Sei sulla pagina 1di 32

MANUALE VOLONTARI

I valori che rendono Dynamo Camp una opportunit di lavoro e volontariato unica!!
Dynamo Camp lunico centro di Terapia Ricreativa in Italia, che ospita gratuitamente bambini affetti da patologie gravi e croniche, provenienti da tutto il territorio nazionale e da paesi stranieri, garantendo le cure mediche necessarie e il rispetto dei pi alti standard di sicurezza. I valori di Dynamo Camp sono: COMUNICAZIONE e CAPACITA DI ASCOLTARE: Crediamo in una comunicazione ap erta ed in un dialogo onesto e rispettoso. CENTRALITA DEL BAMBINO ORIENTAMENTO ALLA FAMIGLIA: Crediamo nellimportanza di individuare i bisogni e le aspettative dei bambini e delle famiglie e di rispondere a questi in modo adeguato. In qualsiasi situazione problematica o di dubbio, linteresse dei bambini e delle famiglie a cui ci rivolgiamo viene sempre al primo posto. ECCELLENZA: Crediamo nellimportanza di definire e raggiungere leccellenza, impegnandoci a fornire un servizio adeguato ai pi alti standard e a lavorare costantemente e con responsabilit per migliorare continuamente la qualit dei nostri servizi. La bellezza del luogo fisico e dellambiente naturale, cos come lordine dei luoghi e dellaspetto di chi lavora a Dynamo Camp sono esempi concreti del valore della eccellenza. INNOVAZIONE: Crediamo nellimpegno di gestire il nostro programma in modo flessibile e creativo, adattandolo alla continua evoluzione della Terapia Ricreativa e dellassistenza rivolta a bambini e famiglie. OTTIMISMO E POSITIVITA: Crediamo che per donare divertimento ai bambini sia necessario uno spirito positivo, aperto a cogliere le opportunit e a risolvere le complessit. INTEGRITA: Crediamo nei valori dellonest, della responsabilit personale e della fiduc ia reciproca. LEADERSHIP: Crediamo che i valori di Dynamo Camp e le azioni conseguenti debbano essere promosse a tutti i livelli dellorganizzazione. Crediamo che tutti i ruoli debbano essere chiaramente espressi e rispettati da tutti.

1. Missione e Filosofia
Dynamo Camp accoglie bambini e ragazzi affetti da patologie gravi e le loro famiglie. Il Camp offre ai bambini la possibilit di riappropriarsi della propria infanzia attraverso un programma che, in un clima di sicurezza ed allegria, li porta a ritrovare e acquisire fiducia in loro stessi, autostima e coraggio e permette alle famiglie di vedere il proprio figlio con occhi diversi.

2. Il Bambino
Il bambino/ragazzo con malattia grave o cronica
di Pia Massaglia

Cenni evolutivi generali


Gli ospiti hanno unet compresa tra 7 e 17 anni, che corrisponde alle fasce evolutive dellet scolare (7-11) e delladolescenza (12-17). 2

In termini generali, nellet scolare i bambini sono in grado di sostenere abbastanza i propri stati emotivi e di utilizzare adeguatamente i simboli; necessitano di una base sicura familiare, ma sono interessati a realizzarsi attraverso nuove acquisizioni e a mettere in gioco le proprie capacit. Sono chiamati ad impegnarsi nellapprendimento di nuove conoscenze e a confrontarsi con figure esterne sia adulte (che rappresentano un sostituto genitoriale) sia coetanee (che costituiscono il gruppo dei pari) in vari ambiti (scuola, tempo libero, attivit diverse). In questa fascia di et (che corrisponde alla scuola elementare) gradualmente progrediscono lautonomia e la responsabilizzazione nella cura di s e delle proprie cose e si perfeziona la socializzazione: anche il gioco diventa collettivo e cooperativo, con accettazione e rispetto delle regole. Si delineano ulteriormente differenze di genere (i maschi e le femmine) in atteggiamenti, interessi e attivit. In adolescenza, che il periodo di vita tra linfanzia e let adulta, avvengono profonde trasformazioni a livello fisico (dimensioni accresciute e funzioni sessuali) e mentale (pensiero astratto). Acquistano maggiore significativit le relazioni extrafamiliari (adulti come alternativa ai genitori e coetanei come aggancio di sicurezza e di uguaglianza); aumenta il raggio di attivit (fisiche, sociali, ricreative, ecc.), che rappresentano un campo di prova delle proprie capacit. I ragazzi sono impegnati nel ridefinire la propria identit personale, intessuta sia del proprio concetto di s sia dei rapporti con gli altri sia delle realizzazioni sociali: possono vivere sentimenti di incertezza e di inadeguatezza, ma assumono posizioni di contrapposizione e provano a fare esperienza (anche in modo un po indiscriminato). Cercano di andare verso il proprio futuro con il bagaglio dellesperienza precedente e con le risorse attuali. Sul piano individuale il processo evolutivo, pur nel suo divenire continuo, non lineare, ma costellato da ampie oscillazioni avanti/indietro e momenti di crisi; inoltre il suo fluire non strettamente agganciato allet bens alle esperienze di vita. Di conseguenza laccompagnamento e il sostegno alla crescita, per risultare efficace, va personalizzato; non sono utili modelli standardizzati, applicabili in modo aspecifico in ogni realt e situazione. Per aiutare davvero ad andare oltre gli ostacoli, gli adulti devono saper mettersi in gioco e cercare insieme ad ogni bambino/ragazzo la sua strada di crescita: tanto pi possibile trovarla e/o ritrovarla quanto pi si orienta lo sguardo al futuro.

Interferenze della malattia sul percorso evolutivo


La malattia nellinfanzia e nelladolescenza rappresenta unoccasione pi o meno grave di crisi, che permane (in caso di patologie croniche) o si conclude (in caso di patologie acute), restando comunque significativa (come nelle patologie oncologiche, perch 2 o 3 anni nellesperienza di un bambino/ragazzo costituiscono un tempo molto lungo). La malattia in et evolutiva compromette non solo una condizione gi stabilmente acquisita, quanto e piuttosto le realizzazioni future immaginate: i progetti fantasticati e/o avviati vengono pesantemente messi in discussione e, in certi casi, vanno riformulati, causando sentimenti di frustrazione e di perdita. I rischi principali di interferenza sul percorso di crescita riguardano: la costruzione dellidentit personale, che pu venire modificata e plasmata dalla malattia (quasi il proprio biglietto da visita), a scapito delle parti normali di s, con intensificazione di sentimenti di diversit; il processo evolutivo, che pu essere su certi aspetti bloccato o rallentato dalla malattia, prolungando la dipendenza dai genitori e limitando nuove esperienze di 3

apprendimento e di socializzazione, evidenziando fragilit e differenza rispetto ai coetanei; laccelerazione di consapevolezze e di riflessioni, legata al confronto con i limiti e la precariet della condizione umana: ne pu conseguire una maturit maggiore, che pu ulteriormente allontanare dai coetanei, impedendo di divertirsi pienamente insieme a loro dei momenti sciocchi e degli scherzi puerili, peraltro normali; lutilizzo della malattia come alibi per non assumersi impegni e responsabilit (a scuola, in famiglia, ecc), per legittimare privilegi (rispetto a fratelli e coetanei) e per giustificare atteggiamenti di rabbia, di controllo, di pretesa (rispetto ad adulti e coetanei); questa tendenza viene sostenuta e accentuata anche dalliperprotezione degli adulti. I progressi compiuti nella cura delle malattie pediatriche gravi e croniche consentono oggi, alla maggior parte dei casi di diventare adulti, per cui particolarmente importante limitare il rischio che restino a vita piccoli bambini malati, magari in grado di distribuire perle di saggezza, ma in difficolt ad affrontare esperienze semplici di autonomia. Possono esprimere quindi allo stesso tempo energie positive (come la fiducia in s e negli altri), ma anche sentimenti di rabbia e di rivendicazione, che fanno emergere la loro tenacia (la grinta).

Il Bambino al Centro del Programma


Le attivit di Dynamo Camp sono strutturate a seconda delle necessit di ogni bambino. Con lattento supporto dello staff e in un ambiente sicuro, questo approccio permette ai bambini di confrontarsi con situazioni diverse che magari non pensavano di poter affrontare, sia individualmente che in gruppo.

Sfide per Scelta


Questa filosofia sfrutta la naturale curiosit e lentusiasmo dei bambini come spinta verso la partecipazione. Lavorando da soli o in gruppo, i ragazzi decidono quali obiettivi raggiungere durante le varie attivit. Permettere ad ogni bambino di scegliere, consentendo loro di stabilire il ritmo con cui procedere verso il successo, inteso come coinvolgimento in nuove acquisizioni. In questo modo, sfide e nuove esperienze non fanno pi paura. Ogni piccolo successo diventa motivazione e ispirazione per la prossima sfida, e aiuta i bambini a sviluppare lautostima necessaria per affrontare obiettivi sempre pi grandi. In queste situazioni lo Staff di Dynamo Camp proporr ogni giorno sfide nuove, sotto forma di esperienze stimolanti e divertenti affiancandoli nelle loro scoperte.

3. Il programma e le Attivit
Il programma SEGRETO PER I BIMBI affinch vivano con curiosit e senza paura le attivit proposte, ecco perch i Dynamici devono esser bravi a mantenere tale mistero! Le attivit sono il fulcro del programma della Terapia Ricreativa a Dynamo Camp. Si possono dividere in due categorie: avventura (attivit outdoor) e espressione creativa (attivit indoor). Tutte le attivit di Dynamo riflettono la filosofia della partecipazione e della cooperazione: non della competizione! Ogni attivit spinge il partecipante e/o il gruppo a superare i propri limiti e ad arrivare al successo concentrandosi sulle abilit rispetto piuttosto che su le disabilit. 4

Ogni bambino ha un ruolo nel raggiungimento del successo Non esiste successo se qualcuno soffre, viene escluso o umiliato.

di

gruppo.

Obiettivi del Programma:


Aiutare i bambini a trarre forza dal confronto con coetanei e con le loro stesse paure. Far nascere nuove amicizie tra i partecipanti in base alla esperienza condivisa durante il campo. Accrescere lautostima dei ragazzi, incoraggiandoli a sviluppare le loro capacit emotive che gli saranno utili ad affrontare le sfide presenti e future. Alleviare le paure dei bambini nei confronti delle cure e della malattia a seconda della propria esperienza. Fornire alle famiglie unoccasione di confronto con altri vissuti analoghi Permettere alle famiglie di vivere momenti spensierati fuori dal peso della quotidianit Restituire a tutti i partecipanti una visione pi ampia delle proprie possibilit

Gli strumenti per realizzare i nostri obiettivi:


Terapia Ricreativa Questo modello sempre un punto di riferimento. Eliminare gli ostacoli alla partecipazione Tutto il campo rispetta le norme di sicurezza ed strutturato in modo tale da non creare difficolt ai bambini. Staff e Volontari si impegnano a rimuovere gli ostacoli fisici o psicologici al Camp per rendere le attivit accessibili a tutti. Mai soli con un minore Per poter garantire la massima tutela sia dei ragazzi sia del personale, importante che un membro dello staff o un volontario non resti mai da solo con un minore o con un gruppo di minori Equilibrio Il campo si basa su un insieme di attivit individuali e di gruppo, fisiche ed espressive che mirano al successo personale e incoraggiano la fiducia negli altri e la cooperazione. La Socializzazione Linterazione tra i ragazzi con problematiche ed esperienze diverse, favorisce lempatia e la tolleranza.

4. Terapia Ricreativa
Dynamo Camp molto pi di una semplice vacanza! Ogni attivit unopportunit di accrescere la fiducia in se stessi e nellaltro : dal semplice stare insieme, ai giochi, alle attivit pi avventurose. Al Campo la terapia ricreativa si basa su un modello di SFIDA, SUCCESSO, RIFLESSIONE SCOPERTA e... DIVERTIMENTO! Ogni attivit presenta una SFIDA personale, costruttiva e senza elementi di competizione: ognuno impegnato a dare il meglio di s. 5

Pu trattarsi di un grande obiettivo come arrampicare il muro del parco avventura, oppure qualcosa di intangibile come lesprimere i propri stati danimo nella realizzazione di un opera darte. Con lattento supporto dello Staff, questa sfida viene spesso superata con SUCCESSO: il muro viene scalato, lopera viene realizzata ed esposta, e cos via. Limportante non arrivarci a tutti i costi ma tentare, mettendosi in gioco. Il passo successivo la RIFLESSIONE, durante la quale i bambini rivivono lesperienza parlandone e ripensando a come avvenuto, e al significato che ha avuto per ognuno. Questo pu avvenire appena superato lostacolo o alla fine dellattivit durante la riflessione di gruppo o durante la chiacchierata serale. Questo meccanismo porta alla SCOPERTA. Quando i bambini evadono dal quotidiano, scoprono di poter riuscire anche in cose di cui non si ritenevano capaci. In questo modo rinforzano la fiducia in loro stessi che li aiuter nelle successive sfide che si troveranno ad affrontare. Naturalmente l'esperienza a Dynamo Camp deve essere sopratutto DIVERTENTE!! Ogni aspetto del programma emozionante e coinvolgente perch con attivit divertenti e circondati da persone allegre e che si divertono, i ragazzi e le famiglie sono pi invogliati a provare nuove esperienze, a raggiungere il successo, a riflettere su quello che hanno raggiunto e a scoprire le loro enormi potenzialit. Pi si applica con creativit il concetto di Terapia Ricreativa, in modo tale che ogni momento sia significativo e stimoli autocoscienza, pi si arricchisce lesperienza di ogni persona presente al camp.

5. Training
Prima dellinizio della stagione estiva, lo staff stagionale segue un training formativo intensivo (7 giorni) tenuto dal Support Staff e da consulenti esterni (medici, psicologi, formatori). La finalit di questo training fornire allo Staff stagionale gli strumenti necessari per affrontare le proprie mansioni con la massima competenza che la peculiare utenza del Dynamo Camp richiede. Il training dei Volontari si svolge nella giornata precedente larrivo dei bambini e delle famiglie al Camp, inoltre previsto un training pi approfondito, di due giornate, in periodi diversi dellanno. Per eliminare eventuali dubbi o incertezze, sia Staff che Volontari sono incoraggiati a fare domande e condividere idee. Tutti membri dello Staff e i Volontari che sono a contatto con i bambini vengono chiamati Dynamci, per sottolineare la loro prima responsabilit: essere amici dei bambi ni a Dynamo Camp, unamicizia basata su fiducia, empatia, tolleranza e rispetto reciproco.

Staff stagionale
Lo Staff stagionale composto dai Responsabili di Casetta (non presenti in sessioni con famiglie) e dai Responsabili di Attivit. Questi ruoli sono retribuiti e durano per lintera stagione. Lo Staff stagionale ha il compito di accogliere gli ospiti al Camp, accompagnarli e sostenerli in ogni loro bisogno e necessit, nonch supportare le attivit di socializzazione. Deve, inoltre, assicurarsi che il Camp sia un ambiente divertente, sicuro, stimolante, fisicamente ed emotivamente protetto. Deve quindi gestire gli eventuali problemi di comportamento degli ospiti con responsabilit, professionalit e in accordo con le 6

procedure promosse dal Camp. Lo Staff stagionale inoltre punto di riferimento per i Volontari e collabora a stretto contatto con loro per creare lo spirito e latmosfera del Camp, supportandoli e istruendoli se necessario. Lo Staff svolge un ruolo essenziale basato sulla fiducia e sul rispetto tra adulti e bambini. In generale, nel corso della stagione le mansioni principali per tutto lo staff stagionale saranno le seguenti: PREPARAZIONE DELLE SESSIONI Partecipare al programma di formazione e a tutte le riunioni di coordinamento prima dellarrivo degli ospiti. Assicurarsi che tutte le aree dattivit, gli alloggi e il Camp in generale siano pronti per accogliere gli ospiti. PROCEDURE DI SICUREZZA Approfondire le procedure di sicurezza ed applicarle quando necessario. Far apprendere agli ospiti le pi elementari procedure di sicurezza verificandone il livello di apprendimento. Informare tempestivamente il Direttore del Camp nel caso di incidenti o possibili situazioni di rischio e compilare la modulistica preposta. GESTIONE E MANUTENZIONE DEGLI EQUIPAGGIAMENTI Assicurare luso adeguato e la manutenzione delle propriet e dei materiali del Camp proteggendoli da danno o perdita. Al termine di ogni singola sessione e di ogni attivit garantire che gli alloggi e gli spazi siano puliti, sicuri e pronti per essere utilizzati per la sessione successiva. In alcune aree di attivit (particolarmente quelle dellarea avventura-sport) ci sono assistenti tecnici, che a titolo volontario o retribuito contribuiscono allo svolgimento dellattivit sotto la supervisione degli Staff stagionali. Il programma di Dynamo studiato per venire incontro a esigenze specifiche. Lo Staff deve essere al corrente delle necessit di ogni bambino per poter garantire il giusto livello di attenzione e supporto. Ogni persona ha qualcosa di unico da condividere. Lo Staff stagionale e i Volontari devono collaborare tra loro affinch ognuno abbia la possibilit di contribuire al Camp dando il massimo di se stesso: il lavoro di squadra essenziale per garantire un programma creativo ed emozionante!

RESPONSABILI DI CASETTA
I Responsabili di Casetta vivono nelle casette con i bambini, assistendoli per ogni necessit sia di notte che di giorno e accompagnano i gruppi di attivit durante le giornate al campo. Ogni casetta composta da 1 Responsabile di Casetta e da altri 3/4 Volontari. I Responsabili di Casetta si relazionano in particolare con ogni bambino della propria casetta o del gruppo attivit a cui sono assegnati, motivandoli e incoraggiandoli a partecipare attivamente alla vita del Camp.

RESPONSABILI DI ATTIVIT
I Responsabili di Attivit devono organizzare e gestire le attivit del Camp che sono una parte indispensabile del programma di Terapia Ricreativa. Propongono le sfide che porteranno al successo e alla riflessione, e che diventeranno una emozionante scoperta per tutti i ragazzi. I Responsabili di Attivit garantiscono la sicurezza, e lidoneit di ogni area di attivit. Per far questo si avvalgono della collaborazione dei Responsabili di Casetta e dei Volontari assegnati ai vari gruppi di attivit che riporteranno le osservazioni sul gruppo, i dubbi o le necessit di qualche bambino, o altre considerazioni rilevanti sui rapporti tra i ragazzi allinterno del gruppo. La comunicazione tra tutti i Responsabili di Attivit permette di monitorare costantemente lesperienza dei ragazzi al Camp. Quando possibile, importante sottolineare la continuit tra le varie attivit. E facile trovare per esempio un nesso tra scrittura creativa e teatro, ma anche nelle attivit apparentemente pi diverse si possono trovare dei punti comuni. I Responsabili di Attivit devono: Concertare e pianificare con il gruppo dei Responsabili di Attivit i programmi della sessione. Effettuare linventario della propria area allinizio e al termine del periodo di attivit, nonch mantenerla sempre in ordine allinizio e alla fine di ogni giornata. Progettare per ogni sessione attivit adeguate allet e allabilit degli ospiti, incluse le alternative in caso di maltempo. Assicurarsi che lattivit sia divertente, coinvolgente e stimolante e in accordo con gli obiettivi della Terapia Ricreativa, in un ambiente fisicamente ed emotivamente protetto. Predisporre attivit di monitoraggio, valutando i programmi proposti e indicando possibili aree di sviluppo.

Volontari
Il camp come esperienza di normalit e di crescita: il ruolo dei volontario di Pia Massaglia Dynamo Camp accoglie bambini/ragazzi con problemi di salute rilevanti, di tipo acuto o cronico, ma lesperienza offerta ha lobiettivo di mettere la malattia sullo sfondo, per farne riemergere il singolo bambino/ragazzo, restituendogli le proprie possibilit di autonomia, di socializzazione, di apprendimento gioioso, di prestazioni fisiche in un clima di divertimento. Al Camp divertimento non solo svago e allegria: significa giocare, stare insieme in modo insolito diverso appunto, e grazie alla fantasia! Per questo il Camp si inserisce nella rete di interventi finalizzati al miglioramento della qualit della vita. I bambini/ragazzi malati, infatti, durante il soggiorno sperimentano: la separazione di durata significativa dai genitori e dagli ambienti familiari e lincontro con nuovi adulti; - lincontro con nuovi coetanei; - stimoli utili allautonomia e alla responsabilizzazione (cura di s, delle proprie cose, degli spazi personali e comuni, collaborazione a piccole mansioni comuni, ecc.); - tantissime occasioni per provare nuove esperienze, indipendentemente dal risultato e senza essere giudicati. Tutti questi elementi vanno in direzione della crescita, ma possono essere pi o meno sostenibili dai bambini/ragazzi rispetto al momento evolutivo individuale e al bagaglio di 8

esperienze precedenti (molto diversificate in rapporto non solo alla malattia ma anche agli stili di vita familiari). La presenza disponibile dei volontari garantisce agli ospiti un attenzione personalizzata, che, offrendo rispetto, ascolto e disponibilit, consente loro di vivere questa esperienza come una vera occasione di riflessione e scoperta, anche attraverso il rapporto con gli altri. Il ruolo del volontario, esercitato con flessibilit, ma con attenzione costante agli ospiti, fondamentale per trasformare una vacanza in una importante tappa di crescita. I volontari sono impegnati durante tutto larco della giornata: dallaiuto materiale, al richiamo, allascolto e alla condivisione: nei momenti emotivamente significativi, sia in negativo sia in positivo, i bambini/ragazzi possono avere bisogno/desiderio di uno scambio comunicativo.

Ruolo del volontario a Dynamo


Tutti i Volontari, di Casetta o Tecnici, devono osservare le seguenti procedure e comportamenti. Il Volontario ha il compito di accogliere gli ospiti (bambini, ragazzi e famiglie) accompagnarli e sostenerli in ogni loro bisogno e necessit. Deve, inoltre, assicurarsi che il Camp sia un ambiente divertente e stimolante, nonch fisicamente ed emotivamente protetto. PREPARAZIONI DELLE SESSIONI Assicurarsi che gli alloggi e il Camp siano pronti per accogliere gli ospiti. Partecipare al programma di formazione e a tutte le riunioni di coordinamento che si svolgono nella giornata prima dellarrivo degli ospiti e durante le sessioni. Accogliere in modo caloroso e festoso gli ospiti durante la giornata degli arrivi, rimanendo a disposizione dello Staff per ogni evenienza (es. accogliere le famiglie allinterno delle palazzine o accompagnare i minori soli durante il tragi tto dalla loro citt di provenienza al camp) Approfondire le procedure di sicurezza ed applicarle quando necessario. Far apprendere agli ospiti le pi elementari procedure di sicurezza verificandone il livello di apprendimento. Informare tempestivamente il Support Staff nel caso di incidenti o possibili situazioni di rischio e compilare la modulistica preposta. Assicurare luso adeguato e la manutenzione delle propriet e dei materiali del Camp proteggendoli da danno o perdita. Al termine di ogni singola sessione e di ogni attivit garantire che gli alloggi e gli spazi siano puliti, sicuri e pronti per essere utilizzati per la sessione successiva.

PROCEDURE DI SICUREZZA

GESTIONE E MANUTENZIONE DEGLI EQUIPAGGIAMENTI

VOLONTARI IN SESSIONI PER MINORI NON ACCOMPAGNATI I volontari nelle sessioni con bambini o ragazzi soli devono: Assistere gli ospiti nelle attivit giornaliere allinterno degli alloggi. Incoraggiare bambini e ragazzi a rendersi responsabili dello spazio in cui vivono e della propria igiene personale, aiutandoli se necessario. Assistere i Responsabili di Casetta nella pianificazione per rendere divertente e creativo ogni momento in casetta. Supervisionare costantemente i membri del gruppo assegnato, monitorandone le condizioni di salute e informando tempestivamente lo staff stagionale e quello medico per qualsiasi eventuale cambiamento. Assistere i Responsabili di Casetta nella sorveglianza notturna. pianificazione e nellattuazione delle attivit di

Assicurarsi che ogni ospite sia correttamente vestito e preparato per partecipare alle attivit. Assistere i Responsabili di Casetta nellorganizzazione e nella gestione della chiacchierata serale. Collaborare con i Responsabili dAttivit durante lo svolgimento delle attivit stesse assicurandosi che gli ospiti seguano le loro istruzioni. Gestire gli eventuali problemi di comportamento degli ospiti con responsabilit, professionalit e in accordo con le procedure promosse dal Camp.

VOLONTARI TECNICI E ASSISTENTI ATTIVIT Gli Assistenti e i Volontari Tecnici hanno il compito di aiutare lo Staff ad organizzare il programma. Devono, inoltre, assicurarsi che il Camp sia un ambiente divertente e stimolante, nonch fisicamente ed emotivamente protetto. ASSISTENZA DURANTE LO SVOLGIMENTO DEL PROGRAMMA Rispettare scrupolosamente le indicazioni dello Staff (Responsabili di Attivit, di Casetta e Support Staff) ed aiutare nel far rispettare gli orari e la logistica; Aiutare nella preparazione delle aree di attivit (materiali, scenografie, contenuti) secondo le consegne ricevute dal Responsabile dAttivit; Coadiuvare i Responsabili dAttivit durante lo svolgimento delle attivit stesse assicurandosi che gli ospiti seguano le loro istruzioni; Segnalare immediatamente eventuali problemi di comportamento degli ospiti allo Staff, con discrezione e serenit, in accordo con le procedure promosse dal Camp.

10

VOLONTARI IN SESSIONI PER FAMIGLIE I volontari nelle sessioni con famiglie devono: Assistere gli ospiti nelle attivit giornaliere allinterno degli alloggi nel caso avessero bisogno con i bambini piccoli o malati. Assicurarsi che la famiglia abbia compreso le regole del Camp e che rispetti gli orari dei pasti e delle attivit a cui hanno scelto di partecipare. Segnalare al Support Staff eventuali bisogni della famiglia, sia dal punto di vista pratico (es. materiali mancanti negli alloggi) sia relativo al benessere psicofisico ed al coinvolgimento nel programma. Assicurarsi che ogni ospite sia correttamente vestito e preparato per partecipare alle attivit prima di lasciare gli alloggi. Aiutare la famiglia durante i pasti, sia dal punto di vista pratico (es. apparecchiare, servire) sia nella supervisione dei bambini e ragazzi. Supervisionare costantemente i membri del gruppo assegnato. Collaborare con i Responsabili dAttivit durante lo svolgimento delle attivit stesse assicurandosi che gli ospiti seguano le istruzioni. Gestire gli eventuali problemi di comportamento degli ospiti con responsabilit, professionalit e in accordo con le procedure promosse dal Camp.

Durante le attivit, devono invece:

CHAPERONE I chaperone sono dei volontari presenti in una sessione con minori soli, che si offrono per accompagnare i bambini o i ragazzi dalla loro citt di provenienza al camp e viceversa. Alcuni dei nostri ospiti affrontano il viaggio verso Dynamo Camp non accompagnati dalle loro famiglie. In questo caso necessario garantire la presenza di alcuni adulti che assistano i bambini o i ragazzi durante il viaggio. Si tratta per lo pi di tragitti in pullman dalle principali citt del sud Italia (Napoli, Bari, Roma) e di piccoli tragitti in automobile o pulmino dagli aeroporti vicini al camp (Firenze, Pisa, Bologna, ecc) Un chaperone deve: Assicurarsi di avere alla partenza dal Camp lequipaggiamento necessario per il tragitto: borsa termica con il cibo, cellulare, liberatorie da far firmare ai genitori, etichette per i bagagli, ecc... (tutto il materiale viene fornito da Dynamo Camp). Supervisionare e monitorare costantemente i membri del gruppo assegnato, informando tempestivamente la portineria del Camp in caso di problemi di ogni tipo(ritardi, incidenti, ecc).

6. Sessioni per minori non accompagnati


Ogni volontario sar assegnato a una casetta di bambini e ad un gruppo di attivit.

La Casetta
Il gruppo della casetta comprende almeno tre volontari e un membro dello staff stagionale e fino a un massimo di 10 bambini. I pasti, le pulizie della casetta, la chiacchierata serale e la vita di casetta in generale si effettuano insieme a questo gruppo. 11

A seconda della disponibilit dei letti i Volontari dormiranno nella stanza accanto ai bambini oppure con altri adulti in un alloggio esterno alle casette ma sempre allinterno del Camp.

Il Gruppo di Attivit
Durante il giorno tutti i Responsabili di Casetta, i Volontari e i bambini si dividono in gruppi per le attivit, che rimarranno uguali durante tutta la sessione. I gruppi di attivit coinvolgono fino a 18 bambini. I Responsabili di Casetta e i Volontari devono essere di supporto ai Responsabili di Attivit e di aiuto ai bambini e partecipare attivamente quando possibile.

Quale sar il ruolo dei Volontari?


Per mantenere la serenit e la sicurezza a Dynamo Camp, essenziale che lo Staff conosca bene e tenga sempre presenti le regole e le procedure che riguardano il rapporto con i bambini. A Dynamo importante che si rispetti la regola mai sol i con un minore, cio che ci siano sempre almeno 2 adulti per ogni bambino o gruppo di bambini. In questo modo si garantisce la sicurezza sia dei bambini che dei Dynamci. La casetta diventer la casa del bambino durante la permanenza al Camp, e dovr quindi essere un luogo invitante, accogliente, e sicuro. Dovr essere fornita di giochi, libri, penne, colori, e cos via. Le casette si possono personalizzare creando scritte con i nomi dei bambini da attaccare sopra i loro letti, appendendo poster disegnati assieme ai ragazzi, e comunque decorandola per renderla pi allegra e divertente. E importante che i bambini inizino da subito a conoscersi e a interagire tra loro. I Dynamci devono facilitare questa fase, per aiutare i ragazzi a intraprendere il percorso con serenit. E sempre raccomandabile avere pronti dei giochi per aiutarli a conoscersi e a prendere confidenza con la struttura del campo. Aiutate i bambini ad imparare i nomi degli altri. Se ci sono bambini che hanno gi partecipato al campo, suggerite loro di raccontare ai nuovi compagni i propri ricordi e le esperienze pi significative. Ogni mattina e al termine dellora libera pomeridiana, prima di uscire dalla casetta i ragazzi devono spalmarsi sulle parti del corpo scoperte la crema solare, ricordateglielo! I ragazzi devono sempre avere a disposizione dell acqua o altre bevande e i Dynamci devono controllare che bevano a sufficienza, specialmente durante le attivit allaperto o che impegnano fisicamente. La sera dellarrivo dei bambini il momento in cui vengono stabilite le regole della casetta. Lo Staff incoraggia i bambini a darsi delle regole che varranno per tutta la sessione. Le pi importanti sono: Rispettatevi. Non sono tollerati insulti o commenti negativi. La violenza fisica inaccettabile. I minori devono sempre comunicare allo staff se si devono allontanare dal gruppo. Non correre, specialmente nei luoghi al chiuso, dove vi sono pi pericoli. Le regole del campo non sono fatte per limitare le libert dei ragazzi ma per creare un ambiente sicuro e per assicurare loro il divertimento.

12

Giornata Tipo
Ore 7.45: RISVEGLIO I Dynamci aiutano i bambini a prepararsi per la giornata. Ore 8.30: PULIZIA DELLE CASETTE I ragazzi aiutano i Dynamci nella pulizia delle casette prima di iniziare le attivit. Anche questo pu essere fatto in un modo divertente! Si pu per esempio riordinare al ritmo di musica, oppure fare una ruota colorata dei lavoretti per assegnare un ruolo a tutti. Ore 9.00-9.30: COLAZIONE Tutti i Dynamci devono essere presenti durante i pasti. I ragazzi si siedono con la loro casetta e apparecchiano tutti insieme. Alcuni Dynamci portano il cibo, mentre gli altri rimangono a tavola con i bambini. Tutti i ragazzi devono sparecchiare insieme. Ricordatevi che molti di loro sono abituati ad avere un adulto che li segue in tutto; cercate di stimolare il senso di responsabilit e autonomia. Fate attenzione a tutti i bambini, osservate se mangiano. Seguite gli annunci che si faranno alla fine del pasto. I bambini non devono mai entrare in cucina o avvicinarsi ai banconi. Tutti i Dynamci e i bambini devono rimanere nella mensa fino alla fine degli annunci. Ore 9.45-12.30: ATTIVIT Al termine della colazione i bambini si divideranno nei gruppi di attivit e si recheranno nelle diverse aree di attivit per intraprendere una delle varie proposte: Tiro con lArco, Arrampicata, Piscina, Equitazione e Mini Fattoria, Gita allOasi, Campetti sportivi e Art factory. Durante tale mattinata prevista una piccola merenda. Ore 12.45-13-45: PRANZO Dynamci e bambini si ritrovano in mensa per il pranzo. Si procede insieme ad apparecchiare il tavolo. Il personale incaricato porta sul tavolo il cibo, mentre i Dynamci si occupano di riempire le caraffe e portare il pane. Fino a che tutti non hanno finito di mangiare i bambini devono rimanere seduti. A fine pasto ci si scatener con canzoni e balli tutti insieme! Ore 14.00-15.15: RELAX IN CASETTA Dopo il pranzo i ragazzi ritornano nelle casette per po di riposo. Chi preferisce restare sveglio pu svolgere altre attivit, importante per rispettare chi dorme non facendo rumore. Durante lora di riposo si organizzano riunioni tra lo Staff. Per ogni casetta il Responsabile di Casetta o eventualmente un volontario ritenuto adeguato al compito parteciper alla riunione con i Coordinatori dei Responsabili di Casetta, e tutti i Responsabili di Attivit con i Coordinatori dei Responsabili di Attivit. Ore 15.30-17.45: ATTIVIT Nel pomeriggio la giornata continua con altre attivit. prevista una piccola merenda nellarco del pomeriggio. Ore 18.00-19.00: RELAX IN CASETTA In questora i ragazzi tornano in casetta con i propri Dynamci e si preparano per la serata. Ore 19.15-20.15: CENA Ore 20.15-21.15: PROGRAMMA SERALE Il programma serale coinvolge tutto il campo ed organizzato dai Responsabili di Attivit che si occupano dellanimazione. Il programma serale cambia ogni giorno: discoteca, luna park, caccia al tesoro, giochi a premi e altro. Ore 21.30: CHIACCHERATA SERALE 13

La chiacchierata serale il momento adatto per ripensare ai successi della giornata e condividere emozioni. I Responsabili di Casetta avviano e gestiscono la chiacchierata seguendo dei criteri comuni ma utilizzando ognuno la sua personale modalit. La chiacchierata serale ha inizio una volta che i ragazzi hanno finito di prepararsi per dormire e sono tutti seduti comodi o sdraiati nei propri letti. Durante questo momento speciale si cerca di evitare domande, temi o situazioni che potrebbero far sentire a disagio o che non si possono considerare appropriate per tutti. E inoltre importante sedersi in terra e in posizione un po defilata per far s che i campers percepiscano una totale libert di espressione. Aiutate i bambini a sentirsi protetti e liberi di aprirsi, perch questo e' spesso un momento di pura magia e divertimento. Lora cambia a seconda dellet dei ragazzi: LUCI SPENTE Fino allora di chiusura del Camp, almeno tre Dynamci devono rimanere in casetta con i bambini che dormono. Ogni casetta dovr stabilire questa rotazione all'inizio della sessione.

7. Sessioni per famiglie


I weekend e le settimane per le famiglie sono stati creati perch la malattia di uno dei componenti della famiglia influisce inevitabilmente sugli altri membri. E fondamentale per la famiglia intera ricevere un supporto che li aiuti a vivere nel modo migliore possibile la loro situazione e ad affrontare tutte le difficolt che ne derivano. Ogni sessione progettata in modo tale da intrattenere le famiglie con varie di attivit in cui i partecipanti si metteranno in gioco e si divertiranno. Lopportunit di incontrare e confrontarsi con altre famiglie che condividono lo stesso problema importante. Per i fratelli dei bambini malati, molto utile poter conoscere altri fratelli con cui scambiarsi informazioni e considerazioni. I genitori potranno assistere ai successi dei ragazzi durante le attivit. A volte, questo il primo momento dove possono cominciare a mettere in secondo piano la malattia, considerando non solo i limiti ma anche le possibilit dei figli, con una ricaduta positiva sullintero clima familiare. Le Sessioni coinvolgono fino a 22 famiglie per volta. Prima del loro arrivo, molti genitori immaginano il campo come un luogo solo per bambini e possono avere difficolt ad immaginare un loro ruolo al suo interno. compito dello staff e dei volontari coinvolgere i genitori nella vita a Dynamo Camp. Le famiglie vengono divise in casette, ogni casetta raggruppa due o tre famiglie che condividono assieme i momenti dei pasti (colazione, pranzo e cena).

Quale sar il ruolo dei Volontari?


Ad ogni famiglia viene assegnato almeno un Volontario. Saranno un punto di riferimento e un supporto per le famiglie, cercando di farle sentire pi possibile a proprio agio durante la sessione, assistendole anche durante i pasti e, se necessario, la mattina o la sera prima di dormire. I Volontari rimarranno a disposizione della famiglia per qualsiasi necessit, ma nel contempo le lasceranno tutto lo spazio che desidera. I Volontari verranno assegnati anche ad un gruppo di attivit, che potr essere composto da soli bambini (sia malati che sani) o dallintero nucleo famigliare per alcune attivit.

14

Giornata Tipo
Ore 9.00-9.30: COLAZIONE Le famiglie siedono al tavolo che gli stato loro assegnato assieme al Dynamco di riferimento per tutti i pasti. Ore 9.45-12.30: ATTIVIT Le famiglie si dividono a gruppi e i Volontari partecipano con il loro gruppo dattivit. prevista una piccola merenda nellarco della mattinata. Ore 12.45-13-45: PRANZO Ore 14.00-15.00: RELAX Le famiglie hanno questo tempo a disposizione per far ci che necessitano o che hanno voglia di fare: tornare in casetta, fare una passeggiata, andare allo shop I Volontari e i Responsabili di attivit incontrano i rispettivi Coordinatori. Ore 15.15-18.00: ATTIVIT Nel pomeriggio la giornata continua con altre attivit. prevista una piccola merenda nellarco del pomeriggio. Ore 18.15-19.15: IN CASETTA In questora le famiglie tornano in casetta e si preparano per la serata. Ore 19.30-20.30: CENA Ore 20.45-21.45: PROOGRAMMA SERALE Normalmente si svolge tutti insieme, famiglie e Dynamci. Ore 22:00: BUONANOTTE Le famiglie tornano in casetta.

8. Gestione delle situazioni difficili di Pia Massaglia.


Durante il soggiorno al Camp qualunque camper pu vivere momenti di disagio emotivo, sollecitato da esperienze in atto (risultato inferiore al desiderio, mancata o insufficiente corrispondenza di simpatia/amicizia/affetto, richiamo, ecc.) o da sentimenti personali (solitudine, tristezza, nostalgia, paura, ecc.). Occorre quindi stare attenti ai bambini/ragazzi sia rispetto a quello che dicono sia rispetto ai loro comportamenti, per capire come aiutarli a stare meglio, un po come navigare a vista. Quando il disagio lieve, le diverse attivit proposte, in un clima di piacevole intrattenimento li distraggono e li impegnano, aiutandoli a ritrovare uno stato emotivo sufficientemente positivo. Quando lintensit del disagio tale da disturbare o impedire la partecipazione alle attivit o alla vita della casetta, prezioso che si possa offrire attenzione individualizzata e graduata secondo alcune tappe fondamentali: Presenza disponibile (io sono qui accanto a te e per te), valutando in base allesigenza del bambini/ragazzo una maggiore o minore vicinanza fisica (ad esempio guardare da lontano o sedersi vicino) dedicandogli sempre attenzione; Ascolto accogliente, di quello che sta esprimendo (silenzio, atteggiamento, pianto, racconto) per incontrare lo stato danimo del momento del bambino/ragazzo, senza pretendere velocemente di controllarlo e di modificarlo; 15

Empatia/comprensione, riconoscendo e rispettando le emozioni in gioco, ma anche condividendole per raggiungere un certo alleggerimento, premessa di possibili consolazioni; Scegliere assieme al bambino qualcosa di concreto da fare per sostenere il disagio (ad esempio scrivere una letterina o fare un disegno da portare a casa pu lenire la nostalgia) o superarlo.

Consigli per gestire comportamenti difficili


Questi consigli si possono applicare in caso di crisi emotiva, sia per bambini che per adulti. Nel contesto del Camp ci concentreremo sul caso di un bambino fisicamente o verbalmente aggressivo: bisogna ricordarsi che la cosa pi importante la sicurezza sua e degli altri ospiti. Se il bambino minaccia di fare del male a se stesso o ad altri, la situazione deve essere affrontata immediatamente: Allontanando tutte le persone non coinvolte ricordandovi di non rimanere mai da soli con un minore. Rimuovendo qualsiasi cosa che pu essere usato per infliggere danni a se stesso o agli altri. Se ritenete che il luogo in cui si trova il bambino sia pericoloso per s e per gli altri (fattoria, arrampicata, ecc), cercate di allontanarlo immediatamente. E' di vitale importanza comunicare continuamente col bambino durante la situazione di crisi. In questo momento ricordatevi: Non entrate nello spazio personale del bambino se non invitati a farlo o se non siete assolutamente sicuri che sia necessario. Cercate di attirare la sua attenzione e stabilire un rapporto di fiducia ponendogli delle domande o dandogli consigli. Fate domande semplici, chiare e lasciate al bambino il tempo di per rispondere. Non ripetete le domande. Se siete sicuri che il bambino vi abbia sentito lasciategli altro tempo per rispondere. Se ancora non dovesse rispondere cercate di riproporgli la domanda in un altro modo. Mantenete la calma e controllate il tono di voce. Non mostratevi arrabbiati o nervosi. Rassicurate spesso il bambino verbalmente, e quando possibile, fisicamente (per esempio con una mano sulla spalla). Prima di cercare un contatto fisico con un bambino assicuratevi che per lui non sia un problema. Chiedetegli se d'accordo o informatelo su quello che state per fare. Se notate un senso di disagio una volta stabilito il contatto fisico desistite immediatamente. Offrite delle alternative su come si pu risolvere la situazione. Assicuratevi che queste proposte siano chiare ed appropriate. Questo fa s che il bambino possa avere il parziale controllo della situazione. Il bambino non pensa spontaneamente di poter fare richieste e non abituato o non sa individuare alternative. Parlategli solo della situazione del momento. Se il bambino cerca di discutere altri problemi che pensiate non centrino con il conflitto da risolvere, suggerite di parlarne dopo aver affrontato la presente situazione. Rispettate e siate sempre sinceri con il bambino. Evitate la tentazione di negoziare con il bambino e non fate mai false promesse. Non offrite mai premi o riconoscimenti in cambio del loro buon comportamento. 16

Assicuratevi che il bambino sia sempre cosciente di quello che sta succedendo. Quando vi trovate davanti ad un bambino fisicamente violento: Fate in modo di non rimanere mai da soli con lui. Non lasciate mai il bambino da solo. Cercate aiuto dal resto dello staff. Cercate di comunicare con lui per calmarlo.

Gestione dei conflitti


Lavorare in squadra fondamentale per il successo, la salute, il benessere e il divertimento di noi tutti. Il nostro un lavoro intenso e abbiamo bisogno di aiutarci a vicenda per ottenere il meglio. Sforzandosi di comunicare con chiarezza, si possono evitare un sacco di difficolt durante le sessioni. Molto spesso i conflitti nascono da equivoci o dallerrata interpretazione di ci che ha detto qualcun altro. I problemi sorgono anche quando si lasciano andare troppo avanti le cose. La cosa migliore cercare di affrontare rispettosamente le problematiche nel momento in cui si presentano. Ecco un paio di suggerimenti circa la comunicazione in positivo: Affrontate subito le questioni: non evitate gli argomenti che vanno affrontati; Non partite da un atteggiamento di rabbia, bens da uno di preoccupazione interessata; Esprimetevi in prima persona, con umorismo: cercate di non assumere un tono accusatorio per evitare di mettere laltro sulla difensiva; Focalizzatevi sul comportamento, non sulla persona (ad es., quando sei arrivato in ritardo, ho dovuto cavarmela da sola ad accompagnare in sala da pranzo tutti gli occupanti della casetta, ed stato davvero difficile anzich dire sei sempre in ritardo e questo denota mancanza di rispetto nei miei confronti); Cercate delle soluzioni ai problemi, anzich soffermarvi troppo su questi ultimi. Se, dopo una discussione su queste linee, non riuscite ancora ad arrivare a una soluzione con laltra persona, chiedete aiuto. Evitate di parlare con troppa gente della questione o di sparlarne in giro, rivolgendovi direttamente al vostro supervisore o al team dello staff di supporto.

Niente di Personale
La situazione personale di ognuno e le circostanze influiscono enormemente sui comportamenti. Non giudicate mai n ospiti n i Dynamci. Non si pu mai essere sicuri del perch possano avere dei comportamenti inaspettati, ma ricordatevi che ci non ha quasi mai niente a che fare con voi. Se la situazione diventa difficile, o non siete sicuri di cosa fare, chiedete aiuto o consiglio ad un membro dello Staff che potrebbe avere pi esperienza. Sar sicuramente felice di aiutarvi! Non abbiate paura di chiedere aiuto, non e' segno di mancata capacit o debolezza. Tutti abbiamo bisogno di aiuto a volte: e' cosi che si impara e si migliora!

17

Reagire
Se entrate in conflitto con un ospite RIFLETTETE e CERCATE DI RISTABILIRE LA CALMA prima possibile. Considerate che probabilmente ci sono altri ospiti nelle vicinanze che vi possono vedere e sentire. Ricordate che i Dynamci devono essere un esempio! Se non ve la sentite di affrontare il problema da soli, cercate chi vi pu aiutare.

9. Nostalgia di casa
FATTORI CHE INCREMENTANO LA NOSTALGIA DI CASA:
Particolare attaccamento tra il ragazzo e i genitori. Mancanza degli amici. Mancanza dei propri animali domestici. Differente modo di vita al campo rispetto a quello di casa. Limitata privacy nelle casette. Scarsa abitudine a condividere le cose. Solitudine. Pensare di essere inappropriato per le attivit del campo. L'essere stati mandati al campo contro la propria volont. Paura di fare brutte figure, del buio o di compagni aggressivi. L'assenza di un punto di riferimento e paura di fidarsi dello staff. Handicap fisici o il sentirsi diversi. Timidezza.

FATE ATTENZIONE A:
Chi non ha voglia di partecipare. Chi ha problemi ad integrarsi nel gruppo. Chi va spesso al Club Med (infermeria). Chi non ha appetito. Chi passa molto tempo da solo. Chi si arrabbia facilmente. Chi ansioso. Chi parla troppo spesso di casa sua.

COME AGIRE DI FRONTE ALLA NOSTALGIA DI CASA:


I rimedi si stabiliscono in base alle indicazioni date dai ragazzi stessi. Fate attenzione allo stato d'animo dei ragazzi. I momenti pi critici della giornata sono la sera o i momenti di relax. Trovate una persona d'appoggio per ogni ragazzo: un membro dello staff o un loro compagno di cui si fidano. Cercate interessi o attivit che piacciono al bambino, in modo da distrarlo e tenergli la mente occupata.

18

Assicuratevi che la ragione del suo comportamento non sia una causa fisica (indigestione, costipazione, malessere generale, stanchezza). Evitate di prendere in giro, o mettere in imbarazzo il bambino nostalgico. Fategli sapere che questo sentimento una cosa normale, soprattutto durante i primi giorni. Suggeritegli di scrivere una lettera o cartolina da mandare a casa o di usare una delle attivit per creare un regalo personalizzato per la sua famiglia. Non illudete mai un bambino, promettendogli qualcosa che non sapete se potrete mantenere.

10. Supporto medico


L'infermeria (chiamata Club Med) gestita da personale medico e infermieristico che fornisce a Dynamo Camp la possibilit di ospitare bambini e ragazzi con varie patologie. L'assistenza medica che si effettua di routine amichevole e non invadente, caratteristiche molto importanti per bambini che hanno passato molto tempo in ospedale. Tutti i membri dello staff medico sono dei professionisti, quindi se avete domande o non vi sentite bene non esitate ad interpellarli. Durante ogni sessione con minori soli, due medici e due infermieri partecipano a Dynamo Camp; durante le sessioni con famiglie prevista, invece, la presenza di un infermiere. Ricordate: In caso di incidenti, infortuni, malori di ospiti o Dynamci, riferire al Club Med per la compilazione del verbale. Assicuratevi di aver fatto tutte le vaccinazioni richieste. I bambini che sono in terapia devono essere accompagnati al Club Med negli orari stabiliti da almeno due Dynamci. Solo lo staff medico distribuisce i medicinali agli orari richiesti, normalmente durante i pasti.

Precauzioni universali
Le precauzioni universali partono dal presupposto che il sangue e qualsiasi altro liquido biologico siano contagiosi per i virus dell'immunodeficienza acquisita umana (HIV), il virus dell'epatite B (HBV), ed altri patogeni trasmissibili con il sangue e altri liquidi organici. Portate sempre con voi i guanti sterili monouso in dotazione. Indossate sempre i guanti quando trattate ferite, sangue o altri liquidi organici (questa regola vale per ferite di bambini e degli adulti). Usando i guanti proteggete voi stessi e gli altri. I vestiti, le lenzuola o gli asciugamani sporche per perdite notturne o ferite accidentali, devono essere messi da lavare negli appositi contenitori e maneggiati con i guanti. I contenitori si trovano in tutte le casette oppure in infermeria.

Medicinali
Durante le sessioni per minori non accompagnati, tutti i medicinali devono essere custoditi nell'infermeria. Non assolutamente consentito conservare alcun tipo di sostanza non autorizzata dal Club med tra i propri effetti personali. Sia le medicine dei bambini che quelle dei Dynamci devono essere consegnati al Club Med il giorno dell'arrivo dei bambini al Camp. Ogni dynamico potr accedere al Club Med con lautorizzazione dello staff medico per avere le sue medicine. 19

Alert List
Prima di dare inizio ad ogni sessione, lo staff medico distribuisce l'Alert List ai Responsabili di Casetta e ai Responsabili di Attivit. SullALert List, accanto al nominativo di ogni ospite, non sar indicata la patologia, ma solamente le particolari necessit mediche dei ragazzi (orari delle terapie, precauzioni, attenzioni, ecc) che i Dynamci devono sapere. Ogni volta che si prepara unattivit da proporre ai ragazzi, sia essa un balletto, un nuovo modo di pulire la casetta, ecc. importante prendere in considerazione lAlert List per accertarsi che ci che si propone sia fattibile per tutti. Lalert list sar custodita dal Responsabile di Casetta, sar sempre a vostra disposizione per essere consultata ma non dovr MAI essere condivisa con i campers.

Privacy
La privacy un punto fondamentale per far funzionare il Camp. Avrete tutte le informazioni necessarie per prendervi cura dei ragazzi. LAlert List un documento confidenziale, va custodito in casetta e mai divulgata. Non saprete mai la diagnosi o prognosi dei ragazzi, e non dovrete parlarne con altre persone. Se sentite di non aver avuto abbastanza informazioni per occuparvi dei bambini, parlatene con lo Staff e poi eventualmente con il medico. Tutti i bambini meritano le stesse attenzioni. Nessun bambino deve essere coccolato pi di altri perch sembra avere una patologia pi grave. A volte i bambini o i genitori vogliono confidare dettagli della malattia. E' un onore ricevere la loro piena fiducia ma va ricambiata con il rispetto per la loro privacy. E' importante che i Dynamci trattino la propria vita con lo stesso livello di riservatezza. Mentre naturale aspettarsi che i bambini facciano domande sulla vostra vita fuori dal Camp, ci sono alcune cose che non dovete discutere con loro. Evitate di far sapere ai bambini dettagli della vostra vita personale: non confidate le vostre situazioni dolorose, evitate argomenti che non potreste gestire e non date informazioni sul Camp che non li riguardano.

11. Precauzioni contro labuso e lo sfruttamento dei minori


L'abuso e la violenza su minori un crimine serio. I Dynamci, con la responsabilit di cui sono investiti, si potrebbero trovare in situazioni che li espongono ad accuse di molestie. Se fate attenzione alle seguenti regole, non dovrete temere accuse infondate: Un Dynamco non deve mai rimanere da solo con un minore a meno che sotto il controllo di altri. Se un Dynamco deve parlare in privato con un bambino, dovrebbe allontanarlo dal gruppo ma rimanere in vista. Se un ragazzo e' stanco e dice di volersi sdraiare, deve essere portato in infermeria. Siate sempre almeno in due quando aiutate i ragazzi a farsi la doccia o a vestirsi. I bambini hanno diritto a rifiutare dimostrazioni d'affetto se non si sentono a loro agio. Non tutti i bambini vengono da una situazione familiare dove l'affetto si esprime apertamente. Rispettate le volont individuali. Proteggete la vostra privacy. Ci sar naturale curiosit verso la vostra vita privata: se siete fidanzati, che rapporto avete con altri Dynamci, e cos via. Usate il buon senso nel rispondere alle domande dei bambini. Nessuno dovrebbe rivelare dettagli sulla 20

propria vita privata. Quando parlate con altri Dynamci della vostra vita privata, assicuratevi che i bambini non vi possano sentire. Rispettate la privacy dei bambini. Non siate invadenti nei loro confronti o pi curiosi del necessario quando vi rivolgete a loro, soprattutto per quanto riguarda il loro stato di salute. Lasciate che i bambini applichino da soli la crema protettiva solare a meno che non vi chiedano aiuto.

12. Regole al Camp


Ingressi e portineria: lingresso principale di Dynamo Camp lingresso A, da via Ximenes 662. Qui presente la portineria aperta dalle ore 8 alle ore 17. In circostanze particolari, ad esempio larrivo dei ragazzi, viene utilizzato anche lingresso B della fattoria. Riconoscimento: tutte le persone allinterno del Campo (volontari, personale di Dynamo Camp, ditte esterne, visitatori e altri) devono portare ben visibile il cartellino con il proprio nome. Entrata-Uscita dal Campo: nel caso in cui qualcuno abbia intenzione di uscire dal camp nei momenti concessi dal programma (ora libera) deve far richiesta del badge in portineria dietro deposito di una cauzione di 5 euro. Ogni volta che si desidera quindi uscire dal camp necessario strisciare il badge magnetico nel timbratore elettronico accanto alla portineria. La via Ximenes la strada provinciale su cui si affacciano entrambi gli ingressi del campo: in NESSUN CASO un bambino pu attraversare questa strada a piedi senza essere accompagnato per mano dai propri genitori o da un membro del personale. Visitatori Ospiti: tutte le visite che hanno luogo durante le sessioni di Dynamo Camp devono essere concordate anticipatamente con il Direttore del Camp. Gli ospiti devono sempre essere accompagnati dal Direttore o da membri incaricati dello staff che hanno una radio e conoscono le procedure di emergenza. Ai visitatori viene richiesto di evitare un contatto diretto con i partecipanti, di muoversi con discrezione e di vestire in modo informale e adatto ad un campo estivo per ragazzi. Fumo, Alcool, Stupefacenti: le bevande alcoliche, il fumo di tabacco e la detenzione di stupefacenti NON sono permessi durante lintero soggiorno al Camp a Dynamo Camp. Il consumo di alcol o droghe nellarea del Camp comporter lespulsione dalla struttura e lesclusione da Dynamo Camp. Telefoni: durante le sessioni NON consentito luso del telefono cellulare . Per questo chiediamo a staff e volontari di lasciare i telefonini nelle proprie stanze e di limitare il loro uso al tempo libero, alla sera quando i bambini sono a letto e comunque mai nelle vicinanze degli ospiti. Per comunicazioni di emergenza possono essere utilizzati i telefoni e il fax degli uffici. Fotografie e Video: allinterno di Dynamo Camp durante le sessioni ai Dynamci non consentito fare fotografie. Durante il periodo di formazione consentito scattare fotografie alle strutture interne e ad adulti presenti al Camp solo ad uso personale. Propriet personali: ogni propriet personale sotto la custodia del suo proprietario e Dynamo Camp non si assume la responsabilit per oggetti smarriti o danneggiati durante le attivit e la permanenza nella struttura. Allinterno del campo non sono ammessi oggetti che possono ferire e portare danno o alle persone o alla struttura stessa. Aree di attivit: lingresso nelle aree di attivit consentito solo se accompagnati da un membro dello staff. I materiali e le risorse a disposizione sono limitate, per questo ad ogni 21

persona presente al campo richiesto di NON utilizzarle per scopi personali ma di lasciarle a disposizione degli utenti del camp. Staff lounge e aree comuni: ricordatevi che la staff lounge off-limits per i ragazzi: non dimenticatevi di chiudere le porte e mantenete le tende chiuse. La staff lounge stata pensata per essere un ambiente accogliente per staccare un po la spina durante il tempo libero del campo: contiamo sul vostro aiuto per mantenerla tale!! Ambiente: fate la raccolta differenziata. Spegnete le luci, chiudete lacqua, spegnete i condizionatori quando non servono e segnalate malfunzionamenti o richieste di manutenzione. Tutto questo ci aiuter a mantenere il Camp in perfette condizioni! Linguaggio e vestiario appropriata: ogni adulto e bambino a Dynamo Camp tenuto ad adottare un linguaggio ed un abbigliamento coerente con i principi e le linee guida del Camp, quindi non volgare e non offensivo per sesso, identit religiosa, etnica e culturale. E fortemente consigliato non indossare top troppo scollati, mostrare pance nude, indumenti intimi in mostra, pantaloncini troppo corti, gonne o vestiti troppo scollati o trasparenti; In presenza dei ragazzi necessario indossare sempre biancheria intima adeguata, facendo in modo che sia coperta dallabbigliamento; Personale e ragazzi devono sempre indossare maglietta/camicia; Non sono permessi capi dabbigliamento con scritte o disegni inappropriati; Anche i pigiami, labbigliamento da notte e il costume da bagno deve essere in linea con queste linee guida. Il Camp cercher di fornire alcuni capi/oggettistica Dynamo (es. maglietta, felpa, cuffia, portabadge, ecc) e in tal caso per noi importante che questi vengano indossati il pi frequentemente possibile. Inoltre fondamentale, che i volontari gi venuti in sessione, quindi gi in possesso di eventuale vestiario Dynamo e portabadge, riportino con s tale materiale da indossare nelle loro eventuali sessioni future, in modo da poter rendere Dynamo Camp il pi sostenibile possibile anche grazie a questo vostro contributo. Posta e telefoni: durante la permanenza al campo, possibile ricevere posta presso i nostri uffici e lasciare come recapito telefonico il numero della portineria (0573.621728). Eventuali comunicazioni possono quindi essere spedite al nostro indirizzo specificando: Nome e Cognome Presso Dynamo Camp Via Ximenes 662, loc. Limestre 51028 San Marcello Pistoiese, Pistoia Contatti gli ospiti dopo il camp: per garantire la sicurezza dei ragazzi, staff e volontari NON sono autorizzati a scambiare i loro numeri di telefono e contatti personali, nonch a intraprendere relazioni utilizzando Internet (es. facebook) con i partecipanti di Dynamo Camp, siano essi minori o componenti adulti della famiglia. Se qualche ragazzo vi chiede i vostri contatti per favore date sempre i riferimenti del campo (indirizzo di Dynamo Camp oppure info@dynamocamp.org). Una volta che i ragazzi o le famiglie scriveranno ai nostri recapiti sar nostra premura inoltrarvi le comunicazioni. Mezzi di trasporto e Parcheggi: gli unici veicoli che possono essere utilizzati allinterno del campo sono le macchinine elettriche, i mezzi necessari per la manutenzione e le macchine aziendali; tutti gli altri veicoli, inclusi quelli del personale, dei volontari, di visitatori e altri, NON sono ammessi e devono essere parcheggiati nelle aree apposite previste allesterno o allinterno del campo. 22

Le macchinine elettriche e i veicoli aziendali possono essere utilizzati esclusivamente dal personale autorizzato e formato. severamente vietato a qualsiasi altra persona utilizzare questi mezzi di trasporto. Ora libera e Coprifuoco: durante le sessioni con minori non accompagnati i Dynamci hanno 1 ora libera al giorno. Questa ora libera pu essere presa solo durante i blocchi di attivit la mattina e il pomeriggio. Alla mattina, lo staff e i volontari di ogni gruppo di attivit decidono i turni in cui assentarsi. Ricordatevi di prendervi questa ora ogni giorno e di riposarvi. E fondamentale che tutti i membri dello staff e dei volontari siano riposati e pieni di energia. Il coprifuoco a MEZZANOTTE e MEZZA, questo significa che a mezzanotte e mezza TUTTI i membri dello staff e i volontari devono essere nelle loro rispettive stanze, permettendo a chi di turno in casetta di fare lo stesso e riposarsi sufficientemente per il giorno dopo. Relazioni sentimentali: le relazioni personali tra Dynamci a Dynamo Camp devono essere gestite in modo discreto ed appropriato e non devono interferire con le responsabilit professionali del loro ruolo. Sollevamento bambini e portare a cavalcioni: Per garantire un comportamento equo verso tutti i ragazzi, non si pu sollevare da terra nessuno dei partecipanti al Camp, ad esempio: prendere in braccio o portare a cavalcioni. Sedie a rotelle: per motivi di sicurezza, durante OGNI spostamento allinterno del campo in salita o in discesa, le sedie a rotelle DEVONO SEMPRE ESSERE SPINTE SOLO DAI MEMBRI DELLO STAFF E DEI VOLONTARI, mai dai ragazzi, in modo da evitare sia pericolosi incidenti sia altri rischi di tipo medico. Non si possono sollevare da terra le sedie a rotelle, neppure per salire sugli automezzi che sono dotati di rampe apposite. Nel caso in cui non si utilizzino le rampe sar lo Staff a mostrare ai dynamici la procedura giusta per far salire le sedie a rotelle sui mezzi di trasporto. Bagno: prima di andare in bagno i ragazzi sono tenuti a comunicarlo allo staff. I bambini possono accedere ai bagni solo se accompagnati da due membri dello staff, per gli adolescenti non necessario scortarli fino ai bagni, sufficiente che siano seguiti con lo sguardo. Correre: Dentro al camp si va tutti al passo. In spazi circoscritti e sicuri, in momenti prestabiliti e in situazioni in cui tutti i partecipanti possono partecipare allattivit sar possibile correre, ma lo saprete da programma. Salire su tavoli e panche, saltare: Tutti i mobili presenti allinterno del campo vanno usati secondo il loro scopo. Sul tavolo si mangia e si scrive e non ci si siede; sulle sedie e sulle panche va appoggiato il sedere e non i piedi; i letti sono fatti per dormine e non per saltare; negli armadi vanno riposti i vestiti, non sono dei nascondigli; ecc Musica appropriata: Al camp la musica una compagna costante. per importante che la musica proposta ai ragazzi non sia volgare sia nei contenuti che nel linguaggio e che sia coerente con i principi e le linee guida del camp Scherzi: Il Camp ha una storia di scherzi esilaranti. importante, per, per mantenere questa tradizione, che nel tempo si continuino a rispettare lo spazio personale, gli animali e le propriet del campo. Uno scherzo bello e riuscito quando diverte i ragazzi e lo staff e non quando causa problemi o distruttivo. (Tenete docchio i piani dei ragazzi ed assicuratevi di non superare i limiti anche per quel che riguarda uso del cibo o altro). Per evitare problemi condividete sempre con il vostro RC i piani dei ragazzi, sar poi lRC a preoccuparsi di avvisare lRC la cui casetta sar vittima dello scherzo in modo da evitare equivoci. 23

Mance e regali: Ai membri dello staff richiesto di non accettare mance e regali costosi da parte dei ragazzi e delle loro famiglie. Mai soli con un minore: per poter garantire la massima tutela sia dei ragazzi sia del personale, importante che un membro dello staff o un volontario non resti mai da solo con un bambino. Assicuratevi quindi che, se per qualche motivo un bambino si dovesse allontanare dal gruppo, (per andare al bagno, in infermeria, ecc.), non sia mai da solo ma sempre accompagnato da due adulti. Se dovete accompagnare un bambino, chiedete ad un altro membro del personale di venire con voi e siate disposti a fare altrettanto in altre occasioni. Le regola di non rimanere mai soli con un bambino o un gruppo di bambini vale sempre e in ogni circostanza. Questo protegge sia voi che loro.

13. Prendetevi cura di voi stessi!


Con i ritmi incalzanti del Camp spesso facile dimenticarsi delle proprie necessit. Il proprio benessere fisico e mentale di fondamentale importanza, non solo per se stessi ma soprattutto per i bambini. La vostra energia il motore del campo, se siete stanchi non potrete dare il meglio di voi stessi. Non sovraffaticatevi, ricordate di riposare quando possibile. Cercate un momento per voi stessi: importante per rigenerare le energie. Ricordatevi che non potete prendervi cura degli ospiti del Camp se prima non vi prendete cura di voi stessi. Per qualsiasi domanda o richiesta rivolgetevi ad un membro dello Staff o del Support Staff, che vi aiuter al meglio possibile. Utilizzate le ore libere per rilassarvi e staccare un po dalla vita frenetica del camp. Siamo tutti al campo per imparare. Tutti i partecipanti hanno qualcosa di speciale con cui contribuire, quindi mostrate i vostri talenti nascosti! Divertitevi!!!!

14. Procedure di sicurezza


1 Prevenzione Pratica
1.1 INCENDIO
Ricordatevi che al Camp: E ASSOLUTAMENTE VIETATO FUMARE AL CAMP, SIA ALLINTERNO CHE ALLESTERNO DEI LOCALI Per evitar linsorgere di incendi importante ricordarsi di: spegnere i dispositivi elettrici che vengono usati (stereo, colla a caldo, pc, stampanti..); spegnere le luci; non sovrapporre materiali caldi (es. dopo la stiratura) e non appoggiarli vicino a materiali infiammabili; aprire le finestre per far girare un po daria (specialmente nella stanza del forno); togliere dal sole vetri, specchi o altro materiale che potrebbe provocare un incendio; preparare il fal serale in un luogo appropriato, mantenere i partecipanti ad una certa distanza di sicurezza e avere sempre a disposizione una riserva dacqua; 24

spegnere tutte le candele prima di andare a dormire o abbandonare la stanza; posizionare le candele lontano dai letti, dai vestiti o da altro materiale infiammabile; imparare la posizione le vie duscita e mantenerle libere e sgombre; non appoggiare vestiti, stoffe o altro sulle lampade.

1.2 ALLAGAMENTO
Per evitare allegamenti ricordarsi di: chiudere tutti i rubinetti; controllare anche i servizi prima di lasciare larea; assicurarsi che le lavatrici siano spente prima di lasciare il locale lavanderia.

1.3 SMARRIMENTO DI BAMBINI E RAGAZZI


Per non smarrire alcun minore al camp indispensabile che ogni membro dello staff sappia SEMPRE dove si trovano i propri ragazzi sia che si tratti di allontanarsi un attimo per andare in bagno, sia negli spostamenti tra le attivit, sia nei momenti comuni (come in mensa o nel programma serale). fondamentale contare i partecipanti e spostarsi sempre tutti insieme come gruppo dattivit o gruppo di casetta.

1.4 MACCHININE ELETTRICHE


Le macchinine elettriche non sono un giocattolo e sono potenzialmente molto pericolose: vanno utilizzate con buon senso e prudenza. Sono molto pesanti (quasi quanto una piccola utilitaria) e a forte rischio di ribaltamento in caso di sbandata o avvallamenti del terreno. Non vanno condotti fuoristrada! Servono allinfermeria, allo staff di supporto, alla manutenzione, al personale delle pulizie e alla portineria per uso interno al Camp. Per evitare incidenti che coinvolgano le macchinine elettriche: Si deve sempre procedere ad una velocit estremamente bassa; in prossimit di curve ed edifici avanzare a passo duomo; Possono essere guidate solo da chi ha ricevuto queste informazioni e la formazione pratica per usarle; Le persone si devono sedere SOLO sui sedili e NON sui cassoncini e mantenere braccia e gambe allinterno della macchinina; Vanno parcheggiate in piano, inserendo sempre il freno di stazionamento; i ragazzi non possono salirci mai quando sono incustodite. Se vedete una macchinina incustodita immediatamente e informate la portineria. con le chiavi inserite, prelevatele

2 Comunicazione
In caso di emergenza fondamentale chiedere aiuto. Il camp mette a disposizione alcuni strumenti per facilitare e velocizzare la richiesta di aiuto.

25

2.1 RADIO
1. ANTENNA 2. INDICATORE LUCINA LED: La lucina rossa si accende quando si sta trasmettendo. La lucina verde si accende quando si sta ricevendo. La lucina rossa lampeggia quando la batteria quasi scarica. 3. MANOPOLA DI SELEZIONE CANALE: Il pulsante ruota per selezionare canali da 1 a 16. Il canale selezionato quello indicato dalla lineetta bianca. 4. MANOPOLA ACCENSIONE/SPEGNIMENTO E CONTROLLO VOLUME: Girare la manopolina in senso orario fino a sentire un click per accendere la radio. Girare la manopolina in senso antiorario completamente fino a sentire un click per spegnere la radio. Quando la radio accesa girare la manopola per regolare il volume. 5. PULSANTE PER LA TRASMISSIONE (PTT): Premere e tenere premuto il pulsante per parlare. Lasciare il pulsante per ricevere. 6. PULSANTE DI MONITORAGGIO: Nella modalit di ricezione, premere il pulsante per monitorizzare lattivit sul canale. 7. MICROFONO INTERNO 8. SPEAKER 9. COLLEGAMENTO PER SUPPORTI ESTERNI 10. BATTERIA 11. CLIP 12. CHIUSURA BATTERIA

13. CONNETTORI PER RICARICA: Devono essere mantenuti puliti per ottimizzare la ricarica della batteria.

Per la ricarica (tutta la notte), la radio va spenta e inserita nel carica batterie. ATTENZIONE! Deve essere inserita correttamente finch non si accende la lucina rossa.

2.2 TELEFONI FISSI


Sono presenti telefoni fissi in alcune aree di attivit (teatro, piscina, fattoria), nonch: o in ogni casetta o in infermeria (club med); o in mensa; o in portineria; o negli uffici; o nella stanza dello staff; o nella villa

2.3 CHI E QUANDO CHIAMARE


In caso di emergenza contattare il personale medico o il Support Staff con uno dei due strumenti precedentemente indicati.

26

MEDICO

Telefono interno 730 Telefono interno

Cellulare 0573621730

Radio Canale 1 problemi mediche o emergenze

Cellulare

Radio

SUPPORT STAFF e ASSISTENZA TECNICA

problemi o emergenze legate alle persone (es. smarrimento di qualcuno, disturbi del comportamento..) problemi o emergenze collegate alla struttura (es. incendio, allagamento, black out..)

700

0573621700

Canale 1

Nel caso in cui il personale medico non risponda bisogna contattare direttamente il 118 (servizio di soccorso pubblico) secondo lo schema sotto riportato. schema di chiamata di emergenza al 118 1. componi il 118 (preceduto da 0 sui telefoni fissi) 2. dai la posizione : Dynamo Camp, Via Ximenes, 662 Loc. Limestre 51028 San Marcello Pistoiese, Pistoia 3. specifica la natura del danno (trauma, convulsioni, arresto respiratorio, eccetera), bambino o adulto, spiega situazione dellincidente 4. specifica presente un medico resta in linea e rispondi alle domande delloperatore

3. Intervento
Ecco le indicazioni valide in ogni caso di emergenza: mantieni la calma e valuta la situazione: non farti prendere dalla fretta e dal panico; non sei mai da solo: coordinati con i tuoi colleghi occupati dei ragazzi: rassicurali e aiutali a fare quello che serve in modo pacato, spiegando e senza dare ordini. Ricorda, la loro sicurezza e tranquillit sono la nostra priorit. Per mettere in pratica le procedure di emergenza importante sapere i punti di ritrovo allinterno del camp. Considerata la grande ampiezza della struttura, i PUNTI DI RITROVO sono stati individuati in quattro aree del Camp 1. parte bassa: il pennone alzabandiera tra la mensa e il teatro 2. parte alta (palazzine, arrampicata e trio con larco): il pennone alzabandiera tra la palazzina C e la palazzina A; 3. fattoria: il piazzale davanti alla fattoria; 4. piscina e campetti sportivi: il piazzale davanti alla piscina.

3.1 INCENDIO
Quando scatta lallarme oppure avvistate fiamme o fumo, bisogna: 1. interrompere lattivit senza farsi prendere dal panico e mantenendo un tono rassicurante; 27

2. raggruppare i ragazzi, senza fermarsi a raccogliere tutte le loro cose ed accompagnarli allesterno verso il punto di ritrovo; 3. se lincendio banale e molto circoscritto (carta che brucia in un cestino) si pu tentare di spegnere le fiamme; 4. chiamare via radio per spiegare la situazione oppure sul telefono digita il numero 700 e avverti velocemente dellaccaduto; 5. una volta al PUNTO DI RITROVO contare tutti i ragazzi per accertarsi che non manchi nessuno e attendere nuovo ordine da parte della Direzione del Camp.

3.2 SMARRIMENTO DI BAMBINI E RAGAZZI


Nel caso in cui si sia smarrito un minore bisogna: 1. determinare QUANDO e DOVE il bambino stato visto per lultima volta; 2. controllare bene larea in cui ci si trova con una parte dello staff disponibile, mentre il resto dello staff continua a tenere impegnati gli altri bambini; 3. valutare in che stato emotivo era il bambino prima di averlo perso di vista; 4. chiamare via radio per spiegare la situazione oppure sul telefono digita il numero 700 e avverti velocemente dellaccaduto: dire nome e cognome del bambino, luogo in cui ci si trova con il gruppo di attivit/casetta, dove e quando era stato visto per lultima volta ed eventualmente altri particolari di cui si certi (es. colore maglietta, cappellino...).

3.3 INTRUSIONE
Uno sconosciuto che vaga per il campo pu essere una persona che si persa accidentalmente cercando di trovare luscita o gli uffici, o una persona che si intrufolata intenzionalmente per arrecare danno alle cose o alle persone. In ogni caso una persona sconosciuta che non abbia n il cartellino di riconoscimento di una delle ditte esterne, n quello del campo che viene consegnato in portineria ad esterni e visitatori, non pu essere lasciata da sola. Se notate una persona sconosciuta muoversi allinterno del camp: durante il giorno 1. avvicinatela in modo cordiale e non aggressivo e non lasciatela proseguire da sola; 2. presentatevi e chiedete spiegazioni (chi , che cosa sta cercando, se potete aiutarla); 3. contattate la portineria via radio per una conferma; 4. eventualmente accompagnate la persona in portineria per la registrazione e lottenimento del cartellino (se qualcuno che deve restare) o per essere accompagnata alluscita. durante la sera tardi e la notte 1. avvisate immediatamente digitando il numero 700 e attendete istruzioni.

28

3.4 ANIMALI FUORI CONTROLLO


Se scappano gli animali della fattoria, specialmente i cavalli: 1. avvisare via radio o sul telefono digitando il numero 700; 2. spostare i gruppi in uno spazio chiuso e protetto; 3. restare nelle attivit protette SENZA SPOSTARSI fino a nuovo ordine;

3.5 TERREMOTO
In caso di terremoto, durante la scossa, dovete: se vi trovate allinterno di edifici 1. RESTARE ALLINTERNO; 2. aiutare i ragazzi a proteggersi sotto tavoli, accovacciandosi vicino ai muri portanti: non restare in piedi e allontanate tutti da lampadari, mensole, librerie, specchi, vetri e finestre; 3. non usare gli ascensori; 4. fare lappello e contare i presenti se manca qualcuno avvisare immediatamente come per smarrimento di partecipante. Dopo la scossa, dovete: 1. controllate i feriti. Fornite primo soccorso se siete in grado e NON spostate individui feriti a meno che non siano in pericolo immediato; 2. nel caso di ferite gravi, chiamate i numeri di emergenza; 3. al termine della scossa evacuare tutte le persone tenendo il gruppo unito, senza accalcarsi verso le porte e recarsi verso il punto di ritrovo. 4. prestate attenzione ad oggetti pericolanti e cavi elettrici mentre abbandonate ledificio; 5. in caso di incendio, attivate lallarme antincendio o avvisate via radio o digitando il 700 sul telefono. se vi trovate in un area esterna 1. spostatevi in uno spazio aperto lontano da alberi, muri e linee elettriche; 2. fare lappello e contare i presenti se manca qualcuno avvisare immediatamente come per smarrimento di partecipante; 3. non rientrare negli edifici fino a nuovo ordine della direzione.

29

15. Fac-simile moduli


Verbale Incidente/ Incidente sfiorato

Verbale Incidente/ Incidente sfiorato


PER CORTESIA COMPILARE IN STAMPATELLO E IN MODO LEGGIBILE. GRAZIE. Nome della persona coinvolta: Data di nascita: Camper Staff Volontario Ora: Visitatore

Data: Descrizione precisa del luogo:

Descrizione precisa dellincidente (che cosa successo, chi era coinvolto, ecc. Per cortesia essere il pi dettagliati possibile)

Dettagli di apparenti ferite/problemi fisici:

Testimoni:

stato eseguito un intervento di Primo Soccorso? S Se s, Nome del Soccorritore che intervenuto:

NO

Quali azioni sono state eseguite in modo immediato (di primo soccorso o di altro tipo, es. allontanamento, ecc.)?

Spiegazioni delle cause dellincidente fornite: dal ferito dal testimone

dal soccorritore

Verbale compilato da NOME E COGNOME IN STAMPATELLO Firma Data 30

Richiesta di Manutenzione

Richiesta di Manutenzione
PER CORTESIA COMPILARE IN STAMPATELLO E IN MODO LEGGIBILE. GRAZIE. DATA: RICHIESTA FATTA DA: LUOGO: (CASETTA, AREA DI ATTIVIT) DESCRIZIONE PROBLEMA: DISEGNO (SE NECESSARIO)

PRIORIT ALTISSIMA (ALTO RISCHIO PER LA SALUTE) OGGI QUESTA SETTIMANA LA SETTIMANA PROSSIMA O NON APPENA POSSIBILE

PORTINERIA: DATA: INTERVENTO COMPLETATO DA: SITUAZIONE (RISOLTA, ULTERIORI INTERVENTI RICHIESTI..) 31

Associazione Dynamo Camp Onlus

Via Ximenes, 662 - Loc. Limestre 51028 San Marcello Pistoiese (PT) Tel. 0573 621 71 Fax. 0573 621 757 e-mail: info@dynamocamp.org

staff@dynamocamp.org
www.dynamocamp.org

32