Sei sulla pagina 1di 1

A MARIANO BOGLIACINO A FA B I O C A N N AVA R O A L L A J U V E S TA B I A

E stato il vero protagonista, non solo per la rete del- Un napoletano grande protagonista nella Juven- Sembrava che avesse intrapreso la strada giusta,
la vittoria ma anche perché ha dato molti sugge- 7 tus: chi lo avrebbe detto? Sarà una pedina fon- 3 invece ecco che arriva di nuovo la sconfitta, no-
10 rimenti ai compagni di squadra. Soprattutto agli
attaccanti, che non lo hanno saputo assecondare.
damentale anche nell’Italia ai Mondiali. Anche lui
è un esempio di chi nobilita il marchio Napoli nel
nostante il miglioramento della rosa. Questa
squadra l’ho sempre stimata e, soprattutto per la
Il giovanotto migliora di domenica in domenica e sta mondo. E tanti complimenti a chi l’ha tolto all’Inter… tifoseria, meriterebbero categorie più importanti.
consolidando la sua posizione, anche in vista di una conferma
AL NAPOLI A D A L C U N I C O M M E N TAT O R I T V
per la categoria superiore. Se continua così, può essere un cal-
Soltanto per la vittoria e per l’agonismo profuso Grazie alle loro disamine tecniche, aumenta ulte-
ciatore adatto anche alla serie B.
6 in campo fino al 94’. Ma in quanto a gioco, non
ci siamo ancora. Speriamo che Reja, avendo tut-
2 riormente la confusione che regna nel Napoli. Spe-
ro che diminuiscano presto certi “esperti”, soprat-
A L L’ AT L A N T I S P O S I L L I P O
ti i giocatori a disposizione, adesso riesca a mi- tutto i più giovani e che, prima di parlare, prendano
La squadra di De Crescenzo in settimana ha vinto la gliorare la qualità dell’iniziativa. spunto da chi ha più esperienza di loro.
Supercoppa, prolungando la già lunga striscia di

Il pagello
risultati positivi. Grazie alla nostra squadra di pal-
9 lanuoto, la città di Napoli ha la fortuna di viag-
giare per il mondo e sempre a testa alta. Tutto ciò
A SOSA E CALAIÒ
Stavolta la partecipazione degli esterni dei cen-
A L S AV O I A
Ancora un risultato negativo e mi dispiace, perché

ne 5 1
trocampisti è stata superiore, tanto da creare tengo molto ad un club che ha dato grande fulgore
in attesa che anche la squadra di calcio riesca ad ot- numerosi parecchi palloni giocabili per i bom- al calcio campano. Speravamo tutti che le corre-
tenere gli identici successi. ber. Soprattutto per Calaiò, che mi auguro sia zioni fatte portassero al traguardo della promzio-

di Rambo A G I A N L U C A G R AVA
un calciatore diverso da quello che si vede. ne. Invece, adesso bisogna guardarsi dietro.

ne
Insieme a Bogliacino è stato uno dei protagonisti A L L’ AV E L L I N O AL PRESIDENTE LOTITO
8 della gara. È sempre costante il suo rendimento, Nonostante i rinforzi e “l’innesto” di Fedele nell’a- Quest’uomo certamente legato ad ambienti politici si
ben superiore rispetto alla media e con un miglio-
ramento evidente soprattutto negli inserimenti of-
4 rea tecnica, la squadra irpina colleziona ancora
sconfitte, con una classifica sempre più precaria, no-
0 lamenta ancora della tifoseria laziale, che viene pre-
sa per i fondelli continuamente, perché invece di rinfor-
fensivi, con sovrapposizioni e palle messe in mezzo. nostante gli sforzi economici del presidente Pugliese. zare il gruppo si sta privando dei pezzi migliori.

23 gennaio 2006

e-mail: sport@ilroma.net

LUCCHESE KO | L’attacco è ancora in panne e la squadra di Reja risolve il momento-no con un successo brutto e di misura

Il Napoli vince senza gioco


Un gol di Bogliacino permette agli azzurri di allungare in vetta: +5 sul Frosinone
RAFFAELE AURIEMMA
NAPOLI LUCCHESE
NAPOLI. Il freddo è una condanna e si fa strada nelle os-
sa, ma almeno i tre punti sono fatti salvi. È un conforto
minimo, ma non si può avere tutto dalla vita. Così come
4-4-2 10 4-4-2

non esiste gioia nel calcio di serie C. Nemmeno se ti chia- (PRIMO TEMPO 1-0)
mi Napoli e un popolo di sei milioni di fan ti chiede di IEZZO 6 BRUNNER 6
farli divertire. Non c’è verso, dovranno attendere tutti, GRAVA 7 CAMPANA 5,5
da Scampia a Little Italy, tempi migliori ed altre catego-
ROMITO 6 BELLUCCI 6
rie. Per adesso c’è una priorità inderogabile: la risalita.
E nella scalata non si può badare troppo alla tecnica, si MALDONADO 6 GERALDI 6
lavora di chiodi e piccone, stando attenti che le schegge LACRIMINI 6,5 MANNUCCI 6,5
38’ st Cupi sv 27’ st Guidi 5,5
non finiscano negli occhi. Come è successo l’altra do-
menica a Massa, in una giornata di totale appannamen- CAPPARELLA 6 MAGNANI 5
44’ st Amodio sv 9’ st Sturba 5
to per i calciatori in maglia azzurra. Una settimana è sta-
ta sufficiente per ritrovare la vista e la vittoria, non di cer- MONTERVINO 6 DA SILVA FABIANO 5
9’ st Koné 6
to il gioco. Solo qualche sprazzo, ondate nervose parto- FONTANA 6
rite dal ritrovato dinamismo sugli esterni. Soprattutto a BOGLIACINO 7,5 NAPOLIONI 6,5
destra, dove Grava e Capparella sembravano reduci da SOSA 5 BONFANTI 6
un prolungato allenamento sulla staffetta dei cento me-
CALAIÒ 5 CARRUEZZO 5,5
tri. Uno partiva e l’altro lo aspettava per cedergli il te- 42’ st Grieco sv MASINI 5,5
stimone, in attesa di fare altrettanto poco dopo. Anche
il sincronismo mancino ha funzionato come da tempo non
ALL. REJA 6 ALL. SIMONI 6
IN PANCHINA: GIANELLO, BRIOTTI, MON- IN PANCHINA: MOREAU, DEOMA, CUC-
si vedeva. Non è stato un miracolo, ma più semplicemente TESANTO, DE PALMA CIARI, MANCINO
la logica. Quella che ha convinto Reja ad assegnare ad
ARBITRO: FORCONI DI APRILIA (5,5)
ognuno dei propri calciatori il ruolo che gli spetta. Ad COLLABORATORI: ZANNIER E NOCERA RECUPERI: 0’ E 4’
esempio Lacrimini. Utilizzato per la prima volta da tito-
MARCATORE
lare in maglia azzurra, ha cambiato il volto di una corsia
che fino a quel momento era stata terra di nessuno. E ne 32’ PT BOGLIACINO
ha beneficiato Bogliacino, libero di potersi esprimere an- NOTE
che centralmente, rasserenato come era dalla presenza ABB: 13.738 EURO 79.773,82 PAGANTI: 6.374 EURO 54.292 TOT: 54.292 EURO 134.065,82
vigile del mancino di San Sepolcro. ESPULSI: NESSUNO ESPULSI: NESSUNO
Non è stato per grazia ricevuta se il Napoli anemico del-
le ultime settimane ha trovato l’antidoto per le avversa- AMMONITI: CAPPARELLA, MONTERVINO AMMONITI: NESSUNO
rie ormai consapevoli della necessità di adottare la di- CALCI D’ANGOLO: 11 CALCI D’ANGOLO: 4
fesa ad oltranza per paralizzare il sistema di gioco adot- Esultanza incontenibile. Bogliacino ha realizzato ieri il quarto gol stagionale (foto Agn)
tato da Reja. Il Grosseto e la Massese hanno tratto pro-
fitto da questa logica sparagnina ancorché efficace, men-
tre l’Acireale non ne ha goduto soltanto per il difetto di LA RIPRESA A CASTELVOLTURNO
mira dei propri attaccanti. Lo scherzetto stava riuscen- L A P A R T I TA M I N U T O P E R M I N U T O
do anche alla Lucchese, sistemata dal sempre lucido Si-
moni con una linea difensiva a quattro. Retroguardia
bloccata anche sugli esterni e con i due mediani Napo-
PRIMO TEMPO tempo. Il brasiliano Da Silva Fabiano calcia bene
una punizione sulla quale Iezzo si distende de- Giubilato e Pià domani
viando in tuffo.
14° Il Napoli si fa pericoloso con una fuga di Cappa-
lioni e Fabiano in continua pressione sul portatore di pal-
la, oppure chiamati al controllo del centrocampista az-
zurro in fase di inserimento. Stava filando tutto liscio, ma
rella sulla destra, cross a spiovere, il portiere del-
la Lucchese, Brunner, trova difficoltà nell’allon-
SECONDO TEMPO ritornano per allenarsi
la squadra toscana non aveva fatto i conti con la verve di tanare il pallone smanacciando. 1° Partenza bruciante del Napoli. Capparella semi- NAPOLI. Un lunedì di tutto riposo per gli azzurri
Bogliacino. Abile l’uruguaiano ad accelerare l’azione con na Mannucci, entra in area dalla linea di fondo dopo i due mesi vissuti a tutto ritmo tra
ficcanti verticalizzazioni ed inserimenti a folate. In una 32° È il minuto del gol degli azzurri. L’azione parte campo e appoggia il pallone sulla testa di Calaiò. campionato, Coppa Italia di C e Tim Cup. Gli
di queste sortite, la difesa lucchese si è fatta scappare nuovamente dalla fascia destra, Grava si presen- Da pochi metri il centravanti colpisce debolmen- azzurri possono tirare il fiato in serenità, in
l’uruguaiano, lesto nel lanciarsi in tuffo sul traversone te- ta al limite dell’area toscana, confeziona un tra- te di testa. virtù della vittoria di ieri, ma anche Reja da
so di Grava. Era prevedibile che in una gara del genere versone teso sul quale Bogliacino si tuffa, antici- domani potrà tornare a ragionare sulla
il Napoli potesse sbloccare il risultato in tre modi: con la
zampata di un attaccante, su di un calcio piazzato oppure
pando la difesa rossonera interamente schierata.
Il colpo di testa in diagonale diventa imparabile
2° Napoli insidioso sempre dalla destra. Grava sfug-
ge a tutti ma da buona posizione effettua un cross
squadra in maniera diversa. Tra non molto il
tecnico potrà tornare a disporre di alcuni dei
sull’invenzione del singolo. In assenza dei primi due ele- per Brunner e la gioia dell’uruguaiano è inconte- troppo lungo per Bogliacino. calciatori infortunati. A cominciare da David
menti, la squadra di Reja ha beneficiato della giornata nibile. Giubilato che nella ripresa della preparazione,
di grazia di Bogliacino, giunto al quarto gol stagionale in 9° ÈL’esterno
ancora Capparella a presentarsi in zona gol. prevista per domani pomeriggio a
campionato: insieme con Sosa è il miglior realizzatore del
Napoli dopo Calaiò. Ma è proprio il caso di aspettare un
33° Gli azzurri hanno l’occasione del raddoppio, an-
cora una volta sugli sviluppi di un’azione dalla de-
si fa trovare pronto in area di rigore, su
di un pallone che spiove sul suo destro. La con-
Castelvolturno, si aggregherà nuovamente al
gruppo dopo il leggero strappo all’adduttore
guizzo inatteso per evitare di restare a secco? Fa riflet- stra. La Lucchese si fa trovare sbilanciata, Mon- clusione è potente ma troppo precisa e Brunner dello scorso 21 dicembre. Con lui ci sarà anche
tere e ha bisogno di un approfondimento la crisi degli at- tervino si inserisce sulla corsia, penetra in area e riesce a salvare a mani unite. Pià, fermo dalla sfida di mercoledì scorso in
taccanti del Napoli. Il Pampa è andato a segno quattro disegna un pallonetto che va a scheggiare la par- Coppa contro il Teramo. Il recupero
volte quest’anno, l’ultima delle quali l’8 gennaio contro
l’Acireale. Ma è l’astinenza di Calaiò che nessuno pote-
te alta della traversa toscana. 30° Bogliacino impazza sul lato sinistro e pennella un
traversone rasoterra per Calaiò, ma il centravanti
dell’attaccante brasiliano, infortunatosi al
ginocchio, è repentino e nel corso della
va prevedere dopo il buon inizio di stagione. Il centravanti 41° La Lucchese si fa più intraprendente e Napolioni, viene anticipato in angolo da Geraldi. settimana verrà verificato il suo possibile
palermitano ieri ha provato a darsi da fare ma non ha al limite dell’area azzurra prova un conclusione a impiego domenica prossima a Sassari. Durante
sfruttato le poche opportunità che, comunque, gli sono
capitate. Il bomber ha realizzato finora otto reti, l’ulti-
botta sicura. È Romito ad opporsi con coraggio al
destro violento del centrocampista.
37° La Lucchese cerca nel finale la giocata del pareg-
gio. Gli azzurri si fanno trovare impreparati in
la settimana di lavoro il club, di concerto con
l’allenatore, deciderà il programma di viaggio
ma delle quali nel corso di Chieti-Napoli dello scorso 20 contropiede, Masini scatta bene oltre i difensori, per la Sardegna. C’è da decidere se partire di
novembre, cioè 64 giorni fa. Un ritardo imbarazzante, che 43° Rossoneri ancora insidiosi in chiusura di primo poi prova un pallonetto sul quale Iezzo para bene. venerdì, anziché sabato.
va risolto in fretta. In nome della serie B. [RA]

Potrebbero piacerti anche