Sei sulla pagina 1di 15

CONTRIBUTIALLICONOGRAFIADEICAVALIERI DANUBIANINELLADOBRUGIA(ROMANIA)

ConstantinICONOMU CostelCHIRIAC
Nel lavoro seguente saranno presentati tre reperti che fanno parte delle nuove scoperte di rilievi raffiguranti il Cavaliere Danubiano. Due esemplari sono stati ritrovati nel villaggio di Dunreni, comune di Alimanu, provincia di Costanza (Romania); il primo stato scoperto sulla riva del Danubio in circostanze ignote e attualmente fa parte della collezione del Museo di Storia Nazionale e Archeologia di Costanza. Il secondo, trovato nella stessa localit, appartiene al collezionista Ionel Matei di Bucarest. Il terzo reperto fa parte anchesso dalla collezione Ionel Matei ed stato scoperto a sud della citt di Costanza, senza che si disponga di altri dati riguardanti le circostanze e il luogo precisodelsuoritrovamento. Il primo reperto, scoperto nel paese di Dunreni, si presenta come una piastrina di piombo fuso, di forma rotonda, con il diametro di 38 mm e lo spessore di 1,5 mm. In questo esemplare si nota labituale patina biancastra degli oggetti di piombo che sono stati sotto terra per molto tempo. Durante la scoperta o forse nel periodo antico ha sofferto pieghe e fratture cos che ne manca meno di un quarto. Le raffigurazioni sono situate solo su una faccia, come capita di solito conquestotipo dioggetti,eaimargininonsitrovaalcungancio(ill.1). Sulla faccia con raffigurazioni, loggetto di piombo ornato ai lati con una fila di perle circoscritte da due cornici circolari in rilievo. Il diametro piccolo del pezzo non ha reso possibile la rappresentazione di tutti gli attributi ed i simboli relativi alla divinit raffigurata, per quelli esistenti permettono, come si vedr in seguito, di identificare nel protagonista il Cavaliere Danubiano. Cosi, nel campo centrale si pu riconoscere il Cavaliere che si sposta verso sinstra, a cavallo, al galoppo. La mano sinistra si appoggia al collo del cavallo e la destra, alzata fino
Questarticolo stato pubblicato in lingua romena in ArhMold 26 (2003), pag. 51 58 e ArhMold 27 (2004), p. 83 87. Traduzione di Gabriela E. Dima. Nota della redazione: allapposita richiesta degli autori, conserviamo il sistema delle note del manoscritto.

268

CONSTANTINICONOMU,COSTELCHIRIAC

accanto alla testa, portava unarma, probabilmente una lancia o unascia da battaglia. La nostra supposizione basata sul fatto che gli altri rilievi scoperti finadessorappresentanoilcavaliereportandoinmanosialascia 1,sialalancia 2.Il Cavaliere ha sulla testa una copertura poco raffigurata, che pu essere per questa divinit un berretto frigio o dacico 3, e il costume formato da una tunica, pantaloni e probabilmente una clamide che in questo caso non visibile perch limmagine si persa nella rottura ma la prominenza a falde intorno al collo suggerirebbe un simile vestito. Sotto i piedi del cavallo appare il nemico vinto, rappresentato nudo, in posizione orizzontale, un po obliquo, con una spada nella mano destra, una freccia nella sinistra e un arco ai piedi. Sotto i piedi posteriori del cavallo pu essere identificato un delfino con la coda molto arcuata, raffigurato in questo modo anche a causa dello spazio insufficiente che lincisore ha avuto a disposizione. Nelle rappresentazioni del Cavaliere Danubiano o dei Cavalieri Danubiani, il pesce significa lofferta o, se si tratta di un delfino, il compagno del Cavaliere, ed P sempre situato dietro il cavallo 4. Si pu supporre chesulframmentorottononcisianostateanchealtreimmaginitranneilmanto. Nel suo lavoro dedicato ai Cavalieri Danubiani, D. Tudor divide le piastrine cheraffiguranoquestedivinitintrecategorie: A.Monumenticonunsolocavaliereeladea; B.Monumenticonduecavalierieladea; C.Monumenticherappresentanoilbanchettodivino 5. Ogni categoria ha sottodivisioni in cui rientrano numerose varianti, secondo la cronologia, gli stili e le diverse aree geografiche 6. A causa del grado di grande
1 D. Tudor, Corpus monumentorum religionis equitum Danuvinorum , I. Leida, 1969, nr. 64, p. 36 37, pl. XXXII, Para in, ex Jugoslavia; nr. 174, p. 97 98, pl. LXXVI, Roma. In seguito sar citato D. Tudor, CMRED , I e II. Per questo vedi anche i lavori: D. Tudor, I Cavalieri Danubiani , EDR, 1937, p. 189 365; idem, Cavalerii Danubieni , in Oltenia Roman ed. IV, Bucure ti, 1978, p. 365 368; idem, Cavaleri Danubieni , in Dic ionar de istorie veche a Romniei (Paleolitic sec. X) , Bucure ti, 1976, p. 141; R. Florescu, Cavalerii danubieni , in R. Florescu, H. Daicoviciu, L. Ro u, Dic ionar enciclopedic de art veche a Romniei , Bucure ti, 1980, p. 86 87; S. Sanie, Cavalerii danubieni , in Enciclopedia civiliza iei romane , Bucure ti, 1982, p. 175 176; M. B rbulescu, Interferen e spirituale n Dacia roman , Cluj Napoca, 1984, p. 184, 211; M. B rbulescu, in Istoria romnilor , II, Bucure ti, 2001, p. 252; I.H. Cri an, Spiritualitatea geto dacilor , Bucure ti, 1986, p. 411 412; idem., Civiliza ia geto dacilor , Bucure ti, 1993, II, p. 161 162; M. Opperman, Tracii. ntre arcul Carpatic i Marea Egee , Bucure ti, 1988, p. 233 234; Alexandra tefan, Cavalerii Danubieni , in Enciclopedia arheologiei i istoriei vechi a Romniei , I (A C), Bucure ti, 1994, p. 266 267; V. Marin, Cultul Cavalerilor Danubieni , in Revista de istorie militar , 5 (1996), p. 33 35; Gabriella Bordenache, Sculture greche e romane del Museo Nazionale di Antichita di Bucarest , I. Statue e rilievi di culto, elementi, architectonici e decorativi , Bucure ti, 1969, p. 113 114; Tav. CVI, 252 254; CVII, 255 258. Maria B rbulescu, Via a rural n Dobrogea roman (sec. I III p. Chr.) , Constan a, 2001, p. 277 278; Z. Covacef, Arta sculptural n Dobrogea roman , secolele I III , Cluj Napoca, 2002, p. 168 169; D. Oltean, Religia dacilor , Bucure ti, 2002, p. 362 368; M. I. Traster, V. M. Zubar, L. V. Strokova, Dvi svincevy plastini iz zobraennjan Dunaiskogo vernika z kolekcii Nacionalnogo muzeju istorii Ukrainy , n Archeologija , Kiev, 1, 2003, p. 104 109. 2 Idem, CMRED , I, nr. 9, p. 5, pl. V, Potaissa Turda. 3 Idem, CMRED , II, p. 110. 4 Ibidem , p. 145, 209. 5 Ibidem , p. 280. 6 Ibidem , p. 94 98.

CONTRIBUTIALLICONOGRAFIADEICAVALIERIDANUBIANI 269
variabilit in ci che riguarda le rappresentazioni dei Cavalieri Danubiani, non si pu parlare di rispetto di norme o canoni rigidi nella raffigurazione di queste divinit, dei loro accoliti e degli attributi sacri. Da questo punto di vista, la piastrina di piombo di Dunreni appartiene al tipo V in cui il Cavaliere raffigurato su un supporto tondo, mentre tutte le altre sono rettangolari o a forma di edicola ecc. 7 Inoltre, lesemplare di Dunreni presenta anche sufficienti elementi che ci permettano di identificare la divinit principale come il Cavaliere Danubiano, per esempio: laspetto canonico del cavaliere, il nemico calpestato dal cavallo e il delfino. Notiamo tuttavia che sulla piastrina di Dunreni manca la dea e gli accoliti che sono situati di solito davanti e dietro il cavaliere 8. Unaltra particolarit del reperto laspetto del nemico il quale, bench caduto, armato di spada e arco, al contrario degli altri rilievi dove questo appare sempre senza armi 9. Concludiamo lenumerazione delle particolarit del reperto di Dunreni con la precisazione che tra le rappresentazioni del Cavaliere Danubiano quelle in cui questo corre verso la sinistra si incontrano a Montana (Golema Kutlovia Mihailovgrad, Bulgaria) 10 e a GrlaMare 11. Per, il pezzo di Montana una stampa di argilla, cos che il prodotto finito raffigurava il Cavaliere correndo sempre verso la destra. In questo modo, solo sulle piastrine di piombo scoperte a GrlaMare e Dunreni il Cavaliere Danubiano orientato verso la sinistra. Questa posizione noncanonica pu essere dovuta al fatto che i pezzi di Grla Mare e Dunreni sono stati fusi in forme ottenute improntando altre piastrine, occasione con la quale stato rovesciato anche il senso di spostamento del cavallo, verso la sinistra. D.Tudor considera che le rappresentazioni del Cavaliere Danubiano che lui classfica nel gruppo A possono essere datate nel II secolo d. C. 12 Lautore citato precisa anche il fatto che le piastrine con un solo cavaliere sonomenonumeroseechesonostateusatepermenotempo 13. Se facciamo una statistica, dalla monografia dedicata ai Cavalieri Danubiani da D. Tudor, risulta la seguente diffusione degli esemplari con un solo cavaliere: in Dacia Superior 8 rilievi 14, in Dacia Inferior 2 15, in Moesia Superior 3 16 e in MoesiaInferior4 17. In Moesia Inferior le 4 scoperte registrate nel lavoro di D. Tudor sono collocate a Montana (Golema Kutlovia Mihailovgrad, Bulgaria) 18, Bialaerkova (Bulgaria) 19, ZaldapaAbrit (Bulgaria) 20 e Novae (Steaklen, Bulgaria) 21. Con la
Idem, CMRED , I, nr. 44, 48, 56, 120, 140, 162, 171; CMRED , II, p. 67 68. D. Tudor, CMRED , I, nr. 45 46, 64, 77, 79, 90, 174. 9 Idem, CMRED , II, p. 282. 10 Idem, CMRED , I, nr. 77, p. 45, pl. XL. 11 I. Stng , O plac votiv a Cavalerului danubian descoperit n villa rustica de la Grla Mare , n Drobeta , 10 (2000), pl. I/d e, p. 17.. 12 D. Tudor, CMRED , II, P. 280. 13 Ibidem , p. 81. 14 Idem, CMRED , I, nr. 1 2, 9, 16 17; II, nr. 203, 232, nr. 1, tavola XIII e nr. II, tav. XIV. 15 Ibidem , nr. 45 46. 16 Ibidem , nr. 55, 59, 64. 17 Ibidem , nr. 77, 79, 90; idem, CMRED , II, nr. 232. 18 Ibidem , nr. 77, p. 45. 19 Ibidem , nr. 79, p. 47. 20 Ibidem , nr. 90, 9. 53. 21 Idem, CMRED , II, nr. 232, p. 22.
7 8

270

CONSTANTINICONOMU,COSTELCHIRIAC

scoperta della piastrina di Dunreni, per la prima volta appare nella Dobrugia unaraffigurazionedelCavaliereDanubianodelgruppoA. Del tutto particolare per questo reperto lassenza della Dea, lautore delle immagini desiderando sottolineare solo la lotta del Cavaliere eroe che qui simboleggia il bene e calpesta sotto i piedi del cavallo il nemico caduto, simbolo del male, limmagine totale segnando il trionfo della vita sulla morte 22. Sottolineiamo che una possibile identificazione di questa divinit con il Cavaliere Traco esclusa siccome lultimo non mai accompagnato dal delfino e non rappresentato su oggetti di piombo. Daltronde, D. Tudor ha richiamato lattenzione su una possibile confusione tra il Cavaliere Danubiano raffigurato da solo e il Cavaliere Traco, perch il primo ha preso in prestito una serie di elementi dal secondo 23. Nello stesso tempo, nella rappresentazione di Dunreni si desiderato sottolineare anche lidea che il protagonista divino sia il Cavaliere e nonlaDea,coscomesinotanellealtrescoperte.

* **

Il secondo rilievo di piombo, trovato in Dobrugia, fa parte della collezione Ionel Matei di Bucarest. Per quanto riguarda le condizioni della scoperta, si sa solo che questo reperto proviene dalla provincia di Constana. Anche il secondo esemplare frammentario: se ne conserva una gran parte della met inferiore. Il pezzo, di piombo fuso, appartiene al tipo B, con tre registri orizzontali, di cui si conservato il terzo in basso e parzialmente quello mediano. Lo spessore di questo esemplare alla base di 5,5 cm.; la parte conservata P alta di 23 cm. Il pezzo stato rotto e torto brutalmente giB nel periodo antico, forse perch non si saputa la sua significazione di culto o perch si intenzionata la sua sconsacrazione. Siccome rimasta per molto tempo sotto terra, la piastrina ha una patina bianco verdastra specifica per il piombo; nel centro, dove stata danneggiata pi gravemente dalle fratture, si notano tracce di ossido brunorossiccio (ramato), probabilmenteperesserestataalungoaccontoadunoggettodiferro(ill.2). Ilregistroinferiore,conservatointeramente,raffiguraleseguentiimmagini: Nel centro si trova un vaso di vino (cantharos), con le anse a forma di S e le estremit fortemente torte, il che indica che il modello di questo pezzo stato un vaso di metallo. Un cantharos con una sola ansa, di forma rassomigliante, per non identico, appare su una piastrina tonda scoperta a Orlea 24, un altro ma con due anse torte si trova a Gabare (Moesia Inferior), in Bulgaria 25 e il terzo, sempre con due anse torte, a TeutoburgiumDalj (Pannonia Inferior) nellexJugoslavia 26. Il cantharos fiancheggiato da due serpenti alzati in posizione verticale e appoggiati sulla coda, eseguiti in modo grossolano e mal conservati. Le rappresentazioni con i due serpenti che fiancheggiano il cantharos sono
Ibidem , p. 121 122. Ibidem , p. 157. 24 Idem, CMRED , I, nr. 44, p. 25 26. 25 Ibidem , nr. 75, p. 43. 26 Ibidem , nr. 132, p. 76 77.
22 23

CONTRIBUTIALLICONOGRAFIADEICAVALIERIDANUBIANI 271
abbastanza rare: due reperti ben conservati dove si pu osservare questo motivo provengono dalla Dacia 27 e da SingidunumBelgrad, nella provincia Moesia Superior 28. Inoltre ai serpenti, nel registro inferiore appaiono, verso le estremit, due quadrupedi. Quello di sinistra, dalla coda arcuata che finisce con una ciocca di capelli, certamente un leone. Questanimale appare sempre sulle piastrine della categoria B, nel registro mediano, a sinistra, dove siede sul nemico caduto e nel registro inferiore dove si trova insieme al vaso, ai serpenti o al serpente, all ariete, al bue ecc. Nel nostro caso, se limmagine dellestremit sinistra un leone, pi difficile stabilire che cosa sia il quadrupede di destra, e sono possibili pij ipotesi circa la sua identificazione. Rappresentato come un animale di grande dimensione e con linette verticali sulla testa invece di corna, potrebbe essere un bue. La forma curiosa della testa lo avvicina al grifone, ma questo animale fantastico non appare di solito sulle piastrine dei Cavalieri Danubiani. Quanto a noi, preferiamo considerarla limmagine di un bue, la testa dellanimale essendo realizzata maldestramente e fusa in modo grossolano. Questidentificazione molto probabile se teniamo conto delle analogie con un reperto della Dacia, dove nel penultimo registro, in basso, appare nel centro un vaso fiancato da due serpenti, seguiti dal leone e dal bue, e avendo anche alcuni elementi supplementari come la testa di ariete e il pugnale 29. Laspetto gracile delle gambe ci fa pensare anche allipotesi di un cavallo che corre con la criniera al vento, molto rassomigliante a quello della piastrina di OescusGhighen, della Moesia Inferior(Bulgaria) 30.Limmaginedellanimaledellestremitdestracosambigua che non si pu escludere neanche la sua identificazione con un ariete, se teniamo conto della forma della testa e delle corna molto arcuate, due raffigurazioni rassomiglianti trovandosi, una su una piastrina di piombo del Museo Porile de Fier TurnuSeverin 31 e unaltra a Oescus Ghighen (Bulgaria) 32. Oltre lanimale dellestremit destra, difficile da identificare, unaltra immagine, che si in alto, a destra, provoca lo stesso problema. Secondo la dimensione e laspetto, potrebbe essere un uccello: sulle piastrine dei Cavalieri Danubiani sono raffigurati solo il galloeilcorvo. Il gallo rappresentato di solito in un grande numero di immagini, nel registro inferiore, insieme al leone, al serpente, al cane, allariete o al bue, nellestremit sinistra o destra, con le ali serrate 33. Il corvo dalle ali serrate si trova in tutti i registri per preferibilmente a destra, di solito vicino al personaggio caduto sotto i piedi del cavallo. Sulla piastrina di Acquincum (ObudBudapesta), il corvo, collocato allestremit destra ha le ali spiegate 34, in un certo modo rassomigliante allimmagine della piastrina di Costanza, dallorigine sconosciuta. Comunque,lidentificazionegalloocorvorestaincerta.

Ibidem , nr. 37, p. 21 22. Ibidem , nr. 51, p. 30. 29 Ibidem , nr. 37, p. 22, tav. XIX. 30 Ibidem , nr. 72, p. 41, tav. XXXVII. 31 Ibidem , nr. 35, p. 20, tav. XVII. 32 Ibidem , nr. 72, p. 41 42, tav. XXXVII. 33 Idem, CMRED , I , passim . 34 Ibidem , nr. 120, p. 70 71, tav. LX.
27 28

272

CONSTANTINICONOMU,COSTELCHIRIAC

Della parte mediana della piastrina di piombo si conservano solo le immagini dei due giovani nudi, senza armi, situati simmetricamente, a sinistra e a destra. Di sopra si scorgono le gambe dei cavalli, mentre il resto delle divinit, i Cavalieri, la Dea, gli accoliti ecc. si sono persi nella parte rotta. Nel registro mediano, a destra, chiaramente raffigurato un accolito, che, come i due giovani nudi, ha un profilo molto allungato. Quanto allabbigliamento dellaccolito si nota bene solo la calzatura, formata da stivaletti corti con il gambale ripiegato. La mano destra tesa in avanti porta un vaso, mentre la sinistra piegata al gomito e appoggiata sulla pancia. La raffigurazione dei seni indicherebbe il sesso femminile. Accoliti simili a quelli rappresentati sul reperto di Costanza, presentato da noi, appaiono su una piastrina localizzata probabilmente in Transilvania 35 e su una trovata a Montana (Golema Kutlovia Mihailovgrad, Bulgaria) 36. Per finire la descrizione menzioniamo che il reperto inquadrato sul verticaledacolonneornateconintagliorizzontalieobliquicollocatisuunabase. In ci che riguarda linterpretazione delle immagini della piastrina frammentaria di origine ignota, scoperta nella provincia di Costanza, che presentiamo adesso, tutti gli elementi necessari si trovano nel lavoro di D. Tudor, sui Cavalieri Danubiani. In questo modo, il cantharos collocato nel centro del registro inferiore, associato ai serpenti, significa, secondo lautore citato, lallegoria dellopposizione naturale tra lacqua (cantharos, cratere) e terra (serpenti) 37. Il cratere o il cantharos sono molto spesso presenti sulle piastrine dei Cavalieri Danubiani e il fatto che questo fiancheggiato da due serpenti costituisce una prova chiara di un prestito da mito dei Dioscuri 38. Il leone allestremit sinistra del registro inferiore un simbolo straniero perch nelle regioni in cui diffuso il culto dei Cavalieri Danubiani non si conosce questo animale. Il leone simboleggia il calore del sole e il fuoco; lanimale vi si ritrova anche grazie allinfluenza del Cavaliere Traco e di Mithras. Lassociazione del leone con il vaso significa la lotta tra il fuoco (il leone) e lacqua (il vaso) e appare nelle immagini del registro inferiore, nel gruppo con cantharos (cratere), serpente, gallo ecc. 39 Allestremit destra, in basso, si trova un quadrupede che, come abbiamo gi mostrato, difficile da identificare e potrebbe essere un bue, un cavallo o un ariete. Tra tutti questi animali, lariete molto spesso incontrato sui rilievi della catagoria B, legato a criobolium, occultatio oppure con un carattere funerario 40. Le difficolt di identificazione sicura del quadrupedi ci impediscono di fare ulteriori considerazioni su questanimale. Le stesse difficolt di interpretazione appaiono anche quando si tratta dellimmagineinaltoadestranel registro inferiore, la quale potrebbe essere un corvo. La sua presenza P quindi giustificata grazie al significato celeste, terrestre o ctonio perch luccello appare
Idem, CMRED , II, nr. 183, p. 104, tav. LXXXI. Idem, CMRED , I, nr. 77, p. 45 46, tav. XL. 37 Idem, CMRED , II, p. 219, 227, 266, 268; cf. D. Tudor, Oltenia roman . Ed. IV, 1978, p. 365 368. 38 Ibidem , p. 165, 227 228. 39 Ibidem , p. 224 226, 228. 40 Ibidem , p. 212 216.
35 36

CONTRIBUTIALLICONOGRAFIADEICAVALIERIDANUBIANI 273
sulle piastrine simili accanto ai nemici calpestati dai piedi dei cavalli, cos come si nota anche sullesemplare di Costanza, di origine ignota 41. Luccello di destra potrebbe essere considerato anchesso un gallo, che si trova di solito, nel registro inferiore, nel gruppo dei quattro elementi della natura: il serpente (la terra), il cratere o il cantharos (lacqua), il leone (il fuoco), il gallo (laria). Nel caso in cui il gallo ha un carattere ctonio, esso collocato in basso della piastrina e fa parte del gruppo delle divinit che lottano contro il male, simboleggiato dai due nemici trovatisottoipiedidelcavallo 42. In seguito, dal registro mediano, possono essere identificati i due nemici trovati, come sugli altri pezzi, sotto i piedi del cavallo. Sul rilievo della provincia di Costanza, i nemici sono sdraiati, con le teste un po alzate e le mani tese chiedendo piet. Cos come lo mostra D. Tudor, i nemici vinti sono rappresentati quasi sempre giovani, nudi e senza armi 43. I due nemici caduti sotto i piedi dei cavalli costituiscono lelemento principale che distingue i Cavalieri Danubiani dal Cavaliere Traco, dove appaiono molto di rado, dai Dioscuri, dai Cabiri e da altre divinit equestri. Secondo lo stesso autore, i corpi di sotto i piedi dei cavalli significanoilmalevintodalbene(icavalieri)eiltrionfodellavitasullamorte 44. Dal registro mediano si osservano ancora solo frammenti dei piedi dei cavalli, un resto della clamide ondeggiante a destra, accanto alla quale appare un accolito portando un vaso, oggetto a carattere rituale oppure simbolo di una divinit 45. Lesemplare di piombo di Costanza di cui si ignora la precisa origine, bench incompleto, permette di essere incluso con certezza nella categoria B, quella dei pezzi con la rappresentazione nel registro mediano dei Cavalieri Danubiani, della Dea, del tavolo con sacrifici, degli accoliti e dei nemici calpestati dai piedi dei cavalli, e nel registro inferiore la raffigurazione del vaso, del leone, dei serpenti, del gallo, dellariete ecc. Le piastrine del gruppo B possono essere datate, secondo D. Tudor, nella seconda met del IIIo secolo e linizio del IVo secolo d.C., periodo incuiilcultodeiCavalieriDanubianiconoscelapigrandediffusione 46. Bench il luogo preciso della scoperta sia ignoto, sappiamo tuttavia che la piastrina frammentaria stata ritrovata nella provincia di Costanza. In Dobrugia, da dove proviene la piastrina, rappresentazioni dei Cavalieri Danubiani sono attestate a Tomis 4 esemplari 47 e a Castelu e Corbu de Jos un pezzo in ciascuna localit 48; nel sud della Moldavia, a Barboi, si conosce un solo rilievo 49. Tutti gli esemplari dei Cavalieri Danubiani menzionati hanno come supporto il marmo e, per conseguenza, le due scoperte che presentiamo adesso sono uniche per lintera zona della Dobrugia. Neanch nel resto della provincia di Moesia Inferior il numero delle rappresentazioni su supporto di piombo non troppo alto. Di un
Ibidem , p. 202 203. Ibidem , p. 216 219. 43 Ibidem , p. 120. 44 Ibidem , p. 121 122. 45 Ibidem , p. 183b, p. 129 130. 46 Ibidem , p. 280. 47 Idem, CMRED , I, nr. 93 96, P. 54 55. 48 Ibidem , nr. 97 98, p. 56 57. 49 Ibidem , nr. 99, p. 57 58.
41 42

274

CONSTANTINICONOMU,COSTELCHIRIAC

totale di 24 esemplari, 15 sono di marmo, 2 di pietra, una forma fusa di argilla e 6 di piombo 50. La presenza delle piastrine di piombo sul territorio tra il Danubio e il Mar Nero pu essere spiegata dal fatto che sono state portate, probabilmente, dai soldati trovatisi in una delle numerose guarnigioni della Dobrugia, i Cavalieri Danubiani facendo parte delle divinit a carattere militare adorate da molti adepti di origine getodacica 51. D. Tudor combatte lopinione di F. Cumont, secondo la quale le piastrine con Cavalieri Danubiani potrebbero essere amuleti, filatteri o talismani, considerando che siano piuttosto oggetti a carattere votivo utilizzati per essere deposti nei santuari 52. Secondo lopinione di Robert Turcan, le piastrine di piombo e le gemme erano portate dai fedeli del culto 53. Per quanto ci riguarda, preferiamo condividere il punto di vista di Alexandra tefan 54, secondo la quale solo i rilievi di marmo e pietra, pesanti e di grandi dimensioni, erano deposti come exvoto nei santuari e solo i pezzi di piombo e le gemme di piccole dimensioni della Dea, dellaccolito, degli animali e degli oggetti di culto si notano in Dacia, a Romula 55, in Moesia Superior, a Singidunum, Ilok e Debr 56 (lex Jugoslavia) e in Pannonia Inferior, a Sirmium, Teutoburgium, Bassiana e Divos (lexJugoslavia) 57, cio nelle provincie abitate in maggior parte dai getodaci che hanno creato il culto dei Cavalieri Danubiani. Quindi, consideriamo che la piastrina di Dunreni e quella scoperta in un luogo ignoto della provincia di Costanza siano state portate da militari originari di una delle province del Danubio Medio e Inferiore (Pannonia Inferior, Dacia, Moesia), che si trovavano in guarnigione,nellaDobrugia. * ** Il terzo rilievo stato scoperto, come il primo, nel paese di Dunreni, comunediAlimanu,provinciadiCostanza. La piastrina di piombo che analizziamo, frammentaria, conserva solo la terza parte verticale di sinistra, le altre porzioni che contenevano la raffigurazione della Dea, del tavolo con sacrifici e del secondo cavaliere mancano. Il rilievo si presenta con una patina biancoverdastra e misura 6,2 cm altezza, 2,8 cm.larghezza, lintera larghezza ricostituita essendo di quasi 8 cm. Lo spessore della piastrina di 2 mm e, presso i margini (i contorni) di 3 mm. Il frammento conservato presenta pieghe, fratture e persino lacune nel campo, per malgrado questo, la buona esecuzione del pezzo rende facile, con qualche eccezione, lidentificazione dellerappresentazioniottenutesempretramitelafusione.(ill.3) Come si pu notare, le immagini sono collocate su tre registri orizzontali e
Ibidem , nr. 71 92, p. 40 54, nr. 100 103, p. 58 60; CMRED , II, nr. 229 232, p. 21 22. Idem, CMRED , II, p. 126. 52 Ibidem , p. 172 178, per altrove, ha la stessa opinione che Fr. Cumont (cf. CMRED , II, p. 70, 75). 53 R. Turcan, Cultele orientale n lumea roman , Bucure ti, 1998, p. 284. 54 Alexandra tefan, op. cit. , p. 266 267. 55 D. Tudor, CMRED , I, nr. 37, p. 21, tav. XIX. 56 Ibidem , nr. 51, p. 30, nr. 68 69, p. 38 39, tav. XXVII, XXXIV, XXXV. 57 Ibidem , nr. 217, p. 74 75, tav. LXII, nr. 132 133, 135, p. 76 77, 79, tav. LXIII LXIV.
50 51

CONTRIBUTIALLICONOGRAFIADEICAVALIERIDANUBIANI 275
solosuunasolafaccia. a) Nel registro superiore appare un frontone che ha nel timpano lala di unaquila, aperta per il volo e raffigurata in modo grossolano. Oltre al frontone, a sinistra, si osserva limmagine della dea Nike alata, in posizione di volo orizzontale, tenendo nella mano destra una piccola corona, davanti ad essa trovandosiunastellaprominenteconraggi. b) Nel registro mediano rappresentato un Cavaliere Danubiano, il cui cavallo, al galoppo, si trova sopra il nemico sconffito, raffigurato in posizione orizzontale e senza armi, il quale implora clemenza alzando la mano destra verso il cavaliere bench il braccio lungo e stretto potrebbe suggerire lesistenza di una spada o di una lancia. Tuttavia, siccome eutrambe le braccia sono di lunghezza quasi uguale, considereremo che il nemico caduto sotto il cavallo senza armi. Quanto allabbigliamaneto del cavaliere, ne pu essere identificato solo il berretto frigio, aguzzo e con la punta avvolta dinanzi. Nella mano destra, alzata, il cavaliere tiene unascia doppia (labrys, bipennis). Dietro il cavallo si trova in posizione verticale un serpente dal corpo sinuoso, con la bocca spalancata e indirizzata verso il centro. Vicino alla testa del cavaliere, un po in alto si trova una figura umana vista di profilo, dallacconciatura molto ricca, nella quale si distinguono con difficolt alcune incavature lineari, persona che pu essere identificataconildioSol. c) Il registro inferiore contiene, allestremit sinistra, la rappresentazione di untempioacolonne,vistodifacciaeunpolaterale,conduescalinisullafacciata, in basso. Verso il tempio si dirigono, visibilimente, tre personaggi i cui tratti e indumenti non si possono distinguere e che possono essere considerati fedeli che desiderano partecipare al culto dei Cavalieri Danubiani e della Dea. Il primo personaggio, trovatosi sulla soglia del tempio, porta nelle mani coppe che potrebbero essere sacrifici o vasi con sacrifici, mentre lultimo porta un sacco sulle spalle (?). La piastrina limitata verso lestremit verticale sinistra da una colonnettadalfusotortochedevessereesistitaanchesullapartedestradelpezzo. Cos come si potuto notare dalla descrizione, il reperto di Dunreni incompleto, deteriorato sul verticale e dalla piastrina originale si conserva un po pi della terza parte. Tuttavia, anche se presenta lacune, la piastrina pu essere attribuita al tipo B della classificazione di D.Tudor 58, con tre registri orizzontali che esprimono la funzionalit delle divinit rappresentate terrestre, celeste e sotterranea. Tra queste divinit, lelemento centrale lo rappresenta la Dea fiancata dai due cavalieri 59, raffigurazione canonica che pu essere supposta anche nel esemplare presentato dal nostro lavoro, di cui si conservato solo il cavaliere di sinistra. Come abbiamo gi detto, sotto i piedi del cavallo si trova il nemico sconfitto che alza la mano destra verso il cavaliere, chiedendo piet; in questo modo, tra di loro c un rapporto simbolico, il cavaliere rappresentando non solo il bene ma anche lidea delleroicizzare, sottolineata dal vigore con il quale porta lascia e dalla sua disposizione di concedere perdono a quello caduto sotto il cavallo, che qui significa non solo il male 60 bens il nemico vinto nella battaglia. Da
Tudor, CMRED , II, Leiden, 1976, p. 280. Ibidem , p. 279. 60 Ibidem , p. 282.
58 59

276

CONSTANTINICONOMU,COSTELCHIRIAC

questo punto di vista, limmagine del vinto di Dunareni unica fino al presente nelliconografia dei Cavalieri Danubiani, dato che nel repertorio di immagini non si ritrova unaltra rappresentazionesimile.Inalto,dinanzialcavaliere,sitrovaun viso umano raffigurato di profilo. Nei capelli si nota una striscia obliqua dalla quale partono alcune linee che potrebbero essere interpretate come raggi. Lincisore vi ha rappresentato Sol ma, a causa dellimperfezione dellesecuzione, gli attributi del dio i raggi sono stati raffigurati in modo impreciso. D. Tudor osserva che sui rilievi dei Cavalieri Danubiani, Sol e la Luna appaiono sempre rappresentati come busti, di faccia o di profilo, collocati in alto, nella met mediana del campo e alle estremit. Di solito, Sol collocato a sinistra perch lastro nel suo movimento apparente attraversa la volta celeste da sinistra a destra, per ci sono anche eccezioni, Sol e la Luna essendo situati in modo inverso. Il Sole appare sempre con la testa raggiante e la Luna porta sulla testa o sulle spalle una mezzaluna 61. In molti casi, compreso quello della piastrina di Dunreni, il sole e la luna sono associati con due serpenti cosmici collocati dietro i cavalieri, in alto, e che si piegano per formare la volta del cielo 62. I serpenti cosmici appaiono su altre piastrine associati con laquila, con Sol e la Luna 63 e simboleggiano la terra 64, e sono considerati agathodaimoni, alleati dei cavalieri nella battaglia 65. Il registro superiore, bench frammentario, permette lidentificazione dellaquila, dato che sul timpano del frontone si nota un resto di ala aperta. Secondo D. Tudor, laquila entrata tardi nelliconografia deiCavalieri Danubiani, il motivo essendo prestato ai rilievi mitriatici e riprodotto nel registro superiore, con numerose attribuzioni: insieme a Sol e alla Luna formano la triade cosmica. Come simbolo militare, laquila rappresenta la vittoria, essendole associata la dea Nik stephanofora; considerata anche un messaggero del sole e guida delle anime verso il cielo 66. Nel registro superiore, a sinistra, in alto, fuori del frontone, appare la dea Vittoria, di piccole dimensioni, che cinge di corona il cavaliere del registro mediano. In genere, la Vittoria (Nik) appare raramente sulle piastrine dei Cavalieri Danubiani, una rappresentazione di questa divinit trovandosi su un rilievo di piombo di Novae (Steaklen, itov, Bulgaria) 67. O molto probabile che nel frammento che manca sia stata raffigurata ancora una Vittoria. Davanti alla dea Nik di Dunreni si trova una stella raggiante che significailfirmamento 68. Come abbiamo gi mostrato, nella concezione del culto dei Cavalieri Danubiani, il cavaliere armato simboleggia il bene, mentre il nemico trovatosi sotto i piedi del cavallo, il male. Su questa piastrina, lincisore ha voluto sottolineare anche lidea delleroicizzare illustrata dalla posizione del nemico, il quale, con la mano tesa in alto, sollecita la clemenza del Cavaliere. Questo

Ibidem , p. 182. Ibidem , p. 184, 286. 63 Ibidem , p. 219 220. 64 Ibidem , p. 223 224. 65 Ibidem , p. 286. 66 Ibidem , p. 199 200. 67 Idem, CMRED , I, nr. 83, p. 49 50, tav. XLIII. 68 Idem, CMRED , II, p. 57.
61 62

CONTRIBUTIALLICONOGRAFIADEICAVALIERIDANUBIANI 277
simbolo insieme allaquila e alla dea Nik, ambedue divinit militari, suggerisce la vittoria sul campo di battaglia. da notare che anche la prima piastrina di Dunareni, a forma tonda, dominata dalla stessa idea dell*eroicizzare. Sottolineiamo che le piastrine di Dunreni aggiungono un elemento nuovo al simbolismo delle rappresentazioni dei rilievi di piombo: i Cavalieri Danubiani appaiono anche in posizione di eroi, molto probabilmente grazie allinfluenza del cultodelCavaliereTraco. Parlando di questo tipo di piastrine a registri orizzontali, D. Tudor nota che nel campo inferiore sono rappresentati i simboli sotterranei e diversi oggetti di culto 69. Sfortunatamente, lesemplare che abbiamo descritto conserva solo una parte del registro inferiore e ha alcuni rilievi poco chiari e difficili da interpretare. Particolarmente importante il fatto che allestremit sinistra raffigurato un tempio verso il quale si indirizzano in modo evidente tre personaggi, tra cui il primo, quello davanti al Tempio, sembra portare nelle mani vasi da sacrificio. Dei rilievi dei Cavalieri Danubiani catalogati finadesso conosciamo un solo caso in cui appare un tempio: si tratta di un reperto di piombo provenuto da Romula sul quale raffigurato, alla parte inferiore, un tempio a tre colonne accanto al quale si trova un personaggio visto di faccia che tiene una mano sullaltare 70. Tra il personaggio e il tempio non appare, cos come si pu notare dallorganizzazione delle immagini, nessun legame evidente. Invece, sulla piastrina di Dunreni, i tre personaggi si dirigono verso il tempio probabilmente per partecipare ad una cerimonia religiosa consacrata alla Dea e ai Cavalieri Danubiani. Se questa interpretazione da accettare, allora la seconda piastrina di Dunreni presenta unimportanza speciale siccome, per la prima volta, attestata dal punto di vista archeologico, la pratica del culto di questa divinit di origine dacogeta, nei tempi. Inoltre, data la chiarezza del messaggio espresso da questa immagine, si pu ammettere che anche la rappresentazione del tempio di Romula potrebbe averelostessosignificato. Come si potuto osservare, la maggior parte delle immagini della piastrina di Dunreni sono circondate da una cornice a forma di facciata di tempio (edicola). Questo genere di presentazione conosce una larga diffusione sulle piastrine dei Cavalieri Danubiani, incontrate a Sucidava 71, a Drobeta Turnu Severin 72, e una con origine ignota 73, tutte e tre scoperte nella Dacia Inferior. Un altro esemplare proviene da Viminacium (Kostola, lexJugoslavia) 74, nella

Ibidem , p. 78. Idem, CMRED , I, nr. 34, p. 19 20, tav. XVI. In un altro lavoro dedicato alla piastrina di Romula, appaiono differenze di descrizione. Per esempio, il tempio di assi diventa casina o stalla allinterno della quale si nota la testa di un toro. Il personaggio accanto il tempio (casina, stalla) porta nella mano un pugnale. Gli autori interpretano questimmagine come una scena di taurobolium . Su questo pezzo raffigurato pi chiaramente che sullillustrazione di CMRED , I, appaiono tre personaggi nel registro inferiore. Cf. D. Tudor e G. Popilian, Patru monumente inedite ale Cavalerilor Danubieni , in SCIVA, 27 (1976), 2, p. 269 273, fig. 2. 71 Ibidem , nr. 42, p. 24 25, tav. XXII. 72 Idem, CMRED , II, nr. 206, p. 12 13, tav. VIII. 73 Idem, CMRED , I, nr. 45, p. 26, tav. XXIII. 74 Ibidem , nr. 55, p. 31, tav. XXVIII.
69 70

278

CONSTANTINICONOMU,COSTELCHIRIAC

Moesia Superior, due esemplari sono di Oescus (Ghighen, Bulgaria) 75, e uno di Rebro (Bulgaria) 76, rispettivamente di Barboi 77, nella Moesia Inferior. Possiamo aggiungere una piastrina a localizzazione non precisata per scoperta nella MoesiaSuperior 78eunagemma,anchessaconprovenienzaignota 79. D. Tudor divide i rilievi dei Cavalieri Danubiani secondo la loro forma, in sette tipi. Il secondo esemplare di Dunreni che presentiamo adesso, fa parte, secondo la classifica di D. Tudor, del terzo tipo, il quale contiene piastrine con aspetto di facciata di tempio o edicola, caratteristiche per la Dacia Inferior e la Moesia Inferior. Secondo D. Tudor, ledicola e il frontone devono essere relativi al culto del tempio 80, questo punto di vista essendo confermato adesso anche dalle immagini del registro inferiore della piastrina di Dunreni. Il secondo reperto di Dunreni, in conformit conirilievipresentati,appartieneaunspecificocanone:i cavalieri e la Dea sono fiancheggiati da due serpenti, in posizione verticale, con le teste arcuate o indirizzate verso Sol e la Luna, formando una cornice con significato cosmico. Questo tipo di piastrina attestato a Rebro (Bulgaria) 81, nella provincia di Moesia Inferior, a Hrtkovci (lexJugoslavia) 82, nella Pannonia Inferior, a Virunum (Zollfeld, Austria) 83, in Noricum e in Italia, a Roma 84 e Terracina 85. Inoltre, la cornice cosmico con serpenti verticali appare su una gemma di provenienza sconosciuta 86. Tra queste piastrine, solo quelle di Hrtkovci e Roma (con un solo cavaliere) e quella di Dunreni raffigurano il cavaliere (i cavalieri) mentre colpiscono con lascia doppia nella mano destra. Questarma adoperata dai Cavalieri Danubiani appare anche su altre piastrine, come quelle di Parain (lexJugoslavia) 87, SalonaeSplit (lexJugoslavia) 88, Roma 89 ecc. Crediamo che, nelle immagini dove appaiono Sol e la Luna, larma prediletta adoperata dai Cavalieri Danubiani sia lascia doppia, simbolo caratteristico di Giove Dolichenus 90, cosa spiegabile se teniamo conto del fatto che queste divinit, come anche laquila, uno dei patroni dellesercito e simbolo della vittoria, sono collegati al culto di Iupiter. Inoltre alle zone orientali dellImpero Romano, il culto di
Ibidem , nr. 72 73, p. 41 43, tav. XXXVII XXXVIII. Ibidem , nr. 81, p. 48 49, tav. XLII. 77 Ibidem , nr. 99, p. 57, tav. LI. 78 Idem, CMRED , II, nr. 210, p. 14 15, tav. X. 79 Ibidem , nr. 228, p. 20, tav. XI, in alto; cf. anche p. 76. 80 Ibidem , p. 66. 81 Idem, CMRED , I, nr. 81, p. 48 49, tav. XLII. 82 Ibidem , nr. 146, p. 84, con lindicazione sbagliata della provenienza elite; idem, CMRED , II, tav. II; E. L. Ochsenschlager, Lead plaques of the Danubian Horseman type at Sirmium , in Sirmium , II, Belgrad, 1971, p. 55, tav. V/9, con lindicazione corretta della provenienza: Hrtkovci . 83 D. Tudor, CMRED , I, nr. 173, p. 95 96, tav. LXXV. 84 Idem, CMRED , II, nr. 174, p. 97 98, tav. LXXVI. 85 Idem, CMRED , I, nr. 176, p. 98 99, tav. LXXVII. 86 Ibidem , nr. 194, p. 110 111, tav. LXXVIII, a sinistra, in basso. 87 Ibidem , nr. 64, p. 36 37, tav. XXXI. 88 Ibidem , nr. 106, p. 63, tav. LIV. 89 Ibidem , nr. 174, p. 97 98, tav. LXXVI. 90 Idem, CMRED , II, p. 113.
75 76

CONTRIBUTIALLICONOGRAFIADEICAVALIERIDANUBIANI 279
Iupiter Dolichenus si diffuso anche nelle province danubiane dove, in qualit di patrone dellesercito, ha avuto molti adepti tra i militari, soprattutto tra quelli di origine orientale 91, sicch Dobrugia sono attestate parecchie testimonianze archeologicheriguardantiquestadivinit 92. Bench frammentario, il secondo rilievo di Dunreni pu essere attribuito al tipo B, con due cavalieri e la dea ed datato nella seconda met del IIIo secolo d.C. e linizio del IVo secolo d.C. 93. Comeareadidiffusione,lepiastrineaformadi facciata di tempio o edicola, che D. Tudor fa includere nel tipo III, si incontrano nei luoghi seguenti: 5 esemplari nella Dacia Inferior, 1 esemplare nella Moesia Superior, 6 nella Moesia Inferior (compreso il pezzo di Dunreni), per tutto 12 pezzi 94. Questa diffusione suggerisce il fatto che la pratica del culto nei tempi si effettuava soprattutto nella Dacia Inferior e nella Moesia Inferior, cio nelle province abitate dalla popolazione getodacica creatrice del culto dei Cavalieri Danubiani. Le piastrine di Dunreni introducono elementi nuovi nelliconografia dei Cavalieri Danubiani. La prima, a forma tonda, su cui manca la dea e il nemico caduto armato, simboleggia lidea delleroicizzare, come daltronde anche la seconda in cui il nemico di sotto il cavallo appare per la prima volta chiedendo perdono al vincitore. Questo nuovo rilievo di Dunreni aumenta a 3 il numero dei pezzi di piombo esistenti fino al presente in Dobrugia, in questa zona le altre scoperte essendo solo rappresentazioni di pietra o di marmo. Come abbiamo gi menzionato, anche il terzo esemplare pu essere collegato alla numerosa presenza dei militari collocati nelle guarnigioni danubiane compresi quelli venuti dallOriente e che nelle loro pratiche religiose avevano anche il culto dei Cavalieri Danubiani.

91 Silviu Sanie, Cultele orientale n Dacia roman . I. Cultele siriene i palmiriene , Bucure ti, 1981, p. 36 89; Robert Turcan, Cultele orientale n lumea roman , Bucure ti, 1998, p. 183 194. 92 Per il culto di Iupiter Dolichenus in Dobrugia cf. Zaharia Covacef, Cultele orientale n Dobrogea roman , Pontica , 33 34 (2000 2001), p. 382 383. 93 D. Tudor, CMRED , II, p. 280. 94 Ibidem , p. 69.

280

CONSTANTINICONOMU,COSTELCHIRIAC

Ill.1.Piastrinarotondadipiomboconlarappresentazione delCavaliereDanubianodiDunreni. Ill.2.Piastrinadipiomboconlarappresentazione deiCavalieriDanubianiscopertanellaprovinciadiCostanza.

CONTRIBUTIALLICONOGRAFIADEICAVALIERIDANUBIANI 281

Ill.3.Piastrinadipiomboconlarappresentazione deiCavalieriDanubianidiDunreni.