Sei sulla pagina 1di 2

LETTERA APERTA

LE INSIDIE DELL’ UNIONE EUROPEA

Si sta avvicinando il momento di eleggere i nuovi rappresentati dell’Unione Europea in un clima generale
di freddezza e delusione, se non di totale scetticismo. Si vada pure a votare, anzi si deve andare! Se non
altro per sostenere quei pochi eroi che si sono dichiarati pronti a difendere le radici cristiane dell’Europa,
finora ignorate o calpestate dai fautori dell’Unione, anche se poco potranno fare costoro contro quel
manipolo di potenti che hanno decretato da sempre la fine dell’Europa cristiana in nome di un laicismo
senza volto e senz’anima.

Solo per l’Italia è previsto un numero di oltre 70 parlamentari che, moltiplicato con abbondanza per tutte
le altre Nazioni dell’Unione, ci fornisce il quadro di un Parlamento europeo mastodontico, mostruoso,
difficile da gestire che sembra più incombere sull’Europa anziché sostenerla, perché aumenterà l’apparato
burocratico che graverà sulle singole Nazioni creando nuove povertà per tutti.

D’altra parte, che cosa ci si può aspettare da un’Unione Europea che ha volutamente rinnegato la propria
gloriosa storia di civiltà, di arte e di progresso, calpestando le sue radici cristiane, segno di libertà,
eliminando i Crocifissi, e scegliendo come ispiratori solo i rappresentanti di correnti materialistiche,
massoniche e agnostiche quali Darwin, Nietzsche, Freud, Marx, Lenin, i cui discepoli continuano a
imperversare per l’Europa e il mondo intero con le loro leggi perverse?
• Questa Unione è solo un agglomerato di nazionalità che crede di avere un linguaggio comune solo
perché ha inventato una ridicola moneta comune, che ha avuto il pregio di impoverire tutti.
• E’ una nuova Europa senza radici e senza futuro che pretende di legiferare su tutto, dal sistema di
riproduzione della frutta a quello dell’essere umano, decidendo sulla vita e sulla morte dell’uomo,
un’Europa che stanzia fondi per l’aborto facile e che pretende di legalizzare, in nome di un
laicismo disancorato dalla legge naturale, qualunque comportamento trasgressivo, presentandosi
come “arbitra assoluta del sesso”.
• E’ una nuova Europa che sta uccidendo sé stessa a forza di favorire i suoi nemici di sempre, come
ad esempio l’Islam, premendo per l’ingresso della Turchia nel nostro territorio.

C’è poco da sperare sul nostro futuro di liberi cittadini in un’Europa soggetta alla dittatura del
relativismo, imposto attraverso leggi inique e avvallato dal cosiddetto “Trattato di Lisbona”, un trattato
che, in nome di una falsa libertà e democrazia, in realtà vanifica la sovranità di ogni singolo Stato col suo
vasto patrimonio culturale per costringere tutti a “inginocchiarsi”, non certo davanti a Dio, unico, vero
garante della libertà dell’uomo e delle Nazioni, bensì davanti all’idolo del laicismo per una nuova
religione senza Dio e contro l’uomo.

Questa nuova Europa si sta avviando verso la propria distruzione grazie ai suoi “nuovi fondatori”, atei,
massoni e agnostici, i quali, mentre credono di disfarsi della Chiesa cattolica e dello stesso Cristo, non si
accorgono che stanno mettendo un cappio al collo a sé stessi e ai loro figli.

Questo futuro oscuro della nostra Europa non avrà comunque la meglio, perché sarà prima o poi
abbagliato e vinto dalla luce radiosa della Madonna che ha promesso la sua protezione e la sua vittoria
sulle forze oscure del male, grazie alle continue invocazioni di molte persone umili e coraggiose. E come
la Madonna ha salvato l’Europa a Lepanto, a Vienna e in molti altri luoghi meno conosciuti, così salverà
ancora l’Europa dal nemico, come ha promesso a Lourdes e a Fatima

Patrizia.stella@alice.it

Verona, 22 maggio 2009