Sei sulla pagina 1di 1

ANNO XXII N.

24 NON VENDIBILE SEPARATO DAL ROMA MERCOLEDÌ 25 GENNAIO 2006

IN AULA NEL PROCESSO CONTRO MISSO L’EX RE DI FORCELLA SPARA A ZERO ED È RICHIAMATO DAL GIUDICE

LO SFOGO DI GIULIANO: I BOSS NON VANNO ASSOLTI


«Io dico la verità su tutti i fatti, sono un collaboratore Misso, considerato il boss del rione Sanità. È accusa- se il presunto ras non credendo al pentito. Ieri “’o
di giustizia onesto e vero per questo non sono d’ac- to di associazione camorristica e per questo è detenu- rre” ha ripercorso ancora una volta i presunti legami
cordo con le sentenze di assoluzione ai boss». Insorge to. I suoi avvocati difensori, i penalisti Vittorio Gia- che lo stringevano a Misso e per più di un’ora è stato
la difesa dell’imputato Giuseppe Misso che accusa il quinto e Giancarlo Lubrano hanno cercato di sman- sentito dal pubblico ministero della Dda Filippo Bea-
collaboratore di giustizia di fare delle considerazioni tellare le dichiarazioni del collaboratore di giustizia trice. L’ex boss ha continuato ad attaccare il proprio
inappropriate e che nessuno gli ha chiesto di riferire. ex capo incontrastato del clan di Forcella, Luigi Giu- ex amico fraterno, con una serie di dichiarazioni che
Così il presidente della quarta Corte penale del tribu- liano che nei precedenti interrogatori resi ha sempre si spostano dal passato al presente, che accusano
nale di Napoli è intervenuto per ristabilire l’ordine. individuato in Misso «il più potente della città di Na- esplicitamente Misso di essere il reggente dei massi-
Luigi Giuliano (nella foto) era stato chiamato a rac- poli». Giuliano è stato sentito l’ultima volta dinanzi mi sistemi camorristici di Napoli. Dichiarazioni che
contare quello che sapeva sul conto di “’o nasone” la terza sezione della corte d’Assise e accusava Pep- riportiamo solo per dovere di cronaca e che non han-
nel corso del procedimento dinanzi la quarta sezione pe Misso di essere il mandante dell’omicidio di Gio- no alcun fondamento sotto il profilo inquirente.
penale del tribunale di Napoli. Imputato è Giuseppe vanna Esposito. Ma il presidente Achille Scura assol- [FAPOS]

FAIDA DEL RIONE SANITÀ LUIGI ESPOSITO, 25ENNE, ARRESTATO ALL’ALBA DAI CARABINIERI, SI CERCA IL COMPLICE

INCASTRATO IL KILLER DI BENITOZZI


GIOVANNI COSMO
È stato lui a inseguire Vincenzo Benitozzi fin
A carico di “’o cinese” intercettazioni ambientali e prove
dentro l’officina meccanica di via Santa Maria
Antesaecula crivellandolo di pallottole. Gli in-
lasciate sul luogo dell’agguato. Il giovane è un fedelissi-
vestigatori del nucleo operativo del comando
provinciale dei carabinieri, diretti dal maggio- mo di Giuseppe Misso jr ed era amico di Ciro Daniele.
re Francesco Rizzo, ne sono convinti. E le pro-
ve raccolte dagli “007” dell’Arma hanno con- no trovato anche una serie di indizi che in- scooter. Non è escluso che ci fossero anche uno
vinto anche i giudici della Dda che hanno emes- chioderebbero il killer. Reperti che confermato “specchiettista” e alcuni uomini di “copertura”.
so nei suoi confronti un decreto di fermo con che Esposito ha sparato più volte contro la vit- Vincenzo Benitozzi, meglio noto come “Cic-
l’accusa di omicidio e un’altra sfilza di reati “mi- tima designata. Il blitz dei carabinieri del mag- ciobello”, cugino del boss Nicola Sequino, (che
nori”. Dietro le sbarre è finito Luigi Esposito, giore Rizzo è scattato all’alba di ieri. “’O cine- attualmente è rientrato nella cosca Misso-Pirozzi
25enne, meglio noto come “Gino ’o cinese”, abi- se”, che ufficialmente risulta residente a Meli- dopo un momentaneo avvicinamento dello
tante in uno dei tanti vicoletti di via Duomo, plu- to, è stato colto nel sonno nell’appartamento del “scissionista” Salvatore Torino “’o cassusaro”)
ripregiudicato e fedelissimo del boss Giuseppe padre della zona di Largo Donnaregina. Era tran- è stato punito per due motivi. Il primo porta di-
Misso “’o chiatto”, il naturale reggente della co- quillo, quando ha visto i carabinieri ha pensato rettamente al suo clamoroso voltafaccia. Beni-
sca dello zio omonimo. Per proteggere Misso jr, ad un normale controllo, ma non era così. I mi- tozzi, infatti, aveva seguito il cugino Sequino nel
infatti, fu arrestato con una pistola nel 1998, litari dell’Arma gli hanno notificato il provve- gruppo di Torino e si era trovato “spiazzato”
quando aveva appena 16 anni (ne scriviamo nel- dimento restrittivo emesso dalla Dda e poi lo quando quest’ultimo era rientrato nella cosca-
l’articolo sotto a destra). hanno accompagnato in una cella del carcere di madre dopo un breve “soggiorno” in Germania.
Ad incastrarlo nel giro di cinque giorni è sta- Poggioreale, in attesa dell’udienza di convalida Il secondo perché era il bersaglio più facile da
ta la bravura degli investigatori dell’Arma, che dinanzi al gip che si terrà nei prossimi giorni. colpire per il gruppo di fuoco dei Misso, proprio
hanno raccolto una serie di prove confermate Secondo gli inquirenti, ma anche secondo al- perché era rimasto a metà tra i due schieramenti.
anche dalle intercettazioni ambientali e dall’at- cune vaghe testimonianze, il commando di mor- La cattura di Esposito è un risultato impor-
tività di intelligence. Gli investigatori hanno sot- te entrato in azione giovedì scorso nel cuore del tante, così come è stato ribadito ieri nel corso del-
tolineato che non c’è stato alcun aiuto esterno rione Sanità era composto da almeno due ele- la conferenza stampa in Procura. Gli investiga-
o di qualche collaboratore di giustizia. Ma sul menti. Esposito ha sparato mentre l’altro lo ha tori hanno imboccato la pista buona che po-
luogo dell’omicidio di Benitozzi gli “007” han- aspettato fuori dell’autofficina in sella ad uno trebbe portare presto ad altre catture. VIA SANTA MARIA ANTESAECULA. GLI 007 SUL LUOGO DELL’OMICIDIO BENITOZZI. NEL RIQUADRO LUIGI ESPOSITO _

IL PERSONAGGIO
I RESTROSCENA IL GRUPPO TORINO VUOLE GESTIRE IL TRAFFICO DI DROGA AUTONOMAMENTE

A 16 ANNI PROTEGGEVA
Sette morti per il controllo delle attività illecite “PEPPE ’O CHIATTO”
Il controllo delle estorsioni e del che il clamoroso agguato del 3 gruppo del ras Salvatore Torino È un giovane “promettente” Luigi Esposito. A soli
business droga. Sarebbe scoppia- agosto scorso in piazza San Gae- “’o gassusaro”. Abbastanza per- 16 anni, nel 1998, il clan gli aveva affidato un
ta per questo la faida della Sanità, tano ai Tribunali sarebbe colle- ché volessero vendicarlo i “se- compito delicatissimo, quello di proteggere le
che finora ha provocato sei mor- gato alla faida in corso. condiglianesi-mianesi”, alleati fi- spalle all’allora giovanissimo boss Giuseppe Mis-
ti secondo alcuni investigatori e Quella sera furono uccisi Anna no all’estate scorsa con i Misso so “’o chiatto”, che era stato ferito gravemente nel-
sette secondo altri. La differenza Deviato e il figlio Fabio Silvestri ma dotati di una propria struttu- l’anno precedente nel corso di un clamoroso ag-
sta nell’attribuire o meno alla e proprio per vendicare quest’ul- ra che con il tempo avrebbero an- guato. Probabilmente la carriera criminale di “Gi-
guerra tra i clan Misso e Torino timo il gruppo emigrato nel ’99 da che allargato entrando in rotta di no ’o cinese” è iniziata proprio quel 23 luglio di ot-
anche l’omicidio di Fabio Silve- Secondigliano alla Sanità il 1 di- collisione con i ras storici del rio- to anni fa, quando fu arrestato dai poliziotti della
stri, ucciso in piazza San Gaeta- cembre scorso entrò in azione in ne Sanità. Perciò, secondo questa Squadra Mobile mentre, armato di una micidiale
no ai Tribunali ad agosto scorso. vico Lammatari per ammazzare ricostruzione degli inquirenti, pistola 357 magnum, “scortava” “Peppe ’o chiat-
Cominciamo dai passi in avan- Ciro Scarallo, fedelissimo dei che si differenzia leggermente da to” e Carmine Di Franco, un altro esponente di
ti nelle indagini, partendo da una Misso, e Ciro Daniele, cognato del quella ritenuta ancora attendibi- spicco della cosca del rione Sanità. Il 16enne, in
considerazione: sei killer del clan ras Michelangelo Mazza e quindi le, due killer assassinarono il gio- sella ad uno scooter, seguiva a ruota la motociclet-
Misso sarebbero stati già indivi- nipote acquisito del boss “Peppe vane e la madre, morta soltanto ta con in sella i due boss.
duati, quattro del gruppo Torino. ’o nasone”, oltre che amico e in perché si trovò al posto sbagliato Ma non è tutto. Nel 1999, quando non era ancora
La svolta nelle indagini sugli al- ottimi rapporti con l’arrestato di nel momento sbagliato. Non è maggiorenne, dopo la condanna per possesso del-
tri omicidi oltre a quello di Vin- ieri: Luigi Esposito. mai stato stabilito con certezza se la pistola, nel corso di uno dei tanti processi a ca-
cenzo Benitozzi, e in particolare Secondo fonti confidenziali ri- fece da scudo al figlio con il cor- rico dei “guaglioni” del clan Misso, il Tribunale
sull’assassinio di Ciro Beninato, tenute molto attendibili Fabio po o fu centrata da una pallotto- per i Minorenni lo condannò perché colpevole del
è imminente e ormai agli investi- Silvestri non era legato ad alcun la indirizzata a lui, sicuramente reato di associazione per delinquere di stampo ca-
gatori il quadro è completamen- clan ma era entrato in contatto, però non era lei il bersaglio del- morristico.
te chiaro, ma con una novità che per l’acquisizione di materiale l’agguato. [GIOCO]
RIONE SANITÀ. IL CORPO SENZA VITA DI CIRO BENINATO ______________________ sta venendo sempre più fuori: an- per i classici “pacchi”, con il [ANTMAZ]

IL TEMPO IN CITTÀ
OGGI DOMANI MARIO MARCO
S A N TA N G E L O ROSSI DORIA
Il Pascale è la prima e In un primo tempo l’i-
Ore Temperatura Umidità Vento Ore Temperatura Umidità Vento
unica azienda sanitaria niziativa del maestro
nel Mezzogiorno ad di strada è stata di
ore 6 3° 59% Vento teso ore 6 4° 47% Brezza leggera impiegare il Rituximab, “rottura”, rispetto al-
Nord Est Est anticorpo monoclinale l’imbarazzante ripro-
usato per contrastare posizione della Iervo-
ore 12 6° 59% Vento moderato ore 12 11° 49% Brezza leggera
crioglobulinemie cau- lino e al tentennare
Nord Est Est Sud Est

SU GIÙ
sate dall’epatite di tipo della CdL. Ora mostri
ore 18 4° 56% Brezza leggera ore 18 7° 58% Vento moderato C. I primi risultati del- coraggio: vuole candi-
Est Est l’anticorpo però sono darsi o “barattare” un
beneauguranti. posto di assessore?

Potrebbero piacerti anche