con gli altri balta giovani risorse, presentando un ulteriore passo in avanti. Infat- rappresentare i punti cardine del- pali agevolazioni finanziarie promosse dalla regione Campa-
partiti dell’unione per allargare la alla realtà carditese una nuova clas- ti, l’esame da superare per la nostra l’azione politica e di governo di fi- nia al sistema imprenditoriale dell’area flegrea con particolare
coalizione che si presenterà agli se dirigente. Questo evento e un’ef- coalizione consisterà nel dimo- ne legislatura. Tutto questo oggi è riguardio al nuovo Bando mis.4.5 Por Campania 2000-2006 .
elettori nel 2007. Un progetto am- ficace azione amministrativa, in strare di non essere stati solo com- possibile, anche perché accompa- Previsto un ampio spazio per il dibattito, mirante a finalizzare
bizioso e senza dubbio attuabile. questi 3 anni hanno consentito il parse di un periodo politico - am- gnato da un’identificazione politi- le richieste deigli imprenditori interessati.
Escono dall’esecutivo gli assessori conseguimento di tanti risultati po- ministrativo comunque gratifican- ca globale che ormai abbiamo del- [GI]
Luigi Fusco e Luigi Iorio, a cui il sitivi; tuttavia, porsi degli interro- te, ma di avere la capacità di affer- la nostra città».