Sei sulla pagina 1di 8

LE CARATTERISTICHE MECCANICHE DEGLI ACCIAI IMPIEGATI NELLE STRUTTURE IN C.A.

REALIZZATE DAL 1950 AL 1980

Gerardo Mario Verderame, Paolo Ricci, Marilena Esposito, Filippo Carlo Sansiviero
Dipartimento di Ingegneria Strutturale, Universit degli Studi di Napoli Federico II

SOMMARIO La valutazione della vulnerabilit degli edifici esistenti in cemento armato senza dubbio diventato un tema prioritario della ingegneria sismica risultando oggetto di continui aggiornamenti nellambito sia della letteratura tecnica che delle indicazioni normative dellultimo decennio. Nelle principali normative internazionali la verifica sismica della singola struttura include una iniziale fase di conoscenza che influenza in maniera non secondaria il risultato della fase di analisi. Il processo di conoscenza riguarda tre aspetti principali: la geometria degli elementi strutturali, i dettagli di armatura ed infine le caratteristiche meccaniche dei materiali costituenti. Proprio questo ultimo aspetto pu divenire un limite per una adeguata conoscenza della struttura, necessaria per lutilizzo di metodologie di analisi pi accurate, da ricondursi senzaltro alla caratteristica di forte invasivit delle metodologie dirette; tale aspetto investe soprattutto le barre in acciaio, in quanto i metodi diretti (pi invasivi) non possono trovare una alternativa o quanto meno una complementariet nelle metodologie indirette come avviene per il calcestruzzo. Il presente lavoro illustra una analisi statistica delle caratteristiche meccaniche degli acciai di armatura utilizzati in Italia tra il 1950 ed il 1980, basata sui dati delle schede di prova dellarchivio del laboratorio sperimentale del Dipartimento di Ingegneria Strutturale dellUniversit di Napoli Federico II. I parametri considerati includono le resistenze allo snervamento e ultima e lallungamento ultimo percentuale. Inoltre, i dati raccolti consentono di valutare la diffusione di differenti tipologie di armatura (ad esempio se liscia o nervata o la classificazione commerciale) nellarco temporale oggetto dello studio. I valori medi e le relative misure di dispersione sono valutati a seconda della tipologia considerata e del periodo di interesse. SUMMARY Seismic vulnerability assessment of existing reinforced concrete buildings is a major issue in earthquake engineering; both technical literature and code provisions have been addressing great attention to this issue during last years. According to main international codes, seismic assessment of a structure starts from a knowledge process which significantly influences the following analysis. Such process includes geometry of structural elements, reinforcement details and mechanical characteristics of materials. The latter aspect can limit the knowledge level, thus influencing the applicability of more advanced analysis methodologies, due to the disadvantages of destructive tests. This is particularly true for reinforcing bars since no indirect test method is present as an alternative to destructive methods, as for concrete. In this study, a statistical analysis of mechanical characteristics of reinforcing bars used in Italy between 1950 and 1980 is presented, based on a large number of archive data from the steel testing laboratory of the Department of Structural Engineering at the University of Naples Federico II. Considered parameters include yield and ultimate strength and ultimate strain. Moreover, collected data allow to estimate the spread of different reinforcement typologies (such as plain or deformed bars and commercial typology) across the observed time period. Most probable values and corresponding dispersion measures are estimated according to the typology and the time of interest. Provided data can be usefully employed in the assessment of RC buildings, especially when a poor knowledge level is present, such as, for instance, in large scale seismic vulnerability assessment procedures. 1. INTRODUZIONE Il presente studio focalizza lattenzione sulle principali caratteristiche meccaniche degli acciai da cemento armato (c.a.)utilizzati nel trentennio 1950-1980. Durante questarco temporale il processo produttivo dellacciaio ha subito un profondo mutamento, anche in ragione del progressivo miglioramento della processo industriale nazionale. Poich la maggior parte degli edifici esistenti stata realizzata in questo arco temporale, risulta di notevole interesse lo sviluppo di unanalisi di tipo statistico, su larga scala, relativamente alle caratteristiche meccaniche dei suddetti acciai. Nellambito di un processo di valutazione delle prestazioni di una struttura esistente, potrebbe essere utile affiancare alle conoscenze normative una caratterizzazione probabilistica delle propriet meccaniche dei materiali utilizzati, pertanto il seguente lavoro volto allindividuazione di un metodo semiquantitativo che consenta la simulazione statistica delle propriet meccaniche degli acciai, analizzando parametri caratteristici relativi ad un vasto numero di prove a trazione eseguite per la realizzazione di opere civili nellarea campana. La normativa tecnica italiana ha regolamentato le caratteristiche meccaniche degli acciai per c.a. fin dai primi anni del 900. Concentrando lattenzione sulle normative che interessano il trentennio in esame, va ricordato, innanzitutto, il Regio Decreto legge 16/11/1939 n 2228-2232 [1] le cui prescrizioni relativamente agli acciai lisci sono rimaste in vigore fino al 1972, in quanto di fatto la Circolare del Ministero dei LL.PP. 23/05/1957 n.1472 [2] cambia solo la denominazione delle categorie di acciaio ma non i contenuti. Il Regio Decreto legge 16/11/1939 n 2228-2232 viene introduce una classificazione dellacciaio da c.a. definita da tre categorie: acciaio dolce, semiduro e duro. I parametri meccanici considerati in questa classificazione sono il carico di rottura a trazione, la tensione di snervamento e lallungamento percentuale a rottura. I limiti indicati dalla norma sono riportati in Tabella 1. E da ricordare, inoltre, che negli anni del dopoguerra, vista la situazione eccezionale e l'urgenza di ricostruire, viene consentito lutilizzo di acciai non sempre rispettosi dei limiti normativi.

Tabella 1 - Evoluzione temporale delle principali indicazioni normative relative alla classificazione degli acciai di armatura Normativa R.D.L n2229/1939 LL.PP. n1472/1957 D.M.30/05/1972 D.M. 30/05/1974 aderenza Tipologia liscio liscio a.m. liscio liscio a.m. migliorata (a.m) Denominazione Snervamento (kgf/mm2) Rottura (kgf/mm2) Allungamento (%)
Dolce
23 42-50 20

Semi duro
27 50-60 16

Duro
31 60-70 14

Aq42
23 42 - 50 20

Aq50
27 50 - 60 16

Aq60
31 60-70 14 / / 12

FeB22
22 34 24

FeB32
32 50 23

A38
38 46 14

A41
41 50 14

FeB44
44 55 12

FeB22
22 34 24

FeB32
32 50 23

FeB38
38 46 14

FeB44
44 55 12

Tale consuetudine si consolida nel tempo sino ai primi anni 60, nonostante le svariate Circolari, 25/09/1948 n. 2088 [3]; 8/06/1953 n. 1082 [4]; 20/05/1954 n.1433 [5], che richiamano gli Uffici Tecnici, preposti al controllo, alla stretta osservanza delle indicazioni del R.D.L. del 16/11/1939. Tale circostanza, come si vedr in seguito, conduce a considerare una tipologia di acciaio aggiuntiva rispetto a quelle indicate dalla norma, categoria che definiremo Comune. Viceversa, la possibilit di utilizzare acciai duri, ossia definiti da una maggiore resistenza specifica, consente di adottare sezioni ridotte. Per questo motivo a partire dal 1946, Circolare del Ministero dei LL.PP. n.1735 [6], possibile utilizzare acciaio ad alto limite elastico, che nel seguente lavoro definiremo ALE. Spartiacque nellevoluzione normativa la Circolare del Ministero dei LL.PP. 23/05/1957 n.1472 [7], che introduce non solo una nuova denominazione per le barre lisce AQ42, AQ50 e AQ60, equivalenti rispettivamente alle categorie dolce, semiduro e duro (denominazione utilizzata nel seguente lavoro) ma contiene anche le prime indicazione sugli acciai ad aderenza migliorata. Sempre con riferimento alle barre lisce un sostanziale cambiamento si ha con il Decreto Ministeriale del 30/5/1972 che divide gli acciai lisci in sole due categorie denominate FeB22 ed FeB32, le cui caratteristiche meccaniche sono riportate in Tabella 1. Tale classificazione, rimane per gli acciai lisci sostanzialmente invariata con il successivo Decreto Ministeriale 30/05/1974 [8]. Si vuole evidenziare che la norma del 1972 getta le basi per quello che diventer il calcolo agli stati limite, passando da un sistema di tipo deterministico a quello statistico attraverso lintroduzione del valore caratteristico, per cui la tensione di snervamento, cos come quella ultima, non va intensa come valore medio ma la tensione che ha solo il 5% di probabilit di essere minorata dalla resistenza effettiva. I valori riportati in Tabella 1 vanno quindi intesi come valori caratteristici. DESCRIZIONE DELLA POPOLAZIONE Lo studio parte dalla raccolta e successiva analisi di dati relativi a prove di trazione su barre di acciaio, eseguite presso il Laboratorio Prove Materiali del Dipartimento di Scienza delle Costruzioni (attualmente Laboratorio Prove del DIST) della Facolt dIngegneria dellUniversit Federico II di Napoli, relative al trentennio 1950-1980. In particolare, poich la numerosit dei certificati di prove emessi dallistituto ovviamente andata ad aumentare nel tempo, al fine di ottenere una certa uniformit nella numerosit della popolazione per ognuno dei tre decenni esaminati sono state scelte differenti finestre temporali: decennio 1950-1960: prove emesse nei 12 mesi in tutti gli anni pari, ad esclusione di alcuni mesi del 1954 irreperibili e pertanto sostituite dai rispettivi mesi del 1955. 2

decennio 1960-1970: prove relative ai soli mesi di maggio, giugno luglio, in quanto giugno considerato rappresentativo dellanno di riferimento, come valutato nel lavoro di riferimento [9] del presente studio; successivamente, per aumentare la popolazione, si deciso di allargare la finestra temporale annua al mese precedente e successivo; solo per lanno 1960 sono stati considerati tutti i mesi. decennio 1970-1980: prove emesse nel solo mese di giugno; inoltre, poich non stato possibile reperire i certificati relativi al 1970, si fa riferimento a quelli dello stesso mese del 1969. Per la caratterizzazione meccanica degli acciai si proceduto ad una prima importante suddivisione delle barre in lisce e nervate. In Figura 1 sono riportate le percentuali di barre lisce e ad aderenza migliorata sul campione annuo. Negli anni 1950 ed 1952 il campione costituito solo da barre lisce, mentre nel 1954 compaiono le prime barre ad aderenza migliorata, che in particolare sono costituite da acciai cosiddetti Speciali. La percentuale di utilizzo di questi tuttavia molto ridotta (1%) fino al 1960. A partire dal 1960 compare la tipologia di barre ad aderenza migliorata utilizzata tuttoggi; nel decennio (19601970) si registra un sostanziale aumento dellutilizzo delle barre nervate, che alla fine del decennio si traduce in un superamento nelle percentuali di utilizzo rispetto a quelle lisce. Nel successivo decennio (1970-1980) si registra, mediamente, un progressivo aumento dellutilizzo delle barre nervate toccando l80% nel 1980.
100 90 80 70 60 50 40 30 20 10 0 1950 1952 1954 1956 1958 1960 1962 1964 1966 1968 1970 1972 1974 1976 1978 1980 lisci nervati

Figura 1. Percentuale di utilizzo acciai lisci e nervati

I parametri, caratterizzanti gli acciai, desumibili dalle schede delle prove sono: diametro delle barre; tensione di rottura; tensione di snervamento; allungamento a rottura. Per quanto riguarda la popolazione degli acciai lisci sono stati raccolti 10807 certificati di prova. Di queste sono state

scartate: 40 in quanto presentavano un diametro non compreso nellintervallo 532 mm; 39 in quanto non era stata individuata la tensione di rottura, scelta come parametro principe per la classificazione; 19 in quanto non era stata riportata n la tensione di snervamento n la percentuale di allungamento; 150 in quanto era definita la tensione di snervamento; 228 in quanto era definita la percentuale di allungamento. Ne risulta quindi una popolazione di 10'331 certificati di prova relativi ad acciai lisci tra il 1950 ed il 1980. 3 IL DATABASE DEGLI ACCIAI LISCI La popolazione risultante, per quanto riguarda le barre lisce consta, di 10331 prove, ed caratterizzata da una numerosit decrescente nel tempo legata essenzialmente al fatto che lacciaio liscio stato progressivamente sostituito da quello ad aderenza migliorata. Il diametro effettivo delle barre, di cui si riporta il diagramma delle frequenze, compreso tra 5 e 32 mm (Figura 2). Il diametro mediamente provato compreso tra 12 e 16 sia sullintero trentennio che sui tre singoli decenni. Successivamente, gli acciai lisci sono stati classificati in funzione delle disposizioni normative vigenti nellanno in esame. In particolare, non essendo sempre riportata nei certificati di prova la categoria di appartenenza, la classificazione stata eseguita sulla base delle caratteristiche meccaniche, ovvero tensione di rottura, quella di snervamento e allungamento a rottura, che la normativa vigente allepoca indicava per ciascuna categoria.
0.08 0.07 0.06 Density (Deff) 0.05 0.04 0.03 0.02 0.01 0 0 2 4 6 8 10 12 14 16 18 20 22 24 26 28 30 32 34 36 38 40 Diametro [mm] Deff [mm] Normal

FeB22K FeB32K Per quanto concerne la classificazione degli acciai lisci sullintero trentennio da evidenziare che dai certificati di prova raccolti e classificati in funzione della tensione di rottura 13 non hanno verificato la condizione normativa sulla tensione di snervamento, e per ben 180 non soddisfatta quella sullallungamento. Si ricorda che la verifica per le categorie COMUNI ed ALE, in quanto non normate, non sono state eseguite; queste due categorie di acciai costituiscono il 19% della popolazione non classificata (N.C.). Si sottolinea, inoltre, che la classificazione stata effettuata in base ai risultati di ciascuna prova e quindi non, necessariamente, viene a coincidere con la classificazione commerciale delle barre. In via esemplificativa, un acciaio commercialmente classificato come AQ50, nellambito del presente studio potrebbe essere stato considerato come Comune se rientrante nei limiti di questa ultima categoria. Tutte le statistiche sono analizzate sia con riferimento a ciascuna delle categorie precedentemente definite che con riguardo alla popolazione nella sua globalit; questultimo aspetto consente di valutare i parametri meccanici (e della corrispondente variabilit) senza alcuna conoscenza della categoria delle barre di armatura adoperata. In Figura 3 si riporta possibile vedere landamento delle percentuali di utilizzo dellacciaio per le diverse categorie per ciascun anno esaminato. Lacciaio maggiormente utilizzato nel decennio 1950-1960 lAQ42 il quale costituisce il 55% della popolazione nellanno 1950, percentuale che diminuisce gradualmente nel corso del decennio fino ad arrivare a circa il 40% nellanno 1960. Lacciaio maggiormente utilizzato durante lanno 1960 diviene lAQ50; tale risultato rimane pressoch immutato per tutto il decennio che va dal 1960 al 1970. In particolare la percentuale di utilizzo di questa categoria di acciaio cresce costantemente dal 1950 a 1966, passando da circa il 12% del totale annuo fino ad oltre il 50%. Negli anni successivi al 1966 si registra una diminuzione di questa percentuale, dovuta allaumento sostanziale nellutilizzo dellAQ60, che prima di quel periodo risulta abbastanza marginale (5-10% negli anni 50 e 10-15% negli anni 60), mentre nel 1972 diviene predominante raggiungendo una quota del 40% sul totale annuo.
100 frequenza [%] 90 80 70 60 50 40 30 20 10 0
1950 1952 1954 1956 1958 1960 1962 1964 1966 1968 1970 1972 1974 1976 1978 1980

Figura 2. Distribuzione dei diametri utilizzati tra il 1950-1980

Le prove eseguite tra il 1950 ed il 1972 sono state classificate in cinque categorie: Comune AQ42 AQ50 AQ60 ALE (acciai ad alto limite elastico) ovvero in aggiunta alle tre categorie definite dal R.D.L. del 16/11/1939 n2229 (riproposte identicamente, per gli acciai lisci, dalla circolare del 23/05/1957 n1472) sono state considerate due ulteriori categorie di acciaio denominate acciaio ad alto limite elastico (ALE), definita da una resistenza a rottura superiore a 70 kg/mm2 (circa 700 MPa), ed acciai comuni (COM), caratterizzati da una tensione di rottura inferiore a 42 kg/mm2 (circa 420 MPa). Per entrambe le categorie, essendo queste fuori norma, non stato possibile definire delle condizioni sui restanti parametri meccanici; pertanto, queste risultano classificate in funzione della sola tensione di rottura. Le prove eseguite tra il 1974 ed il 1980 fanno invece riferimento al D.M. del 30/05/1972 che vede la distinzione in due categorie:

Comune ALE

AQ42 FeB22

AQ50 FeB32

AQ60

Figura 3. Percentuali di utilizzo dellacciaio per le diverse categorie per ciascun anno esaminato

Per quanto riguarda le due categorie estreme, lacciaio Comune, alquanto impiegato negli anni 50 (15-30%) mostra un trend decrescente, salvo una lieve ripresa nel 1970, fino a scomparire del tutto nel 1972; lacciaio ad Alto Limite Elastico, invece, mostra un trend opposto, ovvero costituisce fino al 1966 unaliquota molto bassa del campione annuo

(intorno al 5% se non minore) per poi aumentare lievemente tra il 1968 ed il 1972, rappresentando il 10-20% del campione. Infine si osserva che dal 1974 al 1980 la popolazione costituita quasi esclusivamente dallacciaio tipo FeB32, che costituisce l85-95% delle prove. 4 ACCIAI LISCI: ANALISI DEI DATI Per ciascuna delle tre caratteristiche meccaniche considerate, sono state valutate le densit di frequenza empiriche e le stime delle funzioni di densit di probabilit Normale e LogNormale considerando: uno stato di conoscenza quasi-nullo, ovvero nellipotesi di disporre la sola informazione di tipologia di acciaio, nello specifico di acciaio liscio; uno stato di conoscenza superiore, quando dai certificati o dalle tavole di progetto possibile desumere anche la categoria di acciaio utilizzata.

0.016 0.014 0.012 0.01 0.008 0.006 0.004 0.002 0 0

19501980 Data Normal LogNormal

60 120 180 240 300 360 420 480 540 600 660 720 780

Figura 4. Diagramma di frequenza della tensione di snervamento relativo alla globalit del database degli acciai lisci sullintero trentennio 1950-1980 Tabella 2 I principali parametri statistici del database relativo allintero trentennio 1950-1980 e relativi parametri delle due distribuzioni Normale e LogNormale adottate. fu Periodo 1950-1980 fy n prove 10331 10331 Media [MPa] 356.50 518.68 Mediana [MPa] 347.50 503.50 Dev.St. [MPa] 67.80 100.71 Min [MPa] 165.20 261.60 Max [MPa] 884.20 1114.00 Kurtosi [MPa] 5.595 4.656 [MPa] 5.860 3.931 LogNormal [MPa] 0.181 0.185 [MPa] 356.50 518.68 Normal [MPa] 67.80 100.71 Tabella 3 I principali parametri statistici del database relativo alle categorie Comune, AQ42, Aq50, Aq60 ed ALE e relativi parametri delle due distribuzioni Normale e LogNormale adottate. Periodo1950Comune AQ42 AQ50 AQ60 ALE 1972 nprove 1464 3520 3278 949 461 Media 276.47 322.34 370.90 435.45 512.06 Mediana 276.45 320.80 369.30 428.30 500.20 Dev.St. 25.10 26.59 31.84 50.06 65.41 min 165.20 211.90 212.80 294.30 260.80 max 386.20 486.30 557.00 656.80 884.20 kurtosi 4.320 4.728 6.186 6.652 6.749 5.618 5.775 5.912 6.070 6.230 LogNormal 0.091 0.082 0.084 0.109 0.122 276.47 322.34 370.90 435.45 512.06 Normal 25.10 26.59 31.84 50.06 65.41 Tabella 4 I principali parametri statistici del database relativo alle categorie FeB22 e FeB32 e relativi parametri delle due distribuzioni Normale e LogNormale adottate. Periodo 1974-1980 FeB22K FeB32K ncampioni 47 612 Media 325.11 430.03 Mediana 332.00 420.00 Dev.St. 39.83 53.48 min 222.00 326.00 max 429.00 662.00 kurtosi 3.998 5.237 5.776 6.057 LogNormal 0.13 0.118 325.11 430.03 Normal 39.83 53.48

Le analisi, sono quindi eseguite: sulla totalit delle prove; in funzione della classificazione adottata (categorie); relativamente a tre diverse finestre temporali: (i) sullintero trentennio (1950-1980), (ii) per decennio, (iii) per ogni anno considerato 4.1 Indagine sulla variabilit della tensione di snervamento fy In Figura 4 riportato listogramma delle densit di frequenza che insiste sulli-esimo intervallo di ampiezza costante x=30 MPa della tensione di snervamento nel periodo 1950-1980. Si osservi come la distribuzione LogNormale approssima alquanto bene leffettiva distribuzione. In Tabella 2 sono, inoltre, riportati i principali parametri statistici del database considerato e i parametri delle due distribuzioni, Normale e LogNormale. I risultati riportati si possono utilmente adoperare in un processo di valutazione di un edificio esistente. Infatti, nel caso in cui lo stato di conoscenza sia limitato allepoca di costruzione delledificio (trentennio 1950-1980), in assenza di ulteriori informazioni si pu assumere una tensione di snervamento di 356.50 MPa ed una tensione di rottura di 518.61 MPa. La tensione di snervamento, non dissimile da quella di un acciaio AQ50 valutata sul medesimo arco temporale, confermando il predominante utilizzo di tale categoria di acciaio nel trentennio analizzato. Viceversa, se si dispone di uno stato di conoscenza superiore, ovvero qualora fosse nota la categoria di acciaio adoperata, ovviamente possibile ridurre le incertezze legate alla determinazione delle caratteristiche meccaniche. In tal senso, come era prevedibile, le distribuzioni in funzione della categoria di acciaio mostrano una misura della dispersione intorno al valore atteso pi bassa. Quindi se nota anche la categoria di acciaio utilizzata, possibile affidarsi a valori di tensioni di snervamento pi realistici ed affetti da una minore incertezza. In Figura 6 sono riportate gli istogrammi delle densit di frequenza della tensione di snervamento per le diverse categorie di acciaio liscio. In particolare le categorie Comune, AQ42, Aq50, Aq60 ed ALE sono riferite allintervallo temporale 1950-1974, mentre le categorie FEB22 e FeB32 sullintervallo 1974-1980.nel periodo 1950-1980. In Tabella 3 e 4 sono riportati, i principali parametri statistici dei diversi database considerati e, inoltre, i parametri delle due distribuzioni, Normale e LogNormale, adottate.

0.016 0.014 0.012 0.01 0.008 0.006 0.004 0.002 0 0

Comune (19501972) Normal LogNormal

0.016 0.014 0.012 0.01 0.008 0.006 0.004 0.002

AQ42 (19501972) Normal LogNormal

60 120 180 240 300 360 420 480 540 600 660 720 780

0 0

60 120 180 240 300 360 420 480 540 600 660 720 780

(a)
0.016 0.014 0.012 0.01 0.008 0.006 0.004 0.002 0 0 60 120 180 240 300 360 420 480 540 600 660 720 780 AQ50 (19501972) Normal LogNormal

(b)
0.016 0.014 0.012 0.01 0.008 0.006 0.004 0.002 0 0 60 120 180 240 300 360 420 480 540 600 660 720 780 AQ60 (19501972) Normal LogNormal

0.016 0.014 0.012 0.01 0.008 0.006 0.004 0.002 0 0 60 120 180 240 300 360 420 480 540 600 660 720 780 ALE (19501972) Normal LogNormal

(d)

(e)
0.016 0.014 0.012 0.01 0.008 0.006 0.004 0.002 0 0 60 120 180 240 300 360 420 480 540 600 660 720 780 FeB22 (19741980) Normal LogNormal
0.016 0.014 0.012 0.01 0.008 0.006 0.004 0.002 0 0 60 120 180 240 300 360 420 480 540 600 660 720 780 FeB32 (19741980) Normal LogNormal

(f)

(g)

Figura 5. Diagramma di frequenza della tensione di snervamento relativo: (a) acciaio tipo Comune, (b)acciaio tipo AQ42, (c) acciaio tipo AQ50, (d) acciaio tipo AQ60, (e) acciaio tipo ALE, (f) acciaio tipo FeB22 e (g) acciaio tipo FeB32.

In Figura 6a e Figura 6b sono riportati gli andamenti delle Normali e delle LogNormali per le differenti categorie, dalle quali si nota che allaumentare della classe di resistenza le curve si spostano verso destra; ci era atteso in quanto la variabilit della tensione di snervamento, risultando come si vedr in seguito il rapporto dincrudimento pseudo-costante, essenzialmente condizionata dalla modalit di classificazione degli acciai in funzione di un range di valori entro il quale contenuta la tensione di rottura. Inoltre le curve si abbassano e si allargano; ovvero la probabilit che si verifichi il valore atteso medio tende a diminuire, e le deviazioni standard tendono ad aumentare. Ci indice di una maggiore incertezza sulla tensione di snervamento per le tipologie di acciaio a resistenza maggiore. Si ricorda, inoltre, che le tipologie FeB22 ed FeB32 fanno riferimento ad un periodo immediatamente successivo a quello delle altre categorie, per cui il fatto che la loro distribuzione tende a sovrapporsi rispettivamente a quella delle tipologie AQ42 ed AQ60 non sorprendente.
0.02 0.018 0.016 0.014 0.012 0.01 0.008 0.006 0.004 0.002 0 0 60 120 180 240 300 360 420 480 540 600 660 720 780

Norm Comune (5072) Norm AQ42 (5072) Norm AQ50 (5072) Norm AQ60 (5072) Norm ALE (5072) Norm FeB22 (7480) Norm FeB32 (7480) Norm (5080)

regolarizzano i controlli sullacciaio da c.a.. Quanto evidenziato sottolinea anche lelevata percentuale, precedentemente osservata, di utilizzo delle categoria Comune che tende a diminuire proprio a cavallo dei decenni 50 e 60. Si osservi come la tensione di snervamento media calcolata sul campione annuo, indipendentemente dalla categoria di acciaio, risulti di poco superiore a quella tipica di un AQ42 fino al 1956, a met tra un AQ42 ed un AQ50 tra il 58 ed il 60, per poi sovrapporsi allandamento della tipologia AQ50 fino al 1972, anno in cui diviene predominante lAQ60. Come era da attendersi, data la percentuale di utilizzo dellFeB32, tra il 1974 ed 1980 il valore medio della tensione di snervamento, di tale categoria tende a coincidere con quello totale. Inoltre, ancora una volta e in maniera netta, si evince come in termini di tensione di snervamento lFeB22 abbia di fatto sostituito lAQ42 mentre lFeB32 lacciaio AQ60. Questi presentano un valore medio leggermente crescente negli anni, ma affetto da una deviazione standard superiore alle restanti categorie. Ci probabilmente dovuto al fatto che il passaggio da una modalit di classificazione allaltra, che nel presente studio viene fatta coincidere con il passaggio normativo, non sia in realt cos netto ma esiste un periodo di transizione, dal punto di vista della produzione industriale, in cui le due classificazioni coesistono.
70 65 60 55 50 45 fy [MPa/10]

Comune AQ60 FeB32

AQ42 ALE

AQ50 FeB22

(a)
0.02 0.018 0.016 0.014 0.012 0.01 0.008 0.006 0.004 0.002 0 0 60 120 180 240 300 360 420 480 540 600 660 720 780 LogNorm Comune (5072) LogNorm AQ42 (5072) LogNorm AQ50 (5072) LogNorm AQ60 (5072) LogNorm ALE (5072) LogNorm FeB22 (7480) LogNorm FeB32 (7480) LogNorm (5080)

40 35 30 25 20 1950 1952 1954 1956 1958 1960 1962 1964 1966 1968 1970 1972 1974 1976 1978 1980 anno

Figura 7. Andamento temporale (anno per anno) della tensione di media di snervamento per le diverse categorie di acciaio, espressa in kgf/mm2 ossia in MPa/10

(b)
Figura 6. Distribuzione (a)Normale e (b) LogNormale della tensione di snervamento per le diverse categorie di acciaio

La stessa analisi eseguita per anno e categoria mostra un andamento pseudo costante, anno dopo anno, della tensione di snervamento allinterno della stessa categoria (Figura 7), tranne che per le categorie ad alta resistenza, ALE ed AQ60 le quali mostrano anche scarti maggiori, superiori a quelli mostrati da unanalisi indifferenziata per anno. Una diminuzione degli scarti si ha a partire dal 1960 ovvero si passa da una 1950=15.911 ad una 1960= 4.679 per un ALE, e da una 1950=10.754 ad una 1960= 4.340 per un AQ60. Tale diminuzione era attesa, in quanto solo intorno al 1960 che si

4.2 Indagine sulla variabilit del rapporto dincrudimento e della percentuale di allungamento Analogamente a quanto fatto per la tensione di snervamento si analizza la funzione di densit di frequenza del rapporto dincrudimento fu/fy (con x=0.05), e della percentuale di allungamento Allg (con x=2). La Figura 8a mostra come il rapporto di incrudimento fu/fy compreso tra 1 e 2.5 presenti una deviazione standard molto bassa, nellordine di 0.1. Tale andamento sostanzialmente ripreso sia nellanalisi indifferenziata per categoria anno per anno che nellanalisi per categoria sullintero trentennio (Figura 9a), dove evidente la sovrapposizione delle distribuzioni Normali e LogNormali, e come il valore medio si assesti intorno al valore 1.4-1.5. Si osservi che tale valore fuori dal range richiesto dalle attuali normative. Dallaltro lato, la percentuale di allungamento (Figura 8b), invece, caratterizza da una deviazione standard superiore, ovvero da unincertezza maggiore, media= 5.19, ed un valore medio poco superiore al 27%, che risulta quello tipico, ancora una volta, di un acciaio AQ50.

(a)

(a)

(b)
Figura 8. Diagramma di frequenza (a) dellallungamento percentuale e (b) del rapporto di incrudimento relativo alla globalit del database degli acciai lisci sullintero trentennio 1950-1980

(b)
Figura 9. Distribuzioni LogNormali (a)dellallungamento percentuale e (b) del rapporto di incrudimento per le diverse categorie di acciaio

Anche in questo caso, quindi, pu essere interessante osservare cosa accade eseguendo unanalisi per tipologia di acciaio, la quale mostra (Figura 9b), come era da attendersi, che allaumentare della classe di resistenza tale valore tende a diminuire; infatti le curve tendono a spostarsi verso sinistra evidenziando come allaumentare della resistenza diminuisce la duttilit. Nota la categoria di acciaio, quindi possibile considerare un valore di percentuale di allungamento pi consono, dal momento che passando da un Comune ad un ALE si passa da una percentuale di allungamento medio del 31.71% al 17.73%. Le categorie FeB22 ed FeB32, presentano valori di percentuali di allungamento superiori testimoniate anche da un limite normativo, relativamente a tale parametro, superiore rispetto alla Circolare n.1472 del 23/05/1957. Non pi, quindi, possibile leggere la sovrapposizione con le categorie di acciaio relative al periodo 1950 -1972, in quanto gli acciai FeB22 ed FeB32 mostrano non solo una percentuale di allungamento superiore rispetto alle rispettive categorie che vanno a sostituire ma anche una deviazione standard minore. Ci sta ad indicare che sebbene in termini di resistenza di snervamento non si registrano sostanziali cambiamenti, queste tipologie si presentano molto pi duttili. Tale aspetto da imputarsi non solo ad un miglioramento fisico-chimico della produzione di acciaio, ma anche ad una maggiore coscienza normativa.

Lanalisi pi approfondita per categoria ed anno (Figura 10) evidenzia come in realt il rapporto di incrudimento fu/fy medio presenti un andamento non costante nel tempo in maniera pi marcata per le categorie fuori norma (COM, ALE), mentre in termini di percentuale di allungamento landamento appare pi costante (Figura 11)
1.80 1.75 1.70 1.65 1.60 1.55 1.50 1.45 1.40 1.35 1.30 1.25 1.20 1950 1952 1954 1956 1958 1960 1962 1964 1966 1968 1970 1972 1974 1976 1978 1980 anno fu / fy

Comune AQ60 FeB32

AQ42 ALE

AQ50 FeB22

Figura 10. Andamento temporale (anno per anno) del rapporto di incrudimento per le diverse categorie di acciaio

60 55 50 45 40 35 30 25 20 15 10 5 0 1950 1952 1954 1956 1958 1960 1962 1964 1966 1968 1970 1972 1974 1976 1978 1980 anno All [%]
Comune AQ60 FeB32 AQ42 ALE AQ50 FeB22

empiriche e le stime delle funzioni di densit di probabilit Normale e LogNormale. In particolare, in tal senso, sono state effettuate due diverse ipotesi: (i) stato di conoscenza quasinullo, ovvero nellipotesi di disporre la sola informazione di tipologia di acciaio, nello specifico di acciaio liscio; (ii) stato di conoscenza superiore, ovvero nellipotesi di disporre anche la categoria di acciaio utilizzata. I risultati ottenuti dallanalisi statistica possono senza dubbio fornire un utile supporto alla fase di definizione delle caratteristiche meccaniche dei materiali, che assume un ruolo centrale nel processo di conoscenza, essenziale per la valutazione della capacit sismica del costruito esistente in cemento armato. BIBLIOGRAFIA [1] R.D.L. 16 NOVEMBRE 1939 N2228-2232 (Suppl. Ord. alla Gazz. Uff. del 18 aprile 1940 n92) Norme per l'esecuzione delle opere in conglomerato cementizio semplice od armato. [2] CIRCOLARE 23 MAGGIO 1957 N1472, Armature delle strutture in cemento armato. [3] CIRCOLARE 25 SETTEMBRE 1948 N2083, Lacciaio da impiegare nei cementi armati. [4] CIRCOLARE 8 GIUGNO 1953 N1082, Acciaio per conglomerati cementizi armati. [5] CIRCOLARE 20 MAGGIO 1954 N1433, Osservanza delle norme per le costruzioni in cemento armato. [6] CIRCOLARE DEL MINISTERO DEI LL.PP. 22/1171946 N.1735, Impiego dacciaio ad alto limite elastico. [7] DECRETO MINISTERIALE 30/5/1972, Norme tecniche alle quali devono uniformarsi le costruzioni in conglomerato cementizio, normale e precompresso ed a struttura metallica. [8] DECRETO MINISTERIALE 30/5/1974, Norme tecniche per la esecuzione delle opere in cemento armato normale e precompresso e per le strutture metalliche. [9] VERDERAME G.M., STELLA A., COSENZA E. (2001), Le propriet meccaniche degli acciai impiegati nelle strutture in cemento armato realizzate negli anni 60, X Convegno Nazionale "L'Ingegneria Sismica in Italia", Potenza e Matera 9-13 Settembre 2001.

Figura 11. Andamento temporale (anno per anno) dellallungamento percentuale per le diverse categorie di acciaio

CONCLUSIONI Nel presente lavoro sono presentati e discussi i risultati preliminari di una analisi statistica effettuate su un esteso database relativo alle principali caratteristiche meccaniche degli acciai da cemento armato impiegati tra il 1950 e il 1980, desunto dallo studio di migliaia di certificati di prova emessi dal laboratorio Prove del Dipartimento di Scienza delle Costruzioni (attuale DIST) della Facolt di Ingegneria di Napoli. Un primo risultato evidenzia un graduale decremento dellutilizzo degli acciai lisci a favore delle attuali barre nervate. Infatti, se gli anni 50 e 60 fanno registrare un predominante utilizzo delle barre lisce, con percentuali del 98% e dell80% rispettivamente, gli anni 70 sono caratterizzati da una controtendenza con un utilizzo delle barre nervate che mediamente fa registrare una percentuale di quasi il 60%. Ciononostante si pu in generale affermare che il trentennio in esame risulta caratterizzato dalla presenza di acciai lisci. La classificazione degli acciai definita tra il 1950 e il 1974 dai cosiddetti acciai di qualit (ossia gli AQ) successivamente sostituiti, negli anni 70, dagli acciai FeB22K e FeB32K. Tuttavia, la consuetudine consolidatasi nel tempo di utilizzare acciai non sempre rispettosi dei limiti normativi, riconducibile molto probabilmente alla necessit di dover ricostruire il nostro Paese negli anni del dopoguerra, conduce a considerare due ulteriori tipologie di acciai che sono stati definiti come acciaio Comune e acciaio ad alto limite elastico ALE. Lacciaio AQ42 senza dubbio la categoria pi utilizzata negli anni 50 con una progressiva diminuzione a favore di acciai definiti da una maggiore resistenza (sia a rottura che a snervamento) quale lacciaio AQ50 che, infatti, risulta predominare la seconda met degli anni 60 e i primi anni 70. Gli acciai FeB22K e FeB32K sostituiscono definitivamente gli acciai di qualit; in particolare, essi evidenziano, mediamente, una tensione di snervamento rispettivamente simile agli acciai AQ42 e QA60. Gli acciai lisci sono, in generale, caratterizzati da una elevata duttilit; infatti, in media, la percentuale di allungamento pari a circa il 25%. Analogamente, il rapporto di incrudimento si attesa su valori di circa 1.40-1.50 di gran lunga maggiori rispetto al range richiesto dalle attuali normative sismiche. Per ciascuna delle tre caratteristiche meccaniche considerate sono state valutate le densit di frequenza