Sei sulla pagina 1di 32

RISCHI E DANNI PER LA SALUTE NELLE AREE

METROPOLITANE, AEROPORTI - AUTOSTRADE


DISCARICHE INCENERITORI
Caldiroli Marco, Centro per la Salute "Giulio A. Maccacaro" , Castellanza (VA)

Premessa

La materia dell’impatto ambientale di opere (siano essi aeroporti, autostrade, ferrovie, impianti di
smaltimento di rifiuti) nonostante il tempo trascorso dalla prima direttiva europea è ancora tutto da costruire
o, meglio, da far uscire, per usare le parole di Virginio Bettini dall’essere usata come "procedura sequenziale
di pseduconcetti, artefatto convenzionale destinato alla giustificazione di ogni iniziativa tecnologica. La VIA
come specchio della corretta tecnologia, della < migliore tecnologia disponibile > nell’ovvio quadro dei falsi
concetti legati allo < sviluppo sostenibile > " (V. Bettini et al,Ecologia dell’impatto ambientale, 2000). La
spinta attuale è verso una "VIA semplificata" ha lo stesso segno della politica sui rifiuti nel nostro paese : l’ex
Ministro Edo Ronchi escluse, alla fine del 1999, esplicitamente dalle "procedure di compatibilità ambientale" a
livello regionale, gli impianti di incenerimento purchè fossero tra quelli per i quali sono previste le "procedure
semplificate", tra questi i cosiddetti "impianti di recupero energetico" alimentati a CDR, una applicazione
distorta e solitaria - della direttiva europea sui rifiuti.

Il testo che ho citato tra gli altri ricostruisce la storia delle tecniche di VIA e le fasi della VIA stesso insistendo
sia sul ruolo di una impostazione preliminare e aperta degli studi necessari (fase di screening) e sulla
definizione della rilevanza degli impatti (fase di scoping) che sul ruolo che ha l’informazione, la
partecipazione e il parere della popolazione interessata. O la VIA è una forma di democrazia, di autogoverno
del territorio, o è solo uno scocciante passaggio burocratico in più che non è in grado di mettere in
discussione nulla.

Non è inutile ricordare qui l'importanza di una corretta Valutazione di Impatto Ambientale quale strumento di
intervento, a monte della definizione di progetti e di scelte, in grado di ridiscutere le scelte di pianificazione
economica, ovvero la necessità che la V.I.A sia distinta ma interrelata con i processi di elaborazione,
valutazione e decisione non limitata al singolo impianto ma ai diversi scenari alternativi possibili. In tal senso
la V.I.A. si configura quale strumento di acquisizione di informazioni sulle possibili interazioni qualitative e
quantitative tra le diverse soluzioni proposte e l'ambiente e come strumento per individuare le possibili
alternative progettuali, localizzative e di pianificazione ( in tal senso non può venir considerato, come spesso
fanno gli estensori di piani locali di organizzazione dei servizi di smaltimento dei rifiuti come di un dato
immodificabile e solo da attuare con gli impianti ivi previsti).

Nel campo dei rifiuti va evitata in particolare una visione del problema come a sè stante e non come parte di
processi produttivi e di consumo su cui è possibile intervenire. Se l'obiettivo è quello di prevenire un impatto
e non di dimostrare che un determinato impianto ha un impatto più o meno ambientalmente e socialmente
"accettabile", la considerazione dei rifiuti va svolta a partire dal considerarli come parte del flusso di energia e
materia nel ciclo complessivo di uso e di trasformazione delle risorse .

Tale considerazione esclude in partenza ogni obiettivo predefinito fondato sostanzialmente su una unica, e
rigida, opzione tecnologica quale è l'incenerimento.

Non è inutile ricordare che la V.I.A. è uno strumento di partecipazione pubblica per aprire al confronto tutte
le parti sociali coinvolte con i processi decisionali riguardanti le risposte da dare ai problemi esistenti. Non va
considerata come la soluzione ai conflitti che emergono a livello sociale ma rende esplicite le conseguenze di
modelli d'uso delle risorse alternativi mettendone in evidenza gli effetti globali sull'ambiente, proprio per
questo è decisivo il ruolo del pubblico nella procedura complessiva di V.I.A. .

In questo ambito si rammenta il un ruolo particolare :

— della cosiddetta Valutazione Ambientale Strategica (VAS) ovvero l’adattamento della procedura di
VIA alla valutazione delle conseguenze ambientali di politiche economiche-territoriali, di piani e di
programma (distinguendo in VAS settoriale es. un piano di smaltimento rifiuti locale - , VAS regionale
o di area vasta, cioè in grado di considerare tutte le attività di una determinata zona; VAS indiretta,
non legata a progetti specifici ma a piani e programmi di diverso genere come anche le politiche
fiscali o le privatizzazioni); sulla VAS un primo passo normativo è stato fatto con l’emanazione della
Direttiva 2001/42/CE del 27 giugno 2001 concernente la valutazione degli effetti di determinati piani
e programmi sull'ambiente.

— La valutazione degli impatti cumulativi ovvero "l’impatto sull’ambiente conseguente all’aumento di


impatto del progetto quando si somma ad altri impatti passati, presenti o ragionevolmente
prevedibili in futuro", l’inserimento di un’opera con un proprio impatto ambientale può comportare
effetti ben superiori a quelli diretti dovuti alla combinazione di stress esistenti e degli effetti
secondari individuali di una serie di azioni nel tempo (come inserire un determinato impianto in
un’area già "satura" di opere). Possono sono essere impatti dello stesso genere (più progetti dello
stesso tipo) o eterogenei, possono comportare un impatto additivo o incrementale, piuttosto che
sinergico o anche "agnostici", senza modifica o anche con una riduzione degli impatti. Relativamente
ad opere che hanno riflessi sulla qualità di specifiche matrici ambientali i casi sono quasi
esclusivamente additivi o sinergici, quando questi hanno diretti impatti sanitari su una collettività
vasta, l’effetto sinergico è altamente probabile. Per quanto concerne questi aspetti le metodologie di
valutazione sono tra quelle più recenti (l’EPA, nel 1999, ha prodotto una analisi di tali metodi),
complesse, ma anche che possono dare risultati importanti ad una popolazione per la conoscenza del
proprio territorio e dei rischi presenti nonché per poter inquadrare anche una singola proposta nel
reale contesto territoriale.

1. Impatto specifico dei processi di incenerimento dei rifiuti


In estrema sintesi i principali impatti sull’ambiente e sulla salute sono connessi alle emissioni dal camino
dell’impianto e alla produzione e gestione dei residui solidi (ceneri leggere, ceneri pesanti, scorie, altri residui
dai processi di abbattimento) derivanti dai processi di combustione dei rifiuti.
Per quanto concerne le emissioni, le caratteristiche eterogenee delle matrici (rifiuti) combusti sono tali che i
processi di combustione generano numerose sostanze pericolose trascinate con i fumi che solo in parte
possono essere "ottimizzate" (ridotte) dalla cura posta nella gestione dei principali parametri di combustione
(modalità di immissione delle matrici nella caldaia, tempi di residenza a contatto con la fiamma, modalità di
invio dell’aria comburente, controllo e intervento sulle temperature dei fumi nelle diverse sezioni
dell’impianto, modalità del recupero del calore per la produzione di energia, esistenza e gestione del
postcombustore, etc) e dall’efficacia della captazione delle sostanze tossiche contenute nei fumi dai sistemi
di abbattimento prima dell’emissione all’atmosfera.
Non va taciuto che i sistemi di abbattimento operano una traslazione dei tossici dalla fase aeriforme ad una
solida e/o liquida, in altri termini una maggiore efficacia nella captazione dei tossici ha come contraltare una
maggiore produzione ed una maggiore tossicità dei residui solidi.
La peculiarità degli impianti di incenerimento è connessa alla eterogeneità del "combustibile"/rifiuto utilizzato
(solo in parte riducibile con l’alimentazione di rifiuti selezionati e/o del cosiddetto CDR) e sono tali che, nella
caldaia, si vengono a creare delle condizioni per le quali sono originate innumerevoli e incontrollabili reazioni
chimiche dai risultati altrettanto innumerevoli e solo in parte prevedibili.
A conferma di quanto detto sopra si mostra una tabella in cui sono riportate le "principali" sostanze chimiche
"testate" in impianti di incenerimento.

TABELLA 1 SOSTANZE ORGANICHE IDENTIFICATE NELLE EMISSIONI DI INCENERITORI DI RIFIUTI URBANI

pentane trichlorofluoromethane acetonitrile acetone

iodomethane dichloromethane 2-methyl-2-propanol 2-methylpe

chloroform ethyl acetate 2,2-dimethyl-3-pentanol cyclohexane

benzene 2-methylhexane 3-methylhexane 1,3-dimethy

1,2-dimethylcyclopentane trichloroethene heptane methylcyclo

ethylcyclopentane 2-hexanone toluene 1,2-dimethy

2-methylpropyl acetate 3-methyleneheptane paraldehyde octane

tetrachloroethylene butanoic acid ethyl ester butyl acetate ethylcyclohe

2-methyloctane dimethyldioxane 2-furanecarboxaldehyde chlorobenze

methyl hexanol trimethylcyclohexane ethyl benzene

formic acid xylene acetic acid aliphatic car

ethylmethylcyclohexane 2-heptanone 2-butoxyethanol nonane

isopropyl benzene propylcyclohexane dimethyloctane pentanecarb

propyl benzene benzaldehyde 5-methyl-2-furane carboxaldehyde 1-ethyl-2-m

1,3,5-trimethylbenzene trimethylbenzene benzonitrile methylpropy

2-chlorophenol 1,2,4-trimethylbenzene phenol 1,3-dichloro

1,4-dichlorobenzene decane hexanecarboxylic acid 1-ethyl-4-m

2-methylisopropylbenzene benzyl alcohol trimethylbenzene 1-methyl-3

2-ethyl-1,4-dimethylbenzene 2-methylbenzaldehyde 1-methyl-2-propylbenzene methyl deca

4-methylbenzaldehyde 1-ethyl-3,5-dimethylbenzene 1-methyl-(1-pro-penyl)benzene bromochlor

4-methylphenol benzoic acid methyl ester 2-chloro-6-methylphenol ethyldimeth

undecane heptanecarboxylic acid 1-(chloromethyl)-4-methylbenzene 1,3-diethylb

1,2,3-trichlorobenzene 4-methylbenzyl alcohol ethylhex an

ethyl benzaldehyde 2,4-dichlorophenol 1,2,4-trichlorobenzene naphthalene


cyclopentasiloxanedecamethyl methyl acetophenone ethanol-1-(2-butoxyethoxy) 4-chlorophe

benzothiazole benzoic acid octanoic acid 2-bromo-4

1,2,5-trichlorobenzene dodecane bromochlorophenol 2,4-dichloro

dichloromethylphenol hydroxybenzonitrile tetrachlorobenzene methylbenz

trichlorophenol 2-(hydroxymethyl)benzoic acid 2-ethylnaphthalene-1,2,3,4- 4-ethylaceto


tetrahydro 2,4,6-trichlorophenol

2,3,5-trichlorophenol 4-chlorobenzoic acid 2,3,4-trichlorophenol 1,2,3,5-tetr

1,1'biphenyl (2-ethenyl- 3,4,5-trichlorophenol chlorobenzoic acid 2-hydroxy-


naphthalene) dichloroben

2-methylbiphenyl 2-nitrostyrene(2- decanecarboxylic acid hydroxymet


nitroethenylbenzene)

hydroxychloroacetophenone ethylbenzoic acid 2,6-dichloro-4-nitrophenol sulphonic ac

m.w.192 4-bromo-2,5-dichlorophenol 2-ethylbiphenyl bromodichlo

1(3H)-isobenzofuranone-5- dimethylphthalate 2,6-di-tertiary-butyl-p- 3,4,6-trichlo


methyl benzoquinone

2-tertiary-butyl-4- 2,2'-dimethylbiphenyl 2,3'-dimethylbiphenyl pentachloro


methoxyphenol

bibenzyl 2,4'-dimethylbiphenyl 1-methyl-2-phenylmethylbenzene benzoic acid

2,3,4,6-tetrachlorophenol tetrachlorobenzofurane fluorene phthalic est

dodecanecarboxylic acid 3,3'-dimethylbiphenyl 3,4'-dimethylbiphenyl hexadecane

benzophenone tridecanoic acid hexachlorobenzene heptadecane

fluorenone dibenzothiophene pentachlorophenol sulphonic ac

phenanthrene tetradecanecarboxylic acid octadecane phthelic est

tetradecanoic acid isopropyl caffeine 12-methyltetradecacarboxylic acid pentadecaca


ester

methylphenanthrene nonedecane 9-hexadecene carboxylic acid anthraquino

dibutylphthalate hexadecanoic acid eicosane methylhexa

fluoroanthene pentachlorobiphenyl heptadecanecarboxylic acid octadecadie

pentachlorobiphenyl aliphatic amide octadecanecarboxylic acid hexadecane

docosane hexachlorobiphenyl benzylbutylphthalate aliphatic am

diisooctylphthalate hexadecanoic acid hexadecyl ester cholesterol.


Fonte: Jay K.and Stieglitz L.(1995).Identification and quantification of volatile organic components in
emissions of waste incineration plants.Chemosphere 30 (7):1249-1260.
Un aspetto da considerare nella valutazione delle emissione di un impianto di incenerimento (come in altri
impianti di combustione) sono i cosiddetti "transitori" cioè le fasi di avvio e/o di spegnimento o quelle in cui
per diversi motivi - si verificano condizioni anomale (condizioni frequenti negli inceneritori di rifiuti). In
queste condizioni le emissioni possono modificarsi in modo considerevole, a partire per fare un esempio
delle situazioni "favorevoli" alla formazione di precursori cloroorganici in grado di incrementare la formazione
delle sostanze a maggiore pericolosità (PCDD/PCDF, PCB, PCDB etc).
La normativa sui limiti alle emissioni è sostanzialmente fondata su valori medi su dati periodi temporali
(giornalieri, orari, annuali) tali da "nascondere" il verificarsi di situazioni che comportano elevate emissioni
per periodi di tempo "limitati" (la stessa normativa permette il superamento dei limiti medi indicando la
massima escursione permessa e il tempo massimo in cui può verificarsi senza comportare l’attivazione di
limitazioni o la fermata - al funzionamento dell’impianto.
Questo aspetto è importante, ai fini dell’impatto ambientale e sanitario, in quanto l’esposizione reale delle
popolazioni a rischio può variare nel tempo ovvero le persone possono essere esposte a "picchi" di
esposizione che hanno, a seconda della sostanza, significatività sugli effetti sulla salute pubblica.
Nella tabella che segue si riportano alcuni dati in proposito alle condizioni "transitorie" che si possono
verificare e alle conseguenze, in termini di emissioni, delle stesse.

Tabella 2. Condizioni di funzionamento normali e sfavorevoli nella camera di combustione di un inceneritore


per rifiuti

Condizioni Ossido di Anidride Temperatura PCDD/PCDF Clorobenzeni Clorofenoli


operative carbonio carbonica

mg/mc % volume
°C nanogr/mc microgr/mc microgr/mc

Normali 230 8,53 978 42 0,2 1,2

Transitorie 340-1.000 6,80 790-870 1.860 17,0 114,0

Fonte:
G. Boeri, E. Barni "Impatto ambientale degli impianti" in L'incenerimento dei rifiuti, Atti del Convegno
Nazionale, Bologna 16-17/3/1995, Maggioli Editore, 1996, p. 137.
Un altro aspetto fondamentale per valutare l’impatto sanitario delle emissioni è costituito dalla grandezza del
particolato. E’ immediatamente comprensibile che minori sono le dimensioni delle polveri più esse hanno
probabilità di sfuggire ai sistemi di abbattimento e di essere emesse all’atmosfera, costituendo una
particolare e grave fonte di esposizione per l’uomo in quanto, una volta inspirati si installano nelle zone più
profonde dei bronchi, a diretto contatto con i sistemi di scambio dell’ossigeno col sangue (in particolare
hanno tale proprietà le polveri di dimensioni inferiori a 2,5 micron, le PM2,5; in Lombardia costituiscono circa
il 46 % del totale).
Pertanto i metalli o le altre sostanze trascinate (adsorbite) dalle polveri possono venir cedute nel tempo al
sangue (non è un caso che la normativa sull’inquinamento atmosferico e la qualità dell’aria da alcuni anni ha
introdotto il parametro delle "PM10" ovvero le polveri di dimensioni inferiori ai 10 micron di diametro, e che il
superamento dei limiti di questo parametro è quello che più frequentemente ha fatto "scattare" gli obblighi
previsti per la limitazione della circolazione delle auto e/o del funzionamento degli impianti di combustione
nelle "aree omogenee" dei maggiori agglomerati urbani).
Sono stati stimati degli indici di effetto sanitario in funzione della grandezza delle particelle aerodisperse e
alla grandezze delle stesse. Ovviamente tali effetti sono relativi a tutte le fonti emissive, comprensive quindi
dell’effetto cumulativo che una sorgente puntuale (inceneritore o altro impianto industriale) può produrre
unitamente a fonti "mobili" come il traffico stradale o la ricaduta delle emissioni provocate da aeromobili.

Figura 1. Incremento della mortalità relativo alle concentrazioni di PM10 nell’aria

La relazione rappresentata nella figura 1 tra concentrazione di PM10 nell’aria e mortalità è stata proposta
dall’OMS, precauzionalmente l’incremento viene escluso per valori giornalieri inferiori a 20 microg/mc (a
Milano i giorni con media al di sotto di quest’ultimo valore, nel 1999, sono stati solo 30).
In sintesi, viene ipotizzato per ogni incremento unitario (in microgr/mc) giornaliero di PM10 un aumento
della mortalità dello stesso giorno pari allo 0,07 %. Questa relazione, applicata ai livelli giornalieri di
concentrazione di PM10 verificatisi a Milano nel 1999 e alla mortalità nello stesso anno di residenti a Milano,
comporterebbe che nei giorni con livelli superiori a 100 microgr/mc (24 giorni nel 1999) si è avuto un
eccesso di mortalità dovuto alle PM10 di più di un decesso al giorno rispetto ai giorni che hanno presentato
un valore di PM10 pari alla media annuale di Milano sempre del 1999 ovvero 47 microg/mc la soglia di
attenzione per le PM10 è attualmente fissata dalla normativa italiana nella media delle concentrazioni pari a
40 microg/mc, mentre la soglia di allarme è posta a 60 microg/mc). (V. "Salute e ambiente in Lombardia",
Regione Lombardia, settembre 2000).
Analoghe correlazioni sono indicate dall’OMS per quanto concerne l’incremento dei ricoveri ospedalieri (+
0,84 % per ogni incremento di 10 microg/mc di PM10) e di variazioni sullo stato di salute generale della
popolazione (affezioni di vario genere alle vie respiratorie). Negli USA l’esposizione di lungo termine a livelli
di PM10 superiori a 50 microg/mc è stata associata ad un aumento del rischio di contrarre tumori ai polmoni
paragonabile a quello associato al fumo di sigaretta (aumento di 5 volte nei maschi e di 1,2 volte nelle
femmine).
Questi rischi sono ancora più elevati per i bambini.
Un altro fatto che emerge dai diversi studi (non solo per le PM10) è che non è possibile definire una soglia di
concentrazione delle PM10 al di sotto della quale vi sia un effetto nullo sulla salute.
Va segnalato che le polveri di dimensioni più fini sono anche quelle in cui vi è una maggiore concentrazione
di tossici, come metalli, in funzione delle caratteristiche chimiche degli stessi, idrocarburi policiclici
aromatici, a tale proposito si vedano le tabelle che segue (vi sono anche inquinanti "emergenti", come il
platino per le emissioni dalle auto catalizzate) .

Tabella 3a. Distribuzione dei metalli pesanti in funzione della granulometria del particolato volatile in
sospensione nei fumi (valori in microgr/Nmc)

Granulometria Cadmio Zinco Piombo Antimonio Cromo Arsenico

> 10,50 micron 0,41- 4,0 31,2-372,0 25,5-136,0 0,31-0,36 9,6 1,00

< 0,56 micron 321,0-967,0 315,0-392,0 2,26-4,50 1,7 0,18

6,13-23,0

Tabella 3b. Distribuzione percentuale dei metalli pesanti in funzione della granulometria del particolato totale
sospeso - PTS (valori in microgr/Nmc)

Granulometria Cadmio Zinco Piombo Antimonio

> 10,50 micron 3,8-8,4 % 4,9 - 16 % 4,1 - 13,5 % 3,3 - 6,1 %

< 0,56 micron 42,1-51,30 % 38,9 - 51,1 % 38,2-47,8 %


47,0-56,8 %

Fonti delle ultime due tabelle : A.Donati, M. Gallorini, L.Morselli "I metalli pesanti nel ciclo dell'incenerimento
dei RSU" in L'incenerimento dei rifiuti, Atti del Convegno Nazionale, Bologna 16-17/3/1995, Maggioli Editore,
1996, p. 312.
L’emissione complessiva mondiale stimata di metalli pesanti dagli impianti di incenerimento dei rifiuti viene
mostrata nella tabella che segue unitamente al peso percentuale di tali emissioni sul totale delle emissioni dei
metalli dalle diverse fonti.
L’apporto degli impianti di incenerimento alle emissioni complessive di sostanze come Piombo, Cadmio,
Cromo, Arsenico per citare sostanze con note proprietà cancerogene sono certamente significative e
costituiscono tra le diverse motivazioni un importante motivo di contrarietà, sotto il profilo ambientale, alla
realizzazione di nuovi impianti di incenerimento.
Non va taciuto che, in relazione alle proprietà fisico-chimiche dei singoli metalli, negli impianti di
combustione che non sono in grado di "distruggere" nessuna delle sostanze che vengono immesse con le
matrici ma solo di trasformarle in altre sostanze, nella maggior parte dei casi di maggiore tossicità rispetto a
quelle alimentate avviene una "ripartizione" degli stessi tra le emissioni ed i residui solidi.
E’ altresì da ricordare che il sistema più sicuro per ridurre o, meglio, eliminare tali emissioni è costituito dal
non bruciare rifiuti che li contengono ovvero di non produrre merci che una volta divenute rifiuti finiscono
direttamente o indirettamente nelle diverse matrici ambientali. Tenuto conto che la maggior parte dei metalli
sono contenuti nei rifiuti urbani sotto forma di cariche e/o coloranti per materie plastiche (PVC rigido ma non
solo), si ricorda che l’Unione Europea recentemente ha deciso di rinviare l’attuazione della "direttiva
imballaggi" di diversi anni per la parte concernente la riduzione dei contenuti di metalli negli imballaggi.

Tabella 4. Emissioni annuali, nel mondo, di metalli da impianti di incenerimento e contributo percentuale sul
totale delle emissioni

Metallo Emissioni da inceneritori Percentuale del contributo degli


(t/anno) inceneritori sul totale delle
emissioni

Antimonio 670 19.0

Arsenico 310 3.0

Cadmio 750 9.0

Cromo 840 2.0

Rame 1.580 4.0

Piombo 2.370 20.7

Manganese 8.260 21.0

Mercurio 1.160 32.0

Nickel 350 0.6

Selenio 110 11.0

Stagno 810 15.0

Vanadio 1.150 1.0

Zinco 5.900 4.0


Per quanto concerne i microinquinanti organici ed in particolare quelli di maggiore tossicità, i cloroorganici
tra cui PCDD,PCDF e PCB si rammentano brevemente i meccanismi di formazione nei processi di
combustione.
Circa la formazione delle PCDD e dei PCDF nei processi di combustione, sono state fatte le seguenti ipotesi:
a) - tali composti sono presenti in tracce nei rifiuti e non completamente "distrutti";
b) - le due classi di composti si formano da precursori organici clorurati come, per esempio, i
policlorobenzeni, i policlorofenoli, i PVC, durante la combustione;
c) - la presenza di PCDD e PCDF è dovuta ad una serie di reazioni termiche fra precursori non clorurati e
composti inorganici clorurati;
d) - a causa della natura eterogenea dei rifiuti, sopravvivono alla combustione specie cloroorganiche che
possono originare PCDD e PCDF;
e) - sono possibili reazioni in fase non gassosa o reazioni bifase (gassosa/non gassosa) che contribuiscono
alla formazione delle PCDD e dei PCDF.
In letteratura sono riportati molteplici lavori relativi alla formazione delle diossine e dei furani. Per esempio, è
stato ripetutamente dimostrato con esperimenti di laboratorio che le PCDD si formano bruciando i clorofenoli
a diverse temperature e a diverse condizioni operative .
Da un punto di vista generale, va poi sottolineato che lo studio dei meccanismi di formazione delle PCDD e
dei PCDF oltre ad un interesse teorico ha anche ricadute pratiche. Infatti, la conoscenza di tali meccanismi
consente, da una parte di individuare le molteplici fonti che originano tali pericolosissimi tossici per la donna,
l'uomo, gli altri organismi viventi e l'ambiente nella sua globalità, dall'altra di attivare rigorosi ed efficaci
interventi preventivi tesi ad azzerare la produzione di tali contaminanti.
Fra i meccanismi di formazione delle PCDD e dei PCDF negli impianti di incenerimento o di termodistruzione
che dir si voglia, è pacificamente accettato dai ricercatori quello costituito da precursori quali i clorofenoli e i
clorobenzeni, che si formano per via radicalica ad alta temperatura nella camera di combustione e, con
successive reazioni di condensazione, che possono avvenire in fase omogenea e danno luogo, appunto, alla
formazione delle PCDD e dei PCDF.
In questa sede, senza entrare nel chimismo di tali reazioni, ci limitiamo a ricordare che le reazioni di
condensazione possono decorrere anche sfruttando la presenza di particelle solide disperse nel gas (fly-ash),
sulla cui superficie i clorofenoli e i clorobenzeni vengono adsorbiti nelle zone di post-combustione a più
bassa temperatura.
Un secondo meccanismo pacificamente accettato dai ricercatori è rappresentato dalla cosiddetta "de-novo
sintesi" in cui sono coinvolte le fly-ash. Le particelle carboniose reagiscono con ossigeno e cloro formando
una grande varietà di composti clorurati tra i quali le PCDD e i PCDF, grazie anche al ruolo catalitico svolto da
alcuni ioni metallici presenti su di esse, in particolare il rame (la cui concentrazione "permessa" nel caso del
CDR è elevata). I due meccanismi anzidetti, possono avvenire contemporaneamente; allo stato, la letteratura
non chiarisce l'importanza dei processi in fase omogenea rispetto a quelli in fase eterogenea.
In proposito va ancora segnalato che la formazione delle PCDD e dei PCDF non avviene solo nelle zone
"fredde" dell'impianto (zone di temperatura comprese tra 200 400 °C), dopo la camera di combustione, come
per esempio, negli elettrofiltri, ma anche in intervalli di temperatura di 500 ¸ 650 °C come evidenziato da
recenti ricerche.
In questo caso sono messi sotto accusa gli scambiatori di calore per il raffreddamento dei fumi con i relativi
recuperi energetici.
Ritornando ai clorofenoli, come abbiamo già detto, nota classe di precursori delle PCDD e dei PCDF, va pure
evidenziato che essi possono formarsi dai clorobenzeni attraverso trasformazioni chimiche.
Alcuni ricercatori hanno effettuato esperimenti allo scopo di mettere in evidenza il diverso ruolo dei
clorobenzeni e dei clorofenoli nella formazione delle PCDD e dei PCDF.
Le ricerche hanno evidenziato - seguendo la combustione del 1,2-diclorobenzene e del 2,4-diclorofenolo -
che il clorofenolo origina un tasso di PCDD/PCDF di due ordini di grandezza maggiore, a dimostrazione della
più spiccata attività dei clorofenoli nelle reazioni di formazione di PCDD/PCDF.
Per quanto concerne la stima delle emissione complessive di PCDD e PCDF nel mondo, sono diverse le
ricerche che hanno tentato di elaborare dati affidabili anche per confrontarli con stime relative alle emissioni
di tali sostanze da altri processi di combustione o produttivi. Nella tabella che segue è riportata una stima
mondiale al 1995 (parziale, in quanto tra i paesi considerati sono assenti la Cina e l’ex URSS, oltre all’Italia).

Tabella 5. Emissioni in atmosfera di diossine nei paesi industrializzati

Valore %

Processo fonte di diossine g/anno

Inceneritori di rifiuti 7.241 69 %

Produzione di non metalli 8%

804

Acciaierie e laminatoi 1.083 10 %

Centrali termoelettriche 57 1%

Impianti di combustione industriali 204 2%

Piccoli impianti di combustione 354 3%

Trasporto stradale 67 1%

Produzione di minerali 234 2%

Altri 470 4%

Totale 10.514

Fonte: United Nations Environment Programme, Dioxin and Furan Inventories. National and Regional
Emissions of PCDD/PCDF, UNEP Chemicals, Ginevra, maggio 1999.
Le nazioni considerate sono state : Austria, Australia, Belgio, Svizzera, Canada, Germania, Danimarca, Francia,
Ungheria, Giappone, Olanda, Svezia, Gran Bretagna, Slovacchia, USA.
La situazione americana è sinteticamente riportata nella tabella seguente.

Tabella 6 : Sintesi dell’inventario delle fonti di PCDD e PCDF negli USA [PCCDD/F TEQ (g/year)]

Fonte 1987 EPA (1994) 1995

Incenerimento rifiuti urbani 12.970 3.000 1.794

Cementifici (rif.per.) 850


330 350
Cementifici (rif non per) 6

Incenerimento rifiuti ospedalieri 8.630 5.100 724


Raffinazione del rame 300 230 310

Incendi forestali 160 86 160

Processi di sinterizzazione di
102 --- 88
metalli

Incenerimento di rifiuti pericolosi 180 35 75

Combustione di carbone in
60 --- 73
centrali

Combustione di legna 68 320 70

Combustione di residui di legna 100 40 68

Raffinazione dell’Alluminio 28 --- 57

Combustione di carbone
40 --- 33
residenziale

Totale USA 24.000 11.500 5.000

Per quanto concerne l’Italia l’ENEA ha presentato un inventario nazionale (con esclusione, nel calcolo delle
TEF dei PCB) con una valutazione anche della "tendenza" futura e che si ripropone nella tabella che segue.
I dati pubblicizzati dall’ENEA sono stati integrati da chi scrive con quelli risultanti da un recente studio
dell’Unione Europea, questi ultimi dati sono riportati nelle colonne ombrate indicate come 1994, minimo e
massimo.
La presentazione di tali tabelle viene fatta per evidenziare l’incertezza delle diverse stime, sia per la
situazione mondiale che quella italiana possono essere apprezzate i differenti e significativi valori delle
diverse stime.

Tabella 7. Stima delle emissioni di PCDD e PCDF (grammi ITEF/anno), valutazioni dell’ENEA (al 1998) e dati
riportati in uno studio dell’Unione Europea pubblicato nel 1999 e riferiti al 1994

1994 1994
Fonti 1990 1995 2000 2005 2010
minimo massimo
CENTRALI ELETTRICHE PUBBLICHE 23,4 26,6 17,3 15,4 14,5
carbone 1,1 0,8 0,22 11 1,0 1,1 1,1
lignite 0,1 0,0 0,0 0,0 0,0
olio combustibile 21,8 25,4 16,0 14,2 13,2
gasolio 0,3 0,2 0,1 0,0 0,0
legna 0,1 0,2 0,2 0,2 0,2
petcoke 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0
IMPIANTI DI COMBUSTIONE NEL TERZIARIO E
23,6 26,4 23,9 19,7 18,5
AGRICOLTURA
carbone 0,6 0,8 0,8 0,8 0,8
olio combustibile 0,4 0,1 0,4 0,4 0,4
legna 12,6 17,7 0,002 0,02 15,0 11,0 10,0
gpl 1,6 1,7 1,7 1,7 1,7
gasolio 7,4 5,0 5,0 4,8 4,6
kerosene 0,2 0,1 0,1 0,1 0,1
coke 0,9 0,9 0,9 0,9 0,9
IMPIANTI DI COMBUSTIONE RESIDENZIALI
legna 4,0 280
COMBUSTIONE NELL'INDUSTRIA 92,0 81,7 71,0 66,0 61,4
impianti di combustione 13,6 10,8 10,5 10,4 10,3
carbone 1,5 0,7 0,004 1,3 0,8 0,8 0,8
lignite 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0
olio combustibile 6,3 5,1 5,1 5,1 5,1
legna 0,3 0,6 4,1 47 0,2 0,1 0,0
coke 0,4 0,2 0,2 0,2 0,1
gpl 0,3 0,3 0,3 0,3 0,3
nafta 1,3 1,0 1,0 1,0 1,0
kerosene 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0
gasolio 0,4 0,3 0,3 0,3 0,3
petcoke 3,1 2,5 2,6 2,6 2,6
cemento 6,1 5,1 5,3 5,3 5,3
impianti di sinterizzazione acciaio 67,9 60,5 0,02 12,0 50,0 45,0 40,5
piombo secondario 2,0 2,5 46 316 2,5 2,5 2,5
rame secondario 1,7 2,0 0,7 170 2,0 2,0 2,0
Zinco secondario 0,3 9,9
alluminio secondario 0,7 0,8 14 110 0,8 0,8 0,8
PROCESSI PRODUTTIVI 29,5 28,6 28,6 28,6 28,6
forni elettrici 29,5 28,6 7,5 163 28,6 28,6 28,6
Produzione di pesticidi 28 (*) 6.450 (*)
Produzione di CVM/PVC n.r n.r.
ESTRAZIONE E DISTRIBUZIONE COMBUSTIBILI
FOSSILI
USO DI SOLVENTI
TRASPORTI STRADALI 6,4 5,1 2,8 0,4 0,0
benzina con piombo 6,4 5,1 2,8 0,4 0,0
ALTRE SORGENTI MOBILI
TRATTAMENTO E SMALTIMENTO RIFIUTI 276,0 390,5 195,2 61,3 20,5
incenerimento rifiuti solidi urbani 134,3 170,6 563 2.780 85,3 34,1 12,8
incenerimento rifiuti solidi industriali 97,4 97,4 n.r. n.r. 48,7 15,2 4,6
incenerimento rifiuti ospedalieri 27,5 27,5 8,8 24 13,7 4,3 1,3
fanghi di depurazione di impianti civili 16,8 95,0 0,9 47,5 7,6 1,8
incenerimento rifiuti agricoli 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0
Smaltimento di rifiuti in discarica 140 (*) 1.664 (*)
Spandimento di fanghi 2,7 (*) 43(*)
Altri trattamenti di rifiuti 0,66 1,56
Uso di pesticidi 15 (*) 760 (*)
Incendi accidentali di boschi 0,5(*) 2.380 (*)
Incendi forestali dovuti a incidenti 0,07 (*) 41(*)
TOTALE 450,8 558,8 840 15.300 338,8 191,4 143,4

Fonte dei dati dell’Unione Europea : Releases of Dioxins and Furans to Land and Water in Europe, Final
Report, settembre 1999, p. 132.
(*) = stima del rilascio sul terreno dovuta alle attività evidenziate.
Oltre alle caratteristiche delle emissioni., come accennato, l’altro importante impatto è costituito dai residui
solidi dei processi di combustione. Si tratta di residui contrariamente al parere e alle pressioni dei fautori
dell’incenerimento - a diverso grado di tossicità (le ceneri leggeri ed i residui dei sistemi di abbattimento
sono classificati come tossico-nocivi), in ogni caso non "inerti" e che necessitano di apposite discariche per il
loro smaltimento.
In altri termini, pur sinteticamente, rammento che non esiste non può funzionare - un inceneritore senza una
o più discariche di supporto per lo smaltimento delle scorie. Discariche che hanno un proprio impatto
direttamente connesso con l’impianto di incenerimento anche se poste in un territorio diverso da
quest’ultimo.
Sulla tossicità delle scorie pesanti e sui residui dai sistemi di abbattimento si riportano le tabelle che
seguono, limitatamente al contenuto di metalli (ovviamente in questi rifiuti vi sono anche tracce dei
microinquinanti organici e cloroorganici sopra citati).

Tabella. 8 Metalli presenti nelle scorie pesanti. (I valori sono riferiti alle analisi effettuate presso gli impianti
ACCAM di Busto Arsizio (VA) e ai dati di letteratura)

Concentrazioni medie da Limiti di concentrazione (CL),


più analisi riportate in Delibera del Comitato
Elemento Inceneritore ACCAM: letteratura (*) Interministeriale del
27.07.1984
scorie pesanti

concentrazioni minime-
massime rilevate da più analisi

mg/kg mg/kg mg/kg

Ferro 14.953 - 5.600 94.000 n.r.

Zinco 5.000 - 1.295,3 12.000 n.r.

Piombo 4.100 - 1.056,7 6.000 5.000

Nichel 100 - 19,8 180 n.r.

Cromo n.r 3.300 100 (Cr VI)


Manganese 550 - 228,2 n.r. n.r.

Rame 896,4 - 600 1.700 5.000

Cadmio inf. 5,0 - 1,04 20 100

Arsenico inf. 50,0 - 0,5 300 100

Alluminio 23.000 - 21.008 32.000 n.r.

Bario 319 - 50 n.r. n.r.

Berillio inf. 50,0 - 1 n.r. n.r.

Mercurio 1 100
inf. 10,0 - 0,3

Fonti:
Certificati di analisi delle scorie 1987-1991 dell’inceneritore ACCAM, Busto Arsizio (VA).
(*) Media da 500 pubblicazioni relative ai residui di inceneritori di RSU, S.Cernuschi, M.Giugliano, G. Lonati,
M. Ragazzi "Flussi di materiali e di energia per il bilancio ambientale", in Incenerimento di RSU e recupero
energetico, CIPA, 1995.
n.r. = non riportato.

Tabella 9. Composizione delle scorie pesanti e dell’eluato da test di cessione ai fini della classificazione per lo
smaltimento (DPR 915/82 e Delibera del Comitato Interministeriale del 27.07.1984)

Scorie pesanti da Eluato da scorie pesanti Limiti tabella A legge Merli

Elemento inceneritore mg/litro mg/litro

mg/kg

Ferro 18.000-28.000 1,0 2,0

Zinco 4.400-5.000 55,0 0,5

Piombo 3.100-3.300 4,2 0,2

Nichel 4.600-6.100 4,4 2,0

Cromo totale 1.200-2.000 < 0,05 2 (Cr III) 0,2


(Cr VI)

Manganese 700-800 6,0 2,0

Rame 1.700-9.100 1,8 0,1

Cadmio 0,9 0,02

30-40

Fonte: Liuzzo G. "Scorie e ceneri nella combustione dei RSU: caratterizzazione ai fini della loro classificazione,
smaltimento ed eventuale riutilizzazione", Roma 1989; riportato in A.Paolini, P.Sirini "Scorie e ceneri da
impianti di combustione RSU: aspetti tecnici, legislativi e prospettive di ricerca", Ingegneria Sanitaria e
Ambientale n. 6, novembre/dicembre 1993.
Per quanto concerne le ceneri leggere si riporta, nella tabella che segue, alcune caratteristiche in termini di
contenuto di sostanze tossiche (metalli) sia in ceneri tal quali che in ceneri inertizzate in matrice cementizia.

Tabella 10. Contaminanti presenti nell'eluato di ceneri volanti derivanti dall’incenerimento dei rifiuti solidi
urbani, del "bioessiccato" e dell’RDF, nonché da ceneri stabilizzate in matrice cementizia (test di cessione con
acido acetico e anidride carbonica)

Contaminante Eluato su Eluato su Eluato (test con acido Eluato (test con acido Limiti
ceneri tal quali ceneri tal acetico) su ceneri acetico) su ceneri tabella A
(test con acido quali (test inertizzate ottenute dalla inertizzate ottenute legge
acetico), valori CO2) , valori combustione del dalla combustione Merli
"bioessiccato" , dell’RDF,
minimi e minimi e
massimi (*) massimi (*) valori minimi e massimi valori minimi e
(**) massimi (**)

Cadmio mg/l 0,09-0,14 0,14-0,16 n.d. 0,02 0,02

Cromo totale 0,05 0,05 n.d. n.d. 2,00


mg/l (Cromo
III)

Cromo VI 0,1 0,1 0,02 - 3,79 1,66 - 3,0 0,20


mg/l

Rame mg/l 0,05-0,06 0,06-0,08 n.d. n.d. 0,10

Mercurio mg/l 0,005 0,005 n.d. n.d. 0,005

Manganese n.d. 0,05 n.d. n.d. 2,00


mg/l

Nichel mg/l 0,1 0,1 n.d. n.d. 2,00

Piombo mg/l 0,2-0,4 0,1-0,2 0,1 0,1 0,20

Zinco mg/l 0,39-0,72 1,12-1,32 n.d. n.d. 0,50

Arsenico mg/l 0,002 0,002 n.d. n.d. 0,50

Ferro mg/l 0,1 0,1 n.d. n.d. 2,00

Selenio mg/l 0,005 0,005 n.d. n.d. 0,03

Stagno mg/l 5 n.d. n.d. 10,00

(*) P. Berbenni et altri, in AAVV " Incenerimento di RSU e recupero di energia", CIPA editore, 1995.
(**) Gruppo Ecodeco, Sintesi delle sperimentazioni effettuate - Prove di combustione c/o l'impianto di
termodistruzione di Livorno, aprile-giugno 1998, tabella 6, pag. 22.
n.d. = non determinato.

2. Evoluzione normativa e tecnologia dei processi di incenerimento dei rifiuti


Per quanto concerne l’evoluzione normativa mi limito a cenni relativi ai limiti delle emissioni degli impianti di
incenerimento sulla base delle direttive europee che si sono succedute negli ultimi 12 anni ( da ultimo la
DIRETTIVA 2000/76/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 4 dicembre 2000
sull'incenerimento dei rifiuti) e ai relativi recepimenti nella normativa nazionale. Nella tabella 11 che segue si
riassume tale evoluzione verso limiti più restrittivi.

Nelle tabelle successive (12 e 13) si torna ancora più indietro nel tempo, dagli inceneritori degli anni ’60 a
quelli della normativa nazionale (tedesca) contenente dei limiti sostanzialmente identici a quelli poi definiti
dalla normativa europea.

Inoltre, nella tabella 14 più avanti, si riportano le stime relative ai fattori di emissione (quantità della
emissione di una sostanza per tonnellata di rifiuto incenerito, tenendo conto della quantità di fumi emessi
sempre per tonn di rifiuto incenerito), ovvero quello che viene ritenuto il trend futuro di tali emissioni
andando oltre al rispetto dei limiti normativi, con verso l’applicazione della migliore tecnologia disponibile
(senza "eccessivi costi").

Tabella 11. Evoluzione normativa dei limiti alle emissioni degli impianti di incenerimento rifiuti

Contaminante Limiti DPR Limiti Limiti DM Limiti DM Direttiva UE Direttiva UE


203/88 (Linee CRIAL 19.11.97 19.11.97 2000/76 del 2000/76 del
Guida DM 1992 4.12.2000 4.12.2000
12.07.1990) (nuovi (nuovi
inceneritori) inceneritori) giornaliero su mezz’ora

giornaliero orario

Polveri mg/mc 30 25 10 30 10 30

Cadmio mg/mc 0,2 0,1 0,05 (un'ora) 0,05 0,1 (8 ore)


(mezz’ora)

Mercurio mg/mc 0,2 0,1 0,05 (un'ora) 0,05 0,1 (8 ore)


(mezz’ora)

Piombo mg/mc 5 3

Metalli totali mg/mc 5 5 0,5 (un'ora) 0,5 0,1


(*) (mezz’ora) (*) (mezz’ora) (*)

Fluoro (HF) mg/mc 2 n.p. 1 4 1 4

HF + HBr mg/mc v.sopra 3

Cloro (HCl) mg/mc 50 30 20 40 10 60

Cianuri mg/mc 1 0,5

Fosforo mg/mc n.p. 5

SO2 mg/mc 300 300 100 200 50 200

NOx mg/mc 500 n.p. 200 400 200 400

PCDD+PCDF g/mc 4 10 0,0001 (otto 0,0001 (otto


ore **) ore **)

TCDD+TCDF n.p. 50
nanog/mc
PCB+PCT+PCTg/mc 500 100

IPA mg/mc 0,05 0,05 0,01 (otto


ore)

Ossido di carbonio 100 n.p. 50 100 50 100


mg/mc

COT mg/mc 20 10 10 20 10 20

(*) Somma di Piombo, Antimonio, Arsenico, Cromo, Cobalto, Rame, Manganese, Nichel, Vanadio, Stagno.
(**) Espresso in TCDD equivalenti

Fonte: Otto Hutzinger, Heidelore Fiedler, "20 anni di incenerimento di rifiuti : problemi e soluzioni" in
L’incenerimento dei rifiuti ", Atti del Convegno nazionale, Bologna 16-17 marzo 1995, Maggioli Editore,
1996, pp. 17-32.

Tabella 14. Stima dei fattori di emissione da impianti di incenerimento


Contaminante Fattori di emissione (grammi per tonnellata di rifiuto)

Emissioni risultanti dalla applicazione Emissioni raggiungibili con


dei limiti esistenti per nuovi impianti l’applicazione della B.A.T.

Polveri 60 30

Acido cloridrico 120 60

Ossidi di azoto 1.200 420

Ossidi di zolfo 600 300

Monossido di carbonio 300 200

Carbonio organico totale 60 40

Metalli 3 1,5

Mercurio 0,30 0,30

Idrocarburi policiclici 0,060 0,030


aromati

Tcddeq 600 nanog 600 nanog

Fonte : Conferenza Nazionale Energia e Ambiente, Roma, 25-28 novembre 1998; "Compatibilità ambientale,
controlli e caratterizzazioni nella valorizzazione energetica dei rifiuti urbani" .
Nel proporre i dati della tabella 14, gli estensori, hanno ritenuto "dimostrato" pur evidenziando che "un
esame esaustivo e di validità generale rispetto alle correlazioni tra emissioni ed immissioni, e quindi alle
ricadute ed ai potenziali carichi nell’area di interesse, risulta estremamente arduo e forse anche poco
pertinente a causa delle specificità, tra cui quelle metereologiche, dei singoli siti". In ogni caso gli estensori si
avventurano, nonostante tali premesse a definire "indicativamente" che
— i fattori di riduzione delle concentrazioni in aria del suolo alla distanza di maggiore ricaduta (500-
1.000 metri) comportano "una generale compatibilità con i limiti e gli obiettivi fissati rispetto alla
qualità dell’aria" ;

• per macroinquinanti (ossidi di azoto, di carbonio, di zolfo) e microinquinanti organici (IPA) "una
gestione appropriata dei processi di valorizzazione energetica dei rifiuti non implica necessariamente
problematiche aggiuntive rispetto all’utilizzo di combustibili convenzionali" ed in alcuni casi vi sono
dei vantaggi rispetto all’utilizzo del carbone;
• "rispetto ai microinquinanti di maggiore tossicità (quali diossine e metalli pesanti), occorre anche
valutare il peso del contributo originato da tali processi rispetto a quelli derivanti da varie e
diversificate fonti, che vanno dai settori di combustione convenzionale al traffico veicolare, alle
industrie, ai gas da discarica, alle cause naturali. I dati disponibili per tali specifici inventari risultano
ancora largamente incompleti rispetto ad un esame esaustivo di tutte le potenziali fonti causali,
tuttavia i livelli di standard fissati e l’avanzamento tecnologico raggiunto portano a valutare che i
contributi derivanti dalla valorizzazione energetica dei rifiuti sono destinati a ridursi".
Gli autori, pur con tutte le premesse sopra ricordate, concludono a favore dell’utilizzo energetico dei rifiuti.
Senza voler presentare una valutazione complessiva di quanto sopra riportato, si rimanda :
— per quanto concerne le incertezze evidenziati dagli stessi autori circa le "problematiche locali" da
tenere presenti (ovvero l’esigenza di una idonea e rigorosa valutazione di impatto ambientale relativa
anche alla problematica delle emissioni),

• per quanto concerne i microinquinanti di maggiore tossicità (PCDD, PCDF, ma non solo) e il rapporto
tra emissioni da inceneritori e altre fonti si vedano i dati riportati relative alle diverse stime
complessive di emissione di tali tossici;
• per chi scrive l'obiettivo primario è l’eliminazione, o almeno la drastica riduzione, delle emissioni e
dell'esposizione umana a diossine e ad altri tossici, dentro e fuori gli insediamenti industriali. Per
esempio, da tempo mettiamo in discussione anche le produzioni che fanno ingente uso di cloro
(produzione di CVM/PVC, produzione di carta con l’uso sbiancanti clorurati, solventi clorurati) che,
fra l’altro, provocano le inevitabili emissioni di diossine, furani, microinquinanti organici e altri tossici
a livello dei singoli processi produttivi e nelle operazioni di smaltimento di rifiuti e materiali
contenenti cloro. Fermo quanto sopra, a titolo esemplificativo, riporto una valutazione inerente il
confronto pur improprio tra emissioni di un moderno impianto di incenerimento e le emissioni
equivalenti del parco automobilistico.

Tabella 15. Confronto tra emissioni annue di un inceneritore per CDR e "automobili equivalenti annue" (per i
parametri confrontabili)

Contaminante Stima emissione annua Fattori di emissione di Numero equivalente di automobili


inceneritore da 400 t/g una automobile con le "annue" ovvero numero di auto
(8.000 ore di caratteristiche indicate circolanti con percorrenza uguale
funzionamento) a 10.000 km/anno in ciclo urbano
per km percorso in ciclo
kg/anno urbano

g/km

Ossido di 53.333 14,8200 359,9


carbonio

Polveri 10.667 0,0511 (*) 20.874,8

Acido cloridrico 21.334 Non pertinente //

Acido fluoridrico 1.067 Non pertinente //

Anidride 106.666 Non disponibile //


Solforosa

Ossidi di azoto 213.333 0,5540 38.507,9

Sostanze 10.667 2,3659 (**) 450,9


organiche volatili
(COT)

Metalli pesanti 533 Non confrontabile (***) //

Cadmio+Tallio 53 Non pertinente //

Mercurio 53 Non pertinente //


Idrocarburi 11 Non confrontabile //
policiclici
aromatici

TCDD equivalenti 107 mg (****) 1,5 pg/km 71.333.333


(I-TEQ)

Note alla Tabella


Non pertinente = parametro caratteristico dell’incenerimento di rifiuti ma non presente nelle emissioni di gas
di scarico.
Non confrontabile = parametri con diverso significato tra emissioni dell’inceneritore e delle automobili.
(*) Tale valore è riferito alle PM10 emesse da auto diesel immatricolate dopo il 1997 (ecodiesel 94/12/EEC).
(**)Il dato per le auto è riferito a Carbonio Organico Volatile Non Metanico (COVNM) per cui è solo
parzialmente confrontabile con il Carbonio Organico Totale, parametro di emissione per gli inceneritori.
(***) Nel caso delle auto catalizzate le emissioni di metalli sono connesse ai metalli utilizzati nei catalizzatori
(in particolare palladio) per i quali non vi sono ancora degli affidabili fattori di emissione, in ogni caso è arduo
confrontare la tossicità di questo metallo con quella dei numerosi metalli emessi da un inceneritore.
(****) ovvero 107.000.000.000 picogrammi/anno. Il fattore EPA utilizzato è quello più elevato riferito alle
auto catalizzate. Vi sono stime precedenti (riferite ad auto non catalizzate) in cui il fattore di emissione di
PCDD+PCDF espresse come I-TEQ arriva fino a 20 picog/km percorso, quindi con di due ordini di grandezza
superiori a quello utilizzato nella presente tabella.
In estrema sintesi il "dente batte" particolarmente sui microinquinanti di maggiore tossicità quale emissione
caratteristica ed elevata nonostante l’abbassamento dei limiti normativi degli impianti di incenerimento.
Questa osservazione risulta per esempio - in due passaggi tra i "considerando"della recente direttiva
sull’incenerimento dei rifiuti :
"Pertanto,ai fini di un elevato livello di protezione ambientale e della salute umana,è necessario predisporre e
mantenere condizioni di funzionamento,requisiti tecnici e valori limite di emissione rigorosi per gli impianti
di incenerimento e i coincenerimento dei rifiuti nella Comunità. I valori limite stabiliti dovrebbero prevenire o
a limitare per quanto praticabile gli effetti dannosi per l'ambiente e i relativi rischi per la salute umana..."
e, più avanti
" Il rispetto dei valori limite di emissione previsti dalla presente direttiva dovrebbe essere considerato come
una condizione necessaria ma non sufficiente a garantire il rispetto dei requisiti della direttiva 96/61/CE. Per
assicurare tale rispetto può essere necessario revedere valori limite di emissione più severi per le sostanze
inquinanti contemplate dalla presente direttiva, valori di emissione relativi ad altre sostanze e altre
componenti ambientali,e altre condizioni opportune."
(la direttiva 96/61 è quella relativa alla prevenzione integrata dell’inquinamento, recepita solo parzialmente
in Italia nel 1999).
Per quanto concerne l’evoluzione tecnologica degli impianti di incenerimento (delle caldaie e dei sistemi di
abbattimento fumi), metto all’attenzione le note che seguono.

a. I "vecchi" inceneritori le caldaie

La tecnologia delle caldaie per l’incenerimento dei rifiuti deriva da quelle delle centrali
termoelettriche a carbone (primo inceneritore per rifiuti : 1890 circa, Londra) e, precisamente, dalle
caldaie a griglia fissa.
Nella immagine viene presentato lo schema di una tipica caldaia a griglia : il rifiuto entra dallo
spintore (da sinistra) e finisce sulla griglia, l’accensione del combustibile avviene con il combustibile
ausiliario e il mantenimento della combustione avviene con l’invio di aria di combustione dal di sotto
del "letto" di rifiuti, i rifiuti bruciano nel percorso lungo la griglia fino a che, in fondo a destra,
vengono estratti gli incombusti (scorie pesanti).
Nella figura i fumi vengono inviati in una camera di postcombustione ove, ad opera della fiamma
prodotta dalla immissione di combustibile ausiliario (metano, gasolio, olio o altro) avviene una
ulteriore ossidazione dei composti trascinati dai fumi. Evidenzio che gli inceneritori degli anni ‘60-70
(e fino agli obblighi indicati da un provvedimento italiano del 1984) non avevano la camera di
postcombustione (come sicuramente l’inceneritore di Pisa che è entrato in funzione nel 1980). Di
conseguenza la figura mostra già un inceneritore "moderno".

Figura 2. Schema di caldaia di un inceneritore a griglia

L’obbligo di installazione della camera di postcombustione è conseguito dalla "scoperta" delle


emissioni di PCDD e PCDF dagli inceneritori di rifiuti urbani, nel 1977. Si è ritenuto che tale
dispositivo riducesse la formazione delle stesse e di altri composti tossici le norme più recenti non
obbligano più l’installazione di tale dispositivo.
a. I sistemi di abbattimento fumi inceneritori di "prima" generazione
Nella figura viene mostrato una tipica configurazione di un sistema di abbattimento fumi di "prima"
generazione (anni ’60 ’70).
E’ costituito da un "reattore" in cui i fumi venivano messi a contatto con una soluzione - o polveri -
basica (es. calce, di recente viene utilizzata la soda solvay bicarbonato di sodio), con l’effetto di
ridurre, per reazione di neutralizzazione, la presenza di sostanze acide (composti dello zolfo e acido
cloridrico), dopo questo trattamento i fumi vengono fatti passare in un elettrofiltro o in un filtro a
maniche per l’abbattimento delle polveri (nel caso dell’elettrofiltro per effetto del campo elettrico che
viene creato che fa "scaricare" le polveri caricate lungo la parete del dispositivo per essere poi
raccolte e smaltite; nel caso dei filtri a manica l’abbattimento è di tipo fisico ovvero connesso con la
grandezza delle particelle di polvere rispetto alle dimensioni dei fori del filtro stesso, il filtro viene
"scosso" meccanicamente per scaricare le polveri fermate dai filtri). Questi sistemi non permettono un
abbattimento fino ai limiti attuali soprattutto dei microinquinanti (ad esempio le PCDD e i PCDF, ma
anche i metalli più volatili come il mercurio - non sono sostanzialmente trattenuti da tali sistemi).
Figura 3. Schema di un sistema di abbattimento fumi per inceneritori di "prima generazione"
b. Le caldaie di nuova generazione

Limitandomi alla evoluzione impiantistica delle caldaie a griglia (sono recenti le applicazioni di nuove
tipologie di impianti come i letti fluidi, i "pirolizzatori", i "gassificatori", le "torce al plasma" e
proposte simili che rappresentano l’applicazione di tecnologie applicate ad altre modalità di
combustione anch’esse derivate dalla combustione del carbone o di altri combustibili fossili) nella
figura seguente si mostra un impianto "moderno" di questo genere.
Figura 4. Schema di un impianto a griglia "moderno"

In questo caso un impianto a griglia del tipo mobile (parte di sinistra) è stato abbinato a un forno
rotante (in mezzo) : il rifiuto che entra nella bocca in alto viene traslato sulle griglie mobili e
contestualmente combusto con l’immissione di aria dal basso, verso il basso vengono raccolte le
ceneri leggere, le scorie rimaste al termine del passaggio sulla griglia mobile finiscono nel forno
rotante dove avviene sia una postcombustione dei fumi che una riduzione degli incombusti nelle
scorie stesse riducendone la tossicità (le più recenti normative impongono dei limiti nella frazione
incombusta delle scorie pesanti) i fumi escono dal forno rotante e in parte vengono ricircolati (vedi
canale posto sopra il forno rotante) cioè rientrano nella camera di combustione primaria
mischiandosi all’aria comburente proveniente dall’esterno. Questo ricircolo (di norma intorno al 20%
dei fumi uscenti in questo caso dal forno rotante, mentre il rimanente 80 % dei fumi viene inviato ai
sistemi di abbattimento) ha l’effetto di ridurre sia i consumi energetici necessari al mantenimento
delle temperature necessarie per una combustione "ottimale" sia la quantità complessiva dei volumi
di fumi da trattare.

c. Evoluzione dei sistemi di abbattimento fumi

Nella figura sottostante viene mostrata una delle molteplici configurazioni "pluristadio" di abbattimento fumi,
in questo caso prevede anche un recupero parziale dei reagenti chimici utilizzati per l’abbattimento dei fumi :
i fumi provenienti dalla caldaia vengono prima trattati in un elettrofiltro (abbattimento polveri di maggiori
dimensioni) quindi vengono inviati in un reattore "semisecco" a contatto con una sostanza basica (gesso
recuperato, vedi più avanti) per una prima riduzione delle sostanze acide presenti, i fumi passano quindi in
un filtro a maniche per l’abbattimento delle polveri più fini, quindi in un "venturi" per la saturazione e dei gas
e la solubilizzazione dell’anidride solforosa (che viene poi fatta reagire con la calce nella torre a spruzzo,
producendo del gesso solfato - che viene poi utilizzato per il primo abbattimento sopra indicato), infine i
fumi passano in una unità di conversione catalitica che riduce le emissioni di ossidi di azoto e diossine.

Figura 5a. Schema di un recente impianto di abbattimento fumi a stadi multipli


Un’altra configurazione possibile è quella che segue.

Figura 5b. Schema di un recente impianto di abbattimento fumi a stadi multipli

In questa configurazione vi è un sistema di denitrificazione (per la riduzione degli ossidi di azoto ridotto ad
azoto molecolare) non catalitica mediante l’iniezione di ammoniaca (o urea) direttamente in caldaia, i fumi
vengono poi fatti passare in un elettrofiltro (riduzione polveri di maggiori dimensioni), una riduzione della
temperatura in tempi accelerati (per limitare le condizioni favorevoli alla formazione di microinquinanti
organici), al lavaggio (con o senza reattivi basici) per la riduzione delle sostanze acide, alla iniezione di
carbone per la riduzione dei microinquinanti (in particolare diossine e metalli pesanti) che vengono poi
intercettate (parzialmente) sul filtro a maniche finale (anche per le polveri di dimensioni minori).
Come evidenziato, ci si è limitati a indicare, relativamente alla "evoluzione" delle caldaie ai sistemi a griglia
(che sono quelli utilizzati da più tempo, più di un secolo) senza parlare dei nuovi impianti di tipo "alternativo"
alle caldaie a griglia, mentre per quanto concerne la parte relativa all’abbattimento dei fumi le indicazioni qui
contenute valgono per ogni tipo di caldaia.
Si accenna, da ultimo, al fatto che "a latere" di tali modifiche impiantistiche si sono sviluppati sistemi di
selezione dei rifiuti in entrata agli impianti, per ridurre i rifiuti contenenti elementi potenzialmente pericolosi,
e di trattamento delle scorie e delle ceneri (dal loro inglobamento in matrici cementizie a sistemi di
sinterizzazione e/o vetrificazione) con l’obiettivo di ridurne la tossicità e rendere meno problematiche le
successive fasi di smaltimento dei residui solidi.

3. Tossicità e cumulabilità dei tossici nell'ambiente e nell'uomo in relazione anche alle emissioni dagli
impianti di incenerimento di rifiuti
Come già accennato, va posta la massima attenzione sul significato e le conseguenze di una esposizione ai
microinquinanti emessi dagli inceneritori. Va anche ricordato che i limiti di esposizione a tossici
(nell'ambiente interno ed esterno le fabbriche) non sono un risultato puramente "scientifico", ma
rappresentano il compromesso di un dato momento realizzato fra Industria e mondo del lavoro sulla base dei
rapporti di forza esistenti nella società, con la mediazione delle istituzioni politiche e sanitarie per tutelare la
salute e l'ambiente. In altri termini, non possiedono alcuna validità oggettiva, non possono, nè vogliono,
garantire l'assenza di effetti su tutti gli individui esposti nel breve e medio termine a tali contaminanti.
Tra i contaminanti sicuramente presenti nelle emissioni di un inceneritore compaiono, in particolare, una
serie di sostanze per le quali è stata dimostrata la cancerogenicità per l'uomo; ricordiamo le principali
secondo la classificazione della IARC:
1) sostanze cancerogene di gruppo 1 (sicuramente cancerogene: evidenza sufficiente per l'uomo): Arsenico e
composti, Cromo esavalente, Fuliggini, Nichel e composti;
2) sostanze cancerogene di gruppo 2A (probabilmente cancerogene: evidenze limitate per l'uomo, evidenza
sufficiente per l'animale): Benzoantracene, Benzopirene, Berillio e composti, Cadmio e composti,
Dibenzoantracene;
3) sostanze cancerogene di gruppo 2B (possibile cancerogeno per l'uomo: evidenze limitate per l'uomo):
Benzofluorantrene, Bifenili polibromurati, Clorofenoli, Dibenzopirene, Esaclorobenzene, Piombo e composti,
2,3,7,8 Tetraclorodibenzodiossina (TCDD); per quest'ultima di seguito entriamo nel dettaglio.
Come già accennato, le intrinseche proprietà tossiche delle diossine e dei furani, se possibile, sono ancor più
insidiose per la salute umana a causa del fatto che questi composti, così come molti altri clororganici, non
sono biodegradabili e si accumulano nei tessuti degli organismi viventi.
Data la loro maggiore solubilità negli oli e nei grassi, piuttosto che nell'acqua, essi tendono a spostarsi
dall'ambiente verso i tessuti grassi e negli organi bersaglio come il fegato e a bioaccumularsi negli organismi
viventi.
Per esempio, la 2,3,7,8 - tetraclorodibenzo - p - diossina (2,3,7,8 - TCDD) si accumula nei pesci in
concentrazioni di 159.000 volte maggiori di quelle riscontrate nell'ambiente acquatico circostante. Questo
rapporto è definito il "fattore di bioaccumulazione".
Esso è stimato maggiore di 10.000 volte per sostanze tossiche quali policlorobifenili (PCB), esaclorobenzene,
octaclorostirene, dibenzofurani policlorurati (PCDF).
Lo stesso vale per il DDT, mentre l'esaclorobutadiene si bioaccumula secondo un fattore maggiore di 17.000.
Gli esseri umani occupano una posizione ai vertici della catena alimentare, risultando così i più esposti
all'accumulo dei composti clororganici. Questi, sebbene nella loro maggioranza possano resistere a qualsiasi
tipo di escrezione ed alterazione biochimica naturale, possono essere eliminati dal corpo umano tramite il
sangue, il liquido seminale e il latte materno.
I composti clororganici sono quindi trasferiti da una generazione all'altra, in dosi probabilmente maggiori. I
feti ricevono significative quantità di sostanze clororganiche attraverso la placenta.
Una volta nati, essi ne ricevono dosi maggiori anche con il latte materno, perchè queste sostanze tossiche si
sono accumulate nel corpo della madre seguendo differenti fattori di biomagnificazione.
Valga per tutti il caso delle popolazioni Inuit, gli Esquimesi che popolano la regione artica del Quebec, in
Canada.
Elevati livelli di sostanze clororganiche sono stati riscontrati nei loro tessuti e nel latte materno, in quanto
essi si cibano principalmente di pesci e mammiferi marini, occupando il vertice di una catena alimentare
molto semplice e diretta.
I composti clororganici e, in primis, le diossine, i furani e i policlorobi(tri)fenili sono riconosciuti come
estremamente tossici, a causa di numerosi effetti dannosi per la salute umana e di numerose specie animali,
che non hanno la possibilità di difendersi da sostanze che sono estranee alla natura. Tra gli effetti più
ricorrenti si riscontrano disturbi delle funzioni riproduttive e una diminuita fertilità; difetti alla nascita, danni
embrionali. Alcuni clororganici come, ad esempio, le diossine, i furani e i PCB possono distruggere il sistema
immunitario e inoltre sono cancerogeni, mutageni e teratogeni. Praticamente tutti, in dosi anche minime,
danneggiano il fegato, i reni (le diossine anche il sistema cardiocircolatorio) e il sistema nervoso.
Gli esseri umani risultano tra i più indifesi all'esposizione delle sostanze organiche clorurate, in quanto come
tutti i mammiferi, essi hanno un ciclo di vita abbastanza lungo e non possono sviluppare efficaci sistemi di
difesa in poche generazioni. Pertanto è facilmente comprensibile il fatto che, per esempio, negli Stati Uniti
d'America e in Canada, sono stati identificati 177 composti clororganici nei tessuti grassi, nel latte materno,
nello sperma e nel sangue umano. Tra i più ricorrenti composti ritrovati, si segnalano i
policlorodibenzofurani, l'esaclorobenzene e i policlorobi(tri)fenili. L'estrema tossicità delle diossine e dei
furani nei confronti dell'uomo, della donna e degli animali è stata ben dimostrata da autorevoli ricercatori, da
Agenzie e Organismi internazionali, e sul punto non ci dilunghiamo oltre.
Indagini mediche hanno inoltre evidenziato elevati quantitativi di diossine nel sangue dei lavoratori addetti
agli inceneritori (Vedi Schechter, A.J. et al "Dioxin Levels in Blood of Municipal Incinerator Workers", Med. Sci.
Res., 1991).
Non va comunque taciuto, che in un rapporto compilato dall'USEPA si ribadisce la pericolosità della 2,3,7,8-
TCDD. In esso si afferma che l'esposizione alla diossina e ai suoi composti può essere associata all'insorgere
di diversi tumori, quali linfoma maligno, sarcoma dei tessuti molli, cancro alla tiroide e ai polmoni. D'altra
parte che la 2,3,7,8-TCDD sia un cancerogeno multiplo non è una novità, vista la sua potente e persistente
azione di agonismo e antagonismo nei confronti degli ormoni.
Il rapporto conclude contrastando quanto sostenuto dalle industrie e dai governi, tra cui quello italiano, e
cioè che in realtà la diossina non è pericolosa per l'uomo e che gli effetti micidiali osservati su animali da
laboratorio non sono validi per calcolare il rischio corso dagli esseri umani.
Al contrario, secondo l'USEPA: "Sebbene i dati esistenti relativi agli esseri umani siano limitati, i modelli
osservati sugli animali appaiono generalmente appropriati anche in funzione della stima del rischio per
l'uomo" (USEPA Office of Health and Environmental Assessment, 1992).

Cerco di dare alcune indicazioni in merito alle valutazioni e alle misure proposte da organismi internazionali
per alcuni microinquinanti presenti anchenelle emissioni degli inceneritori.
I microinquinanti organici persistenti (POPs) sono costituiti da un gruppo di sostanze costituito
principalmente dalle PCCD e PCDF, dai PCB, dall’esaclorobenzene e da diversi pesticidi organoclorurati.
L’attenzione dei ricercatori, delle istituzioni sanitarie e dei governi (UNEP 1995) si è interessa, negli ultimi
anni, su tali sostanze per le caratteristiche tossicologiche di queste sostanza, attive anche a microdosi, per la
loro bassa degradibilità ambientale e, quindi, cumulabilità nell’ambiente e negli organismi, nonchè per
l’accertata ubicuità di tali sostanze oramai distribuite su tutto il pianeta anche in luoghi lontanissimi dalle
fonti quasi esclusivamente i paesi industrializzati - che le immettono nell’ambiente e per gli effetti sanitari
emergenti dovuti all’esposizione a queste sostanze.
Tra i POPs figurano sostanze come già detto - che sono emesse anche dagli impianti di incenerimento, tra cui
ricordiamo le PCDD/F e i PCBs.
Le istituzioni sanitarie hanno introdotto dei "limiti" di riferimento per tentare di "pesare" gli effetti
dell’esposizione umana a queste sostanze.
Questi limiti (TDI o ADI) sono costituiti da "livelli giornalieri accettabili" ovvero da livelli di esposizione che,
durante la vita media di un individuo, non dovrebbero comportare sulla base delle conoscenze scientifiche un
rischio "apprezzabile".
Questi limiti si basano sul "Lowest observable effect level" (LOAEL) ovvero il livello di esposizione al di sotto
del quale non si sono riscontrati effetti negativi sugli animali da laboratorio. Di norma i LOAEL ottenuti sugli
animali sono estrapolati nell’uomo riducendoli di due ordini grandezze (1/100) .
L’OMS, con questo sistema, ha definito nel 1990 - un TDI per la sommatoria delle PCDD, dei PCDF e dei PCB
"dioxin-like" pari a 10 picogr TEQ per kg di peso corporeo al giorno (esposizione cronica su 70 anni di vita
media) (vedi WHO Environmental Health Criteria 88, Polychlorinated Dibenzo-para-dioxins and
Dibenzofurans, IPCS WHO 1989 e WHO Consultation on tolerable daily intake from food of PCDDs and PCDFs
: Summary report , WHO regional office for Europe, EUR/ICP/RCS O30S), nel 2000 l’OMS ha rivisto tale limite e
ha proposto due valori 1 pg TEF/kg/giorno come valore "obiettivo" e 4 pg TEF/kg/giorno come limite
massimo (v. WHO "WHO experts re-evaluate kealth risk of dioxins", WHO/45, 3 giugno 1998; WHO
"Assessment of the health risk of dioxins : re-evaluation of the Tolerable Daily Intake (TDI), WHO
Consultation, 25-29 maggio 1998, Ginevra). Nella revisione in corso si intende portare il valore a 1 pg
TEF/kg/giorno come limite al di sotto del quale non si sono riscontrati effetti sullo sviluppo neurologico e del
sistema endocrino, in altri termini ridurre i correnti livelli medi di esposizione che nei paesi industrializzati
sono stimati tra i 2 e i 6 picog TEQ giornalieri per kg di peso corporeo.
Per comprendere, fino in fondo, l'estrema tossicità delle diossine, basti dire che considerando la dose
massima giornaliera inizialmente ammessa dall'Organizzazione Mondiale della Sanità (10 picogr TEQ
kg/giorno), la dose annua "tollerabile" per un individuo di 60 Kg di peso sarebbe di soli 219 nanogrammi (ng)
e cioè circa 0,22 microgrammi (•g).
Un solo grammo di diossina rappresenterebbe pertanto la dose annua per 4.500.000 persone ! In questo
contesto si può ben comprendere il significato che rivestono i milligrammi e i grammi di diossine e furani
originati ed emessi nell'ambiente da un impianto di incenerimento per R.S.U. o per rifiuti speciali (R.S.) o per
rifiuti tossico-nocivi (R.T.N.) e pericolosi.

Questi limiti sono stati sottoposti a osservazioni critiche, le principali evidenziano che la definizione stessa di
un limite non equivale a un "rischio zero" riferito in particolare agli effetti cancerogeni di tali sostanze,
ovvero, in altri termini, che non ci sono delle dosi senza effetto per sostanze che hanno la caratteristica di
essere dei "distruttori endocrini" e/o di possedere un potere cancerogeno, mutageno e/o teratogeno.
Inoltre è stato evidenziato che questi limiti non possono essere considerati "protettivi" per la salute
individuale e pubblica in quanto considerano l’effetto tossicologico di una sostanza alla volta, ma non
valutano la realtà dell’esposizione umana e ambientale ad un insieme di sostanze con caratteristiche
tossicologiche più o meno simili, comprensive degli effetti sinergici o cumulativi delle stesse. Un’ultima
critica è stata avanzata in merito al fatto che non tengono conto della particolare reattività degli individui
nella fase della crescita (neonati) che hanno forme di difesa dalle aggressioni esterne diverse e meno efficaci
degli individui adulti.
L’EPA ha proposto delle soglie di esposizione individuale, sempre rimanendo alle diossine e per le diverse vie
espositive (inalazione, ingestione, contatto dermico), pari a 0,01 pg TEF/kg/giorno (EPA 1994, Health
assessment document for 2,3,7,8-tetrachlorodibenzo-p-dioxin (TCDD) and related compounds. Volume II of
III, EPA 600/BP-92/001c), questo valore, secondo questa Agenzia, terrebbe conto anche degli effetti
cancerogeni. Va ricordato però che tali soglie sviluppate dall’EPA a partire dalla fine degli anni ’60 per motivi
amministrativi - appaiono anch’esse arbitrarie in quanto questo limite definirebbe una soglia di "accettabilità"
al rischio cancerogeno. L’EPA individua tale soglia nella concentrazione di esposizione di una data sostanza
equivalente ad un rischio aggiuntivo di patologie neoplastiche pari o inferiore a 1 caso ogni milione di
abitanti (1 * 10 6), quale parametro di rischio accettabile per la popolazione generale esposta cronicamente
per tutta la vita a quella sostanza cancerogena.
Infatti l’EPA individua altre "soglie" : un rischio tollerabile per la popolazione lavorativa tra 1 caso aggiuntivo
ogni 100.000 esposti e 1 caso aggiuntivo ogni 10.000 esposti, range di rischio che viene contestualmente
giudicato come socialmente inaccettabile, mentre una valutazione di esposizione da cui risulterebbe un
rischio aggiuntivo superiore a 1 caso ogni 10.000 esposti viene indicato come socialmente inaccettabile.
Un esempio di applicazione di tale principio viene mostrato nella tabelle che segue e relativa alla proposta di
un impianto di incenerimento ad Arcola (La Spezia).
Per quanto concerne le PCDD e i PCDF l’estensore dello "studio di compatibilità " dell’impianto ha dichiarato
di aver estrapolato un limite di qualità dell’aria dalle indicazioni dell’EPA, pari a 0,039 picogr/mc,
corrispondente ad un rischio di incremento di tumori inferiore a 1 su 1.000.000, cioè "accettabile".
Dal raffronto di tale soglia con quella stimabile dalla ricaduta dell’emissione del progetto di inceneritore, sulla
base delle emissioni previste e delle caratteristiche meteo-climatiche della zona, l’estensore ritenne
dimostrata l’assenza di rischio l’accettabilità del rischio nel caso di specie. L’estensore dello studio dovette
però rivedere il proprio modello di ricaduta riverificando le valutazioni inerenti la ricaduta dei contaminanti,
ma si dimenticò di farlo anche per i microinquinanti. Nella tabella sono mostrati per estrapolazione dei dati
dell’estensore dello studio e applicando il medesimo modello i risultati di tale stima che evidenzia il
superamento dei "limiti" ricavati dall’estensore dello studio per le PCDD/PCDF, e non solo.

Tabella 16. Raffronto tra le "concentrazioni massime ammissibili" di alcuni microinquinanti e le


concentrazioni stimate in atmosfera all’altezza del suolo nello Studio e nelle Integrazioni CIR (La Spezia)

Contaminante Concentrazioni Concentrazioni in aria all’altezza del Concentrazione in aria all’altezza del
massime suolo, Studio di impatto ambientale (*) suolo, Integrazione all’impatto
ammissibili (*) ambientale (**) nanogr/mc
nanogr/mc

nanogr/Nmc Camino da 80 m Camino da 40 m Camino da 80 m Camino da 40 m

Mercurio 200 0,5 1 40 119-60

Cobalto 690 5 10 // //

Manganese 33 5 10 // //

Diossine (Teq) 0,039 picogr/mc 0,0011 picogr/mc 0,0022 picogr/mc 1 picogr/mc 0,08 picogr/mc

Cadmio 0,93 0,5 1 40 119-60

Cromo 0,14 0,05 0,1 // //

Fonti:
(*) pag 174 dello Studio di compatibilità CIR
(**)elaborazione dell’autore (per diossine e mercurio) sulla base delle tabelle riportate a pag. 12 e 13 delle
Integrazioni allo studio di compatibilità CIR.
Si evidenzia che la "concentrazione massima ammissibile" in atmosfera, indicata nello studio relativo
all’impianto di Arcola, equivale a quella indicata dalla Commissione Consultiva Tossicologica Nazionale
dell'Istituto Superiore di Sanità nel 1988 (pari a 0,04 picogr/mc), concentrazione che viene considerata come
"livello d'azione" finalizzato a mantenere l'esposizione umana al di sotto di 1 picogr/kg/giorno (nello Studio
viene presentato un "fattore di pendenza" per la 2,3,7,8 TCDD pari a 15 picogr/kg/giorno).

Tabella 17. Limiti tecnici di riferimento previsti per la bonifica del terreno contaminato di Seveso e limiti
massimi "fissati" per i diversi comparti ambientali per le PCDD e per i PCDF.

Matrice ambientale Limiti massimi Limiti tecnici previsti Livelli "d'azione" (CCTN) (**)
"fissati" ai fini della per la bonifica del
bonifica del territorio territorio contaminato
di Seveso, definiti di Seveso
dalla Regione
Lombardia (CCTN) (*)

2,3,7,8 TCDD (a) 2,3,7,8 TCDD (a) PCDD+PCDF (b)

aria ambiente esterno n.p. n.p. 0,00004 nanogr/m3

aria ambiente di n.p. n.p. 0,00012 nanogr/m3


lavoro

acqua potabile n.p. n.p. 0,00005 nanogr/litro

acque reflue n.p. n.p. 0,00050 nanogr/litro


industriali

terreno coltivabile 750 nanogr/m2 750 nanogr/m2 0,010 nanogr/gr

terreno non 5.000 nanogr/m2 5.000 nanogr/m2 0.050 nanogr/gr


coltivabile

pareti esterne 750 nanogr/m2 75 nanogr/m2

pareti interne 10 nanogr/m2 10 nanogr/m2 (c) 25 nanogr/m2

Note:
a) Limiti riferiti alla sola 2,3,7,8 Tetraclorodiossina, il più tossico tra le TCDD.
b) Limiti riferiti alla somma delle PCDD e delle PCDF espresse come TCDDequivalenti (TE).
c) Sono previsti anche limiti cumulativi per le PCDD e i PCDF pari a 1.000 nanogr/m2 per ambienti interni e
macchine.
(*) Parere della Commissione Consultiva Tossicologica Nazionale sui limiti tecnici di riferimento da adottare
per le PCDD e le PCDF, seduta del 12.11.1985.
(**) Parere della Commissione Consultiva Tossicologica Nazionale sui PCDD e le PCDF, seduta del 12.02.1988.

Va anche ricordato che per quanto concerne le PCDD e i PCDF è stata introdotta la cosiddetta scala TEF
(tetraclorodibenzidiossine equivalenti) finalizzata a "pesare" la tossicità di un gruppo di isomeri di tali
sostanze, ponendo pari a 1 la 2,3,7,8 TCDD (la cosiddetta diossina di Seveso), e gli altri isomeri pari a
frazioni (da 0,5 a 0,0001 per PCDD e PCDF).
Questo sistema di valutazione delle concentrazioni delle numerose sostanze indicate come PCDD e PCDF è
stato anch’esso sottoposto a critica, evidenziando che tale sistema sia una semplificazione della situazione
reale e può non essere sufficientemente accurato nella descrizione degli effetti tossicologici.
Anche questo sistema applicato negli anni ’80 da diversi paesi e istituzioni ambientali e sanitarie - è stato
sottoposto a numerose rivisitazioni che hanno, nel tempo, da un lato ridotto le differenze tra la 2,3,7,8 TCDD
e gli altri isomeri e dall’altro ridotto il numero delle scale di riferimento (attualmente ridotte principalmente a
3 : quella dell’EPA, quella dell’OMS e quella dell’Unione Europea) per quali permangono ancora delle
differenze. Ad esempio la 1,2,37,8 PentaCDD ha un fattore equivalente di tossicità pari a 0,5 nella scala
Europea mentre in quella dell’OMS è pari a 1; le Octa CDD e le Octa CDF nella scala europea sono pari a 0,001
mentre in quella OMS sono pari a 0,0001. Ciò porta a valori diversi, per la stessa concentrazione di isomeri
delle TCDD e delle PCDD, di TEF.
Inoltre, nel caso dell’Europa, non esistono ancora delle scale di TEF per i PCB (mentre sono stati proposti
dall’OMS) per cui in Europa i PCB non vengono semplicemente considerati ( e sono stati addirittura eliminati
tra i parametri per i quali vige l’obbligo di misurazione per le emissioni dagli inceneritori) mentre l’OMS li
comprende (con fattori che variano da 0,1 a 0,00001 a seconda delle diverse sostanze classificate come PCB)
e li "conta" nella proposizione di limiti di esposizione.
Come abbiamo già detto, la maggiore fonte espositiva per l’uomo per i POPs, e dunque anche per le PCDD e i
PCDF, è rappresentata dalla catena alimentare, infatti, anche a parità - o a vicine - concentrazioni nelle
diverse matrici ambientali di POPs, sono stati verificati significative differenze nella esposizione ovvero nei
tessuti umani in funzione delle caratteristiche della dieta locale.
Rimanendo a PCDD, PCDF e PCB, avendo queste sostanze una spiccata caratteristica di lipofilità (sono
insolubili nell’acqua ma si sciolgono nei grassi), si è riscontrata una maggiore esposizione nelle popolazioni
nella cui dieta hanno un peso maggiore cibi con maggiore contenuto di grasso (latte, pesci, carni).
Non esistono dei limiti riconosciuti internazionalmente concernenti la presenza di tali sostanze negli alimenti,
ma alcuni paesi hanno fissato dei limiti per determinati alimenti e/o per i suoli agricoli.

Tabella 18. Limiti fissati in alcuni paesi europei inerenti le concentrazioni massime nella sostanza grassa del
latte di PCDD/PCDF

Stato Concentrazione (pg ITEQ /g di Note


sostanza grassa nel latte)

Belgio 5

Germania < 0,9 obiettivo di lungo termine


3,0 valore di intervento di primo livello
: obbligo di miscelazione del latte
contaminato con altro provenienti
5,0 da fattorie e misure di
contenimento delle fonti
valore di intervento di secondo
livello : divieto di
commercializzazione del latte

Olanda 6 Limite massimo da non superare

Gran Bretagna 16,6 comprensivo di PCBs

Austria 35 Indicato dal Ministero della Sanità,


l’Agenzia per l’ambiente
raccomanda il non superamento
del limite olandese

Francia 1,0 Obiettivo di riferimento


> 5,0 Divieto di immissione sul mercato

Oltre ai limiti sopra indicati, per rimanere all’Europa, la Germania ha fissato in 10 pg ITEQ/g di peso asciutto
(equivalente a 1 pg ITEQ/g su peso tal quale) quale limite per alcuni vegetali; inoltre, nel caso dei suoli, un
superamento del limite di 40 pg ITEQ/g di sostanza secca, implica la definizione di pratiche agricole e la
coltivazione di piante con caratteristiche biologiche tali da ridurre l’accumulabilità nei vegetali.
In Italia come vedremo anche più avanti un suolo a destinazione residenziale con una concentrazione
superiore a 10 pg ITEQ/g (10 nanogr/kg) di sostanza secca è da considerarsi come sito contaminato dal DM
471/99.
Rammento da ultimo i limiti fissati dall’Unione Europea dopo la contaminazione di alimenti animali in Belgio
nel 1999 da PCBs e diossine pari a 0,2 pg ITEQ/g di sostanza grassa per le carni fresche di pollo e maiale ed i
prodotti da loro derivati. Infine rammento il limite, sempre dell’Unione Europea, fissato a 0,5 pg ITEQ /g
riferiti alla polpa di limone utilizzata come mangime per animali (bovini) che aveva provocato una emergenza
sanitaria in alcuni paesi (in particolare la Germania) a causa della importazione di mangime contaminato dal
Brasile.
A fronte di questi limiti diversificati, qual’è la situazione attuale nei paesi ove sono state condotte delle
indagini ?
Tabella 19 Sommario degli studi relativi alla esposizione a PCDD/PCDF e PCBs che hanno evidenziato il
superamento di limiti internazionali

Paese/Alimento Superamento di limiti

Dieta complessiva Superamento del TDI dell’OMS per diossine, furani e


Spagna PCB
Gran Bretagna (bambini)
Svezia del sud (consumatori di pesce)
Taiwan del sud (consumatori di pesce di acqua dolce)

Dieta complessiva Superamento del TDI per PCB


Italia
Isole Faroe (consumatori di carne)
Popolazione Inuit del circolo artico, Canada

Dieta complessiva Superamento ADI OMS/FAO per aldrin e dieldrin


India Superamento ADI OMS/FAO per toxaphene
Isole Faroe (consumatori di carne)
Popolazione Inuit del circolo artico, Canada

Pesci di acqua dolce Superamento MRL OMS/FAO per eptacloro e eptacloro


Spagna epossido
Australia Superamento MRL OMS/FAO per PCB e chlordane

Carne Superamento MRL OMS/FAO per DDT


Vietnam
Messico

Latte e derivati Superamento MRL OMS/FAO per eptacloro e eptacloro


Hong Kong epossido
Argentina
Messico

In aggiunta a quanto riportato nella tabella 19 è da segnalare che, nel 1997, un’indagine del Ministero
dell’Agricoltura francese (Direction générale de l’alimentation "Resultats du plan de surveillance de la
contamination des produits laitiers per les dioxines", 28 mai 1997) ha evidenziato tassi allarmanti di diossina
riscontrati nel latte prodotto in 34 dei 95 Dipartimenti del Paese. In tre Dipartimenti del Nord l’area a
maggiore vocazione lattiera il tasso riscontrato è superiore a 3 picogrammi per grammo di grassi dei prodotti
lattiero-caseari analizzati, rispetto ad un valore di riferimento che non dovrebbe superare 1 picogrammo,
mentre a 5 picogrammi scatta la proibizione del consumo. La diossina dispersa nell’atmosfera appare dovuta
all’attività degli inceneritori.
Lo studio in oggetto ha verificato che 40 prodotti analizzati (20 formaggi, 8 di burro, 12 di prodotti freschi)
erano tutti contaminati da diossine. Il calcolo della razione giornaliera riferita in particolare a neonati ha
evidenziato un superamento dei limiti individuali fissati dal Ministero della Sanità (ovvero 1 picogrammo di
diossina per chilogrammo di peso corporeo al giorno): infatti un bambino di 10 anni del peso di 30 kg,
stando a tale limite, non deve ingerire più di 30 picog/kg al giorno, mentre ipotizzando una razione
giornaliera di 500 ml di latte, due porzioni di burro da 10 g, due yogurt da 150 ml e due porzioni di
formaggio da 30 g si troverebbe a ingerire tra 156 e 92 pg di TCDDeq al giorno (corrispondenti ai prodotti a
maggiore contaminazione e a quelli a contaminazione media). A tale esposizione, continua questo studio, va
aggiunta quella derivante da altri alimenti a base di grassi animali in cui si è accertata la maggiore
contaminazione da diossine; tale apporto supplementare è in grado di raddoppiare l’esposizione sempre per
un bambino di 10 anni - quello derivante dai prodotti lattiero-caseari.
Le prefetture hanno vietato a sedici aziende agricole la vendita del latte prodotto e sono stati chiusi gli
inceneritori di Halluin, Wasquehal e Sequedin (zona di Lille) assieme a quello di Maubeuge, nel nord del
paese, dove si è accertato il superamento di 1.000 volte il vigente limite previsto dalle direttive dell’Unione
Europea sulle diossine. Tant’è che la Francia sta riconsiderando la sua politica di smaltimento dei rifiuti
urbani da decenni basata sull’incenerimento e sta sottoponendo gli impianti di incenerimento, fino a ieri
vantati come sicuri e non inquinanti, a verifiche approfondite.
Analoghe verifiche sono in corso in Belgio per l’impianto di Anversa come per quelli di Weurt e Lathum in
Olanda. In Olanda, è utile ricordarlo, nel 1989 l’inceneritore di Rotterdam fu spento e la produzione di latte
del circondario fu distrutta per diversi anni per l’elevata presenza di diossine. In alcuni casi si sono verificate
contaminazioni tra 11 e 14 nanog/l in TCDDeq a fronte di un limite massimo fissato in Olanda a 0,1 nanog/l;
questo inquinante ha interessato anche in aziende di agricoltura biologica considerate erroneamente - al di
fuori dell’area "a rischio".
Come già accennato la maggiore fonte espositiva (valutata in un range tra il 70 % e il 95 % a seconda delle
condizioni socio-territoriali locali) ai microinquinanti clorurati è dovuta alla alimentazione per gli effetti di
cumulabilità nella catena alimentare sopra ricordati. Per quanto concerne la presenza di questi tossici
nell’aria le fonti sono concordi nell’evidenziare valori più elevati in prossimità di fonti di esposizione
(inceneritori, impianti industriali correlati con l’emissioni di tali inquinanti, arterie di elevato traffico stradale)
rispetto a zone considerate non disturbate e che subiscono "solo" gli effetti del trasporto su lunga distanza
degli inquinanti atmosferici; i valori riscontrati in studi nei paesi industriali hanno dei range molto variabili,
da 5 picogr/mc (caso di un inceneritore tedesco) a valori di mille volte inferiori.
L’indicazione della Commissione Consultiva Tossicologica Nazionale, come livello di azione, è pari ad una
concentrazione di 0,04 picog/mc.
In Italia sono pochissimi gli studi in proposito, tra questi citiamo un recente studio svolto tra il 1995 e il 1996
in diverse zone della città di Milano è stata stimata una media di 0,0208 picog/mc nell’atmosfera di TCDDeq
(come somma di PCB, PCDD e PCDF per il PCB è stato valutato un apporto pari al 10 %) con una distribuzione
dei numerosi isomeri delle PCDD e dei PCDF "molto simile a quello delle emissioni dei forni di incenerimento
dei rifiuti solidi urbani (nell’arco di 10 km dalle zone indagate sono attivi 3 impianti di questo genere ndr) e
di processi metallurgici" (R. Fanelli, E. Davoli in AAVV "Il benzene e altri composti aromatici: monitoraggio e
rischi per l’uomo", Fondazione Lombardia per l’Ambiente, 1998, pp.133÷151).
Studi precedenti sulla base di 18 analisi dell’aria urbana di Firenze e di 10 analisi dell’aria urbana di Roma
hanno evidenziato concentrazioni di PCDD e PCDF : per Firenze, tra un minimo di 0,072 picog/mc in Teq e un
massimo di 0,2 picog/mc in Teq, e per Roma, tra 0,048 e 0,277 picog/mc di Teq, con una concentrazione
media per le due città stimata in 0,062 picog/mc.
(Berlincioni et al. 1995, 1993, 1992, Turrio-Baldassarri et al. 1994; riportati in "Compilation of EU Dioxin
Exposure and Health Data - Task 2, Environmental levels", European Commission DG Environment, ottobre
1999, pag. 8, e "Annex Task 2", pag. 52).
Che tale questione sia tuttora all’ordine del giorno è confermato dal Seminario "Dioxins in the air",
organizzato dall’Agenzie per l’ambiente del Belgio, con il patrocinio della Commissione UE, che si terrà a
Bruges dal 19 al 20 novembre 2001.
Da ultimo va ricordato che nelle prossimità di un impianto di incenerimento o di altre grosse fonti di
combustione (o anche aeroporti, nei coni di atterraggio e decollo) si possono verificare sia consistenti
incrementi nelle concentrazioni in aria all’altezza del suolo di contaminanti "tradizionali" (ossidi di azoto,
ossidi di zolfo in particolare) che di altri microinquinanti (idrocarburi policiclici aromatici) tali anche da
incrementare il numero dei superamenti della soglia di attenzione previsti dalla normativa vigente (tale
evenienza sarebbe preventivabile anche nel caso di alcuni metalli pesanti, se per questi esistessero dei limiti
di qualità dell’aria). Si rimanda a quanto già detto, in via generale, alla problematica relativa alla cumulabilità
degli impatti in un determinato territorio soggetto alla realizzazione di nuove opere con impatti elevati.