Sei sulla pagina 1di 1

lunedì 23 gennaio 2006 PRIMO PIANO 3

AGGRESSIONE IL SOCIOLOGO AMATO LAMBERTI IL PRESIDENTE DELLA CIRCOSCRIZIONE VOMERO

«È la spia di un’insofferenza» «Maximulte per chi compra»


NAPOLI. «I napoletani sono «I napoletani in genere si NAPOLI. «Quello che accade to in passato nel Comitato
un popolo accogliente, le mettono dalla parte del più nel nostro quartiere ha del territoriale per l’ordine e
forze dell’ordine non fanno debole. Ma questi control- paradosso. Da un lato c’è la sicurezza. Ma è il caso di
molto per farsi amare, e li, spesso, non si svolgono una forte richiesta delle riunirci di nuovo per fare
questi episodi sono la spia in modo tranquillo. Le for- forze dell’ordine a tutela il punto della situazione».
AL VOMERO di una insofferenza cre-
scente in città. Ma il pro-
ze dell’ordine inseguono e
il disperato di turno scap-
dalle baby gang. Dall’altra
si verificano aggressioni
Con quali proposte?
«Credo che si potrebbe,
blema si potrebbe affron- pa». nei confronti dei tutori del- per cominciare, perseguire
Il presidente del “Co- tare anche creando i mer-
catini etnici». L’analisi del
Lei, però, anni fa lanciò una
campagna per la “tolleranza
la legalità, qualora questi si
avvicinano agli ambulanti
gli acquirenti della merce
contraffatta. Sono previ-
mitato dei valori col- sociologo Amato Lamberti zero”. Non ha fatto breccia immigrati», Francesco Li- ste multe salatissime».
(nella foto), ex presidente dell’Ammini- nella cultura dei napoletani? castro (nella foto) presi- E può bastare?
linari” critica gli strazione provinciale di Napoli, è ap- «La merce contraffatta è un mercato del- dente della Circoscrizione Vomero è egli «No. Perché è inutile perseguitare dei po-
amministratori loca- profondita. «Quanto è accaduto al Vomero
è successo anche altre volte» dice Lam-
la camorra e la lotta deve puntare all’ori-
gine di questo commercio, che è anche
stesso sbalordito per l’episodio verificatosi
in via Luca Giordano.
veracci. Bisogna andare alla radice del pro-
blema arrestando chi sfrutta questi pove-
li: «Non controllano berti. sfruttamento di questi immigrati». Come affronterete il problema? racci».
Come mai? [RB] «Dell’ambulantato illegale abbiamo parla- [RB]
più il fenomeno»

ACCUSE A TECCE | Capodanno: «Questa è la capitale dell’illegalità. Dove sono i mercatini etnici promessi dall’assessore al Commercio?»

Assalto ai vigili, due sedicenni in manette


commenta Gennaro Capodanno, presidente del Co- IL PARERE DEI VOMERESI
ROSA BENIGNO
mitato Valori collinari - Dopo l’ennesima aggres-
NAPOLI. Sta diventando ormai una consuetudine. Al
Vomero è accaduto già altre quattro o cinque volte
sione nei confronti di carabinieri e vigili urbani in
via Luca Giordano, “rei” di fare il loro dovere per
«Noi vogliamo i controlli
in passato, e anche sabato alcuni passanti che han-
no assistito alla fuga di un immigrato dalle forze del-
l’ordine che intendevano perquisirlo, si sono schie-
combattere l’ambulantato abusivo, possiamo af-
fermare che Napoli è di fatto la capitale dell’ille-
galità, un altro triste primato che ci deve far ver-
quando arrivano le babygang»
rati in sua difesa. Non solo. Un centinaio sarebbe- gognare». NAPOLI. Il problema degli immigrati che metropolitana, che fa molti più danni
ro stati i cittadini che hanno preso parte alla curiosa Secondo Capodanno «Gli inqualificabili episodi, espongono le loro merci in via Scarlat- di questi ragazzi, purtroppo. E dov’è la
scena e in gruppo sarebbero passati addirittura dal- che si sono verificati in un recente passato sempre ti e via Luca Giordano, al Vomero, non polizia in quei giorni? Non c’è, se non
la difesa all’aggressione dei carabinieri e dei vigili al Vomero e anche in via Toledo e al corso Umber- si risolve con gli arresti e le percosse, quando succedono le maxirisse e gli ac-
urbani che erano riusciti a catturare il fuggitivo. to, e che hanno visto schierati anche esponenti po- secondo i cittadini vomeresi. coltellamenti. E’ naturale che troviamo
Le indagini hanno condotto i militari dell’Arma sul- litici oltre che semplici passanti contro le forze del- Nonostante le continue lamentele assurdo l’arresto di un giovane magre-
le tracce di due sedicenni, che sono stati fermati con l’ordine, sono la spia del male incurabile di questa dei commercianti per l’occupazione del bino che non dà fastidio a nessuno ed
l’accusa di resistenza a pubblico ufficiale aggrava- metropoli: il convincimento che vivere fuori dalle suolo e la concorrenza sleale degli im- è molto più debole» Le fa eco Ernesto,
ta. Il fatto è accaduto in via Luca Giordano, all’in- leggi è una necessità inderogabile dettata dalla pre- migrati, i cittadini del quartiere sento- pensionato, che quando scende la mat-
crocio con via Stanzione, dove la folla ha preso a sas- carietà e dalla mancanza del lavoro». no come un’ ingiustizia il trattamento tina per fare la spesa spesso si ferma a
sate e insulti i vigili urbani che avevano messo le ma- «Purtroppo - accusa il presidente del Comitato riservato molto spesso a questi ultimi fare due chiacchiere con Johnny, se-
ni sull’immigrato. Sono volate anche tappi di bot- Valori Collinari - la classe dirigente napoletana, a colo oramai usuale, il Vomero come altre zone com- da parte della polizia, accusata di es- negalese, ambulante di via Scarlatti or-
tiglia e monete, una reazione che ha consentito la tutti i livelli, dai parlamentari agli amministratori merciali della città, era un solo tappeto di mer- sere assente quando il Vomero diventa mai da cinque anni. «Per noi del quar-
fuga dell’extracomunitario. canzie contraffatte, le stesse griffe che in origina- realmente un quartiere a rischio, e non tiere - dice Ernesto - questi ragazzi so-
L’intervento dei militari, a loro volta ac- le ma a costi ovviamente ben più elevati si vendo- certo per i senegalesi o i marocchini. no come i negozianti, ormai li cono-
cerchiati dalla folla, ha portato all’identifi-
Sarebbero stati un centinaio i no nelle boutique delle strade napoletane e nessu- Così Elena, residente in via Scarlatti, te- sciamo tutti. Certo il problema c’è, ed
cazione e al fermo dei due giovani, uno dei cittadini che sabato sera hanno as- no interveniva». Sottto accusa anche l’assessore al stimone dell’aggressione di sabato se- è anche serio, ma non si risolve con gli
quali risulta già noto alle forze dell’ordine. Commercio, Raffaele Tecce. « Dove sono i mercati ra ai vigili urban: «Questa situazione è arresti di poveri diavoli in una città che
Tre agenti di polizia municipale hanno fat-
sunto le difese dell’immigrato inse- multietnici a suo tempo promessi dall’assessore al ormai incancrenita, nessuno si deve trabocca di camorra. Si risolve dando
to ricorso a cure straordinarie giudicate gua- guito dalle forze dell’ordine commercio Tecce, destinati ai soli extracomunita- stupire se la gente sente di difendere i dignità alle persone, con un lavoro ed
ribili in cinque giorni. I due minorenni sono ri in regola con le leggi dello Stato? - chiede Capo- clandestini piuttosto che i napoletani, una casa. Non ho mai visto un arresto
stati condotti nel centro di prima accoglienza dei locali, non riesce a controllare più questo fenome- danno - E che fine hanno fatto le pattuglie miste con che sono la vera rovina di questa città. di quelli che vengono qui da Scampia a
Colli Aminei. no e la città è di fatto nelle mani dei disoccupati e vigili urbani,carabinieri, agenti di pubblica sicu- Se lei va in giro il sabato pomeriggio in fare danni, eppure sono certo che i po-
«È sconfortante, viene la voglia di andare via. A degli abusivi oltre che della delinquenza organiz- rezza che nei mesi scorsi avevano fatto la loro timida via Scarlatti non troverà un vomerese, liziotti saprebbero chi arrestare».
Napoli le persone oneste non possono più vivere - zata. Durante il recente periodo natalizio, spetta- comparsa proprio nel quartiere Vomero». solo gente di periferia arrivata con la ANNAMARIA ANTONELLI