Sei sulla pagina 1di 208

Introduzione a Pizzicato

Versioni di Pizzicato Il Manuale utente di Pizzicato Obiettivi di Pizzicato

Versioni di Pizzicato
Ti ringraziamo per aver acquistato Pizzicato, sei il benvenuto nel suo mondo musicale! Pizzicato 3.6 si esprime attraverso undici versioni. Pizzicato Professional contiene tutte le funzioni spiegate nel presente manuale. Le altre 10 versioni ne contengono un sottoinsieme, orientato ad un utilizzo specifico di Pizzicato. Segue una breve descrizione di ciascuna versione:. Pizzicato Base (Light) Versione base attraverso la quale possibile imparare la musica, svolgere esercizi, scrivere piccole partiture (di 1 o 2 pagine) ed avvalersi di funzionalit di base MIDI e audio. Puoi anche iniziare l'apprendimento della Composizione musicale e della Tastiera. Pizzicato Principiante (Beginner) Si tratta essenzialmente di un editor di partitura fino a 16 righi (strumenti). Contiene un numero maggiore di funzionalit rispetto a Pizzicato Base, come ad es. l'uso di testo e degli accordi, funzioni MIDI, la vista "Editor Globale" e ... il corso di musica! Pizzicato Professional Se comparata alla versione 'Principiante', contiene importanti possibilit in pi. Tra le altre cose, una serie di strumenti intuitivi e rivoluzionari ti aiuter a comporre musica da te stesso. Apre le porte della composizione per chiunque lo desideri, anche senza alcuna formazione musicale. Gli strumenti e le opzioni disponibili in questa versione forniscono un editor di partitura molto potente, strumenti per modellare l'interpretazione MIDI di una partitura e i 'ferri del mestiere' per fare il compositore. Pizzicato Notazione (Notation) Tutto quanto necessario alla scrittura di partiture professionali lo troverai in questa versione di Pizzicato, identica, sul versante della notazione musicale, a Pizzicato Professional. Pizzicato Composizione Base (Composition Light) La presente versione, particolarmente economica, realizzata specificamente per introdurre il principiante nel mondo della composizione musicale. Pizzicato Composizione Pro (Composition Pro) E' presente la totalit degli strumenti di composizione intuitiva avanzata propri di Pizzicato Professional. Puoi esportare il tuo lavoro come file MIDI, come file MusicXML o come file audio e utilizzarlo in qualsiasi altro programma di notazione musicale o sequenzer. Pizzicato Percussioni (Drums and Percussion)

La presente versione economica specifica per i percussionisti. Stampa e riproduci i tuoi spartiti completi per batteria e percussioni. Pizzicato Chitarra (Guitar) Versione economica indirizzata alla tradizionale e variegata notazione per chitarra. Partiture complete, intavolature e diagrammi di accordi da poter stampare e riprodurre. Pizzicato Coro (Choir) Edizione economica specifica per la musica corale. Partiture complete di musica e testi per la stampa e la riproduzione. Pizzicato Tastiera (Keyboard) Caratteristiche specifiche della notazione musicale per tastiera (compresi gli incroci dei raggruppamenti su due pentagrammi) in questa versione economica completa, naturalmente, di stampa e riproduzione MIDI. Pizzicato Solista (Soloist) Versione economica per scrittura su un solo pentagramma. Stampa e riproduzione, inclusi testi e accordi, adatta a qualsiasi strumento solista. Queste versioni possono essere utilizzate con licenza previo acquisto. Esistono anche in versione di valutazione e shareware ed possibile utilizzarle gratuitamente con le seguenti limitazioni: Pizzicato verione Shareware Versione gratuita di Pizzicato Base (Light) della durata di un mese dall'istallazione. Presenti tutte le caratteristiche di Pizzicato Base. Tuttavia alla stampa della partitura sovrapposta un immagine di Pizzicato in sottofondo. E' possibile salvare file audio non pi lunghi di un minuto. Non inclusa la libreria di suoni. La presente versione segue le direttive del software Shareware ed implica l'acquisto della licenza dopo il primo mese di utilizzo. Pizzicato - versione di valutazione delle altre 10 versioni Non concesso il salvataggio del proprio lavoro, n esportare in formato MIDI, audio, grafico o musicXML Non concessa la stampa del proprio lavoro Non inclusa la libreria di suoni Non concessa la ricerca di accordi per l'armonizzazione (se applicabile). L'istallazione di Pizzicato, da DVD o tramite download da Internet di fatto comporta l'istallazione di tutte le versioni. In altre parole queste versioni multiple sono costituite dallo stesso software. Possono essere utilizzate tutte le versioni gratuite. Si pu passare da una versione all'altra dal menu Opzioni / Versione programma / aggiornamenti oppure direttamente dal menu Modalit operativa, sempre nel menu Opzioni. Questo ti consente di provare ciascuna versione. Puoi acquistare licenze multiple (per es. Pizzicato Chitarra e Pizzicato Percussioni) e, registrando le due licenze, puoi cambiare liberamente dall'una all'altra e a ciascuna delle altre 9 versioni gratuite. Installando la versione di valutazione, puoi utilizzarla come un lettore di documenti Pizzicato. Se qualcuno ti manda un file di Pizzicato, puoi scaricarti la versione di valutazione gratuitamente e, se non modifichi il documento, puoi stamparlo o esportarlo nei formati MIDI, audio e musicXML.

Il Manuale utente di Pizzicato


Il Manuale dell'Utente progettato per facilitare un graduale approccio alla musica, ai computer e a Pizzicato. E' suddiviso in "lezioni", ciascuna riguardante un determinato argomento. Molte di queste lezioni sono costituite dalla descrizione di passaggi concreti da effettuare su Pizzicato. Si cerca di mantenere un certo equilibrio tra teoria e pratica. Ogni lezione riguarda la musica, il computer o l'utilizzo di Pizzicato. La tabella dei contenuti elenca i riferimenti a ciascuna lezione. Questa suddivisione dei contenuti facilita l'adattamento della lettura al proprio livello di conoscenza. Il musicista professionista salter gli argomenti prettamente musicali cos come un esperto di computer non si soffermer su quelli informatici. In senso generale le lezioni seguono un ordine progressivo. Se si desidera avere un controllo pieno di Pizzicato, consigliamo di non ignorare quest'ordine. D'altra parte se si particolarmente interessati a determinati argomenti (l'apprendimento della musica, la stesura di una partitura, il sequenzer Midi o la composizione musicale..) saltare quelli che non interessano non costituisce un problema: l'introduzione alla lezione illustra di volta in volta gli argomenti trattati e aiuta a discernere quali possano interessare o meno. Un glossario elenca la maggior parte dei termini musicali, informatici o relativi a Pizzicato. Si raccomanda l'uso abbondante del glossario per non incorrere in problemi frequenti di comprensione dei temi svolti. I termini usati per la prima volta sono evidenziati dalla presenza di un link: il cursore diventa una manina quando si porta il mouse sopra di essi; cliccate e avrete la definizione del termine sul glossario. In base alla versione di Pizzicato acquistata, un manuale cartaceo contiene le lezioni principali richieste per apprendene l'uso. D'altra parte la documentazione digitale include tutte le lezioni relative alla versione posseduta. Molte lezioni sono comuni a tutte le versioni e per alcune sono indicate le differenze tra di esse. Nella suddivisione tra le lezioni ad esempio troverete una lista delle versioni di Pizzicato implicate.

Obiettivi di Pizzicato
La progettazione e la creazione di Pizzicato hanno inizio nel 1992. Lo scopo era quello di fornire un approccio alla musica ed al computer senza che fosse richiesta una conoscenza seppur minima in questi campi, offrendo nel contempo al professionista un massimo di funzionalit squisitamente musicali. Le versioni future continueranno a progredire in questa direzione. Per essere sempre aggiornati sugli sviluppi futuri di Pizzicato e poter avere a completa disposizione il nostro supporto tecnico, gentilmente richiediamo di registrarvi come utenti ufficiali di Pizzicato. A tale scopo restituite la carta di registrazione inclusa nella confezione del software o direttamente registratevi sul nostro sito Web. Per ogni questione riguardante Pizzicato, potete contattare il nostro supporto tecnico internazionale: Arpege - Music 29, rue de l'Enseignement 4800 VERVIERS Belgium Tel ++32 87-55.23.60 Fax ++32 87-26.80.10 o contattateci via Internet: www.arpegemusic.com e tramite E-mail: support@arpegemusic.com Comunicate il numero della vostra licenza allo staff di supporto. Se si tratta di un problema relativo all'installazione o all'utilizzo del programma, vi preghiamo di trovarvi al computer durante la chiamata. Comunque l'invio di una mail con la descrizione accurata del problema, resta il modo migliore per ricevere supporto tecnico. Normalmente rispondiamo nelle 24 ore dei giorni lavorativi.

Non esitate a comunicarci le vostre idee riguardo possibili miglioramenti o nuove funzionalit. Terremo conto dei vostri suggerimenti nella realizzazione delle future versioni di Pizzicato. Il nostro principale obiettivo resta quello di rendere Pizzicato la vostra piattaforma ideale di lavoro nelle attivit musicali assistite da computer. Per questo i vostri punti di vista sono cos importanti per noi. Detto questo, siamo pronti ad andare dritti al cuore della questione: la musica con il vostro computer. Vi auguriamo di godere appieno nella scoperta dell'universo musicale e digitale di Pizzicato!

Dominique Vandenneucker Pregettista di Pizzicato

Installare Pizzicato
Installare Pizzicato Cominciare con Pizzicato Registrazione della Licenza Uscire da Pizzicato

Installare Pizzicato
L'installazione di Pizzicato consiste nel copiare tutti i file necessari sull' hard disk del tuo computer. Questa operazione deve essere portata a termine prima di poter usare Pizzicato. E' sufficiente seguire la procedura descritta in questa lezione. Se non riesci a completare uno o pi passaggi, non esitare a contattare il supporto di tua competenza. Insieme risolveremo il problema. Il manuale di Pizzicato include parecchie lezioni sulle basi del computer. Se i computers ti sono completamente estranei, puoi consultare queste pagine come primo approccio. Inoltre ti consigliamo di leggere il manuale introduttivo di Windows o Macintosh. Segui anche la visita guidata che Windows o Mac mettono a tua disposizione. Ti fornir le nozioni necessarie per la gestione del computer. Per installare Pizzicato in Windows, completa i seguenti passaggi (per Mac, vedi sotto): Introduci il DVD di Pizzicato nel lettore DVD o, se possiedi la versione elettronica, fai doppio-click sul file di installazione. Se il programma di installazione non parte, procedi come segue: 1. 2. 3. 4. Clicca sul pulsante Start della toolbar di Windows Clicca Esegui Digita D:setup con la tastiera (D rappresenta la lettera relativa al lettore DVD) e clicca OK Se non conosci la lettere associata al lettore DVD, clicca sul pulsante Esplora... e fai doppio click su Computer sul Desktop. Poi fai doppio-click sull'icona che rappresenta il lettore DVD e fai doppio-click sul file di Setup (o Setup.exe)

Segui le istruzioni che appaiono sullo schermo Una volta terminata l'installazione, puoi estrarre il DVD di Pizzicato dal lettore Per installare Pizzicato su Macintosh, completa i seguenti passaggi: Introduci il DVD di Pizzicato nel lettore DVD o, se possiedi la versione elettronica, fai doppio-click sul file di installazione. Nel DVD, fai doppio-click sul file "Pizzicato 3.6 - IT.zip". Verr creata la cartella "Pizzicato 3.x" e di default si trover nella cartella del file scaricato. Puoi trascinarla nella cartella dell'applicazione del Mac. Una volta terminata l'installazione, puoi estrarre il DVD di Pizzicato dal lettore.

Cominciare con Pizzicato


L'avvio di Pizzicato l'operazione che consentir al programma di prendere il controllo del computer. Da questo istante Pizzicato attivo ed in grado di eseguire tutte le istruzioni che ciascuna lezione della guida vi indicher. Per avviare Pizzicato sotto Windows, cliccate sul pulsante Start, poi su Programmi quindi su Pizzicato 3.x e di nuovo su Pizzicato. Per avviare Pizzicato sotto Mac OS X, aprite il vostro hard disk Macintosh; nella cartella Applicazioni troverete la cartella Pizzicato 3.x; apritela e cliccate sul file "Pizzicato". Il programma avviato. La prima volta, su Mac o Windows, il programma vi dir di scegliere la versione di Pizzicato e vi chieder di inserire il numero della licenza ed il mumero seriale. Vediamolo nei dettagli.

Registrazione della Licenza


Avviando Pizzicato per la prima volta vederete apparire la seguente finestra di dialogo:

Se avete acquistato Pizzicato, selezionate Registrazione della Licenza e compilate i tre campi di testo fornendo le seguenti informazioni: Il numero della licenza: si trova sulla confezione del DVD di Pizzicato o nella e-mail delle istruzioni; composto da 5 cifre Il numero di serie: anch'esso sulla confezione del DVD o nella e-mail delle istruzioni, composto da 4 gruppi di 4 cifre separati dal trattino. Esso pertanto nella forma: xxxx-xxxx-xxxx-xxxx. E' importante inserire i 19 caratteri (16 cifre e 4 segni "-") senza introdurre spazi. Il tuo nome: quello che appare sulla carta di registrazione (o registrazione Internet) Se non avete acquistato Pizzicato e lo avete su un DVD demo, o scaricato da Internet o ricevuto da un amico, potete usare le opzioni della colonna di destra che non richiedono un numero di licenza: Versione Shareware (libero utilizzo di Pizzicato Base per un mese a partire dall'installazione) Le altre 10 versioni di valutazione di Pizzicato (con le funzioni di salvataggio, stampa ed esportazione disabilitate) Click OK. Se non avete una licenza (di valutazione o shareware), Pizzicato viene avviato. A seconda della

licenza che avete, potrebbe comparire una finestra di dialogo con la richiesta del codice personale. Se questo non avviene l'installazione completa. Altrimenti fate come segue. Pizzicato protetto da un sistema con codice personale. Tale codice pu essere calcolato da noi solo dopo l'installazione di Pizzicato sul vostro computer. Per questo il codice non presente sul DVD originale n sulla confezione del software n sulla e-mail di istruzioni della versione elettronica. Per potervi comunicare questo codice personale necessario che voi ci inviate il numero di licenza e quello di identificazione che si trova nell'angolo in alto a sinistra della presente finestra di dialogo . Se siete connessi a Internet, un pulsante vi consentir di inviare direttamente la richiesta del codice personale. Riempite i campi e validate. Questo il metodo pi semplice per ricevere il codice personale tramite e-mail in circa dieci minuti. Potete usare il software per 20 ore senza il codice personale. Dopodich il programma funzioner in modalit Shareware o in versione di valutazione. Per avere il codice personale potete anche andare sulla pagina di registrazione e riempire i campi; questo il modo pi rapido per ottenerlo: www.arpegemusic.com/clients2.htm La pagina raggiungibile anche dal menu Help di Pizzicato, Registrazione Online... Finch non avrete inserito il vostro codice personale, la finestra di dialogo apparir automaticamente all'avvio di Pizzicato. Appena ottenuto il codice personale inseritelo nella casella di testo e premete OK. Usate il copia/incolla per evitare errori di digitazione. Se il codice corretto, la finestra di dialogo non apparir pi. Pizzicato definitivamente installato sul vostro computer.

Uscire da Pizzicato
Per uscire dal programma cliccate sul menu File (per Mac, menu Pizzicato) situato nella barra dei menu, quindi sulla voce Exit. Pizzicato termina. La stessa cosa ottenibile tenendo premuto il tasto ALT e premendo F4 sul PC o "Apple" + "Q" su Mac. Se siete completamente a digiuno di computer consigliamo di leggere le lezioni riguardanti i computer che seguono dopo la presente. Esse vi istruiranno circa le basi e i vari elementi grafici che incontrete nell'uso di Pizzicato. Se avete dimestichezza con i computer, andate direttamente al manuale e/o al corso di musica. Buon lavoro!

Utilizzare l' Help


Cos' l' help? Il menu help Come utilizzare l' help? Ottenere l'help di contesto

Cos' l' help?


L'Help costituisce un modo rapido per avere un'informazione o una spiegazione relativa ad un determinato

aspetto di Pizzicato. L'Help disponibile a video e contiene molto di pi rispetto al manuale cartaceo. In base alla versione posseduta, il manuale cartaceo contiene una selezione dei principali argomenti. Tuttavia nessuno proibisce di stampare le pagine dell'Help che si desidera consultare su carta. L'Help organizzato in varie lezioni.

Il menu help
Il menu Help, sulla barra del menu principale, vi consente di aprire la presente pagina e di consultare il manuale d' istruzioni.

Come utilizzare l' help?


Scegliendo, ad esempio, un articolo dal menu help, Pizzicato apre la pagina corrispondente del manuale. A questo punto Pizzicato continua ad essere operativo e la pagina di help sempre in primo piano rispetto all'applicazione (su Mac OS X, si apre il browser Web e potete alternare da Pizzicato al browser, avanti e indietro). Di seguito le istruzioni fondamentali su come usare questa finestra di aiuto (help). Navigare attraverso l'help Le parole colorate (in blu, sollolineate o in grassetto, a seconda del browser usato) costituiscono i cosiddetti links (collegamenti). Muovendo il mouse su di un link il cursore diventa una piccola mano. Se cliccate sul link visualizzerete, ad esempio, istruzioni complementari, un nuovo argomento o la definizione di una parola nel glossario. All'inizio e alla fine di ciascuna pagina, troverete una barra degli strumenti che vi consentir di spostarvi alla lezione successiva o a quella precedente, come anche all'indice delle lezioni relativo alla versione di Pizzicato che state visionando. Spostarsi tra argomenti gi consultati Nella barra dell'help, cliccate Previous (precedente) per visualizzare l'ultimo argomento consultato. Questo vi consentir di tornare sui vostri passi per consultare argomenti gi visionati, il che spesso necessario in un normale processo di apprendimento. Il navigatore ha in memoria la storia delle vostre consultazioni e vi consente di ripercorrerla a ritroso; molto pi semplice che con un libro cartaceo. Questo sistema di navigazione tra le pagine di un manuale vi agevoler nell'utilizzo di Pizzicato. Nella barra dell'help, cliccate Next (successiva) per muovervi sulla pagina successiva di una serie di argomenti gi consultati. Ricerca di un argomento Tre pulsanti vi daranno accesso a (sul Mac OS X sono disponibili sulla tabella dei contenuti): 1. La Tabella dei Contenuti: tabella che elenca tutte le lezioni. 2. L'Indice: una lista di parole ed espressioni collegate alle lezioni che ne chiariscono il significato. 3. Il glossario: una lista di termini musicali ed informatici e le loro definizioni. Ricevere aiuto da una finestra di dialogo Premete il tasto F1. Sul Mac potete anche utilizzare il tasto Help. Stampa di un argomento

Cliccando col tasto destro del mouse sulla superficie della finestra di help (su Mac OS X, nel menu File, Print), compare un menu nel quale selezionare il comando Stampa. Dimensioni della finestra di help La finestra di help visualizzata di fronte al software. Potete cambiarne dimensioni e posizione per agevolare l'utilizzo della parte di Pizzicato su cui state lavorando. Copiare un argomento Selezionate semplicemente il testo da copiare ed usate il comando "Copia" del menu di contesto del tasto destro del mouse (o del menu Modifica del browser). Il testo copiato negli appunti (clipboard). Aprite il documento nel quale intendete copiare l'argomanto. Cliccate nel documento, nella posizione dove volete che appaia il testo copiato. Nel menu Modifica selezionate Incolla.

Ottenere l'help di contesto


L'help anche disponibile a seconda del contesto nel quale vi trovate in Pizzicato. Per usufruire dell'help di contesto, posizionate il mouse sull'elemento grafico del quale volete l'help, per esempio una finestra, uno strumento o una finestra di dialogo. Quindi premete il tasto F1. Sul Mac, con la tastiera estesa, potete ottenere l'help di contesto anche con il tasto Help. Se l'help disponibile per quell'elemento, l'argomento relativo verr mostrato in una nuova finestra. Diversamente apparir l'indice principale dell'help. Direct yourself towards any subject you want and explore the contents of help until you are accustomed to it. Pensate a qualsiasi argomento vogliate conoscere ed esploratene il contenuto nell'help finch non siate soddisfatti. I concetti appresi in queste ultime lezioni vi consentono finalmente di avere un approccio pratico con Pizzicato. Assicuratevi di averli appresi in modo esauriente e non esitate a leggere le lezioni anche diverse volte. Queste vi fornir gli strumenti fondamentali per comunicare con Pizzicato. Buon viaggio!

Impostazioni MIDI
Che cos' il MIDI? Configurazione MIDI Seleziona un sintetizzatore

Che cos' il MIDI?


MIDI sta per Musical Instrument Digital Interface (interfaccia digitale per strumenti musicali). E' un linguaggio che permette a sintetizzatori e computer di comunicare fra loro. Grazie a questo sistema, il computer pu memorizzare le note eseguite sulla vostra tastiera e controllare un sintetizzatore musicale per eseguire partiture e composizioni.

Fisicamente la comunicazione avviene tramite uno o due cavi di connessione tra il computer e lo strumento musicale. Sintetizzatori di bassa qualit non sempre possiedono un interfaccia Midi, la qual cosa non consente loro di comunicare con un computer. Per accertare la compatibilit MIDI necessario che sia presente sullo strumento uno o due connettori del seguente tipo:

con la scritta In, Out o Thru. Un computer Macintosh o PC non ha di per se connettori MIDI. E' necessario adattarlo con un'interfaccia Midi. Su computer Macintosh l'interfaccia Midi costituita da una piccola scatola esterna, la quale comprende connettori per cavi Midi ed un cavo per la connessione al computer su porta USB. Su PC l'interfaccia Midi quasi sempre costituita da una scheda elettronica installata all'interno del computer o anche da una piccola scatola con connessione USB per il computer e connessioni Midi per lo strumento. Le periferiche Midi hanno uno o pi connettori. Un cavo Midi consente la comunicazione in una sola direzione. Se ad esempio avete un sintetizzatore Midi con tastiera, esso deve avere almeno 2 connettori Midi. Il primo, contrassegnato dalla scritta Midi In (Midi input), per ricevere dati dal computer. Il secondo, contrassegnato dalla scritta Midi Out (Midi output), invia le note eseguite sulla tastiera al computer. E' spesso presente un terzo connettore, con la scritta Midi Thru, il quale invia una copia dei dati provenienti dal connettore Midi In per poter collegare un'altra periferica Midi che riceva gli stessi messaggi MIDI. Se si connettono periferiche Midi tra di loro, importante tener presente che possono essere collegati esclusivamente connettori input di una periferica ( Midi In) con l'output (Midi Out o Midi Thru) di un'altra periferica. Qualunque altra combinazione errata. Ecco i diagrammi delle connessioni pi frequenti tra una periferica MIDI e un computer. Sintetizzatore con tastiera:

Tastiera Midi (senza sintetizzatore integrato):

Modulo Suoni esterno senza tastiera:

Tastiera Midi (senza sintetizzatore integrato) + Modulo Suoni esterno:

Sintetizzatore con tastiera esterna + Modulo Suoni:

Per installare correttamente la propria interfaccia Midi si legga con attenzione il manuale. Accertarsi inoltre di installare il software dell' interfaccia (driver MIDI e scheda audio per Windows). Tale installazione normalmente illustrata nel manuale dell'utente dell' interfaccia MIDI. Un cavo midi non trasporta suoni ma solo informazioni relative alle note eseguite sulla tastiera e altre informazioni necessarie alla configurazione di un sintetizzatore. Le connessioni che abbiamo spiegato riguardano solamente l'aspetto Midi. Se il vostro sintetizzatore non ha un'altoparlante interno, avete bisogno di connettere l'output audio a un sistema di amplificazione con altoparlanti, come un impianto Hi-Fi. Consultare il relativo manuale. Il resto di questa lezione vi dir come informare Pizzicato su qual' la strumentazione musicale e l'interfaccia Midi in vostro possesso. Prima di fare questo assicuratevi che l' interfaccia Midi o la scheda audio sia correttamente installata e che le connessioni siano stabilite in modo corretto, aiutandovi con gli esempi su esposti. Infine controllate che la strumentazione musicale sia accesa. Una ulteriore spiegazione necessaria se avete un cavo MIDI per scheda audio (Windows). Da un lato del cavo c' un connettore per scheda audio, chiamato anche porta Joystick. Dall'altro lato ci sono due connettori MIDI: MIDI IN e MIDI OUT. Tali nomi corrispondono rispettivamente, dal punto di vista del computer, al MIDI input e al MIDI output. Osservando i diagrammi precedenti dunque necessario inserire il connettore MIDI IN al MIDI OUT del sintetizzatore e viceversa. L'inversione di queste connessioni spesso la causa di installazioni MIDI errate, le quali, fortunatamente, non sono causa di guasti, ma la comunicazione MIDI non stabilita. All'installazione Pizzicato stabilisce un semplice collegamento MIDI che nella maggior parte dei casi funziona senza ulteriori modifiche. Se ci sono problemi o volete sfruttare al meglio le potenzialit della vostra scheda audio seguite le istruzioni di cui sopra. Se permangono problemi relativi alla configurazione MIDI non esitate a contattare il vostro supporto tecnico di riferimento.

Configurazione MIDI
Nel menu Options, selezionare la voce MIDI setup.... Apparir la seguente finestra di dialogo:

Pizzicato comunica con una periferica MIDI attraverso quella che si definisce una "Porta MIDI". Ogni porta Midi costituisce un terminal bidirezionale tra Pizzicato e ed il vostro strumento musicale. Un messaggio Midi, inviato al vostro strumento musicale, passa attraverso la porta Midi. Similmente, suonando una nota sulla vostra tastiera state inviando un messaggio alla porta Midi che Pizzicato pu processare. La finestra di dialogo per la configurazione Midi mostra gli inputs MIDI sulla sinistra (in blu) e gli outputs MIDI sulla destra (in rosso). La maggior parte delle versioni di Pizzicato consentono l'utilizzo di un solo input e un solo output, mentre le versioni Professional e Composition Pro consentono di utilizzare fino a 16 inputs e 16 outputs. Normalmente una o due porte Midi sono sufficienti. Dopo la prima installazione, Pizzicato seleziona una porta input e una porta output basandosi sulla configurazione del vostro computer. Per testare una porta output, cliccare sul quadratino bianco sulla sinistra della porta. Pizzicato invia una serie di note alla porta MIDI. Se siete in grado di sentirle, la porta correttamente connessa. Potete modificare le porte input e output con un doppio-click su di esse.

Configurazione di una porta MIDI output Fare doppio-click sulla porta output. Apparir la seguente finestra di dialogo:

Segue la descrizione dei campi: Nome: la denominazione che si vuol dare alla porta MIDI. Il nome di default composto dal tipo di sintetizzatore associato (vedi sotto) seguito dal nome originale della porta MIDI. Potete personalizzare e/o semplificare il nome, per es. "Audigy card", "Yamaha Synth", etc... Questo sar il nome attraverso il quale selezionerete una porta output (se ce ne fossero pi di una) per ciascun rigo di una partitura. Driver associato: E' la lista dei driver MIDI output installati sul computer. Ciascuna voce corrisponde o a un sintetizzatore MIDI della scheda audio o all'interfaccia MIDI alla quale deve essere connessa una periferica MIDI esterna. Voci: Quando valorizzato, tale campo indica il numero di voci simultanee che possono essere eseguite. Polifonia: Quando valorizzato, tale campo indica il numero di note simultanee che possono essere eseguite. A seconda del modello di sintetizzatore, una nota potrebbe richiedere pi di una voce per essere eseguita. Il pi delle volte, per una scheda audio, questo campo e il precedente contengono lo stesso valore. Canali MIDI disponibili: indica quali canali MIDI possono essere usati da questo output. Questo e i due campi precedenti sono a sola lettura e non possono essere modificati. Sintetizzatore associato: Per Pizzicato Professional e Composition Pro, tale lista contiene quasi un centinaio di modelli. Non si tratta comunque della presenza reale di tali sintetizzatori. Essi infatti contengono solo le informazioni relative alla lista dei suoni e le specifiche del modello sul mercato. Se volete selezionare un suono realistico farlo dalla lista di suoni del vostro sintetizzatore. Per udire un suono necessario un sintetizzatore reale connesso con il MIDI output. Vedi la nota sotto sulla selezione di un sintetizzatore. Le altre versioni di Pizzicato contengono solamente lo standard GM (General MIDI), GS (Roland), XG (Yamaha) o una lista di soli numeri (MODELLO-1). Configurazione di una porta MIDI input Fare doppio-click sulla porta input. Apparir la seguente finestra di dialogo:

Segue la descrizione dei campi: Nome: il nome che date alla porta MIDI. Di default corrisponde al nome originale della porta MIDI input. E' possibile personalizzare e/o semplificare il nome, per esempio "My keyboard"... Driver associato: E' la lista dei driver MIDI input installati sul vostro computer. Ciascuno corrisponde a un interfaccia MIDI alla quale pu essere connessa una periferica MIDI esterna. Echo to: Potete qui specificare una delle porte output, in modo che le informazioni MIDI che pervengono alla porta input siano inviate in echo alla porta output selezionata. Se avete un sintetizzatore con tastiera, non avete bisogno di specificare alcun echo perch le note eseguite sono immediatamente riprodotte dal sintetizzatore. Se la vostra tastiera

MIDI separata dal sintetizzatore (tastiera + modulo suoni esterno), avrete bisogno di attivare un echo per poter sentire le note eseguite dal modulo suoni. Valore di trasporto: le note prevenute verranno trasportate del numero di semitoni indicato. filtro MIDI... tale pulsante apre una finestra di dialogo attraverso la quale filtrare selettivamente gli eventi e i canali MIDI per la presente porta MIDI:

Per aggiungere o cancellare una porta MIDI input o output, cliccare col tasto destro del mouse per avere il menu di contesto. Una voce permette di cancellare la porta cliccata e due altre di aggiungere una porta input o output. Con lo stesso menu potete chiedere a Pizzicato di configurare il MIDI. Scegliendo tale opzione la presente configurazione MIDI verr rimossa e sostituita dalla creazione di una porta per ciascun input ed output presente nel computer. Potete quindi personalizzare come sopra descritto. A seconda della strumentazione in vostro possesso, ecco descritte le situazioni pi comuni: Non possedete strumentazione musicale n una scheda audio: In questo caso non deve essere connessa alcuna interfaccia Midi. Sul Mac possibile installare l'estensione "Sintetizzatore QuickTime" quindi selezionare tale voce sulla porta MIDI output. Potete chiudere la finestra di dialogo cliccando sulla x di chiusura. Avete un'interfaccia Midi sul vostro PC/Mac: Fate doppio-click sulla porta input e selezionate il Driver Associato corrispondente al nome della vostra interfaccia, ad es. Mpu-401, MusicQuest, Midi Input, SB MIDI IN... e confermate. Fate lo stesso per la porta output. Se non ci sono voci nel menu Driver Associati vuol dire che l' Interfaccia Midi non installata correttamente. Rileggete il manuale della scheda e fatte attenzione ad installarla correttamente, altrimenti Pizzicato non avr accesso al MIDI. Se la vostra interfaccia Midi contiene pi input e output li avrete disponibili nel menu Driver associato. Con Pizzicato Professional potete aggiungere porte input e/o output, come illustrato sopra, e configurarle cos da corrispondere a tutte le interfacce disponibili. Avete una scheda audio (con o senza interfaccia MIDI): Operare come esposto al punto precedente. Utilizzare la porta Midi input e selezionare il Driver associato corrispondente al Midi input della vostra scheda audio, ad es. Mpu-401, MusicQuest, Midi Input, SB MIDI IN ... In riferimento all'output, questo tipo di scheda ne possiede almeno 2. Se usate un sintetizzatore esterno collegato al Midi, usate la porta MIDI output per selezionarlo (ad es. Mpu-401, MusicQuest, Midi Output, SB MIDI OUT ...) Una scheda audio ha un sintetizzatore integrato che pu essere selezionato nel menu output Driver associato. Potete aggiungere un'altra porta MIDI output (solo con Pizzicato Professional e Composition Pro) per accedere ad esso. In base alla scheda audio che avete, troverete probabilmente, oltre al MIDI output, altre due opzioni. Le moderne schede audio spesso contengono un sintetizzatore FM - FM Synthesis (Yamaha OPL3) - ed un altro pi sofisticato il cui nome dipende dal costruttore della scheda. L'ordine delle porte output ed input non molto importante. Di default selezionata la porta 1 per gli strumenti di una nuova partitura, cos consigliamo di usare preferibilmente la porta Midi 1 per il sintetizzatore maggiormente utilizzato.

Se usate una tastiera Midi priva di sintetizzatore integrato, avrete bisogno di impostare l' echo, associato al MIDI input, alla porta MIDI output relativa al sintetizzatore della scheda audio. Questo vi consentir di udire direttamente sul sintetizzatore della scheda audio le note da voi eseguite sulla tastiera.

Seleziona un sintetizzatore
In Pizzicato Professional e Composition Pro, la lista dei sintetizzatori contiene quasi un centinaio di modelli. Le altre versioni contengono solamente le liste standard GM (General MIDI), GS (Roland), XG (Yamaha) e una lista generica numerata (MODELLO-1). La lista di selezione del sintetizzatore vi consente di specificare il modello di scheda o sintetizzatore che possedete. Pizzicato dovrebbe conoscere i suoni disponibili per gli strumenti, i canali MIDI che possono essere usati, gli effetti speciali disponibili (riverbero, chorus...) cos come altre caratteristiche specifiche degli strumenti. La lista dei sintetizzatori contiene parecchi sintetizzatori e schede audio presenti sul mercato. Se il vostro sintetizzatore o scheda audio non nella lista, leggete la nota sotto. La maggior parte delle schede audio usano il GM standard, GS (Roland) o XG (Yamaha). Per il GM selezionare GM-1 nella lista. Se necessario, potete collegare parecchi sintetizzatori sulla stessa interfaccia Midi. E' questo il caso dell'ultimo esempio di connessione illustrato all'inizio di questa lezione (sintetizzatore con tastiera + modulo suoni). Dovete solamente configurare due porte MIDI (solo con Pizzicato Professional e Composition Pro) con la stessa interfaccia e associarli rispettivamente al primo e secondo sintetizzatore. Sar necessario disabilitare alcuni canali MIDI dei vostri sintetizzatori e riconfigurare leggermente il sintetizzatore per evitare conflitti. Per maggiori dettagli vedere la lezione sulla configurazione del sintetizzatore Nota Se non trovate il vostro sintetizzatore o scheda audio nella lista, procedete nel seguente modo: 1. Consultate il manuale del vostro sintetizzatore per vedere se compatibile con il GM standard (General Midi). Questo standard sempre pi usato. Esso standardizza il comportamento dei sintetizzatori. Se compatibile, selezionate GM-1 nella lista dei sintetizzatori. Controllate anche se sia compatibile con GS standard (General System), uno standard specifico per i sintetizzatori Roland. In questo caso selezionate GS nella lista. Provate anche con il modello XG (Yamaha). Controllate se il modello del vostro sintetizzatore molto simile a un altro dello stesso marchio e testatelo. 2. Se non questo il caso, sappiate che Pizzicato ( Professional o Composition Pro) vi consente di creare e configurare un nuovo sintetizzatore che pu essere aggiunto alla lista fornita. Questo richiede una buona conoscenza dei sintetizzatori e della tecnologia MIDI. Le istruzioni da seguire si trovano nella lezione configurazione del sintetizzatore. In qualche caso necessario fare da se stessi la codifica per uno specifico sintetizzatore, ma questo dipende dal modello. In ogni caso potete contattarci per qualsiasi necessit o consiglio.

Gestione dei documenti e delle finestre (1)


Cos' un documento? Il gestore dei documenti

Apertura e creazione di un documento Apertura contemporanea di pi documenti

Cos' un documento?
Vedremo adesso come visualizzare e gestire un documento musicale. Questo il fondamento di ogni altra operazione che svolgerete con Pizzicato. E' quindi essenziale che abbiate la padronanza dei seguenti concetti. Un documento un insieme di informazioni musicali tenute insieme da una stessa denominazione. Esempio: volete scrivere un arrangiamento per un gruppo jazz. Le misure, le note che scrivete, la grafica per la stesura della partitura, il tempo, i diversi strumenti implicati, il volume di ogni strumento... tutto questo costituisce l'insieme delle informazioni relative al vostro arrangiamento, identificabile come un set unitario di informazioni. Per meglio identificarlo daremo a esso un nome, per esempio "Jazz-1". Ecco un documento chiamato "Jazz-1" contenente tutte le informazioni relative a tale arrangiamento. In ambito informatico un documento cos descritto altro non che un file, creato o manipolato dall'utente. Se non l'avete gi fatto questo il momento di avviare Pizzicato. All'avvio il programma apre automaticamente un modello di documento (template). E' una pagina da musica pronta ad essere usata (tenete presente che il template aperto dipende dalla versione di Pizzicato che possedete, potrebbe quindi essere diverso da quello mostrato):

Questa finestra mostra la vista "partitura". Essa vi consente di visualizzare e modificare il contenuto della partitura. Notate una barra di scorrimento sulla destra dello schermo necessaria per visualizzare l'intera pagina, altrimenti visibile solo in parte. Se il vostro schermo non vi consente la visualizzazione dell'intera pagina in senso orizzontale, avrete in basso a destra una barra di scorrimento orizzontale necessaria per visualizzare in larghezza l'intera pagina. Quando una partitura contiene pi pagine verr attivata una barra di scorrimento in basso a sinistra per poter sfogliare tutte le pagine. Esamineremo altri tipi di finestra (chiamati "viste") utili per operare su altri aspetti della partitura, come la selezione degli strumenti, l'inserimento di testi etc...

Il gestore dei documenti


Sulla parte sinistra della finestra principale si trova il "gestore documenti":

Questa sezione pu essere visualizzata o nascosta, usando la casella di selezione con la piccola "D" presente sulla barra degli strumenti della finestra. Essa sta per "gestore Documenti". Cliccate su di essa. Ora visibile la sola partitura. Cliccate nuovamente su di essa e il gestore documenti di nuovo visibile. Nascondere il gestore documenti vi lascia pi spazio per lavorare con la partitura. Il gestore documenti costituisce una parte importante di Pizzicato. Attraverso di esso potete gestire e organizzare i vostri documenti musicali, evitando l'utilizzo delle finestre di dialogo standard di Windows o Mac per aprire e salvare i documenti.

I pulsanti blu visibili sulla sommit della sezione rappresentano le diverse configurazioni. In base alla versione di Pizzicato che possedete, possono essereci due o pi configurazioni, ma queste due sono comuni a tutte le versioni. La configurazione "1" la cartella documenti di default, chiamata Mie partiture. Essa contiene tutti i documenti da voi creati. All'avvio di Pizzicato viene creato un documento, automaticamente denominato con la data o l'ora correnti. Se non lo modificate, tale documento viene cancellato automaticamente da Pizzicato, ma se modificate la partitura, esso verr salvato nella cartella Mie partiture. Un documento di Pizzicato rappresentato da un'icona verde. Esso contiene di default una partitura, denominata Partitura 1. Potete rinominare il documento e anche la partitura, cliccando col tasto destro del mouse sull'icona e selezionando la voce "Cambia nome...". Da una piccola finestra potrete modificare il nome. Cliccate ora sul pulsante blu relativo alla configurazione "2". Essa contiene 3 cartelle:

Cliccando sul segno "+" viene mostrato il contenuto della cartella. Per esempio, cliccate sul segno "+" relativo alla cartella Esempi. Potrete osservare la lista di tutti gli esempi contenuti nelle lezioni di Pizzicato:

Per aprire un esempio cliccate sul segno "+" relativo ad esso. Vedrete una o pi icone di partiture. Se fatte doppio-click sul nome della partitura essa si aprir nella parte principale della finestra. Cliccando col tasto destro del mouse su di una cartella, per esempio sulla cartella Esempi, potete chiedere a Pizzicato di aprire tutti i documenti di quella cartella mostrando le icone delle partiture, selezionando la voce Apri documenti e cartelle:

Se ora portate il cursore deil mouse su di un'icona di partitura, ne verr mostrato il contenuto in una nuova finestra temporanea. In questo modo potete visionare con facilit il contenuto di molte partiture. Inoltre, se cliccate sull'icona e tenete il mouse fermo sull'icona stessa, ascolterete l'esecuzione midi della partitura. Potete apprendere molto di pi sul gestore documenti esaminando la lezione dedicata ad esso. Per esempio, potete aggiungere cartelle e organizzarle sul vostro disco rigido. Vedere la lezione intitolata Il gestore documenti. Potete anche continuare a gestire i vostri documenti nel modo tradizionale, ovvero esplorando il file system di Windows e Mac. Per operare in tal modo andate semplicemente nel menu File di Pizzicato ed utilizzate i comandi Apri, Salva, Salva con nome. Per cancellare un documento di Pizzicato, cliccate col destro del mouse sull'icona verde e selezionate la voce Cancella. Prima di cancellare il file, Pizzicato ve ne chieder conferma.

Apertura e creazione di un documento


Per aprire un documento, in modo da poterlo ascoltare, stampare e/o modificare, fare doppio-click sul nome accanto all'icona della partitura. La partitura viene cos visualizzata nella parte principale della finestra. Provate ad aprire,come descritto, l'esempio 42. Compare la seguente partitura:

Per ascoltare questa partitura suggeriamo una scorciatoia molto pratica. Battete sulla barra spaziatrice della tastiera del computer. Se le configurazioni musicale e MIDI sono impostate correttamente (vedere la lezione relativa a tale argomento), potrete ascoltare la musica rappresentata da queste 4 battute. Durante l'esecuzione, Pizzicato vi mostra la posizione corrente con un piccolo triangolo che si muove tra le note durante l'esecuzione. Le note si colorano di rosso mentre sono eseguite. Dopo 4 misure l'esecuzione si ferma automaticamente. Potete fermare voi l'esecuzione in qualsiasi momento battendo di nuovo sulla barra spaziatrice. Aprite ora, nello stesso modo, l'esempio Ex043:

Con la barra spaziatrice, ascoltatelo. Quindi aprite l'esempio Ex044

Questo arrangiamento di 4 misure, in uno stile pi moderno rispetto alla melodia dei primi due esempi, scritto per un sintetizzatore o scheda audio compatibile con il General Midi (GM) standard. L'esecuzione non sar necessariamente corretta con altri dipi di periferiche. Ascoltatelo con la scorciatoia che conoscete. In qualsiasi momento potete creare un nuovo documento per iniziare a scrivere una partitura. Selezionate la voce Nuovo nel menu File. Vedrete comparire un nuovo documento, tratto da un template relativo alla versione di Pizzicato in uso. Tutte le versioni di Pizzicato mettono a disposizione una serie di template. Essi sono disponibili nel menu File, alla voce Apri un template... Potete visionarli utilizzando questi menu. Verr creato un nuovo documento, basato sul template che avete selezionato. Tale sistema comodo per iniziare una nuova partitura di cui conoscete a priori l'impianto. In tutte le versioni di Pizzicato, tranne che nella Light (Principiante), troverete i tre seguenti oggetti grafici nella parte in alto a sinistra della vista partitura:

Attraverso di essi gestite lo zoom della partitura visualizzata. Cliccando sul pulsante + ne incrementate le dimensioni e con il pulsante - le decrementate. La lista a comparsa mette a disposizione una serie di valori di zoom (100% di default). Nelle lezioni successive potete variare le dimensioni della vostra partitura, in base al lavoro da svolgere. Se ritoccate, ad esempio, l'impianto di partitura, potrebbe servirvi decrementare lo zoom per poter osservare la pagina cos come verr stampata. D'altro canto, se state modificando il contenuto di una misura o aggiungete delle note, potete incrementare lo zoom per migliorare la precisione con cui lavorate. Facciamo notare che il valore di zoom non influisce in alcun modo sulla stampa, riferendosi esso esclusivamente alla visualizzazione sullo schermo.

Apertura contemporanea di pi documenti


Le versioni pi avanzate di Pizzicato vi consentono di aprire e visualizzare pi di un documento alla volta. Se volete aprire un'altra partitura mantenendo aperta e visibile quella corrente, dovete fare doppio-click sull'icona di una partitura nel gestore documenti, tenendo premuto il tasto CTRL della tastiera. Nelle suddette versioni, quando create un nuovo documento (mediante la voce Nuovo... o la voce Apri template del menu File), Pizzicato crea automaticamente una nuova finestra. Potete, naturalmente, chiudere tutti i documenti di cui non avete pi bisogno.

Gestione dei documenti e delle finestre (2)


Gestione dei documenti musicali Le diverse finestre di Pizzicato La vista partitura e la vista globale La vista strumenti La vista sequencer La vista piano roll La vista grafica La vista effetti musicali Associazione di un commento La vista partitura scorrevole La finestra del testo La finestra di progressione accordi La vista principale e la vista conduttore Le modalit di gestione delle finestre

Gestione dei documenti musicali


Proseguiamo nella nostra esplorazione dei documenti, della loro gestione, e delle varie finestre di Pizzicato. Alla creazione di un nuovo documento, Pizzicato di default lo pone nella cartella Mie partiture. Il suo nome composto dalla data e ora di creazione della partitura. Alla chiusura del documento o di Pizzicato stesso, i file che si trovano in quella cartella sono salvati automaticamente se sono stati modificati. Altrimenti vengono cancellati. Potete gestire i vostri documenti all'interno della cartella Mie partiture. Ecco le principali operazioni che potete svolgere sui documenti stessi. Per rinominare un documento (cambiando il nome di default formato da data e ora), cliccate col destro del mouse sull'icona del documento e selezionate Cambia nome... Per la cancellazione di un documento, cliccate su di esso col destro del mouse e selezionate Cancella... Dovete poi confermare l'operazione. Si tenga presente che non pu essere cancellato un documento

aperto. Per eliminare quel documento fate prima doppio-click su un altro documento in modo che quello che volete cancellare non sia pi visualizzato (e quindi aperto). E' possibile creare cartelle all'interno di Mie partiture. Cliccate col destro del mouse sulla cartella e selezionate Nuova cartella... Specificate il nome della nuova cartella in una finestra di dialogo. La creazione di cartelle vi consente un ordinamento personalizzato delle vostre partiture. Potete cancellare le cartelle cos come fate per un documento. Potete trascinare cartelle e documenti in altre cartelle. Si possono creare documenti di una misura cliccando col destro del mouse su di una cartella e selezionando Nuovo documento... Una finestra di dialogo vi consentir di specificarne il nome. Ad eccezione di Pizzicato Light, tutte le altre versioni di Pizzicato salveranno il documento ogni 10 minuti, creando anche due copie di backup del documento, nel caso qualcosa andasse storto. Potete trovare tali copie nella cartella Backups, nella cartella principale di Pizzicato (in Windows Miei Documenti e in Mac, nella cartella Applicazione). Potete modificare il comportamento di default. Vedere la lezione su Salvataggio automatico e backup.

Le diverse finestre di Pizzicato


Dalla prima versione di Pizzicato in poi, sono state sviluppate molte finestre differenti per aiutarvi nella visualizzazione e/o modifica dei documenti musicali. Esse sono tutte disponibili nel menu Finestre, ma in base alla versione che possedete, alcune di esse potrebbero non essere disponibili. Nelle versioni pi recenti di Pizzicato si cercato di raccogliere le funzionalit pi importanti in un ristretto numero di finestre, cos da non rendere necessaria l'apertura di molte finestre in relazione ai diversi aspetti del vostro lavoro. Conseguentemente, le finestre pi importanti sono la vista partitura, la vista globale e la vista conduttore. La vista partiture presente in tutte le versioni di Pizzicato, ma le altre due sono disponibili solo nelle versioni pi avanzate. Di seguito presentiamo una breve descrizione di ciascuna finestra, in relazione alla vostra versione di Pizzicato. Si tenga presente che la maggior parte di tali finestre possono anche essere aperte cliccando col destro del mouse sull'icona di una partitura e selezionando il tipo di finestra che desiderate aprire per quella partitura.

La vista partitura e la vista globale


La vista partitura quella di default quando aprite un documento. Essa mostra il contenuto di una partitura in notazione musicale. Sono tre i modi in cui potete visualizzare una partitura in tale vista. In base alla versione che avete, potete selezionare la modalit nella casella di riepilogo che appare nella barra degli strumenti di questa finestra. Le tre modalit sono: Pagina, Lineare e Globale. La modalit Pagina mostra la partitura come verr stampata su carta. E' molto utile quando lavorate sulla struttura della pagina della partitura. Apprenderete molto di pi sulla modalit Pagina nella lezione Il layout di pagina. La modalit Lineare mostra la partitura con le misure una di seguito all'altra, su una linea orizzontale, come un grande sistema di pentagrammi che contiene tutte le misure. Potete scorrere tutta la partitura da sinistra a destra e visualizzare la parte che vi interessa. Tale modalit utile quando scrivete la musica o componete. A questo livello infatti spesso non necessario preoccuparsi di come verr stampata una pagina.

La modalit Globale simile alla Lineare, ma possono essere visualizzate molte altre piste, utili in molti aspetti della composizione, dell'arrangiamento e del rendering audio. Questa modalit l'argomento di una specifica lezione sulla vista globale ed disponibile solamente nelle versioni pi avanzate di Pizzicato.

La vista strumenti
Aprite l'esempio Ex044. Per avere la vista strumenti, selezionate la voce Strumenti del menu Finestre:

A seconda della vostra configurazione MIDI, il contenuto di alcune caselle pu risultare leggermente differente, ma qui questo non importa. Ciascuna linea rappresenta le caratteristiche di un pentagramma. E' qui che determinate il nome del pentagramma, lo strumento usato, e altri parametri che determinano il modo in cui il pezzo verr eseguito. Potete accedere agli altri parametri cliccando sull'icona , la quale rivela un menu popup con una

lista delle configurazioni disponibili. Selezionate, ad esempio, la voce Volume ed effetti da questo menu. La vista vi presenta una tabella mista che determina il volume, il bilanciamento e altri due effetti (in questo caso riverbero e chorus) per ciascuno strumento:

Questa vista un p differente dalle altre, perch non ha uno zoom e le dimensioni sono fisse. Pu essere spostata ma non ridimensionata. Chiudete la finestra col pulsante di chiusura.

La vista sequencer
La parola sequencer normalmente identifica un programma o una periferica utilizzata per registrare sequenze di note (eseguite direttamente da una tastiera musicale), rielaborarle in vari modi e poterle riascoltare. La maggior parte dei sequencer sul mercato mostrano le misure registrate come una sfilza di piccoli blocchi. Pizzicato ha una vista che mostra le misure allo stesso modo, da cui il nome "vista sequencer". Aprite il documento Ex042.piz nella cartella Esempi. Nel menu Finestre, selezionate la voce Sequencer. Viene mostrata la vista sequencer:

Questa vista si comporta esattamente come la vista partitura: potete spostarla, chiuderla, ridimensionarla o cambiarne il livello di zoom. Il contenuto mostra 4 misure a forma di 4 piccoli blocchi nei quali le note sono rappresentate da linee orizzontali. La lunchezza delle linee rappresenta la durata delle note e la posizione verticale della linea all'interno del blocco rappresenta l'altezza (le note con frequenza maggiore pi in alto di quelle con frequenza minore). La melodia si presenta cos in modo visuale attraverso la forma di una curva che segue l'altezza delle note.

La parte in alto ha quattro bottoni, chiamati rispettivamente H- H+ V- e V+. Questi bottoni consentono di incrementare o decrementare la dimensione orizzontale e quella verticale delle misure. Per esempio, il bottone H+ incrementa la dimensione orizzontale delle misure. Cliccando due volte su V+ ed una volta su H+, il sequencer diventa:

Cliccando sui bottoni V- e H-, le dimensioni decrescono. Queste funzioni di zoom consentono di adattare la vista sequencer al tipo di lavoro che state svolgendo. A volte utile guardare da vicino per seguire una melodia. D'altro canto per avere il colpo d'occhio di una partitura orchestrale potete decrementare le dimensioni dei blocchi al minino per visualizzare il massimo numero di misure possibile. Aprite la vista sequencer sull'esempio Ex043. I 4 righi di 4 misure ciascuno sono rappresentati nella maniera seguente:

Potete avviare l'ascolto della partitura con la barra spaziatrice. Un piccolo cursore in movimento mostra la posizione corrente, come nella vista partitura. Potete anche usare i bottoni del registratore, sulla destra dei bottoni di zoom. Questi pulsanti si trovano in quasi tutte le viste e vi consentono il controllo dell'esecuzione musicale della partitura: Il pulsante quadrato blu ferma l'esecuzione Il pulsante triangolare giallo avvia l'esecuzione Il pulsante con due piccoli quadrati blu mette in pausa l'esecuzione (le note da eseguire sono sospese; premendo nuovamente questo pulsante, l'esecuzione riprende dal punto esatto in cui si fermata) Il pulsante con il cerchio rosso controlla la registrazione. Appena sulla destra, una casella di testo mostra il numero di misure in esecuzione. Il pulsante "..." vi da accesso a vari parametri di esecuzione. Tratteremo l'argomento pi tardi.

La vista piano roll


Per aprire questa vista, selezionate la voce piano roll nel menu Finestre. Vedrete apparire la finestra seguente:

Massimizzate questa finestra col bottone dei 4 righi, disposte nella stessa vista:

(su Mac: "+"). Sarete in grado di osservare tutte le note

Noterete che ogni rigo rappresentato da un colore differente per le note. Se il vostro schermo pi piccolo, pu accadere che alcune note non sono visibili. L'altezza delle note pu essere individuata tramite la tastiera musicale sulla sinistra. I numeri da 1 a 4, disposti sulla parte alta della finestra, rappresentano i numeri delle misure. Nella parte alta della finestra noterete gli stessi pulsanti H- H+ V- e V+ della vista sequencer. Essi hanno le medesime funzioni di dimensionamento delle misure e delle note. Provate ad usare i 4 pulsanti uno dopo

l'altro per osservarne l'effetto sullo schermo. Questa finestra pu essere utilizzata per visualizzare molti strumenti sulla stessa piano roll. Non possibile, tramite essa, modificare la musica. Pizzicato possiede un'altra finestra simile a questa, la finestra grafica, che un piano roll editor pienamente funzionale, attraverso il quale potete scrivere e modificare le note e modificarne i parametri.

La vista grafica
La vista grafica vi consente di scrivere le note musicali nella forma di lunghe e sottili strisce che possono essere create, spostate o cancellate. Ecco come appare:

E' possibile aprire tale finestra cliccando la voce Editor grafico... del menu Finestre. Per maggiori informazioni, vedere la lezione sull' editor grafico.

La vista effetti musicali


E' possibile aprire tale vista cliccando la voce Effetti musicali... del menu Finestre. Questa finestra utilizzata per aggiungere effetti musicali alle misure, relativamente a ciascun pentagramma. Ecco come appare:

Potete apprendere di pi su tale vista nella lezione su la vista effetti musicali

Associazione di un commento
Potete associare un commento a ciascun rigo musicale. Selezionate la voce Commenti nel menu Finestre. Apparir la seguente finestra di dialogo:

L'area di testo vi consente di introdurre note personali o commenti associati a un rigo musicale. Potete, ad esempio, specificare il lavoro che vi resta da fare sul rigo associato o fornire spiegazioni, etc. Queste note verranno salvate col documento, possono quindi essere lette e modificate successivamente. Chiudete la finestra cliccando OK.

La vista partitura scorrevole


Aprite il documento Ex045.piz. Selezionate la voce Partitura scorrevole nel menu Finestre. Apparir la seguente vista:

Lo scopo della partitura scorrevole quello di seguire una partitura mentre viene eseguita. Ad ogni istante le misure che devono essere eseguite vengono mostrate in anticipo. Quando una schermata stata eseguita essa viene automaticamente sostituita dalle misure successive della partitura. Arrivati in fondo si riprende dalla parte superiore dello schermo perch la vista aggiornata. Inoltre non avviene mai di rimanere sconcertati dalla scomparsa della partitura prima che questa venta aggiornata. Fissate dei punti di riferimento. Questo sistema di lettura della partitura pu essere utilizzato a scopo didattico. Un cursore indica la misura corrente. Vedete quanto descritto in pratica. Premete la barra spaziatrice per ascoltare la partitura o usate il pulsante di start (triangolo giallo). Chiudete la finestra.

La finestra del testo


Tale finestra utilizzata come metodo veloce per inserire testo sotto le note di un brano o di una parte corale. Vedete la lezione su il testo per maggiori informazioni.

La finestra di progressione accordi


Tale finestra utilizzata per l'inserimento o la modifica di una progressione di accordi, in modo efficiente. Vedete la lezione su la finestra di progressione accordi.

La vista principale e la vista conduttore


La vista principale stata sviluppata agli inizi di Pizzicato. Vi sono diversi riferimenti ad essa nel corso, ma attualmente stata sostituita dai vantaggi della vista conduttore e dal gestore di nuovi documenti. Vedete per esempio la lezione su lavorare con il sequencer e la vista principale. La vista conduttore una scrivania sulla quale poter organizzare le vostre partiture utilizzando mumerosi strumenti utili nel processo della composizione musicale. Ne troverete una piena descrizione nella lezione su la vista conduttore.

Le modalit di gestione delle finestre


Pizzicato ha tre modi di gestire le viste partitura e conduttore sullo schermo. Il modo di default basato sulla vista partitura. Potete selezionare la modalit di gestione della finestra nel menu Finestre, alla voce Gestione finestre... Di seguito una descrizione delle tre modalit. Nella modalit di default (basata sulla vista partitura), Pizzicato ridimensiona le finestre della partitura in modo da riempire tutto lo spazio dello schermo. Quando fate doppio-click sull'icona di una partitura nel gestore documenti, quella partitura verr visualizzata nella stessa finestra, chiudendo quindi la partitura precedentemente visualizzata. Facendo doppio-click sull'icona di una partitura tenendo premuto il tasto CTRL, Pizzicato aprir la partitura in una nuova finestra, ridimensionando tutte le finestre di partitura gi aperte in modo da poterle visulizzare tutte. Facendo doppio-click sull'icona verde di un documento (facendo eccezione per Pizzicato Notazione, che non possiede tale finestra) si aprir la vista conduttore per quel

documento, utilizzando 1/3 dello schermo in basso. Facendo doppio-click su una partitura in quella vista conduttore visualizzerete tale partitura nella vista partitura in alto, e se in pi tenete premuto il tasto CTRL, Pizzicato aprir la partitura in una nuova finestra, ridimensionando tutte le altre finestre aperte. La modalit basata sulla vista conduttore pi simile al comportamento della versione 3.4 e precedenti, riguardo al modo in cui essa gestita. In questa modalit la vista conduttore rester sempre di sottofondo e potrete fare doppio click su una o pi partiture, le quali saranno visualizzate sopra la vista conduttore. Pu essere pratico utilizzare tale modalit mentre componete nella vista conduttore, editatando e spostando diverse partiture contemporaneamente. L'ultima modalit Libera, nel senso che Pizzicato non adatter automaticamente alcuna finestra. Siete voi responsabile della gestione delle dimensioni e della posizione di tutte le viste partitura e conduttore. Tutte le altre finestre non sono interessate in queste modalit di gestione, ma potrebbero venire nascoste da altre finestre.

Misure e righi musicali (1)


Strumento per le misure e i righi musicali Aggiungere e cancellare misure e righi musicali La modalit lineare Creazione di una partitura in modalit lineare

Strumento per le misure e i righi musicali


In questa lezione si apprender come utilizzare lo strumento per le misure e i righi musicali. Esso vi consente di aggiungere o cancellare misure e pentagrammi nella partitura. Avviare Pizzicato. Nel menu Strumenti selezionare la voce Palette principale. Appare la seguente finestra:

Essa contiene una serie completa di icone che rappresentano strumenti di lavoro. A seconda della versione di Pizzicato, alcuni di questi strumenti potrebbero mancare, Per selezionarne uno, cliccate sulla relativa icona la quale verr selezionata (appare al negativo). Selezionate lo strumento tratta dello strumento misure e pentagrammi (o righi). Appena avviato, Pizzicato apre automaticamente una partitura di default. Il tipo di partitura dipende dalla versione di Pizzicato e dall'opzione selezionata nel gestore template. Non detto che il template di default sia proprio quello che vi serve in quel momento. Se dovete scrivere per piccola orchestra, avrete la necessit di aggiungere altri righi. In base alle dimensioni della vostra partitura, necessiterete di misure aggiuntive... Lo strumento 'misure e righi' vi consentir appunto di fare questo. Vediamo come. Nota importante: cliccando su di esso. Si

Nel seguente esempio abbiamo il caso di una partitura per pianoforte. In base alla vostra versione di Pizzicato, il template di avvio potr essere differente. Semplicemente usate il template che vi verr mostrato all'avvio di Pizzicato. La maggior parte di essi posseggono almeno una pagina con uno o pi pentagrammi. Adattate l'esempio al template che avete, in quanto i principi sono gli stessi per qualsiasi tipo di partitura. Si noti comunque che solamente Pizzicato Solista consente l'utilizzo di un solo pentagramma; solo in questo caso non avrete la possibilit di aggiungere altri righi. Pizzicato Composizione non gestisce il layout di pagina, sarete quindi in grado di lavorare solo in vista lineare. I principi non cambiano, semplicemente adattate l'esempio alla vista lineare.

Aggiungere e cancellare misure e righi musicali


Inizieremo col cancellare 16 misure dalla partitura. Fate doppio-click sulla prima misura del secondo sistema, come mostrato dal cerchio rosso in figura:

Apparir la finestra di dialogo misure e righi:

Per adesso cliccate Cancel. Potete arrivare a questa dialog senza usare la palette strumenti, grazie a un tasto di scelta rapida. Posizionate il cursore del mouse nella stessa posizione (il cerchio rosso), senza cliccare. Quindi battete la lettera "m" minuscolo sulla tastiera. Vedrete apparire la stessa dialog di prima. Utilizzando questo tasto di scelta rapida non avrete bisogno di aprire la palette degli strumenti: farete prima e avrete pi spazio a disposizione. La parte sinistra della finestra indica il tipo di operazione da effettuare sulle misure. Selezionate la casella Cancella. Scrivete "16" nell'area di testo. E' il numero delle misure da cancellare. La misura sulla quale avete posto il cursore del mouse (o avete effettuato il doppio-click) compresa nelle misure che verranno cancellate. Pizzicato eliminer 16 misure a partire da quella su cui avete posto il cursore del mouse. Cliccate OK. La partitura diviene:

Tutte le misure indicate sono state rimosse. Adesso aggiungiamo un rigo alla partitura. Aprite la dialog precedente sulla prima misura del rigo pi in basso (come descritto sopra). Nella parte sinistra, per le misure, selezionate Nessuna e selezionate Aggiungi per i righi (di default scritto "1" rigo). Il rigo verr aggiunto sotto il rigo cliccato, in questo caso sotto il rigo pi in basso. Cliccate OK. La partitura diviene:

Nota: Per Pizzicato Chitarra, Percussioni, Coro, Tastiera, potete aggiungere un rigo per volta e la casella di testo sostituita da due menu che consentono di selezionare la famiglia e lo strumento che volete aggiungere. Pizzicato aggiunge un rigo chiamato "3", con la chiave di violino e la stessa indicazione di tempo degli altri

righi (C un'abbreviazione convenzionale per il tempo 4/4). Ora aggiungiamo 8 misure alla partitura. Aprite la finestra di dialogo precedente (misure e righi) sulla quarta misura di uno qualsiasi dei righi della partitura. Selezionate Aggiungi per le misure e scrivete 8 nella casella di testo. Cliccate OK e la partitura diviene:

Pizzicato ha aggiunto 8 misure. Quando vengono aggiunte misure, il programma crea automaticamente sistemi di righi per aggiungere tutte le misure. Ogni rigo incrementa il numero di misure come indicato. Qui la pagina era grande abbastanza per visualizzare la partitura risultante. Potete usare il pulsante "-" dello zoom, nella vista partitura, per poter controllare l'intera pagina, come sopra (zoom 67%, cliccando due volte sul pulsante "-", secondo le dimensioni del vostro schermo):

Da notare che ci sono tasti di scelta rapida (shortcut) per lo zoom, validi per la maggior parte delle finestre. Essi sono il tasto CTRL + i tasti freccia della tastiera. Le frecce destra e in alto incrementano lo zoom mentre le frecce sinistra e in basso lo decrementano. Aggiungiamo 24 misure alla partitura. Notate che non siete costretti ad aggiungerle alla fine. Qui, trattandosi di misure vuote, potete inserirle dove volete. Quando nelle misure ci sono delle note, potete inserire misure prima o aggiungere misure dopo ogni misura esistente. Aprite la dialog misure e righi sulla prima misura della partitura e scrivete 24 nella casella di testo dopo aver scelto Aggiungi o Inserisci misure. Cliccate su OK. Apparentemente nulla cambiato, tranne la parte in basso a sinistra della vista partitura, che adesso visualizza (per esempio):

Nota: non questo il caso delle versioni Composizione Base e Composizione Pro, le quali non hanno la modalit pagina. P-1/3 significa che la pagina correntemente visualizzata la pagina 1 e che ci sono un totale di 3 pagine. Siccome la pagina era gi completa con le prime 12 misure, Pizzicato ha aggiunto 24 misure creando nuove pagine. La barra di scorrimento orizzontale vi consente di muovervi tra le pagine. Cliccate sul pulsante di destra della barra e verr visualizzata la pagina 2. L'indicatore mostrer ora P-2/3. Come ultima operazione, cancelliamo ora il terzo rigo. Tornate alla pagina 1 ed aprite la dialog misure e righi sul terzo rigo del primo sistema. Selezionate Nessuna per le misure e selezionate Cancella per i righi. Cliccate su OK e la partitura diviene:

Notate che il numero di sistemi per pagina adattato automaticamente da Pizzicato in base al numero di sistemi che una pagina pu contenere. L'indicatore di pagina adesso mostra P-1/2. La partitura risultante possiede ora solo due pagine, considerando il rigo eliminato. E' quindi con l'aiuto dello strumento misure e righi che potete adattare o modificare la struttura della partitura. Lo userete molto spesso. Un menu di contesto vi aiuta ad aggiungere o rimuovere una misura o rigo. Potete aprirlo cliccando col destro del mouse su di una misura. Questo menu vi mostra la voce Misure e righi... che vi da accesso alle seguenti

voci: Aggiungi una misura dopo Inserisci una misura prima Rimuovi questa misura Aggiungi un rigo sotto Inserisci un rigo sopra Rimuovi questo rigo

L'operazione eseguita automaticamente, relativamente alla misura sulla quale avete cliccato per ottenere il menu. Aprite nuovamente la dialog di sopra. Potete osservare due aree nella parte inferiore della finestra. Per le versioni di Pizzicato che possiedono la modalit di pagina, esse vi permettono di definire come Pizzicato modificher il layout di pagina conseguentemente alle operazioni su misure e righi. Per le misure, Pizzicato pu semplicemente inserire le misure aggiunte o far slittare le misure cancellate, fino alla fine dell'ultima pagina. Oppure pu limitare l'impatto sulle pagine e lasciare le pagine seguenti invariate, inserendo nuove pagine se necessario. Similmente per i righi, Pizzicato pu far slittare i sistemi (le cui dimensioni aumentano con l'aggiunta di righi), pu aggiungere righi solo al sistema corrente, o pu lasciare tutto il sistema invariato cos da poter gestire i sistemi sulla pagina.

La modalit lineare
Nella parte superiore della vista partitura, potete notare il seguente menu popup:

Tale menu ha tre voci, Lineare, Pagina e Globale. La modalit globale verr esaminata in un'altra lezione (vedere la lezione intitolata La vista globale), almeno per le versioni di Pizzicato che la supportano. Finora abbiamo usato solamente la vista 'layout di pagina'. In questa modalit la partitura visualizzata cos come verr stampata. Le misure vanno da sinistra a destra e quando raggiunto il bordo pagina, si passa al sistema successivo, come avviene per la scrittura manuale. A pagina completa si passa alla pagina successiva. La modalit lineare presenta un'altro modo di vedere ed editare una partitura, senza preoccuparsi del modo in cui essa verr stampata su carta. Immaginiamo una striscia di carta di lunghezza infinita, sulla quale poter scrivere da sinistra a destra senza mai fermarsi o dover tornare al principio della riga successiva. Immaginiamo tale striscia su di un rullo scorrevole in modo da poter vedere qualsiasi punto si vuole. Questa la modalit lineare. Cliccate sul menu indicato e selezionate la voce Lineare. La partitura diviene:

In base alle dimensioni del vostro schermo, Pizzicato visualizza un certo numero di misure che si trovano sulla striscia di carta infinita. La casella di testo in basso a sinistra che prima indicava in numero di pagina, adesso visualizza M-1/36 (1). Significa che la partitura contiene 36 misure e la prima visibile su schermo la misura 1. Il numero 1 tra parentesi indica il numero di misura assoluto (si potrebbe per esempio far iniziare la numerazione da 15, vedere la lezione sui parametri di misura). Per impostazione predefinita questo numero lo stesso del primo numero.

Nella creazione di una partitura a volte questo metodo pi pratico, soprattutto per le partiture orchestrali o le partiture che contengono misure di lunghezza molto variabile. La modalit lineare vi consente di codificare il contenuto delle misure senza che vi preoccupiate di quante misure disporre in una pagina. Quando la partitura scritta, cambiate la visualizzazione in layout di pagina (vedete la lezione relativa) e Pizzicato organizzer le misure in modo equilibrato, in base al loro contenuto. La barra di scorrimento situata in basso vi permette di spostarvi tra le misure. Potete farlo in molti modi: Cliccando sulla freccia situata all'estrema destra della barra, Pizzicato visualizzer M-2/36(2), e ridispone le misure partendo dalla misura 2. In modo simile, cliccando sulla freccia situata all'estrema sinistra, vi spostate di una misura verso sinistra. Per spostarvi di una misura alla volta, potete anche usare i tasti freccia a destra e sinistra della tastiera. Per raggiungere direttamente una determinata misura, per esempio la settima, cliccate sul cursore della barra di scorrimento, e tenendo premuto il pulsante del mouse, trascinatelo gradualmente verso destra. Pizzicato progressivamente incrementa il numero di misura. Quando esso indica M-7/36(7), rilasciate il pulsante del mouse. La partitura visualizzata a partire della misura 7. By clicking in the area located between the left arrow and the cursor of the scroll bar, you move to the left by about the width of the window. If 3 measures are visible on your screen, you should move 3 measures to the left. The shortcut key is the left arrow key while holding down the SHIFT key. Cliccando sulla barra di scorrimente, nello spazio tra la freccia sinistra o destra e il cursore, vi spostate di circa la larghezza della finestra. Se, ad esempio, lo schermo contiene 3 misure, vi dovreste in tal modo spostare di 3 misure. Il tasto di scelta rapida il tasto freccia (destra o sinistra) tenendo premuto il tasto SHIFT.

Creazione di una partitura in modalit lineare


Creiamo adesso una partitura di 8 righi per 10 misure, sulla base di una sola misura in modalit lineare, quindi senza layout di pagina. Potete usare questo metodo ogni qualvolta desiderate creare un tipo di partitura personalizzata, che non trovate nei template di Pizzicato, o quando volete lavorare in modalit lineare per una delle ragioni spiegate sopra. Aprite la partitura chiamata Una misura lineare.piz dal menu File, cliccando la voce Apri. Il file si trova nella cartella DataIT/Templates/Templates/. La partitura formata da un solo rigo di una misura, in modalit lineare, senza layout di pagina. Potete usare questo modello per iniziare una nuova partitura in modalit lineare. La partitura visualizza:

Posizionate il cursore del mouse su questa misura e digitate "m" sulla tastiera. Verr aperta la finestra di dialogo misure e righi. Vogliamo creare una partitura di 10 misure e 8 righi. Abbiamo gi un rigo di una misura, quindi scriviamo "9" nella casella di testo delle misure da aggiungere. Similmente selezionate l'operazione Aggiungi per i righi e scrivete "7" nella casella di testo. Cliccate su OK. La dialog si chiude e Pizzicato ridisegna la partitura con il numero di misure e righi che attendevamo. In base alle dimensioni dello schermo, visualizzerete pi o meno misure e righi rispetto a come illustrato sotto:

Notate l'indicazione M-1/10 in basso a sinistra. Essa significa che la prima misura visibile sullo schermo la misura 1 e la partitura ha 10 misure. In modo simile la barra di scorrimento situata sulla destra della partitura vi permette di visualizzare tutti i righi. Le frecce situate alle estremit spostano leggermente la partitura verso l'alto o verso il basso. Le scorciatoie sono i tasti freccia della tastiera. Potete trascinare il cursore della barra di scorrimento per spostarvi su qualsiasi rigo. Cliccando sulla parte della barra situata tra le frecce e il cursore spostate la partitura di circa l'altezza della finestra. Le scorciatoie sono i tasti freccia della tastiera, tenendo premuto il tasto SHIFT, oppure i tasti pagina su e pagina giu. Esercizio Nell'ultima partitura di esempio, spostatevi successivamente nelle seguenti posizioni: Misura 5, rigo 1, con l'utilizzo del mouse. Misura 3, rigo 7, con l'utilizzo del mouse. Misura 10, rigo 5, utilizzando la tastiera. Misura 1, rigo 1, utilizzando la tastiera.

Quindi chiudete il documento corrente e iniziate ciascuna volta con il template Una misura lineare.piz per fare quanto segue: Create un nuovo documento di 20 misure e 3 righi Create un nuovo documento di 5 misure e 3 righi Aggiungete 3 misure alla fine dell'ultimo documento creato Aprite la partitura di esempio Ex046.piz ed inserite 3 misure tra la misura 3 e la misura 4. Attenzione a non cliccare su di una nota, diversamente la finestra di dialogo misure e righi non si apre. Quindi inserite un rigo tra il clarinetto e l'oboe.

Misure e righi musicali (2)


Come spostare un rigo? Come modificare la larghezza di una misura?

Come spostare un rigo?


In questa lezione impareremo a modificare il layout di misure e righi musicali. Per lavorare su un esempio concreto, aprite il documento Ex046. Esso appare come segue:

Nota: Pizzicato Solista consente l'uso di un solo rigo. In tal caso l'esempio verr aperto in modalit demo.

Potete tornare alla modalit Solista selezionando la voce Modalit operativa nel menu Opzioni. Aprite la palette principale e selezionate lo strumento 'misure' Se desiderate avere pi spazio tra i due righi (per esempio per inserire del testo), posizionate il cursore del mouse sul rigo di sotto, cliccate e spostatevi verso il basso tenendo premuto il pulsante del mouse. Un rettangolo segue il vostro movimento. Rilasciate il pulsante del mouse e il rigo di sotto viene ridisegnato nella nuova posizione (il rigo di sopra non viene spostato).

Vediamo adesso cosa accade con pi di 2 righi. Fate doppio-click sulla misura 1 del rigo di sotto. Valorizzate la dialog per l'aggiunta di 2 righi e cliccate su OK. Il risultato il seguente:

Adesso muovete il secondo rigo verso l'alto, riducendo cos lo spazio che lo separa dal primo. Come prima un rettangolo segue il vostro movimento, ma questa volta il rettangolo include i tre righi inferiori. Rilasciando il mouse avrete il risultato seguente:

La regola che muovendo un rigo muoverete anche tutti i righi al di sotto di esso. Esercitatevi nella gestione dei righi: Aggiungete 2 righi sotto il clarinetto. Spostate tutti i righi cos da raddoppiare lo spazio tra ogni rigo. Se il vostro schermo non vi consente di vederli tutti insieme, usate la barra di scorrimento verticale per muovervi oppure diminuite il fattore di zoom. Spostate di nuovo tutti i righi, questa volta per avvicinarli tra di loro. Aprite la finestra di dialogo misure e righi sulla seconda misura del secondo rigo e cancellate 3 misure e 5 righi. Portate il fattore di zoom a 100%.

Come modificare la larghezza di una misura?


Seguendo le istruzioni dell'esempio precedente, la partitura appare come segue:

Immaginate di voler allargare questa misura. Il modo per farlo molto semplice. Posizionate il cursore del mouse nell'area immediatamente precedente la fine della misura

e cliccate tenendo premuto il pulsante del mouse. Quindi trascinate il mouse verso destra; un rettangolo

seguir il vostro movimento. Rilasciate il pulsante del mouse ed otterrete la misura desiderata:

Per accorciare la misura eseguite la stessa operazione, questa volta trascinando il mouse verso sinistra. Otterrete il seguente risultato:

Notate che Pizzicato ha spostato automaticamente le note ad eguali distanze tra di loro. Potete evitarlo eseguendo la stessa operazione tenendo premuto il tasto Ctrl, ottenendo il seguente risultato:

Lavorando in modalit lineare (questo vale anche nel modo globale), ci sono tre procedure per regolare la larghezza di pi misure contemporaneamente: Prima di rilasciare il pulsante del mouse, mentre trascinate la parte destra della misura per modificarne la larghezza, tenete premuto il tasto CTRL. Quando rilasciate il mouse, tutte le misure vengono dimensionate della stessa larghezza. Similmente, usando i tasti CTRL e SHIFT, la misura corrente e le seguenti vengono dimensionate della stessa larghezza. Le misure precedenti non vengono modificate. Utilizzando solamente il tasto SHIFT, tutte le misure sono ridimensionate proporzionalmente come la misura corrente. Potete utilizzare questa funzione per ridimensionare tutta la partitura in modo proporzionale. Esercizi Chiudete Pizzicato e riavviatelo. Aprite di nuovo l'esempio Ex046. Diminuite la larghezza della misura 4 di circa la met. Notate che le misure di tutti i righi vengono anch'esse ridimensionate. In una partitura per orchestra con ad esempio 16 righi sovrapposti, tutti i righi vengono ridimensionati insieme. Aprite l'esempio Ex047. Operando secondo quanto appreso, correggete il layout delle misure e dei righi per ottenere quanto segue:

Inserimento di note e pause (1)


Come introdurre note e pause? Come cancellare una nota o una pausa? Come spostare una nota o una pausa? Come selezionare strumenti con la tastiera? Giustificazione automatica

Come introdurre note e pause?


Cominciamo, in questa lezione, a inserire note e pause sul rigo musicale. If you are using Pizzicato Drums and Percussion, we suggest you to use a template with a normal staff. You will find some in the File menu, Open template item. For instance, select the xylophone. Se state usando Pizzicato Percussioni, vi suggeriamo di usare un template con un rigo normale (non specifico per percussioni). Potete trovarlo nel menu File, alla voce Apri template. Selezionate, ad esempio, lo xylofono.

Eccett Avete a disposizione una serie di strumenti per scrivere note e pause. Li troverete nella palette Note e pause, nel menu Strumenti. Avviate Pizzicato e selezionate la voce Note e pause nel menu Strumenti. Nella palette troverete tutti i valori di note e pause e vari altri strumenti:

Per scrivere una nota o una pausa sul rigo, selezionate lo strumento corrispondente e cliccate sul rigo dove volete posizionare la nota o la pausa. Per esempio vediamo nei dettagli come scrivere la seguente misura:

Selezionate il simbolo della nota da 1/2 (minima)

sulla palette note e pause cliccando su di essa.

Posizionate la punta del cursore del mouse dove volete scrivere la nota, nello spazio tra seconda e terza linea (a partire dal basso) della misura:

Cliccate e rilasciate il mouse. Una nota del valore di 1/2 (minima) verr scritta dove avete cliccato. Se cliccate troppo in alto o troppo in basso, la nota sar un SI o un SOL. Vedremo di seguito come cancellare o spostare una nota. Per il momento non ha importanza. Selezionate la nota da 1/4 (semiminima) .

Posizionate la punta del cursore del mouse dove volete che la nota appaia, sulla seconda linea (a partire dal basso) della misura:

Cliccate. Vedrete apparire la nota. Selezionate la pausa da 1/4 .

Posizionate il cursore del mouse come segue:

Cliccate. Vedrete apparire la pausa. Notate che la posizione verticale della pausa regolata automaticamente. Cliccando pi su o pi gi il risultato dovrebbe essere lo stesso.

Come cancellare una nota o una pausa?


Se volete cancellare una nota, il LA, per esempio, eseguite i seguenti passaggi: Selezionate il simbolo del cursore o una nota o pausa sulla palette: un quarto, un ottavo, una pausa da 1/4, pausa da un intero... non importa, basta che si tratti di nota o pausa (o del simbolo "freccia"). Posizionate il cursore del mouse sulla testa della nota:

Sulla tastiera del computer premete il tasto di cancellazione. Normalmente si trova nell'angolo in alto a destra, sopra il tasto "invio".

La nota scompare:

Notate nell'esempio che la nota e la pausa slittano all'inizio della misura. Questo avviene per via della giustificazione automatica. Grazie a questa funzione Pizzicato dispone, nella misura, note e pause in modo equilibrato. Il contenuto di una misura, quando incompleta, disposto a partire dal principio della misura.Cancellando la nota da 1/2, Pizzicato ricalcola la posizione dei due elementi che rimangono (la nota da 1/4 e la pausa da 1/4). Cos, se disponete una nota in una misura vuota, anche se nel mezzo di essa, Pizzicato la riposiziona all'inizio della misura ed equalizzer le distanze tra le note introdotte successivamente. Potete inserire una nuova nota alla sinistra della prima nota e Pizzicato far slittare le note esistenti per inserire la nuova nota. Per cancellare una pausa procedete nella stessa, identica maniera. Un'altra maniera pratica di cancellare una nota o una pausa consiste nel trascinarla fuori dalla misura, sulla sinistra o sulla destra.

Come spostare una nota o una pausa?


Se avete seguito l'esempio, la vostra misura apparir come segue:

Let us see how to move this note into a low C.

Vediamo come spostare questa nota sul DO basso. Selezionate la nota o la pausa. Posizionate il cursore del mouse sulla testa della nota. Cliccate tenendo premuto il pulsante del mouse e trascinatelo nella posizione della nota DO. La nota seguir il vostro movimento. Rilasciando il pulsante del mouse, la nota si posiziona. Dopo tale operazione, dovreste avere:

Spostare una pausa da 1/4 comporta la stessa operazione. Potete spostarla verticalmente. Tenendo conto della giustificazione automatica, muovere una nota o una pausa in senso orizzontale costringer Pizzicato a ricalcolare la spaziatura tra le note. Se muovete un elemento senza cambiare l'ordine degli elementi nella misura, Pizzicato non terr conto di tale spostamento. D'altra parte se trascinate una nota al di l di un'altra nota o pausa (cambiando l'ordine degli elementi nella misura), Pizzicato terr conto della vostra modifica e ricalcoler in maniera conseguente la spaziatura nella misura. Inserendo una nota anche possibile spostarla direttamente: Selezionate lo strumento .

Posizionate il cursore del mouse all'altezza della nota SOL:

Cliccate e tenete premuto il pulsante del mouse trascinandolo verso il basso, nella posizione del DO. Rilasciate il pulsante del mouse. La nota inserita ha seguito il vostro movimento.

Come selezionare strumenti con la tastiera?


Gli strumenti che rappresentano i valori delle note possono essere selezionati direttamente dalla tastiera del computer, usando il tastierino numerico situato a destra. L'equivalenza risulta essere la seguente: 7 4 1 0 Digitando, per esempio, il "3", selezionate la nota da 1/4. Da notare che la palette note e pause non deve essere necessariamente aperta e visibile sullo schermo. Una volta appresi questi tasti di scelta rapida, potete lavorare senza palette. To add a rest, you can also reach it with the note tool of equivalent duration, by holding the SHIFT key and 8 5 2 6 3

by clicking in the measure. Let us see how to place an eighth rest in this manner: Per inserire una pausa operando allo stesso modo considerate lo strumento nota di valore equivalente, tenete premuto il tasto SHIFT e cliccate nella misura. Inseriamo una pausa da 1/8 in questa maniera: Selezionate la nota da 1/8 digitando il tasto "4". Vedrete selezionato lo strumento Posizionate il cursore del mouse alla destra del secondo DO: .

Tenete premuto il tasto SHIFT sulla tastiera. La maggior parte delle tastiere hanno due tasti SHIFT, disposti sulla sinistra e sulla destra del blocco principale di tasti. Mentre tenete premuto il tasto SHIFT, cliccate. Verr scritta una pausa d'ottavo:

These shortcuts lets you work without the palette for the introduction of notes and rests. It is very practical, especially for small screens: the saved space lets you better see your score. Questi tasti di scelta rapida vi consentono di lavorare senza l'uso della palette per l'inserimento di note e pause. E' molto pratico, soprattuto usando uno schermo di piccole dimensioni. In tal caso una finestra in meno pu lasciare spazio per osservare meglio la partitura.

Giustificazione automatica
Con Pizzicato Base, la giustificazione automatica sempre attiva. Con le altre versioni di Pizzicato possibile disabilitare la giustificazione automatica. Nella parte superiore della vista partitura noterete una casella di selezione adibita appunto a tale scopo.

La giustificazione di una misura un metodo che dispone automaticamente le note introdotte in modo da ottenere una scrittura equilibrata e gradevole. Pizzicato possiede una funzione per la giustificazione automatica che dispone note e pause secondo una corretta spaziatura gi nel momento in cui le inserite. Attivando la giustificazione automatica ogni modifica apportata nella misura causer un ricalcolo della spaziatura. Quindi Pizzicato ne canceller il contenuto per visualizzarlo nuovamente corretto. Come molti altri automatismi, a volte questa funzione limita le possibilit grafiche nella disposizione delle note. Noterete che uno dei limiti che quando spostate leggermente una nota Pizzicato ridisegner la misura ovviamente come vorr, ad esempio annullando un vostro spostamento della nota. Disabilitando questa opzione direte a Pizzicato di non intervenire sull'aspetto grafico. Potrete cos disporre da voi stessi le note manualmente... Si pu dire che la situazione si complica con la presenza di pi voci ritmiche (pi di due), in tal caso si sconsiglia la giustificazione automatica. Per le misure pi semplici essa vi risparmier molto tempo. Esercizi Iniziando ogni volta da un nuovo documento (voce Nuovo nel menu File), create le seguenti misure: Selezionando gli strumenti (i simboli delle note) sulla palette con il mouse:

Selezionando gli strumenti esclusivamente con la tastiera, mantenendo visibile la palette:

Chiudete la palette degli strumenti e usate i tasti di scelta rapida sulla tastiera:

Inserimento di note e pause (2)


Come modificare l'orientamento dei gambi? Come modificare le traversine di collegamento?

Come modificare l'orientamento dei gambi?


In questa lezione esamineremo alcuni dettagli riguardo l'inserimento di note e pause. Nella lezione precedente, le poche note che avete introdotto avevano tutte i gambi rivolti verso l'alto. La ragione molto semplice: esse si trovavano tutte sulla terza linea del pentagramma o sotto di essa. Le note che si trovano sopra la terza linea hanno i gambi orientati verso il basso. Vediamo ci con un esempio. Avviate Pizzicato e selezionate lo strumento Cliccando sul rigo inserite le note seguenti: digitando il tasto di scelta rapida "3" sulla tastiera.

Pizzicato inverte automaticamente l'orientamento dei gambi a partire dalla nota DO. Vediamo ora come modificare in modo arbitrario l'orientamento dei gambi. Nel menu Strumenti aprite la palette principale. Selezionate lo strumento . Si tratta dello strumento per l'inversione dei gambi. Posizionate il

cursore del mouse sulla testa della terza nota (DO) e cliccate. Il gambo della nota cambia orientamento. Se cliccate di nuovo esso si invertir di nuovo. E' molto semplice. Usate tale strumento per ottenere il seguente risultato:

Esiste un tasto di scelta rapida per compiere tale operazione senza la palette principale. E' la lettera minuscola "i". Vediamo come utilizzarlo. Selezionate lo strumento con il tasto di scelta rapida "3"

Posizionate il cursore del mouse sulla testa della prima nota (FA) Digitate la lettera "i" sulla tastiera. Il gambo verr invertito. Notate che lo strumento non viene selezionato con il tasto di scelta rapida. Lo strumento

sempre attivo. Questo particolare vi consente di continuare ad inserire note e pause senza dover selezionare un altro strumento per invertire il gambo di una o pi note.

Come modificare le traversine di collegamento?


Finora gli esempi utilizzati non contemplavano l'uso delle "traversine" (le linee che collegano le figure ritmiche dalla croma in giu). La funzione di giustificazione automatica gestisce le traversine tra le note. Introcuciamo l'argomento. Chiudete il documento precedente e createne uno nuovo. Selezionate la nota da un ottavo con il tasto "4" e scrivete un SOL all'inizio della misura:

La nota da un ottavo raffigurata con il consueto tratto uncinato. Aggiungete in successione la nota LA:

Pizzicato collega automaticamente con una traversina le due crome. Inserite ora quattro sedicesimi; anch' essi vengono collegati insieme:

Le note vengono automaticamente collegate per ogni tempo della misura. E' possibile stabilire quali note saranno collegate o no. Lo strumento vi consente di separare una nota dalla precedente nella misura. Selezionate tale strumento nella palette principale e cliccate sulla seconda croma:

Le due crome vengono separate. Fate lo stesso con il terzo sedicesimo:

Il tasto di scelta rapida per questo strumento il segno di divisione "/". Non importa quale strumento correntemente selezionato sulla palette, dovete semplicemente posizionare sulla nota il cursore del mouse ed

usare tale tasto. Per collegare note separate operate come segue: Selezionate una nota o una pausa sulla palette note e pause (o usate un tasto di scelta rapida). Tenendo premuto il tasto Ctrl, cliccate su una nota che volete collegare alla precedente. Per esempio, cliccate sul primo sedicesimo tenendo premuto il tasto Ctrl:

Le due note sono ora collegate, a dispetto del fatto che esse non appartengono allo stesso tempo. Notate che quando inserite una nota, potete tenere premuto il tasto Ctrl, che automaticamente connette la nota alla precedente (a meno che le due note non siano collegabili, ad esempio due semiminime, vedete la lezione sulle traversine ). Questo metodo e lo strumento precedente vi consentono di organizzare le traversine di collegamento come preferite. Esercizi Seguono alcuni esercizi che vi permettono di mettere in pratica le nozioni finora apprese sull'inserimento di note e pause. Se avete difficolt a svolgerli rivedete la presente lezione e le precedenti se necessario. Controllate se tutti i termini utilizzati nel corso sono abbastanza chiari, diversamente cercateli nel glossario. E' importante comprendere appieno queste nozioni prima di passare alla lezione successiva. Svolgete i seguenti esercizi iniziando ogni volta con un nuovo documento. Memorizzate i tasti di scelta rapida e usateli il pi possibile. In tal modo renderete pi agile il vostro lavoro. Buona fortuna!

Inserimento di note e pause (3)


Inserimento di accordi Note e pause puntate Cambiare la testa delle note - Note ridotte

Inserimento di accordi
In questa lezione proseguiamo con lo studio dei vari aspetti che riguardano la scrittura di note e pause. In musica un accordo semplicemente un insieme di note eseguite contemporaneamente. Nell'uso di Pizzicato e di altri software musicali la parola accordo usata in modo pi restrittivo: Un accordo l'insieme di note aventi stessa durata e aventi il gambo in comune Le note di un accordo sono quindi sovrapposte verticalmente e attaccate alla stessa linea verticale (il gambo dell'accordo). Ecco alcuni esempi:

Vediamo come scrivere tale misura. Avviate Pizzicato e selezionate lo strumento nota di 1/2 digitando "2" sulla tastiera. Cliccate per inserire la nota RE basso. Aprite la palette Note e pause. Selezionate lo strumento . Si tratta dello strumento accordo.

Posizionate il cursore al livello della nota LA, sopra il RE precedentemente inserito:

Cliccate. Vedrete comparire la nota LA. Adesso posizionate il cursore al livello della nota RE alto, sopra il LA appena inserito:

Cliccate. Un RE inserito ed attaccato allo stesso gambo. Adesso avete un accordo composto da 3 note. A questo punto potreste meravigliarvi e chiedervi perch non usare lo strumento nota da 1/2 ed introdurre 3 note semplicemente sovrapponendole verticalmente. Usando lo strumento accordo, Pizzicato considera le note come una unit. Selezionate di nuovo la nota da 1/2 con il tasto di scelta rapida "2". Spostate il RE basso leggermente sulla destra: l'intero accordo segue il vostro movimento. Le note sono realmente unite tra di loro. Ci non sarebbe stato se le note non fossero state inserite con lo strumento accordo. Like most tools, the chord tool also has a keyboard shortcut. It is the lower case letter 'a'. Let us complete the measure. Come quasi tutti gli strumenti, lo strumento accordo ha un tasto di scelta rapida. Esso la lettera minuscola 'a'. Completiamo la misura. Inserite le note seguenti sulla destra dell'accordo:

Posizionate il mouse al livello del RE alto, al di sotto della nota da 1/4 FA e digitate la lettera 'a'. Si compone il seguente accordo:

Operate in modo da comporre i seguenti accordi:

Per cancellare la nota di un accordo agite come per una normale nota. Selezionate uno strumento nota o pausa ed usate il tasto di cancellazione con il cursore del mouse sulla testa di una nota. Due casi particolari richiedono spiegazioni. Prima di tutto l'accordo formato da interi. Per convenzione la nota da un intero non ha gambi. Dunque come creare un accordo con note intere? Nondimeno il principio rimane lo stesso. Semplicemente inserite la prima nota intera con lo strumento appropriato (tasto di scelta rapida '1') e sovrapponete le altre note con lo strumento accordo. Non ci saranno gambi che collegano le note ma le note si spostano lo stesso insieme. Facciamo una prova: Create un nuovo documento. Selezionate lo strumento nota intera con il tasto di scelta rapida '1'. Inserite una nota DO intero. Posizionate il cursore sopra la nota intera, all'altezza del MI. Digitate la lettera 'a' sulla tastiera. Vedrete apparire una nota MI intero. Completate l'accordo con la nota SOL. Spostate il DO verso destra: le altre note dell'accordo lo seguiranno. Lo stesso principio vale per la nota doppio-intero (valore equivalente a 8/4) che lo stesso non ha gambo. The second particular case is when the chord has two notes close together, for example G and F. If Pizzicato would draw the notes one exactly above the other you would get: Il secondo caso particolare rappresentato da un accordo formato da due note consecutive, per esempio SOL e FA. Se Pizzicato disponesse le note una esattamente sopra l'altra otterreste:

Non molto facile da leggere. La convenzione disporre una delle due note dall'altro lato del gambo. Nella seconda misura inserite un SOL da 1/4. Quindi mettete il cursore sotto il SOL, all'altezza del FA e digitate il tasto 'a'. Vedrete apparire un FA ed il SOL spostarsi dall'altro lato del gambo:

Pizzicato gestisce correttamente la disposizione delle note nell'accordo in questo caso specifico.

Note e pause puntate


Vediamo come aumentare il valore di una nota o di una pausa aggiungendo ad essa il punto di valore. Create a new document and fill in the following measures: Create un nuovo documento ed inserite le seguenti misure:

Aprite la palette Note e pause. Selezionate lo strumento

Cliccate sul primo FA. Vedrete apparire un punto di fianco alla nota. Cliccate sul FA dell'accordo. Il punto automaticamente applicato a tutte le note dell'accordo.

Cliccate sulla pausa di 1/4. Il punto inserito di fianco alla pausa. Le misure divengono:

Il tasto di scelta rapida in questo caso il punto (.) o la virgola (,). Il tastierino numerico contiene sempre l'uno o l'altra, il che fornisce facile accesso quando avete la mano raccolta sui tasti di scelta rapida. Per utilizzarlo: Selezionate un altro strumento (per esempio la nota da 1/8) e posizionate il cursore del mouse sulla nota MI. Digitate la virgola o il punto sulla tastiera. Fate lo stesso per la pausa da 1/16. Lo strumento selezionato non cambia. La misura diviene:

Mettete il cursore di nuovo sul primo FA. Digitate il punto o la virgola, la nota da 1/4 doppiamente puntata:

Per eliminare un punto seguite la procedura: Posizionate il cursore del mouse sulla testa del primo FA. Cliccate col tasto destro del mouse. Vedrete apparire un menu popup. Selezionate la voce Cancella punto. Viene eliminato un punto. Ripetendo tale operazione viene eliminato anche il primo punto. Il principio rimane lo stesso per la pausa. Esercizi Scrivete le seguenti misure mettendo in pratica ci che avete appena appreso. Iniziate ogni volta con un nuovo documento.

Cambiare la testa delle note - Note ridotte


Scrivendo per percussioni pratica comune modificare l'aspetto grafico delle note. Un apposito strumento vi consente di far questo. Chiudete il documento e createne uno nuovo. Inserite la seguente misura:

Aprite la Palette principale e selezionate lo strumento

Cliccate sulla testa della prima nota (MI). Vedrete apparire la seguente finestra di dialogo:

Il tasto di scelta rapida la lettera 'z' minuscolo. La finestra di dialogo vi consente di scegliere una forma speciale per la nota. Con la prima opzione decidete se la nota deve essere normale (ovvero la testa della nota indica il suo valore ritmico) o speciale. In quest'ultimo caso potete cliccare su una delle 18 caselle della tabellina e selezionare la forma desiderata. Cliccate la casellina con la x. Notate che la selezione di nota speciale viene attivata automaticamente. Cliccate su OK per confermare la scelta. La misura diviene:

La scelta di una forma speciale per la nota non condiziona l'esecuzione della nota stessa. Similmente modificate la nota successiva con la testa cava triangolare:

Se volete inserire tutte le note di un rigo con la stessa forma speciale, aprite la finestra di dialogo per la prima nota e selezionate l'opzione Diviene la forma corrente. Tutte le note che inserirete nella partitura prenderanno automaticamente la forma che avete selezionato. Talvolta pu servire ridurre una o pi note in una misura. A tale scopo userete la stessa finestra di dialogo Cliccate sulla terza nota e selezionate l'opzione Nota ridotta. Cliccate OK. La misura ridisegnata con la terza nota ridotta. Fate lo stesso con le 2 note successive. Otterrete:

Questa notazione pu essere usata in particolare per creare note di abbellimento o per successioni di note a libera esecuzione, etc. Tale riduzione non condiziona l'esecuzione della nota. E' anche possibile selezionare una o pi misure e modificare tutte le note contenute. Per selezionare misure, vedete la lezione intitolata Selezione delle misure. Quindi chiamate la voce Cambia forma delle note... nel menu Modifica. Apparir la dialog di cui sopra che vi consentir di apportare le modifiche a tutte le misure selezionate. Esercizio Ecco, a scopo di esercizio, un'altra misura da scrivere:

Inserimento di note e pause (4)


Disposizione degli accidenti Posizione di un'alterazione Legatura di valore Modifica della lunghezza del gambo Voci ritmiche

Disposizione degli accidenti


Avviate Pizzicato e aprite la palette Note e pause. Potete osservare in essa i seguenti strumenti: Il Diesis, Il Bemolle, Il Bequadro, Il Doppio diesis, Il Doppio bemolle, Il cancellino per eliminare gli accidenti. Per inserire un alterazione su una nota, selezionate lo strumento e cliccate sulla testa della nota. Inserite le seguenti note nella seconda misura:

Selezionate il Diesis e cliccate sulla nota FA (seconda nota), quindi sul SOL (terza nota). Selezionate il Bemolle e cliccate sul MI (prima nota), quindi sul RE (ultima nota). Selezionate il Bequadro e cliccate sul secondo FA (penultima nota). La misura adesso appare cos:

Il principio lo stesso per il doppio diesis e il doppio bemolle. Per cancellare un'alterazione, il MI bemolle per esempio: Selezionate il cancellino

Cliccate sulla testa del MI (prima nota). L'alterazione scompare. Vediamo i tasti di scelta rapida: Selezionate la nota da 1/8 (tasto '4'), Posizionate il cursore sulla nota MI. Digitate il segno meno (-) con la tastera. Appare un bemolle vicino il MI. La nota da 1/8 ancora selezionata. Digitate di nuovo un segno meno (-) sul MI bemolle. Il bemolle trasformato in doppio bemolle. Adesso digitate un segno pi (+) con la tastiera, con il cursore ancora posizionato sul MI. Avete un bemolle. Di nuovo digitate (+). L'alterazione scompare. Di nuovo digitate (+). Avete un diesis. Digitando di nuovo un (+), avete un doppio diesis. Il segno pi (+), quando applicato ad una nota la incrementa di mezzo tono: Doppio bemolle => Bemolle => Nessuna alterazione => Diesis = Doppio diesis Il segno meno (-), quando applicato ad una nota decrementa questa nota di mezzo tono: Doppio diesis => Diesis => Nessuna alterazione => Bemolle => Doppio bemolle Per cancellare un'alterazione, usate la lettera maiuscola 'X' sulla testa di una nota. Per inserire un bequadro, il tasto di scelta rapida l'asterisco (*).

Posizione di un'alterazione
La distanza tra un alterazione e la nota stabilita da Pizzicato al momento in cui inserite l'alterazione. Iniziate con una nuova partitura ed inserite l'accordo seguente:

Inserite un diesis sul RE e sul MI. Inserite un bemolle sul SOL e sul SI. Ottenete:

Pizzicato has automatically moved the accidentals in such a way that they are not superimposed and remain readable. In the case of an accidental on a single note, the for example a quarter note in the measure. Add a sharp, select the the left, you get: Pizzicato ha disposto le alterazioni in modo che non si sovrappongano e rimangano leggibili. tool lets you move the accidental. Add tool and move this sharp on

La seguente finestra di dialogo non disponibile in Pizzicato Base

Nel caso di un accordo con molte alterazioni, Pizzicato permette di disabilitare tale automatismo e lascia che l'utente disponga le alterazioni manualmente. Nel menu Opzioni, selezionate la voce Automatismi...

Rimuovete l' opzione Accidenti e cliccate OK. Aprite la Palette principale e selezionate lo strumento . Questo strumento vi permette di

spostare qualsiasi alterazione. Posizionate il cursore del mouse sul diesis del RE. Cliccate e trascinate verso sinistra. Il diesis segue il vostro movimento. Rilasciando il mouse il diesis resta nella nuova posizione. Fate lo stesso con il diesis del MI, ottenete:

Potete anche cambiare la posizione verticale di un'alterazione. Tenete premuto il tasto CTRL mentre muovete l'alterazione verticalmente, ad esempio per inserirlo sopra una nota in un passaggio molto stretto.

Legatura di valore
Quando 2 note della stessa altezza sono connesse da un tratto ricurvo, vuol dire che la seconda nota non deve essere eseguita, ma semplicemente mantenuta come la continuazione della prima. In un nuovo documento scrivete quanto segue:

Nella palette Note e pause, selezionate lo strumento

. Cliccate sul sol di 1/4 della prima

misura. Appare una legatura che lo collega al SOL della misura successiva. Fate lo stesso con il primo SI da 1/8 della prima misura. Ottenete:

Per invertire la direzione di una legatura, cliccate di nuovo sulla prima nota. Invertite in questa maniera la legatura tra i 2 SI. Per rimuovere una legatura, cliccate di nuovo sulla prima nota. Cliccate di nuovo sul primo SI. La legatura scompare. Il tasto di scelta rapida per questo strumento il segno di uguale (=). Selezionate lo strumento nota da 1/8 e posizionate il cursore del mouse su DO da 1/2 della seconda misura. Digitate (=). Appare una legatura. Fate lo stesso per le altre due note dell'accordo. La misura diviene:

Modifica della lunghezza del gambo


Per una questione di layout e leggibilit, pu essere utile poter modificare la lunghezza del gambo di una nota, come anche l'angolatura delle traversine. Nella Palette Principale, selezionate lo strumento del gambo della nota da 1/2: . Posizionate il cursore del mouse alla fine

Cliccate e trascinate verso l'alto. Il gambo dell'accordo si allunga. Se procedete verso il basso si accorcia. Rilasciando il pulsante del mouse fissate la nuova lunghezza. Fate lo stesso con il SOL da 1/8 (seconda nota) della prima misura. Siccome la traversina unita al gambo, essa cambia per via del vostro movimento. Questo vi consente di modificare l'angolo della traversina come volete. Modificate la misura ad ottenere:

Raggruppate le 4 note da 1/8, selezionate lo strumento seguente modo:

e posizionate il cursore nel

Cliccate e trascinate verso l'alto. L'intera traversina segue il movimento. Quando cambiate l'altezza del gambo di una nota che fa parte di un gruppo di note, modificherete l'altezza dei gambi dell'intero gruppo. Muovendo il gambo di una nota che si trova all'inizio o alla fine di un gruppo, l'angolatura della traversina viene modificata. Ad esempio la vostra misura diviene:

Voci ritmiche
Pizzicato consente di scrivere fino ad otto voci per misura. La modalit di scrittura delle voci visibile in alto a sinistra nella vista partitura. per impostazione predifinita essa visualizza 1-8:

Questa impostazione di default significa che Pizzicato vi permette di scrivere molte voci senza dovervi preoccupare della destribuzione delle note. In un nuovo documento inserite le seguenti note:

Queste note costituiscono una cosiddetta 'voce ritmica'. Le note inserite completano una misura intera, in questo caso 4 tempi. Pizzicato assegna di default la voce numero 1. Adesso aggiungete un'altra melodia, come se la misuta fosse vuota, ad ottenere:

A dispetto del fatto che la misura era gi completa, Pizzicato vi consente di scrivere un'altra voce. Inoltre, i gambi delle note precedentemente inserite vengono automaticamente modificati in modo che la leggibilit delle due voci rimane chiara. Pizzicato ha assegnato automaticamente le note aggiunte ad un'altra voce. Si tratta della modalit di codifica automatica delle voci, indicata dalla voce 1-8. Nel menu popup delle voci ritmiche, selezionate la voce 1. La misura diviene:

Solo le note della voce ritmica 1 sono visualizzate in nero. Le altre voci (in questo caso la voce 2) sono disegnate in grigio, ad indicarvi che state lavorando sulla voce 1. Quando selezionate un numero da 1 a 8 nel menu delle voci ritmiche, le note che inserite vengono specificamente inserite in quella voce. Provate ad esempio ad aggiungere una nota da 1/4 nella misura. Pizzicato si rifiuta, perch la voce 1 gi completa per questa misura (4 tempi). D'altra parte, quando selezionate la voce 1-8, Pizzicato inizia una nuova voce cui assegna le note aggiunte. Nella maggior parte dei casi, Pizzicato compie tale azione molto correttamente per le misure fino a due voci, secondo la complessit del contenuto della misura. Nel caso di una situazione polifonica molto complessa e intrigata, potete usare il menu delle voci ritmiche per dire esplicitamente al programma quali voci usare in quali casi. Inserite la prima voce completamente, quindi modificate il menu delle voci e scrivete la seconda voce... In questo modo, Pizzicato divide il contenuto della misura in voci indipendenti secondo le vostre indicazioni. Quando inserite molte voci con l'opzione 1-8, fortemente raccomandato introdurle una alla volta. Se ad esempio iniziate la seconda voce quando la prima non completa, Pizzicato pu pi facilmente confondere le voci e rendere l'operazione di codifica pi delicata. Esercizi Vi presentiamo alcune misure da codificare per consentirvi di riesaminare i concetti finora esposti. Create ogni volta un nuovo documento.

Inserimento delle note con la tastiera musicale


La finestra tastiera Come introdurre note con la tastiera?

La finestra tastiera
In questa lezione apprenderemo l'uso della tastiera MIDI e della tastiera del computer. E' un modo veloce e preciso per inserire le note. Pizzicato vi consente di inserire note con una tastiera Midi connessa al computer. Se avete una scheda audio ma non una tastiera Midi, Pizzicato possiede una tastera disegnata in una finestra, i cui tasti vengono attivati dal mouse o da specifici tasti di scelta rapida dalla tastiera del computer. Se siete un chitarrista, potete usare la finestra Tastiera di chitarra (menu Finestre) esattamente come la tastiera pianoforte spiegata in questa lezione. Avviate Pizzicato. Nel menu Finestre, selezionate la voce Tastiera pianoforte. Appare la seguente finestra, anche se non esattamente nelle dimensioni rappresentate nella figura:

Pu essere spostata sullo schermo. Potete cambiarne le dimensioni trascinando i bordi con il mouse. Quando chiudete tale finestra con il pulsante di chiusura, le dimensioni e la posizione sono memorizzate e quando l'aprite di nuovo avr tali dimensioni e posizione. Cliccate su uno dei tasti della tastiera. Quando il pulsante del mouse viene premuto, viene emesso il suono corrispondente. Appare un piccolo quadrato sul tasto che visualizza tale azione:

Potete scivolare con il muose sulla tastiera tenendo premuto il pulsante del mouse. Verranno suonate le note sulle quali scivolate. Quando aprite un documento e chiedete a Pizzicato di eseguirlo, la finestra della tastiera mostrer in ciascun momento le note eseguite nella partitura. Potremo utilizzare questa caratteristica a fini didattici. Le due file di tasti collocate sopra la barra spaziatrice della tastiera del computer sono usate come tasti di scelta rapida per attivare le note della finestra tastiera. Vi mostrimo qui sotto una tabella che mostra le corrispondenze. I tasti bianchi sono rappresentati dalla prima fila di tasti, tra i due tasti SHIFT. I tasti neri sono rappresentati dalla seconda linea di tasti, ove presenti nella tastiera musicale:

E' importante la posizione dei tasti sulla tastiera del computer. In base al paese, la vostra tastiera potrebbe essere differente. Alcuni tasti sono usati contemporaneamente come tasti di scelta rapida per la tastiera musicale e per gli strumenti della palette. E' questo il caso, per esempio, della lettera 'c' minuscola. Essa attiva il tasto FA e cambia la chiave sul rigo musicale. Si deve quindi trovare un modo per differenziare l'uso di questi tasti con doppia funzione. La regola di base la seguente: Quando il cursore del mouse posizionato all'interno della finestra tastiera, tutti i tasti di scelta rapida vengono utilizzati da essa. Nel caso quindi di un doppio tasto di scelta rapida, potete scegliere tra la tastiera e lo strumento della palette posizionando il mouse all'interno della finestra tastiera o al di fuori di essa. Provate ora questi tasti di scelta rapida per capire l'equivalenza tra le due tastiere. A seconda del costruttore della tastiera, potete premere simultaneamente diversi tasti. Ogni volta che viene attivato un tasto questo

indicato dal quadratino colorato Se premete simultaneamente il tasto SHIFT, tutte le note saranno eseguite un ottava sopra, consentendovi di coprire circa due ottave e mezza con i tasti di scelta rapida. Nel menu Opzioni, selezionate la voce Tastiera... Apparir la seguente finestra di dialogo:

La lista collocata sulla destra della parola Ottava vi consente di determinare l'altezza del primo DO. La prima lista vi consente di scegliere un'altra nota al posto del do, come prima nota. Se la cambiate questo non influir sull'aspetto grafico della tastiera, ma la tastiera sar trasportata, in quanto il primo tasto (normalmente DO) corrisponder a un'altra nota. Selezionando l'opzione Larghezza fissa dei tasti, i tasti avranno la larghezza indicata dalla casella di testo successiva. Se non selezionato la larghezza dei tasti sar adattata alle dimensioni della finestra, cos da apparire secondo le dimensioni usuali di una tastiera musicale. Con la lista successiva potete selezionare il tipo di tastiera. Nei diversi paesi i tasti sono disposti in modo diverso, cos i tasti di scelta rapida (shortcut) sono diversi. Se gli shortcut non funzionano come indicato sopra, cambiate la selezione in questa lista. Le ultime due voci di questa lista vi consentono di creare configurazioni personalizzate. Potete programmarle voi stessi. Se la vostra tastiera non corrisponde esattamente alla sequenza di tasti o se volete assegnare altri shortcut alle note, ecco la procedura per programmare i vostri shortcut: Sulla tastiera del computer, premete i tasti CTRL e SHIFT e con il mouse cliccate sul tasto della finestra-tastiera cui volete assegnare lo shortcut. Quindi rilasciate i tasti. Un piccolo quadrato inizia a lampeggiare sul tasto. Questo indica che Pizzicato attende per lo shortcut di questo tasto. Premete il tasto del computer (possibilmente con SHIFT) che volete corrisponda alla nota lampeggiante. A questo punto il tasto smette di lampeggiare. Da ora esso risponder al nuovo shortcut. Se volete eliminare la programmazione di un tasto, eseguite i punti precedenti e, quando il tasto lampeggia, premete il tasto ESC. Eseguite i passi precedenti per tutti i tasti che volete programmare.

Come introdurre note con la tastiera?


E' grazie al cursore Midi che sarete in grado di combinare direttamente gli shortcut con le note eseguite sulla tastiera musicale. Durante la presente lezione considereremo che la tastiera musicale sia un tastiera musicale reale, connessa tramite cavo MIDI al vostro computer. Quasi tutto quanto segue applicabile all'uso della finestra tastiera e i suoi shortcut. Nella Palette principale, selezionate lo strumento . Si tratta dello strumento cursore Midi. Appena

selezionato un cursore inizia a lampeggiare sulla prima misura, all'inizio della partitura:

Esso indica la posizione dove saranno inserite note e pause. Lo shortcut da tastiera per questo strumento la 'r' minuscola. E' uno dei rari strumenti non esclusivi, cio pu rimanere selezionato mentre ne selezionate un'altro. Per disabilitare il cursore Midi, potete usare lo stesso shortcut 'r' o cliccare di nuovo sull'icona.

Quando usate lo shortcut Esc per selezionare il cursore (la freccia automaticamente disabilitato.

), il cursore Midi viene

Siate sicuri che la giustificazione automatica sia attiva (con Pizzicato Base lo sempre). E' essenziale per un uso completo del cursore Midi. Essendo note e pause inserite senza il mouse, necessario che Pizzicato le disponga correttamente giustificate perch la misura abbia un aspetto elegante. Potete anche modificare la selezione nella lista delle voci ritmiche per introdurre diverse voci. Esistono due modi per inserire note nella partitura. Vediamo prima il pi completo. Per questo metodo deve essere selezionato lo strumento cursore (freccia), insieme al cursore Midi. Il principio quello di usare la tastiera Midi per inserire le note e il tastierino numerico della tastiera del computer per selezionare i valori di durata. Ricordate gli shortcut per i valori ritmici, '3' per i quarti, '4' per gli ottavi, ecc. Il cursore Midi usa gli stessi shortcut. Tenete premuto il tasto DO sulla tastiera Midi. Digitate '3' sul tastierino numerico, quindi rilasciate la nota DO. Comparir la nota DO nella misura e il cursore si sposta sulla destra:

Se non eseguite il DO appropriato sulla tastiera, potrebbe apparire il DO all'ottava sopra o sotto. Per l'esempio non importante. Se usate la finestra-tastiera, dovete premere il tasto usando lo shortcut. Cliccando con il mouse sulla finestra-tastiera non funzioner. Tenete premuto il tasto RE della tastiera e digitate due volte il '4' (ottavo). Le note appariranno nella misura. Esse vengono collegate automaticamente e il cursore si sposta in avanti:

Tenete premuto il tasto MI e digitate '2' (mezzo). La nota appare nella misura. Ora la misura completa, questo perch il cursore si spostato automaticamente all'inizio delle misura successiva:

Tenete premute contemporaneamente le note DO, MI e SOL. Digitate '3' (quarto). Verr aggiunto nella misura un accordo composto dalle tre note:

Il principio molto semplice. Eseguite e tenete premute le note sulla tastiera e digitate i valori ritmici sul tastierino numerico. Non avete bisogno del mouse. Una mano posta sulla tastiera musicale e l'altra sul tastierino numerico. Il cursore Midi avanza automaticamente. Per inserire pause premete semplicemente i valori ritmici senza eseguire alcuna nota. Digitate '3'. Appare nella misura una pausa da un quarto e il cursore si muove nella posizione successiva:

Per spostare il cursore Midi usate le frecce destra e sinistra sulla tastiera; il cursore si sposter da una nota alla successiva. Premete 6 volte le freccia sinistra. Il cursore Midi si sposta gradualmente fino a posizionarsi sulla destra della prima nota:

La freccia destra sposta il cursore nell'altra direzione. Portate il cursore sulla destra della nota da 1/2 premendo 3 volte la freccia destra. Usate la freccia giu. Il cursore Midi si sposta sul rigo sottostante. Usando la freccia su, vi spostate sul rigo immediatamente sopra. Il tasto tab vi porta all'inizio della misura successiva, senza dover passare per ciascuna nota della misura. Tenendo premuto il tasto SHIFT e usando il tasto tab, posizionate il cursore Midi all'inizio della misura precedente. Potete anche usare il mouse per posizionare il cursore Midi. Cliccate in una misura, dove volete posizionarvi. Cliccate a destra della nota da 1/2, nella prima misura. Per cancellare una nota, un accordo o una pausa, posizionate il cursore Midi appena sulla destra di essa e usate il tasto back della tastiera. E' cancellata la nota da 1/2. Sostituitela con due note da 1/4, MI e FA, usando la tastiera musicale e il tasto '3':

Muovate all'indietro il cursore Midi di una posizione per disporlo nella misura precedente, sulla destra della nota FA. Usate la lettera 'i' minuscola. Il gambo della nota precedente viene invertito:

Potete in questo modo correggere la disposizione dei gambi man mano che inserite le note, utilizzando lo shortcut 'i' per l'inversione dei gambi. Posizionate il cursore Midi sulla destra della pausa da 1/4 della misura 2. Premete il tasto MI e digitate il '3' per ottenere una nota da 1/4. Digitate il punto o la virgola sulla tastiera. Verr aggiunto un punto di valore alla nota da 1/4:

E' essenziale una precisazione se utilizzate la tastiera-finestra, perch il punto e la virgola sono anche shortcut per attivare tasti in quella finestra. Viene applicata la seguente regola per indicare l'uso del punto, della virgola, dei segni '/' e '=', usati pi in basso. Se il cursore del mouse si trova dentro la finestra-tastiera e questa so trova sopra la finestra della partitura, il segno verr usato per attivare il tasto della tastiera-musicale. Se no, verr usato come shortcut per la partitura. Completate la misura con un RE da 1/8. Digitate il segno '=' sulla tastiera. Apparir una legatura di valore che parte dalla nota RE:

Riempite la misura successiva con 6 note da 1/8:

Il segno '/' (barra di divisione) vi consente di collegare con traversine o separare dalle stesse, le due note che precedono il cursore. Digitate il segno '/' una volta. Le due note da 1/8 si separano. Spostate il cursore Midi indietro di una nota e digitate il segno '/' di nuovo. La nota si collega con la precedente:

Questo vi consente di modificare la disposizione delle traversine. Potete utilizzare lo shortcut '9' per cambiare una note con il suo enarmonico. Questo risulta utile quando Pizzicato scrive, ad esempiio, un FA# mentre voi volete un SOLb. C' un altro modo per usare il cursore Midi. Selezionate un valore ritmico sulla palette "note e pause" utilizzando il mouse, ad esempio, il valore di 1/8 (o usate lo shortcut, accertandovi che il cursore Midi non sia ancora selezionato, altrimenti inserirete una pausa sulla partitura), quindi selezionate il cursore Midi. Posizionatelo all'inizio della misura successiva. Da qui in poi tutte le note che eseguirete sulla tastiera musicale saranno inserite nella partitura. Eseguite in successione le note dal DO al DO successivo ed otterrete il seguente risultato:

Avendo selezionato il valore di 1/8, tutte le note sono ottavi. Da ora usando uno shortcut da 0 a 8, cambierete il valore ritmico selezionato. Selezionate il valore di 1/4 ed eseguite qualche nota sulla tastiera musicale. Esse verranno scritte come note da 1/4. You can add a rest if you press a key of the music keyboard while holding down the SHIFT key of the computer keyboard. Questo secondo metodo si distingue dal primo per la scelta dei valori ritmici e la scelta delle note. Inizialmente viene selezionato il valore ritmico, quindi introducete le note con la tastiera, una alla volta o come accordi. Questo metodo pi adatto per partiture contenenti molte note in successione con gli stessi valori ritmici. Potete naturalmente usare gli shortcut 'i', '/', '=', cos come il punto o la virgola, come per il primo metodo. I modi per spostare il cursore sono i medesimi, cos pure l'utilizzo del tasto di cancellazione. Da notare che se il cursore Midi attivo e visibile sullo schermo, questo determini la posizione dalla quale inizia l'esecuzione quando usate la barra spaziatrice per ascoltare la partitura.

Inserimento di note e pause (5)


Aggiungere terzine e gruppi irregolari Strumento per enarmonia

Aggiungere terzine e gruppi irregolari


Terzina vuol dire che 3 note vengono eseguite al posto di 2. Gruppo irregolare un dato numero di note che vengono eseguite al posto di un diverso numero, ad esempio 5 invece di 4, 15 invece di 16, etc. Ecco alcuni esempi:

Vediamo come creare tali misure. Avviate Pizzicato. Aggiungete note, come avete appreso dalle lezioni precedenti, per ottenere:

Aprite la Palette Principale e selezionate lo strumento 'Gruppo Irregolare' cursore dove dovrebbe iniziare la terzina:

. posizionate il

Cliccate e trascinate verso destra tenendo premuto il pulsante del mouse. Apparir una terzina, estendendosi verso destra a seguire il vostro movimento. Misuratene l'estensione a coprire le prime tre note, quindi rilasciate il pulsante del mouse per ottenere:

Senza ulteriori specificazioni, Pizzicato disegna automaticamente un gancio ed la cifra "3". Se tenete premuto il tasto Control mentre aggiungete il gruppo irregolare, Pizzicato apre una finestra di dialogo che vi consente di specificare le caratteristiche del gruppo stesso. Posizionate il cursore come mostrato:

Mentre tenete premuto il tasto Ctrl, cliccate e trascinate sulle 6 note da 1/16. Rilasciate il pulsante del mouse. Apparir sullo schermo la seguente finestra di dialogo:

Il riquadro intitolato Esecuzione note consente di specificare il rapporto usato per l'esecuzione. Per una terzina abbiamo 3 note al posto di 2. Per creare il nostro esempio, dobbiamo specificare 6 note invece di 4. Inserite le cifre "6" e "4" nelle due caselle di testo. Il cursore verticale vi consente di specificare la posizione verticale della cifra (o cifre) rispetto alla staffa. Il riquadro Posizione consente di scegliere l'orientamento del segno. Di default Pizzicato dispone il segno nella corretta posizione, la quale pu essere invertita se necessario. Il riquadro Tipo di curva grafica consente di selezionare una staffa, una curva o nulla per raggruppare le note. Nel nostro esempio selezionate la curva.

Il riquadro Etichetta seleziona lo stile dell'indicazione numerica. Vi sono quattro stili diversi. Per confermare le modifiche cliccate OK. La misura diviene:

Una volta inserito, il gruppo irregolare pu essere aggiustato muovendo 3 punti (lo strumento "gruppi irregolari" deve essere selezionato):

Cliccando e trascinando l'estremit sinistra, essa si sposta, Cliccando e trascinando l'estremit sinistra e tenendo premuto il tasto CTRL, il simbolo si muove in blocco, Cliccando e trascinando la cifra, essa si muove verticalmente. La curva non si muove. Muovete leggermente, nel nostro esempio, la cifra "6" verso l'alto. Cliccando e trascinando l'estremit destra, la curva si allarga o si stringe, secondo il vostro movimento. Potete anche muovervi in alto o in basso per veriare l'angolo della curva. L'estremit sinistra non si muove. La cifra si muove proporzionalmente. Facendo doppio-click su una di queste aree aprirete la finestra di dialogo per la definizione. Posizionate il cursore come segue::

Cliccate e trascinate lungo la larghezza delle 5 note, andando un p verso l'alto per seguire l'inclinazione delle note. Una volta rilasciato otterrete una curva con un "6". Le caratteristiche dell'ultimo gruppo irregolare sono state memorizzate e applicate al gruppo successivo. Questa la conseguenza della casella di selezione Diventa lo stile corrente della finestra di dialogo. Se non volete che le impostazioni diventino lo stile corrente, deselezionate tale casella prima di confermare con OK. Dal momento che vogliamo "5", fate doppio click sulla cifra. Ricompare la finestra di dialogo. Impostatela in modo da ottenere "5" invece di "6". Aggiustate la posizione della figura per ottenere:

Per completare l'esempio, create un gruppo irregolare sulle ultime 9 note. Come spiegato, usate il tasto per aprire la finestra di dialogo. Inserite i valori per ottenere 9 note al posto di 8. Per l'Etichetta, selezionate la terza voce e selezionate la casella Taglia curva. Cliccate su OK e aggiustate la posizione del gruppo incluse le cifre 9:8. Ora avete l'esempio dell'inizio della lezione:

Lo strumento "gruppo irregolare" ha un tasto di shortcut, la lettera "n" minuscola. Esso non opera direttamente sulla partitura ma seleziona lo strumento senza dover aprire la palette. Ecco come eliminare un gruppo irregoalare: Assicuratevi che lo strumento"gruppo irregolare" sia selezionato e posizionate il cursore del mouse su una delle tre aree di accesso (estremit sinistra, destra o la cifra) Usate il tasto di cancellazione della tastiera: il gruppo scomparir.

Quando disponete un gruppo irregolare tra due righi, Pizzicato lo associa al rigo pi vicino al punto dove avete cliccato. Tenetelo presente perch il gruppo si comporti correttamente come voi volete. Se la giustificazione automatica attiva, Pizzicato calcola il contenuto della misura e dispone le note in conseguenza. E' cos possibile introdurre una voce ritmica avente pi tempi rispetto al totale del numero di tempi della misura (qui 4 tempi). Per introdurre un gruppo irregolare, succede che voi dovete, ad esempio, disporre 3 note da 1/8 in una misura dove ne entrano solo 2. Eseminiamo la seguente misura:

Per scrivere questa misura, non potete aggiungere le ultime 3 note e poi la terzina, perch Pizzicato si rifiuter di inserire l'ultimo ottavo, essendo la misura gi completa. Per superare questo problema, disponete il primo ottavo, quindi aggiungete il gruppo per ottenere:

Pizzicato consedera il fatto che la terzina non finita e riserva lo spazio per le note successive. Ora potete aggiungere gli ultimi due ottavi per completare la terzina:

E' anche possibile modificare globalmente lo stile dei Gruppi irregolari per una sezione della partitura. Dovete prima selezionare le misure e i righi interessati (vedere la lezione Selezione delle misure).Quindi usate il Menu Modifica, Modifica gruppi irregolari... Apparir la finestra di dialogo di sopra, ma con un riquadro in pi sulla destra:

Le cinque caselle determinano lo stile del Gruppo che verr applicato alle misure selezionate. Selezionando per esempio Etichetta e impostandola a 3/2 nella parte sinistra della finestra, tutti i gruppi che si trovano nelle misure selezionate adotteranno tale stile. Dalla versione 3.5.3 disponibile un nuovo modo per inserire i gruppi irregolari. Questo modo crea i gruppi automaticamente mentre inserite le note. Per abilitare questa modalit, fate doppio-click sullo strumento "Gruppi irregolari" lo strumento "Gruppi irregolari" e selezionate la voce Automatico durante l'inserimento delle note nel riquadro . Ogni nota che aggiungete al rigo apparterr al gruppo e Modalit di inserimento. Per aggiungere un gruppo, selezionate un valore ritmico (ad esempio 1/8) e selezionate Pizzicato le raggupper insieme elegantemente. Potete definire il tipo di Gruppo (terzina...), ed anche lo stile, facendo doppio click sullo strumento "Gruppi irregolari". Quando la modalit automatica attiva ed selezionata la freccia (nessun valore ritmico attivo), lo strumento "Gruppi irregolari" pu essere usato manualmente, trascinando il simbolo su note esistenti. Il tasto di scelta rapida (shortcut) 'n' attiva lo strumento. In modalit automatica, l'utilizzo dello shortcut 'N' (maiuscolo) attiva lo strumento "Gruppi irregolari" e lo strumento freccia, cos da poter disporre manualmente il gruppo irregolare.

Strumento per enarmonia


Due note sono enarmoniche l'un l'altra se hanno nome differente ma corrispondono allo stesso suono e allo

stesso tasto su una tastiera musicale. FA diesis enarmonico di SOL bemolle Lo strumento per enarmonia si trova nella palette Note e pause: Create un nuovo documento e scrivete la seguente misura:

Selezionate lo strumento per enarmonia diviene:

e cliccate sulla testa della prima nota (LA#). La misura

Pizzicato ha sostituito la nota con la sua enarmonica. Cliccate di nuovo sulla nota, otterrete un altro enarmonico di LA#, cio DO doppio bemolle:

Cliccando una terza volta otterrete nuovamente il LA#. Il tasto shortcut il numero "9". Esso agisce direttamente sulla partitura, senza selezionare lo strumento nella palette. Posizionate il cursore del mouse sulla seconda nota e digitate "9" sulla tastiera. Fate lo stesso per le altre due note. Otterrete:

Tale strumento utile per correggere le note introdotte utilizzando una tastiera musicale.

Utilizzare le chiavi
Cambiare la chiave Caratteristiche delle chiavi

Cambiare la chiave
Apprenderemo come utilizzare lo strumento chiave per cambiare, aggiungere ed eliminare le chiavi nella partitura. Iniziare con un nuovo documento e aprire la Palette principale. Selezionate lo strumento 'chiave' cliccate sulla prima misura del rigo superiore. Apparir la seguente finestra di dialogo: e

A seconda della versione di pizzicato che state usando, avrete una scelta tra le 2 e le 10 chiavi. Ecco i dettagli, da sinistra a destra: Chiave di Violino (chiave di SOL su seconda linea), Chiave di Basso (chiave di FA sulla quarta linea), Chiave di Baritono (chiave di FA sulla terza linea), Chiave di Soprano (chiave di DO sulla prima linea), Chiave di Mezzo-soprano (chiave di DO sulla seconda linea), Chiave di Contralto (chiave di DO sulla terza linea), Chiave di Tenore (chiave di DO sulla quarta linea), Chiave di SOL sulla prima linea, Chiave per Percussioni, Chiave invisibile.

Le chiavi pi frequenti sono le prime due. In quanto all'altezza delle note, le due ultime chiavi equivalgono alla chiave di violino. Si tratta di notazioni grafiche alternative per la chiave di violino. La finestra seleziona di default la chiave di violino, perch siamo sulla prima misura. Negli altri casi essa seleziona la chiave della misura precedente. Per selezionare un'altra chiave, cliccate sull'icona relativa. Selezionate la chiave di basso (seconda icona) e cliccate OK. La misura diviene:

Notate che la posizione della chiave nella misura gestita automaticamente da Pizzicato. Inserite le note seguenti nella misura:

Selezionate lo strumento freccia col tasto ESC. Il tasto di scelta rapida per lo strumento 'chiave' la lettera 'c' minuscola. Posizionate il cursore del mouse sulla misura e digitate 'c' sulla tastiera. Apparir la finestra di dialogo delle chiavi. Questo shortcut vi permette di evitare l'uso della palette e non cambia lo strumento selezionato (in questo caso, lo strumento freccia). Notate che la casella di selezione Trasporta selezionata. Le note sono trascritte nella corretta posizione quando cambiate chiave. E' selezionata la chiave di violino. Cliccate OK. La misura diviene:

Le note vengono trascritte perch mantengano la stessa altezza. Se non volete trascrivere le note quando cambiate chiave, disabilitate la casella Trasporta prima di cliccare OK.

Caratteristiche delle chiavi


Le chiavi utilizzate finora sono chiavi fisse, perch la loro posizione gestita automaticamente da Pizzicato. L'utente non pu muoverle nella misura. Talvolta avviene un cambio di chiave nel mezzo della misura. Vediamo come ottenere questo. Posizionate il cursore del mouse come mostrato:

Digitate 'c' sulla tastiera. Nella finestra delle chiavi, selezionate la chiave di basso. Selezionate la casella Chiavi mobili nella misura. Cliccate OK. La misura diviene:

La chiave viene posta nella posizione del cursore e le note a destra vengono trascritte in base alla nuova chiave. Questa chiave adesso mobile. Per spostare questa chiave, cliccate e trascinate verso sinistra o verso destra con lo strumento freccia o lo strumento 'chiave'. La chiave seguir il movimento e si disporr dove rilasciate il mouse. Muovete la chiave di basso verso destra per ottenere:

Notate che in questo caso le note non vengono automaticamente trascritte. Se desiderate mantenere la stessa nota, dovete spostarla manualmente, ad ottenere:

Per rimuovere una chiave mobile, posizionate il mouse sulla chiave ed usate il tasto DEL. Cancellate la chiave di basso. Nuovamente le note non vengono trascritte automaticamente nella chiave precedente. La trascrizione automatica avviene solo quando aggiungete una nuova chiave, sempre che l'opzione Trasporta sia selezionata. Spesso, quando la chiave cambia nel mezzao di una misura, il simbolo appare di dimensioni ridotte. Spostate l'ultima note per avere di nuovo:

Posizionate il cursore nella misura, tra il RE ed il MI e digitate 'c'. Nella finestra di dialogo selezionate la chiave di basso, spuntate le caselle Chiave mobile nella misura e Chiave ridotta. Cliccate OK. La misura diviene:

La chiave ridotta. Allo stesso modo potete indicare un cambio di chiave alla fine del rigo. Per esempio, se questa misura l'ultima del rigo e la prossima misura continua con la chiave di violino, normale indicare ci con una piccola chiave di violino situata alla fine della misura, cos che l'esecutore non colto di sorpresa dal cambio di chiave all'inizio della prossima misura. Posizionate una chiave di violino mobile e ridotta, ad ottenere:

Infine, potete cambiare l'ottava della chiave. Per ogni chiave, potete incrementare o decrementare l'altezza delle note di una o due ottave rispetto alla chiave normale. Questo influisce sull'esecuzione delle note, che vengono trasportate di conseguenza. Graficamente, un 8 o 15 viene visualizzato al di sopra o al di sotto della chiave.

Esercizi Partendo ogni volta con un nuovo documento, realizzate i seguenti esempi. Il secondo esempio pu essere scritto solo con alcune versioni di Pizzicato; utilizza la chiave per percussioni e quella invisibile.

Traversine su due righi e note di abbellimento


Traversine su due righi Note di abbellimento

Traversine su due righi


Quando scrivete partiture per pianoforte comune l'utilizzo di due righi (chiave di violino e di basso). Tecnicamente questo vuol dire che la stessa voce ritmica pu essere scritta su due righi diversi. Eccone un esempio:

In queste misure, l'utilizzo di due righi con diverse chiavi, facilita la lettura delle note. Le note basse non sarebbero state facilmente leggibili in chiave di violino. Ma queste misure contengono una sola voce ritmica, nel senso in cui Pizzicato definisce tale espressione. Il principio da comprendere, per scrivere questo tipo di misure con Pizzicato, che le note devono appartenere sempre ad uno dei due righi. Qui abbiamo scelto il rigo superiore, ma avremmo potuto scegliere quello inferiore. E' sempre meglio scegliere quello con il mumero maggiore di note. Una volta che la nota scritta su un rigo, semplice trascinarla nell'altro, ma tale spostamento solo grafico: la nota continua ad appartenere al suo rigo originale. Questo implica che la giustificazione della voce ritmica rimane legata al contenuto della misura originale. Vediamo come scrivere queste due misure. Con lo strumento prima descritto, scrivete la seguente misura:

Ricordate di collegare con traversina il 16mo alle altre quattro, potete usare il tasto CTRL quando la scrivete. Tenendo premuto il tasto SHIFT, cliccate sull'ultima nota e trascinatela, alla corretta altezza, nel rigo inferiore. Quindi rilasciate il mouse. Quando attraversate il limite tra i righi, Pizzicato disegna i tagli

addizionali relativamente al rigo inferiore. Il risultato :

Per aggiungere gli altri tre 16mi, li trascineremo nel rigo inferiore mentre li aggiungiamo. Per far questo, aggiungete la nota sul rigo di sopra senza rilasciare il mouse (e soprattutto senza il tasto SHIFT, che scriverebbe una pausa invece di una nota). Quindi trascinate la nota verso il basso premento, solo dopo, il tasto SHIFT per consentire il trasferimento sull'altro rigo. Rilasciate il pulsante del mouse solo quando la nota si trova nella corretta posizione. Aggiustate leggermente l'angolo delle traversine che collegano le 8 note, ed avremo:

Per creare l'accordo seguente sui due righi, inizialmente scrivete le note sul rigo superiore. Le posizioni delle note da trascinare non sono importanti in questa fase: scrivete le note che dovete, le trascinerete poi in basso. Aggiungete ad esempio il seguente accordo:

Trascinate le due note pi basse tenendo premuto il tasto SHIFT. La prima misura completa. Per scrivere la seconda misura, aggiungete le note seguenti:

Trascinate la quattro note basse (DO) nel rigo inferiore, utilizzando il tasto SHIFT. Avremo:

Rivoltiamo la traversina del primo accordo (posizionando il cursore sul RE del primo accordo e usando lo shortcut "i"). Avremo:

Aggiustando la posizione della traversina dell'ultima nota, avremo il risultato atteso: Questo principio pu essere applicato in modo simile per spostare le note sul rigo superiore. Il tasto SHIFT usato mentre si sposta una nota, forza quest'ultima a superare il limite dei due righi, disegnandola nell'altro rigo mentre essa appartiene ancora al primo. E' un attributo della nota stessa essere disegnata sul rigo originale, su quello superiore o su quello inferiore. Potete direttamente modificare tale attributo facendo click-destro su una nota. Sul menu di contesto che appare selezionate la voce Modifica esecuzione nota..., che apre la seguente finestra di dialogo:

Il riquadro in basso, titolato Scrivi la nota su, permette di modificare tale attributo. Per una spiegazione degli

altri elementi di questa finestra di dialogo, vedere la lezione menu di contesto di una nota Da notare che non necessario collegare una nota con traversina prima di trascinarla su un altro rigo. Comunque, se non collegate la nota, siate certi di quello che state facendo perch trascinando una semiminima o una minima su un'altro rigo, nulla mostra la sua originale appartenenza al rigo originale. Tale nota non dovrebbe essere confusa con le note dell'altro rigo, altrimenti il comportamento ritmico delle voci potrebbe apparire illogico.

Note di abbellimento
Lo strumento che ora analizzeremo specifico per scrivere e gestire gli abbellimenti. Sin dalla prima versione di Pizzicato, la palette dei simboli contiene alcuni semplici abbellimenti di base, ma la loro gestione complessa e non sono gestiti gli abbellimenti multipli. Per migliorare tale situazione, Pizzicato 3 introduce un attributo addizionale alla nota: essere nota normale o di abbellimento. Il fatto che una nota pu essere considerata di abbellimento comporta due cose: Primo, la sua durata non dovrebbe essere presa in considerazione nel conteggio dei tempi della misura. In altre parole se aggiungete 4 semiminime i una misura da 4/4, deve essere possibile introdurre una nota di abbellimento di 1/8 su ciascuna delle semiminime. Il valore di queste 4 crome non deve essere preso in considerazione, altrimenti avremmo nella misura 6 tempi in totale (4 semiminime + 4 crome). Secondo punto, la nota di abbellimento deve essere di formato ridotto e giustificata (allinata) con la nota principale cui appartiene ed essere eseguita come abbellimento. Pizzicato 3 in grado di gestire tutto questo. Vediamo come inserire e modificare gli abbellimenti. In un nuovo documento scrivete le seguenti note (usate lo zoom per operare con precisione):

Cliccate-destro sulla prima nota e selezionate la voce Aggiungi abbellimento... Singolo. La nota di abbellimento viene disposta accanto alla nota principale:

Eccetto per il fatto che si tratta di un abbellimento, tale nota si comporta come una normale nota. Potete spostarla cambiandone l'altezza, aggiungere alterazioni, un simbolo, etc... Ora aggiungete un abbellimento doppio sulla seconda nota, invertite i gambi e spostate le note e le traversine, ad ottenere:

In modo simile aggiungete una abbellimento quadruplo e ritoccatelo, ad ottenere:

Ascoltate il risultato musicale. Di default, l'esecuzione degli abbellimenti inizia in battere (al posto della nota principale) e la sua durata sottratta alla nota cui appartengono, che diviene pi breve. Cliccate-destro sul primo abbellimento (SOL) e selezionate la voce Modifica esecuzione nota... Appare la seguente finestra di dialogo:

Il riquadro titolato Note di abbellimento vi permette di modificare i dettagli della nota: La prima casella di selezione permette di barrare la nota. La casella di selezione successiva colloca l'esecuzione prima della nota cui appartiene. Tale opzione pu essere usata ovunque, tranne nel primo tempo della prima misura da eseguire, in quanto Pizzicato non pu anticipare nel tempo l'inizio dell'esecuzione. In questo caso preciso l'esecuzione dovrebbe avvenire come se l'opzione non fosse selezionata. La durata specificata nella casella di testo che segue. Il numero determina la durata dell'abbellimento, in unit. Una nota da 1/4 contiene 480 unit in Pizzicato. Il valore di default 60 e corrisponde alla nota da 1/32. La casella di selezione Applica a gruppo consente di applicare le modifiche a tutte le note di abbellimento del gruppo (se c' pi di una nota di abbellimento). Selezionate la casella Barrate e cliccate OK. La misura diviene:

Per scrivere altri tipi di abbellimenti (con pi di 4 note), potete prima scrivere tutte le note di abbellimento come note normali (disattivando la giustificazione automatica) e quindi aprire la finestra di dialogo di sopra per queste note selezionando Note di abbellimento e validando con OK. Unitele poi con le traversine e sistematele come necessario, ponendo la nota principale dopo di esse; reinserite la giustificazione automatica e cliccate su una nota per forzare la giustificazione della misura. Notate che potete creare una nota ridotta tramite lo strumento testa delle note, ma questo non le rende note di abbellimento, con le caratteristiche sopra illustrate.

Cambiare l'indicazione del tempo


Modificare il contenuto ritmico di una misura Misure in levare e misure incomplete

Modificare il contenuto ritmico di una misura


Create un nuovo documento e aprite la Palette Principale. Selezionate lo strumento "Indicazione del Tempo"

Cliccate sulla prima misura. Apparir la seguenti finestra di dialogo:

Questa finestra vi consente di specificare il contenuto ritmico della misura. La prima casella di testo indica il numeratore. Si tratta del numero dei tempi della misura. Tranne che per Pizzicato Base, Principiante e Composizione base, essa pu contenuere una successione di numeri separati dal segno "+" per creare misure

composite (ad esempio 3+2). La casella di testo successiva indica il denominatore ovvero la durata di ciascun tempo. Il valore pi frequente "4" che vuol dire che ciascun tempo corrisponde alla nota da 1/4. "8" indica che il tempo equivale a 1/8. "2" per la nota da 1/2 ed "1" per l'intero. "16" usato per il sedicesimo, "32" per la nota da 1/32 e "64" per la nota da 1/64. I valori pi comuni sono 4,8 e 2. Qualunque altro valore non verr interpretato corretamente da Pizzicato nell'esecuzione della partitura. Scrivete "3" nella casella del numeratore e "8" in quella del denominatore. Cliccate OK. La partitura diviene:

Pizzicato ha assegnato automaticamente lo stesso tempo ad ambedue i righi. E' infatti molto raro avere simultaneamente due tempi diversi. Quando questo avviene (ad esempio, musica sperimentale) potete cambiare l'indicazione del tempo ad un solo rigo, selezionando la casella Solo questo rigo nella finestra di dialogo (tale opzione disponibile solo in Pizzicato Pro, Notazione e Composizione Pro). In tal caso, Pizzicato riempir il contenuto delle varie misure in modo che ciascuna misura sar eseguita con la stessa durata. Questo corrisponde a cambiare il tempo per ciascuna traccia in modo da avere la stessa durata totale. D'altra parte piuttosto comune cambiare l'indicazione del tempo durante un brano musicale. Vediamo ad esempio come passare a 4/4 nella seconda misura. Posizionate il cursore del mouse all'inizio della seconda misura (rigo 1). Digitate la lettera "T" maiuscola; il tasto di scelta rapida per lo strumento "Indicazione del Tempo". Verr apera la finestra di dialogo. Ci sono due convenzioni molto diffuse per rappresentare le indicazioni di tempo 4/4 e 2/4. La prima una "C" e la seconda una "C" barrata. Di default Pizzicato usa queste convenzioni. Per disabilitarle deselezionate la casella di selezione corrispondente nella finestra di dialogo.

Scrivete "4" nelle caselle di testo del Numeratore e Denominatore. Cliccate OK. La partitura diviene:

Il 4/4 rappresentato da C nei due righi. Nella finestra di dialogo "Indicazione del Tempo", una scelta multipla (pulsanti di opzione) specifica fino a quale misura il cambiamento deve avere effetto. La scelta di default Fino al prossimo cambiamento, ovvero la nuova indicazione di tempo valida fino alla prossima indicazione di tempo introdotta. La prima opzione fissa la nuova indicazione di tempo fino alla fine, mentre la seconda consente di specificare un numero fisso di misure per le quali avr effetto il cambiamento. Esercizi Iniziando ogni volta con un nuovo documento, realizzate le due partiture seguenti (la seconda non pu essere creata con tutte le versioni):

Misure in levare e misure incomplete


Spesso la prima misura della partitura contiene meno tempi rispetto alle altre. La musica inizia per esempio sull'ultimo movimento della prima misura e questa situazione chiamata "in levare". Questa misura scritta normalmente cos com', senza completarla con le pause. Una misura da 4/4 che dovrebbe contenere 1/4 potrebbe essere scritta ed eseguita come una misura da un movimento. Ci sono altri casi, per esempio quando i segni di ripetizione si trovano nei limiti di una misura, dove una misura dovrebbe essere scritta ed eseguita con un numero diverso di movimenti rispetto al normale. Pizzicato Pro da un pieno controllo sui parametri delle misure, ma con Pizzicato Principiante, pu essere usata una semplice funzione per gestire quella situazione. Ecco come creare una misura incompleta: Inserire le note o le pause nella misura Con il pulsante destro del mouse (ALT+click su Mac), selezionate la voce Misure e righi, quindi scegliete Misure incomplete o in levare. Questa misura varr quindi eseguita correttamente. Se andate di nuovo al menu precedente per quella misura, vedrete che la voce Misura incompleta o in levare selezionata, il che vuol dire che quella misura ha una durata incompleta. Per ripristinare la sua durata originale utilizzate la stessa voce di menu.

Usare le indicazioni di tonalit


Selezionare una tonalit Cambiare la tonalit all'interno di una composizione Disposizione arbitraria delle alterazioni Esercizi

Selezionare una tonalit


In questa lezione apprenderemo come aggiungere un'indicazione di tonalit sul rigo e come cambiarla durante il brano. Iniziate con un nuovo documento e aprite la Palette Principale. Selezionate lo strumento Tonalit finestra di dialogo: . Cliccate sulla prima misura. Apparir la seguente

Tutte le opzioni di questa finestra vi consentiranno di selezionare una tonalit e le aree della partitura coinvolte nella selezione. Alcune opzioni sono presenti solo in Pizzicato Pro e verranno illustrate pi tardi. Vediamo come selezionare un'indicazione di tonalit.

Aprendo la finestra di dialogo sulla prima misura, l'indicazione non ha bemolli ne diesis. Altrimenti la tonalit quella presente nella battuta precedente. La barra di scorrimento verticale sulla destra della misura vi consente di aggiungere le alterazioni. La freccia su, aggiunge diesis. Cliccate su di essa. La finestra diviene:

Ora l'indicazione ha un diesis. Ogni click sulla freccia su aggiunge un diesis, fino ad un massimo di 7. Cliccate altre 6 volte sulla freccia su, ad ottenere:

La freccia giu rimuove i diesis e, quando questi sono assenti, aggiunge i bemolle. Cliccate 7 volte su freccia giu. Scompaiono tutti i diesis. Cliccate un'altra volta. Un bemolle appare nell'indicazione di tonalit:

Cliccando altre 6 volte avremo 7 bemolli:

Per rimuovere i bemolle, cliccate la freccia su. Scompare un bemolle ogni volta che cliccate. Quando non ci sono pi bemolle, vi trovate nella situazione iniziale. Notate che il cursore della barra di scorrimento si muove per indicare la posizione. Con 7 diesis si trova in alto, con 7 bemolli si trova in basso. La posizione centrale indica che non ci sono alterazioni La parte destra della finestra indica il nome della scala corrispondente al numero e al tipo di alterazioni. Potete anche selezionare direttamente una scala nella lista a comparsa delle scale. Le alterazioni giuste verranno inserite di conseguenza. Selezionate ad esempio la scala di LA:

Cliccate OK. La partitura diviene:

Notate che i due righi automaticamente mostrano la stessa tonalit. Di default, Pizzicato cambia la tonalit di tutti i righi contemporaneamente. Ci sono 2 casi in cui necessario avere differenti indicazioni di tonalit per ciascun rigo. Il primo caso quello degli strumenti traspositori, il secondo riguarda partiture di lavori contemporanei dove ci pu avvenire per ragioni di carattere artistico. Solo Pizzicato professional vi consente questo, attraverso la casella di selezione Solo questo rigo. Selezionando tale opzione nella finestra di dialogo, cambier solo il rigo corrente. La scelta della scala vi consente di selezionare il modo maggiore, minore e neutro. La scelta influir sul modo in cui Pizzicato far la trascrizione di note suonate direttamente su una tastiera MIDI. La casella di selezione Trasporta le note usata per trasportare le note nella nuova tonalit, il che utile

se ad esempio trasportate l'intera partitura. Cambiate l'indicazione di tonalit e le note dell'intera partitura saranno trasportate conseguentemente. La casella di selezione Non adattare le note usata in modo che Pizzicato non cambi ne adatti le alterazioni delle note esistenti. Se selezionate tale casella la partitura suoner diversamente dopo il cambio di tonalit, in quanto l'altezza delle note dovrebbe essere differente.

Cambiare la tonalit all'interno di una composizione


E' piuttosto frequente il cambio di tonalit durante una composizione. Per far questo aprite la finestra di dialogo Tonalit dove volete che avvenga il cambio. Selezionate lo strumento cursore digitando il tasto ESC. Posizionate il cursore del mouse sulla misura 2 del primo rigo. Con la tastiera digitate la lettera 'A' maiuscola. E' lo shortcut per lo strumento Tonalit. Apparir la finestra di dialogo Tonalit. In basso avete 3 opzioni di una scelta multipla: La prima, Fino alla fine della partitura, cambia la tonalit dalla misura corrente fino alla fine della partitura. Se ci sono altre indicazioni di tonalit dopo questa misura, esse verranno eliminate. La seconda opzione, Durante ... misure, vi consente di specificare il numero di misure per cui il cambio avr effetto. La terza opzione, Fino al prossimo cambio, quella di default. Il cambio di tonalit avr effetto fino al cambio successivo. Se non ci sono altre indicazioni di tempo nelle misure seguenti, la nuova indicazione inserita avr effetto fino alla fine della partitura. Avete un'altra scelta multipla per la selezione del modo della scala (maggiore, minore, neutro). Questa scelta influenzer la trascrizione delle alterazioni. Di default il modo neutro. Aggiungete 2 bemolli e cliccate OK. La partitura diviene:

Notate che Pizzicato automaticamente aggiunge 3 bequadri prima dei 2 bemolli. E' la maniera di indicare che i 3 diesis precedenti vengono eliminati. Comunque, nel sistema successivo, saranno visualizzati solo i bemolli. Aprite la finestra di dialogo Tonalit sulla quinta misura (prima misura del secondo sistema). Selezionate 4 bemolli. La partitura diviene:

Dal momento che la tonalit cambia nella prima misura del sistema, Pizzicato visualizza la nuova indicazione gi alla fine del sistema precedente, cos che l'esecutore non sar sorpreso all'inizio del nuovo sistema. Tale pratica conosciuta come Alterazioni di cortesia. Essa viene inserita automaticamente da Pizzicato sul prolungamento delle linee del rigo, oltre l'ultima misura della partitura.

Disposizione arbitraria delle alterazioni


Nella maggior parte dei casi, le alterazioni seguono un ordine, automaticamente gestito da Pizzicato. In altre

parole, quando le alterazioni in chiave hanno un solo diesis, si tratta sempre del FA. Potrebbe servire di creare delle alterazioni in chiave che non hanno un ordine, ad esempio creare composizioni di musica contemporanea, utilizzando insiemi di note che non hanno una struttura tonale. Posizionate il cursore del mouse sulla misura 3. Digitate 'A' sulla tastiera del computer. A destra, nella finestra di dialogo, una scelta multipla vi consente di scegliere il tipo di indicazione di tonalit. Di default l'opzione Standard, che corrisponde all'ordine tonale degli accidenti. Cliccate ora sull'opzione: Libera. La parte sinistra della finestra di dialogo diviene:

Compare una palette con i 5 segni di alterazione, a sinistra della misura. Per aggiungere un segno selezionatelo nella palette e cliccate nalla misura, dove lo volete disporre. Disponete due diesis, ad ottenere:

Dopo l'aggiunta di un alterazione, potete trascinarla col mouse dove volete. Per eliminarla selezionate la X sulla palette e cliccate sull'alterazione. Cliccate OK. La partitura diviene:

Quando create una disposizione di alterazioni in chiave arbitraria molto simile ad una standard, potete prima disporre ad esempio 4 diesis con la freccia su, quindi selezionate il tipo Libera. I 4 diesis rimangono e voi potete aggiungere le alterazioni che volete.

Esercizi
Cominciando ogni volta con un nuovo documento, create la seguente partitura (la seconda non possibile con tutte le versioni di Pizzicato):

Selezione delle misure


Cos' una selezione? Copia e incolla Selezionare parecchie misure Selezione parziale delle misure

Cos' una selezione?


In questa lezione apprenderemo come selezionare le misure per poterle spostare o duplicare. I seguenti concetti vi aiuteranno a risparmiare molto tempo. In questo contesto una selezione consiste in una o pi misure evidenziate per poter eseguire un'operazione su di esse. L'operazione di selezione consiste nel selezionare misure sulle quali poter lavorare. Avviate Pizzicato con un nuovo documento e scrivete la prima misura, ad ottenere:

Aprite la Palette Principale e cliccate sullo strumento

. Si tratta dello strumento selezione:

Cliccate sulla prima misura. Il contrasto appare invertito, ovvero il nero diventa bianco e viceversa.

Questa misura ora selezionata. Se cliccate sulla seconda misura, la selezione precedente scompare e viene selezionata la seconda misura:

Copia e incolla
Ora copieremo il contenuto della prima misura e lo incolleremo nella seconda misura. Selezionate di nuvo la prima misura. Nel menu Modifica, cliccate la voce Copia. Apparentemente non accade nulla. Pizzicato comunque ha copiato il contenuto delle misura selezionata (misura 1) in una memoria temporanea. Questa operazione detta Copia. Selezionate la seconda misura cliccando su di essa. Selezionate Incolla nel menu Modifica. Le due misure diverranno:

The contents of the temporary memory was placed in the selected measure. The transfer was thus executed in 2 parts : Il contenuto della memoria temporanea stato disposto nelle misura selezionata. Il trasferimento viene dunque eseguito in 2 passaggi: Contenuto della misura selezionata => memoria temporanea Memoria temporanea => altra misura selezionata Questa doppia operazione detta copia e incolla. Verr utilizzata molto spesso, perch abbastanza comune incontrare misure ripetute parecchie volte nello stesso brano musicale. Pensate ad esempio ad un ritmo di batteria o ad un tema che riappare diverse volte. Quando una misura selezionata possibile cancellarne il contenuto molto rapidamente. Selezionate

la misura 2 e cliccate la voce Cancella nel menu Modifica. Le misure divengono:

Potete anche usare il tasto di cancellazione: Premete ora il tasto ESC. Lo strumento freccia viene attivato e lo strumento selezione disabilitato. Apprenderemo ora un modo ancora pi semplice per copiare e incollare la misura. Digitate la lettera "s" minuscola sulla tastiera. Lo strumento selezione di nuovo attivo in quanto questa lettera ne il tasto di scelta rapida. Cliccate sulla prima misura. E' selezionata. Cliccate di nuovo questa misura tenendo premuto il pulsante e trascinate verso destra, finch il cursore entra nella misura successiva. Un rettangolo segue il vostro movimento:

Appena rilasciate il mouse la partitura diviene:

Questa operazione una sorta di modlit rapida per evitare di usare il menu Edit. Si raccomanda che le misure da cui e su cui si copia siano entrambi visibili sullo schermo. Se volete copiare una misura che si trova ll'inizio della partitura su una alla fine ed impossibile vederle contemporaneamente sullo schermo, necessario effettuare il copia/incolla attraverso il menu. Immaginate di voler ripeter la stessa misura per un pezzo di 100 misure. Potreste naturalmente scrivere la misura una volta e copiarla/incollarla per 99 volte. Vediamo come fare un incolla multiplo. Selezionate la misura uno sul primo rigo. Tenendo premuto il tasto Control, cliccate e trascinate la misura sulla misura 3 del primo rigo e rilasciate quando il cursore del mouse nella misura:

Non appena rilasciate apparir la seguente finestra di dialogo:

Sostituite "1" con "6" e cliccate OK. La misura viene copiata sei volte insieme e la partitura diviene:

Selezionare parecchie misure


E' possibile lavorare con pi di una misura alla volta pi di un rigo. Vediamo come. Nel menu Modifica, cliccate la voce Seleziona tutto. Otterrete:

Per cancellare il contenuto di tutte le misure, usate il tasto di cancellazione. Le misure verranno visualizzate vuote. La voce Seleziona tutto vi consente di selezionare tutte le misure di tutti i righi nella partitura, anche se non sono visibili sullo schermo. Selezionate di nuovo tutte le misure. Quando volete eliminare il contrasto sulle misure selezionate, potete selezionare un'altro strumento o cliccare tra 2 righi. La selezione viene cancellata. Scrivete sulla partitura, ad ottenere:

Duplicheremo il contenuto di queste misure e lo copieremo a partire dalla misura 5. Selezionate la prima misura del primo rigo, digitando "s" e cliccando su tale misura. Per estendere la selezione a parecchie misure e righi, dovete tenere premuto il tasto SHIFT e cliccare sull'altro angolo del blocco di misure che volete selezionare. Tenendo questo tasto, cliccate sulla terza misura del secondo rigo. La selezione diviene:

Cliccate sulla prima misura del primo rigo e trascinatela sulla misura 5 (secondo sistema) e rilasciate quando il cursore del mouse al suo interno:

Per trascinare un blocco di parecchie musure e righi, dovete cliccare e trascinare la misura in alto a sinistra del blocco selezionato. La partitura diviene:

L'intero blocco copiato nella nuova posizione. Notate che l'eventuale contenuto delle misure di destinazione automaticamente cancellato. Per selezionare tutte le misure di un rigo, cliccate accanto al rigo, a sinistra della prima misura. Cliccate accanto al rigo 2, ad ottenere:

Vengono selezionate anche le misure non visualizzate sullo schermo (quando per esempio ci sono parecchie pagine). Cliccando accanto ad un'altro rigo tenendo premuto il tasto SHIFT, potete estendere la selezione. Tenendo premuto tale tasto, cliccate accanto al rigo 1. Adesso sono selezionati i righi 1 e 2. In modo simile potete selezionare una o pi misure sul rigo: Cliccate sulla misura 2, ad ottenere:

Tenendo premuto il tasto SHIFT, cliccate sulla misura 3. La selezione diviene:

Per Pizzicato Pro e Composizione, quando selezionate un blocco di misure e righi, possibile trascinarlo nelle viste principale o conduttore. Quando rilasciate il mouse apparir una nuova partitura nella vista principale. Essa contiene solamente le misure e i righi selezionati. Esercizio Partendo da un nuovo documento, realizzate la seguente partitura usando sempre la funzione copia/incolla.

Selezione parziale delle misure


A partire da Pizzicato 3.5.4, possibile selezionare parti di misure e fare copia e incolla. La modalit selezione di misure intere (come descritto sopra) funziona quando attivato lo strumento selezione. In quel caso, per poter fare selezioni parziali di misure, dovete tenere premuto il tasto Control mentre effettuate la selezione. E' possibile fare il contrario, cos che la modalit di selezione parziale quella di default. In quel caso la selezione di misure intere pu essere fatta usando il tasto Control mentre effettuate la selezione. Potete scegliere la modalit di default facendo doppio-click sullo strumento selezione sulla palette, e una finestra di dialogo vi consente di scegliere la modalit di default (l'altro modo ottenibile tenendo premuto il stasto CTRL). Selezionate la modalit che preferite usare. La modalit di selezione parziale usata per selezionare una o pi note o pause, in sequenza o no, sullo stesso rigo o no. Per l'esempio seguente, manteniamo la scelta di default, ovvero usando il tasto CTRL per la selezione parziale. Se scegliete l'altra modalit evitate semplicemente di usare il tasto CTRL. inserite le note seguenti in un nuovo documento:

Selezionate lo strumento di selezione sulla palette. Mentre tenete premuto il tasto CTRL, cliccate all'interno del rigo, tra il DO e il RE, quindi trascinate verso destra cos da coprire anche il FA minima e rilasciate il mouse. La selezione parziale visualizzata mentre muovete il mouse:

Usate il menu Modifica, voce Copia o il suo shortcut. Quindi, tenendo premuto il tasto CTRL, cliccate all'inizio della misura seguente. Appare una linea rossa sottile che mostra il punto di inserimento. Ora usate quattro volte la voce Incolla del menu Modifica. Otterrete il seguente:

La selezione stata copiata quattro volte, facendo slittare le misure. In particolare notate come la nota da 1/2 stata divisa in due note da un quarto, trovandosi a cavallo di battuta.

Potete selezionare parti non consecutive di misure. Per fare ci, fate una prima selezione quindi fatelo di nuovo tenendo premuto il tasto SHIFT, che vi consente di aggiungere un'altra parte alla prima selezione. Potete ad esempio selezionare le tre parti seguenti:

Se copiate e incollate questa selezione, Pizzicato unir queste varie parti inserendole nella misura di destinazione. Quando visualizzate i marcatori di riferimento (shortcut ":") visualizzato un piccolo numero in prossimit di ogni rettangolo di selezione, il che vi ricorda l'ordine in cui la selezione stata fatta. Con questo metodo dovete iniziare una selezione cliccando dentro una misura (tra le linee esterne del rigo). Prima di rilasciare il mouse potete anche scendere di uno o pi righi per selezionare pi di un rigo, per esempio nel modo seguente:

Pu essere usato un altro metodo per selezionare uno o pi rettangoli liberi. Questo vi consente ad esempio di selezionare solo una parte di una voce ritmica, non considerando le altre. Il primo click che fate per iniziare tale selezione deve essere fuori dal rigo. Cliccate ad esempio per selezionare il rattangolo seguente:

Potete anche estendere i limiti di un rettangolo esistente cliccando e trascinando uno dei bordi. Per selezioni fatte all'interno della misura, potete muovere in tal senso solo i bordi sinistro e destro. Muovendo il mouse su questi bordi, il cursore del mouse cambia per indicarvi che potete muoverli. Quando presente una selezione, le funzioni principale del menu Modifica possono essere applicate alle note selezionate. Questo pu aiutarvi a cancellare, copiare/incollare, trasportare,... note nella partitura. Se abilitate una specifica voce ritmica con la lista "1-8" nella barra degli strumenti della finestra partitura, la selezione parziale delle note interesser solo quella voce. In altre parole se avete un rigo con due voci indipendenti, potete fare una selezione parziale, abilitare la voce 1 e quindi cancellare quella voce lasciando la voce 2 inalterata. Potete usare questo tipo di selezione per Trascinare delle note in un'altra destinazione nella partitura. Cliccate semplicemente dentro il rettangolo di selezione (senza il tasto CTRL) e muovetelo in un altro punto. Una finestra temporanea vi mostrer l'esatta posizione di destinazione nella misura come numero di misura, battito (beat) e unit (480 unit = 1/4). Di default la precisione il battito (nota da 1/4 in 4/4) ma quando tenete premuto il tasto SHIFT mentre trascinate, potete avere una precisione di un quarto di battito (16mo in 4/4) per spostare la selezione. Questa modalit di selezione parziale vi aiuter a ritmare diversmente la musica. Copiate per esempio un insieme di misure scritte in 4/4 su misure scritte in 3/4 (o qualunque altra combinazione) e la conversione verr fatta automaticamente.

Parametri delle misure


Tempo e tonalit Numerazione delle misure Pause multi-misura Misure libere Giustificazione e linee del rigo

Tempo e tonalit
Per impostazione predefinita Pizzicato visualizza l'indicazione del tempo all'inizio della partitura e in corrispondenza di un cambiamento. Similmente le alterazioni in chiave (tonalit) vengono mostrate al principio di ogni rigo e in corrispondenza di un cambiamento di tonalit. Potrebbe essere interessante cambiare tale automatismo, forzando la visualizzazione di un'indicazione di tempo o tonalit o, al contrario, nascondendola. Aprite l'esempio Ex075. Selezionate la misura 5 su entrambi i righi:

Nel menu Modifica, selezionate la voce Parametri misure... Apparir la seguente finestra di dialogo:

Vogliamo, ad esempio, nascondere gli accidenti in chiave visualizzati in tale misura e forzare la visualizzazione dell'indicazione di tempo. Selezionate la casella Indicazione tempo. La scelta predefinita Automatico. Vuol dire che Pizzicato gestisce l'indicazione del tempo automaticamente. La seconda opzione forza l'indicazione e la terza la nasconde. Selezionate la seconda opzione: Selezionate la casella Indicazione tonalit. La scelta predefinita Automatico. Per nasconderla scegliete l'opzione Nascosta. Cliccate OK. La partitura diviene:

Numerazione delle misure


Questa finestra di dialogo vi consente di modificare il modo in cui le misure sono numerate. Prima di ci dovete abilitare la numerazione delle misure, non essendo questa attiva di default. Per far ci leggete la lezione intitolata Caratteristiche dei Pentagrammi Normalmente Pizzicato numera le misure a partire dalla prima. Poterebbe servire modificare tale comportamento. Un esempio tipico quello di una misura incompleta (per esempio con un solo tempo) che inizia la partitura. Per convenzione tale misura non contata. Selezionate la prima misura Aprite la finestra di dialogo "Parametri misure"

Selezionate la casella di selezione Numeri misure La prima opzione Automatico e vuol dire che ogni misura numerata. Selezionate la seconda opzione e la misura non varr contata. La terza opzione vi consente di assegnare un numero qualsiasi alla misura. In questo caso le misure successive verranno numerate in base a tale numero. Cliccate OK. La partitura diviene:

Il numero 1 viene assegnato alla seconda misura e la prima non viene calcolata. Se la prima misura deve contenere solo un tempo, questo pu essere specificato nella seguente maniera: Selezionate la prima misura Aprite la finestra di dialogo "Parametri misure" Selezionate la casella Durata misure Appena sotto selezionate la voce Fissa e scrivete "1" nella casella di testo Cliccate OK. Aggiungete una nota da 1/4 nella misura e 4 note da 1/4 in quella successiva, ad ottenere:

Ascoltate la partitura: Pizzicato esegue la prima misura come se contenesse un solo tempo. Potete anche ridurre la dimensione della prima misura. Riguardo alla visualizzazione dei numeri di misura, la regola base determinata dalle impostazioni della finestra di dialogo "Righi" (nessun numero, tutte le misure, tutti i sistemi o ogni X misure). Ma attraverso la finestra presente potete sovrascrivere tali regole per le misure selezionate. La finestra contiene un riquadro intitolato Indicazione numero dove potete indicare la modalit di visualizzazione del numero per la misura selezionata: Automatico (segue la regola generale), Forzato (il numero verr visualizzato) o Nascosto (il numero non verr mostrato).

Pause multi-misura
Quando uno strumento non suona per parecchie misure, pratica comune scrivere solo una misura con una pausa sormontata da un numero indicante il numero di misure da contare. Vi mostriamo un esempio di come creare una pausa multi-misura di 10 misure, da contare dalla misura 2: Selezionate la misura 2 Aprite la finestra di dialogo "Parametri misure" Selezionate la casella Durata misura Appena di sotto selezionate l'opzione Misura multipla e scrivete "10" nella casella di testo associata Cliccate OK

Nella palette Simboli grafici selezionate lo strumento Cliccate sulla misura 2 del primo rigo. La partitura diviene:

Il numero "10" specifica il numero di misure da contare e la numerazione salta da 2 a 12 automaticamente.

Misure libere
Pizzicato vi consente di creare misure libere, ovvero misure che non hanno una durata fissa. Potete quindi aggiungere note liberamente e queste verranno correttamente distribuite nella misura. Quando Pizzicato esegue una misura libera, passa alla misura successiva quando tutte le note sono state eseguite. L'indicazione del tempo non pi necessaria (potete nasconderla). Vediamo come trasformare la misura 12 in una misura "libera". Selezionate la misura 12 Aprite la finestra di dialogo "Parametri misure" Selezionate la casella Durata misura Appena di sotto selezionate l'opzione Libero in base a "Semiminima" Cliccate OK Scrivete 7 note da 1/4 nella misura 12, otterrete:

Ascoltando la partitura, Pizzicato esegue le prime 2 misure, conta 10 misure, quindi esegue le 7 semiminime prima di passare alla misura successiva. Notate che quando usate la finestra di dialogo "Parametri misure", essa agisce su tutte le misure selezionate. In ogni caso, essa agisce su tutti i righi delle misure selezionate, perch i diversi righi della stessa misura devono avere la stessa durata e lo stesso numero.

Giustificazione e linee del rigo


Il riquadro Giustificazione della misura usato per abilitare (impostazione predefinita) o disabilitare (opzione Mai) la giustificazione delle misure. Se qualche misura era stata sistemata manualmente, questa opzione garantir che Pizzicato non cambier mai il layout di nuovo, per esempio dopo una modifica del layout di pagina. Il riquadro Linee rigo utilizzato per cambiare le linee visibili del rigo musicale nelle misure selezionate. Questa opzione ad esempio usata per creare notazione di musica contemporanea dove alcune misure sono completamente senza linee.

La vista Strumenti
La vista Strumenti Elementi della vista strumenti Modificare l'ordine dei righi

La vista Strumenti
La vista Strumenti vi consente di specificare il nome e i parametri di esecuzione associati ad ogni rigo della partitura. La maggior parte dei parametri influiranno sul modo in cui Pizzicato e il vostro sintetizzatore eseguiranno la partitura. Aprite la finestra di dialogo selezionando la voce Strumenti dal menu Finestre. Avviate Pizzicato e aprite la vista strumenti. Apparir la seguente finestra:

La finestra pu essere spostata ma le dimensioni sono fisse. Pu essere chiusa con il consueto tasto di chiusura finestra. Sotto la barra del titolo vi sono i titoli delle colonne. La finestra contiene una riga per ciascun rigo della partitura. Esmineremo ciascuna colonna in dettaglio. Dal momento che la partitura di avvio contiene due righi, vi saranno due righe nella vista strumenti. Questa finestra pu visualizzare 10 righe contemporaneamente. Quando la partitura contiene pi di 10 righe, la barra di scorrimento verticale, sulla destra della finestra, vi consente di visualizzare le altre righe. La prima colonna enumera i righi partendo da 1. Nell'angolo in alto a sinistra avete l'icona configurazione: . Cliccando su di essa appare il seguente menu di

Ciascuna voce rappresenta una configurazione della vista strumenti, consentendovi di visualizzare i diversi parametri di esecuzione. La configurazione corrente selezionata nella lista e sinistra del nome. Il titolo ha 3 parti: il nome del documento, il nome della partitura ed il nome della configurazione. Ciascuna configurazione contiene aspetti differenti. Selezionate Volume ed effetti nel menu di configurazione. La finestra mostra ora 4 cursori per ciascuno strumento:

La terza parte del titolo mostra il nome della configurazione: Volume ed effetti. Gli elementi di una riga possono essere costituiti da caselle di testo, cursori, menu a comparsa o caselle di selezione. Selezionate le diverse configurazioni per vedere cosa contengono. La prima colonna mostra sempre i numeri in sequenza dei righi e la seconda colonna riporta il nome abbreviato, cos da individuare facilmente uno strumento.

Elementi della vista strumenti


Adesso esamineremo i vari elementi che costituiscono le diverse configurazioni, spiegando per ciascuno di essi l'effetto che produce nell'esecuzione della partitura. Selezionate nuovamente la configurazione Strumenti:

Le prime due colonne mostrano il nome del rigo ed il nome abbreviato. Come abbiamo visto potete modificare tale nome cliccando nella casella di testo. Quando aggiungete righi, i nomi e le abbreviazioni vengono inizializzate con il numero di sequenza del rigo. Tali nomi sono riportati sulla sinistra nella finestra della partitura e sui righi della vista sequencer. La colonna successiva, chiamata P per Play (esegui), indica se il rigo deve essere eseguito da Pizzicato. Tale opzione espressa tramite una casella di selezione. Di default un rigo viene eseguito. Se volete,

ad esempio, ascoltare una partitura e suonare voi stessi la melodia, potete disabilitare il rigo che contiene appunto la melodia lasciando a Pizzicato l'esecuzione degli altri strumenti. La colonna successiva, chiamata S per Solista, seleziona un rigo per l'esecuzione solistica. Di default, nessuna casella di questa colonna selezionata e tutti i righi vengono eseguiti secondo la colonna P. Quando almeno una casella selezionata, solo i righi associati vengono eseguiti da Pizzicato. Potete facilmente ascoltare uno strumento solista in un orchestra selezionando la casella S. Tale colonna complementare alla precedente, perch potete anche disabilitare tutti gli altri strumenti dell'orchestra, tramite la colonna P, ottenendo lo stesso risultato. Le tre colonne successive sono simili alla colonna P, ma esse agiscono sulle singole voci ritmiche del rigo. Ad esempio, se avete due voci ritmiche nello stesso rigo, potete disabilitare la casella V2 (=voce 2) per ascoltare solamente la voce 1. Di default tutte le voci sono attive. Le due (tre per le versioni Professional e Composizione Pro) successive colonne sono liste di selezione. Esse consentono di selezionare lo strumento che esegue le note del rigo su un sintetizzatore o una scheda audio. Pizzicato Professional e Composizione Pro per prima contengono una lista per selezionare la porta MIDI output alla quale verranno inviate le note. Questa lista contiene i nomi assegnati alle porte MIDI installate in Pizzicato. Di seguito (per tutte le versioni) una lista consente la selezione della famiglia di strumenti. Appena compiuta tale opzione, il secondo menu mostra la lista degli strumenti appartenenti a tale famiglia. Famiglie e strumenti dipendono dal sintetizzatore o la scheda audio. Questo sistema consente una rapida selezione del suono tra tutti quelli disponibili del vostro sintetizzatore (talvolta alcune centinaia). Se queste liste sono disabilitate, significa che il rigo contiene uno strumento audio virtuale e i parametri MIDI non sono pi attivi. Guardare la lezione intitolata "Strumenti virtuali". La colonna successiva indica MC per MIDI Channel (= canale MIDI). Le note di un rigo vengono inviate su uno dei 16 canali MIDI del vostro sintetizzatore. La lista di selezione vi consente di selezionare un canale tra 1 e 16 per ciascun rigo. La colonna successiva indica AC per Automatic Channel (= canale automatico). Essa collegata alla colonna precedente. Tale casella selezionata di default e specifica che Pizzicato gestir l'assegnazione dei canali. Quando tale casella selezionata per tutti i righi non dovete occuparvi dell'assegnazione dei canali MIDI. Selezionate le famiglie e gli strumenti, e Pizzicato adatter i canali MIDI in modo che le note vengano inviate al canale corretto del sintetizzatore. Tale assegnazione non avviene quando modificate gli strumenti, ma avviene automaticamente un momento prima dell'esecuzione. In alcuni casi pu essere utile selezionare da voi stessi il canale MIDI. In questo caso dovete deselezionare la colonna AC e Pizzicato non modificher il canale MIDI del rigo associato. Se desiderate gestire i canali MIDI da voi stessi, accertatevi di comprendere i principi generali del MIDI, altrimenti potreste ottenere risultati indesiderati. Nella maggior parte dei casi la gestione automatica la soluzione ideale. La colonna successiva indica Trans per trasporto. La lista di selezione associata vi consente di specificare un valore da -24 a +24 semitoni. Di default il valore 0, ovvero nessun trasporto. Selezionando un valore diverso da 0, Pizzicato trasporter automaticamente tutte le note relative al rigo aggiungendo il numero indicato di semitoni. Potete alzare le note fino a 2 ottave (+24 semitoni) o abbassarle fino a 2 ottave (-24 semitoni). Questa lista utilizzata in particolare per gli strumenti traspositori. Selezionate ora la voce Volune ed effetti nel menu delle configurazioni (icona: ):

La prima colonna contiene l'abbreviazione del nome, per rintracciare lo strumento pi facilmente.

La colonna successiva contiene un cursore per regolare il volume del rigo. Il valore corrente mostrato alla destra del cursore. Esso pu variare da 0 a 127 e il valore di default 100. Variando tali valori potete bilanciare i volumi dei vari strumenti, come con un mixer. Quando Pizzicato esegue la partitura, i valori di volume di ciascun rigo vengono inviati ai canali MIDI del sintetizzatore. La colonna successiva vi consente di regolare il balance degli strumenti, ovvero la posizione nello spazio stereofonico. Muovendo il cursore verso sinistra (la destra), il suono sar molto pi presente sull'altoparlante di sinistra (destra) e molto meno in quello di destra (sinistra). La posizione centrale corrisponde al valore 64, valore di default. In questo modo potete simulare la distribuzione degli strumenti di un orchestra su una scena. La colonna successiva vi consente di regolare l'effetto riverbero per ciascun rigo. L'effetto potrebbe essere descritto come un rimbombo che da l'impressione di trovarsi in una grande sala. Il valore pu variare da 0 a 127 e il valore di default 40. Usato con moderazione, rende i suoni sintetici pi naturali. La maggior parte dei sintetizzatori possiedono tale effetto, il quale non creato direttamente da Pizzicato ma semplicemente utilizzato. Se il sintetizzatore non fornisce il riverbero il cursore sar senza effetto. La colonna successiva consente di regolare il livello del chorus, un effetto che modifica il suono inserendo delle vibrazioni. Esso pu essere regolato da 0 (valore di default) a 127. Selezionate ora la voce Effetti vari nel menu di configurazione (icona ):

La colonna Vel. (Velocity) consente di specificare il valore del parametro "velocity" usato per eseguire la nota. Il valore di default 64 e pu variare da 0 a 127. Si tratta della forza con la quale viene colpita la nota su di una tastiera (appunto, velocit di percussione). Le note introdotte usando il mouse o la MTK (Music Typing Keyboard) possiedono il valore qui selezionato. D'altro canto, quando una note registrata in MIDI, la velocity originale memorizzata con la note e non pu essere variata dal presente cursore. La colonna successiva indica lo Start (incipit) della nota. Il valore immesso indica il ritardo di attacco della nota. L'intervallo dei valori va da -480 a +480 unit, che corrisponde alla durata di 1/4 in anticipo o in ritardo. Il valore 0 indica nessuno slittamento. Facendo slittare l'attacco di alcuni strumenti potete creare effetti orchestrali pi realistici. I musicisti di un orchestra non eseguono mai con l'esattezza di un computer e qeusta una delle ragioni per cui una partitura scritta ed eseguita con la precisione di un computer appare troppo monotona ed artificiale. Aggiungendo un leggero ritardo potete simulare l'effetto di un'esecuzione pi naturale. Utilizzate valori bassi per questo parametro, altrimenti l'effetto risulta esagerato. La colonna successiva chiamata Dur., e rappresenta la "durata" delle note espressa in percentuale. Il valore di default 100%, ovvero l'intera durata di ciascuna nota. Una nota da 1/4 durer esattamente 1/4. Potete modificare tale valore tra 5 e 200%. Se ad esempio selezionate un valore dell' 85%, la durata verr diminuita del 15%. Un valore del 50% trasformer, ad esempio, tutte le note da 1/4 in ottavi seguiti da una pausa d'ottavo. Un valore diverso dal 100% non modifica la velocit dell'esecuzione. Il valore che selezionate influisce solo nell'esecuzione e non comporta modifiche nella notazione della misura. La colonna PB rappresenta il valore del Pitch Bend. Sulla maggior parte delle tastiere sintetizzatori troverete una manopola o una leva che consente di modificare l'intonazione del suono durante la sua emissione. Tale effetto chiamato appunto Pitch Bend. Il valore che selezionate usando tale lista di valori simula tale effetto. Il valore di default 0. I valori possono andare da -64 a +63, e la variazione corrispondente di intonazione va da -2 semitoni a +2 semitoni. Modificando leggermente questo

valore potete scordare uno strumento rispetto agli altri ed ottenerne un effetto realistico in un'orchestra. Modificando pesantemente l'intonazione potete comporre musica che usa i quarti di tono o anche altri sistemi di intonazione. Provate ad esempio a scrivere 5 righi con lo stesso strumento e la stessa melodia, ma con diversi valori di PB. L'effetto di realismo che ne deriva potrebbe risultare interessante. La colonna successiva corrisponde anch'essa ad una manopola o leva collocata su un sintetizzatore. Essa attiva la modulazione, la quale spesso corrisponde ad un vibrato, ovvero l'intonazione della nota che varia leggermente attorno al suo valore normale. Questa aggiunge naturalezza all'esecuzione. Il suo valore di default 0 e pu arrivare fino a 127. La colonna VB significa Visible Bars (barre visibili). Nella vista piano roll le note sono visualizzate come delle barre colorate. Saranno visibili nella vista piano roll solo le note del rigo selezionato in tale colonna. La colonna successiva vi consente di determinare il colore delle barre per ciascun rigo nella vista piano roll. Esse sono rosse di default. Cliccando nell'area colorata appare una finestra di dialogo per la selezione del colore. Le cinque colonne successive sono la continuazione delle colonne V1, V2 e V3, per le voci ritmiche dalla 4 alla 8. E' abbastanza raro che una misura contenga pi di 2 o 3 voci ritmiche, ma in questo caso le colonne da V4 a V8 consentono di disabilitarle. Selezioniamo ora la voce Parametri MIDI nel menu di configurazione (icona ). La vista mostra i

principali parametri MIDI oltre ad alcune colonne specifiche delle versioni avanzate di Pizzicato:

Le 2 colonne che seguono il nome abbreviato duplicano le colonne MC e AC gi presenti nella configurazione Strumenti, precedentemente illustrata. La colonna successiva visualizza la selezione della porta MIDI output ed disponibile solo nelle versioni Pizzicato Professional e Composizione Pro (in quanto le altre versioni hanno solamente una porta MIDI). E' lo stesso che nella configurazione Strumenti. Le colonne Bk (Bank) e Pg (Program) determina il suono che deve essere eseguito dal sintetizzatore. Nella maggior parte dei casi non necessario modificarlo perch Pizzicato lo calcola in base alla scelta della famiglia, dello strumento e del sintetizzatore. Se desiderate modificarlo dovete selezionare la prima voce della lista Famiglia (la voce "------"). In questo caso Pizzicato non modificher pi le colonne Bk e Pg e potrete selezionarle da voi stessi. Questo utile solo per applicazioni molto specializzate in quanto il sistema delle famiglie e strumenti molto pi pratico e amichevole. La colonna successiva indica Ms per Messaggi (Pizzicato Pro e Composizione Pro). Una casella di selezione non selezionata il valore di default. Essa consente a Pizzicato di inviare messaggi speciali al vostro sintetizzatore prima che avvii l'esecuzione. Il tipo di messaggi che possono essere inviati dipendono dal vostro sintetizzatore. Cliccando su tale casella aprirete la seguente finestra di dialogo:

La lista di selezione vi mostra i messaggi da inviare al vostro strumento. Inizialmente non ne presente alcuno. Cliccate il pulsante Aggiungi. Se il vostro sintetizzatore ha dei messaggi speciali, apparir una linea nella lista con il nome del messaggio. La lista di selezione in basso vi consente di selezionare il messaggio da inviare. Di seguito il contenuto per un sintetizzatore Roland Sc-55:

Quattro caselle di testo vi consentono di specificare i parametri per il messaggio selezionato nella lista. Nell'esempio sopra il primo parametro del messaggio General Volume vi permette di specificare un valore tra 0 e 127. Questi parametri dipendono sia dal messaggio che dal sintetizzatore. In tale maniera potete aggiungere parecchi messaggi ed i loro parametri. Per cancellare un messaggio selezionatelo nella lista e premete il pulsante Cancella. Il pulsante Esporta vi consente di salvare la lista dei messaggi per poterla utilizzare in altri documenti. Cliccando su tale pulsante potrete specificare un nome sotto il quale salvare la lista. Il pulsante Import esegue l'operazione inversa, caricando una lista di messaggi precedentemente salvata. Cliccando sul pulsante Utilizzalo validerete i messaggi e Pizzicato li invier al sintetizzatore quando eseguirete la partitura. Cliccando sul pulsante Non utilizzarlo i messaggi verranno memorizzati ma non verranno inviati al sintetizzatore. In entrambi i casi tornerete alla vista strumenti. La casella corrispondente sar selezionata se i messaggi verranno inviati. L'uso di questi messaggi speciali soprattutto indirizzato ai professionisti del MIDI. Vedremo pi avanti come creare dei messaggi MIDI personalizzati ed utilizzarli in questa finestra. Essi vi consentono di modificare la configurazione interna e i suoni del vostro sintetizzatore, ma questo richiede una conoscenza molto buona del sistema MIDI. La casella di selezione successiva chiamata Pr, per Percussioni (Pizzicato Pro, Notazione, Composizione e Percussioni). Essa usata per configurare la tastiera musicale sul rigo. Cliccando su tale casella apparir la seguente finestra di dialogo:

Quando un sintetizzatore possiede le percussioni (batteria, bonghi, triangolo, effetti vari,...), questi strumenti sono normalmente distribuiti sulla tastiera musicale in modo da poterli suonare con le note corrispondenti. La corrispondenza di default spesso poco pratica quando occorre scrivere tali note sulla partitura, in quanto la partitura acquista un aspetto confuso per l'aggiunta non necessaria di accidenti. La partitura risultante non effettivamente leggibile. La finestra di dialogo sopra mostrata vi consente di assegnare qualsiasi nota della partitura ad un tasto della tastiera musicale. Il suo utilizzo non limitato alle percussioni. Potete ad esempio usarlo per creare tastiere originali dove le note alte si trovano a sinistra e le basse a destra. Pu essere divertente. Provate... A sinistra della finestra vedete il nome delle note dal DO al SI, compresi i semitoni. L'ottava determinata dalla lista di selezione nell'angolo in alto a sinistra della finestra, a destra della descrizione Ottava. Le ottave sono numerate da -2 in su. La nota DO dell'ottava 3 corrsponde alla nota seguente:

A fianco di ciascuna nota avete 3 liste di selezione. Le prime due riguardano la nota e l'ottava relativa. La terza vi consente di selezionare il nome dello strumento a percussione sul vostro sintetizzatore, e Pizzicato assocer automaticamente la nota corretta.

Consideriamo un esempio pratico. Desiderate creare un rigo per percussioni con il rullante sulla terza linea. In chiave di do la terza linea corrisponde al DO della terza ottava. La finestra di dialogo mostra che attualmente il DO 3 corrisponde al Bongo Alto, il DO#3 al Bongo Basso,... Di default utilizzata la distribuzione standard del vostro sintetizzatore. Le prime due colonne cos indicano la stessa nota, DO3, DO#3... Desideriamo posizionare il rullante sulla nota SI 3. Sull'ultima linea cliccate sulla lista che visualizza Short High Whistle. Essa mostra la lista degli strumenti a percussione del vostro sintetizzatore, della quale mostriamo un estratto per i sintetizzatori GM (general midi):

Salendo in alto sulla lista troverete lo strumento Rullante 1.Selezionando tale linea la lista in basso ora visualizzer:

Le prime due colonne indicano che lo rullante 1 attualmente corrisponde alla nota RE1 del vostro sintetizzatore. Questo significa che tutte le note poste sulla terza linea di questo rigo saranno aumaticamente trasformate nel RE 1, che il vostro sintetizzatore eseguir con il suono dello rullante. Potete in questo modo costruire il vostro rigo delle percussioni, cos che sia leggibile e correttamente eseguibile dal sintetizzatore. I sintetizzatore talvolta hanno parecchi modelli di percussioni. La lista di selezione collocata nell'angolo in alto a destra vi consente di cambiare il modello corrente di percussione (menu Modello percussione). Il pulsante Esporta vi consente di salvare la vostra configurazione delle percussioni in modo da poterla usare anche in altri documenti. Il pulsante Importa compie l'operazione inversa caricando una configurazione precedentemente salvata. Cliccando su Utilizzalo, Pizzicato user questa configurazione per le note di questo rigo. Cliccando su Non utilizzarlo, la configurazione verr memorizzata ma non verr utilizzata nell'esecuzione. In entrambi i casi ritornerete alla vista strumenti. La casella di selezione corrispondente sar selezionata se la configurazione viene usata. Come sarete in grado di constatare nei documenti di esempio, in particolare nei modelli di partitura, Pizzicato offre una gamma intera di righi gi configurati per i principali strumenti a percussione. La carta di riferimento della percussioni fornita con Pizzicato ve ne da una descrizione pi precisa. Vi consigliamo di utilizzare tale materiale per i vostri lavori. La colonna VM (Velocity Mode) ha una lista con 4 scelte possibili che indicano a Pizzicato come usare la velocity. Quando registrate un pezzo suonando la tastiera, la forza di percussione di ciascun tasto memorizzata con ciascuna nota, per poter riprodurre la prestazione in modo accurato. Inoltre la colonna Velocity della configurazione Effetti vari propone un valore di velocity, che pu essere modificato durante l'esecuzione da simboli grafici e MIDI posti sulla partitura. Cos abbiamo due valori di velocity per ciascuna nota: il valore registrato (se presente) e il valore derivante dai simboli. Selezionando la voce RV, Pizzicato user per l'esecuzione la velocity registrata. La voce SV (Symbols Velocity) usa la velocity specificata dai simboli. La scelta di default, CV (Combined Velocity) prende la velocity registrata nell'esecuzione quando disponibile, altrimenti prende quella dei simboli. La scelta AV (Average Velocity) fa una media tra le due velocity. Questo vi consente di mantenere l'esecuzione originale, condizionata dai simboli aggiunti alla partitura.

Le due colonne successive (Pizzicato Pro e Composizione) servono nell'uso dell'arrangiatore. Verrano spiegate nella lezione sull'arrangiatore di partitura. Le due colonne successive servono a specificare l'intervallo dello strumento. Questa caratteristica verr usata nelle future versioni di Pizzicato. Attualmente sono usate solo dall'arrangiatore. La colonna intitolata Rtp (Real Time Play) serve a specificare come vengono suonati gli strumenti virtual audio. Vedere la lezione intitolata Gli strumenti virtuali per una spiegazione dettagliata. Nel menu delle configurazioni (icona: ), l'ultima di esse "Controllers utili" che contiene elementi

gi descritti e che talvolta utile considerare insieme in una vista unica, per determinare il modo in cui verr eseguita la partitura. Nota importante Le configurazioni della vista strumenti determinano il valore dei parametri MIDI dall'inizio della prima misura e rimangono validi finch non si incontri un simbolo MIDI nella partitura. Se ad esempio impostate il volume a 100, vuo dire che l'inizio della misura 1 verr eseguito con un volume di suono uguale a 100. Se aggiungete un simbolo che diminuisce il volume di 30 unit nella misura 3, a partire da questa misura il volume sar di 70, fino al prossimo cambiamento. Questo vale per tutti gli effetti MIDI che incidono sull'esecuzion.

Modificare l'ordine dei righi


La vista strumenti consente anche di ristrutturare i righi della partitura modificando il loro ordine. Per spostare un rigo cliccate sul numero (prima colonna) della linea corrispondente e trascinatelo nella nuova posizione. Portiamo, ad esempio, il rigo 2 nella posizione del rigo 1. Cliccate sul numero 2, nella colonna di sinistra, e trascinate il mouse verso l'alto. Il vostro movimento seguito da un rettangolo. Trascinate verso l'alto fino all'altezza della prima linea. Rilasciate il mouse. L'ordine cambiato. La prima colonna indica ovviamente il numero di sequenza che non cambiato (1). Allo stesso modo potete muovere un rigo verso il basso. Rilasciando il mouse gli altri righi si spostano automaticamente a riempire il vuoto lasciato e il rigo spostato si trover nella posizione voluta.

Registrazione in tempo reale (1)


Registrazione in tempo reale Il registratore e sue opzioni Iniziamo a registrare con la tastiera musicale Opzioni di esecuzione MIDI

Registrazione in tempo reale


L'espressione tempo reale significa che viene considerata l'esatta sequenza temporale degli eventi musicali. I metodi spiegati fino ad ora per la scrittura di note sul rigo sono liberi da qualsiasi vincolo di tempo. Il fattore tempo compare solo quando Pizzicato esegue la partitura. Mentre eseguite una partitura sulla tastiera musicale (anche lentamente), possibile chiedere al computer di registrare l'esecuzione. Se tratta della registrazione in tempo reale, perch il computer memorizza l'esatta

sequenza delle note eseguite alla tastiera e pu riprodurle esattamente come le avete eseguite. Pizzicato diventa un registratore MIDI. A ciascun rigo della partitura associata una traccia MIDI. E' una memoria usata per conservare sequenze temporali di informazioni MIDI. La registrazione in tempo reale il sistema usato per riempire una traccia con le note eseguite sulla tastiera e trasformarle in notazione musicale sul rigo corrispondente (automaticamente o no). Potete cos registrare una traccia alla volta e ascoltarle poi tutte insieme. Pizzicato lavora come un sequenzer MIDI, ovvero come un registratore MIDI multi-traccia. Con questo sistema potete costruire un intero pezzo di musica. Lavorando con la vista sequenzer le note appaiono come piccole barre orizzontali. Potete copiare, incollare e cancellare misure. Potete registrare una traccia o parte di essa parecchie volte, fino alla completa realizzazione. Nella vista partitura Pizzicato considera i tasti che avete suonato e li converte in note con un valore ritmico. Il risultato della vostra esecuzione appare sul rigo e potete stampare la partitura. E' possibile introdurre una fase correttiva appena dopo l'esecuzione, la quantizzazione. Tale operazione prova a smussare la vostra esecuzione per renderla pi precisa. Usatela con moderazione perch pu influire in modo eccessivo sul risultato finale. In questa lezione e nelle seguenti vedremo come mettere in pratica tali concetti, analizzando anche degli esempi. Iniziamo ad analizzare l'area di registrazione, presente nella maggior parte delle viste e chiamata anche registratore.

Il registratore e sue opzioni


Il registratore controlla l'esecuzione e la registrazione MIDI. Esso presente, ad esempio, nelle viste partitura e sequencer. Avviate Pizzicato ed aprite il documento Ex045 della cartella Esempi. La vista partitura contiene il registratore:

La parte sinistra mostra i 4 simboli tradizionali presenti nei comuni registratori a nastro. Cliccate sul tasto START, rappresentato dal triangolo giallo Parte l'esecuzione della partitura. Abbiamo gi usato il tasto di scelta rapida che la barra spaziatrice. Cliccate sul tasto STOP, rappresentato dal quadrato blu, per fermare l'esecuzione. Sulla destra di questi tasti e fin dalla versione 3.2 di Pizzicato, troverete in quasi tutte le viste la seguente porzione grafica:

Essa vi consente di eseguire alcune misure in modo ripetitivo (loop) a partire dalla prima misura eseguita. Per far ci selezionate la casella e scegliete il numero di misure che formeranno il loop usando i bottoni - e +. Quando Pizzicato esegue la barra spaziatrice usata anche per lo STOP. Cliccate di nuovo su START. A destra del registratore, una casella di testo indica la misura corrente in esecuzione. Cliccate sul pulsante PAUSA, rappresentato da due piccoli riquadri blu. L'esecuzione

sospesa istantaneamente dove si trova. Cliccate di nuovo su PAUSA ed essa riprende dallo stesso punto. Potete usarla per vedere come costituito un accordo. Basta premerla durante l'esecuzione dell'accordo. Il pulsante di registrazione verr usato pi avanti; rappresentato da un cerchio rosso. Il pulsante intitolato "..." usato per visualizzare le opzioni di esecuzione della partitura. Cliccate su tale pulsante ed apparir la seguente finestra di dialogo:

Questa finestra pu restare aperta consentendo di lavorare sulla partitura. Pu essere spostata per operare sullo spazio desiderato. I primi due riquadri vi consentono di selezionare le misure che verranno eseguite premendo il pulsante START. Di default sar eseguita la prima misura visibile fino alla fine della partitura. Ma si pu scegliere diversamente. Appena sotto, un cursore serve a determinare la velocit di esecuzione. Premete START e mentre ascoltate, modificate il tempo muovendo il cursore, verso sinistra per rallentare, verso destra per accelerare. I valori vanno da 1 a 500. I pulsanti "-" e "+" permettono una regolazione pi precisa. Appena sotto si trova una casella di selezione intitolata Loop on ... misure. Selezionate questa casella e scrivete "2" nella casella di testo. Andate alla prima misura e premete START. Verranno eseguite le prime 2 misure per poi ricominciare dalla prima. E' un loop continuo sulle prime 2 misure. Da notare che durante l'esecuzione del loop potete continuare a lavorare sulla partitura, cancellando, spostando e scrivendo note. Sempre utilizzando la casella di testo , potete modificare la lunghezza del loop. Cliccate su STOP. Una casella di selezione permette di attivare il metronomo. In musica il metronomo un piccolo dispositivo usato per battere il tempo con un "click". E' usato principalmente a scopo didattico per imparare a tenere bene il tempo. Selezionando tale casella Pizzicato simula il suono del metronomo marcando i tempi di ciascuna misura. Selezionate il metronomo e premete su START. Se avete un sintetizzatore o una scheda audio GM (general midi), il tempo e l'inizio della misura vengono marcati con strumenti a percussione. Notate che l'inizio della misura marcato con un suono di maggior intensit. Se il vostro sintetizzatore non compatibile con il general midi, tempi e misure sono marcati da brevi segnali acustici. Premete STOP. Selezionate la casella Aspetta azione della tastiera. Tale casella serve a dare il controllo del registratore alla tastiera musicale (solo dalla finestra tastiera). Premete START. Il pulsante risulta attivato, il cursore triangolare fermo sulla prima misura, ma Pizzicato aspetta che premiate un tasto della tastiera MIDI per iniziare l'esecuzione. Quando dovete registrare un passaggio in tempo reale, potete prepararvi a suonare sulla tastiera prima di dare l' OK per registrare. Cominciate a suonare o premete un tasto sulla finestra tastiera se non avete una tastiera MIDI. Durante il resto di questa lezione deselezionate tale opzione. Il pulsante Esecuzione effetti... serve a determinare il modo in cui verranno eseguiti gli effetti MIDI e i simboli nella partitura:

La finestra di dialogo vi consente di disabilitare/abilitare gli effetti musicali generati dalle tracce MIDI e/o dai simboli posti sulla partitura che incidono sull'esecuzione, come sfumature, indicazioni di tempo,... Per maggiori dettagli sugli effetti musicali guardate la lezione relativa.

Il pulsante Accordatura vi consente di specificare la frequenza esatta di ciascuna nota. Comunque questa funzione applicabile solamente agli strumenti virtual audio e non agisce sull'intonazione delle note MIDI. Guardate la lezione intitolata Strumenti virtuali per maggiori dettagli. Il riquadro Parametri speciali di esecuzione contiene le seguenti opzioni: I fattori di divisione e moltiplicazione ritmi vi consentono di dividere/moltiplicare la durata dei valori ritmici. In una casella di testo potete specificare il numero di volte che volete la partitura sia eseguita Una lista di selezione specifica quale versione di misura viene eseguita e l'ordine di esecuzione se la partitura eseguita pi volte. Questi parametri sono usati principalmente nel contesto degli aiuti alla composizione e nella vista conduttore, disponibili solamente nella versione professional di Pizzicato. Guardate la lezione sugli aiuti alla composizione e sulla vista conduttore. La lista di selezione Modalit di riproduzione audio specifica come verranno eseguiti gli strumenti virtual audio. Guardare la lezione intitolata Strumenti virtuali per maggiori dettagli. In Pizzicato Professional e Composizione, troverete molte caselle di selezione usate principalmente con gli strumenti per la composizione di Pizzicato. Essi verranno spiegati nelle lezioni che trattano tale argomento.

Iniziamo a registrare con la tastiera musicale


Aprite l'esempio Ex050 Prima di iniziare a registrare necessario specificare da dove iniziare e su quale traccia registrare. Questo pu essere fatto dal sequencer o dalla vista partitura. Aprite la vista sequencer:

Immediatamente prima della prima misura presente una colonna chiamata R per Record (registra). Su un registratore tale termine normalmente abbreviato con Rec. Tutte le caselle di questa colonna sono bianche, il che significa che nessuna traccia attiva per la registrazione. Cliccando sul pulsante di registrazione (cerchio rosso), non avviene nulla. Cliccate nella colonna R a fianco del rigo (traccia) 1. La casella si colora a indicare che la registrazione attiva per la traccia 1. Pu essere registrata solo una traccia alla volta. Cliccate ora nella colonna R a fianco della traccia 2. Essa viene attivata e la traccia 1 disattivata. Per disabilitare tutte le tracce cliccate nuovamente nella casella attiva. La registrazione partir dalla prima misura eseguita secondo la modalit di esecuzione selezionata nelle opzioni di registrazione. Attivate la traccia 1. Assicuratevi che il metronomo sia selezionato (opzioni di registrazione) e il loop disabilitato. Registriamo ora alcune note in tempo reale. Se non avete una tastiera MIDI, aprite la finestra pianoforte. Cliccate sul pulsante di registrazione o usate il tasto di scelta rapida che il tasto Enter.

Viene contata una misura vuota. Dopodich suonate alcune note sulla tastiera MIDI (o nella finestra tastiera con il mouse o gli shortcut) e continuate finch la registrazione si ferma da sola dopo la misura 6. La vista sequencer ora mostra le note registrate come piccole linee orizzontali nella traccia 1:

Notate che anche la partitura situata sotto visualizza le note eseguite. Premete su START. Pizzicato esegue l'esatta sequenza di note che avete eseguito durante la registrazione. Potete modificare il tempo per ascoltarle pi velocemente. Se usate la finestra tastiera, i tasti eseguiti vengono man mano indicati. Aprite la vista piano roll. Regolando la posizione delle barre di scorrimento dovreste visualizzare qualcosa di simile:

Potete avviare di nuovo la registrazione. Se lo fate sulla stessa traccia, la registrazione precedente verr cancellata automaticamente e rimpiazzata dalla nuova. Se lavorate su un'altra traccia, ascolterete le due tracce simultaneamente.

Opzioni di esecuzione MIDI


Il menu Opzioni, Opzioni di esecuzione MIDI, apre la seguente finestra di dialogo:

La prima lista di selezione, intitolata Reset sintetizzatori, specifica la modalit di reset dei sintetizzatori. Quando fermate l'esecuzione di una partitura, Pizzicato invia dei comandi MIDI per fermare tutte le note processate. Esistono molte convenzioni per azzerare le note. Nella maggior parte dei casi, l'opzione Normale va bene. Se udite note rimaste bloccate quando fermate la partitura scegliete l'opzione Massimo e tutto andr a posto. Le due liste successive selezionano la porta e il canale MIDI usati per il metronomo. Il pulsante Predefinito carica il metronomo ottimale per il vostro sintetizzatore. Le due liste successive e il cursore selezionano l'altezza e l'intensit della nota usata per marcare l'inizio della misura. Le stesse impostazioni sono disponibili sotto per specificare la nota usata per marcare i tempi della misura. In caso di tempi composti (es. 6/8) questa marcher il quarto col punto. Le stesse impostazioni sono disponibili sotto per specificare la nota usata per marcare le suddivisioni dei tempi. Nel caso di misura da 4/4 essa non viene applicata. Nel caso di misure di 6/8, ad esempio, questa marcher gli ottavi. Cliccando il pulsante Predefinito, Pizzicato caricher i valori ottimali per il vostro sintetizzatore. Quando molti musicisti suonano insieme, il direttore di un orchestra o uno degli esecutori conta all'inizio una misura senza suonare, per dare il tempo ed iniziare in modo sincronizzato. La lista di selezione Misura di metronomo mostra l'opzione Solo prima di registrare. Ci significa che quando registrerete, Pizzicato eseguir prima una misura di metronomo. Durante tale misura non verr

registrato nulla. Essa serve solamente a dare il tempo di riferimento per preparare alla misura successiva in cui inizier la registrazione. Sono possibili altre due opzioni. La prima Mai e disabilita la misura di preparazione. La seconda, Prima di eseguire, abilita il conteggio anche prima dell'esecuzione. Questa utile quando si vuol suonare insieme al computer. La Porta input di sincronizzazione permette di sincronizzare Pizzicato a un dispositivo MIDI esterno (generatore di ritmo,..). Quando selezionate una porta input di sincronizzazione, Pizzicato non utilizza pi il proprio tempo per eseguire la partitura, ma aspetta le disposizioni di sincronizzazione che arrivano dall'input specificato. Quindi un dispositivo esterno controller il tempo di esecuzione. Se non avete dispositivi MIDI esterni per fare ci, essenziale selezionare "----". Altrimenti Pizzicato rimane completamente senza tempo perch il clock interno viene disabilitato. La Porta output di sincronizzazione serve a sincronizzare un dispositivo esterno (generatore di ritmo, arrangiatore...) a Pizzicato. Quando selezionata una porta MIDI, Pizzicato invia, attraverso questa porta, durante l'esecuzione, informazioni per trasmettere il riferimento ritmico a un'altro dispositivo cos che questo segua il tempo imposto da Pizzicato. Similmente quando usate i pulsanti del registratore START, STOP e PAUSA, Pizzicato invia tali comandi, attraverso la porta MIDI output, al dispositivo di controllo esterno. Se non usate un dispositivo esterno MIDI selezionate "-----". A partire dalla versione 3.1 presente in questa finestra un cursore addizionale chiamato Ritardo MIDI in millisecondi (correzione per l'audio) assieme ad una casella di testo per inserire un valore specifico. A seconda della scheda audio che possedete, se aggiungete tracce audio alla partitura esse possono essere eseguite leggermente in ritardo rispetto alla partitura. Tale ritardo pu essere compensato specificando un ritardo MIDI. L'esatto valore va impostato a orecchio. Provate diversi valori cercando di sincronizzare esattamente MIDI ed audio. Il valore trovato pu anche essere negativo, nel qual caso vuol dire che le tracce audio sono in ritardo rispetto al MIDI. La casella di selezione Abilita sincornizzazione audio/Midi attiva per impostazione predefinita e serve al clock MIDI interno di Pizzicato, per sincronizzarlo con la scheda audio. Cliccate OK per chiudere la finestra di dialogo.

Trasporto e giustificazione delle misure


Trasportare misure Giustificare le misure Opzioni di giustificazione

Trasportare misure
Pu essere utile trasportare una melodia, degli accordi o anche un'intera partitura, per esempio per strumenti traspositori o semplicemente trasportare una melodia che ritorna periodicamente in un pezzo. Partite da un nuovo documento e scrivete le prime due misure, ad ottenere:

Duplicate la melodia col copia/incolla trascinando le misure sulla terza misura:

Trasporteremo la seconda melodia. Quindi per prima cosa selezioniamo le misure da trasportare. Usate la selezione, ad ottenere:

Ora selezionate la voce Trasporta dal menu Edit oppure dal menu di contesto che appare quando cliccate nella partitura col pulsante destro del mouse (o Option-click per Mac). Appare la finestra di dialogo per il trasporto:

L'intervallo di trasporto pu essere definito in tre diverse maniere: La parte superiore della finestra di dialogo usata per specificare il trasporto in temini di strumenti traspositori. Selezionate lo strumento per cui attualmente scritta la partitura e lo strumento per il quale volete trasportare. Pizzicato visualizzer il relativo intervallo nella seconda parte della finestra. La casella di selezione Regola la riproduzione MIDI per il trasporto aggiunge il trasporto MIDI alla partitura, in modo tale che Pizzicato esegua correttamente il trasporto. La seconda parte della finestra di dialogo utilizzata per specificare l'intervallo di trasporto direttamente. Il Valore dell'intervallo (dall'unisono all'ottava) specifica l'intervallo di trasporto attraverso un menu. L'unisono corrisponde alla distanza che separa una nota da se stessa, ovvero nessun trasporto. La seconda la distanza che separa due note consecutive, il trasporto di una nota,... e l'ottava corrisponde a uno slittamento di 7 note. Selezionate la quarta, che corrisponde a uno slittamento di 3 note. Il Tipo di intervallo specifica con pi precisione l'intervallo utilizzato per trasportare la melodia. La scelta 'diatonico' sposta semplicemente le note dell'intervallo specificato. Non viene effettuato alcun controllo sulla natura degli intervalli. Ad esempio, se trasportate un DO una seconda sopra, otterrete un RE. Se trasportate un SI una seconda sopra, otterrete un DO. L'intervallo non comunque lo stesso: si tratta di due semitoni nel primo caso e di un semitono nel secondo. Se volete trasportare la melodia mantenendo la natura originale degli intervalli, scegliete una delle altre voci (Diminuito, minore, perfetto, maggiore o aumentato). Ciascuno di essi costituir un diverso intervallo. Selezionate Perfetto. La Direzione specifica la direzione del trasporto: Sopra (spostamento in alto) o Sotto (spostamento in basso). Il Trasporto d'ottava aggiunge o sottrae una o pi ottave all'intervallo selezionato. Potete anche definire l'intervallo come numero di semitoni con un cursore e Pizzicato calcoler la definizione corrispondente di intervallo. Tre caselle di selezione specificano cosa verr trasportato; note, simboli di accordi e/o accidenti in chiave. Cliccate Trasporta. La partitura diviene:

La melodia viene trasportata una quarta perfetta sopra. Sentite il risultato con la barra spaziatrice. Similmente trasportate le ultime due misure di una quinta diatonica sotto. Otterrete:

Ascoltate il risultato. La seconda melodia ricorda la prima, ma leggermente differente. Ora trasportate le prime due misure una seconda minore sotto. Pizzicato corregge gli intervalli e aggiunge diesis per mantenere la stessa melodia. Ora avrete:

Ascoltate le due melodie. Iniziano conla stessa nota, ma la melodia trasportata in modo diatonico (la seconda) diversa da quella originale.

Giustificare le misure
Abbiamo visto che creando un nuovo documento viene attivata la giustificazione automatica, la quale distribuisce il contenuto di una misura in modo equilibrato.Non appena aggiungete, cancellate o spostate un elemento delle misura, Pizzicato calcola di nuovo il layout tenendo conto delle modifiche. Se disabilitate la giustificazione automatica, siete voi responsabili dell'aspetto grafico della misura (solo con Pizzicato Principiante e Professional). Pizzicato possiede una funzione in grado di giustificare un blocco selezionato di misure. Aprite l'esempio Ex054:

Le note sono state scritte senza giustificazione, distribuite in modo disordinato, a scopo didattico. Selezionate 2 misure del primo rigo con lo strumento selezione e scegliete la voce Giustifica dal menu Edit. Il primo rigo diviene:

Le note vengono distribuite in maniera pi bilanciata nelle misure. Contrariamente alla giustificazione automatica, questa funzione una giustificazione su richiesta. Essa agisce sulle misure selezionate. Selezionate 2 misure sul secondo rigo e giustificatele come sopra: Otterrete:

Le note vengono distribuite in modo regolare nella misura.

Osservate il contenuto della misura 1, sui righi 1 e 2. I tempi non sono allineati insieme. Ad esempio la nota da 1/2 che inizia sul terzo tempo non allineata con la terza nota da 1/4 della misura di sopra. Per leggere una partitura molto pi semplice allineare i valori disposti sugli stessi tempi. Quando abbiamo giustificato queste misure, lo abbiamo fatto separatamente, con il risultato che Pizzicato ha giustificato ogni misura senza tener conto delle stesse misure negli altri righi. Per costringere Pizzicato a tener conto dell'allineamento dei tempi tra i diversi righi, dovete svolgere tale operazione in una volta sola. Selezionate le 6 misure e giustificatele. La partitura diviene:

Le note eseguite nello stesso momento adesso sono allineate tra di loro.

Opzioni di giustificazione
Nel menu Opzioni, selezionate la voce Giustificazione... Appare la finestra di dialogo 'Opzioni di Giustificazione':

La prima casella di selezione Adatta larghezza misura forza Pizzicato nell'adattare la larghezza delle misure con la giustificazione automatica. State attenti, questa opzione funziona solo quando la giustificazione orizzontale dei sistemi disabilitata nella finestra di dialogo 'layout di pagina' o quando il layout di pagina non in funzione (modo lineare). La casella Solo locale forza Pizzicato a realizzare una giustificazione locale, ovvero senza esaminare il contenuto delle misure che si trovano sotto o sopra. La seconda casella Adatta larghezza misura, situata nel riquadro Funzione di giustificazione, consente a Pizzicato di modificare la larghezza di una misura quando la giustificazione fatta su richiesta (non automatica). Essa calcola la larghezza ottimale in modo che il contenuto sia bilanciato, quindi moltiplica la larghezza per il Fattore di scala situato in basso nella finestra di dialogo. Il valore predefinito di 125%. Se desiderate avere misure pi spaziose, incrementate tale valore. La nota precedente sul layout di pagina resta valida. La casella Analisi delle voci incomplete un'indicazione per Pizzicato. Specifica il modo di analizzare una seconda voce ritmica. Prendiamo il caso di una voce ritmica con 4 semiminime:

Se aggiungete una semiminima Pizzicato la disporr automaticamente come primo tempo di una seconda voce ritmica e otterete, per esempio:

Il punto dove cliccate non importa, la nota da un quarto viene posta all'inizio della misura. Se selezionate la casella Analisi delle voci incomplete, Pizzicato disporr la nota nel punto pi vicino a una nota o pausa della prima voce. In altre parole, se disponete una nota sotto la 4a nota della prima voce, otterrete:

La seconda voce ritmica incompoleta perch mancano i primi 3 tempi. Grazie a questa opzione Pizzicato stato in grado di analizzare tale situazione. L'Adattamento verticale automatico dei gruppi irregolari: quando selezionato le traversine (o l'uncino) dei gruppi irregolari verranno regolate da Pizzicato. Disabilitata questa casella consente una regolazione manuale dei gruppi irregolari (scelta predefinita). La casella di selezione Includi pause nelle traversine usata per includere le pause tra note congiunte dalle traversine, ad esempio:

Disabilitata, tale opzione otterr:

La casella di selezione Creazione traversine indica a Pizzicato di creare e sistemare le traversine durante la giustificazione. La casella di testo a destra specifica come stabilirle. La scelta predefinita vuota, il che vuol dire che le note sono congiunte in base ai tempi della misura corrente. Scrivendo ad esempio "2+1+1", otterrete tre gruppi di note: il primo di 2 tempi, il terzo di un tempo e il quarto di un tempo. Per una misura di 6/8, se scrivete "3" nella casella di testo, gli ottavi saranno raggruppati per 3. La lista di selezione seguente specifica la logica per la direzione dei gambi. La scelta non modificare non fa nulla. La scelta Adatta all'altezza della nota decide la direzione in base all'altezza della nota (dalla terza linea del rigo in giu, i gambi sono diretti in alto). Le due scelte successive ( Gambi su e Gambi giu) fissano tutti i gambi nella stessa direzione. L'ultima scelta (Adatta per voci multiple) quella predefinita. Pizzicato considera l'altezza se c' una sola voce. Se aggiungete una seconda voce la direzione dei gambi viene regolata in base alla presenza di pi voci nella misura. La casella di testo successiva fa slittare 2 voci le cui note altrimenti colliderebbero. Un valore di 8 crea ad esempio tale risultato:

La casella di selezione Non giustificare gli accordi orizzontalmente serve ad evitare che uno spostamento manuale dei simboli degli accordi venga annullato dalla giustificazione di una misura. Il cursore Accidenti stabilisce l'incidenza delle alterazioni sulla spaziatura delle note. Un valore dello 0% non li considera affatto. Scegliendo il 100% verr riservato uno spazio considerevole alle note cui associata un'alterazione. Similmente il cursore Chiavi mobili stabilisce l'incidenza delle chiavi mobili. Pizzicato adatta la loro posizione per ottenere una disposizione gradevole. Se il valore impostato a zero Pizzicato non sposter mai le chiavi. Il cursore Simboli e testi stabilisce l'incidenza di alcuni simboli grafici e dei testi associati alle note. Se il simbolo posto accanto o di sotto della nota, Pizzicato assegna maggiore spazio a tale nota in base al valore del cursore.

Il cursore Distanza/rapporto ritmo regola il rapporto tra la distanza assegnata a due valori ritmici vicini (1/4 e 1/8, 1/8 e 1/16, ...). Un valore del 100% assegna lo stesso spazio a ciascun valore ritmico:

Tutte le note sono spaziate allo stesso modo. Un valore del 200% raddoppia lo spazio per due valori vicini. La misura di sopra dovrebbe diventare:

Il cursore Note di abbellimento disponibile solo in Pizzicato Professional e regola la spaziatura per gli abbellimenti creati con lo strumento relativo. Pizzicato regola la loro posizione in modo che la misura appaia gradevole. Esercizio Create la partitura seguente partendo da un nuovo documento, copia/incolla, quindi lo strumento per il trasporto. Terminate giustificando l'intera partitura.

Layout di pagina
Cos' il layout di pagina? Struttura di impostazione pagina in Pizzicato Finestra di dialogo 'Layout di Pagina' Menu contestuale della pagina Modificare il layout di misure e sistemi Stampare la partitura Visualizzare o nascondere righi e sistemi

Cos' il layout di pagina?


Il layout di pagina l'arte di disporre misure e righi sulla pagina in modo da poterli stampare. Sono disponibili due modalit operative per scrivere le note: modalit lineare e modalit layout di pagina. La maggior parte degli esempi visti finora erano in modalit layout di pagina. Le misure sono rappresentate come appariranno sulla pagina stampata. In qualche caso pi conveniente lavorare in modalit lineare. Se preparate ad esempio una partitura per grande orchestra per la quale non conoscete l'aspetto finale del layout di pagina, vi consigliamo di iniziare con un modello in modalit lineare e costruire la partitura progressivamente. L'intera partitura si comporta come un grande rullo dove le misure scorrono grazie alla barra di scorrimento orizzontale. Similmente, quando create un arrangiamento solo per ascoltarlo e non per stamparlo inutile lavorare in modalit layout di pagina. Quando dovete stampare la partitura, il modo lineare non pi appropriato, perch necessario tener conto del formato di pagina. L'operazione che consiste nel disporre le misure e i righi per adattarli alla pagina

chiamato layout di pagina. Il vincolo introdotto con il layout di pagina che Pizzicato dovr calcolare il layout di pagina ogni volta che modificate una misura o cancellate o aggiungete misure e righi. Per una partitura complessa meglio lavorare il modalit lineare e impaginarla, con il layout di pagina, quando la stuttura della partitura terminata.

Struttura di impostazione pagina in Pizzicato


In Pizzicato il layout di pagina realizzato con pagine e aree. Una pagina corrisponde a un foglio di carta. Le sue dimensioni sono quelle del foglio che introducete nella stampante. Nella maggior parte dei casi una pagina ha dei margini, vicino ai bordi, che riducono la zona stampabile. Questi margini derivano dalla stampante in uso e non possono essere modificati. In quasi tutte le stampanti i margini dipendono da quanto la stampante pu avvicinarsi ai bordi del foglio. Alcune stampanti a getto d'inchiostro non hanno margini ed in quel caso possibile stampare ovunque nella pagina. Possiamo rappresentare quanto detto come segue:

I bordi pagina sono rappresentati in nero, quelli della stampante in rosso. L'area tra i due rettangoli non stampabile. In Pizzicato, un' area (o area di stampa) una zona precisa dentro la pagina, nella quale Pizzicato pu stampare sistemi musicali. Ecco un esempio che mostra un area in verde nella pagina:

Un sistema un insieme di una o pi misure da sinistra a destra, su uno o pi righi che suonano insieme. Essi formano un unit grafica in un area. Di seguito mostriamo tre sistemi differenti (1 misura di un rigo, 4 misure di 2 righi e 3 misure di 4 righi):

Un area pu includere da zero a pi sistemi. Ecco una pagina con due aree di stampa. Ognuna di esse ha quattro sistemi e tutto si trova nei margini di stampa del foglio.

Finestra di dialogo 'Layout di Pagina'


Vedremo un esempio di creazione di una partitura in modalit lineare e come realizzare poi il layouy di pagina. Nel gestore documenti cliccate sulla cartella Mie partiture con il destro del mouse e selezionate Nuovo documento... e dategli il nome Test setup pagina. Esso visibile nella cartella Mie partiture. Apritelo cliccando sull'icona "+" a fianco. Fate doppio click sul nome della partitura Partitura 1. La partitura appare come segue:

Aggiungete 39 misure ed un rigo con lo strumento 'misure e righi'. Mettete la chiave di basso sul secondo rigo e riducete la distanza tra i due righi. Cancellate i nomi dei righi nella vista strumenti e aggiungete una graffa per collegarl tra loro. Sul rigo superiore aggiungete i numeri di misura per ciascun sistema. Dovreste ottenere:

Usate ora lo shortcut che vi permette di passare dalla modalit lineare a quella di layout di pagina e viceversa, cio la "P" maiuscola. E' lo stesso se modificate la lista collocata sopra la vista partitura ( ). Dal momento che i calcoli per il layout non sono stati ancora eseguiti, Pizzicato visualizza la finestra di dialogo "Layout di Pagina"..

La finestra di dialogo pu anche essere aperta del menu File, voce Impostazione pagina. Trattandosi del primo layout di pagina, Pizzicato acquisisce i parametri dall'impostazione della stampante predefinita. Potete anche modificare tali parametri usando il pulsante Impostazioni stampante... Appare una finestra di dialogo, differente per ciascun modello di stampante. Normalmente si pu selezionare il formato pagina (ad es. A4), l'orientamento pagina (verticale od orizzontale).Quando cliccate Applica quindi Cancel (o semplicemente Stampa), ritornerete alla finestra di dialogo Layout di pagina e le dimensioni del foglio e i margini esterni saranno relativi alla stampante. Segue una descrizione degli elementi principali della finestra di dialogo: Nel riquadro Impostazione stampante e zoom, tranne che per Pizzicato Principiante, potete specificare un valore di zoom in percentuale, in modo da poter disporre pi misure e righi in una pagina. Selezionando un valore minore di 100, la pagina sullo schermo apparir pi grande, ma verr ridotta opportunamente in fase di stampa. In Pizzicato Principiante, possono essere usati solo due valori: 100% o 85%. Il riquadro Margini indica i margini di stampa. Se volete potete modificarli. Cliccando sul pulsante Margini minimali, i valori vengono impostati su quelli di default della stampante. Il riquadro Aree di stampa serve a definire una o pi aree di stampa sulla pagina, dove Pizzicato pu disporre i sistemi musicali. Eccone i dettagli: Le prime due liste specificano il numero di aree di stampa verticalmente e orizzontalmente. In un

layout standard ambedue i valori sono impostati a 1. Per creare un libretto, per esempio in formato A4, piegato, potete scegliere l'orientamento orizzontale e definire 2 aree orizzontalmente, cos da dividere la pagina in 2 aree. Le due spaziature (in mm) servono a separare due aree consecutive, verticalmente e orizzontalmente. I margini interni definiscono un bordo interno all'area di stampa dove Pizzicato non collocher i sistemi. Quando la casella Visualizza bordi attiva, Pizzicato traccer i bordi delle aree con una linea grigia sottile cos da poter meglio individuare la struttura della pagina, quando ad esempio lavorate su un layout di pagina complesso. La casella di testo successiva serve ad escludere una o pi aree di stampa da misure e sistemi. Scrivete la lista dei numeri delle aree da escludere, separati da virgole. Se volete, per esempio, che le aree 1 e 3 non contengano alcun sistema, scrivete "1,3".Questo sistema pu essere utile se vi servono pagine vuote o solo per il titolo o comunque di solo testo senza musica. Il riquadro Ordine pagine specifica come stampare le aree nelle pagine. Di default, Standard significa che l'ordine sar 1,2,3,4, ... Libretto pu essere usato per stampare due aree per pagina, ambedue i lati, piegata a libretto. L'ordine della pagine sar 4, 1, 2 e 3. Pizzicato lo calcola automaticamente. Per ogni altro caso potete usare la modalit personalizzata e definere l'ordine delle pagine scrivendo nell'apposita area di testo i numeri di pagina separati da virgole. La casella Applica le impostazioni della stampante e delle aree specifica a Pizzicato che deve creare aree e pagine. Se la disabilitate la struttura corrente della pagina non sar modificata. La casella di testo successiva specifica la prima pagina dalla quale saranno applicate le modifiche. Le pagine precedenti non verranno modificate. Il riquadro sinistro specifica varie opzioni che riguardano il modo in cui Pizzicato disporr i sistemi nelle aree di stampa. Di seguito i dettagli. Imposta il numero di misure per sistema a : quando selezionato, determina il numero di misure per sistema. Se disabilitato, Pizzicato stimer questo numero automaticamente, in base alla larghezza delle misure. Imposta il numero di sistemi per pagina a : quando selezionato, la casella di testo corrispondente determina il numero di sistemi per pagina. In Pizzicato Professional e Notazione, potete selezionare la casella Ottimizza sistemi. Pizzicato esclude dal layout di pagina tutti i righi che non contengono note o indicazioni importanti. Tale opzione utile nelle partiture orchestrali, dove accade di frequente che strumenti non eseguono nulla per molte misure. I righi non vengono stampati, riducendo il numero di pagine necessarie. La casella di testo successiva specifica la distanza tra due sistemi consecutivi. Normalmente 8 un valore appropriato La casella di selezione successiva forza Pizzicato a sistemare i righi orizzontalmente nei margini dell'area, in particolare quando modificate le dimensioni delle misure o spostate i sistemi vicini. Selezionando la casella Distribuisci i sistemi nella pagina, Pizzicato dispone i sistemi nella pagina in modo equilibrato. Tale opzione prioritaria rispetto alla distanza tra sistemi definita sopra. Riservate uno spazio (in mm), nella casella di testo successiva, per il titolo di prima pagina. Normalmente 20 un valore appropriato.

I due numeri successivi sono definiti in %. Quando Pizzicato calcola la larghezza dei sistemi in base a quella delle misure, spesso necessario ridurre o ampliare singole misure perch rientrino nei margini di pagina e di area. Questi due numeri specificano il limite di quanto Pizzicato pu ridurre o ampliare le misure. Se desiderate un layout di pagina stretto diminuite i valori. Se preferite un layout di pagina con pi spazio aumentate i valori. Il riquadro Sfondo determina il motivo di sottofondo delle pagine sullo schermo. Esso pu essere bianco (Nessuno sfondo), colorato (cliccate nel piccolo riquadro accanto per scegliere un colore) o un immagine bitmap come motivo (BMP a 24 bits). Potete trovare motivi bitmap nella seguente cartella: Programmi / Pizzicato 3.6 / Data / Bitmaps... Su Mac, il percorso il seguente: Applications / Pizzicato 3.6 / Data / Bitmaps. Le immagini sono visualizzate solo sullo schermo. Sono presenti due pulsanti per validare tale finestra. Il primo Calcola e OK col quale pizzicato salva i parametri e li applica a una nuova pagina. L'altro OK - Nessun calcolo, il quale salva i parametri senza applicarli ad una nuova pagina. Cliccate il primo. La partitura appare in modalit Layout di pagina e mostra il modo in cui Pizzicato dispone misure e righi:

A seconda della stampante usata il layout pu apparire leggermente differente. Sulla palette principale attivate lo strumento . E' lo strumento dei punti di riferimento. Lo

shortcut il tasto con i due punti ":". Quando attivo i margini sono visibili. Per disabilitarlo cliccatelo di nuovo. La pagina completa si presenta come segue:

Lo sfondo bianco rappresenta le dimensioni fisiche del foglio. Il rettangolo rosso mostra i margini della stampante, ovvero l'area nella quale la vostra stampante in grado di stampare. Fuori di questo rettangolo non pu essere stampato nulla, nemmeno se per errore vi disponete un'area di testo o altri simboli. Le dimensioni massime di questo rettangolo sono specifiche per ciascuna stampante. All'interno del rettangolo rosso ne trovate uno verde, il quale mostra i margini definiti per l'area di stampa. E' qui dentro che Pizzicato dispone misure e righi. Le misure sono disposte a partire dalla sommit di quest'area. Quando Pizzicato non pu aggiungere misure sulla destra, continua sotto, ripartendo dal bordo sinistro dell'area, come avviene per il testo.

Menu contestuale della pagina


La prima voce Visualizza ed elenca 6 sotto-voci per determinare il modo in cui visualizzare le pagine: Una pagina - Visualizza una pagina alla volta. Potete usare la scroll-bar di pagina in basso a sinistra per spostarvi da una pagina all'altra. Tutte le pagine orizzontalmente - Pizzicato visualizza tutte le pagine in sequenza. Potete spostarvi con la scroll-bar di pagina o con la barra di scorrimento orizzontale. Oppure cliccate sullo sfondo e trascinate la partitura. La presente modalit quella di default. Tutte le pagine verticalmente - Pizzicato dispone le pagine in sequenza verticale. Potete spostarvi con la scroll-bar di pagina o con la barra di scorrimento verticale.

Un'area - In questo caso e nei due seguenti, Pizzicato visualizza le aree. Normalmente c' un'area per pagina e questa leggermente pi piccola della pagina non avendo margini di stampa. Quando avete un layout di pagina con pi aree, nella presente modalit vengono visualizzate le singole aree. Tutte le aree orizzontalmente - Sono visualizzate tutte le aree in sequenza orizzontale. Tutte le aree verticalmente - Sono visualizzate tutte le aree in sequenza verticale. La voce di menu seccessiva Inserisci. In base alla versione di Pizzicato elencata una o pi voci: Blocco di testo... - Inserisce un blocco di testo nel punto dell'area dove avete cliccato. Vedere la lezione sui blocchi di testo. Immagine... - Potete selezionare un file immagine; attualmente deve essere un file bitmap (BMP) a 24 bit. Quando l'immagine viene visualizzata, potete muoverla o ridimensionarla agendo sull'angolo in basso a destra (se tenete premuto il tasto CTRL l'immagine mantiene la proporzioni). Potete fare doppio-click su di essa per modificare le dimensioni o il file immagine. E' possibile eliminarla premendo il tasto di cancellazione o backspace mentre il cursore del mouse su di essa. Disegno... - Pizzicato apre un editor grafico che vi consente di creare semplici oggetti grafici da inserire nella partitura. Vedere la lezione su editor grafico. Quando il disegno viene visualizzato, potete muoverlo o ridimensionarlo agendo sull'angolo in basso a destra (se tenete premuto il tasto CTRL il disegno mantiene la proporzioni). Potete fare doppio-click su di esso per modificare le dimensioni o il disegno stesso. E' possibile eliminarlo premendo il tasto di cancellazione o backspace mentre il cursore del mouse su di esso. Le voci successive riguardano le pagine: Inserisci una pagina prima di questa - aggiunge una pagina che precede quella corrente (la pagina su cui cliccate). Inserisci una pagina dopo di questa - aggiunge una pagina che segue quella corrente. Setup per questa pagina - apre la seguente finestra di dialogo:

Questa finestra di dialogo serve a modificare il layout solo per le pagine specificate. Potete specificare le impostazioni per la stampante (pu essere anche un'altra stampante, se ad esempio volete una copertina colorata e le altre pagine in bianco e nero), un altro fattore di scala e applicarlo a una o pi pagine. Cancella questa pagina - rimuove la pagina corrente. Le voci successive riguardano le aree di stampa: Formato per quest'area - Se cliccate all'interno di un area, tale voce apre la seguente finestra di dialogo:

Potete modificare le dimensioni e la disposizione dell'area nella pagina e modificare i margini interni. Le modifiche possono essere applicate solo alla pagina corrente, a tutte le pagine simili o a tutte le pagine indistintamente.

Cancella quest'area... - rimuove l'area dalla pagina. Aggiungi un'area - Se cliccate nella pagina ma non dentro un'area, potete aggiungere una nuova area, se c' abbastanza spazio libero. Questa voce usata soprattutto per strutturare liberamente una pagina. L'ultima voce di menu Layout di pagina... la quale apre semplicemente la finestra di dialogo generale sopra descritta.

Modificare il layout di misure e sistemi


I calcoli realizzati da Pizzicato non sempre corrispondono al modo in cui volete disporre le misure nella pagina. Il numero di misure per sistema, il numero di sistemi per pagina e la spaziatura dei sistemi nella pagina possono essere modificati grazie allo strumento "disposizione misure". Similmente, quando lavorate con modelli che hanno layout gi definiti, pu essere utile modificare la disposizione delle misure e dei righi. Usate un valore di zoom 67 o 50% per inquadrare l'intera pagina. Lo strumento "disposizione misure" si trova nella palette principale. Il tasto di scelta

rapida la "D" maiuscola, che agisce direttamente su di una misura senza selezionare lo strumento dalla palette. Posizionate il cursore sulla prima misura del primo sistema della pagina 1 e digitate "D" sulla tastiera. Apparir la seguente finestra di dialogo:

Potete aprire tale finestra cliccando su di una misura (senza una selezione attiva nella partitura) con il tasto destro del mouse (click opzione su Mac). Appare un menu di contesto il quale contiene la voce Impostazione misure e sistemi..., la quale apre la suddetta finestra. Si possono effettuare tre operazioni con tale finestra, simultanee o no. La prima consiste nello specificare il numero di misure contenute in un sistema. Per effettuarla selezionate la casella accanto alla descrizione Misure per sistema e specificate il numero di misure che volete in un sistema. Sotto di essa una scelta multipla determina se volete modificare solo questo sistema, i sistemi della pagina o tutti i sistemi seguenti. Un'altra scelta multipla permette di specificare come Pizzicato adatter le misure esistenti. Questo per ridurre l'impatto sul layout di pagina esistente. E' possibile selezionare la casella di selezione che segue per ricalcolare il layout di queste pagine automaticamente. La successiva operazione possibile, collocata accanto alla descrizione Sistemi per pagina, definire il numero di sistemi per pagina. Potete anche specificare se compiere tale operazione solo per la pagina corrente o anche per le seguenti. Un'altro set di scelte specifica come Pizzicato adatter i sistemi esistenti. Questo per ridurre l'impatto sui layout esistenti. Segue una casella di selezione per ricalcolare il layout di queste pagine automaticamente. La terza operazione possibile, Adatta sistemi e misure, serve a calibrare la disposizione di sistemi e misure sulla pagina corrente e, se possibile, su quelle seguenti. Consideriamo un esempio per ciascuna delle tre operazioni.

Selezionate la prima casella, accanto a Misure per sistema. Una casella di testo vi consente di specificare il numero di misure per sistema. Quando compare la finestra essa visualizza il numero di misure contenute nel sistema dal quale avete aperto la finestra di dialogo. Modificate tale numero. Subito sotto mantenete la scelta predefinita, Solo per questo sistema. Cliccate OK. La partitura visualizza il numero specificato di misure per quel sistema. Le altre misure vengono disposte in conseguenza. Aprite nuovamente la finestra di dialogo sul primo rigo, prima misura. Selezionate la casella Sistemi per pagina. Modificate il numero. Le scelte multiple collocate al di sotto specificano lo scopo di questa operazione. Mantenete la scelta Solo per questa pagina. Cliccate OK. Noterete che i sistemi sono stati adattati secondo le indicazioni specificate. Usate di nuovo lo strumento "disposizione misure" sul primo rigo, prima misura. Selezionate l'operazione Adatta sistemi e misure. Le prime due caselle servono ad evitare che Pizzicato sposti il primo e/o ultimo sistema. Se queste caselle non sono selezionate, Pizzicato ridispone questi sistemi prima di allineare gli altri. E' utile quando disponete un titolo e spostate il primo sistema pi in basso per fare spazio. Poi potete evitare che Pizzcato cambi la posizione del primo sistema per adattare gli altri. Ora selezionate l'opzione Per questa pagina e seguenti. Selezionate la casella Distribuisci i sistemi sulla pagina. Questo equalizza i sistemi nella pagina. Cliccate OK. Osservate i sistemi della prima pagina. Sono disposti a distanze uguali nella pagina. Potete ovviamente sistemare misure e sistemi manualmente, con lo strumento misure e righi, come illustrato in precedenza. Ma le modifiche orizzontali dei sistemi vengono ignorate se selezionata l'opzione aggiustamento automatico dei sistemi nella finestra di dialogo Layout di pagina. Se volete un layout di pagina libero deselezionate tale opzione. Since version 3.6, when you display the marks and margins, you will notice the presence of "+" and "-" blue buttons right to each system, as well as in the bottom of the page. The first may be used to add or remove one measure in the system (the others are shifted accordingly). The buttons below may be used to add or remove one system in the page (the other system are shifted accordingly). These shortcuts are useful to adjust the page layout visually and avoid to open and set parameters in the above dialog box. Dalla versione 3.6, quando visualizzate marcatori e margini, noterete la presenza di bottoni blu "+" e "-" a destra di ciascun sistema, come pure in basso nella pagina. I primi servono ad aggiungere o rimuovere una misura dal sistema (gli altri slittano di conseguenza). I bottoni in basso servono ad aggiungere o rimuovere un sistema dalla pagina (gli altri sistemi slittano di conseguenza). Questi tasti di scelta rapida sono utili per aggiustare il layout di pagina visivamente, evitando di aprire ed impostare i parametri nella finestra di dialogo sopra esposta. One more word of caution. The above dialog moves and rearrange existing measures and staves. It will not create new ones. To create new ones, use the measure and staves tool. Ancora un chiarimento. La finestra di dialogo sopra esposta muove e ridispone misure e righi esistenti. Non ne crea di nuovi. Per crearne di nuovi usate lo strumento misure e righi.

Stampare la partitura
Dopo che il layout della prima pagina realizzato, potete sempre calcolarlo di nuovo modificandone i valori. Per stampare una partitura, selezionete la voce Stampa nel menu File. Appare una finestra di stampa. E' differente per ciascun modello di stampante. La maggior parte delle stampanti vi consente di selezionare il numero di copie e la pagine da stampare (Tutte o Da pag... a pag...). Alcuni modelli consentono la scelta della qualit di stampa. In generale, selezionate una qualit normale. Se notate che le legature e le note appaiono irregolari, incrementate la qualit o la risoluzione (se la stampante lo consente). Cliccate OK e la partitura verr stampata.

Visualizzare o nascondere righi e sistemi


In modalit di pagina, cliccando su di una misura con pulsante destro del mouse (senza misure selezionate nella partitura), il menu di contesto che appare contiene la voce Righi visibili... che apre la finestra di dialogo seguente:

L'esempio riportato sopra una partitura orchestrale (potete aprirla nel menu File, Apri modello..., Orchestra, Sinfonia nr.2 - Beethoven - 1 pagina). Questa finestra usata per determinare per ciascun sistema quali righi siano visibili nella partitura del direttore. Abbiamo mostrato l'opzione, nelle impostazioni di pagina, che gestiva questo automaticamente in base alla presenza o meno di simboli nelle misure. La finestra sopra esposta consente il controllo manuale diretto di questa caratteristica. Ecco come utilizzarla: La lista sulla destra contiene tutti i righi visibili nel sistema e la lista sulla sinistra contiene i righi nascosti (qui nessuno). Per nascondere un rigo, fate doppio-click sulla voce corridpondente nella lista di destra ed essa si sposter a sinistra. Potete anche usare il pulsante "<<<" che sposta nella lista di sinistra la voce selezionata. Per visualizzare un rigo nascosto, fatte doppio-click sulla voce corrispondente nella lista di sinistra ed essa si sposter a destra. Potete usare il pulsante ">>>" che sposta nella lista di destra la voce selezionata. Il pulsante Tutti e Nessuno spostano rispettivamente tutti i righi a destra o a sinistra. Attenzione: per validare con l' OK, deve esserci almeno un rigo visibile nel sistema. Le modifiche apportate possono essere applicate al sistema corrente (quello sulla cui misura avete cliccato per far comparire la finestra di dialogo) o anche a quelle seguenti. La casella Ottimizza sistemi chiede a Pizzicato di calcolare quale rigo mostrare in base ai contenuti. L'ultimo riquadro forza Pizzicato a riorganizzare la pagine in base alle modifiche dei sistemi. Pizzicato pu calcolare o meno le pagine fino alla fine o fino ad una pagina specificata. Potete quindi cliccare su OK per applicare le modifiche alla partitura.

Creazione assistita ed estrazione delle parti


Creazione assistita Estrazione delle parti

Creazione assistita
La creazione assistita vi permette di definire i parametri principali per una nuova partitura. Selezionate la voce Creazione assistita... nel menu File. Appare la seguente finestra di dialogo:

Per potervene servire in modo efficiente, seguite i passi di seguito indicati: Determinate il numero totale di misure della vostra partitura. Inserite tale numero nella casella di testo titolata Numero di misure. Ad esempio, scrivete "32". Selezionate quindi l'indicazione del tempo cliccando sul secondo pulsante Seleziona... La finestra di dialogo apposita vi consente di selezionare, ad esempio, 3/4. La lista contiene di default un singolo strumento. Modificatene i dettagli nel riquadro a destra della lista. Completatelo, ad esempio, come segue: Nome intero: Clarinetto Nome breve: Cl. Chiave: Violino (selezionatela nella finestra di dialogo che appare cliccando sulla chiave) Trasposizione d'ottava: 0 (per trasportare lo strumento di una o pi ottave) Selezionate la casella Strumento traspositore e specificate SI b. Aggiungete nuovi strumenti tramite il pulsante Aggiungi. Per ciascuno di essi specificatene i dettagli come sopra. Aggiungete, ad esempio, i due seguenti strumenti: Organo - Org - Chiave di violino - Trasposizione d'ottava "0" - Strumento traspositore: NO. Contrabbasso - Ctb - Chiave di basso - Trasposizione d'ottava "-1" - Strumento traspositore: NO. I pulsanti Sotto e Sopra consentono di modificare l'ordine degli strumenti. Il pulsante Cancella elimina uno strumento. Di default Pizzicato proporr un determinato layout di pagina per la partitura. Se non vi interessa ora, disabilitate la casella di selezione Calcola setup di pagina. Una volta stabilita la lista degli strumenti, cliccate sul pulsante Crea. Se avete scelto di calcolare il layout di pagina, a questo punto si apre la seguente finestra di dialogo:

Se necessario, modificate i parametri e cliccate su Calcola e OK. Nell'esempio precedente la partitura apparir cos:

Essa ha tre pagine. Potete ora scrivere le note, modificare la partitura ed utilizzare tutti gli strumenti che vorrete. Questa finestra di dialogo semplicemente un modo rapido per creare la struttura della vostra partitura.

Estrazione delle parti


Quando scrivete una partitura per grande orchestra o semplicemente una partitura con molti strumenti, spesso necessario scrivere le partiture separatamente per ciascuno strumento. Si tratta delle parti. Ciascuna di esse viene data ai membri dell'orchestra e contiene solo ci che compete la loro esecuzione. Aprite l'esempio Ex076. La vista principale contiene una partitura chiamata My orchestra. Apritela:

Essa contiene 19 righi differenti. Per estrarre la parte dell'oboe, utilizzate lo strumento "selezione misure" per selezionare il rigo dell'oboe. Quindi, nel menu Edit, selezionate la voce Estrai parti. Appare la seguente finestra di dialogo:

La casella di selezione Raggruppa pause multi-misura permette di raggruppare misure di sole pause consecutive. La casella Giustifica misure chiede a Pizzicato di giustificare le misure, una volta estratta la parte. La casella consecutiva crea automaticamente un layout di pagina adatto per la stampa: La lista di selezione successiva specifica come numerare le misure nelle parti. Selezionate Ciascun sistema. Cliccate OK.

Aprendo la Vista generale dal menu Finestre, potete osservare che essa contiene una nuova partitura chiamata Oboe:

La parte estratta ora una partitura indipendente dalla partitura principale. Potete modificare il layout di pagina se lo desiderate. Tutte le parti estratte rimangono nondimeno associate alla partitura principale e verranno registrate insieme su disco. Da notare che potete selezionare parecchi righi contemporaneamente per estrarli insieme, come nel caso del piano e dell'arpa, entrambi scritti su due righi. Tali righi verranno quindi estratti insieme a costituire una nuova partitura.

Simboli grafici e MIDI


Palette, strumenti e simboli Inserire un simbolo nella partitura Cancellazione di un simbolo Spostare o ridimensionare un simbolo

Palette, strumenti e simboli


In questa lezione vedremo come aggiungere simboli alla partitura. Questi simboli hanno un determinato aspetto, atto a specificare come la partitura deve essere eseguita;ad esempio sfumature, marcatori di tempo, accenti... Inoltre, la maggior parte di questi simboli influiscono sull'esecuzione musicale del vostro sintetizzatore o scheda audio, riproducendo fedelmente gli effetti desiderati. Come certamente avrete notato, il menu Strumenti contiene molte palette di strumenti. Le prime due contengono strumenti per gestire righi, misure, pause e note, oltre a strumenti concepiti per creare o modificare varie caratteristiche della partitura.

Selezionando una voce di questo menu, aprirete la palette corrispondente. Potete quindi scegliere uno strumento o un simbolo da usare nella partitura. Le palette di strumenti a partire dalla terza, contengono simboli grafici e MIDI. Questi simboli sono costituiti da un disegno o da un'area di testo che pu essere associata ad una nota, pausa o misura. Questo avviene nella vista partitura. Si tratta di un indicazione per l'esecuzione o su come bisogna eseguire la partitura. La maggior parte di questi simboli operano direttamente sul sintetizzatore, come li eseguirebbe un musicista. Queste sfumature sono realizzate attraverso la connessione MIDI. Per questo sono chiamate simboli grafici e MIDI. I simboli grafici e MIDI sono raccolti in famiglie nelle varie palette a partire dalla terza. La maniera di aggiungere, spostare, modificare o rimuovere tale simboli comune a tutti. Le caratteristiche sono differenti. Vedremo alcumi esempi. I principi esposti valgono anche per gli altri simboli.

Inserire un simbolo nella partitura


Cominciamo da un nuovo documento e realizzate la partitura ad ottenere:

Nel menu Strumenti, aprite la palette Simboli principali:

Selezionate lo strumento simbolo posto sotto la nota:

. Cliccate sulla testa della nota SOL della seconda misura. Il

Avviate l'ascolto della partitura con la barra spaziatrice. Non appena si arriva alla nota SOL, il sintetizzatore accresce il volume, come richiesto dal simbolo inserito. Nella stessa palette selezionate lo strumento segue: e posizionate il cursore del mouse come

Cliccate e comparir il simbolo del crescendo:

Siccome non avete cliccato su una nota per inserirlo, questo simbolo associato alla misura e non ad una nota, come nel caso precedente. Aprite la Palette Principale. Cliccate sullo strumento . E' il marcatore dei riferimenti. La

partitura adesso appare:

Entrambi i simboli sono contornati da un rettangolo rosso che indica il bordo esterno del simbolo. Questo ci aiuter a spostarlo. Una piccola linea verde connette il simbolo FF alla nota SOL. Questo mostra che il simbolo associato a quella nota, perch per inserirlo avete cliccato su di essa. Il simbolo del crescendo non ha questa linea, il che indica che associato alla misura. Tenete a mente questa differenza, perch importante per la corretta esecuzione degli effetti musicali. Questi marcatori dei riferimenti rosso e verde non verranno stampati. Sullo schermo appaiono solo quando attivo lo strumento relativo. Notate che, al contrario della maggior parte degli altri strumenti, questo pu essere attivato indipendentemente dagli altri. Se cliccate nuovamente su di esso la partitura apparir senza i marcatori dei riferimenti. Il tasto di scelta rapida per questo strumento ":" (due punti). Digitandolo sulla tastiera attiverete il marcatore dei riferimenti. Digitandolo nuovamente sar disabilitato. In generale meglio associare i simboli a note o pause piuttosto che alla misura, almeno per quanto riguarda gli effetti musicali riprodotti dal sintetizzatore. Illustriamo le differenze tra i due casi: Quando spostate una nota associata a un simbolo, il simbolo si muove con essa, quindi rimane "allegato" alla nota. Se cancellate la nota il simbolo associato viene anch'esso cancellato. Quando il simbolo associato ad una nota, il momento esatto di avvio dell'effetto l'avvio della nota stessa. Altrimenti, in base al simbolo, l'inizio o l'inizio della misura, o una stima proporzionale basata sulla posizione del simbolo nella misura. In quest'ultimo caso abbastanza vago perch esso dipende dal contenuto della misura, con il risultato che il momento di avvio dell'effetto sonoro non corrisponde sempre a quanto voluto. Il doppio forte dell'esempio inizia esattamente sulla nota SOL. Il crescendo dell'esempio seguente, non essendo associato ad una nota, inizier in qualche punto non meglio precisato tra le prime due note. Alcuni simboli non sono, per loro stessa natura, associabili ad una nota specifica. E' questo il caso, ad esempio, di un'indicazione di tempo. In questo caso meglio associare tale simbolo alla misura.

Cancellazione di un simbolo
Per cancellare un simbolo deve essere selezionato uno degli strumenti simbolo oppure lo strumento freccia. Posizionate il cursore del mouse sul simbolo del crescendo sulla partitura:

Premete il tasto di cancellazione sulla tastiera. Il simbolo verr eliminato.

Spostare o ridimensionare un simbolo


Deve essere attivo uno degli strumenti simbolo o il simbolo freccia. Cliccate sul doppio forte e muovetelo verso destra e in basso. Il simbolo seguir il vostro movimento:

Rilasciandolo ne fissate la posizione.

Selezionate lo strumento

e cliccate sulla nota DO della prima misura. Otterrete:

Spostatelo un p verso il basso in modo che non sia sovrapposto alla nota. Quando i marcatori dei riferimenti sono visibili, alcuni simboli, come questo, hanno un piccolo quadrato rosso nell'angolo in basso a destra del rettangolo. Questo quadrato serve a ridimensionare il simbolo. Allarghiamo questo simbolo in modo che occupi l'intera larghezza della misura. Cliccate col mouse nel piccolo quadrato e trascinate verso destra. Il simbolo si allarga gradualmente seguendo il vostro movimento:

Rilasciandolo ne fissate le dimensioni. Lo stesso principio vale per modificare l'altezza del simbolo. Trascinate verso il basso o verso l'alto per modificarne l'altezza. Alcuni simboli possono essere ridimensionati in obliquo. E' il caso dei simboli crescendo e decrescendo. Per modificare l'orientamento del simbolo, cliccate tenendo premuto il tasto CTRL e trascinate leggermente verso il basso. Il simbolo viene inclinato seguendo il vostro movimento:

Potete inclinarlo verso l'alto seguendo l'orientamento delle note:

Selezionate lo strumento

e cliccate sul SI della seconda misura:

Le legature costituiscono un caso speciale. Quando i marcatori dei riferimenti sono visibili, tre piccoli quadrati sono disposti alle due estremit e al centro della legatura. Quando trascinate l'estremit sinistra la legatura si sposta. Trascinando l'estremit destra della legatura essa seguir il vostro movimento:

Trascinate la legatura fino al DO basso. Trascinando il quadrato centrale le due estremit restano ferme e modificate l'aspetto della curva:

Di default, dalla versione 3.6, quando cliccate sulla prima nota, il programma vi chieder di cliccare sulla nota finale della legatura e l'aspetto grafico sar aggiustato automaticamente, anche se l'estremit finale della legatura si trover su un altro sistema.

Selezionate lo strumento

e cliccate sul primo DO della terza misura:

Questo simbolo pu essere spostato verticalmente ma fisso orizzontalmente. Esempi Ascoltate gli esempi 55, 56 e 57. Essi utilizzano vari simboli. Ascoltatene la resa sonora osservando i simboli grafici. Queste sequenze sono concepite per un sintetizzatore o una scheda audio con GM (general midi) standard.

Lo strumento testo
Creazione di un blocco di testo Spostare, modificare e cancellare un blocco di testo Aggiungere un titolo / Numeri di pagina

Creazione di un blocco di testo


Spesso utile aggiungere sulla partitura una nota per specificare come eseguire un passaggio o un'azione che l'esecutore deve compiere. Quando costruite il layout di pagina, potete aggiungere un titolo sulla partitura e i numeri di pagina. Tutto questo pu essere fatto con lo strumento testo. Aprite il documento Ex058. Aprite la Palette Principale e selezionate lo strumento dello strumento testo. Posizionate il cursore del mouse sotto la prima misura: . Si tratta

Cliccate. Apparir la seguente finestra di dialogo:

Questa finestra serve a definire le caratteristiche di un nuovo blocco di testo. Scrivete le parole Testo di esempio nella grande area di testo. Esso il testo che apparir sulla partitura. Cliccate sul pulsante Seleziona colore... Una finestra di dialogo vi consente di scegliere un colore. Cliccate nella casellina rossa e poi su OK. Ora cliccate sul pulsante Seleziona font... Apparir la finestra di dialogo per la scelta del font:

La lista a sinistra mostra i vari font disponibili sul vostro computer. Non sar necessariamente la stessa che

vedete nella figura. Selezionate il font Times New Roman. Modificate il corpo, ovvero le dimensioni del carattere sostituendo il "9" con il "12" nella lista a destra. Nella lista degli stili selezionate Grassetto Corsivo. Cliccate OK, ritornando alla finestra precedente. Notate che il testo non cambia aspetto secondo il font selezionato. D'altra parte, in basso (a destra sul Mac) un esempio mostra il colore e l'aspetto grafico relativi alla selezione. La lista a comparsa situata accanto alla parola Giustificazione vi permette di scegliere tra 4 modalit: giustificazione a destra, a sinistra, centrata o sinistra e destra. Quest'ultima usata quando introducete diverse linee di testo. Pizzicato le allineer come richiesto. La scelta multipla in alto a sinistra specifica come sar gestito il blocco di testo. Lasciate la selezione su Misura 1 del rigo 2. Torneremo su questa opzione pi tardi. Cliccate OK. Le prime due misure diventano:

Il blocco di testo viene inserito con il suo angolo in alto a sinistra posizionato dove avete cliccato, con il font e il colore richiesti. Potete usare lo zoom tramite i pulsanti "+" e "-", per modificare il testo pi facilmente. Nella finestra di selezione del font, potete anche selezionare lo script, che specifica il set di caratteri usati, ad esempio Ebraico, Greco o Arabo.

Spostare, modificare e cancellare un blocco di testo


Attivate lo strumento 'marcatori dei riferimenti' digitando il segno ":" sulla tastiera. La misura diviene:

Un rettangolo mostra il profilo del blocco di testo, esattamente come per i simboli. Sia chiaro che non siete obbligati ad usare i marcatori di riferimento per modificare, cancellare o spostare un blocco di testo o i simboli. Li utilizziamo per meglio individuare i blocchi di testo o i simboli. Per spostare, modificare o cancellare un blocco di testo, devono essere attivi lo strumento testo o lo strumento freccia. Trascinate col mouse il blocco di testo, come avreste fatto per un simbolo. Il blocco segue il vostro movimento. Per modificare il testo contenuto nel blocco, fate doppio-click al suo interno. Appare la finestra di dialogo relativa al blocco di testo da modificare. Cliccate OK. Posizionate il cursore leggermente al di sotto del secondo rigo, seconda misura e digitate la lettera "t" minuscola. E' lo shortcut per creare un nuovo blocco di testo. Apparir di nuovo la finestra di dialogo 'testo'. Scrivete il seguente testo, rispettando gli accapo (return): Questo un grazioso piccolo testo che intende mostrare cos' la giustificazione di un blocco di testo nel programma Pizzicato

notate che lo stile e il colore dei caratteri sono gli stessi del blocco precedente. Selezionate la giustificazione Sinistra e destra. Selezionate il colore nero ed il font Times New Roman, Normale, corpo 9. Cliccate OK. La misura diviene:

Potete ora incrementare le dimensioni del blocco di testo trascinando il piccolo riquadro rosso in basso a destra, come per i simboli. Ridimensionatelo ad ottenere il seguente risultato:

Siccome il testo giustificato su entrambi i lati, Pizzicato non tiene conto degli accapo e giustifica il testo secondo la larghezza del blocco. Potete provare da voi stessi i diversi risultati che derivano da un diverso tipo di giustificazione Per cancellare un blocco di testo procedete come per i simboli. Posizionate il cursore del mouse nel blocco di testo e premete il tasto di cancellazione. Il blocco scomparir.

Aggiungere un titolo / Numeri di pagina


I blocchi di testo che abbiamo inserito venivano automaticamente associati alla misura pi vicina al punto dove avevamo cliccato. Quando create un layout di pagina o spostate misure, questi blocchi di testo si spostano con le misure, mantenendo la stessa posizione relativa alla misura cui appartengono. La scelta multipla collocata nella parte superiore della finestra di dialogo vi consente di associare un blocco di testo alla pagina, cos da poter creare un titolo e un numero di pagina. Posizionate il cursore del mouse come segue:

Digitate le lettera "t" minuscola. La parte superiore della finestra di dialogo risulta:

Pizzicato seleziona di default la seconda opzione, la quale indica che il blocco di testo appartiene alla seconda misura del primo rigo. Per un titolo il testo deve essere svincolato dalle misure. Selezionate la prima opzione Su pagina 1. Il blocco sar qundi allegato alla pagina 1 e non si sposter assieme al layout di pagina o ad alcuna misura. Notate che esso non visibile in modalit lineare. La terza opzione serve ad associare il blocco di testo ad un insieme di pagine. E' utile, ad esempio, ai numeri di pagina o alle note di copyright. Nel caso di blocchi associati a pagine, potete specificare se il testo visualizzato su pagine dispari o pari. Per un blocco associato ad una pagina (prima e terza opzione), potete specificare il tipo di blocco con una scelta multipla: Blocco normale: il blocco pu essere spostato su tutta la pagina Testata: la posizione verticale del blocco allineata al margine interno superiore

Pi di pagina: la posizione verticale del blocco allineata al margine interno inferiore L'opzione Non muovere previene dal muovere il blocco di testo, il quale risulta fisso sulla pagina. L'opzione Centra nella pagina fissa la posizione orizzontale del blocco al centro della pagina. Appena sotto, possibile stabilire lo spazio tra le linee per un blocco a pi linee Il pulsante Copia memorizza il blocco di testo con le sue caratteristiche. Dopo di che, quando create un nuovo blocco di testo, il pulsante Incolla vi consente di copiare lo stesso testo con le sue caratteristiche. Scrivete "Titolo della partitura" nell'area grande di testo. Selezionate il font Times New Roman, corpo 16 e selezionate lo stile Grassetto. Cliccate OK. La partitura diviene:

Adesso aggiungiamo il numero di pagina. Posizionate il cursore come illustrato:

e digitate lo shortcut "t" sulla tastiera. Mantenete la terza opzione, Da pagina 1 a pagina X (ultima pagina). Selezionate il font Times New Roman, corpo 10, normale, e selezionate l'opzione Sottolineato. Nell'area di testo principale scrivete "- $1 -". Il testo "$1" specifica a Pizzicato di sostituire questi 2 caratteri con il numero della pagina corrente. Potreste anche scrivere "Pagina $1" o qualunque altra cosa che comprenda le lettere $1. Ogni volta che Pizzicato trova tale gruppo in un blocco di testo, lo sostituisce con il numero corrente di pagina. Cliccate OK e disabilitate i marcatori dei riferimenti. La partitura diviene:

Il segno $ usato per aggiungere un parametro al blocco di testo. Attualmente esistono 3 valori possibili: $1 sostituito dal numero corrente di pagina $2 sostituito dal numero totale di pagine della partitura $3=xx$ un'espressione che non verr visualizzata ma che fissa il numero "xx" della prima pagina. Per esempio, se avete bisogno di numerare le pagine a partire da 11, inserite l'espressione "$3=11$- $1 -" e Pizzicato visualizzer "- 11 -" sulla prima pagina, "- 12 -" sulla seconda, etc. Considerate che questa espressione deve essere inserita all'inizio del blocco di testo, o almeno prima di usare l'espressione "$1". Esercizio Come esercizio, inserite il vostro nome sotto il titolo, leggermente sulla destra. Nell'angolo in alto a sinistra scrivete a caratteri molto piccoli Stampato con Pizzicato.

Barre di divisione e ripetizioni


Modificare le barre di divisione Simulazione di ripetizioni

Modificare le barre di divisione


Avviate Pizzicato ed aprite l'esempio Ex059. La vista partitura contiene le seguenti misure:

Aprite la Palette Principale e selezionate lo strumento barre di divisione misura 5. Si aprir la finestra di dialogo:

. Cliccate nella

E' possibile aprire tale finestra senza usare la palette. Posizionate il cursore del mouse sulla misura e digitate la lettera "R" maiuscola sulla tastiera. Questo shortcut apre direttamente la finestra di dialogo senza attivare lo strumento sulla palette. la parte superiore riguarda l'aspetto grafico. Due liste selezionano il tipo della barra sinistra e destra. Una misura di esempio mostra direttamente l'aspetto grafico. Le scelte disponibili sono:

Graficamente corrispondono - per la barra destra - alle seguenti:

Le due caselle di testo a destra vi consentono di apportare la modifica a pi misure. Potete ad esempio nascondere tutte le barre in una sola volta, selezionando Invisibile per le 2 barre, dalla prima all'ultima misura della partitura. Selezionate Barre sottile + spessa per la barra destra e cliccate OK. Ora aprite la finestra sulla misura 2. Selezionate la voce Ripeti per la barra sinistra e cliccate OK. Aprite nuovamente la finestra sulla misura 3 e selezionate Ripeti per la barra destra. Cliccate OK. La partitura diviene:

Aprite la palette Simboli grafici. Essa contiene 5 simboli usati per completare l'aspetto grafico delle ripetizioni nei casi pi frequenti:

Selezionate il quarto e disponetelo nella terza misura. Cliccando e trascinando questo simbolo in basso a destra, allargatelo a coprire l'intera misura:

Potete attivare i marcatori dei riferimenti per aiutarvi. Posizionate il simbolo successivo nella misura 4 per ottenere infine:

Simulazione di ripetizioni
Finora questi simboli influiscono solo sull'aspetto grafico. Se ascoltate la partitura, udrete semplicemente le 5 misure una dopo l'altra, senza che si tenga conto delle ripetizioni. Aprite la finestra di dialogo delle ripetizioni per la misura 3. Le 10 caselle di testo collocate in basso sono per inserire dei numeri di misura. Ogni misura contiene una specie di tabella. Di default, i 10 numeri sono uguali a "0". Quando Pizzicato esegue la partitura e incontra una misura per cui questi numeri sono diversi da "0", utilizza questi numeri per saltare ad un'altra misura. Se impostate un valore a -1, Pizzicato si fermer eseguendo dopo quella misura. cos possibile fermarsi ovunque nella partitura, non necessariamente all'ultima battura. Quando Pizzicato esegue una misura per la prima volta, viene utilizzato il primo numero per determinare quella successiva. Nel nostro esempio, al primo passaggio, dopo la misura 3, sarebbe necessario tornare alla misura 2 (ripeti) Quindi scrivete "2" nella casella di testo Passaggio 1 e cliccate OK. La sequenza completa dell'esecuzione delle misure dovrebbe essere la seguente: 1-2-3-2-4-5 Al primo passaggio della misura 2 proseguirete con la 3. Alla seconda esecuzione della misura 2 (secondo passaggio) andrete alla misura 4. Aprite la finestra di dialogo delle ripetizioni per la misura 2. Scrivete ad ottenere:

Cliccate OK ed ascoltate la partitura. Pizzicato seguir la sequenza delle misure come sopra indicato. Potete similmente costruire varie ripetizioni. Ciascuna casella di testo specifica il numero della misura che dovr essere eseguita dopo quella corrente, secondo il numero di passaggi gi eseguiti su di essa. Potendo specificare i primi 9 passaggi (il decimo vale a partire dal decimo passaggio e per i successivi), potete creare strutture di ripetizione molto complesse. Perci dovete stabilire per ciascuna misura considerata, la misura successiva da eseguire per ciascun passaggio e scrivere tali numeri nelle finestre di dialogo delle ripetizioni relative a queste misure. Per accertarsi che il sistema delle ripetizioni funzioni correttamente, disabilitate la funzione "loop" nelle opzioni di esecuzione per quella partitura (pulsante "...", dopo i pulsanti Esegui/Registra), altrimenti il loop avr la priorit e potrebbe interferire con la logica fin qui spiegata. Notate che l'aspetto grafico completamente indipendente da quello Midi. Potete cos combinarli come volete. Potete inserire ripetizioni che non vengono visualizzate sulla partitura o inserire simboli di ripetizione che non hanno effetto sull'esecuzione della partitura. Ma non perdete il controllo di ci che fate e agite con logica!

Testi
Inserimento di testi nella partitura Connettere o estendere le sillabe Regolare la posizione delle righe di testo - Nomi delle note Finestra di codifica veloce di testi

Inserimento di testi nella partitura


Quando una melodia viene cantata, ogni sillaba scritta sotto la nota corrispondente. Apprenderemo come inserire, modificare e addattare testi nella partitura. Pizzicato vi consente di inserire testi sulle note di una melodia. Tali testi sono realmente associati alle note, seguendone la disposizione. Si possono inserire fino ad 8 righe di testo su ciascuna nota (versi differenti). Aprite l'esempio Ex060 e scrivete le seguenti misure:

Nella Palette Principale, selezionate lo strumento

. Il tasto di scelta rapida la lettera "p"

minuscola. Cliccate sulla testa della prima nota della prima misura. Un piccolo cursore comincia a lampeggiare proprio sotto la nota:

Inserite del testo con la tastiera ed esso verr centrato rispetto alla nota. Digitate "Hel" sulla tastiera ed otterrete:

Per passare alla nota successiva, premete il tasto tabulatore

sulla tastiera. Il cursore si

sposta sotto la prossima nota. Per tornare alla nota precedente potete usare il tabulatore con il tasto SHIFT. Potete anche cliccare direttamente sulla testa della nota dove volete che il cursore appaia. Inserite il testo come segue:

Per spostarsi da una nota alla successiva va bene anche il tasto Invio. Notate che va bene anche per spostarsi alla misura successiva. Adesso inseriremo un secondo verso sotto il primo. Cliccate sulla prima nota. Il cursore lampeggia sulla destra del testo "Hel". Digitate sulla tastiera il tasto freccia giu. Adesso il cursore lampeggia sotto la prima sillaba:

Il metodo per inserire i testi rimane lo stesso, ma ora vi trovate sulla seconda riga. Completate la partitura come segue:

Potete similmente introdurre fino ad otto versi differenti sulla stessa nota. Per spostarvi da una riga all'altra usate i tasti freccia su e freccia giu. Completate le misure come segue:

I tasti freccia sinistra e freccia destra possono essere usati per spostarsi da una nota all'altra. Per modificare o cancellare una sillaba, cliccate sulla nota e usate i tasti freccia (giu e su) per portarvi sulla riga corretta. Quindi usate il tasto di cancellazione per cancellare e correggere il testo. Ovviamente lo strumento testo deve essere selezionato. Quando spostate una nota, la posizione orizzontale della sillaba automaticamente aggiustata. Succede lo stesso quando giustificate una misura o l'allargate. Cancellando una nota, cancellerete anche il testo associato.

Connettere o estendere le sillabe


Nell'aggiunta dei testi 2 caratteri hanno un ruolo particolare: il segno meno (-) e il sottolineato (_). Il primo usato per collegare due sillabe di una parola e il secondo permette di creare un estensione di una sillaba che deve essere tenuta ad esempio per diverse note. Cominceremo a collegare le sillabe appartenenti a una parola. Posizionate il cursore sulla prima riga della prima sillaba e digitate il segno meno (-). Verr aggiunto un trattino tra le due sillabe:

La posizione del trattino tra le due sillabe regolata automaticamente. Notate che possibile inserire tale segno nel momento in cui introducete il testo. Se desiderate rimuovere il trattino su una sillaba, digitatelo nuovamente. Usando i tasti freccia completate la partitura in modo che le sillabe siano connesse come segue:

Per le 3 sillabe collegate alla nota FA con legatura, creeremo un' estensione. Posizionate il cursore sulla prima linea di questa nota e digitate il carattere sottolineato (_) sulla tastiera. Appare un trattino che inizia dal basso della sillaba:

Fate lo stesso con le altre 2 sillabe collegate alla nota: Sulla Palette Principale, selezionate lo strumento . . Questo strumento usato per

modificare la lunghezza di un'estensione. Cliccate e trascinate partendo dall'estremit destra della linea ed esso si allungher o accorcer seguendo il vostro movimento. Allungate l'estensione della prima sillaba:

Ora allungate le altre due, ad ottenere:

Regolare la posizione delle righe di testo - Nomi delle note


Una volta inserito il testo, potete regolare la posizione delle righe di testo, inipendentemente per ciascuna delle 8 righe. Sulla palette principale selezionate lo strumento . Questo strumento serve a spostare la

posizione di una riga. Posizionate il cursore del mouse sulla prima sillaba della prima nota. Cliccate e trascinate verso il basso. Le sillabe collocate sotto si muovono insieme. Quando rilasciate il pulsante del mouse, le posizioni sono risistemate nell'intera partitura:

Le righe collocate sotto quella spostata si muovono sempre insieme. Trascinate ora la seconda linea in basso, ad ottenere:

Questo strumento vi consente di regolare la posizione verticale delle righe di testo. Nei due esempi precedenti, la posizione della riga veniva modificata nell'intera partitura. A volte utile regolare questa posizione solo per un pentagramma, solo per una misura o anche solo per una nota. Ecco come procedere: Tenendo premuto il tasto SHIFT, spostate la terza sillaba della prima nota verso il basso. Si spostano solo le sillabe della misura interessata:

Tenendo premuto il tasto Control mentre vi muovete, potete spostare le sillabe di un pentagramma senza interessare gli altri sistemi della partitura. Tenendo premuti insieme i tasti SHIFT e Control, muovete la quarta sillaba della prima nota verso il basso. E' interessata solo questa sillaba:

E' anche possibile regolare in maniera globale la posizione dei testi. Fate nel modo seguente: Selezionate una misura Nel menu Modifica, selezionate la voce Regola testi... Appare la seguente finestra di dialogo:

Potete selezionare le righe da regolare. Il riferimento per lo spostamento pu essere la prima sillaba della misura selezionata. Gli altri testi saranno allineati al primo. O potete chiedere di impostare l'altezza di default. Questa funzione utile quando avete lavorato le varie voci e volete equalizzarle tutte insieme. Nello stesso menu Modifica, troverete una voce chiamata Nome delle note come testo. Automaticamente verr posto il nome delle note (DO, RE,...) come testo corrispondente. Per gli accordi verranno usate diverse righe di testo.

Finestra di codifica veloce di testi


Nel menu Finestre, selezionate la voce Testi. Appare la seguente finestra di dialogo:

Questa finestra consente di codificare o modificare i testi in un area di testo per un intero verso. La regola di codifica che ogni spazio, segno meno o Invio corrisponde a un passaggio alla nota successiva. L'assenza di una sillaba per una nota rappresentata dal segno asterisco (*). Il simbolo di sottolineatura (_) usato per creare uno spazio nel testo, il che utile se dovete disporre molti testi sotto la stessa nota. Scrivendo ad esempio "Ta_te_ti" nell'area di testo, le tre sillabe saranno associate alla stessa nota e sulla partitura vedrete "Ta te ti" sotto la nota corrispondente. Se usate il simbolo dell'uguale (=) alla fine di un testo (ad esempio "Ta="), esso specifica che il testo verr scritto con un segno di estensione (la cui lunghezza pu essere regolata con lo strumento sopra descritto). Se volete usare il segno dell'uguale in una sillaba, fatelo precedere dal carattere '\'. Il segno meno '-' considerato un separatore di sillabe e forza il testo a continuare sulla prossima nota. Comunque, se volete che questo segno appaia con il testo di una singola nota, fatelo precedere dal carattere '\'. Il testo "Give\-us" verr considerato come testo di una nota e verr visualizzato " Gve-us" sotto una singola nota nella partitura. Il menu Linea seleziona la linea sulla quale lavorare e il menu Rigo seleziona il rigo (qui ce n' uno solo). Selezionate successivamente le linee 2,3,4 e 5. Vedrete i testi inseriti precedentemente. La quinta linea si presenta come segue:

C' un asterisco per nota. Sostituite questo testo, ad ottenere:

Notate che quando modificate il testo, i primi due menu vengono disabilitati. Cliccate il pulsante Applica per validare le modifiche della linea corrente. I menu sono di nuovo abilitati. Nell'angolo in alto a destra della finestra, due pulsanti servono per selezionare il colore e i font di caratteri usari per la linea corrente di testo e pentagramma. Questi valori possono essere diversi per ciascuna delle 8 linee di testo e per ciascun pentagramma nella partitura. Se cliccate OK la partitura conterr una linea di testo in pi:

La finestra di dialogo consigliata per la codifica dei testi. Essa vi consente di far slittare facilmente i testi di una o pi sillabe. Inoltre con il copia/incolla di Windows, potete facilmente duplicare un verso intero da una linea ad un'altra. Dalla versione 3.5.3, due pulsanti "+" e "-" sono usati per lo zoom, cos da poter editare il testo in una dimensione adeguata. Potete anche specificare la scrittura nella finestra di dialogo di selezione del font, il quale specifica il set di caratteri usati per rappresentare il testo, come Ebraico, Greco o Arabo. Dalla versione 3.6, potete anche selezionare l'allineamento centrato, a sinistra o a destra dei testi, con la lista vicina ai pulsanti "+" e "-".

Lo strumento accordo
Aggiungere, spostare e cancellare accordi sulla partitura Disposizione globale degli accordi Conversione degli accordi in note

Aggiungere, spostare e cancellare accordi sulla partitura


Abbiamo visto che Pizzicato mette a disposizione una libreria di accordi. Per inserire un accordo nella partitura, utilizzate lo strumento accordo: .

Create un nuovo documento e selezionate tale strumento nella palette principale. Posizionate il mouse come segue:

Cliccate. Comparir la finestra di dialogo per la selezione di accordi:

Potete specificare tutti i dettagli dell'accordo come desiderate. Esaminiamo le varie parti:

La prima riga specifica la tonica dell'accordo: DO, RE,...SI. Pu essere incluso il bemolle o il diesis selezionando la relativa icona. La tabella sottostante seleziona il tipo di accordo. Essa contiene tutti i tipi di accordo presenti nella libreria, come abbiamo detto. L'ultimo "+++", disponibile solo in Pizzicato Pro. Serve a definire un accordo personalizzato. La casella Basso attiva ci che si dice basso alternativo: la nota pi bassa, intesa come basso. Essa pu anche essere estranea all'accordo. Per specificare il basso, selezionate una nota sulla destra, con o senza alterazione. Progressivamente, con le vostre selezioni (nota, accordo, basso) il nome completo dell'accordo appare nella casella di testo Nome accordo. Il riquadro in basso specifica il momento ritmico in cui l'accordo diviene effettivo nella misura. Una lista seleziona il tempo nella misura e una casella di testo aggiunge una frazione di un tempo (in unit 1/4 equivale a 480 unit). Sulla destra visualizzato il diagramma dell'accordo per chitarra. Vedere la lezione strumenti per chitarra per ulteriori informazioni. Cliccate OK. La partitura diviene:

L'accordo stato inserito nella partitura. Cliccate alla sua destra. Aggiungiamo l'accordo di FA Maj7 col Do al basso. Nella finestra selezionate:

Siate sicuri che il tempo di inizio sia il terzo (nella finestra in basso) quindi cliccate OK. La partitura diviene:

Per modificare un accordo, fate doppio click su di esso. Riappare la finestra di dialogo per la modifica. Attivando i marcatori dei riferimenti (shortcut ":"), gli accordi vengono evidenziati da un rettangolo rosso:

Utilizzando lo strumento accordo, completate la partitura, ad ottenere:

Potete spostare lievemente un accordo nella misura, orizzontalmente o verticalmente. Lo spostamento verticale avviene contemporaneamente per tutti gli accordi, affinch rimangano alla stessa altezza. Se spostate un accordo usando i talti CTRL e SHIFT otterrete i seguenti risultati: SHIFT: si spostano solo gli accordi appartenenti alla stessa misura Control: si spostano solo gli accordi appartenenti allo stesso rigo SHIFT e Control: si sposta solo l'accordo trascinato Per cancellare un accordo, posizionate il mouse su di esso ed usate il tasto di cancellazione.

Disposizione globale degli accordi


Una volta inseriti gli accordi pu essere utile aggiustarne la disposizione. Attivate lo strumento selezione e selezionate il primo rigo:

Nel menu Modifica, selezionate Accordi quindi Aggiusta disposizione accordi. Apparir la seguente finestra di dialogo:

Potete selezionare il tipo di aggiustamento. Cliccate OK. In questo esempio non ci sono note sul rigo. Quando queste sono presenti, la funzione di aggiustamento allinea gli accordi alle le note (disposizione orizzontale).

Conversione degli accordi in note


Se avete una serie di accordi, Pizzicato pu trasformarli in note nelle misure. Selezionate il primo rigo come sopra. Nel menu Modifica, selezionate Accordi... quindi Converti accordi in note... Apparir la seguente finestra di dialogo:

Le diverse opzioni determineranno il modo in cui Pizzicato generer le note: L'intervallo fissa i limiti entro i quali le note saranno generate. Le due liste selezionano rispettivamente la nota pi alta e quella pi bassa. Appena sotto, scegliete le note, in termini di intervalli dell'accordo, che possono essere generate. I pulsanti Tutti e Nessuno consente la selezione e deselezione simultanea di tutti gli intervalli. Il riquadro Ritmi generati determina i valori ritmici da usare. La prima opzione tiene lo stesso accordo per tutta la sua durata. In altre parole, l'accordo viene eseguito solo all'inizio e tenuto fino all'accordo successivo. La seconda opzione specifica una durata regolare. L'accordo verr ripetuto in base al valore specificato. L'ultima opzione selezionabile solo quando esiste una cella ritmica nel documento. In questo caso potete allineare l'esecuzione dell'accordo al pattern della cella ritmica. Per maggiori informazioni vedere la lezione sulle librerie per la composizione - celle ritmiche. Il riquadro Parametri regola la durata delle note. Di default 100%, ogni nota tenuta per l'intera durata. Se indicate 50% e la durata delle note e di 1/4 le note saranno eseguite come ottavi alternati a pause di ottavo. Appena sotto potete selezionare il numero massimo di note per ogni accordo. Il terzo parametro indica la distanza minima consentita tra due note (dello stesso accordo). Cliccate OK. La partitura diviene:

Ora selezionate il secondo rigo, ad ottenere:

Aprite nuovamente la finestra di dialogo di cui sopra e selezionate le opzione come illustrato:

Vogliamo ottenere un basso generato per ogni movimento. Cliccate OK ed ascoltate il risultato:

Questa funzione pu essere usata per generare melodie che seguono una progressione di accordi. Potete combinare tutte le opzioni della finestra di dialogo per generare facilmente degli accompagnamenti. Vi consigliamo di sperimentare personalmente le numerose possibilit.

La finestra progressione accordi


Codifica rapida e visualizzazione degli accordi

Codifica rapida e visualizzazione degli accordi


Pizzicato Professional possiede una finestra con l'accesso diretto a tutti gli accordi della partitura. Essa viene usata per codificare rapidamente e visivamente una sequenza di accordi. Iniziate con un nuovo documento e selezionate la voce Progressione accordi... nel menu Finestre. Appare la seguente finestra di dialogo:

La parte superiore rappresenta le misure, numerate a partire da 1. Una barra di scorrimento orizzontale permette di visualizzare tutte le misure. A destra di tale barra, due piccoli pulsanti - e + permettono di variare la larghezza delle misure in modo da poterne vedere di pi o di meno in una volta. Per aggiungere l'accordo di DO Maggiore su due tempi, fate come segue: Nella parte centrale della finestra, selezionate la durata di 2 beat (tempi). Cliccate sul pulsante Aggiungi e la progressione accordi diviene:

L'accordo di DO selezionato (in nero). E' la posizione corrente nella progressione. Cliccate di nuovo su Aggiungi ed otterrete:

Un secondo accordo aggiunto di seguito. La durata anche di due beat ed selezionato. La posizione corrente incrementata con l'aggiunta di un accordo. I dettagli dell'accordo selezionato sono visualizzati nella parte sinistra della finestra. Modifichiamo, ad esempio, questo accordo in FA Maj7 con DO al basso. Fate come segue: Selezionate la nota FA, sotto la progressione (titolato Nota radice) Nella tabella degli accordi, selezionate l'accordo Maj7. Selezionate la casella Basso e la nota DO sulla destra Cliccate il pulsante Modifica. La progressione diviene:

Se selezionate la casella Aggiornamento automatico, l'accordo corrente della progressione cambia direttamente mentre modificate la nota, l'accordo o il basso. In questa lezione non selezionatelo. Adesso aggiungete un accordo di RE di 4 beat: Cliccate sulla nota RE Selezionate il primo tipo di accordo nella tabella (quello vuoto) Disabilitate la casella Basso Impostate la durata a 4 beat Cliccate su Aggiungi. La progressione diviene:

Aggiungete in modo analogo un accordo di SOL di 4 beat quindi un SOL 7 di 2 beat. Avremo:

La durata di un accordo facilmente modificabile. Potete allungare o accorciare un acccordo cliccando e trascinando il suo bordo destro. Spostate, ad esempio, il bordo destro dell'accordo SOL e portatelo al secondo riferimento rosso della terza misura (i riferimenti rossi mostrano i beat delle misure). La progressione diviene:

Da notare che l'accordo sulla destra (SOL 7) si sposta automaticamente. Questo avviene per tutti gli accordi successivi a quello di cui si modifica la durata. Cliccando su di un accordo della progressione, esso viene selezionato. Potete quindi modificarlo come sopra descritto. Per inserire un DO di 4 beat prima dell'accordo di RE, procedete come segue: Cliccate sull'accordo di RE per selezionarlo Selezionate il DO e il primo tipo di accordo nella tabella (quello vuoto) Selezionate la durata di 4 beat Cliccate sul pulsante Inserisci. Gli accordi che seguono slittano in avanti e la progressione diviene:

Per rimuovere un accordo, selezionatelo e cliccate su Cancella. L'accordo scompare. Se ci sono uno o pi accordi a seguire, questi mantengono la loro posizione, ma se c' un accordo che precede, esso si allunga fino a coprire lo spazio dell'accordo cancellato. Potete aggiungere accordi anche in modalit testo. Aggiungeremo, ad esempio, gli accordi FA, DO Min e SOL#6 alla progressione. Fate come segue: Cliccate sull'ultimo accordo (SOL7) Nella casella di testo Nome accordo, scrivete il testo F Cliccate sul pulsante Aggiungi (oppure premete il tasto ENTER, in quanto questo tasto il pulsante di default) Nella casella di testo scrivete DO Min quindi premete il tasto ENTER. Nella casella di testo scrivete SOL#6 quindi premete il tasto ENTER. Come vedete questo un modo rapido per inserire una progressione di accordi. La progressione diviene:

Cliccate OK. A questo punto la partitura non visualizza automaticamente le sigle degli accordi. Finora avete semplicemente associato una progressione di accordi alla partitura. Ora potete utilizzarla grazie al menu Accordi... che si trova nel menu Edit. Con lo strumento di selezione, selezionate il primo rigo della partitura. Nel menu Edit... Accordi, selezionate la voce Posiziona i simboli degli accordi. La partitura diviene:

Pizzicato ha creato e posizionato le sigle degli accordi sul rigo selezionato. Notate che la progressione di accordi associata a tutti i righi della partitura. Avreste potuto fare lo stesso sul secondo rigo. Una volta che gli accordi sono codificati, sia con la finestra progressione accordi o con lo strumento accordi, il risultato lo stesso. Potete indifferentemente modificarli facendo doppio-click su un determinato accordo o chiamando la finestra trattata in questa lezione. Similmente potete trasformare gli accordi in note, come visto nella lezione precedente. La casella di selezione "Aggiorna sigle accordi nella partitura" abilita Pizzicato a controllare tutte le sigle degli accordi nella partitura e aggiornarle automaticamente dopo la validazione della finestra. Le ultime tre opzioni riguardano l'arrangiatore di partitura. Esse saranno spiegate nella lezione sull'arrangiatore. Sulla parte destra di questa finestra di dialogo, potete osservare che appare il diagramma accordo per chitarra quando selezionate un accordo. Potete cliccare su Compila gli schemi per chiedere a Pizzicato di trovare diagrammi per ciascuna accordo della progressione. Quando cliccate sul riquadro del diagramma, potete selezionare un diagramma dalla libreria. Vedere anche la lezione sugli strumenti per chitarra

Analisi e ricerca degli accordi


Analizzare gli accordi nella partitura Ricerca di accordi per la melodia

Analizzare gli accordi nella partitura


Pizzicato consente di analizzare gli accordi nella partitura, ovvero evidenziare il nome ed il tipo di accordi sottintesi dalle note contenute. Aprite l'esempio Ex072. Abbiamo la seguente partitura:

Selezionate, con lo strumento di selezione misure, le 4 misure di ambedue i righi. Nel menu Edit selezionate la voce Accordi... quindi Analisi accordi... Appare la seguente finestra di dialogo:

Tale finestra vi consente di specificare il modo in cui Pizzicato analizzer gli accordi: Il riquadro Analisi determina la durata dell'unit di analisi. Di defualt tale valore la minima (2/2) il che significa che Pizzicato evidenzier due accordi per misura. La scelta successiva, Ogni misura, determiner l'estrazione di un accordo per misura. La scelta successiva esegue l'analisi per ciascuna nota del rigo (ad esempio una linea di basso o una melodia). Tre opzioni determinano gli accordi da utilizzare. La prima opzione vi da accesso ad una finestra di dialogo per la selezione individuale degli accordi. La seconda opzione prende in considerazione tutti gli accordi della libreria. La terza opzione filtra la selezione in base al numero di note nell'accordo. Di default, Pizzicato utilizza gli accordi della libreria che hanno tra le 3 e le 4 note. La Minima somiglianza accordo stabilisce il livello di precisione usato per generare la progressione di accordi. Maggiore tale valore (in percentuale), maggiore sar la precisione di Pizzicato e quindi la restrizione dei criteri di selezione. Il pulsante Righi inclusi... apre una finestra di dialogo per selezionare i righi da considerare per l'analisi degli accordi. Di default sono attivi i rigni selezionati, ma potete modificarli (ad esempio per escludere un rigo di percussioni). La casella di selezione Tieni in considerazione il basso, tiene conto del basso se l'accordo non nella sua posizione fondamentale (basso nelle sigle degli accordi). Cliccate OK. Appare la seguente finestra di dialogo:

In questa fase Pizzicato compie una prima analisi e vi propone di scegliere una tonalit come principale. Nella prima lista, selezionate DO maggiore. Non siete obbligati a sceglierne una dalla lista. La casella di selezione sotto, aggiunge automaticamente le sigle degli accordi su uno dei righi. Selezionatela. Potete chiedere a Pizzicato di generare le note degli accordi analizzati, su un dato rigo. La useremo pi avanti. Il riquadro in basso vi da il controllo sui possibili risultati dell'analisi. Nella finestra precedente, avevamo stabilito un livello di precisione. Tutti gli accordi che soddisfano tale livello, comparato ai contenuti dell'analisi, sono potenziali candidati. Per ciascuno calcolata una quota di corrispondenza (in %). Se Pizzicato trova un solo possibile accordo per ciasuna cella analizzata, esso avr globalmente una sola progressione che soddisfa il livello di precisione impostato.Ci pu accadere se fissate il criterio di analisi molto in alto (il 100% di somiglianza limita in modo estremo i possibili accordi da usare). Nella maggior parte dei casi sono possibili molti accordi per ciascuna misura o cella di analisi. Queste possibilit si combinano insieme per generare rapidamente molte possibili progressioni. Nel nostro esempio abbiamo 4 misure con 2 celle di analisi per misura, ovvero una progressione di 8 possibili accordi. Se Pizzicato trova, ad esempio, tre possibilit per ciascun accordo, questo ci da 3x3x3x3x3x3x3x3 ovvero 6561 possibili progressioni, in teoria! In pratica Pizzicato si ferma alle prime 999 possibilit. Per far decrescere tale numero, potete forzare una o pi note comuni tra due accordi

consecutivi (lista di selezione nella finestra in basso). Per sapere il numero di possibilit, cliccate su Calcola... Nel nostro caso ne ottenete 999. Ce ne sono probabilmente di pi, ma Pizzicato si ferma qui. Il cursore Selezione serve a selezionare una progressione tra questo insieme di possibilit. La prima sar normalmente quella pi vicina alla ottimale e le altre saranno alternative che nondimeno rispettano la precisione richiesta di somoglianza. Cliccate OK e la partitura diviene:

Fatta la prima analisi, potete ora modificare la progressione con facilit, o globalmente o per accordi singoli. Nella palette principale attivate lo strumento accordi oppure lo strumento freccia (ESC). Cliccate-destro (Option-click su Mac) sul primo accordo di DO. Appare il menu di contesto:

Pizzicato mostra una lista di 5 accordi che soddisfano il livello di precisione della similitudine specificato durante l'analisi. E' selezionato l'accordo correntemente usato. Potete selezionarne un altro. Essi sono classificati per grado di similitudine (% tra le parentesi). Se selezionate la voce Analisi tonale, avrete la precedente finestra di dialogo e potete selezionare un'altra progressione di accordi. Questa scelta influisce su tutti gli accordi interessati dall'analisi (in questo caso 4 misure complete). Potete testare molte diverse progressioni. Cliccate su Analisi tonale... quindi Calcola... e selezionate una scelta a caso con il cursore. Cliccate OK. La progressione di accordi cambia.

Ricerca di accordi per la melodia


Nell'esempio precedente i contenuti musicali della partitura impongono gi il colore e il tipo di accordo, anche se sono possibili delle alternative, per esempio qundo Pizzicato propone un accordo di 4 note (noi avevamo accettato accordi di 3 o 4 note) dove la cella ne contiene solo 3. Lo stesso principio pu essere applicato per trovare una progressione che inizia con un solo rigo contenente una melodia o un basso. Aprite l'esempio Ex073 e selezionate il rigo di basso per 9 misure:

Nel menu Edit, selezionate la voce Accordi... quindi Analisi accordi... Nella finestra di dialogo scegliete le seguenti opzioni:

Cliccate OK. Nella finestra di dialogo successiva scegliete le seguenti opzioni:

Cliccate OK. Avendo scelto di convertire gli accordi in note sul primo rigo, appare la finestra di dialogo per la conversione in note. Scegliete le seguenti opzioni:

Cliccate OK. La partitura diviene:

Ascolatate il risultato. Potete ora ascoltare misura per misura e modificare gli accordi selezionati, uno per uno o con un analisi globale, esattamente come prima. Se non sapete molto bene come creare gli accordi, questo sistema vi da una prima opportunit. Potete ascoltare la sequenza e modificando gli accordi suggeriti, selezionate quelli che preferite. Mentre procedete le note generate sul primo rigo vengono modificate in base all'accordo selezionato. Potete dunque scegliere gli accrodi in modo intuitivo grazie all'ampia scelta degli accordi preselezionati. Vediamo un esempio con una melodia. Aprite l'esempio Ex074.piz e fate come segue: Selezionate il primo rigo Selezionate l'analisi accordi Fissate la similitudine al 100% e disabilitate Tieni in considerazione il basso Cliccate OK Selezionate scala centrale SOL Maggiore Attivate Disponi i simboli degli accordi sul rigo 1 Attivate Converti gli accordi in note sul rigo 2 Cliccate OK e di nuovo OK. Selezionate tutte le misure e giustificatele. La partitura divene:

Ascoltate gli accordi suggeriti. Non la versione pi comune... ma se non altro non sembra troppo brutta! Potete ora testare altre progressioni, modificare uno o pi accordi finch l'arrangiamento non di vostro gusto.. Quando componete una melodia, questo strumento vi aiuta a trovare gli accordi che potrebbero accompagnarla. E' uno strumento di composizione.

La vista effetti musicali


Effetti musicali La vista effetti musicali Modificare gli effetti dei simboli Creazione di effetti musicali liberi

Effetti musicali
Pizzicato vi permette di arricchire l'esecuzione della partitura con svariati effetti musicali trasmessi alla scheda audio o al sintetizzatore sotto forma di messaggi MIDI. I principali effetti sono: Velocity: la forza di percussione dei tasti su una tastiera musicale. La velocity influisce direttamente sull'intensit della nota. I simboli delle sfumature agiscono sulla velocity per produrre, ad esempio, il Piano e il Forte. Sappiate che un sintetizzatore pu anche influire sul suono tramite la velocity. Il tasto di un pianoforte colpito con delicatezza e amplificato dagli altoparlanti potrebbe infatti avere un colore diverso dallo stesso tasto colpito con forza, anche se i due suoni dovessero avere lo stesso

volume di suono. La velocity dunque sfruttata dai buoni sintetizzatori per aumentare il realismo del suono. Notate che solo la velocity agisce quando viene suonata una nota. Una volta che la nota iniziata non pi possibile agire sulla velocity. L'infirmazione relativa alla velocity parte del messaggio MIDI di esecuzione di una nota. Un crescendo applicato a due note in sequenza agendo sulla velocity ha senso, ma applicato ad una sola nota lunga non ha alcun senso perch non c' modo di agire sulla velocity dopo che la nota stata suonata. Volume: il livello di amplificazione del suono generato. Agisce come se cambiaste il volume con la manopola del vostro HI-FI. Questa regolazione pu essere fatta separatamente per ogni strumento, come la maggior parte delle altre regolazioni. Contrariamente alla velocity il volume pu essere regolato in ogni istante. Potete quindi eseguire un crescendo di volume su una nota continua, senza problemi (ad esempio su di una semibreve). La forza di suono risultante da una nota quindi la combinazione di velocity e volume. Questo va sempre tenuto a mente. Tempo: determina la velocit di esecuzione delle misure. Pu essere modificato in ogni momento e agisce su tutti i righi contemporaneamente. Durata: un parametro introdotto da Pizzicato, perch non direttamente espresso in messaggio MIDI. In Pizzicato un parametro che influisce sull'esecuzione delle note di una partitura. Un valore del 100% implica che la nota eseguita nella totalit della sua durata (1/4, 1/8, etc...). Un valore del 50% riduce la durata della nota a met del suo valore nominale. E il caso, ad esempio, di uno Staccato. Start: in modo simile, questo parametro permette di slittare leggermente il momento d'attacco delle note, creando un ritardo o un lieve anticipo nell'esecuzione. Controller MIDI: sono numerosi e ciascuno di essi produce un effetto specifico nell'esecuzione. Volume un controller MIDI. Gli altri controller MIDI principali sono il balance (posizione stereofonica nello spazio), la modulazione (vibrato), il livello di riverbero, il livello di chorus, il pedale del piano, il portamento (tipo di glissando). Pitch bend: Distorce, modificandola durante la sua esecuzione, l'intonazione della nota. Tale effetto pu essere usato per creare Glissando realistici, quarti di tono, effetti speciali, etc... In Pizzicato ci sono due fonti per questi effetti, ed importante differenziarli bene. La prima fonte di effetti musicali sono le impostazioni nella vista strumenti e l'insieme dei simboli collocati nella partitura. Fissando, ad esempio, il volume degli strumenti nella vista strumenti, determinate il volume di partenza della partitura. Quindi, se collocate simboli di crescendo e decrescendo del volume (simboli blu) nel rigo, Pizzicato modifica il volume seguendo le vostre direttive. I messaggi MIDI sono generati da Pizzicato quando prepara l'esecuzione delle misure e trova dei simboli che influiscono sul volume. Se modificate un crescendo, tali effetti MIDI vengono rimossi e nuovamente generati. La seconda fonte di effetti musicali sono le tracce MIDI associate alla misure. Ogni misura contiene una traccia MIDI contenente le informazioni MIDI associate alla misura stessa, informazioni che vengono inviate al sintetizzatore durante l'esecuzione di tale misura. Gli effetti prodotti dalle funzioni di modifica dei dati sono assiciate alle tracce MIDI. E' la stessa cosa quando importate un file MIDI e quel file contiene degli effetti MIDI. Questi effetti sono importati nella traccia delle misure. Funziona allo stesso modo di quando registrate in tempo reale. Queste due fonti di effetti sono indipendenti e quindi si sommano durante l'esecuzione. A seconda delle vostre preferenze, potete usarle ambedue. Ma a volte pu essere utile essere in grado di selezionare esplicitamente la fonte degli effetti e disabilitare l'altra. Ad esempio, le velocity delle note introdotte con la tastiera in tempo reale sono conservate nelle tracce MIDI. Se aggiungete sfumature, Pizzicato ha molti modi di eseguire la partitura: deve rispettare la vostra esecuzione originale, usare le sfumature che trova nella partitura o combinare le due cose? Pizzicato versione 2 suggeriva una soluzione combinata (che sempre possibile). La versione 3 permette di disabilitare/attivare l'esecuzione dei vari effetti per una data partitura.

Per specificare gli effetti da suonare, cliccate sul pulsante "..." della partitura, vicino al registratore. Nella finestra di dialogo che si apre, cliccate il pulsante Esecuzione effetti... Appare la seguente finestra di dialogo:

Per ciascun effetto musicale potete abilitare o disabilitare la fonte MIDI e/o la fonte dei simboli. Quattro pulsanti vi consentono la selezione complessiva delle caselle. Quindi potete validare cliccando OK. Queste scelte verranno applicate a tutti i righi della partitura.

La vista effetti musicali


E' stata disegnata la vista "effetti musicali" per visualizzare e modificare gli effetti: Aprite l'esempio Ex079. La partitura mostra:

Iniziate ad ascoltare la partitura. Noterete che Pizzicato esegue i vari simboli. Aprite la vista effetti musicali attraverso il menu Finestre, Effetti musicali (shortcut: CTRL+E o apple+E su Mac). Appare la seguente finestra:

Questa vista vi permette di visualizzare e modificare il modo in cui un effetto si sviluppa sul rigo. Se necessario potete aprire diverse viste per visualizzare comtemporaneamente pi effetti e righi. I pulsanti H- e H+ vi consentono di regolare lo zoom orizzontale. Cliccate ad esempio su H+ ed avrete:

Se modificate le dimensioni della finestra, la zona centrale aumenta o diminuisce di dimensione, il che vi permette di modificare lo zoom verticale. La prima lista di selezione nella barra degli strumenti serve a selezionare il rigo per il quale visualizzato l'effetto. Qui selezionato il rigo "1". I tre strumenti successivi per permettono di modificare gli effetti, li vedremo in seguito.

I due pulsanti successivi, e sono attivi di default. Il primo vi consente di visualizzare e modificare l'effetto musicale relativo alla traccia MIDI. Il secondo vi consente di visualizzare e modificare l'effetto musicale associato ai simboli sulla partitura. Disabilitate, ad esempio, il secondo , avrete:

La partitura non contiene effetti nella traccia MIDI ma effetti prodotti dai simboli. I sei pulsanti successivi visualizzano l'effetto tra volume, velocity, tempo, durata, modulazione (vibrato) e riverbero. La lista di selezione successiva contiene la lista di tutti gli effetti cos da poter

selezionare anche gli altri. Cliccate sul pulsante Tem e riattivate il pulsante . Adesso dovreste visualizzare le variazioni di tempo prodotte dai simboli Accel... e Rit... nella partitura:

Le caselle di selezione M ed S abilitano o disabilitano l'esecuzione dell'effetto corrente relativo alla traccia MIDI (M) e/o gli effetti derivanti dai simboli (S). Il pulsante "..." apre la finestra di dialogo vista prima, per abilitare/disabilitare l'azione di ciascun effetto delle tracce o dei simboli. La parte principale della finestra contiene le seguenti aree: Appena sotto la barra degli strumenti vi sono i numeri delle misure. La zona centrale mostra lo sviluppo dell'effetto selezionato. La banda di colore continua mostra che l'effetto mantenuto ad un valore e le linee verticali colorate indicano il momento specifico in cui il valore dell'effetto viene modificato e inviato al sintetizzatore durante l'esecuzione. La zona in basso contiene una linea orizzontale che rappresenta le note del presente rigo. La linea da l'idea di una linea melodica, in modo da poterla associare pi facilmente alla curva dell'effetto da regolare.

Modificare gli effetti dei simboli


Questa vista vi consente di regolare visivamente l'effetto prodotto dai simboli sulla partitura. Visualizzate la velocity del rigo 3:

Tale rigo contiene 3 simboli: una sfumatura (Piano), un crescendo e un decrescendo. Un piccolo quadrato rosso corrisponde a ciascun simbolo e mostra il valore specificato dal simbolo. Potete spostare i quadrati rossi verticalmente con il mouse, per modificare l'effetto e potete direttamente osservare l'impatto sull'effetto. Il primo simbolo si trova all'inizio della prima misura. Esso determina la velocity iniziale. Quindi il crescendo aumenta la velocity, iniziando dal valore specificato dal primo simbolo dinamico. Infine il decrescendo diminuisce la velocity, iniziando dal valore raggiunto dal crescendo precedente. I simboli sono perci interdipendenti. Come esempio incrementeremo il contrasto suonando le note meno forte all'inizio, quindi aumentando e diminuendo. Abbassate il primo quadrato rosso:

Noterete che l'intero effetto diminuito. Questo normale in quanto i due simboli seguenti hanno un azione relativa al valore esistente al loro inizio. Disponete il secondo quadrato rosso pi in alto e il terzo pi in basso, ad ottenere:

Le curve si adattano automaticamente. Nel caso della velocity, le linee verticali mostrano la curva teorica, perch la velocity sempre inviata al MIDI quando la nota inizia.

Creazione di effetti musicali liberi


La vista effetti vi consente anche di visualizzare e aggiungere effetti nelle tracce associate alle misure. Sono disponibili tre strumenti.

Cliccate su

, il quale rappresenta una linea dritta, e visualizzate il volume del primo rigo:

Questo strumento vi permette di disegnare una progressione a linea dritta usando il mouse. Nella prima misura cliccate e tenete premuto il pulsante del mouse nella parte in basso a sinistra e trascinate il mouse disegnando un linea dritta mentre vi spostate verso l'alto a destra. Quando rilasciate il pulsante del mouse, viene creata la progressione dell'effetto:

Nella lista di selezione degli effetti selezionate il Pitch bend (distorsione) e visualizzate il rigo 2. Non ci sono effetti. Attivate lo strumento matita e tracciate una curva con il mouse, ad ottenere:

Ascoltate l'effetto ottenuto sugli accordi nella terza misura. Il pitch bend produce un effetto di glissando durante l'esecuzione dell'accordo. Per il pitch bend il valore centrale attualmente la frequenza della nota. Andando su e giu attorno alla frequenza centrale, la frequenza delle note eseguite segue il movimento in modo continuo. Il terzo strumento la gomma da cancellare. Potete con essa eliminare gli effetti disposti sulle tracce MIDI. Cliccate su tale strumento. Cliccate e trascinate il mouse sulla parte centrale della curva disegnata sopra, ad ottenere, ad esempio:

All'interno dell'area cancellata, il valore del pitch bend rimane lo stesso, in quanto non modificato da una linea verticale. Questo valore rappresentato dal blocco rettangolare di colore chiaro. Se zummate sulla zona scura noterete che fatta di linee verticali molto vicine. Per il pitch bend, i valori MIDI inviati sono infatti molto ravvicinati, perch l'effetto del glissando deve essere pi regolare possibile per evitare l'effetto a gradini dovuto alla discontinuit della frequenza. I pochi esempi fin qui forniti coprono la parte pi importante delle funzionalit di questa vista. Combinando i vari effetti dei simboli e degli strumenti grafici, potete ottenere praticamente tutti gli effetti sonori disponibili nel vostro sintetizzatore o scheda audio e realizzare un'esecuzione di partitura molto realistica e dinamica.

L'editor grafico
La vista editor grafico

L'uso dei colori Comporre pattern per percussioni

La vista editor grafico


La vista editor grafico serve a modificare i contenuti delle misure mediante una modalit grafica. Il principio di base lo stesso che per la vista piano roll, ma qui potete modificare le note. Per studiare tale vista, aprite il documento di esempio Ex083. Ricordate che i documenti di esempio sono disponibili nel menu File, alla voce Apri..., quindi in DataIT, Esempi. Aprite la partitura, la quale contiene le note seguenti:

Nel menu Finestre, selezionate la voce Editor grafico... Si apre la seguente finestra:

Disponete le due finestre (partitura e grafica) in modo da poter vedere il contenuto di entrambi (ridimensionate e spostate le finestre). Ciascun rigo (strumento) ha una sezione orizzontale corrispondente nell'editor grafico. Le sezioni sono separate da una barra, del colore dello strumento nella parte sinistra, e grigia dalla parte delle misure. Il nome degli strumenti mostrato sulla sinistra della barra. Sulla barra grigia sono visualizzati i numeri delle misure (1, 2, ...). Sulla parte sinistra della finestra, tra le barre del titolo con il nome degli strumenti, abbiamo, per ciascuno strumento, la sequenza delle note, i cui nomi sono scritti tra le linee. Di default ciascuno strumento visualizza l'equivalente di un'ottava. Nel mezzo della finestra le note sono visualizzate come piccoli rettangoli colorati. Il colore quello dello strumento. Ogni misura divisa verticalmente in colonne. Ciascuna colonna corrisponde, in questo caso, alla durata di 1/16. 4 colonne rappresentano un 1/4, come potete vedere nel secondo strumento, nel confronto con la partitura originale. L'inizio e la fine di una nota sono rappresentati graficamente dalla loro posizione rispetto alle colonne e l'altezza rappresentata dalla loro posizione verticale, secondo il nome della nota mostrato sulla sinistra. Ecco le operazioni che possibile compiere tramite questa finestra: I pulsanti "H-", "H+", "V-" e "V+" nella barra degli strumenti sono usati rispettivamente per lo zoom orizzontale (H) e verticale (V) in modo da poter visualizzare bene la parte che interessa. Provate ad usarli per vederne l'effetto. Il registratore standard e i pulsanti del loop sono come nelle altre viste. Potete avviare e fermare l'esecuzione della partitura. Mentre Pizzicato esegue la partitura visualizzata una barra verticale che segue l'esecuzione e fa scorrere lo schermo quando necessario. Eseguite questa partitura per osservarne il funzionamento. La lista di selezione successiva mostra semicroma che la definizione della griglia per la durata. Ogni colonna corrisponde alla durata di 1/16. Potete modificare tale valore, il quale rappresenta il valore minimo utilizzabile nella vista. I due numeri che seguono mostrano "1 1". Sono i fattori di moltiplicazione e divisione applicati alla durata nella griglia. Se, ad esempio, specificate "3 2" e la croma

come definizione della griglia, la finestra diviene:

C' adesso l'ottavo di terzina come durata per ciascuna colonna. Rpristinate i valori precedenti (semicroma e 1 - 1). Nell'angolo in basso a sinistra, visualizzato il numero della prima misura ed il numero totale delle misure nella partitura. In basso a destra visualizzato il nome della nota e l'esatta posizione temporale del cursore del mouse. Se cliccate col destro del mouse (Alt+click su Mac) nella finestra, potete aprire la seguente finestra di dialogo per selezionare i righi da visualizzare nell'editor grafico:

Di default sono visibili tutti i righi. Per inserire una nota cliccate nella cella dove dovrebbe iniziare la nota, trascinate verso destra e rilasciate il mouse nella cella dove la nota dovrebbe terminare. Viene aggiunta una nuova barra e nella partitura la nota corrispondente. Ad esempio, aggiungete un SOL3 allo strumento Piccolo, iniziando al secondo tempo della prima misura e terminando al secondo tempo della seconda misura. Dovreste ottenere ci che segue:

Osservate come la nota stata aggiunta anche alla partitura. Per cancellare una nota cliccate su di essa tenendo premuto il tasto CTRL. La nota scompare. Per spostare una nota cliccate su di essa e trascinatela nella posizione voluta, all'interno o fuori della misura, alla stessa o ad una diversa altezza. Per ascoltare una nota cliccate semplicemente su di essa. Per modificare la durata di una nota, cliccate sull'ultima cella della medesima tenendo premuto il tasto SHIFT e trascinando verso destra (maggior durata) o verso sinistra (minor durata), quindi rilasciate il pulsante del mouse. Tutti i cambiamenti descritti si riflettono nella partitura. Provate le operazioni descritte sulla partitura che avete aperto per osservarne gli effetti. Cliccando sulla colonna gialla udrete la nota corrispondente eseguita dallo strumento corrispondente. Potete cambiare l'altezza di tutte le note in una sola volta, cliccando e trascinando il nome della nota (sulla sinistra) tenendo premuto il tasto CTRL. Tutte le note saranno trasportate alla nota sulla quale rilasciate il pulsante del mouse. Provate, ad esempio, a spostare il MI3 del Pizzicato strings al SOL3. Osservate il cambiamento nella finestra partitura. Un elemento di cautela. Quando operate un cambiamento in questa vista, Pizzicato cambia la traccia MIDI dello strumento, quindi trascrive i dati nella misura della partitura. La funzione di trascrizione potrebbe cambiare l'aspetto della misura se, per qualche ragione, stato operato qualche cambiamento manuale su di essa.

Altre tre importanti operazioni, relative a questa vista, richiedono la nostra attenzione: Per qualsiasi strumento potete far slittare l'intervallo delle note visibili semplicemente cliccando sull'area dei nomi delle note e trascinando in alto o in basso. Provate, ad esempio, a vedere le note pi basse del DO3 nell'area dello strumento 'Pizzicato strings'. Potete incrementare l'intervallo delle note visibili in qualsiasi area, cliccando e trascinando in alto o in basso il bordo grigio orizzontale tra gli strumenti. Provate ad abbassare il bordo grigio tra lo strumento Piccolo e lo strumento Pizzicato strings. Le barre di scorrimento orizzontale e verticale dell'area principale sono usate come nelle altre viste: quella orizzontale per spostrsi tra le misure, quella verticale per spostarsi in alto o in basso nella partitura.

L'uso dei colori


In questa vista c' un'applicazione interessante che pu aiutarvi a comporre una melodia o delle voci secondarie, quando avete gi una progressione di accordi associata alla partitura. Chiudete la partitura precedente ed aprite il file di esempio Ex084. Nel menu Opzioni selezionate la voce Opzioni grafiche... Al centro della finestra di dialogo cambiate Utilizzo dei colori a Colore scala/accordo e cliccate OK. La partitura appare come segue:

Le note sono tutte visualizzate in verde in quanto fanno parte dell'accordo corrente. Modificate la prima misura cambiando le note come segue, spostandole col mouse:

Notate che il colore delle note cambia automaticamente. La regola dei colori la seguente: Tutte le note che sono parte dell'accordo corrente, sono visualizzate in verde. Tutte le note che non sono parte dell'accordo corrente ma sono parte della pi probabile scala associata all'accordo, sono visualizzate in arancione. Tutte le altre note sono visualizzate in rosso. Esse non sono parte n dell'accordo n di alcuna scala associata. Lo stesso principio viene applicato alla vista editor grafico. Nel menu Finestre selezionate la voce Editor grafico. Appare la seguente finestra:

I colori della barre che rappresentano le note sono anch'esse in verde/arancione/rosso in modo da riconoscere le note che appartengono all'accordo corrente. Qui anche pi chiaro che nella partitura, in quanto lo sfondo della griglia colorato, per ciascuna nota dell'intera griglia, secondo lo stesso principio. Potete quindi individuare facilmente le zone verde ed arancione nelle quali

disporre le note. Potete usare i seguenti principi generali: Le note principali, ovvero quelle di maggior durata e quelle poste sui tempi forti della misura, dovrebbero essere verdi. Le note di breve durata, quelle di passaggio tra le note verdi, dovrebbero essere arancioni. Se usate note rosse, usatele con moderazione. Esse dovrebbero essere molto brevi o di passaggio tra note verdi ed arancioni. Questo strumento molto utile se non conoscete alla base o istintivamente l'appartenenza delle note all'accordo o alla scala. Potete creare una melodia usando questi principi. Da sapere che quando l'opzione Utilizzo dei colori e impostata su Nero (nel menu Opzioni, voce Opzioni grafiche), possibile assegnare colori personalizzati alle note. Per far questo cliccate col destro del mouse sulla nota, quindi selezionate Modifica esecuzione nota... Il riquadro Colore personalizzato vi consente di cambiare il colore di quella particolare nota. E' anche possibile assegnare colori alle note di una selezione di misure, selezionando la voce Cambia colore alle note... nel menu Edit, che apre la seguente finestra di dialogo:

I colori possono essere assegnati alle note in quattro modi: Dal nome della nota, per cui tutti i DO (compresi DO# e DOb) avranno lo stesso colore: quello specificato nella prima colonna. Per modificare un colore cliccate su di esso. Dall'altezza della nota. In base all'altezza per i 12 semitoni. I colori sono specificati nella seconda e terza colonna. Dalla diteggiatura della nota. Il colore specificato nella quarta colonna. La diteggiatura pu essere specificata dal menu di contesto della nota all'interno di una tablatura. La diteggiatura anche mostrata nella finestra didialogo Modifica esecuzione nota, anch'essa raggiungibile dal menu di contesto della nota. Dal colore nero. Imposta tutte le note alla normale colorazione (nero). Potendo modificare i colori di default, la casella di selezione Salva i colori scelti consente di salvare le scelte operate, in modo che appaiano le stesse quando aprite tale finestra di dialogo.

Comporre pattern per percussioni


Con Pizzicato Professional e i righi speciali per strumenti a percussioni, l'editor grafico diventa uno strumento ideale per disegnare e modificare pattern. Aprite il file di esempio Ex085. La partitura appare come segue:

Aprite la vista editor grafico. Avrete:

Noterete che l'area del nome delle note ora mostra i nomi dei corrispondenti strumenti a percussione. Cliccando nelle celle gialle ascoltate gli strumenti. Potete eseguire questa misura in loop. Mentre Pizzicato esegue, voi potete cancellare, aggiungere o modificare le note. Il pattern che ascoltate cambia di conseguenza, come anche la partitura. Il principio pu ovviamente essere

applicato nella composizione per ogni strumento (parti ripetute per piano, per basso, etc...) ma nel caso degli strumenti a percussione esso particolarmente utile e pertinente.

La vista globale
Come aprire la vista globale? Intestazione principale Intestazione del rigo

Come aprire la vista globale?


La vista globale non una nuova finestra. Si trova all'interno della vista partitura ed un'estensione della modalit lineare. Il concetto che motiva la presenza di questa nuova vista quello di avere accesso alla maggior parte degli strumenti sparsi nelle diverse finestre di Pizzicato. Avendo a disposizione nella stessa finestra questi controlli e strumenti, potete comporre musica molto pi facilmente in quanto non c' necessit di aprire e chiudere le diverse finestre ove originariamente si trovano tali risorse. Per aprire la vista globale, aprite la consueta vista partitura. Sulla barra degli strumenti selezionate la voce Globale nella lista di selezione Lineare/Pagina/Globale. Aprite il documento Ex092 nella cartella DataIT / Esempi. Dovreste vedere la finestra partitura in modalit lineare. Nella lista di selezione sopra menzionata (sulla barra degli strumenti) selezionate la voce Globale. La parte interna della finestra ora visualizza la vista globale:

In questa lezione spiegheremo le varie parti di questa finestra. Noterete che la maggior parte degli elementi duplicano funzioni presenti in altre finestre o strumenti di Pizzicato.Spiegando cos le varie parti faremo una sintesi di queste funzioni riferendole alle lezioni che ne forniscono maggiori dettagli. Il reale contributo di questa finestra di raccogliere in una vista la maggior parte degli strumenti pratici di cui avete bisogno per comporre musica con efficienza. Essa cerca di offrirvi il meglio degli strumenti di Pizzicato in una singola finestra.

Intestazione principale
L'intestazione principale la parte superiore del contenuto della finestra. Si trova appena sotto la barra degli strumenti della finestra partitura:

Cliccate sul pulsante . La vista globale mostrer una nuova area per visualizzare le progressioni di accordi associate alla partitura:

Ogni accordo visualizzato insieme a 3 icone. Potete modificare e manipolare gli accordi in vari modi: Cliccando sull'icona ("?") potete modificare l'accordo attraverso la finestra di dialogo standard per la selezione degli accordi. Per apprendere l'uso dei questa finestra vedere la lezione Lo strumento accordo. La seconda icona ("+") utilizzata per aggiungere un accordo dopo quello corrente (quello cui appartiene l'icona cliccata). Appare la stessa finestra di dialogo e potete specificare un accordo che verr inserito dopo quello corrente. Gli accordi successivi slittano verso destra. La terza icona ("X") rimuove l'accordo corrente. Gli accordi successivi slittano verso sinistra. Muovendo il mouse sulla linea di separazione tra due accordi consecutivi, il cursore apparir come una doppia freccia. Se cliccate e trascinate il mouse, il confine degli accordi si sposter.Questo il modo di far slittare gli accordi cambiandone la durata. Gli accordi seguenti slittano di conseguenza. Potete aggiungere un accordo cliccando su un area senza accordi.

Se cliccate nuovamente sullo stesso pulsante l'area degli accordi viene nascosta. Potete visualizzarla o meno in base al lavoro che dovete svolgere. Noterete che ogni modifica effettuata con questo strumento si rifletter direttamente sui simboli degli accordi visualizzati nella partitura stessa.

Facendo doppio-click sul pulsante aprirete la finestra di progressione degli accordi, come spiegato nella lezione La finestra progressione accordi. In Pizzicato Professional e Composizione, potete anche trascinare uno spazio armonico dalla libreria all'area accordi. Sar quindi possibile selezionare accordi secondo le regole dello spazio armonico. Cliccando col destro del mouse potete quindi selezionare un altro accordo che rispetti le regole per seguire il precedente. Vedere la lezione sugli Spazi armonici nel manuale per tutti i dettagli (Solo Pizzicato Professional e Composizione). Riguardo gli spazi armonici, una volta che avete aggiunto uno spazio armonico nell'area accordi, potete editarlo con CTRL+click sul pulsante (compare la finestra di modifica degli spazi armonici) o cancellarlo con SHIFT + click sullo stesso pulsante. Potete ridimensionare quest'area verticalmente cliccando e spostando la barra grigia sottostante. Una volta aggiunti o modificati gli accordi, Pizzicato associa una scala a ciascun accordo. Cliccate sul pulsante visibile): per visualizzare le scale associate, come nella figura (tenete l'area accordi

Queste scale vengono assegnate automaticamente, ma nella presente vista globale potete selezionare quella da usare cliccando col destro del mouse su una delle scale. Pizzicato elencher

le scale principali che vanno bene con l'accordo e potete selezionarne una dal menu. Queste scale influenzano il colore delle note e molti altri strumenti di Pizzicato Professional e Composizione. In Pizzicato Professional e Composizione Pro, potete anche trascinare gli accordi e le scale dalle librerie di composizione (vista Conduttore) alle aree accordi e scale. Potete fare doppio-click su una scala nell'area scale e cambiare la nota tonica.

Nascondete le aree accordi e scale e cliccate ora sul pulsante addizionale. Si tratta dell'area marcatore e numero misura:

. Viene visualizzata un'area

I numeri di misura vi aiutano a localizzare le misure.La corsia grigia in alto pu contenere marcatori personalizzati, con un nome ed un colore. Fate doppio-click sulla corsia, all'altezza dell'inizio della misura 2. Appare la seguente finestra di dialogo:

Nella casella di testo scrivete "Introduzione" e selezionate il colore verde nel riquadro. Quindi cliccate OK. Viene visualizzato il marcatore:

Potete aggiungere marcatori con un doppio-click. Se cliccate col destro del mouse su un marcatore esistente, comparir un menu di contesto per poterlo modificare o cancellare. Potete anche trascinare il bordo sinistro di un marcatore per spostarlo. I marcatori possono aiutare a localizzare le varie parti di una composizione.

Nascondete l'area marcatori e cliccate ora sul pulsante . Viene visualizzata un'area addizionale. Per ora vuota ma serve ad aggiungere tracce audio che verranno eseguite con la partitura:

Possono essere eseguite le seguenti operazioni all'interno della traccia audio: Cliccare col destro del mouse e selezionare la voce Aggiungi traccia audio...Appare la finestra di dialogo per la selezione di file audio, come spiegato nella lezione Tracce audio. Le tracce audio appaiono, ad esempio, nel modo seguente quando ne avete aggiunte diverse nella partitura:

Solo Pizzicato Professional e Composizione Pro possono avere pi di una traccia audio. Per rimuovere una traccia audio cliccate col destro del mouse su di essa e selezionate la voce Rimuovi traccia audio (il file WAV su disco non viene cancellato).

Per modificare una traccia audio cliccate col destro del mouse su di essa e selezionate la voce Modifica traccia audio... o fate doppio-click sulla traccia; si aprir la finestra di editor audio, come spiegato nella lezione L'Editor audio. Cliccate col destro del mouse su una traccia audio e selezionate la voce Proprit traccia audio... Si aprir la finestra di dialogo per la selezione di una traccia audio, simile a quella usata per aggiungere una nuova traccia audio. Potete spostare una traccia audio a destra o a sinistra, spostandone cos il punto di inizio in relazione alle misure. Cliccate semplicemente sulla traccia e trascinatela con il mouse.

Se cliccate sul pulsante per visualizzare le tracce audio tenendo premuto il tasto CTRL, Pizzicato visualizzer il contenuto delle tracce audio.

Il pulsante una scorciatoia per colorare le note in base alle scale e agli accordi. Quando attivato, tutte le note della partitura saranno visualizzate in verde se sono parte dell'accordo corrente, in arancione se sono parte della scala relativa o in rosso se estranee ad entrambi.

Cliccate sul pulsante . Si aprir una finestra di dialogo con la lista di tutti gli strumenti. Di default nella vista globale tutti i righi degli strumenti sono visibili. Nell'esempio sopra abbiamo 4 righi. Attraverso questa finestra potete stabilire quali righi sono visibili nella vista globale.

Ecco una sintesi su come utilizzare questa finestra: Facendo doppio-click su un elemento di una lista sposta l'elemento stesso nell'altra. Il pulsante Tutti rende tutti i righi visibili. Il pulsante Nessuno rende tutti i righi invisibili. I pulsanti ">>>" e "<<<" spostano l'elemento selezionato da una all'altra lista.

Quando validate la finestra saranno visibili nella vista globale solo i righi presenti nella lista di destra. Questo pu essere utile quando si vuol lavorare su un determinato gruppo di strumenti all'interno di una partitura.

Le due icone sono usate in relazione alle aree degli effetti musicali, come vedremo pi avanti in questo capitolo. Essi abilitano, rispettivamente, la visualizzazione degli effetti nelle tracce MIDI e/o dei simboli grafici inseriti nella partitura (sfumature, crescendo,...). Vedere la lezione vista degli effetti musicali.

L'icona richiama la vista strumenti, nella configurazione dove si definiscono gli strumenti MIDI. E' una scorciatoia al menu Finestre, voce Strumenti, configurazione Strumenti.

La

serie di icone costituisce un insieme di 10 memorie. La prima attiva di default.

Questo significa che l'aspetto della vista globale, nella scelta delle aree da visualizzare, registrato nella prima memoria. Questo include gli accordi, le scale e le tracce audio, come pure la selezione

dei righi visibili. E' inclusa anche l'impostazione di ci che visualizzato di ciascun rigo, come spiegheremo pi avanti nella lezione. Tutto memorizzato nella locazione corrente. Di default una locazione di memoria visualizza tutti i righi e nient'altro.Una volta che avete impostato la vista globale per visualizzare, ad esempio, gli accordi e le tracce audio, gli ottoni e le percussioni di una partitura, potete cliccare sulla seconda memoria e visualizzare la configurazione di default. Potete quindi usare la seconda memoria per lavorare, ad esempio, sui legni. Quindi potete selezionare la locazione 3 e configurarla per visualizzare, ad esempio, gli effetti di volume per ciascun rigo.. e cos via. Lavorando sulla vostra composizione, potete alternare le visualizzazioni usando queste tre configurazioni impostate, semplicemente usando i pulsanti delle locazioni di memoria.

L'icona serve a visualizzare l'editor grafico e le corsie degli effetti in due maniere differenti. La prima (di default) per allineare l'editor grafico e gli effetti ai tempi ritmici cos come sono nella notazione musicale delle misure. Ecco un esempio:

Il vantaggio che tutto allineato orizzontalmente. L'inizio della minima puntata allinato con l'inizio della linea grafica che la rappresenta. Lo stesso vale per i sedicesimi. L'inconveniente che la scala dell'editor grafico molto differente da tempo a tempo e questo rende pi difficile scrivere la musica usando l'editor grafico, in quanto la larghezza di ciascun tempo varia sensibilmente per seguire la notazione musicale.

Attivando l'icona scala fissa e regolare:

, Pizzicato disconnette le due scale e l'editor grafico visualizza una

L'inconveniente che le linee grafiche non sono pi allineate con la notazione musicale. Potete alternare tra le due opzioni, in base a ci che dovete fare. Normalmente la seconda opzione migliore per scrivere la musica attraverso l'editor grafico. Le successive liste di selezione determinano la precisione e il rapporto dei gruppi

irregolari (per esempio per una terzina esso 3/2) usato nell'editor grafico. Essi corrispondono alle opzione disponibili nell' editor grafico L'ultima lista di selezione serve ad abilitare l'arrangiatore di partitura (solo Pizzicato Professional e Composizione). Esso verr spiegato nella lezione arrangiatore di partitura.

Intestazione del rigo


Una volta deciso quali strumenti visualizzare, il resto della vista globale mostra una barra degli strumenti per ciascuno strumento. La barra la seguente:

Alcuni di questi pulsanti sono visibili solo nelle versioni avanzate di Pizzicato.

Di default l'icona attiva. Ci vuol dire che il rigo dello strumento visualizzato in notazione musicale, appena sotto la barra degli strumenti. In quest'area potete utilizzare ogni strumento di Pizzicato che pu essere usato nelle viste lineare o pagina (tranne gli strumenti di impostazione pagina). Potete scrivere le note e modificare la partitura in ques'area. Potete ridimensionare tale area verticalmente trascinando col mouse la barra grigia di separazione. Potete usare lo zoom per accrescere il livello di precisione. Tutte la altre aree vengono ridimensionate in conseguenza. Ridimensionando un' area tenendo premuto il tasto CTRL, tutte le altre aree di notazione saranno ugualmente ridimensionate. Potete nascondere il rigo e lavorare solo con altre aree, come vedremo sotto. Se cliccate su tale icona tenendo premuto il tasto CTRL, la modifica (nascondere o mostrare il rigo) applicato a tutti gli strumenti visibili. Potete rapidamente nascondere o mostrare tutti i righi. Facendo doppio-click sul nome dello strumento, sulla parte sinistra della barra, possibile modificarlo e specificarne il nome breve, mostrato nei sistemi dopo il primo in modalit pagina. Cliccando sul nome, assegnate l'echo MIDI a quel rigo, ovvero le note suonate sulla tastiera MIDI connessa al computer verranno suonate con lo strumento relativo al rigo stesso. Il rigo che ha l'echo MIDI contrassegnato da un piccolo quadrato rosso nell'angolo in alto a sinistra dell'area di notazione, quando lo strumento marcatore di riferimento attivo (shortcut = ":"). Facendo doppio click sullo sfondo dell'intestazione del rigo (tra i pulsanti o all'estrema destra, dopo i pulsanti), potete selezionare il colore assegnato allo strumento.

Cliccate sull'icona strumento.

. Zummate al 150%. Viene visualizzato l'editor grafico per quello

Fondamentalmente lo stesso descritto nella lezione editor grafico. Quando ci sono note sul rigo, l'editor appare cos:

Ecco una sintesi delle operazioni possibili con esso: Aggiungere una nota, cliccare e trascinare verso destra per aumentarne la durata. La definizione di default al 16mo. Quando rilasciate il mouse, la nota trascritta in notazione anche sul rigo. Spostare una nota, cliccare e trascinare nella nuova posizione, nella stessa misura o in un'altra misura. Rimuovere una nota, cliccare su di essa tenendo premuto il tasto CTRL. Per allungare una data nota, cliccate su di essa tenendo premuto il tasto SHIFT e spostate

il mouse per regolarne la durata, quindi rilasciate il pulsante del mouse. Cliccando nella prima colonna blu (o altro colore scelto per quello strumento) potete udire le note suonate dallo strumento. Notate che nel caso di uno strumento a percussione, il nome della nota sostituito dal nome della percussione. Questa vista pu essere molto utile per disegnare pattern percussivi, in quanto possibile compiere l'azione di cui sopra mentre Pizzicato esegue in loop la partitura. Cliccando e trascinando verticalmente la colonna con i nomi delle note, potete spostare il range delle note. Potete anche ridimensionare l'editor grafico verticalmente, spostando la barra grigia di separazione sotto l'area principale. Tenendo premuto il tasto CTRL mentre trascinate verticalmente il nome di una data nota, spostate contemporaneamente tutte le note con quel nome nell'intera partitura. Questa operazione pu risultare particolarmente utile nel caso degli strumenti a percussione, per cambiare uno strumento con un'altro.

Se cliccate sull'icona tenendo premuto il tasto CTRL, la modifica (nascondere o visualizzare la vista grafica) si applica a tutti gli strumenti visibili.

Ora nascondete l'editor grafico e cliccate sulla prima icona , per visualizzare la prima area degli effetti. Di default questo effetto mostra la velocity (intensit) delle note. Inserite alcune note nella partitura, ad esempio:

Fondamentalmente molto simile alla vista degli effetti musicali. Ecco una sintesi delle operazioni:

Se fate doppio-click sull'icona , una finestra di dialogo vi consente di selezionare l'effetto che volete editare. Facendo doppio-click sull'icona, tenendo premuto il tasto CTRL, la selezione varr per tutti gli strumenti visibili. Potete visualizzare fino a cinque effetti per ciascuno strumento. Cliccando su una delle 5 icone , nascondete o mostrate il relativo effetto. Se cliccate sull'icona tenendo premuto il tasto CTRL, nascondete/mostrate tale effetto per tutti gli strumenti visibili. Per modificare o aggiungere la curva di un effetto, disegnate semplicemente all'interno dell'area. Se cliccate e trascinate all'interno dell'area tenendo premuto il tasto CTRL, disegnate una linea che creer il contenuto del controller. Se cliccate e trascinate all'interno dell'area tenendo premuto il tasto SHIFT, cancellate tutti i controller presenti in quella sezione. Potete fare come nei tre punti precedenti ma col tasto destro del mouse. In questo caso disegnerete una curva non solo per lo strumento corrente ma anche per lo stesso controller di tutti gli strumenti visibili. In questo modo risulta particolarmente semplice creare un crescendo per grande orchestra, nell'area del controller del volume.

Potete ridimensionare l'area dell'effetto verticalmente, agendo sulla barra grigia di separazione al di sotto dell'area. Per impostare un valore verticale preciso mentre disegnate una curva, potete usare le freccie giu e su della tastiera del computer. Da li in poi, continuando a disegnare, il valore verticale rimane lo stesso. Questa azione interrotta quando rilasciate il pulsante del mouse. Similmente, per impostare un valore al default, tenete premuto il tasto SHIFT mentre disegnate. Premete il tasto SHIFT solo dopo aver cliccato con il mouse, altrimenti rimuovete i valore, come spiegato sopra.

Ora nascondete l'editor degli effetti e cliccate sull'icona

per visualizzare l'area dei cursori:

Questi cursori sono rappresentati come aree grafiche. Cliccate al loro interno e regolate il valore dell'area verde per fissarne il valore. Tali valori sono duplicati della vista strumenti. Quando sono qui visualizzati ne avete un agevole controllo.

Se cliccate sull'icona tenendo premuto il tasto CTRL, la modifica (nascondere o visualizzare gli sliders) si applica a tutti gli strumenti visibili.

Ora nascondete la sezione degli sliders e cliccate sull'icona per visualizzare gli strumenti virtuali. Tale area grigia di default se non ci sono strumenti virtuali associati alla partitura, ma se presente qualche strumento essa appare nel modo seguente:

Potete trascinare nell'area gli strumenti virtuali dalla libreria musicale di Pizzicato ( Professional e Composizione) e fare doppio-click su di essi per editarli. Con la versione Principiante potete solo vedere gli strumenti associati. Potete assegnare strumenti virtuali ai righi con l'icona Edit, Assegna strumenti virtuali ai righi. Nelle versioni Professional e Composizione, potete spostare il confine tra due strumenti virtuali, semplicemente trascinandolo con il mouse.

Se cliccate sull'icona tenendo premuto il tasto CTRL, la modifica (nascondere o visualizzare gli strumenti virtuali) si applica a tutti gli strumenti visibili.

L'icona apre semplicemente la finestra di dialogo delle caratteristiche del rigo. Potete regolare i numeri delle misure, le linee del rigo, la tablatura per chitarra e moi altri particolari. Vedere la lezione caratteristiche dei righi.

Le icone seguenti

sono duplicati di alcune utili colonne della vista strumenti

Esegui - Solo gli strumenti abilitati vengono eseguiti da Pizzicato. Potete rendere muto uno strumento disabilitandolo qui. Solo - Un modo semplice per ascoltare solo uno strumento. Laddove c' almeno uno strumento Solo attivo, Pizzicato eseguir solamente questi strumenti rendendo muti tutti gli altri. V1 - V2 - V3 - Esegue o rende mute le prime tre voci ritmiche del rigo. Transp - E' una lista di selezione per selezionare un valore di trasporto (in semitoni) usato da Pizzicato nell'esecuzione. Pu essere usato per gli strumenti traspositori. Perc. [solo nelle versioni avanzate] - Chiama la finestra di dialogo della mappa percussioni, come spiegato nella lezione sulla vista strumenti. RTP - Real Time Playing (Esecuzione in tempo reale). Quando attiva, questa opzione forza Pizzicato a calcolare ed eseguire gli strumenti virtuali in tempo reale. Questo pu richiedere una potenza di processore molto maggiore. Le tre liste di selezione successive servono a selezionare lo strumento. Potete selezionare il sintetizzatore, la famiglia e lo strumento stesso. La lista di selezione successiva mostra il canale MIDI. Potete selezionarlo come Automatico (default), nel qual caso Pizzicato determiner il canale stesso, oppure potete selezionare un dato canale per un controllo pi avanzato del MIDI. Automatico [solo Pizzicato Professional e Composizione] - E' la modalit di arrangiamento assegnata a questo strumento quando l'arrangiatore di partitura attivo. Vedere la lezione arrangiatore di partitura. Arrange [solo Pizzicato Professional e Composizione] - Anche questa opzione riguarda l'arrangiatore di partitura. Quando mostra Arrange, l'arrangiatore pu modificare lo strumento. Se cliccate su di esso, viene visualizzato una crocetta rossa e l'arrangiatore non toccher mai le note di questo rigo.

Strumenti per la composizione - Smart link (collegamenti intelligenti)


Gli strumenti per la composizione Lo Smart Link Parametri della misura calcolata Parametri delle note Parametri ritmici Influenza degli accordi Esempio applicativo Aggiungere modelli smart link

Gli strumenti per la composizione


Questa la prima lezione, sugli strumenti per la composizione, introdotta da Pizzicato 3. Si tratta di un'introduzione pratica. Le lezioni successive sono riservate a Pizzicato Professional e Composizione. Esse utilizzano la vista conduttore, disponibile solamente in tali versioni. La vista conduttore una scrivania sulla quale possibile gestire molte partiture, tastiere virtuali, definizioni di strumenti e gruppi di partiture che possono essere variamente combinate in composizioni musicali. La vista conduttore un potente ambiente di setup per comporre musica di ogni genere, leggera, orchestrale, contemporanea etc.

La differenza tra strumenti software di notazione e strumenti per la composizione che questi ultimi forniscono modalit e mezzi per la scelta di ritmi, note, accordi che verranno usati nella composizione musicale. Questi strumenti vi aiuteranno ad arrangiare, organizzare, sviluppare ed implementare le vostre idee musicali in partiture musicali complete. Non pensate che il computer comporr al vostro posto. Sarebbe sciocco, in quanto un computer non creativo. Esso pu solamente combinare i dati in suo possesso secondo le istruzioni che riceve, ed questo che il computer fa molto bene e velocemente. Cos VOI siete il compositore e Pizzicato il vostro aiutante che esegue ci che VOI gli dite di fare. Se state cercando un software premi-questo-bottone-per-una-bella-composizione , Pizzicato non il software di cui avete bisogno. Dovrete in ogni caso lavorare, creare e immaginare! La prima versione degli strumenti per la composizione stata implementata in Pizzicato versione 1, nel 1995. Potete trovare tale sistema nelle lezioni Librerie per la composizione da (1) a (6) in questo manuale. Pizzicato 3 ha mantenuto i principi di base ma possiede un'interfaccia molto pi amichevole per utilizzarli. Inoltre sono stati aggiunti parecchi nuovi concetti e strumenti alla versione originale. Il principio base che la musica pu essere suddivisa nei seguenti semplici elementi: ritmi, melodie, accordi ed effetti. Ogni composizione potrebbe essere costruita su questi blocchi fondamentali. La musica diviene un gioco di costruzioni in cui si usano semplici blocchi per creare strutture, a loro volta utilizzate per costruitre strutture pi complesse e composizioni musicali. Il primo passo illustrato in questa lezione: lo strumento vi consente di combinare questi elementi per costruire una struttura. E' il primo livello di costruzione. Apprenderete come ritmi, melodie e accordi possono essere combinati come fossere mattoni da incollare con la calce. Tale strumento chiamato "smart link" (lett. collegamento intelligente).

Lo Smart Link
Lo smart link vi consente di prendere valori ritmici ovunque in una partitura, valori melodici presi anch'essi dove si vuole, accordi in un'altro gruppo di misure e combinare tutto ci in una o pi misure. Per Pizzicato Professional e Composizione i tre elementi (ritmo, melodia e accordi) possono provenire da differenti partiture (ma tutte nello stesso documento). E' come un mixer che potete alimentare con ritmi, melodie e accordi. La musica risultante un gruppo di misure chiamate misure calcolate. Abbiamo visto che una misura pu avere una o pi versioni e che in un dato momento visibile e attiva solo una versione di essa. Oltre a questo una misura pu avere anche una speciale versione detta "calcolata". Di default la versione calcolata non presente, ma l'uso della funzione smart link aggiunger la versione calcolata. Ogni misura pu diventare calcolata. Essa memorizzer quindi il contenuto calcolato nella versione calcolata della misura, in aggiunta al suo normale contenuto e versioni. (che non verranno mai modificate). La cosa importante da capire che le fonti originali di ritmi, melodie e accordi sono connesse alle misure calcolate. Una modifica in una qualunque delle fonti pu riperquotersi sulle misure calcolate. E' come in un foglio di calcolo: una cella pu essere ricalcolata quando un'altra cella - alla quale collegata - viene modificata. Spieghiamolo con qualche esempio: Aprite l'esempio Ex080. Esso contiene una semplice scala che useremo come esempio di melodia:

Lo smart link pu essere visto come simile alla funzione incolla. Dovete prima selezionare e copiare

una o pi misure, quindi collegarle con lo smart link su un'altro gruppo di misure (o su se stesso). Selezionate le due misure di sopra e copiatele (menu Modifica, Copia). Quindi selezionate la terza misura del rigo e scegliete la voce di menu Modifica, Collegamento rapido.... Lo shortcut CTRL + B (su Mac, tasto apple + B). Appare la seguente finestra di dialogo:

Questa finestra contiene diverse modalit di smart link. Esse possono essere usate molto facilmente. Proviamo con la modalit chiamata Exact copy x 2. Questo link crea due duplicati delle misure selezionate. Cliccate sulla voce e poi sul pulsante Incolla. La partitura diviene:

Potete osservare che la melodia stata copiata due volte, duplicando esattamente la melodia originale e iniziando dalla misura selezionata per lo smart link (quella selezionata prima di chiamare la finestra di dialogo smart link). Potete anche notare che le misure calcolate hanno lo sfondo colorato. Esso consente di riconoscere che visualizzata la versione calcolata al posto di quella normale. Vedremo un p pi avanti perch vengono usati due colori differenti. La versione originale di queste quattro misure vuota. Potete facilmente alternare tra le versioni normale e calcolata usando la casella di selezione C situata sulla barra degli strumenti della partitura:

Cliccate due volte sulla casella di selezione e la partitura visualizza la versione normale per tutte le misure. Le misure calcolate sono invisibili ma esistono ancora. Cliccate di nuovo sulla casella di selezione per vedere le versioni calcolate. Questa casella selezionata quando visualizzata la versione calcolata. Aggiungendo altri smart link o modificando i parametri delle misure calcolate (come vedremo pi avanti), la partitura potr visualizzare solo alcune delle misure calcolate. La casella di selezione quindi usata per sincronizzare la visualizzazione (tutte misure calcolate o tutte versioni normali). Quando chiedete di visualizzare la versione calcolata per una misura che non ha la versione calcolata (come le prime due misure della partitura), Pizzicato mostra la versione normale. Ora modificate la prima misura originale nel modo seguente:

Siccome le misure dalla 3 alla 6 sono smart link delle prime due misure, potete chiedere a Pizzicato di aggiornare le versioni calcolate della partitura per prendere in considerazioni le modifiche fatte sulle misure originali. Selezionate Modifica, Aggiorna collegamenti rapidi. Lo shortcut CTRL+R (tasto apple + R su Mac). La partitura ora mostra le misure calcolate aggiornate:

Notate che potete modificare il contenuto delle misure calcolate, ma ogni volta che chiedete a Pizzicato di aggiornarle, i cambiamenti effettuati saranno sovrascritti dalle versioni calcolate aggiornate. Copiate di nuovo le prime due misure e fatene lo smart link sulla prima misura del rigo 2. Nella finestra di dialogo selezionate Time flexible copy. Appaiono due parametri sulla destra. Scrivete "2" per il parametro Divisione durata ritmica. Tutti valori ritmici saranno divisi per 2. Cliccate su Incolla e la

partitura diviene:

La melodia ora due volte pi rapida con le stesse note. Lo smart link non solamente una copia della melodia ma contiene anche molti parametri di trasformazione che influiscono sul contenuto delle misure. Ecco una breve spiegazione delle varie modalit proposte nella finestra di dialogo smart link: Le prime quattro voci sono copie delle misure originali (1, 2, 3 e 4 volte). La voce Multiple exact copy accetta due parametri: il numero di volte in cui i ritmi e le note sono duplicati. Abbiamo visto la voce Time flexible copy che pu essere usata per moltiplicare/dividere i valori ritmici. Le 6 voci successive hanno valori fissi di trasporto. Trasportano negli smart link le note delle misure originali. La voce General transposition vi consente di selezionare l'intervallo di trasporto, il tipo e le eventuali ottave addizionali di trasporto. La voce Copy with rhythm inversion prende le note nell'ordine originale ma i ritmi in ordine inverso. La voce Copy with note inversion prende le note in ordine inverso e i ritmi nell'ordine originale. Eccone l'esempio:

La voce successiva prende sia ritmi che note in ordine inverso. La voce Random copy rende casuali ritmi e note ottenendo una nuova melodia basata su note e valori ritmici pescati a caso dalla melodia originale. La voce successiva, General copy combining rhythms and/or notes contien molti parametri per creare una copia con molte opzioni. Spiegheremo ogni parametro nel prossimo capitolo. La voce successiva consente di usare uno copia speculare basata su note e/o ritmi. Un esempio con la nostra melodia potrebbe essere la copia speculare diatonica basata sulla nota DO (riferimento speculare):

La voce successiva consente di arrangiare le note di una melodia sugli accordi. La voce Copy of rhythms copia solamente i valori ritmici delle misure di origine. Usato da solo, il risultato della misura calcolata vuoto, perch la misura ha bisogno anche delle note. Pu essere usata in combinazione con le voci seguenti. La voce Copy of notes copia solamente le note (senza ritmo) delle misure di origine. Usata in combinazione con l'opzione precedente potete copiare i valori ritmici di una misura e combinarli con le note di un'altra misura. Vedremo un esempio di ci alla fine di questa lezione. La voce successiva vi consente di arrangiare e trasportare note basate su un accordo.

Parametri della misura calcolata


Dietro alla funzione smart link c' tutta una serie di parametri relativi alla misura. Essi determinano come deve essere calcolato lo smart link. Ogni voce della finestra di dialogo smart link di fatto un insieme predefinito di questi parametri, con alcuni di essi disponibili nella parte destra della finestra. Applicando la funzione smart link ad un a misura si collegano tutti questi parametri alla prima misura di destinazione. Questi parametri sono disponibili in qualsiasi momento dalla misura stessa. Possono essere modificati senza l'uso della funzione smart link cliccando col destro del mouse su di una misura (senza la selezione) e scegliendo Parametri collegamenti rapidi... Appare la seguente finestra di dialogo:

Questi parametri sono divisi in tre sezioni: note, ritmi, e accordi. Spiegheremo ciascuna sezione nel resto della lezione. Quando validate la finestra i parametri vengono collegati alla misura. Se cliccate su Cancella i parametri sono rimossi dalla misura. Questi parametri vengono colletati ad una misura, ma influiscono diverse misure che seguono. Quando visualizza le versioni calcolate della partitura, Pizzicato usa un colore di sfondo diverso per le misure che contengono i parametri di calcolo, come visto all'inizio di questa lezione. Potete quindi facilmente distinguere le versioni calcolate contenenti i parametri di calcolo da quelle calcolate che non contengono i parametri ma ne sono influenzate. Ci sono fondamentalmente tre diverse origini combinate a creare le misure calcolate. Ogni origine deriva indipendentemente dalle stesse o differenti misure e viene ricombinata a formare la misura calcolata. Queste origini sono le note, i ritmi e gli accordi. Siccome le tre origini possono contenere molte misure, le note risultanti possono occupare molto pi di una misura. Sulla destra della finestra di dialogo il parametro Numero delle misure coinvolte pu limitare il numero delle misure che saranno interessate dal calcolo. Se questo parametro "1" questa misura interessar solo la propria versione calcolata. Se il parametro "2" essa interessar anche la versione calcolata della misura successiva, e cos via.

Parametri delle note


I parametri delle note riguardano solamente l'altezza e non il loro valore ritmico. Le prime quattro liste di selezione determinano la prima misura origine dalla quale verranno estratte le note per la versione calcolata. In caso di partiture multiple nello stesso documento (solo Pizzicato Professional) potete selezionare la partitura di origine. La seconda lista di selezione determina il rigo di origine nella partitura e la terza lista il numero della misura. Con l'ultima lista di selezione potete selezionare la versione della misura, se la misura contiene pi di una versione. La casella di testo Numero di misure utilizzate determina quante misure verranno considerate come origine delle note. La casella di testo Numero di note utilizzate serve a limitare il numero delle note. Se uguale a zero, non ci sono limiti: verranno usate tutte le note delle misure. La casella successiva, Limita il numero di note a, consente di limitare il numero totale di note generate nelle risultanti misure calcolate. Quando zero non ci sono limiti.

La casella Usa ciascuna nota ... volte pu essere usata per utilizzare una nota pi volte prima di passare alla successiva. Se le note sono DO, RE e FA e la casella contiene 3, la sequenza sar DO,DO,DO,RE,RE,RE,FA,FA,FA. La casella Usa tutte le note ... volte determina quante volte tutto l'insieme delle note verr utilizzato. Se le note sono DO, RE e FA e la casella contiene 3, la sequenza sar DO,RE,FA,DO,RE,FA,DO,RE,FA. Il risultato non lo stesso del precedente parametro. La lista di selezione Sequenza determiner l'ordine nel quale le note verranno utilizzate. Sono possibili tre opzioni: Ordinato, Invertito e Casuale. Nell'ultimo caso le note vengono prese randomicamente nell'insieme delle note della versione calcolata delle misure. La lista di selezione Specchio melodico serve a creare un effetto simile ad uno specchio orizzontale: ciascuna nota riflessa nello specchio ed sostituita dalla nota che si trova alla stessa distanza dallo specchio ma dall'altro lato di esso. La nota di riferimento speculare pu essere definita con il pulsante Seleziona... la quale mostra una tastiera dove potete cliccare la nota di riferimento. Lo specchio pu essere Diatonico - cio viene preso in considerazione l'intervallo e non il numero di semitoni - o Cromatico - in cui le note sono specchiate in base al numero di semitoni. Nel primo caso la melodia corrisponder facilmente alla stessa tonalit, ma con lo specchio cromatico la melodia potrebbe avere alterazioni e cambiare tonalit. Le ultime liste di selezione possono definire un trasporto che verr applicato alle note. Tutti questi parametri possono essere usati separatamente o combinati tra di loro. Le serie risultanti di note verranno quindi combinate con le serie risultanti di valori ritmici, come ora spiegheremo.

Parametri ritmici
I parametri ritmici non influiscono sulle note ma solo sui loro valori ritmici. Le prime quattro liste di selezione determinano la prima misura dalla quale verranno prelevati i valori ritmici per la versione calcolata. In caso di partiture multiple nello stesso documento (solo Pizzicato Professional), potete selezionare la partitura di origine per le note. La seconda lista determina il rigo di origine all'interno della partitura e la terza determina il numero della misura. Con l'ultima lista potete selezionare la versione della misura, se la misura contiene pi di una versione. La casella di testo Numero di misure utilizzate determina quante misure verranno utilizzate come origine per i ritmi. La casella Numero di ritmi utilizzati serve a limitare il numero di valori ritmici. Se uguale a zero non ci saranno limiti: verranno utilizzati tutti i valori ritmici delle misure. La casella successiva, Limita il numero di ritmi a pu essere usata per limitare il numero totale di ritmi generati nelle risultanti misure calcolate. Quando zero non vengono imposti limiti. La casella Usa ciascun ritmo ... volte imposta il numero di volte che ciascun ritmo verr utilizzato prima di passare al successivo. Se i ritmi sono 4 (Semiminima), 8 (croma) e 16 (sedicesimo) e se la casella contiene 3, la sequenza dei valori ritmici sar 4,4,4,8,8,8,16,16,16. La casella Usa tutti i ritmi ... volte determina quante volte l'insieme di tutti i ritmi verr utilizzato. Se i ritmi sono 4, 8 e 16 e la casella contiene 3, la sequenza dei valori ritmici sar 4,8,16,4,8,16,4,8,16. La lista di selezione Sequenza determiner l'ordine nel quale i valori saranno usati. Sono possibili tre opzioni: Ordinato, Invertito e Casuale. Nell'ultimo caso i valori ritmici vengono prelevati randomicamente

nell'insieme dei valori per formare la versione calcolata delle misure. Due caselle di testo vi consentono di moltiplicare e/o dividere la durata di tutti i valori ritmici. Questo rallenta o velocizza la melodia rispetto al tempo principale della partitura. La casella di selezione Specchio ritmico viene usata per creare un effetto simile allo specchio delle note. Qui la scelta viene effettuata tra i valori ritmici standard: intero, mezzo, quarto,... Un valore ritmico selezionato come valore di riferimento e tutti i valori ritmici vengono specchiati rispetto a questo valore. Per esempio, se il riferimento il quarto, un intero diventer sedicesimo e il mezzo diventer un ottavo. Tutti questi parametri possono essere usati separatamente o combinati. Le serie risultanti di valori ritmici verranno quindi combinate una a una alle serie risultanti di note.

Influenza degli accordi


In aggiunta ai vari parametri che influiscono sulle note, la melodia pu anche essere adattata in modo da rispettare una data progressione di accordi. Le prime due liste di selezione determinano la posizione della prograssione di accordi. Ricordate che potete creare una progressione di accordi in qualunque partitura (vedere le lezioni su sigle di accordi e progressioni di accordi). Se la prima lista impostata su --- Accordo corrente ---, la melodia verr condizionata agli accordi presenti nella misura di destinazione. Se selezionate un'altro rigo (Pizzicato Professional), potete specificare la prima misura che contiene gli accordi che volete usare. La casella di testo successiva specifica quante misure volete includere come origine degli accordi. La lista di selezione Influenza determina come le note verranno modificate per corrispondere agli accordi. L'opzione di default Nessuna influenza. L'opzione Arrangia vuol dire che ciascuna nota sar confrontata all'accordo corrente. Se la nota corrisponde ad una delle note dell'accordo, essa non viene cambiata. Se la nota non inclusa nelle note dell'accordo, essa verr sostituita da una nota dell'accordo pi vicina alla nota originale. In questo modo una melodia verr adattata per corrispondere agli accordi. L'opzione Trasporta diversa. La nota originale verr considerata come appartenente all'accordo di DO Maggiore. Verr quindi trasportata nell'accordo corrente, nella stessa posizione relativa. Questa opzione principalmente usata per i bassi. Ad esempio se la sequenza di note DO, RE, SOL e l'accordo RE Maggiore, le note diventeranno RE, MI, LA, che in RE Maggiore sono i gradi I, II e V, come DO, RE, SOL sono in DO Maggiore. L'opzione successiva comprende i due effetti insieme. L'opzione Arrangiamento rapido riservato all'arrangiatore di partitura sar spiegato in una lezione specifica. La Durata minima da arrangiare specifica un valore ritmico in unit (1 quarto equivale a 480 unit). Se il valore ritmico originale minore rispetto a tale valore, la nota resta inalterata. Questa opzione pu essere usata per lasciare inalterate le note brevi. Altrimenti l'arrangiamento di una melodia potrebbe risultare monotono usando solo note appartenenti agli accordi.

Esempio applicativo
Potendo combinare i parametri illustrati ciascuno con gli altri e potendo le misure di origine contenere di tutto, il numero di possibilit offerte da questo sistema sono numerose. Avrete bisogno di fare degli esperimenti ed usare l'immaginazione per poter essere creativi. Di seguito illustriamo un esempio dettagliato di applicazione, dove verr creata una melodia casuale, con alcune note e ritmi dati e arrangiando le note su una progressione data di accordi.

Aprite il documento di esempio Ex081. Il sistema qui sotto contiene il materiale musicale che utilizzeremo, nell misure da 6 a 8:

Per la melodia principale useremo randomicamente le note delle misure 6 e 7 e il disegno ritmico della misura 8. Struttureremo la nostra partitura sul sistema di sopra, considerando quello di sotto come un blocco note, dove prepareremo le note e i ritmi di cui abbiamo bisogno. Cliccate col destro del mouse sulla prima misura del primo sistema e selezionate la voce Parametri collegamenti rapidi... Appare la finestra di dialogo con i parametri della misura calcolata. Per i parametri delle note: Selezionate la misura 6 / 8 come la prima misura delle note da usare. Impostate il Numero di misure da utilizzare a "2" (vogliamo usare le misure 6 e 7, partendo dalla 6). Impostate la lista di selezione Sequenza a Casuale perch vogliamo costituire la nostra melodia di note scelte casualmente dalle misure 6 e 7. Per i parametri ritmici: Selezionate l'ultima misura 8 / 8 come la prima misura dei ritmi da utilizzare. La misura 8 contiene il disegno ritmico che vogliamo per la nostra melodia. Se non modifichiamo le impostazioni i ritmi verranno usati una sola volta. Noi vogliamo 4 misure, cos impostiamo a "4" la casella di testo Utilizza tutti i ritmi ... volte. Per i parametri degli accordi: Ci sono 4 accordi nella partitura. Iniziamo alla misura 1. Dobbiamo usare gli accordi su 4 misure, cos impostiamo il Numero di misure utilizzate a "4". Impostiamo la lista di selezione Influenza su Arrangia il che vuol dire che le note verranno adattate all'accordo corrente. Infine, avendo bisogno delle versioni calcolate per 4 misure, impostiamo il Numero di misure coinvolte a "4". Cliccate su OK e il rigo di sopra diviene ad esempio:

Stiamo dicendo "ad esempio" perch le note sono selezionate casualmente, la melodia potrebbe essere totalmente diversa sul vostro computer. Di fatto, ogni volta che chiedete a Pizzicato di aggiornare le misure (CTRL/tasto Apple + R), verr generata una nuova melodia. Provate un p di volte. Ciascuna volta, e in base alle opzioni selezionate, noterete che: Il ritmo sempre lo stesso essendo basato sul contenuto ritmico della misura 8. Le note all'interno della misura sono tutte contenute nell'accordo indicato sopra il rigo. Questo perch abbiamo scelto di adattare le note agli accordi. Se necessario potete aprire la finestra di dialogo dei parametri della misura calcolata per modificare le opzioni. Essa collegata alla misura 1, che ha un colore di sfondo differente rispetto alle misure 2 - 4 (misure calcolate in base ai parametri assegnati alla misura 1, ma che non contengono parametri).

Ora creeremo il contenuto del secondo rigo, basato sulla misura 6, rigo 2. Questa misura verr usata 4 volte ed arrangiata sugli accordi. Cliccate con il destro del mouse sull misura 1 del rigo 2 e selezionate la voce Parametri collegamenti rapidi... Appare la finestra di dialogo dei parametri della misura calcolata. Per i parametri delle note: Selezionate la misura 6 / 8 come la prima misura delle note da utilizzare. Impostate Utilizza tutte le note a "4" in modo da coprire 4 misure. Per i parametri ritmici: Selezionate la misura 6 / 8 come la prima misura dei ritmi da utilizzare. Impostate Utilizza tutti i ritmi su "4" in modo da coprire 4 misure. Per i parametri degli accordi: Ci sono 4 accordi nella partitura. Iniziano alla misura 1. Dobbiamo utilizzare gli accordi su 4 misure, cos impostiamo il Numero delle misure utilizzate su "4". Impostate la lista di selezione Influenza su Arrangia il che vuol dire che le note verrano adattate all'accordo corrente. Infine, avendo bisogno delle versioni calcolate per 4 misure, impostiamo il Numero delle misure coinvolte su "4". Cliccate su OK e il rigo di sotto diventa:

Non avendo selezionato l'opzione di casualit, il secondo rigo verr determinato univocamente. Ora creeremo il contenuto del terzo rigo, basato sulla misura 6, rigo 3. Questa misura verr usata 4 volte ed arrangiata sugli accordi.

Cliccate con il destro del mouse sull misura 1 del rigo 3 e selezionate la voce Parametri collegamenti rapidi... Appare la finestra di dialogo dei parametri della misura calcolata. Per i parametri delle note: Selezionate la misura 6 / 8 come la prima misura delle note da utilizzare. Impostate Utilizza tutte le note su "4" in modo da coprire 4 misure. Per i parametri ritmici: Selezionate la misura 6 / 8 come la prima misura dei ritmi da utilizzare. Impostate Utilizza tutti i ritmi su "4" in modo da coprire 4 misure. Per i parametri degli accordi: Impostate il Numero di misure utilizzate su "4". Impostate la lista di selezione Influenza su Arrangia.

Infine impostate il Numero delle misure coinvolte su "4". Cliccate su OK e il rigo di sopra diviene:

Potete ora fare lo stesso per l'ultimo rigo. Utilizzate la misura 6 del rigo 4 come origine della melodia di basso, ma nella lista di selezione Influenza, selezionate Trasporta ed otterrete:

Questo esempio mostra una possibile applicazione. Ci sono una grande quantit di possibili combinazioni per la funzione smart link. Per Pizzicato Professional questa funzione pu essere combinata con le caratteristiche della vista conduttore, che vi fornir un tavolo da lavoro per creare e arrangiare le vostre composizioni. Dalla versione 3.2 sono state aggiunte due voci nel menu Modifica. Potete utilizzarle per l'intera partitura (senza alcuna selezione) o per una selezione di misure: Fissa collegamenti rapidi - Questa opzione copia le versioni calcolate delle misure selezionate (o tutte le misure) nelle misure originali e rimuove le versioni calcolate. Il risultato che avete una normale partitura con l'ultima versione calcolata. Rimuovi collegamenti rapidi - Questa opzione rimuove i parametri e le versioni calcolate della partitura in modo che vengano mantenute solamente le misure originali.

Aggiungere modelli smart link


In questa lezione abbiamo dapprima introdotto la finestra di dialogo smart link, spiegando una serie di funzioni predefinite. Quindi abbiamo illustrato i vari parametri che influiscono sulla versione calcolata di una misura. Una funzione predefinita un insieme di parametri estratti dalla totalit dei parametri. Essa offre un modo semplice per eseguire una specifica funzionalit tra tra tutte quelle potenzialmente possibili. Potete aggiungere nuovi modelli alla lista in modo da poterli usare gi pronti nelle vostre composizioni. La spiegazione successiva per gli utenti avanzati che vogliono sfruttare appieno questa funzionalit. Aprite la finestra di dialogo smart link, come all'inizio di questa lezione (copiate una misura e selezionate dal menu Modifica la voce Collegamenti rapidi...). Selezionate la voce Time flexible copy. Ci sono due parametri:

Cliccate sul pulsante Modifica... Appare la seguente finestra di dialogo:

La lista di destra contiene tutti i parametri usati quando viene applicata questa funzione ad una misura. Cliccando su uno di essi appaiono i parametri sulla destra e potete impostarne il valore. Appare anche una casella di selezione per abilitare/disabilitare le modifiche di questo paramentro quando usate questo modello. Il nome del modello pu essere modificato in basso a destra.

Cliccate sul parametro Moltiplicazione durata ritmica. Sulla destra appare la seguente voce:

Il valore di default "1" e potete modificarlo. Cliccate su Annulla, selezionate sul modello Copia delle note e cliccate su Modifica... La finestra ora mostra:

In questo caso sono utilizzati solo una parte dei parametri. I parametri della lista di sinistra restano immutati nella misura di destinazione, potete quindi combinare questo smart link con un'altro (Copia dei ritmi ad esempio). Questo vuol dire che potete applicare smart link multipli sulla stessa misura di destinazione, facendo attenzione che non trasferiscano gli stessi parametri. Se essi trasferiscono lo stesso parametro, l'ultimo smart link applicato sovrascriver il primo e verr utilizzato. Cliccate su Annulla. Potete esplorare i vari modelli e vedere quali valori di default vengono usati per i parametri. Per creare un nuovo modello cliccate su Aggiungi ed appare la finestra di dialogo. Decidete quali parametri devono essere utilizzati (usate i pulsanti al centro per trasferire i parametri da una lista all'altra), i loro valori di default e se essi possono essere modificati chiamando la funzione smart link. Date un nome al vostro modello e cliccate su OK. Potete anche selezionare un modello esistente e cliccare su Duplica. Viene creato un modello che duplica il modello corrente. Potete quindi cambiarne il nome e modificarne i valori.

Strumenti per la composizione - La vista conduttore


La vista conduttore Utilizzare la vista conduttore Riprodurre e raggruppare partiture

La vista conduttore
La vista conduttore stata progettata come una scrivania dalla quale comporre. Possono esserci molte partiture in un documento (solo Pizzicato Professional), deve esserci quindi uno strumento adatto ad organizzarle e gestirle, nonch per ascoltarle in diverse combinazioni. Per utilizzare la vista conduttore e poter leggere le lezioni opportune, raccomandiamo fortemente di attivare l'opzione nel menu Finestre, Gestione finestre..., Basata sulla vista conduttore . Questa modalit configurata attorno alla vista conduttore e gli esempi ed applicazioni delle lezioni seguenti appariranno nel modo corretto. Le altre due modalit gestiscono diversamente il comportamento delle finestre.

Avviate Pizzicato o chiudete ogni altro documento e selezionate File, Nuovo. Si apre la vista

conduttore. Se non avete modificato l'opzione per la gestione delle finestre, come spiegato sopra, potete aprire la vista conduttore con il menu Finestre, Conduttore... Appare la seguente finestra:

Tale finestra divisa in due parti: La parte sinistra il gestore documenti, con le sue configurazioni. Per una spiegazione completa vedere la lezione sul gestore documenti. Le diverse configurazioni contengono voci riguardo a strumenti, librerie musicali e tastiere virtuali come anche altri oggetti musicali utili per comporre musica. Ciascuno di essi sar oggetto di una specifica lezione. Nella parte principale della finestra abbiamo una vista delle partiture presenti del documento, con scala temporale. Qui potete aggiungere, rimuovere, eseguire e manipolare le partiture. Il predecessore di questa vista era la "vista principale" (ancora disponibile). Comunque la vista conduttore contiene maggiori elementi per facilitare il lavoro, oltre alla dimensione tempo della partitura. Comparata alle altre viste, la presente contiene alcune particolarit: Esiste una sola vista conduttore per ciascun documento aperto. Aprendo diverse viste conduttore (una per ciascun documento aperto), verranno adattate automaticamente allo schermo in modo da avere la vista d'insieme dei documenti e del loro contenuto. La parte rimanente della presente lezione illustra l'utilizzo dell'area principale della vista conduttore. Il grande rettangolo arancione rappresenta una partitura chiamata Partitura 1. Fate doppio-click nel rettangolo. Appare la partitura sopra la vista conduttore. Noterete che una vista chiamata dalla vista conduttore star sempre davanti. Coprendo la vista conduttore tutto lo schermo, se non fosse cos le viste aperte resterebbero non visibili. Ora chiudete la vista partitura. Cliccate-destro sul rettangolo arancione. Appare il seguente menu di contesto:

Le prime 8 voci aprono una vista particolare riferita alla partitura corrente. La prima apre la vista partitura, come se faceste doppio-click. La voce Opzioni esecuzione... apre la finestra di dialogo omonima associata alla partitura. E' la stessa finestra di dialogo chiamata con il pulsante "..." dalla vista partitura. Potete modificare il tempo, le misure da eseguire, il metronomo,... La voce Cambia nome... vi consente di cambiare il nome alla partitura, che qui Partitura 1. Il nome della partitura visualizzato appena sopra il rettangolo arancione. La voce successiva vi consente di duplicare una partitura all'interno del documento. Se ne ottiene una copia identica all'originale. Potete quindi modificarla come volete senza intaccare l'originale. La voce "Crea un alias" vi consente di creare una lias della partitura. Un alias appare come una copia, ma, di fatto, il contenuto lo stesso dell'originale. Sulla vista conduttore l'alias

appare come una partitura indipendente, potendone spostare il rettangolo senza spostare l'originale. Se fate doppio-click su di esso aprite la partitura originale. Una partitura pu avere tanti alias quanti se ne vogliono. L'uso degli alias diverr pi chiaro nella lezione sulle librerie musicali. Sostanzialmente potete organizzare una composizione musicale combinando diverse partiture e riproducendole insieme nella vista conduttore. Se una partitura rappresenta un pattern ritmico, potresete aver bisogno di usare tale partitura parecchie volte durante la composizione. Se duplicate la partitura originale parecchie volte, le copie saranno indipendenti. Se decidete di cambiare il pattern sarete costretti a cambiarlo in tutte le istanze dello stesso nella partitura. L'altra soluzione invece creare un pattern e farne parecchi alias. Le modifiche effettuate alla partitura originale risulteranno in tutti gli alias della partitura. Un alias di partitura riconoscibile dalla scritta del nome in corsivo. La voce di menu successiva serve a cancellare una partitura. Se la partitura un alias, l'alias scompare senza bisogno di conferma, ma se cancellate una partitura originale, Pizzicato chiede la conferma prima di cancellare la partitura (quest'operazione non pu essere annullata). Le 4 voci successive forniscono un modo veloce per aggiungere misure alla partitura senza bisogno di aprirla. Le misure vengono accodate alla fine.. L'ultima voce di menu consente di aggiungere una traccia audio alla partitura. Vedere la lezione sulle tracce audio, pi oltre nel manuale. Le cinque icone situate sul bordo in alto a sinistra del rettangolo arancione, sono di fatto degli shortcut alle voci di menu pi importanti. Con un semplice click potete: Icona 1 (piccola nota): aprire la vista partitura Icona 2 (cursori): aprire la finestra strumenti con i cursori di controllo del volume, riverbero, etc... Icona 3 ("+" su sfondo bianco): creare un duplicato della partitura Icona 4 ("+" su sfondo giallo): creare un alias della partitura Icona 5 ("x"): cancellare la partitura con una conferma. Se tenete premuto il tasto CTRL, la partitura viene cancellata senza bisogno di conferma. Alcune delle operazioni sopra descritte possono essere eseguite dal gestore documenti. Potete usare entrambi i sistemi indifferentemente. Applichiamo quanto appreso con alcuni esempi.

Utilizzare la vista conduttore


Nella vista conduttore una partitura rappresentata da un rettangolo colorato. I numeri sulla parte superiore dell'area principale rappresentano i numeri di misura della partitura. Linee verticali separano le misure attraverso l'area principale della vista conduttore. Disponete il cursore del mouse come segue:

Cliccate-destro e selezionate la voce Nuova partitura. Viene creata una nuova partitura:

E' chiamata Partitura 2 ed il nome scritto in nero. Il numero della partitura attiva in rosso. Finora c'era solo una partitura ed era di default quella attiva. Cliccate sul rettangolo Partitura 2:

Il nome diventa rosso, essendo ora la partitura corrente. L'altra partitura ha il nome in nero. Pu esserci solo una partitura corrente nella vista conduttore. Per impostare la partitura corrente sufficiente cliccare su di essa. Notate anche che la scala superiore si spostata. Ora mostra le misure della Partitura 2. La nuova partitura possiede solo una misura, ma la scala continua dopo l'ultima misura. Cliccando sulla partitura e trascinandola con il mouse, la partitura viene spostata all'interno della vista conduttore. In questo modo potete disporre le partiture come volete e progettare con facilit il documento musicale. Fate doppio-click sulla Partitura 2 e scrivete nella misura ad ottenere:

Chiudete questa finestra. Usate il registratore della vista conduttore per riprodurre la partitura. La posizione corrente viene seguita da un triangolo nero che si muove durante la riproduzione:

Utilizzando il registratore della vista conduttore, verr eseguita la partitura corrente (con il nome in rosso). I pulsanti H- e H+, situati sulla sinistra del registratore, costituiscono lo zoom orizzontale. L'area principale pu visualizzare pi o meno misure, consentendovi di lavorare con pi precisione o con una visione pi ampia del vostro lavoro.

Riprodurre e raggruppare partiture


La vista conduttore vi permette di eseguire una partitura selezionandola ed usando il registratore. Ma potete anche raggruppare diverse partiture e riprodurle insieme. Ecco un esempio di come questa vista pu aiutarvi a comporre creando musica come in un gioco di costruzioni. Chiudete il documento precedente ed aprite l'esempio Ex082. Potete trovarlo nel gestore documenti, configurazione 2, nella cartella esempi. Aprite la vista conduttore facendo doppio-click sulla scritta accanto all'icona verde dell'esempio, il quale contiene 3 partiture:

Ascoltate ciascuna di esse, una dopo l'altra. Poi fate doppio-click e chiudetele una dopo l'altra per

vedere cosa contengono. Ognuna ha un colore differente. Nella lezione sugli strumenti vedremo che ogni strumento ha un codice colore usato per meglio classificarlo. Adesso assembleremo le partiture in modo da creare un piccolo pezzo musicale. Appena sotto la prima partitura cliccate sullo sfondo del desktop con il destro del mouse. Selezionate la voce di menu Nuovo gruppo di partiture. Nella finestra successiva scrivete un nome, ad es. Mia composizione, e cliccate OK:

Questo nuovo blocco un gruppo di partiture. Pu avere quattro quadratini colorati nella parte superiore. Spiegheremo pi avanti di cosa si tratta. Il gruppo ora vuoto, quindi trascineremo le partiture all'interno di esso. Con il mouse trasciniamo la partitura Acoustic bass in Mia composizione e rilasciamo il mouse quendo la vista conduttore mostra quanto segue:

Ridimensioniamo il gruppo verticalmente trascinando l'angolo in basso a destra, ad ottenere:

Con il mouse trasciniamo la partitura Rock - Rhythm, ad ottenere:

Facciamo l o stesso con l'ultima partitura, cos da ottenere:

Notate che il gruppo stato ridimensionato orizzontalmente per poter contenere l'ultima partitura. Il titolo del gruppo mostrato in rosso, in quanto gruppo attivo. Cliccate sul pulsante START del registratore. Viene riprodotto l'intero gruppo di partiture, mostrando la progressione del gruppo e di ciascuna partitura con i triangoli in movimento:

Potete chiedere al gruppo di suonare in loop infinito. Cliccate sul gruppo (non su una partitura ma sulla parte blu) con il pulsante destro del mouse e selezionate la voce Esegui in loop. Se visualizzate di nuovo il menu vedrete che ora la voce selezionata:

Ricominciate di nuovo la riproduzione. Alla fine del pezzo Pizzicato ricomincia da capo. Per fermarlo usate il tasto STOP del registratore o la barra spazio della tastiera.

Ci piacerebbe eseguire la partitura Arpeggio 2 per 2 volte. Cliccate-destro su di essa e selezionate la voce Opzioni di esecuzione... La parte inferiore della finestra di dialogo mostra dei parametri che influenzano l'esecuzione della partitura all'interno di un gruppo (Parametri speciali di esecuzione) :

Nella terza casella di testo scrivete "2", la partitura verr eseguita 2 volte. Chiudete la finestra. Il gruppo ora mostra:

Il gruppo ridimensionato automaticamente. Vedete che la partitura Arpeggio 2 mostra ora 4 misure. Sono comunque solo 2 le misure reali (se fate doppio-click, la partitura mostra 2 misure). Le misure reali sono visualizzate nel colore originale, quelle addizionali sono di colore pi chiaro e mostrano la durata totale della partitura, tenendo conto delle ripetizioni. Notate che trascinando l'angolo in basso a destra del gruppo tenendo premuto il tasto SHIFT, tutte le partiture che raggiungevano il bordo destro del gruppo verranno automaticamente allungate a raggiungere le nuove dimensioni del gruppo. Potete determinare anche graficamente quante volte una partitura verr riprodotta. Cliccate e trascinate verso destra l'angolo in basso a destra di Acoustic bass, fino a che riempia l'intero gruppo:

Eseguite il gruppo. Se ora volete usare la partitura Rock - Rhythm nell'ultima misura, senza le misure 2 e 3, non possiamo semplicemente estendere la partitura. Ci sono due modi per far questo. Potete duplicare la partitura e modificarla come volete. La partitura duplicata sar completamente indipendente dall'originale. O potete creare un alias della partitura, nel qual caso ogni cambiamento fatto alla partitura originale verr applicato automaticamente all'alias. Creiamo un alias cliccandodestro sulla partitura e selezionando Crea un alias, oppure cliccando sull'icona "+" su sfondo giallo. Il gruppo diviene:

Potete ora muovere l'alias nella quarta misura. La posizione verticale non importante, tranne che per la presentazione del gruppo. L'alias dello stesso colore, ma il nome scritto in corsivo:

Potete notare che la partitura si dispone automaticamente al mezzo beat (tempo) pi vicino, in modo da evitare errori di posizionamento. Potete evitare questa griglia automatica tenendo premuto il tasto CTRL mentre trascinate la partitura (ma il primo click va fatto senza CTRL, il che avrebbe un altro significato che spiegheremo pi avanti). Eseguite di nuovo il gruppo. Nella finestra dei parametri di esecuzione ci sono anche i fattori di divisione e moltiplicazione. Le partiture in un gruppo sono automaticamente riprodotte allo stesso tempo, ma se i fattori di tempo vengono modificati per una partitura, tale partitura sar eseguita secondo quei fattori. Aprite la finestra per la partitura Rock Rhythm e impostate il fattore di moltiplicazione a "3" e quello di divisione a "2". Chiudete la finestra. Il gruppo adesso appare:

La partitura originale viene scalata per mostrare la durata reale rispetto alle altre pariture. Eseguite il gruppo. Sentirete che il ritmo della misura viene modificato secondo un fattore di 3/2. In questo caso l'effetto non gran che. Ma pu essere usato per costringere un assolo di piano ad una certa durata. Potete regolare il fattore tempo anche manualmente trascinando l'angolo in basso a destra della partitura tenendopremuto il tasto SHIFT. Allungate la partitura a coprire due misure e mezzo. Notate che anche qui una griglia regola la lunghezza della partitura al mezzo beat pi vicino. Potete evitare questo premento il tasto CTRL mentre vi spostate. Il gruppo diviene:

Nella finestra di dialogo delle opzioni di esecuzione, una lista di selezione vi consente di selezionare quale versione della misura verr eseguita (le misure, in questo caso, devono avere pi di una versione). Un gruppo pu essere spostato sul desktop come se fosse una partitura. Le partiture contenute si nuovono insieme. Quando il gruppo attivo o quando una delle partiture contenute attiva, la scala superiore mostra i numeri di misura del gruppo. Essi sono basati sulle misure visibili sulla parittura pi in alto del gruppo. Quando un gruppo, o una delle sue partiture, attivo noterete una freccia verde che mostra l'inizio di esso sulla scala superiore. Questa freccia ha una linea verticale che mostra il punto di inizio della riproduzione del gruppo. Potete impostare la freccia verde cliccando col mouse nell'area della scala. Cliccate ad esempio all'inizio della misura 4, all'interno della banda bianca con i numeri di misura. La vista conduttore ora mostra:

Eseguite il gruppo. Inizier a quel punto e riprender l'esecuzione in loop a partire da quel punto quando raggiunger la fine. Il punto finale di default la fine del gruppo, ma potete impostare una freccia rossa per determinare il punto finale. Cliccate-destro nell'area dei numeri di misura, sul terzo beat della quarta misura. Eseguite il gruppo e vedrete che il loop sar eseguito tra la freccia verde e quella rossa:

Potete cambiare la posizione delle frecce durante l'esecuzione. Per rimuovere la freccia di stop, cliccate-destro, nella banda bianca, fuori dai limiti del gruppo. Il bordo in alto a sinistra dell'area blu pu contenere fino a 4 caselline colorate. La prima e la terza sono riservate per l'arrangiamento in tempo reale. Torneremo su questo in una lezione specifica. La seconda casellina attiva in rosso di default. Essa mantiene il gruppo di partiture attivo tutto il tempo, anche se manipolate le partiture all'interno. In questo modo, usando lo shortcut per la riproduzione (barra spazio) sar sempre il gruppo ad essere eseguito e non l'ultima partitura selezionata. Disabilitando questa casella (cliccando su di essa), diviene grigia e cliccando su una delle partiture essa diviene rossa ed attiva in modo da poterla eseguire senza il resto del gruppo. La casellina verde serve a creare una singola partitura completa che contiene tutte le partiture del gruppo. E' quindi utile per completare un arrangiamento. Per poterla usare cliccate sulla casellina verde e trascinate nell'area libera del desktop e verr creata una nuova partitura. Avrete ad esempio:

Abbiamo fin qui spiegato come usare la vista conduttore per arrangiare ed organizzare una composizione

musicale. Anche se l'esempio molto semplice, esso mostra bene il meccanismo. Nella prossima lezione illustreremo l'uso degli strumenti, dei generatori musicali e di altri oggetti, oltre all'uso delle librerie musicali nel contesto di quanto fin qui spiegato. Siate sicuri di avere ben compreso la presente lezione prima di continuare con la prossima.

Strumenti per la composizione Strumenti


Strumenti Utilizzare gli strumenti Gestire gli oggetti musicali Colori degli strumenti

Strumenti
La combinazione di ritmi, note e accordi eventualmente eseguita da strumenti; quindi importante essere in grado di gestire e selezionare strumenti con facilit. Finora questo avvenuto con la vista strumenti, insieme alla selezione di un driver sintetizzatore. Questo vale anche ora, ma con la vista conduttore sono state aggiunte funzionalit che facilitano la selezione degli strumenti e la creazione di nuove partiture. Avviate Pizzicato e selezionate la configurazione 3 del gestore documenti. Osservate la figura seguente:

Questo chiamato albero. Parte dalla voce pi in alto chiamata Librerie, la quale contiene un documento chiamato Strumenti e template e due cartelle chiamate Librerie musicali e Mia libreria. Il documento aperto e contiene molte sotto-cartelle ed una voce chiamata Template 1 misura 4/4. Si tratta di una struttura gerarchica di oggetti. In questa lezione esamineremo il documento chiamato Strumenti e template. Alcuni elementi hanno un segno "+" sulla sinistra. Vuol dire che quell'elemento contiene delle voci e/o sotto-cartelle. Per esaminarlo cliccate sul "+" e l'elemento si apre mostrando il suo contenuto. Quando un elemento si apre, mostra il segno "-" sulla sinistra. Potete cliccare su di esso per chiudere la cartella e nasconderne il contenuto. La cartella Basic instruments contiene una serie di sotto-cartelle, e ciascuna raggruppa strumenti individuali o una famiglia. Aprite la sotto-cartella Strings. Essa mostra:

Ciascuno strumento rappresentato da una casella colorata seguita dal nome. Qui, ad esempio, abbiamo il violino. Fate doppio-click sul nome dello strumento. Si apre la finestra di dialogo sulle specifiche dello strumento, la quale mostra appunto i parametri relativi ad esso:

La finestra definisce tutte le specifiche relative allo strumento. Vediamone i dettagli. La parte superiore della finestra specifica la normale estensione dello strumento, ovvero le note che possono essere suonate normalmente dallo stesso. I limiti possono essere selezionati da due cursori, che mostrano il numero MIDI della nota ed il suo nome, seguito dal numero di ottava (C 3 il do centrale del pianoforte). Potete anche cliccaresinistro sulla tastera, tenendo premuto il tasto CTRL per impostare la nota inferiore e cliccare-destro + CTRL per la nota superiore. Nelle Specifiche generali specificato il titolo (etichetta) usato per indicare lo strumento nella cartella ed anche il nome completo ed il nome breve usati nella partitura. Potete specificare la famiglia cui lo strumento appartiene ed una coppia di valori per il trasporto della nota e dell'ottava (solo per gli strumenti traspositori). Nelle Specifiche per la notazione potete decidere la chiave predefinita per lo strumento (cliccate sul simbolo della chiave). Cliccando nel riquadro colorato potete scegliere il colore associato allo strumento. Vedremo pi avanti le convenzioni usate per i colori in questa libreria. E' anche possibile specificare di quanti righi ha bisogno lo strumento (es. Pianoforte) ed il numero di linee per rigo (il valore di default 5, tranne che per le percussioni). Le Specifiche MIDI definiscono alcuni dei parametri MIDI associati allo strumento. E' definito il volume di default, la posizione dello strumento nello spazio di un orchestra (cursore Pan, per Panoramic). Qui, ad esempio, i violini sono collocati sulla destra dell'orchestra. Pizzicato specifica il nome del driver del sintetizzatore e, se esiste, l'equivalente General MIDI. Sono specificati il patch dello strumento ed il banco (bank) ed il riferimento al sintetizzatore. I canali MIDI che possono essere usati dallo strumento vanno da 1 a 16. Ma questi dati tecnici non hanno ragione di essere modificati dalla maggior parte degli utenti. Il riquadro chiamato Sintetizzatore e suono utilizzati determinano quale suono di quale sintetizzatore installato verr usato. Questa parte impostata automaticamente per tutta la libreria, come vedremo pi avanti. Cliccate su Cancel ed aprite la cartella Percussioni. Aprite la cartella Strumenti individuali. Essa contiene tutti gli strumenti a percussione dello standard General MIDI. Fate doppio-click sullo strumento Bass tom 1. Notate che selezionata una sola nota, che corrisponde alla nota alla quale lo strumento associato nel General MIDI. Cliccate ora sul pulsnate Mappa percussioni... Appare la seguente finestra di dialogo:

La tastiera superiore serve a specificare la nota originale General MIDI, cio la nota che deve essere inviata al sintetizzatore per suonare quello strumento. La seconda tastiera serve a specificare la nota che verr usata sul rigo quando essa viene scritta in notazione musicale. Se la nota pu essere eseguita usando qualsiasi nota scritta, non deve essere specificata alcuna nota sulla seconda tastiera. Per specificare una nota, cliccate sulla tastiera tenendo premuti i tasti SHIFT e CTRL. E' specificato il nome e la testa di nota standard che verr usata per questo strumento. Potete aggiungere/rimuovere specifiche per strumento a percussione con i pulsanti Aggiungi e Cancella. Esse sono aggiunte nella lista di sinistra. Cliccate su una di esse per fissare le specifiche. Cliccate su Annulla e di nuovo su Annulla. Chiudete la cartella Strumenti individuali. Fate doppio-click sullo strumento GM - Toms e cliccate su Mappa percussioni... Appare la stessa finestra di dialogo, ma qui sono definiti tutti gli strumenti tom su un rigo, ciascuno con la sua nota e specifiche. Clicccate su

Annulla per entrambi le finestre. Dovete sapere che questa libreria di strumenti non parte del documento che avete aperto. Essa salvata in un documento specifico, nella sotto-cartella Pizzicato, DataIT, Librerie. Se operate qualche modifica in questa libreria, essa viene salvata automaticamente da Pizzicato. Se volete ripristinare la libreria originale, reinstallate il programma, senza prima disinstallarlo. Riavrete la libreria originale. Adesso dovreste esplorare i vari strumenti che trovate in queste cartelle, per orientarvi dove trovare quali strumenti. Se aprite la finestra delle specifiche di uno strumento, richiudetela con il pulsante Annulla, in modo da non modificare la libreria originale.

Utilizzare gli strumenti


Per Pizzicato Notazione, che non contiene la vista conduttore, il solo modo per utilizzare gli strumenti quello di trascinarli nella partitura. Per Pizzicato Professional e Composizione, potete trascinarli nella vista conduttore. Entrambi i casi sono qui trattati. Ci sono molti modi per usare gli strumenti con la vista conduttore. Questa sezione illustrer questi modi. Il modo pi semplice quello di trascinare uno strumento sul destktop musicale (parte destra della vista conduttore). Trascinate, ad esempio, il Violino sul desktop. Appena rilasciate il mouse appare una nuova partitura:

Aprendo questa partitura, avrete:

La partitura contiene una misura, con il nome e la chiave corretta, numero di righi e linee,... Se analizzate le impostazioni nella vista associata allo strumento, vedrete che sono state inizializzate le specifiche impostate per lo strumento, come visto prima. Questo un modo facile per creare una partitura con un dato strumento ed aggiungerla al desktop. Chiudete la partitura. Potete anche trascinare uno strumento nel rettangolo di una partitura esistente sul desktop. Lo strumento verr aggiunto a quelli gi presenti nella partitura. Ad esempio, trascinate il Contrabbasso (Double bass) nel rettangolo della partitura Violino. Il rettangolo diviene:

Il rettangolo mostra ora due colori. Infatti il rettangolo di una partitura visualizza aree orizzontali colorate in base agli strumenti che contiene. La partitura adesso:

Potete anche trascinare uno strumento direttamente all'interno della vista partitura. Cos facendo potete decidere dove inserire lo strumento, a seconda di dove lo rilasciate. Se lo rilasciate tra due righi, verr inserito tra i due righi. Se lo rilasciate al di sopra del rigo superiore, verr inserito in prima posizione. Se lo rilasciate sotto il rigo pi in basso, verr accodato in fondo alla partitura. Usate questo sistema per aggiungere un Oboe in prima posizione, un Corno inglese (English horn) tra il violino e il

contrabbasso, quindi un clarinetto in fondo alla partitura. Aprite la sotto-cartella Legni (Woodwinds) per trovare tali strumenti. La partitura diviene:

e la vista conduttore visualizza:

Potete anche trascinare uno strumento su di un rigo esistente all'interno della vista partitura. In questo caso le specifiche vengono semplicemente copiate nel rigo. Non viene aggiunto alcun rigo. Il contenuto delle misure resta invariato. Trascinate, ad esempio un Corno (Horn) (nella sottocartella Ottoni (Brass) ) sul terzo rigo (Corno inglese). Il nome cambia e viene assunto il suono del nuovo strumento quando la partitura eseguita. Questo un modo semplice per cambiare l'assegnazione di uno strumento nella partitura. Altrimenti dovreste aprire la vista strumenti, selezionare il sintetizzatore, la famiglia, lo strumento, cambiare il colore e/o il valore di trasporto MIDI, il nome, etc... Tutto questo viene fatto con una sola operazione nella vista partitura, anche mentre la partitura viene eseguita. In modo simile ma limitato, potete trascinare uno strumento sul rettangolo di una partitura nella vista conduttore, tenendo premuto il tasto CTRL. Lo strumento trascinato rimpiazzer le specifiche del primo rigo della partitura. Questa operazione ha lo stesso esito di aprire la partitura, trascinare e rilasciare lo strumento sul primo rigo e chiudere la partitura. E' uno shortcut all'operazione sopra descritta (solo per il primo rigo). Chiudete la cartella Strumenti di base e aprite la cartella Sezioni ed ensembles

Le sotto-cartelle trovate qui contengono una gerarchia di cartelle che definiscono sezioni ed ensemble. L'idea che una cartella che contiene strumenti e/o altre sotto-cartelle pu essere trascinata sul desktop musicale per creare un modello di partitura con quegli strumenti. Ad esempio, aprite Orchestre Sinfoniche e trascinate la sotto-cartella Bolero (Ravel). Aprite la partitura e vedrete il modello di partitura di grande orchestra, pronto per essere usato. Noterete le staffe disposte per gli strumenti che si trovano nelle sottocartelle della cartella trascinata. Questa operazione (trascinamento e rilascio di una cartella) pu essere fatta su di un rettangolo di partitura esistente ma non all'interno di una vista partitura. Vi suggeriamo di esplorare la varie sotto-cartelle in Sezioni ed ensemble. Esse contengono parecchi modelli da poter usare nelle vostre partiture e composizioni.

Gestire gli oggetti musicali


Con oggetti musicali intendiamo strumenti, cartelle, documenti, tastiere virtuali e altri oggetti musicali che saranno spiegati nelle lezioni successive.Tutti questi elementi possono essere contenuti in una cartella. Abbiamo visto che un documento pu contenere una struttura gerarchica di oggetti musicali. Questa struttura non statica: potete modificarla ed aggiungere nuovi oggetti musicali. Tale struttura infatti collocata all'interno della sotto-cartella Pizzicato, DataIT, Librerie. Questa cartella contiene sotto-cartelle e documenti Pizzicato che vengono aggiunti automaticamente all'albero quando avviate Pizzicato. Un modifica fatta in questa struttura viene automaticamente salvata nel documento appropriato situato all'interno della directory Librerie. Troverete una spiegazione di ci anche nel gestore documenti.

Confrontata con le precedenti versioni di Pizzicato che non hanno il gestore documenti, dalla versione 3.5 possibile usare parecchie configurazioni nel gestore documenti. Potete trovare tutti i documenti della libreria nella configurazione 3, Librerie. Ma generalmente le configurazioni 3, 4 e 5 mostrano pi aree specifiche delle librerie, il che rende pi semplice navigare nella libreria, perch non dovete cercare nello stesso albero riguardo a molti differenti interessanti contenuti. Ecco le specifiche delle configurazioni 3, 4 e 5: Configurazione 3 - La prima area mostra gli strumenti che potete usare per formare una partitura. La seconda area da accesso agli strumenti audio virtuali, che saranno spiegati pi avanti. Configurazione 4 - La prima area contiene gli spazi armonici e progressioni di accordi. La seconda area contiene strutture ritmiche per strumenti individuali, che possono essere usati per comporre ritmi personalizzati. L'ultima area contiene stili e strutture predefinite. Configurazione 5 - La prima area contiene vettori musicali. La seconda area una libreria di effetti da poter applicare alla partitura. La terza contiene risorse audio. Potete aggiungere configurazioni e/o modificare quelle esistenti. Vedere il gestore documenti su tale argomento. Aggiungendo un nuovo documento in una cartella, potete aggiungere un nuovo nodo all'albero. Faremo questo per darvi la possibilit di organizzare e modificare una struttura senza toccare la libreria originale. Ecco come fare ci. La cartella chiamata La mia libreria li perch possiate creare documenti e strutture senza toccare la libreria originale. Nella configurazione 3, cliccate-destro sulla cartella Mia libreria e selezionate la voce Nuovo documento. Dategli il nome Tests e validate la finestra. Cliccate sul segno "+" a sinistra di Mia libreria, quindi sul segno "+" a sinistra di Tests. L'albero mostra:

Il documento Tests pu ora essere usato per fare esperienza senza rischiare di danneggiare la libreria originale. Troverete una partitura nel documento Tests in quando deve esserci almeno una partitura in un documento. Ora, in aggiunta a una o pi partiture, un documento pu contenere una struttura di oggetti musicali, lo stesso tipo di struttura vista finora. Quindi potete aggiungere oggetti musicali nei documenti che aprite. Di default un documento non contiene oggetti musicali. Questo albero si comporta esattamente come spiegato qui sopra. Gli oggetti musicali che create verranno salvati nel documento. Si tratta di un modo semplice per trasferire oggetti musicali a qualcosa d'altro se volete scambiarli. Lo stesso resta vero per le librerie musicali, come spiegheremo in seguito. Cliccate-destro sull'icona verde del documento Tests. Nel menu di contesto che appare selezionate Nuova cartella... Una finestra di dialogo vi consente di specificare il nome della cartella. Chiamatela Mia cartella e cliccate su OK. L'albero diviene:

Cliccate-destro su Mia cartella. Selezionate la voce Nuovo strumento... Appare la finestra di dialogo per la definizione dello strumento, con uno strumento di default. Date un titolo, Mio strumento e cliccate su OK. Aprite la cartella. L'albero ora mostra:

La creazione di una nuova tastiera virtuale sar spiegata nella lezione sulle tastiere virtuali. Lo stesso vale per i generatori musicali, gli spazi armonici e altri oggetti musicali che saranno oggetto di lezioni specifiche. Cliccando-destro su Mia cartella, selezionate la voce Importa un sintetizzatore... Appare la seguente finestra di dialogo:

Questa finestra vi consente di selezionare un driver di sintetizzatore. Da questi driver, Pizzicato estrarr tutti gli strumenti e creer una struttura con una cartella per ciascuna famiglia di strumenti. Verranno anche estratti gli strumenti a percussione. Se il vostro sintetizzatore incluso in questa lista, potete importarlo cos da poter usare i suoi strumenti esattamente come spiegato in questa lezione. Selezionate per esempio il sintetizzatore GS, che corrisponde a parecchi sintetizzatori Roland. cliccate su Seleziona sintetizzatore. Aprite la nuova cartella Strumenti GS cliccando sul segno "+". L'albero diviene:

Cliccando-destro su di una cartella o strumento, avrete disponibile la voce di menu Elimina per poterlo cancellare. Potete trascinare una cartella o oggetto musicale da una cartella ad un'altra. Esistono diverse possibilit: 1. Se trascinate un oggetto da un documento ad un altro documento (il che significa che le cartelle di origine e destinazione non si trovano nello stesso documento Pizzicato), l'oggetto ed il suo contenuto sono copiati nella cartella di destinazione (l'oggetto originale non viene toccato). 2. Se trascinate un oggetto all'interno di un documento, l'oggetto ed il suo contenuto vengono semplicemente trasferiti nella cartella di destinazione. 3. Se trascinate un oggetto all'interno di un documento tenendo premuto il tasto CTRL, l'oggetto ed il suo contenuto vengono duplicati. Avrete una copia esatta ed indipendente dell'oggetto originale. 4. Se trascinate un oggetto all'interno di un documento tenendo prenuto il tasto SHIFT, vengono creati alias dell'oggetto e del suo contenuto. Il riferimento viene copiato nella cartella di destinazione come un link all'oggetto originale. In questo caso l'oggetto reale unico e i riferimenti ad esso possono essere posizionati ovunque negli oggetti musicali. Un oggetto che ha pi di un riferimento ad esso marcato con un "+" immediatamente prima del suo nome (non si confonda il "+" sulla sinistra di una cartella). Cliccando-destro su uno strumento o su una cartella che contiene strumenti, disponibile una voce di menu addizionale, Assegna un sintetizzatore, e contiene almeno 2 opzioni. La prima opzione Nessuno il che indica che gli strumenti della cartella non verrano assegnati ad un particolare sintetizzatore. Le altre opzioni dipendono dal vostro setup MIDI. E' la lista di tutte le porte MIDI output. Aprendo questo menu, Pizzicato assegner la porta MIDI allo strumento che avete cliccato, o a tutti gli strumenti contenuti nella cartella che avete cliccato. Se avete parecchi sintetizzatori, potete usare questa funzione per assegnare la sua porta MIDI output ad una cartella contenente i suoi strumenti. In questo modo, quando trascinate gli strumenti, ad essi verr assegnato il sintetizzatore corretto nella vista strumenti della partitura. Questa funzione prover anche a far corrispondere il suono del sintetizzatore di destinazione con

il suono originale incluso nello strumento. Perch questo funzioni le equivalenze General Midi devono essere presenti nel driver del sintetizzatore, che non il caso di tutti i driver. La cartella chiamata Mia libreria corrisponde ad una directory Windows (o cartella Mac). Essa pu contenere sotto-cartelle e documenti Pizzicato appositamente creati. L'icona di un documento verde con una piccola partitura in essa. All'interno di un documento potete trovare/creare partiture e gruppi di partiture. Potete anche creare cartelle e sotto-cartelle che possono contenere oggetti musicali da poter usare per comporre musica. Spiegheremo tutto questo in maggiori dettagli nelle lezioni seguenti.

Colori degli strumenti


Il sistema dei colori usati per gli strumenti consiste nell'assegnare un colore ad ogni famiglia di strumenti. All'interno di una famiglia usato lo stesso colore in una scala di luminosit da scuro (per le frequenze basse) al molto chiaro (frequenze alte). Questo sistema solo un approssimazione e non stabilisce una corrispondenza tra una frequenza ed un colore. E' una scala arbitraria ed usata come indizio per sapere quali strumenti sono presenti in una partitura quando osservata nella vista conduttore. I colori delle famiglie sono: Archi Chitarra, corde pizzicate e piano Legni e strumenti a fiato Organo, suoni sintetici ed effetti Ottoni Percussioni Voci Basso

Strumenti per la composizione - Spazi armonici


Principio di base Utilizzare l'arrangiatore in tempo reale Creazione e/o modifica di spazi armonici

Principio di base
Uno spazio armonico costituito da progressioni di accordi, da poter disporre in sequenza e che caratterizzano l'atomosfera o lo stile di una musica. Pu essere di tipo elementare o contenere un gran numero di sequenze e tipi. Lo scopo principale di orientare il compositore in modo intuitivo riuscendo a costituire una progressione di accordi da usare nella composizione. Lo spazio armonico usato in associazione con un gruppo di partiture, un oggetto che trovate mell'area principale della vista conduttore. Utilizzando uno spazio armonico all'interno di un gruppo di partiture, potete selezionare gli accordi ed ascoltarne l'effetto che hanno con l'arrangiatore in tempo reale di Pizzicato. Le partiture disposte all'interno del gruppo assumeranno gli accordi che scegliete in tempo reale. Si tratta di uno strumento facile e potente per creare progressioni di accordi, perch potete ascoltarli e sceglierli in modo intuitivo, senza alcuna conscenza delle teorie armoniche. Per prima cosa vedremo come utilizzare uno spazio armonico con l'arrangiatore in tempo reale.

Utilizzare l'arrangiatore in tempo reale


Treverete alcuni semplici spazi armonici nella configurazione 3 del gestore documenti, in Librerie / Strumenti e template / Spazi armonici. Utilizziamo, ad esempio, il primo, DO Maggiore - 3 note accordi + 7a dominante. Avviate Pizzicato con un nuovo documento ed andate alla configurazione 3 del gestore documenti. Trascinate il nodo DO Maggiore - 3 note accordi + 7a Dominante e rilasciatelo nell'area principale della vista conduttore. Osservate il seguente gruppo creato automaticamente:

Avreste avuto lo stesso risultato creando prima un gruppo di partiture (menu di contesto nella vista conduttore) e trascinando il nodo Do Maggiore etc... al suo interno. Ridimensionate il gruppo trascinando l'angolo in basso a destra in modo da ottenere:

Potete osservare le varie progressioni di accordi "DO - RE min", "DO - MI min", ... con i loro colori assegnati. La regola di un tale spazio armonico che dopo il DO potete avere gli accordi come qui sopra specificato. Dopo un RE min potete avere talaltri accordi, etc... Questo solo un esempio, in quanto altri spazi armonici possono avere regole differenti. Siccome non abbiamo selezionato l'accordo con cui iniziare, Pizzicato mostra tutte le possibili sequenze di avvio. Su ciascun accordo potete notare un piccolo pulsante OK. Serve a selezionare l'accordo da usare. Cliccate sul pulsante OK del primo accordo di DO e il gruppo diviene:

Il primo accordo stato fissato come DO e Pizzicato suggerisce 7 accordi che possono seguire l'accordo di DO Cliccate sull' OK dell'accordo di FA e il gruppo diviene:

Cliccate sull'accordo successivo di SOL, quindi sul DO. Il gruppo diviene:

Notate che il gruppo automaticamente ridimensionato quando aggiungete accordi alla progressione. Su ciascun accordo della progressione ci sono 4 icone da poter usare come segue: "?" : cliccate su questa icona per cambiare l'accordo, aprendo la finestra di dialogo di selezione accordi. "+" : cliccate su questa icona per inserire un'accordo dopo quello corrente, sempre attraverso la finestra di selezione accordi. "x" : cliccate su questa icona per eliminare l'accordo dalla progressione. Gli accordi successivi slittano in conseguenza. "<-" : cliccate su questa icona per rimuovere tutti gli accordi della progressione, a partire dall'accordo corrente. Il suggerimento successivo di Pizzicato quindi mostrato da questo punto per ri-orientare da qui la progressione. Notate che ad ogni accordo assegnata la durata di una misura da 4/4. Potete trascinare il bordo tra gli accordi accorciandone o allungandone la durata. Finora tutto solo visuale, ma ora viene la parte interessante. Nella configurazione 4 del gestore documenti, terza area, individuate il seguente nodo, espandendo i nodi come necessario:

Trascinate il ritmo qui sopra (selezionato in blu) all'interno del gruppo, nella posizione illustrata:

E' una battuta di 4/4 di un ritmo stile country, scritta in DO Maggiore. Aumentatene la lunghezza come spiegato nella lezione sulla vista conduttore: trascinate l'angolo in basso a destra, ad ottenere:

Ora ascoltate il gruppo usando il triangolo giallo della barra degli strumenti. Sentirete le quattro misure cambiare in base agli accordi presenti nel gruppo. Questo il lavoro dell'arrangiatore in tempo reale che riproduce la partitura elaborandola con gli accordi selezionati. Ora vediamo come disegnare intuitivamente una progressione di accordi. Per cominciare, cliccate sull'icona "<-" del primo accordo in modo da cancellare la progressione. Cliccate sul pulsante OK del primo accordo di DO e dimensionate il gruppo ed il ritmo come segue:

Cliccate-destro sullo sfondo blu e selezionate la voce di menu Esegui in loop. Avviate la riproduzione; la partitura eseguir a giro sempre lo stesso ritmo. Ora vediamo come selezionare la progressione di

accordi in tempo reale. Fate doppio-click all'interno dell'area gialla dell'accordo di DO. Appare un piccolo cerchio colorato:

Esso rappresenta il punto fisso per l'arrangiatore in tempo reale. Quando il cerchietto non presente, la partitura esegue i rispettivi accordi delle misure. Ma quando fissate un punto con il cerchietto, Pizzicato esegue la partitura sempre con l'accordo ove collocato il cerchietto (qui DO). Cliccando ora su qualunque degli accordi suggeriti da Pizzicato sentirete l'accordo relativo (il cerchietto si sposta dove cliccate). Provate su ciascuno di essi. Quando trovate un passaggio che vi piace, cliccate sul pulsante OK dell'accordo scelto, aggiungendolo cos alla progressione. Quindi Pizzicato mostra i suggerimenti per l'accordo successivo. Questo spazio rappresenta gli accordi di 3 note nella scala di DO Maggiore e l'accordo di 7ma di dominante, comunemente usato sul 5 grado della scala. Per eliminare il cerchietto cliccate su di esso. In tal modo l'arrangiatore riprende l'esecuzione degli accordi della progressione. Potete disabilitare l'arrangiatore in tempo reale cliccando sulla casellina gialla in alto a sinistra nel gruppo. Attenzione - non dimenticate di eliminare il punto fisso (cerchietto colorato) dopo averlo usato, altrimenti Pizzicato riprodurr la partitura sempre con quell'accordo. Una volta individuata la progressione che vi piace, potete fare due cose con il gruppo: Potete trascinare la casellina verde in alto a sinistra rilasciandola fuori dal gruppo. Pizzicato creer una partitura completa del gruppo, comprendendo le note degli accordi. Potete trascinare in modo simile la casellina blu e la partitura conterr solo la progressione di accordi. Successivamente possibile trascinare la progressione in un documento interno alla cartella Mia libreria, per usarla nelle occasioni che vorrete. Essa diviene parte della vostra libreria. Troverete nelle librerie di Pizzicato numerosi spazi armonici. Essi si trovano nella cartella Spazi armonici, nella prima area della configurazione 4 del gestore documenti. Sono classificati in base al tipo degli accordi (terza, settima etc.), per note comuni e successione di gradi.

Creazione e/o modifica di spazi armonici


Ecco come creare uno spazio armonico personalizzato o modificarne uno esistente. Aprite un nuovo documento ed aprite la vista conduttore. Nel gestore documenti, configurazione 1, cliccate-destro sull'iconda del documento appena creato e selezionate la voce Nuovo spazio armonico. Appare la seguente finestra di dialogo:

Modificate il nome dello spazio armonico nella casella di testo in alto a destra. La lista grande dovr contenere le sequenze possibili di accordi. Cliccate sul pulsante Aggiungi. Appare una nuova linea nella lista. Quindi cliccate sul pulsante Aggiungi un accordo. Appare la finestra di dialogo di selezione accordo:

Cliccate su OK per selezionare l'accordo di default DO maggiore. La lista "Accordi della sequenza" contiene ora l'accordo di DO. Aggiungete un nuovo accordo e selezionate FA. La sequenza "DO FA" ora una delle sequenze possibili di questo spazio armonico. Aggiungete la nuova sequenza "RE min - FA", col pulsante Aggiungi. Notate che un colore automaticamente associato alla tonica dell'accordo. Il colore pu essere cambiato, se volete provare una diversa convenzione colore/accordo. Tali colori saranno visualizzati nei gruppi di partiture. Operando allo stesso modo, create le due seguenti sequenze di accordi: "FA - SOL" e "SOL - DO". La lista di sinistra "Sequenze possibili" appare ora come segue:

Il mumero "=0" un valore che potete associare alla sequenza. Pu essere assegnato selezionando la linea nella lista e cambiando il valore con il cursore in alto a destra ("Valore associato") nella finestra. Attualmente tale valore non utilizzato da Pizzicato, ma potrebbe rappresentare un fattore di qualit o importanza della specifica progressione di accordi, nello spazio armonico da voi realizzato. Il pulsante in alto Cancella serve ad eliminare la sequenza di accordi selezionata. I pulsanti Sopra e Sotto, in alto nella finestra, consentono di cambiare l'ordine della sequenza selezionata, in modo da poter ordinare la lista come desiderate. Con Modifica accordo... potete modificare l'accordo selezionato nella seconda lista. Il pulsante Cancella accordo rimuove l'accordo selezionato nella seconda lista e i pulsanti Sopra e Sotto, accanto alla lista degli accordi, modificano l'ordine degli accordi della sequenza. Cliccando sul riquadro colorato potete cambiare il colore associato all'accordo selezionato. La casella di selezione Esegui l'accordo selezionato vi consente di sentire l'accordo con suono di violini. Potete regolare il volume con il cursore in basso. Il pulsante in alto a destra Trasporta... vi consente di trasportare tutti gli accordi definiti nello spazio armonico. Mediante il pulsante Struttura... potete costruire automaticamente uno spazio armonico, fornendo delle specifiche da voi stabilite. Appare la seguente finestra di dialogo:

Ecco le specifiche che potete definire e che determineranno le possibili sequenze di accordi dello spazio armonico: Sulla sinistra specificate, con una doppia lista, quali accordi possono essere usati. Spostate gli accordi da una lista all'altra tramite i quattro pulsanti al centro. La tabella centrale determina in quali scale gli accordi possono essere usati. Essa definisce il contesto armonico degli accordi. Utilizzate le 12 note, combinate con le 4 modalit di scala (1 maggiore e 3 minori). Nella parte superiore del terzo riquadro selezionate quante note in comune possono essere accettate nei due accordi di una sequenza. Immediatamente sotto possibile selezionare, nella lista, le sequenze dei gradi da

visualizzare in basso. Le opzioni sono "Progressione di gradi all'interno di una scala" e "Progressione di gradi tra due scale". Per ciascuna delle due opzioni, una tabella di 7x7 caselle di selezione, consente di specificare quali sequenze di gradi sono possibili. Se cliccate su Crea, Pizzicato rimuove ogni sequenza di accordi presente nello spazio armonico e costruisce tutte le sequenze di accordi che soddisfano le specifiche da voi fornite. Per proseguire con l'esempio qui sopra, cliccate su Annulla. Cliccate sul pulsante OK.

Strumenti per la composizione Trascinare partiture col mouse


Principi di base Un esempio pratico Oggetti musicali e loro icone Creare, cancellare ed editare gli oggetti musicali Usare gli oggetti in un documento Opzioni di trascinamento e rilascio

Principi di base
Il "trascinamento e rilascio" di partiture musicali il principio base del nuovo sistema di libreria di Pizzicato. Grazie ad esso possibile costruire composizioni musicali complete con molta efficienza, attraverso il test di semplici combinazioni. Definiamo con precisione l'operazione di trascinamento all'interno di Pizzicato. L'operazione consiste nei tre seguenti passaggi: 1. Cliccare su di un oggetto musicale con il pulsante sinistro del mouse e tenere il pulsante premuto 2. Spostare il mouse in un'altra specifica posizione, tenendo sempre premuto il pulsante sinistro. Questa l'operazione di "trascinamento". Mentre spostate l'oggetto il cursore del mouse pu assumere due diversi aspetti. Il primo una freccia multidirezionale che indica la possibilit di rilasciare l'oggetto nella posizione corrente. L'altro il simbolo di "parcheggio vietato" e indica che la posizione corrente del mouse non accetta il rilascio dell'oggetto che state trascinando. In questo caso il rilascio del pulsante del mouse non genera alcuna operazione. 3. Rilascio del pulsante del mouse, detto semplicemente "rilascio". L'intera operazione di "trascinamento e rilascio" pu essere comunemente indicata con il termine " trascinamento". According to the exact type of the object, the result is commonly one of the following: A seconda del tipo esatto di oggetto, il risultato comunemente uno dei seguenti: L'oggetto originale spostato nella nuova posizione. L'oggetto originale copiato nella nuova posizione. L'oggetto originale , in qualche modo, utilizzato o referenziato dall'oggetto di destinazione (posizionato dove viene rilasciato il pulsante del mouse. L'oggetto originale quello che si sta trascinando). In questa lezione apprenderemo quali oggetti possono essere trascinati e dove possono venire rilasciati. Per prima cosa creiamo una semplice partitura servendoci di questi principi, in modo da avere una comprensione migliore di cosa pu voler dire comporre musica "trascinando" partiture ed oggetti musicali.

Un esempio pratico
Aprite un nuovo documento in vista conduttore. Nella configurazione 3 del gestore documenti, espandete il nodo Librerie musicali come nella seguente illustrazione:

Per riferirci ad uno specifico nodo della libreria (e questo vale per il resto della presente lezione), useremo, per esempio per il nodo selezionato qui sopra, il suo percorso completo, come segue: Librerie musicali / Pattern per strumenti / Strumenti individuali / Ritmi e arpeggi / Arpeggi in croma note / Arpeggio 1 Posizionate il cursore del mouse sulla prima icona del nodo selezionato (l'immagine di due note con i gambi in direzione opposta). Tale icona rappresenta una partitura musicale. Vedrete istantaneamente il suo contenuto in una finestra volatile, come rapido sistema per esplorare la libreria. Trascinate il mouse (senza cliccare) sulle diverse icone di partitura per vederne rapidamente il contenuto. Siccome la musica soprattutto una questione di ascolto e non di visione, cliccate sull'icona di una partitura per sentirne il contenuto ed averne subito un'idea. L'esecuzione prosegue a giro finch tenete il cursore del mouse all'interno dell'icona. Si interrompe non appena ne uscite. Fate delle prove per familiarizzare con questo sistema di esplorazione. Adesso trascinate l'icona sopra selezionata nell'area principale della vista conduttore. Avrete:

La partitura ora parte del vostro documento corrente. E' stata copiata nel documento e pu essere modificata senza alcun effetto sulla libreria originale. Aprite la vista partitura cliccando sulla prima iconcina in alto a sinistra del rettangolo (la notina):

E' stata creata una partitura con un semplice trascinamento e contiene un arpeggio per pianoforte. Possiamo continuare a costruire questa piccola partitura aggiungendo altri contenuti con lo stesso metodo. La prossima operazione importante in quanto contiene alcune caratteristiche degne di nota. Trascinate ora il nodo Arpeggio 3 lentamente all'inizio della partitura per piano (in vista partitura) e rilasciatelo quando il cursore del mouse si trova a destra della misura, in modo da aggiungerlo in coda. Mentre fate questo notate una scritta temporanea in una finestra volatile che mostra la posizione dove verrebbe posizionato il contenuto rilasciando il pulsante del mouse:

Noterete che la posizione temporale indica il beat pi vicino. Se tenete premuto il tasto SHIFT potete incrementare la precisione ai 16mi (l'unit cambia: ogni 16mo vale 120 unit). Il nuovo arpeggio stato aggiunto alla fine della prima battura. La partitura diviene:

Questa operazione pu essere fatta su ciascun beat della misura. Ad esempio aggiungete due misure vuote dopo le due misure qui sopra. Potete usare lo strumento misure & righi o cliccare destro sull'ultima misura e selezionare Misure e Righi, Aggiungi una misura dopo... Fatelo due volte in modo da avere due misure vuote. Adesso trascinate il nodo Arpeggio 4 e rilasciatelo quando il display volatile mostra Misura = 3 - Battito = 3 - Unit = 0. Per far questo trascinate sulla terza misura e rilasciate sul beat 3. La partitura diviene:

Fate attenzione a rilasciare la partitura all'interno delle linee del rigo, altrimento Pizzicato creer un nuovo rigo sopra o sotto quello corrente, con il contenuto trascinato. Aggiungeremo ora un quartetto d'archi come accompagnamento al nostro arpeggio. Trovate il seguente nodo nella libreria: Librerie musicali / Strutture predefinite / Quartetto d'archi / Croma note staccato / Violino+Contralto+Cello+Ctb e trascinatelo sul primo beat della prima misura, ma sotto il rigo per piano. I 4 righi per archi vengono aggiunti alla partitura:

Ripetete l'operazione, ma rilasciate il nodo sulla seconda misura del violino, tenendo premuto il tasto CTRL prima di rilasciare il pulsante del mouse. Appare la seguente finestra di dialogo prima che l'operazione venga eseguita:

E' possibile specificare molte opzioni per determinare con esattezza i particolari del rilascio. Per adesso vogliamo soltanto copiare la partitura tre volte invece di una, cos nella casella di testo Utilizza tutti i ritmi scrivete "3" e cliccate su OK. La partitura diviene:

Noterete che le partiture della libreria sono scritte nella tonalit di DO Maggiore. Trasciniamo ora una progressione di accordi nella partitura. Trovate il seguente nodo nella libreria: Librerie musicali / Progressione accordi / Misure 4-4 / DO Maggiore - accordi di 3 note / 4 misure - 2 acc/misura / DO Maggiore / 1 - 100 / 28/41 Questa progressione di accordi contiene due accordi per misura. Trascinatela sopra al primo rigo, misura 1 beat 1. La partitura diviene:

A prima vista non cambiato nulla nella partitura, tranne l'aggiunta delle sigle degli accordi della progressione. La partitura mostra la versione in DOMaggiore della partitura. Per visualizzare la versione arrangiata, cliccate sulla casella di selezione "C" (=Computed measures) nella barra degli strumenti della vista partitura, alla destra del pulsante "...". La partitura adesso appare come segue:

Lo sfondo giallo mostra che la partitura arrangiata. Questa funzionalit parte dell'arrangiatore di partitura, che viene attivato automaticamente quando trascinate una progressione di accordi all'interno della partitura. Una lezione specifica illustrer le caratteristiche dell'arrangiatore di partitura. Ora sostituiamo il primo strumento con un oboe. Trovate il seguente nodo nell'albero in alto a sinistra: Strumenti e template / Strumenti di base / Legni / Oboe e trascinatelo sul primo rigo. Quindi eseguite la partitura e vi accorgerete che lo strumento stato cambiato. Un ultimo esempio. Ci piacerebbe creare un crescendo per gli archi, a partire da volume zero e raggiungendo un volume normale alla fine delle 4 misure. Trovate il seguente nodo della libreria: Librerie musicali / Effetti / Volume / Crescendo - 2 battute - da 0 % a... / 80 % Selezionate le 4 misure dei 4 righi degli archi (digitate "s" per attivare lo strumento selezione, quindi cliccate sulla prima misura del violino e, tenendo premuto il tasto SHIFT, cliccate sulla quarta misura del Contrabbasso). Trascinate il nodo qui sopra sulla prima misura del violino. Quindi ascoltate la partitura ed udrete che gli archi eseguono un crescendo lungo le 4 misure. Utilizzando la semplice funzione di trascinamento e rilascio ed imparando a conoscere il contenuto delle librerie musicali di Pizzicato, possedete un potente strumento per testare e provare combinazioni musicali ed applicare effetti, accordi e strumenti alle vostre composizioni.

Oggetti musicali e loro icone


Ecco la lista delle icone che troverete nelle librerie ed il loro segnificato:

- Documento di Pizzicato. Pu contenere partiture, cartelle, gruppi di partiture, tastiere virtuali, strumenti, generatori musicali, spazi armonici e altri oggetti musicali.

- Cartella. Ci sono due tipi di cartelle. Le cartelle che corrispondono alle directory di Windows (o cartelle Mac) possono contenere solo altre cartelle, documenti di Pizzicato o File Midi, file SoundFont, file STY, file musicXML e file NIF. Le cartelle che si trovano all'interno di un documento di Pizzicato possono contenere altre cartelle, tastiere virtuali, strumenti, generatori musicali, spazi armonici e altri oggetti muscali.

- Partitura. Potete trovarla in un documento di Pizzicato o in un gruppo di partiture. Una partitura un insieme di righi e misure, con i loro contenuti e le specifiche degli strumenti. Potete visualizzare e riprodurre una partitura. Sulla destra dell'icona di una partitura, possono esserci una o pi delle seguenti icone, ciascuna che rappresenta un aspetto specifico della musica che utilizzerete se trascinate la partitura in una vostra composizione:

- Valori ritmici, presenti nella partitura, che verranno usati - Le note, presenti nella partitura, che verranno usate - Le specifiche strumentali della partitura che verranno usate (chiave, numero di linee, trasporto, suono associato,...) - Gli accordi presenti nella partitura che verranno usati - Gli effetti presenti nella partitura che verranno usati (volume, velocity, pitch bend, patches, tempo e altri controller MIDI)

- Gruppo di partiture. Esso pu contenere solo partiture. Potete avere un gruppo di partiture solo in documento di Pizzicato.

- Un riquadro colorato uno strumento. Pu essere trovato in un documento di Pizzicato o all'interno di cartelle di un documento di Pizzicato.

- Tastiera virtuale (da non confondere con l'icona delle specifiche dello strumento, che pu trovarsi sollo alla destra dell'icona di una partitura). Essa pu trovarsi in un documento Pizzicato e nelle cartelle di un documento Pizzicato.

- Spazio armonico. Pu trovarsi in un documento Pizzicato o all'interno di cartelle di un documento Pizzicato.

- Definizione di un accordo. Pu essere trovata in un documento Pizzicato o all'interno di cartelle di un documento Pizzicato.

- Definizione di una scala. Pu essere trovata in un documento Pizzicato o all'interno di cartelle di un documento Pizzicato.

- Generatore musicale. Pu essere trovato in un documento Pizzicato o all'interno di cartelle di un documento Pizzicato. Un generatore musicale pu contenere partiture e cartelle, ma le partiture hanno uno sfondo blu ( ) perch sono solo potenziali e vengono create al volo non appena si cerca di usarle. Sulla destra di un generatore musicale potete trovare le stesse 5 icone trovate dopo una partitura. Esse mostrano ad uno sguardo cosa pu trovarsi nelle partiture generate da esso.

- Vettore musicale. Potete trovarlo in un documento Pizzicato o all'interno di cartelle di un documento Pizzicato. E' un oggetto musicale capace di generare una struttura melodica che pu essere adattata ad un accordo o ad una progressione. Pu essere trascinato all'interno della misura di una partitura per generare le sue note in quella partitura.

- Strumento virtuale. E' un sintetizzatore audio o lettore di campioni che potete trascinare un una misura ove le note verranno riprodotte con questo strumento.

- File audio WAV. Pu essere editato nella finestra audio facendo doppio-click su di esso. Potete anche trascinarlo in una misura, ove il file verr riprodotto con le note.

- File MIDI. Pu essere importato in una partitura di Pizzicato attraverso il menu di contesto (click-destro).

- File musicXML. Pu essere importato in una partitura di Pizzicato attraverso il menu di contesto (click-destro).

- File NIFF. Pu essere importato in una partitura di Pizzicato attraverso il menu di contesto (click-destro).

- File STY (Yamaha style). Pu essere importato in una partitura di Pizzicato attraverso il suo menu di contesto (click-destro).

- File SF2 (SoundFont). Pu essere importato come strumento virtuale di Pizzicato attraverso il menu di contesto (click-destro).

Dovreste familiarizzare con le icone qui sopra in quanto esse sono i simboli usati all'interno delle librerie musicali di Pizzicato.

Creare, cancellare ed editare gli oggetti musicali


Se cliccate destro su un oggetto musicale, apparir un menu di contesto. A seconda dell'oggetto, troverete una voce di menu per: Aggiungere un nuovo oggetto in una cartella Rimuovere un oggetto Rinominare un oggetto Modificare il contenuto di un oggetto (spesso questo pu essere fatto con doppio-click sull'icona dell'oggetto)

Potete anche trascinare la maggior parte degli oggetti tra posizioni varie della libreria, in modo da organizzare nuove sezioni della libreria, con le seguenti regole generali: Potete trascinare cartelle contenenti oggetti, o gli oggetti stessi, in altre cartelle, sia nello stesso

documento di Pizzicato, sia tra documenti differenti. Se lo fate in uno stesso documento di Pizzicato l'oggetto viene spostato e se volete duplicarlo dovete tenere premuto il tasto CTRL mentre lo trascinate. Tra documenti diversi l'oggetto o la cartella viene copiato. Un gruppo di partiture pu essere copiato in un altro documento di Pizzicato. Potete anche trascinare tra la libreria (albero superiore) e il documento aperto corrente (albero inferiore), in ambedue le direzioni, ma solo da e verso un documento di Pizzicato della libreria. Suggeriamo di creare tutte le librerie che volete all'interno della cartella predefinita Mia libreria. In questo modo la libreria originale non viene toccata. Essa infatti suscettibile di frequenti ampliamenti da parte di ARPEGE, cos nella versione successiva non trovereste i cambiamenti personali effettuati alla libreria. La cartella Mia libreria non verr toccata o modificata da future versioni, cos da poterla conservare anche quando installate una nuova versione di Pizzicato. Per un oggetto partitura, potete specificare quali aspetti musicali verranno usati quando lo rilasciate su di un'altra partitura o lo usate in un generatore musicale. Cliccate-destro e selezionate la voce di menu Opzioni esecuzione... Nella parte in basso della finestra troverete 5 caselle di selezione per specificare se la partitura verr usata per Ritmo, note, accordi, strumenti e/o effetti. Le icone corrispondenti appariranno sulla destra dell'icona di partitura, per mostrare quali sono attive.

Usare gli oggetti in un documento


Ecco una lista delle operazioni che potete effettuare con gli oggetti musicali della libreria:

opp.

- Potete trascinare e rilasciare una partitura:

all'interno dell'area principale della vista conduttore. Viene aggiunta una copia della partitura al vostro documento. su una data misura, nella vista partitura. Il contenuto della partitura rilasciata sostituir o sar aggiunto alla partitura, iniziando alla misura e al beat che specificate con la posizione del mouse. Verranno usati solo gli aspetti musicali mostrati dalle 5 icone sopra menzionate. dopo l'ultima misura. Vengono aggiunte misure ed il contenuto copiato nella partitura. sopra, in mezzo o sotto un rigo. Il contenuto verr aggiunto, creando nuovi righi se necessario e copiando i vari aspetti indicati dalle icone.

- Potete trascinare e rilasciare uno strumento: all'interno dell'area principale della vista conduttore. Viene creata una nuova partitura con le relative specifiche dello strumento. nel rettangolo di una partitura nella vista conduttore. Se tenete premuto il tasto CTRL, lo strumento sostituisce il primo strumento della partitura. Altrimenti lo strumento aggiunto con un nuovo rigo sotto l'ultimo strumento della partitura. all'interno di una misura nella vista partitura. Lo strumento sostituisce quello presente nel rigo. above, between or below staves or a staff. The instrument is added, creating a new staff at that location. sopra, in mezzo a dei righi o sotto un rigo. Lo strumento aggiunto, creando un nuovo rigo in quella posizione.

- Potete trascinare uno spazio armonico in un gruppo di partiture esistente nella vista conduttore. Oppure trascinatelo direttamente nell'area principale ed il gruppo di partiture verr creato. Vedere la lezione sugli spazi armonici e sull'arrangiatore in tempo reale per maggiori informazioni su questo oggetto.

- Potete trascinare scale, accordi e vettori musicali tra le misure di una partitura. Vedere le lezioni su scale, accordi e vettori musicali.

- Potete trascinare uno strumento virtuale direttamente in una misura assegnandone il suono alle note che seguono. Potete anche trascinarlo nella vista conduttore, sul rettangolo della partitura o sopra, tra (righi) o sotto un rigo. In ciascun caso verr aggiunto un nuovo rigo, assegnato a quel suono.

- Potete trascinare una file audio WAV direttamente in una misura per assegnarne il campione alle note che seguono.

Ecco alcune altre operazioni di trascinamento e rilascio che potrebbero essere utili: Avendo una selezione di misure in una vista partitura, potete trascinarle e rilasciarle (cliccando sulla prima misura selezionata): nell'area principale della vista conduttore. Viene creata una nuova partitura, con le solo misure selezionate. su qualsiasi misura di qualsiasi vista partitura. Il contenuto copiato come in un operazione standard di copia e incolla. Data una selezione di misure in una vista partitura, potete trascinarla tenendo premuto il tasto SHIFT (cliccando sulla prima misura selezionata) e questa selezione pu essere rilasciata esattamente come una partitura (vedi sopra), anche nella stessa partitura. Il vantaggio rispetto ad un copia/incolla standard che potete usare la finestra di dialogo di trascinamento e rilascio e anche che una misura pu essere copiata a cavallo delle linee di battuta, il quale diventa un modo per riorganizzare la musica con altra divisione ritmica. In questo modo potete anche salvare una selezione di misure nella libreria.

Opzioni di trascinamento e rilascio


Se tenete premuto il tasto CTRL nel momento in cui rilasciate una partitura in una vista partitura, apparir una finestra di dialogo per specificare parametri addizionali che influenzeranno il rilascio della partitura:

Le cinque caselle di selezione chiamate: Trasferisci ritmi Trasferisci note Trasferisci accordi Trasferisci gli effetti Trasferisci gli strumenti

sono inizializzate secondo le icone trovate sulla destra dell'icona della partitura. Potete modificarle, in base a ci che si trova realmente nella partitura. Potete, ad esempio, preferire copiare solo le note e i ritmi di una partitura della libreria, non toccando le specifiche degli strumenti della vostra composizione. Deselezionerete quindi il trasferimento di strumenti. Le prime quattro caselle di selezione hanno opzioni addizionali: Trasferisci ritmi Usa tutti i ritmi ... volte specifica quante volte volete che l'intera sequenza di ritmi sia applicata alla partitura di destinazione. Usa ciascun ritmo ... volte specifica quante volte volete che ciascun ritmo sia usato prima di usare il prossimo. Sequenza specifica se il ritmo sar usato nell'ordine corretto, in ordine inverso o in ordine casuale. Moltiplica / dividi durate per usato per moltiplicare e dividere le durate dei ritmi originali prima di applicarli alla partitura di destinazione. Trasferisci note Usa tutte le note ... volte specifica quante volte volete che l'intera sequenza di note sia applicata alla partitura di destinazione. Notate che questo valore verr modificato automaticamente se modificate il valore equivalente nell'opzione di trasferimento del ritmo. Questa infatti la situazione pi comune: se volete eseguire una sequenza 3 volte, dovete farlo per il ritmo come per le note. Questo avvertimento vale anche per le due opzioni seguenti. Usa ciascuna nota ... volte specifica quante volte volete che ciascuna nota sia usata prima che sia usata la prossima. Sequenza specifica se le note verranno usate nell'ordine corretto, inverso o casuale. Trasferisci accordi Aggiungi le sigle specifica se volete che siano aggiunte le sigle degli accordi nella partitura di destinazione, mostrando gli accordi aggiunti. Abilita arrangiatore specifica se l'arrangiatore di partitura verr automaticamente abilitato rilasciando la progressione di accordi nella partitura. Moltiplica / dividi durate per usato per moltiplicare e dividere le durate degli accordi originali prima che siano applicati alla partitura di destinazione. Trasferisci gli effetti Usa gli effetti ... volte specifica quante volte volete che l'intera sequenza degli effetti sia applicata alla partitura di destinazione. Moltiplica / dividi durate per usato per moltiplicare e dividere la scala di tempo degli effetti originali prima che siano applicati alla partitura di destinazione. Potete anche aggiungere un'etichetta ed un colore al blocco di misure che avete trasferito. Questo aiuta a ricordare quale blocco stato copiato. Di default, l'etichetta il nome del documento, gruppo e partitura. Per completare l'operazione di trascinamento e rilascio, cliccate su OK. Potete anche annullare l'operazione usando il tasto Annulla.

Questa lezione contiene i principi pi basilari usati per la composizione con le librerie. Un'altra lezione presto vi spiegher cosa troverete nelle librerie. Dovreste comprendere molto bene le operazioni sopra descritte perch sono la chiave per la composizione intuitiva con Pizzicato. Provate ciascuna operazione per conto vostro e leggete di nuovo la lezione. Quindi lasciate lavorare la vostra immaginazione e comprenderete l'efficacia di tutto questo.

Strumenti per la composizione Arrangiatore di partitura


Principio di base Utilizzare l'arrangiatore di partitura Le regole armoniche Scale associate agli accordi

Principio di base
Abbiamo gi parlato dell'arrangiatore in tempo reale, utilizzato negli spazi armonici. L'arrangiatore in tempo reale considera ogni nota della partitura e, prima di eseguirla, la modifica in modo che sia compatibile con un dato accordo. Il risultato che la partitura non quella originale, ma molto simile, perfettamente compatibile con le note dell'accordo. Chiamiamo questa operazione "arrangiamento". Larrangiatore in tempo reale non considera la durata della nota. Conosce solo quando inizia. Non quindi uno strumento cos sottile da distinguere le note di passaggio. Le melodie, trattate dall'arrangiatore, avranno la tendenza ad essere distorte. L'arrangiatore di partitura non risponde ad un'esigenza di "lavoro veloce", ma pu analizzare il contesto musicale in maniera pi completa per creare un arrangiamento migliore della partitura. Inoltre contiene un insieme di regole che possono essere modificate per creare un comportamento pi specifico in relazione al tipo di musica che componete. L'arrangiatore utilizza la funzione "smart link" in modo trasparente per l'utente. Per questo molto semplice da usare. Ne avete visto un esempio nella lezione sul trascinamento. Vedremo ora come funziona, come collegato alla progressione di accordi e come potete utilizzarne e modificarne le regole. L'idea di base che la partitura esiste in due versioni, quella originale e quella arrangiata. La partitura originale ha uno sfondo bianco, quella arrangiata ha uno sfondo giallo chiaro. Potete passare da una versione all'altra con la casella di selezione "C" (Computed = Calcolata) che trovate nella barra degli strumenti dell'editor di partitura. La partitura arrangiata una copia dei quella originale, modificata dalla progressione di accordi in base ad un set di regole. Ogni modifica apportata alla partitura originale innesca il ri-calcolo della partitura arrangiata (almeno della parte modificata).

Utilizzare l'arrangiatore di partitura


Avviate Pizzicato con un nuovo documento ed aprite la vista conduttore. Nella configurazione 3 trovate la seguente partitura:

Librerie musicali / Stili predefiniti / Fox-trot / Ritmo e trascinatela sull'area principale. Aprite la partitura e trascinate lo stesso oggetto sulla destra della seconda misura. Adesso avete una partitura di 4 misure. La partitura scritta in DO. Aprite la finestra di dialogo progressione accordi (menu Finestre, voce Progressione accordi...). Come spiegato nella lezione sulla progressione accordi, aggiungete i 4 accordi seguenti in modo che la finestra appaia come segue:

Ora cliccate sulla casella di selezione Arrangia la partitura secondo gli accordi. La casella Ricalcola tutto qui non necessaria perch, essendo la prima volta, Pizzicato calcoler tutto. La lista di selezione Armonia usata consente la selezione del set di regole usate per l'arrangiamento. Cliccate su OK. Le sigle degli accordi vengono aggiunte al di sopra del primo rigo. Ora cliccate sulla casella di selezione C (sulla barra degli strumenti) e verr visualizzata la versione arrangiata della partitura:

Noterete che i righi delle percussioni sono tati esclusi automaticamente dalle modifiche dell'arrangiatore. Aprite la vista Strumenti nel menu Finestre. Selezionate la configurazione Prametri MIDI (sul triangolo in alto a sinistra nella finestra). Le quattro colonne seguenti riguardano l'arrangiatore: Arrangiatore - La lista di selezione contiene le seguenti voci, usate dall'arrangiatore per l'applicazione di regole specifiche: Automatico - L'arrangiatore valuta da se stesso che tipo di voce il rigo rappresenta. Basso - La voce un basso (monodica) Melodia - La voce la melodia (monodica) Altra voce - La voce una parte interna, tra la melodia e il basso (monodica) Accordi - La voce pu contenere accordi o parti polifoniche. La selezione di default Automatico, ma potete modificarla condizionando il lavoro dell'arrangiatore. Fisso - Selezionando questa casella l'arrangiatore non modificher questo rigo. Comunque lo terr in considerazione arrangiando le altre voci, ad esempio nel bilanciamento delle note dell'accordo. Nota bassa - E' il limite inferiore dell'intervallo di note dello strumento e l'arrangiatore eviter di usare note al di sotto di esso. Se la partitura stata costruita con la libreria degli strumenti, l'intervallo stato assegnato. Altrimenti l'intervallo di default l'intero range MIDI. Nota alta - E' il limite superiore dell'intervallo dello strumento e l'arrangiatore eviter di usare note al di sopra di esso. Stesse osservazioni di sopra. Potete modificare in ogni momento gli accordi o la versione originale della partitura e l'arrangiatore calcoler di nuovo la versione arrangiata.

Sono state aggiunte due voci di menu riguardanti l'arrangiatore (ed anche la funzione "smart link" collegamento rapido). Queste si trovano nel menu Modifica e potete applicarle all'intera partitura o ad una selezione di misure: Fissa collegamenti rapidi - Questa voce copia la versione arrangiata delle misure selezionate (o tutte le misure se non ne vengono selezionate) nelle misure originali, quindi rimuove la versione arrangiata. Infine disabilita l'arrangiatore di partitura. Il risultato che avete una normale partitura nel suo arrangiamento finale. Rimuovi collegamenti rapidi - Questa voce rimuove i parametri e la versione calcolata della partitura, mantenendo solo le misure originali. Dovreste quindi disabilitare l'arrangiatore nella finestra di dialogo progressione accordi, altrimenti, modificando eventualmente gli accordi, le misure calcolate verrebbero ricreate.

Le regole armoniche
L'arrangiatore usa un set di regole per arrangiare una partitura. Aprite la Libreria armonica... nel menu Opzioni. Appare la seguente finestra di dialogo:

Questa finestra elenca i set di regole disponibili nella lista in basso ( Lista armonica). Cliccando su di un set di regole, vedrete le regole elencate nella lista in alto. Selezionando una regola potete vederne le varie opzioni sulla parte destra della finestra di dialogo. Cliccate sulla voce Standart, che il set di regole usato di default dall'arrangiatore di partitura. I pulsanti in basso, Aggiungi, Cancella e Duplica gestiscono i set di regole. Potete creare un nuovo set, rimuovere o duplicarne uno esistente per poterlo modificare. La prima casella in alto a destra una descrizione della regola pu essere modificata. Nella lista di selezione, subito in basso, ci sono i tipi di regole. Per ogni regola potete specificare il fattore di influenza che ne regoler l'utilizzo. Se impostate il valore a 100%, la rispettiva regola non verr mai violata e se Pizzicato non trover una soluzione la nota verr sostituita da una pausa. Ecco le descrizioni dei vari tipi di regole ed i loro parametri. Range Con questa regola potete determinare l'intervallo di note della voce. La regola di default di usare il range dei vari strumenti, come definito nella vista strumenti. Ma potete anche specificare il range qui, per il basso, la melodia o altre voci. Potete creare pi di una regola di questo tipo per definire tutti i range. Intervalli tra le voci Con questa regola potete definire l'intervallo minimo e massimo tra le voci, in semitoni. Bilanciamento delle note di un accordo Questa regola forza l'arrangiatore ad usare le varie note di un accordo (se sono presenti nell'accordo corrente), in base al numero di note che deve arrangiare. Alla base di questa regola vale il principio che gli intervalli di terza e di settima sono preferiti a quello di quinta. Intervalli melodici

Con questa regola potete orientare il tipo di intervalli melodici che verranno usati dall'arrangiatore. Potete definire questo per qualsiasi voce. La regola di dare una lista di intervalli in semitoni, separata da virgole e specificare se un intervallo pu essere minore o uguale, maggiore o uguale o diverso della data lista di intervalli. Ad esempio, se non volete una falsa relazione di quinta in una voce melodica, specificate "6,-6" nella lista e selezionate Non pu essere uguale. Il segno meno segnifica 6 semitoni sotto. Come per le altre regole potete crearne diverse dello stesso tipo con differenti caratteristiche.

Intervalli paralleli e diretti Potete qui specificare quali intervalli diretti o paralleli sono proibiti. Specificate quali voci e la lista degli intervalli proibiti. Di default sono proibite le quinte e ottave dirette e parallele. Arrangia estensione Questa regola stabilisce l'intervallo sopra e sotto la nota originale (la nota dalla partitura originale) all'interno del quale l'arrangiatore pu sostituire la nota. Ad esempio, se impostate 2 e 2, l'arrangiatore avr un margine di 2 semitoni sopra e 2 semitoni sotto, rispetto alla nota originale. Movimenti di una nota Quando presente, questa regola predilige i movimenti di una nota rispetto ad intervalli pi ampi. Movimenti opposti Quando presente, questa regola predilige i movimenti per moto contrario delle voci (una voce su, l'altra giu). Intervalli piccoli Questa regola tende ad evitare l'uso di intervalli troppo piccoli. La lista contiene due numeri per intervallo. Il primo l'intervallo ed il secondo la nota pi bassa (valore MIDI) per la quale tale intervallo pu essere usato. Avete una lista di coppie intervallo/nota, separate da virgola. Ad esempio, i valori 7,26 significano che l'intervallo di quinta non pu essere posto al di sotto del DO1 (valore MIDI 36). Risoluzioni Potete qui specificare la direzione preferenziale per una data nota (sotto o sopra), sia con riferimento ad un accordo sia come grado di una scala associata. False relazioni (cromatismi tra le voci) La presenza di questa regola implica che Pizzicato eviter le false relazioni, ovvero i cromatismi tra due voci, come DO in una voce e successivamente DO# in un'altra voce. Opzioni varie Questa regola valorizza tre parametri. Il primo la Durata della preparazione di un accordo in unit (480 unit = nota da 1/4). Questo vuol dire che se la nota viene fatta udire prima, in ragione della durata indicata, del cambio di accordo, quella nota user gi l'accordo successivo. Il parametro successivo il limite di durata sotto il quale una nota non deve appartenere all'accordo ma solo alla scala associata. Regolando tale durata in base al tipo di musica che

componete, potrete evitare che le melodie assomiglino facilmente a degli arpeggi. L'ultimo parametro Usa la nota pi vicina. Esso forza tutti gli arrangiamenti ad usare la nota pi vicina che appartiene all'accordo corrente o alla scala. E' importante sapere che Pizzicato usa le regole solo per procedere in avanti. E' analizzato il primo accordo e vengono elencate tutte le soluzioni possibili. Quindi tali soluzioni vengono valutate in base alle regole e viene scelto il miglior compromesso, che diviene la soluzione definitiva. Quindi Pizzicato passa all'accordo successivo e opera allo stesso modo, prendendo in esame l'accordo precedente quando necessario (risoluzione, 5te parallele) e di nuovo valuta il miglior compromesso tra le soluzioni possibili. Se trova solo una soluzione impossibile o cattiva, Pizzicato non torna indietro per modificare l'accordo precedente, ma user la soluzione meno cattiva o nessuna se la regola impone il 100% di compatibilit. Dovreste cercare di definire regole pi o meno adatte a un certo tipo di musica e sperimentarne il funzionamento. Tenete presente che l'arrangiatore non ha un limite per il numero di voci e pu essere applicato ad una grande orchestra. In questo caso Pizzicato pu metterci del tempo in pi, a causa delle molte combinazioni, ma dovrebbe funzionare correttamente. Un uso corretto dell'arrangiatore di partitura devrebbe essere il seguente: Create una melodia. Quindi analizzate gli accordi con lo strumento appropriato di Pizzicato. La progressione di accordi quindi stabilita. Nella vista strumenti bloccate la melodia in modo che l'arrangiatore non possa modificarla. Aggiungete uno o pi righi per gli strumenti d'accompagnamento ed in ciascuno inserite una nota lunga (intero). Quindi abilitate l'arrangiatore e Pizzicato suggerir le voci d'accompagnamento che vanno bene con gli accordi e con la vostra melodia.

Scale associate agli accordi


Quando Pizzicato arrangia una partitura, per prima cosa fa un'analisi delle scale che meglio si sposano con la progressione di accordi. Per far questo si serve delle scale definite quando scegliete la voce Libreria di scale... nel menu Opzioni

Qui possono essere definite scale addizionali. Esse verranno usate dall'arrangiatore. La lista a sinistra mostra le scale esistenti. Quando selezionate una scala, potete cambiare il numero di note e la loro altezza, i gradi associati ed un fattore molto importante, che stabilisce quali sono le note principali della scala e quali accordi meglio si adattano ad esse. I pulsanti Cancella e Aggiungi consentono di eliminare o aggiungere una scala. Di default questa finestra contiene le scale pi comuni e non necessario definirne di nuove o modificare quelle esistenti. Cliccate Annulla.

Strumenti per la composizione - Stili


Cos' uno stile Utilizzare gli stili di Pizzicato Stili interattivi e ricerca degli accordi

Importare stili da Internet Estrarre frammenti strumentali Riepilogo

Cos' uno stile


La musica fatta di note e ritmi combinati in una infinit di maniere. Quando raggruppiano alcune note insieme abbiamo gli accordi. Creiamo uno schema ritmico ed alcuni schemi melodici ripetitivi, suonati da specifici strumenti e accompagnati da certi accordi ed ecco... abbiamo uno stile. Gli stili sono dunque un modo per classificare la musica. Uno stile una combinazione di diversi elementi musicali, specifici di uno stato d'animo, un atmosfera e che possono essere riconosciute in quanto, nel loro insieme, possiedono carattere e personalit Praticamente uno stile, come trattato dai software musicali, arrangiatori e sintetizzatori, un set di schemi ritmici predefiniti per strumenti a percussione e accompagnamento di basso, piano, chitarra,... Ciascuno stile possiede diversi pattern, per l'introduzione, per lo schema ritmico principale, una variazione ed una misura finale. Potete assemblare questi elementi costruttivi in un pezzo completo, disponendoli uno dopo l'altro ed applicando una progressione di accordi adatta ad una vostra melodia. Nelle versioni 1 e 2 di Pizzicato avevamo creato 20 stili, introdotti nella prima versione della libreria di strumenti per la composizione. Il loro utilizzo era abbastanza complicato. Abbiamo semplificato abbastanza nella versione 3.0, introducendo la funzione "smart link" (collegamenti rapidi) e i gruppi di partiture, ma rimanevano alcune operazioni da svolgere non abbastanza ovvie ed intuitive. Era ancora troppo complesso. Con la versione 3.2 abbiamo migliorato questo processo semplificandolo il pi possibile. Trascinate uno stile ed una progressione di accordi all'interno di una partitura ed il gioco fatto. Anche se la maggior parte degli strumenti sono gi stati spiegati nelle lezioni precedenti, ecco un sommario pratico su come lavorare con gli stili in Pizzicato.

Utilizzare gli stili di Pizzicato


Nelle librerie di Pizzicato troverete una cartella che contiene 35 stili predefiniti. Ciascuno stile ha almeno i seguenti elementi: Intro - Una misura introduttiva da usarsi come introduzione della composizione Ritmo - Lo schema ritmico principale, che si ripete nella parte centrale della composizione Break - Uno stacco, cio una variazione al ritmo principale. Pu essere eseguito, ad esempio, alla fine di una sezione, come transizione ad un'altra sezione del pezzo. Finale - Una misura di chiusura, da usarsi come ultima sezione del brano musicale. A seconda dello stile, ciascuno di questi blocchi costruttivi possono essere costituiti da una o pi misure. Alcuni stili possono avere pi blocchi dello stesso tipo. Aprite un nuovo documento in vista conduttore. Trovate la seguente cartella nella libreria (configurazione 3 area 1, o configurazione 4 area 3): Librerie musicali / Stili predefiniti Espandete il nodo Rock - 01 che mostra i su blocchi costruttivi sopra menzionati:

Spostando il mouse sulle icone di partitura, potete vedere le partiture in una finestra volatile. Cliccate su di esse per ascoltarne la riproduzione, la quale si fermer non appena spostate il mouse fuori dall'icona. Potete ripetere questa operazione per alcuni stili, in modo da farvene un'idea. Diciamo che vogliamo comporre un pezzo rock basato su questo stile. Prenderemo un semplice esempio di 10 misure. Questo stile ha blocchi costruttivi di una misura. Creeremo il pezzo direttamente all'interno della partitura. Potremmo anche farlo in un gruppo di partiture, come visto precedentemente. Vanno bene ambedue i sistemi. La composizione partir con una misura introduttiva, quindi trascinate la partitura Rock - 01 - Intro sul desktop a destra, quindi aprite la partitura creata. Avremo:

Potete ascoltare questa prima misura. Ora aggiungeremo 3 misure del ritmo principale. Trascinate l'icona della partitura Ritmo sulla destra della misura qui sopra e, prima di rilasciare il mouse, tenete premuto il tasto CTRL. Nella finestra scrivete "3" per utilizzare la misura tre volte. Cliccate OK. La partitura si estende per 4 misure in totale. Ridimensionate come necessario. Ora trascinate la partitura Break 1 dopo l'ultima misura. Ora aggiungete di nuovo 3 volte la partitura Ritmo dopo l'ultima misura (ridimensionate o scorrete la vista). Quindi aggiungete Break 2 e Finale, ogni volta dopo l'ultima misura. Ascoltate il risultato. Essendo tutto sull'accordo di DO, un p monotono. Possiamo quindi aggiungere una delle numerose progressioni di accordi presenti nelle librerie di Pizzicato. Naturalmente potete usarne una realizzata da voi stessi. Vedremo nella prossima sezione come disegnare una progressione di accordi in modo intuitivo. Per il momento trovate il seguente nodo nella libreria (configurazione 3 area 1, o configurazione 4 area 1): Librerie musicali / Librerie di base / Misure 4-4 / DO Maggiore - accordi di 3 note / 12 misure - 2 accordi/misura / DO Maggiore / 1-100

e trascinate una di queste numerose progressioni di accordi sulla prima misura della partitura. Saranno aggiunte le sigle degli accordi. Cliccate sulla casella "C" della barra degli strumenti per vedere la versione arrangiata ed ascoltarla. Potete provare un'altra progressione o modificare la stessa. Ascoltate di nuovo. E' semplice, come potete vedere. E' un piccolo esempio, ma di fatto potete usare vari stili, uno dietro l'altro, come anche usare diverse piccole progressioni (qui ne abbiamo usata una lunga in un colpo solo). Potete anche trascinare singoli accordi, uno alla volta, dalla libreria di base degli accordi, per sostituire quelli della progressione, o anche creare la vostra progressione. Le possibilit sono davvero tante.

Stili interattivi e ricerca degli accordi


Prima di capire che composizione o accompagnamento volete realizzare, potreste voler fare dei test e provare molti accordi. Ecco un modo per far ci in modo interattivo. Iniziate con un nuovo documento in vista conduttore. Trovate il nodo seguente della libreria e trascinatelo sul desktop: Strumenti e template / Spazi armonici / DO Maggiore - 3 note accordi + 7a di dominante Ridimensionate il gruppo in modo da poter vedere gli accordi dello spazio armonico:

Trovate la cartella degli stili, come sopra, e selezionate uno stile con cui cominciare. Ad esempio, selezionate Rumba - 01, nodo Ritmo:

Cliccate sul triangolo giallo della barra degli strumenti della vista conduttore (o premete la barra spazio) per riprodurre il nodo selezionato. Lo stile Rumba eseguito in loop. Per il momento eseguito esattamente come scritto, in DO Maggiore. Ora che la riproduzione partita, potete sfogliare la libreria e selezionare qualsiasi partitura con un click. Alla fine dell'esecuzione della partitura corrente, verr eseguita, sempre in loop, la successiva partitura selezionata. Potete, in questo modo, ascoltare qualsiasi partitura della libreria. Fate ora doppio-click sul rettangolo dell'accordo di FA (arancione) nel gruppo della vista conduttore. Compare il quel punto il simbolo dell'esecuzione dell'accordo fisso e l'arrangiamento eseguito usando quell'accordo. Potete continuare a provare stili e accordi. Per cambiare l'accordo corrente cliccate sul rettangolo del nuovo accordo e per cambiare stile ritmico cliccate su quello che volete ascoltare. Una volta compreso cosa volete, applicate il principio illustrato nella sezione precedente per creare la partitura definitiva, trascinando i blocchi degli stili uno dietro l'altro nella partitura. Per la progressione di accordi potete usare il metodo spiegato nella lezione sugli spazi armonici e sull'arrangiatore in tempo reale. Potete creare la vostra progressione di accordi nel gruppo (usando il piccolo pulsante OK nel rettangolo dell'accordo) e trascinarla nella partitura finale. Se create la progressione di accordi nel gruppo, potete spostare l'accordo fisso corrente usando i tasti freccia destro e sinistro. In modo simile potete usare i tasti freccia, su e giu, per cambiare la partitura selezionata nella libreria degli stili. Ad esempio, usando il tasto freccia giu potete riprodurre il pattern break, quindi usando il tasto freccia su potete ripetere di nuovo il ritmo principale. Per fermare l'esecuzione usate la barra spazio o deselezionate il nodo corrente cliccando in un punto vuoto dell'albero o su un nodo che non sia partitura.

Importare stili da Internet


Potreste osservare che attulamente Pizzicato ha solamente 35 stili. Ecco che ci viene incontro un'altra nuova

funzione di Pizzicato, che quella di poter importare i file di stile formato Yamaha. Potete trovare letteralmente migliaia di stili su Internet, alcuni dei quali sono a pagamento ma molti assolutamente gratuiti. I file di stile che Pizzicato pu importare sono, fondamentalmente, file MIDI con dei marcatori che separano le varie sezioni Intro, rhytm, break, end. Il formato di stile Yamaha usa questa convenzione, cos Pizzicato pu importare questo tipo di file. Notate che Pizzicato non utilizza il blocco di informazioni specifiche Yamaha, che si trova in questi file. Ma la parte MIDI di essi. L'estensione di tali file ".STY". Per trovare ed importare tali file, utilizzate il motore di ricerca che preferite ed inserite le seguenti parole chiave: "free Yamaha style files". Ne troverete a migliaia. Scaricateli in una cartella del vostro hard disk (non di Pizzicato). Quindi avviate Pizzicato ed aprite la vista conduttore. Nella cartella La mia libreria create una sottocartella dove importerete i file di stile. Potete chiamarla, ad esempio, Stili importati. Quindi cliccate-destro su tale cartella e selezionate o Importa uno stile... oppure Importa una cartella di stili... e selezionate un file di stile o una cartella contenente file di stile. Eseguita tale operazione (se scaricate molti file di vorr del tempo), gli stili appariranno come documenti Pizzicato, con all'interno alcune partiture che potete usare esattamente come spiegato nella sezione precedente. Noterete che alcuni stili non suoneranno molto bene, fintanto che userete l'arrangiatore in tempo reale per ascoltarli. Notate che potete importare nella libreria anche file MIDI e cartelle di file MIDI. Cliccate-destro su di una cartella della libreria e vedrete le voci di menu corrispondenti. Attenzione: siate a conoscenza che gli stili scaricati o i file MIDI potrebbero essere coperti da copyright. A seconda del sito dal quali li scaricate potrebbero essere disponibili solo per uso privato.Gli stili acquistati potrebbero avere un altro tipo di licenza. Consultate le condizioni specifiche del sito per sapere come utilizzarli. Molti siti offrono legalmente stili e file MIDI gratuiti. Altri offrono illegalmente stili e file MIDI gratuiti. Se scaricate da tali siti agite illegalmente. Vi invitiamo, pertanto, a mantenere un comportamento etico in tal senso.

Estrarre frammenti strumentali


Comporre musica solamente con gli stili potrebbe, dopo un p, impoverire. Si userebbero, infatti, solo strutture preesistenti e questo potrebbe far sentire poco liberi nel comporre musica. Si tratta comunque delle strutture musicali pi elementari che Pizzicato mette a disposizione nelle librerie. Ecco un'altra funzione utile per creare una vasta libreria personale di schemi musicali elementari. Il principio quello di prendere un documento Pizzicato o una cartella che ne contiene molti e scomporre tutte le partiture contenute in frammenti elementari, classificandoli per strumento. Il risultato una nuova cartella o documento, contenente singoli frammenti musicali. Immaginate di avere 100 file midi di varia origine e stile. Importate questi file in una cartella della libreria. Quindi applicate la funzione di decomposizione per creare, fuori dai 100 file, una libreria di frammenti strumentali di una misura ciascuno. Avrete una gran quantit di materiale grezzo da usare per le vostre composizioni. Questa funzione utili principalmente per strumenti d'accompagnamento, quali percussioni, basso, piano,... Questo processo stato applicato per scomporre i 35 stili di Pizzicato ed i risultati sono inclusi negli strumenti singoli delle librerie. Essi possono essere usati fuori dal contesto degli stili, il che molto pi creativo rispetto al solo uso dello stile: potete creare un vostro proprio stile assemblando strumenti singoli. Il modo per scomporre i documenti Pizzicato molto semplice. Nella libreria, cliccate destro su un documento Pizzicato o su una cartella che ne contiene e selezionate la voce di menu Estrai frammenti dei singoli strumenti... Appare la seguente finestra di dialogo:

Con le due liste selezionate quali strumenti volete estrarre dai documenti di origine. Cliccate su ">>>" per selezionarli tutti. Potete scomporre i righi in misure singole o mantenere i righi interi (utili solo per scomporre stili). Potete ordinare i risultati in un documento con i gruppi per ciascuno strumento o in una cartella con i documenti per ciascuno strumento. Potete specificare un numero massimo di risultati per strumento e globalmente. Potete dare un nome alla cartella di destinazione o al documento. Nel nome delle partiture create, potete includere il nome delle misura originale, in modo da poterla rintracciare facilmente del documento della partitura originale. Quando confermate con OK Pizzicato inizia il processo di scomposizione. In base al numero di documenti da scomporre, il processo impiega del tempo. Non appena terminato, avrete una nuova libreria di strumenti singoli da esplorare.

Riepilogo
Nelle ultime dodici lezioni, inclusa la presente, abbiamo imparato ad usare gli strumenti per la composizione offerti da Pizzicato 3. Se confrontati con gli strumenti della versione 2 (ancora presenti), crediamo sia stato compiuto un passo importante nella direzione della facilit d'uso. Noi ci auguriamo che la composizione sia progressivamente accessibile a sempre pi utenti di Pizzicato. Continueremo in questa direzione, aperti a qualsiasi suggerimento possa accelerare questo processo. Assicuratevi di aver capito bene i principi di base fin qui esposti. Altrimenti suggeriamo di leggere di nuovo queste lezioni mentre mettete in pratica quanto spiegato finora. La ricchezza delle possibilit risiede nelle potenziali combinazioni multiple di strumenti e strutture musicali che potete utilizzare o creare. Voi siete i compositori. Pizzicato vi aiuta fornento gli strumenti per la notazione e la composizione. Voi esprimete i vostri sentimenti, emozioni e idee componendo, quindi siete voi che decidete. Buona fortuna e... componete bene!

Strumenti per la composizione Vettori grafici


Disegnare una curva melodica Assegnare una struttura ritmica Spostare e trasportare una linea melodica Vettorizzazione di una linea melodica esistente Applicare una densit ritmica Modificare la velocity

Disegnare una curva melodica


In una lezione precedente abbiamo trattato dei vettori musicali. Anche se il vettore musicale abbastanza adatto a rappresentare una melodia, pu sembrare troppo complesso o esoterico al musicista, in quanto la sua descrizione parla un liguaggio pi matematico che musicale. Con Pizzicato versione 3.4 sono introdotti sei nuovi strumenti intuitivi per aiutarvi a manipolare i vettori musicali in modo molto pi congeniale ad un musicista. Di seguito la descrizione di questi nuovi strumenti, con esempi pratici. Con questo strumento disegnate un profilo melodico sul rigo, Pizzicato trova le note che si adattano agli accordi gi presenti. Aprite il file Ex88.piz nella directory DataIT / Esempi. La partitura contiene una serie di accordi. Si tratta di un esempio, potete quindi cambiare o definire personalmente gli accordi con l'apposito strumento di Pizzicato. Selezionate lo strumento presenta cos: nella palette Composizione. La partitura si

La serie di griglie verdi sono di riferimento. Le linee vericali mostrano la posizione dei beat nella misura, quelle orizzontali mostrano la posizione dei tagli addizionali. Esse aiutano ad orientarsi nel disegno della melodia. Disegnerete ora una melodia che parte dal primo beat della prima misura e percorre le quattro misure. Cliccate sulla prima linea verticale verde sul primo rigo e tenete premuto il pulsante del mouse. Quindi spostate il mouse lentamente attraverso le 4 misure. Una linea rossa mostra la curva melodica. Potete andare su e giu liberamente. Prima che rilasciate il mouse avrete:

Potete rilasciare il pulsante del mouse. Dovreste ottenere qualcosa di simile:

Cosa accaduto effettivamente? Pizzicato ha analizzato la curva melodica avendo come riferimento il rigo e tenendo conto degli accordi presenti in ciascun punto della curva. In ciascun caso stata selezionata la nota pi vicina dell'accordo. Noterete che la linea melodica composta automaticamente di note da 1/4. Questo perch non esisteva alcuno schema ritmico prima che disegnaste la curva. Se introducete uno schema ritmico sul primo rigo, prima di disegnare la curva (quali note non importa, potete usare sempre la stessa nota), la curva melodica sarebbe stata disegnata secondo lo schema ritmico. Ad esempio, se fosse stato introdotto il ritmo seguente:

La curva melodica sarebbe stata simile a questa (le note esatte dipendono dal preciso movimento del mouse durante il tracciamento della curva, cos anche se tentate di approssimare lo stesso profilo, potreste non ottenere esattamente lo stesso risultato):

In ciascun caso, noterete che il rigo mostra anche la curva originale (sottile linea rossa). Notate inoltre la presenza, all'inizio della prima misura, dell'icona del vettore musicale, come spiegato in una lezione precedente. Se fate doppio-click su tale icona, vedrete il vettore rappresentato in una modalit pi matematica e dovreste far riferimento alla lezione sui vettori musicali per maggiori dettagli. Ma questo non assolutamente necessario, in quanto i 6 strumenti descritti nella presente lezione vi consentiranno di gestire i vettori in modo molto pi intuitivo. In ogni momento potete ridisegnare una parte della curva per modellare la melodia. La ritmica rester la stessa. Ad esempio, provate a rimodellare la seconda misura, semplicemente cliccando all'inizio di essa, e disegnate la forma che desiderate per tutta la misura, rilasciando poi il mouse. Potete iniziare ovunque all'interno di una curva esistente e disegnare di nuovo un piccolo tratto dell'intera melodia. Quando iniziate non cliccate sulla testa di una nota, perch questo sarebbe interpretato da Pizzicato come se voleste muovere la nota stessa. Potete, ad esempio, cambiare la melodia, ad ottenere:

Se analizzate le note generate da Pizzicato, noterete che alcune note non sono parte dell'accordo. Cliccate sullo strumento apparir nel modo seguente: per visualizzare il colore delle note. La melodia di sopra

Le note verdi sono parte degli accordi e le arancioni sono parte della scala che Pizzicato ha valutato come la scala pi probabile relativa all'accordo. Le note rosse sono cromatiche, n parte della scala n dell'accordo. Quando disegnate una curva melodica sul rigo, Pizzicato cerca la note pi vicina all'accordo se la sua durata pi lunga dell' 8vo col punto. Se la durata inferiore ad esso ma maggiore del 16mo col punto, Pizzicato sceglier una nota dalla scala (pu anche essere parte dell'accordo). Per durate inferiori, Pizzicato sceglie la nota cromatica pi vicina, che sia parte o no dell'accordo e della scala. In questo caso la nota rappresentata in rosso. Quello descritto il comportamento predefinito (default), ma pu essere modificato usando i tasti SHIFT e/o CTRL mentre disegnate la curva. Ecco le possibili combinazioni: tasto CTRL: tenendo premuto tale tasto mentre disegnate qualunque sezione della curva melodica, Pizzicato user solamente note appartenenti agli accordi. tasto SHIFT: tenendo premuto tale tasto mentre disegnate qualunque sezione della curva, Pizzicato limiter le note a quelle della scala (possono anche appartenere all'accordo). tasti CTRL+SHIFT: tenendo premuti questi due tasti mentre disegnate qualunque sezione della curva, Pizzicato prender ogni nota pi vicina alla linea melodica. Per disegnare la curva melodica potete usare qualunque delle conbinazioni descritte. Mentre disegnate la curva essa apparir in verde/arancione/giallo in base alla modalit che state usando (accordo/scala/ogni nota). Queste combinazioni sono importanti per dare il profilo alla melodia. Potete usarle anche per correggere la curva esistente. Quando create una curva melodica, la durata ed il profilo della curva sono rappresentati dall'icona del vettore. Questo significa che il vettore ancora in grado di generare la curva melodica sugli accordi esistenti o su

qualsiasi altro accordo che doveste cambiare. Quando chiedete a Pizzicato di calcolare tutti i vettori della partitura (shortcut CTRL+R o su Mac: tasto Apple+R) ogni modifica degli accordi e delle scale pu modificare la linea melodica esistente. Provate a cambiare uno e due accordi di questa progressione (doppio-click sul simbolo dell'accordo, con lo strumento freccia selezionato), quindi, dal menu Modifica scegliete la voce Calcola misure parametrizzate e vedrete la curva melodica modificata. Essendo un vettore un generatore di note, quando spostate una nota appartenente ad un vettore, il vettore non viene modificato. Cos, quando ricalcolate i vettori, tutte le note del vettore saranno di nuovo calcolate e le modifiche manuali verranno annullate. In qualsiasi momento potete rimuovere un vettore, ponendo il cursore del mouse sull'icona ed usando il tasto canc (o backspace). Il vettore viene rimosso assieme a tutte le note. Una volta generata una linea melodica che volete mantenere identica in futuro, potete rimuovere il vettore e conservare le note. Per far questo puntate col mouse l'icona del vettore, tenete premuto il tasto SHIFT e usate il tasto canc (o backspace). Il vettore scompare ma le note rimangono. Esse sono ormai note normali e non saranno pi cambiate automaticamente da Pizzicato. Potete avere molti vettori sullo stesso rigo. Essi possono anche sovrapporsi. L'unica restrizione che, per creare un nuovo vettore, dovete iniziarlo fuori da uno esistente, altrimenti Pizzicato interpreta la vostra come una correzione del vettore esistente. Notate che qui NON si tratta di uno strumento di contrappunto, in quanto Pizzicato seleziona le note dal profilo grafico disegnato e dagli accordi/scale presenti. Esso non tiene conto di alcuna regola di contrappunto. Questo strumento pu aiutarvi a disegnare una linea melodica, ma i compositori siete VOI!

Assegnare una struttura ritmica


Lo strumento vettore ritmico usato per aggiustare lo schema ritmico di un vettore esistente.

Aprite il documento Ex089.piz, nella directory DataIT / Esempi. Selezionate lo strumento sulla palette Composizione. E' visualizzata la seguente partitura:

La prima maniera di utilizzare questo strumento dividere una nota esistente in due diverse note. Cliccate esattamente tra le prime due linee verdi verticali della prima misura, in modo che il primo beat sia diviso in due. E' un semplice click, rilasciate immediatamente il mouse. Potetete cliccare ovunque in senso verticale, all'interno, sopra o sotto il rigo, evitando di cliccare sulla testa di una nota. Questa operazione divide il primo quarto in due ottavi.

Il livello di precisione di default met della durata di un beat, qui significa precisione di 1/8. Se tenete premuto il tasto CTRL, incrementerete la precisione a 1/16. L'idea di dividere una nota in due note che dovete cliccare tra la posizione orizziontale di quella nota e la

posizione orizzontale della nota successiva. Le durate risultanti sarnno proporzionali alla posizione dove avete cliccato, sia che avete cliccato con o senza il tasto CTRL. Ad esempio, tenendo il tasto CTRL cliccate a 3/4 della lunghezza del primo DO da 1/4 nella misura 1. Dovreste avere:

Un altro modo di usare tale strumento quello di raggruppare due o pi note in una sola nota. Cliccate sulla linea verticale della prima nota da raggruppare, tenete premuto il pulsante del mouse e trascinate verso destra fino al termine della durate dell'ultima nota da raggruppare, quindi rilasciate il pulsante del mouse. Cliccate all'inizio del DO da 1/4 qui sopra, tenete premuto il pulsante del mouse e trascinate in modo da coprire la durata del DO e della nota successiva (il FA), quindi rilasciate il mouse. Dovreste avere:

Potete usare questo metodo anche a cavallo delle misure. Le note verranno legate. Ogni volta le note del vettore vengono ricalcolate in modo da rispettare il pi possibile il profilo originale. Tenete conto che il punto di riferimento dell'altezza della nota il punto d'inizio della nota stessa. Cos se realizzate una nota su tre differenti accordi, sar preso in considerazione solo il primo accordo per decidere quale nota scegliere. Usate il vettore ritmico anche per attribuire ad una nota il valore di una pausa esistente. L'ultimo modo di usare questo strumento creare pause su un profilo melodico. Dovete cliccare, tenere premuto il tasto SHIFT e trascinare sui valori che volete assegnare alla pausa, quindi rilasciate il mouse. Verr introdotta una pausa a coprire la durata ritmica del vostro trascinamento. Per cambiare il secondo ottavo (LA) in pausa, tenete premuto il tasto SHIFT, cliccate all'inizio della nota e trascinate verso destra fino al termine della nota di 1/8, quindi rilasciate. Dovreste avere:

Anche qui potete coprire pi di una nota e la durata interessata dal trascinamento sar occupata da pause.

Spostare e trasportare una linea melodica


Il prossimo strumento serve a trasportare, spostare o duplicare una curva melodica associata ad un vettore musicale.

Aprite il documento Ex090.piz dalla directory DataIT / Esempi. Selezionate lo strumento sulla palette Composizione. Appare la seguente partitura:

Questa una curva melodica esistente. Vedete il grosso punto rosso sulla prima nota. Potete spostarlo in un altra posizione. Spostandolo orizzontalemente cambierete la posizione temporale.

Pu essere la stessa misura, un'altra o anche un altro rigo. Se lo spostate verticalmente, trasporterete la melodia e Pizzicato la disegner di nuovo. Non si tratta esattamente di trasporto. La curva verr spostata con esattezza ma le note pi vicine alla curva verranno nuovamente clacolate da Pizzicato in base all'accordo, alla scala e al modo della curva melodica. La melodia risultante manterr lo stesso profilo generale ma avr differenti intervalli. Cliccate sul punto rosso, spostatelo nel mezzo della misura 2, un p pi in alto. La partitura diviene, per esempio:

Se tenete premuto il tasto CTRL mentre trascinate la melodia, essa verr duplicata e l'originale rimarr nella partitura. Ad esempio, spostate la melodia nella posizione originale. Quindi, tenendo premuto il tasto CTRL, trascinate la melodia alla terza misura, ma nel secondo rigo. Avrete, ad esempio:

Questo semplice modo di manipolare una linea melodica pu essere molto utile nella composizione di un arrangiamento orchestrale, in quanto potete rapidamente provare ed ascoltare molte variazioni, cambi di accordi (in quanto influenzano il profilo melodico) e modificare parte della curva con gli strumenti precedentemente spiegati.

Vettorizzazione di una linea melodica esistente


Cosa fare avendo una partitura esistente con linee melodiche, ad esempio importate tramite MIDI o scritte senza l'utilizzo dei vettori? Il prossimo strumento trasformer una linea melodica esistente in un vettore musicale. Una volta fatto, potete manipolare la linea melodica con gli altri strumenti (spostamento, trasporto, adattamento ad altri accordi, ...).

Aprite il documento Ex091.piz nella directory DataIT / Esempi. Selezionate lo strumento nella palette Composizione. La partitura contiene una singola melodia, senza vettori.

Nota: per visualizzare le note con i colori, selezionate lo strumento Composizione.

sulla palette

Cliccate in qualche punto sul primo beat della prima misura e trascinatela sulla destra tenendo premuto il pulsante del mouse, per chiudere la melodia. Una linea rossa segue il mouse. Quando rilasciate il mouse, Pizzicato crea un vettore con tale melodia. Il vettore creato in modo che le note rimangano le stesse. La melodia originale non viene modificata. La partitura diviene:

Potete creare un vettore per la melodia completa o creare molti vettori separando una melodia pi lunga in varie sezioni. Quindi potete manipolarle con gli altri strumenti. Tale operazione detta Vettorizzazione di una melodia.

Se tenete premuto il tasto CTRL durante la vettorizzazione, il vettore verr creato nel contesto degli accordi e scale esistenti, cos che spostando o trasportando il vettore, la melodia verr adattata agli accordi e alle scale come per l'originale.

Applicare una densit ritmica


Lo strumento sperimentale serve ad attribuire una densit ritmica ad un profilo melodico esistente. La densit ritmica qui definita come numero di note per unit di tempo.

Aprite il documento Ex090.piz nella directory DataIT / Esempi e selezionate lo strumento nella palette Composizione. La partitura rappresentata come segue:

Noterete 6 differenti sfumature di colore visualizzate sul rigo. Esse rappresentano i livelli di densit ritmica. Ogni livello copre lo spazio di due linee del rigo. La tabella seguente mostra le corrispondenze ritmiche (dallo scuro al chiaro, da sopra a sotto): 32nd notes 16th notes 8th notes Quarter notes Half notes Whole notes Non c' alcuna relazione tra i livelli di densit e le note presenti in un dato momento sul rigo. Questa scala serve solo come riferimento per disegnare la densit ritmica con il mouse e condizionare la dimensione ritmica di una linea melodica. Cliccate all'altezza della nota da un quarto (ad esempio a livello del SOL, seconda linea) della prima misura, sulla prima linea verticale e tenete premuto il pulsante del mouse. Spostate il mouse disegnando la curva seguente (come esempio):

Rilasciate il pulsante del mouse e la partitura cambier come segue (potrebbe essere leggermente differente, a seconda della precisione del disegno):

Disegnando il livello di densit, le sezioni corrispondenti della curva melodica rispondono al

valore ritmico determinato. Noterete che la densit non continua. Ci sono solo 6 livelli di densit. Assieme al disegno dei vettori, questo strumento pu aiutarvi a disegnare una curva melodica. Potete usarlo su un'intera linea melodica o su una sezione di essa.

Modificare la velocity
Quest'ultimo strumento dei vettori consente di definire la velocity associata a ciascuna nota della curva. Potete ovviamente definire la velocity nella vista degli effetti musicali, ma se la definite all'interno del vettore ogni modifica o spostamento del vettore manterr la curva originale. La velocity un parametro MIDI che originariamente esprime la forza con la quale una nota eseguita su una tastiera. L'uso della velocity stato esteso a tutti gli strumenti, a rappresentare la forza di attacco della nota. Essa inluenza principalmente il volume del suono, ma spesso anche la qualit e il timbro.

Aprite il documento Ex090.piz nella directory DataIT / Esempi e selezionate lo strumento sulla palette Composizione. La partitura appare come segue:

Ciascuna nota appare con una linea vericale blu scuro. Tali linee rappresentano i valori della velocity delle note, su una scala fatta di 12 linee orizzontali. I valori sono compresi in un range da 1 a 127. La partitura di sopra visualizza una valore di circa 100 per ciascuna nota. Usare tale strumento molto semplice. Cliccate e trascinate orizzontalmente il mouse, ad un livello di velocity che desiderate. Quando vi trovate su una nota ad essa verr assegnato il livello di velocity. Rilasciate quindi il mouse. Provate a disegnare una curva sulla partitura, ad esempio:

Con questo strumento potete determinare l'espressione di una curva melodica che state disegnando. I 6 strumenti fin qui esposti sono strumenti sperimentali. Se avete idee o suggerimenti su come possono essere migliorati o su altri possibili strumenti non dovete far altro che dircelo!

Tracce audio
Audio o MIDI? Cos' una traccia audio? Aggiunta di una traccia audio Tracce audio multiple Setup audio Utilizzare un driver ASIO

Audio o MIDI?
Finora abbiamo considerato solo il MIDI per elaborare ed ascoltare musica. Pizzicato esegue la partitura creando una serie di eventi MIDI. La scheda audio del computer o il sintetizzatore esterno elabora tali eventi trasformandoli in suono reale, udibile tramite gli altoparlanti. Tale tecnologia soddisfacente nella maggior parte dei casi. Infatti quasi tutte le informazioni musicali possono essere tradotte in una sequenza di eventi MIDI. Comunque ci sono casi in cui il MIDI non sufficiente. Ad esempio, se dovete registrare la vostra voce o l'esecuzione di uno strumento acustico su una base musicale, il MIDI non di alcuna utilit. In questi casi il software deve registrare ed immagazzinare il suono stesso (o almeno la sua rappresentazione matematica). Come abbiamo visto precedentemente ("La notazione musicale"), un suono semplicemente una vibrazione dell'aria che ha quattro propriet: altezza, ampiezza, timbro e durata. Uno strumento acustico, suonando, vibra ad una certa frequenza facendo vibrare l'aria circostante. Quindi la vibrazione raggiunge il nostro apparato uditivo, che traduce la vibrazione in suono, con le sue propriet. Per registrare il suono necessario misurare la posizione di una particella di aria che si muove attorno alla sua posizione centrale, in modo da poter poi riprodurre la stessa vibrazione. A scopo pratico indichiamo con il valore zero la posizione della particella quando non attraversata da alcun suono. Se la particella sollecitata, possiamo quantificare il suo discostamento dalla posizione centrale. Tale misura detta "campione". Le vibrazioni sonore sono molto rapide, per cui necessario effettuare molte rilevazioni al secondo. L'orecchio umano pu percepire fino a 20, 22 mila vibrazioni al secondo e, secondo un principio matematico, necessario rilevare la posizione dell'aria almeno un numero di volte doppio rispetto a tale frequenza, per registrare il suono con accuratezza. Per questa ragione, per un CD musicale, la misurazione fissata a 44100 campioni al secondo. Tale frequenza anche chiamata frequenza di campionamento ed espressa in Hertz (abbreviato Hz) che equivale a "vibrazioni al secondo". Registrando un suono con frequenza di campionamento molto bassa, una parte delle vibrazioni viene persa nella riproduzione. Infatti mancano informazioni nella registrazione e la qualit del suono si deteriora. L'esempio pi comune la linea telefonica. All'inizio si usava una frequenza di campionamento di 8000 Hz. Visto che la voce umana non usa tutto lo spettro delle vibrazioni udibili, la qualit del telefono era sufficiente per trasmettere una conversazione comprensibile. Ma provate ad ascoltare un'orchestra sinfonica al telefono e percepirete la bassa qualit del suono trasmesso. Un altro importante parametro la precisione con la quale viene rilevata la posizione di una particella di aria. La precisione determinata dai valori in cui suddivisa la scala utilizzata. Si potrebbe misurare su una scala di 10 valori o su una scala di 10000 o pi valori. Pochi valori comportano eccessiva approssimazione. Come analogia consideriamo il seguente esempio. Se misuriamo una stanza con un metro privo dei centimetri possiamo dire che la stanza di 3 metri o 4 metri, ma non possiamo dire esattamente 3 metri e 23 centimetri. Trasmettere l'informazione che la stanza di 3 metri non sarebbe esatto e se un architetto, per creare un grande edificio, usasse tale livello di precisione, non ci sono dubbi che l'edificio crollerebbe in poco tempo. Perci la precisione molto importante. Per la qualit di un CD stata impostata una scala che va da -32768 a +32767. Tali grandezze vengono dal sistema binario usato dai computer. Per cui 2 alla 16ma (16 bit usati) corrisponde a 65536 (= 32768 valori negativi + 32767 valori positivi + 1 per lo zero). Per questo diciamo che la qualit di un CD di 16 bit (un bit una cifra binaria. In inglese BInary digiT). Per riassumere possiamo dire che una registrazione audio digitale costituita da una serie di numeri che rappresentano un suono e che possono essere usati in ogni momento per ricreare quel suono e riprodurlo con gli altoparlanti di un computer. Nella qualit di un CD, un secondo di musica rappresentato da 44100 volte 2 numeri (i due canali stereo), ciascuno dei quali in un intervallo da -32768 a +32767. Mettendo tali numeri in un grafico con il tempo, avremo un immagine come questa:

dove il grafico superiore il canale sinistro e quello inferiore il canale destro. Queste curve rappresentano infatti la posizione di una particella d'aria quando tale suono udito. La maggior parte dei software che lavorano con l'audio digitale rappresentano il suono tramite grafici analoghi..

Cos' una traccia audio?


Una traccia audio la rappresentazione binaria di un suono di durata specifica. Pizzicato consente di aggiungere una traccia audio ad una partitura (o parecchie con Pizzicato Professional o Composizione Pro). Potete specificare quando una traccia audio inizia e Pizzicato la riprodurr insieme alla partitura. Una traccia audio rappresentata da un file wave (".wav" l'estensione per Windows). Esistono molti formati di file audio. Pizzicato opera su file WAVE, i quali sono molto comuni e funzionano su Windows e su Mac. E' possibile trovare su Internet diversi convertitori di formati audio. Potete quindi utilizzare file wave e convertirli in mp3, aiff ed altri formati esistenti. E' importante comprendere che le informazioni audio vengono conservate nel file wave e non nel documento di Pizzicato, il quale contiene solo un riferimento al file wave. Se intendete inviare una partitura con tracce audio ad un amico, non dimenticate di inviare anche i file audio corrispondenti. Oltre ad inserire file audio nella partitura, con Pizzicato possibile creare tracce audio vuote e registrarle da voi stessi con un microfono.

Aggiunta di una traccia audio


In base alla versione di Pizzicato che possedete, l'accesso o l'aggiunta di una traccia audio ha modalit differenti. Per la maggior parte delle versioni operate come segue: Iniziate con un nuovo documento. Selezionate la voce Traccia audio associata dal menu Finestre. Appare la finestra di dialogo per la selezione della traccia audio. Per Pizzicato Professional o Composizione, operate come segue: Iniziando con un nuovo documento, aprite la vista conduttore (menu Finestre, Conduttore...). Cliccate-destro (Alt-click su Mac) sulla partitura principale, rappresentata da un lungo rettangolo, e selezionate la voce Aggiungi traccia audio... Appare la finestra di dialogo per la selezione della traccia audio. La finestra di dialogo appare come segue:

La finestra vi consente di specificare il file audio wave associato. Potete selezionare un file esistente o crearne uno nuovo. Come prima cosa apriamo un file audio esistente. Cliccate sul pulsante Seleziona... Selezionate un file wave dalla finestra di selezione del file. Se non avete file wave potete scaricarlo da Internet. Su Windows potete anche andare nella cartella Windows, subdirectory Media, dove troverete vari file di suoni usati da Windows. Ad esempio, noi qui abbiamo aperto il file "The Microsoft Sound.wav". I riquadri Qualit e Durata mostrano le specifiche del file:

E' un file audio a 8 bit, mono, con frequenza di campionamento di 22050 campioni al secondo (Hz), della durata di 6 secondi e 122 millesimi di secondo. Il riquadro di sinistra Inizio in partitura specifica il punto di inizio del file audio nella partitura, che di default alla misura 1, beat 1, senza ritardo addizionale. La casella di testo Unit consente di specificare un numero di unit, dove 1/4 equivale a 480 unit. Cos, se desiderate che il file inizi sul primo mezzo beat, dovete specificare 240. In basso due cursori specificano il volume di esecuzione del file, per i canali sinistro e destro. Cliccate sul pulsante OK. In Pizzicato Base e Principiante appare l'editor audio. Per il momento chiudete tale finestra. Potete scrivere qualche nota sulla partitura e Pizzicato eseguir, sia la partitura che il file audio appena aggiunto. Potete anche creare un nuovo file audio ed associarlo alla partitura. Chiudete il presente documento senza salvare e createne uno nuovo. Quindi aprite la stessa finestra di dialogo di prima. Potete specificare la qualit e la durata del file audio che state creando. Di default la qualit quella massima (qualit CD) e la durata di 10 secondi. Cliccate sul pulsante Crea... Nella finestra di dialogo file specificate il nome ed il percorso del file. Potete creare un file audio dove volete, non necessariamente nella stessa cartella del file Pizzicato. Il file creato non contiene nulla, ovvero un silenzio di 10 secondi. Saremo in grado di registrare qualcosa attraverso l'audio editor, nella prossima lezione. Il pulsante Cancella usato principalmente per le versioni di Pizzicato con una sola traccia audio. Cliccando su di esso rimosso il riferimento al file audio nella Patitura. Importante notare che il file audio non viene eliminato (ma solo il riferimento).

Tracce audio multiple


Con Pizzicato Professional o Composizione Pro, potete aggiungere parecchie tracce audio nella stessa partitura. Ciascuna pu iniziare in un punto diverso della partitura. Quando viene aggiunto, un file audio appare immediatamente sotto la partitura come una banda colorata, nella posizione dove inizier la riproduzione e della lunghezza relativa in relazione alla partitura:

La piccola icona in basso a sinistra, rispetto al rettangolo della partitura, mostra che presente una traccia audio. Cliccando su di essa si visualizzano o meno le tracce audio. Per aggiungere un'altra traccia audio, operate come sopra descritto. E' possibile aggiungere lo stesso file pi di una volta, in diverse posizioni nella partitura. Aggiungendo diverse tracce audio, la vista conduttore appare nel modo seguente:

Per ogni traccia audio potete specificare il punto di inizio ed il volume di riproduzione. Il punto di inizio pu essere modificato trascinando con il muose le bande gialle in senso orizzontale. Operando in tal senso, una griglia magnetica posiziona il punto di partenza sui mezzi beat, ma tale magnetismo pu essere disabilitato tenendo premuto il tasto CTRL. Cliccando col destro del mouse (alt-click su Mac) su di una traccia audio, compare un menu con tre voci:

Modifica traccia audio... equivale al doppio-click sulla traccia stessa ed apre l'editor audio (argomento di una lezione specifica). Propriet traccia audio... apre la finestra di dialogo vista in questa lezione. Potete quindi cambiare il file, crearne uno nuovo o modificarne il volume di riproduzione. Rimuovi traccia audio rimuove la traccia audio. Il file in se stesso non viene distrutto.

Setup audio
Le impostazioni audio dovrebbero andare bene con le opzioni predefinite. Avete accesso alla finestra di setup nel menu Opzioni, Impostazioni Audio...:

Interfaccia utilizzata: potete selezionare l'output/input audio usati per riprodurre/registrare. Di default viene usato lo standard output/input audio. Qualit del suono: specifica la qualit di riproduzione della scheda audio quando gestita da Pizzicato. Configurazione audio: sono parametri tecnici gestiti da Pizzicato nella riproduzione e registrazione audio. Dovreste lasciare tali valori inalterati, tranne quando sperimentate anomalie, quali un suono a singhiozzi. Su Mac non sono disponibili perch l'audio funziona diversamente che in Windows. Pizzicato usa i buffer in modo ciclico. I parametri specificano il numero di buffer, quanti buffer funzionano contemporaneamente e le loro dimensioni, sia output che input. Se sperimentate un suono a singhiozzi, aumentate le dimensioni dei buffer di output a passi di 100, finch il suono non pulito. Al contrario, per ottenere il minor ritardo possibile tra la coloritura ed il suono della nota, provate a ridurre le dimensioni del buffer di output a passi di 50 o 100. Quando chiudete la finestra di dialogo potreste aver bisogno di riavviare Pizzicato per l'attuazione delle modifiche. Il pulsante Valori di default vi consente di ripristinare i parametri ai loro valori di default. Se sperimentate un ritardo tra la partitura (strumenti MIDI) e la traccia audio, dovete aggiungere lo stesso ritardo al MIDI, in modo da compensare. Fate questo scegliendo la voce Opzioni esecuzione MIDI... nel menu Opzioni. Agite sul cursore Ritardo MIDI in millisecondi (correzione per l'audio). Regolate tale valore in modo che il MIDI e l'audio siano perfettamente sincronizzati. Il pulsante Setup ASIO... sar illustrato nella prossima sezione.

Utilizzare un driver ASIO


Dalla versione 3.5.2, Pizzicato pu lavorare con un driver ASIO per gestire l'audio. ASIO (Audio Stream Input/Output) un protocollo standard per gestire una scheda audio in modo efficiente. Esso pu ridurre il tempo di latenza, ovvero il ritardo tra il momento in cui Pizzicato invia i dati audio alla scheda e il momento in cui viene riprodotto il suono. Molte schede audio, installate su Windows, hanno un tempo di latenza che crea un ritardo fastidioso, quando suonate una tastiera MIDI e volete ascoltarla con la libreria di suoni Papelmedia, distribuita con Pizzicato. Alcune schede audio possiedono loro stesse i driver ASIO, ma potete in ogni caso scaricare da internet ed installare un driver universale ASIO, chiamato ASIO4ALL, gratuito e disponibile alla pagina http://www.asio4all.com/ . Se volete utilizzare il driver ASIO con Pizzicato (solo su Windows), cliccate sul pulsante Setup ASIO nella finestra di dialogo Impostazioni Audio (menu Opzioni). Appare la seguente finestra di dialogo:

La lista di selezione "Seleziona il driver ASIO da utilizzare" vi consente di scegliere il driver da utilizzare, potendo essere installati parecchi driver ASIO sul vostro computer. Provateli se necessario e scegliete quello che gira bene con Pizzicato (in caso di problemi, se Pizzicato non si avvia pi, vedete la nota alla fine di questa sezione). Avete altre quattro liste per selezionare il canale sinistro e destro, per l'output e l'input. Il pulsante "Pannello di controllo ASIO..." apre una finestra di dialogo che dipende dal driver ASIO. Il pannello di controllo serve ad impostare il driver in base al vostro hardware audio. Il valore di default dovrebbe andar bene. Per ulteriori dettagli consultate la documentazione del driver ASIO o della scheda audio. Se volete tornare alle normali impostazioni audio, senza ASIO, cliccate sul pulsante Non usare ASIO driver... e verr visualizzata la normale finestra di impostazioni audio. Confermate le impostazioni ASIO cliccando su OK. Attenzione: Installare ed impostare un driver ASIO in modo che funzioni bene con Pizzicato, non sempre facile: dipende dall'hardware e dal software che possedete. In caso di problemi, potrebbe essere richiesta una competenza tecnica per risolvere la situazione. Non possiamo qui entrare in dettagli troppo complessi. Abbiamo qui descritto la procedura di base, che dovrebbe andar bene nella maggior parte dei casi. Se, dopo aver provato ad impostare ASIO con Pizzicato, Pizzicato non si avvia pi o va in errore allo startup, ecco come risolvere la situazione; rimuovete semplicemente il seguente file: My documents / Pizzicato 3.x / Prefs / Audio.dat Quindi avviate Pizzicato e le impostazioni audio di default verranno ripristinate (senza ASIO).

Creazione di un file audio


Esportare una partitura in un file audio

Esportare una partitura in un file audio


L'idea quella di creare un file wave audio (estensione ".wav") che contiene esattamente ci che udite quando eseguite la partitura in Pizzicato. Potete quindi utilizzare il file audio generato per creare un CD che pu essere riprodotto da un comune CD player. Infatti, la quasi totalit dei software di masterizzazione CD e DVD, accettano file wave per creare audio CD (o DVD). A partire dalla versione 3.4, incluso in Pizzicato un banco di suoni di qualit (Papelmedia). E' quindi possibile creare un file WAV usando tale libreria (o qualsiasi altro strumento virtuale di Pizzicato o proveniente da un qualsiasi file SoundFont), senza passare per il sintetizzatore della scheda audio, a volte di qualit mediocre. Se usate un sintetizzatore MIDI esterno o se volete usare i suoni della vostra scheda audio, avrete bisogno di registrare un file audio attraverso la scheda audio, come spiegato pi avanti in questa lezione. Vediamo come esportare un file audio con gli strumenti virtuali. Nella sub-directory Esempi della cartella DataIT, aprite il file Ex044.piz. E' un breve pezzo di musica contenente 4 misure. Creeremo un file audio da questa partitura. Nel menu File, selezionate la voce Esporta file audio... Appare la finestra di dialogo per denominare e salvare il file. Di default il nome preso dal nome del documento o della partitura, se il documento contiene pi partiture. Selezionate la cartella di destinazione e validate. Appare la seguente finestra di dialogo:

La lista sulla sinistra mostra quali righi saranno esportati (SI) o non esportati (NO), e la scelta STEREO o MONO per ciascuno strumento. Per modificare la lista cliccate su di una voce e cambiate la casella di selezione Esporta in e la lista di selezione STEREO/MONO. La lista viene aggiornata. Sono disponibili due opzioni per esportare la partitura in audio. Crea un singolo file genera un file audio WAV che include tutti gli strumenti selezionati. Crea un file per rigo far appunto questo. Quest'ultima opzione utile se volete rielaborare la composizione con un software di audio digitale per remixare, aggiungere effetti o includerla in un lavoro pi ampio. Dalla versione 3.6 potete esportare anche il metronomo cliccando sulla casella di selezione corrispondente. Cliccate sul pulsante Esporta per creare il/i file. In caso di file multipli, il numero e il nome dello strumento accodato al nome principale del file. Da notare che, prima di aprire la presente finestra, potete selezionare un insieme di misure e righi che verranno esportati (escludendo le misure e i righi non selezionati). Come sopra specificato, se la partitura contiene righi con assegnati strumenti MIDI (mappati sulla scheda audio o su sintetizzatore esterno), questi strumenti non saranno esportati con il suono MIDI originale, ma questi suoni verranno automaticamente sostituiti da quelli della libreria Papelmedia inclusi in Pizzicato. Se non volete che ci avvenga, cliccate sul pulsante Esporta eseguendo la partitura. In tal caso appare la seguente finestra di dialogo:

Nel riquadro superiore selezionate la qualit del file audio. Di default impostata la qualit migliore. Da notare che la dimensione del file in relazione con la qualit. Maggiore la qualit, maggiore la

grandezza del file. Potete calcolare la dimensione del file (in byte) con la seguente formula: Stereo 16 bit: dimensione file = 4 x (freq. di campionamento) x (durata del file in secondi) Stereo 8 bit: dimensione file = 2 x (freq. di campionamento) x (durata del file in secondi) Mono 16 bit: dimensione file = 2 x (freq. di campionamento) x (durata del file in secondi) Mono 8 bit: dimensione file = 1 x (freq. di campionamento) x (durata del file in secondi)

Il modo in cui Pizzicato genera il file audio il seguente. Quando Pizzicato esegue la partitura utilizza il sintetizzatore della scheda audio o un sintetizzatore software. Il suono risultante l'output della scheda audio ed quello che udite. E' questo il suono che verr registrato nel file audio. Perch Pizzicato possa accedere a questo canale audio su Windows XP o 2000, fate quanto segue (comandi Windows nella versione in inglese): Nel menu Start selezionate Programs, quindi Accessories, Entertainment, Volume control. Appare la finestra per il controllo del volume. In tale finestra, nel menu Option, selezionate Properties. Nel riquadro Adjust volume selezionate Recording o Record. Nella lista controllate che la voce "What you hear" o "Stereo mix" o qualcosa di simile sia selezionato e cliccate su OK. Questo input significa esattamente che: tutti i suoni che escono dall'altoparlante della scheda audio saranno registrati. Controllate che la casella Select sia selezionata sotto il cursore della colonna ""What you hear" nella finestra di controllo registrazione e che il cursore abbia abbastanza volume. Tornate a Pizzicato. Queste impostazioni non dovrebbero cambiare dopo il vostro intervento, ma attenzione che altri programmi non le cambino. Se Pizzicato non registra secondo le attese, controllate di nuovo. Perch Pizzicato possa accedere a questo canale audio su Windows Vista, fate quanto segue (comandi Windows nella versione in inglese): Nel menu Start selezionate Configuration panel, quindi Audio, Sound. Nella finestra che appare selezionate il tab Recording. Con click-destro nel mezzo della lista delle periferiche, selezionate la voce Display disabled devices. Nella lista fate doppio-click sull'elemento "What you hear" o "Stereo Mix" o qualcosa di simile. Nel tab General, controllate che l'opzione Use of device impostata su Use thes device (active) o qualcosa di simile. Questo input significa che: tutti i suoni che escono dall'altoparlante della scheda audio saranno registrati. Nel tab Levels controllate che sia assegnato abbastanza volume al cursore. Chiudete questa finestra e le seguenti. Tornate a Pizzicato. Queste impostazioni non dovrebbero cambiare dopo il vostro intervento, ma attenzione che altri programmi non le cambino. Se Pizzicato non registra secondo le attese, controllate di nuovo. Su Macintosh un p diverso perch l'utente non pu selezionare "What you hear" come input di registrazione. Ci sono due modi per superare tale difficolt. La prima usare il microfono del Mac. Pizzicato esegue la partitura tramite gli strumenti di QuickTime e l'altoparlante interno del Mac, e Pizzicato registra tutto con il microfono. Il problema legato a questa soluzione che la qualit del suono sar inferiore e che altri suoni e rumori presenti vicino al computer verranno registrati. L'altra soluzione migliore ma necessita di un cavo per collegare l'output audio del Mac al suo input audio. In entrambi i casi fate come segue (comandi Mac nella versione in inglese): Andate alle System Preferences (it: Preferenze di Sistema), in Sound. Nel tab Input selezionate l'input desiderato: il microfono interno o esterno se usate questa soluzione, o line input se avete un cavo per collegare l'output audio del Mac al suo line input.

Impostate il volume di input ad un livello adeguato. Ritonate a Pizzicato. In entrambi, Windows e Mac, quando cliccate sul pulsante Play (test) della finestra di dialogo sopra, Pizzicato esegue la partitura. Dovreste controllare il grafico a barre che mostra il livello audio in tempo reale. Incrementate il volume con i cursori se il grafico mostra un livello troppo basso. Questo determiner il volume di registrazione nel file audio. Il grafico non dovrebbe mai raggiungere la parte destra, perch vorrebbe dire che il suono saturo in quel punto, provocando una distorsione sonora nel file audio. Il pulsante Stop interrompe l'esecuzione della partitura. Quando siete pronti, cliccate sul pulsante Esporta e Pizzicato inizia l'esecuzione della partitura mentre registra il suono risultante nel file audio. Lasciate finire l'esecuzione ed avrete creato il file audio. Se cliccate su Stop prima della fine, il file conterr solamente la porzione della partitura eseguita fino a quel momento. Se usate un sintetizzatore esterno, dovreste sapere che il suono in uscita non verr registrato nel file se non lo collegate con un cavo ad un input audio della scheda audio. La maggior parte delle schede audio hanno un line input dove potete connettere l'output audio del sintetizzatore. Questo line input dovrebbe quindi essere selezionato nella finestra di controllo del volume come origine della registrazione. Su macintosh, quando usate gli strumenti di QuickTime per generare i suoni, il vostro computer dovrebbe essere abbastanza veloce; altrimenti QuickTime ha delle piccole interruzioni che rovinano la registrazione. Per ottimizzare la registrazione su Mac, dovreste: Chiudere ogni altra applicazione diversa da Pizzicato Tenere il volume della finestra sopra esposta esattamente a 100 (potete comunque regolare il volume nel pannello Sound System Preference) Evitare lo scorrimento della partitura mentre Pizicato esegue. Potete disabilitare lo scorrimento nel menu Opzioni, Opzioni globali..., deselezionando la casella Finestra scorri partitura. Se selezionate una o pi misure con lo strumento di selezione e poi scegliete di esportare in audio, verranno esportate solo le misure selezionate.

Strumenti virtuali
Cos' uno strumento virtuale? Utilizzo degli strumenti virtuali La libreria degli strumenti virtuali Importazione di file SoundFont Accordatura

Cos' uno strumento virtuale?


Prima della versione 3.4, Pizzicato poteva eseguire una partitura musicale attraverso interfacce MIDI e sentetizzatori esistenti sulle schede audio o come parti di Windows o Mac OS X. Con tale limitazione, Pizzicato non aveva modo di migliorare o modificare la qualit finale del suono. Il principio dell'esecuzione MIDI inviare una serie di comandi che dicono quale strumento e quali note devono suonare, ma non c' nulla a riguardo della qualit del suono. Cos il risultato finale dipendeva esclusivamente dalla scheda audio o dal sintetizzatore esterno. Una stessa partitura di Pizzicato poteva suonare malissimo o benissimo, a seconda della scheda audio o del sintetizzatore che si possedeva..

Questa limitazione oltremodo vera per tutti i software musicali che si limitano all'esecuzione MIDI. Per consentire una qualit di suono che sia indipendente da scheda audio, da sintetizzatore hardware o sintetizzatore software, un software musicale deve creare il suono stesso degli strumenti e inviarlo direttamente alla scheda audio. Questo richiede due cose. La prima la capacit di calcolare in tempo reale o in anticipo il suono risultante dall'insieme di molti strumenti, compresa la corretta intonazione delle note, gli inviluppi, effetti vibrato, etc... La seconda avere una libreria di suoni di buona qualit, consistente in campioni di strumenti reali che sono stati registrati dal vivo. Siamo lieti di annunciare che, con la versione 3.4, Pizzicato ora include queste due caratteristiche. Utilizzare strumenti virtuali richiede una potenza di processore, risorse di memoria e hard disk molto maggiori rispetto alla tecnologia MIDI. La libreria di suoni distribuita con Pizzicato la libreria Papelmedia (sito originale: http://www.papelmedia.de/english/index.htm ). ARPEGE ha acquistato i diritti per distribuire la libreria Papelmedia con tutte le versioni di Pizzicato. L'installazione della libreria di suoni richiede circa 1.2 GB (1200 MB) di spazio su disco. A seconda del numero di strumenti che suonano insieme e la densit delle note nella partitura, la potenza di processore di un dato computer potrebbe non essere sufficiente per suonare tutto in tempo reale. Per risolvere tale problema, Pizzicato ha una funzione di playback bufferizzato. Questo significa che il suono delle misure pu essere computato da Pizzicato in background e memorizzato in buffer di memoria. Quando Pizzicato esegue la partitura, in realt legge dai buffer di memoria. Potete anche combinare l'esecuzione in tempo reale con quella bufferizzata e selezionare quali strumenti suoneranno in tempo reale o meno. Potete ovviamente combinare gli strumenti virtuali con gli strumenti standard MIDI. Anche se il vostro computer lento e non ha troppa memoria, sarete ugualmente in grado di creare file audio WAV con la qualit della libreria di suoni. Nelle future versioni di Pizzicato lavoreremo sulla velocit e l'ottimizzazione delle funzioni di playback audio, in modo che sempre pi computers saranno in grado di suonare tutti gli strumenti in tempo reale. Uno strumento virtuale una struttura che pu essere usata da Pizzicato per generare il suono di uno strumento e ogni tipo di suono (esplosione, canto degli uccelli, o qualsiasi tipo di suono o suono sintetizzato). In Pizzicato Base e Principiante, potete usare solo gli strumenti della libreria realativi al General MIDI. In Pizzicato Professional e Composizione Pro, uno strumento virtuale di fatto una struttura di sintesi che pu essere creata, modificata, usata, combinata o importata da file SoundFont, come vedremo pi avanti in questa lezione. Le caratteristiche di editing completo di uno strumento virtuale verranno esposte nella lezione Sintesi audio modulare.

Utilizzo degli strumenti virtuali


Per impostazione predefinita (default) una partitura di Pizzicato non contiene alcuno strumento virtuale. Gli strumenti sono definiti di default per l'utilizzo del sintetizzatore MIDI della scheda audio. Aprite il documento Ex044.piz dalla cartella DataIT/Esempi. Eseguite la partitura premendo il pulsante col triangolino giallo del registratore. Ascolterete l'esecuzione attraverso il sintetizzatore MIDI della vostra scheda audio. La selezione degli strumenti MIDI viene effettuata nella vista strumenti, menu Finestre. Per assegnare lo strumento virtuale, nel menu Edit selezionate la voce Assegna strumenti virtuali ai righi... Pizzicato carica i campioni audio in memoria. Nella palette principale (menu Strumenti), cliccate sullo strumento marcatori di riferimento riferimento. . La partitura visualizzata con i marcatori di

Potete vedere gli strumenti virtuali appena sopra la prima misura dei righi. Sono rappresentati dall'icona seguita dal nome dello strumento. Sono visibili quando so strumento marcatore dei riferimenti attivato (shortcut ":"). Eseguite la partitura. Pizzicato suona la partitura usando i suoni della libreria Papelmedia. Se adesso aprite la vista strumenti (menu Finestre), noterete che le colonne Sintetizzatore, Famiglia e Strumento sono disabilitate. I comandi MIDI per selezionare lo strumento non sono pi attivi, in quanto gli strumenti sono ora virtuali, assegnati direttamente da Pizzicato. Dalla versione 3.5.3 potete direttamente cambiare uno strumento virtuale dalla finestra strumenti, cambiando la selezione. Per rimuovere uno strumento virtuale dalla partitura, puntate l'icona con il mouse ed usate il tasto delete o backspace. In Pizzicato Professional vedremo della prossima sezione un modo pi avanzato per gestire gli strumenti virtuali nella partitura. Potete assegnare uno strumento virtuale solo ad uno o pi righi. Per far questo selezionate i righi con lo strumento selezione (vedere la lezione sulla selezione dell misure) quindi nel menu Edit, scegliete la voce Asssegna strumenti virtuali ai righi... Se non selezionate righi, verranno assegnati strumenti virtuali a tutti i righi.

Cliccate sul pulsante nella barra degli strumenti della finestra partitura. La finestra di dialogo ha in basso una lista di selezione titolata Modalit riproduzione audio. Vi sono tre voci: Esecuzione audio per misura - In questa modalit Pizzicato elabora il suono per la riproduzione e lo memorizza in un buffer. Questo lavoro svolto per ciascuna misura dell'intera partitura. Tale modalit impiega, talvolta, alcuni secondi prima che inizi l'esecuzione della partitura, in quanto Pizzicato deve elaborare almeno la prima misura prima di iniziare la riproduzione. Mentre la misura 1 e in riproduzione, elabora la misura 2 e cos via. Con questo sistema l'elaborazione dei buffer audio che assorbe molto tempo di processore. La riproduzione dei buffer non assorbe molta potenza di processore. Riproduzione audio in tempo reale - In questa modalit Pizzicato elabora il suono in tempo reale, contestualmente alla riproduzione. Con molti strumenti e una partitura densa di note, il processore potrebbe non garantire la continuit di esecuzione (dipende dal computer). Se avvertite una riproduzione a scatti o dei suoni interrotti, dovreste optare per la prima modalit. Potete anche rimuovere uno o pi strumenti virtuali e usare gli equivalenti MIDI, che non assorbono tanta potenza di processore. Esegui tutto in MIDI - In questa modalit gli strumenti virtuali vengono semplicemente ignorati. Non vengono eliminati dalla partitura, ma Pizzicato riproduce la partitura tramite il sintetizzatore MIDI. Scegliete questa modalit quando il suono irregolare nella modalit in tempo reale o se Pizzicato troppo lento nel riprodurre i buffer audio. Potrebbe avvenire, ad esempio, nel caso di partiture per grande orchestra. In tal caso consigliamo di lavorarle in MIDI e quando la partitura pronta potete esportarla in un file audio WAV usando gli strumenti virtuali. Quando avete strumenti MIDI e virtuali nella stessa partitura, potreste sentire leggere differenze di tempo tra di essi. Il caso pi ricorrente la risposta pi rapida degli strumenti MIDI rispetto a quelli virtuali. Potete

compensare questo ritardo operando sul cursore Ritardo MIDI in millisecondi (correzione per l'audio) che si trova selezionando la voce Opzioni esecuzione MIDI... nel menu Opzioni. Nel caso in cui gli strumenti virtuali hanno una risposta pi rapida rispetto agli strumenti MIDI (questo pu succedere se lo strumento MIDI anch'esso un sintetizzatore software), potete rallentare il tempo di risposta audio di Pizzicato, incrementando leggermente (a passi di 50 unit, ad esempio) le dimensioni del buffer di output che trovate nel menu Opzioni, voce Impostazioni audio... Aprite la vista strumenti, menu Finestre, voce Strumenti... Quindi visualizzate la configurazione parametri MIDI (cliccando sul triangolo grigio in alto a sinistra). L'ultima colonna titolata Ttp che vuol dire Real Time Playing (Esecuzione in Tempo Reale). Selezionando tale casella forzate il rigo corrispondente ad eseguire i suoi strumenti virtuali sempre in tempo reale, anche se selezionata la riproduzione bufferizzata, come spiegato sopra. Nel menu Opzioni selezionate la voce Volume Sintetizzatore Audio. Pizzicato visualizza la finestra per la regolazione del volume del sintetizzatore audio:

In qualsiasi momento essa mostra l'attivit della riproduzione degli strumenti virtuali. Potete regolare il volume con i cursori. Se il volume troppo alto, l'indicatore grafico mostra la parte rossa. Questo significa che il suono subisce una distrosione e dovreste diminuire il livello del volume. La barra in basso mostra quanto manca perch Pizzicato completi i buffer del sistema di riproduzione audio. Potete tenere questa finestra aperta, se lo desiderate.

La libreria degli strumenti virtuali


In Pizzicato Professional e Composizione, oltre alle caratteristiche gi illustrate, avete pieno accesso alle librerie di suoni per la composizione attraverso la vista conduttore. Il vantaggio che potete selezionare uno strumento dalla libreria e trascinarlo nella partitura. Potete anche duplicare strumenti, editarli, crearne di nuovi o importarli da file SondFont reperiti su internet. Aprite il documento Ex093.piz nella cartella DataIT / Esempi.

Guardate nei documenti a sinistra: nella configurazione 3, area 2 (in basso), trovate la cartella Strumenti virtuali:

Per prima cosa esploriamo la libreria Papelmedia, che la libreria di default, usata da Pizzicato quando assegnate automaticamente gli strumenti virtuali. Aprite l'icona Papelmedia. Quindi la cartella Legni (opp. Woodwind). Sono presenti diversi strumenti di questa famiglia:

Cliccate, ad esempio, sul Flauto (opp. Flute) e trascinatelo nella partitura, rilasciandolo all'inizio della prima misura del primo rigo. Dovete rilasciare il mouse all'interno delle linee del rigo, non sopra o sotto di esso. Quindi abilitate lo strumento marcatore dei riferimenti partitura vedrete la posizione dello strumento virtuale. (shortcut ":") e sulla

Potete ora ascoltare la partitura. Il flauto verr suonato da Pizzicato come strumento audio virtuale, dai campioni di flauto Papelmedia. Potete ora aggiungere uno strumento virtuale per ciascun rigo, ad esempio l'arpa (dalla famiglia degli strumenti cordofoni a pizzico) sul secondo rigo e l'insieme degli archi sull'ultimo rigo. In ogni caso potete aggiungere strumenti virtuali sulla partitura ad ogni momento, cambiando il suono che esegue un dato rigo musicale. A esempio, trascinate la tromba (famiglia Ottoni o Brass) sulla terza misura del primo rigo. Avremo:

Ascoltate ora la partitura. Per rimuovere uno strumento virtuale ponete il cursore del mouse su di esso e premete il tasto canc o backspace. La maggior parte delle schede audio forniscono deversi effetti di riverbero che possono migliorare il suono di molto. Dovreste provarli. Guardate l'help relativo alla vostra scheda audio e vedete quali effetti avete disponibili e quale da il miglior risultato. Tale caratteristica deve essere impostata al di fuori di Pizzicato e dipende dalla scheda audio che possedete. Noterete che c' un'altra libreria tra le cartelle, chiamata Papelmedia - versione SuonFont. Questi suoni sono stati importati dalla libreria originale come suondfont. Essi non possono essere modificati in Pizzicato. Potete usarli al posto dell'altra libreria Papelmedia. Alcuni suoni sintetizzati potrebbero essere suonati pi accuratamnte, ma essi richiedono pi potenza di processore. Comunque le differenze sono minime. Suggeriamo di usare la cartella Papelmedia, in quanto tutti i suoni sono stati controllati e alcuni bug risolti, rispetto alla libreria originale dei SoundFont. L'icona Suoni Campionati contiene una mappa di percussioni con speciali effetti. Potete esplorare la cartella Suoni Sintetizzati, in quanto contiene molti esempi di suoni speciali che potete ottenere col sintetizzatore modulare incluso in Pizzicato. Questi sintetizzatori verranno trattati nella lezione su Sintesi audio modulare. La cartella Componenti non pu essere utilizzata cos. Gli elementi di questa cartella sono componenti che possono essere assemblati per creare un sintetizzatore. Potrete trovarli utili nella lezione Sintesi audio modulare. Potete fare doppio-click sull'icona di un sintetizzatore virtuale direttamente dalla partitura. Verr visualizzata la finestra relativa. Troverete tutti i dettagli su questo argomento nella lezione sui sintetizzatori audio.

Importazione di file SoundFont


Un file SoundFont una serie di campioni di uno o pi strumenti. Tale formato di file abbastanza popolare su Internet e potete trovare migliaia di questi file. Potete comprare file SoundFont ma ne troverete una gran quantit gratuiti. Questo apre Pizzicato e la vostra musica ad un nuovo mondo di suoni.

Quando scaricate un file SoundFont leggete il contratto di licenza. Troverete moltissimi file creati da musicisti indipendenti per loro proprio uso e concessi gratuitamente per essere scaricati dalla comunit di Internet. La licenza vi pu autorizzare all'uso pubblico o meno; dipende dall'autore del file SoundFont e dovete fare riferimento al sito per questo tipo di informazioni, rispettando le regole del copyright. Un file SoundFont ha l'estensione "sf2". Ecco come importare un file SoundFont. Prenderemo un esempio dal sito http://www.fox-gieg.com/rkhive/banks.html. In questa pagina troverete un link chiamato " Best Trumpet". Cliccate su tale link e scegliete di salvare il file sul computer. Il file si chiama besttrm.zip. Unzippate il file, che si chiama besttrm.sf2. Nelle cartelle della vista conduttore cliccate-destro sull'icona Mia libreria e selezionate la voce Importa un file SoundFont... Si apre una finestra di dialogo, selezionate il file che avete scaricato besttrm.sf2. Appare la seguente finestra di dialogo:

Avete due opzioni per importare un file SoundFont. La prima importa il file come lettore SoundFont. Il suono risultante pu essere molto accurato ma necessita di pi potenza di processore. Inoltre non potete modificare i parametri audio. La seconda opzione importa il file come una serie di campioni con tutti i loro parametri. Questo formato familiare a Pizzicato e potete editare tutti i parametri audio, come verr spiegato nella lezione sui sintetizzatori audio. Questa la scelta di default, in quanto la maggior parte delle volte non c' differenza con il lettore SoundFont e richiede meno potenza di processore. Potete anche richiedere di ordinare i banchi e gli strumenti per nome. Tale opzione di default, in quanto aiuta a trovare gli strumenti in file che contengono parecchi suoni. Mantenete i valori di default e cliccate su Importa. Pizzicato crea un documento contenente gli strumenti virtuali trovati nel file. Nel caso dell'esempio illustrato, se espandete il contenuto del documento, avrete:

Questi strumenti virtuali possono ora essere usati nelle partiture di Pizzicato. Trascinate lo strumento che vi interessa in una misura e Pizzicato riprodurr il suono. Dovete comprendere che stato copiato un sintetizzatore virtuale in un documento di Pizzicato, ma i campioni audio NON sono copiati. Quando importate un file SoundFont, Pizzicato crea una sotto-cartella nella cartella Audio / SoundFonts della libreria e raccoglie li i campioni come WAV file. Potete vederlo facilmente nella libreria:

Cos se inviate una partitura ad un amico dovete inviargli anche il file SoundFont, in modo che possa ascoltarla con i suoni originali. Se esportate la partitura come file WAV, questo naturalmente non richiesto, in quanto il file WAV contiene il suono completo equivalente alla riproduzione della partitura. Noterete che su ogni file WAV della libreria possibile fare doppio-click. Viene aperto l'editor audio di Pizzicato. Potete anche selezionare il file cliccando su di esso, quindi cliccate il pulsante esegui e sentirete il suono del file audio.

Accordatura
Dal momento che Pizzicato genera i suoni degli strumenti virtuali, ha anche il controllo dell'esatta intonazione (frequenza) di ciascuna nota. Di default utilizzata la scala standard di frequenze, come su un pianoforte, ovvero la scala temperata. Le schede audio standard e i sintetizzatori sono tutti accordati sulla base di questa scala. La musica contemporanea, la musica barocca, la musica etnica o quella sperimentale potrebbero usare scale che non sono accordate secondo questo standard o che contengono pi o meno di 12 suoni per ottava. Pizzicato Professional in grado di costruire una tale scala non ordinaria ed eseguire la partitura conseguentemente. Aprite il documento Ex093.piz dalla cartella DataIT / Esempi e assegnate gli strumenti virtuali dal menu Edit, scegliendo la voce Assegna strumenti virtuali ai righi... Quindi cliccate il pulsante sulla barra degli strumenti. Cliccate sul pulsante Accordatura. Avremo:

La lista mostra tutte le note con le rispettive frequenze. Di default la scala calcolata automaticamente usando i parametri nel riquadro in alto a destra. Due parametri influiscono sull'accordatura. Il primo la nota di riferimento e la sua frequenza. Molto spesso usato il LA3 a 440 Hz come riferimento. Potete cambiare qui l'accordatura. Potreste anche selezionare un'altra nota come frequenza di riferimento. Il secondo parametro il numero di divisioni per un' ottava. Il valore standard 12 semitoni. Se impostate, ad esempio, 24, avrete una scala completa di quarti di tono. Ogni cambiamento di questi parametri aggioner la lista delle frequenze. Usare pi o meno di 12 suddivisioni per ottava pu dar origine ad armonie molto particolari. Potreste essere particolarmente contrariati nel provare a scrivere musica con tali accordature, in quanto le tradizionali regole armoniche non sarebbero pi applicabili. Dovreste sviluppare nuovi approcci attraverso la sperimentazione diretta. Notate che la notazione standard risulterebbe discordante in quanto i nomi e le posizioni delle note non corrisponderebbero pi alle note prodotte. In un caso simile sarebbe pi semplice comporre usando l'editor grafico, ignorando i nomi delle note. Se disabilitate il riquadro Calcolo automatico, potete modificare ciascuna frequenza manualmente. Per operare in tal senso, cliccate su di un elemento della lista e cambiate la frequenza nella casella di testo sotto la lista. Una volta disegnata una scala (automaticamente o manualmente), potete assegnarle un nome e salvarla su disco con il pulsante Salva questa intonazione..., in modo da poterla usare nelle partiture. Quando aprite un'altra partitura, aprite la stessa finestra di dialogo e cliccate sul pulsante Apri un'intonazione... cos da caricare il file salvato precedentemente. Troverete alcune scale gi pronte nella cartella di default. Un'intonazione specifica di una sola partitura e viene salvata insieme al documento. Se inviate una partitura con intonazione personalizzata ad un amico, egli sar in grado di ascoltarla con l'intonazione personalizzata. Please note that the tuning will NOT affect MIDI playback. Only virtual instruments will play according to the tuning you specify. Da puntualizzare che l'accordatura NON influisce sulla riproduzione MIDI. Solo gli strumenti virtuali suonano con l'accordatura da voi specificata.