Sei sulla pagina 1di 1

-MSGR - 04 FROSINONE - 38 - 01/06/13-N:

38

Frosinone

Sabato 1 Giugno 2013 www.ilmessaggero.it

Evento del gusto piace la proposta dello chef Tassa


LIDEA
Se non lui chi? Chi pi di uno chef noto in tutto il mondo, dalla fantasia riconosciuta e pluripremiata come Salvatore Tassa de Le Colline Ciociare, pu ambire a cavalcare uno scatto dorgoglio per rilanciare la Ciociaria e promuoverne le eccellenze partendo dalla cucina? Del suo desiderio di raccontare una provincia diversa, lontana dal tormentone manfrediano del fusse ca fusse la volta buona!, si proposto, in occasione del 25esimo di attivit, come icona di qualit per lorganizzazione di uno o pi eventi per la promozione del territorio. Lidea piaciuta ai vertici delle istituzioni locali. Il commissario straordinario della Provincia Giuseppe Patrizi non ha dubbi: Sono iniziative importanti, parler direttamente con lideatore per approfondire la proposta. Dobbiamo lavorare aggiunge Patrizi non basta solo il Comitato di sviluppo, occorre fare sinergia e investire sulle ricchezze della nostra terra per uscire da questo tunnel di oscurantismo. Positivo anche lapproccio da parte del Presidente della Camera di Commercio di Frosinone: Mi sembra una buona idea. Lenogastronomia commenta Marcello Pigliacelli uno degli asset di rilancio di questo territorio, costituisce un segmento significativo della filiera turistica che occorre sostenere. Sono disponibile a parlarne, Tassa potrebbe diventare un grande testimonial. Limportante che vengano usati prodotti di questo territorio, non importate il mezzo ma il modo. Da dove partire, immaginando una location ideale per ospitare la manifestazione? Magari dal comune capoluogo il cui primo cittadino, Nicola Ottaviani, mostra anchegli interesse per la proposta di Tassa: Tutto quello che attiva interesse e muove turismo in Provincia di Frosinone afferma Ottaviani ben accetto. In un momento in cui lindustria e ledilizia arrancano, solo le nuove iniziative che tendono a valorizzare il turismo, oltre che le risorse che questo offre, possono costituire volano per una ripresa economica dellintero contesto provinciale. Il cuciniere Tassa gode di una fama che valica con facilit le colline della Ciociaria e quelle dello stesso territorio regionale, dunque pu rappresentare tranquillamente un elemento di forte attrattiva in un panorama riottoso a nuove iniziative e manifestazioni di promozione sul territorio. Nel frattempo Tassa voler a Londra. Il 21 e 22 maggio, allUniversit dei Sapori a Perugia, il cuciniere acutino ha trionfato allultima edizione del concorso Ercole Olivario guadagnandosi la possibilit di rappresentare il Lazio nel Men Ercole Olivario 2013 che sar presentato a fine giugno nel Regno Unito per poi essere adottato nei ristoranti italiani all'estero certificati con il marchio di Ospitalit Italiana, per promuovere l'olio extravergine di qualit. Annalisa Maggi
RIPRODUZIONE RISERVATA

Caso Videocon la Bianchi: mobilit unica via possibile


LA VERTENZA
Questa la verit sulla Videocon. Mentre i sindacati hanno inviato un appello al governatore del lazio Zingaretti e ai ministri Giovannini e Zanonato chiedendo un incontro urgente per scongiurare la fine della cassa integrazione in deroga, la consigliera regionale Daniela Bianchi eletta nel listino di Zingaretti interviene duramente sullargomento: La Videocon non pu essere terreno per melina politica o giochi di potere. Ma soprattutto nessuna strumentalizzazione deve essere giocata sulle spalle delle donne e degli uomini che in quella fabbrica hanno speso le proprie energie e le proprie competenze. Secondo la Bianchi la soluzione definitiva della vicenda Videocon non pu certo passare per la cassa integrazione, che ormai va avanti da sette anni. E una verit cos evidente che lo stesso Mario Abbruzzese (consigliere regionale del Pdl, ndr) lo ha sottolineato e come vice presidente della Commissione allo Sviluppo Economico ben consapevole di fatti e risvolti. Ecco secondo la Bianchi come stanno le cose: Nellincontro che si svolto, lo scorso 14 gennaio, presso il Ministero per lo Sviluppo e a cui presero parte Regione Lazio, Provincia di Frosinone, Comitato per lo Sviluppo, camera di Commercio, Consorzio Asi, Unindustria Frosinone, Federlazio e tutte le organizzazioni sindacali, fu disegnata una road map che doveva portare ad un accordo di programma entro il 30 giugno. Si stabiliva che, per ratificare laccordo, sarebbero

Il vecchio progetto dellaeroporto di Frosinone prevedeva larrivo di voli low cost

No Aeroporto, Retuvasa non pi sola Ora stop alla variante


`Bearzi e Valleriani

chiedono allAsi di ritirarla IL CASO


Non sono pi soli. Gli ambientalisti di Retuvasa e la sinistra radicale si sono accorti negli ultimi giorni leggendo i giornali che una larga fetta del Pd si schierata al loro fianco sulla fronte del No aeroporto. Prima la senatrice Maria Spilabotte, poi leuroparlamentare Francesco de Angelis hanno preso le distasnze dal collega di partito Francesco scalia, anzi, gli hanno lanciato svariati siluri dicendo chiaramente che il progetto dellaeroporto un sogno non solo inutile da coltivare, ma dannoso. A distanza di anni, le ragioni tecniche, economiche e ambientali dellinsostenibilit del progetto di un aeroporto di Frosinone, a pi riprese formalizzate dalla nostra associazione, vengono finalmente denunciate da senatori ed europarlamentari gravitanti sul territorio. Non mai troppo tardi per ravvedersi, anche se il movente non sembra, almeno in alcuni casi, cos trasparente, dicono con realismo Francesco Bearzi, coordinatore frusinate di Retuvasa, e Alberto Valleriani che dellassociazione il presidente. Non si possono non condividere gli inviti allo scioglimento del cda di AdF, oggetto delle note indagini

della Corte dei Conti, specie relative al periodo della presidenza provinciale Scalia, che non ha evidentemente pi alcuna ragion dessere - spiegano gli ambientalisti Sorprendente che lo stesso Scalia continui a rimarcare lesclusione di Grazzanise e Viterbo dalla pianificazione aeroportuale nazionale come nuovo elemento a favore di un aeroporto nel Frusinate. Viene cos meno, parzialmente, la questione della congestione delle rotte di volo, da noi sempre sottolineata in quanto considerata insormontabile dallENAC e dallENAV, ma fino a poco tempo fa comodamente ignorata dai sostenitori dellaeroporto. Risulta daltra parte di lapalissiana evidenza che la congiuntura economica, imponendo luscita dalla pianificazione

Nel capoluogo

In Comune ufficio reclami


Frosinone ha adottato il programma triennale per la trasparenza e l'integrit amministrativa. Il nostro obiettivo - spiega il sindaco Nicola Ottaviani - continuare a favorire forme diffuse di controllo nel rispetto dei principi di buon andamento e imparzialit nell'erogazione dei servizi, a garanzia della legalit. I Comune attiver anche un servizio di gestione dei reclami.

Lo chef Salvatore Tassa vuole rilanciare il territorio puntando sullenogastronomia

nazionale di scali che lEnac considerava di un certo rilievo, non lasci alcuno spazio a un insulso aeroporto a Frosinone, uscito perdente a suo tempo dalla competizione tecnica con gli scali concorrenti. Ma Retuvasa scettica anche sul progetto eliportuale, anzi avanza pesanti dubbi. Ci sembra chiaro spiegano Bearzi e Valleriani - che, a prescindere dalla problematica convivenza con la scuola elicotteristica di volo del 72 stormo, la sua reale funzione sia quella di una sorta di trojan horse per laeroporto, con il forte rischio di potenziali speculazioni edilizie innescate dalla Variante aeroportuale intermodale. Ci chiediamo in particolare: perch ASI e AdF (e in particolare Arnaldo Zeppieri, imprenditore nel settore delle costruzioni, membro del nuovo cda AdF nonch presidente dellAsi), se intendono limitarsi alla realizzazione delleliporto, non hanno ancora ritirato la colossale Variante aeroportuale intermodale, che esproprierebbe 300 ettari di territorio? Si attende a riguardo la linea della Giunta Zingaretti e dei consiglieri regionali espressione del territorio. Al neonato consiglio comunale di Ferentino Retuvasa chiede se intenda approvare il prossimo settembre un Prg che include la destinazione eliportuale/aeroportuale di ettari ed ettari di territorio. A questo punto si attendono risposte. Vittorio Buongirono
RIPRODUZIONE RISERVATA

BASTA MELINE O GIOCHI DI POTERE DICIAMO COME STANNO LE COSE


stati necessari un programma di riconversione e reindustrializzazione del Sistema locale del Lavoro e gli strumenti operativi per dare un futuro allarea industriale e ai lavoratori. Bene, quel programma, continua la Bianchi stato definito nei tempi stabiliti. Le determinazioni finali sono che 147 aziende si sono impegnate per un programma di investimenti pari a 400 milioni di euro. Una rivoluzione per questo territorio. E qui arriviamo a quanto accaduto negli ultimi giorni. Il programma stato condiviso con i tecnici degli assessorati regionali alle attivit produttive e al lavoro. Ora stiamo attendendo la risposta del Ministero. La Bianchi si dice consapevole del momento difficile che stanno vivendo gli operai Videocon, ma lunica strada percorribile che le lavoratrici e i lavoratori della Videocon verranno posti in mobilit, con unindennit disciplinata dalle norme dellassicurazione contro la disoccupazione con una durata fino a 36 mesi. La mobilit consentir lassunzione immediata dei lavoratori, condizione che stata posta come conseguenza prioritaria dellaccordo di programma, nelle nuove attivit di impresa che si insedieranno nellarea interessata dalla programmazione - dice la consigliera regionale - Se vogliamo dare una chance a questo territorio, dobbiamo necessariamente ripartire da uno sviluppo e da una pianificazione strategica, di qualit e competitiva. Come ha dichiarato Zingaretti non panniccelli caldi ma un nuovo modello di sviluppo.
RIPRODUZIONE RISERVATA

La gaffe di Grillo, i 5 Stelle ciociari lo difendono


`Il solo Mastrangeli

ormai espulso manifesta serie perplessit LA POLEMICA


Erano solo battute. I grillini, o almeno i rappresentanti ufficiali del Movimento, in provincia di Frosinone non si sono sentiti offesi dal video postato qualche giorno fa su Youtube dalla sezione di Figline Valdarno dei 5 Stelle in cui, rivolgendosi ai candidati e ai militanti di Ferentino (Ferretino, era scritto in realt nel post), Atina e Torrice, comuni in cui il M5S partecipava alle Comunali, Grillo ironizzava sulla Ciociaria.

Non era un video offensivo - ha spiegato Luca Frusone, deputato di Alatri - stato strumentalizzato in maniera indecente. Dello stesso parere anche Christian Bellincampi, attivista di Frosinone: Grillo sempre stato cos dissacrante, non una novit. E non certo la prima volta che prende in giro paesi e citt. successo a Empoli o in Calabria. Lo fece anche con Sora quando si vot per le comunali. Quindi nessuno tra voi se l' presa? Tra i nuovi ingressi qualcuno rimasto perplesso ma solo perch non lo conoscevano bene... Poi quando abbiamo spiegato che tipo , tutto stato chiaro. Marino Mastrangeli, il senatore di Cassino che dal Movimento stato espulso e ora siede con il gruppo misto invece perplesso lo eccome: Come dice il pro-

verbio lo scherzo bello quando dura poco" Qui forse durato un po' troppo. Il punto cruciale sta nel fatto che quel video doveva restare privato. Secondo i grillini infatti non stato oscurato dopo le critiche, semplicemente il giorno dopo lo scoppio della polemica tornato tale, privato, da Figline qualcuno ha limitato gli accessi. Eppure tanto privato non sembrava visto che era indirizzato pi che ai militanti dei comuni in cui il Movimento aveva un candidato e una lista ai potenziali elettori dei grillini. A Torrice, ad esempio. Nel video Grillo neppure ricorda il nome della cittadina (e fuori campo si sente una voce di donna che ironizza pesantemente) eppure gli attivisti locali quel video l'hanno condiviso su internet e durante il comizio finale di venerd l'hanno

proiettato in piazza. La reazione? Nessuno si particolarmente scandalizzato, ha detto il candidato a sindaco Davide Savone. Voi come l'avete presa? Ci aspettavamo effettivamente un video un po' pi serio. Ma non stato offensivo. Si vedeva che era spontaneo, girato in un ambiente privato. La reazione che c' stata stata esagerata, lui voleva provocare per dire: sveglia, diamoci una mossa. Il Movimento a Torrice ha totalizzato 173 voti, ovvero il 4,83% delle preferenze. Pochi ma buoni, dice Savone che nella vita fa l'ingegnere informatico. Sar stato effetto anche del video? No, ci conoscevano poco e avevamo quattro sfidanti. Sapevamo che non avremmo sfondato. Denise Compagnone
RIPRODUZIONE RISERVATA

Beppe Grillo durante un comizio