Sei sulla pagina 1di 11

MD 02/01 - 00

MD 02/01 - 00 Unità Operativa /Area U.O.C. MICROBIOLOGIA E VIROLOGIA ISTRUZIONE OPERATIVA Sigla: IO 10/34

Unità Operativa /Area U.O.C. MICROBIOLOGIA E VIROLOGIA

ISTRUZIONE OPERATIVA

Sigla: IO 10/34

Pagina 1 di 11

MODALITÀ DI PRELIEVO E RACCOLTA CAMPIONI PER PAZIENTI ESTERNI

NOTE:

0

 

Prima emissione

D.ssa S. Natili

D.ssa M. Tronci

Rev.

Data

Oggetto

Redige

Autorizza

MD 02/02 - 00

Unità Operativa /Area U.O.C. MICROBIOLOGIA E VIROLOGIA

Unità Operativa /Area U.O.C. MICROBIOLOGIA E VIROLOGIA

MODALITÀ DI PRELIEVO E RACCOLTA CAMPIONI PER PAZIENTI ESTERNI

Sigla: IO 10/34

Rev. 00

Pagina 2 di 11

Sommario

1.

URINE

3

1.1 Urinocoltura

 

3

 

1.1.1

Raccolta da “mitto intermedio”

3

1.2 Ricerca di Micobatteri

4

1.3 Ricerca di Micoplasmi urogenitali, Trichomonas e Gonococco

4

1.4 Ricerche particolari

4

 

1.4.1

Ricerca dell’antigene urinario di Legionella pneumophila e Streptococcus

pneumonite

4

1.4.2

Ricerca di Clamydia trachomatis sulle urine

5

2.

FECI

5

2.1 Esame chimico fisico delle feci

5

2.2 Ricerca del sangue occulto nelle feci (si consiglia su tre campioni)

5

2.3 Esami colturali sulle feci

6

2.4 Ricerca di Clostridium difficile

7

2.5 Ricerca di Helicobacter pylori Antigene (HPSA)

7

2.6 Ricerca di Enterobius vermicularis (uova di ossiuri deposte nelle pliche anali) mediante

SCOTCH- TEST

 

7

2.7

Ricerche Parassitologiche relative a Protozoi

8

3.

MATERIALE BIOLOGICO URETRALE E GENITALE

9

3.1 Ricerca di Chlamydia trachomatis

9

3.2 Ricerca di Micoplasmi Urogenitali

9

4. LIQUIDO SEMINALE PER ESAME COLTURALE

9

5. ESPETTORATO

10

6. SANGUE

 

10

6.1. Ricerca della produz. di interferon-gamma per la determinazione della Tubercolosi latente

(test Quantiferon)

10

6.2

Ricerche Sierologiche e Virali

11

MD 02/02 - 00

Unità Operativa /Area U.O.C. MICROBIOLOGIA E VIROLOGIA

Unità Operativa /Area U.O.C. MICROBIOLOGIA E VIROLOGIA

MODALITÀ DI PRELIEVO E RACCOLTA CAMPIONI PER PAZIENTI ESTERNI

Sigla: IO 10/34

Rev. 00

Pagina 3 di 11

SI RICORDA CHE:

E’ NECESSARIA LA PRENOTAZIONE presso il CUP AZIENDALE per l’esecuzione:

INTRADERMOREAZIONE di Mantoux”,LA PRENOTAZIONE presso il CUP AZIENDALE per l’esecuzione: RICERCA di Dermatofiti) 1. URINE Esami colturali sulle

RICERCA di Dermatofiti)per l’esecuzione: INTRADERMOREAZIONE di Mantoux”, 1. URINE Esami colturali sulle urine (urinocoltura): per

1. URINE Esami colturali sulle urine (urinocoltura): per identificare l’agente eziologico di un’infezione delle vie urinarie ed indicare un trattamento antibiotico mirato; vengono inoltre determinati il Potere Antibiotico Residuo ed una valutazione microscopica del campione.

Tempo ottimale di prelievo del campione: Prima della terapia antimicrobica se possibile o dopo averla cessata da almeno 3-5 giorni.Residuo ed una valutazione microscopica del campione. Tempo ottimale di consegna del campione: Entro due ore

Tempo ottimale di consegna del campione: Entro due ore dall’emissione.se possibile o dopo averla cessata da almeno 3-5 giorni. 1.1 Urinocoltura 1.1.1 Raccolta da “mitto

1.1

Urinocoltura

1.1.1

Raccolta da “mitto intermedio”

Materiale per la raccolta:

Contenitore sterile in polistirene, a bocca larga, con tappo a vite, da acquistare in farmacia.

Modalità di raccolta:

Raccogliere le urine della prima minzione del mattino, poiché contengono un numero

più elevato di microrganismi, (o almeno tre ore dopo l’ultima minzione) procedendo come segue:

- effettuare lavaggio accurato delle mani con acqua e sapone

- pulire accuratamente e ripetutamente i genitali esterni con acqua e sapone (nell’uomo, dopo aver retratto il prepuzio; nella donna, tenendo distanziate le grandi labbra con una mano, pulendo con l’altra mano dall’avanti all’indietro)

- risciacquare con acqua corrente

- urinare (nella donna tenendo divaricate le labbra) e scartare il primo getto; raccogliere nel contenitore sterile - acquistato in farmacia - il getto successivo (mitto intermedio)

- riempire non più della metà del contenitore, evitando di toccare l’interno con le mani o con i genitali

- il resto dell’urina deve essere buttata

- chiudere il contenitore.

- consegnare il più presto possibile in ambulatorio (la processazione dovrebbe avvenire entro 2h dall’emissione).

N.B. ricerche particolari devono essere specificate sull’impegnativa di richiesta. (In caso di risultato positivo vengono di norma eseguiti identificazione ed antibiogramma relativi al germe patogeno evidenziato).

MD 02/02 - 00

Unità Operativa /Area U.O.C. MICROBIOLOGIA E VIROLOGIA

Unità Operativa /Area U.O.C. MICROBIOLOGIA E VIROLOGIA

MODALITÀ DI PRELIEVO E RACCOLTA CAMPIONI PER PAZIENTI ESTERNI

Sigla: IO 10/34

Rev. 00

Pagina 4 di 11

1.2 Ricerca di Micobatteri

Materiale per la raccolta:

Contenitore sterile in polistirene, a bocca larga, con tappo a vite, da acquistare in farmacia.

Modalità di raccolta:

- Raccogliere tutte le urine del prima minzione del mattino (non le urine delle

24h)

Si consiglia ripetere la raccolta per tre giorni consecutivi. Ogni giorno deve essere consegnato il relativo campione in ambulatorio (impegnativa unica).

1.3 Ricerca di Micoplasmi urogenitali, Trichomonas e Gonococco (ove non sia possibile o consigliabile prescrivere da parte del medico curante il tampone uretrale/cervicale)

Materiale per la raccolta:

Contenitore sterile in polistirene, a bocca larga, con tappo a vite, da acquistare in farmacia.

Modalità di raccolta:

-

urinare (nella donna tenendo divaricate le labbra) e raccogliere soltanto il primo getto (1-2 ml)

-

consegnare rapidamente in ambulatorio.

 

1.4

Ricerche particolari

 

1.4.1

Ricerca

dell’antigene

urinario

di

Legionella

pneumophila

e

Streptococcus pneumonite

Materiale per la raccolta:

Contenitore sterile in polistirene, a bocca larga, con tappo a vite, da acquistare in farmacia.

Modalità di raccolta:

La ricerca può essere effettuata su campione di urine raccolto in qualunque momento della giornata

MD 02/02 - 00

Unità Operativa /Area U.O.C. MICROBIOLOGIA E VIROLOGIA

Unità Operativa /Area U.O.C. MICROBIOLOGIA E VIROLOGIA

MODALITÀ DI PRELIEVO E RACCOLTA CAMPIONI PER PAZIENTI ESTERNI

Sigla: IO 10/34

Rev. 00

Pagina 5 di 11

1.4.2 Ricerca di Clamydia trachomatis sulle urine (ove non sia possibile o consigliabile prescrivere da parte del medico curante il tampone uretrale/cervicale)

Attenzione: L’ultima minzione del paziente deve risalire ad almeno due ore dal prelievo

Materiale per la raccolta:

Contenitore sterile in polistirene, a bocca larga, con tappo a vite, da acquistare in farmacia.

Modalità di raccolta:

 

-

Le donne non devono detergere la regione labiale prima della raccolta dell’urina.

-

Raccogliere tutte le urine del prima minzione del mattino

-

Consegnare nel più breve tempo possibile al Laboratorio.

2.

FECI

2.1

Esame chimico fisico delle feci

Materiale per la raccolta:

contenitore sterile di plastica con tappo fornito di “cucchiaino”, da acquistare in farmacia.

Modalità di raccolta:

- defecare su una superficie pulita e raccogliere una piccola quantità di feci col tappo cucchiaino del contenitore standard in dotazione

• è sufficiente una quantità di campione pari al volume di una nocciola

• per feci liquide è sufficiente un volume di 2-3 ml

- evitare la contaminazione con urine

- non imbrattare con il campione le superfici esterne ed il tappo del contenitore

- consegnare rapidamente in ambulatorio.

2.2 Ricerca del sangue occulto nelle feci (si consiglia su tre campioni)

I campioni di feci devono essere raccolti in 3 giorni diversi.

Sono da evitare

campionamento:

nei tre giorni precedenti la

raccolta e durante

il

periodo di

- Assunzione di carni crude rosse o poco cotte

- Assunzione di Acido acetilsalicilico (aspirina) e antinfiammatori non steroidei

MD 02/02 - 00

Unità Operativa /Area U.O.C. MICROBIOLOGIA E VIROLOGIA

Unità Operativa /Area U.O.C. MICROBIOLOGIA E VIROLOGIA

MODALITÀ DI PRELIEVO E RACCOLTA CAMPIONI PER PAZIENTI ESTERNI

Sigla: IO 10/34

Rev. 00

Pagina 6 di 11

- Assunzione di corticosteroidi, anticoagulanti, fenilbutazone, reserpina, antimetaboliti e chemioterapici antitumorali

- Assunzione di alcool in eccesso

- Preparazioni antisettiche con iodio

- Vitamina C oltre 250 mg/die

Materiale per la raccolta:

contenitore sterile di plastica con tappo fornito di “cucchiaino”, da acquistare in farmacia.

Modalità di raccolta:

- defecare su una superficie pulita e raccogliere una piccola quantità di feci col tappo cucchiaino del contenitore standard in dotazione

- è sufficiente una quantità di campione pari al volume di una nocciola

- per feci liquide è sufficiente un volume di 2-3 ml

- evitare la contaminazione con urine

- non imbrattare con il campione le superfici esterne ed il tappo del contenitore

- consegnare rapidamente in ambulatorio.

2.3 Esami colturali sulle feci

(per ricercare l’agente eziologico di infezioni gastroenteriche oppure i portatori di Salmonella).

In caso di richiesta generica (coprocoltura) viene effettuata di routine la ricerca di:

Salmonella spp., Shigella spp, Campylobacter spp, (come da tariffario regionale).

Avvertenze di carattere preliminare:

non bisogna aver iniziato alcun trattamento antibiotico o averlo sospeso almeno da 3 giorni indicare se possibile sulla richiesta il sospetto diagnostico per indirizzare correttamente la ricerca colturale

Materiale per la raccolta:

contenitore sterile di plastica con tappo fornito di “cucchiaino”, da acquistare in farmacia.

Modalità di raccolta:

- defecare su una superficie pulita e raccogliere una piccola quantità di feci col tappo cucchiaino del contenitore standard in dotazione

- è sufficiente una quantità di campione pari al volume di una nocciola

- per feci liquide è sufficiente un volume di 2-3 ml

- evitare la contaminazione con urine

- non imbrattare con il campione le superfici esterne ed il tappo del contenitore

- consegnare rapidamente in ambulatorio

MD 02/02 - 00

Unità Operativa /Area U.O.C. MICROBIOLOGIA E VIROLOGIA

Unità Operativa /Area U.O.C. MICROBIOLOGIA E VIROLOGIA

MODALITÀ DI PRELIEVO E RACCOLTA CAMPIONI PER PAZIENTI ESTERNI

Sigla: IO 10/34

Rev. 00

Pagina 7 di 11

Nel caso esista il sospetto di infezione da Vibrio spp., si devono prendere preliminari contatti con il laboratorio per concordare tempi e modalità dei prelievi (tali batteri sono, infatti, molto sensibili all’essiccamento, alla luce e al pH acido).

N.B. Nel caso che il medico curante voglia indirizzare la ricerca verso altri tipi di patogeni deve farne richiesta specifica

2.4 Ricerca di Clostridium difficile

(Esame colturale e/o ricerca delle Tossine A e B)

Materiale per la raccolta:

Contenitore sterile di plastica con tappo a vite.

Modalità di raccolta:

- raccogliere feci liquide o poltacee, è sufficiente un volume di 2-3 ml

- non imbrattare con il campione le superfici esterne ed il tappo del contenitore

- consegnare rapidamente in ambulatorio N.B. per il medico curante:

- Segnalare il tipo di terapia antibiotica usata

- Feci formate non sono idonee per la ricerca del C. difficile.

2.5 Ricerca di Helicobacter pylori Antigene (HPSA)

Avvertenze di carattere preliminare:

Nelle due settimane prima dell’esecuzione del test il paziente non deve assumere antibiotici o preparazioni a base di bismuto, in quanto tali farmaci inficiano i risultati del test.

Materiale per la raccolta:

Contenitore sterile di plastica con tappo a vite provvisto di eventuale cucchiaino.

Modalità di raccolta:

- raccogliere una quantità di campione pari al volume di una nocciola

- non imbrattare con il campione le superfici esterne ed il tappo del contenitore

- consegnare rapidamente in ambulatorio

2.6 Ricerca di Enterobius vermicularis (uova di ossiuri deposte nelle pliche anali) mediante SCOTCH- TEST

Materiale per la raccolta:

-vetrino portaoggetti fornito dal laboratorio e scotch trasparente.

MD 02/02 - 00

Unità Operativa /Area U.O.C. MICROBIOLOGIA E VIROLOGIA

Unità Operativa /Area U.O.C. MICROBIOLOGIA E VIROLOGIA

MODALITÀ DI PRELIEVO E RACCOLTA CAMPIONI PER PAZIENTI ESTERNI

Sigla: IO 10/34

Rev. 00

Pagina 8 di 11

Modalità di raccolta:

- il prelievo deve essere effettuato al mattino, prima che il paziente defechi e/o si lavi

- indossare i guanti monouso al lattice se possibile, in alternativa lavare accuratamente le mani

- applicare lo scotch sull’orifizio anale e subito dopo farlo aderire al vetrino portaoggetti

- avvolgere il vetrino in un foglio di carta con l’indicazione del nome del paziente

- eliminare i guanti monouso se indossati, in alternativa lavare accuratamente le mani

- consegnare il campione in ambulatorio nel minor tempo possibile.

2.7 Ricerche Parassitologiche relative a Protozoi

Avvertenze di carattere preliminare:

- i campioni che contengono oli minerali, bismuto, antibiotici, antiprotozoari, sostanze di contrasto, etc. non sono mai adeguati per la ricerca di parassiti

- prelevare i campioni almeno una settimana dopo la somministrazione di antibiotici o disinfettanti intestinali

- segnalare se il paziente è reduce da un soggiorno all’estero

- ripetere possibilmente l’invio delle feci in giorni diversi per un totale di 3 campioni.

Materiale per la raccolta:

Contenitore sterile di plastica con tappo a vite con eventuale cucchiaino.

Modalità di raccolta:

- raccogliere una quantità di campione pari al volume di una nocciola col tappo-cucchiaio del piccolo contenitore standard in dotazione

- per feci liquide è sufficiente un volume di 2-3 ml

- evitare la contaminazione con urine

- non contaminare le superfici esterne del contenitore

- inviare rapidamente il campione (entro 1 ora dalla raccolta) in ambulatorio

N.B. se la ricerca è indirizzata a cisti di Protozoi (Ameba, Giardia ecc ) l’esame si esegue su qualunque tipo di feci (diarroiche, semisolide, formate); se la ricerca è indirizzata a trofozoiti di Protozoi (forme vegetative di Ameba, Giardia ecc.) l’esame si esegue solo su feci diarroiche o semisolide o su fiocchi di muco eventualmente presenti.

MD 02/02 - 00

Unità Operativa /Area U.O.C. MICROBIOLOGIA E VIROLOGIA

Unità Operativa /Area U.O.C. MICROBIOLOGIA E VIROLOGIA

MODALITÀ DI PRELIEVO E RACCOLTA CAMPIONI PER PAZIENTI ESTERNI

Sigla: IO 10/34

Rev. 00

Pagina 9 di 11

3. MATERIALE BIOLOGICO URETRALE E GENITALE

Indicare sull’ impegnativa di richiesta il sospetto diagnostico.

Avvertenze di carattere preliminare:

non avere rapporti sessuali nelle 24 h precedenti l’esame avere cessato l’uso di antibiotici e
non avere rapporti sessuali nelle 24 h precedenti l’esame
avere cessato l’uso di antibiotici e disinfettanti, anche ad uso topico, da
almeno 3 giorni
è preferibile raccogliere l’essudato uretrale di mattina prima della minzione,
altrimenti è necessario aspettare circa tre ore dall’ultima minzione
Precauzioni ulteriori per la donna :
non eseguire irrigazioni vaginali nelle 24 h precedenti l’esame
non essere in periodo mestruale

3.1 Ricerca di Chlamydia trachomatis

Avvertenze di carattere preliminare:

L’ultima minzione del paziente deve risalire ad almeno un’ora prima del prelievo

3.2 Ricerca di Micoplasmi Urogenitali

Avvertenze di carattere preliminare:

non avere rapporti sessuali nelle 24 h precedenti l’esame avere cessato l’uso di antibiotici e disinfettanti, anche ad uso topico, da almeno 3 giorni.

4. LIQUIDO SEMINALE PER ESAME COLTURALE

Precauzioni:

avere cessato l’uso di antibiotici da almeno 3giorni non aver avuto rapporti sessuali nei 3 giorni precedenti l’esame

Materiale per la raccolta:

Contenitore sterile in polistirene, a bocca larga, con tappo a vite.

Modalità di raccolta:

- bere tre bicchieri d’acqua alcune ore prima della raccolta e urinare abbondantemente

- lavarsi accuratamente le mani ed eseguire un’accurata igiene locale dei genitali esterni con acqua e sapone

MD 02/02 - 00

Unità Operativa /Area U.O.C. MICROBIOLOGIA E VIROLOGIA

Unità Operativa /Area U.O.C. MICROBIOLOGIA E VIROLOGIA

MODALITÀ DI PRELIEVO E RACCOLTA CAMPIONI PER PAZIENTI ESTERNI

Sigla: IO 10/34

Rev. 00

Pagina 10 di 11

- sciacquarsi, asciugarsi e raccogliere il liquido seminale nel contenitore sterile

- richiudere il recipiente subito dopo

- inviare rapidamente in ambulatorio.

N. B. Il Laboratorio non effettua SPERMIOGRAMMI

5. ESPETTORATO

Materiale per la raccolta:

Contenitore sterile in polistirene trasparente, a bocca larga, con tappo a vite.

Modalità di raccolta:

- raccogliere il campione del primo mattino, che è più rappresentativo delle secrezioni bronchiali accumulatesi durante la notte

- eseguire immediatamente prima un adeguato lavaggio con acqua sterile del cavo orale (eventuali protesi mobili vanno tolte prima del lavaggio)

- con un colpo profondo di tosse espettorare direttamente nel contenitore sterile, tenendolo adeso al labbro inferiore, chiudere bene il contenitore avvitando il tappo; in laboratorio il campione sarà sempre esaminato microscopicamente per valutare il grado di contaminazione salivare (campione non idoneo)

- inviare immediatamente il campione in ambulatorio;

- se l’espettorato è raccolto per la sola ricerca dei -Micobatteri tubercolari, può essere conservato fino a 72 ore in frigorifero.

Per i pazienti che hanno difficoltà ad espettorare:

- eseguire immediatamente prima un lavaggio con acqua della mucosa orale

- provocare la tosse e l’espettorazione dopo aerosol con Soluzione fisiologica (cloruro di sodio al 10%)

- raccogliere l’escreato come sopra.

La ricerca batterioscopica e colturale per Micobatteri deve essere sempre chiaramente specificata sul modulo di richiesta. Sono validi tutti i campioni di escreato raccolti secondo le modalità descritte. Si consiglia vivamente ripetere la raccolta per tre giorni.

6. SANGUE

MD 02/02 - 00

Unità Operativa /Area U.O.C. MICROBIOLOGIA E VIROLOGIA

Unità Operativa /Area U.O.C. MICROBIOLOGIA E VIROLOGIA

MODALITÀ DI PRELIEVO E RACCOLTA CAMPIONI PER PAZIENTI ESTERNI

Sigla: IO 10/34

Rev. 00

Pagina 11 di 11

Prelievo ematico presso il Centro Prelievi Malpighi dell’Ospedale S. Camillo (prelievo e consegna referti).

6.2 Ricerche Sierologiche e Virali

Prelievo ematico presso il Centro Prelievi Malpighi dell’Ospedale S. Camillo (prelievo e consegna referti).