Sei sulla pagina 1di 45

www.formazione.ilsole24ore.

com

Marketing, Comunicazione e Commerciale Sviluppo Manageriale e R.U.

Lofferta formativa del Sole 24 ORE 2006

Formazione 2006 Sviluppo Manageriale e R.U.

Formazione 2006 - Marketing e Risorse Umane

55 Formazione 2006 Sviluppo Manageriale & R.U. 56 I docenti e gli Esperti del Sole 24 ORE - Sviluppo Manageriale e R.U. 60 Sviluppo Manageriale 61 63 63 64 Le competenze del ruolo manageriale e l'offerta del Sole 24 ORE I percorsi consigliati Una metodologia formativa al passo con le esigenze delle aziende Personal Coaching: lo sviluppo manageriale one to one Sviluppo delle competenze individuali 66 Time management: strumenti e tecniche di gestione del tempo 67 Efficacia ed efficienza manageriale I Laboratori 68 Empowerment: come sviluppare il potenziale individuale, persone e organizzazione 69 Il Marketing di se stessi: misurare e sviluppare il proprio potenziale manageriale 70 Laboratorio di leadership Relazione con gli altri 71 La comunicazione interpersonale e la gestione delle relazioni in azienda 72 Tecniche di Negoziazione I Laboratori 73 Public Speaking: larte di parlare in pubblico 74 Comunicare in Inglese Gestione dei Collaboratori 75 Gestire per Obiettivi e per Progetti 76 Diversity Management: affrontare l'interculturalit in azienda e valorizzare le diversit I Laboratori 77 Coaching: come condurre i propri collaboratori al miglioramento delle prestazioni 78 Motivare, valorizzare e potenziare il Team 79 Misurare le performance del gruppo attraverso il Performance Management Competenze specialistiche e di settore 80 Manager degli Acquisti 81 Manager della Produzione 82 Assistenti di Direzione

Formazione 2006 - Marketing e Risorse Umane

84 Risorse Umane Sviluppo 85 Piani di sviluppo delle Risorse Umane e gestione dei Talenti 86 La valutazione delle Risorse Umane per lo sviluppo organizzativo 87 Politiche Retributive e strumenti innovativi di incentivazione Gestione 88 Il budget del personale 89 Il processo di selezione 90 La comunicazione interna Percorsi Specialistici 91 H.R. Specialist: le competenze distintive per operare nelle Direzioni del Personale 92 Il Responsabile Formazione

Formazione 2006 - Sviluppo Manageriale & R.U.

Docenti

Il panel degli Esperti Sole 24 ORE Formazione si avvale della collaborazione di numerosi docenti provenienti dalle migliori universit italiane, uomini dazienda, giornalisti e consulenti internazionali. Sono persone capaci di trasferire conoscenza ed esperienza professionale in ottica operativa, attraverso unefficace e interattiva metodologia didattica.

Claudio Achilli Esperto in Tecniche di Relazione - Consulente - People & Performance Laura Arman Varvelli - Esperta di comportamento manageriale e imprenditrice G.R.A.M. Gruppo di Ricerca Applicata al Management Andrea Beretta Partner - Newton Management Innovation Gabriele Bonati Consulente Aziendale - MG Consulting Laura Borgogni Professore Associato di Psicologia delle Organizzazioni - Univerit La Sapienza di Roma Andrea Carignani - Docente di Information & Communication Technology - Delegato dal Rettore per lE-Learning - Universit IULM Milano Lella Cassani Partner - Towers Perrins Andrea Castiello DAntonio - Psicologo del Lavoro e delle Organizzazioni Consulente di gestione e sviluppo R.U. - Assessor e Formatore Marco Consentino Consigliere Capo Ufficio del Cerimoniale - Senato della Repubblica Alessandro Cravera Amministratore Delegato - Newton Management Consulting Cristina Cremonesi Senior Consultant - Hay Group Giorgio Del Mare Amministratore Delegato - Methodos Barbara Demi Responsabile - ETLINE e Associati Potito Di Nunzio Consulente del Lavoro - Studio Di Nunzio - Presidente Regionale - ANCL Alberto Fedel Partner - Newton Management Innovation Marco Fossataro Pianificazione e Controllo Acquisti di Gruppo - Enel S.p.A.

56

Formazione 2006 - Sviluppo Manageriale & R.U.

Gabriele Gabrielli - Docente di Organizzazione e Gestione delle R.U. - Universit Luiss Guido Carli - Direttore Risorse Umane, Organizzazione e Qualit - Wind Telecomunicazioni S.p.A. Rosanna Gallo - Docente di Psicologia dellOrganizzazione - Universit Cattolica Senior Consultant Talent - Watson Wyatt Italia Mario Gibertoni Consulente e formatore - Presidente - Gruppo Studiobase Marco Giglioli Partner - Assist Consulting Mario Giudici Dirigente Servizio Lavoro e Previdenza - Unione Industriali Como Gian Franco Goeta Presidente - SCOA The School of Coaching Julio Gonzalez Corporate Assistant Director - Human Resources Department - Tenaris Emilio Gramegna Senior Consultant - Hay Group Patricia Grunther Management Training Consultant - Coordinatrice Didattica - Universit di Pavia Paolo Iacci Vice President - Gruppo Pride Carlo Krner Head of Reward - Watson Wyatt Italia Laura Limido - Psicologa del Lavoro - Esperta di formazione manageriale e comportamento organizzativo - Partner - Dolmen Consulenza e Formazione Maria Ludovica Lombardi - Psicologa, Esperta di Comportamento - Presidente G.R.A.M. Gruppo di Ricerca Applicata al Management Giuseppe Maccarone Consulente del Lavoro - Studio Maccarone Angela Mottin Corporate HR - Gestione e sviluppo - Tiscali Giorgio Neglia Coordinatore attivit ricerca e formazione manageriale -Fondirigenti

57

Formazione 2006 - Sviluppo Manageriale & R.U.

Barbara Parmeggiani Direttore Management Development - RSO Ruggero Parrotto Responsabile Relazioni Industriali - Poste Italiane S.p.A. Laura Petitta - Psicologa del Lavoro Docente di Valutazione delle Risorse Umane - Universit La Sapienza di Roma Luigi Pezzilli Responsabile Human Resources - Local Compliance Officer - Swiss Re Italia Enrica Poltronieri - Esperta di formazione manageriale e commerciale Partner - Dolmen Consulenza e Formazione Giorgio Polver Vice Presidente - High Consulting Carlo Ricchetti Consigliere AILOG - Direttore Produzione e Logistica - Alessi Stefania Sestilli Consultant - Hay Group Cristina Sola Compensation Manager - Wind Telecomunicazioni S.p.A Guido Stratta Responsabile Personale Corporate - Enel S.p.A Marina Stroder Partner - Assist Consulting Silvia Tassarotti Partner - The Change Partnership Italy Valeria Toia Esperta di Formazione Manageriale Cinzia Tommasi Responsabile Comunicazione e Sviluppo - Agenzia delle Entrate - Direzione Regionale Lazio Guglielmo Valpreda Vice Presidente - Methodos Luca Varvelli Esperto di formazione manageriale - G.R.A.M. Gruppo di Ricerca Applicata al Management

58

Formazione 2006 - Sviluppo Manageriale & R.U.

Riccardo Varvelli Ingegnere, Professore di Ruolo presso il Politecnico di Torino Mario Vavassori Presidente - OD&M Consulting - Docente - Politecnico di Milano Laura Vejarano Sociologa e consulente linguistica - Docente - University of California, Berkeley Grazia Zambruno Human Capital Group Practice Leader - Watson Wyatt Italia

59

I programmi formativi 2006 Sviluppo Manageriale

Formazione 2006 - Sviluppo Manageriale e R.U.

Le competenze del ruolo manageriale e lofferta de il Sole 24 ORE Le competenze sono risorse strategiche per lo sviluppo delle organizzazioni. Le imprese oggi non ricercano solo manager efficienti e ad alto rendimento ma hanno bisogno di leader in grado di proporre cambiamenti, di impostare linee guida, di gestire motivare e incoraggiare le proprie risorse verso risultati di eccellenza, oltre che di abili comunicatori per sviluppare efficaci relazioni con i diversi interlocutori interni ed esterni. Un training efficace centrato sulle competenze pu produrre un aumento significativo della produttivit e dellefficienza. Il Sole24 ORE Formazione ha progettato la propria offerta di formazione manageriale partendo dallindividuazione delle competenze maggiormente richieste da parte delle aziende, sia in base alle aspettative che ripongono sul proprio management sia in base ai risultati di prestazione che queste competenze rendono possibili. Ciascuna iniziativa avr lobiettivo di sviluppare queste competenze e potr essere inserita allineterno di percorsi formativi delineati in funzione delle proprie esigenze e aspettative professionali.

Competenze del ruolo Manageriale

Essere Assertivi Saper lavorare sotto pressione Capacit di ascolto

Efficacia personale Area dello sviluppo individuale Capacit di influenzamento/ leadership

Relazione con gli altri Area dellinterazione, dellascolto e dallassertivit

Percorsi Formativi Consigliati

Saper dare obiettivi e controllare i risultati

Strategic Management e orientamento al risultato Area dellinnovazione e dello sviluppo del business e della gestione degli obiettivi Capacit decisionale

Saper negoziare e gestire i conflitti

Gestione collaboratori Area dellintegrazione, motivazione e coordinamento

Saper gestire e motivare un team

61

Formazione 2006 - Sviluppo Manageriale e R.U.

Prima di intraprendere i percorsi, per meglio definire i propri bisogni formativi e orientare la scelta allinterno dei corsi consigliati, possibile prevedere un incontro individuale di Mappatura delle competenze volto a individuare i propri punti di forza e di debolezza e a definire il gap rispetto a una o pi competenze manageriali che si ritengono fondamentali nella gestione del proprio ruolo organizzativo. Un servizio di counselling individuale che, vuole mettere a fuoco gli obiettivi di carriera e le aspettative individuali ottimizzando risorse ed energie per intraprendere percorsi deccellenza. Saranno a tal proposito utilizzati degli strumenti di assesment e di bilancio delle competenze come test in autovalutazione e interviste comportamentali.

Una metodologia formativa al passo con le esigenze delle aziende

Apprendere non significa semplicemente immagazzinare informazioni ma sviluppare in modo partecipativo conoscenza Questa concetto riassume la sostanza dellapproccio formativo applicato nelle nostre aule, in particolare nei laboratori esperienziali. Infatti solo da sessioni di lavoro fortemente interattive e pragmatiche possono derivare significativi cambiamenti nei comportamenti dei partecipanti che possono poi essere replicati in azienda. I corsi prevedono simulazioni ed esercizi anche relativi alla propria realt aziendale, nonch questionari e role play.

I laboratori esperienziali

I Laboratori si caratterizzano per un approccio allapprendimento non teorico che consente di esplorare, grazie alla creazione di uno spazio esperienziale protetto, di cui il docente garante e facilitatore, le dimensioni chiave del ruolo manageriale apprendendo dallesperienza. I fattori che caratterizzano lapproccio formativo: - Alternanza di modalit didattiche: aula tradizionale, apprendimento collaborativo attraverso newsgroup on line - Utilizzo di diverse risorse formative cinema, video, test, questionari, coach come stimolo e supporto alle esercitazioni di gruppo e individuali - il Processo di Feedback: strumento che consente di acquisire, in tempi brevi, consapevolezze rispetto agli effetti che i propri comportamenti producono sugli altri; - il Gruppo: come sistema che produce interazioni, relazioni, scambi e favorisce il cambiamento. Percorso di apprendimento nei laboratori

Opinion Check (Pre-corso)

Aula Self Plan

Sessione a distanza Colloquio telefonico e forum on line

Sessioni facoltativa di Personal Coaching

62

Formazione 2006 - Sviluppo Manageriale e R.U.

Opinion Check: (pre-corso): per conoscere i contesti di provenienza dei partecipanti, verificare le aspettative rispetto allaula e le opinioni sulle tematiche trattate. Aula: Una metodologia didattica, lAction Learning, che attraverso esercitazioni pratiche consente di apprendere attraverso il fare e contestualizzare i concetti nelle singole esperienze aziendali. Ciascun corso sar caratterizzato da test diagniostici, esercitazioni individuali e lavori in sotto-gruppo per sviluppare nei partecipanti le diversecompetenze manageriali. Self Plan: lintervento formativo culmina con una mappa individuale di sviluppo finalizzata al miglioramento delle competenze chiave. Colloquio telefonico di supporto: Al termine del corso i partecipanti riceveranno il sostegno del docente tramite due contatti telefonici, nellarco di un mese, per facilitare lapplicazione dei comportamenti e delle modalit di influenzamento nellambito del proprio ruolo. Forum on-line: sar predisposto un servizio di community affinch lo scambio di esperienze non si esaurisca in aula ma prosegua come dialogo costruttivo tra i partecipanti. Sessioni di Formazione one to one: dopo laula e durante lesperienza sul campo in azienda, ciascun partecipante potr, su richiesta, prevedere due sessione di Coaching personalizzato grazie al quale sar possibile verificare il grado di padronanza delle tecniche apprese e definire il Piano dAzione, che identifica le aree critiche su cui si vuole agire e le modalit di intervento pi idonee. La metodologia adottata consente di utilizzare velocemente i principi e le conoscenze teoriche acquisite determinando le azioni da intraprendere e i tempi di realizzazione per un rapido miglioramento delle proprie prestazioni.

Il modello di Personal Coaching del Sole 24 ORE Formazione

Il coaching un processo interattivo che consente di sviluppare le capacit per raggiungere pi rapidamente risultati professionali e personali pi soddisfacenti grazie allattivazione delle proprie risorse interiori e delle potenzialit inespresse. Il coach adotta delle tecniche per sviluppare durevoli modalit comportamentali, abbandonare improduttive abitudini e rendere pi intraprendenti ed efficaci nei processi decisionali. Con il Personal coaching possibile: Migliorare le proprie performance Essere pi intraprendenti ed efficaci nei processi decisionali Affrontare situazioni di cambiamento Gestire un ruolo di accresciuta responsabilit Destinatari Manager, imprenditori e giovani manager ad alto potenziale che si trovano ad affrontare le seguenti situazioni organizzative e professionali: Riorganizzazioni aziendali Crescita dimensionale dellazienda Fusioni ed acquisizioni con forti cambiamenti delle culture organizzative Gestione di un nuovo ruolo Coach Il panel costituito da coach competenti e qualificati, con background formativi e specializzazione nelle diverse aree del comportamento organizzativo e della psicodiagnostica. In ciascun modulo verranno coinvolti di volta in volta gli esperti pi in linea con le esigenze e le caratteristiche del manager emerse in fase di assesment.

63

Formazione 2006 - Sviluppo Manageriale e R.U.

Struttura del modello


Assessment individuale e identificazione delle competenze chiave Definizione della mappa di sviluppo: aree di intervento, tempi, modalit

Servizi a valore aggiunto

Formazione specialistica

Struttura del percorso di personal coaching

Il percorso ha una durata di 5 mesi, per un totale di 32 ore complessive, e si caratterizza per la presenza di un coach che segue il cliente nella fase di definizione iniziale della Mappa personale di sviluppo fungendo da punto di riferimento durante tutto il percorso. La struttura del percorso prevede sette incontri, circa una volta al mese e una consulenza on line/telefonica una volta la settimana. Gli incontri di personal coaching e lassistenza on-line si alternano alle sessioni di formazione specialistica con una sequenzialit e una cadenza che vengono definite secondo le specifiche esigenze del cliente. Il percorso, pur essendo personalizzabile, articolato nei seguenti step fondamentali: 1. Incontro preliminare conoscitivo: obiettivo del primo incontro lanalisi del contesto aziendale di provenienza ed del background professionale del cliente con la finalit di definire le specificit del modello manageriale adottato dallazienda di provenienza e le competenze di successo richieste dal modello di business e conoscere la storia individuale e le aspettative professionali in base alle quali costruire il piano di sviluppo individuale. (Verr erogato a tal fine un Questionario di start up). 2. Assessment Individuale Incontro finalizzato allindividuazione dei punti di forza e di debolezza, alla migliore definizione dei bisogni formativi e alla definizione del contratto psico pedagogico che delinea le aspettative del cliente rispetto al percorso intrapreso ed il suo impegno ad intraprendere le azioni di sviluppo. Saranno a tal proposito utilizzati degli strumenti di assessment e di bilancio delle competenze come test in autovalutazione e interviste comportamentali. 3. Mappa di sviluppo individuale Successivamente ai primi due incontri, coach e cliente definiscono la Mappa di sviluppo identificando le aree critiche su cui si vuole agire e le modalit di intervento pi idonee, si determinano le azioni da intraprendere e si fissano i tempi di realizzazione. 4. Incontri formativi Il percorso base prevede due incontri di formazione one to one e la possibilit di frequentare un corso nellambito dellofferta interaziendale del Sole24 ORE Formazione. Pu inoltre essere integrato da moduli facoltativi di formazione specialistica one to one sulla base dei gap emersi e del livello di approfondimento che si rende necessario. 5. Monitoraggio del percorso Lo scopo dellincontro di verificare, dopo lesperienza sul campo in azienda, i progressi ottenuti, verificare lutilit e il grado di padronanza nellutilizzo delle tecniche apprese e in particolare di valutare limpatto sulle prestazioni professionali e sul business del processo di sviluppo individuale attivato e definire le ulteriori azioni da intraprendere per colmare i gap ancora esistenti. 6. Valutazione finale Incontro finale di bilancio del percorso intrapreso e dei risultati raggiunti rispetto alle aspettative e definizione di un eventuale ulteriore Mappa di sviluppo da realizzarsi in un modulo successivo di altri tre mesi per poter raggiungere obiettivi di pi lungo termine.

64

Formazione 2006 - Sviluppo Manageriale e R.U.

Servizi a valore aggiunto

Servizi on line - Test e questionari comportamentali di autovalutazione: tools utilizzati per definire il profilo di personalit del manager e i gap degli skill manageriali - Servizi di community: un area di discussione dedicata al confronto sulle tematiche di maggior criticit evidenziate dai manger per uno scambio di idee che possa essere di supporto ed arricchimento reciproco. Libri Distribuzione di libri editi da Il Sole 24 ORE sulle tematiche innovative di maggior interesse per il management. Per informazioni: progetti.formazione@ilsole24ore.com tel. 02.30223205

65

Sviluppo Manageriale

Corso

Time Management
Strumenti e tecniche di gestione del tempo Durata - 1 giorno

Per chi

Responsabili di Funzione e Manager Dirigenti Imprenditori Professionisti Lobiettivo del corso di trasmettere le tecniche per organizzare la propria giornata lavorativa. Il modello delle 5P (Priorit, Puntualit, Previsione, Pianificazione e Programmazione) consentir di migliorare lefficienza operativa, ridurre lo stress e aggiungere valore al ruolo. Milano 2 semestre 9.15 - 13.00 / 14.15 - 17.15

Perch

Dove e quando

Programma della giornata Tempo come vantaggio competitivo - Tempo come fattore strategico - Tempo reale e tempo psichico - Tipologie del tempo di lavoro: routine, innovazione e pronto intervento - Gestione delle priorit di contenuto e di urgenza Tempo presente e tempo futuro Come rilevare il tempo di lavoro dei propri collaboratori Come organizzare il tempo di lavoro Previsioni e gestione del tempo futuro Tecniche di pianificazione e di programmazione del tempo di lavoro

Gestione del tempo quotidiano Rispetto di tempi e scadenze: la puntualit Come rilevare il proprio tempo di lavoro Come costruire un equilibrio dinamico Come rilevare i buchi neri e le trappole del tempo

Esercitazione - Descrizione del tempo personale di autovalutazione

Test - Durante il corso verr elaborato in tempo reale, nel rispetto della privacy personale, un test riguardante lo stressotipo di appartenenza

Economia del tempo I costi delluso del tempo Gestione dellansia Stress da pronto intervento Delega come moltiplicatore di tempo

Film didattico: il tempo della vita

66

Sviluppo manageriale

Corso

Efficacia ed efficienza manageriale


Migliorare la produttivit del lavoro per costruire risultati Durata - 2 giorni

Per chi

Responsabili di Funzione e Manager Dirigenti Imprenditori Professionisti Lincontro si pone lobiettivo di sviluppare le capacit per migliorare lefficacia e lefficienza dellindividuo, intervenendo su produttivit intellettuale ed emotiva, governando ansia e stress, e contribuendo a creare un clima aziendale basato sullentusiasmo. Milano 1 semestre 9.15 - 13.00 / 14.15 - 17.15

Perch

Dove e quando

Prima giornata I concetti di efficacia, efficienza e produttivit organizzativa - Risorse e variabili organizzative che impattano sulla produttivit organizzativa - Parametri di misurazione e di calcolo dellefficacia e dellefficienza organizzativa - Fattori che influenzano efficacia ed efficienza intellettuale

Seconda giornata Produttivit emotiva: come conseguire risultati attraverso la gestione delle emozioni proprie e altrui - Come gestire e organizzare lenergia personale - Lintelligenza come fattore globale di successo - La competenza emotiva: gestire positivamente le emozioni per guidare pensiero e azione

Lefficacia nel lavoro: come orientare le azioni ai risultati - Governare le situazioni e utilizzare i criteri organizzativi - Analisi della situazione e rilevazione degli ostacoli - Definizione degli obiettivi e misurazione dei risultati

Produttivit manageriale: come migliorare il rapporto tra risultati/obiettivi e tra obiettivi/risorse - Gestione efficace delle risorse: assegnazione di obiettivi personali e aziendali e coinvolgimento dei collaboratori - Gestione efficiente delle risorse: come organizzare i collaboratori e le risorse tecniche a disposizione

La produttivit e la gestione del tempo di lavoro - Definizione e gestione delle priorit - Tecniche per limitare lo stress nel lavoro quotidiano Produttivit intellettuale: come generare valore attraverso limpiego delle energie mentali - Definizione di attivit e processi intellettuali - Come quantificare la produzione intellettuale - La propositivit dei collaboratori come mezzo per linnovazione e il miglioramento del lavoro e dellazienda

Lentusiasmo come leva per migliorare il clima aziendale e per incentivare i collaboratori - Analisi del clima organizzativo e rapporto causa-effetto sulle prestazioni - La gestione dei collaboratori: entusiasmo e fiducia - Leve motivazionali per incrementare la produttivit dei collaboratori: coinvolgimento e spirito di squadra

Produttivit e incentivazione: come collegare efficacia ed efficienza lavorativa al raggiungimento degli obiettivi - Il concetto di flessibilit retributiva - Lo strumento dellincentivazione in funzione dei risultati raggiunti

Test: Autovalutazione del proprio stressotipo Test: Autovalutazione della EFF-Managerialit Benchmarking: Ricerca sulle criticit delle risorse organizzative Esercitazione: ricerca sui buchi neri che determinano inefficienza Esercitazione: Il miglioramento della produttivit di una unit organizzativa Benchmarking

67

Sviluppo manageriale

Laboratorio

Empowerment
Come sviluppare il potenziale individuale, persone e organizzazione Durata - 2 giorni

Per chi

Responsabili di Funzione e Manager Dirigenti Imprenditori Professionisti Attraverso unesperienza concreta di Self-Empowerment, sar valorizzato il proprio potenziale e quello dei collaboratori, tramite la Leadership Empowering. Il corso svolto in modalit interattiva ed esperienziale ed preceduto da questionario diagnostico. Milano 2 semestre 9.15 - 13.00 / 14.15 - 17.15

Perch

Dove e quando

Prima giornata Concetto di Empowerment e sviluppo organizzativo - La nuova concezione di Empowerment - Lutilizzo dellapproccio Empowerment per lo sviluppo delle persone e della cultura organizzativa - Modelli e tipologie di Empowerment - Attori e aspetti coinvolti nel processo di Empowerment: culturale, emotivo, operativo, strutturale

Seconda giornata Il modello della Leadership Empowering - Il capo come guida, consulente, supervisore/addestratore - Il Coaching per acquisire consapevolezza delle potenzialit

Competenze per potenziare persone e organizzazione - Le leve per promuovere lo sviluppo delle prestazioni del collaboratore: motivazione, sviluppo di energia progettuale e coaching - La comunicazione organizzativa e il feedback - Lo sviluppo di un clima relazionale fondato sulla fiducia, la valorizzazione delle differenze e la reciprocit - Delega come strumento per creare autonomia - Valutazione della prestazione e realizzazione del piano di miglioramento/sviluppo

Il processo di Self-Empowerment Lapertura di nuove possibilit Il sentimento del proprio potere personale La capacit di influenzare La sicurezza di s e la fiducia nelle proprie possibilit Le fasi di realizzazione del processo di Self-Empowerment Aumento del proprio potere/energia personale Coerenza con le attese esterne Aumento del proprio livello di consapevolezza

Case history

Esercitazione: unesperienza concreta su di s per attivare processi di Empowerment

Team Building: il gruppo come strumento di crescita - Il Coaching circolare: come moltiplicare energie e progettualit - Costruzione di un processo di empowered work group - Empowement in gruppo: la costruzione della rete e dellinterfunzionalit

Self-empowerment: come passaggio fondamentale per far crescere gli altri - Riflessione sulle rilevanze emerse dai diagostici in auto ed etero valutazione - Focalizzazzione dei propri punti di forza e debolezza, degli interessi e dei valori personali - Sviluppo delle proprie aree di miglioramento e del proprio progetto di autosviluppo

68

Sviluppo manageriale

Laboratorio

Il Marketing di se stessi
Comunicare e valorizzare la propria immagine Durata - 1 giorno

Per chi

Responsabili di Funzione e Manager Dirigenti Imprenditori Professionisti Il corso, a numero chiuso, permette ai Manager di sviluppare in modo interattivo le proprie qualit manageriali, facendo leva sul modello innovativo delle 5 V: Verbalit, Vestibilit, Visibilit, Vivibilit e Vitalit. Milano 1 semestre 9.15 - 13.00 / 14.15 - 17.15

Perch

Dove e quando

Programma della giornata Applicare il Marketing a se stessi: come diventare un brand riconosciuto e attraente - Le leve del marketing applicate al Manager: marketing, marketing mix e ciclo di vita - Diventare un brand forte: mercato, prodotto, packaging, pricing e promozione riferiti a se stessi - Le competenze relazioanali che fanno la differenza - Assertivit e autorevolezza per comunicare la propria immagine manageriale Test: Test delle 5 V Ai partecipanti verr distribuito un test che sar elaborato e riconsegnato in aula, nel rispetto della privacy

Skill e sfide nella carriera manageriale - I lifelong skills: le competenza trasversali che determinano gli sviluppi di carriera - Le strategie per comunicare il proprio valore rispetto al profilo manageriale ideale richiesto dalle aziende - Come potenziare la propria dimensione imprenditoriale

Le 5 V nella carriera di un Manager - Verbalit: lo stile comunicativo pi efficace e le dinamiche della persuasione - Vestibilit: limmagine e lo stile in linea con il proprio ruolo - Visibilit: il riconoscimento di s allinterno di un gruppo sociale e la creazione della notoriet - Vivibilit: il progetto individuale di benessere - work life balance - Vitalit: misurazione della produttivit personale fisica, emotiva, intellettuale

La definizione di un piano personale di marketing - Lindividuazione e lanalisi dei propri assets vincenti - I passaggi fondamentali nel ciclo della lavorativa: i processi decisionali legati allo sviluppo di carriera - Vincoli ed opportunit del contesto di riferimento: come valutare le interferenza nel proprio piano individuale - Come negoziare i propri obiettivi professionali con gli interlocutori organizzativi - Il valore della flessibilit: saper cogliere i segnali e rivedere le dimensioni del progetto personale - La gestione della ambiguit di ruolo: i dilemmi manageriali

69

Sviluppo manageriale

Laboratorio

Laboratorio di Leadership
Percorso esperienziale per sviluppare e potenziare il proprio stile di leadership Durata - 3 giorni

Per chi

Responsabili di Funzione e Manager Dirigenti Imprenditori Professionisti Lobiettivo di sviluppare le competenze del leader relazionale, attraverso la creazione di un ambiente sperimentale, laula laboratorio, in cui i partecipanti possono mettere alla prova le proprie modalit di influenza positiva sugli altri verificando i comportamenti di leadership pi efficaci. Milano 2 semestre 9.15 - 13.00 / 14.15 - 17.15

Perch

Dove e quando

Struttura del percorso e servizi offeri

Programma I propri modelli comportamentali nella costruzione della leadership Difese e atteggiamenti nella relazione con gli altri La propria esperienza di leadership Dalla dimensione razionale alla dimensione emotiva Ascolto attivo per entrare in relazione con gli altri

Questionario di start-up pre-corso: per verificare le aspettative e orientare il processo di apprendimento

Struttura giornate daula Sessione di apertura: per condividere il patto formativo Training Group: per esercitare le modalit di influenza reciproca sperimentata nella dinamica di gruppo Esercitazioni: per attivare comportamenti orientati a sviluppare e potenziare competenze di leadership Spazio di autosviluppo: per elaborare spunti per la progettazione del proprio piano di auto-sviluppo Spazio di riflessione individuale: per sviluppare una diagnosi su se stessi e su ciascun partecipante a proposito delle modalit di influenzamento, offrendo agli altri suggerimenti e spunti progettuali di miglioramento Sessione di chiusura: per trasferire le conoscenze acquisite nel proprio contesto organizzativo Sessione di personal coaching: per verificare il grado di padronanza delle tecniche apprese e sviluppare il proprio Piano di Azione

Sviluppo di modalit efficaci nellesercizio della propria influenza - Il processo di feedback per comprendere gli effetti dei propri comportamenti sugli altri - Come creare empatia e orientamento allaltro - Sviluppare consapevolezza organizzativa esplorando la dimensione collettiva del contesto in cui si opera - Riconoscere e sviluppare modalit di comunicazione, costruzione di rapporti, influenza ed impatto - Spazio di riflessione individuale: riconoscere e migliorare le proprie modalit di influenza

Moltiplicare lefficacia della leadership Sviluppare modalit di leadership efficaci Leadership come assunzione di responsabilit Sviluppo degli altri attraverso modalit di coaching Individuazione del proprio progetto di sviluppo

70

Sviluppo manageriale

Corso

La comunicazione interpersonale e la gestione delle relazioni in azienda


Durata - 1 giorno

Per chi

Responsabili di Funzione e Manager Dirigenti Imprenditori Professionisti Il corso dedicato allo sviluppo delle capacit di gestione dei rapporti professionali per rendere pi efficiente la comunicazione sul lavoro e pi chiari a tutti i membri dellorganizzazione - i valori e gli obiettivi da perseguire. Milano 2 semestre 9.15 - 13.00 / 14.15 - 17.15

Perch

Dove e quando

Programma della giornata La comunicazione come vantaggio competitivo e come leva motivazionale I fondamenti della comunicazione La comunicazione: imparare, allenarsi e migliorare La comunicazione verbale e la metacomunicazione Le competenze del comunicatore: saper apparire, saper parlare, saper ascoltare, saper negoziare, saper chiedere La comunicazione Manager / Collaboratore - Lo stile comunicativo pi efficace - Il colloquio di potenziamento - Come comunicare gli obiettivi individuali

La comunicazione assertiva e persuasiva - Le dinamiche della persuasione - La metacomunicazione e lascendente - Come superare gli ostacoli della comunicazione

Aspetti operativi e gestionali del processo di comunicazione - Tempi e resa della comunicazione - Come strutturare e organizzare i contenuti e gestire il processo comunicativo - Come stimolare una comunicazione Bottom-Up

Test: come comunico la mia immagine personale

Esercitazione: come comunicare con persone difficili Comunicare in gruppo - Dimensione ottimale del gruppo, dinamiche di gruppo, ruolo del leader - Come gestire il conflitto e creare consenso - La regole per una riunione efficace - Il ruolo del coordinatore: il linker

71

Sviluppo Manageriale

Corso

Tecniche di Negoziazione
La trattativa, lascolto attivo e il consenso Durata - 1 giorno

Per chi

Responsabili di Funzione e Manager Dirigenti Imprenditori Professionisti Il corso ha lobiettivo di analizzare i fattori comportamentali e psicologici indispensabili per negoziare accordi vantaggiosi, e di trasmettere ai partecipanti le competenze relazionali per condurre trattative di successo. Milano 1 semestre 9.15 13.00 / 14.15 - 17.15

Perch

Dove e quando

Programma della giornata Aspetti psicologici e relazionali nella trattativa negoziale - Lapproccio individuale al negoziato: componenti emotive e razionali - Comunicazione complessa nel negoziato: sfera verbale e metalinguaggio - Il comportamento assertivo nelle relazioni negoziali - Come governare le emozioni e leventuale dissenso - Differenti culture e differenti approcci negoziali Test di autovalutazione

SNI - Stile Negoziale Individuale: la capacit di generare consenso

Ottenere consenso e concludere la negoziazione - Lutilizzo del proprio stile personale di influenza per il completamento della trattativa - Negoziazione integrativa, distributiva e compromesso: quando convengono - Laccordo e la conclusione del processo negoziale: come avviene lo scambio tra valori - La ratifica formale dellaccordo: elementi da presidiare

Il processo negoziale e la fase di negoziazione - Scenario, mandato e strategie: gli strumenti dellanalisi preparatoria - Analisi della situazione e individuazione dei risultati minimi e accettabili - Gestione della strategia negoziale: tecniche da applicare ed errori da evitare - Concessioni allinterlocutore: vantaggi e svantaggi - I trucchi del mestiere

Gli eventuali conflitti e il loro processo di risoluzione - Definizione di conflitto: cause, con-cause, manifestazioni e opportunit Conflitti intra-personali, inter-personali, intra-organizzativi e inter-organizzativi - Metodi per lidentificazione e lanalisi del dissenso - Pianificazione della strategia di reazione e tecniche per la risoluzione del conflitto - La gestione creativa del dissenso

Lascolto attivo come strumento di comunicazione - Importanza e opportunit dellascolto attivo nel processo negoziale - Osservazione della comunicazione non verbale dellinterlocutore per la comprensione del messaggio - Utilizzo dellintelligenza emotiva per la creazione di empatia

Follow up individuale Una sessione di coaching personalizzato, al termine del corso, per i partecipanti che intendono perfezionare le tecniche apprese e identificare le aree critiche su cui agire.
72

Sviluppo Manageriale

Laboratorio

Public Speaking
Larte di parlare in pubblico Durata - 2 giorni

Per chi

Responsabili di Funzione e Manager Dirigenti Imprenditori Professionisti Obiettivo del corso sviluppare le abilit indispensabili per comunicare di fronte a un uditorio, gestendo emotivit e presenza scenica. Lutilizzo di riprese con videocamera e la successiva analisi permetter ai partecipanti di mettere alla prova le tecniche pi efficaci. Milano 1 semestre 9.15 13.00 / 14.15 - 17.15

Perch

Dove e quando

Prima giornata Il processo di comunicazione in pubblico La retorica e larte oratoria: cenni storici Le differenti tipologie di discorsi e presentazioni Focalizzare gli obiettivi di una presentazione in pubblico Individuare aspettative e bisogni del pubblico Struttura del processo comunicativo Elementi di distorsione da tenere sotto controllo

Seconda giornata La gestione delluditorio - La consapevolezza di s e degli altri nella relazione con il pubblico - La creazione e il mantenimento del rapporto con chi ascolta - Il ruolo dellironia e dellumorismo: un aiuto per chi parla, ma non solo - Il feedback degli interlocutori: come valutarlo e utilizzarlo in positivo - La reazione a provocazioni e sfide impreviste - Tecniche efficaci di conclusione del discorso

Esercitazione - Autopresentazione dei partecipanti e riprese video - Feedback individuale e di gruppo per lindividuazione dei punti di forza e di debolezza

La comunicazione non-verbale I movimenti del corpo: mimica, gestualit, postura I gesti da evitare Lo sguardo: strumento di contatto con il pubblico La scelta dellabbigliamento: il nostro biglietto da visita

Larte di parlare in pubblico nel cinema: visione e analisi di filmati - Valutazione del rapporto con il pubblico - Analisi delle strategie comunicative e della loro efficacia - Verifica dei comportamenti di successo

Scrivere, organizzare e presentare un discorso Il reperimento e lorganizzazione delle informazioni La stesura dellintervento e il controllo del testo La scelta dei mezzi audiovisivi: come utilizzarli in modo efficace Luso di immagini e filmati per rafforzare e rendere appealing il contenuto - Il timing dellintervento: come monitorarlo

La gestione dellemotivit per migliorare la performance - Il controllo della voce: velocit, tono, ritmo, volume, pause, accenti, intonazioni - Rilassamento e controllo posturale - Tecniche di respirazione e gestione dei momenti di ansia e stress

Esercitazione - Presentazione in pubblico con riprese video dei partecipanti - Valutazione delle aree di miglioramento

Follow up individuale Una sessione di coaching personalizzato, al termine del corso, per i partecipanti che intendono perfezionare le tecniche apprese e identificare le aree critiche su cui agire.
73

Sviluppo manageriale

Laboratorio

Comunicare in Inglese
Regole e strumenti per condurre efficaci relazioni e riunioni Durata - 2 giorni

Per chi

Responsabili di Funzione e Manager Dirigenti Imprenditori Professionisti Il corso, tenuto in lingua inglese, si pone lobiettivo di fornire gli strumenti per superare il disagio della lingua straniera e migliorare le capacit di relazionarsi in inglese nellambito delle attivit lavorative quotidiane. Milano 1 semestre 9.15 - 13.00 / 14.15 - 17.15

Perch

Dove e quando

Prima giornata Introduzione alle dinamiche interculturali aziendali - Fattori critici nelle relazioni interpersonali tra professionisti di culture differenti - Partecipazione a meeting multiculturali: problemi comuni - Differenze nellaspetto relazionale tra italiani ed europei e tra italiani e statunitensi - Dos and Taboos of body language nel mondo

Seconda giornata Communication Skills - Body language e aspetti para-linguistici: gli italiani parlano con le mani? - Significato e interpretazione di movimenti, espressione facciale e pause per gli stranieri - Il rapporto di relazione e condivisione con gli interlocutori non italiani - Tecniche di trasmissione efficace del messaggio: sense of humour, aneddoti, analogie e riferimenti, supporti grafici

Vincere la barriera e il disagio della lingua straniera - Gestire e superare il blocco psicologico della comunicazione in inglese - Come sviluppare uneffettiva self-confidence in inglese Business writing: regole per una corretta comunicazione scritta in inglese - Struttura della corrispondenza in inglese - Norme linguistiche e consigli redazionali - Costruzione del testo: dalle formule di apertura a quelle di chiusura - Tecniche per rendere la corrispondenza chiara e sintetica

Video Recording Session - Ciascun partecipante simuler una presentazione daffari in pubblico, ripresa con telecamera. Tramite la revisione dei filmati saranno individuate le aree di miglioramento

Peculiarit della corrispondenza via e-mail Come condurre riunioni e presentazioni in inglese - Differenti tipi di pubblico e di discorso - Obiettivi, oggetto, strutturazione, conclusioni - Keeping it short and simple, ovvero le caratteristiche di informalit e sinteticit - Elementi distorsivi dallitaliano allinglese - Impostazione del messaggio elettronico di lavoro: analogie e differenze con le abitudini italiane - Netiquette e lingua inglese: regole per una corrette relazione scritta con i professionisti stranieri - Uso degli allegati - Comunicazione a pi destinatari nelle mailing-list

Suggerimenti per affrontare le domande non comprese

Feedback Session: Personal Analysis of Presentation Video

Follow up individuale Una sessione di coaching personalizzato, al termine del corso, per i partecipanti che intendono perfezionare le tecniche apprese e identificare le aree critiche su cui agire.
74

Sviluppo Manageriale

Corso

Gestire per Obiettivi e per Progetti


Durata - 2 giorni

Per chi

Responsabili di Funzione e Manager Dirigenti Imprenditori Professionisti Il corso vuole approfondire le capacit di team working per raggiungere obiettivi individuali e di gruppo, assieme alle competenze necessarie per sviluppare e controllare i progetti. Particolare attenzione verr riservata allanalisi delle tecniche di pianificazione degli obiettivi e verifica dei risultati. Milano 2 semestre 9.15 - 13.00 / 14.15 - 17.15

Perch

Dove e quando

Prima giornata La direzione per obiettivi: i vantaggi organizzativi e di produttivit - Stile di gestione del lavoro per obiettivi e per risultati - Obiettivi economici, operativi e comportamentali - Macro-obiettivi aziendali e micro-obiettivi individuali -

Seconda giornata Dalla Gestione per Obiettivi alla Gestione per Progetti La Direzione per Progetti Diverse tipologie e logiche del lavoro per progetti Differenze tra macro-progetti e micro-progetti Lidentificazione della missione e dellobiettivo del progetto: chiarezza e misurabilit

Tecniche di definizione e implementazione degli obiettivi - I requisiti di un obiettivo SMART (orientato al risultato) - Come e a chi assegnare gli obiettivi - La creazione del consenso sugli obiettivi Stili di leadership per la conduzione del gruppo - Il ruolo del capo progetto: autorit, autorevolezza, coinvolgimento - Il capo: da linker a team builder - Trasformare un gruppo di lavoro in una squadra vincente

Le azioni che trasformano un obiettivo in risultato - Verificare i risultati in rapporto agli obiettivi assegnati - Rendere valutabili elementi non misurabili - Operare per priorit e mediare tra urgenza e importanza Lo sviluppo del gruppo e la gestione delle dinamiche interne - Rapporti interpersonali e processi di comunicazione - Rapporti interdisciplinari e meccanismi di integrazione interfunzionale - Sinergia ed entropia nel lavoro di gruppo - La risoluzione del conflitto nelle organizzazioni per progetto: modalit gerarchiche e logiche negoziali

Caratteristiche organizzative per il raggiungimento degli obiettivi - Ostacoli psicologici e gestionali al lavoro per obiettivi - Obiettivi, risultati e incentivazione economica (MBO) - Spirito di iniziativa e delega

Test individuale: la propria propensione al lavoro in gruppo Test individuale: autovalutazione dello spirito di iniziativa Esercitazioni Esercitazioni - Come autoassegnarsi degli obiettivi - Come assegnare obiettivi a un collaboratore - Le tecniche di programmazione e controllo del progetto (PERT) come rilevare lo stato dei rapporti allinterno di un gruppo di progetto

Filmato didattico: la squadra vincente Filmato didattico: lassegnazione di obiettivi SMART

75

Sviluppo manageriale

Corso

Diversity Management
Affrontare linterculturalit in azienda e valorizzare le diversit Durata - 1 giorno

Per chi

Responsabili di Funzione e Manager Dirigenti Imprenditori Professionisti Il corso ha lobiettivo di aiutare i Manager a riconoscere la diversit (di cultura, etnia, sesso, religione, religione) allinterno dellazienda, e a valorizzarla per innovare ed eccellere.

Perch

Dove e quando

Milano 2 semestre 9.15 - 13.00 / 14.15 - 17.15

Programma della giornata Definizione del concetto di diversit - La diversit nelle realt aziendali - Classificazione delle diversit: primarie: et, genere, etnia, competenze e caratteristiche mentali secondarie: localizzazione geografica, stato familiare, formazione, religione, ruolo nellorganizzazione, esperienza professionale, reddito - Cultura omogenea e cultura della diversit in azienda - Confronti tra le diverse norme culturali - Concetto di diversit e di inclusion Diversit come valore ed Etica aziendale - Le Risorse Umane, valore primario delle politiche di gestione del Personale - Inclusione delle diversit culturali e sociali nel contesto lavorativo: creare ricchezza partendo dalla specificit di ogni individuo - Assenza di discriminazione o limiti nello sviluppo professionale

Tecniche per gestire e valorizzare la complementariet portata dalla diversit - Ottenere vantaggi in termini di innovazione, creativit e sviluppo di nuove idee - Creare un contesto di lavoro mobile e allargato - Costruire un clima di collaborazione interculturale efficace

Diversity Management come strumento di valorizzazione per innovare ed eccellere - Politiche di gestione della diversit in azienda: motivazioni, problematiche e prospettive di utilizzo del Diversity Management - Obiettivi di una politica di Diversity Management: dalla creazione del senso di appartenenza allaumento della retention - Approcci metodologi del Diversity Management

Testimonianza aziendale

76

Sviluppo manageriale

Laboratorio

Coaching
Come condurre i propri collaboratori al miglioramento delle prestazioni Durata - 2 giorni

Per chi

Responsabili di Funzione e Manager Dirigenti Imprenditori Professionisti Liniziativa si pone lobiettivo di offrire al Manager gli strumenti per diventare Coach. Verranno identificate e sviluppate le competenze del coach di successo e definiti benefici e vantaggi del processo di coaching.

Perch

Dove e quando

Milano 1 semestre 9.15 - 1.00 / 14.15 - 17.15

Prima giornata Il coaching come strumento di gestione e valorizzazione dei propri collaboratori - I vantaggi di un processo di coaching per lindividuo e lazienda - I diversi approcci e le differenti applicazioni aziendali - Case Study: applicazioni del metodo in diverse situazioni

Seconda giornata La costruzione del processo di coaching - Lanalisi dei fattori che determinano la prestazione - La definizione del gap tra le competenze di successo e quelle attuali - La gestione del colloquio motivazionale e di pianificazione delle azione di sviluppo - Lintegrazione con gli strumenti di valutazione - La definizione di un piano di sviluppo - Il processo di valutazione ed i feedback del processo

Il Ruolo del Manager-Coach per lo sviluppo dei piani di crescita professionale - La condivisione della vision per il conseguimento dei risultati - Creare la cultura dellapprendimento continuo e del feedback: life long learning e learning organisation - Il coaching per lo sviluppo dei team di successo: come motivare le persone per raggiungere performance eccellenti

Il coaching a supporto del miglioramento della singola prestazione - Lanalisi della prestazione individuale - Lindividuazione dei fattori di successo e degli obiettivi di performance attesi - Laffiancamento individuale per il miglioramento delle prestazioni

Le competenze fondamentali del Coach di Successo - Lutilizzo della delega come fattore motivante - Lintelligenza emotiva nella gestione dei collaboratori - Role play: lutilizzo del feedback costruttivo

Limportanza di dare e ricevere feedback - Il feedback come valore della cultura aziendale - Il colloquio di feedback in caso di performance positive e negative - Come capitalizzare le esperienze maturate - Role-play: il colloquio di feedback

Esercitazione: come valorizzi te stesso e le tue risorse?

La Competenza Chiave: il potere della Comunicazione - Role play: saper creare un rapporto di fiducia - Lutilizzo dellascolto efficace da parte del coach Il Coach come Catalizzatore del Team - La capacit di stimolare la creativit - Festeggiare i risultati come momento di automotivazione Test: La misurazione della leadership Limpatto dei risultati di un processo di coaching sullo sviluppo organizzativo e sulle perfomance aziendale Follow up individuale Una sessione di coaching personalizzato, al termine del corso, per i partecipanti che intendono perfezionare le tecniche apprese e identificare le aree critiche su cui agire.
77

Sviluppo MAnageriale

Laboratorio

Motivare, valorizzare e potenziare il Team


Durata - 2 giorni

Per chi

Responsabili di Funzione e Manager Dirigenti Imprenditori Professionisti Obiettivo di questo corso fornire gli strumenti per sviluppare processi di motivazione e coinvolgimento pi efficace per ciascuna personalit attraverso la capacit di analisi dei differenti stili di comportamento dei collaboratori. Milano 2 semestre 9.15 - 13.00 / 14.15 - 17.15

Perch

Dove e quando

Programma della giornata Il significato di fare squadra e il processo di aggregazione per raggiungere gli obiettivi La comunicazione: la gestione del colloquio individuale, di feedback e delle riunioni

La diversit come fattore vincente del team: valorizzare le conoscenze e gli skill individuali per ottimizzare la performance

Le dinamiche: come ci si relaziona in gruppo - Esercitazione con riprese video: dirimere eventi conflittuali tra i membri di un gruppo

Migliorare la forza del team attraverso lo sviluppo del potenziale dei singoli Lascolto attivo per mettersi in relazione con gli altri - Caso aziendale: La forza del team: senso di appartenenza e gioco di squadra - Test sulle abitudini di ascolto

Il processo decisionale in gruppo

Come gestire i collaboratori attraverso la leadership

La definizione di obiettivi chiari per i collaboratori e il controllo delle attivit

Trasmettere vision ed entusiasmo - Esercitazione: comunicare il cambiamento

La delega come leva manageriale - Esercitazione con riprese video: la delega in situazioni di emergenza Lidentificazione dei valori comuni e la motivazione alla partecipazione

Follow up individuale Una sessione di coaching personalizzato, al termine del corso, per i partecipanti che intendono perfezionare le tecniche apprese e identificare le aree critiche su cui agire.
78

Sviluppo manageriale

Laboratorio

Misurare le performance del gruppo attraverso il Performance Management


Durata - 1 giorno

Per chi

Responsabili di Funzione e Manager Dirigenti Imprenditori Professionisti Il laboratorio ha lobiettivo di fornire gli strumenti utili per capire come un sistema di misurazione delle performances possa essere progettato ed utilizzato per indirizzare i comportamenti dellorganizzazione.

Perch

Dove e quando

Milano 2 semestre 9.15 - 13.00 / 14.15 - 17.15

Programma della giornata Ripensare il ruolo dei sistemi di misurazione delle performances - Strumento di controllo specialistico o leva gestionale? - Quali informazioni possono e devono fornire Il significato degli indicatori per il manager - Strumento per la gestione del team - Strumento per correlare la definizione degli obiettivi e la valutazione dei risultati

La misurazione delle performances: fotografare la realt o influenzare il comportamento organizzativo?

Esercitazione (2 parte): usare gli indicatori per gestire e motivare il proprio team - Leggere ed interpretare numeri disomogenei e contrastanti - Comunicare al team le informazioni - Impostare e comunicare le azioni correttive in caso di performance non adeguate

Esercitazione (1 parte): progettare gli indicatori per orientare i comportamenti e le performance del team - Come scegliere gli indicatori per legare strategia, organizzazione e performances - Indicatori analitici ed indici di sintesi - La Balanced Scorecard come strumento integrato di misurazione delle performances

Analisi e discussione dei lavori svolti

Analisi dei lavori svolti

Follow up individuale Una sessione di coaching personalizzato, al termine del corso, per i partecipanti che intendono perfezionare le tecniche apprese e identificare le aree critiche su cui agire.
79

Sviluppo manageriale

Corso

Il Manager degli Acquisti


I nuovi strumenti organizzativi e le competenze manageriali per gestire efficacemente l'attivit di procurement Durata - 2 giorni

Per chi

Direttori del Personale Direttori Commerciali Responsabili di funzione Imprenditori e Manager Obiettivo dellincontro sviluppare gli strumenti organizzativi e gestionali del manager necessari a migliorare la performance aziendale oltre che acquisire le competenze manageriali e relazionali che li guidano al raggiungimento degli obiettivi prefissati e alla crescita professionale. Milano 2 semestre 9.15 - 13.00 / 14.15 - 17.15

Perch

Dove e quando

Prima giornata Evoluzione del ruolo della Funzione Acquisti nel contesto aziendale - Da Centro di Servizio ad Unit di Business - Lintegrazione strategica ed operativa fra buyer e seller: Time-to-Market e fornitore come estensione dellazienda - Le opportunit offerte dalle nuove tecnologie Internet Based: E-Procurement e Marketplace

Seconda giornata Il manager degli acquisti: le quattro dimensioni - La dimensione organizzativa: costruire e gestire la squadra - La dimensione della produttivit: organizzare il lavoro - La dimensione della relazione con i fornitori: comunicare, ascoltare, convincere, negoziare - La dimensione del successo: raggiungere i risultati e crescere professionalmente

La definizione del budget degli acquisti - Obiettivi del processo di budgeting - Impostazione, gestione e controllo del budget Acquisti

Teamworking aziendale - Squadra, matrice e processo di delega - Dal lavoro individuale al lavoro di gruppo - Ripartizione di attivit e responsabilit

La Balance Scorecard degli Acquisti Test: stile e comportamento nella gestione del team - Le direttrici di analisi della Balance Scorecard degli Acquisti: Programmazione Operativa e Progetti Speciali: attivit dAcquisto e parametri di monitoraggio Processi dacquisto: programmazione e misurazione dei processi dacquisto Risorse Umane: analisi delle competenze e dei carichi di lavoro e sviluppo dei piani di valorizzazione Vendor Rating Fornitori: modelli di valutazione preventiva e consuntiva dei fornitori - Il Tableau de Bord Acquisti

Lavorare per obiettivi e priorit Come definire e misurare gli obiettivi Pianificazione delle attivit individuali e del team di lavoro Come affrontare le emergenze Le regole base per costruire la giornata ideale

Test: la gestione dellansia e dello stress Strumenti e tecniche per la valutazione dei Fornitori Come influenzare le decisioni degli interlocutori Il marketing dacquisto: selezione dei Fornitori e gestione delle informazioni attraverso soluzioni Web Based - Gli stili di comunicazione: verbale e non verbale - Gestire limmagine personale - Le regole fondamentali della negoziazione, gli errori da non commettere e le trappole psicologiche - Tecniche di persuasione e gestione delle obiezioni

Testimonianza aziendale

Test: Lo stile di negoziazione personale

80

Sviluppo manageriale

Corso

Il Manager della Produzione


Le soluzioni organizzative e le competenze manageriali per gestire efficacemente il sistema produttivo Durata - 2 giorni

Per chi

Responsabili di Funzione e Manager Dirigenti Imprenditori Professionisti Il corso si propone di fornire gli strumenti per gestire al meglio attivit quali il controllo dei costi, l'ottimizzazione dei processi e lorganizzazione del lavoro, competenze necessarie ad accrescere la performance, l'efficacia e lefficienza dei processi di produzione nelle organizzazioni moderne. Milano 1 semestre 9.15 - 13.00 / 14.15 - 17.15

Perch

Dove e quando

Prima giornata La funzione Produzione nel contesto aziendale La pianificazione strategica della produzione Gestione del sistema produttivo: efficacia ed efficienza Soluzioni informatiche per programmare la produzione La Balance Scorecard della Produzione La traduzione degli obiettivi nel piano strategico Programmazione e controllo in ottica di sistemi MRP Production Performance Management Il Tableau de Bord della produzione

Seconda giornata La produzione come motore dellorganizzazione - Le competenze richieste al Manager della Produzione per gestire situazioni di complessit - Dalla flessibilit del produrre alla quella del pensare e dellagire: il pensiero snello - Misurare il clima dellunit e definire azioni di miglioramento

Il ruolo del Manager della Produzione: compiti, responsabilit e capacit di innovazione Lavorare per priorit: distinguere fra importanza e urgenza Regole e principi da applicare in emergenza La gestione di fatica, ansia e stress Come stabilire obiettivi e condividerli efficacemente Dal buon proposito al risultato: la tecnica S.M.A.R.T.

Budget della produzione: dallimpostazione al controllo - Obiettivi del processo di budgeting - Politica delle scorte, adeguatezza degli impianti e disponibilit delle risorse - Analisi dei possibili scostamenti e azioni di ottimizzazione - Rendiconto economico e valutazione degli investimenti

Le relazioni e la leadership del Manager di Produzione I sistemi produttivi a flusso e la gestione delle scorte - Lapproccio del Just in Time - Metodologie per rifornire le linee di produzione: il kanban - Calcolo del lotto economico e della scorta di sicurezza - Il manager di produzione come leader: - Valutare i propri collaboratori con le 4P: posizione, prestazione/potenza, potenziale e preziosit - La matrice dello Human Portfolio

Definizione di una politica della qualit e impostazione di un piano Qualit/Costi - Indicatori di Qualit di prodotto, processo e servizio - Analisi dei costi della Qualit e classificazione - Correlazione tra attivit della Qualit e della Non Qualit

Teamworking aziendale: il valore aggiunto del gruppo nella funzione produzione - Costruire la squadra, la matrice e il processo di delega - Dal lavoro individuale al lavoro di gruppo: lo sviluppo del senso di appartenenza e di identit del team - Realizzare il manuale della squadra per la propria unit operativa: la ripartizione delle responsabilit e degli atteggiamenti/comportamenti tra i soggetti coinvolti - La gestione e il superamento dei conflitti - Analisi delle cause di fallimento

Testimonianza: Lean Thinking

81

Sviluppo manageriale

Percorso Modulare

Assistenti di Direzione
Competenze e abilit manageriali per eccellere nel ruolo Durata - Formula Modulare in 6 sessione

Per chi

Assistenti di Direzione Manager Assistant Executive Assistant Segretaria di Direzione Il percorso ha lobiettivo di sviluppare le competenze manageriali specifiche per il ruolo (autonomia, efficienza e leadership) nonch le abilit relazionali che consentono ad una Assistente di Direzione di diventare lalter-ego del Manager. Milano 2 semestre Venerd (9.15 - 17.15) e Sabato (9.00 - 13.00)

Perch

Dove e quando

Metodologia didattica Il percorso si contraddistingue per lutilizzo di diverse risorse formative, che rendono il processo di apprendimento particolarmente efficace, come: Didattica d'aula interattiva, a cura di docenti ed esperti del settore

Struttura del percorso

1 Modulo Essere lalter ego del Manager

2 Modulo Test, per valutare in modo approfondito le proprie competenze Comunicazione negoziale e gestione delle relazioni Simulazioni e riprese-video con telecamera sui temi trattati in aula per apprendere attraverso la pratica esperienziale 3 Modulo Opinion-check pre-percorso, sulle aspettative del ruolo e lanalisi dei gap individuali Newsgroup on-line sul sito www.formazione.ilsole24ore.com, per garantire la presenza dei docenti anche dopo l'aula e formare un ambiente d'approfondimento virtuale e di scambio di esperienze Libri editi dal Sole 24 ORE per approfondire le tematiche del percorso Time Management

4 Modulo Problem Solving: come prendere decisioni efficaci

5 Modulo Public Speaking: larte di parlare in pubblico

6 MODULO Eventi e incontri ufficiali: etichetta e cerimoniale

82

I programmi formativi 2006 Risorse Umane

Risorse Umane

Corso

Piani di sviluppo delle Risorse Umane e gestione dei Talenti


Come progettare e implementare un sistema di gestione integrato delle risorse umane Durata - 2 giorni

Per chi

Direttore del Personale Responsabili Sviluppo Risorse Umane HR Specialist

Perch

Il corso fornir, a partire dalla definizione del modello delle Competenze, gli strumenti per la definizione di Piani di sviluppo che integrano le attivit di gestione delle risorse umane nonch le strategie e le metodologie di attraction e valorizzazione dei talenti. Milano 1 semestre 9.15 - 17.15

Dove e quando

Prima giornata Il modello delle competenze nelle strategia di sviluppo - Dalle strategie di business alla definizione delle competenze distintive - La mappatura delle competenza: i criteri e gli strumenti di misurazione e la classificazione - La diagnosi delle competenze dei diversi profili professionali: la costruzione dei grading - Le applicazioni del modello come strumento di gestione integrata delle risorse umane: selezione ed inserimento; prestazione e miglioramento individuale; formazione e sviluppo professionale

Seconda giornata Talenti in azienda: come sopravvivere alla Guerra dei Talenti - Cosa vuol dire Talento: le caratteristiche distintive - Tipologie di talento ricercati dalle aziende - Acquisire una mentalit orientata al talento

La selezione e le strategie di Employer Branding degli Alti Potenziali - La scelta dei gruppi target e la segmentazione delle persone - Il profilo ideale per lazienda: i valori, le capacit e le competenze su cui mirare lo sviluppo - Individuare il Talento: lAssessment di gruppo, lintervista e i test psicoattitudinali

La Progettazione dei Piani di sviluppo - Scelta dellapproccio in funzione delle specifiche aziendali - Il disegno dei processi di sviluppo - Scelta dei destinatari e identificazione degli strumenti diagnostici da utilizzare - Strumenti e tecniche per una efficiente pianificazione di sviluppo: dagli strumenti tradizionali al Development Center - Il coinvolgimento dei manager di linea: come comunicare le nuove politiche e fare training

Testimonianze aziendali a confronto - Tavola rotonda moderata da un giornalista de Il Sole 24 ORE

Sviluppare e trattenere gli High Potential - Linserimento in azienda: come gestire lintegrazione nei team di lavoro - Analisi dei bisogni e delle leve motivazionali - Il piano di sviluppo: la creazione di un percorso personalizzato coerente con le aspettative - Progettazione di programmi formativi innovativi - Le leve per la retention dei talenti: job rotation, esperienze internazionali, formazione

Esercitazione Check-up Aziendale: il sistema di sviluppo in azienda e definizione della situazione desiderata in futuro

Dalla valutazione allattivazione: sviluppo, formazione e carriere - Lavvio del processo di sviluppo: i profili di competenze di ruolo e la valutazione delle performance e del potenziale - Lintervento sulle aree di miglioramento: lidentificazione delle competenze target di sviluppo e i piani di formazione individuali - Il monitoraggio dellefficacia della formazione: ROI della formazione - La pianificazione dello sviluppo: retribuzione, incentivazione, coaching e job rotation - La struttura e le componenti di un piano di retention - La creazione dei sentieri di carriera

Sviluppare senso di appartenenza tramite i Piani di incentivazione - Il Total Reward: retribuzione e opportunit di sviluppo personalizzate per allineare risultati di business e comportamenti individuali - La retribuzione variabile: uno strumento per coniugare risultati aziendali, competenze e potenzialit

85

Risorse Umane

Corso

La valutazione delle Risorse Umane per lo sviluppo organizzativo


Modelli e strumenti per valorizzare le persone Durata - 2 giorni

Per chi

Professionisti HR Responsabile Sviluppo e Risorse Umane

Perch

Nel corso verranno presentati gli strumenti per riconoscere e sviluppare gli alti potenziali allinterno delle organizzazioni. Si analizzeranno le tecniche pi efficaci di valutazione delle risorse attraverso esercitazioni e role playing. Milano 1 semestre 9.15 - 13.00 / 14.15 - 17.15

Dove e quando

Prima giornata Riconoscere le potenzialit in azienda per ottimizzarne il valore - Cosa significa potenzialit - Obiettivi di valutazione del potenziale e i diversi ambiti di utilizzo: gestione risorse umane, pianificazione delle carriere, selezione, cultura aziendale - Quando opportuno valutare il potenziale nellarco della vita professionale - Caratteristiche che contraddistinguono gli high flyer e il loro valore per limpresa - Come trattenere i talenti in Azienda

Seconda giornata Come valutare il potenziale di crescita nelle persone - Il ruolo esercitato, il ruolo percepito, il ruolo atteso - La motivazione a ricoprire un ruolo diverso o pi complesso - Gli strumenti per lanalisi del potenziale: job rotation, il lavoro per progetti, il Development Centre (Assessment Centre finalizzato allo sviluppo)

Esercitazione: creazione un percorso alternativo alla propria esperienza lavorativa

Come individuare capacit, competenze e comportamenti Come nasce e cresce una capacit Dal ruolo alla responsabilit Dalla responsabilit alle risorse Dalle risorse alle competenze Dalle competenze ai comportamenti

Come comunicare la valutazione delle capacit e del potenziale - Il coinvolgimento dei collaboratori nel processo di valutazione - Preparazione e gestione del colloquio di valutazione

Come definire e attivare un percorso di sviluppo - Le condizioni per il successo dei Piani di Sviluppo - Gli ostacoli allo sviluppo delle capacit: la diagnosi delle difficolt personali - La matrice ostacoli / capacit - Tecniche per lo sviluppo delle capacit - La matrice ostacoli / capacit /tecniche - Format per la costruzione del piano di sviluppo - La verifica dellefficacia del piano di sviluppo

Esercitazione: costruzione di un modello di comportamenti

Valutazione delle capacit nelle persone Generare la cultura della valutazione nellambiente lavorativo Losservazione dei comportamenti I questionari di valutazione e lintervista individuale Gli Assessment Centre: il ruolo degli esperti esterni nella valutazione del personale e gli strumenti pi utilizzati

Esercitazione: costruire un piano di sviluppo di una risorsa

86

Risorse Umane

Corso

Politiche retributive e strumenti innovativi di incentivazione


Gli strumenti e le nuove logiche premianti per costruire pacchetti retributivi competitivi Durata - 2 giorni

Per chi

Responsabile Sviluppo e Risorse Umane Professionisti HR Responsabili di Funzione

Perch

Il corso fornisce, attraverso lanalisi delle best pratice nei sistemi di compensation, gli strumenti per una efficace definizione e gestione delle politiche retributive a supporto del raggiungimento degli obiettivi di business. Milano 2 semestre 9.15 - 13.00 / 14.15 - 17.15

Dove e quando

Prima giornata Politiche retributive a supporto delle strategie e della competitivit aziendale - Gestione strategica del Capitale Umano: finalit della politica retributiva e coerenza con strategia aziendale - I trend dei sistemi retributivi: nuovi fattori motivanti, nuove logiche premianti e indicatori che emergono dalle indagini

Seconda giornata Modalit di costruzione di un sistema retributivo variabile - Principali driver del sistema: strategia e cultura aziendale, struttura organizzativa e stili direzionali - Forme di retribuzione flessibile collegate a performance individuali, indici di bilancio, indicatori economici e di efficienza operativa - I criteri: Pay for performance e/o Pay for contribution - Il Goal Setting e i nuovi sistemi di Performance Setting

Indagini retributive come strumento di confronto per le politiche retributive - Tipologie di indagini retributive - Come utilizzare i dati significativi e definire i trend - Analisi delle politiche retributive e impatto sui risultati aziendali Compensation Management: come costruire un pacchetto retributivo - Lo strumento della Balanced Scorecard - Evoluzione dei modelli di segmentazione dei dipendenti - Composizione del pacchetto retributivo in funzione dello sviluppo della carriera

Il processo di definizione delle politiche retributive Criteri di selettivit ed equit della politica retributiva Competitivit esterna e il posizionamento sul mercato Utilizzo della Job Evaluation per il trattamento dei ruoli Collegamento dei risultati della valutazione dei ruoli con i mercati retributivi - Modalit di comunicazione delle politiche retributive

Retribuzione per competenze - Come agganciare il modello delle competenze ai sistemi di valutazione delle performance e di rewarding - Performance Management e Performance Improvement - Valutazione delle competenze e incentivi

Esercitazione: costruzione di una struttura retributiva Fasi di sviluppo delle risorse umane nei piani di carriera Evoluzione dei sistemi retributivi e motivazionali: il Total reward - Fattori che determinano motivazione - Total Reward per operare sulle leve motivazionali Piani di carriera e tavole di rimpiazzo Task on the Job Responsabilit del management nello sviluppo delle risorse Sviluppo professionale dei talenti

Esercitazione: pianificazione dello sviluppo professionale degli alti potenziali

87

Risorse Umane

Corso blended (Aula + on line)

Il budget del personale


Dalla determinazione dei costi alle tecniche di redazione Durata - 1 giorno

Per chi

Responsabile Sviluppo e Risorse Umane Responsabile Amministrazione del Personale Responsabile Pianificazione e controllo

Perch

Il corso analizza gli aspetti politici e metodologici di elaborazione del budget: dalla raccolta delle informazioni previsionali, allattivit di reporting e di controllo. Le tecniche di costruzione del budget saranno approfondite in un corso on line di quattro lezioni. Milano 2 semestre 9.15 - 13.00 / 14.15 - 17.15

Dove e quando

Programma della giornata Le componenti del costo del lavoro - Componenti retributive dirette e differite nella composizione del budget - Il trattamento di fine rapporto - Le componenti accessorie: fringe benefit e rimborsi spese, indennit di trasferta e trasferimento - Le previsioni contrattuali, le politiche retributive e gli interventi legislativi - Lincidenza degli oneri sociali e fiscali - Gli ammortizzatori sociali - Il contenzioso La formulazione del budget - Il processo di budgeting: la tempistica - Le fasi preliminari: analisi del consuntivo, analisi della composizione dellorganico, analisi degli elementi retributivi/contributivi soggetti a variazione, applicazione della politica retributiva aziendale, analisi dellincidenza dei servizi legati al personale, analisi degli altri costi - La definizione del costo del lavoro: costi unitari e complessivi, costo del lavoro per unit di prodotto, costi diretti, indiretti ed impropri - La mensilizzazione del budget - Sistemi di consuntivazione e controllo del budget del personale: analisi degli scostamenti e azioni correttive

Gli elementi di variazione del costo del lavoro alla luce delle diverse forme contrattuali - Analisi comparativa dei costi delle forme di lavoro flessibile: il contratto di lavoro a termine, il part time, il lavoro somministrato a tempo determinato, indeterminato, e il distacco - Le opportunit dei nuovi contratti della Riforma del Lavoro: job on call e job sharing - Analisi di convenienza tra appalto, servizi e staff leasing - I criteri di scelta tra collaborazioni coordinate e continuative, lavoro a progetto, occasionale e contratto d'opera - Le agevolazioni dei contratti a contenuto formativo - Il corretto utilizzo della contrattazione collettiva aziendale Esercitazioni: simulazioni di variazione retributive e contributive che incidono sul budget del personale

Case History: il processo di definizione e negoziazione del budget del personale in azienda

Corso on Line Budget: tecniche di costruzione Al termine delle attivit daula per approfondire le logiche di costruzione del budget i partecipanti potranno accedere al corso on Line, articolato in quattro lezioni arricchite da approfondimenti audio, esercitazioni interattive e da un glossario. Un test alla fine di ciascuna lezione permetter di misurare il livello di apprendimento raggiunto.
88

Risorse Umane

Corso

Il processo di selezione
Dalla pianificazione delle risorse alla scelta dei candidati ideali Durata - 2 giorni

Per chi

Professionisti HR Responsabile Sviluppo e Risorse Umane Responsabili di Funzione

Perch

Il corso analizzer lintero processo di selezione, dallanalisi del contesto aziendale e del profilo del candidato ideale, agli strumenti di un efficace sistema di reclutamento. Le esercitazioni e roleplaying forniranno gli strumenti per condurre il colloquio di selezione in ogni sua fase. Milano 2 semestre 9.15 - 17.30

Dove e quando

Prima giornata Limpatto delle Riforma Lavoro sulle opportunit di ricerca di personale - Nuove opportunit offerte da societ di ricerca e selezione e da agenzie di lavoro interinale - Limpatto della riforma sulle procedure di assunzione - Come cambia lincontro tra domanda e offerta con la Borsa Continua Nazionale del Lavoro

Seconda giornata Il colloquio di selezione - Comunicazione one to one: ruolo del selezionatore e fasi da presidiare - Contenuto del colloquio

La conduzione del colloquio individuale Le diverse metodologie di intervista La relazione tra selezionatore e candidato Meccanismi di difesa del candidato e del selezionatore Comunicazione e cura del clima emotivo

Lavvio della ricerca: analisi del contesto aziendale e organizzativo - Dagli obiettivi strategici alla definizione delle strutture e delle esigenze di risorse umane - Pianificazione e rilevazione del fabbisogno di risorse - Posizioni organizzative chiave articolate per competenze

Role Playing: simulazione di un colloquio di selezione

La definizione del profilo professionale - Requisiti organizzativi e caratteristiche della persona - Indicatori da utilizzare nellindividuazione del profilo - Competenze soglia e competenze distintive della professione ricercata - Skill-Shortage: come affrontare il problema per le professionalit critiche

Altri strumenti di valutazione - I test psico-attitudinali - Lassessment center: prove di gruppo e prove individuali; le modalit: osservazione, registrazione, sistematizzazione e valutazione

La scelta dei candidati Le fonti di reclutamento - Selezione interna e selezione esterna - I costi di ricerca e selezione del personale - Comunicazione nel recruiting: Employer Branding ed Employer Brand Promise - E-Recruiting: sito aziendale e Internet Jobsites - Il briefing alle societ di ricerca del personale - Screening dei curriculum, interviste preliminari, verifica referenze - Come trasformare dati e impressioni in valutazioni - Gli errori di valutazione: come evitarli? - Corrispondenza tra profilo del ruolo e della persona

La negoziazione delle condizioni di inserimento - I differenti inquadramenti contrattuali - Costruzione del pacchetto retributivo - Impegnativa, contratto dassunzione e procedure amministrative

89

Risorse Umane

Corso

Comunicazione interna
Strategie e strumenti per creare valore Durata - 2 giorni

Per chi

Responsabili e Specialisti Comunicazione Interna Responsabili Comunicazione e Immagine Responsabili Risorse Umane

Perch

Per acquisire tutte le conoscenze per elaborare e attuare un piano di comunicazione interna coerente con il contesto e le finalit aziendali. Il corso analizza il ruolo della comunicazione interna nei processi di cambiamento. Milano 2 semestre 9.15 - 17.30

Dove e quando

Prima giornata Evoluzione del ruolo della comunicazione interna - Le caratteristiche del nuovo contesto competitivo - Le forze che impattano sulla creazione di valore - Le tre finalit della comunicazione organizzativa: costruire lidentit aziendale (corporate identity) valorizzare i collaboratori (people satisfaction) gestire le informazioni e la conoscenza - Le competenze dei nuovi comunicatori dimpresa

Seconda giornata Creare valore integrando gli strumenti di comunicazione - Caratteristiche, vantaggi e svantaggi degli strumenti di comunicazione: interviste, workshop, seminari, convention, riunioni, e-mail, house organ, newsletter, web tv, video. - Limportanza di un approccio blended alla comunicazione dimpresa

Intranet e portali aziendali: strategie e regole per un'efficace comunicazione Costruire lidentit aziendale (Corporate identity) - Il processo di definizione del mission statement (Vision, Mission, Values) - La costruzione delle coerenze interne: dal deployment strategico alle politiche di gestione delle risorse umane - Comunicazione e costruzione della corporate identity Esercitazione: Lelaborazione di un piano di comunicazione interna

Sessione 1: - Case Study: gestire il cambiamento - Presentazione della simulazione: integrare comunicazione, gestione risorse umane e change management - Definizione del brief: scenario, obiettivi e risorse disponibili

Dalla corporate identity alla corporate reputation: dallidentit allimmagine aziendale - Percezione della realt aziendale: lo studio dellimmagine interna ed esterna attraverso la mirror analysis. - La realt aziendale tra identit ed immagine: le due patologie possibili - Comunicazione e cultura aziendale: il cambiamento culturale a supporto di una nuova identit e immagine

Sessione 2: - La costruzione di un piano di comunicazione interna - Sviluppo del piano di comunicazione relativo alla situazione presentata

People satisfaction: comunicazione e soddisfazione delle persone Sessione 3: - Lapproccio bottom-up alla comunicazione organizzativa - Il legame tra la comunicazione interna e le politiche di gestione del personale ai fini della soddisfazione dei collaboratori Presentazione e valutazione dei risultati Presentazione dei piani realizzati Analisi dei punti di forza e di debolezza degli elaborati Individuazione dei possibili correttivi Lesercitazione sulla costruzione del piano di comunicazione interna e lanalisi di case study aziendali renderanno particolarmente interattivo il coinvolgimento dei partecipanti.
90

Risorse Umane

Percorso Modulare

H.R. Specialist
Le competenze distintive per operare nelle Direzioni del Personale Durata - Formula Modulare in 7 Week-End alternati

Per chi

Risorse neo-assunte nellarea HR Professionisti HR Professionisti interessati a un inserimento nellarea HR

Perch

Il percorso ha lobiettivo di formare il professionista delle Risorse Umane, in possesso delle competenze per operare a 360 nelle Direzioni del Personale.

Dove e quando

Milano e Roma 2 semestre Venerd (9.15 - 17.15) e Sabato (9.00 - 13.00)

Metodologia didattica Il percorso si contraddistingue per lutilizzo di diverse risorse formative, che rendono il processo di apprendimento particolarmente efficace, come: - Didattica daula interattiva, a cura di docenti ed esperti del settore - Testimonianze, a cura di professionisti aziendali, per fornire un confronto diretto con la realt di diverse organizzazioni - Simulazioni sui temi trattati in aula, per apprendere attraverso la pratica esperienziale

Struttura del percorso

1 Modulo - Modello delle Competenze

2 Modulo - Ricerca e Selezione

3 Modulo - Project Work, per applicare, all'interno di un gruppo di lavoro, gli strumenti appresi - Case-Study, per ripercorrere i contenuti del Percorso attraverso unesperienza aziendale - Newsgroup on-line sul sito www.formazione.ilsole24ore.com, per garantire la presenza dei docenti anche dopo laula e formare un ambiente d'approfondimento virtuale e di scambio di esperienze - Libri editi dal Sole 24 ORE per approfondire le tematiche del percorso - Sistema Retributivo e Piani di Carriera

4 Modulo - Nuovo Mercato del Lavoro e Contrattazione Collettiva

5 Modulo - Formazione e Coaching

6 Modulo - Comunicazione Interna e Knowledge Management

7 Modulo - Cultura e Clima aziendale

91

Risorse Umane

Percorso Modulare

Il Responsabile Formazione
Competenze, tecniche e metodologie innovative per organizzare efficacemente la formazione in azienda Durata - Formula Modulare in 5 Week-End alternati

Per chi

Responsabili Formazione Professionisti HR Responsabili Sviluppo Risorse Umane

Perch

Il percorso ha lobiettivo di approfondire i metodi e gli strumenti per organizzare e gestire il ciclo della formazione aziendale, dallanalisi dei bisogni organizzativi fino al monitoraggio dei risultati.

Dove e quando

Milano 2 semestre Venerd (9.15 - 17.15) e Sabato (9.00 - 13.00)

Metodologia didattica Il percorso utilizza diverse risorse formative, che rendono il processo di apprendimento particolarmente efficace, come: - Didattica daula interattiva, a cura di docenti ed esperti del settore - Testimonianze, a cura di professionisti aziendali, per fornire un confronto diretto con la realt di diverse organizzazioni - Simulazioni sui temi trattati in aula, per apprendere attraverso la pratica esperienziale - Newsgroup on-line sul sito www.formazione.ilsole24ore.com, per garantire la presenza dei docenti anche dopo laula e formare un ambiente d'approfondimento virtuale e di scambio di esperienze - Libri editi dal Sole 24 ORE per approfondire le tematiche del percorso

Struttura del percorso 1 Modulo La progettazione degli interventi formativi - Strategie aziendali e pianificazione della formazione - Analisi dei fabbisogni professionali aziendali: metodi per rilevare le necessit formative - Definizione dei gap e dei percorsi formativi

2 Modulo Strumenti, tecniche e metodologie innovative - Formazione daula, e-learning e outdoor - Coaching, tutoring on the job e formazione one-to-one

3 Modulo Lorganizzazione del processo formativo: aspetti economici e gestionali - Il budget della formazione - Finanziamenti alla formazione - Outsourcing della formazione

4 Modulo Erogazione e gestione della formazione - Programmazione dei contenuti e dei tempi - Individuazione degli strumenti e delle metodologie didattiche in funzione degli obiettivi - Gestione daula

5 Modulo Monitoraggio e valutazione degli interventi formativi - Indicatori di qualit e i criteri per la valutazione - Valutazione della redditivit dellinvestimento formazione

92

www.formazione.ilsole24ore.com/bs

Co mp ete nz e

Pr ofe ss ion e

Business School del Sole 24 ORE

Sapere e saper fare: coincidenza perfetta


Nel Master del Sole 24 ORE ogni conoscenza teorica passa attraverso la pratica e linsegnamento dei massimi esperti. Teoria e pratica come metodo e come percorso, fin dalla prima lezione

MASTER POST LAUREA


diurni e full time

MASTER DI SPECIALIZZAZIONE
in formula week end

CORSI DI PERFEZIONAMENTO
in formula serale o week end

12 Master Tributario
Milano, ottobre

Ufficio Stampa e Media Relations


Milano, gennaio

Marketing e Vendite
Milano e Roma, febbraio

7 Master Amministrazione Finanza e Controllo


Milano, novembre

Marketing e Comunicazione dei Beni e Servizi Culturali


Milano, marzo

Assistenti di Direzione
Milano, marzo

Comunicare con gli eventi


Milano, aprile

7 Master Marketing Management


Parma, settembre

6 Master Human Resources


Milano, ottobre

Management e Comunicazione del Prodotto Cinematografico e Televisivo


Milano, marzo

Marketing per non addetti


Milano, aprile

6 Master Marketing, Comunicazione e Nuove Tecnologie


Milano, maggio

Fiscalit internazionale
Milano, aprile

Tecniche di Vendita e strumenti di negoziazione


Milano, ottobre

Management degli acquisti


Milano, aprile

Marketing e Product Management


Milano e Roma, ottobre

5 Master Diritto e Impresa


Roma, maggio; Milano, ottobre

Diritto societario
Milano, maggio

5 Master Gestione e Strategia dimpresa


Milano, novembre

Marchi e Brevetti
Milano, settembre

5 Master Banca Finanza e Mercati


Milano, maggio

Amministrazione Finanza e Controllo di Gestione


Milano e Roma, ottobre

3 Master Media Relations


Roma, maggio; Milano, novembre

Comunicazione integrata dimpresa


Milano, ottobre

Tutti i percorsi sono a numero chiuso: brochure e modalit di ammissione su www.formazione.ilsole24ore.com/bs

Executive Master in Economia e Gestione dImpresa


Milano, ottobre

Servizio Clienti: Tel. 02 3022.3811/3906 Fax 02 3022.4462 e-mail segreteria.scuola@ilsole24ore.com

Su cc es so
Il Sole 24 ORE Formazione Business School via Monte Rosa, 91 - Milano

Ca rri era

La vo ro

www.formazione.ilsole24ore.com

Grandi temi, massimi esperti.


Annual ed Eventi del Sole 24 ORE 2006
Gli incontri dedicati alle alte direzioni delle imprese, ai rappresentanti delle istituzioni e del governo e ai professionisti di maggior spicco nei principali settori.

Gli incontri di Tuttorisparmio


Milano, marzo

2 Summit Made in Italy


Milano, ottobre

5 Wireless Business Forum


Milano, aprile

4 Italian Real Estate Summit


Milano, ottobre

Marketing Forum
Milano, maggio

8 Annual Assicurazioni
Milano, ottobre

3 Forum Edilizia e Territorio


Roma, giugno

Brand and Retail Summit


Milano, novembre

4 Annual Economia & Finanza


Milano, giugno

7 ICT Business Summit


Milano, novembre

6 Italian Energy Summit


Milano, settembre

3 Annual Sanit
Milano, dicembre

Task - Carriere, Lavoro, Impresa


Milano, ottobre

Opportunit per le imprese: diventare partner alle iniziative del Sole 24 ORE Formazione.
Ogni evento promosso attraverso un articolato piano di comunicazione e permette allimpresa di affermare la visibilit del proprio brand e la propria immagine sul mercato.

Per informazioni Tel. 02 3022.3362/3556 e-mail: progetti.formazione@ilsole24ore.com

Il Sole 24 ORE Formazione via Monte Rosa, 91 - 20149 Milano www.formazione.ilsole24ore.com

Il Sole 24 ORE Formazione: Redazione Paola Gambini Elena Isacchini Alberto Paleari Marketing Adelaide Boffa Tatiana Farina Sede Via Monte Rosa, 91 20149 Milano Tel.: 02-4587020 Fax: 02-4587025 www.formazione.ilsole24ore.com e-mail: progetti.formazione@ilsole24ore.com

Lofferta formativa del Sole 24 ORE 2006

Banche ed Intermediari Finanziari

Marketing, Comunicazione e Commerciale Sviluppo Manageriale e R.U.

Norme e Tributi, Amministrazione, FInanza e Controllo

Il catalogo presenta il piano editoriale 2006 completo dei programmi. Sul sito www.formazione.ilsole24ore.com sono pubblicate le date e le sedi.