Sei sulla pagina 1di 9

... verdadera obra de arte nunca vista, y un estuche admirablemente construdo en proporcin a la joya que guardaba...

Juan Martnez Sirvent, 1931

2001-2004 officina del libro. All rights reserved.

porte del proprio laboratorio, dove il sacerdote lo aiut nella delicata fase di assemblaggio degli strumenti quando le energie gli vennero a mancare (a quel che sembra, Torres non permetteva neppure ai familiari di entrare nel sanctum del proprio luogo di lavoro). proprio Juan Martnez Sirvent che ci fornisce, in una lettera del 1931, quella che forse lunica testimonianza diretta sul carattere e sulla vita del maestro. Il resto rientra bene o male nel campo della leggenda o dellaneddotica, che peraltro si continuano nel piccolo centro di Caada fino alle presenti generazioni. con la produzione del periodo di Siviglia (18451869) che Torres impose gli elementi principali della sua influente riforma: tra gli strumenti che hanno conquistato una fama mitica vanno ricordati la chitarra detta La Leona (1856, costruita per Arcas), quella del 1858 per lesposizione di Siviglia, linfluente strumento del 1859 che fu in seguito di Miguel Llobet, la cosidetta chitarra di cartapesta del 1862 (in questo libro denominata pi correttamente chitarra di cartone), e quella prodotta per s nel 1864 e divenuta cinque anni dopo lo strumento di Francisco Trrega. Gli strumenti della Segunda poca, pur nella loro variet di tipi e forme, sembrano meno orientati alla dimostrazione dei risultati, e pi lespressione consapevole di una condizione di compiutezza: sembra contare pi lo stato dellazione costruttiva stato, verrebbe da dire, quasi mistico che non una qualsiasi tensione al risultato (il quale a maggior ragione, ed immancabilmente, si rivela in tutta la sua forza). Torres senza dubbio esist ed oper di l dalle forme, di l dal sentiero culturale appartenente al luogo ed al tempo in cui viveva, di l dai confini materiali e psicologici che il destino gli Antonio de Torres (c. 1885) offr a contesto del suo itinerario biografico. Pi in generale, il suo apporto allevoluzione dello strumento rinvia a fatti che vanno ben oltre il mero dato tecnico e materiale. Le tendenze che nel primo Ottocento portarono i migliori costruttori ad adottare sistemi e criteri nuovi, offrirono a Torres gi gran parte di quelle innovazioni che sono poi state tante volte, ed erroneamente, ascritte al suo merito. Di fatto, loriginalit e la grandezza del liutaio nelladottare questi sistemi, e farli propri al punto da produrre strumenti tanto nuovi ed evoluti quanto lontani da ogni origine tecnica appariscente. Tramite quei sistemi, egli giunse ad enfatizzare al massimo le tensioni pi intrinseche alla materia lignea, conosciuta tanto profondamente e lavorata a spessori e pesi ridotti al minimo. Ripens inoltre in modo radicale la forma della plantilla, la lunghezza e tensione delle corde, e gli elementi che contribuiscono al volume e alla forma della cassa di risonanza. Ma ci che pi notevole che il suono nuovo del suo strumento il principale tratto della sublime arte di Torres si ritrova infallibilmente anche in quegli strumenti da lui costruiti con misure che non superano quelle delle

16
2001-2004 officina del libro. All rights reserved.

moral and spiritual comfort of Torress last years; it was to Sirvent that Torres opened not only his heart but also the doors of his workshop itself, where the priest assisted him with the delicate stage of assembling the instruments when Torress energies began to flag. (It seems that Torres refused to allow even his family to enter the sanctum of his place of work.) It is Juan Martnez Sirvent who provides us, in a letter of 1931, with what is perhaps the only first-hand account of the character and life of the maestro. The others belong to the realm of legend or anecdote, examples of which continue to emerge from the small town of Caada to this day. It was with the output of his Seville period (184569) that Torres established the principal elements of his influential reform: of the instruments that have attained mythical renown, mention should be made of the guitar known as La Leona (1856, built for Arcas), the guitar of 1858 that was made for the Seville exhibition, the influential instrument of 1859 that later belonged to Miguel Llobet, the so-called papier-mch guitar of 1862 (more accurately referred to in this book as the cardboard guitar), and the guitar Torres made for himself in 1864 that became the instrument of Francisco Trrega five years later. The instruments of the Segunda poca, in spite of their variety of type and form, seem less an attempt to demonstrate results than the conscious expression of accomplishment: the state of the maker as he works a state that could be said to be almost mystical seems to be more important than any concern about the result (which is all the more apparent, and unfailingly). It is clear that Torres lived and worked beyond forms, beyond the culture of the place and the time in which he lived, beyond the material and psychological confines that destiny offered as a context for his own biographical journey. More generally, his contribution to the evolution of the instrument goes far beyond the merely technical and material. The trends that in the early nineteenth century led the best guitar makers to adopt new systems and criteria provided Torres with what was already a large proportion of those innovations for which he was later frequently but mistakenly to be given credit. His real originality and greatness lie in the way he adopted those systems and made them his own, to the point of producing instruments that were as new and as evolved as they were distant from the instruments from which they had obviously developed. Through these systems he managed to bring out fully the tensions that are most intrinsic to the wood, the wood he understood so profoundly and worked to thicknesses and weights reduced to a minimum. He also made radical modifications to the form of the plantilla, to the length and the tension of the strings, and to the elements that contribute to the volume and the shape of the soundbox. But what is most remarkable is that the new sound of his instrument the principal feature of the sublime art of Torres is to be found even in those instruments he built using dimensions that do not go beyond those of the guitars of the early nineteenth century. Precisely for this reason one could almost say that Torress work on material derives from his perception of a metaphysical or emotional content that precedes the material itself. Or that, on the contrary, he recognised that it was necessary to place his own will in the service of this perceived metaphysics of sound, so as to draw out of every piece of wood its own character. Mystery continues to shroud the figure of Torres. Though our knowledge of his life is steadily growing, it sheds no more light on the character of the man, who, though not many genera-

17
2001-2004 officina del libro. All rights reserved.

45
2001-2004 officina del libro. All rights reserved.

questo lo strumento a nostra conoscenza pi trionfalmente ornato che sia stato fatto da Simplicio: la sontuosa figura sulla paletta, nonch luso della madreperla nelle tessere della rosetta, portano allestremo il gi ricco stile del grande liutaio catalano. Questa chitarra appartenne alla notevole collezione di Abel Fleury (19031958), figura di riferimento del mondo chitarristico argentino nella prima met del Novecento. Nelloccasione della mostra vicentina del 1997, la ricchezza di questo strumento ci aveva fatto pensare che Simplicio avesse realizzato un solo esemplare di questo modello. Con nostra grande sorpresa, ne abbiamo poi localizzato uno identico in Giappone: il n. 106 (1926). Lunica differenza tra i due strumenti costituita dal materiale con cui Simplicio fece fondo e fasce, palissandro Brasiliano nella chitarra del 1931 e mogano nella chitarra del 1926.

This is, to our knowledge, the most gloriously decorated of all Simplicios instruments; in the sumptuous figure on the head and the use of mother-ofpearl in the tesserae of the rosette the style of the great Catalan guitar maker is seen at its richest. The guitar belongs to the distinguished collection of Abel Fleury (190358), a point of reference in the Argentine guitar world in the first half of the twentieth century. When this instrument was displayed at the Vicenza exhibition in 1997, the richness of the decoration led us to assume that Simplicio had made only one example of this model. To our great surprise we then came across an identical example in Japan: no. 106 (1926). The only difference between the two instruments concerns the material from which the back and ribs are made: Brazilian rosewood for the guitar of 1931 and mahogany for the guitar of 1926.

82
2001-2004 officina del libro. All rights reserved.

Hernndez made an instrument causarono la fine dellamicizia tra i for Segovia, he tried to improve due. Ogni volta che Hernndez upon the guitar of 1912. The paspreparava uno strumento per sing of the years has brought to Segovia, cercava di superare il light a number of guitars by risultato ottenuto con la chitarra Hernndez that apparently bedel 1912. Il tempo ha fatto emergelonged to Segovia but that he gave re alcune chitarre di Hernndez away to other people (whereas he che, a quel che pare, appartennero kept hold of his Manuel Raa Segovia e furono da lui cedute ad mrez/Hernndez for many years, altri (come si detto, per lungo as we have seen). One of these, built tempo non si separ dalla sua in 1924, was later donated by SeManuel Ramrez/Hernndez). Una govia to the Biblioteca Municipal di queste, costruita nel 1924, fu poi del Ayuntamento de Madrid, donata da Segovia alla Biblioteca where it may still be found. The Municipal del Ayuntamento de break came when one of Santos Madrid, ove si trova attualmente. Santos ritratto nel suo laboratorio in compagnia della moglie Matilde Ruiz. Lirreparabile accadde proprio nel frequente riferirsi a questo liutaio, cos come ai suoi strumenti, facen- Hernndezs greatest instruments was being built. In an encounter momento in cui uno dei pi grandi do uso del suo solo nome di battesimo. with Hernndez, paying little strumenti di Santos Hernndez Santos photographed in his workshop with his wife Matilde Ruiz. It is comera in corso di costruzione. In un mon to refer to this guitar maker, as to his instruments, using only his attention to the instrument that was being made for him, Segovia incontro con il liutaio, dimostran- first name. did nothing but sing the praises of dosi distratto verso questo strua young Swiss guitar maker who was currently working mento a lui destinato, Segovia non fece altro che tesfor him1. The proud Spanish guitar maker must have sere le lodi di un giovane costruttore svizzero che 1 been hurt by this behaviour. He must also have been stava lavorando per lui . Lorgoglioso liutaio spastruck by the discovery that his instrument of 1912 now gnolo deve esser stato ferito da questo comportabore German machine heads: this was indicative of the mento. Ugualmente deve averlo colpito il notare che fact that Segovia had already begun to collaborate with il suo strumento del 1912 portava ora un tipo di Hauser, who had studied and analysed in great detail meccaniche tedesche: ci era indicativo del gi inievery aspect of the Manuel Ramrez/Hernndez of ziato rapporto tra Segovia e Hauser, che della 1912. (Hernndez guarded his knowledge of guitar Manuel Ramrez/Hernndez del 1912 aveva minumaking jealously, to the point of employing extremely ziosamente studiato ed analizzato ogni cosa. young assistants and changing them when he felt their Hernndez era molto geloso delle sue conoscenze, al experience was bringing them too close to his secrets of punto di servirsi di assistenti molto giovani e camconstruction.) The rupture was definitive: the guitar biarli nel momento in cui la loro esperienza poteva intended for Segovia remained in Hernndezs workavvicinarli troppo ai suoi segreti costruttivi. La rotshop for the rest of his life. It was seen and tried by all tura fu definitiva: per tutta la vita, Hernndez except Segovia, and was given a name by its maker that tenne nel suo laboratorio la chitarra originariamensays it all: La Indita, the unpublished. te destinata a Segovia. Essa fu vista e provata da Santos Hernndez used to christen the instruments tutti meno che da Segovia, e lautore le diede un he kept for himself. The very simple flamenco guitar picnome che dice tutto: La Indita. tured here was built in 1903, that is, in the years in Santos Hernndez era solito battezzare gli which the young Santos had not yet acquired his own strumenti che teneva per se stesso. La semplicissiworkshop. The guitar maker called it El Bonbon; like ma chitarra flamenca che qui riportata fu costrui-

114
2001-2004 officina del libro. All rights reserved.

1930

GUITARRAS FLAMENCAS DE SANTOS HERNNDEZ

1935

Emblematiche chitarre da flamenco di Santos Hernndez, perfettamente rispondenti a tutte quelle caratteristiche costruttive che a Madrid vennero sancite per distinguere una chitarra da flamenco da una chitarra classica. Esteriormente parlando, si possono brevemente riassumere nell'uso del cipresso per fondo e fasce, ornamentazioni molto leggere, rosetta semplice ma efficace nella vista da lontano, golpeador, paletta con i piroli. Anche costruttivamente sono chitarre molto leggere, con una emissione del suono molto spontanea ed immediata, tesa pi alla ricerca della efficacia gestuale del flamenco che ad una ricerca timbrica ed espressiva. Rimane comunque una distinzione molto relativa, fatta pi per rispondenza a canoni teorici che per una effettiva diversit nelle potenzialit musicali assolute.

120
2001-2004 officina del libro. All rights reserved.

0 18

Antonio de Torres 1859


120 x 25 x h. 2,5

46

100

98

100

147

Sesta corda Sixth string 1,7 1,7 1,7

Prima corda First string

1,5

1,5

1,3
168 x h. 26 166 378

1,3

153

169

1,3
120

1,3
121

61

451

64

1,2
25 35

1,2

Abbiamo pensato di presentare alcuni progetti relativi a importanti strumenti storici inclusi in questo libro. La loro presenza innanzitutto rivolta al pubblico pi strettamente coinvolto con la costruzione della chitarra, ma nondimeno intende offrire motivo d'interesse anche alla curiosit del semplice amatore. I disegni presentati in queste due pagine (a cui si aggiunge quello della Torres 1862 di cartone a pag. XIII) sono stati ricavati direttamente dagli strumenti a cui fanno riferimento. I rilievi sono stati presi usando la capacit dell'abete di essere trasparente alla luce, non essendosi verificata l'occasione di poter accedere all'interno dello strumento, come pu accadere in alcuni casi di restauro. Il metodo comunque di buona precisione. I disegni intendono essere il pi possibile rispondenti alla realt dello strumento: si cercato cio di non correggere eventuali discrepanze tra l'operato del liutaio e l'originario progetto disegnato dal liutaio stesso (quale per esempio pu essere una catena che slitta leggermente durante l'incollaggio dal suo riferimento disegnato a matita). Questo per rimanere in un campo di oggettivit senza voler aprire spazi ad interpretazioni comunque personali. Sono disegni in scala, e sono anche riportati vari spessori del piano armonico.

158
2001-2004 officina del libro. All rights reserved.

GARCA 1906
sensazioni simili a quelle che proviamo di fronte al legno dei mobili cinquecenteschi. In tutto lo strumento non rimane parte che non riporti unevidente usura: tutto impregnato dalluso e dal tempo, eppure tutto ancora vivo e funzionale, seducente nella sua giovanile vetust, e ben lontano dal divenire monumento di se stesso. feelings similar to those we experience when studying the wood of sixteenth-century furniture. There is not a single part of the instrument that does not show signs of wear. Everything is permeated by use and by time, and yet everything is still alive and functional, seductive in its youthful old age, and a long way from becoming a monument to itself.

GARCA/SIMPLICIO 1925 n. 43

Chitarra costruita da Simplicio GARCA/SIMPLICIO 1925 n. 43 A guitar built by Simplicio still ancora con letichetta di Garusing the label of Garca, who ca, morto tre anni prima. Il piano armonico in had died three years earlier. The soundboard is made abete, tagliato a libro, venatura di media larghezza, of book-matched spruce, of medium grain, with a con una parte pi fitta al centro del piano armonico. more densely grained area at the centre. The purfling Il filetto del piano armonico presenta un colorato of the soundboard features a coloured mosaic, also mosaico, riportato anche nella rosetta, che ritroveused in the rosette, which we will find in exactly the remo identico cinque anni pi tardi nella chitarra a same form in the guitar with two soundholes of five due buche. Il mosaico centrale della rosetta sembra years later. The central mosaic of the rosette looks il negativo fotografico di quello della chitarra del like the photographic negative of the one in the gui1926, che molto simile anche nel disegno. Il pontar of 1926, which is also of a very similar design. ticello in palissandro Brasiliano, la cordiera decoThe bridge is made of Brazilian rosewood, the cordal rata da un intarsio in madreperla e dal mosaico preblock decorated with mother-of-pearl inlay and with sente sul filetto del piano armonico. Fondo e fasce the mosaic of the purfling of the soundboard. The sono in palissandro Brasiliano, tagliato a libro, di back and ribs are made of book-matched Brazilian colore molto scuro con delle evidenti venature, rosewood, very dark in colour and with a marked ornati con filetti asimmetrici a mezza spina di grain, and are decorated with asymmetric purfling pesce. Il manico in mogano, e la paletta, con un composed of a half-herringbone pattern. The neck is disegno leggermente diverso dallabituale di Simplicio, porta made of mahogany, and the head, slightly different in form sulla faccia anteriore il consueto rivestimento debano intafrom the one normally used by Simplicio, has the usual covergliato, elemento praticamente imprescindibile nelle chitarre ing of carved ebony on the front, a feature that is nearly always del grande liutaio. present in the instruments of this guitar maker.

SIMPLICIO 1926 n. 75

}
1,7 1,7 1,4 76Hz 176Hz 1,200 646 275 233 360 487 179 91 95 73 50 60 82 138 pag. 68 1,8 2 1,7 79Hz 166Hz 1,480 645 283 245 367 478 495 93 98 82 51 60 84 129 pag. 73 1,8 2,2 1,8 82Hz 171Hz 1,360 648 279 242 363 479 181 94 99 78 51 60 85 127 pag. 76

} }
}

FRANCISCO SIMPLICIO 1926 n. 75


Piano armonico in abete tagliato a libro, di venatura molto fitta e regolare, che si allarga verso lesterno della forma. Le decorazioni sono pi normali, in confronto alla sontuosit per cui Simplicio va giustamente famoso, questo strumento facendo parte di una linea produttiva di chitarre pi economiche. La rosetta monta un mosaico che sar motivo dispirazione per molti liutai successivi. Il ponte in palissandro ha la cordiera ornata da un intarsio in madreperla, dal disegno usuale nelle chitarre di Simplicio, ma che racchiude un intarsio in legno pi semplice. Fondo e fasce sono in acero, tagliato a libro, moderatamente marezzato. Il manico in mogano e monta una paletta dal disegno trilobato, rivestita di palissandro. Meccaniche in ottone con le chiavette in osso. Le condizioni dello strumento sono buone: si presenta con un aspetto piacevolmente vissuto, con gli inevitabili segni dellusura dovuti ad un uso intenso. The soundboard is made of book-matched spruce, of a very dense and regular grain, which becomes broader towards the outside of the body. The decoration is more normal by comparison with the sumptuousness for which Simplicio is justly famous, this being one of a line of less costly guitars. The rosette features a mosaic that was to be a source of inspiration for many later guitar makers. The rosewood bridge has a cordal block decorated with mother-of-pearl inlay; this uses the design that is characteristic in Simplicios guitars but encloses a simpler wood inlay. The back and ribs are made of book-matched maple, moderately veined. The neck is made of mahogany, terminating in a three-lobed head covered in rosewood. The machine heads are made of brass with the knobs in bone. The instrument is in good condition, having a pleasantly worn appearance, with the inevitable signs of wear that result from intensive use.

}
}

191
2001-2004 officina del libro. All rights reserved.

Potrebbero piacerti anche