Sei sulla pagina 1di 1

GdN martedì 24 gennaio 2006 CRONACA DI NAPOLI I7

ACEN. INIZIATIVA CON COMUNE E PROVINCIA PER ILLUSTRARE SU TRE EMITTENTI OPERE PER 2 MILIARDI DI EURO

La “Napoli del futuro” per ora è in tv


In attesa di veder realizzati i tanti progetti di riqualifi- stessa direzione, quella di creare occupazione». Per an- blemi non mancano, su tutti quelli legati alla mancata
cazione riguardanti Napoli e provincia, la città del fu- ni si è parlato del piano regolatore, anni nei quali Na- approvazione dei Prg in tantissimi comuni della pro-
turo diventa l’oggetto di un programma televisivo che poli era rimasta una città statica. «Su questa questione vincia. «Il panorama è tragico in questo senso - com-
andrà in onda ogni settimana, a partire da domani, sul- si è discusso per troppo tempo - ammette il vicesinda- menta Prezioso -. Però, adesso abbiamo un’ottima leg-
le emittenti Canale 8, Canale 10 e Denaro Tv. Facile iro- co Rocco Papa - però l’Acen ha capito le regole certe so- ge regionale sugli appalti in via di approvazione e po-
nizzare su finzione, realtà o addirittura illusione, que- no una garanzia». trebbe rappresentare il punto di svolta».
st’ultima alimentata dall’evidente discordanza tra i buo- Sono 18 i progetti che verranno presentati nel corso A fare autocritica è il vicesindaco Papa, già finito nel-
ni propositi dell’Amministrazione, i moderni e lungi- delle varie puntate del programma “Napoli: un salto nel la bufera per diverse vicende. «Mi prendo ogni respon-
miranti progetti dell’Acen, e ciò che la città attualmen- futuro”. Riguardano opere molto diverse tra loro, dal Por- sabilità per quanto riguarda i ritardi nella manutenzio-
te è: il luogo delle occasioni sprecate. Il fattore nuovo, to turistico di Vigliena, iniziativa da realizzare con in- ne - afferma - però bisogna capire che questo è un set-
però, è la ritrovata sinergia tra enti pubblici e associa- vestimenti dei privati, al completamento delle varie li- tore difficilissimo anche a causa di norme contraddit-
zione dei costruttori. Per anni era stata battaglia, anche nee del metrò. Diversi interventi riguardano l’hinterland, torie: ci sono dirigenti che prima di mettere una firma
di carattere politico, sui piani regolatori. «Ma abbiamo come la valorizzazione del Rione Terra di Pozzuoli e il chiedono pareri a diversi organi. È anche possibile che
assistito ad una storica rivoluzione nei rapporti con l’A- complesso per il terziario a Casoria. «Ci sono progetti per ci sia stata incapacità da parte nostra su certe vicende:
cen - afferma il presidente della Provincia di Napoli, Di- oltre due miliardi di euro - spiega Ambrogio Prezioso mi riferisco - conclude Papa - al fatto di non aver vigi-
no Di Palma -. Il mondo dell’impresa ha capito che le re- (nella foto), presidente dell’Acen - e credo che tutto ciò lato, ad esempio, su alcuni lavori a piazza Municipio».
gole non vanno intese come un blocco. Andiamo nella debba rappresentare uno stimolo per tutti». Ma i pro- DARIO DE SIMONE

VU CUMPRÀ AL VOMERO. PARLANO GLI IMMIGRATI DI COLORE IN VIA LUCA GIORDANO DOPO LO SCONTRO CON I VIGILI URBANI

«Ma cos’altro possiamo fare?»


Fa discutere l’ipotesi di un mercato multietnico: bene, ma senza permessi...
Commercianti spaccati: sono educati, però... L’idea invece, stuzzica il paki- notevolmente il livello del quar-
stano Hamed Monver, anch’egli tiere». Più duro è invece Enzo Vin-
Santoro e Fonsmorti (An): «Il quartiere è un mercato
delle pulci. Un’area multietnica? Come potrebbe ospita-
venditore al Vomero: «Mi piace-
rebbe, ma non so se io, senza do-
ciguerra di “Anteprima”: «Se da un
lato capisco anche il loro bisogno
La confisca di scooter prestato?
re merce contraffatta o cd masterizzati dalla camorra»?
cumenti e con questa merc,e potrei
farne parte. Vendo bijoutteria da
tempo ed i napoletani sono sempre
di vendere, dall’altro o gli si dà uno
spazio o li si manda via perché non
si può pensare di svolgere attività
Giudice di pace: incostituzionale
Scienze del turismo. Sono in Italia stati socievoli con me ma senza do- in mezzo alla strada senza i servi- Confiscare una moto o un ciclomotore indifferentemente perché si circola
ALESSANDRA MARTINEZ
da 5 anni ed ho bisogno di lavora- cumenti non potrei fare altro». zi adeguati. Ad esempio, come tut- senza casco o perché‚ non si sta seduti correttamente o ancora perché si
«Abbiamo paura, sappiamo che re ma vendere occhiali e cinture in I commercianti, intanto, sono ti sanno, le traverse di via Scarlat- porta un oggetto che sporge di 50 centimetri dall’asse mediano del moto-
quel che facciamo non è legale, ma via Luca Giordano senza autoriz- spaccati. Nanda, titolare di “Inten- ti e via Luca Giordano sono utiliz- veicolo è incostituzionale. Specie se a commettere la violazione non è il
se non stessimo per strada con le zazione, è l’unico lavoro che un ti” in via Luca Giordano, spiega: zati da loro come latrine a cielo proprietario del mezzo ma un altro. A sollevare la questione su tre artico-
bancarelle saremmo costretti a immigrato senza documenti può «Credo che ogni comportamento aperto e questo non è né igienico li del Codice della Strada (169-170-171) entrato in vigore nell'agosto scor-
vendere forse droga». Sono queste svolgere. Altrimenti resta lo spac- eccessivo sia esagerato e sbagliato. né corretto apparte il discorso del- so è stato il giudice di pace di Napoli, Attilio Ruggiero. La relativa ordi-
le parole di rabbia degli ambulan- cio o altre cose che non vogliamo Sicuramente rovinano la piazza a la legalità». Intanto, ieri mattina si nanza viene pubblicata oggi dal quotidiano on line “Diritto e Giustizia”
ti abusivi del Vomero. Due venti- ridurci a fare. So che anche questo noi con prodotti simili ma sono contavano nuovamente almeno (www.dirittoegiustizia.it). L’ordinanza è stata emessa al termine di una
settenni, uno senegalese e l’altro lavoro è illegale ma che posso fare? sempre stati educati e si spostano cento ambulanti in via Luca Gior- controversia avviata dal proprietario di un ciclomotore confiscato pro-
pakistano, raccontano l’impatto Sono veramente pochi, tra noi, ad da davanti le vetrine». Gigliola dano. prio perché il conducente, una persona che glielo aveva chiesto in presti-
dell’episodio grave di sabato al Vo- avere i documenti in regola. Non Martone di “Martone” in via Scar- Per An, che interviene con il ca- to, guidava senza casco. Per il giudice la confisca è «irragionevole, spro-
mero dove carabinieri e vigili sono capiamo cosa stia accadendo, c’è latti, è sicura: «Maleducati non so- pogruppo alla Circoscrizione Are- porzionata e causa disparità di trattamento tra conducenti di auto e mez-
stati allontanati dalla folla mentre un clima di persecuzione che pri- no ma ci danneggiano a livello nella, Andrea Santoro, ed il presi- zi a due ruote». Infatti per violazioni analoghe commesse però alla guida
cercavano di effettuare un control- ma non c’è mai stato. Uno spazio commerciale. Chi invece manderei dente di Ag Vomero, Andrea Fon- di un’auto non è prevista alcuna confisca (provvedimento che non preve-
lo. Mama Dou, o almeno così vuo- per vendere, appositamente dedi- via sono i musicisti da strapazzo smorti, «è impensabile crearee un de la restituzione del mezzo che, dopo sei mesi, può essere venduto). In
le farsi chiamare, spiega il disagio cato a noi? Non so se venderemmo che ci martellano a volume alto da- mercatino multietnico, sapendo attesa della pronuncia della Consulta, il procedimento davanti al giudice
del popolo delle bancarelle: «Sono ugualmente e se voi eliminereste il lal mattina alla sera. Tutte queste che ospiterà merce contraffatta o cd di pace è stato sospeso. Se la Corte costituzionale dovesse accogliere l’ec-
senegalese e sono laureato in problema che rappresentiamo». cose, però, è vero che abbassano masterizzati dalla camorra». cezione sarebbero giudicate nulle tutte le confische compiute fino ad oggi.

“LA SCUOLA PER LA CITTÀ”. I RAGAZZI DI DIVERSI ISTITUTI ALL’INCONTRO TENUTO AL “MERCALLI” NULLA DI FATTO PER GLI ALTRI DUE LOCALI

Accordo su “movida tranquilla”


I giovani e l’assenza di regole Farinella, prossima riapertura
Il filosofo Masullo: ci manca la cultura del diritto. Appare qualcosa in più di un dunque, i gestori avranno a
semplice spiraglio di luce: nelle disposizione sessanta giorni di
Proposti e discussi svariati temi, dall’abbassamento prossime ore infatti il ristorante prova, nei quali ovviamente
Farinella potrebbe riaprire i sarà tassativamente vietato ogni
dell’età punibile al rapporto con le periferie, per battenti, in seguito ad un abuso, in materia di decibel e di
finire al caso del quattordicenne accusato di stupro. accordo tra le parti, nell’annosa orari di chiusura, all’insegna di
vicenda giudiziaria che ha una sorta di compromesso
«Bisogna essere cittadini, e non nati diritti, ma anche sottostare a portato al sequestro di capace di mettere d’accordo le
sudditi, partecipare in senso attivo doveri. Napoli e il Mezzogiorno so- frequentati locali pubblici tra parti in campo: da un lato, il
alla democrazia, partendo dal pro- no ostaggio della camorra, della cul- via Alabardieri e vicoletto fronte dei residenti, compatto
prio privato». A parlare così è il tura del protezionismo: ci manca la Belledonne a Chiaia. nel chiedere e nell’ottenere il
professore Aldo Masullo, che ieri cultura del diritto, siamo convinti Il sostituto procuratore della sequestro dei fiori all’occhiello
mattina ha incontrato al Liceo Mer- di aver bisogno di protezione e rac- Repubblica di Napoli, Sirleo, della movida napoletana;
calli le delegazioni di vari istituti comandazioni per andare avanti; ha infatti accordato parere dall’altro, una buona fetta di
cittadini: Lucrezio Caro, Itis Ferra- ma è proprio questa mentalità a ren- favorevole al dissequestro del imprenditori che hanno
ris, Isis De Nicola, Professionale di derci sudditi, a guastare la società». locale in via Alabardieri: un investito fiori di quattrini per
Arzano e Ipssar Telese di Ischia. Ci si sofferma poi a parlare anche provvedimento condizionato rivitalizzare una zona del
L’incontro, a cui hanno parteci- del caso del quattordicenne incri- all’osservanza di alcuni salotto buono che altrimenti
pato anche il capocronista de “Il minato per lo stupro di corso Vitto- adempimenti da parte dei sarebbe rimasta area grigia.
Mattino, Claudio Scamardella, e rio Emanuele: «Tutti i nostri gesti gestori del ristorante, secondo Niente da fare, per il momento,
Marina De Blasio dell’Ufficio sco- sono influenzati dall’ambiente che quanto disciplinato invece, per Fusion bar 66 e le
lastico regionale, rientra nel pro- ci circonda. Non si è delinquenti so- dall’articolo 85 del codice di Chandelier. E intanto Chiaia
getto “La scuola per la città”, parti- lo quando si commette uno stupro, delle più semplici regole, che crea carta dei diritti del cittadino e di procedura penale. cede pezzi importanti della sua
to l’anno scorso col manifesto “Sal- ma quando si infrange una qualsia- un clima diffuso di illegalità». queste riflessioni possano essere Stando alla richiesta difensiva movida ad altri quartieri, in
viamo Napoli” e che quest’ anno ha si regola della società. La crimina- D’accordo con lui Scamardella d’aiuto a chi andrà a governare la presentata dai penalisti Alfonso particolar modo ai pub e
come tema “La carta europea dei di- lità minorile nasce intorno a noi, che spera che «il lavoro che i ra- città». Furgiuele e Luigi Pezzullo, cinema di Vomero e Arenella.
ritti dell’uomo nella città”. proprio da questo mancato rispetto gazzi compiranno sulla base della ANTONELLA SCUTIERO
Quello di ieri è stato il primo di
cinque incontri che verranno tenu-
ti durante la settimana da diversi CAMORRA. CONFERENZA STAMPA E FIACCOLATA POMERIDIANA PER RICORDARE ATTILIO ROMANÒ
docenti universitari in vari istituti
napoletani, fino ad arrivare alla
conclusione il 9 febbraio. I ragazzi
seguono attenti le parole dei rela-
tori, porgono domande, sollevano
Leggi premiali, secco no dei parenti delle vittime
qualche polemica: come gestire il Conservare la memoria di Attilio Romanò (nella glianza per perdere la vita sul posto di lavoro. At- a tenere accesa la speranza di una città che vuo-
rapporto con le periferie, se sia giu- foto), il 29enne ucciso per errore dalla camorra nel tilio - continua l’assessore - era un uomo onesto, le ribellarsi e portare un cambiamento, per co-
sto o no abbassare l’età imputabile, negozio di telefonia di via Miano, a Napoli. L’i- e ovviamente in tutto questo lui proprio non c’en- struire azioni concrete che liberino la città dalla
come farsi strada in un mondo do- niziativa é stata promossa da Libera, associazio- trava». paura e rendano il lavoro sinonimo di legalità».
ve sembrano andare avanti solo i ne contro le mafie, e prevede iniazialmente una Gabriele sfilerà durante la fiaccolata: «Invitia- Un’altra iniziativa in occasione del primo an-
più furbi, dove spesso non ci sono conferenza stampa (ore 12,15) del coordinamen- mo i cittadini ad unirsi stasera alle ore 17,30, con niversario della morte del giovane Attilio, pro-
stimoli ad interessarsi di ciò che to dei familiari delle vittime di criminalità (vi par- partenza in via Lazio, contro la camorra che de- viene dal Coordinamento Verdi Area Nord che
succede al di fuori della propria au- tecipano Sequino, Scherillo, Calabrò, Siani, Ca- preda il territorio ed incide sulla qualità del lavoro propone di intitolargli una strada di Miano, quar-
la, della propria casa. staldi, Clemente, Avella, Celardo e Sannino). Il te- a Napoli e in Campania». tiere dove Romanò viveva e operava nel sociale.
«Per vivere insieme, per stabilire ma riguarda la legislazione premiale per i colla- Proprio i colleghi di lavoro del call center te- «Sarebbe il miglior modo - afferma Fabio Sasso,
rapporti con gli altri - dice Masullo boratori di giustizia, del tutto malvista dai parenti lefonico di Pozzuoli, dove il giovane era impie- responsabile del coordinamento Verdi Area Nord
- creiamo delle regole, e lo facciamo degli uccisi. gato, raccontano commossi che «Attilio temeva la - per tenere viva la memoria di una giovane vitti-
perché lo scambio, l’interazione «Il 24 gennaio 2005 l’unica colpa di Attilio - af- faida e ritorsioni perché consapevole di quella fa- ma innocente della camorra».
sono importantissimi: è questa la ferma Corrado Gabriele, assessore all’Istruzione, tale somiglianza». «La lotta contro la violenza è In mattinata alle 11,30 sarà inaugurata la bi-
democrazia, uno stato d’animo pri- formazione e lavoro della Regione Campania - é ancora una volta il nostro primo obiettivo - con- blioteca a lui dedicata presso la scuola Salvo
ma che una forma di governo. La stata di essere socio di una persona in qualche mo- clude Gabriele - e saremo in piazza come lo sia- D’Acquisto in via Vecchia Comunale a Miano, al
cittadinanza è godere di determi- do esposta al rischio; gli è stata fatale la somi- mo stati Giuseppe Riccio; dobbiamo continuare civico 5.

Interessi correlati