Sei sulla pagina 1di 1

34 BASKET lunedì 23 gennaio 2006

SERIE A1 FEMMINILE | Dopo due sconfitte consecutive in campionato, le azzurre tornano a vincere nonostante l’assenza del capitano Zara

Phard, a Viterbo riprende la marcia


GESCOM VITERBO 49 ta in grado di superare le rivali senza l‚ap- alcun problema nella gestione del vantaggio. fatti, al 30’ è in vantaggio 48-39 e si appresta
PHARD NAPOLI 61 porto del suo capitano, Francesca Zara, pre- Sembra, perché Viterbo non si perde d‚ani- a vivere gli ultimi 10’ con in campo Diaman-
cauzionalmente non convocata per una fa- mo e, sorprendentemente, piazza un break di ti, Gentile, Andrade, Nieuwveen e Bullett.
stidiosa fascite plantare che non le dà tregua. 11-0 grazie al quale si riporta ad un tiro di Nel quarto tempo la squadra risponde alla
GESCOM VITERBO: Kouznetsova 3, Partenza sprint per le azzurre, che dopo schioppo dalle azzurre, che sul +12 si sono se- grande: non si culla sugli allori e concede a
Schiesaro 6, Santucci, Dessalvi ne, Antonel- qualche piccolo errore dovuto più che altro dute consentendo, così, alle gialloblu del neo Viterbo solo le briciole. Il vantaggio non di-
li 12, Gelfusa ne, Flavia 5, Siccardi 15, Aja- alla “confidenza” con i tabelloni, cominciano tecnico Marzoli di chiudere, al 20‚, in svan- minuisce, anzi, s’incrementa, perché tutte le
novic 8, Ermito ne. All. Marzoli. a macinare gioco e punti. Buono, buonissimo, taggio di un solo punto (31-32). giocatrici danno il massimo per centrare il
PHARD NAPOLI: Diamanti 3, Giauro 8, l’avvio di gara di Lous Nieuwveen: l’olande- Si ricomincia e la Phard ritorna in sé, tra- secondo successo dopo quello di mercoledì
Mauriello, Andrade 11, Nieuwveen 18, Sarni sona volante, dopo una leggera flessione su- scinata da Vicky Bullett, che si rive-
ne, Fabbri, Bullett 9, Zanoni, Gentile 12. All. bita nelle prime gare dell’anno, sembra aver de sul parquet e sigla 7 punti pe- Ottima la prestazione della
Ricchini. ritrovato la forma migliore. Sempre su livel- santissimi: le azzurre riprendono a
ARBITRI: Moretti e Baglì. li altissimi, invece, Meri Andrade, “El Diablo”. difendere con intensità, costringen- Nieuwveen, top scorer dell’incon-
NOTE: parziali 8-18, 31-32, 39-48. Tiri da Starting five proposto da Roberto Ricchini do infatti la Gescom a commettere, tro con 18 punti. Canestri pesanti
due Gescom 15\38, Phard 18\40. Tiri da tre con Gentile, Mauriello, Andrade, Nieuwveen in più di una circostanza, infrazione
Gescom 3\15, Phard 7\16. Tiri liberi Gescom e Bullett. Proprio quest‚ultima, straordinaria di 24”. Meri Andrade è preziosa, so- per l’Andrade e la solita Bullett
10\14, Phard 4\7. Spettatori circa 300. artefice del successo in Eurolega ai danni di prattutto in fase di contenimento,
Kosice, commette due falli in altrettanti mi- mentre è ottimo l’apporto della Nieuwveen, sera a Kosice e allora, come logica conse-
nuti. Il coach, giustamente, la richiama in che al 30’ ha totalizzato 14 punti (a fine ga- guenza, non poteva che scaturirne una
FRANCESCO MARCIANO
panca ma, nonostante l‚assenza della statu- ra sarà top scorer con 18 punti). Viterbo, co- straordinaria prova collettiva, una semplice
VITERBO. E due. Dopo il parquet di Kosice in nitense, la Phard non solo chiude il primo sì, è ricacciata indietro, ancorché disponga dimostrazione di superiorità nei confronti
Eurolega, la Phard espugna anche quello di quarto in vantaggio di 10 punti (18-8), ma al- di una Siccardi letteralmente scatenata. È lei delle pur brave avversarie, che pertanto ha
Viterbo, tornando così a vincere anche in la ripresa continua ad allungare il parziale. l’anima delle laziali, cui però non riesce la ri- consentito alla Phard di espugnare Viterbo
campionato. Il successo di ieri ha valenza Al 15‚, infatti, Manu Diamanti realizza la tri- monta: il terzo parziale, dunque, è ancora e prepararsi con ottimismo al tour de force
maggiore se si considera che la squadra è sta- pla del 25-12. Napoli vola, sembra non aver una volta appannaggio azzurro. La Phard, in- dei prossimi giorni. Coach Ricchini applaude la prova della Nieuwveen

SERIE A1 IN CARROZZINA | Al PalaMoccia contro la capolista SERIE B1 | Dopo un lungo digiuno, il quintetto di Ponticiello ritrova il sorriso e torna in corsa per la salvezza
Il Carpisa Afragola cede al Santa Lucia
Boonacker non gira sui suoi standard Il Sant’Antimo si rialza contro il Latina
CARPISA CISS AFRAGOLA 53 Aias Carpisa Afragola. Al PalaMoccia, IGEA SANT’ANTIMO 80 in un match terminato 80-61 e domi- ni del team di coach Ponticiello che,
SANTA LUCIA ROMA 70 contro la capolista Santa Lucia Roma la CUOMO LATTICINI LATINA 61 nato per ben 40’ minuti dalla compa- grazie ad un’asfissiante difesa riesce
squadra di D’Ambrosio incassa una net- gine campana. L’inerzia del gioco è da sempre a tenere lontano quelli della
ta sconfitta, anche se contenuta in ter- subito nelle mani dei padroni di casa Cuomo(48-38 al 25’). Passano solo 5’ e
CARPISA CISS AFRAGOLA: Boo- mini onorevoli considerato il divario di IGEA SANT’ANTIMO: Berti 2, Can- che grazie ad Acunzo (nella foto) met- i biancorossi allungano con Di Salva-
nacker 8, N'Goran 16, Dedic 4, Orlic 10, valori tra le due formazioni. Eppure il tone 7, Di Salvatore 13, Serino 4, De te subito a segno 6 punti consecutivi tore che la mette dalla linea dei 6.25
Menditto, La Rosa n.e., Dettmer 8, Je- presidente Guarino ha qualche rim- Giulio, Tomasiello 10, De Monaco 12, che valgono il primo vantaggio per i facendo volare i suoi a +16 al 30’. In
bari 7, Di Nola n.e., Mele n.e. All. D'Am- pianto, legato alla brutta prestazione di Perfetto 2, Benassi 11, Acunzo 19. All. biancorossi (11-7 al 5’). Latina, nono- questi ultimi 10’ Latina sembra aver
brosio. Boonacker che, con soli 8 punti, ha fat- Ponticiello. stante l’assenza di Bagnoli e Ruggeri, gettato la spugna, causa anche una di-
SANTA LUCIA ROMA: Haidari 6, to registrare il suo bottino minimo sta- CUOMO LATINA: Ragionieri 9, Sac- riesce a rimanere attaccata ai cam- fesa a zona che concede solo 8 punti in
Sanna 8, Ceracchi 2, Cherubini, Ruoc- gionale: «Se Waldo avesse giocato ai suoi coccio 4, Romano n.e., Causin 13, Bo- pani grazie ai canestri di Causin. Do- 10’ agli uomini di coach Zanchi. Al 35’
co n.e., Pellegrini 14, Caine 10, Turlo 4, consueti livelli, non dico che avremmo naiuti 2, Gabrielli n.e., Bisconti 9, Gras- po 10’ il risultato è di 19-13 per il il risultato è di 68-46 per i santantimesi
Eveson 26. All. Di giusto. vinto, ma di certo avremmo potuto ri- so 17, Coppetelli n.e., Virgilio 7. All. Sant’Antimo. che toccano anche il massimo vantag-
ARBITRI: Armandi, La Stella e Mau- durre sensibilmente il passivo». Zanchi. Nel secondo quarto la musica non gio, +25, al 34’. In questi ultimi 5’ mi-
ro. Dopo aver ricorso per metà gara, ARBITRI: Rostain di Torino e Giu- cambia, l’Igea difende duro mettendo nuti all’Igea è bastato semplicemente
NOTE: 14-20, 31-38, 37-55. mantenendo però un divario contenuto, marra di Ragusa. in seria difficoltà i pontini e vola sul gestire il lungo vantaggio accumulato
nel terzo quarto il Carpisa ha incassato NOTE: parziali 19-13, 21-15, 17-13, +11 al 15’ grazie anche a un Serino sui rivali per portare a casa questi due
AFRAGOLA. Dopo il ritorno al successo il maggior allungo rivale (37-55). Nel 23-20. Tiri liberi: Igea 11/14, Latina molto preciso dal campo. Nei succes- punti fondamentali per la lotta sal-
centrato la scorsa settimana nella tra- quarto tempo, tuttavia, i napoletani so- 17/25. sivi 5’ minuti prima Cantone, poi Ber- vezza. La strada per rimanere in B1,
sferta di Porto Torres, nella seconda no arrivati anche a -11 trascinati da un ti mettono a segno una serie di con- però, è ancora lunga, ma giocando co-
giornata di ritorno del massimp cam- ottimo N’Goran, ma poi i romani hanno SANT’ANTIMO.Difesa, difesa ed ancora tropiedi che valgono il +12 per la squa- sì le speranze di salvezza aumenta e di
pionato di basket in carrozzina, torna a premuto nuovamente sull’acceleratore difesa. Ecco l’arma in più dell’Igea dra di casa (40-28) . Nella ripresa l’i- molto.
lampeggiare il disco rosso per il Ciss e non c’è stato più nulla da fare. Sant’Antimo contro la Cuomo Latina nerzia del gioco resta sempre nelle ma- ANDREA CAPASSO

SERIE B2 | Determinanti le prove dei “lunghi” Mlinar e Tortolini SERIE B2 | La squadra di Terra di Lavoro resiste fino all’intervallo SERIE B2

La Renault Gragnano suona anche la nona Cementir Maddaloni, brusco stop a Corato Oggi il Pozzuoli
Ma il Melfi s’inchina soltanto nel finale Stavolta non bastano Coltelacci e Doati sfida il Catanzaro
RENAULT GRAGNANO 74 do è stato un continuo inseguimento da parte del- GRANORO CORATO 80 a tenere botta alla Granoro. Il 14-11 sul quale si POZZUOLI. La 2ª di ritorno del girone D

INFO&TEL MELFI 71 le due compagini, che si trovavano solo a poche lun- CEMENTIR MADDALONI 64 chiude la prima frazione, poi, la dice lunga sulla di B2 offre un posticipo molto inte-
ghezze di distanza. È stato grande il controllo dei fatica che facevano entrambi gli attacchi, con le ressante, tra la Trans Ocean Pozzuoli
gialloblè in quest’occasione, dove facilmente si è difese che spesso riuscivano ad avere la meglio. e la Pallacanestro Catanzaro. Due
RENAULT GRAGNANO: Di Lauro 7, Mlinar 16, rischiato di perdere la calma. Il match è comin- GRANORO CORATO: Raffaelli n.e., Stura 6, Nel secondo quarto sono sempre i padroni di ca- soli punti dividono le due squadre,
Tortolini 13, Moccia 4, Giordano 15, Cotugno 11, ciato bene per il Gragnano, che ha poi dovuto af- Stella 19, Scocimarro 17, Onetto 18, Grimaldi 8, sa a fare la partita, ma il Maddaloni riesce a ri- che ad inizio campionato avevano si-
Degregori 2, Orazzo n.e., Vergara 6, Di Somma n.e.. frontare un momento di buio che lo ha portato in Canzonieri n.e., Iorio, Paggi 10, Persichella 2. All. manere a contatto dei padroni di casa grazie al so- curamente obiettivi molto diversi.
All.Scotto. svantaggio di sei punti rispetto agli ospiti. Il di- Gatta. lito Coltellacci e ad un ottimo Doati. Gli attacchi, All’andata, in terra calabra, la Stir-
INFO&TEL MELFI: Ambruoso 8, Archetti n.e., stacco è stato poi recuperato nel secondo quarto, CEMENTIR MADDALONI: Valentino, Sergio B. però, continuano a faticare e così si va all’inter- paro superò senza problemi il Poz-
Bacchi 2, Castelletto 17, De Fanti 19, Di Capua 2, dove i gialloblè sono riusciti a passare in vantag- n.e., Piscitelli 2, Doati 17, Desiato 8, Coltellacci 19, vallo sul 32-28. Il rientro il campo, però,non lascia zuoli, con un netto 78-41, in una par-
Menzione 11, Pelliccione 12, Vulekovic n.e., Zaz- gio solo di un punto. Anche nel terzo quarto si è ri- Contaldo 10, Simeoli 8, Migliaccio n.e., Torresi n.e.. ben sperare il Maddaloni che non riesce a sbloc- tita in cui i puteolani non opposero
zeroni n.e.. All. Paternoster. petuta la stessa storia, ma ormai i gragnanesi ave- All. Agazzi. carsi in fase offensiva, mentre il Corato inizia a tro- la benché minima resistenza al team
ARBITRI: Calvosa di Cosenza e Pisani. vano ben chiaro il proprio avversario, e hanno cer- ARBITRI: Gasparri e Venturini. vare la via del canestro con una certa tranquillità. giallo-rosso. La squadra di coach Be-
NOTE: parziali 13-19, 37-36, 57-54. cato quanto più possibile di limitare le conclusio- NOTE: parziali 14-11, 32-28, 56-43. Il risultato è che i padroni di casa iniziano a pren- nedetto è reduce dal convincente
ni dalla lunga distanza, compensando le sviste in dere il largo riuscendo ad arrivare alla sirena fi- successo interno contro il Fossom-
GRAGNANO. Arriva la 9ª vittoria di fila per le aquile difesa con brillanti azioni di contropiede firmate CORATO. Nulla da fare per il Maddaloni che esce no- nale del terzo parziale su di un tranquillizzante brone, mentre la Trans Ocean viene
gialloblè, che continuano a governare la vetta e a Moccia, Giordano e Cotugno. Ottima la perfor- tevolmente ridimensionato dal parquet del Gra- +13 (56-43). Nell’ultimo quarto, poi, sono vani tut- dall’importante vittoria di Melfi. Il
godere il meritato successo. I gialloblè hanno 6 mance dei pivot Mlinar e Tortolini. L’ultimo quar- noro Corato. Una sconfitta pesante per il quintetto ti i tentativi della Cementir di riaprire il match, roster dei calabresi è sulla carta una
punti di vantaggio sulla seconda in classifica, un to come detto è stato giocato fino all’ultimo se- di Terra di Lavoro che rallenta la sua rincorsa per con il Corato che è bravo a gestire il vantaggio ac- delle migliori formazioni del torneo,
ottimo risultato dunque per i beniamini della città condo, prettamente dalla linea della carità. Che un piazzamento nella zona play off. La partita con cumulato. Maddaloni, quindi, è costretto alla re- con giocatori di grande spessore co-
della pasta. La partita è stata molto equilibrata, ma questa volta si è rivelata l’arma vincente. il Corato, però, non era nata sotto una cattiva stel- sa e vede allontanarsi pericolosamente i quartie- me Cattani, Albertinazzi e Saccardo.
ciò si è rivelato un danno negli ultimi minuti, quan- CHIARA SAUTTO la con gli ospiti che, nel primo quarto, riuscivano ri alti della classifica. Palla a due alle ore 19.

SERIE C1 | Altra sconfitta per la Getea Partenope che resiste tre quarti contro il Chieti, ma crolla nel finale. La Diveal stende il Santa Maria a Vico e rivede la zona play off
Il Marigliano si conferma in vetta, il derby va al Monte di Procida
GETEA PARTENOPE 76 Buon inizio del Chieti che con Rolando MARIGLIANO 101 ospiti alle corde. Ceglie che, erò, ha il DIVEAL MONTE DI PROCIDA 78 malgrado la marcatura di Scala, e Lu-
CHIETI 84 e capone mettevano subito la testa CEGLIE 92 merito di non mollare riuscendo a chiu- SANTA MARIA A VICO 59 brano bravo nel servire i compagni e nel
avanti. Poi con calma e soprattutto con dere il primo quarto sotto solamente di finalizzare le azioni dei flegrei. Anche
un Marino in forma strepitosa da tre, 5 lunghezze (33-28). Nel secondo quar- Danilo Fevola dà un mano alla Diveal,
GETEA PARTENOPE: Marino 20, nonostante giocasse con un fastidio- MARIGLIANO: Corvo 9, Confessore to, comunque, sono sempre i padroni di DIVEAL MONTE DI PROCIDA: che chiude avanti 19-14 il primo quar-
Di Lauro 9, Mennitti 13, Attianese 13, sissimo dolore alla caviglia. La Parte- 4, Iaselli 24, Suppa 10, Di Napoli 20, La casa a fare la partita con le squadre che Grassitelli 10, Lubrano 10, Carannante to. La seconda frazione va decisamen-
Fevola 9, Adinolfi 2, Ferrara, Varriale 2, nope in poco ricuce il divario e comin- Torre 13, Postiglione 5, Forino 16, Au- vanno al riposo sul 55-47 per il Mari- 3, Pilato 3, Fevola D. 15, Lepre, Maz- te meglio per i bianconeri, che risalgo-
Maddaloni 4, Errico 3. All. Persico. cia a macinare gioco trovando canestro riemma n.e., Serpico n.e.. All. Vanvitel- gliano. zocchi 6, Fevola M. 2, Scotto di Perta 11, no a china grazie ad una difesa efficace
CHIETI: De Gregori 9, Tatascione, con tutti gli effettivi. Nel terzo quarto lo. Al rientro il campo la musica non Cristiano 18. All. Lamberti. e a tre bombe di fila di Simioli che ria-
D’ottavio, Capone 23, Graziani n.e., Ma- un allungo deciso dei bianco blu con CEGLIE: Leone n.e., Bove 2, Della cambia con la squadra di coach Vanti- SANTA MARIA A VICO: Fucci, Var- prono la sfida e consentono ai viaggianti
riani 12 , Vasile 15, Bucossi 6, Rolando Mennitti e marino, lento il rientro del Corte 9, Mujango 26, De Amicis 12, Cor- velli che impone il proprio ritmo al met- riale 9, Adamo 7, Di Marzo 19, Corbo 3, di andare al riposo vanti 36-35. Nella ri-
19. All Agresti. Chieti che chiudeva sotto di solo una ri n.e., Capozziello n.e., Rossi n.e., Gal- ch, con gli ospiti che sono tenuti sem- Simioli 13, Scarpato ne, Petrone ne, Ser- presa i bianconeri di Massaro giocano
ARBITRI: Fimiani e Petrone. lunghezza. Nel quarto quarto lunghi lo 18, Passante 24. All. Tonucci. pre a debita distanza. Si arriva così a 10’ videi 2, Scala 3. All. Massaro. con la stessa intensità ma pagano il ter-
NOTE: parziali 24-26; 42-42; 63-62. black out offensivi degli uomini di coa- NOTE: parziali 33-28, 55-47, 81-71. dalla sirena finale con Forino e compa- ARBITRI: De Meo di Latina e Pep- zo e quarto fallo in serie di Simioli che
ch Persico, ma soprattutto un’impres- ARBITRI: Calderni di Foligno e Tar- gni anavanti ancora di 10 lunghezze (81- poni di Perugia. va ad accomodarsi in panca. Servidei e
NAPOLI. Bella a metà la partenope bef- sionante sequenza di liberi realizzati pani di Corciano. 71). Nell’ultimo quarto, infine, per il Ma- NOTE: parziali: 19-14, 35-36, 50-46. Fucci fanno quel che possono, ma Fe-
fata sul filo di lana. Di una gara com- dal Chieti, alla fine facevano la diffe- rigliano è semplice gestire il vantaggio vola e Scotto di Perta, ben assistiti da
battuta e divertente, con i partenopei, renza. Per i bianco blu resta quindi so- MARIGLIANO. Grande successo per il Ma- chiudendo di fatto il match molto prima MONTE DI PROCIDA. Il Monte di Procida si Cristiano, firmano il controbreak sul fi-
sempre pronti a ribattere colpo su col- lo l’amarezza per una vittoria sfiorata, rigliano che, seppur a fatica, riesce ad della sirena finale. Un successo che va- aggiudica il derby con il Santa Maria a nire del terzo periodo. La Fiamma in-
po ai tentativi di allungo del Chieti, ma anche in vista del difficile impegno di avere la meglio sul Ceglie. I padroni di le, ancora una settimana, la vetta della Vico. L’avvio dei padroni di casa è otti- segue 50-46 al 30’ e nell’ultimo periodo
sul finale, qualche disattenzione di domenica prossima in trasferta sul dif- casa partono forte e grazie ai canestri classifica, ed in molti adesso sognano la mo con Cristiano, ripresosi al meglio crolla letteralmente, sprofondando a 65-
troppo ha favorito la vittoria ospite. ficilissimo parquet di Molfetta. di Iaselli e Di Napoli mettono subito gli promozione dall’infortunio, molto attivo in vernice, 50 che chiude in pratica il match.