Sei sulla pagina 1di 5

COME FUNZIONANO IL SISTEMA DEI CONTROLLI E DELLE SANZIONI IN AMBITO SANITARIO

Pagamento anticipato delle prestazioni Per prima cosa occorre ricordare che ogni utente soggetto alla compartecipazione alla spesa sanitaria (quindi non esente dal ticket) deve pagare limporto dovuto per la prestazione sanitaria prima dello svolgimento della stessa vale a dire prima di presentarsi nellambulatorio. Le linee di indirizzo prescritte dalla Regione Toscana, infatti, prevedono che le prestazioni, salvo quelle effettuate in urgenza al pronto soccorso, devono essere pagate prima dellerogazione. Si raccomanda, quindi, il pagamento delle prestazioni al fine di evitare lattivazione delle procedure di recupero crediti. La procedura di recupero crediti consiste nellinvio di una prima lettera di recupero bonario senza aggravio di costi, cui segue - in caso di ulteriore mancato pagamento - una raccomandata di intimazione al pagamento con addebito delle spese di notifica, di 5 euro per il rimborso delle spese amministrative e laddebito degli interessi legali. Se neppure questo tentativo di recupero bonario dovesse avere esito positivo, dovranno essere attivate le procedure di recupero coatto, con ulteriore aggravio di costi (iscrizione a ruolo delle somme con incarico di riscossione affidato a Equitalia).

Controlli sulle dichiarazioni delle condizioni economiche degli utenti Lutente deve porre particolare attenzione a quanto dichiara in merito al proprio reddito e alla propria condizione (disoccupazione, iscrizione al Centro per lImpiego, possesso di pensione minima o di pensione sociale), nonch deve fare attenzione a quanto viene scritto dal medico prescrittore sulla ricetta medica. Se la situazione dellutente cambia nel tempo rispetto a quanto scritto nellattestato di esenzione posseduto, responsabilit dellutente stesso non utilizzarlo al momento della fruizione della prestazione sanitaria. Uno specifico percorso di controllo strutturato viene attivato, infatti, sulle dichiarazioni rilasciate dagli utenti in relazione alle proprie condizioni economiche al fine di usufruire delle prestazioni sanitarie in regime di esenzione. Ogni Azienda sanitaria, con le nuove linee di indirizzo regionali, tenuta a svolgere un controllo delle autocertificazioni non inferiore al 15% delle stesse per quanto riguarda le esenzioni per et e reddito o condizione economica; non inferiore al 30% delle stesse per quanto riguarda le fasce economiche di appartenenza dichiarate per il ticket aggiuntivo regionale sulle prestazioni specialistiche; massivo (100%) vale a dire il totale su tutte le dichiarazioni rese - per quanto riguarda il ticket per lassistenza farmaceutica e il contributo di digitalizzazione. Il sistema utilizzato per svolgere i controlli sempre pi informatizzato e si basa sullutilizzo e sullincrocio delle informazioni contenute in diverse banche dati. Il Comando Regionale della Guardia di Finanzia, con cui la Regione Toscana ha stipulato un accordo, affianca le Aziende sanitarie nelle funzioni di controllo.

Nel nostro territorio i Comandi della Guardia di Finanza di Empoli, di Castelfiorentino e di San Miniato hanno gi svolto diverse decine di accertamenti e proseguiranno fino a completarne alcune centinaia. Tali controlli integrano quelli previsti in capo alle Aziende sanitarie. Dai primi accertamenti effettuati risultato un significativo tasso di discordanza tra quanto dichiarato dallutente e quanto realmente accertato dalla GdF. In tali casi si in presenza di una falsa dichiarazione, seppure resa in buona fede, e lazienda sanitaria sar tenuta ad avviare le procedure di contestazione dellillecito, chiedendo il pagamento di tutti i ticket non pagati nellanno o negli anni soggetti allaccertamento, oltre ad irrogare una sanzione pari allimporto del ticket non pagato, cui si sommano 5 euro di spese amministrative e il recupero delle spese di notifica (minimo 7,20 euro per la notifica di atti giudiziari/amministrativi). Facciamo un esempio: nel caso di prestazioni usufruite in regime di esenzione per falsa dichiarazione non pagando il ticket per un importo pari a 100 euro, la richiesta di pagamento conseguente al controllo sar di 212,20 euro ovvero 100 euro per il ticket, 100 euro per la sanzione, 7,20 euro per il recupero delle spese di notifica e 5 euro per il recupero delle spese amministrative.

Controlli sulle mancate disdette delle prenotazioni Ogni utente impossibilitato a rispettare lappuntamento prenotato per usufruire di una prestazione specialistica deve ricordarsi di disdire la prenotazione almeno 48 ore prima della data fissata, altrimenti, anche se in possesso di esenzione, dovr ugualmente pagare il valore del ticket previsto per la prestazione non disdetta. Possono essere vari i motivi per cui un utente non pu presentarsi ad un appuntamento da lui stesso prenotato magari settimane o mesi prima. In tali casi, ai sensi delle disposizioni nazionali e regionali vigenti, lutente tenuto a disdire la prenotazione con almeno 48 ore di anticipo. Farlo significa rendere nuovamente disponibile quella prestazione per altri utenti. Non farlo significa sprecare una prestazione sanitaria e causare il consumo di costi fissi per il sistema senza produrre un beneficio per la collettivit. Non disdire la prenotazione comporta, quindi, il pagamento del valore del ticket previsto per la prestazione non disdetta anche se il soggetto esente. Nel caso in cui lutente non provveda direttamente al pagamento del malum, anche in questo caso devono essere attivate le procedure di recupero crediti che, dopo una prima lettera di recupero bonario senza aggravio di costi, prevede linvio di una raccomandata di intimazione al pagamento con addebito delle spese di notifica, di 5 euro di recupero spese amministrative. Se neppure questo tentativo di recupero bonario dovesse avere esito positivo dovranno essere attivate le procedure di recupero coatto, con ulteriore aggravio di costi (iscrizione a ruolo delle somme con incarico di riscossione affidato a Equitalia).

Controlli sul mancato ritiro dei referti Lutente che non ha ritirato i propri referti sugli esami diagnostici effettuati tenuto a rifondere lintero valore della/e tariffa/e prevista/e per la/e prestazione/i fruite. Se ha gi pagato il ticket verr richiesta la differenza tra il ticket pagato e lintero costo degli esami.

I controlli dellAsl, infatti, si attivano anche sui mancati ritiri dei referti. Non ritirare il referto vuol dire aver erogato inutilmente una prestazione. Lesito dellesame diagnostico rimane inutilizzato. Per questo, trascorsi 30 giorni senza che il referto sia stato ritirato, lutente deve rimborsare il costo dellesame. Se si sceglie di ritirare i referti con la modalit on-line aziendale oppure tramite il sistema regionale della tessera sanitaria (dopo averla regolarmente attivata) non si corre mai il rischio di essere sanzionati per mancato ritiro referti.

SCHEDA TECNICA

Al fine di porre lutente nella condizione di rendere una dichiarazione consapevole utile ricordare, sinteticamente, le condizioni che danno diritto alle varie tipologie di esenzione.

Codice nazionale di esenzione

Categorie di esenti

Tipologia di dichiarazione reddituale reddito

cittadini di et inferiore ai 6 anni e di et superiore ai 65 Solo anni fiscale E01

E02

E03

purch appartenenti ad un nucleo familiare con reddito (NO ISEE) complessivo non superiore a 36.151,98 euro annui [1] disoccupati e i familiari a carico Solo reddito fiscale purch il reddito complessivo del relativo nucleo familiare1 sia inferiore a 8.263,31 euro, incrementato fino (NO ISEE) a 11.362,05 euro in presenza del coniuge e di ulteriori 516,46 euro per ciascun figlio a carico. La condizione di disoccupazione deve essere riferita al momento in cui si usufruisce della prestazione mentre il reddito di riferimento quello dellanno precedente. Il termine disoccupato riferito esclusivamente al cittadino che abbia cessato per qualunque motivo (licenziamento, dimissioni, cessazione di un rapporto a tempo determinato) un'attivit di lavoro dipendente e sia iscritto allelenco anagrafico dei lavoratori (D.Lgs. n. 181/2000) in attesa di nuova occupazione titolari di assegno (ex pensione) sociale e i familiari a Solo reddito carico fiscale (NO ISEE) titolari di pensione minima di et superiore ai 60 anni ed i Solo reddito familiari a carico fiscale

E04

Codice regionale di esenzione E90 Disoccupati e loro familiari a carico che hanno perso il lavoro dal 1 gennaio 2009, purch siano in possesso della dichiarazione di immediata disponibilit presentata al Centro per lImpiego e siano in attesa di nuova occupazione al momento dellerogazione della prestazione (non rileva il reddito) E91 Lavoratori collocati in Cassa Integrazione e loro familiari a carico, purch percepiscano una retribuzione comprensiva dellintegrazione salariale pari ai massimali mensili previsti dalla legge 427 del 1980 E92 Lavoratori in mobilit e loro familiari a carico, purch siano iscritti nelle liste di mobilit e siano in possesso della dichiarazione di immediata disponibilit presentata al Centro per lImpiego

purch il reddito complessivo del relativo nucleo (NO ISEE) familiare1 sia inferiore a 8.263,31 euro, incrementato fino a 11.362,05 euro in presenza del coniuge e di ulteriori 516,46 euro per ciascun figlio a carico Categorie di esenti Tipologia di dichiarazione reddituale Non rileva reddito il

Solo fiscale

reddito

(NO ISEE) Non rileva reddito

il

Il reddito complessivo del nucleo familiare riferito all'anno precedente. Nel caso in cui si verifichino modifiche nella composizione del nucleo familiare che comportino un cambiamento importante della situazione economica dellutente, si fa riferimento alla composizione del nucleo alla data della esecuzione della prestazione. Esso dato dalla somma dei redditi dei singoli membri del nucleo (come risultante dal rigo RN1 del modello Unico persone fisiche). Per nucleo familiare deve intendersi quello rilevante a fini fiscali (e non anagrafici), costituito dall'interessato, dal coniuge non legalmente separato e dagli altri familiari a carico. Per familiari a carico si intendono i familiari non fiscalmente indipendenti, vale a dire i familiari per i quali l'interessato gode di detrazioni fiscali (in quanto titolari di un reddito inferiore a 2.840,51 euro).

Inoltre, occorre precisare che la Regione Toscana ha introdotto unulteriore modalit di compartecipazione alla spesa sanitaria disponendo il pagamento del ticket aggiuntivo (in diverse misure in base a differenti tipologie di prestazioni) sia sulla Specialistica che sulla Farmaceutica, in base allappartenenza ad una delle fasce economiche con le codifiche a lato delle stesse indicate, oltre che il pagamento del contributo sulla digitalizzazione.

Codice

Fasce di appartenenza ai fini del ticket aggiuntivo sulla specialistica e del ticket per lassistenza farmaceutica

Tipologia di dichiarazione reddituale

Se lutente ritiene di utilizzare il reddito fiscale importante avere presente che si tratta del reddito fiscale del nucleo familiare e non del singolo dichiarante Per la classe di reddito familiare fiscale inferiore a reddito fiscale ERA 36.151,98 ERB ERC Per la classe di reddito familiare fiscale fra 36.151,99 ed reddito fiscale 70.000,00 Per la classe di reddito familiare fiscale fra 70.000,01 ed reddito fiscale 100.000,00

Se lutente ritiene di utilizzare lattestazione dellindicatore della situazione economica equivalente (ISEE) del nucleo familiare In questo caso il nucleo familiare individuato secondo le regole definite per lISEE Per la classe di reddito familiare equivalente ISEE inferiore ISEE EIA a 36.151,98 EIB EIC Per la classe di reddito familiare equivalente ISEE fra ISEE 36.151,99 ed 70.000,00 Per la classe di reddito familiare equivalente ISEE fra ISEE 70.000,01 ed 100.000,00