Sei sulla pagina 1di 4

06/02/13

Treccani, il portale del sapere

Afghanistan
Enciclopedia dell' Arte Antica - stampa AFGHANISTAN. - La posizione geografica dell'A. - all'estremit orientale dell'altopiano dell'Irn e a N-O dell'India - ha fatto di quella regione in ogni epoca un luogo di passaggio; non soltanto per le migrazioni e le invasioni, ma anche per i mercanti, le carovane, i pellegrini. La barriera del Hindu-Kush, che si erge tra la Battriana e il Kpish, deve essere o aggirata o attraversata da chi voglia recarsi dall'Iran o dalla alta Asia verso l'India. E la strada classica, la "vecchia strada dell' India" che tante invasioni e pellegrinaggi hanno percorso. Le province afghane, per usare l'espressione di Alfred Foucher, sono "regioni di frontiera che hanno volta a volta appartenuto all'India o all'Iran, ma che non hanno mai assunto precisamente i tratti dell'una o dell'altra". Dopo quella degli Ar, le province afghane conobbero il succedersi di nuove invasioni. Nel VI sec. a. C. sono gli Achemnidi a conquistare - con Ciro - le regioni di Balkh e di Kbul e a raggiungere l'Indo. L'iscrizione di Dario a Bsutn ricorda, tra le satrapie orientali dell'impero achemnide, la Battriana e il Gandhra. Nel 329 a. C. Alessandro, sulle tracce di Dario, riconquista le province afghane che avevano, frattanto, recuperato l'indipendenza. Dopo la morte di Alessandro e la divisione del suo impero, queste province caddero in potere dei Seleucidi; ma verso il 175 a. C. si costitu uno stato indipendente, tosto diviso in due regni: il greco-battriano, con Eucratide, e il greco-indiano con Demetrio. Il primo doveva presto soccombere al premere delle orde Shaka le quali, cacciate dalla Transoxiana dagli Yue-che, dilagarono nella Battriana. Il secondo fu in grado di resistere sul Kpish, grazie alla difesa dei valichi sulla barriera del Hindu-Kush, ma circa un secolo pi tardi venne invaso dai Parthi. Sembra che questi, agli inizi dell'era cristiana, estendessero la loro sovranit su tutta la frontiera indo-iranica. I Parthi, a loro volta, furono rimpiazzati dai prncipi Kua, i quali dovevano regnare sull'India settentrionale, fino alla regione di Mathura, dove ebbe sede la capitale d'inverno, mentre quella estiva era Kpish. Nel III sec. d. C., l'imperator sassanide Ardashr conquist la regione di Balkh e le province afghane caddero sotto l'influenza iranica; i prncipi Kua continuarono a governare, ma sotto la sovranit dei Sassanidi. Il loro dominio, interrotto a met del V sec. dall'invasione degli Unni eftaliti, o Unni bianchi, doveva poi durare fino all'arrivo degli Arabi nell'VIII secolo. Al Begram (v.) di Kpish sono stati ritrovati oggetti che datano dai prirni secoli dell'era cristiana, adunati in una medesima stanza murata: bronzi, vetri, alabastri, medaglioni in
www.treccani.it/enciclopedia/afghanistan_(Enciclopedia-dell'-Arte-Antica)/?stampa=1 1/4

06/02/13

Treccani, il portale del sapere

gesso, provenienti dall'Oriente greco-romano; tazze o scatole in lacca originarie della Cina degli Han; e infine, avor indiani. Ci prova come all'epoca kua fosse attivo il commercio, nelle province afghane, che venivano pertanto ad essere il luogo d'incontro dei prodotti artistici di quei diversi paesi. Ne derivava, come naturale conseguenza, la creazione di stili complessi che riflettevano le diverse concezioni artistiche e religiose confluenti in quel vero e proprio quadrivio che era allora l'Afghanistan. La numismatica ci mostra chiaramente in quali dosi ciascuna di quelle influenze fosse accolta. Le monete battriane sono di pura marca greca; quelle del regno indo-greco di Demetrio - un certo numero delle quali sono quadrate come le monete indiane portano, sul rovescio, la traduzione in caratteri arameo-indiani della iscrizione greca impressa sul dritto, e vi figurano attributi indiani. Le monete dei prncipi Shaka sono imitate da quelle indogreche, e le monete dei Pahlava sono ricalcate su modelli dei Parthi-Arsacidi: portano difatti sul rovescio divinit greche o indiane. Sul dritto delle monete kua, derivate da quelle degli Shaka, i sovrani sono effigiati in piedi, con un iscrizione in greco; mentre il rovescio, dove figurano divinit greche, indiane o iraniche, porta un'iscrizione indiana. Il rovescio di alcune monete di Kanika reca la figura di un Buddha stante. Nel N-O dell'India, nel Gandhra e nelle vicine province afghane di Kpish e Ningrahar, si verific l'incontro tra religione buddista ed ellenismo dal quale doveva nascere una nuova iconografia e un nuovo stile: l'arte greco-buddista (v. Gandhra). Dei temi di questa, alcuni sono tolti in prestito, quasi senza varianti, dall'arte ellenistica; ci vale soprattutto per gli elementi decorativi, come foglie di lauro e di acanto, fiori di eglantina e il motivo della ghirlanda sorretta da amorini. Il tipo del Buddha rimane assai vicino ai modelli ellenistici, soprattutto nel drappeggio della veste, e tuttavia con una tendenza assai marcata allo schematismo; ci vale anche per le pettinature, trattate a corte onde che si risolveranno nei minuti riccioli isolati della tradizionale acconciatura dei Buddha. Nella localit di Hadda, Ningrahar, sono venuti alla luce diversi monasteri e stpa (v.) buddisti ornati di numerose figurine in stucco; i Buddha sono di stile classico, ma i numerosi personaggi che li attorniano: guerrieri, zelatori laici, monaci, sono marcatamente individualizzati e rappresentano veri e propr ritratti dal tipo etnico chiaramente definito. Ma la vita che gli scultori di Hadda hanno infuso cos intensamente nelle loro opere (grazie al loro acuto senso d'osservazione e alla docilit della materia che essi hanno scelto, lo stucco) non si ritrova pi nelle opere buddiste dei monasteri di Paitava e di Shotorak, dove le sculture, in scisto, paiono assai pi fredde e impersonali. Gli abiti dei donatori, coi pantaloni a sbuffo e la tunica serrata alla vita da una cintura, hanno interesse in quanto mostrano la foggia del vestire locale nell'epoca dei Kua. Le localit di Haibak, dove stato trovato uno stpa incompiuto, e Bmiyn (v.) - ricca di conventi buddisti scavati nella roccia - permettono di collegare, pel tramite del HinduKush, l'arte greco-buddista del Kpish all'arte della Battriana (v.) che ha lasciato cos scarse vestigia. A Kunduz, alcune teste in gesso di mediocre qualit, provenienti da una fondazione buddista, hanno carattere nettamente ellenistico.
www.treccani.it/enciclopedia/afghanistan_(Enciclopedia-dell'-Arte-Antica)/?stampa=1 2/4

06/02/13

Treccani, il portale del sapere

Con l'invasione delle regioni afghane da parte dei Sassanidi, nasce una nuova arte, grazie all'incontro di influenze iraniche con l'arte buddista: l'arte irano-buddista, presente, con particolare risalto, nelle grotte di Bmiyn e in quelle della vicina vallata di Kakrak. Prima lo sfondo, poi i temi iconografici, sono a poco a poco invasi da motivi di pura marca sassanide: fusti di colonne e vasi inghirlandati di nastri, capitelli a protomi d'animali, nastri svolazzanti, frontone tagliato, vesti, tuniche con risvolti, acconciature e diademi dei personaggi principeschi. Nel V sec. d. C., nasce un tipo pi particolare, ramo secondario dell'arte irano-buddista: l'arte kuo-sassanide, che rivela la sua peculiarit nel modo di trattare le fasce ondeggianti e risalenti allacciate o anche sdoppiantesi fino a divenire fortemente ondulate, per esempio, nei diademi a tre mezzelune e tre dischi del Maitreya e del recacciatore di Kakrak. L'influenza iranica ancora sensibilissima nel VI e VII sec., come risulta dal monastero buddista di Fondukistan (v.) dove, tuttavia, l'influenza indiana preponderante; e lo stesso si pu dire per le grotte di Bmiyn, che datano dalla medesima epoca. Sebbene il buddismo si sia diffuso in tutto l'A., nella regione erano per praticati anche culti diversi. Sono recenti (1955), e non ancora pubblicati, gli scavi di un tempio del fuoco scoperto nella Battriana, a Surkh-Kotal, che risale all'epoca kua. La decorazione di argilla o di pietra e sembra apparentarsi all'arte greco-buddista o a quella di Mathur. Un altro tempio, assai probabilmente brahmanico, sorge a N-O di Kbul, sul colle di Khair Khaneh. Lo si attribuisce al V sec., e mostra profonde influenze indiane e iraniche. In una delle celle del tempio stata scoperta una statua del dio Srya, in costume iranico. E in marmo bianco, e perci costituisce un'eccezione, poich le sculture dell'A. sono generalmente in scisto, in argilla, in stucco o in pietra calcarea. A Dokhtari Noshirwan esiste una nicchia di grandi dimensioni, scavata nella roccia, il cui fondo decorato con un affresco. Sfortunatamente, la pittura in parte cancellata, ma si possono ancora distinguere, nella parte centrale, un principe con acconciatura, assiso in trono sotto un frontone tagliato che porta una testa di leone. Qui non si tratta pi di un'opera religiosa, ma di un lavoro a carattere ufficiale, destinato a esaltare la potenza dei Sassanidi. L'affresco dovette essere eseguito dagli artigiani di Bmiyn, poich vi si riscontra la morbidezza di tratto che fu caratteristica di quella scuola. La condizione delle province afghane attraversate dalla vecchia strada dell'India, e in particolare dei conventi buddisti nel VII sec., ci nota grazie alla relazione di viaggio del celebre pellegrino cinese Hsiuan-chang in visita ai luoghi sacri del buddismo. Egli enumera una dozzina di conventi a Kunduz, e parla di parecchie migliaia di religiosi che risiedevano a Bmiyn. A Kpishi i monaci sono mahynisti, come il nostro viaggiatore, e cio seguono le regole del buddismo del Grande Veicolo; ma li che Hsiuan-chang incontra i primi religiosi jaina e i primi asceti induisti. In pi, egli d notizia di templi eretici nel Kpish. Sembra invece che Hadda non si fosse risollevata dalle conseguenze dell'invasione degli Unni eftaliti; le rovine buddistiche vi erano numerose ma di religiosi ne restavano assai pochi.
www.treccani.it/enciclopedia/afghanistan_(Enciclopedia-dell'-Arte-Antica)/?stampa=1 3/4

06/02/13

Treccani, il portale del sapere

Bibl: A. Foucher, La vieille route de l'Inde de Bactres Taxila, Parigi 1942; J. Barthoux, Les fouilles de Hadda I-Stupas et sites; II-Figures et figurines, Parigi 1930-33; J. Hackin e altri, Les antiquits bouddhiques de Bmiyn, Parigi 1928; J. Hackin e altri, Nouvelles recherches archologiques Bamiyan, Parigi 1933; Hackin-Carl, Recherches archologiques au col de Khair Khaneh prs de Kbul, Parigi 1936; J. Hackin, Recherches archologiques Bgram, Parigi 1939; R. Ghirshman, Begram. Recherches archologiques et historiques sur les Kouchans, Il Cairo 1946; D. Schlumberger, Le temple de Surkh Khotal en Bactriane, in Journal Asiatique, 1952, n. 4 e 1954, n. 2; B. Rowland, The Art and Architecture of India2 , Harmondsworth 1956, pp. 94-103. (M. M. Deneck)

www.treccani.it/enciclopedia/afghanistan_(Enciclopedia-dell'-Arte-Antica)/?stampa=1

4/4