Sei sulla pagina 1di 10

LA CLASSIFICAZIONE DEI LUBRIFICANTI: NORME INTERNAZIONALI

Le classificazioni pi usate sono fondate sulla viscosit:tuttavia esse non rispondono alla esigenza di definire il livello qualitativo e la idoneit dei singoli prodotti ad essere impiegati in condizioni di esercizio diverse. Perci potremmo trovare molti oli diversi, che pur avendo la stessa categoria di viscosit, sono ben differenti tra loro, e non ottimali per qualsiasi impiego. Si resa quindi necessaria l'introduzione di altri sistemi di classificazione che forniscano informazioni indispensabili in fase di scelta prima dell'acquisto:queste sono riportate sulla confezione, con delle sigle che corrispondono ad altrettante specifiche, codificate secondo norme internazionali. Esistono due principali standard di classificazione basati sulla viscosit: quello della SAE (Society of Automotive Engineers) e quello della ISO (International of Standard Organization). Le norme sono studiate su richiesta di costruttori d'automezzi e produttori di lubrificanti riuniti in associazioni quali API - ACEA - CCMC. Esse definiscono prestazioni e procedure di prova che i lubrificanti devono superare con successo in varie prove motore ed esami di laboratorio per essere valutati idonei e considerati in norma per il tipo di lubrificazione richiesta. L'omologazione concessa al superamento di una serie di prove le cui modalit esecutive sono dettate da costruttori di motori quali BMW - FIAT - FORD - Mercedez-Renault - Volkswagen etc. riuniti sino al 1993 nel CCMC = Comitato Costruttori Mercato Comune e quindi nell' ACEA = Associazioni Costruttori Europei Automobile. La specifica corrisponde a prove motore, classificazioni di costruttori ed organismi di stato collegate ad omologazioni ufficiali, studiate da professionisti, per garantire ai consumatori di lubrificanti l'uso di prodotti idonei ad assicurare la migliore funzionalit dell'automezzo. Le specifiche definiscono il livello qualitativo di un olio mediante un numero o una lettera: in genere una specifica con un numero o una lettera maggiore migliore di una con numero o lettera minore.

1. SAE La classifica SAE (Society of Automotive Engineers - U.S.A.) distingue gli oli in base alla viscosit, ossia alla resistenza che oppone il fluido alle forze che tendono a farlo scorrere e li cataloga in base all'indice di viscosit (la misura della resistenza che un fluido presenta ad ispessire a basse temperature e a fluidificare alle alte). Questa classifica stabilisce che gli oli vengano raggruppati in diverse classi o gradazioni, ciascuna delle quali, contraddistinta da un numero convenzionale, raggruppa oli che rientrano in determinati limiti di viscosit, dividendo i lubrificanti in due categorie in funzione delle loro caratteristiche viscosimetriche e precisamente: a) Oli adatti ai climi freddi o alle stagioni invernali. I lubrificanti appartenenti a questa categoria sono contradistinti dalla lettera "W" (abbreviazione di winter = inverno). La viscosit degli oli motore invernali (W) misurata a temperature inferiori allo zero (da 5C a - 30C): pi il primo di classe piccolo pi l'olio e fluido a freddo b) Oli idonei ai climi caldi o alle stagioni estive, identificati solamente da un numero. La viscosit degli oli motore estivi misurata a 100C. Alla prima categoria appartengono gli oli "fluidi" e alla seconda gli oli viscosi Esistono undici gradazioni SAE per gli oli motore (SAE J 300) e 7 gradazioni SAE per gli oli trasmissione (SAE J 306) e come detto vengono indicate con un numero che rappresenta la viscosit alla temperatura standard di riferimento: Un lubrificante con una singola gradazione SAE (es. Invernale/W, oppure estiva) definito unigrado, mentre uno che rientri a freddo in una classe SAE invernale (es. 10W) ed a caldo in una di quelle estive detto multigrado ed designato mediante una doppia indicazione.

Gli oli multigrado si comportano diversamente al variare della temperatura: tale comportamento descritto da un elevato indie di viscosit. Oggi, salvo in caso di impieghi molto particolari, vengono utilizzati oli multigradi, che, specie negli avviamenti a basse temperature, si comportano meglio. Esempi: SAE10W un olio monogrado; SAE5W40 un olio multigrado. GRADAZIONI DI VISCOSITA' SAE PER LUBRIFICANTE MOTORE (Dicembre 1995 - J-300) Viscosit alle basse Temperature (C) Viscosit alle alte Temperature (C) Viscosit per Grado Viscosit sollecitazione a di Rotazione Pompabilit cinematica (cSt) a taglio (sforzo di viscosit 100C taglio 106/s) SAE (T=150C) cP Max cP Max Min Max cP Min
0W 5W 10W 15W 20W 25W 20 30 40 40 50 60 3250 3500 3500 3500 4500 6000 a a a a a a -30 -25 -20 -15 -10 -5 6000 6000 6000 6000 6000 6000 a a a a a a -40 -35 -30 -25 -20 -15 3,8 3,8 4,1 5,6 5,6 9,3 5,6 9,3 12,5 12,5 16,3 21,9

9,3 12,5 16,3 16,3 21.9 26,1

2,6 2,9 2,9 3,7 3,7 3,7

gradazioni (*) gradazioni (**)

(*) 0W/40 - 5W/40 - 10W/40

(**) 15W/40 - 20W/40 - 25W/40 40

GRADAZIONI di VISCOSITA' SAE PER LUBRIFICANTE CAMBIO E DIFFERENZIALE (J-306) Grado Viscosit alle basse Temperature (C) Viscosit alle alte Temperature (C) di Max viscosit viscosit cP Max MIN MAX SAE
70W 75W 80W 85W 90 140 250 150000 mPa.s 150000 mPa.s 150000 mPa.s 150000 mPa.s a a a a -55C -40C -26C -12C 4.1 4.1 7.0 11.0 13.5 24.0 41.0 24.0 41.0 -

2. ISO I sistemi di misura della viscosit erano assai dissimili nei vari Paesi e Continenti ed inoltre molto difficilmente comparabili anche in relazione alle diverse scale di temperature usate. Per ovviare a tale non lieve difficolt, il comitato tecnico della I.S.O. (International Organization of Standardization) ha messo a punto e adottato un sistema di misura sulla viscosit in mm2/s (cSt) alla temperatura di 40C da applicare alla gamma dei prodotti derivati dal petrolio: la classificazione ISO 3448 definisce 18 gradi di viscosit, tra 2 cSt e 1500 cSt, misurata a 40C.

Ogni gradazione di viscosit ISO espressa dal numero intero pi vicino che corrisponde alla viscosit cinematica. La classificazione basata sul seguente principio: la viscosit cinematica media di ogni gradazione deve essere pi alta della met di quella precedente. Come la classifica SAE anche la classificazione ISO fornisce informazioni sulla viscosit non sulla qualit. GRADAZIONE DI VISCOSITA' ISO - VG
ISO VG 2 ISO VG 3 ISO VG 5 ISO VG 7 ISO VG 10 ISO VG 15 ISO VG 22 ISO VG 32 ISO VG 46 ISO VG 68 ISO VG 100 ISO VG 150 ISO VG 220 ISO VG 320 ISO VG 460 ISO VG 680 ISO VG 1000 ISO VG 1500

VALORE MEDIO DELLA VISCOSITA' a 40C mm2/s (cSt)


2,2 3,2 4,6 6,8 10 15 22 32 46 68 100 150 220 320 460 680 1000 1500

INTERVALLO DI VISCOSITA' a 40C mm2/s (cSt) min max


1,98 2,88 4,14 6,12 9,00 13,5 19,8 28,8 41,4 61,2 90,0 135 198 288 414 612 900 1350 2,42 3,52 5,06 7,48 11,0 16,5 24,2 35,2 50,6 74,8 110 165 242 352 506 748 1100 1650

Nella tabella che segue, viene fornita la comparazione tra gradazione I.S.O., gradazione SAE per oli motore, gradazione SAE per oli trasmissione e corrispondente viscosit in gradi Engler. GRADAZIONE DI VISCOSITA' ISO - VG
ISO VG 2 ISO VG 3 ISO VG 5 ISO VG 7 ISO VG 10 ISO VG 15 ISO VG 22 ISO VG 32 ISO VG 46 ISO VG 68 ISO VG 77 ISO VG 100 ISO VG 150 ISO VG 220 ISO VG 320 ISO VG 460 ISO VG 680 ISO VG 1000 ISO VG 1500

CORRISPONDENTI CLASSIFICAZIONE VISCOSITA' IN E A SAE OLI MOTORE 50C Celsius


1,1 1,17 1,29 1,4 1,6 1,9 2,3 3 4 5,7 6,5 8 12 16,5 24 32 45 68 100

CLASSIFICAZIONE SAE OLI TRASMISSIONE

SAE-10W SAE-10W/SAE-20W SAE-20 SAE-20 SAE-20/SAE-30 SAE-30 SAE-40 SAE-50

SAE-75 SAE-75 SAE-80 SAE-80 SAE-80 SAE-80 SAE-90 SAE-90 SAE-90 SAE-90/SAE-140 SAE-90/SAE-140 SAE-250

3. API Nel corso delle seconda guerra mondiale risult necessario completare la classificazione SAE, riguardante la viscosit degli oli motore, con delle indicazioni relative alle prestazioni dei 3

lubrificanti od ai servizi chiesti ai motori per le migliori funzionalit, rispetto ambientale e controllo di qualit. A ci ha provveduto l'A P I = American Petroleum Institute che riunisce costruttori ed esperti dell'automobile americani e sino dal 1940 ha fissato per i lubrificanti delle opportune norme. Nel biennio 1969-1970 l'API, l'ASTM e la SAE cooperarono per mettere a punto una classificazione completamente nuova. La SAE stabil che dovevano essere considerate otto categorie di oli motore di interesse commerciale. Da parte sua l'ASTM stabil i metodi di prova e le prestazioni per ciascuna delle otto categorie. L'API invece prepar un linguaggio d'impiego, introducendo nuove sigle per ciascuna delle diverse condizioni di esercizio. Il nuovo sistema di classificazione ha permesso di definire o distinguere con migliore precisione gli oli in base alle loro prestazioni e di correlare pi facilmente ciascun, olio al tipo di servizio per il quale stato studiato. La pi recente versione (1980) della nuova classificazione API comprende dieci tipi di servizio, sei per motori a benzina e quattro per motori Diesel. Successivamente anche tale classifica stata modificata: nuovi tipi di servizio sono stati aggiunti mentre altri sono diventati obsoleti. Le classifiche SAE per gli oli motore prevedono due lettere: la prima individua il tipo di motore cui riferita (S = Service Station =motori a benzina - C = Commercial =motori diesel), la seconda, in progressione alfabetica dalla lettera A alle seguenti, indica la qualit crescente del lubrificante. Esempi SF, SG, SH, SJ. Motori a benzina (prodotti a partire dal 1980) CF, CF-4, CG-4, CH-4 Motori Diesel (prodotti a partire dal 1964) Un olio che risponde ad un certo grado di severit d'uso copre automaticamente i gradi di servizio e di severit a livello inferiore. Il medesimo olio pu eventualmente rispondere a certi gradi di servizio nelle classificazione S per i motori a benzina ed ugualmente ad un grado della classificazione C per i motori Diesel. Oli di questo tipo, che soddisfano cio sia specifiche benzina che diesel, sono quindi utilizzabili indifferentemente sui due tipi di motore e pertanto riportano entrambe le sigle. Esempi SH/CD, SG/CD, CE/SF, CF-4/SG. Oltre alle classifiche degli oli per motore (benzina / diesel) l'API ha definito anche una classificazione degli oli per trasmissioni, anch'essa formulata sulla base delle prestazioni degli oli: in questo caso la classifica definita da due lettere GL seguite da un numero, in ordine crescente da 1 a 5. Esempi GL3, GL4, GL5 Sino all' agosto 1993 le norme API erano definite da precisi capitolati tecnici senza controllo di qualit sui prodotti fabbricati, proposti e venduti ai clienti. Dal settembre 1993, l'A P I ha stabilito un preciso sistema per la certificazione chiamato EOLC - Engine Oil Licensing and Certification System allo scopo di fissare un codice di buona condotta severamente controllato dall'API in tutte le varie tappe vale a dire dallo studio alla produzione del lubrificante. Qualora tutte le condizioni siano rispettate, l' API d o, pi esattamente, vende il diritto di apporre su depliant ed imballi i loro famosi"Donut -Bolli - Etichette" ed il prodotto cos "certificato". Negli Stati Uniti l'API concede il marchio EC ="Energie Conserving" cio "Economia d'energia" ad oli per motori a benzina e Diesel che, con la prova normalizzata ASTM Seq., effettuata sul motore al banco, hanno dimostrato un risparmio di consumi di carburante rispetto a quelli ottenuti, nelle medesime condizioni, con un altro olio di riferimento. Se il risparmio dei consumi compreso tra 1,5 - 2,7% l'olio riceve un primo marchio cio EC= "Energie Conserving" e, se superiore od uguale a 2,7%, ottiene un secondo marchio che EC II = Energie Conserving II. Questi marchi potranno essere scritti su depliant ed imballi a dimostrazione della qualit del prodotto.

CLASSIFICAZIONI: Benzina: (SA), (SB), (SC), (SD), (SE), SF, SG, SH, SJ
Diesel: (CA), (CB), (CC), (CD), (CD-II), (CE), CF-4, CF-2, CF, CG-4, CH-4 4

Cambi e Differenziali
Classe API

Applicazione

GL-1

GL-2

GL-3

GL-4

GL-5

Ingranaggi Trasmissione Additivazione Ingranaggi elicoidali e vite senza fine. Cambi Senza Condizioni d'uso poco Pressioni e sfregamenti deboli additivi EP e severe manuali di camion modificatore (Fuller, Clark, Rockwell ) d'attrito. Definisce il tipo di servizio caratteristico di differenziali automobilistici, con ingranaggi conici a spirale od a vite senza fine, e di taluni cambi manuali che funzionano in condizione non gravose e tali da potere essere lubrificati con oli minerali puri. Possono essere impiegati additivi antiossidanti, antiruggine, antischiuma, abbassatori del punto di scorrimento. Non devono essere usati additivi che modificano il fattore d'attrito e additivi di estrema pressione. Condizioni pi severe di Ingranaggi a vite senza fine. Senza GL-1 Vecchi cambi additivazione EP Olio minerale insufficiente Definisce il tipo di servizio caratteristico di differenziali del tipo a vite senza fine che funzionano in condizioni tali di carico, temperatura e velocit di strisciamento, da far s che un lubrificante API GL-1 risulti insufficiente. Lubrificanti adatti per questo tipo di servizio contengono additivi antiusura od additivi di estrema pressione con azione blanda. Condizioni moderate di Additivi EP in Cambi manuali e differenziali ad velocit di sfregamento quantit molto ingranaggi e carico elicoidali moderata. Definisce il tipo di servizio caratteristico di cambi manuali e differenziali con ruote coniche a spirale che funzionano sotto condizioni moderatamente gravose di velocit e carico. Queste condizioni operative richiedono un lubrificante con capacit portanti superiori a quelle che possono essere offerte da un olio API GL1/2, ma inferiori ai requisiti posti per un olio API GL-4. Lubrificanti adatti per questo tipo di servizio contengono additivi che reagiscono con le superfici dei denti alle temperature generate dai carichi e dalle velocit alte. Additivi EP Condizioni severe di Ingranaggi ipoidi. Quantit media velocit, di sfregamento Cambi manuali di vetture e veicoli Conforme Mil-L e carico. commerciali. 2105 Definisce il tipo di servizio caratteristico di ingranaggi, particolarmente ipoidi, in automobili ed altri organi di tipo automobilistico che funzionano in condizioni di alta velocit e basso momento o di bassa velocit ed alto momento. Condizioni molto severe Additivi EP Ingranaggi ipoidi molto caricati e di velocit, sfregamento Quantit elevata disassati per organi di trasmissione e con carichi forti e Conforme Mild'autovetture. ripetuti. L2105D Definisce il tipo di servizio caratteristico di ingranaggi, particolarmente ipoidi, in automobili ed altri organi di tipo automobilistico che funzionano in condizioni di alta velocit e urti; alta velocit e basso momento e bassa velocit ed alto momento.

4. CCMC Nel 1972 si costituito il CCMC = Comit Costructeurs March Commun per riunire 13 costruttori europei d'auto (Alfa Romeo, BMW, Citroen, Daf, Fiat, Mercedes Benz, Peugeot, Porsche, Renault, Rolls Royce, Rover, Volkswagen, Volvo.) che hanno collaborato e lavorato insieme per definire le norme di lubrificanti pi adatte ai motori europei rispetto a quelle 5

americane dell' API. Tali norme definiscono il livello qualitativo minimo per le prestazioni di un prodotto. Le specifiche CCMC utilizzano un criterio simile a quello API; sono divise in 3 categorie codificate mediante una lettera che si riferisce al tipo di motore: Norme G Gasolina Per motori a benzina. Norme PD Passenger Diesel Per motori Diesel leggeri. Norme D Diesel Per i motori dei camion A questa segue un numero progressivo (1,2,3...) indicante un crescente livello qualitativo dell'olio. Benzina: G1, G2, G3, G4, G5 Diesel leggeri PD1, PD2 Diesel pesanti D1, D2, D3, D4, D5 Esistono anche oli che soddisfano sia le specifiche benzina che diesel. Es. Benzina e Diesel G5, PD2 ; G4, PD2 Diesel e Trazione pesante D4, PD2. Le norme CCMC G1,G2 e G3 sono obsolete dal 1989 e sostituite dalle norme CCMC G4 e G5. La norma CCMC PD1 dal 1989 stata sostituita dalla CCMC PD2. L'associazione C.C.M.C. (Comitato Costruttori Mercato Comune) nel novembre 1990 ha accordato l'ingresso alle filiali europee dei costruttori americani prendendo la nuova denominazione di A.C.E.A. (Association Costructeurs Europens Automobiles). In seguito ad un disaccordo di ordine economico il CCMC stato sciolto nel 1991.

5. ACEA L'ACEA = Association Costructeurs Europens Automobile stato costituito nel 1991 per riunire in un'unica associazione i 13 costruttori europei del CCMC e le filiali europee di Ford e General Motors, per un totale di 15 costruttori di autoveicoli. Dal 1991-1996 l'ACEA ha conservato le norme CCMC. Dal 1 gennaio 96 sono state definite le nuove specifiche ACEA, che hanno sostituito quelle CCMC. Secondo le specifiche ACEA l'applicazione e il livello sono definiti da una lettere seguiti da una cifra e da una data: la lettera indica il tipo di motore per il quale l'olio indicato: A oli per motori a benzina (sostituiscono le norme CCMC G4 e G5); B per motori diesel (sostituiscono le CCMC PD2); E oli per motori Diesel di veicoli industriali. il numero indica il livello delle prestazioni dell'olio: 1 prestazioni standard 2 per prestazioni standard 3 prestazioni di livello superiore La data indica l'anno della specifica. Benzina: A1-96, A2-96, A3-96 Diesel leggeri: B1-96, B2-96, B3-96 Controllo della quantit. Diversamente da quanto stabilito da norme e regole del CCMC e per premunirsi contro le differenze tra le reali prestazioni del lubrificante e le norme scritte sulle confezioni, 6

dall'1/1/1996 l'ACEA ha messo in funzione un sistema di controllo che autorizza le Societ di lubrificante a marcare i loro prodotti con scritte le norme ACEA a condizione che questa attestazione sia basata su dati credibili e test controllati presso i laboratori autorizzati. Il sistema di qualit europeo stato chiamato ELQMS = European Lubricant Quality Management System ed gi in condizioni di registrare delle prove motore. Per poter rispondere a una norma di registrazione ACEA lo stabilimento di fabbricazione deve essere omologato per la qualit ISO 9002 a partire dal 1 gennaio 1997 od impegnarsi per iscritto ad effettuare le procedure di certificazione dal 1 gennaio 1998. Consumi d'olio. Il test CEC-L-54-X-94 riguarda l'economia di carburante ed stato introdotto per le norme benzina di ACEA bench i limiti di questo test non siano stati ancora fissati. Per le norme Diesel prevista l'introduzione di un test d'economia di carburante che non stato ancora definito. Prove Aggiuntive. Dalle esigenze basate sul metodo CEC-L-55-T-95 sono state definite norme ACEA a livello prove motore che comportano una limitazione a livello di depositi, del gommaggio sui segmenti e d'ispessimento olio alle alte temperature.

6. ILSAC Classifica "ILSAC" Questa classifica designata dalla sigla GF-1ed elaborata nel settembre 1990. ILSAC = International Lubricant Standardization Approval Commite il quale raggruppa le due organizzazioni di costruttori d'auto per il turismo cio A.A.M.A=American Automobile Manufacturer's Association" e la giapponese J.A.M.A = Japan Automobile Manufacturer's Association. Questa classificazione riguarda gli oli per motori a benzina con bassa viscosit a freddo (0W-X, 5W-X e 10W-X) e corrispondono agli oli di categoria API SH con l'aggiunta di esigenze supplementari riguardanti: l'economia di carburante (2,7% minimo di risparmio, in rapporto all'olio di referenza, nella prova Sequenza VI); la viscosit ad alta temperatura HTHS (maggiore a 2,9 mPas a 150 C e 10 alla 6 ed S meno 1); la volatilit; la tendenza alla schiuma; la filtrabilit; il tenore massimo in fosforo inferiore a 0,12 % in peso. L' LSAC ha voluto adottare una nuova classificazione GF-2 effettiva dal 1997 che riprende le medesime esigenze di prestazioni delle prove motore che sono richieste per la GF-1 precedente con l'eccezione delle prove d'economia di carburante che sono pi severe. L'approvazione ILSAC permette di apporre su depliant e confezione un logo con scritto "STARBURST"

7. MILITARI Le specifiche MIL-L sono emesse dalle autorit militari americane e fissano i livelli qualitativi minimi dei lubrificanti destinati alle forze armate: Sono previste le seguenti specifiche: - Oli per motori a benzina: MIL-L-46152 B, C, D, E ( equivale a API SF/CD). - Oli per motori diesel: MIL-L-2104 D, E (equivale a API CD/SD). - Oli per cambi e differenziali: MIL-L-2105 C, D ( equivale a API GL5).

Attenzione: nell'ambito di ogni specifica variando il numero cambiano le caratteristiche del prodotto. Le specifiche Mil-L per gli oli trasmissioni riguardano i tre oli EP di maggior consumo che costituiscono la base d'omologazione per l'esercito americano. Esse sono: Mil-L 2105 = Definita nel 1946, equivale all'attuale API GL-4, si riferisce ai gradi SAE 75W-80W e 90 e riguarda ingranaggi elicoidali con ridotto sfregamento ad una temperatura moderata a livello della superficie dei denti. Mil-L 2105 D = Definita nel 1987, equivale all'attuale API GL-5, sostituisce le Mil.L. 2105 B/C, rispetto alla quali ha superiori prestazioni, si riferisce ad oli per trasmissione multigradi che hanno gradazioni SAE 75W- 80W 90 e 85W 140 e riguarda gli ingranaggi che sono pi sensibili ai carichi molto elevati con brusche variazioni dello sforzo e con strisciamenti a delle temperature elevate. La differenza tra le specifiche Mil-L 2104C e 2104D riguardano la tossicit ed i problemi d'inquinamento.

8. COSTRUTTORI Le specifiche costruttori sono stabilite da un certo numero di aziende automobilistiche e da produttori di mezzi per lagricoltura che effettuano prove personalizzate, stabilendo i livelli qualitativi che possono essere utilizzati sui propri motori. Qui di seguito si distingue fra le specifiche relative agli oli per l'autotrazione, le specifiche relative agli oli per l'agricoltura e le specifiche relative agli oli per i cambi automatici. Specifiche dei costruttori di automobili Le pi diffuse sono: Mercedes Benz (MB), Volkswagen (VW), MAN, Volvo, Saab Scania, DAF, BMW, Porsche, Rover, Rolls Royce, General Motors (GM). Queste specifiche sono indicate con la sigla (o il nome) della casa, seguita da un numero. Specifiche dei costruttori di trattori e macchine agricole Il termine lubrificante universale in origine considerava l'uso di un solo prodotto TOU per motore, circuito idraulico e trasmissione con esclusione dei freni in bagno d'olio. Di seguito, considerando le esigenze di quest'ultimo, si arrivati al prodotto UTTO che esclude il motore e copre le altre parti meccaniche. La crescente tecnologia arrivata in contemporanea a soddisfare le esigenze dell'olio idraulico, quelle EP= Estrema Pressione d'ingranaggi e d'attrito per freni in bagno d'olio. Il lubrificante detto STOU "Super Tractor Oil Universal" per essere considerato tale deve possedere le caratteristiche di prodotti TOU ed UTTO e le prestazioni richieste per lubrificare i motori Diesel normali o con turbocompressore. Oli STOU sono stati formulati dal 1960 ed il loro impiego pi recente che per gli oli tipo TOU-UTTO. Pur essendo multifunzionali, polivalenti o, meglio, super universali, essi non sono da utilizzare per ogni uso. I loro"limiti" tecnici si trovano infatti in relazione a: viscosit, in quanto l'olio di qualit STOU non consente di lubrificare la trasmissione con viscosit SAE 140; additivazione, in quanto per lubrificare la trasmissione del trattore pu essere richiesta una qualit API GL-5. Questa qualit API ha un'additivazione fortemente EP. L''uso di un fluido STOU sconsigliato perch la sua additivazione parzialmente EP cio sufficiente a lubrificare un sistema di trasmissione ad ingranaggi con coppia elevate e bassa velocit di rotazione; progettazione, in quanto le caratteristiche costruttive del trattore possono risultare forzate soprattutto per la lubrificazione di freni in bagno d'olio. In questo caso preferibile scegliere un lubrificante per il motore ed un altro universale cio UTTO per sollevatori idraulici e trasmissioni qualit in eccesso, in quanto per il rodaggio del motore, nuovo o rifatto, preferibile lasciare l'olio di primo riempimento invece di mettere un olio STOU. L'alto contenuto d'additivi pu impedirne il corretto rodaggio.

Gli oli STOU servono a lubrificare motori Diesel. E' proibito l'uso per lubrificare motori 2 tempi tipo quelli dei motocoltivatori. MARCA DEL COSTRUTTORE IDENTIFICATIVO DESCRIZIONE NEW HOLLAND ex FORD Ponte ipoide convenzionale M2C 86C (valide x Europa) Ponte posteriore.Freni bagno d'olio. Occorre considerare che le normeM2C 86B sono contrarie alle J 20 A/C perch non vi prodotto che possa soddisfare entrambe. Ponte ipoide convenzionale M2C 134D (valide x USA) Ponte posteriore, freni bagno d'olio e circuito idraulico. per trasmissione. SERVIZIO SEVERO. Anno1989. Per trattori ex Ford col cambio powershift Risponde anche alle M2C 86C e M2C 134 A/B/C non pi in uso. Ponte ipoide autobloccante ma possono essere ugualmente utilizzati M2C 103 per i ponti ipoide tradizionali. M2C 104 M2c 119A Sostituisce la M2C 159B. M2C 159C. Anno1991 Tra le due versioni i livelli di prestazioni sono diventati severi per il STOU motore e la trasmissione come antiusura ed anticorrosione arrivando a comprendere le esigenze M2C 134 per UTTO. La norma precedenteM2C 159B ancora in uso perch ancora richiesta anche se obsoleta.Come tutti i lubrificanti anche quelli per la lubrificazione dei mezzi impiegati in agricoltura, assieme alle norme specifiche del loro impiego, devono rispondere anche a norme internazionali quali API- Mil L ACEA e dei costruttori dei trattori. JOHN DEERE La norma J 20C riprende la J 20A con maggior severit (es. il test J 20C anno 1991 antiusura JD Q95 rinforzato). Definisce le prestazioni di prodotti UTTO in relazione alla temperatura ambiente d'utilizzo. Questi oli sono riservati alla lubrificazione delle trasmissioni meccaniche cio ponte posteriore, freni in bagno d'olio e circuito idraulico. I test generalmente chiesti sono la prova alla macchina Timken, la corrosione della lamina di rame, l'ossidazione e la schiuma. La norma J 27 parte dalle esigenze della J 20C a cui aggiunge le J 27 Gennaio 1992. esigenze riguardanti il motore. Le norme sono state pubblicate ma le STOU prove ed i test di controllo sono stati resi accessibili con molto ritardo. MASSEY FERGUSON Olio per trasmissioni con caratteristiche EP rinforzate che assicura il M 1127 A-B USA. funzionamento senza strappi dei freni in bagno d'olio. Anno 1980 Le due specificheA-B si differenziano tra loro per la diversa viscosit e resistenza al taglio. Fluido come M1127 ma con propriet antistrappo per i freni in bagno M1129 A d'olio. Olio studiato per la lubrificazione del circuito idraulico e delle M 1135 Anno 1969 trasmissioni dei trattori MF costruiti in Europa. Europa. M 1139 Fluido come M 1135 ma con viscosit leggermente pi elevate e propriet antistrappo per i freni in bagno d'olio. MF 1139. Questa norma si suddivide su due livelli e cio la MF 1139A per Maggio 1969. trattori di vecchio tipo ed MF 1139B per i nuovi. La precisa STOU definizione tra norme "vecchie" e "nuove" non ancora definita. 9

RA 180596/88.3

IH B6

MS 1206-1207

FIAT Agri

RENAULT Olio studiato per eliminare la rumorosit di funzionamento di freni in bagno d'olio dei trattori Renault. INTERNATIONAL HARVESTER Olio speciale per trasmissioni , freni in bagno d'olio ed idraulico per i vecchi trattori dell'International Harvester. CASE Olio speciale HY-Tran Plus omologato CASE con additivo (antiusura, EP, modificatore d'attrito ed idraulico) fabbricato dalla CASE esclusivamente per suo uso e consumo. FIAT Olio speciale per il ponte posteriore, freni in bagno d'olio e circuito idraulico di trattori FIAT.

Specifiche oli cambio automatici


Denominazione Caratteristiche richieste ATF type A suffix A Viscosit a 100C=7,2mm2/sec Infiammabilit C = 160 minima General Motors Applicazioni generali
Per convertitori di coppia, direzione assistita e sistemi idraulici diversi

HTF type C 3 General Motors Genn. 1977

ALLISON C4 Maggio 1989 ATF DEXRON II D General Motors

ATF DEXRON II E General Motors

M2C 33 F o G Ford

FORD MERCON Anno 1987

Combustione C = 177 minimo Fluidit alle basse temperature: - a 4.500 mPa s = - 23 C - a 64.000 mPa .s = - 40 C Viscosit a100C =5,75mm2/sec Trasmissioni Allison, lavori Viscosit a -18 C = 2.400 mPa.s pubblico, camion e trattori. Punto scorrimento= -29 C max Test anti schiuma, antiusura, ossidazione in camera umida. Compatibilit con giunti, propriet antiruggine ed antiusura. Fluido speciale per convertitori di coppia con esigenze pi severe di resistenza alla temperatura ed all'ossidazione. Compatibilit con guarnizioni. Come per il tipo C 3 ma con : - tenuta all'ossidazione severa - modifica propriet d'attrito e schiuma - compatibilit giunti estesa ad altri materiali Viscosit a 100 C = 7,0 mm2 / sec Prodotto simile ad ATF type Infiammabilit C = 160 min. A suffix A ma pi severe. Combustione C = 175 min. Fluidit alle basse temperature: - viscosit a - 23 C = 4.000 mPa. S - viscosit a - 40 C = 5.500 mPa. S Test rigonfiamento sui giunti, ossidazione, frizione e prove su automezzi. Viscosit a 100 C = 7,0 mm2 / sec Infiammabilit C = 160 min. Combustione C = 175 min - viscosit a -20 C = 1.500mPa.s - viscosit a a- 30 C = 5.000 m.Pa.s - viscosit a a -40 C = 20.000 mPa. S max Viscosit a 100 C = 7, 0 mm2 / sec Viscosit a -18 C = 1.400 mPa. S Viscosit a - 40 C = 5.500 mPa. s Infiammabilit C = 175 min. Combustione C = 190 min Scorrimento C = - 40 max Prove corr lamina di rame (1 B max). 4 sfere Viscosit a 10 C = 6,8 mm2 / sec Infiammabilit C = 177 min Corr. Rame 1 B max gonfiamento, frizione

10